Bicarbonato di sodio: un trattamento sicuro e facile per l’artrite?

Il bicarbonato di sodio è stato usato come rimedio domestico per generazioni a causa delle sue proprietà antiacido. Tuttavia i suoi benefici sono ancora più profondi e una nuova ricerca potrebbe spiegare perché è un aiuto efficace nel trattamento delle malattie autoimmuni come l’artrite.
bicarbonato di sodio

In che modo questa graffatura in cucina cambia la risposta infiammatoria del corpo?

Il bicarbonato di sodio, chiamato anche bicarbonato di sodio, è un alimento da cucina comunemente utilizzato come agente lievitante per dolci.

Detto questo, si è anche fatto un nome come rimedio casalingo per varie condizioni. Mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio è spesso preso per alleviare il bruciore di stomaco o il reflusso acido , per esempio, e questa sostanza è anche usata per sbiancare i denti.

In un nuovo studio, le cui scoperte sono ora pubblicate su The Journal of Immunology , i ricercatori del Medical College of Georgia dell’Università di Augusta rivelano esattamente come l’assunzione di una soluzione di bicarbonato di sodio potrebbe innescare il sistema immunitario da malattie infiammatorie, come l’artrite reumatoide .

Paul O’Connor, un fisiologo renale dell’Università di Augusta, e colleghi hanno testato gli effetti che l’assunzione di una soluzione di bicarbonato di sodio avrebbe avuto, prima sui ratti e poi sugli esseri umani.

I loro esperimenti raccontano una storia complessa di come questo sale fornisce un segnale a un particolare tipo di cellula chiamata “cellule mesoteliali”, dicendo loro che il corpo sta bene e non è sotto attacco, rendendo inutile un sistema immunitario aggressivo. Pertanto, vengono evitate risposte autoimmuni dannose.

Bicarbonato di sodio e cellule mesoteliali

Le cellule mesoteliali rivestono gli organi interni e molte altre cavità nel corpo. Non solo impediscono agli organi e agli altri tessuti interni di aderire, ma servono anche altre funzioni, non tutte studiate in dettaglio.

Nel nuovo studio, O’Connor e il team hanno testato l’effetto che una soluzione di bicarbonato di sodio avrebbe prima sui ratti, e poi su soggetti umani sani, e hanno notato che ha influenzato un meccanismo intrigante.

Il bicarbonato di sodio “stimola” lo stomaco a produrre più acido gastrico, che gli consente di digerire il cibo più velocemente e più facilmente. Ma, oltre a questo, sembra anche dire alle cellule mesoteliali che rivestono la milza di “prendersela comoda”, perché non c’è nessuna minaccia.

Fondamentalmente, nelle parole di O’Connor, le cellule mesoteliali apprendono che “è più probabile che un hamburger non sia un’infezione batterica”. Quindi, a loro volta, non attivano l'”esercito” di milza di macrofagi o globuli bianchi incaricati di eliminare i detriti cellulari potenzialmente dannosi.

“Certamente bere bicarbonato influenza la milza e pensiamo che sia attraverso le cellule mesoteliali”, spiega O’Connor.

Le cellule mesoteliali comunicano con gli organi che si allineano usando piccole proiezioni chiamate microvilli, e il mezzo attraverso il quale mandano il loro messaggio è il neurotrasmettitore acetilcolina .

“Da infiammatorio a antiinfiammatorio”

Quindi cosa succede realmente? Gli autori dello studio osservano che coloro che hanno bevuto la soluzione di bicarbonato di sodio hanno subito un cambiamento nel tipo di cellule immunitarie attivate nella milza. Infatti, i macrofagi pro-infiammatori (M1) diminuivano di numero, mentre i livelli delle cellule anti-infiammatorie (M2) aumentavano.

Gli stessi tipi di cellule sono anche alloggiati nel sangue e nei reni, e il bicarbonato di sodio è usato per il trattamento della malattia renale cronica . Questa idea ha spinto gli autori del nuovo studio ad esplorare i meccanismi attraverso i quali questa sostanza potrebbe aiutare a migliorare la funzionalità renale.

“Abbiamo iniziato a pensare, come fa il bicarbonato a rallentare la progressione della malattia renale?” dice O’Connor.

Inizialmente, i ricercatori hanno analizzato gli effetti della soluzione di bicarbonato di sodio su un modello di ratto di malattia renale, e poi di nuovo su ratti sani, che fungevano da campione di controllo.

Questo è quando i ricercatori hanno notato che i livelli delle cellule M1 nei reni sono diminuiti, mentre quelli delle cellule M2 sono aumentati.

Entrambi i ratti con malattia renale e ratti sani hanno presentato lo stesso sviluppo. Ed è stato questo cambiamento a sottolineare l’idea che il bicarbonato di sodio potrebbe influenzare la risposta infiammatoria a livello cellulare.

Quando i ricercatori reclutarono studenti di medicina sani e chiesero loro di bere la soluzione di bicarbonato di sodio, divenne evidente l’effetto antinfiammatorio di questa sostanza avvenuta nella milza e nel sangue.

Il passaggio dal profilo infiammatorio a quello anti-infiammatorio sta avvenendo dappertutto, lo abbiamo visto nei reni, l’abbiamo visto nella milza, ora lo vediamo nel sangue periferico”.

Paul O’Connor

‘Modo sicuro per curare le malattie infiammatorie’?

Una delle principali rivelazioni degli autori fu il fatto che erano le cellule mesoteliali a mediare i segnali antinfiammatori.

Una teoria di lavoro esistente era che i segnali venivano trasmessi alle cellule pertinenti attraverso il nervo vago , un lungo nervo cranico che comunica con il cuore, i polmoni e vari organi nell’addome.

Ma gli esperimenti hanno rivelato che questa idea non era corretta. Quando gli scienziati hanno provato a tagliare questo nervo, questo non ha influenzato il comportamento delle cellule mesoteliali. Invece, è diventato evidente che queste cellule avevano una comunicazione più diretta con gli organi allineati di quanto si pensasse in precedenza.

O’Connor e il suo team sono venuti a conoscenza di questo quando hanno notato che il movimento delle cellule mesoteliali affette dalla milza che lo rivestivano e che i segnali che modulavano la risposta infiammatoria erano andati persi.

“Pensiamo che i segnali colinergici (acetilcolina) che sappiamo mediare questa risposta antinfiammatoria non provengano direttamente dal nervo vagale innervando la milza, ma dalle cellule mesoteliali che formano queste connessioni alla milza”, spiega O’Connor.

I risultati cominciano a fornire una risposta sul motivo per cui il bicarbonato di sodio può aiutare con le malattie autoimmuni, tra cui l’ artrite , e ulteriori ricerche su questi meccanismi potrebbero aiutare a ottimizzare i risultati ottenuti attraverso questo composto comune.

“È potenzialmente un modo veramente sicuro per curare le malattie infiammatorie”, conclude O’Connor.

Annunci

Il bicarbonato di sodio può curare le infezioni del tratto Urinario? Farmajet news

Molti rimedi casalinghi pretendono di sbarazzarsi delle infezioni del tratto urinario ma, spesso, non ci sono ricerche per sostenerli. Quindi, è vero che il bicarbonato di sodio può aiutare a trattare queste condizioni?

Un’infezione del tratto urinario (UTI) è un’infezione in qualsiasi parte del tratto urinario, tra cui la vescica, uretra, ureteri e reni. Le UTI sono tra le infezioni più comuni trattate nei pronto soccorso.

Alcune persone presentano UTI ricorrenti, che li spingono a cercare alternative ai farmaci antibiotici. Bere una piccola quantità di bicarbonato di sodio, o bicarbonato di sodio, mescolato con acqua è un rimedio a casa che alcune persone hanno provato per UTI.

Ma c’è poca ricerca sull’efficacia del bicarbonato di sodio per le UTI, e potrebbe non essere sicuro da usare per tutti. Continuate a leggere per saperne di più su questo rimedio, altri rimedi casalinghi e trattamenti medici per sbarazzarsi di UTIs.

Prendendo il bicarbonato di sodio per un UTI

bicarb

Il bicarbonato di sodio può neutralizzare l’acido nelle urine. Tuttavia, questo trattamento potrebbe rappresentare un rischio significativo per la salute se usato in modo errato.

Si dice che il bicarbonato di sodio neutralizzi l’acido nelle urine, che presumibilmente riduce i sintomi di un UTI e permette al corpo di combattere i batteri che causano l’infezione.

Le persone che sostengono questo rimedio affermano anche che il bicarbonato di sodio può impedire all’infezione di diffondersi ai reni.

Ma ci sono poche prove che suggeriscono che il bicarbonato di sodio può curare un UTI, anche se alcune persone potrebbero segnalare che riduce il loro disagio e l’urgenza.

È sicuro?

Le persone devono ricordare che il bicarbonato di sodio può essere molto dannoso se assunto in modo errato. Inoltre, la ricerca non supporta l’uso del bicarbonato di sodio come trattamento efficace per le infezioni del tratto urinario.

Il California Poison Control System riportò su 192 casi di abuso di bicarbonato di sodio, e quasi il 5% di questi erano legati a persone che stavano cercando di trattare un UTI.

La maggior parte delle persone in questo studio ha richiesto cure mediche dopo aver provato a usare il bicarbonato di sodio. Alcune delle complicazioni riscontrate includevano gravi squilibri elettrolitici e acidi o di base e depressione respiratoria .

Inoltre, i ricercatori di questo studio avvertono che l’uso del bicarbonato di sodio come rimedio casalingo può indurre le persone a ritardare le cure mediche, il che può portare a un peggioramento dei sintomi e ad ulteriori complicazioni.

Le complicazioni legate all’assunzione di troppo bicarbonato includono:

  • diarrea
  • nausea
  • mal di stomaco
  • vomito
  • convulsioni
  • coma
  • Morte

Altri rimedi casalinghi per UTI

bicarb2

Bere molta acqua è raccomandato per le persone con una UTI.

Alcune persone amano provare i rimedi casalinghi per trattare le infezioni del tratto urinario, probabilmente a causa delle crescenti preoccupazioni per i batteri resistenti agli antibiotici, oltre alle preoccupazioni sulle reazioni avverse causate dagli antibiotici.

Mentre i rimedi casalinghi possono funzionare per alcune persone, altri dovranno usare trattamenti medici in combinazione con alcuni dei metodi aggiuntivi elencati di seguito.

Possibili rimedi casalinghi aggiuntivi per le UTI includono:

Cambiamenti nella dieta

Una persona con una UTI dovrebbe bere molta acqua. Questo diluisce l’urina, rendendola meno acida, mentre aiuta anche a scovare i batteri dal tratto urinario.

Diversi alimenti e bevande possono irritare una vescica sensibile e le persone dovrebbero evitare questi se hanno una UTI. Alcuni dei peggiori includono:

  • alcool
  • caffeina
  • agrume
  • bibite gassate
  • spezie

Succo di mirtillo

Il succo di mirtillo è un rimedio domestico popolare per l’UTI. L’ingestione di succo di mirtillo ha dimostrato di abbassare l’acidità delle urine.

Tuttavia, diversi test clinici hanno testato il succo di mirtillo per la prevenzione delle UTI, ma i risultati sono inconcludenti e gli studi hanno diversi limiti.

Tuttavia, alcune persone trovano sollievo dai loro sintomi dopo aver bevuto succo di mirtillo. Dovrebbero scegliere un succo senza zucchero dove possibile, e smettere di bere se provoca diarrea o mal di stomaco .

Il succo di mirtillo dovrebbe essere evitato da persone che assumono farmaci che fluidificano il sangue, come il warfarin.

Oli essenziali

Gli oli essenziali possono aiutare a trattare alcuni tipi di infezioni batteriche.

Ad esempio, uno studio suggerisce che l’olio di citronella può combattere diversi patogeni comuni, tra cui l’ Escherichia coli ( E. coli ), che è il batterio responsabile della maggior parte delle infezioni del tratto urinario.

Si consiglia alle persone di parlare con un medico prima di utilizzare olii essenziali per il trattamento di una UTI.

È essenziale ricordare che gli oli essenziali non devono essere ingeriti. Devono essere inalati attraverso un diffusore, o applicati sulla pelle in una forma diluita, usando un olio vettore.

Il trattamento di prima linea per un UTI è un farmaco antibiotico. Questo può essere usato insieme ai rimedi casalinghi per curare i sintomi o curare l’infezione.

antibiotici

Il tipo di antibiotici prescritti da un medico varierà a seconda dei batteri presenti nelle urine e della storia clinica e dello stato di salute dell’individuo.

Per una UTI semplice, possono essere usati i seguenti antibiotici:

  • Ceftriaxone (Rocephin)
  • Cephalexin (Keflex)
  • Fosfomycin (Monurol)
  • Nitrofurantoina (Macrodantin, Macrobid)
  • Sulfametossazolo / trimetoprim (Bactrim, Sulfatrim)

Nella maggior parte dei casi, le persone vedranno i loro sintomi migliorare entro pochi giorni e l’infezione si risolve in una settimana circa.

Infezioni frequenti o complicate possono richiedere diversi tipi di trattamento. Spesso, un medico suggerirà:

  • antibiotici a basso dosaggio per 6 mesi o più
  • antibiotici monodose dopo l’attività sessuale se le infezioni sono causate da rapporti sessuali
  • terapia estrogenica vaginale per donne in postmenopausa

L’ospedalizzazione e il trattamento con antibiotici per via endovenosa sono talvolta necessari per le UTI gravi. In tutti i casi, le persone devono finire tutti i farmaci, come prescritto.

Farmaci da banco

Se il dolore e il disagio di un UTI stanno interferendo con la qualità della vita e le attività quotidiane di una persona, un medico può raccomandare un farmaco chiamato fenazopiridina (Baridium, Pyridium) da utilizzare insieme ad altri trattamenti.

Questo farmaco cambierà spesso il colore dell’urina di una persona in arancione brillante o rosso e può macchiare la biancheria intima. Potrebbe anche causare la decolorazione delle lenti a contatto.

La fenazopiridina è un farmaco antidolorifico che intorpidisce la vescica e l’uretra in modo che la minzione diventi meno dolorosa. Tuttavia, non cura l’UTI ma allevia i sintomi.

Prevenzione

bicarb3

Prevenire le UTI può essere possibile cambiando i metodi di controllo delle nascite.

Le persone che sono a rischio di UTI possono prendere certe misure per impedire che si sviluppino in prima istanza.

Facendo quanto segue, un individuo può aiutare a prevenire un’infezione del tratto urinario:

  • evitare l’uso di sapone, dosi vaginali e altri prodotti per l’igiene femminile nell’area genitale
  • considerare la possibilità di cambiare imetodi di controllo delle nascite , perché i diaframmi e i preservativi trattati con spermicidi possono causare una crescita batterica
  • evitare di tenere l’urina nella vescica più a lungo del necessario
  • rimanere idratati bevendo molta acqua
  • fai una doccia invece di un bagno
  • urinare prima e dopo i rapporti sessuali
  • asciugare e lavare bene dopo il rapporto

Per le donne, è anche consigliabile pulire da davanti a dietro dopo essere andati in bagno, per evitare che i batteri si diffondano dall’ano alla vagina e all’uretra.

Complicazioni di UTI non trattate

Le UTI raramente causano complicazioni se diagnosticate tempestivamente e trattate in modo appropriato.

Tuttavia, le UTI non trattate possono portare a quanto segue:

  • danno renale permanente
  • UTI ricorrenti, specialmente nelle donne
  • rischio di basso peso alla nascita o neonati prematuri in donne in gravidanza
  • sepsi , una condizione potenzialmente pericolosa per la vita
  • restringimento uretrale o stenosi negli uomini

Porta via

Il bicarbonato di sodio può alleviare i sintomi di un UTI in alcune persone. Tuttavia, questo trattamento può comportare un rischio significativo per la salute, quindi è importante parlare con un medico prima di considerare l’uso del bicarbonato di sodio per un UTI.

Una diagnosi tempestiva e trattamenti appropriati riducono il rischio di complicanze associate alle UTI.

 

FARMAJET CONSIGLIA IL PROSTADIN per le infezioni urinarie recidive

11 Rimedi per eliminare i denti gialli

È naturale che i denti di una persona diventino meno bianchi man mano che invecchiano. Molte persone si rivolgono a rimedi casalinghi per cercare di sbarazzarsi di denti gialli. Ma quali trattamenti sono più efficaci?

Questo articolo esplora come sbarazzarsi di denti gialli e guarda 11 rimedi da provare a casa. Includiamo anche gli studi scientifici che supportano ciascuno dei rimedi.

Fatti veloci sui denti gialli:

  • Quando lo smalto sui denti si consuma, la dentina giallastra inizia a mostrare.
  • Un modo semplice per ridurre lo scolorimento dei denti è quello di lavarli frequentemente.
  • Quando le persone invecchiano, i loro denti diventeranno naturalmente leggermente scoloriti.

11 modi per sbarazzarsi di denti gialli

Qui ci sono 11 modi che possono aiutare a sbarazzarsi di denti gialli a casa. Queste sono un’alternativa alle opzioni di sbiancamento dei denti che un dentista può offrire.

1. Spazzolare frequentemente

denti1

Ci sono varie opzioni di sbiancamento dei denti che possono essere provate a casa o offerte dai dentisti.

Questo è più importante dopo aver consumato cibi o bevande che potrebbero scolorire i denti, come ad esempio:

  • vino rosso
  • caffè
  • mirtilli
  • barbabietola

Ecco alcuni spazzolini da denti, consigli sulle migliori pratiche:

  • spazzola due o tre volte al giorno
  • spazzola per 2 o 3 minuti alla volta
  • assicurati di spazzolare ogni superficie di ogni dente
  • fare movimenti circolari quando si lava
  • evitare di spazzolare le gengive o spazzolarle delicatamente
  • assicurati di raggiungere i denti nella parte posteriore della bocca

2. Sbiancante dentifricio

Il dentifricio sbiancante può aiutare a ridurre l’ingiallimento dei denti e migliorare la bianchezza. Questi prodotti contengono ingredienti più resistenti rispetto al normale dentifricio, aiutando a rimuovere le macchie di cibo resistenti.

Il dentifricio sbiancante non contiene candeggina ma può contenere una piccola quantità di perossido di carbamide o perossido di idrogeno. Queste sostanze chimiche aiutano ad alleggerire il colore dei denti.

Secondo uno studio del 2014 , il dentifricio sbiancante tipicamente alleggerisce il colore dei denti di una o due tonalità.

3. Sbiancanti per denti con il Bite

Alcuni dentisti offrono lo sbiancamento dei denti con un Bite, ma le versioni domestiche sono disponibili anche da banco. Gli sbiancanti per denti a base di Bite possono alleggerire i denti di una o due tonalità .

Questo metodo di sbiancamento dei denti comporta l’uso di un Bite montato sopra i denti. Il Bite contiene un gel sbiancante e viene indossato per 2 o 4 ore al giorno o durante la notte .

È importante cercare prodotti contenenti il 10% di perossido di carbamide. Questi sono raccomandati come sicuri dall’American Dental Association (ADA) .

4. Strisce sbiancanti

Strisce sbiancanti forniscono un sottile strato di gel perossido su strisce di plastica. Questi sono sagomati per adattarsi alla superficie dei denti.

Esiste una gamma di prodotti di sbiancamento disponibili online e le relative istruzioni variano. La maggior parte suggerisce che dovrebbero essere applicati due volte al giorno per 30 minuti.

Le strisce possono alleggerire i denti di una o due tonalità . Detto questo, uno studio del 2016 osserva che non ci sono prove che le strisce sbiancanti siano più efficaci del 10% di gel al perossido di carbammide. L’uso del gel al perossido di carbamide è il metodo raccomandato da ADA .

5. Sbiancamento dei risciacqui

I risciacqui sbiancanti sono un altro modo per sbarazzarsi dei denti gialli. Contengono fonti di ossigeno come il perossido di idrogeno. Questi reagiscono con i composti che macchiano i denti, aiutandoli a sollevarli.

L’uso di un risciacquo due volte al giorno per 1 minuto alla volta può portare a un miglioramento da uno a due del colore dei denti entro 3 mesi.

6. Carbone attivo

Dentifricio che contiene carbone attivo può aiutare a ridurre la colorazione sui denti.

Una recensione del 2017 ha rilevato che i dentifrici al carbone possono aiutare a rimuovere la colorazione esterna sui denti. Sono necessari ulteriori studi sull’entità o sul tasso di rimozione delle macchie che ci si può aspettare.

I dentifrici al carbone dovrebbero essere usati con cautela, poiché possono causare macchie. Il carbone di legna può essere difficile da rimuovere dalle fessure dei denti e intorno ai restauri.

7. Bicarbonato di sodio e perossido di idrogeno

L’uso di un dentifricio contenente bicarbonato di sodio e perossido di idrogeno può aiutare a ridurre l’ingiallimento dei denti. È possibile fare una pasta a casa mescolando 1 cucchiaio da tavola di bicarbonato di sodio con 2 cucchiai di perossido di idrogeno.

Uno studio del 2012 ha rilevato che l’uso di un dentifricio contenente bicarbonato di sodio e perossido di idrogeno riduce la colorazione dei denti e migliora la bianchezza.

8. Vitamina C

Uno studio del 2007 ha rilevato che la carenza di vitamina C può peggiorare la peridontite, che è un accumulo di batteri sui denti e sulle gengive. Questo accumulo contribuisce allo scolorimento.

Ne consegue che il mantenimento della vitamina C può ridurre lo scolorimento dei denti. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire se il consumo di vitamina C possa avere un effetto sbiancante sui denti.

9. enzimi della frutta

Quando vengono aggiunti al dentifricio, alcuni enzimi della frutta possono combattere lo scolorimento.

Uno studio del 2012 ha rilevato che il dentifricio contenente enzimi papaici dal frutto della papaia e l’enzima di bromelina proveniente dall’ananas aiuta a rimuovere le macchie dei denti.

10. Aceto di sidro di mele

Quando viene utilizzato in piccole quantità, l’aceto di mele può ridurre la colorazione sui denti e migliorare la bianchezza.

Uno studio del 2014 ha rilevato che l’aceto di sidro di mele ha un effetto sbiancante sui denti. Va notato, tuttavia, che si trattava di uno studio sugli animali.

L’aceto di mele può danneggiare la superficie dei denti se usato troppo spesso. Sono necessarie ulteriori ricerche sull’uso dell’aceto di mele, come sbiancante per i denti. Nel frattempo, dovrebbe essere usato con parsimonia e con cautela.

11. Estrazione di olio di cocco

Uno studio del 2015 ha rilevato che l’estrazione di olio o di schiuma in bocca con olio di cocco potrebbe essere un modo efficace per ridurre l’accumulo di placca sui denti. Poiché l’accumulo di placca può contribuire all’ingiallimento, ne consegue che l’estrazione di olio di cocco può ridurre lo scolorimento.

Sono necessarie ulteriori ricerche sulla trazione dell’olio di cocco per stabilire in quale misura possa aiutare a sbiancare i denti.

Perché i denti diventano gialli?

denti3

Spazzolare e usare regolarmente il collutorio contribuirà a ridurre l’accumulo di placca.

Quando una persona invecchia, lo smalto bianco sui denti si consuma. Quando ciò accade, il tessuto calcificato sottostante inizia a mostrare attraverso. Questo tessuto è chiamato dentina e ha un colore giallastro.

I denti possono diventare gialli per i seguenti motivi:

  • composti che macchiano la superficie
  • l’accumulo di placca dà una sfumatura gialla
  • lo smalto si consuma e la dentina passa attraverso

L’ultima causa è difficile da prevenire, in quanto è una parte naturale del processo di invecchiamento. Tuttavia, la colorazione può essere ridotta evitando:

  • caffè
  • vino rosso
  • barbabietola
  • mirtilli
  • fumo
  • tabacco da masticare

L’accumulo di placca può essere ridotto da:

  • evitando cibi zuccherini o ricchi di carboidrati
  • spazzolando regolarmente
  • usando il collutorio

Porta via

È naturale che i denti diventino leggermente gialli mentre una persona invecchia e il loro smalto si consuma.

Lo scolorimento causato dall’accumulo di placca può essere ridotto mediante una normale spazzolatura. Evitare cibi che possono macchiare i denti è anche una buona idea.

Per alleggerire l’aspetto dei denti, provare i rimedi casalinghi esplorati sopra può aiutare. Il modo migliore per mantenere i denti sani è attraverso la dieta e una buona routine di igiene orale.