Cancro: nuovo obiettivo trovato per i tumori resistenti ai farmaci

La rapamicina e i farmaci che agiscono come tali hanno un effetto limitato contro molti tumori perché i loro tumori sono resistenti a loro. Ora, la scoperta di un meccanismo di crescita cellulare potrebbe portare a nuovi farmaci che superano questa resistenza in alcuni tumori.
cellula cancer.jpg

Potrebbe esserci un modo nuovo di affrontare la resistenza ai farmaci nel cancro?

Il meccanismo coinvolge un complesso proteico precedentemente sconosciuto chiamato target di mammifero del complesso di rapamicina 3 (mTORC3).

Gli scienziati del St. Jude Children’s Research Hospital di Memphis, TN, l’hanno incontrato per caso mentre stavano facendo un esperimento.

Il loro studio è l’argomento di un articolo che ora è presente nella rivista Science Advances .

“Questo nuovo complesso”, spiega l’autore senior dello studio Gerard C. Grosveld, che è il presidente del dipartimento di genetica dell’ospedale, “non è stato sullo schermo radar di nessuno, anche se i complessi mTOR sono stati studiati negli ultimi 25 anni”.

Lui e il suo team descrivono il risultato come un “cambio di paradigma” nella nostra comprensione di un importante meccanismo di crescita cellulare e dichiarano che offre un “nuovo obiettivo per lo sviluppo di farmaci antitumorali”.

Regolatore di crescita cellulare

Il bersaglio enzimatico dei mammiferi (o meccanici) della rapamicina (mTOR) svolge un ruolo chiave nel controllo dei processi cellulari cruciali; regola la crescita e la mantiene in uno stato di equilibrio.

L’attivazione anormale di mTOR appare come un fattore in un ” numero crescente ” di malattie; così come il cancro , questi includono neurodegenerazione, diabete di tipo 2 e obesità .

Nel cancro, l’attivazione anomala di mTOR favorisce la crescita del tumore . La rapamicina, così come i farmaci che agiscono come tale – conosciuti come rapalog – sono progettati per fermare questo bloccando mTOR.

La maggior parte dei rapalog, tuttavia, ha un effetto limitato nel cancro perché le cellule tumorali sono resistenti a loro.

Gli scienziati avevano già rivelato che mTOR esercitava la sua ampia influenza all’interno di due grandi complessi proteici: mTORC1 e mTORC2.

Grosveld e il suo team, tuttavia, recentemente hanno trovato prove che suggeriscono che potrebbe esserci un terzo complesso di proteine ​​mTOR e che una proteina del fattore di trascrizione chiamata ETV7 l’ha assemblata.

L’esperimento che ha suggerito questo ha anche rivelato che l’ETV7 iperattivo era collegato all’MTOR iperattivo.

ETV7 assembla mTORC3

Ricercando attraverso diverse fonti di dati sul cancro genomico, gli investigatori hanno rivelato che ETV7 era sovraespresso in modo anomalo in una grande proporzione di casi in diversi tipi di cancro.

Il team ha riscontrato la sovraespressione di ETV7, ad esempio nella leucemia mieloide acuta , nella leucemia linfoblastica acuta , nei “tumori solidi pediatrici”, in un tipo di tumore cerebrale pediatrico chiamato medulloblastoma e nel cancro del fegato .

Successivamente, hanno effettuato test di coltura cellulare e hanno scoperto che ETV7 ha causato il mTOR a diventare iperattivo e che questa crescita cellulare accelerata.

Gli scienziati erano tuttavia confusi dal fatto che ETV7 non sembrava fare questo come parte dei complessi proteici mTORC1 o mTORC2.

Alla fine, dopo un altro gruppo di esperimenti, hanno scoperto che ETV7 stava orchestrando l’assemblaggio di un complesso di proteine ​​mTOR distinto al quale assegnavano il nome mTORC3.

Rimozione della resistenza alla rapamicina

Questi esperimenti hanno confermato che né mTORC1 né mTORC2 contenevano ETV7 e hanno dimostrato che mTORC3 era completamente resistente alla rapamicina.

Gli scienziati hanno poi dimostrato che la cancellazione di ETV7 in cellule tumorali resistenti alla rapamicina li ha resi vulnerabili al farmaco.

Un’ultima serie di test su topi geneticamente modificati per sviluppare tumori nei loro muscoli ha mostrato che la produzione di mTORC3 ha reso i tumori più aggressivi e accelerato la loro crescita.

I ricercatori ora progettano di trovare farmaci che bloccano mTORC3 prendendo di mira ETV7. Essi suggeriscono che la combinazione di un tale farmaco con quelli che hanno come bersaglio mTORC1 e mTORC2 potrebbe rendere molti tumori vulnerabili ai rapalog che sono altrimenti resistenti a loro.

Abbiamo sviluppato dati solidi per l’esistenza di mTORC3 e ora stiamo cercando di isolare e identificare i componenti del complesso.”

Gerard C. Grosveld

Annunci

Cosa sapere sulla gastrectomia o sulla rimozione dello stomaco. Farmajet news

Una gastrectomia è una procedura chirurgica per rimuovere parte o tutto lo stomaco.

I medici possono raccomandare la gastrectomia come trattamento per il cancro allo stomaco , che è anche chiamato cancro gastrico. La procedura può anche trattare il diabete , la gastroparesi e l’ obesità .

Dopo l’intervento, una persona digerirà i cibi in modo diverso, ma sarà comunque in grado di mangiare e bere. Potrebbe volerci del tempo per riprendersi e abituarsi a una nuova dieta e modo di mangiare.

In questo articolo, esaminiamo gli usi della gastrectomia, cosa aspettarci prima, durante e dopo la procedura e le possibili complicanze.

Tipi di gastrectomia

intervento chirurgico di gastroectomia.jpg

Una gastrectomia comporta la rimozione di tutto o parte dello stomaco.

Esistono tre tipi principali di gastrectomia:

  • gastrectomia completa, in cui viene rimosso tutto lo stomaco
  • gastrectomia parziale, in cui viene rimossa una parte dello stomaco
  • gastrectomia a manica, in cui viene rimossa una parte del lato sinistro dello stomaco per ridurre le dimensioni dell’organo

La procedura varierà a seconda del problema di salute e dei fattori personali.

Quando si usa la gastrectomia?

Un medico può raccomandare la gastrectomia per trattare le seguenti condizioni:

Tumore gastrico

I medici di solito raccomandano la gastrectomia per trattare il cancro allo stomaco in persone sufficientemente sane. Il chirurgo lascerà più stomaco possibile, che varierà a seconda del tipo e dello stadio del cancro .

L’ efficacia della chirurgia dipende dallo stadio del cancro alla diagnosi. Per garantire i migliori risultati, un piano di trattamento può includere una gastrectomia e concomitante chemioterapia, chemioradioterapia o chemioterapia perioperatoria .

gastroparesi

I medici possono considerare l’ uso di una gastrectomia parziale o totale per trattare la gastroparesi, ma raramente, e solo in pazienti attentamente selezionati. I ricercatori devono condurre ulteriori studi prima che questo diventi un trattamento comune.

Obesità

I medici possono utilizzare gastrectomia per trattare l’obesità, ma prendere in considerazione solo in casi rari, quando altri metodi, come la dieta, l’esercizio fisico, e le droghe designati, non sono stati efficaci. La comunità medica considera la procedura sicura ed estremamente efficace nel trattamento dell’obesità.

Diabete

Secondo una revisione del 2016 , la gastrectomia può anche migliorare l’esito per le persone con diabete di tipo 2 .

Gli autori di una revisione del 2015 hanno rilevato che l’intervento chirurgico di bypass gastrico e la gastrectomia a manica erano entrambi efficaci nella gestione del diabete e dell’obesità.

Procedura

I chirurghi possono eseguire interventi chirurgici allo stomaco in due modi:

  • La chirurgia a cielo aperto è comune e coinvolge un chirurgo che rimuove lo stomaco da un’incisione nell’addome.
  • La chirurgia laparoscopica (keyhole) comporta la realizzazione di numerose piccole incisioni nell’area. Poiché questo tipo di chirurgia è minimamente invasivo, spesso porta a tempi di recupero più rapidi e meno rischi rispetto alla chirurgia aperta.

Dopo che un chirurgo rimuove una sezione dello stomaco, ricostruisce il tratto gastrico. Spesso, usano un dispositivo a forma di Y chiamato un arto Roux per ricollegare parti del sistema digestivo.

Come prepararsi per una gastrectomia

analisi del sangue

Un medico richiederà spesso un’analisi del sangue prima di una gastrectomia.

Prima della procedura, una persona può aver bisogno di limitare la dieta, digiunando o evitando certi cibi.

Un medico può anche raccomandare di non assumere alcuni farmaci o integratori. Seguire sempre le istruzioni del medico.

Una persona può sentirsi più a suo agio pensando all’intervento se è a conoscenza di cosa accadrà. Potrebbe essere una buona idea discutere la chirurgia e il recupero in dettaglio con il medico.

Prima di una gastrectomia, un medico di solito esegue test di routine, come ad esempio:

  • analisi del sangue
  • test delle urine
  • un elettrocardiogramma
  • una radiografia del torace

Possono eseguire test aggiuntivi per comprendere meglio le condizioni della persona. Questi possono includere:

  • endoscopia superiore (gastrico-duodenale)
  • un ultrasuono endoscopico
  • una scansione CT

Cosa aspettarsi dopo la procedura

Una persona può spesso consumare qualsiasi cibo o bevanda che non causi disagio a meno che un’infermiera o un medico non diano indicazioni contrarie.

Parla con un medico di quali alimenti possono essere problematici. Se alcuni causano disagio o movimenti intestinali allentati, rimuoverli dalla dieta e reintrodurli dopo alcune settimane.

Di seguito sono riportati altri suggerimenti per un recupero più rapido:

Esercizio . Continua a muoverti, anche a letto, per evitare problemi come coaguli di sangue e debolezza muscolare. Ruota i piedi, allunga le gambe e muovi le dita dei piedi per aumentare la circolazione sanguigna e mantenere la forza muscolare

Respirazione profonda . Mentire a letto per lunghi periodi può portare a polmonite . Le tecniche di respirazione profonda possono prevenire questo tipo di complicanze. Dopo l’intervento chirurgico, un medico può dare a una persona un inspirometro, che è un dispositivo progettato per aiutare con la respirazione profonda.

Il controllo del dolore . Comunicare i livelli di dolore al personale medico. Gestire il dolore con successo aiuterà una persona a tornare alle attività regolari più rapidamente.

Evita certe attività . Limitare la quantità di balneazione e nuoto, sollevamento pesi e guida fino a quando un medico consiglia di riprenderli completamente.

In genere, un professionista medico rimuove punti o clip entro 7-10 giorni dall’intervento. Dopo questo, una persona può lentamente iniziare a tornare alle attività regolari.

Vita dopo gastrectomia

persona al self service.jpg

Alcuni alimenti possono essere più difficili da digerire dopo la chirurgia gastrica.

Dopo la chirurgia gastrica, una persona deve spesso cambiare la propria dieta, perché il loro stomaco è più piccolo e potrebbe essere meno in grado di gestire determinati alimenti. Molte persone riferiscono di essere in grado di mangiare di meno, sentirsi pieni prima e avere alcune complicazioni digestive.

Parla con un dottore dei migliori cibi da mangiare o evita dopo l’intervento.

Alcune persone sperimentano carenze nutrizionali dopo gastrectomie. I professionisti medici dovrebbero monitorare i livelli di una persona di:

  • vitamina B-12
  • ferro
  • folati
  • calcio
  • vitamina D

L’organizzazione No Stomach for Cancer fornisce informazioni utili per coloro che hanno avuto un intervento chirurgico gastrico. Vedi il loro blog per storie su come vivere una vita piena dopo una gastrectomia.

Complicazioni ed effetti collaterali della chirurgia

Secondo No Stomach for Cancer, fino al 75% delle persone che hanno avuto una gastrectomia parziale o totale ha avuto una sindrome da dumping, che si verifica quando il cibo passa troppo velocemente nell’intestino.

Altre complicazioni di una gastrectomia possono includere:

  • reflusso acido o bruciore di stomaco
  • nausea
  • angoscia legata ai pasti
  • stipsi
  • diarrea
  • indigestione
  • sindrome degli arti afferenti o efferenti
  • Sindrome di Roux
  • dolore addominale

Una persona potrebbe anche avere difficoltà ad assumere abbastanza nutrienti. Ciò può provocare anemia , scarso metabolismo osseo da carenza di calcio e vitamina D e perdita di peso, potenzialmente da un cattivo assorbimento dei micronutrienti .

Se una persona avverte uno dei seguenti sintomi dopo una gastrectomia, deve contattare un medico:

  • calore o arrossamento intorno al sito di chirurgia
  • pus proveniente dal sito
  • una febbre di oltre 38ºC
  • incapacità di bere o tenere giù i liquidi
  • dolore che non è migliorato dai farmaci

prospettiva

Una gastrectomia totale o parziale è un trattamento efficace per il cancro dello stomaco. Può anche trattare l’obesità.

Parla con un medico di cosa aspettarsi prima, durante e dopo una gastrectomia.

Recuperare da questo intervento può richiedere un po ‘di tempo, ma con il supporto di un gruppo di medici, la maggior parte delle persone procede a un recupero completo e conduce una vita regolare.

È questo il “farmaco perfetto” per fermare il movimento delle cellule cancerogene? Farmajet News

La ricerca sul cancro tende a concentrarsi sulla ricerca di metodi più efficaci per distruggere i tumori, ma più le cellule tumorali si diffondono, più diventa difficile eliminarle. Quindi, al fine di “contenere” il cancro e distruggerlo più facilmente, sarebbe utile inibire la capacità di movimento di queste cellule.
ricercatore al lavoro farmajet.jpg

Gli scienziati stanno perfezionando un farmaco che mira a inibire la capacità delle cellule tumorali di muoversi nel corpo.

La motilità cellulare si riferisce alla capacità di una cellula di migrare tra diverse posizioni.

Quando si tratta di cellule cancerose , la loro maggiore motilità contribuisce alla capacità del cancro di diffondersi nel corpo, o di metastatizzare , e di formare nuovi tumori in località a volte remote.

Ricercatori provenienti da sei istituzioni – tra cui l’Oregon Health and Science University (OHSU) di Portland, la Xiamen University in Cina, l’Università di Chicago nell’Illinois e la Northwestern University di Evanston, Illinois – hanno passato anni a cercare un farmaco che inibisce le cellule tumorali ‘motilità senza intaccare le cellule sane circostanti.

Come spiega il dott. Raymond Bergan, dell’OHSU, “Per la stragrande maggioranza dei tumori – seno, prostata, polmone, colon e altri – se viene rilevato precocemente quando è un nodulo in quell’organo e non si è diffuso , tu vivrai.”

“E in generale, se lo trovi tardi, dopo che si è diffuso in tutto il corpo, morirai”, aggiunge, spiegando che questo è il motivo per cui la capacità di spostare le cellule tumorali è cruciale.

“Il movimento è la chiave”, continua, spiegando, “La differenza è in bianco e nero, notte e giorno: se le cellule tumorali si diffondono nel tuo corpo, ti toglieranno la vita. Possiamo trattarla, ma ci vorranno la tua vita.”

Nel 2011, il Dr. Bergan e colleghi hanno trovato un farmaco chiamato KBU2046 che era in grado di inibire la motilità in modelli di cellule umane di cancro al seno, alla prostata, ai polmoni e al colon in vitro.

In un articolo pubblicato di recente sulla rivista Nature Communications , i ricercatori descrivono il loro lavoro con KBU2046 sui modelli murini di cancro e come hanno verificato se il farmaco avesse un effetto mirato, attaccando solo le cellule cancerose.

Alla ricerca di un farmaco di precisione

I ricercatori spiegano che il lavoro collaborativo tra dipartimenti e istituzioni è, in definitiva, ciò che ha permesso loro di identificare il composto.

Scienziati nel laboratorio di chimica del Prof. Karl Scheidt, direttore del Centro per l’innovazione molecolare e la scoperta dei farmaci presso la Northwestern University, hanno progettato nuove molecole che potrebbero adattarsi al progetto.

A sua volta, il Dr. Bergan e il suo team hanno analizzato questi composti, testando gli effetti collaterali e valutando se sarebbero stati in grado di inibire il movimento delle cellule tumorali senza influenzare i loro vicini sani.

“Abbiamo preso un indizio fornito dalla natura”, osserva il Prof. Scheidt, “e attraverso il potere della chimica ha creato un modo completamente nuovo per controllare potenzialmente la diffusione del cancro. È stata un’esperienza davvero gratificante lavorare insieme come squadra verso la fine aiutare i malati di cancro “.

Lo sviluppo del farmaco è stato un processo graduale, in cui i ricercatori hanno continuato a migliorare sul composto iniziale, dal momento che il team voleva agire con la massima precisione possibile.

“Abbiamo iniziato con una sostanza chimica che impediva alle cellule di muoversi, quindi abbiamo progressivamente perfezionato quella sostanza chimica fino a quando non ha fatto un lavoro perfetto per fermare le cellule senza effetti collaterali”, afferma il professor Scheidt.

“Tutti i farmaci hanno effetti collaterali”, spiega, “quindi cerchi il farmaco il più specifico possibile. Questo farmaco lo fa”.

Un meccanismo raffinato

KBU2046 funziona interagendo con le proteine ​​heat shock , che svolgono ruoli vitali nella funzione cellulare e possono aiutare a proteggerle dal degrado. Il composto sviluppato dal gruppo di ricerca influenza in modo specifico l’azione delle proteine ​​in modo che possano prevenire la motilità cellulare.

“Il modo in cui il farmaco funziona è che si lega a queste proteine ​​più pulite per fermare il movimento cellulare, ma non ha altri effetti su quelle proteine”, come osserva il Dr. Bergan, che è ciò che rende l’attività della KBU2046 una strategia terapeutica così promettente.

Sviluppare un farmaco così preciso, spiega il dott. Bergan, ha richiesto uno sforzo enorme e “ci sono voluti [gli scienziati] anni per capire”.

Il team ha anche incontrato altri ostacoli, come una iniziale mancanza di finanziamenti a causa della natura insolita della ricerca nel momento in cui gli investigatori hanno deciso per la prima volta di intraprenderlo.

“Inizialmente, nessuno ci finanziava: stavamo esaminando un modo completamente diverso di trattare il cancro”, afferma il dott. Bergan.

“Prevenire la malattia dello stadio avanzato”

Il farmaco non è ancora stato testato negli esseri umani, ma i ricercatori sperano che alla fine saranno in grado di condurre studi.

Tuttavia, credono che farlo richiederà una grande quantità di denaro – circa $ 5 milioni – e che ci vorranno circa 2 anni finché non raggiungeranno un punto in cui sono soddisfatti del loro lavoro preliminare sul compound.

Per ora, i ricercatori stanno cercando di ottenere fondi che consentano loro di condurre studi sperimentali su nuovi farmaci, che rappresentano un passaggio obbligato per la preparazione delle sperimentazioni cliniche.

“L’eventuale promessa di questa ricerca è che stiamo lavorando per lo sviluppo di una terapia che possa aiutare a gestire la malattia in fase iniziale, impedendo ai pazienti di contrarre la malattia più incurabile dello stadio successivo”, dice il coautore dello studio Ryan Gordon, dell’OHSU.

Finora, i ricercatori sono soddisfatti dei risultati ottenuti e del fatto che hanno insistito nel perseguire un approccio che non è sempre stato popolare.

Abbiamo usato la chimica per sondare la biologia per darci un farmaco perfetto che inibirebbe solo il movimento delle cellule tumorali e non farebbe nient’altro.Questo cambiamento di base nella logica ci ha portato a fare tutto ciò che abbiamo fatto.”

Dr. Raymond Bergan

Qual è il primo segno di mieloma multiplo? Farmajet news

Il mieloma multiplo è raro con un rischio di vita di 1 su 132 persone o dello 0,76% , secondo l’American Cancer Society (ACS). Stima dell’ACS ci saranno 30.770 nuovi casi e 12.770 decessi nel 2018.

Non si sa quale causa esattamente il mieloma multiplo, ma è più comune negli adulti più anziani e negli afro-americani di altri. Funziona anche in famiglie.

Non esiste una cura per il mieloma multiplo, ma la prognosi può essere buona se i medici la prendono precocemente.

Quali sono i sintomi?

provetta di sangue.jpg

I sintomi possono non sempre presenti nelle prime fasi del mieloma multiplo.

È essenziale riconoscere i sintomi di questo tipo di cancro in modo che i medici possano iniziare il trattamento in anticipo, se necessario.

I sintomi del mieloma multiplo variano e molte persone non avvertono alcun sintomo nelle fasi iniziali della malattia.

Quando i sintomi sono presenti possono includere:

  • estrema debolezza e stanchezza
  • debolezza e intorpidimento alle gambe
  • perdita di peso
  • infezioni frequenti, febbri e malattie
  • aumento della sete
  • minzione frequente
  • mancanza di respiro
  • stipsi
  • nausea

Condizioni correlate

Poiché i sintomi del mieloma multiplo aumentano e peggiorano, le persone possono sviluppare una o più condizioni correlate.

Queste condizioni sono una conseguenza dei primi sintomi del mieloma multiplo e includono:

ipercalcemia

L’ipercalcemia è quando una persona ha alti livelli di calcio nel sangue.

Le persone possono provare estrema sete, confusione, perdita di appetito e sintomi gastrointestinali, tra cui costipazione e nausea a causa dell’ipercalcemia.

Anemia

L’anemia è quando il numero di globuli rossi di una persona è basso.

Le cellule del mieloma eliminano i globuli rossi dal sangue, causando anemia.

Ridotta funzione renale

Il mieloma multiplo può influenzare la funzione renale e causare danni ai reni.

Problemi alle ossa

Il mieloma multiplo avanzato può causare fratture , dolore e assottigliamento delle ossa.

Infezione

Le cellule del mieloma indeboliscono il sistema immunitario e inibiscono la capacità del corpo di combattere le infezioni.

Come viene diagnosticato?

Il lavoro di laboratorio, l’imaging e il test del midollo osseo vengono utilizzati per raggiungere una diagnosi di mieloma multiplo.

Lavoro di laboratorio

analisi del sangue.jpg

Gli esami del sangue possono identificare cellule e proteine ​​anomale.

Le analisi del sangue possono rivelare le cellule anormali prodotte dal mieloma, incluse le proteine ​​M e la beta-2-microglobulina.

Il tipo di proteine ​​presenti nel sangue può anche confermare l’aggressività del mieloma.

Inoltre, i medici possono utilizzare le analisi del sangue per controllare il conteggio delle cellule del sangue, la funzionalità renale e i livelli di calcio. Anche i test delle urine sono un altro modo per rilevare le proteine ​​M.

Imaging

Le immagini, incluse le radiografie, la risonanza magnetica , la tomografia computerizzata e le scansioni PET vengono utilizzate per rilevare i problemi ossei correlati al mieloma multiplo.

Test del midollo osseo

Estrarre un campione di midollo osseo dal tessuto osseo di una persona consente ai tecnici di eseguire test.

Il campione viene prelevato usando un lungo ago inserito nell’osso. Questa procedura è chiamata aspirazione del midollo osseo e biopsia.

Un patologo esaminerà quindi il campione di ossa, sangue e midollo osseo al microscopio per cercare cellule di mieloma anormali.

Ibridazione in situ a fluorescenza (FISH)

Il test FISH analizza le cellule di mieloma , cerca i difetti genetici e determina la velocità di moltiplicazione delle cellule di mieloma.

Come funziona la stadiazione?

Il medico esaminerà i test per determinare lo stadio della malattia, dallo stadio I allo stadio III , una volta che il test ha confermato il mieloma multiplo.

La fase I indica che la malattia è meno aggressiva, mentre la fase III indica la malattia più aggressiva, che può colpire organi e ossa.

Il mieloma stadiazione viene eseguito per aiutare la persona e il medico a determinare prognosi e trattamenti.

Quali sono le opzioni di trattamento?

gruppo di meditazione farmajet.jpg

La meditazione può aiutare una persona a far fronte a più sintomi di mieloma.

Ciò che i medici curanti forniranno dipenderà dalla misura avanzata della malattia, dal fatto che l’individuo abbia sintomi e dalla gravità di questi sintomi.

Poiché non esiste una cura per il mieloma multiplo, gli obiettivi del trattamento sono di rallentare la progressione della malattia, ridurre le complicanze e gestire dolore e sintomi.

I medici di solito non suggeriscono il trattamento se una persona non ha sintomi. Se hanno sintomi ma non peggiorano e il test indica che la malattia non sta progredendo, il trattamento potrebbe non essere raccomandato.

Il monitoraggio di routine di qualcuno che non sta ricevendo il trattamento è fatto per verificare i sintomi e segni che indicano che la malattia potrebbe essere in aumento. Questo di solito comporta fare regolarmente analisi del sangue e test delle urine.

I medici possono suggerire le seguenti terapie:

Farmaci mirati per la terapia

Questi farmaci distruggono le cellule del mieloma bloccando specifiche sostanze chimiche nelle cellule, causando la morte dei cancerogeni. Dare questi farmaci per via endovenosa (IV) significa, attraverso una vena nel braccio, il solito metodo.

Terapie biologiche

Questi farmaci aiutano il sistema immunitario a combattere le cellule del mieloma. Sono disponibili in forma di pillola e sono progettati per aumentare la capacità del sistema immunitario di combattere il cancro.

Chemioterapia

Il trattamento farmacologico di chemioterapia è una potente terapia, somministrata ad alte dosi per uccidere le cellule tumorali in modo aggressivo e rapido. Questi farmaci sono disponibili in forma di pillola o somministrati come trattamento endovenoso.

Radiazione

La radioterapia usa raggi di energia per distruggere le cellule tumorali del mieloma in specifiche aree del corpo. Ricevere questo trattamento può significare che il cancro di una persona non ritorna.

Trapianti di midollo osseo

Il trapianto di midollo osseo è quando una persona riceve un midollo sano da un donatore. Prima del trapianto, le cellule tumorali devono essere trattate con radioterapia o chemioterapia.

Il midollo osseo sano può essere trapiantato nel corpo una volta che le cellule malate sono state distrutte. La speranza è che le cellule sane si spostino nel tessuto osseo e inizino a creare un sano midollo osseo.

Terapie alternative

Le terapie alternative includono l’ agopuntura , il massaggio, la meditazione e la respirazione rilassante. Le persone possono scoprire che l’utilizzo di queste tecniche li aiuta ad affrontare i sintomi del mieloma multiplo e gli effetti collaterali dei trattamenti.

Ogni persona dovrebbe discutere le terapie alternative con il proprio medico per assicurarsi che non interferiscano con i trattamenti e siano al sicuro.

prospettiva

Mentre non esiste una cura per il mieloma multiplo, è una condizione gestibile.

È possibile per una persona non sperimentare i sintomi per molti anni. Anche quando ci sono sintomi, per la maggior parte delle persone i trattamenti sono utili per rallentare la progressione della malattia e ridurre i sintomi.

La prospettiva è diversa per tutti e dipende da vari fattori, tra cui l’età di una persona, la salute generale e il modo in cui la malattia risponde al trattamento.

Le persone dovrebbero parlare con il loro medico per saperne di più sulla loro prognosi e sulle prospettive a lungo termine.

La causa comune della demenza può essere curabile.

Un nuovo studio – condotto dall’Università di Edimburgo nel Regno Unito – ha ora scoperto come una malattia che colpisce i piccoli vasi sanguigni del cervello contribuisce alla demenza e all’ictus.
demenza.jpg

Trattare CSVD potrebbe aiutare a prevenire la demenza.

La malattia in questione è chiamata malattia dei vasi piccoli cerebrali (CSVD).

In un documento ora pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine , i ricercatori guidati dal Prof. Anna Williams, che dirige il Centro MRC per la medicina rigenerativa presso l’università, si noti come hanno studiato le caratteristiche molecolari della malattia nei ratti.

Hanno fatto alcune importanti scoperte. Hanno identificato, per esempio, un meccanismo attraverso il quale il vaso sanguigno cambia da CSVD a danneggiare la copertura mielinica delle fibre nervose che trasportano segnali tra le cellule cerebrali.

Gli scienziati hanno anche mostrato come certi farmaci hanno invertito i cambiamenti dei vasi sanguigni e prevenuto il danneggiamento delle fibre nervose nel cervello dei ratti.

Le scansioni cerebrali di individui con demenza spesso mostrano anomalie nella sostanza bianca, che consiste principalmente di fibre nervose e la loro copertura di mielina.

Ma fino a questo studio, i meccanismi sottostanti che implicavano CSVD come driver del danno alla mielina nella sostanza bianca erano sconosciuti.

Se il meccanismo fosse lo stesso nel CSVD umano, questi risultati potrebbero aprire la strada a nuovi trattamenti per la demenza e l’ ictus .

La dott.ssa Sara Imarisio, che è responsabile della ricerca presso l’Alzheimer’s Research UK – una delle organizzazioni che ha sponsorizzato lo studio – afferma che i risultati indicano “una direzione promettente per la ricerca di trattamenti che potrebbero limitare gli effetti dannosi dei cambiamenti dei vasi sanguigni e aiutare [per] mantenere le cellule nervose funzionanti più a lungo “.

La demenza è una delle principali cause di disabilità

La demenza è un termine generale per un gruppo di condizioni in cui la funzione cerebrale peggiora nel tempo. Man mano che la condizione progredisce, diminuisce la capacità di ricordare, pensare, interagire socialmente, prendere decisioni e condurre una vita indipendente.

In tutto il mondo ci sono 50 milioni di persone affette da demenza e “10 milioni di nuovi casi ogni anno”.

La demenza è una delle principali cause di disabilità nelle persone anziane ed è la ragione principale per cui diventano dipendenti dagli altri. Il peso sociale ed economico della condizione colpisce anche gli assistenti, le famiglie e la comunità più ampia.

La maggior parte dei casi di demenza è causata dal morbo di Alzheimer, una malattia progressiva in cui le proteine ​​tossiche si accumulano nel cervello.

Altre condizioni che danneggiano direttamente o indirettamente il cervello – come l’ictus – causano anche la demenza.

“Disfunzione delle cellule endoteliali”

CSVD è comune tra gli individui più anziani . Non solo causa direttamente ictus e demenza, ma può anche peggiorare gli effetti del morbo di Alzheimer e dare origine a depressione e problemi di andatura.

Per molto tempo, si è pensato che le “diverse caratteristiche” di CSVD fossero segni di “diversi tipi di cambiamenti tissutali”. Ma più recentemente, gli scienziati hanno capito che queste caratteristiche probabilmente condividono molti cambiamenti simili che interessano i piccoli vasi sanguigni.

E, con l’avanzare della tecnologia di imaging, stanno trovando più semplice esplorare i meccanismi sottostanti.

Il Prof. Williams e i suoi colleghi hanno scoperto che CSVD causa disfunzione delle cellule endoteliali, che sono le cellule che formano il rivestimento interno dei vasi sanguigni.

Hanno anche scoperto che le cellule endoteliali disfunzionali impediscono alle cellule precursori di maturare in cellule che formano la copertura della mielina sulle fibre nervose.

“Un potenziale approccio terapeutico”

Un’indagine più approfondita ha rivelato che i ratti che hanno sviluppato CSVD avevano una forma mutata di un enzima chiamato ATPasi, e questo ha portato a disfunzioni delle loro cellule endoteliali. La mutazione è stata trovata anche nel tessuto cerebrale umano con CSVD.

In una serie finale di esperimenti, gli scienziati hanno dimostrato come l’uso di farmaci per stabilizzare le cellule endoteliali “potrebbe invertire le anormalità della sostanza bianca nella SVD nella fase iniziale del modello di ratto, suggerendo un potenziale approccio terapeutico”.

Il prof. Williams e il team spiegano che sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire se i farmaci funzionano dopo che CSVD si è affermata e se potrebbero anche “invertire i sintomi della demenza”.

Non ci sono attualmente farmaci che rallentano o fermano la malattia di Alzheimer e nessun trattamento per aiutare le persone che vivono con demenza vascolare”.

Dr. Sara Imarisio

Il numero di Spermatozoi più che dimezzato negli uomini occidentali.

Nel più ampio studio di questo tipo, i ricercatori hanno scoperto che il numero di spermatozoi nei paesi occidentali si è più che dimezzato negli ultimi decenni. Al di fuori di questi paesi, tuttavia, il declino non è significativo.
sperma farmajet.jpg

Il numero di spermatozoi sta davvero calando nel mondo occidentale?

La questione se il conteggio degli spermatozoi sia in diminuzione o meno è stata oggetto di dibattiti accesi da molti anni all’interno della comunità scientifica. Tuttavia, nessuna conclusione definitiva è stata raggiunta.

Ovviamente, un numero ridotto di spermatozoi ha implicazioni importanti per la riproduzione, ma questo non è l’unico motivo di allarme; è stato dimostrato che il basso numero di spermatozoi aumenta il rischio di mortalità e morbilità per tutte le cause.

Ad esempio, uno studio pubblicato nel 2014 ha concluso che “quelli con parametri anormali dello sperma hanno un rischio maggiore di morte, suggerendo una possibile eziologia comune tra infertilità e mortalità”.

Inoltre, il numero ridotto di spermatozoi è associato alla deformazione del pene (ipospadia), un testicolo che non si è spostato nello scroto ( criptorchidismo ) e nel cancro ai testicoli .

Un’altra preoccupazione generale è che il numero di spermatozoi e altre misure di qualità dello sperma potrebbero essere un segno del fatto che viviamo in un ambiente tossico. Più ne capiamo, meglio possiamo avvicinarci apportando modifiche consapevoli alle sostanze chimiche che usiamo ogni giorno.

Raccolta di dati sul conteggio dello sperma

Tenendo a mente questi fattori, un gruppo di ricercatori si è recentemente proposto di condurre una revisione sistematica su larga scala e una meta-analisi delle tendenze del numero di spermatozoi.

Per lo studio, un gruppo della Hebrew University-Hadassah Braun School of Public Health e Community Medicine in Israele ha unito le forze con la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York City, NY. I loro risultati sono pubblicati questa settimana sulla rivista Human Reproduction Update .

Hanno esaminato 7.500 studi e completato un’analisi di meta-regressione su 185 studi condotti dal 1973 al 2011. I risultati sono stati chiari e sorprendenti.

Uomini provenienti da Europa, Nord America, Australia e Nuova Zelanda hanno avuto un calo del 52,4 per cento nella concentrazione di spermatozoi e un calo del 59,3 per cento del numero totale di spermatozoi.

Al contrario, nessun calo significativo è stato riscontrato negli uomini provenienti da Asia, Sud America e Africa – sebbene ci fossero meno studi da analizzare in queste regioni. E preoccupante, il tasso di declino negli uomini occidentali non sembra rallentare; “la pendenza era ripida”. Anche quando l’analisi era limitata agli studi dal 1996 al 2011, la tendenza era ancora significativa.

Le implicazioni del numero ridotto di spermatozoi

Dal 1992, la questione se il numero di spermatozoi sia in costante calo è stata ampiamente dibattuta. Sebbene studi precedenti abbiano affrontato questo problema con risultati variabili, l’attuale ricerca ha un ambito più ampio.

Per garantire che l’analisi fosse il più accurata possibile, i ricercatori hanno controllato per una serie completa di fattori potenziali. Questi includevano il tempo di astinenza, il metodo di raccolta dello sperma, come sono stati contati gli spermatozoi, l’età del partecipante, come è stata selezionata la popolazione dello studio e quanti sono stati dati i campioni per uomo.

Data l’importanza dei conteggi di spermatozoi per la fertilità maschile e la salute umana, questo studio è un urgente campanello d’allarme per ricercatori e autorità sanitarie in tutto il mondo per indagare sulle cause del forte calo continuo del numero di spermatozoi, con l’obiettivo della prevenzione. ”

Autrice principale Dr. Hagai Levine

Gli autori ritengono che, poiché il declino si osserva solo nei paesi occidentali, “le sostanze chimiche nel commercio” potrebbero giocare un ruolo nella tendenza al ribasso.

Sebbene l’attuale studio non abbia affrontato la causa diretta, il calo della qualità dello sperma è stato precedentemente associato a pesticidi , calore, fattori legati allo stile di vita, dieta, fumo, stress e indice di massa corporea ( BMI ). I ricercatori chiedono se il numero di spermatozoi in calo potrebbe essere il proverbiale “canarino nella miniera di carbone”.

Poiché l’analisi dello studio era così dettagliata e il set di dati così vario – vale a dire, è stato distribuito uniformemente in 39 anni e in 50 paesi – i risultati sono particolarmente solidi e, pertanto, particolarmente preoccupanti.

Con le connessioni già tracciate tra il numero ridotto di spermatozoi e la mortalità complessiva, gli autori scrivono: “La ricerca sulle cause e le implicazioni di questo declino è urgente.”

Una dieta ricca di noci porta a una migliore qualità dello sperma?

Il numero di spermatozoi è in declino nelle società occidentali, secondo studi recenti, il che significa che la salute riproduttiva degli uomini sta soffrendo. Come può essere migliorato? Una dieta sana ricca di noci potrebbe aiutare, suggeriscono i ricercatori.
noci farmajet.jpg

La salute riproduttiva maschile ha subito un forte declino. Aiuterà semplicemente a … mangiare più noci?

Nel 2017, una vasta meta-analisi incentrata sulla salute riproduttiva maschile nei paesi occidentali ha rilevato che la concentrazione di spermatozoi e il numero di spermatozoi sono costantemente diminuiti negli ultimi 30 anni circa.

Ciò significa che la fertilità maschile è diminuita a un ritmo preoccupante ed è importante trovare soluzioni per contrastare questa situazione.

Recentemente, la ricerca condotta da un gruppo dell’Unità di nutrizione umana dell’Universitat Rovira i Virgil a Reus, in Spagna, ha suggerito che ciò che gli uomini includono – o non riescono a includere – nella loro dieta su base giornaliera potrebbe influenzare significativamente la qualità dello sperma che loro producono.

Gli investigatori osservano che fattori ambientali come “inquinamento, fumo e tendenze verso una dieta di tipo occidentale” possono essere in parte responsabili della crisi apparente della fertilità maschile.

Il recente progetto è stato uno studio randomizzato controllato che ha esaminato, in particolare, l’effetto del consumo di noci sulla salute dello sperma.

risultati sono stati presentati alla riunione annuale della Società Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia , tenutasi a Barcellona, ​​in Spagna, dallo studio autore Dr. Albert Salas-Huetos.

Più noci, sperma migliore?

La dott.ssa Salas-Huertos e i suoi colleghi hanno lavorato con 119 partecipanti maschi sani, di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Ai fini di questo studio, i volontari sono stati divisi casualmente in due gruppi.

Ad un gruppo è stato chiesto di aggiungere una manciata di noci – 60 grammi al giorno di una composizione di nocciole, mandorle e noci – alla loro dieta regolare in stile occidentale. Quelli del secondo gruppo hanno semplicemente seguito la loro solita dieta in stile occidentale, senza preoccuparsi di consumare frutta secca.

Per confrontare, campioni di sperma e sangue sono stati raccolti da tutti i partecipanti – sia all’inizio che alla fine di questo esperimento.

Alla fine del periodo di prova, gli scienziati hanno notato che i partecipanti che avevano seguito la dieta arricchita di noci avevano migliorato significativamente la qualità dello sperma.

Più specificamente, questi partecipanti avevano una conta spermatica maggiore del 16%, una vitalità spermatica del 4% più alta (cioè la quantità di spermatozoi vivi e sani trovati nello sperma), un miglioramento del 6% nella motilità degli spermatozoi (o della capacità degli spermatozoi di mossa), e un miglioramento dell’1% nella morfologia degli spermatozoi (che è il normale, sano, formato e forma delle cellule).

È importante sottolineare che gli uomini che hanno mangiato una manciata di noci misti al giorno hanno mostrato una minore frammentazione del DNA dello spermatozoo alla fine dello studio, il che significa che l’integrità genetica è stata meglio preservata nei campioni di sperma di questi partecipanti.

Quando il DNA spermatico è troppo frammentato, la fertilità è ridotta, o potrebbe rendere più probabile un aborto spontaneo.

Questi risultati, notano il dott. Salas-Huertos e colleghi, “supportano un ruolo benefico per il consumo cronico di noci nella qualità dello sperma”.

“Una dieta sana può aiutare la concezione”

I ricercatori spiegano che questi miglioramenti potrebbero essere dovuti al fatto che le noci sono ricche di importanti nutrienti, tra cui proteine, vitamine e omega-3 .

Tuttavia, gli investigatori spiegano che è difficile dire che le noci da sole sono la risposta alla migliore fertilità maschile.

Non possiamo ancora dirlo, basandoci esclusivamente sui risultati di questo studio, ma in letteratura si sta accumulando l’evidenza che lo stile di vita sano cambia come seguire un modello alimentare sano potrebbe aiutare il concepimento – e, naturalmente, i dadi sono una componente chiave del una dieta sana mediterranea. ”

Dr. Albert Salas-Huetos

Inoltre, i ricercatori spiegano che lo studio è stato condotto in una coorte di maschi giovani e sani, quindi qualsiasi generalizzazione dovrebbe essere evitata fino a quando ulteriori ricerche saranno condotte in una popolazione più diversificata.

Infine, lo studio è stato finanziato dal Consiglio internazionale Nut and Dried Food, quindi non mirava a valutare l’impatto di altri alimenti e sostanze nutritive sulla salute riproduttiva maschile.

Cos’è la penicillamina?

La penicillamina è un farmaco soggetto a prescrizione disponibile in compresse orali e capsule orali. È usato per diminuire il dolore, il gonfiore e la tenerezza associati all’artrite reumatoide.

Viene anche usato per rimuovere sostanze indesiderate dal corpo. Per le persone con la malattia di Wilson, rimuove il rame in eccesso . Viene anche usato per rimuovere l’arsenico nelle persone con avvelenamento da arsenico e per prevenire calcoli alla vescica e ai reni .

I nomi di marca di questo farmaco sono Cuprimine e Depen. Una versione generica non è disponibile.

La penicillamina viene fornita con un avviso scatolato dalla FDA (Food and Drug Administration) degli Stati Uniti, secondo cui solo i medici che hanno familiarità con questo farmaco e i suoi effetti collaterali dovrebbero utilizzarlo, poiché esiste il rischio di effetti avversi significativi.

I pazienti devono rimanere sotto la supervisione del medico durante l’uso di questo farmaco e sarà probabilmente necessario un numero di test per monitorare i cambiamenti.

Può causare gravi danni ai reni e può influire sulla funzione di coagulazione del sangue del corpo, aumentando il rischio di sanguinamento. Può anche aumentare il rischio di sviluppare un’infezione.

Dovrebbe essere prescritto solo da medici che sono addestrati a usarlo. Il medico controllerà attentamente il paziente durante l’utilizzo di questo farmaco per verificare eventuali problemi.

Fatti veloci sulla penicillamina

  • La penicillamina è un farmaco per via orale usato per trattare l’artrite reumatoide , la malattia di Wilson, la cistinuria e la tossicità dell’arsenico
  • Gli effetti indesiderati comuni comprendono mal di stomaco , prurito della pelle o eruzione cutanea, nausea, perdita del gusto, mal di stomaco, non sensazione di fame e diarrea .
  • I risultati di laboratorio possono mostrare proteine ​​nelle urine, globuli bianchi bassi e piastrine basse.
  • Non è adatto per l’uso durante la gravidanza, durante il tentativo di rimanere incinta o durante l’allattamento.
  • Può causare la perdita di vitamina B6 da parte dell’organismo e possono essere necessari supplementi giornalieri.
  • Quelli con calcoli renali e vescicali dovrebbero bere almeno 2 litri di acqua ogni giorno per irrigare il medicinale attraverso il sistema.

Usi: come funziona

polso

La penicillamina è usata per trattare l’artrite reumatoide e anche come agente chelante, per rimuovere sostanze indesiderate dal corpo.

La penicillamina è utilizzata per il trattamento della malattia articolare, ma non è chiaro quale sia la sua efficacia.

Tratta i calcoli renali e vescicali, noti come cistinuria, rimuovendo una proteina chiamata cistina dal corpo.

Funziona per trattare la malattia di Wilson rimuovendo il rame in eccesso dal corpo. Rimuove anche l’arsenico dal corpo in caso di avvelenamento da arsenico.

La penicillamina è un agente chelante. Ciò significa che si lega a determinati composti, che aiuta il tuo corpo a rimuoverli.

Effetti indesiderati comuni

Gli effetti collaterali più comuni includono:

  • eruzione cutanea o prurito
  • una perdita di gusto
  • non avere fame
  • vomito
  • diarrea
  • emorragia
  • febbre
  • infezione
  • ulcere o piaghe in bocca
  • proteina nelle urine, che può causare insufficienza renale
  • piastrine basse e globuli bianchi bassi

Sintomi e segni di problemi renali possono includere:

  • gonfiore delle mani, dei piedi o del viso
  • urina torbida o schiumosa

Gli effetti collaterali lievi possono scomparire entro pochi giorni o un paio di settimane. Se gli effetti collaterali sono gravi o non vanno via, è importante parlare con un medico.

Gravi effetti collaterali

La penicillamina è stata collegata a alcuni casi potenzialmente letali di anemia aplastica , agranulocitosi, trombocitopenia, sindrome di Goodpasture e miastenia grave .

È importante essere consapevoli dei possibili effetti collaterali di questo e di altri farmaci.

Se manifesta uno qualsiasi dei seguenti effetti indesiderati gravi, chiami immediatamente il medico.

Se i sintomi possono essere pericolosi per la vita o se pensi di avere un’emergenza medica, chiama il 9-1-1.

Reazione allergica

reazione allergica

Un’eruzione cutanea pruriginosa può verificarsi quando si utilizza questo farmaco. Potrebbe essere il segno di una reazione allergica.

I sintomi possono includere:

  • eruzione cutanea
  • orticaria
  • pizzicore
  • rossore
  • oppressione toracica
  • febbre

Infezione

I sintomi possono includere:

  • febbre
  • brividi
  • gola infiammata
  • tosse

Le persone che stanno usando questo farmaco possono ridurre il rischio di infezione attraverso misure di controllo delle infezioni, ad esempio limitando il contatto con persone che hanno un’infezione e lavando spesso le mani.

Se vi sono segni di infezione, come febbre, dolore, brividi o mal di gola, informi il medico.

Aumento del sanguinamento

I sintomi possono includere:

 

  • sangue nelle tue feci
  • sanguinamento dalle gengive
  • lividi facilmente

Questo farmaco può influenzare la capacità del sangue di coagulare. Di conseguenza, sanguinamento e lividi possono verificarsi più facilmente durante l’assunzione.

Problemi al fegato

I sintomi possono includere:

  • urina di colore scuro
  • vomito
  • mal di stomaco
  • ingiallimento del bianco degli occhi o della pelle

Problemi ai reni

I sintomi possono includere:

  • incapacità di passare l’urina

 

  • sangue nelle tue urine

Problemi di pancreas

I sintomi possono includere:

  • mal di stomaco
  • vomito
  • mal di schiena

Cambiamenti alla tua pelle

Questi potrebbero essere:

  • eccessivo corrugamento della pelle
  • pelle facilmente strappabile o stropicciata

Altri problemi includono tiroidite, problemi gastrointestinali e depressione del midollo osseo in alcuni pazienti.

Interazioni tra cibo e droga

La penicillamina può interagire con altri farmaci, erbe, vitamine e altri integratori, quindi è importante parlare con il medico di eventuali farmaci esistenti.

Avere tutte le prescrizioni nella stessa farmacia può aiutare a ridurre questo rischio, perché il farmacista può verificare eventuali interazioni farmacologiche.

Interazioni alimentari

Il cibo può ridurre l’effetto di questo farmaco.

La penicillamina deve essere presa a stomaco vuoto. Può essere assunto 1 ora prima o 2 ore dopo aver mangiato.

Alcune persone potrebbero dover bere molti liquidi durante l’assunzione di questo farmaco per massimizzare l’effetto. Il medico può consigliarti su questo.

Vitamina B6

L’uso di questo farmaco può causare all’organismo di eliminare più vitamina B6 del solito. Per prevenire un deficit, il medico può raccomandare l’uso di integratori.

Interazioni farmacologiche

Deve essere assunto almeno 1 ora prima o dopo qualsiasi altro farmaco al fine di prevenire un’interazione.

Ecco alcune delle possibili interazioni farmacologiche.

Droghe cardiache: digossina

La penicillamina può causare livelli più bassi di digossina nel corpo e ridurne l’effetto. Potrebbe essere necessaria una dose maggiore di digossina.

Antiacidi: idrossido di alluminio e idrossido di magnesio (latte di magnesia)

Gli antiacidi possono ridurre l’effetto della penicillamina nel corpo. Devono essere evitati per un’ora prima e dopo l’assunzione di penicillamina.

Pillole di ferro

Questi possono ridurre l’effetto della penicillamina. Le pillole di ferro non devono essere assunte un’ora prima o dopo l’assunzione di penicillamina.

Droghe per la malaria

La combinazione di penicillamina con farmaci contro la malaria può causare seri effetti collaterali.

Farmaci contro il cancro

Gravi effetti avversi possono derivare dall’assunzione di penicillamina con farmaci antitumorali .

Chi non dovrebbe usare la penicillamina?

Alcune persone non dovrebbero usare questo farmaco perché gli effetti collaterali possono essere più gravi con determinate condizioni.

Disturbi delle cellule del sangue

Se il corpo non produce abbastanza globuli bianchi, la penicillamina può peggiorare la situazione, causando infezioni e altri gravi effetti collaterali.

Il medico potrebbe dover eseguire esami del sangue di routine per monitorare il conteggio delle cellule del sangue del paziente.

Malattie renali

Le persone con malattia renale moderata o grave non dovrebbero usare questo farmaco.

La penicillamina viene rimossa dal tuo corpo dai reni. La malattia renale può portare ad una maggiore quantità di penicillamina nel corpo. Ciò potrebbe causare un aumento degli effetti collaterali.

Gravidanza

La penicillamina è un farmaco di gravidanza di categoria D.

Questo significa:

1. Gli studi mostrano un rischio di effetti avversi per il feto quando la madre assume il farmaco.

2. Questo farmaco deve essere usato durante la gravidanza solo in casi gravi in ​​cui è necessario trattare una condizione pericolosa nella madre.

I pazienti devono informare il medico se sono incinta, pianificare una gravidanza, perdere un periodo o avere rapporti sessuali non protetti durante l’assunzione di questo farmaco.

La penicillamina può causare danni a un feto in via di sviluppo.

Allattamento

La penicillamina può passare attraverso il latte materno e causare danni al bambino durante l’allattamento. L’allattamento al seno non è raccomandato durante l’assunzione di penicillamina.

Bambini

Per l’artrite reumatoide e la malattia di Wilson, la sicurezza e l’efficacia della penicillamina non sono state stabilite nelle persone di età inferiore ai 18 anni.

allergie

La penicillamina può causare una grave reazione allergica in alcune persone. Chiunque abbia mai avuto una reazione seria a questo farmaco non dovrebbe riprenderlo. Farlo potrebbe essere fatale.

Dosaggio

Il medico deciderà sulla migliore dose e forma del farmaco.

Questo dipenderà da:

  • l’età della persona
  • la condizione da trattare
  • quanto è grave la condizione
  • altre condizioni mediche
  • reazione alla prima dose

Un adulto con malattia di Wilson probabilmente prenderà tra 250 milligrammi (mg) e 2.000 mg al giorno, per capsula.

Per la cistinuria, la normale dose per adulti è di 2.000 mg al giorno, ma la dose può variare da 1.000 a 4.000 mg.

Per l’artrite reumatoide, il medico può prescrivere tra 125 mg e 1.500 mg al giorno.

È importante seguire le istruzioni del medico durante l’assunzione di qualsiasi farmaco. Se si verificano effetti collaterali, questi devono essere segnalati al medico, che può consigliare il passaggio successivo.

Prendendo troppo di questo farmaco può portare a gravi effetti collaterali, tra cui nausea e vomito e, eventualmente, problemi al fegato o ai reni. Se salti una dose, non prenda una dose doppia la volta successiva.

Potresti essere in grado di dire che il farmaco sta funzionando se riscontri una riduzione dei sintomi. Parlate con il vostro medico per vedere se il farmaco sta funzionando per voi.

Questo farmaco può essere assunto a lungo o breve termine. Parlate con il vostro medico di quanto tempo dovrete prenderlo.

Altri suggerimenti

Ecco alcuni altri punti da tenere a mente.

Viaggio

Quando viaggi con il tuo farmaco:

  • Portalo sempre con te o nel bagaglio a mano
  • Nota che le macchine a raggi X aeroportuali non influenzeranno questo farmaco
  • Potrebbe essere necessario mostrare l’etichetta prestampata della farmacia per identificare il farmaco.
  • Tieni con te la scatola con l’etichetta prescritta quando sei in viaggio.

Monitoraggio clinico

Il medico può eseguire questi test per garantire che il paziente rimanga in buona salute durante l’utilizzo di questo farmaco.

  • esame delle urine e del sangue per la funzionalità del sangue e dei reni
  • controlli della pelle possono essere effettuati due volte a settimana per il primo mese e poi ogni 2 settimane per i prossimi 5 mesi
  • test di funzionalità epatica possono essere effettuati almeno ogni 6 mesi durante l’utilizzo di questo farmaco

Ulteriori test di laboratorio possono essere eseguiti per verificare eventuali effetti collaterali e per valutare l’efficacia del farmaco

I farmaci alternativi potrebbero essere disponibili. Se gli effetti collaterali sono problematici, il medico può consigliare su cosa fare.

Perché sento dolore al mio orecchio quando ingoio?

Il dolore alle orecchie durante la deglutizione può essere estremamente scomodo e interferire con le attività quotidiane come mangiare, bere e parlare.

Ci sono molte ragioni per cui le orecchie di una persona potrebbero ferire quando inghiottono. Le tre cause più comuni di questo dolore sono le infezioni di:

  • orecchio
  • naso
  • gola

In questo articolo, impara i modi migliori per trattare il dolore all’orecchio che si verifica durante la deglutizione. Descriviamo anche quando chiedere il parere di un medico.

 

È un’infezione all’orecchio?

dolore orecchio farmajet.jpg

Il dolore all’orecchio è più comunemente il risultato di un’infezione nell’orecchio, nel naso o nella gola.

Le infezioni alle orecchie possono essere molto dolorose. Possono svilupparsi senza apparente motivo o risultato da un problema di fondo.

Le infezioni dell’orecchio si sviluppano spesso con:

  • un raffreddore
  • l’ influenza
  • un’infezione sinusale
  • fiammate allergiche

I sintomi di un’infezione all’orecchio includono:

  • gonfiore
  • un accumulo di liquido all’interno dell’orecchio
  • dolore nell’orecchio
  • una sensazione di pressione nell’orecchio

La maggior parte dei casi coinvolge infezioni batteriche o virali nell’orecchio medio. Queste infezioni sono più comuni nei bambini e circa il 50% dei bambini subiscono un’infezione dell’orecchio medio prima dei loro primi compleanni.

Sintomi di un’infezione dell’orecchio medio

I sintomi di un’infezione all’orecchio possono cambiare con l’età. Nei bambini, un’infezione all’orecchio medio può causare:

  • una febbre
  • dolore all’orecchio che può peggiorare se si sdraiano
  • pianto e irritabilità
  • perdita di appetito
  • perdita di equilibrio
  • meno sonno del solito
  • tirando l’orecchio colpito
  • drenaggio del fluido dall’orecchio
  • mal di testa

I sintomi per gli adulti includono:

  • dolore
  • una febbre di basso grado
  • drenaggio del fluido dall’orecchio
  • problemi di udito

Trattamenti di infezione dell’orecchio

Un medico prescriverà antibiotici se l’infezione causa un grave disagio o se i sintomi non migliorano entro 1 settimana.

Le infezioni dell’orecchio medio possono risolversi da sole, in particolare negli adulti.

 

È un’infezione al naso o alla gola?

mal di gola farmajet

Un’infezione al naso o alla gola può portare a dolore nell’orecchio e nella gola durante la deglutizione.

Mentre un’infezione all’orecchio è la causa più comune di dolore alle orecchie durante la deglutizione, le infezioni del naso o della gola possono essere responsabili.

Le adenoidi, che sono piccoli cuscinetti del tessuto immunitario, diventano più grandi in risposta ai germi raccolti dal naso e dalla bocca.

Le adenoidi si trovano vicino alle tube di Eustachio. Questi sono canali che collegano l’orecchio medio alla gola superiore e alla cavità nasale. Se le adenoidi diventano così grandi da ostruire i tubi, può causare dolore all’orecchio. Questo è più probabile che si verifichi durante l’infanzia, quando le adenoidi sono le più grandi.

Sintomi di un’infezione al naso o alla gola

Con entrambi i tipi di infezione, una persona può sperimentare:

  • mal di gola che peggiora durante la deglutizione
  • una tosse
  • una gola secca e graffiante
  • arrossamento nella parte posteriore della bocca
  • alito cattivo
  • ghiandole gonfie nel collo

 

Altre cause

Diversi altri problemi di salute possono causare dolore alle orecchie durante la deglutizione. Loro includono:

Tonsillite

Ciò si verifica quando le tonsille si infettano. La tonsillite di solito si sviluppa come una complicanza di un’infezione alla gola e il risultato è un mal di gola .

Un medico può curare l’infezione con antibiotici.

Ascesso peritonsillare

Questa infezione è associata a tonsillite. Se la tonsillite non viene curata, il pus può accumularsi intorno a una delle tonsille e causare forti dolori. Il dolore di solito è peggiorato da un lato. Può estendersi all’orecchio e peggiorare durante la deglutizione o l’apertura della bocca.

Alcuni casi richiedono un intervento chirurgico, durante il quale un chirurgo drena il pus raccolto attraverso un’incisione. Gli antibiotici possono anche essere necessari.

Nevralgia glossofaringea

Il nervo glossofaringeo si trova nella testa e nel collo e problemi con esso possono causare questa condizione rara e dolorosa.

I sintomi possono includere dolore lancinante attorno a un orecchio, nonché dolore alla gola, al viso, sotto la mascella o sulla lingua.

Alcune persone possono gestire i sintomi con farmaci antidolorifici, anche se in casi estremi è necessario un intervento chirurgico.

L’orecchio del nuotatore

L’orecchio del nuotatore si sviluppa quando l’acqua penetra nel condotto uditivo, creando un ambiente caldo e umido in cui funghi e batteri possono moltiplicarsi.

Un medico può prescrivere farmaci per le orecchie e l’infezione dovrebbe scomparire entro 7-10 giorni.

Disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare

La disfunzione dell’articolazione temporomandibolare si verifica quando l’articolazione che collega la mascella al cranio si danneggia. Una persona può provare dolore quando mastica, parla o deglutisce. Il dolore può verificarsi anche nelle orecchie.

I trattamenti comprendono antidolorifici, impacchi caldi o freddi, cambiamenti nello stile di vita, farmaci antinfiammatori non steroidei e riposo. I medici consigliano inoltre alle persone di smettere di serrare la mascella e di digrignare i denti, se questi sono problemi.

Colla orecchio

Ciò si verifica quando il liquido si raccoglie all’interno dell’orecchio. Mentre la condizione è solitamente indolore, può causare una perdita temporanea dell’udito e la pressione causata dall’accumulo può occasionalmente causare dolore.

L’orecchio di colla potrebbe non richiedere un trattamento, anche se potrebbero volerci mesi per scomparire completamente. Se la condizione è grave, un medico può posizionare piccoli tubi chiamati occhielli nell’orecchio per drenare il liquido.

Cerume o un oggetto nell’orecchio

Un mal d’orecchi può derivare da un oggetto che si deposita nell’orecchio. Un medico dovrebbe rimuovere eventuali ostruzioni dell’orecchio.

Le persone possono usare le gocce per le orecchie per ammorbidire un accumulo di cerume . Se la cera è particolarmente testarda, un medico potrebbe dover lavare l’orecchio con acqua.

Ascesso dentale

Un’infezione batterica può causare la formazione di pus nei denti e nelle gengive. Questo accumulo è chiamato ascesso dentale . Il dolore nel dente interessato è il sintomo principale, ma un ascesso può anche causare dolore nell’orecchio.

Una persona dovrebbe ricevere un trattamento il più presto possibile. Il dentista può drenare il pus e rimuovere l’ascesso, riducendo il dolore e altri sintomi.

Sindrome di Eagle

I problemi con i legamenti e le ossa del collo o del cranio possono causare la sindrome di Eagle . Una persona può provare dolore nella parte posteriore della gola, del viso e delle orecchie, che possono peggiorare quando muovono la testa.

Potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per correggere i problemi sottostanti.

Danni all’udito

Anche il dolore all’orecchio può derivare da un danno. Spingere gli auricolari troppo lontano nel condotto uditivo o graffiarlo con un dito o un cotton fioc può causare la perforazione del timpano.

La maggior parte dei danni all’orecchio si rimargina da sola. Un timpano forato può richiedere diversi mesi per guarire completamente.

 

Quando vedere un dottore

dottore con otoscopio farmajet

Una persona dovrebbe vedere un medico quando i sintomi di febbre accompagnano il dolore all’orecchio.

Il dolore nell’orecchio durante la deglutizione può indicare una condizione di base.

Se una persona manifesta anche uno dei seguenti sintomi, contattare un medico il prima possibile:

  • una febbre alta
  • sentirsi caldo e tremante
  • fluido che fuoriesce dall’orecchio
  • perdita dell’udito
  • gonfiore dentro o attorno all’orecchio
  • un mal d’orecchi che dura per più di pochi giorni
  • vomito
  • un forte mal di gola
  • vertigini
  • frequenti infezioni all’orecchio ricorrenti

Inoltre, consultare immediatamente un medico se il dolore all’orecchio accompagna una condizione medica a lungo termine, come il diabete , un cuore, un polmone, un rene o una malattia neurologica o una malattia che indebolisce il sistema immunitario.

 

Porta via

Il dolore alle orecchie durante la deglutizione può essere molto scomodo. Tuttavia, una persona può gestire molte delle cause comuni a casa.

Se un’infezione è responsabile per il dolore, può andare via da solo o con la prescrizione di farmaci.

Undici consigli per macchie bianche sui denti

Esistono diverse cause possibili di macchie bianche sui denti, tra cui fluorosi dentale, ipoplasia dello smalto, scarsa igiene dentale e consumo eccessivo di cibi acidi o zuccherini.

Sebbene le persone possano vedere macchie bianche sui loro denti come indesiderabili, raramente hanno bisogno di essere un serio motivo di preoccupazione da un punto di vista medico.

In questo articolo, esaminiamo i motivi per cui le persone potrebbero avere macchie bianche sui loro denti e fornire 11 suggerimenti per trattarli e prevenirli.

Le cause

denti bianchi farmajet

La fluorosi dentaria è una causa comune di macchie bianche sui denti.
Immagine di credito: Matthew Ferguson 57, 2015

Ci sono diverse possibili cause di macchie bianche sui denti.

Una causa comune è la fluorosi dentale.

Le persone di solito ottengono questo quando sono giovani se hanno consumato troppa fluoro da bambino. Di solito è una condizione innocua che tende a svilupparsi solo prima che i denti si rompano attraverso le gengive.

Un’altra causa comune è l’ipoplasia dello smalto.

Questa condizione si verifica quando lo smalto dei denti di una persona non si forma correttamente. Come la fluorosi, l’ipoplasia si verifica solo durante l’infanzia quando i denti di una persona sono ancora in via di sviluppo. Tuttavia, può aumentare il rischio di carie.

Altre cause di macchie bianche sui denti includono scarsa igiene dentale, soprattutto quando qualcuno indossa le parentesi graffe o mangia troppi alimenti acidi o zuccherini.

trattamenti

Ci sono diversi trattamenti possibili per le macchie bianche sui denti. L’idoneità di questi trattamenti può dipendere dalla causa sottostante delle macchie bianche e dalla condizione dei denti di una persona.

1. Microabrasione dello smalto

Alcune persone potrebbero essere in grado di fare microabrasione per trattare le loro macchie bianche. Durante questa procedura, un dentista rimuove una piccola quantità di smalto dai denti per ridurre l’aspetto delle macchie bianche.

Questo trattamento professionale è in genere seguito dallo sbiancamento dei denti, che può rendere i denti più uniformi nei colori.

2. Sbiancamento dei denti o sbiancamento

I denti sbiancanti o sbiancanti possono aiutare a ridurre la comparsa di macchie bianche e altre macchie. Una varietà di prodotti per sbiancamento dei denti, come strisce e incolla, sono disponibili da banco (OTC.). Le persone possono anche acquistare questi prodotti online .

Le persone con macchie bianche possono anche vedere un dentista per trattamenti sbiancanti professionali. Questi trattamenti tendono a utilizzare soluzioni di sbiancamento più forti rispetto a quelle disponibili OTC, il che potrebbe farle funzionare meglio.

3. Impiallacciatura dentale

Le faccette dentali sono rivestimenti sottili e protettivi che si attaccano alla superficie anteriore dei denti di una persona. Possono nascondere molto efficacemente macchie bianche e altri difetti.

I rivestimenti dentali sono disponibili solo da un dentista e devono essere montati professionalmente. Questo può renderli costosi.

4. Fluoro topico

Un dentista può applicare il fluoruro topico ai denti di persone con ipoplasia dello smalto. Questo potrebbe incoraggiare lo sviluppo di smalto sui denti e aiutare a prevenire la carie.

5. Resina composita.

Per le persone con ipoplasia dello smalto, un dentista può applicare la resina composita per riempire le cavità e per legare lo smalto esterno dei denti. Questo potrebbe non essere adatto se le persone hanno un gran numero di macchie bianche sui loro denti.

Suggerimenti preventivi

denti bianchi 2

Le persone con ipoplasia dello smalto possono avere un rischio maggiore di danni ai denti.
Immagine di credito: Maurizio Procaccini et al, Head & Face Medicine, 2007

Praticare un’igiene dentale eccellente può aiutare a prevenire macchie bianche sui denti e altre macchie, carie, malattie gengivali o altri problemi dentali.

L’American Dental Association (ADA) raccomanda alle persone di lavarsi due volte al giorno con un dentifricio al fluoro e il filo interdentale tra i denti una volta al giorno.

Per la maggior parte delle persone, i denti bianchi si sviluppano prima che raggiungano l’età di 10 anni. Questo può variare in alcune persone.

Pertanto, è essenziale che le persone incoraggino i loro figli ad avere una buona igiene dentale e altre abitudini di prevenzione. Questo può aiutarli a garantire che i loro denti rimangano sani e forti.

Seguendo i suggerimenti di seguito può aiutare a prevenire macchie bianche da sviluppare sui denti dei bambini:

6. Utilizzo di acqua priva di fluoruro

Per i bambini che si nutrono principalmente di latte artificiale, la preparazione del latte artificiale con acqua priva di fluoro può aiutare a prevenire l’accumulo eccessivo di fluoro nei denti.

7. Usando la giusta quantità di dentifricio

Per i bambini di età inferiore a 3 anni, le persone dovrebbero assicurarsi che non stiano usando più di una macchia di dentifricio, o una quantità delle dimensioni di un chicco di riso, sullo spazzolino da denti.

Per i bambini di età superiore a 3 anni, i badanti dovrebbero assicurarsi di non usare più di una dentifricia di dentifricio.

I bambini piccoli spesso non riescono a sputare fuori il dentifricio, quindi l’uso di una piccola quantità può aiutare a ridurre la loro esposizione complessiva al fluoro. Supervisionare la spazzolatura di un bambino può aiutare a garantire che stiano usando una quantità appropriata di dentifricio e non deglutiscano troppo.

8. Testare l’acqua di pozzo

Le persone dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di testare l’acqua per i livelli di fluoro su base annuale, se hanno le loro case collegate a pozzi privati. Questa politica è vitale per chiunque abbia bambini piccoli poiché i livelli di fluoro naturale possono variare notevolmente in luoghi diversi.

9. Seguendo le raccomandazioni sugli integratori di fluoro

L’ADA raccomanda supplementi dietetici di fluoro per bambini di età compresa tra 6 mesi e 16 anni che vivono in aree senza acqua fluorizzata che hanno un alto rischio di sviluppare la carie. Questi supplementi dovrebbero essere usati solo se un medico o un dentista li prescrive per qualcuno.

10. Ridurre cibi e bevande zuccherati e acidi

coca cola farmajet

Bevande soda e sportive possono danneggiare lo smalto dei denti e causare la carie.

Lo smalto dei denti può essere danneggiato e il rischio di carie è aumentato da alcuni cibi e bevande, soprattutto quelli ricchi di zuccheri o acidi.

Gli alimenti e le bevande di cui essere a conoscenza includono quanto segue:

  • succhi e frutta di agrumi, come pompelmi, limoni e arance
  • caramelle dure e altri dolci zuccherini
  • bibite e altre bevande ad alto contenuto di zuccheri, comprese le bevande sportive

Mentre occasionalmente mangiare questi cibi e bevande può essere innocuo, mangiare troppo o troppi può portare a danni e macchie, compresi i punti bianchi.

L’acqua potabile dopo aver consumato questi alimenti può aiutare a lavarli via dai denti e ridurre le possibilità di danni. Anche bere attraverso una cannuccia può aiutare.

11. Vedere un dentista

Chiunque sia preoccupato per la loro salute dentale, o quella del loro bambino, dovrebbe parlare con un dentista.

Anche se le macchie bianche sui denti possono essere meno desiderabili, di solito non sono motivo di preoccupazione. Tuttavia, le persone con ipoplasia dello smalto possono essere ad aumentato rischio di danni e decadimento dentale.

Se una persona nota che le macchie bianche sui loro denti stanno cambiando di dimensioni o numero, o stanno iniziando ad avere dolore ai denti, dovrebbero vedere il loro dentista.

Un dentista può valutare i sintomi e le condizioni dei denti e raccomandare un piano di trattamento, se necessario.

prospettiva

Raramente le persone hanno bisogno di essere eccessivamente preoccupate per le macchie bianche sui loro denti e possono trattarle per scopi cosmetici, se lo desiderano.

Un dentista può raccomandare interventi, come lo sbiancamento professionale o l’applicazione di faccette, per rendere i denti più uniformi nei colori.

Chiunque sia preoccupato per le macchie bianche sui denti dovrebbe visitare il proprio dentista per un esame.