Che cos’è l’ansia ? Sintomi Cause e Trattamenti. Farmajet teach

L’ansia è un’emozione normale e spesso salutare. Tuttavia, quando una persona sente regolarmente livelli sproporzionati di ansia, potrebbe diventare un disturbo medico.

I disturbi d’ ansia formano una categoria di diagnosi di salute mentale che portano a eccessivo nervosismo, paura, apprensione e preoccupazione

Questi disturbi alterano il modo in cui una persona elabora le emozioni e si comporta, causando anche sintomi fisici. L’ansia lieve può essere vaga e inquietante, mentre l’ansia grave può compromettere seriamente la vita di tutti i giorni.

I disturbi d’ansia colpiscono 10 milioni di persone in Italia. È il gruppo più comune di malattie mentali nel paese. Tuttavia, solo il 36,9 percento delle persone con disturbo d’ansia riceve un trattamento.

Che cos’è l’ansia?

donna ansiosa.jpg

Reazioni sproporzionate di tensione e preoccupazione caratterizzano l’ansia.

L’American Psychological Association (APA) definisce l’ ansia come “un’emozione caratterizzata da sentimenti di tensione, pensieri preoccupati e cambiamenti fisici come aumento della pressione sanguigna “.

Conoscere la differenza tra i normali sentimenti di ansia e un disturbo d’ansia che richiede assistenza medica può aiutare una persona a identificare e trattare la condizione.

In questo articolo, esaminiamo le differenze tra ansia e disturbo d’ansia, i diversi tipi di ansia e le opzioni di trattamento disponibili.

Quando l’ansia ha bisogno di cure?

Mentre l’ansia può causare angoscia, non è sempre una condizione medica.

Ansia

Quando un individuo si trova ad affrontare trigger potenzialmente dannosi o preoccupanti, i sentimenti di ansia non sono solo normali ma necessari per la sopravvivenza.

Sin dai primi giorni dell’umanità, l’approccio dei predatori e del pericolo in arrivo fa scattare allarmi nel corpo e consente un’azione evasiva. Questi allarmi diventano evidenti sotto forma di battito cardiaco sollevato, sudorazione e maggiore sensibilità all’ambiente circostante.

Il pericolo provoca una scarica di adrenalina, un ormone e un messaggero chimico nel cervello, che a sua volta scatena queste reazioni ansiose in un processo chiamato risposta “combatti o fuggi”. Questo prepara gli umani a confrontarsi fisicamente o fuggire da qualsiasi potenziale minaccia a sicurezza.

Per molte persone, scappare da animali più grandi e il pericolo imminente è una preoccupazione meno urgente di quanto non lo sarebbe stata per i primi umani. Le ansie ora ruotano attorno al lavoro, al denaro, alla vita familiare, alla salute e ad altre questioni cruciali che richiedono l’attenzione di una persona senza richiedere necessariamente la reazione di “lotta o fuga”.

Il sentimento nervoso prima di un importante evento della vita o durante una situazione difficile è un’eco naturale della reazione originale di “lotta o fuga”. Può ancora essere essenziale per la sopravvivenza – l’ansia di essere investito da un’auto quando attraversa la strada, ad esempio, significa che una persona cercherà istintivamente in entrambi i modi per evitare il pericolo.

Disturbi d’ansia

La durata o la gravità di un sentimento ansioso a volte può essere sproporzionata rispetto al fattore scatenante originale o al fattore di stress. Possono anche svilupparsi sintomi fisici, come aumento della pressione sanguigna e nausea. Queste risposte vanno oltre l’ansia in un disturbo d’ansia.

L’APA descrive una persona con disturbo d’ansia come “avere pensieri o preoccupazioni invadenti ricorrenti”. Una volta che l’ansia raggiunge lo stadio di un disturbo, può interferire con la funzione quotidiana.

Sintomi

Mentre una serie di diverse diagnosi costituisce disturbi d’ansia, i sintomi del disturbo d’ansia generalizzato (GAD) spesso includono quanto segue:

  • irrequietezza e sensazione di essere “al limite”
  • sentimenti incontrollabili di preoccupazione
  • maggiore irritabilità
  • difficoltà di concentrazione
  • difficoltà del sonno, come problemi di caduta o di sonno

Mentre questi sintomi possono essere normali da provare nella vita quotidiana, le persone con GAD li sperimenteranno a livelli persistenti o estremi. GAD può presentarsi come una preoccupazione vaga e inquietante o un’ansia più grave che interrompe la vita quotidiana.

Per informazioni sui sintomi di altre diagnosi sotto l’ombrello dei disturbi d’ansia, seguire i collegamenti nella sezione “Tipi” di seguito.

tipi

ansia 2.jpg

Il disturbo di panico è un tipo di disturbo d’ansia.

Il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi di salute mentale: Quinta edizione (DSM-V) classifica i disturbi d’ansia in diversi tipi principali.

Nelle precedenti edizioni di DSM, i disturbi d’ansia includevano il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), nonché il disturbo da stress acuto . Tuttavia, il manuale ora non raggruppa più queste difficoltà di salute mentale in condizioni di ansia.

I disturbi d’ansia ora includono le seguenti diagnosi .

Disturbo d’ansia generalizzato: questo è un disturbo cronico che comporta ansia eccessiva e di lunga durata e preoccupazioni per eventi, oggetti e situazioni di vita non specifici. GAD è il disturbo d’ansia più comune e le persone con il disturbo non sono sempre in grado di identificare la causa della loro ansia.

Disturbo di panico: attacchi brevi o improvvisi di intenso terrore e apprensione caratterizzano il disturbo di panico. Questi attacchi possono portare a tremori, confusione, vertigini, nausea e difficoltà respiratorie. Gli attacchi di panico tendono a verificarsi e si intensificano rapidamente, raggiungendo il picco dopo 10 minuti. Tuttavia, un attacco di panico potrebbe durare per ore.

I disturbi di panico di solito si verificano dopo esperienze spaventose o stress prolungato, ma possono anche verificarsi senza un innesco. Un individuo che subisce un attacco di panico può interpretarlo erroneamente come una malattia potenzialmente letale e può apportare cambiamenti drastici nel comportamento per evitare attacchi futuri.

Fobia specifica: questa è una paura irrazionale ed evita un particolare oggetto o situazione. Le fobie non sono come altri disturbi d’ansia, in quanto si riferiscono a una causa specifica.

Una persona con una fobia potrebbe riconoscere una paura come illogica o estrema ma rimanere incapace di controllare i sentimenti di ansia attorno al grilletto. I fattori scatenanti di una fobia variano da situazioni e animali a oggetti di uso quotidiano.

Agorafobia: questa è la paura e l’evitamento di luoghi, eventi o situazioni da cui può essere difficile sfuggire o in cui un aiuto non sarebbe disponibile se una persona rimane intrappolata. Le persone spesso fraintendono questa condizione come una fobia di spazi aperti e all’aperto, ma non è così semplice. Una persona con agorafobia può avere paura di uscire di casa o di usare ascensori e mezzi pubblici.

Mutismo selettivo: questa è una forma di ansia che alcuni bambini sperimentano, in cui non sono in grado di parlare in determinati luoghi o contesti, come la scuola, anche se possono avere eccellenti capacità di comunicazione verbale attorno a persone familiari. Potrebbe essere una forma estrema di fobia sociale.

Disturbo d’ansia sociale o fobia sociale: questa è la paura del giudizio negativo da parte di altri in situazioni sociali o di imbarazzo pubblico. Il disturbo d’ansia sociale comprende una serie di sentimenti, come la paura del palcoscenico, la paura dell’intimità e l’ansia per l’umiliazione e il rifiuto.

Questo disturbo può indurre le persone a evitare situazioni pubbliche e il contatto umano al punto da rendere estremamente difficile la vita quotidiana.

Disturbo d’ansia da separazione : alti livelli di ansia dopo la separazione da una persona o da un luogo che fornisce sentimenti di sicurezza o caratterizzazione caratterizzano il disturbo d’ansia da separazione. La separazione a volte può provocare sintomi di panico.

Le cause

Le cause dei disturbi d’ansia sono complicate. Molti potrebbero verificarsi contemporaneamente, alcuni potrebbero portare ad altri e alcuni potrebbero non causare un disturbo d’ansia a meno che non ne sia presente un altro.

Le possibili cause includono:

  • fattori di stress ambientale, come difficoltà sul lavoro, problemi di relazione o problemi familiari
  • genetica, poiché le persone che hanno familiari con un disturbo d’ansia hanno maggiori probabilità di sperimentarne uno da soli
  • fattori medici, come i sintomi di una diversa malattia, gli effetti di un farmaco o lo stress di un intervento chirurgico intensivo o recupero prolungato
  • chimica del cervello, in quanto gli psicologi definiscono molti disturbi d’ansia come disallineamenti di ormoni e segnali elettrici nel cervello
  • ritiro da una sostanza illecita, i cui effetti potrebbero intensificare l’impatto di altre possibili cause

Per saperne di più sulle cause e sulla diagnosi dei disturbi d’ansia, clicca qui .

Trattamento

I trattamenti consisteranno in una combinazione di psicoterapia, terapia comportamentale e farmaci.

La dipendenza dall’alcool, la depressione o altre condizioni a volte possono avere un effetto così forte sul benessere mentale che il trattamento di un disturbo d’ansia deve attendere fino a quando tutte le condizioni sottostanti sono sotto controllo.

Auto-trattamento

auto trattamento.jpg

Lo yoga può ridurre gli effetti di un disturbo d’ansia.

In alcuni casi, una persona può curare un disturbo d’ansia a casa senza supervisione clinica. Tuttavia, questo potrebbe non essere efficace per disturbi d’ansia gravi o di lunga durata.

Esistono diversi esercizi e azioni per aiutare una persona a far fronte a disturbi d’ansia più lievi, più mirati o di breve durata, tra cui:

  • Gestione dello stress: imparare a gestire lo stress può aiutare a limitare i potenziali fattori scatenanti. Organizzare eventuali pressioni e scadenze imminenti, compilare elenchi per rendere più gestibili compiti scoraggianti e impegnarsi a prendere tempo libero dallo studio o dal lavoro.
  • Tecniche di rilassamento: semplici attività possono aiutare a lenire i segni mentali e fisici dell’ansia. Queste tecniche includono la meditazione, esercizi di respirazione profonda, lunghi bagni, riposo al buio e yoga .
  • Esercizi per sostituire i pensieri negativi con quelli positivi: fai un elenco dei pensieri negativi che potrebbero andare in bicicletta a causa dell’ansia e scrivi accanto un altro elenco contenente pensieri positivi e credibili per sostituirli. Creare un’immagine mentale per affrontare e vincere con successo una paura specifica può anche fornire benefici se i sintomi di ansia si riferiscono a una causa specifica, come in una fobia.
  • Rete di supporto: parla con persone familiari che ti supportano, come un familiare o un amico. I servizi del gruppo di supporto possono anche essere disponibili nell’area locale e online.
  • Esercizio: lo sforzo fisico può migliorare l’immagine di sé e rilasciare sostanze chimiche nel cervello che scatenano sentimenti positivi.

counseling

Un modo standard di trattare l’ansia è la consulenza psicologica. Ciò può includere la terapia cognitivo-comportamentale ( CBT ), la psicoterapia o una combinazione di terapie.

CBT

Questo tipo di psicoterapia mira a riconoscere e modificare modelli di pensiero dannosi che formano la base di sentimenti ansiosi e fastidiosi. Nel processo, i praticanti della CBT sperano di limitare il pensiero distorto e cambiare il modo in cui le persone reagiscono a oggetti o situazioni che scatenano l’ansia.

Ad esempio, uno psicoterapeuta che fornisce CBT per il disturbo di panico proverà a rafforzare il fatto che gli attacchi di panico non sono realmente attacchi di cuore . L’esposizione a paure e fattori scatenanti può far parte della CBT. Questo incoraggia le persone a confrontarsi con le loro paure e aiuta a ridurre la sensibilità ai loro soliti fattori scatenanti di ansia.

farmaci

Una persona può supportare la gestione dell’ansia con diversi tipi di farmaci.

Le medicine che potrebbero controllare alcuni dei sintomi fisici e mentali includono antidepressivi , benzodiazepine, triciclici e beta-bloccanti .

Benzodiazepine: un medico può prescriverle per determinate persone con ansia, ma possono creare dipendenza. Questi farmaci tendono ad avere pochi effetti collaterali ad eccezione della sonnolenza e della possibile dipendenza. Il diazepam o valium è un esempio di benzodiazepina comunemente prescritta.

Antidepressivi: comunemente aiutano con l’ansia, anche se colpiscono anche la depressione. Le persone usano spesso inibitori della ricaptazione della serotonina (SSRI), che hanno meno effetti collaterali rispetto agli antidepressivi più vecchi ma possono causare nervosismo, nausea e disfunzione sessuale all’inizio del trattamento.

Altri antidepressivi includono fluoxetina o Prozac e citalopram o Celexa.

Triciclici: questa è una classe di farmaci più antica degli SSRI che fornisce benefici per la maggior parte dei disturbi d’ansia diversi dal DOC. Questi farmaci possono causare effetti collaterali, tra cui vertigini, sonnolenza, secchezza delle fauci e aumento di peso. Imipramina e clomipramina sono due esempi di triciclici.

Ulteriori farmaci che una persona potrebbe usare per trattare l’ansia includono:

  • inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO)
  • beta-bloccanti
  • buspirone

Consultare un medico se gli effetti collaterali di qualsiasi farmaco prescritto diventano gravi.

Prevenzione

Esistono modi per ridurre il rischio di disturbi d’ansia. Ricorda che i sentimenti ansiosi sono un fattore naturale della vita quotidiana e che provarli non indica sempre la presenza di un disturbo di salute mentale.

Segui i seguenti passi per aiutare a moderare le emozioni ansiose:

  • Ridurre l’assunzione di caffeina, tè, cola e cioccolato.
  • Prima di utilizzare i rimedi da banco (OTC) o le erbe, consultare un medico o il farmacista per eventuali sostanze chimiche che possono peggiorare i sintomi dell’ansia.
  • Mantenere una dieta sana.
  • Mantieni un ritmo di sonno regolare.
  • Evita l’alcool, la cannabis e altre droghe ricreative.

Porta via

L’ansia in sé non è una condizione medica ma un’emozione naturale che è vitale per la sopravvivenza quando un individuo si trova ad affrontare un pericolo.

Un disturbo d’ansia si sviluppa quando questa reazione diventa esagerata o sproporzionata rispetto all’innesco che la provoca. Esistono diversi tipi di disturbo d’ansia, tra cui disturbo di panico, fobie e ansia sociale.

Il trattamento prevede una combinazione di diversi tipi di terapia, farmaci e consulenza, insieme a misure di auto-aiuto.

Uno stile di vita attivo con una dieta equilibrata può aiutare a mantenere le emozioni ansiose entro limiti sani.

Annunci

Il Resveratrolo è il futuro del trattamento della depressione?

Il resveratrolo, un composto che si trova naturalmente nel vino rosso, ha incuriosito i ricercatori per decenni. Un recente studio sui topi indaga su come i medici potrebbero essere in grado di utilizzare questa sostanza chimica per ridurre la depressione e l’ansia.
vino resveratrolo

Un composto di vino rosso potrebbe essere utile nel trattamento della depressione?

In Italia e oltre, l’ ansia e la depressione sono sfide sostanziali.

Circa 1 adulto su 5 in Italia ha avuto un disturbo d’ansia nell’ultimo anno.

Inoltre, circa il 7,1% degli adulti ha avuto un episodio depressivo maggiore nel 2017.

Alcune persone che hanno ansia o depressione possono trarre beneficio dai farmaci, ma non funzionano per tutti.

Come scrivono gli autori del presente studio, “solo un terzo degli individui con depressione o ansia mostra una remissione completa in risposta a questi farmaci”.

Per questo motivo, i ricercatori sono desiderosi di trovare nuovi farmaci per curare la depressione e l’ansia.

Inserisci il resveratrolo

Attualmente, la maggior parte dei farmaci che i medici prescrivono per la depressione e l’ansia interagiscono con i percorsi di serotonina o noradrenalina nel cervello.

I ricercatori stanno cercando di trovare altri possibili bersagli farmacologici e alcuni si sono rivolti a un composto naturale chiamato resveratrolo.

Il resveratrolo si presenta nella buccia dell’uva e delle bacche e, soprattutto, è nel vino rosso. Negli ultimi anni ha ricevuto una crescente attenzione da parte di scienziati medici.

Studi precedenti hanno dimostrato che il resveratrolo sembra avere attività antidepressiva nei topi e nei ratti .

L’ultimo studio, che appare sulla rivista Neuropharmacology , esamina più da vicino i meccanismi che contribuiscono all’attività antidepressiva del resveratrolo. I ricercatori si chiedono anche se il resveratrolo potrebbe fornire la base di trattamenti futuri per l’ansia e la depressione.

Il team, dell’Università medica di Xuzhou in Cina, ha prestato particolare attenzione al ruolo della fosfodiesterasi 4 (PDE4) e dell’adenosina monofosfato ciclico (cAMP).

Perché PDE4 e cAMP?

Importante in molti processi biologici, cAMP è un secondo messaggero. Queste molecole rispondono ai segnali esterni alla cellula, come gli ormoni, e trasmettono il messaggio alle regioni pertinenti all’interno della cellula. Gli autori del presente studio spiegano:

“Considerando che il cAMP è un regolatore primario per la comunicazione intracellulare nel cervello, è un bersaglio attraente per l’intervento terapeutico nei disturbi mentali.”

Studi precedenti hanno dimostrato che il resveratrolo aumenta i livelli di cAMP in numerosi tipi di cellule.

PDE4 è una famiglia di enzimi che scompone il cAMP, aiutando a regolare i livelli di questa molecola all’interno delle cellule. Livelli più elevati di PDE4 portano ad una maggiore suddivisione del cAMP. Alcuni studi precedenti hanno suggerito il ruolo della PDE4 nella depressione e nell’ansia.

Ad esempio, uno studio ha dimostrato che l’inibizione della PDE4 ha aumentato la segnalazione dei cAMP, riducendo i comportamenti simili all’ansia e alla depressione nei topi.

Il presente studio ha utilizzato modelli animali e neuroni di topo in coltura (simili a quelli dell’ippocampo umano) per aiutare a spiegare l’effetto del resveratrolo sui comportamenti dei roditori.

Il modello di stress della depressione

Gli esperti non comprendono ancora fino in fondo quali sono le cause della depressione e perché colpiscono alcune persone ma non altre.

Una teoria è chiamata ipotesi glucocorticoide. Il corpo rilascia glucocorticoidi, che includono cortisolo, quando una persona si sente stressata. A breve termine, questi ormoni aiutano a preparare il corpo a una crisi imminente.

Tuttavia, se lo stress dura più a lungo, i glucocorticoidi possono iniziare a causare danni.

In questo modo, alcuni scienziati ritengono che lo stress cronico danneggi i neuroni dell’ippocampo, che sono particolarmente sensibili. Questo danno apre quindi la strada all’ansia e alla depressione.

Gli autori del presente studio erano particolarmente interessati a capire se il resveratrolo potrebbe invertire gli effetti dannosi dello stress e come ciò potrebbe funzionare.

Nel loro studio, hanno scoperto che un aumento dei livelli di corticosterone (l’equivalente dei roditori del cortisolo) ha prodotto lesioni cellulari nel cervello e un aumento dei livelli di PDE4D, un membro della famiglia PDE4 che gli scienziati ritengono essere particolarmente importante nella cognizione e nella depressione.

Hanno anche dimostrato che il trattamento con resveratrolo ha invertito l’aumento della PDE4D e ridotto il numero di lesioni cellulari. Il resveratrolo ha anche impedito la riduzione del cAMP.

Nei topi ingegnerizzati che non sono stati in grado di produrre PDE4D, il resveratrolo ha potenziato gli effetti protettivi di cAMP anche oltre nei topi con PDE4D funzionante.

Gli autori scrivono che “[questi] risultati dimostrano che gli effetti antidepressivi e ansiolitici del resveratrolo sono mediati principalmente dall’inibizione della PDE4D”.

Solo l’inizio

Questi risultati forniscono un altro piccolo pezzo del puzzle. Il resveratrolo, che sembra ridurre l’ansia e la depressione nei topi, sembra funzionare inibendo la PDE4D e attivando la segnalazione cAMP.

Il resveratrolo può essere un’alternativa efficace ai farmaci per il trattamento di pazienti affetti da depressione e disturbi d’ansia.”

Co-lead autore Dr. Ying Xu, Ph.D.

Nonostante l’eccitazione del Dr. Xu, ci sono poche prove della capacità del resveratrolo di combattere la depressione nell’uomo. Sebbene le prove dei suoi effetti sui modelli animali stiano crescendo , mancano i dati degli studi clinici.

Inoltre, estrapolare i risultati degli studi sugli animali sull’uomo può essere complicato, mai più di quando si tratta di condizioni di salute mentale . Se i modelli animali della depressione sono rilevanti è un argomento molto dibattuto.

Tuttavia, qualsiasi passo verso una nuova comprensione degli aspetti chimici della depressione e dell’ansia è utile.

Va da sé, ma bere vino rosso non ti offrirà i benefici teorici del resveratrolo. Il composto è presente in quantità molto basse e, naturalmente, l’alcol nel vino annullerà qualsiasi beneficio.

Per concludere, ora sappiamo di più sui meccanismi molecolari alla base dell’effetto del resveratrolo sulla depressione e l’ansia nei topi. Ora dobbiamo attendere gli studi clinici per scoprire se può essere utile anche agli umani.

Gli integratori di omega-3 possono aiutare a ridurre l’ansia?

Una meta-analisi recentemente pubblicata conclude che gli integratori di olio omega-3 potrebbero ridurre i sintomi di ansia per alcune persone.
omega-3-on-a-spoon.jpg

Omega-3 può essere un intervento sicuro ed economico per l’ansia.

L’ansia è uno dei più comuni sintomi psichiatrici in Italia.

Può apparire come un disturbo d’ansia autonomo o come parte di un altro disturbo mentale, come la depressione .

Interventi farmaceutici come gli inibitori della ricaptazione della serotonina possono trattare l’ansia.

Tuttavia, le persone con disturbi d’ansia sono spesso preoccupate per gli effetti collaterali e la dipendenza.

Altre opzioni includono terapie comunicative, ma sono lunghe e costose.

Si stima che 1 su 5 adulti in Italia sviluppino un disturbo d’ansia ogni anno, quindi trovare un modo sicuro e conveniente per gestire l’ansia sarebbe di grande beneficio per milioni di persone.

Olio di pesce e ansia

Gli acidi grassi polinsaturi Omega-3 (PUFA) sono presenti negli oli di pesce. Nel corso degli anni, i ricercatori hanno attribuito loro una vasta gamma di benefici per la salute, ma non tutti sono supportati da prove.

Negli ultimi anni, alcuni scienziati hanno testato il potenziale dell’omega-3 per aiutare nel trattamento delle condizioni psichiatriche, compresi i disturbi dell’umore e dell’umore .

Gli studi che studiano gli effetti anti-ansia dei PUFA omega-3 nei modelli animali hanno visto un certo successo; ad esempio, uno studio sui ratti ha scoperto che una dieta ricca di un PUFA chiamato acido eicosapentaenoico riduceva i comportamenti ansiosi.

Negli esseri umani, la ricerca ha dimostrato una relazione tra livelli di PUFA e ansia. Ad esempio, uno studio ha scoperto che le persone con disturbi d’ansia hanno livelli inferiori di PUFA circolanti di omega-3.

Un altro ha mostrato che gli integratori di omega-3 riducevano l’ infiammazione e l’ansia negli studenti di medicina durante gli esami.

Questi studi e altri, tuttavia, sono stati limitati dalle loro piccole dimensioni. Per rettificare questo, i ricercatori hanno recentemente effettuato la prima revisione sistematica su questo argomento. Spiegano il loro scopo:

“[W] ha esaminato”, sottolineano, “gli effetti ansiolitici dei PUFA omega-3 nei partecipanti con elevati sintomi di ansia nei risultati degli studi clinici per determinare l’efficacia complessiva dei PUFA omega-3 per i sintomi dell’ansia indipendentemente dalla diagnosi. “

I ricercatori hanno preso dati da 19 studi clinici tra cui un totale di 1.203 partecipanti. Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista JAMA Network Open . Dopo l’analisi, i loro risultati hanno supportato la loro teoria iniziale. Sebbene gli studi siano variati significativamente nel tipo di partecipanti coinvolti e nei modi in cui è stata misurata l’ansia, hanno visto una significativa riduzione dell’ansia nei gruppi trattati con omega-3 rispetto ai gruppi placebo .

La maggior parte degli studi ha dimostrato un effetto positivo dei PUFA omega-3 sull’ansia, anche se non tutte le dimensioni dell’effetto erano significative. Tuttavia, quando i dati sono stati raggruppati, l’effetto combinato è statisticamente significativo.

Questa revisione indica che i PUFA omega-3 potrebbero aiutare a ridurre i sintomi dell’ansia clinica, mentre ulteriori studi ben disegnati sono necessari nelle popolazioni in cui l’ansia è il sintomo principale”.

È interessante notare che gli effetti positivi degli omega-3 erano particolarmente pronunciati per le persone che avevano avuto diagnosi di condizioni psichiatriche.

Ora è necessario più lavoro

Prima che gli omega-3 siano portati ad un uso più ampio, gli autori suggeriscono che saranno necessari ulteriori studi su larga scala. Esattamente come questi acidi grassi potrebbero conferire i loro effetti benefici è un’altra domanda a cui dovrà essere data una risposta.

I PUFA Omega-3 sono presenti nelle membrane cerebrali e, come scrivono gli autori, possono “interferire e possibilmente controllare diversi processi neurobiologici, come i sistemi di neurotrasmettitori, la neuroplasticità e l’infiammazione”.

Questo potrebbe aiutare a spiegare perché hanno un impatto sui sintomi psichiatrici, ma saranno necessarie molte più ricerche per disimpegnare i meccanismi esatti coinvolti.

Gli autori dello studio sono chiari che la loro analisi ha alcune limitazioni; in particolare, la dimensione del campione relativamente piccolo. Avvertono che “i risultati non dovrebbero essere estrapolati senza un’attenta considerazione”.

Più ricerca seguirà sicuramente. Se un intervento semplice come l’integrazione di omega-3 potrebbe ridurre i livelli di ansia, avrebbe il potenziale per alleviare la sofferenza di molte persone.

Farmajet consiglia OMEGA 3 ZONA

OMEGA-3-ZONA-120-PERLE-DA-1600-MG.jpg

L’ansia può essere un segno precoce dell’Alzheimer

I disturbi d’ansia sono comuni in tutti gli Stati Uniti e si pensa che colpiscano circa 40 milioni di adulti ogni anno. Tuttavia, come se questi sentimenti di preoccupazione e paura non fossero sufficienti da affrontare, un nuovo studio suggerisce che le persone anziane che hanno un peggioramento dei sintomi di ansia potrebbero avere maggiori probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer.
alza1

I ricercatori hanno collegato i crescenti sintomi di ansia in età avanzata a livelli più alti di una proteina legata all’Alzheimer.

I ricercatori hanno scoperto che l’aumento dei sintomi di ansia era legato a livelli più alti di beta-amiloide, che è una proteina associata al morbo di Alzheimer , nel cervello delle persone anziane con normale funzionamento cognitivo.

La prima autrice dello studio, la dottoressa Nancy Donovan, che è una psichiatra geriatrica al Brigham and Women’s Hospital di Boston, Massachusetts, e il team dicono che i risultati suggeriscono che un aumento dei sintomi dell’ansia potrebbe essere un segnale precoce dell’Alzheimer.

I risultati sono stati recentemente pubblicati su The American Journal of Psychiatry .

La malattia di Alzheimer è una forma di demenza caratterizzata da problemi con la memoria e il pensiero, così come i cambiamenti nel comportamento.

Si stima che circa 5,5 milioni di persone negli Stati Uniti vivano con l’Alzheimer, di cui circa 5,4 milioni hanno più di 65 anni.

Le precise cause della malattia di Alzheimer rimangono poco chiare, ma gli scienziati ritengono che la beta-amiloide abbia un ruolo chiave. Questa è una proteina che può formare “placche”, che sono state trovate per bloccare la comunicazione delle cellule nervose nel cervello delle persone con Alzheimer.

Queste placche sono considerate un segno distintivo della malattia e la ricerca ha suggerito che un aumento dei livelli di beta-amiloide può verificarsi fino a 10 anni prima dell’inizio dei sintomi di Alzheimer.

Secondo il nuovo studio, l’ansia potrebbe svolgere un ruolo significativo nell’aumento dei livelli di beta-amiloide tra gli anziani.

L’angoscia mirata può rallentare l’Alzheimer

Precedenti studi hanno suggerito che la depressione e l’ansia potrebbero essere indicatori del morbo di Alzheimer, poiché i sintomi di queste condizioni di salute mentale spesso si verificano nelle prime fasi della malattia.

Per il loro studio, il dott. Donovan e colleghi hanno cercato di determinare se la beta-amiloide potesse svolgere un ruolo in questa associazione.

La ricerca ha incluso 270 adulti di età compresa tra 62 e 90 anni, con normale funzionamento cognitivo, tutti sottoposti a tomografia a emissione di positroni al basale dello studio e ogni anno durante 5 anni di follow-up, al fine di determinare i livelli di beta-amiloide nel loro cervello.

I sintomi di ansia e depressione tra gli adulti sono stati valutati utilizzando la scala di depressione geriatrica di 30 elementi .

È stato scoperto che gli adulti che mostravano un aumento dei sintomi di ansia oltre 5 anni di follow-up avevano anche livelli più alti di beta-amiloide nel cervello. I ricercatori dicono che questo indica che il peggioramento dell’ansia potrebbe essere un segnale precoce della malattia di Alzheimer.

Se ulteriori ricerche sostanziano l’ansia come un indicatore precoce, sarebbe importante non solo identificare le persone nella fase iniziale della malattia, ma anche curarla e potenzialmente rallentare o prevenire il processo della malattia”.

Dr. Nancy Donovan

Gli scienziati sottolineano che sono necessari studi di follow-up per determinare se gli anziani che sperimentano un aumento dei sintomi di ansia sviluppano effettivamente l’Alzheimer.

Ansia risolvi con il cannabinoide naturale. Farmajet news

Pubblicato da Farmajet Gennaio 2018

Tempo di lettura 2 Minuti
I disturbi dell’umore e dell’ansia legati allo stress colpiscono milioni di persone negli Stati Uniti. Un nuovo studio esamina la neurobiologia alla base di queste malattie e rileva che il controllo di una molecola che attiva i recettori dei cannabinoidi può ridurre i sintomi dell’ansia.
canna1

Gli endocannabinoidi aiutano il cervello ad adattarsi allo stress e nuove ricerche dimostrano che l’endocannabinoide 2-arachidonoilglicerolo svolge un ruolo chiave nell’ansia.

Più di 40 milioni di adulti statunitensi (o il 18% dell’intera popolazione) vivono con disturbi d’ansia, tra cui depressione clinica , disturbi di panico, fobie e disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Disturbo d’ansia generalizzato colpisce quasi 7 milioni di questi adulti, e altri 7,7 milioni sono stimati essere affetti da PTSD.

L’ansia è solitamente causata da una varietà di fattori, che possono includere geni, storia familiare, circostanze personali ed eventi della vita, nonché squilibri chimici nel cervello.

canne2

Un nuovo studio – pubblicato sulla rivista Nature Communications – indaga questi disturbi mentali da una prospettiva neurobiologica. In particolare, utilizzando un modello murino, i ricercatori del Vanderbilt University Medical Center di Nashville, in Tennessee, hanno esaminato l’adattabilità del cervello allo stress e hanno trovato una sostanza chimica naturale che può svolgere un ruolo chiave nello sviluppo di PTSD e depressione.

L’autore corrispondente dello studio è il Dr. Sachin Patel, direttore della divisione di dipendenza psichiatria e James G. Blakemore Professore di Psichiatria presso la Vanderbilt University.

Studiare il legame tra endocannabinoidi e ansia

Partendo dal presupposto che lo stress è un importante fattore esacerbante nello sviluppo della depressione e del DPTS, Patel e colleghi si sono proposti di investigare i neurochimici coinvolti nella resilienza dello stress, ovvero la capacità del cervello di adattarsi agli effetti negativi dello stress.

Gli endocannabinoidi fanno parte del cosiddetto sistema endogeno cannabinoide (o endocannabinoide), che consiste di endocannabinoidi e dei loro recettori. Il sistema è presente in tutto il corpo umano e aiuta a regolare aspetti cruciali della nostra salute, come il nostro sistema immunitario e nervoso.

Gli endocannabinoidi sono lipidi che agiscono come una sorta di neurotrasmettitore. Principalmente attivano i recettori cerebrali CB1 e CB2. CB1 può essere trovato in diverse aree del cervello, tra cui la neocorteccia, l’ippocampo, l’amigdala, il cervelletto e l’ipotalamo. Queste aree del cervello sono note per essere coinvolte in reazioni emotive e comportamentali, omeostasi, apprendimento, memoria e processo decisionale.

Patel ha precedentemente studiato il ruolo dei recettori del cervello endocannabinoide e ha individuato il recettore CB1 come un ruolo chiave nell’ansia. Patel e il suo team hanno localizzato i recettori CB1 nell’amigdala del cervello e hanno scoperto che se questo recettore viene bloccato o il gene che lo codifica viene eliminato, l’ansia aumenta.

Inoltre, in uno studio separato, Patel e colleghi hanno dimostrato che l’endocannabinoide 2-arachidonoilglicerolo (2-AG) ha anche un ruolo fondamentale nella regolazione del comportamento emotivo. Utilizzando un modello di topo, hanno dimostrato che i topi che avevano una quantità inferiore di 2-AG avevano maggiori probabilità di comportarsi in un modo che suggerisce ansia e depressione, mentre un aumento del livello della sostanza chimica ha avuto l’effetto opposto.

L’aumento dei livelli di 2-AG migliora la risposta allo stress

In questo ultimo studio, Patel e il team hanno testato gli effetti dell’aumento e della diminuzione dell’offerta di endocannabinoide 2-AG sulla resistenza allo stress dei topi.

I ricercatori hanno scoperto che l’aumento della fornitura di 2-AG è correlato a un fenotipo resiliente allo stress e aumenta la capacità di recupero dello stress nei topi che prima erano vulnerabili allo stress. Al contrario, privandoli della sostanza chimica o bloccandone i recettori, i topi che prima erano resistenti allo stress erano più suscettibili allo stress.

Inoltre, l’esaurimento di 2-AG specificamente nell’amigdala ha dimostrato di ostacolare il processo di adattamento a stress ripetuto.

Lo studio suggerisce che le carenze nei cannabinoidi naturali potrebbero comportare una predisposizione allo sviluppo di PTSD e depressione, mentre il potenziamento di questo sistema di segnalazione potrebbe rappresentare un nuovo approccio terapeutico per questi disturbi legati allo stress”.

Dr. Sachin Patel

I ricercatori hanno anche scoperto che una bassa dose di tetraidrocannabinolo – il composto attivo nella cannabis – ha promosso la capacità di resistenza allo stress e ridotto i sintomi ansiosi nei topi che prima erano vulnerabili allo stress.

Tuttavia, l’uso della cannabis nel trattamento dei disturbi d’ansia può avere effetti avversi, come la dipendenza e il deterioramento cognitivo.