Inversione dell’aterosclerosi con un colpo

Una nuova ricerca dimostra che l’iniezione di nanofibre sinteticamente progettate nei topi aiuta a rompere la placca arteriosa che è una caratteristica dell’aterosclerosi.
placca.jpg

Un nuovo studio suggerisce che un’iniezione potrebbe essere in grado di ridurre la placca arteriosa (raffigurata qui).

L’aterosclerosi è una condizione in cui la placca si accumula all’interno delle arterie , irrigidendosi e infine bloccandole.

La placca è una sostanza cerosa fatta di colesterolo , grasso, frammenti di rifiuti cellulari, calcio e fibrina , una proteina insolubile che aiuta a coagulare il sangue.

Poiché la placca si accumula gradualmente all’interno delle arterie, provoca la perdita dell’elasticità delle navi, il che le rende meno efficienti nel pompare il sangue.

Inoltre, rende le pareti interne delle arterie più spesse, il che limita il flusso di ossigeno alle cellule. Nel tempo, la placca può portare a coaguli di sangue, o parti di esso possono staccare e bloccare le arterie.

Per queste ragioni, l’aterosclerosi può causare cardiopatia ischemica , angina , malattia delle arterie periferiche o malattia renale cronica , tra le altre condizioni.

Le terapie attuali per l’aterosclerosi includono l’uso di statine, che aiutano a regolare i livelli di colesterolo. Tuttavia, questi farmaci aiutano solo a tenere sotto controllo la condizione; non lo invertono

Una nuova ricerca, tuttavia, mostra che un giorno, invertire questa condizione potrebbe essere possibile. Il dottor Neel A. Mansukhani, un collega di chirurgia vascolare integrata presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, ha condotto uno studio in cui sono state utilizzate nanofibre sinteticamente create in un modello murino di aterosclerosi.

L’iniezione ha mirato con successo l’accumulo di colesterolo e ha portato alla rottura della placca. I risultati sono stati presentati alla conferenza dell’American Heart Association Vascular Discovery: From Genes to Medicine Scientific Sessions 2018 , tenutasi a San Francisco, in California

Il trattamento riduce la placca fino all’11 percento

Il Dr. Mansukhani spiega come i ricercatori hanno deciso di progettare fibre molto piccole che contenevano particelle che rimuovono il colesterolo. “Il nostro obiettivo”, afferma, “era di sviluppare una nuova terapia non invasiva, non chirurgica, per arrestare e invertire la malattia colpendo effettivamente la parete del vaso con nanofibre a base di peptidi sviluppate in laboratorio”.

Per testare la sostanza di nuova concezione, il Dr. Mansukhani e il team hanno progettato geneticamente topi per avere aterosclerosi. Quindi, hanno posto i topi su una dieta ricca di grassi per 14 settimane.

Dopo le 14 settimane, alcuni roditori sono stati iniettati con le nanofibre e alcuni con acqua salina bisettimanale per 8 settimane.

“[F] prima di tutto volevamo confermare che la terapia mirasse effettivamente alle aree dell’aterosclerosi”, afferma il dott. Mansukhani. A tal fine, lui e il suo team hanno utilizzato tecniche di imaging per tracciare l’effetto della sostanza terapeutica nei corpi dei roditori.

Gli effetti erano evidenti dopo 24 ore, erano durati fino a 72 ore e erano completamente spariti in 7-10 giorni.

Complessivamente, alla fine del periodo di trattamento di 8 settimane, la placca nei topi maschi è diminuita dell’11% e quella delle femmine è diminuita del 9%.

[I risultati] dimostrano che una nuova nanofibra mirata si lega specificamente alle lesioni aterosclerotiche e riduce il carico di placca dopo una breve durata del trattamento.”

Dr. Neel A. Mansukhani

Nonostante questi risultati promettenti, gli autori mettono in guardia sul fatto che i risultati sono solo preliminari e che sono necessari più test prima che il metodo innovativo possa essere sperimentato negli esseri umani.

 

Farmajet consiglia il migliore integratore a base di Riso rosso fermentato e monacolina K che riduce il colesterolo cattivo. Armocolest 

ARMOCOLEST-INTEGRATORE-PER-IL-MANTENIMENTO-DEI-NORMALI-LIVELLI-DI-COLESTEROLO--30-COMPRESSE

Annunci

Il colesterolo alto all’inizio della vita aumenta il rischio di malattie cardiache

Alti livelli di colesterolo lipoproteico a bassa densità possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari di una persona. Le persone possono preoccuparsi di più dei loro livelli di colesterolo quando invecchiano, ma una nuova ricerca suggerisce che dovrebbero prendere misure preventive molto prima.
colesterolo alto.jpg

Potrebbe essere necessario iniziare a monitorare i livelli di colesterolo in precedenza nella vita per evitare malattie cardiovascolari, suggerisce un nuovo studio.

Un nuovo studio – i risultati dei quali appaiono sulla rivista Circulation – suggerisce che le persone con alti livelli di lipoproteine a bassa densità (LDL) colesterolo presto nella vita si può verificare un aumento del rischio di vita di morte correlata a malattie cardiovascolari (CVD).

Il colesterolo LDL può aumentare il rischio cardiovascolare ad alti livelli perché porta a un accumulo lipidico nelle arterie, che può influire sul flusso sanguigno da e verso il cuore.

Nel nuovo studio, che era di natura osservativa, gli scienziati hanno preso in considerazione i legami tra i livelli di colesterolo LDL, i livelli di colesterolo HDL (high-density lipoprotein) e il rischio di morte prematura correlata a CVD e malattia coronarica (CHD).

Nello specifico, i ricercatori hanno voluto scoprire se gli individui attualmente considerati a basso rischio di CVD o CHD nei prossimi 10 anni potrebbero trarre beneficio dall’apprendimento dei loro livelli di colesterolo in precedenza nella vita e tenerli sotto controllo in modo da prevenire lo sviluppo di complicanze.

Colesterolo alto in giovane età significa che ci sarà un maggiore carico di malattie cardiovascolari come questi individui invecchiano.Questa ricerca evidenzia la necessità di educare gli americani di qualsiasi età sui rischi di colesterolo elevato e modi per mantenere il colesterolo a un livello sano per tutta la vita “.

Dr. Robert Eckel, ex presidente dell’American Heart Association (AHA)

Colesterolo LDL precoce legato al rischio di morte

Mentre di solito, gli studi sui livelli di colesterolo e sul rischio cardiovascolare reclutano partecipanti che presentano un rischio da moderato ad alto di sviluppare condizioni cardiovascolari, la nuova ricerca si è concentrata su individui più giovani e per lo più sani.

Per questo studio, i ricercatori hanno reclutato 36.375 partecipanti – di cui il 72% erano uomini – in media 42 anni, tramite il Cooper Centre Longitudinal Study . Tutti i partecipanti erano liberi da diabete e CVD al basale, e gli investigatori hanno seguito la loro progressione della salute per un periodo di 27 anni.

I ricercatori hanno rivelato che, per le persone che erano altrimenti a basso rischio di CVD, alti livelli di LDL erano indipendentemente associati ad un aumentato rischio di morte correlata a CVD.

Specificamente, se confrontati con i partecipanti con livelli normali di LDL (inferiori a 100 milligrammi per decilitro), quelli con alti livelli di LDL (tra 100-159 milligrammi per decilitro) avevano una probabilità superiore del 30-40% di sperimentare la morte prematura a causa di CVD.

Inoltre, rispetto ai partecipanti che mostravano letture LDL normali, quelli con livelli di colesterolo LDL di 160 milligrammi per decilitro o superiore avevano un rischio maggiore del 70-90% di morte correlata a CVD.

In totale, all’interno della coorte di studio, ci sono stati 1.086 decessi correlati alla CVD e 598 decessi correlati alla CHD.

“Il nostro studio dimostra che avere un basso rischio di malattia cardiovascolare stimato a 10 anni non elimina il rischio di LDL elevata nel corso della vita”, dice l’autore dello studio principale Dr. Shuaib Abdullah, del Centro medico del Southwestern dell’Università del Texas in Dallas.

“Le persone a basso rischio dovrebbero seguire gli interventi sullo stile di vita, come dieta ed esercizio fisico, per raggiungere i livelli di LDL il più bassi possibile, preferibilmente inferiori a 100 milligrammi per decilitro”, afferma il dott. Abdullah, aggiungendo: “Limitare l’assunzione di grassi saturi, mantenendo un il peso sano, la cessazione dell’uso del tabacco e l’aumento dell’attività aerobica dovrebbero applicarsi a tutti. “

 

FARMAJET consiglia per abbassare il colesterolo ARMOCOLEST il migliore integratore di riso rosso fermentato e monacolina K venduto in Farmacia.

ARMOCOLEST-INTEGRATORE-PER-IL-MANTENIMENTO-DEI-NORMALI-LIVELLI-DI-COLESTEROLO--30-COMPRESSE.jpg

Questi quattro alimenti hanno dimostrato di abbassare il colesterolo

Gli alimenti a base vegetale sono noti per essere buoni per il cuore. Ci sono alimenti in particolare che abbassano il colesterolo e mantengono questo organo vitale forte e sano? Sì, suggerisce un nuovo studio. In realtà, ci sono quattro principali alimenti i cui benefici cardiaci sono stati dimostrati da diversi studi controllati. 
soia.jpgGli alimenti contenenti proteine ​​di soia sono particolarmente indicati per la salute cardiovascolare, suggerisce un nuovo studio.

Le diete a base vegetale sono ottime per la salute cardiovascolare, ma una dieta vegetariana a basso contenuto di grassi saturi potrebbe non essere la cosa migliore per tenere sotto controllo il colesterolo .

Invece, potrebbe essere preferibile mangiare selettivamente alcuni alimenti che riducono il colesterolo a bassa densità di lipoproteine ​​(LDL), che è anche noto come colesterolo “cattivo”.

Questo è stato il principale punto d’appoggio di uno studio influente , pubblicato nel 2011, che ha presentato un “portfolio” di quattro alimenti che avevano entrambi dimostrato di ridurre il rischio di colesterolo e malattie cardiache . Questi alimenti sono:

  • noccioline
  • proteine ​​vegetali ottenute da alimenti a base di soia come il tofu, il latte di soia o altri sostituti della carne a base di soia o da legumi come fagioli, piselli, ceci o lenticchie
  • fibra solubile, come “avena, orzo, psillio, melanzana, gombo, mele, arance o bacche”
  • margarina arricchita con steroli vegetali , o composti “simili al colesterolo” che si possono trovare in frutta, verdura, noci e cereali

Dal 2011, diverse organizzazioni governative hanno riconosciuto i benefici di questa cosiddetta dieta del portafoglio.

Ora, l’Associazione europea per lo studio del diabete ha commissionato una meta-analisi di tutte le prove disponibili per valutare e sintetizzare i benefici della dieta del portafoglio per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Il primo autore del nuovo lavoro è Laura Chiavaroli, del Dipartimento di Scienze Nutrizionali dell’Università di Toronto, in Canada, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Progress in Cardiovascular Diseases.

Colesterolo abbassato del 17%

In particolare, la dieta del portafoglio raccomanda un consumo giornaliero di 42 grammi di noci, 20 grammi di fibre solubili, 2 grammi di steroli vegetali e 50 grammi di proteine ​​vegetali. Gli importi si basano su un consumo giornaliero di 2.000 calorie .

Chiavaroli e colleghi hanno esaminato studi randomizzati e non randomizzati controllati che hanno studiato l’effetto di questo modello alimentare “rispetto a qualsiasi dieta energetica che non fornisse componenti del Portfolio [dieta]”.

Nel complesso, l’analisi ha rilevato che attenersi alla dieta Portfolio riduce i livelli di colesterolo totale, oltre ai trigliceridi (che sono i tipi di grasso più comuni nel corpo umano), la pressione sanguigna e la proteina C-reattiva (che è un marker di infiammazione ) .

In effetti, la dieta del portafoglio ha ridotto il colesterolo LDL del 17% e il rischio di sviluppare una malattia coronarica nel corso di un decennio del 13%.

Gli autori concludono: “Le prove attuali dimostrano che il modello dietetico del Portfolio porta a miglioramenti clinicamente significativi nel [colesterolo LDL] così come in altri fattori di rischio cardiometabolico stabiliti e nel rischio stimato di 10 anni [ malattia coronarica ]”.

Co-autore dello studio Dr. Hana Kahleova, Ph.D. – il direttore della ricerca clinica per il comitato dei medici per la medicina responsabile – commenta i risultati.

Dice: “Precedenti studi clinici e studi osservazionali hanno trovato prove evidenti che una dieta a base di piante può migliorare la salute del cuore”.

Questo studio dimostra che alcuni alimenti vegetali sono particolarmente efficaci per ridurre il colesterolo e aumentare la nostra salute cardiovascolare in generale”.

Dr. Hana Kahleova, Ph.D.

FARMAJET CONSIGLIA ARMOCOLEST integratore di Riso Rosso Fermentato per abbassare il colesterolo del 30% dopo 4 settimane

ARMOCOLEST-INTEGRATORE-PER-IL-MANTENIMENTO-DEI-NORMALI-LIVELLI-DI-COLESTEROLO--30-COMPRESSE.jpg

Che cosa causa il colesterolo alto?

Il colesterolo è sia buono sia cattivo. A livelli normali, è una sostanza essenziale per il corpo. Tuttavia, se le concentrazioni nel sangue diventano troppo alte, diventa un pericolo silenzioso che mette le persone a rischio di infarto.

Il colesterolo è presente in ogni cellula del corpo ed ha importanti funzioni naturali quando si tratta di digerire i cibi, la produzione di ormoni, e la generazione di vitamina D . È prodotto dal corpo ma può anche essere preso dal cibo. È ceroso e grasso in apparenza.

Esistono due tipi di colesterolo; LDL (lipoproteine ​​a bassa densità, colesterolo cattivo) e HDL (lipoproteine ​​ad alta densità, colesterolo buono).

In questo articolo, spiegheremo il ruolo del colesterolo. Discuteremo anche le cause del colesterolo alto, i suoi sintomi, il trattamento e la prevenzione.

Fatti veloci sul colesterolo:

  • Il colesterolo è una sostanza essenziale prodotta dall’organismo ma ingerita anche da alimenti di origine animale.
  • I maggiori fattori di rischio per il colesterolo alto sono le scelte di stile di vita modificabili: dieta ed esercizio fisico.
  • Avere il colesterolo alto di solito non produce alcun sintomo.
  • Se i cambiamenti dello stile di vita non hanno successo o i livelli di colesterolo sono molto alti, possono essere prescritti farmaci ipolipemizzanti come le statine.

Cos’è il colesterolo?

hamburger farmajetIl colesterolo alto ha una serie di cause, comprese le scelte dietetiche.

Il colesterolo è una sostanza a base di olio e non si mescola con il sangue, che è a base d’acqua. Viene trasportato intorno al corpo dalle lipoproteine.

Due tipi di lipoproteine ​​trasportano i colli di colesterolo:

  • Lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) – il colesterolo trasportato da questo tipo è noto come colesterolo “cattivo”.
  • Lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) – il colesterolo trasportato da questo tipo è noto come colesterolo “buono”.

Il colesterolo ha quattro funzioni primarie, senza le quali non potremmo sopravvivere, questi sono:

  • contribuendo alla struttura delle pareti cellulari
  • la preparazione di acidi biliari digestivi nell’intestino
  • permettendo all’organismo di produrre vitamina D
  • consentendo all’organismo di produrre determinati ormoni

Cause di colesterolo alto

Il colesterolo alto è un fattore di rischio significativo per la malattia coronarica e una causa di attacchi cardiaci . Un accumulo di colesterolo fa parte del processo che limita le arterie, chiamato aterosclerosi , in cui le placche si formano e causano la restrizione del flusso sanguigno.

Ridurre l’assunzione di grassi nella dieta aiuta a gestire i livelli di colesterolo. In particolare, è utile limitare gli alimenti che contengono:

  • Colesterolo : da alimenti per animali, carne e formaggio.
  • Grasso saturo – trovato in alcune carni, latticini, cioccolato, prodotti da forno, fritti e alimenti trasformati.
  • Grassi trans – trovato in alcuni cibi fritti e trasformati.

Essere sovrappeso o obesi può anche portare a livelli più elevati di LDL nel sangue. La genetica può contribuire al colesterolo alto – livelli molto elevati di LDL si trovano nella condizione ereditaria di ipercolesterolemia familiare. Livelli di colesterolo anormali possono anche verificarsi a causa di altre condizioni, tra cui:

  • diabete
  • malattia del fegato o dei reni
  • sindrome delle ovaie policistiche
  • gravidanza e altre condizioni che aumentano i livelli di ormoni femminili
  • ghiandola tiroidea non attiva
  • farmaci che aumentano il colesterolo LDL e riducono il colesterolo HDL (progestina, steroidi anabolizzanti e corticosteroidi)

I sintomi del colesterolo alto

Avere alti livelli di colesterolo, mentre un fattore di rischio per altre condizioni, non presenta di per sé alcun segno o sintomo. A meno che non vengano regolarmente sottoposti a esami del sangue regolari, i livelli elevati di colesterolo passano inosservati e potrebbero presentare una minaccia silenziosa di infarto o ictus .

Colesterolo negli alimenti

salmone farmajetIl pesce grasso come il salmone ha dimostrato di diminuire attivamente il colesterolo.

Un rapporto di Harvard Health ha identificato “11 cibi che abbassano il colesterolo” che riducono attivamente i livelli di colesterolo:

  • avena
  • orzo e cereali integrali
  • fagioli
  • melanzana e gombo
  • noccioline
  • olio vegetale (colza, girasole)
  • frutti (principalmente mele, uva, fragole e agrumi)
  • alimenti a base di soia e soia
  • pesce grasso (in particolare salmone, tonno e sardine)
  • alimenti ricchi di fibre

Aggiungendo questi a una dieta equilibrata può aiutare a mantenere sotto controllo il colesterolo. Lo stesso rapporto elenca anche alimenti che fanno male ai livelli di colesterolo, tra cui:

  • carne rossa
  • latte intero
  • margarina
  • oli idrogenati
  • prodotti da forno

 

Livelli e gamme

Negli adulti, i livelli di colesterolo totale inferiori a 200 milligrammi per decilitro (mg / dL) sono considerati sani.

  • Una lettura tra 200 e 239 mg / dL è al limite.
  • Una lettura di 240 mg / dL e oltre è considerata alta.

I livelli di colesterolo LDL dovrebbero essere inferiori a 100 mg / dL.

  • 100-129 mg / dL è accettabile per le persone senza problemi di salute, ma può essere una preoccupazione per chiunque abbia una malattia cardiaca o fattori di rischio di malattie cardiache.
  • 130-159 mg / dL è borderline alto.
  • 160-189 mg / dL è alto.
  • 190 mg / dL o superiore è considerato molto alto.

I livelli di HDL dovrebbero essere mantenuti più alti. La lettura ottimale per i livelli di HDL è di 60 mg / dL o superiore.

  • Una lettura inferiore a 40 mg / dL è considerata un importante fattore di rischio per le malattie cardiache.
  • Una lettura da 41 mg / dL a 59 mg / dL è al limite inferiore.

Prevenire il colesterolo alto

Quattro modifiche allo stile di vita sono raccomandate per tutte le persone con colesterolo alto o che desiderano assicurarsi che i loro livelli rimangano normali. Questi cambiamenti ridurranno il rischio di malattia coronarica e infarto:

  • mangiare una dieta sana per il cuore
  • esercitare regolarmente
  • evitare di fumare
  • raggiungere e mantenere un peso sano

Come può essere trattato il colesterolo alto?

Ci sono un certo numero di modi per trattare il colesterolo alto; questi includono:

Terapia ipolipidica

Il trattamento farmacologico per un individuo con ipercolesterolemia dipende dal suo livello di colesterolo e da altri fattori di rischio. Dieta ed esercizio sono i primi approcci utilizzati per ridurre i livelli di colesterolo. Il trattamento con statine è normalmente prescritto per le persone con un rischio più elevato di infarto.

Le statine sono il principale gruppo di farmaci per abbassare il colesterolo; altri includono inibitori selettivi del colesterolo, resine, fibrati e niacina. Le statine disponibili su prescrizione negli Stati Uniti includono:

  • atorvastatina (marca Lipitor)
  • fluvastatina (Lescol)
  • lovastatina (Mevacor, Altoprev)
  • pravastatina (Pravachol)
  • rosuvastatina di calcio (Crestor)
  • simvastatina (Zocor)

Statina di sicurezza

La prescrizione di statine ha causato un notevole dibattito. Mentre molti pazienti traggono grande beneficio dall’uso di statine per abbassare il colesterolo e ridurre il rischio di infarto, un numero significativo di pazienti ha anche effetti avversi da statine.

Gli effetti collaterali possono includere:

  • miopatia indotta da statine (una malattia del tessuto muscolare)
  • fatica
  • un rischio leggermente maggiore di diabete e complicazioni del diabete, anche se questo è molto dibattuto

Passare a un farmaco statine diverso, o aumentare gli sforzi per ridurre il colesterolo attraverso i cambiamenti dello stile di vita può aiutare ad alleviare la miopatia indotta da statine e altri effetti indesiderati di questi farmaci.

Complicazioni di colesterolo alto

In passato, le persone hanno mirato a ridurre il colesterolo a un livello target, ad esempio inferiore a 100 milligrammi per decilitro; questo non è più il caso. Non ci sono prove da studi clinici controllati randomizzati per supportare il trattamento su un target specifico; tuttavia, alcuni medici possono ancora utilizzare obiettivi per guidare la terapia.

Rischio di 10 anni di un attacco di cuore

I livelli di colesterolo giocano un ruolo importante nel rischio di un individuo di avere un attacco di cuore entro i prossimi 10 anni. Il National Heart, Lung e Blood Institute forniscono un calcolatore online di rischio cardiovascolare. Utilizzando prove di ricerca, pesa il rischio in base a questi fattori:

  • età
  • sesso
  • livelli di colesterolo
  • stato di fumo
  • pressione sanguigna

ARMOCOLEST il miglior Integratore per ridurre il colesterolo alto

ARMOCOLEST-INTEGRATORE-PER-IL-MANTENIMENTO-DEI-NORMALI-LIVELLI-DI-COLESTEROLO--30-COMPRESSE

Come sono collegate la funzionalità epatica e la produzione di colesterolo?

La maggior parte del colesterolo nel corpo è prodotto nel fegato ed è necessario per una buona salute. Ma alcune forme di colesterolo possono causare diversi problemi di salute, incluso il danno al fegato.

Il colesterolo è una molecola grassa che si trova in alcuni cibi e anche nel fegato.

Esistono due forme primarie di colesterolo, una utile per il corpo e una che può accumularsi e causare problemi di salute.

Quali sono i livelli sani di colesterolo?

fegato farmajet 2

Il fegato produce la maggior parte del colesterolo nel corpo.

Le lipoproteine ​​ad alta densità (HDL) e le lipoproteine ​​a bassa densità (LDL) sono i due principali tipi di colesterolo.

Gli scienziati misurano i livelli di colesterolo in milligrammi per decilitro (mg / dl) di sangue.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) suggeriscono quanto segue come livelli sani di colesterolo:

  • LDL deve essere inferiore a 100 mg / dL
  • HDL dovrebbe essere 40 mg / dL o superiore

Che cosa fa l’HDL?

L’HDL prende il colesterolo dalle cellule del corpo al fegato. Il fegato si rompe o lo espelle dal corpo come prodotto di scarto.

Questa funzione è utile per il corpo, quindi l’HDL viene talvolta chiamato “colesterolo buono”.

Cosa fa LDL?

LDL prende il colesterolo dal fegato alle cellule. Le cellule usano il colesterolo ma troppo possono accumularsi nelle arterie.

Questo accumulo nelle arterie può causare problemi di salute in modo che i medici a volte si riferiscono a LDL come “colesterolo cattivo”.

Effetti del colesterolo alto

Quando una persona ha livelli elevati di LDL, viene spesso indicata come “ricca di colesterolo”. Questa condizione può aumentare il rischio di sviluppare diversi problemi di salute.

Il colesterolo può accumularsi nelle arterie, che sono i principali vasi sanguigni del corpo. Possono diventare più stretti, di conseguenza, che limitano la fornitura di sangue e ossigeno agli organi.

Restringere le arterie può anche aumentare il rischio di coaguli di sangue.

Se il flusso di sangue al cuore è limitato, può aumentare il rischio di malattia coronarica . Ciò include angina , attacchi di cuore e insufficienza cardiaca .

Se il flusso di sangue al cervello è limitato, può aumentare il rischio di ictus .

La malattia del fegato può causare un colesterolo alto?

Ci sono molte diverse malattie del fegato.

L’epatite , la malattia epatica legata all’alcol e la steatosi epatica non alcolica o la NAFLD sono alcune delle più comuni malattie del fegato.

La malattia del fegato provoca danni al fegato, il che può significare che non è in grado di funzionare altrettanto bene.

Una delle funzioni del fegato è quella di abbattere il colesterolo. Se il fegato non funziona correttamente, può causare l’accumulo di colesterolo nel corpo.

In che modo il colesterolo influisce sul fegato?

Una dieta può creare grasso intorno al fegato se è ricca di colesterolo. Questo scenario può portare a NAFLD, che può causare danni al fegato a lungo termine.

La NAFLD può aumentare il rischio di problemi di salute, come ictus o diabete . Se la condizione viene trovata e trattata in una fase precoce, è spesso possibile impedire che peggiori.

Una persona può anche ridurre la quantità di grasso nel fegato in una fase precoce.

Diagnosi di colesterolo alto

test del colesterolo farmajet

Un medico può raccomandare un esame del sangue se si sospetta un colesterolo alto.

Di solito, il colesterolo alto non causa alcun sintomo.

Ma un semplice esame del sangue misura i livelli di colesterolo.

Un medico può raccomandare un test del colesterolo se una persona ha una storia familiare di malattie cardiache , una condizione medica come il diabete o se è in sovrappeso.

Una biopsia epatica o un test di funzionalità epatica viene solitamente utilizzata per diagnosticare la malattia del fegato.

Una biopsia rimuoverà un piccolo pezzo di tessuto epatico per testare la malattia. Un test di funzionalità epatica è un esame del sangue che può misurare proteine ​​ed enzimi nel sangue.

I livelli di queste proteine ​​ed enzimi possono mostrare se il fegato è danneggiato.

Quali sono le opzioni di trattamento?

Una persona può apportare cambiamenti nello stile di vita e talvolta assumere farmaci per trattare il colesterolo alto. Solitamente, saranno incoraggiati a fare prima modifiche alla dieta e all’esercizio fisico. Se sono in sovrappeso, si può consigliare di perdere peso.

Un medico può prescrivere farmaci se questi cambiamenti non abbassano il colesterolo dopo pochi mesi.

Il farmaco più comune sono le statine, che una persona deve prendere per la vita. Le statine sono farmaci che bloccano una sostanza chimica nel fegato che produce il colesterolo.

Il trattamento per la malattia del fegato dipende da quale tipo di malattia del fegato una persona sta vivendo. Di solito comporta cambiamenti nello stile di vita, farmaci o, a volte, un trapianto di fegato se il fegato è troppo danneggiato per funzionare.

Dieta

La dieta può aiutare a ridurre il rischio di sviluppare malattie del fegato e può ridurre il suo impatto. Mantenere un peso sano è un modo essenziale per mantenere una buona salute generale.

Ciò che una persona è raccomandata a mangiare o bere può essere diverso per ogni specifica malattia del fegato. Un medico sarà in grado di consigliare su dieta ed esercizio fisico.

alcool

A una persona che ha una malattia epatica legata all’alcool viene solitamente consigliato di smettere di bere alcolici. Mangiare abbastanza proteine ​​e carboidrati come parte di una dieta equilibrata può aiutare a mantenere un peso sano.

Alimenti da mangiare ed evitare

Ridurre gli alimenti grassi può ridurre l’impatto di un fegato grasso o NAFLD. Mangiare molta frutta e verdura e cibi come pane e patate che rilasciano energia lentamente possono aiutare.

Una dieta ricca di proteine ​​è un modo per ottenere energia sufficiente senza mangiare cibi ricchi di colesterolo. Uova, noci, petto di pollo e legumi sono ottime fonti di proteine.

Mangiare regolarmente e spuntini tra i pasti può essere un modo salutare per una persona di ottenere abbastanza carburante.

Prevenzione

prevenzione del colesterolo

Si raccomanda una dieta salutare per aiutare a ridurre il colesterolo.

Una persona può aiutare a prevenire problemi di salute, come danni al fegato, riducendo alti livelli di colesterolo LDL.

Possono abbassare il colesterolo mangiando una dieta salutare, con abbondanza di frutta e verdura.

I grassi saturi contengono un alto livello di colesterolo.

Molti fast food, dolci, burro, carni grasse come salsicce, formaggio grasso e crema contengono grassi saturi.

Fare regolarmente esercizio fisico può aiutare ad abbassare il colesterolo di una persona. Smettere di fumare può anche essere utile.

Porta via

Apportare modifiche alla dieta e all’esercizio fisico sono modi in cui una persona può gestire il colesterolo alto. E avranno bisogno di mantenere questi cambiamenti per evitare il ritorno di colesterolo alto.

Il fegato può ripararsi fino a un certo punto. Ciò significa che qualcuno potrebbe essere in grado di ridurre il danno che è stato fatto se scoprono una malattia epatica in una fase precoce.

Perdere peso se necessario, seguire una dieta salutare, esercitarsi e ridurre l’alcol può aiutare a ridurre l’impatto della malattia del fegato.

FARMAJET CONSIGLIA ARMOCOLEST PER RIDURRE IL COLESTEROLO

ARMOCOLEST-INTEGRATORE-PER-IL-MANTENIMENTO-DEI-NORMALI-LIVELLI-DI-COLESTEROLO--30-COMPRESSE

Abbassare il colesterolo migliora l’immunoterapia contro il cancro

Un nuovo studio ha scoperto che quando i livelli di colesterolo si riducono, l’immunoterapia del cancro diventa più efficace. I risultati offrono un modo semplice per migliorare questa tecnologia nascente.
biologa con provette farmajet

Abbassare il colesterolo può migliorare i risultati del cancro in futuro.

L’immunoterapia è un metodo abbastanza nuovo ma efficace per il trattamento del cancro . Usa il sistema immunitario del corpo per combattere le cellule cancerose.

Gli scienziati stanno attualmente esaminando una serie di immunoterapie che usano una varietà di tattiche.

Alcuni tipi funzionano per migliorare la naturale risposta immunitaria del corpo contro le cellule tumorali, e questo è noto come immunizzazione passiva.

Altre versioni dirigono attivamente il sistema immunitario per attaccare specifiche proteine ​​sulle cellule tumorali e queste sono chiamate immunoterapie attive.

Un tipo di immunizzazione passiva – trasferimento di cellule T adottivo – coinvolge l’ingegnerizzazione delle cellule T in un particolare tipo di cancro prima di trapiantarle nel paziente.

Aumentare l’immunoterapia

Il trasferimento delle cellule T è ancora una tecnologia relativamente nuova. In effetti, le prime due procedure di questo tipo da utilizzare negli Stati Uniti sono state approvate solo dalla Food and Drug Administration (FDA) nel 2017 .

Pertanto, gli scienziati stanno ancora lavorando su come migliorare la terapia e renderla il più efficace possibile. Ad esempio, i ricercatori stanno attualmente studiando l’uso di diversi metodi per trapiantare le cellule T, e anche come combinare la terapia con altri farmaci potrebbe migliorare i risultati.

Il Dott. Qing Yi, Ph.D., del Cleveland Clinic Lerner Research Institute in Ohio, sta affrontando questa domanda da un’angolazione leggermente diversa. È interessato a come il colesterolo può avere un ruolo nel successo del trasferimento di cellule T adottive.

L’ultimo studio del suo laboratorio è ora pubblicato sul Journal of Experimental Medicine .

Nel precedente lavoro, il Dr. Yi ha identificato che uno specifico sottotipo di cellule T – cellule Tc9 – era più ferocemente anticancro di altri. Le cellule Tc9 sono conosciute per espellere l’interleuchina 9 (IL 9), una molecola di segnalazione con proprietà antitumorali.

Basandosi su questo risultato, il Dr. Yi voleva capire se le cellule Tc9 potessero essere ulteriormente potenziate.

Il colesterolo potrebbe essere la chiave

Utilizzando il profilo genico – una tecnica che consente agli scienziati di vedere quali geni sono “attivati” in una cellula – hanno confrontato le cellule Tc9 con altri sottotipi di cellule T. Hanno scoperto che le cellule Tc9 contenevano significativamente meno colesterolo.

Questo, pensavano, potrebbe essere la chiave per il loro miglioramento nella capacità di combattere il cancro. Così, hanno preso la loro intuizione per il laboratorio e lo hanno messo alla prova.

Per investigare, hanno aggiunto farmaci per abbassare il colesterolo alle cellule tumorali prima di curarle. Come previsto, ciò ha avuto l’effetto di attivare percorsi anti-cancro.

In una seconda parte dello studio, hanno usato un modello animale portatore di tumore. Scoprirono che, quando i livelli di colesterolo si riducevano prima dell’inizio del ciclo di immunoterapia, c’era una maggiore espressione di IL 9 e i suoi effetti antitumorali erano più pronunciati.

Come spiegano gli autori dello studio, “Il nostro studio identifica il colesterolo come un regolatore critico della differenziazione e della funzione delle cellule Tc9.”

Il dottor Yi è entusiasta dei risultati. Dice: “I nostri studi suggeriscono un modo relativamente semplice ed economico per migliorare la terapia di trasferimento delle cellule T”. Gli scienziati hanno in programma di continuare la loro linea di indagine e intraprendere le sperimentazioni cliniche il prima possibile.

Inversione dell’aterosclerosi con un colpo

Una nuova ricerca dimostra che l’iniezione di nanofibre sinteticamente progettate nei topi aiuta a rompere la placca arteriosa che è una caratteristica dell’aterosclerosi.
aterosclerosi farmajet

Un nuovo studio suggerisce che un’iniezione potrebbe essere in grado di ridurre la placca arteriosa (raffigurata qui).

L’aterosclerosi è una condizione in cui la placca si accumula all’interno delle arterie , irrigidendosi e infine bloccandole.

La placca è una sostanza cerosa fatta di colesterolo , grasso, frammenti di rifiuti cellulari, calcio e fibrina , una proteina insolubile che aiuta a coagulare il sangue.

Poiché la placca si accumula gradualmente all’interno delle arterie, provoca la perdita dell’elasticità delle navi, il che le rende meno efficienti nel pompare il sangue.

Inoltre, rende le pareti interne delle arterie più spesse, il che limita il flusso di ossigeno alle cellule. Nel tempo, la placca può portare a coaguli di sangue, o parti di esso possono staccare e bloccare le arterie.

Per queste ragioni, l’aterosclerosi può causare cardiopatia ischemica , angina , malattia delle arterie periferiche o malattia renale cronica , tra le altre condizioni.

Le terapie attuali per l’aterosclerosi includono l’uso di statine, che aiutano a regolare i livelli di colesterolo. Tuttavia, questi farmaci aiutano solo a tenere sotto controllo la condizione; non lo invertono

Una nuova ricerca, tuttavia, mostra che un giorno, invertire questa condizione potrebbe essere possibile. Il dottor Neel A. Mansukhani, un collega di chirurgia vascolare integrata presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, ha condotto uno studio in cui sono state utilizzate nanofibre sinteticamente create in un modello murino di aterosclerosi.

L’iniezione ha mirato con successo l’accumulo di colesterolo e ha portato alla rottura della placca. I risultati sono stati presentati alla conferenza dell’American Heart Association Vascular Discovery: From Genes to Medicine Scientific Sessions 2018 , tenutasi a San Francisco, in California.

Il trattamento riduce la placca fino all’11 percento

Il Dr. Mansukhani spiega come i ricercatori hanno deciso di progettare fibre molto piccole che contenevano particelle che rimuovono il colesterolo. “Il nostro obiettivo”, afferma, “era di sviluppare una nuova terapia non invasiva, non chirurgica, per arrestare e invertire la malattia colpendo effettivamente la parete del vaso con nanofibre a base di peptidi sviluppate in laboratorio”.

Gli autori spiegano che le piccole fibre contengono una sequenza chiave di amminoacidi che scioglie il colesterolo.

Per testare la sostanza di nuova concezione, il Dr. Mansukhani e il team hanno progettato geneticamente topi per avere aterosclerosi. Quindi, hanno posto i topi su una dieta ricca di grassi per 14 settimane.

Dopo le 14 settimane, alcuni roditori sono stati iniettati con le nanofibre e alcuni con acqua salina bisettimanale per 8 settimane.

“[F] prima di tutto volevamo confermare che la terapia mirasse effettivamente alle aree dell’aterosclerosi”, afferma il dott. Mansukhani. A tal fine, lui e il suo team hanno utilizzato tecniche di imaging per tracciare l’effetto della sostanza terapeutica nei corpi dei roditori.

Gli effetti erano evidenti dopo 24 ore, erano durati fino a 72 ore e erano completamente spariti in 7-10 giorni.

Complessivamente, alla fine del periodo di trattamento di 8 settimane, la placca nei topi maschi è diminuita dell’11% e quella delle femmine è diminuita del 9%.

[I risultati] dimostrano che una nuova nanofibra mirata si lega specificamente alle lesioni aterosclerotiche e riduce il carico di placca dopo una breve durata del trattamento.”

Dr. Neel A. Mansukhani

Nonostante questi risultati promettenti, gli autori mettono in guardia sul fatto che i risultati sono solo preliminari e che sono necessari più test prima che il metodo innovativo possa essere sperimentato negli esseri umani.

Il ghee è più salutare del burro?

Il burro chiarificato è un tipo di burro chiarificato che contiene meno proteine ​​del latte rispetto al burro normale. Questo ingrediente può essere usato al posto del normale burro, ma è più sano e quali sono i benefici?

Il burro può essere usato come sostituto del burro, e mentre il burro non è necessariamente dannoso per la salute, molte persone pensano che il burro chiarificato potrebbe essere un’alternativa più salutare per l’uso in cucina.

In questo articolo, esaminiamo le differenze tra burro chiarificato e burro in termini di produzione, nutrizione e salubrità, nonché i rischi associati a questi prodotti.

Cos’è il ghee?

ghee

Il burro chiarificato è un tipo di burro chiarificato. Come burro normale, di solito viene prodotto con latte vaccino.

Il burro chiarificato è una forma di burro altamente chiarificato che viene tradizionalmente usato nella cucina asiatica. Come il burro, il burro chiarificato viene prodotto tipicamente con latte vaccino.

Il burro chiarificato è fatto sciogliendo il burro normale. Il burro si separa in grassi liquidi e solidi del latte. Una volta separati, i solidi del latte vengono rimossi, il che significa che il ghe ha meno lattosio del burro.

Tradizionalmente, il ghee è stato usato come olio da cucina, un ingrediente nei piatti e nelle terapie ayurvediche. Il ghee è ancora utilizzato nel massaggio ayurvedico e come base per unguenti a base di erbe per il trattamento di ustioni ed eruzioni cutanee.

Come è fatto il ghee?

Il ghee viene riscaldato più a lungo rispetto ad altri tipi di burro chiarificato, che contribuisce ad un sapore più forte e più nutritivo, oltre a una tonalità più scura.

Il burro chiarificato ha un punto di combustione più alto del burro standard chiarificato, il che significa che è l’ideale per friggere o saltare i cibi.

Una persona può fare il burro chiarificato a casa usando burro normale non salato. Sciogliere lentamente il burro e togliere i solidi che si raccolgono sulla superficie. Continuare a cuocere il burro fino a quando tutti i solidi del latte non sono affondati sul fondo e il liquido è limpido – questo è burro chiarificato.

Continuare a cuocere per qualche altro minuto fino a quando i solidi del latte sul fondo della padella diventano marroni. I solidi del latte cotto conferiscono al ghee sapore e colore. Setacciare il liquido in un barattolo o una bottiglia e lasciarlo raffreddare e solidificare.

Ghee vs burro

Dal momento che il burro e il ghee derivano entrambi dal latte vaccino, i loro profili nutrizionali e il loro contenuto in grassi sono molto simili.

Tuttavia, poiché il burro chiarificato non contiene gli stessi livelli di proteine ​​del latte come il burro, potrebbe essere migliore per le persone che non tollerano bene i latticini.

Vantaggi e rischi del ghee

Vari studi hanno esaminato i possibili benefici e rischi di includere il ghee nella dieta di una persona. Questi includono:

Malattia del cuore

dottore con cuore farmajet

Vari studi hanno valutato se consumare il ghee aumenta il rischio di malattie cardiache.

Secondo una ricerca del 2010 , il ghi contiene quasi il 50% di grassi saturi, il che ha portato a preoccupazioni sul fatto che il ghee potrebbe aumentare il rischio di malattia coronarica (CAD) in India.

Tuttavia, uno studio del 2018 che esamina 200 persone nell’India settentrionale suggerisce che il grasso e il colesterolo nel sangue erano più sani nelle persone che mangiavano più ghi e meno olio di senape come fonti di grassi nella loro dieta. I risultati includevano bassi livelli di LDL o di colesterolo cattivo e livelli più alti di HDL o di colesterolo buono.

Sebbene questo studio abbia solo confrontato i risultati tra ghee e olio di senape e non con burro, ha mostrato risultati promettenti per il ghee. Alcune forme di olio di senape sono vietate per il consumo negli Stati Uniti, in Canada e in Europa perché contengono acido erucico.

Livelli più bassi di zuccheri e proteine ​​del latte

Poiché il ghee ha rimosso molte delle sue proteine ​​da latte, contiene molti più bassi livelli di proteine ​​del latte, come la caseina e il lattosio rispetto al burro normale.

Una persona che è sensibile o intollerante al lattosio e alla caseina può scoprire che è utile usare il ghi come sostituto del burro.

Ricco di acido linoleico sano

Il ghi è ricco di un acido grasso chiamato acido linoleico coniugato (CLA), che è noto per avere una serie di benefici per la salute.

Ad esempio, un articolo del 2018 suggerisce che il CLA alimentare è associato a un rischio inferiore del 15 per cento di malattia coronarica.

Contiene butirrato

Il ghi contiene un acido grasso chiamato acido butirrato. Secondo uno studio , l’acido butirrato svolge un ruolo essenziale nella salute dell’apparato digerente. Può anche avere effetti anti-infiammatori.

Vantaggi e rischi del burro

burro farmajet

Il burro e altre forme di latticini sono ricchi di grassi saturi.

Se consumato con moderazione, il burro non fa male a te. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) , il burro reale non contiene grassi trans. Tuttavia, contiene alti livelli di grassi saturi, che possono contribuire ad alti livelli di colesterolo nel sangue e malattie cardiache se non consumati con moderazione.

L’American Heart Association raccomanda che una persona dovrebbe ottenere dal 5 al 6 per cento delle sue calorie totali giornaliere dal grasso saturo, che è di circa 13 grammi al giorno.

Tuttavia, diversi tipi di grassi, compresi i grassi saturi, sono essenziali per una dieta sana. Una persona dovrebbe limitare l’assunzione di grassi saturi e aumentare l’assunzione di grassi monoinsaturi e polinsaturi, che sono grassi salutari.

Buone fonti di grassi salutari includono pesce, noci, semi e olive.

Conclusione

Il burro chiarificato è un’altra forma di burro e il profilo nutrizionale e il contenuto di grassi dei due sono simili. Tuttavia, il ghee può essere migliore per le persone che sono sensibili al lattosio e alla caseina perché contiene meno di entrambi.

Né burro né ghee sono nocivi se consumati con moderazione e una persona può includere entrambi gli alimenti in una dieta varia ed equilibrata.

Qual è la differenza tra colesterolo HDL e LDL?

Insieme al fumo e alla pressione alta, il colesterolo ematico è uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiache. Le persone possono ridurre il colesterolo nel sangue con una dieta salutare, esercizio fisico e farmaci.

I due principali tipi di colesterolo sono la lipoproteina ad alta densità (HDL) o il colesterolo “buono” e la lipoproteina a bassa densità (LDL) o il colesterolo “cattivo”. Alcuni livelli di colesterolo sono necessari nel corpo, ma alti livelli possono essere pericolosi.

In questo articolo, esaminiamo dettagliatamente HDL e LDL, inclusi ciò che rende l’uno buono e l’altro cattivo, e ciò che una persona può fare per mantenere i livelli sotto controllo.

HDL vs colesterolo LDL

hdl

Il colesterolo HDL può spostare il colesterolo LDL dal sangue.

Il colesterolo LDL è spesso chiamato colesterolo cattivo. Se c’è troppo colesterolo LDL nel sangue, si accumula nelle pareti dei vasi sanguigni, causando loro di restringersi e irrigidirsi.

Un accumulo di colesterolo LDL riduce il flusso sanguigno e può aumentare il rischio di infarto o ictus .

HDL o colesterolo buono possono spostare il colesterolo LDL dal sangue al fegato per essere scomposto e smaltito come rifiuto. Il colesterolo HDL è indicato come colesterolo buono perché riduce il livello di colesterolo nel sangue.

Livelli di HDL più alti sono collegati a un ridotto rischio di infarto e malattie cardiache .

Quali sono le gamme ideali?

Negli Stati Uniti, il colesterolo è misurato in milligrammi per decilitro (mg / dL). Le linee guida per i livelli di colesterolo sano sono le seguenti:

  • colesterolo totale inferiore a 200 mg / dL
  • Colesterolo LDL inferiore a 100 mg / dl
  • Colesterolo HDL superiore a 40 mg / dl

Diverse regioni e paesi possono avere linee guida diverse, quindi è consigliabile parlare con un medico delle gamme più accurate e aggiornate.

Rapporto totale colesterolo / HDL

Il colesterolo totale al rapporto colesterolo HDL può aiutare una persona a sapere se sta consumando abbastanza colesterolo buono e limitare le fonti di colesterolo cattivo. Può essere misurato dividendo il colesterolo totale per il livello di HDL.

Idealmente, il rapporto dovrebbe essere inferiore a 4. Più basso è questo numero, più sani sono i livelli di colesterolo di una persona.

Il colesterolo totale fluttua, quindi potrebbe essere necessario più di un esame del sangue per una valutazione accurata. I livelli possono cambiare a seguito di un pasto, quindi a volte un esame del sangue verrà preso per prima cosa al mattino prima che una persona faccia colazione.

Gli studi suggeriscono che il colesterolo totale al rapporto HDL è un marker migliore del rischio di malattie cardiache rispetto ai livelli di colesterolo LDL da solo.

Colesterolo non-HDL

Un altro metodo per valutare i livelli di colesterolo è il calcolo di un livello di colesterolo non HDL. Questo viene misurato sottraendo il colesterolo HDL dal colesterolo totale.

Questo metodo è considerato più accurato da alcuni medici perché include nel calcolo i livelli di lipoproteine ​​a densità molto bassa (VLDL).

Analogamente al colesterolo LDL, il colesterolo VLDL può anche accumularsi all’interno delle pareti dei vasi sanguigni, il che è indesiderabile.

Idealmente, un livello di colesterolo non HDL dovrebbe essere inferiore a 130 mg / dL . Un valore superiore a quello aumenta il rischio di malattie cardiache.

Cause di colesterolo LDL alto

hdl1

Il colesterolo LDL alto può essere causato dall’inattività.

Le cause di colesterolo LDL alto includono:

  • Mangiare una dieta ricca di grassi saturi : una dieta ricca di grassi saturi e idrogenati può aumentare i livelli di colesterolo LDL.
  • Inattività : non ottenere abbastanza esercizio fisico può portare ad un aumento di peso, che è legato all’aumento dei livelli di colesterolo.
  • Obesità : le persone in sovrappeso hanno un aumentato rischio di livelli elevati di colesterolo.
  • Fumo : una sostanza chimica presente nelle sigarette riduce i livelli di colesterolo HDL e danneggia il rivestimento dei vasi sanguigni, aumentando il rischio di indurimento delle arterie.
  • Condizioni mediche : alcuni di questi che possono influenzare i livelli di colesterolo LDL includono diabete di tipo 2 , tiroide, condizioni renali o epatiche e dipendenza da alcol .
  • Menopausa : per alcune donne, i livelli di colesterolo possono aumentare dopo la menopausa .
  • Genetica : ipercolesterolemia familiare (FH) è una forma ereditaria di colesterolo alto che mette le persone a rischio di malattie cardiache precoci.

Come ridurre i livelli di LDL

I seguenti cambiamenti dello stile di vita possono aiutare a ridurre il colesterolo LDL:

  • mantenere un peso sano
  • esercitarsi regolarmente
  • Smettere di fumare
  • usando la terapia con statine quando prescritto
  • assunzione di niacina ( vitamina B-3)

Alcuni studi hanno dimostrato che la vitamina B-3 può abbassare il colesterolo LDL aumentando l’HDL. È importante parlare con un medico prima di assumere integratori di niacina.

Le persone che cercano di abbassare il loro colesterolo LDL dovrebbero anche evitare di mangiare grassi saturi e trans. Gli alimenti da evitare sono:

  • torte, biscotti e pasticcini
  • piatti pronti surgelati, come la pizza surgelata
  • margarina
  • fast food fritti
  • caramelle ripiene di crema
  • ciambelle
  • gelato
  • budini confezionati
  • panini per la colazione pre-confezionati
  • patatine

Altri consigli dietetici per prevenire i livelli di LDL che si insinuano comprendono:

  • Sostituisci le fonti di grassi : scambia i grassi saturi con oli di noci e semi o grassi monoinsaturi da olio d’oliva, avocado e olio di canola.
  • Aumentare l’apporto di fibre : una dieta ricca di fibre è ritenuta buona per i livelli di colesterolo totale nel sangue. La fibra solubile presente in frutta, verdura e avena è particolarmente utile.
  • Mangiare più aglio : l’aglio è ricco di composti che possono aiutare a ridurre il colesterolo nel sangue. Gli effetti benefici si avvertono solo se l’aglio viene regolarmente consumato per più di 2 mesi.

Come aumentare i livelli di HDL

hdl2

I livelli di colesterolo HDL possono essere migliorati mangiando pesce grasso, come lo sgombro.

Una varietà di cose può migliorare i livelli di colesterolo HDL, tra cui:

  • Acidi grassi Omega-3 : gli acidi grassi Omega-3 possono abbassare il colesterolo nel sangue se consumati nell’ambito di una dieta equilibrata. I più alti livelli di acidi grassi omega-3 sono nel pesce grasso, come sgombri, trote, aringhe, sardine, tonno fresco, salmone e halibut. Gli studi suggeriscono che mangiare 2-3 porzioni di pesce grasso ogni settimana può aumentare i livelli di HDL nel sangue.
  • Frutta e verdura dai colori vivaci : gli antiossidanti di frutta e verdura dai colori vivaci hanno dimostrato di migliorare i livelli di colesterolo HDL.
  • Esercizio fisico regolare : la ricerca dimostra che l’esercizio fisico e l’attività fisica possono aumentare i livelli di HDL.

prospettiva

L’alto colesterolo LDL è un fattore di rischio per le malattie cardiache, ma può spesso presentarsi senza alcun sintomo.

Si raccomanda che le persone di età superiore a 40 anni organizzano un esame del sangue per controllare i loro livelli di colesterolo e il colesterolo totale al rapporto HDL.

I cambiamenti dietetici e di stile di vita possono fare una grande differenza per i livelli di HDL e LDL. Se non migliorano con questi cambiamenti, un medico può raccomandare farmaci.

si consiglia per abbassare il colesterolo LDL l’integratore ARMOCOLEST

Depositi di colesterolo negli occhi: sintomi e trattamento

Il colesterolo può depositarsi intorno agli occhi per formare grumi grassi e giallastri. Sebbene di solito siano innocui, questi depositi a volte segnalano una grave condizione di base.

I grassi naturali, compreso il colesterolo , possono formare crescite intorno alle palpebre. Una di queste crescite è chiamata xantelasma (zan-the-laz-mah). Diverse crescite insieme sono chiamate xantelasmastia.

Uno xantelasma può non avere causa. Tuttavia, a volte può indicare colesterolo alto, ipotiroidismoo una condizione del fegato.

In questo articolo, esaminiamo i sintomi, le cause, la diagnosi e il trattamento dei depositi di colesterolo sugli occhi.

Sintomi

cocchi

Xanthelasmata può indicare colesterolo alto.
Immagine di credito: Klaus, D. Peter, 2005

I depositi di colesterolo sono grumi morbidi, piatti, giallastri. Tendono ad apparire sulle palpebre superiori e inferiori, vicino all’angolo interno dell’occhio, e spesso si sviluppano simmetricamente attorno ad entrambi gli occhi.

Queste lesioni possono rimanere delle stesse dimensioni o crescere molto lentamente nel tempo. A volte si uniscono per formare grumi più grandi.

Gli xantelasmati di solito non sono dolorosi o pruriginosi. Raramente influenzano il movimento della vista o della palpebra, ma a volte causano la caduta della palpebra.

Le cause

I depositi di colesterolo possono comparire a qualsiasi età ma è più probabile che si sviluppino durante la mezza età di una persona. Sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini.

La comunità medica non è sicura della causa esatta di questi depositi. Tuttavia, avere uno xantelasma è associato a livelli lipidici anormali nel sangue, che è noto come dislipidemia.

Una persona viene diagnosticata con dislipidemia se ha:

  • alti livelli di colesterolo a bassa densità di lipoproteine ​​(LDL) – colesterolo “cattivo”
  • bassi livelli di colesterolo HDL (high-density lipoprotein) – colesterolo “buono”
  • alti livelli di colesterolo totale (sia LDL che HDL)
  • alti livelli di trigliceridi

La dislipidemia aumenta il rischio di formazione di colesterolo sulle pareti delle arterie. Questo accumulo può limitare il flusso di sangue al cuore, al cervello e ad altre aree del corpo. Aumenta anche il rischio di angina , infarto , ictus e malattia arteriosa periferica .

La dislipidemia è legata a disturbi genetici ereditari, tra cui:

  • ipercolesterolemia familiare
  • ipertrigliceridemia familiare
  • carenza di lipoproteina lipasi

Una persona con una di queste condizioni può avere livelli lipidici anormalmente alti nonostante sia in buona salute. Per questo motivo, queste condizioni sono note come cause primarie di dislipidemia.

cocchi2

Le cause secondarie di dislipidemia possono includere una dieta ricca di grassi saturi e colesterolo.

Le cause secondarie includono fattori di stile di vita, come:

  • una dieta ricca di grassi saturi e colesterolo
  • essere sovrappeso o obesi
  • non avendo abbastanza esercizio fisico o attività fisica
  • consumo eccessivo di alcol
  • fumare i prodotti del tabacco

Altri fattori di rischio per dislipidemia includono:

  • diabete
  • malattia renale cronica
  • ipotiroidismo
  • alta pressione sanguigna
  • cirrosi biliare primitiva e alcuni altri disturbi del fegato
  • una storia familiare di ictus o malattie cardiache
  • alcuni farmaci, compresi i beta-bloccanti , i contraccettivi orali, i retinoidi e gli steroidi anabolizzanti

Uno studio ha scoperto che i depositi di colesterolo sulle palpebre erano associati ad un aumentato rischio di infarto e malattie cardiache, anche nelle persone con livelli lipidici normali.

Le persone con depositi di colesterolo dovrebbero consultare un medico per verificare i loro livelli di lipidi.

Xanthelasmata sono solitamente semplici da diagnosticare con un esame visivo. Se il medico non è sicuro, può inviare un raschiamento o un campione a un laboratorio per l’analisi.

Il medico può anche testare il diabete e la funzionalità epatica e, eventualmente, raccomandare una valutazione formale del rischio cardiovascolare.

Trattamento

cocchi3

L’esercizio fisico regolare può aiutare a ridurre i livelli di colesterolo LDL e trigliceridi.

I depositi di colesterolo intorno agli occhi possono essere rimossi chirurgicamente. Le crescite di solito non causano dolore o fastidio, quindi una persona probabilmente richiederà la rimozione per ragioni estetiche.

Il metodo di rimozione dipenderà dalle dimensioni, dalla posizione e dalle caratteristiche del deposito. Le opzioni chirurgiche includono:

  • escissione chirurgica
  • ablazione con anidride carbonica e laser argon
  • cauterizzazione chimica
  • electrodesiccation
  • crioterapia

Seguendo una procedura, ci possono essere gonfiore e lividi intorno alle palpebre per alcune settimane. I rischi di un intervento chirurgico includono cicatrici e un cambiamento nel colore della pelle.

Molto probabilmente i depositi di colesterolo si ripresentano dopo la rimozione, specialmente nelle persone con colesterolo alto.

La normalizzazione dei livelli lipidici non avrà quasi alcun effetto sui depositi esistenti. Tuttavia, il trattamento della dislipidemia è essenziale, perché può ridurre il rischio di problemi cardiaci. Il trattamento può anche impedire la crescita di ulteriori depositi.

Un medico di solito tratta la dislipidemia raccomandando lo stile di vita e le modifiche dietetiche. Un medico o un dietologo può aiutare a sviluppare un piano che funzioni per ogni individuo.

Le possibili raccomandazioni includono:

Perdere peso

Essere in sovrappeso o obesi può aumentare i livelli di colesterolo LDL e trigliceridi. Metodi salutari di perdita di peso possono aiutare le persone in sovrappeso con dislipidemia.

Mangiare una dieta salutare

Un individuo con dislipidemia dovrebbe mangiare una dieta equilibrata a basso contenuto di grassi saturi, grassi trans e colesterolo. Un medico o un dietologo raccomandano probabilmente di mangiare più frutta, verdura e cereali integrali. Questi alimenti sono a basso contenuto di grassi e non contengono colesterolo.

Gli alimenti da evitare includono:

  • latte intero
  • burro, formaggio e panna
  • carni grasse e strutto
  • torte e biscotti
  • alimenti contenenti cocco o olio di palma

Una persona dovrebbe invece consumare grassi sani. Questi possono essere trovati in pesci grassi, noci, semi e oli vegetali e creme spalmabili.

Gli alimenti ricchi di fibre solubili possono anche aiutare a ridurre il colesterolo. Questi includono:

  • fagioli, lenticchie e altri legumi
  • avena e orzo
  • riso integrale
  • agrumi

Esercitare regolarmente

Un’attività fisica regolare è anche essenziale nel trattamento della dislipidemia. Può aiutare ad aumentare i livelli di colesterolo HDL e bassi livelli di colesterolo LDL e trigliceridi.

Attività come camminare a ritmo sostenuto, andare in bicicletta, nuotare e correre possono anche migliorare la salute cardiovascolare e aiutare qualcuno a mantenere un peso corporeo sano .

Ridurre il consumo di alcol

Bere troppo alcol può aumentare i livelli di colesterolo e trigliceridi. Le linee guida dietetiche degli Stati Uniti per gli americani raccomandano che le donne non consumino più di una bevanda alcolica al giorno e gli uomini non più di due.

Una singola bevanda alcolica è definita come:

  • 12 once fluide (fl oz) di birra normale, contenenti il ​​5% di alcol
  • 5 fl. oz di vino con 12 percento di alcol
  • 1,5 fl. oz di distillati distillati 80-proof con il 40 percento di alcol

Smettere di fumare

Il fumo di tabacco può aumentare il colesterolo LDL e inibire gli effetti positivi del colesterolo HDL. Una persona con dislipidemia che fuma dovrebbe parlare con un medico dei modi per smettere.

Assunzione di farmaci ipolipemizzanti

Un medico può anche prescrivere un farmaco ipolipemizzante, come una statina, ezetimibe o niacina.

prospettiva

I depositi di colesterolo intorno all’occhio sono noti come xantelasmastia. Di solito sono innocui e non influenzano la vista o il funzionamento della palpebra. Tuttavia, alcune persone potrebbero desiderare di averle rimosse chirurgicamente per ragioni estetiche.

Uno xantelasma è a volte un sintomo di una condizione di fondo più grave, come dislipidemia, ipotiroidismo, malattia renale, malattia del fegato o diabete.

Chiunque sviluppi depositi di colesterolo intorno agli occhi dovrebbe parlare con un medico.