Le “proteine ​​naturali” potrebbero invertire il diabete legato all’obesità,e curare il fegato grasso

Una scoperta fortuita nella ricerca sul cancro ha rivelato che una proteina che si trova naturalmente nel corpo svolge un ruolo importante nella regolazione del metabolismo. Ulteriori indagini hanno portato a suggerire che l’innalzamento dei livelli delle proteine ​​potrebbe invertire il fegato grasso, il diabete di tipo 2 e altre condizioni correlate all’obesità.
donna obesa.jpg

L’obesità può causare una serie di disturbi cardiometabolici, ma una proteina presente in natura può prevenire gli effetti dannosi del sovrappeso.

Gli scienziati della Scuola di Medicina della Georgetown University di Washington, DC, hanno scoperto che l’aumento della produzione della proteina causava ai topi obesi la riduzione della quantità di grasso nei loro corpi anche se erano geneticamente modificati per mangiare troppo.

Lo hanno fatto aumentando l’espressione del gene associato alla proteina.

In un documento sul loro lavoro che appare ora nella rivista Scientific Reports , gli autori descrivono come la proteina 3 (FGFBP3, o BP3) che lega il fattore di crescita dei fibroblasti “modula il metabolismo di grassi e glucosio nei modelli murini di sindrome metabolica”.

“Abbiamo trovato”, dice l’autore senior dello studio Anton Wellstein, che è un professore di oncologia e farmacologia al Centro oncologico globale di Georgetown Lombardi, “che otto trattamenti BP3 in 18 giorni [erano] sufficienti a ridurre il grasso nei topi obesi di oltre un terzo “.

Sono state ridotte anche altre condizioni legate all’obesità . Gli eccessivi livelli di zucchero nel sangue degli animali – un segno distintivo del diabete noto come iperglicemia – cadevano e il loro fegato, che era grasso, perdeva il grasso.

I ricercatori osservano che poiché la BP3 si trova naturalmente nel corpo, le terapie basate su di essa non dovrebbero subire gli stessi lunghi test dei farmaci basati su composti sintetici. Gli studi clinici che utilizzano l’equivalente umano potrebbero iniziare subito dopo la conclusione di studi preclinici, spiegano gli autori.

Le terapie basate su BP3 potrebbero anche avere il vantaggio di effetti collaterali minimi, se non addirittura indesiderati; gli investigatori non ne trovarono nessuno nei topi trattati, anche quando esaminarono i loro tessuti al microscopio.

Obesità e condizioni correlate

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che i tassi di obesità siano quasi triplicati a livello mondiale dal 1975.

Le stime per il 2016 rivelano che un terzo degli adulti (1,9 miliardi) è sovrappeso e che di questi, 650 milioni hanno obesità.

C’è un modello simile di aumento dell’obesità nei bambini. Nel 1975, circa il 4% di quelli di età compresa tra 5 e 19 anni era in sovrappeso o obesi, rispetto al 18% nel 2016.

L’obesità, in particolare l’obesità addominale, è uno dei fattori di rischio che compongono la sindrome metabolica, un insieme di condizioni che aumentano il rischio di sviluppare problemi di salute e malattie come diabete, malattie cardiache, ictus, alcuni tipi di cancro e steatosi epatica non alcolica ( fegato grasso).

L’obesità addominale, o con una linea di cintura ampia, è un indicatore di troppo grasso intorno allo stomaco, che aumenta il rischio cardiaco più che portare troppi grassi nel resto del corpo, compresi i fianchi.

Poiché la sindrome metabolica aumenta in linea con l’obesità, gli esperti prevedono che soppianterà il fumo come principale fattore di rischio per le malattie cardiache .

BP3 è una “proteina chaperone”

BP3 appartiene a una famiglia di proteine ​​”chaperone” che potenziano l’attività dei fattori di crescita dei fibroblasti (FGF) legandosi a loro. Le FGF sono presenti in molte specie, dove aiutano a controllare i processi biologici vitali che vanno dalla crescita cellulare alla riparazione dei tessuti.

Il prof. Wellstein ha indagato sul ruolo di BP3 per qualche tempo. L’aumento della produzione di BP3 si verifica in alcuni tipi di cancro , così lui e il suo team hanno deciso di dare un’occhiata più da vicino.

Hanno scoperto che BP3 si lega a tre FGF la cui caratteristica di segnalazione nel metabolismo cellulare. Due delle FGF aiutano a regolare l’uso e la conservazione di zuccheri e grassi. Il terzo FGF regola l’uso del fosfato.

Il Prof. Wellstein afferma che l’aumento di BP3 aiuta ad aumentare la segnalazione di queste FGF, rendendo la proteina “un forte stimolatore del metabolismo dei carboidrati e dei lipidi”.

“È come avere a disposizione molti più taxi a New York per raccogliere tutte le persone che hanno bisogno di un passaggio”, aggiunge.

Con il metabolismo accelerato, lo zucchero nel sangue e il grasso trasformato nel fegato vengono utilizzati per l’energia e non vengono immagazzinati, e anche i depositi di grasso vengono prelevati.”

Prof. Anton Wellstein

Annunci

È così che il grasso addominale porta al diabete?

È noto che essere sovrappeso o obesi porta a problemi di salute, ma potrebbe essere meno noto che il grasso addominale è il tipo più dannoso. Fino ad ora, i ricercatori non erano sicuri dei meccanismi responsabili di questo – ma ora, rivelano come un enzima prodotto dal nostro fegato aumenta il rischio di diabete.

gra

L’infiammazione del grasso intorno alla pancia è particolarmente dannosa e una nuova ricerca rivela perché.

Quando si tratta delle conseguenze dannose del grasso in eccesso, il modo in cui viene distribuito su tutto il corpo è fondamentale.

Notizie mediche Oggi hanno recentemente riportato studi che dimostrano che il grasso addominale è profondamente legato al diabete di tipo 2 e alle malattie cardiache .

Abbiamo anche analizzato studi che suggeriscono che le donne, in particolare, potrebbero avere un aumentato rischio cardiometabolico se hanno un rapporto vita-fianchi più alto.

Ulteriori ricerche hanno trovato che il grasso della pancia è particolarmente pericoloso quando infiammato. Vecchi studi hanno dimostrato che locale infiammazione nel tessuto adiposo conduce ad anomalie cardiometabolic come resistenza all’insulina .

Ma l’esatto meccanismo responsabile di questa connessione tra infiammazione del tessuto adiposo e disturbi cardiometabolici è rimasto un po ‘oscuro – per esempio, i ricercatori si sono chiesti se l’infiammazione è “una causa o una conseguenza della resistenza all’insulina”.

Ora, i ricercatori della Columbia University Irving Medical Center di New York City, a New York, contribuiscono a gettare una luce tanto necessaria sulla questione; rivelano che il fegato contribuisce a questa infiammazione.

Il team è stato guidato dal Dr. Ira Tabas – che è il Richard J. Stock Professor of Medicine presso la Columbia University Vagelos College of Physicians and Surgeons – ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature .

Il ruolo chiave degli inibitori DPP4 nel diabete

Il Dr. Tabas ed i suoi colleghi hanno usato topi obesi per verificare se il blocco di un enzima chiamato DPP4 ridurrebbe l’infiammazione nel loro grasso addominale.

I ricercatori si sono concentrati su DPP4 perché agli esseri umani che già hanno il diabete vengono prescritti inibitori DPP4 per aiutarli a gestire i loro sintomi. Gli inibitori della DPP4 impediscono all’enzima di interagire con un ormone che stimola l’insulina.

In questo studio, DPP4 non ha abbassato l’infiammazione addominale nei topi. Il dott. Tabas spiega questi risultati, suggerendo che potrebbero essere alla differenza tra il modo in cui gli inibitori DPP4 agiscono nell’intestino e il modo in cui agiscono nel fegato.

“Gli inibitori della DPP4 abbassano la glicemia inibendo la DPP4 nell’intestino, ma abbiamo alcune prove che gli inibitori della DPP4 nell’intestino finiscono per favorire l’infiammazione nei grassi”, afferma. “Questo annulla gli effetti antinfiammatori che i farmaci possono avere quando raggiungono le cellule infiammatorie, chiamate macrofagi, nel grasso.”

“Dai nostri studi”, aggiunge il Dr. Tabas, “sappiamo che DPP4 interagisce con una molecola su queste cellule per aumentare l’infiammazione, se potessimo bloccare quell’interazione, potremmo essere in grado di impedire all’enzima di causare infiammazione e resistenza all’insulina”.

Quindi, i ricercatori hanno preso di mira DPP4 nelle cellule del fegato anziché nell’intestino.Questo ha ridotto l’infiammazione adiposa e diminuito la resistenza all’insulina.

Gli inibitori della DPP4 hanno anche ridotto la glicemia.

Verso prove cliniche umane

Come afferma il Dr. Tabas, “l’inibizione del DPP4 in particolare nelle cellule del fegato attacca la resistenza all’insulina – il problema principale del diabete di tipo 2 – almeno nei nostri modelli preclinici”.

I ricercatori spiegano cosa significano i risultati per i futuri trattamenti del diabete di tipo 2. Il Dr. Tabas afferma: “Se possiamo sviluppare modi per indirizzare il fegato DPP4 nelle persone, questo potrebbe essere un nuovo modo potente per trattare il diabete di tipo 2 indotto dall’obesità”.

Anche il dott. Ahmed A. Hasan, un ufficiale medico e direttore del programma presso l’Atherothrombosis & Coronary Artery Disease Branch del National Heart, Polmone e Blood Institute, commenta i risultati.

Dice: “Questo studio rivela un potenziale nuovo target per il trattamento del diabete di tipo 2 e dei disturbi cardiometabolici”.

Questi risultati potrebbero spianare la strada a una futura sperimentazione clinica per verificare se un nuovo approccio terapeutico basato su questo obiettivo potrebbe migliorare la resistenza all’insulina nei pazienti diabetici.

Dr. Ahmed A. Hasan