Come si fa a eliminare l’alito di aglio o cipolla?

Aglio e cipolla aggiungono sapore ai pasti e possono fornire benefici per la salute. Sfortunatamente, entrambi possono anche causare alitosi, noti come alitosi, soprattutto se mangiati crudi.

L’odore caratteristico è causato da sostanze chimiche contenenti zolfo in aglio e cipolla . L’odore può indugiare sul respiro di una persona per ore e persino durante la notte, il che scoraggia alcune persone dal mangiare queste verdure.

Fortunatamente, molti rimedi casalinghi possono prevenire o eliminare l’ alitosi . Di seguito, descriviamo 12 metodi semplici.

Dodici modi per sbarazzarsi dell’odore

alito

Alcuni rimedi casalinghi possono aiutare a prevenire l’alitosi associato al consumo di aglio e cipolla.

Non c’è bisogno di rinunciare al gusto e ai benefici per la salute dell’aglio e delle cipolle. Prova i seguenti suggerimenti per evitare l’alito cattivo associato a queste verdure.

1. Bere acqua

L’acqua potabile dopo i pasti può lavare i resti di aglio o cipolla dalla lingua o tra i denti.

Stimola anche la produzione di saliva, che aiuta a rimuovere alcuni dei batteri che producono gli odori dalla bocca.

2. Spazzola e filo interdentale

I batteri che contribuiscono all’alitosi si trovano di solito nella placca sui denti e sotto la linea di gomma.

Spazzolare i denti e usare il filo interdentale dopo i pasti può ridurre significativamente il numero di batteri in bocca ed eliminare altre cause di alitosi, tra cui placca e particelle di cibo.

3. Utilizzare un raschietto per lingua

Una persona trascurerà spesso di spazzolare la lingua e il tetto della bocca, e il dorso della lingua è il luogo ideale dove raccogliere i batteri. Un individuo può anche notare un film bianco che si forma sulla lingua.

L’uso quotidiano di un raschietto o spazzolino può rimuovere cellule morte, microbi e minuscole particelle di cibo. Continuare a raschiare finché non rimangono residui sul raschietto.

4. Risciacquare con un collutorio

Un collutorio dall’odore forte, come quello contenente menta piperita, può coprire l’odore di aglio o cipolle nel respiro.

Alcune ricerche suggeriscono che l’uso di un collutorio contenente diossido di cloro è particolarmente efficace nel rimuovere la placca, i batteri e le minuscole particelle di cibo.

5. Mangia frutta e verdura fresca

Mangiare prodotti freschi con o dopo i pasti può coprire gli odori di aglio e cipolla.

In uno studio , i ricercatori hanno riferito che il consumo di mela cruda o di lattuga cruda riduceva significativamente l’odore di aglio nel respiro.

6. Mangiare foglie di erba

Masticare il prezzemolo dopo aver mangiato è un rimedio antichissimo per l’alito all’aglio o alla cipolla. Questa erba deterge il palato e maschera gli odori sgradevoli.

Le foglie di menta hanno anche dimostrato di ridurre significativamente l’alito dell’aglio.

7. Prova aceto di sidro di mele

Alcune persone riferiscono che bevendo un cucchiaio di aceto di mele in acqua prima o dopo i pasti si elimina l’alito di aglio o cipolla.

Tuttavia, questo non è un metodo approvato dal punto di vista medico. Una persona dovrebbe sempre verificare con il proprio medico prima di utilizzare l’aceto di sidro di mele come rimedio domestico.

8. Avere una tazza di tè verde

Sorseggiare del tè verde dopo aver mangiato può aiutare a coprire i forti odori. Uno studio ha suggerito che il tè verde eliminava l’alito cattivo in modo più efficace rispetto a zecche, chewing gum o un prodotto contenente olio di prezzemolo.

Il tè verde può avere ulteriori benefici per la salute orale. Un altro studio ha scoperto che un collutorio contenente catechine, che sono composti utili nel tè verde, è stato in grado di ridurre la placca con la stessa efficacia del collutorio antisettico.

9. Chewing gum

Gomma da masticare con un sapore di menta può mascherare gli odori sgradevoli in movimento. Stimola anche la produzione di saliva, che può aiutare a lavare via i batteri e le particelle di cibo.

Inoltre, secondo l’ American Dental Association , una persona che mastica gomma senza zucchero per 20 minuti dopo un pasto può ridurre il rischio di carie.

alito2

Il latte intero può ridurre l’odore causato dall’aglio.

10. Bevi latte

Bere un bicchiere di latte con o dopo un pasto pesante all’aglio può ridurre la concentrazione di composti nella bocca che contengono zolfo e causare cattivo odore.

La ricerca ha dimostrato che il latte intero è migliore nel ridurre l’odore rispetto al latte senza grassi.

11. Bere acqua di limone

Il succo di limone può aiutare a neutralizzare l’odore delle cipolle o dell’aglio nel respiro. Prova ad aggiungere una spremuta di succo di limone fresco (circa 1 cucchiaio) a un bicchiere d’acqua e berlo dopo un pasto ricco di cipolle o aglio.

12. Rimuovere il nucleo dell’aglio

Quando si prepara un pasto, è possibile ridurre il rischio di sviluppare l’alito dell’aglio. Tagliare a metà gli spicchi d’aglio e togliere il gambo dal centro del bulbo prima di aggiungere il bulbo al piatto.

Perché l’aglio e le cipolle causano l’alitosi?

Alcuni composti in cipolle, aglio o entrambi possono essere responsabili dell’alitosi e persino dell’odore corporeo . Questi includono:

  • Allicina . Quando l’interno di un bulbo di aglio viene esposto all’aria, una sostanza chiamata alliina si trasforma in allicina, che quindi si trasforma in numerosi composti contenenti zolfo che danno all’aglio il suo odore.
  • Allil metil solfuro . Questo composto viene rilasciato da aglio e cipolle quando vengono tagliate. Una volta mangiato, la sostanza viene assorbita nel flusso sanguigno ed emessa attraverso i polmoni e i pori della pelle.
  • Cysteine ​​sulfoxide . Questo composto solforico in aglio e cipolle provoca un odore sgradevole sul respiro quasi immediatamente dopo che le verdure sono mangiate.

Sommario

Mentre l’alitosi causata da aglio o cipolle spesso non dura a lungo, ci sono diversi modi per liberarsene. Praticare un’igiene orale adeguata, bere tè verde o latte, mangiare prodotti freschi e mascherare l’odore può aiutare.

Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra, quindi prova alcuni rimedi diversi per determinare qual è il modo migliore per eliminare l’alito di aglio o cipolla.

Annunci

Resistenza ai farmaci: queste cipolle potrebbero aiutarci a vincere la guerra?

La resistenza ai farmaci è emersa come una delle maggiori minacce alla salute pubblica, evidenziando l’estrema necessità di nuovi antibiotici e miglioramenti a quelli esistenti. Un nuovo studio potrebbe aver fatto un passo in avanti verso una tale impresa, dopo aver identificato un tipo di cipolla che può aiutare a curare la tubercolosi resistente ai farmaci.
cipollaI ricercatori hanno rivelato come la specie di cipollaAllium Stipitatumpossa aiutare a combattere la resistenza ai farmaci.

La resistenza ai farmaci, nota anche come resistenza antimicrobica, si verifica quando batteri, virus, parassiti o funghi che causano infezioni si evolvono per resistere a un farmaco che una volta li ha distrutti.

Purtroppo, un tale scenario sta diventando sempre più comune. Solo negli Stati Uniti, ci sono almeno 2 milioni di infezioni resistenti ai farmaci ogni anno e più di 23.000 persone muoiono a causa di queste infezioni.

La tubercolosi resistente alla droga (TB) è considerata una minaccia “grave” dal Centers for Disease Control and Prevention (CDC). La TBC multiresistente in tutto il mondo – che è la TBC resistente ai due più potenti farmaci anti-TBC – colpisce oltre 480.000 persone ogni anno.

Inutile dire che vincere la lotta contro la TBC resistente alla droga rappresenterebbe un enorme passo in avanti nella lotta contro la resistenza ai farmaci nel suo complesso.

Il Dr. Sanjib Bhakta – dell’Istituto di Biologia Strutturale e Molecolare di Birkbeck, Università di Londra, Regno Unito – e colleghi ritengono che il loro nuovo studio potrebbe dare un grande contributo; il team ha identificato un numero di composti derivati ​​dalla cipolla che possono uccidere i batteri della tubercolosi.

“La natura è un chimico incredibilmente creativo”

I composti provengono da Allium Stipitatum , noto anche come lo scalogno persiano, che è un tipo di cipolla comunemente usato nella cucina iraniana. È anche noto per le sue proprietà antibatteriche , una caratteristica che ha attirato l’attenzione del dott. Bhakta e della sua squadra.

Per il loro studio, i ricercatori hanno migliorato queste proprietà antibatteriche sintetizzando vari composti presenti nel bulbo dello scalogno persiano.

Hanno quindi testato gli effetti di questi composti sintetizzati su vari batteri resistenti ai farmaci, tra cui Mycobacterium tuberculosis , che è la specie batterica che causa la tubercolosi.

Il team ha scoperto che i composti hanno mostrato effetti inibitori nei confronti di Escherichia coli , Staphylococcus aureus multiresistente , Klebsiella pneumoniae e Proteus mirabilis .

Il composto sintetizzato più promettente, tuttavia, è stato trovato per inibire la crescita di M. tuberculosis del 99,9 percento.

Sulla base di questi risultati, il Dr. Bhakta – che ha co-diretto lo studio – e colleghi suggeriscono che i composti derivati ​​dalla cipolla possono aiutare a combattere le infezioni resistenti ai farmaci.

Nella ricerca di nuovi antibatterici, tendiamo a concentrarci su molecole che sono abbastanza potenti da essere sviluppate commercialmente come nuove sostanze farmaceutiche da soli, ma in questo studio dimostriamo che inibendo le principali proprietà di resistenza intrinseca della TB, si potrebbe aumentare gli effetti del trattamento antibiotico esistente e invertire la tendenza della resistenza ai farmaci già esistente. ”

Dr. Sanjib Bhakta

“I prodotti naturali di piante e microbi hanno un enorme potenziale come fonte di nuovi antibiotici”, aggiunge il co-leader di studio Prof. Simon Gibbons, dell’University College di Londra nel Regno Unito. “La natura è un chimico incredibilmente creativo ed è probabile che piante come lo scalogno persiano producano queste sostanze chimiche come difesa contro i microbi nel loro ambiente”.

Nelle ricerche future, il team spera di identificare altri composti naturali che potrebbero aiutare ad affrontare i batteri resistenti ai farmaci.