In Arrivo il Cerotto per il monitoraggio del Diabete.

Prove a dito per il monitoraggio della glicemia potrebbero presto diventare un ricordo del passato, grazie agli scienziati che hanno sviluppato un cerotto adesivo che misura i livelli di glucosio ogni 10-15 minuti.
cero1

I ricercatori hanno creato un cerotto adesivo che può monitorare i livelli di glucosio senza pungere la pelle.
Immagine di credito: Università di Bath

Creato da ricercatori dell’Università di Bath nel Regno Unito, il nuovo cerotto ha dimostrato di essere una strategia non invasiva fattibile per il monitoraggio del glucosio nel sangue nei test sia della pelle suina che umana.

Il co-autore dello studio Prof. Richard Guy, del Dipartimento di Farmacia e Farmacologia, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista Nature Nanotechnology .

Si stima che circa 10,3 milioni di persone in Italia  vivano con il diabete , e ci sono circa 500 mila di nuovi casi diagnosticati ogni anno.

Il diabete di tipo 2 è la forma più comune di diabete e rappresenta il 90-95% di tutti i casi; sorge quando il corpo non è più in grado di usare l’ insulina in modo efficace, o non riesce a produrre abbastanza dell’ormone, facendo diventare i livelli di glucosio nel sangue troppo alti.

Il peso del test da dito

Per gestire efficacemente la condizione, le persone con diabete devono monitorare regolarmente i loro livelli di glucosio nel sangue. Ciò comporta l’uso di un misuratore di glucosio nel sangue, che verifica una goccia di sangue rilasciata attraverso una puntura dell’ago del dito.

La frequenza dei test della glicemia dipende dal tipo di diabete che una persona ha e dal tipo di farmaco che sta assumendo, ma è frequente la sperimentazione quotidiana, che può essere fino a 10 volte al giorno per le persone con diabete di tipo 1 .

Questa forma di test può essere un peso per le persone con diabete; la ricerca ha dimostrato che la paura del dolore e degli aghi, il costo delle strisce per il test del sangue e l’inconveniente del processo di auto-monitoraggio sono ostacoli al buon controllo della glicemia.

“Il più vicino che è stato raggiunto ha richiesto almeno una calibrazione a punto singolo con un classico” finger-stick “o l’impianto di un sensore precalibrato tramite un singolo inserimento dell’ago”, osserva il prof. Guy.

La nuova patch per la pelle creata dal Prof. Guy e colleghi, tuttavia, ha il potenziale per cambiare il volto del monitoraggio del glucosio.

Il Cerotto traccia accuratamente i livelli di glucosio

La patch della pelle consiste in sensori miniaturizzati che usano correnti elettriche per “estrapolare” il glucosio dal fluido che viene secreto dalle cellule sui follicoli piliferi.

Il cerotto raccoglie il glucosio in piccoli “serbatoi” e misura i livelli ogni 10-15 minuti. La speranza è che questa patch sia in grado di inviare letture glicemiche allo smartphone o allo smartwatch di un utente e far sapere loro quando hanno bisogno di farmaci.

È importante sottolineare che il cerotto non forare la pelle. Inoltre, la sua capacità di misurare il glucosio da un’area così piccola sui follicoli piliferi lo rende estremamente preciso, quindi non è necessario confermare le letture tramite il prelievo di sangue.

Il prof. Guy e colleghi hanno confermato l’accuratezza del cerotto testandolo sulla pelle di maiale. Hanno scoperto che era in grado di monitorare i livelli di glucosio a intervalli osservati negli esseri umani con diabete e con elevata precisione.

Ulteriori test su soggetti umani sani hanno scoperto che il cerotto era in grado di monitorare accuratamente i livelli di glucosio nell’arco di 6 ore.

Guardando avanti, il team spera di estendere il periodo di monitoraggio della glicemia a 24 ore, oltre a migliorare il numero di sensori in esso contenuti per aumentare ulteriormente la precisione.

Con tali modifiche, i ricercatori ritengono che il loro cerotto cutaneo possa fornire una tecnica di monitoraggio della glicemia non invasiva tanto necessaria per le persone con diabete.

“Un metodo non invasivo – cioè senza ago – per monitorare la glicemia si è dimostrato un obiettivo difficile da raggiungere”, osserva il prof. Guy.

Il monitor sviluppato a Bath promette un approccio senza calibrazione, un contributo essenziale nella lotta per combattere l’incidenza globale sempre crescente del diabete”.

Prof. Richard Guy

Annunci

Come una nuova proteina può combattere il cancro

La ricerca di Breaking pubblicata sulla rivista Nature descrive una nuova proteina anti-cancro. La scoperta potrebbe aiutare a individuare il cancro in precedenza e trattarlo in modo più efficace.
np

Utilizzando tecniche di taglio, i ricercatori svizzeri trovano una nuova proteina anticancro.

Ogni anno, circa 31.000 persone negli Stati Uniti sviluppano un cancro al fegato , noto anche come epatocellularecarcinoma.

E circa 24000 persone moriranno a causa della malattia.

Preoccupantemente, negli ultimi decenni, i tassi di cancro al fegato sono aumentati in modo significativo. Infatti, negli Stati Uniti, sono triplicati dagli anni ’80.

Attualmente è considerata la causa di morte per cancro negli Stati Uniti in rapida crescita. Mentre i tassi di sopravvivenza sono migliorati, solo 1 persona su 5 sopravvive per più di 5 anni dopo la diagnosi.

Spesso, il cancro del fegato viene diagnosticato in una fase relativamente avanzata. A questo punto, il fegato è già gravemente danneggiato e la prognosi è generalmente scarsa. Trovare un modo per rilevare la malattia in precedenza potrebbe migliorare significativamente le prospettive per le persone con cancro al fegato.

Di recente, gli scienziati dell’Università di Basilea in Svizzera, guidati dal prof. Michael N. Hall, hanno fatto qualche passo avanti in questo problema. Il loro lavoro potrebbe aiutare a diagnosticare l’epatocellularcarcinoma prima e, eventualmente, migliorare il trattamento. Le loro scoperte sono state pubblicate all’inizio di questa settimana.

La caccia ai soppressori del tumore

Nel cancro, le cellule mutate crescono e si diffondono in modo incontrollato. I soppressori del tumore sono proteine ​​anti-cancro che bloccano questa crescita cellulare fuori controllo. Nelle cellule tumorali, i soppressori tumorali non funzionano come dovrebbero.

Alla ricerca di queste elusive molecole che combattono il tumore, i ricercatori si sono concentrati su un modello murino di epatocellularcarcinoma.

Hanno analizzato oltre 4.000 proteine ​​distinte nel tessuto tumorale e le hanno confrontate con tessuti sani. Una proteina si distingue dalla massa: istidina fosfatasi LHPP.

L’autore del primo studio Sravanth Hindupur osserva: “È sorprendente che l’LHPP sia presente nei tessuti sani e completamente assente nel tessuto tumorale”.

Hanno scoperto che senza LHPP, la crescita del tumore è stata promossa nei topi e il tasso di sopravvivenza è diminuito. Al contrario, reintroducendo l’informazione genetica per LHPP, la crescita tumorale è stata prevenuta e la funzionalità epatica è stata mantenuta.

I ricercatori ritengono inoltre che l’LHPP potrebbe essere utile come biomarker per il cancro del fegato. E, se questo è il caso, la malattia potrebbe essere catturata prima e trattata in modo più efficace.

Al fine di indagare ulteriormente su questa relazione, gli scienziati hanno misurato l’LHPP in pazienti con cancro al fegato umano. Hindupur spiega: “Simile al modello murino, abbiamo visto anche una notevole riduzione dei livelli di LHPP nei tumori di pazienti con cancro al fegato”.

Hanno inoltre dimostrato che l’aspettativa di vita e la gravità della malattia sono entrambe correlate ai livelli di LHPP. In individui che non avevano affatto LHPP misurabile, l’aspettativa di vita era di 2 anni più breve. Quindi, LHPP può anche svolgere un ruolo chiave nel valutare la gravità di ogni caso specifico di cancro al fegato.

La questione della fosforilazione

Una proteina può essere fosforilata dopo che è stata prodotta. Ciò significa che viene aggiunto un gruppo fosfato. La fosforilazione influisce sul modo in cui una proteina funziona, ad esempio attivandola o disattivandola.

Anche se questo tipo di reazione chimica è noto per essere importante in una serie di malattie , tra cui il cancro , è stato difficile studiare fino a poco tempo fa.

Tony Hunter, del Salk Institute negli Stati Uniti, ci ha fornito nuovi strumenti per analizzare la fosforilazione dell’istidina e ora siamo in grado di visualizzare un nuovo livello di complessità nella formazione dei tumori”.

Sravanth Hindupur

LHPP è una fosfatasi che rimuove i gruppi fosfato dall’istino acido istidina nelle proteine. Se LHPP è assente, c’è un aumento generale dei livelli di fosforilazione. Questo innesca percorsi che portano alla crescita e proliferazione cellulare incontrollata, incoraggiando così la crescita del tumore.

I ricercatori sperano che le loro scoperte aiuteranno a diagnosticare il tumore del fegato prima in modo che il trattamento possa iniziare prima.

È anche possibile che LHPP abbia una mano in altri tipi di cancro, quindi i suoi potenziali benefici possono allungarsi ad altri tipi di cancro nel tempo.

Come i gatti potrebbero aiutare a curare l’HIV

I gatti sono molto più dei semplici compagni a quattro zampe; una nuova ricerca ora spiega come i nostri amici pelosi potrebbero anche aiutare lo sviluppo di nuovi farmaci per l’HIV.
gatto

I ricercatori hanno decifrato la struttura di una proteina che causa la resistenza ai farmaci in FIV.

Gli scienziati hanno ora svelato la struttura 3-D di una proteina specifica nel virus dell’immunodeficienza felina (FIV) che è presente anche nel virus dell’immunodeficienza umana ( HIV ).

Gli autori dello studio Akram Alian e Dr. Meytal Galilee – che provengono dal Technion – Israel Institute of Technology di Haifa – credono che le loro scoperte potrebbero aprire la porta a nuovi farmaci che potrebbero contrastare l’HIV-1 resistente ai farmaci.

I ricercatori hanno recentemente riportato le loro scoperte sulla rivista PLOS Pathogens .

L’HIV è un virus che attacca le cellule T del corpo, che sono cellule immunitarie che ci aiutano a prevenire infezioni e malattie. L’HIV-1 è il ceppo più comune dell’HIV, che rappresenta circa il 95 percento di tutti i casi.

Si stima che circa 300 mila persone in Italia vivano con l’HIV. Nel 2016, ci sono stati più di 10.000 nuovi casi di virus diagnosticati nel paese.

Quando l’HIV è emerso per la prima volta negli anni ’80 , c’era una significativa paura e uno stigma che circondava il virus; gli scienziati sapevano molto poco sull’HIV e non c’erano trattamenti per questo.

Ma ora, è una storia diversa; una persona con HIV può vivere una vita lunga e sana grazie ai farmaci antiretrovirali .

Questi farmaci agiscono riducendo i livelli di HIV nel sangue, fino al punto in cui il virus non può essere individuato . Ciò significa che il virus non ha alcun impatto sulla salute di una persona e non può essere trasmesso ad altre persone.

Tuttavia, non tutte le persone con HIV che ricevono farmaci antiretrovirali raggiungeranno livelli ematici del virus non rilevabili, e alcune persone con HIV potrebbero sviluppare resistenza a questi farmaci.

Con questo in mente, gli scienziati stanno cercando di sviluppare nuovi farmaci per l’HIV, e Alian e il Dr. Galilee credono che i gatti possano aiutare a soddisfare questa necessità.

HIV e FIV: qual è il collegamento?

La FIV è simile all’HIV; attacca il sistema immunitario di un gatto, rendendolo suscettibile alle infezioni. Sebbene FIV e HIV appartengano allo stesso gruppo di virus, la FIV non può essere trasmessa agli esseri umani.

Tuttavia, a causa delle somiglianze tra i due virus, gli scienziati hanno studiato la FIV come un modo per saperne di più sull’HIV.

Per questo ultimo studio, Alian e il Dr. Galilee si sono concentrati su una proteina chiamata ” trascrittasi inversa “. In FIV e HIV, questa proteina può “copiare” il genoma dell’RNA del virus in DNA. Questo DNA sarà quindi “impiantato” nel genoma dell’ospite, che fa sì che le loro cellule replichino il virus.

Nella FIV, la trascrittasi inversa è resistente agli inibitori della trascrittasi inversa (RTI) , i farmaci antiretrovirali che possono bloccare questa proteina nelle persone con HIV.

Vi è la preoccupazione che l’HIV possa sviluppare la stessa resistenza a questi farmaci come la FIV, ma, se ciò dovesse accadere, i nuovi risultati dello studio potrebbero aver già trovato una risposta.

I risultati potrebbero portare a nuovi trattamenti per l’HIV

Utilizzando tecniche di purificazione e cristallizzazione, Alian e il Dr. Galilee sono stati in grado di decifrare la struttura 3-D della proteina trascrittasi inversa FIV, che ha rivelato i meccanismi alla base della resistenza della proteina agli RTI.

Il team ha scoperto che la proteina della trascrittasi inversa all’interno della FIV genera una “tasca chiusa” che impedisce agli RTI di legarsi efficacemente a essa, rendendola resistente ai farmaci.

“Mostriamo inoltre”, affermano gli autori, “che la mutazione della proteina per facilitare il legame degli inibitori non conferisce sensibilità a questi inibitori, suggerendo che altre variazioni inerenti alla FIV RT [trascrittasi inversa] modulano un secondo strato di resistenza.”

Dicono che le loro scoperte potrebbero non solo portare a nuovi trattamenti per la FIV, ma potrebbero anche aprire la strada a futuri trattamenti per l’HIV. I ricercatori concludono:

Queste intuizioni possono aiutare nello sviluppo di nuovi farmaci contro l’evoluzione della resistenza RT dell’HIV-1″.

Potenziare le cellule immunitarie del cervello può fermare l’Alzheimer

I risultati di due nuovi studi – entrambi pubblicati sulla rivista Neuron – suggeriscono che le cellule immunitarie del cervello possono essere la chiave per i trattamenti futuri per la malattia di Alzheimer.
brain

Il tuo cervello contiene cellule immunitarie chiamate microglia, che possono essere potenziate per chiarire il danno cerebrale correlato all’Alzheimer, suggerisce nuove ricerche.

La malattia di Alzheimer colpisce oltre 1 milione di persone in Italia e la condizione è la sesta causa di morte nel paese.

Tra una serie di altri segni distintivi, l’Alzheimer è caratterizzato da un danno neurologico che si pensa sia causato da placche di una proteina “appiccicosa” chiamata beta-amiloide .

La beta-amiloide si trova normalmente nella membrana attorno alle cellule nervose, ma quando si aggrega in piccoli grumi o placche tra i neuroni, può impedire loro di comunicare tra loro e compromettere la funzione cerebrale.

Per anni, i ricercatori hanno cercato di capire esattamente come la produzione di beta-amiloide innesca i sintomi della malattia di Alzheimer. Alcuni ricercatori hanno anche provato a sviluppare farmaci anti-beta-amiloidi, ma gli studi clinici di questi interventi farmacologici si sono dimostrati in gran parte insoddisfacenti.

Ora, i ricercatori guidati dal Prof. Huaxi Xu – il direttore della Neuroscience Initiative presso il Sanford Burnham Prebys Medical Research Institute di La Jolla, CA – offrono una potenziale nuova strategia per sradicare l’eccessivo accumulo di proteine ​​del cervello.

Il Prof. Xu e il suo team hanno studiato il comportamento di un recettore innescante trovato su un tipo di cellula chiamata microglia – o le cellule immunitarie del sistema nervoso centrale – in due studi sui topi. I loro risultati sono accessibili qui .

Aiutare le cellule immunitarie a combattere la beta-amiloide

Il recettore si chiama TREM2. Come spiega il Prof. Xu, “I ricercatori hanno scoperto che le mutazioni nel TREM2 aumentano significativamente il rischio di Alzheimer, indicando un ruolo fondamentale per questo particolare recettore nella protezione del cervello.”

Ma ciò che rivela la nuova ricerca è “dettagli specifici su come funziona TREM2”, aggiunge il Prof. Xu. In particolare, il primo studio mostra che la beta amiloide si lega al recettore, innescando una reazione a catena che può culminare con il rallentamento della progressione dell’Alzheimer.

Una volta legato alla beta amiloide, il recettore TREM2 innesca quindi “dice” alle cellule immunitarie di iniziare a scomporre e liberare la beta amiloide, “che potrebbe rallentare la patogenesi della malattia di Alzheimer”, spiega il prof. Xu.

Il primo studio dimostra inoltre che il TREM2 si lega ai cosiddetti oligomeri beta amiloidi , che sono complessi molecolari che hanno ricevuto sempre più attenzione nella letteratura specialistica per il loro ruolo nella progressione del morbo di Alzheimer.

Inoltre, lo studio ha dimostrato che la rimozione di TREM2 nei topi ha interferito con le correnti elettriche che normalmente attivano la microglia.

TREM2 può fermare la progressione del morbo di Alzheimer

Il secondo studio ha rafforzato i risultati del primo; ha dimostrato che “l’aumento dei livelli di TREM2 rende le microglia più reattive e riduce i sintomi della malattia di Alzheimer”, afferma il prof. Xu.

Più specificamente, i ricercatori hanno aggiunto TREM2 ai topi geneticamente modificati per sviluppare una forma aggressiva di Alzheimer.

La segnalazione del TREM2 ha impedito alla malattia di avanzare e addirittura di invertire il declino cognitivo, riportano gli autori dello studio.

“Questi studi sono importanti”, spiega il Prof. Xu, “perché dimostrano che oltre a salvare la patologia associata alla malattia di Alzheimer, siamo in grado di ridurre i deficit comportamentali con TREM2”.

“A nostra conoscenza”, continua, “questo fornisce prove convincenti che ridurre al minimo i livelli di beta amiloide allevia i sintomi della malattia di Alzheimer”. Il prof. Xu sottolinea anche che questi risultati offrono una nuova via terapeutica.

Andare oltre la microglia, piuttosto che la generazione dell’amiloide beta, potrebbe essere una nuova strada di ricerca per il morbo di Alzheimer […] Potremmo usare le cellule del cervello per risolvere quello che sta diventando una crisi di salute pubblica”.

Prof. Huaxi Xu

Tuttavia, mette anche in guardia contro potenziali insidie. “Nelle prime fasi potrebbe essere utile attivare la microglia per consumare la beta amiloide […], ma se si attivano eccessivamente, possono rilasciare una sovrabbondanza di citochine (causando un’infiammazione estesa ) dannose giunzioni sinaptiche dannose come effetto collaterale dall’eccesso di attivazione. ”

Consigli dietetici per gastrite e ulcere gastriche

L’indigestione è una condizione comune per molte persone, soprattutto considerando i tipi di diete che molti americani hanno. Tuttavia, se qualcuno avverte sensazioni di bruciore allo stomaco insieme a dolore e nausea in corso, potrebbe avere una gastrite.

La gastrite è una condizione digestiva derivante dall’infiammazione del rivestimento dello stomaco. Se il rivestimento dello stomaco si consuma, l’acidità di stomaco può causare una sensazione di bruciore nella parte centrale dell’addome e del torace.

La gastrite non trattata può portare a ulcere, dolore in corso, infiammazione continua e sanguinamento, che può diventare pericolosa per la vita. L’infiammazione cronica dello stomaco può anche portare al cancro allo stomaco .

È ormai noto che una causa comune di gastrite è dovuta al batterio Helicobacter pylori , noto come H.pylori , che infetta lo stomaco.

I sintomi che possono segnalare gastrite, oltre a sensazioni di bruciore, includono dolori di stomaco e dolori, nausea e costante eruttazione. Chiunque soffra di questi sintomi dovrebbe consultare un medico per un’ulteriore valutazione.

In che modo la dieta contribuisce alla gastrite

gast1

Una causa comune di gastrite è il batterio H.pylori.

I cambiamenti dello stile di vita possono essere un passo importante verso la guarigione del rivestimento dello stomaco, impedendo il ritorno dell’infiammazione e combattendo un’infezione di H. pylori .

La ricerca suggerisce che H. pylori colpisce almeno il 50% della popolazione mondiale. Causa infiammazione dello stomaco e aumenta il rischio di sviluppare malattia ulcerosa nel tratto digestivo, così come il cancro allo stomaco. H. pylori è il più grande fattore di rischio per il cancro dello stomaco, che è il secondo più mortale del cancro in tutto il mondo.

Mentre non esiste una dieta specifica che tratterà la gastrite, c’è una crescente ricerca che mostra che determinati cibi possono migliorare la capacità di una persona di liberarsi di H.pylori . Alcune scelte dietetiche possono anche peggiorare le cose.

Gli studi hanno dimostrato che i cibi salati e grassi possono cambiare il rivestimento dello stomaco. Le diete ad alto contenuto di sale possono alterare le cellule dello stomaco e renderle più facilmente infettate da H. pylori .

Negli studi con roditori , una dieta ricca di grassi ha dimostrato di aumentare l’infiammazione dello stomaco, specialmente in presenza di un’alta dieta salina.

Per decenni, i medici hanno detto alla gente di bere latte per aiutare a rivestire lo stomaco e bloccare gli effetti dannosi degli alimenti acidi. Perché medici e scienziati ora capiscono il ruolo di H. pylori nella gastrite, questo non è più vero.

Alimenti da includere in una dieta di sollievo gastrite

La buona notizia è che mangiare certi cibi può aiutare alcuni individui a trovare sollievo dai sintomi di gastrite e ulcera uccidendo i batteri H. pylori .

Due cibi specifici che possono farlo sono broccoli e yogurt.

I broccoli contengono una sostanza chimica chiamata sulforafano, che è noto per i suoi effetti antibatterici. Contiene anche sostanze che mostrano proprietà anti-cancro. Di conseguenza, mangiare germogli di broccoli può aiutare con la gastrite e ridurre il rischio di cancro allo stomaco.

dietagastro

Gli alimenti che uccidono i batteriH. pyloriincludono broccoli e yogurt.

Questa prova proviene da uno studio del 2009pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research. Le persone che mangiavano almeno una tazza di germogli di broccoli al giorno per un periodo di 8 settimane hanno sperimentato meno infezioni e infiammazioni dello stomaco rispetto a chi non lo ha fatto.

Uno studio , pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition , ha esaminato gli effetti dell’aggiunta di una tazza giornaliera di yogurt contenente i probiotici alla dieta insieme alla terapia farmacologica “quadrupla” (più antibiotici ) per il trattamento di H. pylori .

Un totale dell’86 percento delle persone che hanno mangiato lo yogurt a fianco del farmaco ha avuto una migliore eliminazione di H.pylori rispetto al 71 percento di coloro che hanno assunto gli antibiotici da soli.

Il motivo è probabilmente dovuto al fatto che lo yogurt contiene colture attive di batteri buoni, che migliora la capacità del corpo di combattere i batteri indesiderati nello stomaco.

Altri alimenti che possono aiutare a inibire la crescita di H. pylori e ridurre gastrite e formazione di ulcere comprendono:

  • mele
  • sedano
  • bacche ( mirtilli , more, lamponi, fragole, mirtilli rossi)
  • olio d’oliva
  • miele
  • tè alle erbe

Ottenere il massimo beneficio da una dieta sollievo gastrite

Ecco alcuni modi per le persone di ottenere il massimo da un programma di dieta di sollievo gastrite.

  • Piuttosto che tre pasti abbondanti, le persone dovrebbero provare a mangiare cinque o sei pasti più piccoli durante il giorno. Mangiare piccole quantità può aumentare la guarigione dello stomaco riducendo gli effetti degli acidi dello stomaco.
  • L’acqua è un’ottima scelta per l’idratazione. È anche una buona idea evitare o ridurre il consumo di alcol, poiché aumenta significativamente l’infiammazione dello stomaco.
  • Smettere di fumare può aiutare. Il fumo porta a infiammazione dello stomaco e aumenta il rischio di cancro della bocca, dell’esofago e dello stomaco.
  • Alcuni supplementi dietetici possono avere un ruolo nella guarigione della gastrite. Acidi grassi Omega-3 e probiotici sono un buon punto di partenza. Le persone che stanno prendendo in considerazione eventuali integratori o vitamine dovrebbero prima parlare con il medico in quanto potrebbero interferire con i trattamenti per altre condizioni.
  • Ridurre lo stress può aumentare la guarigione migliorando il sistema immunitario. Lo stress emotivo è noto per innescare la produzione di acido gastrico, che può portare ad un aumento dei sintomi e dell’infiammazione.

Mangiare i cibi giusti con la gastrite sembra giocare un ruolo importante nel ridurre ed eliminare i batteri H. pylori . Liberarsi dei batteri ridurrà le possibilità di gastrite ricorrente, formazione di ulcera e cancro.

Mentre la ricerca non punta su una dieta universalmente accettata, l’adozione di certi cambiamenti nello stile di vita e uno sforzo per mangiare gli alimenti giusti sono parti importanti del piano di trattamento della gastrite.

Panoramica della gastrite

dietagastro2

Se la gastrite non viene trattata, può causare ulcere che possono causare sanguinamento nello stomaco e nell’intestino.

La gastrite è acuta o cronica. Se è acuto, inizierà all’improvviso e durerà per un breve periodo finché la causa verrà rimossa. La causa è solitamente dovuta a qualcosa che ha rapidamente irritato lo stomaco, come bere grandi quantità di alcol tutto in una volta.

Se la gastrite diventa cronica e non viene curata, o se la causa è in corso, i sintomi peggioreranno e potrebbero durare per molti anni. Può anche durare per l’intera vita di una persona. La gastrite cronica può causare l’usura del rivestimento dello stomaco con conseguente ulcera o ferite profonde nel rivestimento dello stomaco.

Molti sintomi di gastrite sono simili a quelli di un’ulcera. La gastrite, tuttavia, colpisce solo lo stomaco, mentre le ulcere possono verificarsi nello stomaco, nell’intestino e nella conduttura alimentare (esofago).

La gastrite causa in genere dolore nel mezzo del corpo dall’addome al petto. Alcune persone con gastrite non hanno sintomi. Quando i sintomi sono presenti, includono dolore o fastidio nell’addome superiore, nausea, indigestione e nei casi più gravi, vomito.

Le ulcere sono una complicanza grave della gastrite e possono causare sanguinamento del rivestimento dello stomaco, intestino o tubo del cibo, che può essere pericoloso per la vita. Il sanguinamento in queste aree può causare i seguenti sintomi:

  • vertigini
  • sentirsi svenire
  • debolezza
  • battito cardiaco accelerato
  • mancanza di respiro
  • sangue rosso vivo o vomito macchiato di caffè macinato
  • sgabelli neri, catramosi o sgabelli sanguinolenti

Chiunque soffra di questi gravi sintomi di gastrite dovrebbe consultare immediatamente un medico.

I fattori di rischio per la gastrite includono i seguenti:

  • cattiva alimentazione (alta percentuale di grassi, dieta ricca di sale)
  • uso di droga
  • fumo
  • essere sovrappeso
  • uso eccessivo di alcol
  • uso regolare di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come aspirina , ibuprofene e naprossene

Ridurre o eliminare l’uso dei FANS può ridurre la gastrite e le ulcere gastriche. L’uso dei FANS anche quando è presente un’infezione da H.pylori aumenta significativamente il rischio di gastrite.

Uno studio ha rilevato che ogni anno almeno il 2% delle persone che usano i FANS svilupperà complicazioni gastrointestinali, una frequenza fino a cinque volte superiore rispetto a coloro che non usano i FANS.

prospettiva

La gastrite è uno dei problemi più comuni per colpire l’intestino. Mentre la ricerca prosegue su questo argomento, gli scienziati acquisiranno una migliore comprensione di come H. pylori , dieta e sistema immunitario sono correlati. Mangiare cibi sani ha il potenziale per essere un potente strumento contro la gastrite.

Il sangue del drago di Komodo può portare a nuovi antibiotici. Farmajet news

Ogni anno, più di 23.000 persone negli Stati Uniti muoiono a causa di infezioni resistenti agli attuali antibiotici, evidenziando la necessità disperata di sviluppare nuovi farmaci antimicrobici. Un nuovo studio rivela come il sangue del drago di Komodo potrebbe aiutare a raggiungere questo obiettivo.
komodo

Il drago di Komodo potrebbe aiutare lo sviluppo di nuovi antibiotici.

Il coautore dello studio Monique van Hoek, della School of Systems Biology della George Mason University di Manassas, in Virginia, e il team hanno recentemente pubblicato le loro scoperte sulla rivista NPJ Biofilms and Microbiomes .

La resistenza agli antibiotici – con cui i microbi nocivi hanno sviluppato resistenza ai farmaci che li uccidevano una volta – è diventata una delle più grandi minacce odierne alla salute pubblica.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ogni anno almeno 2 milioni di persone negli Stati Uniti sono infettate da batteri resistenti ai farmaci e almeno 23.000 morti si verificano come risultato diretto.

Il batterio Clostridium difficile è una delle maggiori minacce, responsabile di circa 250.000 infezioni e 14.000 morti ogni anno.

Mentre l’uso eccessivo e inappropriato degli antibiotici sono fattori chiave della resistenza, il fatto che non siano stati sviluppati nuovi antibiotici negli ultimi 30 anni non ha aiutato; affidarsi agli stessi farmaci per così tanto tempo ha fornito ai microbi l’opportunità di evolversi e sfuggire alle grinfie di droghe che una volta li distruggevano.

Con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che avverte che siamo in procinto di entrare in una “era post-antibiotica”, la gara sta per trovare nuovi antibiotici in grado di combattere le infezioni resistenti ai farmaci.

Il nuovo studio di van Hoek e colleghi si è rivolto ai draghi di Komodo come possibile fonte.

Ispirazione antibiotica dal drago di Komodo

Il drago di Komodo è una lucertola che può essere trovata in cinque isole indonesiane: Komodo, Rinca, Flores, Gili Motang e Padar.

È la più grande specie vivente di lucertola del mondo, capace di crescere fino a 10 piedi di lunghezza. Tuttavia, questa non è l’unica caratteristica che lo rende unico. Secondo van Hoek e la squadra, il rettile raramente si ammala, nonostante mangiando carne in decomposizione e possedendo la saliva che è ricca di batteri nocivi.

I ricercatori dicono che si tratta di un peptide trovato nel loro sangue chiamato VK25, che hanno isolato da un drago di Komodo che risiede nel parco zoologico di St. Augustine Alligator Farm in Florida.

Analizzando da vicino questo peptide, il team ha scoperto che possedeva proprietà antimicrobiche e aveva la capacità di prevenire i biofilm, che sono microrganismi che si uniscono per prosperare e proteggersi. Questi si trovano spesso nelle ferite.

I ricercatori hanno riorganizzato due aminoacidi presenti in VK25 con l’obiettivo di renderlo più efficace. Ciò ha portato allo sviluppo di una nuova versione sintetica del peptide, che hanno chiamato DRGN-1.

“Il peptide sintetizzato DRGN-1 non è un peptide naturale del drago di Komodo, è stato modificato per essere più forte in termini di potenza e stabilità”, osserva van Hoek.

DRGN-1 ha ucciso batteri resistenti agli antibiotici nei topi

Successivamente, il team ha testato il DRGN-1 sui topi con ferite infette da due ceppi di batteri resistenti agli antibiotici: Pseudomonas aeruginosa e Staphylococcus aureus .

Il peptide sintetico ha attaccato e distrutto il biofilm delle ferite, prima di uccidere i due ceppi batterici. Ciò ha portato ad un processo di guarigione delle ferite più veloce.

I ricercatori ora intendono testare il potenziale del DRGN-1 come un prodotto per la cura della ferita per uso topico per gli animali, ma sperano che il peptide possa portare a nuovi antibiotici per uso umano.

I peptidi di germi di combattimento sintetici sono un nuovo approccio per sconfiggere potenzialmente i batteri che sono diventati resistenti agli antibiotici convenzionali.I peptidi antimicrobici che stiamo sfruttando rappresentano milioni di anni di evoluzione nella protezione dei sistemi immunitari da infezioni pericolose.”

Tè alla Curcuma 9 Benefici per la Salute. Farmajet news

Nove benefici per la salute del tè alla curcuma

Farmajet Gennaio 2018
La curcuma è una spezia popolare ricavata dal rizoma o radice della pianta di Curcuma longa .

La curcuma è originaria del sud-est asiatico ed è un membro della famiglia Zingiberaceae o zenzero . È stato usato come rimedio di erbe per migliaia di anni nella medicina indiana ayurvedica e cinese.

L’India cresce il 78% dell’offerta globale di curcuma. In questo articolo, esaminiamo una serie di potenziali benefici per la salute.

Contenuto di questo articolo:

  1. Cos’è il tè alla curcuma?
  2. Nove potenziali benefici del tè alla curcuma
  3. Come preparare il tè alla curcuma
Fatti veloci sul tè alla curcuma:

  • Il principio attivo della curcuma è la curcumina.
  • La curcumina conferisce alla curcuma il suo caratteristico colore giallo.
  • La curcumina ha dimostrato proprietà antinfiammatorie e immunostimolanti.

Cos’è il tè alla curcuma?

te curcuma farmajet

Il modo più efficace per consumare la curcuma può essere un tè.

La curcumina ha una bassa biodisponibilità, il che significa che il corpo ha difficoltà ad accedere e assorbire il composto. Per questo motivo, i supplementi di curcuma, con le loro alte concentrazioni garantite di curcumina, sono popolari.

Il tè alla curcuma, preparato con radice di curcuma grattugiata o polvere pura, è considerato uno dei modi più efficaci per consumare la spezia.

Non c’è una dose giornaliera specifica raccomandata di curcuma. Sulla base delle ricerche disponibili, l’assunzione giornaliera suggerita dipende in gran parte dalla condizione che viene utilizzata per il trattamento.

La maggior parte delle ricerche negli adulti supporta l’uso sicuro da 400 a 600 milligrammi (mg) di polvere di curcuma pura tre volte al giorno o da 1 a 3 grammi (g) al giorno di radice di curcuma grattugiata o essiccata. Grattugiare la curcuma da soli è il modo migliore per garantire un prodotto puro.

Nove potenziali benefici del tè alla curcuma

Si ritiene che il consumo di tè alla curcuma porti molti benefici, nove dei quali sono descritti in maggior dettaglio qui.

1. Riduce i sintomi dell’artrite

Come un anti-infiammatorio, la curcumina può aiutare a ridurre i sintomi più importanti di artrite .

Uno studio del 2017 ha rilevato che su 206 adulti americani con artrite reumatoide auto-riferita , il 63% utilizzava integratori non vitaminici per gestire i propri sintomi, con la curcuma come il prodotto più popolare che è stato assunto.

2. Aumenta la funzione immunitaria

La curcumina ha dimostrato di migliorare la funzione immunitaria con proprietà antiossidanti , antinfiammatorie, antivirali e antibatteriche.

La curcumina ha anche dimostrato di agire come un modulatore immunitario , aiutando a regolare la funzione delle cellule immunitarie contro il cancro .

3. Aiuta a ridurre le complicanze cardiovascolari

Diversi studi hanno dimostrato che la curcumina ha proprietà benefiche per la salute del cuore agendo come antiossidante e anti-infiammatorio.

Uno studio del 2012 ha rilevato che l’assunzione di 4 g al giorno di curcumina 3 giorni prima e 5 giorni dopo l’intervento chirurgico di bypass con arteria coronaria, riduceva il rischio di infarto miocardico acuto o infarto del 17% .

4. Aiuta a prevenire e curare il cancro

Una delle proprietà terapeutiche più clinicamente stabilite della curcumina è la sua azione anti-cancro.

Come antiossidante e anti-infiammatorio, si pensa che la curcumina riduca il rischio di danneggiare le cellule del corpo, riducendo il rischio di mutazioni cellulari e cancro.

Inoltre, numerosi studi hanno dimostrato che la curcumina ha proprietà anti-tumorali, limitando la crescita dei tumori e la diffusione di cellule cancerose.

Secondo una review del 2014 , oltre 2.000 articoli sono stati pubblicati usando le parole chiave “curcumina” e “cancro”. L’uso della curcumina come trattamento per il cancro a fianco della chemioterapia e della radioterapia è attualmente oggetto di studio.

5. Aiuta a gestire la sindrome dell’intestino irritabile o IBS

La curcumina è stata a lungo utilizzata nelle medicine tradizionali come trattamento per molte condizioni digestive.

Diversi studi hanno scoperto che la curcumina può aiutare a ridurre il dolore associato all’IBS e migliorare la qualità della vita di quelle persone con questa condizione.

Uno studio del 2012 sui ratti ha rilevato che la curcumina ha contribuito a ridurre il tempo necessario al cibo per svuotare dallo stomaco all’intestino tenue, altrimenti noto come svuotamento gastrico.

6. Previene e cura l’Alzheimer

Gli studi hanno dimostrato che la curcumina può aiutare a ridurre le possibilità di diverse condizioni neurodegenerative. I suoi poteri antiossidanti e antinfiammatori sono pensati per ridurre il danno cellulare, l’ infiammazione e depositi di amiloide o placche che si verificano con queste condizioni.

La curcumina può anche essere in grado di rallentare o prevenire alcuni dei cambiamenti proteici associati all’età legati alla neurodegenerazione.

7. Protegge da danno epatico, calcoli biliari e gestisce le condizioni del fegato

Diversi studi hanno dimostrato che la curcumina può proteggere dal danno epatico. I benefici potenziali del fegato e della cistifellea della curcumina comprendono l’aumento della produzione della bile dei fluidi digestivi, proteggendo al tempo stesso le cellule del fegato dai danni causati dalle sostanze chimiche associate alla bile.

8. Aiuta a prevenire e gestire il diabete

Le medicine tradizionali hanno usato la curcuma per il diabete per migliaia di anni. Diversi studi che hanno utilizzato modelli animali e umani hanno dimostrato che la supplementazione di curcumina può avere proprietà anti-diabete.

9. Aiuta a trattare e gestire le condizioni polmonari

I ricercatori sospettano che le proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti della curcumina possano aiutare a ridurre i sintomi di condizioni polmonari croniche o di lunga durata.

Una revisione medica del 2017 ha concluso che, sebbene l’evidenza clinica sia limitata, la curcumina potrebbe aiutare a trattare l’ asma , la fibrosi polmonare e cistica , il cancro al polmone o le lesioni e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Come preparare il tè alla curcuma

te curcuma 2 farmajet

Per preparare un tè alla curcuma, una persona può aggiungere all’acqua bollente la curcuma macinata, grattugiata o in polvere.

Il tè alla curcuma può essere preparato con polvere di curcuma pura o con curcuma essiccata o macinata. Preparazioni di curcuma fermentate, comunemente vendute come prodotti per il tè, affermano di avere concentrazioni più elevate di curcumina disponibile o assorbibile biologicamente.

I passi da seguire per preparare il tè alla curcuma sono:

  • far bollire 4 tazze d’acqua
  • aggiungere da 1 a 2 cucchiaini di curcuma macinata, grattugiata o in polvere
  • consentire alla miscela di cuocere a fuoco lento per circa 10 minuti
  • versare il tè in un contenitore e lasciarlo raffreddare per 5 minuti

Molte persone aggiungono ingredienti aggiuntivi al loro tè alla curcuma per migliorare il gusto o aiutare con il suo assorbimento. Gli additivi comuni includono:

  • Miele, per addolcire il tè e dare alla miscela più proprietà antimicrobiche.
  • Latte intero, panna, latte di mandorla, latte di cocco o 1 cucchiaio di olio di cocco o burro chiarificato (burro non chiarificato) per favorire l’assorbimento, poiché la curcumina richiede che i grassi sani si dissolvano correttamente.
  • Pepe nero, che contiene piperina, una sostanza chimica nota per contribuire a promuovere l’assorbimento della curcumina e che può aggiungere un sapore speziato al tè.
  • Limone, lime o zenzero, per migliorare le proprietà antiossidanti e antimicrobiche nella miscela e migliorare il gusto.

CURCUMA PURA ACQUISTALA su Farmajet 

Curcumina e Nanoparticelle per eliminare le cellule tumorali. Farmajet news

Le nanoparticelle caricate con la curcumina uccidono le cellule tumorali

Pubblicato
tempo di lettura 2 minuti

Attaccare la curcumina, un componente della curcuma spezia comune, alle nanoparticelle può essere utilizzato per colpire e distruggere le cellule tumorali di neuroblastoma resistenti al trattamento , secondo un nuovo studio pubblicato su Nanoscale .

curcuma 1

Lo studio, condotto in collaborazione da ricercatori del Nemours Children’s Hospital e della University of Central Florida, dimostra un trattamento potenzialmente nuovo per il neuroblastoma, il tumore più comune nei neonati.

“Il neuroblastoma ad alto rischio può essere resistente alla terapia tradizionale, e la sopravvivenza può essere scarsa.Questa ricerca dimostra un nuovo metodo per trattare questo tumore senza la tossicità della terapia aggressiva che può anche avere effetti tardivi sulla salute del paziente”, ha detto Tamarah J. Westmoreland, MD, PhD, chirurgo pediatrico presso il Nemours Children’s Health System e autore senior dello studio. “Approcci unici per colpire le cellule tumorali con sistemi di rilascio di nanoparticelle promettono il trattamento di tumori resistenti, come il neuroblastoma ad alto rischio.Spero che in futuro le nanoparticelle possano essere utilizzate per personalizzare l’assistenza ai pazienti e ridurre gli effetti tardivi della terapia “.

I neuroblastomi sono tumori che iniziano nelle prime cellule nervose e si formano comunemente nel tessuto delle ghiandole surrenali, vicino ai reni. Circa 700 nuovi casi di neuroblastoma vengono diagnosticati ogni anno negli Stati Uniti e la maggior parte dei casi compare nei bambini di età inferiore ai 5 anni. Il neuroblastoma ad alto rischio è difficile da curare ed è più probabile che diventi resistente alle terapie standard o si ripresenta. Questi tumori sono anche associati a effetti tardivi dopo che i trattamenti sono terminati, inclusi ritardi dello sviluppo, perdita dell’udito o altre disabilità.

La curcumina ha dimostrato di possedere una notevole capacità anti-cancro, ma la sua bassa solubilità e scarsa stabilità hanno reso difficile l’uso in applicazioni medicinali. I ricercatori di Nemours e UCF hanno scoperto che le nanoparticelle possono essere utilizzate per somministrare la curcumina ai siti tumorali.

“Questo dimostra che le nanoparticelle possono essere un efficace veicolo di consegna per i farmaci antitumorali”, ha detto il professor Sudipta Seal, che dirige il Centro di tecnologia NanoScience di UCF e il Centro di analisi dell’elaborazione avanzata dei materiali ed è un collaboratore dello studio. “Sono necessarie ulteriori ricerche, ma siamo fiduciosi che potrebbe portare a un trattamento più efficace di questa malattia devastante in futuro.”

Nello studio, i ricercatori hanno caricato nanocarticelle di ossido di cerio con la curcumina e le hanno rivestite con destrano per testare linee cellulari di una forma ad alto rischio di neuroblastoma, noto come neuroblastoma non amplificato, amplificato con MYCN. Questa formulazione ha indotto una morte cellulare sostanziale nelle cellule di neuroblastoma mentre produceva tossicità nulle o solo minori nelle cellule sane. Nel complesso, i trattamenti nano-terapeutici hanno mostrato un effetto più pronunciato nelle cellule amplificate da MYCN, che sono tradizionalmente più resistenti alle terapie farmacologiche.

La ricerca sulle nanoscienze, che esplora le proprietà insolite dei materiali su scala nanometrica, ha portato a progressi nella medicina, nell’energia, nell’archiviazione delle informazioni, nell’informatica e in altri campi. A non più di 100 nanometri, le nanoparticelle sono estremamente piccole. In confronto, un foglio di carta ha uno spessore di circa 75.000 nanometri.

Articolo: La consegna di porcellane di curcumina induce l’ipossia cellulare e l’apoptosi mediata da ROS attraverso la modulazione di Bcl-2 / Bax nel neuroblastoma umano , Tamarah J. Westmoreland et al., Nanoscale , doi: 10.1039 / C7NR02770B, pubblicato il 9 giugno 2017.

Curcuma pura biodisponibile su farmajet 

Proprietà della Curcuma

Quali sono gli effetti collaterali della curcuma?

Farmajet Gennaio 2018
  1. Effetti collaterali positivi
  2. Effetti collaterali negativi
  3. Porta via
curcu1

Cos’è la curcuma?

La curcuma, a volte chiamata zafferano indiano o spezia d’oro, è una pianta alta che cresce in Asia e in America centrale.

La curcuma che vediamo sugli scaffali e negli armadi delle spezie è costituita dalle radici della pianta. Il colore giallo brillante della curcuma trasformata ha ispirato molte culture a usarlo come colorante. La curcuma macinata è anche un ingrediente importante nella polvere di curry. Capsule, tè, polveri ed estratti sono alcuni dei prodotti di curcuma disponibili in commercio.

La curcumina è il principio attivo della curcuma e ha potenti proprietà biologiche. La medicina ayurvedica, un sistema di trattamento tradizionale indiano, consiglia la curcuma per una varietà di condizioni di salute. Questi includono il dolore cronico e l’ infiammazione . La medicina occidentale ha iniziato a studiare la curcuma come antidolorifico e agente curativo.

Continua a leggere per saperne di più su come la curcuma potrebbe beneficiare la tua salute, così come alcuni dei suoi effetti collaterali negativi.

Effetti collaterali positivi di curcuma

È anti-infiammatorio

The Arthritis Foundation cita diversi studi in cui la curcuma ha ridotto l’infiammazione. Questa capacità anti-infiammatoria potrebbe ridurre l’aggravamento che le persone con artrite sentono nelle loro articolazioni. La fondazione suggerisce l’assunzione di capsule da 400 a 600 milligrammi (mg) di curcuma fino a tre volte al giorno per l’alleviamento dell’infiammazione.

Può alleviare il dolore

Molte persone, inclusi i medici , citano la loro esperienza aneddotica con la curcuma come antidolorifico. La spezia è rinomata anche per alleviare il dolore da artrite.

Gli studi sembrano sostenere la curcuma per alleviare il dolore, con una nota che sembrava funzionare bene come l’ibuprofene (Advil) nelle persone con artrite alle ginocchia. Sebbene le raccomandazioni sul dosaggio sembrino variare, coloro che hanno partecipato allo studio hanno assunto 800 mg di curcuma in capsule ogni giorno.

Migliora la funzionalità epatica

La curcuma ha attirato l’attenzione di recente a causa delle sue capacità antiossidanti . L’effetto antiossidante della curcuma sembra essere così potente da impedire al fegato di essere danneggiato dalle tossine. Questa potrebbe essere una buona notizia per le persone che assumono forti droghe per il diabete o altre condizioni di salute che potrebbero danneggiare il loro fegato con un uso a lungo termine.

Può aiutare a ridurre il rischio di cancro

La curcumina è promettente come trattamento per il cancro . Gli studi suggeriscono che ha effetti protettivi contro il cancro del pancreas , il cancro alla prostata e il mieloma multiplo .

Può aiutare la digestione

Parte della ragione per cui la curcuma è in polvere di curry è perché aggiunge un elemento di prelibatezza al cibo. Ma la curcuma può anche svolgere un ruolo importante nel digerire quel cibo. A causa delle sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, la curcuma può contribuire a una sana digestione.

È usato nella medicina ayurvedica come agente di guarigione digestivo. Ora la medicina occidentale ha iniziato a studiare come la curcuma può aiutare con l’infiammazione intestinale e la permeabilità intestinale, due misure della vostra efficienza digestiva. La curcuma viene anche esplorata come trattamento per la sindrome dell’intestino irritabile .

Effetti collaterali negativi della curcuma

Può turbare il tuo stomaco

Gli stessi agenti in curcuma che supportano la salute digestiva possono causare irritazioni se assunti in grandi quantità. Alcuni partecipanti a studi sull’uso della curcuma per il trattamento del cancro hanno dovuto abbandonare perché la loro digestione è stata influenzata negativamente. La curcuma stimola lo stomaco a produrre più acido gastrico. Mentre questo aiuta la digestione di alcune persone, può davvero fare un numero sugli altri.

Si assottiglia il tuo sangue

Le proprietà purificanti della curcuma possono anche farti sanguinare più facilmente. Non è chiaro il motivo per cui ciò accade. Altri benefici suggeriti della curcuma, come il colesterolo abbassato e la pressione sanguigna abbassata , probabilmente hanno qualcosa a che fare con il modo in cui la curcuma funziona nel sangue.

Le persone che assumono farmaci che fluidificano il sangue come il warfarin (Coumadin) dovrebbero evitare di consumare grandi dosi di curcuma.

Può stimolare le contrazioni

Potresti aver sentito che mangiare cibi conditi con curry può stimolare il travaglio. Sebbene ci siano pochi dati clinici a sostegno di questa affermazione, gli studi suggeriscono che la curcuma può alleviare i sintomi della sindrome premestruale. Quindi potrebbe esserci qualcosa nel racconto delle vecchie mogli.

A causa dei suoi effetti di diradamento del sangue da solo, le donne in gravidanza dovrebbero evitare di assumere integratori di curcuma. Aggiungere piccole quantità di curcuma come spezia al cibo non dovrebbe essere un problema.

Consigli di Utilizzo

Sembra che ci siano benefici per la salute di includere la curcuma nella vostra dieta. La spezia d’oro sostiene la salute immunitaria, aiuta ad alleviare il dolore e può aiutare la digestione, tra le altre cose. Ma a causa di alcuni dei suoi effetti collaterali, la curcuma potrebbe non valere la pena di prendere per alcune persone.

È importante usare cautela nel decidere se la curcuma è qualcosa che devi provare. Come con qualsiasi terapia alternativa, parla con il tuo medico prima di usare la curcuma per trattare qualsiasi condizione di salute che hai.

Farmajet consiglia il migliore integratore di curcuma in commercio

curcuma pura

curcuma pura biodisponibile

Farmajet la tua parafarmacia online

Farmajet è una parafarmacia nata nel 2007, grazie all’esperienza ventennale maturata sui prodotti per la salute ed il benessere della persona da parte del suo titolare fondatore. Farmajet è specializzata nella commercializzazione di parafarmaci, cosmetici, prodotti erboristici, dispositivi medicali e prodotti per l’infanzia delle migliori marche.
Nel corso degli anni Farmajet, grazie al mercato online ha servito più di 200.000 clienti, coniugando competitività dei prezzi, qualità dei prodotti, divenendo un’azienda leader del settore nel panorama nazionale.

Le caratteristiche distintive di Farmajet sono:
– una superficie di vendita al pubblico di 200 mq, un magazzino con logistica avanzata di 600 mq;

– uno staff altamente qualificato composto da 5 farmaciste, 4 assistenti alla vendita e 8 operatori logistici;

– catalogo dei prodotti offerti vastissimo, testimoniato dalle oltre 100.000 referenze commercializzate;

– garanzia dell’originalità dei prodotti, derivante dalla profonda conoscenza del mondo della parafarmacia e della cosmesi e dalla qualità delle marche commercializzate;

– sistema innovativo di gestione del magazzino che consente una costante disponibilità dei prodotti;

– sicurezza delle transazioni.

Sede legale: Farmajet s.r.l. – Via delle Ginestre n.16 – 67039 Sulmona (AQ)
Magazzino e logistica: S.S. 5 dir snc – 67035 Pratola Peligna (AQ)
Assistenza clienti telefonica +39.0864.271923
Whatsapp +39.333.8235470
E-mail:info@farmajet.it
Codice Univoco Parafarmacia: 009253
P.Iva 01727780668