Come una nuova proteina può combattere il cancro

La ricerca di Breaking pubblicata sulla rivista Nature descrive una nuova proteina anti-cancro. La scoperta potrebbe aiutare a individuare il cancro in precedenza e trattarlo in modo più efficace.
np

Utilizzando tecniche di taglio, i ricercatori svizzeri trovano una nuova proteina anticancro.

Ogni anno, circa 31.000 persone negli Stati Uniti sviluppano un cancro al fegato , noto anche come epatocellularecarcinoma.

E circa 24000 persone moriranno a causa della malattia.

Preoccupantemente, negli ultimi decenni, i tassi di cancro al fegato sono aumentati in modo significativo. Infatti, negli Stati Uniti, sono triplicati dagli anni ’80.

Attualmente è considerata la causa di morte per cancro negli Stati Uniti in rapida crescita. Mentre i tassi di sopravvivenza sono migliorati, solo 1 persona su 5 sopravvive per più di 5 anni dopo la diagnosi.

Spesso, il cancro del fegato viene diagnosticato in una fase relativamente avanzata. A questo punto, il fegato è già gravemente danneggiato e la prognosi è generalmente scarsa. Trovare un modo per rilevare la malattia in precedenza potrebbe migliorare significativamente le prospettive per le persone con cancro al fegato.

Di recente, gli scienziati dell’Università di Basilea in Svizzera, guidati dal prof. Michael N. Hall, hanno fatto qualche passo avanti in questo problema. Il loro lavoro potrebbe aiutare a diagnosticare l’epatocellularcarcinoma prima e, eventualmente, migliorare il trattamento. Le loro scoperte sono state pubblicate all’inizio di questa settimana.

La caccia ai soppressori del tumore

Nel cancro, le cellule mutate crescono e si diffondono in modo incontrollato. I soppressori del tumore sono proteine ​​anti-cancro che bloccano questa crescita cellulare fuori controllo. Nelle cellule tumorali, i soppressori tumorali non funzionano come dovrebbero.

Alla ricerca di queste elusive molecole che combattono il tumore, i ricercatori si sono concentrati su un modello murino di epatocellularcarcinoma.

Hanno analizzato oltre 4.000 proteine ​​distinte nel tessuto tumorale e le hanno confrontate con tessuti sani. Una proteina si distingue dalla massa: istidina fosfatasi LHPP.

L’autore del primo studio Sravanth Hindupur osserva: “È sorprendente che l’LHPP sia presente nei tessuti sani e completamente assente nel tessuto tumorale”.

Hanno scoperto che senza LHPP, la crescita del tumore è stata promossa nei topi e il tasso di sopravvivenza è diminuito. Al contrario, reintroducendo l’informazione genetica per LHPP, la crescita tumorale è stata prevenuta e la funzionalità epatica è stata mantenuta.

I ricercatori ritengono inoltre che l’LHPP potrebbe essere utile come biomarker per il cancro del fegato. E, se questo è il caso, la malattia potrebbe essere catturata prima e trattata in modo più efficace.

Al fine di indagare ulteriormente su questa relazione, gli scienziati hanno misurato l’LHPP in pazienti con cancro al fegato umano. Hindupur spiega: “Simile al modello murino, abbiamo visto anche una notevole riduzione dei livelli di LHPP nei tumori di pazienti con cancro al fegato”.

Hanno inoltre dimostrato che l’aspettativa di vita e la gravità della malattia sono entrambe correlate ai livelli di LHPP. In individui che non avevano affatto LHPP misurabile, l’aspettativa di vita era di 2 anni più breve. Quindi, LHPP può anche svolgere un ruolo chiave nel valutare la gravità di ogni caso specifico di cancro al fegato.

La questione della fosforilazione

Una proteina può essere fosforilata dopo che è stata prodotta. Ciò significa che viene aggiunto un gruppo fosfato. La fosforilazione influisce sul modo in cui una proteina funziona, ad esempio attivandola o disattivandola.

Anche se questo tipo di reazione chimica è noto per essere importante in una serie di malattie , tra cui il cancro , è stato difficile studiare fino a poco tempo fa.

Tony Hunter, del Salk Institute negli Stati Uniti, ci ha fornito nuovi strumenti per analizzare la fosforilazione dell’istidina e ora siamo in grado di visualizzare un nuovo livello di complessità nella formazione dei tumori”.

Sravanth Hindupur

LHPP è una fosfatasi che rimuove i gruppi fosfato dall’istino acido istidina nelle proteine. Se LHPP è assente, c’è un aumento generale dei livelli di fosforilazione. Questo innesca percorsi che portano alla crescita e proliferazione cellulare incontrollata, incoraggiando così la crescita del tumore.

I ricercatori sperano che le loro scoperte aiuteranno a diagnosticare il tumore del fegato prima in modo che il trattamento possa iniziare prima.

È anche possibile che LHPP abbia una mano in altri tipi di cancro, quindi i suoi potenziali benefici possono allungarsi ad altri tipi di cancro nel tempo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...