Cancro al pancreas: il virus influenzale modificato distrugge i tumori. Farmajet news

I ricercatori della Queen Mary University di Londra nel Regno Unito hanno modificato un virus influenzale e lo hanno utilizzato per colpire con successo le cellule tumorali del pancreas.
pancrea x ray.jpg

Il cancro del pancreas – mostrato qui – potrebbe presto essere più facile da trattare a causa di recenti risultati.

Il cancro del pancreas è la terza causa principale di mortalità per cancro in Italia, con oltre 13.000 decessi stimati per l’anno 2019.

Secondo il National Cancer Institute (NCI), oltre l’8% delle persone a cui è stato diagnosticato un tumore al pancreas ha una prognosi di sopravvivenza a 5 anni, sebbene l’NCI, così come l’American Cancer Society, sottolineino che molte persone vivono più a lungo e no due pazienti sono uguali.

Come con la maggior parte delle forme di cancro , prima viene rilevato il cancro del pancreas, migliori sono le prospettive per il paziente. Se preso in tempo, il cancro del pancreas tende a essere localizzato, il che facilita la sua gestione.

La necessità di terapie migliori e più efficaci per il cancro del pancreas rimane terribile, soprattutto perché si sviluppa e si diffonde così rapidamente, spesso resistendo al trattamento.

Al fine di evitare la resistenza ai farmaci, i ricercatori stanno esaminando l’uso di virus mutati per colpire le cellule tumorali del pancreas in modo più preciso.

Con questo scopo in mente, un team di ricercatori guidato dal Dr. Gunnel Halldén, della Queen Mary University, ha iniziato a modificare geneticamente un virus influenzale .

Per testare la sua efficacia contro il cancro, gli scienziati hanno usato un modello murino geneticamente modificato di cancro del pancreas, che ha coinvolto cellule tumorali del pancreas di pazienti umani.

Il primo autore dell’articolo è la dott.ssa Stella Man, del Barts Cancer Institute della Queen Mary, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Cancer Therapeutics.

Distruggere le cellule tumorali dall’interno

A differenza delle cellule pancreatiche sane, le cellule tumorali del pancreas contengono una molecola chiamata alfa v beta 6.

La dott.ssa Halldén e i suoi colleghi hanno alterato geneticamente il virus dell’influenza per contenere un’ulteriore proteina che si lega all’alfa v beta 6. Quando il virus dell’influenza ottiene l’accesso alla cellula cancerosa, si moltiplica all’interno della cellula, alla fine facendola esplodere e distruggendola.

Quindi, mentre il virus si replica, il ciclo si ripete, alla fine uccidendo completamente il tumore .

Il team ha testato questo nuovo approccio nel modello murino con cellule tumorali umane e ha scoperto che il virus modificato ha fermato con successo la crescita del cancro.

Abbiamo dimostrato per la prima volta che i tumori del pancreas possono essere specificamente mirati con una versione modificata del virus dell’influenza comune […] Il nuovo virus infetta e uccide specificamente le cellule tumorali del pancreas, causando pochi effetti collaterali nei tessuti sani vicini. “

Dott. Stella Man

“Non solo la nostra strategia di targeting è sia selettiva che efficace”, aggiunge il primo autore, “ma ora abbiamo ulteriormente progettato il virus in modo che possa essere diffuso nel flusso sanguigno per raggiungere le cellule tumorali che si sono diffuse in tutto il corpo”.

I ricercatori sperano che presto saranno in grado di spostare questi risultati negli studi clinici sull’uomo.

“Se riusciamo a confermare questi risultati negli studi clinici sull’uomo”, afferma il dott. Man, “allora questo potrebbe diventare un nuovo promettente trattamento per i pazienti affetti da cancro del pancreas, [che] potrebbe essere combinato con i farmaci chemioterapici esistenti per uccidere le cellule tumorali perseveranti”.

Su questa nota, il Dr. Halldén aggiunge: “Attualmente, stiamo cercando nuovi fondi per supportare l’ulteriore sviluppo in studi clinici entro i prossimi 2 anni. Con questo finanziamento in atto, gli studi di fase iniziale impiegheranno generalmente circa 5 anni per determinare se la terapia è sicura ed efficace “.

Annunci

Cancro al pancreas: il virus influenzale modificato distrugge i tumori

I ricercatori della Queen Mary University di Londra nel Regno Unito hanno modificato un virus dell’influenza e l’hanno usato per colpire con successo le cellule di cancro del pancreas.
pancreas1

Il cancro del pancreas – mostrato qui – potrebbe presto essere più facile da trattare a causa di recenti scoperte.

Il cancro al pancreas è la terza principale causa di mortalità correlata al cancro negli Stati Uniti, con oltre 43.000 morti stimati per l’anno 2017.

Secondo il National Cancer Institute (NCI), oltre l’8% delle persone a cui viene diagnosticato un cancro al pancreas hanno una prognosi di sopravvivenza a 5 anni, anche se l’NCI, così come l’American Cancer Society, sottolineano che molte persone vivono più a lungo e no due pazienti sono simili.

Come con la maggior parte delle forme di cancro , prima viene rilevato il cancro al pancreas, migliori sono le prospettive per il paziente. Quando viene diagnosticato precocemente, il cancro del pancreas tende a essere localizzato, il che facilita la sua gestione.

La necessità di terapie migliori e più efficaci per il cancro del pancreas rimane grave, soprattutto perché si sviluppa e si diffonde così rapidamente, resistendo spesso al trattamento.

Al fine di evitare la resistenza ai farmaci, i ricercatori stanno studiando l’uso di virus mutati per colpire le cellule tumorali pancreatiche in modo più preciso.

Con questo obiettivo in mente, un team di ricercatori guidati dal dott. Gunnel Halldén, della Queen Mary University, si è proposto di modificare geneticamente un virus influenzale .

Per testare la sua efficacia contro il cancro, gli scienziati hanno utilizzato un modello geneticamente modificato di cancro del pancreas, che ha coinvolto cellule tumorali pancreatiche da pazienti umani.

Il primo autore dell’articolo è il dott. Stella Man, del Barts Cancer Institute di Queen Mary, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Cancer Therapeutics.

Distruggere le cellule tumorali dall’interno

A differenza delle cellule pancreatiche sane, le cellule del cancro del pancreas contengono una molecola chiamata alfa v beta 6.

Il dott. Halldén e i suoi colleghi hanno alterato geneticamente il virus dell’influenza per contenere una proteina extra che si lega all’alfa v beta 6. Quando il virus dell’influenza accede alla cellula cancerosa, si moltiplica all’interno della cellula, facendola infine scoppiare e distruggerla.

Quindi, mentre il virus si replica, il ciclo si ripete, eliminando completamente il tumore .

Il team ha testato questo nuovo approccio con cellule tumorali umane e ha scoperto che il virus modificato ha fermato con successo la crescita del cancro.

Abbiamo dimostrato per la prima volta che i tumori pancreatici possono essere specificatamente mirati con una versione modificata del virus comune dell’influenza […] Il nuovo virus infetta e uccide specificamente le cellule di cancro del pancreas, causando pochi effetti collaterali nel tessuto sano vicino. ”

Dott. Stella Man

“La nostra strategia di targeting non solo è selettiva ed efficace”, aggiunge il primo autore, “ma ora abbiamo ulteriormente ingegnerizzato il virus in modo che possa essere trasportato nel sangue per raggiungere le cellule tumorali che si sono diffuse in tutto il corpo”.

I ricercatori sperano che presto saranno in grado di trasferire questi risultati a studi clinici sull’uomo.

“Se riusciremo a confermare questi risultati negli studi clinici sull’uomo”, afferma il Dott. Man, “allora questo potrebbe diventare un nuovo trattamento promettente per i pazienti con cancro al pancreas, [che] potrebbe essere combinato con farmaci chemioterapici esistenti per uccidere le cellule tumorali perseveranti”.

In questa nota, il dott. Halldén aggiunge: “Attualmente, stiamo cercando nuovi fondi per sostenere ulteriori sviluppi negli studi clinici entro i prossimi 2 anni. Con questo finanziamento in atto, le prove di fase iniziali richiederanno solitamente circa 5 anni per determinare se la terapia è sicura ed efficace. ”