Cosa può causare gonfiore vaginale?

Il gonfiore vaginale può essere preoccupante e scomodo, ma raramente indica una malattia grave.

Le persone con gonfiore vaginale spesso presumono di avere un’infezione da lievito, ma questa è solo una delle molte possibilità. Il gonfiore vaginale può essere causato da allergie, infezioni trasmesse sessualmente (STI), cisti o rapporti sessuali difficili. Il trattamento dipenderà dalla causa.

Chiunque abbia esperienza di gonfiore vaginale dovrebbe cercare segni di infezione e consultare un medico per una diagnosi e un trattamento.

Le cause

Qui ci sono 14 possibili cause di gonfiore vaginale, insieme a possibili opzioni di trattamento.

1. Allergia

vagi

Una reazione allergica a determinate sostanze può causare il gonfiamento della vagina.

Una reazione allergica può causare il gonfiamento della vagina. La vagina è una parte sensibile del corpo e può reagire a qualsiasi numero di ingredienti trovati in prodotti per la cura personale come:

  • saponi
  • lubrificanti
  • lavaggi e doppi vaginali
  • tamponi e assorbenti
  • contraccettivi vaginali
  • creme e lozioni per il corpo
  • preservativi in ​​lattice

Il gonfiore può apparire in risposta a un nuovo prodotto, ma un prodotto a cui il corpo è abituato può anche causare una reazione allergica. Se una persona sospetta di essere allergica a un determinato prodotto, potrebbe essere una buona idea smettere di usarla e consultare un dermatologo.

2. Irritazione

Anche se non è presente un’allergia, il corpo può reagire negativamente quando entra in contatto con prodotti specifici. Anche gli ingredienti chimici più popolari e più usati possono causare gonfiore vaginale.

Le fragranze chimiche sono spesso da biasimare. Possono essere trovati in molti prodotti che entrano in contatto con la vagina, tra cui:

  • detersivo per il bucato
  • profumi
  • carta igienica
  • lava il corpo
  • bombe da bagno e saponi

Alcuni tipi di tessuto possono anche causare irritazione e gonfiore vaginale. La biancheria intima in pizzo o poliestere, in particolare, può irritare la pelle.

A volte, il taglio della biancheria intima è responsabile del gonfiore. Thin thongs o G-string non possono coprire completamente le labbra, che possono causare attriti inutili nella zona durante il giorno che possono portare a gonfiore.

È importante identificare ed evitare sostanze irritanti. Se una persona smette di usare un prodotto specifico e il gonfiore cala, potrebbe aver trovato il colpevole.

Chiunque non sia in grado di identificare la causa del gonfiore vaginale dovrebbe visitare un medico o un dermatologo.

3. Rapporti difficili

I rapporti sessuali possono far gonfiare la vagina. Se la vagina non è sufficientemente lubrificata, l’attrito aggiunto può causare disagio o dolore durante il sesso e gonfiore della vagina dopo il sesso.

I rapporti duri possono anche strappare i tessuti vaginali, mettendo una persona a più alto rischio di infezione.

Se una persona sospetta che il rapporto sessuale abbia causato gonfiore vaginale, potrebbe volere trascorrere più tempo ad iniziare i preliminari o usare un lubrificante per ridurre l’attrito.

Un antidolorifico da banco o un antiinfiammatorio non steroideo ( NSAID ) può essere d’aiuto se il gonfiore causa dolore.

4. Le cisti dei dotti di Gartner

Un condotto che si forma nei feti quando gli organi urinari e sessuali si stanno sviluppando di solito scompare dopo la nascita. Se parte di questo condotto rimane, è noto come condotto di Gartner. Il tessuto rimanente può attaccarsi alla parete vaginale e svilupparsi in una cisti.

Le cisti dei dotti di Gartner tendono ad essere innocue, ma possono diventare problematiche quando crescono. La cisti del condotto di Gartner può essere infettata o causare dolore e gonfiore nella vagina.

In alcuni casi, la cisti apparirà come una crescita all’esterno della vagina.

La chirurgia è spesso necessaria per rimuovere una fastidiosa cisti del condotto di Gartner. Una volta che la cisti è sparita, i sintomi dovrebbero diminuire.

5. Le cisti di Bartolini

Le ghiandole di Bartolini sono su entrambi i lati dell’apertura vaginale. Secernono umidità e aiutano a fornire lubrificazione.

Una cisti su una di queste ghiandole può passare inosservata fino a quando non viene infettata, a quel punto si può formare un ascesso. Inoltre, la pelle intorno alla vagina può diventare infiammata e dolorosa. In alcuni casi, può verificarsi una sensazione di bruciore o sanguinamento.

Se la cisti o l’ascesso è piccolo, può scaricarsi da solo. Un bagno caldo e poco profondo può aiutare ad alleviare il dolore e i farmaci da banco possono ridurre il dolore e il gonfiore.

Nei casi più gravi, un medico può raccomandare antibiotici , drenaggio chirurgico o rimozione della cisti.

6. Cellulite

La cellulite è un’infezione batterica degli strati interni della pelle che può causare gonfiore, arrossamento e tenerezza della pelle. Una persona può sviluppare cellulite quando i batteri entrano in un taglio, come quello sostenuto durante la rasatura dell’area pubica.

Pulire un taglio regolarmente può aiutare a combattere l’infezione. In alcuni casi, un medico raccomanderà antibiotici.

7. vaginosi batterica

vagi2

Gli antibiotici sono generalmente prescritti per il trattamento della vaginosi batterica.

Una crescita eccessiva di batteri nocivi nella vagina può portare a vaginosi. I sintomi possono includere gonfiore e uno scarico grigiastro con un cattivo odore.

Molti casi si risolvono da soli, ma un medico può raccomandare antibiotici per accelerare la guarigione.

Pulire regolarmente la zona vaginale ed evitare potenziali irritanti può aiutare a prevenire la vaginosi batterica .

Potrebbe anche essere una buona idea evitare prodotti come i douches, che interrompono l’equilibrio batterico nella vagina.

8. Infezione di lievito

Un’infezione da lievito è causata da una crescita eccessiva delle specie fungine Candida . Può causare gonfiore vaginale e altri sintomi possono includere:

  • ardente
  • dolore durante il sesso e la minzione
  • rossore
  • scarico denso e grosso
  • pelle irritata

Le infezioni da lieviti sono trattate con farmaci antifungini. Tuttavia, è una buona idea vedere un medico per una diagnosi perché altre condizioni hanno sintomi simili.

Alcune di queste infezioni possono causare l’ infiammazione della cervice, che si chiama cervicite. I sintomi della cervicite possono includere dolore durante il rapporto sessuale, sanguinamento tra i periodi e dimissione anormale.

Di seguito sono riportate alcune infezioni sessualmente trasmissibili che possono causare gonfiore vaginale.

  • Chlamydia : questo può danneggiare seriamente il sistema riproduttivo di una donna e può anche portare a minzione dolorosa e scarico insolito.
  • Gonorrea : i sintomi nelle donne sono spesso lievi e facilmente confondibili con quelli di un’infezione del tratto urinario o della vescica. Altri sintomi includono sanguinamento tra i periodi e aumento della dimissione.
  • Tricomoniasi : questo è causato da un parassita e potrebbe non avere sintomi. Quando compaiono, i sintomi possono includere prurito, dolore, dolore durante la minzione e cambiamenti nella scarica.

Chiunque sospetti di avere una STI dovrebbe consultare un medico.

10. Herpes genitale

Il virus dell’herpes simplex spesso fa apparire vicino alla vagina grappoli di minuscole vescicole dolorose. Questi possono scoppiare e diventare piaghe dolorose.

Mentre alcune persone non avvertono alcun sintomo, altri scoprono che gonfiore, dolore e dolori muscolari accompagnano queste piaghe.

Attualmente non esiste una cura per l’herpes genitale, ma i farmaci prescritti possono ridurre o prevenire i focolai.

11. Edema

Il termine edema descrive una raccolta di acqua o fluidi nel corpo. L’edema nella vagina è solitamente causato da linfonodi o vene che non riescono a drenare.

Condizioni che ingrandiscono l’utero o mettono pressione sulle vene del bacino, come i fibromi uterini o la gravidanza, possono causare la formazione di edema.

Un medico deve identificare la causa dell’edema per trattarlo. Massaggiare delicatamente l’area può aiutare a ridurre il gonfiore in alcuni casi, ma questo dovrebbe essere fatto sotto la guida di un medico.

12. Gravidanza

vagi3

Un feto in via di sviluppo può esercitare pressione sui vasi sanguigni e sui muscoli, causando un gonfiore vaginale.

La gravidanza può anche causare il gonfiamento della vagina.

Man mano che il feto cresce, può esercitare pressione sul bacino e sui muscoli e vasi sanguigni vicini.

Questa pressione può causare infiammazione e influire sul ritorno di sangue e liquido dal sistema linfatico, che può portare a gonfiore.

Chiunque soffra di gonfiore vaginale durante la gravidanza dovrebbe consultare un medico in merito a farmaci sicuri.

13. Assalto sessuale

Lesioni da stupro o violenza sessuale possono anche causare gonfiore e sanguinamento vaginale, nonché dolore pelvico.

Le risorse sono disponibili per le persone che sono state costrette ad attività sessuali. Organizzazioni come la Rete nazionale di violenza, abuso e incesto (RAINN) negli Stati Uniti offrono assistenza gratuita e confidenziale. La linea diretta 24 ore dell’organizzazione collega anche i chiamanti con servizi locali che possono aiutare. Il numero della hotline RAINN è 800-656-HOPE (4673).

Le persone che hanno subito uno stupro o un abuso sessuale dovrebbero prendere in considerazione l’idea di visitare un medico per discutere le opzioni e ricevere le cure necessarie.

14. Oggetti estranei nella vagina

Quando il corpo cerca di espellere un oggetto estraneo alloggiato nella vagina, i sintomi possono includere:

  • dolore
  • gonfiore
  • pizzicore
  • irritazione
  • febbre
  • scarico fallo

In alcuni casi, un medico potrebbe dover rimuovere un oggetto estraneo.

Pulire regolarmente la vagina può impedire che gli oggetti rimangano bloccati in essa.

Quando vedere un dottore

Il gonfiore della vagina non è solitamente il risultato di una grave condizione medica. Chiunque sia incerto sulla causa dovrebbe visitare un medico.

Cercare una diagnosi professionale se sono presenti i seguenti sintomi:

  • segni di infezione, come febbre o brividi
  • sintomi dolorosi o insopportabili
  • sintomi persistenti

Chiunque sospetti di avere una STI dovrebbe consultare un medico.

Per scoprire la causa del gonfiore vaginale, un medico può eseguire un esame fisico o un esame del sangue. Molti farmaci sono disponibili per il trattamento del gonfiore vaginale e la maggior parte delle incidenze può essere trattata rapidamente ed efficacemente.

Annunci

L’antibiotico TEIXOBACTIN può uccidere i superbatteri

Un nuovo studio, pubblicato sul Journal of Medicinal Chemistry , offre la prima prova che una nuova forma sintetica dell’antibiotico teixobactin può neutralizzare i batteri resistenti ai farmaci.
teixobactin

Gli scienziati potrebbero avvicinarsi a una nuova era di antibiotici.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) affermano che la resistenza agli antibiotici è “uno dei problemi di salute pubblica più pressanti al mondo”.

Solo in Italia  si crede che 1 milioni di persone siano infettate da batteri resistenti ai farmaci ogni anno e più di 9.000 individui muoiono di conseguenza.

La minaccia di agenti patogeni resistenti agli antibiotici è particolarmente elevata nelle strutture sanitarie.

Infatti, un rapporto del CDC del 2016 mostra che 1 su 4 infezioni associate all’assistenza sanitaria che si verificano durante l’assistenza a lungo termine sono causate da uno dei seguenti sei batteri resistenti ai farmaci:

  • Enterobacteriaceae resistenti al carbapenem
  • Staphylococcus aureus resistente alla meticillina ( MRSA )
  • Enterobacteriaceae che producono ESBL
  • Enterococco resistente alla vancomicina (VRE)
  • Multi-resistente Pseudomonas aeruginosa
  • Multi-resistente Acinetobacter

Tre anni fa, gli scienziati hanno scoperto che un antibiotico naturale chiamato teixobactin potrebbe avere il potenziale per uccidere MRSA e VRE.

Ora, un team di ricercatori ha creato, per la prima volta, una versione sintetica del farmaco, che è stato usato con successo per trattare un’infezione nei topi.

Il nuovo antibiotico è stato chiamato “cambio di gioco” e le scoperte potrebbero “portare alla prima nuova classe di antibiotico in 30 anni”.

Ishwar Singh, uno specialista in design di farmaci e docente di chimica biologica presso la School of Pharmacy dell’Università del Lincoln, nel Regno Unito, è l’autore corrispondente del nuovo studio.

Il nuovo farmaco cancella l’infezione nei topi

Singh e colleghi hanno studiato la struttura di teixobactin e hanno trovato degli amminoacidi chiave che, una volta sostituiti, hanno reso l’antibiotico più facile da replicare in 10 analoghi sintetici.

Il team ha poi testato queste versioni sintetiche in vitro. “Questi [analoghi]”, scrivono gli autori, “hanno mostrato attività antibatteriche molto potenti contro Staphylococcus aureus, MRSA e [VRE].”

Inoltre, uno di questi analoghi è risultato essere non tossico sia in vitro che in vivo, riportano gli scienziati.

Ulteriori test in modelli murini – eseguiti da un team presso il Singapore Eye Research Institute di Bukit Merah – hanno rivelato che uno degli analoghi ha trattato con successo un caso di cheratite da Staphylococcus aureus .

Nello specifico, l’uso della droga sintetica “ha ridotto la carica batterica [di oltre il 99 percento] e l’ edema corneale in modo significativo rispetto alle cornee di topo non trattate”.

I ricercatori scrivono: “Collettivamente, i nostri risultati hanno stabilito l’alto potenziale terapeutico di un teixobactin [analogo] nell’attenuare le infezioni batteriche e la gravità associata in vivo.”

‘Un salto quantico’ per nuovi antibiotici

Singh spiega il significato dei risultati, dicendo: “Quando la teixobactin è stata scoperta, era rivoluzionaria di per sé come un nuovo antibiotico che uccide i batteri senza resistenza rilevabile tra cui superbatteri come l’MRSA, ma la teixobactina naturale non è stata creata per uso umano.”

“Rimane una quantità significativa di lavoro”, continua Singh, “nello sviluppo di teixobactin come antibiotico terapeutico per uso umano”, aggiungendo che “siamo probabilmente a circa sei-dieci anni di distanza da un farmaco che i medici possono prescrivere ai pazienti”.

Tuttavia, “questo è un vero passo nella giusta direzione e ora apre la porta per migliorare i nostri [analogici] in vivo”, dice.

Tradurre il nostro successo con queste versioni sintetiche semplificate dalle provette ai casi reali è un salto quantico nello sviluppo di nuovi antibiotici e ci avvicina alla realizzazione del potenziale terapeutico delle teixobactin semplificate.”

Ishwar Singh

“I farmaci che mirano al meccanismo fondamentale della sopravvivenza batterica e riducono anche le risposte infiammatorie dell’ospite sono il bisogno dell’ora”, conclude il coautore dello studio Rajamani Lakshminarayanan, del Singapore Eye Research Institute.

Come si fa a eliminare l’alito di aglio o cipolla?

Aglio e cipolla aggiungono sapore ai pasti e possono fornire benefici per la salute. Sfortunatamente, entrambi possono anche causare alitosi, noti come alitosi, soprattutto se mangiati crudi.

L’odore caratteristico è causato da sostanze chimiche contenenti zolfo in aglio e cipolla . L’odore può indugiare sul respiro di una persona per ore e persino durante la notte, il che scoraggia alcune persone dal mangiare queste verdure.

Fortunatamente, molti rimedi casalinghi possono prevenire o eliminare l’ alitosi . Di seguito, descriviamo 12 metodi semplici.

Dodici modi per sbarazzarsi dell’odore

alito

Alcuni rimedi casalinghi possono aiutare a prevenire l’alitosi associato al consumo di aglio e cipolla.

Non c’è bisogno di rinunciare al gusto e ai benefici per la salute dell’aglio e delle cipolle. Prova i seguenti suggerimenti per evitare l’alito cattivo associato a queste verdure.

1. Bere acqua

L’acqua potabile dopo i pasti può lavare i resti di aglio o cipolla dalla lingua o tra i denti.

Stimola anche la produzione di saliva, che aiuta a rimuovere alcuni dei batteri che producono gli odori dalla bocca.

2. Spazzola e filo interdentale

I batteri che contribuiscono all’alitosi si trovano di solito nella placca sui denti e sotto la linea di gomma.

Spazzolare i denti e usare il filo interdentale dopo i pasti può ridurre significativamente il numero di batteri in bocca ed eliminare altre cause di alitosi, tra cui placca e particelle di cibo.

3. Utilizzare un raschietto per lingua

Una persona trascurerà spesso di spazzolare la lingua e il tetto della bocca, e il dorso della lingua è il luogo ideale dove raccogliere i batteri. Un individuo può anche notare un film bianco che si forma sulla lingua.

L’uso quotidiano di un raschietto o spazzolino può rimuovere cellule morte, microbi e minuscole particelle di cibo. Continuare a raschiare finché non rimangono residui sul raschietto.

4. Risciacquare con un collutorio

Un collutorio dall’odore forte, come quello contenente menta piperita, può coprire l’odore di aglio o cipolle nel respiro.

Alcune ricerche suggeriscono che l’uso di un collutorio contenente diossido di cloro è particolarmente efficace nel rimuovere la placca, i batteri e le minuscole particelle di cibo.

5. Mangia frutta e verdura fresca

Mangiare prodotti freschi con o dopo i pasti può coprire gli odori di aglio e cipolla.

In uno studio , i ricercatori hanno riferito che il consumo di mela cruda o di lattuga cruda riduceva significativamente l’odore di aglio nel respiro.

6. Mangiare foglie di erba

Masticare il prezzemolo dopo aver mangiato è un rimedio antichissimo per l’alito all’aglio o alla cipolla. Questa erba deterge il palato e maschera gli odori sgradevoli.

Le foglie di menta hanno anche dimostrato di ridurre significativamente l’alito dell’aglio.

7. Prova aceto di sidro di mele

Alcune persone riferiscono che bevendo un cucchiaio di aceto di mele in acqua prima o dopo i pasti si elimina l’alito di aglio o cipolla.

Tuttavia, questo non è un metodo approvato dal punto di vista medico. Una persona dovrebbe sempre verificare con il proprio medico prima di utilizzare l’aceto di sidro di mele come rimedio domestico.

8. Avere una tazza di tè verde

Sorseggiare del tè verde dopo aver mangiato può aiutare a coprire i forti odori. Uno studio ha suggerito che il tè verde eliminava l’alito cattivo in modo più efficace rispetto a zecche, chewing gum o un prodotto contenente olio di prezzemolo.

Il tè verde può avere ulteriori benefici per la salute orale. Un altro studio ha scoperto che un collutorio contenente catechine, che sono composti utili nel tè verde, è stato in grado di ridurre la placca con la stessa efficacia del collutorio antisettico.

9. Chewing gum

Gomma da masticare con un sapore di menta può mascherare gli odori sgradevoli in movimento. Stimola anche la produzione di saliva, che può aiutare a lavare via i batteri e le particelle di cibo.

Inoltre, secondo l’ American Dental Association , una persona che mastica gomma senza zucchero per 20 minuti dopo un pasto può ridurre il rischio di carie.

alito2

Il latte intero può ridurre l’odore causato dall’aglio.

10. Bevi latte

Bere un bicchiere di latte con o dopo un pasto pesante all’aglio può ridurre la concentrazione di composti nella bocca che contengono zolfo e causare cattivo odore.

La ricerca ha dimostrato che il latte intero è migliore nel ridurre l’odore rispetto al latte senza grassi.

11. Bere acqua di limone

Il succo di limone può aiutare a neutralizzare l’odore delle cipolle o dell’aglio nel respiro. Prova ad aggiungere una spremuta di succo di limone fresco (circa 1 cucchiaio) a un bicchiere d’acqua e berlo dopo un pasto ricco di cipolle o aglio.

12. Rimuovere il nucleo dell’aglio

Quando si prepara un pasto, è possibile ridurre il rischio di sviluppare l’alito dell’aglio. Tagliare a metà gli spicchi d’aglio e togliere il gambo dal centro del bulbo prima di aggiungere il bulbo al piatto.

Perché l’aglio e le cipolle causano l’alitosi?

Alcuni composti in cipolle, aglio o entrambi possono essere responsabili dell’alitosi e persino dell’odore corporeo . Questi includono:

  • Allicina . Quando l’interno di un bulbo di aglio viene esposto all’aria, una sostanza chiamata alliina si trasforma in allicina, che quindi si trasforma in numerosi composti contenenti zolfo che danno all’aglio il suo odore.
  • Allil metil solfuro . Questo composto viene rilasciato da aglio e cipolle quando vengono tagliate. Una volta mangiato, la sostanza viene assorbita nel flusso sanguigno ed emessa attraverso i polmoni e i pori della pelle.
  • Cysteine ​​sulfoxide . Questo composto solforico in aglio e cipolle provoca un odore sgradevole sul respiro quasi immediatamente dopo che le verdure sono mangiate.

Sommario

Mentre l’alitosi causata da aglio o cipolle spesso non dura a lungo, ci sono diversi modi per liberarsene. Praticare un’igiene orale adeguata, bere tè verde o latte, mangiare prodotti freschi e mascherare l’odore può aiutare.

Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra, quindi prova alcuni rimedi diversi per determinare qual è il modo migliore per eliminare l’alito di aglio o cipolla.

Il bicarbonato di sodio può curare le infezioni del tratto Urinario? Farmajet news

Molti rimedi casalinghi pretendono di sbarazzarsi delle infezioni del tratto urinario ma, spesso, non ci sono ricerche per sostenerli. Quindi, è vero che il bicarbonato di sodio può aiutare a trattare queste condizioni?

Un’infezione del tratto urinario (UTI) è un’infezione in qualsiasi parte del tratto urinario, tra cui la vescica, uretra, ureteri e reni. Le UTI sono tra le infezioni più comuni trattate nei pronto soccorso.

Alcune persone presentano UTI ricorrenti, che li spingono a cercare alternative ai farmaci antibiotici. Bere una piccola quantità di bicarbonato di sodio, o bicarbonato di sodio, mescolato con acqua è un rimedio a casa che alcune persone hanno provato per UTI.

Ma c’è poca ricerca sull’efficacia del bicarbonato di sodio per le UTI, e potrebbe non essere sicuro da usare per tutti. Continuate a leggere per saperne di più su questo rimedio, altri rimedi casalinghi e trattamenti medici per sbarazzarsi di UTIs.

Prendendo il bicarbonato di sodio per un UTI

bicarb

Il bicarbonato di sodio può neutralizzare l’acido nelle urine. Tuttavia, questo trattamento potrebbe rappresentare un rischio significativo per la salute se usato in modo errato.

Si dice che il bicarbonato di sodio neutralizzi l’acido nelle urine, che presumibilmente riduce i sintomi di un UTI e permette al corpo di combattere i batteri che causano l’infezione.

Le persone che sostengono questo rimedio affermano anche che il bicarbonato di sodio può impedire all’infezione di diffondersi ai reni.

Ma ci sono poche prove che suggeriscono che il bicarbonato di sodio può curare un UTI, anche se alcune persone potrebbero segnalare che riduce il loro disagio e l’urgenza.

È sicuro?

Le persone devono ricordare che il bicarbonato di sodio può essere molto dannoso se assunto in modo errato. Inoltre, la ricerca non supporta l’uso del bicarbonato di sodio come trattamento efficace per le infezioni del tratto urinario.

Il California Poison Control System riportò su 192 casi di abuso di bicarbonato di sodio, e quasi il 5% di questi erano legati a persone che stavano cercando di trattare un UTI.

La maggior parte delle persone in questo studio ha richiesto cure mediche dopo aver provato a usare il bicarbonato di sodio. Alcune delle complicazioni riscontrate includevano gravi squilibri elettrolitici e acidi o di base e depressione respiratoria .

Inoltre, i ricercatori di questo studio avvertono che l’uso del bicarbonato di sodio come rimedio casalingo può indurre le persone a ritardare le cure mediche, il che può portare a un peggioramento dei sintomi e ad ulteriori complicazioni.

Le complicazioni legate all’assunzione di troppo bicarbonato includono:

  • diarrea
  • nausea
  • mal di stomaco
  • vomito
  • convulsioni
  • coma
  • Morte

Altri rimedi casalinghi per UTI

bicarb2

Bere molta acqua è raccomandato per le persone con una UTI.

Alcune persone amano provare i rimedi casalinghi per trattare le infezioni del tratto urinario, probabilmente a causa delle crescenti preoccupazioni per i batteri resistenti agli antibiotici, oltre alle preoccupazioni sulle reazioni avverse causate dagli antibiotici.

Mentre i rimedi casalinghi possono funzionare per alcune persone, altri dovranno usare trattamenti medici in combinazione con alcuni dei metodi aggiuntivi elencati di seguito.

Possibili rimedi casalinghi aggiuntivi per le UTI includono:

Cambiamenti nella dieta

Una persona con una UTI dovrebbe bere molta acqua. Questo diluisce l’urina, rendendola meno acida, mentre aiuta anche a scovare i batteri dal tratto urinario.

Diversi alimenti e bevande possono irritare una vescica sensibile e le persone dovrebbero evitare questi se hanno una UTI. Alcuni dei peggiori includono:

  • alcool
  • caffeina
  • agrume
  • bibite gassate
  • spezie

Succo di mirtillo

Il succo di mirtillo è un rimedio domestico popolare per l’UTI. L’ingestione di succo di mirtillo ha dimostrato di abbassare l’acidità delle urine.

Tuttavia, diversi test clinici hanno testato il succo di mirtillo per la prevenzione delle UTI, ma i risultati sono inconcludenti e gli studi hanno diversi limiti.

Tuttavia, alcune persone trovano sollievo dai loro sintomi dopo aver bevuto succo di mirtillo. Dovrebbero scegliere un succo senza zucchero dove possibile, e smettere di bere se provoca diarrea o mal di stomaco .

Il succo di mirtillo dovrebbe essere evitato da persone che assumono farmaci che fluidificano il sangue, come il warfarin.

Oli essenziali

Gli oli essenziali possono aiutare a trattare alcuni tipi di infezioni batteriche.

Ad esempio, uno studio suggerisce che l’olio di citronella può combattere diversi patogeni comuni, tra cui l’ Escherichia coli ( E. coli ), che è il batterio responsabile della maggior parte delle infezioni del tratto urinario.

Si consiglia alle persone di parlare con un medico prima di utilizzare olii essenziali per il trattamento di una UTI.

È essenziale ricordare che gli oli essenziali non devono essere ingeriti. Devono essere inalati attraverso un diffusore, o applicati sulla pelle in una forma diluita, usando un olio vettore.

Il trattamento di prima linea per un UTI è un farmaco antibiotico. Questo può essere usato insieme ai rimedi casalinghi per curare i sintomi o curare l’infezione.

antibiotici

Il tipo di antibiotici prescritti da un medico varierà a seconda dei batteri presenti nelle urine e della storia clinica e dello stato di salute dell’individuo.

Per una UTI semplice, possono essere usati i seguenti antibiotici:

  • Ceftriaxone (Rocephin)
  • Cephalexin (Keflex)
  • Fosfomycin (Monurol)
  • Nitrofurantoina (Macrodantin, Macrobid)
  • Sulfametossazolo / trimetoprim (Bactrim, Sulfatrim)

Nella maggior parte dei casi, le persone vedranno i loro sintomi migliorare entro pochi giorni e l’infezione si risolve in una settimana circa.

Infezioni frequenti o complicate possono richiedere diversi tipi di trattamento. Spesso, un medico suggerirà:

  • antibiotici a basso dosaggio per 6 mesi o più
  • antibiotici monodose dopo l’attività sessuale se le infezioni sono causate da rapporti sessuali
  • terapia estrogenica vaginale per donne in postmenopausa

L’ospedalizzazione e il trattamento con antibiotici per via endovenosa sono talvolta necessari per le UTI gravi. In tutti i casi, le persone devono finire tutti i farmaci, come prescritto.

Farmaci da banco

Se il dolore e il disagio di un UTI stanno interferendo con la qualità della vita e le attività quotidiane di una persona, un medico può raccomandare un farmaco chiamato fenazopiridina (Baridium, Pyridium) da utilizzare insieme ad altri trattamenti.

Questo farmaco cambierà spesso il colore dell’urina di una persona in arancione brillante o rosso e può macchiare la biancheria intima. Potrebbe anche causare la decolorazione delle lenti a contatto.

La fenazopiridina è un farmaco antidolorifico che intorpidisce la vescica e l’uretra in modo che la minzione diventi meno dolorosa. Tuttavia, non cura l’UTI ma allevia i sintomi.

Prevenzione

bicarb3

Prevenire le UTI può essere possibile cambiando i metodi di controllo delle nascite.

Le persone che sono a rischio di UTI possono prendere certe misure per impedire che si sviluppino in prima istanza.

Facendo quanto segue, un individuo può aiutare a prevenire un’infezione del tratto urinario:

  • evitare l’uso di sapone, dosi vaginali e altri prodotti per l’igiene femminile nell’area genitale
  • considerare la possibilità di cambiare imetodi di controllo delle nascite , perché i diaframmi e i preservativi trattati con spermicidi possono causare una crescita batterica
  • evitare di tenere l’urina nella vescica più a lungo del necessario
  • rimanere idratati bevendo molta acqua
  • fai una doccia invece di un bagno
  • urinare prima e dopo i rapporti sessuali
  • asciugare e lavare bene dopo il rapporto

Per le donne, è anche consigliabile pulire da davanti a dietro dopo essere andati in bagno, per evitare che i batteri si diffondano dall’ano alla vagina e all’uretra.

Complicazioni di UTI non trattate

Le UTI raramente causano complicazioni se diagnosticate tempestivamente e trattate in modo appropriato.

Tuttavia, le UTI non trattate possono portare a quanto segue:

  • danno renale permanente
  • UTI ricorrenti, specialmente nelle donne
  • rischio di basso peso alla nascita o neonati prematuri in donne in gravidanza
  • sepsi , una condizione potenzialmente pericolosa per la vita
  • restringimento uretrale o stenosi negli uomini

Porta via

Il bicarbonato di sodio può alleviare i sintomi di un UTI in alcune persone. Tuttavia, questo trattamento può comportare un rischio significativo per la salute, quindi è importante parlare con un medico prima di considerare l’uso del bicarbonato di sodio per un UTI.

Una diagnosi tempestiva e trattamenti appropriati riducono il rischio di complicanze associate alle UTI.

 

FARMAJET CONSIGLIA IL PROSTADIN per le infezioni urinarie recidive

Cancro: come un nuovo gel potrebbe fermare il suo ritorno. Farmajet news

La ricerca pionieristica ha rivelato una strategia promettente per fermare la ricorrenza del cancro e si presenta sotto forma di un gel biodegradabile.

gc1

I ricercatori hanno sviluppato un gel che potrebbe aiutare a fermare la recidiva e le metastasi del cancro.

Creato da scienziati del Dana-Farber Cancer Institute di Boston, MA, il gel è stato progettato per fornire l’immunoterapia direttamente nell’area da cui è stato rimosso chirurgicamente un tumore canceroso .

Dopo aver testato il gel sui topi durante la rimozione chirurgica dei tumori al seno , gli scienziati hanno scoperto che non solo aiutava a prevenire la recidiva del tumore nel sito primario, ma anche a eliminare i tumori secondari nei polmoni.

Autore dello studio senior Michael Goldberg, Ph.D. – del Dipartimento di Immunologia e Virologia del Cancro al Dana-Farber Cancer Institute – e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista Science Translational Medicine .

Secondo l’American Cancer Society (ACS), più di 1,7 milioni di nuovi casi di cancro saranno diagnosticati negli Stati Uniti nel 2018 e oltre 600.000 persone moriranno a causa della malattia.

Per il cancro che si forma come tumori solidi – come il cancro al seno e il cancro del polmone – la rimozione chirurgica del tumore è spesso l’opzione di trattamento primaria.

I problemi con l’immunoterapia

Tuttavia, come spiega Goldberg, anche quando il tumore viene rimosso, alcune cellule tumorali possono rimanere nel sito. Questi possono formare nuovi tumori, o addirittura diffondersi ad altre aree del corpo. Questo è un processo noto come metastasi.

“Infatti, mentre la metà di tutti i pazienti oncologici sottoposti a interventi chirurgici mirano a curare la malattia, il 40 per cento di tali pazienti sperimenta una recidiva della malattia entro 5 anni”, osserva Goldberg.

“Inoltre”, aggiunge, “è stato dimostrato che il processo naturale del corpo di guarire la ferita creata dalla chirurgia può effettivamente stimolare queste cellule tumorali residue a metastatizzare in parti distanti del corpo e formare nuove crescite”.

L’immunoterapia – che comporta l’uso di farmaci per stimolare il sistema immunitario e attaccare le cellule tumorali – può aiutare a prevenire recidive e metastasi del cancro. Tuttavia, il trattamento ha alcune gravi insidie.

Uno dei maggiori problemi con l’immunoterapia è che può attaccare le cellule sane e quelle cancerose, il che può aumentare la suscettibilità di un paziente ad altre malattie.

“In questo studio”, osserva Goldberg, “abbiamo cercato di determinare se somministrare farmaci immunostimolanti nel [luogo giusto] e nel momento giusto – nel sito di rimozione del tumore, prima che la ferita chirurgica sia stata chiusa – potrebbe migliorare i risultati di immunoterapia del cancro. ”

Il percorso verso l’immunostimolazione

I ricercatori spiegano che quando un tumore canceroso viene rimosso, il sistema immunitario utilizza la maggior parte delle sue risorse per aiutare a guarire la ferita, piuttosto che combattere qualsiasi cellula cancerosa che potrebbe essere stata lasciata indietro.

Questo può creare ciò che il team chiama un microambiente “immunosoppressivo”, in cui le cellule tumorali possono prosperare e diffondersi.

Come spiega Goldberg, gli scienziati hanno deciso di trasformare questo microambiente immunosoppressore in uno che è “immunostimolante” – cioè, uno che può attaccare e distruggere le cellule tumorali residue dopo l’intervento chirurgico.

Per raggiungere questa impresa, i ricercatori hanno creato un idrogel caricato con farmaci che stimolano le cellule dendritiche , che sono le cellule immunitarie che sono coinvolte nella risposta immunitaria iniziale. “Presentano” eventuali invasori stranieri o cellule malate – come le cellule cancerose – alle cellule T, che lanciano un attacco.

Il gel – che comprende uno zucchero naturalmente presente nel corpo umano, rendendolo biodegradabile – è posto nel sito da cui è stato rimosso chirurgicamente un tumore. Il gel rilascia poi gradualmente i farmaci per un periodo prolungato, che il team dice aumenta la sua efficacia.

Risultati “incoraggianti”

Per il loro studio, Goldberg e il team hanno testato il gel nei topi sottoposti a rimozione chirurgica di tumori al seno. Il team ha preso la decisione di utilizzare il gel direttamente dopo la rimozione del tumore, piuttosto che prima.

“Abbiamo ragionato”, spiega Goldberg, “che sarebbe più facile eliminare un piccolo numero di cellule tumorali residue creando un ambiente immunostimolante rispetto a quello che sarebbe per trattare un tumore primitivo intatto, che ha molti mezzi per eludere un attacco del sistema immunitario. ”

Diversi mesi dopo l’intervento chirurgico, i topi trattati con il gel avevano meno probabilità di sperimentare la ricrescita del tumore, rispetto ai roditori che avevano ricevuto la somministrazione di immunoterapia convenzionale.

Quando i ricercatori hanno iniettato cellule di cancro al seno nel lato opposto a quello in cui è stato rimosso il tumore originale, i roditori trattati con gel non hanno mostrato segni di formazione di tumori.

Inoltre, lo studio ha scoperto che il gel estirpava i tumori secondari nei polmoni dei topi – cioè, eliminava i tumori polmonari formati da cellule di cancro al seno che si erano diffuse dal sito primario.

I ricercatori hanno anche replicato le loro scoperte nei topi con carcinoma polmonare primario e melanoma , che è una forma mortale di cancro della pelle .

Sulla base dei loro risultati, Goldberg e colleghi ritengono che la loro immunoterapia basata su gel potrebbe essere una strategia di trattamento efficace contro un numero di diversi tipi di cancro.

“Questo approccio ha il potenziale per fornire l’immunoterapia in un modo che focalizzi la terapia sul sito di interesse durante una finestra temporale critica”, dice.

Siamo estremamente incoraggiati dai risultati di questo studio e speriamo che questa tecnologia sarà adattata ai pazienti per test in studi clinici in un futuro non troppo lontano.”

Michael Goldberg, Ph.D.

Depositi di colesterolo negli occhi: sintomi e trattamento

Il colesterolo può depositarsi intorno agli occhi per formare grumi grassi e giallastri. Sebbene di solito siano innocui, questi depositi a volte segnalano una grave condizione di base.

I grassi naturali, compreso il colesterolo , possono formare crescite intorno alle palpebre. Una di queste crescite è chiamata xantelasma (zan-the-laz-mah). Diverse crescite insieme sono chiamate xantelasmastia.

Uno xantelasma può non avere causa. Tuttavia, a volte può indicare colesterolo alto, ipotiroidismoo una condizione del fegato.

In questo articolo, esaminiamo i sintomi, le cause, la diagnosi e il trattamento dei depositi di colesterolo sugli occhi.

Sintomi

cocchi

Xanthelasmata può indicare colesterolo alto.
Immagine di credito: Klaus, D. Peter, 2005

I depositi di colesterolo sono grumi morbidi, piatti, giallastri. Tendono ad apparire sulle palpebre superiori e inferiori, vicino all’angolo interno dell’occhio, e spesso si sviluppano simmetricamente attorno ad entrambi gli occhi.

Queste lesioni possono rimanere delle stesse dimensioni o crescere molto lentamente nel tempo. A volte si uniscono per formare grumi più grandi.

Gli xantelasmati di solito non sono dolorosi o pruriginosi. Raramente influenzano il movimento della vista o della palpebra, ma a volte causano la caduta della palpebra.

Le cause

I depositi di colesterolo possono comparire a qualsiasi età ma è più probabile che si sviluppino durante la mezza età di una persona. Sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini.

La comunità medica non è sicura della causa esatta di questi depositi. Tuttavia, avere uno xantelasma è associato a livelli lipidici anormali nel sangue, che è noto come dislipidemia.

Una persona viene diagnosticata con dislipidemia se ha:

  • alti livelli di colesterolo a bassa densità di lipoproteine ​​(LDL) – colesterolo “cattivo”
  • bassi livelli di colesterolo HDL (high-density lipoprotein) – colesterolo “buono”
  • alti livelli di colesterolo totale (sia LDL che HDL)
  • alti livelli di trigliceridi

La dislipidemia aumenta il rischio di formazione di colesterolo sulle pareti delle arterie. Questo accumulo può limitare il flusso di sangue al cuore, al cervello e ad altre aree del corpo. Aumenta anche il rischio di angina , infarto , ictus e malattia arteriosa periferica .

La dislipidemia è legata a disturbi genetici ereditari, tra cui:

  • ipercolesterolemia familiare
  • ipertrigliceridemia familiare
  • carenza di lipoproteina lipasi

Una persona con una di queste condizioni può avere livelli lipidici anormalmente alti nonostante sia in buona salute. Per questo motivo, queste condizioni sono note come cause primarie di dislipidemia.

cocchi2

Le cause secondarie di dislipidemia possono includere una dieta ricca di grassi saturi e colesterolo.

Le cause secondarie includono fattori di stile di vita, come:

  • una dieta ricca di grassi saturi e colesterolo
  • essere sovrappeso o obesi
  • non avendo abbastanza esercizio fisico o attività fisica
  • consumo eccessivo di alcol
  • fumare i prodotti del tabacco

Altri fattori di rischio per dislipidemia includono:

  • diabete
  • malattia renale cronica
  • ipotiroidismo
  • alta pressione sanguigna
  • cirrosi biliare primitiva e alcuni altri disturbi del fegato
  • una storia familiare di ictus o malattie cardiache
  • alcuni farmaci, compresi i beta-bloccanti , i contraccettivi orali, i retinoidi e gli steroidi anabolizzanti

Uno studio ha scoperto che i depositi di colesterolo sulle palpebre erano associati ad un aumentato rischio di infarto e malattie cardiache, anche nelle persone con livelli lipidici normali.

Le persone con depositi di colesterolo dovrebbero consultare un medico per verificare i loro livelli di lipidi.

Xanthelasmata sono solitamente semplici da diagnosticare con un esame visivo. Se il medico non è sicuro, può inviare un raschiamento o un campione a un laboratorio per l’analisi.

Il medico può anche testare il diabete e la funzionalità epatica e, eventualmente, raccomandare una valutazione formale del rischio cardiovascolare.

Trattamento

cocchi3

L’esercizio fisico regolare può aiutare a ridurre i livelli di colesterolo LDL e trigliceridi.

I depositi di colesterolo intorno agli occhi possono essere rimossi chirurgicamente. Le crescite di solito non causano dolore o fastidio, quindi una persona probabilmente richiederà la rimozione per ragioni estetiche.

Il metodo di rimozione dipenderà dalle dimensioni, dalla posizione e dalle caratteristiche del deposito. Le opzioni chirurgiche includono:

  • escissione chirurgica
  • ablazione con anidride carbonica e laser argon
  • cauterizzazione chimica
  • electrodesiccation
  • crioterapia

Seguendo una procedura, ci possono essere gonfiore e lividi intorno alle palpebre per alcune settimane. I rischi di un intervento chirurgico includono cicatrici e un cambiamento nel colore della pelle.

Molto probabilmente i depositi di colesterolo si ripresentano dopo la rimozione, specialmente nelle persone con colesterolo alto.

La normalizzazione dei livelli lipidici non avrà quasi alcun effetto sui depositi esistenti. Tuttavia, il trattamento della dislipidemia è essenziale, perché può ridurre il rischio di problemi cardiaci. Il trattamento può anche impedire la crescita di ulteriori depositi.

Un medico di solito tratta la dislipidemia raccomandando lo stile di vita e le modifiche dietetiche. Un medico o un dietologo può aiutare a sviluppare un piano che funzioni per ogni individuo.

Le possibili raccomandazioni includono:

Perdere peso

Essere in sovrappeso o obesi può aumentare i livelli di colesterolo LDL e trigliceridi. Metodi salutari di perdita di peso possono aiutare le persone in sovrappeso con dislipidemia.

Mangiare una dieta salutare

Un individuo con dislipidemia dovrebbe mangiare una dieta equilibrata a basso contenuto di grassi saturi, grassi trans e colesterolo. Un medico o un dietologo raccomandano probabilmente di mangiare più frutta, verdura e cereali integrali. Questi alimenti sono a basso contenuto di grassi e non contengono colesterolo.

Gli alimenti da evitare includono:

  • latte intero
  • burro, formaggio e panna
  • carni grasse e strutto
  • torte e biscotti
  • alimenti contenenti cocco o olio di palma

Una persona dovrebbe invece consumare grassi sani. Questi possono essere trovati in pesci grassi, noci, semi e oli vegetali e creme spalmabili.

Gli alimenti ricchi di fibre solubili possono anche aiutare a ridurre il colesterolo. Questi includono:

  • fagioli, lenticchie e altri legumi
  • avena e orzo
  • riso integrale
  • agrumi

Esercitare regolarmente

Un’attività fisica regolare è anche essenziale nel trattamento della dislipidemia. Può aiutare ad aumentare i livelli di colesterolo HDL e bassi livelli di colesterolo LDL e trigliceridi.

Attività come camminare a ritmo sostenuto, andare in bicicletta, nuotare e correre possono anche migliorare la salute cardiovascolare e aiutare qualcuno a mantenere un peso corporeo sano .

Ridurre il consumo di alcol

Bere troppo alcol può aumentare i livelli di colesterolo e trigliceridi. Le linee guida dietetiche degli Stati Uniti per gli americani raccomandano che le donne non consumino più di una bevanda alcolica al giorno e gli uomini non più di due.

Una singola bevanda alcolica è definita come:

  • 12 once fluide (fl oz) di birra normale, contenenti il ​​5% di alcol
  • 5 fl. oz di vino con 12 percento di alcol
  • 1,5 fl. oz di distillati distillati 80-proof con il 40 percento di alcol

Smettere di fumare

Il fumo di tabacco può aumentare il colesterolo LDL e inibire gli effetti positivi del colesterolo HDL. Una persona con dislipidemia che fuma dovrebbe parlare con un medico dei modi per smettere.

Assunzione di farmaci ipolipemizzanti

Un medico può anche prescrivere un farmaco ipolipemizzante, come una statina, ezetimibe o niacina.

prospettiva

I depositi di colesterolo intorno all’occhio sono noti come xantelasmastia. Di solito sono innocui e non influenzano la vista o il funzionamento della palpebra. Tuttavia, alcune persone potrebbero desiderare di averle rimosse chirurgicamente per ragioni estetiche.

Uno xantelasma è a volte un sintomo di una condizione di fondo più grave, come dislipidemia, ipotiroidismo, malattia renale, malattia del fegato o diabete.

Chiunque sviluppi depositi di colesterolo intorno agli occhi dovrebbe parlare con un medico.

È così che il grasso addominale porta al diabete?

È noto che essere sovrappeso o obesi porta a problemi di salute, ma potrebbe essere meno noto che il grasso addominale è il tipo più dannoso. Fino ad ora, i ricercatori non erano sicuri dei meccanismi responsabili di questo – ma ora, rivelano come un enzima prodotto dal nostro fegato aumenta il rischio di diabete.

gra

L’infiammazione del grasso intorno alla pancia è particolarmente dannosa e una nuova ricerca rivela perché.

Quando si tratta delle conseguenze dannose del grasso in eccesso, il modo in cui viene distribuito su tutto il corpo è fondamentale.

Notizie mediche Oggi hanno recentemente riportato studi che dimostrano che il grasso addominale è profondamente legato al diabete di tipo 2 e alle malattie cardiache .

Abbiamo anche analizzato studi che suggeriscono che le donne, in particolare, potrebbero avere un aumentato rischio cardiometabolico se hanno un rapporto vita-fianchi più alto.

Ulteriori ricerche hanno trovato che il grasso della pancia è particolarmente pericoloso quando infiammato. Vecchi studi hanno dimostrato che locale infiammazione nel tessuto adiposo conduce ad anomalie cardiometabolic come resistenza all’insulina .

Ma l’esatto meccanismo responsabile di questa connessione tra infiammazione del tessuto adiposo e disturbi cardiometabolici è rimasto un po ‘oscuro – per esempio, i ricercatori si sono chiesti se l’infiammazione è “una causa o una conseguenza della resistenza all’insulina”.

Ora, i ricercatori della Columbia University Irving Medical Center di New York City, a New York, contribuiscono a gettare una luce tanto necessaria sulla questione; rivelano che il fegato contribuisce a questa infiammazione.

Il team è stato guidato dal Dr. Ira Tabas – che è il Richard J. Stock Professor of Medicine presso la Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons – ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature .

Il ruolo chiave degli inibitori DPP4 nel diabete

Il Dr. Tabas ed i suoi colleghi hanno usato topi obesi per verificare se il blocco di un enzima chiamato DPP4 ridurrebbe l’infiammazione nel loro grasso addominale.

I ricercatori si sono concentrati su DPP4 perché agli esseri umani che già hanno il diabete vengono prescritti inibitori DPP4 per aiutarli a gestire i loro sintomi. Gli inibitori della DPP4 impediscono all’enzima di interagire con un ormone che stimola l’insulina.

In questo studio, DPP4 non ha abbassato l’infiammazione addominale nei topi. Il dott. Tabas spiega questi risultati, suggerendo che potrebbero essere alla differenza tra il modo in cui gli inibitori DPP4 agiscono nell’intestino e il modo in cui agiscono nel fegato.

“Gli inibitori della DPP4 abbassano la glicemia inibendo la DPP4 nell’intestino, ma abbiamo alcune prove che gli inibitori della DPP4 nell’intestino finiscono per favorire l’infiammazione nei grassi”, afferma. “Questo annulla gli effetti antinfiammatori che i farmaci possono avere quando raggiungono le cellule infiammatorie, chiamate macrofagi, nel grasso.”

“Dai nostri studi”, aggiunge il Dr. Tabas, “sappiamo che DPP4 interagisce con una molecola su queste cellule per aumentare l’infiammazione, se potessimo bloccare quell’interazione, potremmo essere in grado di impedire all’enzima di causare infiammazione e resistenza all’insulina”.

Quindi, i ricercatori hanno preso di mira DPP4 nelle cellule del fegato anziché nell’intestino.Questo ha ridotto l’infiammazione adiposa e diminuito la resistenza all’insulina.

Gli inibitori della DPP4 hanno anche ridotto la glicemia.

Verso prove cliniche umane

Come afferma il Dr. Tabas, “l’inibizione del DPP4 in particolare nelle cellule del fegato attacca la resistenza all’insulina – il problema principale del diabete di tipo 2 – almeno nei nostri modelli preclinici”.

I ricercatori spiegano cosa significano i risultati per i futuri trattamenti del diabete di tipo 2. Il Dr. Tabas afferma: “Se possiamo sviluppare modi per indirizzare il fegato DPP4 nelle persone, questo potrebbe essere un nuovo modo potente per trattare il diabete di tipo 2 indotto dall’obesità”.

Anche il dott. Ahmed A. Hasan, un ufficiale medico e direttore del programma presso l’Atherothrombosis & Coronary Artery Disease Branch del National Heart, Polmone e Blood Institute, commenta i risultati.

Dice: “Questo studio rivela un potenziale nuovo target per il trattamento del diabete di tipo 2 e dei disturbi cardiometabolici”.

Questi risultati potrebbero spianare la strada a una futura sperimentazione clinica per verificare se un nuovo approccio terapeutico basato su questo obiettivo potrebbe migliorare la resistenza all’insulina nei pazienti diabetici.

Dr. Ahmed A. Hasan

 

L’aloe vera può aiutare con l’acne?

Il gel di aloe vera è usato in molti prodotti per la pelle da banco. Questo estratto vegetale ha proprietà antibatteriche e antinfiammatorie, che ha portato al suo utilizzo nel trattamento dell’acne.

L’aloe vera ha dimostrato di funzionare a fianco dei tradizionali farmaci per l’ acne . Uno studio hariportato che una combinazione di crema alla tretinoina, un comune farmaco per l’acne e la crema di aloe vera riducevano efficacemente le lesioni dell’acne nelle persone con acne lieve o moderata.

Le persone possono applicare l’aloe vera alle lesioni dell’acne sul loro viso e in altre parti del corpo. Può essere usato da solo o in combinazione con altri prodotti naturali.

In questo articolo, guardiamo a sette possibili modi di utilizzare l’aloe vera, insieme ad altri prodotti naturali, per ridurre la comparsa di acne.

Sette modi per utilizzare l’aloe vera

aloemdL’aloe vera è popolare per il trattamento dell’acne, anche se potrebbe non essere efficace per tutti.

È probabile che non tutti i metodi funzionino per tutti, ma l’aloe vera è molto delicata sulla pelle, quindi c’è poco rischio nel provarlo.

L’aloe vera è un trattamento alternativo e quindi non ci sono linee guida approvate sulla forza o sul dosaggio. Il seguente elenco fornisce suggerimenti per possibili modi per utilizzare l’aloe vera per l’acne.

Le persone non dovrebbero applicare una nuova sostanza alla loro faccia senza consultare un medico o un dermatologo. Possono anche consigliare su potenziali effetti che l’aloe vera potrebbe avere su qualsiasi farmaco che le persone stanno prendendo.

1. Aloe vera pura

La ricerca mostra che l’aloe vera ha determinate caratteristiche che possono renderlo efficace nella lotta contro l’acne. Ad esempio, il gel di aloe vera è:

  • un antibatterico
  • un antiossidante
  • un anti-infiammatorio

Una persona può usare pura crema di aloe vera invece di un detergente tradizionale per prevenire l’acne. Questo funziona perché gli agenti antibatterici presenti nell’aloe vera rimuovono i batteri dalla pelle, riducendo il rischio di sviluppo di macchie.

Per curare l’acne esistente, alcune persone applicano l’aloe vera alla zona interessata e la lasciano durante la notte. È importante lavarlo via al mattino.

Molti tipi di gel di aloe vera sono disponibili per l’ acquisto online .

2. Aloe vera e succo di limone

aloemd2L’aloe vera può essere miscelata con il limone per realizzare vari cosmetici, come scrub per il corpo e maschere per il viso.

L’acido citrico presente nei frutti come i limoni può anche aiutare a curare l’acne. Il succo di limone puro è acido, quindi mescolare questo con l’aloe vera può impedire al succo di limone di irritare la pelle.

Una persona può fare una maschera facciale mescolando aloe vera e succo di limone in un rapporto di 8 a 1, diffondendolo uniformemente sul viso e lasciandolo acceso per circa 10 minuti. È importante sottolineare che devono evitare la zona sensibile degli occhi e lavare accuratamente la maschera in seguito.

3. Cannella, miele e aloe vera

Fare una maschera da miele, cannella e aloe vera è un’altra opzione che può aiutare a lenire l’acne. Cannella e miele hanno proprietà antibatteriche e antinfiammatorie simili all’aloe vera.

Per fare una maschera per il viso alla cannella, al miele e aloe vera, una persona può mescolare circa 2 cucchiai di miele, 1 cucchiaio di aloe vera e ¼ di cucchiaino di cannella in una piccola ciotola. Questo può essere applicato sul viso, lasciato acceso per 10 minuti e lavato via con acqua tiepida.

4. Aloe vera e olio dell’albero del tè

Una ricerca pubblicata nel 2017 mostra che i gel d’olio dell’albero del tè e i lavaggi del viso possono essere efficaci nel trattamento dell’acne da lieve a moderata.

Le persone dovrebbero evitare di lasciare l’olio dell’albero del tè sulla pelle per lunghi periodi, ma se mescolato con l’aloe vera, potrebbe essere adatto come soluzione detergente.

Per preparare una soluzione detergente, unire l’acqua, l’aloe vera e 2 o 3 gocce di olio essenziale di tea tree. Alcune persone possono essere sensibili all’olio dell’albero del tè, quindi è essenziale lavare la soluzione con acqua dopo un paio di minuti.

5. Spray aloe vera

aloemd3Le proprietà idratanti dell’aloe vera possono aiutare a combattere l’acne.

Spruzzare la pelle con una soluzione di aloe vera diluita può aiutare a idratare la pelle senza causare produzione di olio extra o lucentezza.

Una persona può mescolare circa 2 parti di acqua in 1 parte di aloe vera per fare uno spray. La soluzione può essere collocata in un flacone spray e spruzzata sulla zona interessata, evitando la zona degli occhi.

6. Olio di cocco, zucchero e scrub all’aloe vera

Molti esfolianti da banco contengono sostanze chimiche. Una persona che desidera evitare sostanze chimiche può fare il proprio scrub, usando una combinazione di olio di cocco , zucchero e aloe vera.

I chicchi di zucchero rimuovono gli strati morti della pelle. Gli studi suggeriscono che l’acido laurico, un componente chiave dell’olio di cocco, può aiutare a combattere l’acne.

Una persona può fare uno scrub usando parti uguali di zucchero e olio di cocco, mescolato con metà della quantità di aloe vera. Una volta miscelato, lo scrub può essere applicato sull’area interessata e quindi risciacquato.

Evitare l’esfoliazione troppo regolarmente e consultare sempre un medico prima di usare creme esfolianti sull’acne, poiché possono ulteriormente irritare la pelle.

7. Creme

L’aloe vera è un ingrediente comune in molte creme da acne da banco. Le persone possono scoprire quali prodotti contengono aloe vera osservando i principi attivi elencati sull’etichetta.

Può essere una buona idea usare creme contenenti aloe vera come parte della routine quotidiana contro l’acne a causa delle sue proprietà anti-infiammatorie.

rischi

Una reazione allergica ad aloe vera topica è rara.

Anche se raro, alcune persone possono sviluppare una reazione allergica all’aloe vera. I segni di un’allergia possono includere arrossamento, eruzione cutanea o gonfiore. Se i sintomi si verificano, smettere di usare l’aloe vera. Se una persona è preoccupata dai loro sintomi, dovrebbe consultare un medico

Molti metodi per l’utilizzo di aloe vera coinvolgono combinandolo con altri ingredienti. Questi ingredienti potrebbero causare una reazione allergica sulla pelle. Una persona dovrebbe smettere di usare un ingrediente se nota un’irritazione della pelle.

Porta via

L’aloe vera è un modo relativamente sicuro e potenzialmente efficace per trattare e prevenire l’acne.

Esistono diversi metodi per utilizzare l’aloe vera a casa e una o più opzioni di trattamento possono essere efficaci.

FARMAJET CONSIGLIA ————————- ALOE VERA MASTERACTIVE

 

Un nuovo studio spiega come l’aspirina a basse dosi possa prevenire il cancro

Il cancro è una delle principali cause di morbilità e morte in tutto il mondo e la sua diffusione è prevista in aumento nei prossimi anni. Le strategie di prevenzione del cancro includono fare scelte di vita sane e testare se a rischio. Una nuova ricerca suggerisce che una piccola dose di aspirina può aiutare a prevenire la formazione di cellule tumorali e spiega come.
aspirina

Una nuova ricerca spiega come l’aspirina “baby” possa aiutare a prevenire il cancro.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il cancro è una delle principali cause di morte in tutto il mondo, con 10,2 milioni di morti nel 2016.

In termini di prevenzione, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandano di fare uno stile di vita sano e scelte dietetiche, come evitare il tabacco e l’alcol, oltre a rimanere fisicamente attivi e mangiare molta frutta e verdura.

Una nuova ricerca rafforza l’idea che l’assunzione di aspirina a basse dosi possa anche aiutare a prevenire il cancro e inibire la proliferazione delle cellule tumorali.

Il suggerimento che una piccola dose di aspirina possa aiutare a prevenire il cancro non è nuovo. A settembre 2016, la Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti ha raccomandato l’ uso quotidiano di una piccola dose di aspirina per aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari e il cancro del colon-retto .

Tuttavia, la nuova ricerca spiega anche il processo mediante il quale una dose bassa di aspirina può effettivamente inibire la proliferazione e la metastasi delle cellule tumorali.

L’aspirina inibisce indirettamente l’oncoproteina responsabile delle cellule maligne

La ricerca è stata condotta da scienziati dell’Oregon Health and Science University (OHSU) in collaborazione con l’Oregon State University (OSU), ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista AJP-Cell Physiology .

“Il beneficio dell’aspirina può essere dovuto al suo effetto sulle cellule del sangue chiamate piastrine, piuttosto che agire direttamente sulle cellule tumorali “, dice l’autore senior Owen McCarty, professore presso il Dipartimento di ingegneria biomedica di OHSU.

Le piastrine sono minuscole cellule del sangue che aiutano un corpo sano a formare coaguli, al fine di fermare il sanguinamento quando necessario.

Sembra che le nostre piastrine nel sangue aumentino anche i livelli di una determinata proteina che può supportare le cellule tumorali e aiutarle a diffondersi. Questa “oncoproteina” è chiamata c-MYC.

La funzione biologica di c-MYC è quella di regolare l’espressione di oltre il 15 percento di tutti i geni del corpo umano. Il regolatore c-MYC controlla il ciclo di vita e di morte delle cellule, la sintesi delle proteine ​​e il metabolismo delle cellule.

Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che nei tumori umani questo oncogene è sovraespresso.

I ricercatori di questo recente studio spiegano che l’aspirina riduce la capacità delle piastrine nel sangue di innalzare i livelli dell’oncoproteina c-MYC.

“Ilnostro lavoro suggerisce che l’azione anti-cancro dell’aspirina potrebbe essere in parte come segue: durante il loro transito nel sangue, le cellule tumorali circolanti interagiscono con le piastrine, che stimolano la sopravvivenza delle cellule tumorali attivando oncoproteine ​​come c-MYC. piastrine con terapia aspirina riduce questa segnalazione tra piastrine e cellule tumorali, riducendo così indirettamente la crescita delle cellule tumorali. ”

Owen McCarty

Craig Williams, professore nel College of Pharmacy OSU / OHSU e coautore dello studio, spiega ulteriormente il processo.

“Le prime cellule tumorali vivono in quello che è in realtà un ambiente piuttosto ostile, dove il sistema immunitario attacca regolarmente e tenta di eliminarli”, dice. “Le piastrine del sangue possono svolgere un ruolo protettivo per quelle prime cellule tumorali e aiutare le metastasi: l’inibizione con l’aspirina sembra interferire con quel processo e il c-MYC può spiegare parte di quel meccanismo”.

L’aspirina a basso dosaggio può essere “sicura ed efficace” nella prevenzione del cancro

Questa è la prima volta che uno studio ha dimostrato la capacità delle piastrine di regolare l’espressione di c-MYC nelle cellule tumorali.

I ricercatori osservano che quasi un terzo dei pazienti con tumore del colon e il 42% dei pazienti con carcinoma pancreatico presentavano una sovraespressione dell’oncoproteina c-MYC.

Sottolineano inoltre che l’impatto dell’aspirina sulle piastrine del sangue è altrettanto efficace in dosi elevate quanto in quelli bassi. Di conseguenza, i medici possono valutare i rischi e i benefici dell’assunzione di aspirina, nonché ridurre il rischio di sanguinamento, che è un effetto collaterale comune di ingerire troppa aspirina.

Gli autori sottolineano il ruolo cruciale dei medici e degli operatori sanitari quando prendono in considerazione anche l’assunzione di aspirina a basse dosi.

“Poiché si ritiene che l’interazione tra piastrine e cellule tumorali si verifichi presto […] l’uso di dosi anti-piastriniche di aspirina potrebbe servire come misura preventiva sicura ed efficace per i pazienti a rischio di cancro”, concludono gli autori.

Come una nuova proteina può combattere il cancro

La ricerca di Breaking pubblicata sulla rivista Nature descrive una nuova proteina anti-cancro. La scoperta potrebbe aiutare a individuare il cancro in precedenza e trattarlo in modo più efficace.
np

Utilizzando tecniche di taglio, i ricercatori svizzeri trovano una nuova proteina anticancro.

Ogni anno, circa 31.000 persone negli Stati Uniti sviluppano un cancro al fegato , noto anche come epatocellularecarcinoma.

E circa 24000 persone moriranno a causa della malattia.

Preoccupantemente, negli ultimi decenni, i tassi di cancro al fegato sono aumentati in modo significativo. Infatti, negli Stati Uniti, sono triplicati dagli anni ’80.

Attualmente è considerata la causa di morte per cancro negli Stati Uniti in rapida crescita. Mentre i tassi di sopravvivenza sono migliorati, solo 1 persona su 5 sopravvive per più di 5 anni dopo la diagnosi.

Spesso, il cancro del fegato viene diagnosticato in una fase relativamente avanzata. A questo punto, il fegato è già gravemente danneggiato e la prognosi è generalmente scarsa. Trovare un modo per rilevare la malattia in precedenza potrebbe migliorare significativamente le prospettive per le persone con cancro al fegato.

Di recente, gli scienziati dell’Università di Basilea in Svizzera, guidati dal prof. Michael N. Hall, hanno fatto qualche passo avanti in questo problema. Il loro lavoro potrebbe aiutare a diagnosticare l’epatocellularcarcinoma prima e, eventualmente, migliorare il trattamento. Le loro scoperte sono state pubblicate all’inizio di questa settimana.

La caccia ai soppressori del tumore

Nel cancro, le cellule mutate crescono e si diffondono in modo incontrollato. I soppressori del tumore sono proteine ​​anti-cancro che bloccano questa crescita cellulare fuori controllo. Nelle cellule tumorali, i soppressori tumorali non funzionano come dovrebbero.

Alla ricerca di queste elusive molecole che combattono il tumore, i ricercatori si sono concentrati su un modello murino di epatocellularcarcinoma.

Hanno analizzato oltre 4.000 proteine ​​distinte nel tessuto tumorale e le hanno confrontate con tessuti sani. Una proteina si distingue dalla massa: istidina fosfatasi LHPP.

L’autore del primo studio Sravanth Hindupur osserva: “È sorprendente che l’LHPP sia presente nei tessuti sani e completamente assente nel tessuto tumorale”.

Hanno scoperto che senza LHPP, la crescita del tumore è stata promossa nei topi e il tasso di sopravvivenza è diminuito. Al contrario, reintroducendo l’informazione genetica per LHPP, la crescita tumorale è stata prevenuta e la funzionalità epatica è stata mantenuta.

I ricercatori ritengono inoltre che l’LHPP potrebbe essere utile come biomarker per il cancro del fegato. E, se questo è il caso, la malattia potrebbe essere catturata prima e trattata in modo più efficace.

Al fine di indagare ulteriormente su questa relazione, gli scienziati hanno misurato l’LHPP in pazienti con cancro al fegato umano. Hindupur spiega: “Simile al modello murino, abbiamo visto anche una notevole riduzione dei livelli di LHPP nei tumori di pazienti con cancro al fegato”.

Hanno inoltre dimostrato che l’aspettativa di vita e la gravità della malattia sono entrambe correlate ai livelli di LHPP. In individui che non avevano affatto LHPP misurabile, l’aspettativa di vita era di 2 anni più breve. Quindi, LHPP può anche svolgere un ruolo chiave nel valutare la gravità di ogni caso specifico di cancro al fegato.

La questione della fosforilazione

Una proteina può essere fosforilata dopo che è stata prodotta. Ciò significa che viene aggiunto un gruppo fosfato. La fosforilazione influisce sul modo in cui una proteina funziona, ad esempio attivandola o disattivandola.

Anche se questo tipo di reazione chimica è noto per essere importante in una serie di malattie , tra cui il cancro , è stato difficile studiare fino a poco tempo fa.

Tony Hunter, del Salk Institute negli Stati Uniti, ci ha fornito nuovi strumenti per analizzare la fosforilazione dell’istidina e ora siamo in grado di visualizzare un nuovo livello di complessità nella formazione dei tumori”.

Sravanth Hindupur

LHPP è una fosfatasi che rimuove i gruppi fosfato dall’istino acido istidina nelle proteine. Se LHPP è assente, c’è un aumento generale dei livelli di fosforilazione. Questo innesca percorsi che portano alla crescita e proliferazione cellulare incontrollata, incoraggiando così la crescita del tumore.

I ricercatori sperano che le loro scoperte aiuteranno a diagnosticare il tumore del fegato prima in modo che il trattamento possa iniziare prima.

È anche possibile che LHPP abbia una mano in altri tipi di cancro, quindi i suoi potenziali benefici possono allungarsi ad altri tipi di cancro nel tempo.