Cos’è il carcinoma ovarico?

Cos’è il carcinoma ovarico?

Ultimo aggiornamento Sab
Il carcinoma ovarico si riferisce a qualsiasi crescita cancerosa che inizia nell’ovaio. Questa è la parte del corpo femminile che produce uova.

Il carcinoma ovarico è oggi la quinta causa più comune di morte per cancro tra le donne in Italia. Detto questo, le morti per cancro alle ovaie sono diminuite in Italia negli ultimi 2 decenni, secondo l’ American Cancer Society (ACS).

L’ACS stima che nel 2020 circa 8.530 persone potrebbero ricevere una diagnosi di carcinoma ovarico. Circa 4.980 persone probabilmente moriranno per questa condizione.

Sintomi

ovaio cancro.jpg

Il dolore addominale può essere un sintomo del carcinoma ovarico.

La maggior parte dei tumori ovarici inizia nell’epitelio, o rivestimento esterno, dell’ovaio. Nelle fasi iniziali, potrebbero esserci pochi o nessun sintomo.

Se si verificano sintomi, possono assomigliare a quelli di altre condizioni, come la sindrome premestruale, la sindrome dell’intestino irritabile o un problema temporaneo alla vescica. Tuttavia, nel carcinoma ovarico, i sintomi persistono e peggiorano.

I primi sintomi possono includere :

  • dolore o pressione nel bacino
  • sanguinamento vaginale inatteso
  • dolore alla schiena o all’addome
  • gonfiore
  • sentirsi pieno rapidamente quando si mangia
  • cambiamenti nei modelli di minzione, come minzione più frequente
  • cambiamenti nelle abitudini intestinali, come costipazione

Se uno di questi sintomi dura almeno 2 settimane, una persona dovrebbe consultare un medico.

Ci possono essere anche :

  • nausea e indigestione
  • perdita di appetito
  • perdita di peso
  • affanno
  • fatica

I sintomi possono cambiare se il tumore si diffonde ad altre parti del corpo.

Cause e fattori di rischio

Il carcinoma ovarico si sviluppa quando le cellule in quest’area del corpo si dividono e si moltiplicano in modo incontrollato.

Non è chiaro il motivo per cui si verifica il cancro ovarico, ma gli esperti hanno identificato alcuni fattori di rischio. Essi includono :

Storia famigliare

Avere un parente stretto con una storia di carcinoma ovarico o mammario aumenta le possibilità di una persona di sviluppare il carcinoma ovarico.

Lo screening genetico per le mutazioni del gene BRCA può aiutare a determinare se qualcuno ha un rischio maggiore di carcinoma ovarico e mammario.

Età

Circa il 50% dei casi di carcinoma ovarico si verifica dopo i 63 anni.

Storia riproduttiva

L’anamnesi familiare, l’età e la storia riproduttiva di una persona possono influenzare il rischio di cancro alle ovaie.

Avere una o più gravidanze a termine è associato a un minor rischio di carcinoma ovarico. Più gravidanze ha una donna, più basso sembra il rischio. L’allattamento al seno può anche ridurre il rischio.

Tuttavia, avere bambini più avanti nella vita (dopo i 35 anni) o non avere mai figli è associato a un rischio più elevato .

Le persone che usano alcuni tipi di trattamento per la fertilità possono avere maggiori probabilità di sviluppare cellule borderline, ma non tutti gli studi lo confermano.

Le femmine che fanno uso di controllo delle nascite pillole o un ormone contraccettivo iniettabile sembrano avere un rischio più basso.

Cancro al seno

Le persone con una storia di cancro al seno sembrano avere maggiori possibilità di cancro alle ovaie. Ciò può essere dovuto a cambiamenti nel gene BRCA .

Per questo motivo, alcune persone con carcinoma mammario che risultano positive per questa mutazione genetica possono optare per una ooforectomia o un intervento chirurgico per rimuovere le ovaie, come terapia preventiva.

Terapia ormonale

La terapia ormonale sostitutiva (TOS) dopo la menopausa sembra aumentare il rischio di carcinoma ovarico.

Più a lungo una persona utilizza la TOS, maggiore è il rischio. Tuttavia, il rischio sembra diminuire dopo l’interruzione del trattamento.

Obesità e sovrappeso

Il carcinoma ovarico è più comune nelle persone con un indice di massa corporea ( BMI ) di oltre 30.

Chirurgia Ginecologica

Avere un intervento chirurgico per rimuovere l’utero, chiamato isterectomia, può ridurre di un terzo il rischio di carcinoma ovarico .

HPV

Gli scienziati hanno trovato collegamenti tra il papillomavirus umano (HPV) e vari tumori, tra cui il cancro alle tonsille e il cancro cervicale .

Nel 2013, gli autori di una meta-analisi hanno riferito di aver riscontrato un alto tasso di HPV tra le persone con carcinoma ovarico. Tuttavia, non sono stati in grado di confermare la causa dell’HPV e hanno chiesto ulteriori ricerche.

Altri possibili fattori di rischio

Altri fattori che possono aumentare il rischio di alcuni tipi di carcinoma ovarico includono:

  • avere alti livelli di androgeni o ormoni maschili
  • fattori dietetici
  • l’uso di talco

Tuttavia, i ricercatori non hanno ancora dimostrato un legame tra questi fattori e il carcinoma ovarico.

Rischio per le persone transgender

Alcuni studi suggeriscono che avere alti livelli di androgeni può aumentare il rischio di carcinoma ovarico. Questo può essere un problema per gli uomini transgender che usano il trattamento ormonale nella loro transizione.

Uno studio del 2017 rileva che la rimozione delle ovaie può ridurre il rischio, ma gli autori esortano le persone a essere consapevoli che il carcinoma ovarico rimane una possibilità.

La National LGBT Cancer Network sottolinea che le persone transgender possono avere difficoltà a cercare un regolare aiuto medico a causa delle preoccupazioni sulla rivelazione della loro identità di genere.

Incoraggiano le persone a chiedere agli amici, al loro ospedale locale e alla loro compagnia assicurativa di trovare un medico adatto che possa aiutarli a prendersi cura della propria salute e del proprio corpo.

fasi

Se un operatore sanitario diagnostica il carcinoma ovarico, dovrà determinare lo stadio e il grado per decidere un piano di trattamento.

Lo stadio si riferisce a quanto si è diffuso il cancro. Per esempio:

  • Localizzato : le cellule tumorali colpiscono solo le ovaie o le tube di Falloppio e non si sono diffuse altrove.
  • Regionale : il cancro si è diffuso agli organi vicini, come l’utero.
  • Distante : il cancro è presente in altre parti del corpo. Ora colpisce altri organi, come i polmoni o il fegato.

Il grado, nel frattempo, si riferisce a quanto appaiono anomale le cellule tumorali.

Ottenere una diagnosi precoce di solito significa che il trattamento può essere più efficace. Tuttavia, altri fattori possono influenzare questo.

Questi fattori includono l’età della persona, la salute generale e il tipo o il grado della cellula cancerosa, poiché alcuni tipi sono più aggressivi di altri.

tipi

Esistono oltre 30 tipi di carcinoma ovarico, a seconda del tipo di cellula in cui iniziano.

Esistono tre tipi di celle comuni:

  • cellule epiteliali, che si verificano nel rivestimento della superficie dell’ovaio
  • cellule germinali, che diventeranno uova per la riproduzione
  • cellule stromali, che rilasciano ormoni e collegano le strutture delle ovaie

I tumori epiteliali sono i più comuni e i più invasivi. Si verificano in circa l’85-90% delle persone con carcinoma ovarico.

I tumori delle cellule germinali sono spesso benigni. Nel 90% dei casi che diventano cancerosi, il trattamento è efficace.

Diagnosi

Se lo screening o i sintomi di routine suggeriscono che una persona può avere il cancro alle ovaie, un medico in genere:

  • chiedere alla persona la propria storia medica personale e familiare
  • eseguire un esame pelvico

Possono anche raccomandare:

Esami del sangue : questi esami controlleranno gli alti livelli di un marker chiamato CA-125.

Test di imaging : esempi includono un’ecografia transvaginale , una risonanza magnetica o una TAC .

Laparoscopia : un professionista sanitario inserirà un tubo sottile con una telecamera collegata attraverso un piccolo foro nell’addome, per vedere le ovaie e forse prelevare un campione di tessuto per una biopsia.

Biopsia : comporta l’esame microscopico di un campione di tessuto.

Solo una biopsia può confermare che una persona ha il cancro. Un operatore sanitario può farlo come parte della valutazione iniziale o dopo un intervento chirurgico per rimuovere un tumore .

Trattamento

ovaio c2.jpg

La chirurgia è un possibile trattamento per il carcinoma ovarico.

Il trattamento dipenderà da molti fattori, tra cui:

  • il tipo, lo stadio e il grado del cancro
  • l’età dell’individuo e la salute generale
  • le loro preferenze personali
  • accessibilità e convenienza del trattamento

Le opzioni tendono a includere :

Chirurgia : la scelta dipenderà dal tipo di tumore e dalla sua diffusione. Le opzioni chirurgiche includono un’isterectomia, la rimozione di una o entrambe le ovaie e la rimozione dei linfonodi interessati. Un medico discuterà le opzioni adatte con l’individuo.

Chemioterapia : questi farmaci mirano a uccidere le cellule tumorali. Se una persona prende farmaci chemioterapici per via orale o come iniezione o infusione, influenzeranno tutto il corpo. Un’altra opzione è la chemioterapia intraperitoneale. In questo caso, un tubo eroga il farmaco direttamente nell’area del corpo colpita dal cancro. La chemioterapia può avere effetti avversi diffusi, specialmente se colpisce tutto il corpo.

Terapia mirata : alcuni trattamenti prendono di mira cellule specifiche che aiutano a promuovere la crescita del cancro. Esempi includono la terapia con anticorpi monoclonali e gli inibitori dell’angiongenesi. La terapia mirata mira a limitare gli effetti avversi mirando a funzioni specifiche.

Radioterapia : questa tecnica utilizza i raggi X per uccidere le cellule tumorali. Un modo per farlo è introdurre un liquido radioattivo nel peritoneo. Questo può aiutare le persone con carcinoma ovarico avanzato.

Immunoterapia (bioterapia) : mira a rafforzare la capacità del sistema immunitario di difendere il corpo dal cancro. La terapia del vaccino prevede l’iniezione di sostanze che troveranno e uccideranno un tumore. Può aiutare le persone con carcinoma ovarico avanzato.

Alcuni di questi sono tipi di trattamento relativamente nuovi. Alcune persone possono scegliere di partecipare a una sperimentazione clinica , che può dare accesso ad alcuni dei più recenti approcci.

Tassi di sopravvivenza

Gli attuali tassi di sopravvivenza a 5 anni per il carcinoma ovarico riflettono la percentuale di persone che hanno vissuto 5 o più anni dopo aver ricevuto una diagnosi nel periodo 2008-2014.

Le prospettive dipendono dallo stadio e dal tipo di tumore. Anche singoli fattori, come l’età, la salute generale e l’accesso al trattamento, influenzano i tassi di sopravvivenza.

L’ACS fornisce dati per tre tipi di tumore ovarico:

Palcoscenico Carcinoma ovarico epiteliale invasivo Tumori stromali ovarici Tumori a cellule germinali dell’ovaio
localizzato 92% 99% 98%
Regionale 75% 89% 95%
lontano 30% 61% 75%


prospettiva

Tutti i tipi di carcinoma ovarico sono curabili se una persona riceve una diagnosi nelle prime fasi. Alcuni tipi sono anche altamente curabili nelle fasi successive.

Quando si considerano le statistiche di sopravvivenza per il carcinoma ovarico, vale anche la pena notare che i progressi della medicina hanno migliorato le prospettive negli ultimi 20 anni.

Tuttavia, frequentare regolarmente lo screening e cercare aiuto se compaiono sintomi può spesso portare a una diagnosi precoce, e questo aumenterà la possibilità di ricevere un trattamento efficace.

D:

Se il carcinoma ovarico non mostra spesso sintomi precoci, come fanno le persone a sapere se ce l’hanno? Esiste uno screening di routine per questo tipo di cancro?

 

Non esiste alcuna raccomandazione per lo screening di routine per coloro che hanno un rischio medio di carcinoma ovarico.

Per quelli ad alto rischio – come persone con una sindrome ereditaria, una mutazione genetica o una forte storia familiare – un medico può raccomandare un’ecografia transvaginale o un esame del sangue per il marcatore CA-125. Tuttavia, se un medico consiglierebbe o meno lo screening e quanto spesso dipende da singoli fattori.

Molti dei sintomi del carcinoma ovarico sono simili a quelli delle condizioni non gravi. Tuttavia, se una persona manifesta regolarmente i sintomi del carcinoma ovarico per più di alcune settimane, dovrebbe consultare il proprio medico.

Yamini Ranchod, PhD, MS

Annunci

Perché il cancro ovarico si diffonde e come potremmo fermarlo

Una nuova ricerca ha rivelato esattamente perché il cancro ovarico si diffonde alla cavità peritoneale. Le droghe esistenti potrebbero essere riproposte per impedire che ciò accada.
coccarda blu farmajet

Nuovi trattamenti che possono impedire la diffusione del cancro alle ovaie possono essere a portata di mano.

Negli Stati Uniti, si stima che il cancro ovarico colpisca circa 20.000 donne ogni anno.

Nel 2014, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno suggerito che circa 21.161 donne hanno ricevuto una diagnosi di cancro ovarico e 14.195 di queste donne sono morte.

Il cancro ovarico è la forma più mortale di cancro del sistema riproduttivo, ma il trattamento è efficace se il tumore viene diagnosticato precocemente.

Sfortunatamente, tuttavia, solo il 15% dei pazienti si presenta con questa forma di cancro in una fase iniziale, mentre il 75% dei casi si trova quando il tumore si è già diffuso – o metastatizzato – alla cavità peritoneale.

Come si verificano le metastasi e cosa si può fare per fermarlo? Questa domanda ha spinto la ricercatrice Pamela Kreeger, professore di ingegneria biomedica presso l’Università del Wisconsin-Madison, e il suo team a studiare il tipo più aggressivo di cancro ovarico.

Il Prof. Kreeger e i suoi colleghi hanno esaminato il processo metastatico nel carcinoma ovarico sieroso di alto grado, che è sia la forma più diffusa di cancro ovarico e il più difficile da fermare.

Precedenti studi hanno dimostrato che in questa forma di cancro, avere un numero elevato di cellule immunitarie chiamate macrofagi è legato a un risultato peggiore. Quindi, il Prof. Kreeger e il team hanno esaminato se queste cellule immunitarie consentono o meno alle cellule tumorali di diffondersi e attaccarsi alla cavità peritoneale.

Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista Cancer Research.

Le metastasi segrete del cancro ovarico sono state sbloccate

Gli esperimenti di coltura cellulare hanno dimostrato che un’interazione complessa tra cellule sane e cancerose contribuisce a facilitare la diffusione del cancro.

Normalmente, la cavità peritoneale è rivestita con le cosiddette cellule mesoteliali , che formano il mesotelio – uno strato superficiale scivoloso e non appiccicoso che riveste le cavità e gli organi interni del corpo, proteggendoli.

Ma nel cancro ovarico, il nuovo studio ha rivelato, i macrofagi trasformano queste cellule mesoteliali in cellule appiccicose che aiutano le cellule tumorali a legarsi.

“Per me, quello era uno di quei momenti” ah ha “scientifici”, afferma il Prof. Kreeger. “Le interazioni tra le cellule normali del nostro corpo possono influenzare le metastasi. In altre parole,” aggiunge, “non si tratta solo della cellula tumorale”.

Successivamente, gli scienziati hanno dovuto scoprire quali proteine ​​erano responsabili di questo effetto di trasformazione.

La modellizzazione computazionale ha rivelato una reazione a catena delle proteine: i macrofagi secernono una proteina chiamata MIP-1β, che a sua volta causa la produzione di una proteina appiccicosa chiamata P-selectina, che quindi attiva le cellule tumorali.

Ulteriori esperimenti con i topi hanno confermato i risultati. Ultimo ma non meno importante, i ricercatori hanno esaminato campioni umani e hanno scoperto che le persone con cancro ovarico avevano effettivamente aumentato i livelli di MIP-1β e P-selectina.

I farmaci esistenti potrebbero essere utilizzati per fermarlo

Le intuizioni offerte da questo recente studio potrebbero presto trasformarsi in nuovi trattamenti fruttuosi. Esistono già farmaci che potrebbero essere riutilizzati per inibire gli aspetti chiave del processo metastatico rivelato da questo studio.

Per esempio, un farmaco dell’HIV chiamato Maraviroc è noto per bloccare i recettori MIP-1β, e due farmaci per vari disturbi del sangue – che sono ancora in fase di sperimentazione – sono noti per inibire la P-selectina.

“Siamo interessati a perseguire molteplici strade, perché è possibile che funzionino meglio di un altro”, afferma il Prof. Kreeger. “È anche possibile che uno abbia effetti collaterali più tollerabili di un altro.”

Anche l’autrice del primo studio Molly Carroll, un borsista postdottorato presso l’Università del Wisconsin-Madison, pesa sul significato dei risultati.

“Iltrattamento per il cancro ovarico non è davvero cambiato negli ultimi 20 anni […] Speriamo che attraverso lo sviluppo di tali terapie di mantenimento, possiamo prevenire la creazione di nuove metastasi tumorali”.

Il Prof. Kreeger e il suo team hanno già ricevuto una borsa di studio per condurre esperimenti a lungo termine sui topi. Se questi ulteriori confermano i risultati, gli scienziati inizieranno presto i test preclinici dei farmaci esistenti per vedere se causano una tossicità significativa.

Potrebbe la canapa aiutare a battere il cancro ovarico?

Un gruppo di ricercatori del Kentucky si è dedicato ad aumentare il profilo della canapa e dei suoi potenziali benefici per la salute. Dopo i loro studi preliminari, concludono che può essere d’aiuto nella lotta contro il cancro ovarico.
canapa

Potrebbe essere la canapa il prossimo miglior trattamento per il cancro?

La canapa e la marijuana sono nella stessa famiglia botanica, ma la prima non condivide le proprietà psicoattive di quest’ultima.

Come una delle prime piante ad essere coltivata, la canapa è stata utilizzata dagli esseri umani per migliaia di anni.

Abbigliamento, carta, vele, funi e scarpe delle navi sono stati tutti fatti di canapa.

Tuttavia, per una complessa rete di ragioni, è caduto in disgrazia durante il XX secolo.

Ma oggi la canapa si sta godendo un po ‘di Rinascimento e, secondo una nuova serie di studi, potrebbe un giorno svolgere un ruolo nel trattamento del cancro ovarico .

In particolare, il laboratorio di Wasana Sumanasekera – situato presso l’Università della Farmacia di Sullivan a Louisville, Kentucky – è attualmente un focolaio di ricerche sulla potenziale capacità della canapa di combattere il cancro .

Un nuovo ceppo di canapa

All’inizio di questa settimana, due dei ricercatori del laboratorio – Sara Biela e Chase Turner – hanno presentato i loro risultati più recenti alla riunione annuale dell’American Society for Biochemistry and Molecular Biology, che si è svolta a fianco del meeting Experimental Biology del 2018 , tenutosi a San Diego, in California.

Nessuno può aver perso la crescita lenta e costante della cannabis nella medicina tradizionale. La canapa, tuttavia, è stata quasi trascurata.

“La canapa, come la marijuana”, spiega Biela, “contiene componenti terapeuticamente preziosi come cannabidiolo, cannabinolo e tetraidrocannabinolo, ma a differenza della marijuana, l’abilità terapeutica della canapa non è stata studiata in dettaglio”.

Biela e Turner sono determinati a cambiare idea. Per i loro esperimenti, hanno usato un ceppo coltivato di canapa chiamato KY in canapa, coltivato in Kentucky.

È progettato per contenere i livelli ottimali di ingredienti terapeutici e viene coltivato in un ambiente che limita la possibilità di contaminazione.

Metastasi del cancro alla canapa e alle ovaie

Nel primo studio presentato, i ricercatori hanno aggiunto la canapa KY alle cellule di cancro ovarico in coltura. Come previsto, la canapa ha ridotto la capacità di migrazione delle cellule. Studi simili sono stati condotti utilizzando il cannabidiolo, ma questa è la prima volta che si studiano i poteri anti-migrazione della canapa.

Gli scienziati sperano che, potenzialmente, l’estratto possa un giorno essere utile per rallentare o prevenire le metastasi del cancro ovarico. Gli autori dello studio scrivono: “Sulla base dei dati qui, concludiamo che la canapa KY ha significative proprietà anti-metastatiche contro il cancro ovarico”.

Nel secondo studio , hanno deciso di esplorare come la canapa KY potrebbe proteggere attivamente contro il cancro ovarico. Nello specifico, gli scienziati erano interessati all’interleuchina IL-1 beta, una sostanza chimica coinvolta nell’infiammazione che si ritiene possa aiutare il progresso del cancro.

Gli autori scrivono: “Abbiamo ipotizzato che la modulazione della produzione di beta interleuchina-1 indotta dalla canapa possa giocare un ruolo negli effetti anti-cancro indotti dalla canapa”.

Come previsto, la canapa ha ridotto i livelli di beta IL-1 dell’interleuchina che sono stati prodotti. Questo, sperano, potrebbe costituire un nuovo modo di affrontare le future terapie antitumorali.

“Inostri risultati di questa ricerca, così come la ricerca precedente, mostrano che la canapa KY rallenta il carcinoma ovarico paragonabile o addirittura migliore dell’attuale farmaco Cisplatino per il cancro ovarico.”

Chase Turner

Turner continua: “Dal momento che il cisplatino presenta un’elevata tossicità, prevediamo che la canapa produrrebbe meno effetti collaterali, ma è necessario testarla in futuro.”

I due scienziati intendono continuare le loro indagini sulla canapa e sul cancro. Presto, sperano di portare le loro ricerche su un modello di topo: il prossimo passo sulla lunga strada verso le prove umane.

Sebbene questi studi siano preliminari, sottolineano l’importanza di non essere legati a un singolo approccio o composto. Pertanto, testare il maggior numero possibile di materie prime disponibili è un piano ragionevole.