Blog

Quali e cosa sono i due Farmaci antivirali Keletra(lopinavir/ritonavir) e Remdesivir consigliati dal NIH Americano e usati dall’Ospedale Spallanzani di Roma contro il Coronavirus 2019-nCov?

I due Farmaci Antivirali per la Cura del Coronavirus utilizzati dallo Spallanzani sono il Keletra nome commerciale di due antivirali Lopinavir/Ritonavir e un antivirale nuovo della GILEAD che si chiama Remdesivir. Il primo e’ un’associazione farmacologica ovvero contiene nella stessa capsula due diversi principi attivi. Il secondo farmaco Remdesivir si tratta di un nuovo farmaco più sperimentale prodotto dall Gilead come farmaco contro il virus Ebola e Marburg. E’ stato sviluppato velocemente (non e’ ancora stato ufficialmente brevettato) per poter essere impiegato nelle epidemie di Ebola del 2013/ 2016 in Africa occidentale. Gilead ha messo a disposizione il suo farmaco che si era dimostrato attivo nei confronti dei virus SARS e MERS (della stessa famiglia di 2019-nCov, (quello responsabile dell’attuale focolaio epidemico in Cina).

Come funziona la Terapia Antiretrovirale?

 

La terapia antiretrovirale tratta l’HIV sopprimendo l’attività del virus nel corpo. Per la maggior parte delle persone che li assumono, questi farmaci sono molto efficaci per tenere sotto controllo l’HIV.

Il trattamento aiuta a migliorare la qualità della vita e può garantire che una persona con HIV abbia un’aspettativa di vita simile a una persona senza il virus.

La soppressione dell’attività virale comporta una bassa carica virale e un ridotto rischio di sviluppare altre malattie.

Secondo il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) degli Stati Uniti , l’obiettivo principale della terapia antiretrovirale è ridurre la carica virale di una persona a livelli non rilevabili.

Quando la carica virale è così bassa da non essere rilevabile, non vi è alcun rischio di trasmettere il virus ad altri.

Qui, descriviamo diversi farmaci antiretrovirali e i loro effetti collaterali e forniamo informazioni sull’inizio del trattamento.

Come funzionano i farmaci antiretrovirali ?
kaletra
I farmaci antiretrovirali possono aiutare a curare l’HIV e altre patologie virali impedendogli di colpire le cellule sane.
 

Kaletra è un farmaco a base di ritonavir + lopinavir, appartenente al gruppo terapeutico Antivirali, inibitori delle proteasi. E’ commercializzato in Italia da AbbVie S.r.l..

KALETRA OS 2FL 60ML+2SIR PREZZO INDICATIVO: 237,80 €
KALETRA 60CPR RIV100MG+25MG FL PREZZO INDICATIVO: 134,14 €
KALETRA 120CPR RIV 200MG+50MG PREZZO INDICATIVO: 536,55 €

 

L’HIV attacca il sistema immunitario del corpo.

Un sistema immunitario debole significa che il corpo lotta per combattere le malattie, dalle infezioni al cancro .

I farmaci antiretrovirali impediscono la moltiplicazione dell’HIV, proteggendo così le cellule che il virus avrebbe altrimenti preso di mira.

Meno si presenta l’HIV nel corpo di una persona, più facile sarà il recupero del sistema immunitario.

i TIPI DI FARMACI ANTIRETROVIRALI 

Il trattamento dell’HIV comporta una combinazione di farmaci. Le seguenti sono le diverse categorie di farmaci antiretrovirali:

Inibitori nucleosidici della trascrittasi inversa (NRTI)

Gli NRTI bloccano l’azione di un enzima chiamato trascrittasi inversa virale, necessario per la replicazione dell’HIV.

Esempi di NRTI includono:

  • abacavir (Ziagen)
  • emtricitabina (Emtriva)
  • lamivudina (Lamivudine RBX, Zefix, Zetlam)
  • stavudina (Zerit, Stavudin)
  • tenofovir (Viread)
  • zidovudine (Retrovir)

Inibitori non nucleosidici della trascrittasi inversa (NNRTI)

Gli NNRTI funzionano in modo simile agli NRTI. L’unica differenza è che agiscono su diversi siti dell’enzima.

Esempi di questi farmaci antiretrovirali includono:

  • delavirdine (Rescriptor)
  • doravirina (Pifeltro)
  • efavirenz (Sustiva)
  • etravirina (Intelence)
  • nevirapina (Viramune)
  • rilpivirina (Edurant)

Inibitori della proteasi (IP)

Gli IP impediscono un altro enzima virale, la proteasi dell’HIV. L’HIV richiede la proteasi per replicarsi.

I tipi di IP includono:

  • atazanavir (Reyataz)
  • darunavir (Prezista)
  • fosamprenavir (Lexiva, Telzir)
  • indinavir (Crixivan)
  • lopinavir/Ritonavir (Kaletra) Utilizzato dallo Spallanzani per curare il corona virus.

  • ritonavir (Norvir)
  • saquinavir (Invirase)
  • tipranavir (Aptivus)

Inibitori d’ingresso

Come suggerisce il nome, questi farmaci impediscono al virus di entrare nelle cellule bersaglio.

Per penetrare nelle cellule immunitarie, l’HIV deve fondersi con i recettori delle cellule e questi farmaci agiscono per impedire che ciò accada.

Le persone spesso assumono inibitori dell’ingresso quando altri trattamenti non hanno avuto successo.

Esempi attualmente in uso includono:

  • enfuvirtide (Fuzeon)
  • maraviroc (Selzentry)

Inibitori dell’integrasi

L’HIV utilizza una proteina chiamata integrasi per inviare il suo materiale genetico nelle cellule che prende di mira. Gli inibitori dell’integrasi bloccano questa azione.

La ricerca su questi farmaci è in corso, ma i tipi attualmente approvati per l’uso includono:

  • dolutegravir (Tivicay)
  • elvitegravir (Vitekta)
  • raltegravir (Isentress)

Ecco vi spieghiamo nel dettaglio che cos’è il secondo farmaco antivirale Sperimentale Remdesivir della americana Gilead.

remdesivir

il Remdesivir previene la malattia da coronavirus MERS nelle scimmie (non ha nome commerciale in quanto non si trova ancora nella normale distribuzione del farmaco, Inutile quindi andare in Farmacia a chiederlo)

I risultati supportano il test dell’antivirale contro il nuovo coronavirus del 2019

 

Microfotografia elettronica a scansione colorata delle particelle del virus della sindrome respiratoria del Medio Oriente attaccate alla superficie di una cellula infetta.

Credito: credito NIAID

Il remdesivir sperimentale antivirale ha prevenuto con successo la malattia nei macachi rhesus infettati dalla coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV), secondo un nuovo studio condotto dagli scienziati del National Institutes of Health. Remdesivir ha prevenuto la malattia quando somministrato prima dell’infezione e migliorato le condizioni dei macachi quando somministrato dopo che gli animali erano già stati infettati.

Il nuovo rapporto dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive del NIH (NIAID) appare negli Atti della National Academy of Sciences .

MERS-CoV è strettamente correlato al coronavirus del 2019 (SARS-CoV-2, precedentemente noto come 2019-nCoV) che è cresciuto fino a diventare un’emergenza globale per la salute pubblica da quando sono stati rilevati casi a Wuhan, in Cina, a dicembre.

Remdesivir ha precedentemente protetto gli animali contro una varietà di virus in esperimenti di laboratorio. Il farmaco ha dimostrato sperimentalmente di trattare efficacemente le scimmie infette da virus Ebola e Nipah. Remdesivir è stato anche studiato come trattamento per la malattia da virus Ebola nelle persone.

L’attuale studio è stato condotto presso i Rocky Mountain Laboratories della NIAID ad Hamilton, nel Montana. Il lavoro ha coinvolto tre gruppi di animali: quelli trattati con remdesivir 24 ore prima dell’infezione con MERS-CoV; quelli trattati 12 ore dopo l’infezione (vicino all’ora di punta per la replicazione di MERS-CoV in questi animali); e animali di controllo non trattati.

Gli scienziati hanno osservato gli animali per sei giorni. Tutti gli animali di controllo hanno mostrato segni di malattie respiratorie. Gli animali trattati prima dell’infezione andavano bene: nessun segno di malattia respiratoria, livelli significativamente più bassi di replicazione del virus nei polmoni rispetto agli animali di controllo e nessun danno polmonare. Gli animali trattati dopo l’infezione sono risultati significativamente migliori rispetto agli animali di controllo: la malattia era meno grave rispetto agli animali di controllo, i loro polmoni avevano livelli di virus più bassi rispetto agli animali di controllo e il danno ai polmoni era meno grave.

Gli scienziati indicano che i promettenti risultati dello studio supportano ulteriori studi clinici su remdesivir per MERS-CoV e COVID-19, la malattia causata da SARS-CoV-

2. Diversi studi clinici su remdesivir per COVID-19 sono in corso in Cina e altri pazienti con COVID-19 hanno ricevuto il farmaco secondo un protocollo di uso compassionevole.

Anche la Biomedical Advanced Research and Development Authority (BARDA), parte del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, ha fornito supporto per questo studio. Gilead Sciences, Inc., ha sviluppato remdesivir, noto anche come GS-5734, e ha collaborato alla ricerca.

MERS-CoV è emerso in Arabia Saudita nel 2012. A dicembre 2019, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato 2.499 casi MERS-CoV e 861 decessi (o circa 1 su 3). Poiché circa un terzo dei casi di MERS-CoV si diffonde da persone infette trattate in ambito sanitario, gli scienziati suggeriscono che remdesivir potrebbe prevenire efficacemente la malattia in altri pazienti, contatti di pazienti e operatori sanitari. Notano anche che il farmaco potrebbe aiutare i pazienti a cui è stata diagnosticata la MERS o COVID-19 se somministrati subito dopo l’inizio dei sintomi.

ARTICOLO:
E de Wit  et al . Trattamento profilattico e terapeutico di remdesivir (GS-5734) nel modello macaco rhesus dell’infezione da MERS-CoV. PNAS DOI: 10.1073 / pnas.1922083117.

CHI: il
direttore della NIAID Anthony S. Fauci, MD, ed Emmie de Wit, Ph.D., uno dei principali investigatori del Laboratorio di virologia della NIAID, sono disponibili per commentare questo studio.

https://www.niaid.nih.gov/news-events/remdesivir-prevents-mers-coronavirus-disease-monkeys

Sviluppo di terapie e vaccini per coronavirus

Gli scienziati finanziati da NIAID stanno esplorando i modi per trattare e prevenire le infezioni da coronavirus umano lavorando per sviluppare nuovi anticorpi, farmaci e vaccini che bloccano l’ingresso nelle cellule, ritardano la risposta del sistema immunitario o bloccano la replicazione virale. Per COVID-19, gli scienziati NIAID, che lavorano a Bethesda, Md. E Hamilton, Mont., Si stanno preparando a testare il farmaco antivirale remdesivir, che ha mostrato risultati promettenti contro altri coronavirus in modelli animali. NIAID sta esplorando altri composti antivirali ad ampio spettro per attività contro COVID-19. NIAID prevede inoltre di valutare Kaletra, noto anche come lopinavir e ritonavir, e l’interferone-beta per la loro attività contro COVID-19.

Il centro di ricerca sui vaccini NIAID (VRC) sta attingendo a un’ampia esperienza di ricerca con coronavirus, combinata con una vasta rete di collaboratori provenienti da università, altre agenzie governative e industrie, sullo sviluppo di un candidato vaccino che esprime la proteina virale del SARS-CoV- 2  utilizzando una tecnologia di piattaforma di vaccino RNA messenger. NIAID prevede che il vaccino sperimentale sarà pronto per i test clinici nei prossimi mesi. Gli scienziati NIAID dei Rocky Mountain Laboratories stanno collaborando con gli investigatori dell’Università di Oxford per lo sviluppo di un candidato al vaccino contro lo COVID-19, vettore adenovirus, scimpanzé. Inoltre, gli scienziati supportati da NIAID stanno anche lavorando per vedere se i vaccini sviluppati per la SARS sono efficaci contro COVID-19.

I beneficiari che studiano MERS stanno lavorando per sviluppare vaccini che colpiscono la proteina Spike virale di un vaccino MERS vivo, attenuato, che è un tipo di vaccino che contiene una versione del microbo vivente che è stata indebolita in laboratorio, quindi non può causare malattie. Utenti autorizzati e ricercatori NIAID VRC utilizzano le conoscenze apprese dallo sviluppo del vaccino SARS per creare trattamenti MERS. Un metodo per MERS utilizza anticorpi monoclonali neutralizzanti, sviluppati da un paziente MERS guarito e macachi di rhesus immunizzati, che colpiscono più siti sulla proteina S del virus.

NIAID ha anche supportato il test clinico di due promettenti terapie a base di anticorpi, che impediscono al virus di infettare ed entrare nelle cellule. NIAID ha condotto uno studio clinico di fase 1 su  SAB-301 , un trattamento MERS sperimentale sviluppato da bovini che producono anticorpi umani. Questo ha dimostrato di essere sicuro e ben tollerato negli adulti sani. Più recentemente, NIAID ha supportato uno studio clinico di Fase I su una combinazione di due anticorpi monoclonali, REGN3048 e REGN 3051 , e ha dimostrato che questa combinazione era anche sicura e ben tollerata. La pianificazione per il follow-up sugli studi di efficacia di Fase 2/3 utilizzando SAB-301 è attualmente in corso con partner in cui MERS è endemico, incluso il Regno dell’Arabia Saudita.

Contatto

Per programmare le interviste, contattare

Ken Pekoc

(301) 402-1663

NIAIDNews@niaid.nih.gov

 

Quali sono le cause piu’ frequenti per cui ti senti sempre stanco? Scopriamolo insieme. Farmajet news

Perché ti senti stanco tutto il tempo

Ti chiedi spesso: “Perché sono così stanco tutto il tempo?” In tal caso, questo articolo potrebbe essere la lettura perfetta per te; abbiamo compilato un elenco di alcuni dei motivi più comuni per la stanchezza e cosa puoi fare per rimetterti in azione.

 

stanco
Ci sono molte ragioni per stanchezza, tra cui mancanza di sonno, cattiva alimentazione, stile di vita sedentario, stress e condizioni mediche.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa il 15,3% delle donne e il 10,1% degli uomini si sentono regolarmente molto stanchi o esausti in Italia.

La stanchezza può causare una serie di problemi. Ad esempio, circa 1 su 25 conducenti adulti riferisce di addormentarsi al volante ogni mese.

Circa 72.000 incidenti e 44.000 feriti ogni anno sono il risultato della guida sonnolenta, e questo è per non parlare dei 6000 incidenti mortali stimati causati dai conducenti sonnolenti.

Tutti si sentono stanchi ad un certo punto della loro vita, sia che si tratti di una serata fuori, di stare svegli a guardare il tuo programma TV preferito o di dedicare qualche ora in più al lavoro.

Spesso, puoi mettere il dito sul motivo per cui non ti senti meglio, ma che dire di quelle volte in cui non riesci a individuare la causa della tua stanchezza? Cosa ti fa sentire stanco allora?

1. Mancanza di sonno

La mancanza di sonno può sembrare una ragione ovvia per sentirsi stanchi, eppure 1 adulto su 3 in Italia non ne è mai abbastanza.

stanco 2
La stanchezza aumenta il rischio di incidenti, obesità, ipertensione, depressione e malattie cardiache.

Le persone di età compresa tra 18 e 60 anni hanno bisogno di 7 o più ore di sonno ogni giorno per promuovere una salute ottimale, secondo l’American Academy of Sleep Medicine e la Sleep Research Society.

Essere al di sotto delle ore di sonno raccomandate ogni notte non è solo associato a affaticamento, prestazioni compromesse e un maggior rischio di incidenti, ma ha anche esiti negativi per la salute.

Questi includono obesità , ipertensione , depressione , malattie cardiache , ictus e un aumentato rischio di morte.

Se fai fatica ad adattarti a 7 ore di sonno, ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a ottenere una dose completa di sonno necessario:

  • Mantenere una routine di sonno coerente. Cerca di andare a letto ogni sera alla stessa ora e di alzarti ogni mattina alla stessa ora, anche nei fine settimana.
  • Evita i pisolini. Abbiamo bisogno di una certa quantità di sonno entro un periodo di 24 ore e non di più. Il pisolino riduce la quantità di sonno di cui abbiamo bisogno la notte seguente, il che potrebbe causare difficoltà ad addormentarsi e sonno frammentato.
  • Limita il tempo a letto a 5-10 minuti. Se ti accorgi che sei sveglio a letto preoccupato o con la mente che corre, scendi dal letto e siediti al buio finché non ti senti assonnato, poi torna a letto.
  • Assicurati che la tua camera da letto sia silenziosa, buia e una temperatura confortevole. Qualsiasi luce che entra nella tua stanza potrebbe disturbare il tuo sonno. Assicurati che la tua stanza sia buia e che la luce emessa dai dispositivi digitali non sia visibile. Le temperature più fredde dell’ambiente sono considerate migliori per favorire il sonno rispetto alle temperature più calde.
  • Limitare le bevande contenenti caffeina. Cerca di non consumare bevande contenenti caffeina dopo mezzogiorno. Gli effetti stimolanti della caffeina possono durare per molte ore dopo l’assunzione e causare problemi con l’inizio del sonno.
  • Evita il tabacco e l’alcool prima di andare a letto. Fumare sigarette e bere alcolici prima di andare a letto può causare un sonno frammentato.

Se pratichi tutte le abitudini del sonno sopra elencate e ti svegli ancora stanco, potrebbe essere una buona idea contattare il tuo medico e discutere se hai un problema medico correlato al sonno come insonnia , apnea ostruttiva del sonno o sindrome delle gambe senza riposo .

2. Dieta scadente

Il modo più semplice per bandire la stanchezza è apportare modifiche alla dieta. Mangiare una dieta sana ed equilibrata può fare la differenza nel modo in cui ti senti.

stanco dietaCondividi su Pinterest
Una dieta sana ed equilibrata può aiutare a combattere la fatica.

Per migliorare la tua salute e ottenere tutti i nutrienti di cui hai bisogno – oltre ad eliminare la fatica – è fondamentale scegliere un mix salutare di alimenti tra i cinque gruppi di alimenti, che sono: frutta, verdura, cereali, proteine ​​e prodotti lattiero-caseari.

Puoi cambiare il tuo stile alimentare oggi implementando alcune di queste piccole modifiche:

  • Mangia la giusta quantità di calorie per il tuo sesso, età, peso e livello di attività. Mangiare troppo o troppo poco può farti sentire lento.
  • Riempi metà del tuo piatto con frutta e verdura. Assicurati di concentrarti sul consumo di frutta intera e una selezione di verdure.
  • Assicurati che i cereali integrali costituiscano metà dei cereali che consumi. Esempi di cereali integrali includono riso integrale, farina d’avena, farina integrale di mais, bulgur e farina integrale.
  • Passa a prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi e senza grassi per aiutare a limitare le calorie dai grassi saturi.
  • Varia la tua routine proteica. Prova a scegliere carne e pollame magri, limitare le carni lavorate, scegliere noci e semi non salati e selezionare alcuni frutti di mare ricchi di omega-3.
  • Ridurre lo zucchero. Lo zucchero può darti una rapida scarica di energia, ma svanisce rapidamente e potrebbe farti sentire più stanco. Evita cibi e bevande che contengono molto zucchero.
  • Non saltare mai la colazione. Saltare regolarmente la colazione può farti perdere i nutrienti chiave e l’energia di cui hai bisogno per iniziare la giornata.
  • Mangia a intervalli regolari. Sostieni i tuoi livelli di energia consumando tre pasti al giorno e limitando gli snack non salutari.
  • Bevi abbastanza acqua. L’acqua potabile può aiutare a prevenire la disidratazione , che si traduce in affaticamento, pensieri poco chiari, cambiamenti dell’umore, surriscaldamento e costipazione .

3. Stile di vita sedentario

Quando inizia la stanchezza, sedersi sul divano e rilassarsi potrebbe sembrare l’unica risposta. Ma alzarsi e muoversi può essere la cosa migliore che puoi fare per rigenerare ed eliminare la fatica.

stanco 3
L’esercizio fisico può aiutare ad aumentare l’energia e ridurre la stanchezza.

Una ricerca dell’Università della Georgia (UGA) di Atene ha scoperto che, rispetto alla seduta in silenzio, un singolo periodo di esercizio di intensità moderata della durata di almeno 20 minuti ha contribuito a stimolare l’energia.

Un precedente studio condotto da UGA ha anche scoperto che quando gli individui sedentari completavano regolarmente un programma di esercizi, la loro fatica migliorava rispetto a quelli che non lo facevano.

Le linee guida per l’attività fisica del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti suggeriscono che tutti gli adulti necessitano di 2 ore e 30 minuti di esercizio a intensità moderata a settimana e di attività di potenziamento muscolare che lavorano tutti i principali gruppi muscolari su 2 o più giorni a settimana.

Questo può sembrare un sacco di tempo speso nell’esercizio, ma puoi diffondere la tua attività per tutta la settimana e, in totale, è solo la quantità di tempo che potresti altrimenti passare a guardare un film.

Se non ti alleni per un po ‘, inizia lentamente. Inizia con una camminata di 10 minuti ogni giorno e inizia a camminare veloce per 30 minuti 5 giorni alla settimana.

Camminata veloce, aerobica in acqua, andare in bicicletta, giocare a tennis e persino spingere un tosaerba possono contare tutti per il tempo trascorso a fare esercizio a intensità moderata.

4. Stress eccessivo

Molte situazioni possono causare stress . Lavoro, problemi finanziari, problemi di relazione, grandi eventi della vita e sconvolgimenti come trasloco, disoccupazione e lutto: l’elenco dei potenziali fattori di stress è infinito.

stanco 4
Lo stress eccessivo può portare all’esaurimento fisico ed emotivo.

Un po ‘di stress può essere salutare e può effettivamente renderci più vigili e in grado di svolgere meglio in attività come le interviste, ma lo stress è positivo solo se di breve durata.

Lo stress eccessivo e prolungato può causare stanchezza fisica ed emotiva e portare a malattie.

Lo stress fa sì che il tuo corpo generi più sostanze chimiche “combatti o fuggi” progettate per preparare il tuo corpo a un’emergenza.

In situazioni come un ambiente di ufficio in cui non puoi fuggire o combattere, i prodotti chimici che il tuo corpo ha prodotto per proteggerti non possono essere utilizzati e, nel tempo, possono danneggiare la tua salute.

Se le pressioni che stai affrontando ti fanno sentire stanco o ti fanno venire mal di testa , emicrania o muscoli tesi, non ignorare questi segnali. Prenditi del tempo libero finché non ti senti più calmo o prova alcuni di questi suggerimenti.

  • Identificare la fonte di stress. Fino a quando non sarai in grado di riconoscere cosa ti sta causando per creare e mantenere lo stress, non sarai in grado di controllare i tuoi livelli di stress.
  • Tenere un diario dello stress per identificare modelli e temi comuni.
  • Impara a dire di no. Non assumere mai troppo – sii consapevole dei tuoi limiti e atteniti a loro.
  • Evita coloro che ti stressano. Se c’è qualcuno nella tua vita che ti provoca una notevole quantità di stress, prova a passare meno tempo in compagnia.
  • Comunica le tue preoccupazioni. Impara a esprimere i tuoi sentimenti e le tue preoccupazioni invece di tenerli imbottigliati se qualcosa ti dà fastidio.
  • Visualizza le situazioni in modo diverso. Prova a guardare le situazioni stressanti sotto una luce più positiva. Ad esempio, se sei bloccato in un ingorgo, consideralo un’opportunità per passare un po ‘di tempo da solo e ascoltare i tuoi brani preferiti.
  • Guarda l’immagine più grande. Pensa se la situazione stressante avrà importanza tra un mese. Vale la pena arrabbiarsi?
  • Accetta le cose che non puoi cambiare. Alcune fonti di stress, come una malattia o la morte di una persona cara, sono inevitabili. Spesso, il modo migliore per affrontare lo stress è cercare di accettare le cose così come sono.
  • Impara a perdonare. Siamo tutti umani e spesso commettiamo errori. Lascia andare la rabbia, i risentimenti e l’energia negativa perdonando amici, familiari e colleghi e proseguendo.

L’attività fisica è un significativo antistress e rilascia endorfine rilassanti. Se ti senti stressato, vai a fare una passeggiata, porta fuori il tuo cane o fai musica e balla per la stanza.

5. Condizioni mediche

Se hai apportato modifiche allo stile di vita in relazione all’attività fisica, alla dieta, ai livelli di stress e al sonno, ma ti senti ancora stanco tutto il tempo, potrebbe esserci una condizione medica di base.

stanco5
Molte condizioni mediche, come l’anemia, possono farti sentire stanco.

Alcune delle condizioni più comuni che riportano l’affaticamento come sintomo chiave includono:

  • anemia
  • tiroide ipoattiva
  • diabete
  • ansia
  • depressione
  • Sindrome dell’affaticamento cronico
  • infezione del tratto urinario
  • intolleranza alimentare
  • malattia del cuore
  • febbre ghiandolare
  • gravidanza
  • carenze di vitamine e minerali

 

Che cos’è l’ansia ? Sintomi Cause e Trattamenti. Farmajet teach

L’ansia è un’emozione normale e spesso salutare. Tuttavia, quando una persona sente regolarmente livelli sproporzionati di ansia, potrebbe diventare un disturbo medico.

I disturbi d’ ansia formano una categoria di diagnosi di salute mentale che portano a eccessivo nervosismo, paura, apprensione e preoccupazione

Questi disturbi alterano il modo in cui una persona elabora le emozioni e si comporta, causando anche sintomi fisici. L’ansia lieve può essere vaga e inquietante, mentre l’ansia grave può compromettere seriamente la vita di tutti i giorni.

I disturbi d’ansia colpiscono 10 milioni di persone in Italia. È il gruppo più comune di malattie mentali nel paese. Tuttavia, solo il 36,9 percento delle persone con disturbo d’ansia riceve un trattamento.

Che cos’è l’ansia?

donna ansiosa.jpg

Reazioni sproporzionate di tensione e preoccupazione caratterizzano l’ansia.

L’American Psychological Association (APA) definisce l’ ansia come “un’emozione caratterizzata da sentimenti di tensione, pensieri preoccupati e cambiamenti fisici come aumento della pressione sanguigna “.

Conoscere la differenza tra i normali sentimenti di ansia e un disturbo d’ansia che richiede assistenza medica può aiutare una persona a identificare e trattare la condizione.

In questo articolo, esaminiamo le differenze tra ansia e disturbo d’ansia, i diversi tipi di ansia e le opzioni di trattamento disponibili.

Quando l’ansia ha bisogno di cure?

Mentre l’ansia può causare angoscia, non è sempre una condizione medica.

Ansia

Quando un individuo si trova ad affrontare trigger potenzialmente dannosi o preoccupanti, i sentimenti di ansia non sono solo normali ma necessari per la sopravvivenza.

Sin dai primi giorni dell’umanità, l’approccio dei predatori e del pericolo in arrivo fa scattare allarmi nel corpo e consente un’azione evasiva. Questi allarmi diventano evidenti sotto forma di battito cardiaco sollevato, sudorazione e maggiore sensibilità all’ambiente circostante.

Il pericolo provoca una scarica di adrenalina, un ormone e un messaggero chimico nel cervello, che a sua volta scatena queste reazioni ansiose in un processo chiamato risposta “combatti o fuggi”. Questo prepara gli umani a confrontarsi fisicamente o fuggire da qualsiasi potenziale minaccia a sicurezza.

Per molte persone, scappare da animali più grandi e il pericolo imminente è una preoccupazione meno urgente di quanto non lo sarebbe stata per i primi umani. Le ansie ora ruotano attorno al lavoro, al denaro, alla vita familiare, alla salute e ad altre questioni cruciali che richiedono l’attenzione di una persona senza richiedere necessariamente la reazione di “lotta o fuga”.

Il sentimento nervoso prima di un importante evento della vita o durante una situazione difficile è un’eco naturale della reazione originale di “lotta o fuga”. Può ancora essere essenziale per la sopravvivenza – l’ansia di essere investito da un’auto quando attraversa la strada, ad esempio, significa che una persona cercherà istintivamente in entrambi i modi per evitare il pericolo.

Disturbi d’ansia

La durata o la gravità di un sentimento ansioso a volte può essere sproporzionata rispetto al fattore scatenante originale o al fattore di stress. Possono anche svilupparsi sintomi fisici, come aumento della pressione sanguigna e nausea. Queste risposte vanno oltre l’ansia in un disturbo d’ansia.

L’APA descrive una persona con disturbo d’ansia come “avere pensieri o preoccupazioni invadenti ricorrenti”. Una volta che l’ansia raggiunge lo stadio di un disturbo, può interferire con la funzione quotidiana.

Sintomi

Mentre una serie di diverse diagnosi costituisce disturbi d’ansia, i sintomi del disturbo d’ansia generalizzato (GAD) spesso includono quanto segue:

  • irrequietezza e sensazione di essere “al limite”
  • sentimenti incontrollabili di preoccupazione
  • maggiore irritabilità
  • difficoltà di concentrazione
  • difficoltà del sonno, come problemi di caduta o di sonno

Mentre questi sintomi possono essere normali da provare nella vita quotidiana, le persone con GAD li sperimenteranno a livelli persistenti o estremi. GAD può presentarsi come una preoccupazione vaga e inquietante o un’ansia più grave che interrompe la vita quotidiana.

Per informazioni sui sintomi di altre diagnosi sotto l’ombrello dei disturbi d’ansia, seguire i collegamenti nella sezione “Tipi” di seguito.

tipi

ansia 2.jpg

Il disturbo di panico è un tipo di disturbo d’ansia.

Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi di salute mentale: Quinta edizione (DSM-V) classifica i disturbi d’ansia in diversi tipi principali.

Nelle precedenti edizioni di DSM, i disturbi d’ansia includevano il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), nonché il disturbo da stress acuto . Tuttavia, il manuale ora non raggruppa più queste difficoltà di salute mentale in condizioni di ansia.

I disturbi d’ansia ora includono le seguenti diagnosi .

Disturbo d’ansia generalizzato: questo è un disturbo cronico che comporta ansia eccessiva e di lunga durata e preoccupazioni per eventi, oggetti e situazioni di vita non specifici. GAD è il disturbo d’ansia più comune e le persone con il disturbo non sono sempre in grado di identificare la causa della loro ansia.

Disturbo di panico: attacchi brevi o improvvisi di intenso terrore e apprensione caratterizzano il disturbo di panico. Questi attacchi possono portare a tremori, confusione, vertigini, nausea e difficoltà respiratorie. Gli attacchi di panico tendono a verificarsi e si intensificano rapidamente, raggiungendo il picco dopo 10 minuti. Tuttavia, un attacco di panico potrebbe durare per ore.

I disturbi di panico di solito si verificano dopo esperienze spaventose o stress prolungato, ma possono anche verificarsi senza un innesco. Un individuo che subisce un attacco di panico può interpretarlo erroneamente come una malattia potenzialmente letale e può apportare cambiamenti drastici nel comportamento per evitare attacchi futuri.

Fobia specifica: questa è una paura irrazionale ed evita un particolare oggetto o situazione. Le fobie non sono come altri disturbi d’ansia, in quanto si riferiscono a una causa specifica.

Una persona con una fobia potrebbe riconoscere una paura come illogica o estrema ma rimanere incapace di controllare i sentimenti di ansia attorno al grilletto. I fattori scatenanti di una fobia variano da situazioni e animali a oggetti di uso quotidiano.

Agorafobia: questa è la paura e l’evitamento di luoghi, eventi o situazioni da cui può essere difficile sfuggire o in cui un aiuto non sarebbe disponibile se una persona rimane intrappolata. Le persone spesso fraintendono questa condizione come una fobia di spazi aperti e all’aperto, ma non è così semplice. Una persona con agorafobia può avere paura di uscire di casa o di usare ascensori e mezzi pubblici.

Mutismo selettivo: questa è una forma di ansia che alcuni bambini sperimentano, in cui non sono in grado di parlare in determinati luoghi o contesti, come la scuola, anche se possono avere eccellenti capacità di comunicazione verbale attorno a persone familiari. Potrebbe essere una forma estrema di fobia sociale.

Disturbo d’ansia sociale o fobia sociale: questa è la paura del giudizio negativo da parte di altri in situazioni sociali o di imbarazzo pubblico. Il disturbo d’ansia sociale comprende una serie di sentimenti, come la paura del palcoscenico, la paura dell’intimità e l’ansia per l’umiliazione e il rifiuto.

Questo disturbo può indurre le persone a evitare situazioni pubbliche e il contatto umano al punto da rendere estremamente difficile la vita quotidiana.

Disturbo d’ansia da separazione : alti livelli di ansia dopo la separazione da una persona o da un luogo che fornisce sentimenti di sicurezza o caratterizzazione caratterizzano il disturbo d’ansia da separazione. La separazione a volte può provocare sintomi di panico.

Le cause

Le cause dei disturbi d’ansia sono complicate. Molti potrebbero verificarsi contemporaneamente, alcuni potrebbero portare ad altri e alcuni potrebbero non causare un disturbo d’ansia a meno che non ne sia presente un altro.

Le possibili cause includono:

  • fattori di stress ambientale, come difficoltà sul lavoro, problemi di relazione o problemi familiari
  • genetica, poiché le persone che hanno familiari con un disturbo d’ansia hanno maggiori probabilità di sperimentarne uno da soli
  • fattori medici, come i sintomi di una diversa malattia, gli effetti di un farmaco o lo stress di un intervento chirurgico intensivo o recupero prolungato
  • chimica del cervello, in quanto gli psicologi definiscono molti disturbi d’ansia come disallineamenti di ormoni e segnali elettrici nel cervello
  • ritiro da una sostanza illecita, i cui effetti potrebbero intensificare l’impatto di altre possibili cause

Per saperne di più sulle cause e sulla diagnosi dei disturbi d’ansia, clicca qui .

Trattamento

I trattamenti consisteranno in una combinazione di psicoterapia, terapia comportamentale e farmaci.

La dipendenza dall’alcool, la depressione o altre condizioni a volte possono avere un effetto così forte sul benessere mentale che il trattamento di un disturbo d’ansia deve attendere fino a quando tutte le condizioni sottostanti sono sotto controllo.

Auto-trattamento

auto trattamento.jpg

Lo yoga può ridurre gli effetti di un disturbo d’ansia.

In alcuni casi, una persona può curare un disturbo d’ansia a casa senza supervisione clinica. Tuttavia, questo potrebbe non essere efficace per disturbi d’ansia gravi o di lunga durata.

Esistono diversi esercizi e azioni per aiutare una persona a far fronte a disturbi d’ansia più lievi, più mirati o di breve durata, tra cui:

  • Gestione dello stress: imparare a gestire lo stress può aiutare a limitare i potenziali fattori scatenanti. Organizzare eventuali pressioni e scadenze imminenti, compilare elenchi per rendere più gestibili compiti scoraggianti e impegnarsi a prendere tempo libero dallo studio o dal lavoro.
  • Tecniche di rilassamento: semplici attività possono aiutare a lenire i segni mentali e fisici dell’ansia. Queste tecniche includono la meditazione, esercizi di respirazione profonda, lunghi bagni, riposo al buio e yoga .
  • Esercizi per sostituire i pensieri negativi con quelli positivi: fai un elenco dei pensieri negativi che potrebbero andare in bicicletta a causa dell’ansia e scrivi accanto un altro elenco contenente pensieri positivi e credibili per sostituirli. Creare un’immagine mentale per affrontare e vincere con successo una paura specifica può anche fornire benefici se i sintomi di ansia si riferiscono a una causa specifica, come in una fobia.
  • Rete di supporto: parla con persone familiari che ti supportano, come un familiare o un amico. I servizi del gruppo di supporto possono anche essere disponibili nell’area locale e online.
  • Esercizio: lo sforzo fisico può migliorare l’immagine di sé e rilasciare sostanze chimiche nel cervello che scatenano sentimenti positivi.

counseling

Un modo standard di trattare l’ansia è la consulenza psicologica. Ciò può includere la terapia cognitivo-comportamentale ( CBT ), la psicoterapia o una combinazione di terapie.

CBT

Questo tipo di psicoterapia mira a riconoscere e modificare modelli di pensiero dannosi che formano la base di sentimenti ansiosi e fastidiosi. Nel processo, i praticanti della CBT sperano di limitare il pensiero distorto e cambiare il modo in cui le persone reagiscono a oggetti o situazioni che scatenano l’ansia.

Ad esempio, uno psicoterapeuta che fornisce CBT per il disturbo di panico proverà a rafforzare il fatto che gli attacchi di panico non sono realmente attacchi di cuore . L’esposizione a paure e fattori scatenanti può far parte della CBT. Questo incoraggia le persone a confrontarsi con le loro paure e aiuta a ridurre la sensibilità ai loro soliti fattori scatenanti di ansia.

farmaci

Una persona può supportare la gestione dell’ansia con diversi tipi di farmaci.

Le medicine che potrebbero controllare alcuni dei sintomi fisici e mentali includono antidepressivi , benzodiazepine, triciclici e beta-bloccanti .

Benzodiazepine: un medico può prescriverle per determinate persone con ansia, ma possono creare dipendenza. Questi farmaci tendono ad avere pochi effetti collaterali ad eccezione della sonnolenza e della possibile dipendenza. Il diazepam o valium è un esempio di benzodiazepina comunemente prescritta.

Antidepressivi: comunemente aiutano con l’ansia, anche se colpiscono anche la depressione. Le persone usano spesso inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI), che hanno meno effetti collaterali rispetto agli antidepressivi più vecchi ma possono causare nervosismo, nausea e disfunzione sessuale all’inizio del trattamento.

Altri antidepressivi includono fluoxetina o Prozac e citalopram o Celexa.

Triciclici: questa è una classe di farmaci più antica degli SSRI che fornisce benefici per la maggior parte dei disturbi d’ansia diversi dal DOC. Questi farmaci possono causare effetti collaterali, tra cui vertigini, sonnolenza, secchezza delle fauci e aumento di peso. Imipramina e clomipramina sono due esempi di triciclici.

Ulteriori farmaci che una persona potrebbe usare per trattare l’ansia includono:

  • inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO)
  • beta-bloccanti
  • buspirone

Consultare un medico se gli effetti collaterali di qualsiasi farmaco prescritto diventano gravi.

Prevenzione

Esistono modi per ridurre il rischio di disturbi d’ansia. Ricorda che i sentimenti ansiosi sono un fattore naturale della vita quotidiana e che provarli non indica sempre la presenza di un disturbo di salute mentale.

Segui i seguenti passi per aiutare a moderare le emozioni ansiose:

  • Ridurre l’assunzione di caffeina, tè, cola e cioccolato.
  • Prima di utilizzare i rimedi da banco (OTC) o le erbe, consultare un medico o il farmacista per eventuali sostanze chimiche che possono peggiorare i sintomi dell’ansia.
  • Mantenere una dieta sana.
  • Mantieni un ritmo di sonno regolare.
  • Evita l’alcool, la cannabis e altre droghe ricreative.

Porta via

L’ansia in sé non è una condizione medica ma un’emozione naturale che è vitale per la sopravvivenza quando un individuo si trova ad affrontare un pericolo.

Un disturbo d’ansia si sviluppa quando questa reazione diventa esagerata o sproporzionata rispetto all’innesco che la provoca. Esistono diversi tipi di disturbo d’ansia, tra cui disturbo di panico, fobie e ansia sociale.

Il trattamento prevede una combinazione di diversi tipi di terapia, farmaci e consulenza, insieme a misure di auto-aiuto.

Uno stile di vita attivo con una dieta equilibrata può aiutare a mantenere le emozioni ansiose entro limiti sani.

Qual’è la differenza tra Tendini e Legamenti ? Farmajet Teach

Tendini e legamenti sono bande fibrose del tessuto connettivo. Entrambi svolgono ruoli nello stabilizzare lo scheletro e nel consentire il movimento.

I tendini e i legamenti subiscono comunemente lesioni, che di solito hanno sintomi e trattamenti simili. Entrambi questi tipi di struttura possono indebolirsi con l’età e le lesioni possono diventare più comuni quando le persone invecchiano.

In questo articolo, esaminiamo le differenze tra tendini e legamenti, comprese le possibili lesioni e come trattarle.

Cosa sono tendini e legamenti?

gamba.jpg

I tendini e i legamenti svolgono entrambi un ruolo chiave nel consentire il movimento.

Tendini e legamenti sono bande spesse di tessuto comprendente collagene . Entrambi aiutano a stabilizzare le strutture del corpo e facilitano i movimenti del corpo.

La differenza principale tra tendini e legamenti è che collegano diverse parti dell’anatomia . I tendini collegano i muscoli alle ossa, mentre i legamenti collegano le ossa ad altre ossa.

Inoltre, ci sono alcune altre differenze anatomiche minori.

I tendini contengono fasci di fibre, che circonda un tipo di tessuto chiamato endotenone. Questo tessuto consente ai fasci di fibre tendinee di muoversi l’uno contro l’altro, supportando il movimento del corpo.

I legamenti sono in genere più elastici dei tendini. Esistono due diversi tipi di legamento: bianco e giallo. I legamenti bianchi sono ricchi di robuste fibre di collagene, che non sono molto elastiche. I legamenti gialli contengono più fibre elastiche, che consentono un maggiore movimento.

I legamenti si trovano alle articolazioni, mentre i tendini forniscono la connessione tra muscolo e osso che consente ai muscoli di muovere diverse parti del corpo.

Legamenti e tendini possono allungarsi o strapparsi in modo relativamente semplice. I sintomi delle lesioni ai tendini e ai legamenti tendono ad essere molto simili.

Lesioni che li riguardano

Le lesioni al tendine e ai legamenti sono comuni. Diversi fattori possono aumentare il rischio di lesioni, tra cui:

  • uso eccessivo, ad esempio praticando sport
  • trauma da caduta o colpo
  • torcere il tendine o il legamento in una posizione scomoda
  • debolezza dei muscoli circostanti a causa di uno stile di vita sedentario

Alcune lesioni comuni includono:

Lesioni al tendine

gamba 2.jpg

Una persona può subire un infortunio al tendine mentre fa sport.

Le lesioni al tendine sono relativamente comuni, specialmente nelle persone che praticano sport. Si stima che il 30-50% delle lesioni sportive comporti problemi ai tendini.

Un infortunio sportivo comune è una tensione, che è un danno a un tendine o al muscolo a cui si collega. La lesione può essere molto dolorosa. I ceppi gravi possono richiedere settimane o mesi per guarire.

Il trauma causato dalla caduta o dall’improvvisa torsione di un tendine può causare tensione. Le persone che sono inattive possono essere più vulnerabili agli sforzi, specialmente se improvvisamente diventano attive o avvertono debolezza muscolare a causa dell’inattività.

La tendinite si verifica quando un tendine si infiamma e si irrita. La tendinite può svilupparsi in seguito a un trauma, come una tensione, ma è più comunemente una lesione da uso eccessivo. Le persone con tendinite possono notare che l’area è dolorosa, gonfia e calda al tatto.

La tendinosi è un tipo di lacrima simile a una tensione, ma di solito si verifica per molti mesi o anni a causa di un uso eccessivo o di una tecnica atletica scorretta.

La sublussazione si verifica quando un tendine si sposta fuori posto. Una persona potrebbe sentire un suono scoppiettante o schioccante quando accade e quindi provare dolore e debolezza nell’articolazione colpita. A volte, il dolore va e viene. La sublussazione è più probabile nelle persone con alcune differenze anatomiche genetiche, ma i tendini possono anche fuoriuscire a causa di una lesione.

Possono anche verificarsi rotture del tendine. Queste lesioni possono essere dovute a una combinazione di trauma immediato e trauma cronico. Le rotture colpiscono comunemente tendini di Achille, bicipiti, ginocchia e quadricipiti.

Lesioni ai legamenti

Una distorsione si verifica quando un legamento si allunga o si strappa. Può essere un piccolo inconveniente temporaneo o un infortunio debilitante che richiede mesi per guarire. Le ginocchia, le caviglie e i polsi sono altamente vulnerabili alle distorsioni da cadute, specialmente se una persona atterra in una posizione scomoda che si allunga e torce il legamento.

I medici classificano le distorsioni in tre categorie:

  • Grado 1: distorsioni lievi in ​​cui le fibre del legamento si allungano, ma il legamento non si strappa.
  • Grado 2: distorsioni moderate in cui il legamento si lacera parzialmente.
  • Grado 3: distorsioni gravi in ​​cui il legamento si strappa completamente. Questo tipo di distorsione rende l’articolazione completamente instabile e spesso richiede un trattamento chirurgico.

Alcuni tipi di lesioni ai legamenti sono più comuni di altri. Ad esempio, un legamento crociato anteriore strappato (ACL) è un tipo comune di distorsione del ginocchio.

Ad un certo punto dopo una lesione del legamento, l’articolazione può sembrare instabile. Questa instabilità è molto comune con le caviglie e le ginocchia slogate.

Altre lesioni ai tessuti molli

Oltre a stiramenti e distorsioni, le persone possono anche ammaccare i tendini o i legamenti, insieme al tessuto circostante.

La borsite è un tipo di infiammazione che può sembrare una lesione al tendine o al legamento. La borsite si verifica quando le borse – piccole sacche piene di gel che attutiscono ossa, tendini e muscoli vicino alle articolazioni – si infiammano. Questa infiammazione si verifica spesso a causa di un uso eccessivo o di uno stress estremo sull’articolazione. Molte persone sperimentano la borsite insieme alla tendinite.

Differenze nei trattamenti

gamba 3.jpg

L’applicazione di un impacco può aiutare a curare un legamento o una lesione al tendine.

I trattamenti per le lesioni ai legamenti e ai tendini sono molto simili.

Per sforzi minori, distorsioni, infiammazioni e altre lesioni, la maggior parte dei medici raccomanderà il metodo RICE :

  • Riposare l’area lesa ed evitare di ingrassarla.
  • Ghiacci la lesione per ridurre il gonfiore e il dolore.
  • Comprimere la lesione con un indumento a compressione o avvolgere per ridurre il gonfiore e favorire la guarigione.
  • Elevare la lesione sopra l’altezza del cuore per alleviare il dolore e ridurre il gonfiore.

I farmaci antinfiammatori non steroidei da banco ( FANS ) possono aiutare con il dolore. Tuttavia, è importante non utilizzare antidolorifici come modo per ignorare il dolore e tornare alle attività quotidiane. Gli antidolorifici non curano la condizione di base e ingrassare un tendine o un’articolazione può peggiorare la lesione.

Per lesioni più gravi, una persona potrebbe aver bisogno di un trattamento aggiuntivo. Alcune persone trovano sollievo dalla terapia fisica , soprattutto se soffrono di lesioni croniche o da abuso.

Quando un legamento o un tendine si strappano completamente, un medico potrebbe aver bisogno di ripararlo chirurgicamente.

La borsite e la tendinite spesso guariscono da sole, ma in alcuni casi, una borsa infiammata può essere infettata . Quando ciò accade, un medico potrebbe drenare il liquido o addirittura rimuovere la borsa.

Il trattamento per la sublussazione dipende dalla sua gravità e dalla causa sottostante. In molti casi, una persona avrà bisogno di un intervento chirurgico e terapia fisica. Se una persona ha una condizione di base che aumenta il rischio di sublussazione, un medico può raccomandare ulteriori trattamenti o cambiamenti nello stile di vita.

La tendinite spesso guarisce da sola, ma alcune persone trovano sollievo dalle iniezioni di corticosteroidi. Quando la tendinite è cronica o grave, un medico può raccomandare un intervento chirurgico per rimuovere il tessuto infiammato o danneggiato.

Sommario

Le lesioni a tendini e legamenti possono essere molto dolorose. Una persona può persino confondere la lesione per un osso rotto. È molto difficile autodiagnosticare la lesione o distinguere tra lesioni del tendine e del legamento in base ai soli sintomi.

Sebbene molte lesioni lievi al tendine e al legamento guariscano da sole, una lesione che provoca un forte dolore o dolore che non diminuisce nel tempo richiederà un trattamento.

Un medico può diagnosticare rapidamente il problema e raccomandare un corso adeguato di trattamento. Le lesioni non trattate dei tendini e dei legamenti aumentano il rischio di dolore cronico e lesioni secondarie. Le persone dovrebbero cercare cure mediche immediate piuttosto che ignorare il dolore.

Cos’è il carcinoma ovarico?

Cos’è il carcinoma ovarico?

Ultimo aggiornamento Sab
Il carcinoma ovarico si riferisce a qualsiasi crescita cancerosa che inizia nell’ovaio. Questa è la parte del corpo femminile che produce uova.

Il carcinoma ovarico è oggi la quinta causa più comune di morte per cancro tra le donne in Italia. Detto questo, le morti per cancro alle ovaie sono diminuite in Italia negli ultimi 2 decenni, secondo l’ American Cancer Society (ACS).

L’ACS stima che nel 2020 circa 8.530 persone potrebbero ricevere una diagnosi di carcinoma ovarico. Circa 4.980 persone probabilmente moriranno per questa condizione.

Sintomi

ovaio cancro.jpg

Il dolore addominale può essere un sintomo del carcinoma ovarico.

La maggior parte dei tumori ovarici inizia nell’epitelio, o rivestimento esterno, dell’ovaio. Nelle fasi iniziali, potrebbero esserci pochi o nessun sintomo.

Se si verificano sintomi, possono assomigliare a quelli di altre condizioni, come la sindrome premestruale, la sindrome dell’intestino irritabile o un problema temporaneo alla vescica. Tuttavia, nel carcinoma ovarico, i sintomi persistono e peggiorano.

I primi sintomi possono includere :

  • dolore o pressione nel bacino
  • sanguinamento vaginale inatteso
  • dolore alla schiena o all’addome
  • gonfiore
  • sentirsi pieno rapidamente quando si mangia
  • cambiamenti nei modelli di minzione, come minzione più frequente
  • cambiamenti nelle abitudini intestinali, come costipazione

Se uno di questi sintomi dura almeno 2 settimane, una persona dovrebbe consultare un medico.

Ci possono essere anche :

  • nausea e indigestione
  • perdita di appetito
  • perdita di peso
  • affanno
  • fatica

I sintomi possono cambiare se il tumore si diffonde ad altre parti del corpo.

Cause e fattori di rischio

Il carcinoma ovarico si sviluppa quando le cellule in quest’area del corpo si dividono e si moltiplicano in modo incontrollato.

Non è chiaro il motivo per cui si verifica il cancro ovarico, ma gli esperti hanno identificato alcuni fattori di rischio. Essi includono :

Storia famigliare

Avere un parente stretto con una storia di carcinoma ovarico o mammario aumenta le possibilità di una persona di sviluppare il carcinoma ovarico.

Lo screening genetico per le mutazioni del gene BRCA può aiutare a determinare se qualcuno ha un rischio maggiore di carcinoma ovarico e mammario.

Età

Circa il 50% dei casi di carcinoma ovarico si verifica dopo i 63 anni.

Storia riproduttiva

L’anamnesi familiare, l’età e la storia riproduttiva di una persona possono influenzare il rischio di cancro alle ovaie.

Avere una o più gravidanze a termine è associato a un minor rischio di carcinoma ovarico. Più gravidanze ha una donna, più basso sembra il rischio. L’allattamento al seno può anche ridurre il rischio.

Tuttavia, avere bambini più avanti nella vita (dopo i 35 anni) o non avere mai figli è associato a un rischio più elevato .

Le persone che usano alcuni tipi di trattamento per la fertilità possono avere maggiori probabilità di sviluppare cellule borderline, ma non tutti gli studi lo confermano.

Le femmine che fanno uso di controllo delle nascite pillole o un ormone contraccettivo iniettabile sembrano avere un rischio più basso.

Cancro al seno

Le persone con una storia di cancro al seno sembrano avere maggiori possibilità di cancro alle ovaie. Ciò può essere dovuto a cambiamenti nel gene BRCA .

Per questo motivo, alcune persone con carcinoma mammario che risultano positive per questa mutazione genetica possono optare per una ooforectomia o un intervento chirurgico per rimuovere le ovaie, come terapia preventiva.

Terapia ormonale

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) dopo la menopausa sembra aumentare il rischio di carcinoma ovarico.

Più a lungo una persona utilizza la TOS, maggiore è il rischio. Tuttavia, il rischio sembra diminuire dopo l’interruzione del trattamento.

Obesità e sovrappeso

Il carcinoma ovarico è più comune nelle persone con un indice di massa corporea ( BMI ) di oltre 30.

Chirurgia Ginecologica

Avere un intervento chirurgico per rimuovere l’utero, chiamato isterectomia, può ridurre di un terzo il rischio di carcinoma ovarico .

HPV

Gli scienziati hanno trovato collegamenti tra il papillomavirus umano (HPV) e vari tumori, tra cui il cancro alle tonsille e il cancro cervicale .

Nel 2013, gli autori di una meta-analisi hanno riferito di aver riscontrato un alto tasso di HPV tra le persone con carcinoma ovarico. Tuttavia, non sono stati in grado di confermare la causa dell’HPV e hanno chiesto ulteriori ricerche.

Altri possibili fattori di rischio

Altri fattori che possono aumentare il rischio di alcuni tipi di carcinoma ovarico includono:

  • avere alti livelli di androgeni o ormoni maschili
  • fattori dietetici
  • l’uso di talco

Tuttavia, i ricercatori non hanno ancora dimostrato un legame tra questi fattori e il carcinoma ovarico.

Rischio per le persone transgender

Alcuni studi suggeriscono che avere alti livelli di androgeni può aumentare il rischio di carcinoma ovarico. Questo può essere un problema per gli uomini transgender che usano il trattamento ormonale nella loro transizione.

Uno studio del 2017 rileva che la rimozione delle ovaie può ridurre il rischio, ma gli autori esortano le persone a essere consapevoli che il carcinoma ovarico rimane una possibilità.

La National LGBT Cancer Network sottolinea che le persone transgender possono avere difficoltà a cercare un regolare aiuto medico a causa delle preoccupazioni sulla rivelazione della loro identità di genere.

Incoraggiano le persone a chiedere agli amici, al loro ospedale locale e alla loro compagnia assicurativa di trovare un medico adatto che possa aiutarli a prendersi cura della propria salute e del proprio corpo.

fasi

Se un operatore sanitario diagnostica il carcinoma ovarico, dovrà determinare lo stadio e il grado per decidere un piano di trattamento.

Lo stadio si riferisce a quanto si è diffuso il cancro. Per esempio:

  • Localizzato : le cellule tumorali colpiscono solo le ovaie o le tube di Falloppio e non si sono diffuse altrove.
  • Regionale : il cancro si è diffuso agli organi vicini, come l’utero.
  • Distante : il cancro è presente in altre parti del corpo. Ora colpisce altri organi, come i polmoni o il fegato.

Il grado, nel frattempo, si riferisce a quanto appaiono anomale le cellule tumorali.

Ottenere una diagnosi precoce di solito significa che il trattamento può essere più efficace. Tuttavia, altri fattori possono influenzare questo.

Questi fattori includono l’età della persona, la salute generale e il tipo o il grado della cellula cancerosa, poiché alcuni tipi sono più aggressivi di altri.

tipi

Esistono oltre 30 tipi di carcinoma ovarico, a seconda del tipo di cellula in cui iniziano.

Esistono tre tipi di celle comuni:

  • cellule epiteliali, che si verificano nel rivestimento della superficie dell’ovaio
  • cellule germinali, che diventeranno uova per la riproduzione
  • cellule stromali, che rilasciano ormoni e collegano le strutture delle ovaie

I tumori epiteliali sono i più comuni e i più invasivi. Si verificano in circa l’85-90% delle persone con carcinoma ovarico.

I tumori delle cellule germinali sono spesso benigni. Nel 90% dei casi che diventano cancerosi, il trattamento è efficace.

Diagnosi

Se lo screening o i sintomi di routine suggeriscono che una persona può avere il cancro alle ovaie, un medico in genere:

  • chiedere alla persona la propria storia medica personale e familiare
  • eseguire un esame pelvico

Possono anche raccomandare:

Esami del sangue : questi esami controlleranno gli alti livelli di un marker chiamato CA-125.

Test di imaging : esempi includono un’ecografia transvaginale , una risonanza magnetica o una TAC .

Laparoscopia : un professionista sanitario inserirà un tubo sottile con una telecamera collegata attraverso un piccolo foro nell’addome, per vedere le ovaie e forse prelevare un campione di tessuto per una biopsia.

Biopsia : comporta l’esame microscopico di un campione di tessuto.

Solo una biopsia può confermare che una persona ha il cancro. Un operatore sanitario può farlo come parte della valutazione iniziale o dopo un intervento chirurgico per rimuovere un tumore .

Trattamento

ovaio c2.jpg

La chirurgia è un possibile trattamento per il carcinoma ovarico.

Il trattamento dipenderà da molti fattori, tra cui:

  • il tipo, lo stadio e il grado del cancro
  • l’età dell’individuo e la salute generale
  • le loro preferenze personali
  • accessibilità e convenienza del trattamento

Le opzioni tendono a includere :

Chirurgia : la scelta dipenderà dal tipo di tumore e dalla sua diffusione. Le opzioni chirurgiche includono un’isterectomia, la rimozione di una o entrambe le ovaie e la rimozione dei linfonodi interessati. Un medico discuterà le opzioni adatte con l’individuo.

Chemioterapia : questi farmaci mirano a uccidere le cellule tumorali. Se una persona prende farmaci chemioterapici per via orale o come iniezione o infusione, influenzeranno tutto il corpo. Un’altra opzione è la chemioterapia intraperitoneale. In questo caso, un tubo eroga il farmaco direttamente nell’area del corpo colpita dal cancro. La chemioterapia può avere effetti avversi diffusi, specialmente se colpisce tutto il corpo.

Terapia mirata : alcuni trattamenti prendono di mira cellule specifiche che aiutano a promuovere la crescita del cancro. Esempi includono la terapia con anticorpi monoclonali e gli inibitori dell’angiongenesi. La terapia mirata mira a limitare gli effetti avversi mirando a funzioni specifiche.

Radioterapia : questa tecnica utilizza i raggi X per uccidere le cellule tumorali. Un modo per farlo è introdurre un liquido radioattivo nel peritoneo. Questo può aiutare le persone con carcinoma ovarico avanzato.

Immunoterapia (bioterapia) : mira a rafforzare la capacità del sistema immunitario di difendere il corpo dal cancro. La terapia del vaccino prevede l’iniezione di sostanze che troveranno e uccideranno un tumore. Può aiutare le persone con carcinoma ovarico avanzato.

Alcuni di questi sono tipi di trattamento relativamente nuovi. Alcune persone possono scegliere di partecipare a una sperimentazione clinica , che può dare accesso ad alcuni dei più recenti approcci.

Tassi di sopravvivenza

Gli attuali tassi di sopravvivenza a 5 anni per il carcinoma ovarico riflettono la percentuale di persone che hanno vissuto 5 o più anni dopo aver ricevuto una diagnosi nel periodo 2008-2014.

Le prospettive dipendono dallo stadio e dal tipo di tumore. Anche singoli fattori, come l’età, la salute generale e l’accesso al trattamento, influenzano i tassi di sopravvivenza.

L’ACS fornisce dati per tre tipi di tumore ovarico:

Palcoscenico Carcinoma ovarico epiteliale invasivo Tumori stromali ovarici Tumori a cellule germinali dell’ovaio
localizzato 92% 99% 98%
Regionale 75% 89% 95%
lontano 30% 61% 75%


prospettiva

Tutti i tipi di carcinoma ovarico sono curabili se una persona riceve una diagnosi nelle prime fasi. Alcuni tipi sono anche altamente curabili nelle fasi successive.

Quando si considerano le statistiche di sopravvivenza per il carcinoma ovarico, vale anche la pena notare che i progressi della medicina hanno migliorato le prospettive negli ultimi 20 anni.

Tuttavia, frequentare regolarmente lo screening e cercare aiuto se compaiono sintomi può spesso portare a una diagnosi precoce, e questo aumenterà la possibilità di ricevere un trattamento efficace.

D:

Se il carcinoma ovarico non mostra spesso sintomi precoci, come fanno le persone a sapere se ce l’hanno? Esiste uno screening di routine per questo tipo di cancro?

 

Non esiste alcuna raccomandazione per lo screening di routine per coloro che hanno un rischio medio di carcinoma ovarico.

Per quelli ad alto rischio – come persone con una sindrome ereditaria, una mutazione genetica o una forte storia familiare – un medico può raccomandare un’ecografia transvaginale o un esame del sangue per il marcatore CA-125. Tuttavia, se un medico consiglierebbe o meno lo screening e quanto spesso dipende da singoli fattori.

Molti dei sintomi del carcinoma ovarico sono simili a quelli delle condizioni non gravi. Tuttavia, se una persona manifesta regolarmente i sintomi del carcinoma ovarico per più di alcune settimane, dovrebbe consultare il proprio medico.

Yamini Ranchod, PhD, MS

Cancro al pancreas: il virus influenzale modificato distrugge i tumori. Farmajet news

I ricercatori della Queen Mary University di Londra nel Regno Unito hanno modificato un virus influenzale e lo hanno utilizzato per colpire con successo le cellule tumorali del pancreas.
pancrea x ray.jpg

Il cancro del pancreas – mostrato qui – potrebbe presto essere più facile da trattare a causa di recenti risultati.

Il cancro del pancreas è la terza causa principale di mortalità per cancro in Italia, con oltre 13.000 decessi stimati per l’anno 2019.

Secondo il National Cancer Institute (NCI), oltre l’8% delle persone a cui è stato diagnosticato un tumore al pancreas ha una prognosi di sopravvivenza a 5 anni, sebbene l’NCI, così come l’American Cancer Society, sottolineino che molte persone vivono più a lungo e no due pazienti sono uguali.

Come con la maggior parte delle forme di cancro , prima viene rilevato il cancro del pancreas, migliori sono le prospettive per il paziente. Se preso in tempo, il cancro del pancreas tende a essere localizzato, il che facilita la sua gestione.

La necessità di terapie migliori e più efficaci per il cancro del pancreas rimane terribile, soprattutto perché si sviluppa e si diffonde così rapidamente, spesso resistendo al trattamento.

Al fine di evitare la resistenza ai farmaci, i ricercatori stanno esaminando l’uso di virus mutati per colpire le cellule tumorali del pancreas in modo più preciso.

Con questo scopo in mente, un team di ricercatori guidato dal Dr. Gunnel Halldén, della Queen Mary University, ha iniziato a modificare geneticamente un virus influenzale .

Per testare la sua efficacia contro il cancro, gli scienziati hanno usato un modello murino geneticamente modificato di cancro del pancreas, che ha coinvolto cellule tumorali del pancreas di pazienti umani.

Il primo autore dell’articolo è la dott.ssa Stella Man, del Barts Cancer Institute della Queen Mary, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Cancer Therapeutics.

Distruggere le cellule tumorali dall’interno

A differenza delle cellule pancreatiche sane, le cellule tumorali del pancreas contengono una molecola chiamata alfa v beta 6.

La dott.ssa Halldén e i suoi colleghi hanno alterato geneticamente il virus dell’influenza per contenere un’ulteriore proteina che si lega all’alfa v beta 6. Quando il virus dell’influenza ottiene l’accesso alla cellula cancerosa, si moltiplica all’interno della cellula, alla fine facendola esplodere e distruggendola.

Quindi, mentre il virus si replica, il ciclo si ripete, alla fine uccidendo completamente il tumore .

Il team ha testato questo nuovo approccio nel modello murino con cellule tumorali umane e ha scoperto che il virus modificato ha fermato con successo la crescita del cancro.

Abbiamo dimostrato per la prima volta che i tumori del pancreas possono essere specificamente mirati con una versione modificata del virus dell’influenza comune […] Il nuovo virus infetta e uccide specificamente le cellule tumorali del pancreas, causando pochi effetti collaterali nei tessuti sani vicini. “

Dott. Stella Man

“Non solo la nostra strategia di targeting è sia selettiva che efficace”, aggiunge il primo autore, “ma ora abbiamo ulteriormente progettato il virus in modo che possa essere diffuso nel flusso sanguigno per raggiungere le cellule tumorali che si sono diffuse in tutto il corpo”.

I ricercatori sperano che presto saranno in grado di spostare questi risultati negli studi clinici sull’uomo.

“Se riusciamo a confermare questi risultati negli studi clinici sull’uomo”, afferma il dott. Man, “allora questo potrebbe diventare un nuovo promettente trattamento per i pazienti affetti da cancro del pancreas, [che] potrebbe essere combinato con i farmaci chemioterapici esistenti per uccidere le cellule tumorali perseveranti”.

Su questa nota, il Dr. Halldén aggiunge: “Attualmente, stiamo cercando nuovi fondi per supportare l’ulteriore sviluppo in studi clinici entro i prossimi 2 anni. Con questo finanziamento in atto, gli studi di fase iniziale impiegheranno generalmente circa 5 anni per determinare se la terapia è sicura ed efficace “.

Il pancreas artificiale per il diabete di tipo 1 potrebbe essere impiantato su pazienti entro il 2020. Farmajet news

Un nuovo rapporto fornisce notizie di benvenuto ai pazienti con diabete di tipo 1: un pancreas artificiale che monitora costantemente i livelli di glucosio nel sangue e fornisce insulina al corpo quando e quando necessario potrebbe essere disponibile nei prossimi 2 anni.

pancreas-3d-render.jpg
I ricercatori affermano che è possibile che il pancreas artificiale possa essere approvato per il trattamento del diabete di tipo 1 già dal prossimo anno.

Si stima che il diabete di tipo 1 colpisca circa 1,25 milioni di bambini e adulti negli Stati Uniti.

La condizione si presenta quando le cellule beta del pancreas smettono di produrre insulina , l’ormone responsabile della rimozione del glucosio dal sangue e del trasporto alle cellule, dove viene utilizzato per produrre energia. Senza insulina, i livelli di glucosio nel sangue diventano troppo alti.

Al fine di controllare i livelli di glucosio nel sangue, i pazienti con diabete di tipo 1 richiedono dosi giornaliere di insulina, tramite iniezioni o un microinfusore.

Le iniezioni rimangono la forma più comune di somministrazione di insulina; due iniezioni giornaliere sono normalmente raccomandate per i pazienti a cui è stato appena diagnosticato il diabete di tipo 1, aumentando normalmente a tre o quattro nel tempo.

Le pompe di insulina sono una forma più avanzata di somministrazione di insulina. Sono dispositivi che erogano una dose continua di insulina 24 ore al giorno tramite un catetere che viene inserito sotto la pelle.

I problemi con le attuali terapie insuliniche

Tuttavia, sebbene per lo più efficaci per il controllo della glicemia nel diabete di tipo 1, gli attuali metodi di somministrazione dell’insulina non tengono conto della variabilità del fabbisogno di insulina tra i pazienti con diabete di tipo 1.

La quantità di insulina di cui un paziente ha bisogno può variare di giorno in giorno, a seconda della dieta, dei livelli di attività fisica e, per le donne, dei cambiamenti nella sensibilità all’insulina durante le mestruazioni.

Secondo gli autori del rapporto, il dott. Roman Hovorka e Hood Thabit, dell’Università di Cambridge nel Regno Unito, esercitano pressioni sui pazienti con diabete di tipo 1 affinché misurino regolarmente i loro livelli di glucosio nel sangue per assicurarsi che non siano troppo alti o bassi e per garantire la corretta quantità di viene somministrata insulina.

Tale pressione può alimentare uno scarso controllo della glicemia per i pazienti con diabete di tipo 1, il che li mette a maggior rischio di complicanze, tra cui malattie cardiache e problemi di vista.

Numerosi studi hanno studiato il trapianto di isole beta come metodo per superare tali problemi, in cui le cellule anormali produttrici di insulina di un paziente saranno sostituite con quelle di un donatore sano, ripristinando la produzione di insulina.

Mentre un tale trattamento è stato salutato come una “svolta” per il diabete di tipo 1, richiede un intervento chirurgico importante e il successivo uso di farmaci immunosoppressori.

Nel nuovo rapporto, pubblicato sulla rivista Diabetologia , Drs. Hovorka e Thabit spiegano come un pancreas artificiale potrebbe offrire un trattamento meno invasivo ed efficace per il diabete di tipo 1; potrebbe eliminare la necessità per i pazienti di misurare continuamente la glicemia e somministrare insulina solo quando necessario.

Inoltre, questa tecnologia rivoluzionaria potrebbe finalmente essere a portata di mano.

Testare l’efficacia di un sistema a “circuito chiuso”

Esistono varie forme di pancreas artificiale attualmente in fase di sperimentazione in studi clinici.

All’inizio di quest’anno, ad esempio, alcuni ricercatori della School of Medicine dell’Università della Virginia hanno rivelato lo sviluppo di un pancreas artificiale che può essere controllato da uno smartphone ; ci sono attualmente due studi clinici che testano la sicurezza e l’efficacia del dispositivo.

Nonostante differiscano nel design, ogni pancreas artificiale funziona sulla stessa base, incorporando un sistema a “circuito chiuso”.

In parole povere, il sistema a circuito chiuso consiste in un monitoraggio continuo del glucosio, una pompa per insulina e algoritmi che controllano quando deve essere somministrata l’insulina.

Nel loro rapporto, il dott. Hovorka e Thabit sottolineano che, fino ad oggi, tale tecnologia ha funzionato bene negli studi clinici, in cui sono stati testati in una varietà di ambienti. Questi includono studi di laboratorio controllati, campi di diabete e strutture ambulatoriali.

Gli autori indicano uno studio, in cui 24 partecipanti con diabete di tipo 1 hanno utilizzato un pancreas artificiale a circuito chiuso in un ambiente domestico per 6 settimane. In questo studio, i ricercatori hanno monitorato il modo in cui il pancreas artificiale ha influenzato i livelli di glucosio nel sangue dei partecipanti durante la notte – un periodo in cui è più probabile che tali livelli diminuiscano, uno stato noto come ipoglicemia .

Rispetto alla terapia convenzionale con microinfusore per insulina, i ricercatori hanno scoperto che il tempo trascorso dai partecipanti in uno stato ipoglicemico si è ridotto di due volte con il pancreas artificiale. Inoltre, i soggetti avevano l’11% in più di probabilità di raggiungere l’intervallo ottimale di glucosio nel sangue.

Drs. Nota Hovorka e Thabit:

 Negli studi fino ad oggi, gli utenti sono stati positivi su come l’uso di un pancreas artificiale dia loro” tempo libero “o una” vacanza “dalla loro gestione del diabete, poiché il sistema sta gestendo efficacemente la glicemia senza la necessità di un costante monitoraggio da parte del utente.”

Il pancreas artificiale potrebbe essere approvato dalla FDA l’anno prossimo

Mentre gli studi hanno dimostrato che il pancreas artificiale può essere più efficace delle attuali terapie insuliniche, sono in corso studi clinici, con l’obiettivo di testare la sicurezza e l’efficacia a lungo termine dei dispositivi.

Se questi dispositivi saranno approvati per uso clinico dipende dai risultati di questi studi, ma i dott. Hovorka e Thabit credono che il futuro sia luminoso per il pancreas artificiale.

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti sta esaminando un pancreas artificiale e gli autori notano che è possibile che il dispositivo verrà approvato già dal prossimo anno .

Inoltre, il National Institute of Health Research (NIHR) nel Regno Unito ha annunciato che i sistemi a circuito chiuso potrebbero raggiungere l’uso clinico entro la fine del 2020.

“Ciò dipenderà in gran parte dalle approvazioni normative (ma c’è un atteggiamento rassicurante di agenzie regolatorie come la FDA degli Stati Uniti nei confronti di queste terapie) e se le infrastrutture e il supporto sono in atto per gli operatori sanitari che forniscono assistenza clinica”, affermano gli autori.

“L’educazione strutturata dovrà anche continuare ad aumentare l’efficacia e la sicurezza di questa terapia”, aggiungono.

Pancreas artificiale “una valida alternativa” alle pompe per insulina, iniezioni

Tuttavia, ci sono ancora molti ostacoli da superare prima che i pazienti con diabete di tipo 1 possano raccogliere i benefici di un pancreas artificiale.

Ad esempio, gli autori sottolineano che la tecnologia a sistema chiuso potrebbe non essere sempre in grado di fornire insulina al paziente abbastanza velocemente. Gli studi hanno dimostrato che anche la somministrazione di insulina ad azione rapida può richiedere fino a 2 ore per portare la glicemia a livelli ottimali, il che potrebbe non essere abbastanza veloce in determinate circostanze, ad esempio dopo un’attività fisica intensa.

Inoltre, dott. Hovorka e Thabit notano che i dispositivi a circuito chiuso possono essere “vulnerabili alle minacce di sicurezza informatica come l’interferenza con i protocolli wireless e il recupero di dati non autorizzati”, rendendo indispensabile “l’implementazione di protocolli di comunicazione sicuri”.

Tuttavia, gli autori sono sicuri che questi siano problemi che possono essere risolti e credono che il pancreas artificiale sia sulla buona strada per fornire una terapia insulinica più efficace per le persone con diabete di tipo 1:

 Negli ultimi dieci anni sono stati raggiunti traguardi significativi che hanno spostato il pancreas artificiale da laboratorio a contesti domestici non controllati a vita libera. Attraverso la collaborazione interdisciplinare, i team di tutto il mondo hanno accelerato i progressi e sono state dimostrate applicazioni a circuito chiuso nel mondo reale.

Date le sfide del trapianto di cellule beta, le tecnologie a circuito chiuso sono, con un potenziale di innovazione continua, destinate a fornire una valida alternativa per la terapia con pompa per insulina esistente e più iniezioni giornaliere di insulina. “

E’ possibile sconfiggere il diabete con il Pancreas Artificiale ? Farmajet News

L’innovazione medica nel trattamento del diabete di tipo 1 fa un grande passo avanti con l’invenzione e la sperimentazione di un pancreas artificiale. Questo dispositivo
smartphone basato su algoritmo potrebbe cambiare in meglio la vita dei diabetici?
pancreas artificiale.jpg

Il trattamento del diabete di tipo 1 potrebbe essere modificato per sempre dal pancreas artificiale.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), quasi 1 su 10 americani ha il diabete . Di questi, circa il 5% sono diabetici di tipo 1, che equivalgono a 1,5 milioni di americani.

Il trattamento per il diabete di tipo 1 è altamente efficace ma è un travaglio relativamente problematico. I pazienti devono prelevare regolarmente sangue, controllare i livelli di glucosio e iniettare la quantità appropriata di insulina .

Gli attuali interventi lasciano opportunità indesiderate di errore umano. Sono anche abbastanza sgradevoli e scomodi; la ricerca di trattamenti migliori è in corso.

Uno di questi miglioramenti che mostra una grande promessa è il cosiddetto pancreas artificiale. L’idea di un pancreas artificiale è stata discussa per decenni, ma solo di recente è diventata un’opzione potenzialmente praticabile.

Progettata da Boris Kovatchev e dal suo team presso la School of Medicine dell’Università della Virginia, questa innovazione medica ha il potenziale per cambiare in meglio milioni di vite.

Kovatchev lavora su tale dispositivo dal 2006. Inizialmente, questo tipo di sistema a circuito chiuso in grado di monitorare i livelli di glucosio e somministrare l’insulina in modo appropriato era ritenuto impossibile.

L’idea di un pancreas artificiale è stata accolta con scetticismo dalla comunità scientifica ma, per fortuna, Kovatchev ha continuato senza sosta:

“Mostriamo che non è solo possibile, ma può essere eseguito su uno smartphone”.

Cos’è il diabete di tipo 1?

L’insulina normalmente facilita l’assorbimento del glucosio dal sangue nel corpo in cui viene utilizzato. Il diabete di tipo 1 si verifica quando il pancreas smette di produrre abbastanza insulina.

Il diabete di tipo 2 è spesso causato da scelte di vita, come cattiva alimentazione e mancanza di esercizio fisico; il diabete di tipo 1, tuttavia, non è correlato allo stile di vita. Le cellule beta all’interno del pancreas che producono insulina sono attaccate da una risposta inappropriata del sistema immunitario, rendendole insufficienti per le esigenze del corpo.

Per compensare questa carenza di biochimica, i pazienti devono spesso pungersi le dita, prelevare un campione di sangue, misurare i livelli di glucosio e iniettarsi insulina per ristabilire l’equilibrio. Questo rigmarole regolare è necessario per mantenere i livelli di glucosio nel sangue all’interno di un intervallo sano.

A parte l’inconveniente e il disagio, come per tutto ciò che dipende dall’interazione umana, esiste la possibilità di errore. I livelli elevati di glucosio possono, nel tempo, danneggiare i reni, i nervi, gli occhi e i vasi sanguigni. All’altra estremità dello spettro, un basso livello di glucosio o “ipos” può, in circostanze estreme, portare a coma o morte.

Qualsiasi cosa per rimuovere la possibilità di errore dell’utente sarà di ovvio vantaggio.

Come funziona il pancreas artificiale

Il pancreas artificiale di Kovatchev, noto anche come controllo a circuito chiuso della glicemia nel diabete, toglie gran parte dell’interazione umana che è attualmente necessaria nell’automedicazione.

L’hub centrale del sistema utilizza una piattaforma chiamata InControl che funziona su uno smartphone riconfigurato. Questo dispositivo portatile è collegato in modalità wireless a un monitor per la glicemia, una pompa per insulina e un sito di monitoraggio remoto. Il misuratore di zucchero nel sangue rileva i livelli di glucosio nel sangue ogni 5 minuti e fornisce le letture al dispositivo InControl.

Il dispositivo è controllato da algoritmi e gestisce la corretta quantità di insulina attraverso un ago sottile senza che il paziente debba versare nemmeno una goccia di sangue.

Gli algoritmi sono il punto in cui entra in gioco la vera innovazione. Sono progettati per indovinare la quantità di insulina probabilmente necessaria. Non è sufficiente che la tecnologia reagisca semplicemente ai livelli ematici in un determinato momento, deve prevedere picchi di glucosio, prevenire cambiamenti e adattarsi alla sensibilità all’insulina di un individuo. Questa non è un’impresa da poco.

Il pancreas umano è in grado di eseguire questi calcoli con facilità, ma progettare qualcosa di capace come il pancreas è davvero un compito difficile.

Alla domanda sugli algoritmi, Kovatchev ha detto a Medical News Today :

Gli algoritmi si basano su un modello del sistema metabolico umano che utilizza i dati del monitoraggio continuo del glucosio, della consegna di insulina passata e, possibilmente, di altri segnali disponibili, per riconoscere i modelli delle fluttuazioni di zucchero nel sangue e prevedere dove lo zucchero nel sangue del paziente nella voce .

Quindi l’algoritmo eroga insulina in base ai valori di glucosio previsti. Particolare attenzione è prestata alla previsione e alla mitigazione dell’ipoglicemia : un algoritmo separato (lo chiamiamo sistema di supervisione della sicurezza) è appositamente studiato per questo, ed è abbastanza bravo in questo compito. “

Ci ha detto che il sistema di sicurezza è il loro algoritmo più testato; è in uso da molti anni.

Kovatchev spiega inoltre come funziona il pancreas artificiale nel video qui sotto:

Sperimentazione dell’organo rivoluzionario

Il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases sta supportando questa ricerca vitale per un importo di $ 12,6 milioni.

Il pancreas artificiale ha iniziato le sue prove finali in nove località negli Stati Uniti e in Europa. Per la prima fase, 240 pazienti con diabete di tipo 1 proveranno il sistema per 6 mesi. La seconda serie di studi vedrà 180 pazienti dalla prima fase indossare il sistema per altri 6 mesi.

Progettato in collaborazione con TypeZero Technologies a Charlottesville, VA, il sistema verrà confrontato con una pompa per insulina standard in base a due criteri principali: come vengono gestiti i livelli di zucchero nel sangue e se si riduce il rischio di ipoglicemia o di ipoglicemia.

Kovatchev spiega i suoi obiettivi per il pancreas artificiale:

Per avere successo come trattamento ottimale per il diabete, il pancreas artificiale deve dimostrare la sua sicurezza ed efficacia negli studi cardine a lungo termine nell’ambiente naturale del paziente.

Il nostro obiettivo principale è stabilire un nuovo paradigma di trattamento del diabete: il pancreas artificiale non è un dispositivo a funzione singola; è una rete adattabile e indossabile che circonda il paziente in un ecosistema di trattamento digitale “.

Ulteriori miglioramenti all’orizzonte

Questa innovazione sembra destinata a fare una differenza enorme e positiva per milioni di persone. Mira a migliorare la vita dei diabetici di tipo 1 facilitando l’onere del controllo manuale dei livelli di insulina. Inoltre, grazie agli algoritmi, il pancreas artificiale dovrebbe mantenere la glicemia a livelli più fisiologicamente normali.

Naturalmente, ogni progresso medico porta con sé una nuova serie di orizzonti su cui puntare. MNY ha chiesto a Kovatchev se ci sono adattamenti o miglioramenti che vorrebbe apportare al pancreas artificiale più in basso:

Si stanno esplorando sistemi multi-segnale e multi-ormonali per utilizzare segnali aggiuntivi come la frequenza cardiaca o il rilevamento del movimento e ormoni aggiuntivi come l’amilina. Crediamo che la tecnologia si evolverà in queste direzioni.”

Kovatchev e collaboratori stanno già sondando l’uso di altri ormoni all’interno del pancreas artificiale; il suo team sta inoltre studiando se il sistema potrebbe essere necessario indossarlo solo in determinate ore del giorno, ad esempio di notte e / o dopo i pasti.

Il pancreas artificiale sembra andare di forza in forza. In concomitanza con le altre tecnologie attualmente in fase di studio, il diabete inizierà presto a ritirarsi in fretta.

Nuova tecnologia per il monitoraggio del Diabete di Tipo 1. Farmajet news

Il diabete di tipo 1 non ha cura e, sebbene siano disponibili diverse opzioni terapeutiche, molte persone trovano difficile gestire la condizione. Le nuove tecnologie potrebbero aiutare a ridurre tale onere.

uomo che misura il diabete.jpg
Molte persone trovano scomoda la gestione del diabete di tipo 1, ma nuove ricerche potrebbero cambiarlo.

Più di 1 milione di bambini e adulti in Italia hanno il diabete di tipo 1 , secondo

Il diabete di tipo 1 può avere un impatto significativo sulla vita di una persona, poiché le persone devono monitorare regolarmente i loro livelli di zucchero nel sangue per assicurarsi che non diventino pericolosamente alti o bassi.

Attualmente, le persone con diabete di tipo 1 misurano i livelli di zucchero nel sangue pungendo un dito più volte al giorno o indossando un misuratore di glucosio. A seconda delle misurazioni, potrebbe essere necessario somministrare insulina mediante iniezione o pompa per insulina.

Ma una nuova forma di tecnologia sperimentata di recente e presentata nel New England Journal of Medicine potrebbe sostituire questi metodi convenzionali.

Insulina automatica

Lo studio ha esaminato un particolare tipo di pancreas artificiale o controllo a circuito chiuso. Questi dispositivi monitorano e regolano continuamente i livelli di glucosio nel sangue. Quando il monitor rileva che una persona ha bisogno di insulina, una pompa rilascia l’ormone nel corpo.

Lo studio ha comportato l’uso del sistema Control-IQ, un nuovo tipo di pancreas artificiale che utilizza algoritmi per regolare automaticamente le dosi di insulina durante il giorno.

“Rendendo la gestione del diabete di tipo 1 più facile e più precisa, questa tecnologia potrebbe ridurre il carico quotidiano di questa malattia, riducendo potenzialmente anche le complicanze del diabete, tra cui malattie degli occhi, dei nervi e dei reni”, afferma il dott. Griffin P. Rodgers, direttore del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (NIDDK).

La sperimentazione di 6 mesi fa parte di un’iniziativa di ricerca molto più ampia nota come Studio iDCL (International Diabetes Closed-Loop), che prevede la sperimentazione di diversi sistemi di pancreas artificiale per determinare una varietà di fattori, come la sicurezza, l’efficacia e l’utente -friendliness.

Lo studio ha reclutato 168 persone con diabete di tipo 1 e con un’età minima di 14 anni.

I ricercatori hanno incaricato oltre 100 persone di utilizzare il sistema Control-IQ, mentre 56 persone hanno formato un gruppo di controllo che ha utilizzato la terapia con pompa potenziata con sensore (SAP). Questa terapia non modifica automaticamente le dosi di insulina.

I ricercatori volevano replicare la vita quotidiana, quindi non hanno monitorato i sistemi da remoto. I partecipanti, tuttavia, hanno contattato i ricercatori ogni poche settimane per verificare i dati dal dispositivo.

Controllo 24 ore

I ricercatori erano interessati alla quantità di tempo in cui i livelli di glucosio nel sangue hanno raggiunto un intervallo target compreso tra 70 e 180 milligrammi per decilitro (mg / dl).

I risultati hanno mostrato che i livelli di zucchero nel sangue delle persone che hanno usato il sistema Control-IQ erano nell’intervallo target per una media di 2,6 ore al giorno in più rispetto al passato. Coloro che utilizzano la terapia SAP non hanno visto cambiamenti significativi durante lo studio.

Vitally, il sistema ha anche migliorato il controllo glicemico dei partecipanti durante la notte e durante il giorno. Questo è un progresso cruciale per le persone i cui livelli scendono significativamente quando dormono.

Nessuno dei gruppi ha avuto casi gravi di ipoglicemia quando i livelli di zucchero nel sangue diventano molto bassi.

Un partecipante che utilizzava il sistema del pancreas artificiale ha sviluppato chetoacidosi diabetica, che è una carenza di insulina. Tuttavia, ciò era dovuto a un problema relativo all’apparecchiatura.

Ridurre l’onere

Secondo il dott. Guillermo Arreaza-Rubín, scienziato del programma dello studio e direttore del Diabetes Technology Program della NIDDK, questi risultati indicano che questo sistema “ha il potenziale per migliorare la salute delle persone affette da diabete di tipo 1, sollevando potenzialmente anche gran parte del onere di cura da parte di coloro che hanno la malattia e i loro caregiver “.

Boris Kovatchev, Ph.D., direttore del Centro UVA per la tecnologia del diabete, afferma che il controllo del glucosio della tecnologia è “al di là di ciò che si può ottenere usando i metodi tradizionali”.

Il team ha presentato i risultati del processo alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense. Stanno aspettando di scoprire se il dispositivo può andare sul mercato.

Come funziona il sistema immunitario ? Farmajet Teach

Il nostro sistema immunitario è essenziale per la nostra sopravvivenza. Senza un sistema immunitario, i nostri corpi sarebbero aperti agli attacchi di batteri, virus, parassiti e altro. È il nostro sistema immunitario che ci mantiene in salute mentre scivoliamo attraverso un mare di agenti patogeni.

Questa vasta rete di cellule e tessuti è costantemente alla ricerca di invasori e, una volta individuato un nemico, viene lanciato un attacco complesso.

Il sistema immunitario è diffuso in tutto il corpo e coinvolge molti tipi di cellule, organi, proteine ​​e tessuti. Fondamentalmente, può distinguere il nostro tessuto da quello estraneo – il sé dal non sé. Le cellule morte e difettose vengono anche riconosciute e eliminate dal sistema immunitario.

Se il sistema immunitario incontra un patogeno, ad esempio un batterio, un virus o un parassita, monta una cosiddetta risposta immunitaria. Più avanti spiegheremo come funziona, ma prima introdurremo alcuni dei personaggi principali del sistema immunitario.

globuli bianchi

globuli bianchi.jpg

Un globulo bianco (giallo), che attacca i batteri dell’antrace (arancione). La linea bianca in fondo è lunga 5 micrometri.
Credito d’immagine: Volker Brinkmann

I globuli bianchi sono anche chiamati leucociti. Circolano nel corpo nei vasi sanguigni e nei vasi linfatici che sono paralleli alle vene e alle arterie.

I globuli bianchi sono di pattuglia costante e sono alla ricerca di agenti patogeni. Quando trovano un bersaglio, iniziano a moltiplicarsi e inviano segnali ad altri tipi di cellule per fare lo stesso.

I nostri globuli bianchi sono immagazzinati in diversi punti del corpo, chiamati organi linfoidi. Questi includono i seguenti:

  • Timo – una ghiandola tra i polmoni e appena sotto il collo.
  • Milza – un organo che filtra il sangue. Si trova nella parte superiore sinistra dell’addome.
  • Midollo osseo – trovato al centro delle ossa, produce anche globuli rossi.
  • Linfonodi: piccole ghiandole posizionate in tutto il corpo, collegate da vasi linfatici.

Esistono due tipi principali di leucociti:

1. Fagociti

Queste cellule circondano e assorbono i patogeni e li scompongono, mangiandoli efficacemente. Esistono diversi tipi, tra cui:

  • Neutrofili : questi sono i tipi più comuni di fagociti e tendono ad attaccare i batteri.
  • Monociti : questi sono il tipo più grande e hanno diversi ruoli.
  • Macrofagi : questi pattugliano i patogeni e rimuovono anche le cellule morte e morenti.
  • I mastociti : hanno molti lavori, incluso aiutare a curare le ferite e difendersi dai patogeni.

2. Linfociti

I linfociti aiutano il corpo a ricordare i precedenti invasori e riconoscerli se tornano ad attaccare di nuovo.

I linfociti iniziano la loro vita nel midollo osseo . Alcuni rimangono nel midollo e si sviluppano in linfociti B (cellule B), altri si dirigono verso il timo e diventano linfociti T (cellule T). Questi due tipi di celle hanno ruoli diversi:

  • Linfociti B : producono anticorpi e aiutano ad allertare i linfociti T.
  • Linfociti T : distruggono le cellule compromesse nel corpo e aiutano ad allertare altri leucociti.

Come funziona una risposta immunitaria

Illustrazione di anticorpi

I linfociti B secernono anticorpi (nella foto) che si bloccano sugli antigeni.

Il sistema immunitario deve essere in grado di distinguere se stesso dal non-sé. Lo fa rilevando le proteine ​​che si trovano sulla superficie di tutte le cellule. Impara a ignorare le proprie proteine ​​o se stesso in una fase precoce.

Un antigene è qualsiasi sostanza che può innescare una risposta immunitaria.

In molti casi, un antigene è un batterio, un fungo, un virus, una tossina o un corpo estraneo. Ma può anche essere una delle nostre cellule difettosa o morta. Inizialmente, una serie di tipi di cellule lavora insieme per riconoscere l’antigene come un invasore.

Il ruolo dei linfociti B.

Una volta che i linfociti B individuano l’antigene, iniziano a secernere anticorpi (l’antigene è l’abbreviazione di “generatori di anticorpi”). Gli anticorpi sono proteine ​​speciali che si attaccano ad antigeni specifici.

Ogni cellula B produce un anticorpo specifico. Ad esempio, uno potrebbe produrre un anticorpo contro i batteri che causano la polmonite e un altro potrebbe riconoscere il comune virus del raffreddore.

Gli anticorpi fanno parte di una vasta famiglia di sostanze chimiche chiamate immunoglobuline, che svolgono molti ruoli nella risposta immunitaria:

  • Immunoglobulin G (IgG) – segna i microbi in modo che altre cellule possano riconoscerli e gestirli.
  • IgM – è esperto nell’uccidere i batteri.
  • IgA – si congrega in fluidi, come lacrime e saliva, dove protegge i gateway nel corpo.
  • IgE – protegge dai parassiti ed è anche responsabile delle allergie.
  • IgD – rimane legato ai linfociti B, aiutandoli ad avviare la risposta immunitaria.

Gli anticorpi si bloccano sull’antigene, ma non lo uccidono, lo segnano solo per la morte. L’uccisione è il lavoro di altre cellule, come i fagociti.

Il ruolo dei linfociti T.

Esistono diversi tipi di linfociti T:

Cellule T helper (cellule Th) : coordinano la risposta immunitaria. Alcuni comunicano con altre cellule e altri stimolano le cellule B a produrre più anticorpi. Altri attraggono più cellule T o fagociti che mangiano cellule.

Cellule T killer (linfociti T citotossici) – come suggerisce il nome, queste cellule T attaccano altre cellule. Sono particolarmente utili per combattere i virus. Funzionano riconoscendo piccole parti del virus all’esterno delle cellule infette e distruggendo le cellule infette.

Immunità

pelle 1.jpg

La tua pelle è il primo strato di difesa contro i patogeni esterni.

Il sistema immunitario di ognuno è diverso ma, come regola generale, diventa più forte durante l’età adulta poiché, a questo punto, siamo stati esposti a più agenti patogeni e sviluppato più immunità.

Ecco perché adolescenti e adulti tendono ad ammalarsi meno spesso dei bambini.

Una volta che un anticorpo è stato prodotto, una copia rimane nel corpo in modo che se lo stesso antigene appare di nuovo, può essere trattato più rapidamente.

Ecco perché con alcune malattie, come la varicella , la prendi solo una volta poiché il corpo ha un anticorpo della varicella immagazzinato, pronto e in attesa di distruggerlo la prossima volta che arriva. Questo si chiama immunità.

Esistono tre tipi di immunità negli esseri umani chiamati innati, adattivi e passivi:

Immunità innata

Siamo tutti nati con un certo livello di immunità agli invasori. I sistemi immunitari umani, analogamente a quelli di molti animali, attaccheranno invasori stranieri fin dal primo giorno. Questa immunità innata comprende le barriere esterne del nostro corpo – la prima linea di difesa contro i patogeni – come la pelle e le mucose della gola e dell’intestino.

Questa risposta è più generale e non specifica. Se l’agente patogeno riesce a schivare il sistema immunitario innato, interviene l’immunità adattativa o acquisita.

Immunità adattativa (acquisita)

Questa protezione dagli agenti patogeni si sviluppa mentre attraversiamo la vita. Quando siamo esposti a malattie o ci vacciniamo, costruiamo una libreria di anticorpi contro diversi agenti patogeni. Questa è talvolta definita memoria immunologica perché il nostro sistema immunitario ricorda i nemici precedenti.

Immunità passiva

Questo tipo di immunità viene “preso in prestito” da un’altra fonte, ma non dura indefinitamente. Ad esempio, un bambino riceve anticorpi dalla madre attraverso la placenta prima della nascita e nel latte materno dopo la nascita. Questa immunità passiva protegge il bambino da alcune infezioni durante i primi anni della sua vita.

vaccinazioni

L’immunizzazione introduce antigeni o agenti patogeni indeboliti in una persona in modo tale che l’individuo non si ammali ma produca ancora anticorpi. Poiché il corpo salva copie degli anticorpi, è protetto se la minaccia dovesse riapparire più avanti nella vita.

Disturbi del sistema immunitario

Poiché il sistema immunitario è così complesso, ci sono molti modi potenziali in cui può andare storto. I tipi di disturbo immunitario rientrano in tre categorie:

immunodeficienze

Questi si presentano quando una o più parti del sistema immunitario non funzionano. Le immunodeficienze possono essere causate in diversi modi, tra cui l’età, l’ obesità e l’ alcolismo . Nei paesi in via di sviluppo, la malnutrizione è una causa comune. L’AIDS è un esempio di immunodeficienza acquisita.

In alcuni casi, le immunodeficienze possono essere ereditate, ad esempio, nella malattia granulomatosa cronica in cui i fagociti non funzionano correttamente.

autoimmunità

In condizioni autoimmuni, il sistema immunitario prende di mira erroneamente le cellule sane, piuttosto che i patogeni estranei o le cellule difettose. In questo scenario, non possono distinguere il sé dal non sé.

Le malattie autoimmuni comprendono la celiachia , il diabete di tipo 1 , l’artrite reumatoide e la malattia di Graves .

ipersensibilità

Con l’ipersensibilità, il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo in modo da danneggiare i tessuti sani. Un esempio è lo shock anafilattico in cui il corpo risponde a un allergene così fortemente che può essere pericoloso per la vita.

In poche parole

Il sistema immunitario è incredibilmente complicato e assolutamente vitale per la nostra sopravvivenza. Numerosi sistemi e tipi di cellule diversi funzionano in perfetta sincronia (la maggior parte delle volte) in tutto il corpo per combattere i patogeni e eliminare le cellule morte.