Un nuovo studio spiega come l’aspirina a basse dosi possa prevenire il cancro

Il cancro è una delle principali cause di morbilità e morte in tutto il mondo e la sua diffusione è prevista in aumento nei prossimi anni. Le strategie di prevenzione del cancro includono fare scelte di vita sane e testare se a rischio. Una nuova ricerca suggerisce che una piccola dose di aspirina può aiutare a prevenire la formazione di cellule tumorali e spiega come.
aspirina

Una nuova ricerca spiega come l’aspirina “baby” possa aiutare a prevenire il cancro.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), il cancro è una delle principali cause di morte in tutto il mondo, con 10,2 milioni di morti nel 2016.

In termini di prevenzione, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandano di fare uno stile di vita sano e scelte dietetiche, come evitare il tabacco e l’alcol, oltre a rimanere fisicamente attivi e mangiare molta frutta e verdura.

Una nuova ricerca rafforza l’idea che l’assunzione di aspirina a basse dosi possa anche aiutare a prevenire il cancro e inibire la proliferazione delle cellule tumorali.

Il suggerimento che una piccola dose di aspirina possa aiutare a prevenire il cancro non è nuovo. A settembre 2016, la Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti ha raccomandato l’ uso quotidiano di una piccola dose di aspirina per aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari e il cancro del colon-retto .

Tuttavia, la nuova ricerca spiega anche il processo mediante il quale una dose bassa di aspirina può effettivamente inibire la proliferazione e la metastasi delle cellule tumorali.

L’aspirina inibisce indirettamente l’oncoproteina responsabile delle cellule maligne

La ricerca è stata condotta da scienziati dell’Oregon Health and Science University (OHSU) in collaborazione con l’Oregon State University (OSU), ei risultati sono stati pubblicati sulla rivista AJP-Cell Physiology .

“Il beneficio dell’aspirina può essere dovuto al suo effetto sulle cellule del sangue chiamate piastrine, piuttosto che agire direttamente sulle cellule tumorali “, dice l’autore senior Owen McCarty, professore presso il Dipartimento di ingegneria biomedica di OHSU.

Le piastrine sono minuscole cellule del sangue che aiutano un corpo sano a formare coaguli, al fine di fermare il sanguinamento quando necessario.

Sembra che le nostre piastrine nel sangue aumentino anche i livelli di una determinata proteina che può supportare le cellule tumorali e aiutarle a diffondersi. Questa “oncoproteina” è chiamata c-MYC.

La funzione biologica di c-MYC è quella di regolare l’espressione di oltre il 15 percento di tutti i geni del corpo umano. Il regolatore c-MYC controlla il ciclo di vita e di morte delle cellule, la sintesi delle proteine ​​e il metabolismo delle cellule.

Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che nei tumori umani questo oncogene è sovraespresso.

I ricercatori di questo recente studio spiegano che l’aspirina riduce la capacità delle piastrine nel sangue di innalzare i livelli dell’oncoproteina c-MYC.

“Ilnostro lavoro suggerisce che l’azione anti-cancro dell’aspirina potrebbe essere in parte come segue: durante il loro transito nel sangue, le cellule tumorali circolanti interagiscono con le piastrine, che stimolano la sopravvivenza delle cellule tumorali attivando oncoproteine ​​come c-MYC. piastrine con terapia aspirina riduce questa segnalazione tra piastrine e cellule tumorali, riducendo così indirettamente la crescita delle cellule tumorali. ”

Owen McCarty

Craig Williams, professore nel College of Pharmacy OSU / OHSU e coautore dello studio, spiega ulteriormente il processo.

“Le prime cellule tumorali vivono in quello che è in realtà un ambiente piuttosto ostile, dove il sistema immunitario attacca regolarmente e tenta di eliminarli”, dice. “Le piastrine del sangue possono svolgere un ruolo protettivo per quelle prime cellule tumorali e aiutare le metastasi: l’inibizione con l’aspirina sembra interferire con quel processo e il c-MYC può spiegare parte di quel meccanismo”.

L’aspirina a basso dosaggio può essere “sicura ed efficace” nella prevenzione del cancro

Questa è la prima volta che uno studio ha dimostrato la capacità delle piastrine di regolare l’espressione di c-MYC nelle cellule tumorali.

I ricercatori osservano che quasi un terzo dei pazienti con tumore del colon e il 42% dei pazienti con carcinoma pancreatico presentavano una sovraespressione dell’oncoproteina c-MYC.

Sottolineano inoltre che l’impatto dell’aspirina sulle piastrine del sangue è altrettanto efficace in dosi elevate quanto in quelli bassi. Di conseguenza, i medici possono valutare i rischi e i benefici dell’assunzione di aspirina, nonché ridurre il rischio di sanguinamento, che è un effetto collaterale comune di ingerire troppa aspirina.

Gli autori sottolineano il ruolo cruciale dei medici e degli operatori sanitari quando prendono in considerazione anche l’assunzione di aspirina a basse dosi.

“Poiché si ritiene che l’interazione tra piastrine e cellule tumorali si verifichi presto […] l’uso di dosi anti-piastriniche di aspirina potrebbe servire come misura preventiva sicura ed efficace per i pazienti a rischio di cancro”, concludono gli autori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...