I Comprovati benifici dell’integratore Aglio puro Biodisponibile.

L’aglio ( Allium sativum ), è ampiamente usato come condimento in cucina, ma è stato anche usato come medicina nella storia antica e moderna; è stato preso per prevenire e curare una vasta gamma di condizioni e malattie.

L’aglio appartiene al genere Allium ed è strettamente legato alla cipolla , al rakkyo (una cipolla trovata in Asia), allo scalogno, all’erba cipollina, al porro e allo scalogno. È stato usato dall’uomo per migliaia di anni ed è stato usato nell’Antico Egitto sia per scopi culinari che per i suoi benefici sulla salute e terapeutici.

Questo articolo esaminerà i potenziali benefici per la salute dell’aglio e coprirà tutte le ricerche che supportano le affermazioni.

Fatti veloci su aglio

  • In molti paesi, l’aglio è stato usato in medicina per secoli.
  • L’aglio può avere una serie di benefici per la salute, sia crudi che cotti.
  • Può avere significative proprietà antibiotiche .

Storia

aglio foto.jpg

Ci sono molte indicazioni mediche sull’aglio.

L’aglio è stato usato in tutto il mondo per migliaia di anni. Le registrazioni indicano che l’aglio era in uso quando furono costruite le piramidi di Giza, circa 5.000 anni fa.

Richard S. Rivlin scrisse nel Journal of Nutrition che l’antico medico greco Ippocrate (circa il 460-370 aC), noto oggi come “il padre della medicina occidentale”, prescriveva l’aglio per una vasta gamma di condizioni e malattie. Ippocrate promuoveva l’uso dell’aglio per il trattamento di problemi respiratori, parassiti, cattiva digestione e affaticamento .

Agli atleti olimpici originari dell’Antica Grecia è stato dato l’aglio, probabilmente il primo esempio di agenti che migliorano le prestazioni utilizzati negli sport.

Dall’antico Egitto, l’aglio si diffuse alle antiche civiltà antiche della Valle dell’Indo (Pakistan e India occidentale oggi). Da lì, è arrivato in Cina.

Secondo gli esperti di Kew Gardens, il centro botanico reale d’eccellenza inglese, le persone dell’antica India apprezzarono le proprietà terapeutiche dell’aglio e pensarono anche che fosse un afrodisiaco. Le classi superiori evitavano l’aglio perché disprezzavano il suo forte odore, mentre i monaci, “… le vedove, gli adolescenti e coloro che avevano preso un voto o stavano digiunando, non potevano mangiare aglio a causa della sua qualità stimolante”.

Nel corso della storia in Medio Oriente, Asia orientale e Nepal, l’aglio è stato usato per trattare bronchiti , ipertensione ( pressione alta ), tubercolosi , disturbi del fegato, dissenteria , flatulenza , coliche , vermi intestinali, reumatismi, diabete e febbri .

Il francese, lo spagnolo e il portoghese introdussero l’aglio nel nuovo mondo.

usi

Attualmente, l’aglio è ampiamente utilizzato per diverse condizioni legate al sistema sanguigno e al cuore, tra cui l’ aterosclerosi (indurimento delle arterie), colesterolo alto , infarto , malattia coronarica e ipertensione .

L’aglio è usato anche oggi da alcune persone per la prevenzione del cancro del polmone , del cancro alla prostata , del cancro al seno , del cancro allo stomaco , del cancro del retto e del cancro del colon .

È importante aggiungere che solo alcuni di questi usi sono supportati dalla ricerca.

Uno studio pubblicato sulla rivista Food and Chemical Toxicology ha avvertito che il riscaldamento a breve termine riduce gli effetti antinfiammatori degli estratti di aglio crudo fresco. Questo potrebbe essere un problema per alcune persone che non amano o non tollerano il gusto e / o l’odore dell’aglio fresco.

Benefici

Di seguito sono riportati alcuni esempi di alcuni studi scientifici pubblicati su riviste accademiche sui benefici terapeutici (o meno) dell’aglio.

AGLIO PURO BIODISPONIBILE 

AGLIO-PURO-BIODISPONIBILE-50-CAPSULE-DA-500-MG.jpg

Rischio di cancro polmonare

Le persone che hanno mangiato aglio crudo almeno due volte a settimana durante il periodo di studio di 7 anni hanno avuto un rischio inferiore del 44 per cento di sviluppare il cancro del polmone, secondo uno studio condotto presso il Centro Provinciale per il controllo e la prevenzione delle malattie in Cina.

I ricercatori, che hanno pubblicato il loro studio sulla rivista Cancer Prevention Research , hanno effettuato interviste faccia a faccia con 1.424 pazienti con cancro del polmone e 4.543 individui sani. Gli è stato chiesto della loro dieta e stile di vita, comprese le domande sul fumo e quanto spesso hanno mangiato l’aglio.

Gli autori dello studio hanno scritto: “L’associazione protettiva tra l’assunzione di aglio crudo e il cancro ai polmoni è stata osservata con un pattern dose-risposta, suggerendo che l’aglio può potenzialmente servire come agente chemioterapico per il cancro del polmone.”

Cancro al cervello

I composti di zolfo e organo trovati nell’aglio sono stati identificati come efficaci nel distruggere le cellule nei glioblastomi , un tipo di tumore cerebrale mortale .

Scienziati della Medical University of South Carolina hanno riportato sulla rivista Cancer che tre composti organici di zolfo dell’aglio – DAS, DADS e DATS – “hanno dimostrato efficacia nell’eradicazione delle cellule di cancro al cervello, ma DATS si è dimostrato il più efficace”.

Il co-autore, Ray Swapan, Ph.D., ha dichiarato: “Questa ricerca mette in evidenza la grande promessa dei composti originari di piante come medicina naturale per il controllo della crescita maligna delle cellule tumorali del cervello umano.Inoltre sono necessari ulteriori studi su modelli animali di tumori cerebrali applicazione di questa strategia terapeutica ai pazienti con tumore al cervello. “

Osteoartrite dell’anca

Le donne le cui diete erano ricche di vegetali di allium avevano livelli più bassi di osteoartrite , una squadra del King’s College di Londra e l’Università di East Anglia, entrambe in Inghilterra, riportavano nella rivista BMC Musculoskeletal Disorders . Esempi di verdure all’alleum comprendono aglio, porri, scalogni, cipolle e rakkyo.

Gli autori dello studio hanno detto che i loro risultati non solo hanno evidenziato il possibile impatto della dieta sugli esiti dell’osteoartrite, ma hanno anche dimostrato il potenziale per l’utilizzo di composti che esistono nell’aglio per sviluppare trattamenti per la condizione.

Lo studio a lungo termine, che ha coinvolto più di 1.000 gemelli sane, ha scoperto che coloro le cui abitudini alimentari includevano molta frutta e verdura, “in particolare gli alliums come l’aglio”, avevano meno segni di artrosi precoce nell’articolazione dell’anca.

Potenzialmente un potente antibiotico

Il solfuro di diallile, un composto nell’aglio, era 100 volte più efficace di due antibiotici popolari nel combattere il batterio Campylobacter , secondo uno studio pubblicato sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy .

Il batterio Campylobacter è una delle cause più comuni di infezioni intestinali.

L’autore senior, il dottor Xiaonan Lu, della Washington State University, ha dichiarato: “Questo lavoro è molto eccitante per me perché dimostra che questo composto ha il potenziale per ridurre i batteri che causano malattie nell’ambiente e nel nostro approvvigionamento alimentare”.

Protezione del cuore

aglio cuore.jpg

L’aglio può contenere sostanze chimiche protettive per il cuore.

Il trisolfuro di diallile, un componente dell’olio di aglio, aiuta a proteggere il cuore durante la chirurgia cardiaca e dopo un infarto, i ricercatori della Scuola di Medicina della Emory University hanno scoperto. Credono anche che il diallil trisolfuro potrebbe essere usato come trattamento per l’ insufficienza cardiaca .

È stato dimostrato che il gas idrogeno solforato protegge il cuore dai danni.

Tuttavia, è un composto volatile e difficile da erogare come terapia.

Per questo motivo, gli scienziati hanno deciso di concentrarsi sul diallil trisolfuro, un componente dell’olio di aglio, come un modo più sicuro per fornire i benefici dell’idrogeno solforato al cuore.

In esperimenti con topi da laboratorio, il team ha scoperto che, dopo un infarto, i topi che avevano ricevuto diallil solfuro avevano il 61% in meno di danni cardiaci nell’area a rischio, rispetto ai topi non trattati.

In un altro studio, pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry , gli scienziati hanno scoperto che l’olio d’aglio può aiutare a proteggere i pazienti diabetici dalla cardiomiopatia.

La cardiomiopatia è la principale causa di morte tra i pazienti diabetici. È una malattia cronica del miocardio (muscolo cardiaco), che è anormalmente ispessita, ingrossata e / o irrigidita.

Il team ha alimentato i ratti da laboratorio diabetici con olio d’aglio o olio di mais. Coloro che hanno nutrito l’olio all’aglio hanno sperimentato significativamente più cambiamenti associati alla protezione contro i danni al cuore, rispetto agli animali che sono stati nutriti con olio di mais.

Gli autori dello studio hanno scritto: “In conclusione, l’olio d’aglio possiede un potenziale significativo per proteggere i cuori dalla cardiomiopatia indotta dal diabete”.

Gli studi sull’uomo dovranno essere eseguiti per confermare i risultati di questo studio.

Colesterolo alto e alta pressione sanguigna

I ricercatori dell’Università di Ankara hanno studiato gli effetti della supplementazione di estratto di aglio sul profilo lipidico (grasso) del sangue dei pazienti con colesterolo alto nel sangue. Il loro studio è stato pubblicato sul Journal of Nutritional Biochemistry .

Lo studio ha coinvolto 23 volontari, tutti con colesterolo alto; 13 di loro avevano anche la pressione alta. Sono stati divisi in due gruppi:

  • Il gruppo normoteso ad alto contenuto di colesterolo ( pressione arteriosa normale ).
  • Il gruppo ipertensivo di colesterolo alto (alta pressione sanguigna).

Hanno preso supplementi di estratto di aglio per 4 mesi e sono stati regolarmente controllati per i parametri lipidici del sangue, così come la funzionalità dei reni e del fegato.

Alla fine dei 4 mesi, i ricercatori hanno concluso che “… l’integrazione con estratti di aglio migliora il profilo lipidico del sangue, rafforza il potenziale antiossidante del sangue e provoca una significativa riduzione della pressione sanguigna sistolica e diastolica e porta ad una diminuzione del livello di ossidazione prodotto (MDA) nei campioni di sangue, che dimostra una riduzione delle reazioni di ossidazione nel corpo. “

In altre parole, i supplementi dell’estratto di aglio riducevano i livelli di colesterolo alto e anche la pressione sanguigna nei pazienti con ipertensione. Gli scienziati hanno aggiunto che il loro era un piccolo studio – è necessario più lavoro da svolgere.

Cancro alla prostata

I medici del Dipartimento di Urologia, Cina-Giappone Friendship Hospital, Pechino, Cina, hanno condotto uno studio per valutare la relazione tra il consumo di verdure di Allium e il rischio di cancro alla prostata.

Hanno raccolto e analizzato gli studi pubblicati fino a maggio 2013 e hanno riportato i loro risultati sull’Asia Pacific Journal of Cancer Prevention .

Gli autori dello studio hanno concluso che “le verdure di Allium, in particolare l’assunzione di aglio, sono correlate a un ridotto rischio di cancro alla prostata”.

Il team ha anche commentato che, poiché non ci sono molti studi rilevanti, ulteriori studi prospettici ben disegnati dovrebbero essere effettuati per confermare i loro risultati.

Danno epatico alcol-indotto

Le lesioni epatiche indotte dall’alcol sono causate dal consumo eccessivo a lungo termine di bevande alcoliche.

Scienziati dell’Istituto di Tossicologia della School of Public Health dell’Università di Shandong, in Cina, volevano determinare se il diallil disulfide (DADS), un composto di organosulfuro derivato dall’aglio, potesse avere effetti protettivi contro lo stress ossidativo indotto dall’etanolo .

Il loro studio è stato pubblicato su Biochimica et Biophysica Acta .

I ricercatori hanno concluso che il DADS potrebbe aiutare a proteggere dalle lesioni epatiche indotte dall’etanolo.

Consegna pretermine (prematura)

Infezioni microbiche durante la gravidanza aumentano il rischio di parto prematuro da parte di una donna. Gli scienziati della Divisione di Epidemiologia, Istituto norvegese per la salute pubblica, hanno studiato l’impatto che gli alimenti potrebbero avere sulle infezioni antimicrobiche e sul rischio di parto pretermine.

Lo studio e i suoi risultati sono stati pubblicati sul Journal of Nutrition .

Ronny Myhre e colleghi si sono concentrati sugli effetti di Allium e frutta secca, perché una ricerca in letteratura aveva identificato questi due alimenti come indicanti la più grande promessa per ridurre il rischio di parto pretermine.

Il team ha studiato l’assunzione di frutta secca e Alliums tra 18.888 donne nella coorte norvegese di madre e figlio, di cui il 5% (950) è stato sottoposto a PTD spontanea (parto prematuro).

Gli autori dello studio hanno concluso che “l’assunzione di alimenti con composti antimicrobici e prebiotici può essere importante per ridurre il rischio di PTD spontanea, in particolare l’aglio era associato a un rischio generale di PTD spontaneo inferiore”.

Aglio e il comune raffreddore

Un gruppo di ricercatori della St. Joseph Family Medicine Residency, Indiana, ha condotto uno studio dal titolo “Trattamento del raffreddore comune nei bambini e negli adulti”, pubblicato su American Family Physician .

Hanno riferito che “l’uso profilattico dell’aglio può ridurre la frequenza del raffreddore negli adulti, ma non ha alcun effetto sulla durata dei sintomi”. Uso profilattico significa usarlo regolarmente per prevenire la malattia.

Sebbene ci sia qualche ricerca per suggerire che l’aglio crudo abbia i maggiori benefici, altri studi hanno esaminato l’apporto complessivo di allium, sia crudo che cotto, e hanno trovato benefici. Pertanto, è possibile gustare l’aglio in vari modi per coglierne i vantaggi.

Annunci

Quindici cibi buoni per la pressione alta

Cambiare la dieta può ridurre significativamente l’ipertensione. La ricerca ha dimostrato che alcuni alimenti possono abbassare la pressione sanguigna, sia subito che a lungo termine.

Conosciuto anche come l’ipertensione , la pressione alta colpisce 1 a 3 adulti negli Stati Uniti.

Farmaci, cambiamenti nella dieta e altre modifiche allo stile di vita possono ridurre l’ipertensione riducendo il rischio di condizioni associate. Avere la pressione alta aumenta il rischio di una persona di malattie cardiache , ictus e malattie renali.

In questo articolo, discutiamo di alimenti che possono aiutare a ridurre l’ipertensione e fornire prove scientifiche.

Quindici alimenti che aiutano ad abbassare la pressione sanguigna

Molti ricercatori hanno scoperto che alcuni alimenti possono abbassare l’ipertensione. Analizziamo quali alimenti funzionano e come incorporarli in una dieta salutare.

1. Bacche

bacche farmajet.jpg

Mirtilli e fragole contengono antociani, che possono aiutare a ridurre la pressione sanguigna di una persona.

Mirtilli e fragole contengono composti antiossidanti chiamati antociani, un tipo di flavonoidi.

I ricercatori hanno condotto un ampio studio con oltre 34.000 persone con ipertensione.

Hanno scoperto che quelli con il più alto apporto di antociani – principalmente da mirtilli e fragole – avevano una riduzione dell’8% nel rischio di ipertensione, rispetto a quelli con un basso apporto di antocianine.

Goditi le bacche come spuntino o dolcezza dopo i pasti o aggiungile a frullati e fiocchi d’avena.

2. Banane

Le banane contengono un sacco di potassio , un minerale che svolge un ruolo fondamentale nella gestione dell’ipertensione.

Secondo l’American Heart Association, il potassio riduce gli effetti del sodio e allevia la tensione nelle pareti dei vasi sanguigni.

Gli adulti dovrebbero mirare a consumare 4.700 milligrammi (mg) di potassio al giorno. Altri cibi ricchi di potassio includono:

  • avocado
  • melone cantalupo e melone
  • halibut
  • funghi
  • patate dolci
  • pomodori
  • tonno
  • fagioli

Le persone con malattie renali dovrebbero parlare ai loro medici di potassio, in quanto troppo può essere dannoso.

3. Barbabietole

Bere succo di barbabietola può ridurre la pressione sanguigna a breve e lungo termine.

Nel 2015, i ricercatori hanno riferito che l’assunzione di succo di barbabietola rossa ha portato ad abbassare la pressione sanguigna nelle persone con ipertensione che hanno bevuto 250 millilitri, circa 1 tazza, del succo ogni giorno per 4 settimane. I ricercatori hanno notato alcuni effetti positivi entro 24 ore.

In questo studio, coloro che bevevano 1 tazza di succo di barbabietola ogni giorno avevano una caduta media della pressione sanguigna di circa 8/4 millimetri di mercurio (mm Hg). Per molti, questo cambiamento ha portato la loro pressione sanguigna entro il range normale. In media, un singolo farmaco per la pressione del sangue riduce i livelli di 9/5 mm Hg.

I ricercatori hanno suggerito che gli alti livelli di nitrato inorganico della barbabietola hanno causato la riduzione della pressione sanguigna.

Può essere utile bere un bicchiere di succo di barbabietola ogni giorno, aggiungere barbabietole alle insalate o preparare le verdure come contorno sano.

4. Cioccolato fondente

Questo trattamento dolce può abbassare la pressione sanguigna. Una revisione di 15 studi suggerisce che il cioccolato ricco di cacao riduce la pressione sanguigna nelle persone con ipertensione o pre ipertensione.

Scegli cioccolato di alta qualità che contiene un minimo di 70 percento di cacao e consuma un singolo quadrato o un pezzo che misura circa 1 oncia al giorno.

5. Kiwi

Una dose giornaliera di kiwi può ridurre la pressione del sangue nelle persone con livelli lievemente elevati, in base ai risultati di uno studio .

I ricercatori hanno confrontato gli effetti di mele e kiwi su persone con una pressione del sangue leggermente alta.

Hanno scoperto che mangiare tre kiwi al giorno per 8 settimane ha prodotto una riduzione più significativa sia della pressione sistolica che diastolica, rispetto al consumo di una mela al giorno per lo stesso periodo. Gli autori sospettano che le sostanze bioattive nei kiwi abbiano causato la riduzione.

I kiwi sono anche ricchi di vitamina C, che può migliorare significativamente le letture della pressione sanguigna nelle persone che hanno consumato circa 500 mg di vitamina ogni giorno per circa 8 settimane.

I kiwi sono anche facili da aggiungere a pranzi o frullati.

6. Anguria

L’anguria contiene un amminoacido chiamato citrullina, che può aiutare a gestire l’ipertensione.

La citrullina aiuta il corpo a produrre ossido nitrico, un gas che rilassa i vasi sanguigni e favorisce la flessibilità delle arterie. Questi effetti aiutano il flusso di sangue, che può abbassare la pressione alta.

In uno studio , gli adulti con obesità e preipertensione o ipertensione lieve che hanno assunto l’estratto di anguria hanno mostrato una riduzione della pressione arteriosa nelle caviglie e nelle arterie brachiali. L’arteria brachiale è l’arteria principale nella parte superiore del braccio.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli animali trattati con una dieta ricca di anguria avevano una migliore salute del cuore. In uno studio , i topi che hanno bevuto una soluzione contenente succo di anguria avevano il 50% in meno di placca nelle loro arterie rispetto al gruppo di controllo.

I topi che hanno bevuto la soluzione avevano anche il 50% in meno di colesterolo lipoproteico a bassa densità , che molti descrivono come colesterolo cattivo e hanno mostrato un aumento di peso del 30 per cento inferiore rispetto agli animali di controllo.

Per aumentare l’assunzione di cocomero, aggiungi la frutta alle insalate e ai frullati o goditela in una zuppa di cocomero fresca.

7. Avena

L’avena contiene un tipo di fibra chiamata beta-glucano, che può ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. Il beta-glucano può anche abbassare la pressione sanguigna, secondo alcune ricerche.

Una revisione di 28 studi ha concluso che un maggiore consumo di fibre di beta-glucano può abbassare sia la pressione sistolica che quella diastolica. L’orzo contiene anche questa fibra.

Inizia la giornata con una ciotola di fiocchi d’avena o usa l’avena rotolata al posto del pangrattato per dare consistenza alle polpette di carne o agli hamburger vegetariani.

8. Verdure a foglia verde

Le verdure a foglia verde sono ricche di nitrati, che aiutano a gestire la pressione sanguigna. Alcune ricerche suggeriscono che mangiare 1-2 porzioni di verdure ricche di nitrati ogni giorno può ridurre l’ipertensione fino a 24 ore.

Esempi di verdure a foglia verde includono:

  • cavolo
  • cavolo verde
  • finocchio
  • cavolo
  • lattuga
  • senape
  • spinaci
  • bietola

Per consumare una dose giornaliera di verdure verdi, mescolare gli spinaci in curry e stufati, saltare la bietola con l’aglio per un contorno gustoso o cuocere una porzione di patatine kale.

9. Aglio

aglio farmajet.jpg

Mangiare aglio può aumentare i livelli di ossido nitrico di una persona.

L’aglio è un antibiotico naturale e cibo antifungino. Il suo principale principio attivo, l’allicina, è spesso responsabile di benefici per la salute associati.

Alcune ricerche suggeriscono che l’aglio aumenta la produzione corporea di ossido nitrico, che aiuta i muscoli lisci a rilassarsi ei vasi sanguigni a dilatarsi. Questi cambiamenti possono ridurre l’ipertensione.

Uno studio ha riportato che l’estratto di aglio riduce sia la pressione sistolica che diastolica in persone ipertese.

L’aglio può esaltare il sapore di molti piatti salati, tra cui patatine fritte, zuppe e omelette. L’uso dell’aglio invece del sale può promuovere ulteriormente la salute del cuore.

10. Alimenti fermentati

I cibi fermentati sono ricchi di probiotici, che sono batteri benefici che svolgono un ruolo importante nel mantenimento della salute dell’intestino. Mangiare i probiotici può avere un modesto effetto sull’ipertensione, secondo una rassegna di nove studi.

I ricercatori hanno riportato più effetti potenziati quando i partecipanti allo studio hanno consumato:

  • più specie di batteri probiotici
  • probiotici regolarmente per più di 8 settimane
  • almeno 100 miliardi di unità formanti colonie al giorno

Gli alimenti fermentati da aggiungere alla dieta includono:

  • yogurt naturale
  • kimchi
  • kombucha
  • aceto di sidro di mele
  • miso
  • tempeh

Alcune persone preferiscono assumere concentrati probiotici ogni giorno.

11. Lenticchie e altri legumi

Le lenticchie sono un alimento base di molte diete in tutto il mondo, in quanto sono un’ottima fonte di proteine ​​e fibre vegetariane.

Nel 2014, i ricercatori che hanno studiato gli effetti di una dieta ricca di legumi sui ratti hanno riportato livelli diminuiti di pressione sanguigna e colesterolo. Un totale del 30 percento della dieta dei ratti comprendeva legumi, inclusi fagioli, piselli, lenticchie e ceci.

Le lenticchie sono molto versatili. Molte persone li usano come alternativa vegetariana alla carne macinata o per aggiungere massa a insalate, stufati e zuppe.

12. Yogurt naturale

L’America Heart Association ha riferito che lo yogurt può ridurre il rischio di ipertensione nelle donne.

I ricercatori hanno scoperto che le donne di mezza età che consumavano cinque o più porzioni di yogurt ogni settimana per 18-30 anni mostravano una riduzione del 20% del rischio di ipertensione rispetto alle donne di età simile che raramente mangiavano yogurt.

Gli uomini nello studio non sembravano avere gli stessi benefici, ma le loro prese di yogurt tendevano ad essere più basse.

È importante notare che il National Dairy Council negli Stati Uniti ha finanziato questa ricerca.

Gli yogurt non zuccherati, come gli yogurt naturali o greci, tendono ad avere più benefici. Goditeli con frutta, noci o semi per uno snack o un dessert salutare.

13. Melograni

Bere 1 tazza di succo di melograno al giorno per 28 giorni può abbassare la pressione alta a breve termine, secondo i risultati di uno studio del 2012. I ricercatori hanno attribuito questo effetto al contenuto di antiossidanti del frutto.

Mentre i melograni possono essere gustati interi, alcune persone preferiscono il succo. Al momento dell’acquisto di succo di melograno preconfezionato, verificare che non ci sia zucchero aggiunto.

14. Cannella

La cannella può anche aiutare a ridurre la pressione sanguigna, almeno a breve termine.

Un’analisi di tre studi hanno dimostrato che la cannella diminuzione della pressione sanguigna sistolica breve termine 5,39 millimetri Hg e pressione diastolica di 2,6 mm Hg. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche.

Aggiungi la cannella alla dieta cospargendola sopra farina d’avena o frutta fresca tritata, in alternativa allo zucchero.

15. Pistacchi

pistacchi farmajet.jpg

Il consumo di pistacchi può ridurre il rischio di ipertensione di una persona.

I pistacchi sono noci salutari che possono ridurre l’ipertensione.

Uno studio ha riportato che l’inclusione di pistacchi in una dieta moderata di grassi può ridurre la pressione sanguigna durante i periodi di stress . Ciò può essere dovuto al fatto che un composto nelle noci riduce la tensione dei vasi sanguigni.

È importante notare che la California Pistachio Commission di Fresno e gli American Pistachio Growers hanno finanziato questo studio su piccola scala.

Altri studi hanno scoperto che altri tipi di noci, come le mandorle , hanno avuto un effetto simile.

Fare uno spuntino con i pistacchi, mescolarli in insalate o frullarli in pesto. Le noci non salate sono più salutari.

Alimenti da evitare

Mentre alcuni alimenti possono alleviare l’ipertensione, altri possono causare sostanziali aumenti della pressione sanguigna.

Le persone possono prevenire o ridurre l’ipertensione eliminando quanto segue:

sale

Il sodio può aumentare significativamente la pressione sanguigna. Secondo i risultati di una revisione del 2013, l’apporto calorico inferiore di 4,4 grammi al giorno ha ridotto sostanzialmente la pressione sanguigna sistolica e diastolica.

Caffeina

La caffeina contenuta nel caffè , nel tè, nella cola e nelle bevande energetiche può causare picchi di pressione a breve termine.

Una revisione di cinque studi ha rilevato che bere fino a 2 tazze di caffè forte può aumentare sia la pressione sistolica che quella diastolica per 3 ore dopo il consumo.

Questi risultati non suggeriscono che il caffè aumenti la pressione sanguigna o il rischio di malattie cardiovascolari a lungo termine.

alcool

Consumare quantità moderate di vino rosso può avere alcuni benefici per la salute, ma una maggiore quantità di alcol può causare un aumento drammatico della pressione sanguigna.

L’uso di alcol pesanti aumenta anche i rischi di insufficienza cardiaca , ictus, cancro e obesità.

prospettiva

Una dieta e uno stile di vita salutari possono aiutare a ridurre il rischio di ipertensione.

Gli alimenti che possono abbassare la pressione sanguigna includono frutta, verdura, avena, noci, lenticchie, erbe e spezie.

Incorporare questi in una dieta equilibrata e impegnarsi in un’adeguata attività fisica per trattare l’ipertensione e migliorare la salute generale.

FARMAJET CONSIGLIA l’ INTEGRATORE AGLIO PURO BIODISPONIBILE

AGLIO-PURO-BIODISPONIBILE-50-CAPSULE-DA-500-MG.jpg

Cinque rimedi casalinghi per il piede d’atleta

Il piede d’atleta è un comune problema di pelle ai piedi causato da un fungo. Sebbene sia raramente serio, i suoi sintomi possono essere fastidiosi.

I rimedi casalinghi possono essere molto efficaci nel trattare molti casi di piede d’atleta. Alcuni di questi rimedi possono essere facilmente disponibili a casa, mentre altri sono disponibili nei negozi di alimenti naturali.

Scopri quali rimedi casalinghi possono valere la pena provare e quando potrebbe essere il momento di chiamare il medico.

Rimedi casalinghi

Molti rimedi naturali o casalinghi possono essere utili per uccidere il fungo che causa il piede dell’atleta.

1. Olio dell’albero del tè ( Melaleuca alternifolia )

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

Gli studi suggeriscono che l’olio dell’albero del tè può aiutare a uccidere i funghi.

L’olio dell’albero del tè proviene dalle foglie dell’albero del tè, che si trovano comunemente in Australia. È noto per avere proprietà antibatteriche e antimicotiche.

Uno studio ha trovato che le soluzioni contenenti il ​​25% e il 50% di olio di tea tree funzionavano significativamente meglio di un placebo nell’alleviare il piede dell’atleta tra le dita.

L’olio dell’albero del tè ha anche curato l’infezione nel 64% delle persone che lo hanno usato, mentre solo il 31% di coloro che hanno usato un placebo sono stati curati.

Un altro studio ha scoperto che l’olio dell’albero del tè era più efficace nell’uccidere i funghi rispetto a molti altri agenti antifungini che erano stati testati.

Le persone dovrebbero fare attenzione quando si usa l’olio dell’albero del tè perché può essere irritante per la pelle. Alcune persone potrebbero aver bisogno di smettere di usare l’olio a causa di eruzioni cutanee e irritazione.

Per usare l’olio dell’albero del tè, le persone dovrebbero versare qualche goccia in un olio vettore, come il cocco o l’olio d’oliva, e strofinarlo sui loro piedi. In alternativa, creme e pomate con olio di tea tree possono essere disponibili nei negozi di alimenti naturali.

Le persone non dovrebbero usare olio di tea tree non diluito sulla loro pelle.

2. Aglio

L’aglio ha una lunga storia di uso medicinale e diversi studi hanno dimostrato che l’aglio è efficace contro alcuni funghi e batteri.

Una recensione sul Journal of Medicine di Avicenna afferma che l’aglio può uccidere una varietà di germi. Alcune prove dell’aglio includono:

  • Uno studio sul Journal of Applied Microbiology , in cui si afferma che l’estratto di aglio fresco può uccidere o fermare la crescita della Candida , un fungo comune che infetta gli esseri umani.
  • Un rapporto dell’Ulster Medical Journal , che ha scoperto che l’aglio ha proprietà antifungine efficaci.
  • Uno studio su Mycoses , che ha esaminato un composto trovato nell’aglio noto come ajoene. Il composto ha curato il piede dell’atleta in ogni persona che lo ha usato. Ajoene è stato trasformato in una crema allo 0,4 per cento e applicato direttamente all’area.

Un piede d’aglio impregnato di spicchi d’aglio fresco è un modo per provare questo rimedio a casa.

Schiaccia tre o quattro spicchi d’aglio e mescoli in una bacinella di acqua tiepida. Immergere i piedi per 30 minuti, due volte al giorno per un massimo di una settimana.

I potenti composti nell’aglio possono comunque lasciare un odore duraturo di aglio sulla pelle.

3. Perossido di idrogeno con iodio

Il perossido e lo iodio sono comunemente usati per disinfettare ferite e tagli e per uccidere i germi sulla pelle.

Uno studio recente ha scoperto che il perossido combinato con iodio ha ucciso 16 diversi funghi. I due usati insieme erano più efficaci di usarli separatamente.

Per provare questo rimedio, mescolare la soluzione di iodio e il perossido di idrogeno in un secchio o in una grande ciotola. La soluzione di iodio è disponibile nella maggior parte delle farmacie nella sezione di cura delle ferite. Immergere i piedi direttamente nella soluzione o utilizzare un batuffolo di cotone per applicarlo alle aree interessate.

Non usare lo iodio sulla pelle senza diluirlo perché può danneggiare la pelle se usato da solo.

Il perossido può pungere se la pelle è rotta o irritata e può candeggiare i capelli e i tessuti. Lo iodio può anche causare macchie.

L’applicazione di questa miscela in una vasca da bagno o una doccia può impedire macchie indesiderate, sbiancamento e fuoriuscite.

4. Asciugacapelli e talco

Se i funghi non hanno un ambiente ideale in cui vivere, non possono continuare a crescere e prosperare. Liberarsi dell’umidità dai piedi, soprattutto tra le dita dei piedi, può aiutare a mantenere il fungo di diffondersi e peggiorare.

Le persone possono rimuovere l’umidità dai loro piedi asciugandole accuratamente con un asciugacapelli dopo essersi lavati, assicurandosi che non rimanga umidità ma facendo attenzione a non bruciare la pelle. Le persone con perdita di sensibilità o sensazione nei piedi non dovrebbero usare questo metodo.

Quando i piedi sono asciutti, seguili cospargendoli di talco per assorbire il sudore. Molte polveri per i piedi contengono talco e aiutano a mantenere i piedi asciutti.

Oltre a questi passaggi, indossare calze che assorbono l’umidità dalla pelle può aiutare a mantenere i piedi asciutti. I seguenti tipi di calzini possono aiutare a mantenere i piedi asciutti durante il giorno:

  • lana
  • bambù
  • tessuto traspirante sintetico, spesso chiamato calzini tecnici

È utile anche cambiare le calze almeno una volta al giorno quando i piedi si sentono sudati o umidi. Oppure, nelle giornate più calde, indossare scarpe aperte o sandali per aumentare il flusso d’aria ai piedi.

5. Bicarbonato di sodio (bicarbonato di sodio)

bicarbonato di sodio farmajet

Il bicarbonato di sodio può avere proprietà antimicotiche e potrebbe essere usato in un bagno di ammollo.

Il bicarbonato di sodio è un articolo che molte persone hanno prontamente disponibile. Potrebbe anche essere un modo efficace per curare il piede d’atleta.

Uno studio su Mycopathologia ha rilevato che il bicarbonato di sodio, noto anche come bicarbonato di sodio, ha proprietà antifungine se usato sulla pelle.

Per far impregnare un piede, mescolare circa mezza tazza di bicarbonato di sodio in un grande secchio o bacinella di acqua tiepida. Immergere i piedi per 15 a 20 minuti, due volte al giorno. Al termine, asciugare accuratamente i piedi, ma non risciacquare.

Trattamento

Se i rimedi casalinghi non funzionano o il problema si protrae da più di 2 settimane, un medico o un podologo potrebbe aver bisogno di aiuto.

Un medico può prescrivere creme antimicotiche o medicinali se l’infezione non risponde ai trattamenti domiciliari.

È importante che le persone trattino un caso persistente di piede d’atleta perché il fungo può diffondersi alle unghie, ad altre parti del corpo e ad altre persone.

Le cause

piede d'atleta farmajet

Il piede dell’atleta può diffondersi nelle aree della piscina e negli spogliatoi.

Il piede dell’atleta si diffonde quando una persona entra in contatto con certi funghi. Può diffondersi da persona a persona e prospera in zone umide e calde.

I luoghi comuni dove vivere il fungo del piede dell’atleta sono aree della piscina, bagni pubblici e spogliatoi.

I funghi che causano il piede d’atleta comunemente attaccano i piedi perché:

  • scarpe e calze creano un ambiente caldo e umido che i funghi hanno bisogno di prosperare
  • i piedi sono esposti a funghi e germi sul terreno quando si cammina, specialmente se si cammina a piedi nudi
  • l’area tra le dita tende ad essere particolarmente umida e calda

Il termine “piede d’atleta” deriva dal fatto che molti spogliatoi atletici e attrezzature sportive sono ambienti caldi e umidi in cui i funghi possono diffondersi.

Chiunque può ottenere il piede dell’atleta, indipendentemente dal livello di attività.

Prevenzione

Ci sono modi per proteggere i piedi dai funghi ed evitare di prendere il piede dell’atleta. È anche utile esercitarsi con questi suggerimenti per evitare di ripetere un’infezione o diffonderla ad altri.

Per mantenere i piedi privi di funghi, le persone dovrebbero seguire queste linee guida:

  • Tenere le unghie tagliate corte. I chiodi possono raccogliere più facilmente batteri e funghi se sono lunghi.
  • Non camminare mai a piedi nudi in luoghi pubblici. Indossare sandali o scarpe impermeabili in piscine pubbliche, docce, spogliatoi, bagni e altre aree che si bagnano.
  • Lavare i piedi almeno una volta al giorno e asciugare accuratamente.
  • Se un membro della famiglia ha il piede dell’atleta, disinfettare la vasca da bagno o la doccia dopo ogni uso fino a quando non è andato via.
  • Non condividere asciugamani, scarpe, calze o altri oggetti che toccano i piedi.
  • Scarpe alternative quotidiane per dare a ciascuna coppia il tempo di asciugarsi completamente.
  • Indossare scarpe leggere e cambiare spesso i calzini per mantenere i piedi asciutti. Evita le scarpe calde e pesanti se possibile.

prospettiva

Quelli con determinate condizioni di salute, come il diabete , dovrebbero saltare i rimedi casalinghi e chiamare immediatamente un medico se notano problemi ai loro piedi. Anche alcune piccole fessure e ferite ai piedi possono rapidamente infettarsi in alcune persone affette da diabete.

Il piede dell’atleta può certamente mettere un freno ai piani per andare a piedi nudi in spiaggia. Fortunatamente, questo problema comune può di solito essere curato senza complicazioni.

Se i rimedi casalinghi non funzionano, le creme antimicotiche della farmacia possono essere un’opzione.

Se il problema si diffonde, peggiora o non risponde a questi rimedi casalinghi, le persone dovrebbero chiedere il parere di un medico o di un podologo. I prodotti da prescrizione sono solitamente molto efficaci se usati come prescritto.

Aglio puro biodisponibile che cos’e’ e a cosa serve.

E’ un integratore alimentare a base di aglio utile per regolare la funzionalità dell’apparato cardiovascolare, di supporto al metabolismo dei trigliceridi e del colesterolo. E’ inoltre utile per le fluidità delle secrezioni bronchiali, per il benessere di naso e gola per la funzione digestiva.

I monoconcentrati racchiudono e conservano tutte le sostanze funzionali presenti nella pianta da cui si ricavano, rendendole disponibili in una forma dall’uso semplice e pratico.

I nostri prodotti non contengono coloranti, conservanti, aromi artificiali, OGM, glutine, lattosio, allergeni. Sono di origine vegetale e adatti a vegetariani. Sono prodotti in laboratori certificati; gli estratti sono naturali e titolati, la concentrazione del principio attivo è garantito da analisi.

Senza glutine, senza lattosio, vegan approved, vegetarian V-Caps.

Proprietà aglio:

I composti caratteristici del bulbo d’Aglio sono rappresentati da una complessa serie di sostanze solforate. Nel bulbo integro i composti solforati sono rappresentati principalmente dall’alliina (85%) e, in misura minore, dalla isoalliina (5%) e dalla metiina (10%), completamente inodori. Quando il tessuto vegetale del bulbo viene spezzettato, contuso o altrimenti processato, dai succhi vacuolari viene rilasciato l’enzima alliinasi (alliina liasi) che rapidamente trasforma i tre composti nei rispettivi acidi sulfenici, responsabili del caratteristico odore dell’Aglio.

Le attività biologiche ed i più noti impieghi clinici descritti per l’Allium sativum sono:

– Attività ipolipemizzante ed antiaterogena. I benefici dell’Allium sativum nella riduzione del rischio cardiovascolare sono stati oggetto di numerosi studi condotti nel corso degli ultimi vent’anni e riassunti in diverse metanalisi e rassegne bibliografiche, le quali hanno esaminato in maniera critica il potenziale della pianta nei diversi settori terapeutici. In particolare, i dati clinici sull’efficacia ipocolesterolemizzante dell’Allium sativum sembrano essere di entità relativamente modesta; molto più interessanti appaiono invece le evidenze relative all’impiego della droga nella prevenzione della malattia aterosclerotica e delle sue complicanze. È noto da tempo che un supplemento dietetico di Aglio riduce l’iperlipemia e rallenta lo sviluppo delle placche aterosclerotiche indotte sperimentalmente nell’animale con una dieta aterogena.

L’Aglio, soprattutto in seguito ad un uso protratto e continuativo, sembra essere un efficace supporto nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, anche alla luce di una presunta correlazione fra l’uso abbondante di Aglio nella dieta mediterranea e la ridotta incidenza di ipercolesterolemia e cardiopatia ischemica osservata nei Paesi del Sud-Europa. Proprio allo scopo di verificare se l’Aglio normalmente impiegato nei cibi mantiene gli effetti medicinali riscontrati per la droga, uno studio ha indagato l’effetto sul metabolismo lipidico di quattro estratti di Aglio (droga in polvere, Aglio bollito per 20 minuti, estratto acquoso ed estratto acquoso di Aglio bollito).

L’effetto ipolipemizzante dell’estratto totale di Aglio e quello di allicina, ajoene, metilajoene e vinilditiine presi isolatamente non differiscono in modo significativo, e ciò sta a significare che il miglior effetto sul quadro lipidico si ha somministrando l’estratto totale della droga titolato in allicina o in alliina.

– Attività antiipertensiva. L’Aglio è utilizzato anche per la sua attività antiipertensiva. L’attività è stata per anni riferita ad un effetto vasodilatatore periferico che certamente può contribuire alla riduzione della pressione arteriosa sistolica e diastolica: l’azione vasodilatatrice è mediata da una inibizione dell’adenosina deaminasi a livello dell’endotelio vascolare con un potenziamento dell’effetto miorilassante della stessa adenosina endogena. Recentemente, però, è stato dimostrato che l’Aglio ha anche attività diuretica e natriuretica nel coniglio e probabilmente questa attività incide sull’azione ipotensiva dell’Aglio più dell’effetto vasodilatatore.

– Attività antiaggregante piastrinica ed antitrombotica. Il fitocomplesso di Aglio e diversi suoi costituenti mostrano di possedere attività antiaggregante piastrinica in vitro ed in vivo. L’Aglio ha anche attività profibrinolitica ed emoreologica. Anche se molti composti presenti nell’Aglio hanno attività antiaggregante piastrinica, l’attenzione dei ricercatori è stata rivolta soprattutto agli ajoeni, composti che inibiscono l’aggregazione piastrinica indotta da diversi agenti e bloccano la liberazione del contenuto dei corpi densi e degli α-granuli piastrinici.

– Diabete. L’estratto di Allium sativum sembrerebbe svolgere un’azione protettiva a livello pancreatico, in particolare sulle beta-cellule. Il trattamento con estratto di Aglio in ratti resi sperimentalmente diabetici con streptozocina, riduceva la glicemia in modo simile a quello ottenibile con la glibenclamide ed aumentava i livelli di insulina. Tale risultato, non osservato in ratti normali, sembra dovuto in parte alla stimolazione della secrezione insulinica dalle cellule beta-pancreatiche e in parte all’attività antilipoperossidante della droga. Ciò suggerisce che gli estratti di Aglio possono costituire un buon fitoterapico da tenere in considerazione per il paziente diabetico come anche per il paziente che presenti i primi segni di una sindrome metabolica.

– Altre attività. Fra le altre attività dell’Aglio, è stato segnalato un effetto antiaritmico nel cane ed una protezione del miocardio nei confronti di ischemie sperimentali. Inoltre, è stata identificata una buona attività dell’Aglio nei confronti dell’Helicobacter pylori, agente corresponsabile in alcune situazioni dell’ulcera gastroduodenale; una attività dell’ajoene su alcuni mcroorganismi Gram-positivi, quali il Bacillus cereus, il Bacillus subtilis, il Mycobacterium smegmatis, Streptomyces griseus, lo Staphylococcus aureus ed il Lactobacillus plantarum, e Gram-negativi, quali l’Escherichia coli, la Klebsiella pneumoniae e lo Xanthomonas maltophilia; una buona efficacia dell’ajoene nelle infezioni micotiche del piede (Tinea pedis), dell’orecchio (otomicosi) e del cavo orale. Ancora, l’Aglio possiede una buona attività antisettica, che può risultare utile in caso di infezioni delle vie respiratorie. È certo che i composti solforati sono da sempre conosciuti come antibatterici, ed anche che la loro struttura tiosulfinata è importante per questa loro azione. Altra interessante attività dell’Allium sativum, per la quale viene impiegato dalla medicina tradizionale, è una buona attività antielmintica, utile nelle infestazioni intestinali da ascaridi ed ossiuri.

Modo d’uso:

Si consiglia di assumere da 2 a 4 capsule al giorno dopo i pasti, con abbondante acqua.

Ingredienti:

Aglio (Allium sativum L.) bulbo estratto secco tit. 1% in allina; involucro: capsula in gelatina vegetale (idrossi-propil-metilcellulosa); agenti di carica: cellulosa; agente antiagglomerante: sali di magnesio degli acidi grassi.

Tenori medi per dose massima giornaliera:

Aglio e.s. 1312 mg, pari ad allina 13,12 mg.

Modalità di conservazione:

Conservare in luogo fresco ed asciutto, al riparo dalla luce. La data di fine validità si riferisce al prodotto correttamente conservato, in confezione integra.

Avvertenze:

Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore a 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

Come si fa a eliminare l’alito di aglio o cipolla?

Aglio e cipolla aggiungono sapore ai pasti e possono fornire benefici per la salute. Sfortunatamente, entrambi possono anche causare alitosi, noti come alitosi, soprattutto se mangiati crudi.

L’odore caratteristico è causato da sostanze chimiche contenenti zolfo in aglio e cipolla . L’odore può indugiare sul respiro di una persona per ore e persino durante la notte, il che scoraggia alcune persone dal mangiare queste verdure.

Fortunatamente, molti rimedi casalinghi possono prevenire o eliminare l’ alitosi . Di seguito, descriviamo 12 metodi semplici.

Dodici modi per sbarazzarsi dell’odore

alito

Alcuni rimedi casalinghi possono aiutare a prevenire l’alitosi associato al consumo di aglio e cipolla.

Non c’è bisogno di rinunciare al gusto e ai benefici per la salute dell’aglio e delle cipolle. Prova i seguenti suggerimenti per evitare l’alito cattivo associato a queste verdure.

1. Bere acqua

L’acqua potabile dopo i pasti può lavare i resti di aglio o cipolla dalla lingua o tra i denti.

Stimola anche la produzione di saliva, che aiuta a rimuovere alcuni dei batteri che producono gli odori dalla bocca.

2. Spazzola e filo interdentale

I batteri che contribuiscono all’alitosi si trovano di solito nella placca sui denti e sotto la linea di gomma.

Spazzolare i denti e usare il filo interdentale dopo i pasti può ridurre significativamente il numero di batteri in bocca ed eliminare altre cause di alitosi, tra cui placca e particelle di cibo.

3. Utilizzare un raschietto per lingua

Una persona trascurerà spesso di spazzolare la lingua e il tetto della bocca, e il dorso della lingua è il luogo ideale dove raccogliere i batteri. Un individuo può anche notare un film bianco che si forma sulla lingua.

L’uso quotidiano di un raschietto o spazzolino può rimuovere cellule morte, microbi e minuscole particelle di cibo. Continuare a raschiare finché non rimangono residui sul raschietto.

4. Risciacquare con un collutorio

Un collutorio dall’odore forte, come quello contenente menta piperita, può coprire l’odore di aglio o cipolle nel respiro.

Alcune ricerche suggeriscono che l’uso di un collutorio contenente diossido di cloro è particolarmente efficace nel rimuovere la placca, i batteri e le minuscole particelle di cibo.

5. Mangia frutta e verdura fresca

Mangiare prodotti freschi con o dopo i pasti può coprire gli odori di aglio e cipolla.

In uno studio , i ricercatori hanno riferito che il consumo di mela cruda o di lattuga cruda riduceva significativamente l’odore di aglio nel respiro.

6. Mangiare foglie di erba

Masticare il prezzemolo dopo aver mangiato è un rimedio antichissimo per l’alito all’aglio o alla cipolla. Questa erba deterge il palato e maschera gli odori sgradevoli.

Le foglie di menta hanno anche dimostrato di ridurre significativamente l’alito dell’aglio.

7. Prova aceto di sidro di mele

Alcune persone riferiscono che bevendo un cucchiaio di aceto di mele in acqua prima o dopo i pasti si elimina l’alito di aglio o cipolla.

Tuttavia, questo non è un metodo approvato dal punto di vista medico. Una persona dovrebbe sempre verificare con il proprio medico prima di utilizzare l’aceto di sidro di mele come rimedio domestico.

8. Avere una tazza di tè verde

Sorseggiare del tè verde dopo aver mangiato può aiutare a coprire i forti odori. Uno studio ha suggerito che il tè verde eliminava l’alito cattivo in modo più efficace rispetto a zecche, chewing gum o un prodotto contenente olio di prezzemolo.

Il tè verde può avere ulteriori benefici per la salute orale. Un altro studio ha scoperto che un collutorio contenente catechine, che sono composti utili nel tè verde, è stato in grado di ridurre la placca con la stessa efficacia del collutorio antisettico.

9. Chewing gum

Gomma da masticare con un sapore di menta può mascherare gli odori sgradevoli in movimento. Stimola anche la produzione di saliva, che può aiutare a lavare via i batteri e le particelle di cibo.

Inoltre, secondo l’ American Dental Association , una persona che mastica gomma senza zucchero per 20 minuti dopo un pasto può ridurre il rischio di carie.

alito2

Il latte intero può ridurre l’odore causato dall’aglio.

10. Bevi latte

Bere un bicchiere di latte con o dopo un pasto pesante all’aglio può ridurre la concentrazione di composti nella bocca che contengono zolfo e causare cattivo odore.

La ricerca ha dimostrato che il latte intero è migliore nel ridurre l’odore rispetto al latte senza grassi.

11. Bere acqua di limone

Il succo di limone può aiutare a neutralizzare l’odore delle cipolle o dell’aglio nel respiro. Prova ad aggiungere una spremuta di succo di limone fresco (circa 1 cucchiaio) a un bicchiere d’acqua e berlo dopo un pasto ricco di cipolle o aglio.

12. Rimuovere il nucleo dell’aglio

Quando si prepara un pasto, è possibile ridurre il rischio di sviluppare l’alito dell’aglio. Tagliare a metà gli spicchi d’aglio e togliere il gambo dal centro del bulbo prima di aggiungere il bulbo al piatto.

Perché l’aglio e le cipolle causano l’alitosi?

Alcuni composti in cipolle, aglio o entrambi possono essere responsabili dell’alitosi e persino dell’odore corporeo . Questi includono:

  • Allicina . Quando l’interno di un bulbo di aglio viene esposto all’aria, una sostanza chiamata alliina si trasforma in allicina, che quindi si trasforma in numerosi composti contenenti zolfo che danno all’aglio il suo odore.
  • Allil metil solfuro . Questo composto viene rilasciato da aglio e cipolle quando vengono tagliate. Una volta mangiato, la sostanza viene assorbita nel flusso sanguigno ed emessa attraverso i polmoni e i pori della pelle.
  • Cysteine ​​sulfoxide . Questo composto solforico in aglio e cipolle provoca un odore sgradevole sul respiro quasi immediatamente dopo che le verdure sono mangiate.

Sommario

Mentre l’alitosi causata da aglio o cipolle spesso non dura a lungo, ci sono diversi modi per liberarsene. Praticare un’igiene orale adeguata, bere tè verde o latte, mangiare prodotti freschi e mascherare l’odore può aiutare.

Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra, quindi prova alcuni rimedi diversi per determinare qual è il modo migliore per eliminare l’alito di aglio o cipolla.

I primi sette antibiotici naturali sicuri ed efficaci

Alcune sostanze naturali hanno proprietà antibatteriche, ma che sono sicure da usare e quando una persona dovrebbe usarle?

Gli antibiotici prescritti , come la penicillina , hanno aiutato le persone a riprendersi da malattie e condizioni altrimenti fatali dal 1940.

Tuttavia, le persone si rivolgono anche agli antibiotici naturali per il trattamento.

Secondo l’NHS, 1 persona su 10 sperimenta effetti collaterali che danneggiano il sistema digestivo dopo l’assunzione di antibiotici. Circa 1 persona su 15 è allergica a questo tipo di farmaci.

In questo articolo, guardiamo le prove dietro sette dei migliori antibiotici naturali. Discutiamo anche quali evitare e quando vedere un medico.

Sette migliori antibiotici naturali

anti1

L’aglio può essere un trattamento efficace contro i batteri.

La giuria scientifica è ancora fuori per quanto riguarda gli antibiotici naturali. Mentre le persone hanno usato rimedi come questi per centinaia di anni, la maggior parte dei trattamenti non sono stati accuratamente testati.

Tuttavia, alcuni mostrano risultati promettenti sotto esame medico e ulteriori studi sono in corso.

Con un continuo aumento dei batteri resistenti ai farmaci, gli scienziati stanno guardando alla natura quando sviluppano nuovi farmaci.

Qui, esaminiamo la scienza dietro sette antibiotici naturali.

1. Aglio

Le culture di tutto il mondo hanno a lungo riconosciuto l’aglio per i suoi poteri preventivi e curativi.

La ricerca ha scoperto che l’aglio può essere un trattamento efficace contro molte forme di batteri, tra cui la Salmonella e l’ Escherichia coli ( E. coli ). L’aglio è stato anche considerato per l’uso contro la tubercolosi multi-farmaco resistente .

2. Il Miele

Sin dai tempi di Aristotele, il miele è stato usato come un unguento che aiuta le ferite a guarire e previene o estrae le infezioni.

I professionisti della sanità oggi lo hanno trovato utile nel trattamento di ferite croniche, ustioni, ulcere, piaghe da decubito e innesti cutanei. Ad esempio, i risultati di uno studio del 2016 dimostrano che le medicazioni al miele possono aiutare a guarire le ferite.

Gli effetti antibatterici del miele sono solitamente attribuiti al suo contenuto di perossido di idrogeno. Tuttavia, il miele di manuka combatte i batteri, sebbene abbia un contenuto inferiore di perossido di idrogeno.

Uno studio del 2011 ha riportato che il tipo più noto di miele inibisce circa 60 tipi di batteri. Suggerisce anche che il miele tratti con successo ferite infette da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina ( MRSA ).

Proprietà antibatteriche a parte, il miele può aiutare le ferite a guarire fornendo un rivestimento protettivo che favorisce un ambiente umido.

zenzero

La comunità scientifica riconosce anche lo zenzero come un antibiotico naturale. Diversi studi, tra cui uno pubblicato nel 2017 , hanno dimostrato la capacità dello zenzero di combattere molti ceppi di batteri.

I ricercatori stanno anche esplorando il potere dello zenzero per combattere il mal di mare e la nausea e abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Farmajet consiglia lo zenzero puro bidisponibile

4. Echinacea

anti2

L’echinacea è stata usata per trattare le infezioni per molti anni.

I nativi americani e altri guaritori tradizionali hanno usato l’ echinacea per centinaia di anni per curare infezioni e ferite. I ricercatori stanno iniziando a capire perché.

Uno studio pubblicato nel Journal of Biomedicine and Biotechnology riporta che l’estratto di Echinacea purpurea può uccidere molti diversi tipi di batteri, tra cui Streptococcus pyogenes (S. pyogenes).

S. pyogenes è responsabile dello streptococco , della sindrome da shock tossico e della “malattia carnivora ” nota come fascite necrotizzante .

L’Echinacea può anche combattere l’ infiammazione associata a un’infezione batterica.

Farmajet consiglia l’Echinacea Pura biodisponibile.

5. Goldenseal o IDRASTE Hydrastis canadensis L.

goldenseal

Goldenseal viene solitamente consumato nel tè o in capsule per trattare problemi respiratori e digestivi. Tuttavia, può anche combattere la diarrea batterica e le infezioni del tratto urinario .

Inoltre, i risultati di uno studio recente supportano l’uso di goldenseal per trattare le infezioni della pelle. In un laboratorio, sono stati utilizzati estratti goldenseal per impedire che l’MRSA danneggi i tessuti.

Una persona che assume i farmaci con obbligo di prescrizione medica deve consultare un medico prima di assumere goldenseal, poiché questo integratore può causare interferenze.

Goldenseal contiene anche berberina, una componente importante degli antibiotici naturali. Questo alcaloide non è sicuro per i bambini, o le donne che sono incinte o che allattano.

6. Chiodi di garofano

chiodi di garofanoIl chiodo di garofano è stato tradizionalmente usato nelle procedure dentistiche. La ricerca sta ora scoprendo che l’estratto di chiodi di garofano può essere efficace contro molti diversi tipi di batteri, tra cui E. coli .

7. Origano

 

OriganoAlcuni credono che l’origano rafforzi il sistema immunitario e agisca da antiossidante . Può avere proprietà anti-infiammatorie.

Mentre i ricercatori devono ancora verificare queste affermazioni, alcuni studi dimostrano che l’origano è tra gli antibiotici naturali più efficaci , in particolare quando è trasformato in un olio.

Rischio di antibiotici naturali

Solo perché qualcosa è etichettato come naturale, non è necessariamente sicuro.

Le quantità e le concentrazioni degli ingredienti attivi variano tra le marche di integratori. Leggi attentamente le etichette. Una persona dovrebbe anche informare il proprio medico se pensa di prendere questi supplementi.

Mentre l’aglio cotto è generalmente sicuro da consumare, la ricerca suggerisce che l’assunzione di aglio concentrato può aumentare il rischio di sanguinamento. Questo può essere pericoloso per le persone che affrontano un intervento chirurgico o che assumono anticoagulanti.

I concentrati di aglio possono anche ridurre l’utilità dei farmaci per l’ HIV .

Alcuni prodotti dovrebbero essere evitati, compreso l’argento colloidale. Questa sostanza consiste in pezzi microscopici di argento sospeso in acqua.

L’argento colloidale è stato raccomandato come trattamento per una varietà di malattie, tra cui la peste bubbonica e l’HIV. Tuttavia, secondo il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa, può essere pericoloso e nessuno studio credibile supporta questi usi.

L’assunzione di integratori di argento colloidale può interferire con l’efficacia degli antibiotici e dei farmaci usati per trattare una ghiandola tiroide non attiva.

L’argento può anche accumularsi nel corpo e ruotare la pelle di colore grigio-bluastro. Questa condizione è chiamata argyria ed è permanente nella maggior parte delle persone.

Quando usare gli antibiotici prescritti

anti3

Gli antibiotici possono essere prescritti per accelerare il recupero dalla malattia o per prevenire la diffusione di malattie infettive.

A causa dell’attuale aumento delle malattie resistenti ai farmaci, la maggior parte dei medici non prescrive antibiotici a meno che non siano efficaci e necessari.

Gli antibiotici sono più spesso prescritti a:

  • prevenire la diffusione di malattie infettive
  • impedire che una condizione diventi più grave o fatale
  • recupero rapido da malattia o infortunio
  • prevenire lo sviluppo di complicanze

Se una persona viene prescritta antibiotici, dovrebbero prendere l’intero dosaggio come indicato. Ciò è particolarmente consigliato nelle persone con un rischio più elevato di infezione batterica o che affrontano rischi maggiori se si ammalano, come le persone che sono:

  • programmato per la chirurgia
  • ricevere chemioterapia
  • HIV-positivi
  • assunzione di insulina per il diabete
  • vivere con insufficienza cardiaca
  • guarendo da gravi ferite
  • oltre 75 anni
  • sotto i 3 giorni di età

Quando un individuo è allergico alla prescrizione di antibiotici o soffre di effetti collaterali, potrebbe voler discutere altre opzioni con un medico.

prospettiva

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ogni anno più di 2 milioni di americani non si ammalano di batteri resistenti ai farmaci, provocando 23.000 morti annuali.

Questi batteri costituiscono una minaccia crescente e la chiave per lo sviluppo di farmaci nuovi ed efficaci potrebbe risiedere in trattamenti del passato: antibiotici naturali.

Mentre gli antibiotici naturali possono presentare opportunità, comportano anche dei rischi. Tuttavia, la ricerca su questi trattamenti sta crescendo e un numero crescente di sostanze viene testato. Gli antibiotici naturali tradizionalmente usati per secoli possono contribuire ai farmaci salvavita di domani.