Cos’è il carcinoma ovarico?

Cos’è il carcinoma ovarico?

Ultimo aggiornamento Sab
Il carcinoma ovarico si riferisce a qualsiasi crescita cancerosa che inizia nell’ovaio. Questa è la parte del corpo femminile che produce uova.

Il carcinoma ovarico è oggi la quinta causa più comune di morte per cancro tra le donne in Italia. Detto questo, le morti per cancro alle ovaie sono diminuite in Italia negli ultimi 2 decenni, secondo l’ American Cancer Society (ACS).

L’ACS stima che nel 2020 circa 8.530 persone potrebbero ricevere una diagnosi di carcinoma ovarico. Circa 4.980 persone probabilmente moriranno per questa condizione.

Sintomi

ovaio cancro.jpg

Il dolore addominale può essere un sintomo del carcinoma ovarico.

La maggior parte dei tumori ovarici inizia nell’epitelio, o rivestimento esterno, dell’ovaio. Nelle fasi iniziali, potrebbero esserci pochi o nessun sintomo.

Se si verificano sintomi, possono assomigliare a quelli di altre condizioni, come la sindrome premestruale, la sindrome dell’intestino irritabile o un problema temporaneo alla vescica. Tuttavia, nel carcinoma ovarico, i sintomi persistono e peggiorano.

I primi sintomi possono includere :

  • dolore o pressione nel bacino
  • sanguinamento vaginale inatteso
  • dolore alla schiena o all’addome
  • gonfiore
  • sentirsi pieno rapidamente quando si mangia
  • cambiamenti nei modelli di minzione, come minzione più frequente
  • cambiamenti nelle abitudini intestinali, come costipazione

Se uno di questi sintomi dura almeno 2 settimane, una persona dovrebbe consultare un medico.

Ci possono essere anche :

  • nausea e indigestione
  • perdita di appetito
  • perdita di peso
  • affanno
  • fatica

I sintomi possono cambiare se il tumore si diffonde ad altre parti del corpo.

Cause e fattori di rischio

Il carcinoma ovarico si sviluppa quando le cellule in quest’area del corpo si dividono e si moltiplicano in modo incontrollato.

Non è chiaro il motivo per cui si verifica il cancro ovarico, ma gli esperti hanno identificato alcuni fattori di rischio. Essi includono :

Storia famigliare

Avere un parente stretto con una storia di carcinoma ovarico o mammario aumenta le possibilità di una persona di sviluppare il carcinoma ovarico.

Lo screening genetico per le mutazioni del gene BRCA può aiutare a determinare se qualcuno ha un rischio maggiore di carcinoma ovarico e mammario.

Età

Circa il 50% dei casi di carcinoma ovarico si verifica dopo i 63 anni.

Storia riproduttiva

L’anamnesi familiare, l’età e la storia riproduttiva di una persona possono influenzare il rischio di cancro alle ovaie.

Avere una o più gravidanze a termine è associato a un minor rischio di carcinoma ovarico. Più gravidanze ha una donna, più basso sembra il rischio. L’allattamento al seno può anche ridurre il rischio.

Tuttavia, avere bambini più avanti nella vita (dopo i 35 anni) o non avere mai figli è associato a un rischio più elevato .

Le persone che usano alcuni tipi di trattamento per la fertilità possono avere maggiori probabilità di sviluppare cellule borderline, ma non tutti gli studi lo confermano.

Le femmine che fanno uso di controllo delle nascite pillole o un ormone contraccettivo iniettabile sembrano avere un rischio più basso.

Cancro al seno

Le persone con una storia di cancro al seno sembrano avere maggiori possibilità di cancro alle ovaie. Ciò può essere dovuto a cambiamenti nel gene BRCA .

Per questo motivo, alcune persone con carcinoma mammario che risultano positive per questa mutazione genetica possono optare per una ooforectomia o un intervento chirurgico per rimuovere le ovaie, come terapia preventiva.

Terapia ormonale

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) dopo la menopausa sembra aumentare il rischio di carcinoma ovarico.

Più a lungo una persona utilizza la TOS, maggiore è il rischio. Tuttavia, il rischio sembra diminuire dopo l’interruzione del trattamento.

Obesità e sovrappeso

Il carcinoma ovarico è più comune nelle persone con un indice di massa corporea ( BMI ) di oltre 30.

Chirurgia Ginecologica

Avere un intervento chirurgico per rimuovere l’utero, chiamato isterectomia, può ridurre di un terzo il rischio di carcinoma ovarico .

HPV

Gli scienziati hanno trovato collegamenti tra il papillomavirus umano (HPV) e vari tumori, tra cui il cancro alle tonsille e il cancro cervicale .

Nel 2013, gli autori di una meta-analisi hanno riferito di aver riscontrato un alto tasso di HPV tra le persone con carcinoma ovarico. Tuttavia, non sono stati in grado di confermare la causa dell’HPV e hanno chiesto ulteriori ricerche.

Altri possibili fattori di rischio

Altri fattori che possono aumentare il rischio di alcuni tipi di carcinoma ovarico includono:

  • avere alti livelli di androgeni o ormoni maschili
  • fattori dietetici
  • l’uso di talco

Tuttavia, i ricercatori non hanno ancora dimostrato un legame tra questi fattori e il carcinoma ovarico.

Rischio per le persone transgender

Alcuni studi suggeriscono che avere alti livelli di androgeni può aumentare il rischio di carcinoma ovarico. Questo può essere un problema per gli uomini transgender che usano il trattamento ormonale nella loro transizione.

Uno studio del 2017 rileva che la rimozione delle ovaie può ridurre il rischio, ma gli autori esortano le persone a essere consapevoli che il carcinoma ovarico rimane una possibilità.

La National LGBT Cancer Network sottolinea che le persone transgender possono avere difficoltà a cercare un regolare aiuto medico a causa delle preoccupazioni sulla rivelazione della loro identità di genere.

Incoraggiano le persone a chiedere agli amici, al loro ospedale locale e alla loro compagnia assicurativa di trovare un medico adatto che possa aiutarli a prendersi cura della propria salute e del proprio corpo.

fasi

Se un operatore sanitario diagnostica il carcinoma ovarico, dovrà determinare lo stadio e il grado per decidere un piano di trattamento.

Lo stadio si riferisce a quanto si è diffuso il cancro. Per esempio:

  • Localizzato : le cellule tumorali colpiscono solo le ovaie o le tube di Falloppio e non si sono diffuse altrove.
  • Regionale : il cancro si è diffuso agli organi vicini, come l’utero.
  • Distante : il cancro è presente in altre parti del corpo. Ora colpisce altri organi, come i polmoni o il fegato.

Il grado, nel frattempo, si riferisce a quanto appaiono anomale le cellule tumorali.

Ottenere una diagnosi precoce di solito significa che il trattamento può essere più efficace. Tuttavia, altri fattori possono influenzare questo.

Questi fattori includono l’età della persona, la salute generale e il tipo o il grado della cellula cancerosa, poiché alcuni tipi sono più aggressivi di altri.

tipi

Esistono oltre 30 tipi di carcinoma ovarico, a seconda del tipo di cellula in cui iniziano.

Esistono tre tipi di celle comuni:

  • cellule epiteliali, che si verificano nel rivestimento della superficie dell’ovaio
  • cellule germinali, che diventeranno uova per la riproduzione
  • cellule stromali, che rilasciano ormoni e collegano le strutture delle ovaie

I tumori epiteliali sono i più comuni e i più invasivi. Si verificano in circa l’85-90% delle persone con carcinoma ovarico.

I tumori delle cellule germinali sono spesso benigni. Nel 90% dei casi che diventano cancerosi, il trattamento è efficace.

Diagnosi

Se lo screening o i sintomi di routine suggeriscono che una persona può avere il cancro alle ovaie, un medico in genere:

  • chiedere alla persona la propria storia medica personale e familiare
  • eseguire un esame pelvico

Possono anche raccomandare:

Esami del sangue : questi esami controlleranno gli alti livelli di un marker chiamato CA-125.

Test di imaging : esempi includono un’ecografia transvaginale , una risonanza magnetica o una TAC .

Laparoscopia : un professionista sanitario inserirà un tubo sottile con una telecamera collegata attraverso un piccolo foro nell’addome, per vedere le ovaie e forse prelevare un campione di tessuto per una biopsia.

Biopsia : comporta l’esame microscopico di un campione di tessuto.

Solo una biopsia può confermare che una persona ha il cancro. Un operatore sanitario può farlo come parte della valutazione iniziale o dopo un intervento chirurgico per rimuovere un tumore .

Trattamento

ovaio c2.jpg

La chirurgia è un possibile trattamento per il carcinoma ovarico.

Il trattamento dipenderà da molti fattori, tra cui:

  • il tipo, lo stadio e il grado del cancro
  • l’età dell’individuo e la salute generale
  • le loro preferenze personali
  • accessibilità e convenienza del trattamento

Le opzioni tendono a includere :

Chirurgia : la scelta dipenderà dal tipo di tumore e dalla sua diffusione. Le opzioni chirurgiche includono un’isterectomia, la rimozione di una o entrambe le ovaie e la rimozione dei linfonodi interessati. Un medico discuterà le opzioni adatte con l’individuo.

Chemioterapia : questi farmaci mirano a uccidere le cellule tumorali. Se una persona prende farmaci chemioterapici per via orale o come iniezione o infusione, influenzeranno tutto il corpo. Un’altra opzione è la chemioterapia intraperitoneale. In questo caso, un tubo eroga il farmaco direttamente nell’area del corpo colpita dal cancro. La chemioterapia può avere effetti avversi diffusi, specialmente se colpisce tutto il corpo.

Terapia mirata : alcuni trattamenti prendono di mira cellule specifiche che aiutano a promuovere la crescita del cancro. Esempi includono la terapia con anticorpi monoclonali e gli inibitori dell’angiongenesi. La terapia mirata mira a limitare gli effetti avversi mirando a funzioni specifiche.

Radioterapia : questa tecnica utilizza i raggi X per uccidere le cellule tumorali. Un modo per farlo è introdurre un liquido radioattivo nel peritoneo. Questo può aiutare le persone con carcinoma ovarico avanzato.

Immunoterapia (bioterapia) : mira a rafforzare la capacità del sistema immunitario di difendere il corpo dal cancro. La terapia del vaccino prevede l’iniezione di sostanze che troveranno e uccideranno un tumore. Può aiutare le persone con carcinoma ovarico avanzato.

Alcuni di questi sono tipi di trattamento relativamente nuovi. Alcune persone possono scegliere di partecipare a una sperimentazione clinica , che può dare accesso ad alcuni dei più recenti approcci.

Tassi di sopravvivenza

Gli attuali tassi di sopravvivenza a 5 anni per il carcinoma ovarico riflettono la percentuale di persone che hanno vissuto 5 o più anni dopo aver ricevuto una diagnosi nel periodo 2008-2014.

Le prospettive dipendono dallo stadio e dal tipo di tumore. Anche singoli fattori, come l’età, la salute generale e l’accesso al trattamento, influenzano i tassi di sopravvivenza.

L’ACS fornisce dati per tre tipi di tumore ovarico:

Palcoscenico Carcinoma ovarico epiteliale invasivo Tumori stromali ovarici Tumori a cellule germinali dell’ovaio
localizzato 92% 99% 98%
Regionale 75% 89% 95%
lontano 30% 61% 75%


prospettiva

Tutti i tipi di carcinoma ovarico sono curabili se una persona riceve una diagnosi nelle prime fasi. Alcuni tipi sono anche altamente curabili nelle fasi successive.

Quando si considerano le statistiche di sopravvivenza per il carcinoma ovarico, vale anche la pena notare che i progressi della medicina hanno migliorato le prospettive negli ultimi 20 anni.

Tuttavia, frequentare regolarmente lo screening e cercare aiuto se compaiono sintomi può spesso portare a una diagnosi precoce, e questo aumenterà la possibilità di ricevere un trattamento efficace.

D:

Se il carcinoma ovarico non mostra spesso sintomi precoci, come fanno le persone a sapere se ce l’hanno? Esiste uno screening di routine per questo tipo di cancro?

 

Non esiste alcuna raccomandazione per lo screening di routine per coloro che hanno un rischio medio di carcinoma ovarico.

Per quelli ad alto rischio – come persone con una sindrome ereditaria, una mutazione genetica o una forte storia familiare – un medico può raccomandare un’ecografia transvaginale o un esame del sangue per il marcatore CA-125. Tuttavia, se un medico consiglierebbe o meno lo screening e quanto spesso dipende da singoli fattori.

Molti dei sintomi del carcinoma ovarico sono simili a quelli delle condizioni non gravi. Tuttavia, se una persona manifesta regolarmente i sintomi del carcinoma ovarico per più di alcune settimane, dovrebbe consultare il proprio medico.

Yamini Ranchod, PhD, MS

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...