L’analisi del sangue può identificare l’Alzheimer 2 decenni prima dei sintomi

Un esame del sangue può identificare la proteina che si accumula nel cervello delle persone con Alzheimer quasi 20 anni prima che compaiano i sintomi, un nuovo studio mostra.
ricercatore alz.jpg

Un semplice esame del sangue potrebbe presto prevedere i sintomi della malattia di Alzheimer decenni prima che compaiano.

Lo studio ha scoperto che l’esame del sangue era ancora più sensibile nel rilevare l’accumulo di proteine ​​beta-amiloidi nel cervello rispetto all’attuale gold standard, che è una scansione cerebrale in PET.

I ricercatori della Washington University School of Medicine (WUSTL) di St. Louis, MO, hanno condotto lo studio, che appare sulla rivista Neurology .

La prima autrice, la dott.ssa Suzanne Schindler, assistente professore di neurologia, guidò i ricercatori, che per primi svilupparono una versione di questo test un paio di anni fa.

Il test utilizza la spettrometria di massa su campioni di sangue per rilevare la presenza di due forme della proteina beta-amiloide: beta-amiloide 42 e beta-amiloide 40. Quando i depositi di beta-amiloide nel cervello iniziano ad accumularsi, il rapporto tra i due le forme della proteina diminuiscono. L’analisi del sangue può rilevare questo cambiamento.

Lo studio ha coinvolto 158 adulti che avevano almeno 50 anni e tutti tranne 10 avevano una normale funzione cognitiva. Per lo studio, ogni persona ha avuto un esame del sangue e ha subito una scansione del cervello PET. Il team ha classificato ogni test come amiloide positivo o amiloide negativo e, nell’88% dei casi, i risultati erano concordanti.

Gli autori dello studio volevano vedere se potevano affinare questi risultati e migliorare l’accuratezza dell’analisi del sangue.

Hanno esaminato i principali fattori di rischio dell’Alzheimer, tra cui l’età, una specifica variante genetica e il sesso biologico. Mentre quest’ultimo non ha influito sull’accuratezza dei risultati, gli altri due fattori l’hanno notevolmente migliorata.

Quando il team ha preso in considerazione l’età e la variante genetica, insieme ai risultati degli esami del sangue, la precisione è salita al 94%.

La diagnosi precoce è vitale nell’Alzheimer

È importante sottolineare che i ricercatori inizialmente hanno contrassegnato i risultati degli esami del sangue di alcuni partecipanti come falsi positivi perché le loro scansioni PET erano negative e quindi i risultati non corrispondevano.

Quando i ricercatori hanno seguito alcuni anni dopo, hanno scoperto che alcuni di questi individui avevano avuto risultati positivi nei test su scansioni cerebrali successive.

Questa scoperta suggerisce che alcuni dei primi esami del sangue erano più sensibili delle scansioni del cervello nel rilevare la malattia nelle sue prime fasi.

La malattia di Alzheimer è un disturbo cerebrale irreversibile e progressivo che causa problemi di memoria, che diventano gravi nel tempo. Una graduale riduzione delle capacità di pensiero di solito accompagna questo sintomo.

Le persone con la malattia alla fine perdono la capacità di svolgere le loro attività quotidiane e l’Alzheimer è attualmente la sesta causa di morte in Italia.

La malattia di Alzheimer si sviluppa a seguito di progressivi cambiamenti nel cervello. Prima che compaiano sintomi evidenti, un accumulo di proteine ​​crea placche amiloidi e grovigli di tau, entrambi i quali portano a gravi problemi per i neuroni.

Lentamente, queste cellule cerebrali perdono connessioni l’una con l’altra e alla fine muoiono.

I primi sintomi dell’Alzheimer includono problemi di memoria che iniziano a interferire con la normale funzione. A volte, quelli con Alzheimer precoce hanno anche difficoltà di movimento e un alterato senso dell’olfatto.

Con il progredire della malattia, i problemi di memoria diventano più gravi. Inoltre, il declino cognitivo di una persona può farli perdere, perdere la capacità di gestire il denaro e avere cambiamenti di personalità e comportamento.

Future possibilità di trattamento

Il trattamento mira a mantenere la funzione mentale e a gestire il comportamento, ma sono in corso ricerche su trattamenti migliori che possano rallentare la progressione della malattia in modo più efficace.

Anche la diagnosi precoce è cruciale, poiché il risultato è spesso molto migliore per le persone che ricevono un trattamento precoce.

“In questo momento controlliamo le persone per prove cliniche con scansioni cerebrali, che richiedono molto tempo e denaro, e l’iscrizione ai partecipanti richiede anni”, afferma l’autore senior Dr. Randall J. Bateman, Charles F. e Joanne Knight, distinto professore di neurologia al WUSTL .

Ma con un esame del sangue, potremmo potenzialmente esaminare migliaia di persone al mese. Ciò significa che possiamo iscrivere i partecipanti in modo più efficiente agli studi clinici, il che ci aiuterà a trovare i trattamenti più velocemente e potrebbe avere un impatto enorme sul costo della malattia, poiché così come la sofferenza umana che ne consegue “.

Dr. Randall J. Bateman

Annunci

Quali sono i primi segni di intolleranza al glutine?

L’intolleranza al glutine o la sensibilità al glutine non celiaca, come è anche noto, condividono alcuni degli stessi sintomi della celiachia, ma sono una condizione meno grave. L’intolleranza al glutine può comunque causare un notevole disagio e le persone a volte usano cambiamenti nello stile di vita per cercare di gestire i suoi sintomi.

L’intolleranza al glutine è spesso scambiata per celiachia , ma sono condizioni separate. La celiachia è una grave malattia autoimmune e può danneggiare il sistema digestivo di una persona.

A differenza della celiachia, tuttavia, non è chiaro il motivo per cui si verificano i sintomi dell’intolleranza al glutine, ma non sembra coinvolgere il sistema immunitario o danneggiare il tratto gastrointestinale o gastrointestinale.

Le persone a volte confondono anche l’intolleranza al glutine per un’allergia al grano .

Un’allergia al grano può essere pericolosa per la vita, poiché alcuni sintomi possono compromettere la respirazione o causare una perdita di coscienza, il che non è il caso della celiachia o dell’intolleranza al glutine.

I sintomi dell’intolleranza al glutine sono meno gravi della celiachia o di un’allergia al grano e le persone sanno molto meno della condizione.

Questo articolo delineerà sette sintomi che le persone associano all’intolleranza al glutine e quali alimenti contengono glutine.

Sette sintomi di intolleranza al glutine

Molti di questi sintomi si verificano poco dopo aver consumato glutine. Tuttavia, l’esatta combinazione di sintomi può variare.

Le persone che segnalano intolleranza al glutine notano i seguenti sintomi come alcuni di quelli che si verificano più comunemente quando includono cibi glutinici nella loro normale dieta.

1. Diarrea e costipazione

diarrea celiachia.jpg

I sintomi dell’intolleranza al glutine possono includere costipazione, affaticamento, mal di testa e nausea.

Coloro che segnalano intolleranza al glutine affermano che i sintomi regolari di diarrea e costipazione sono un sintomo comune.

Occasionalmente avere tali problemi digestivi è normale, ma sperimentarli nella maggior parte dei giorni può indicare una condizione di base.

Le persone con celiachia possono anche manifestare diarrea e costipazione. Possono anche avere la cacca che ha un odore particolarmente sgradevole, poiché la condizione provoca un cattivo assorbimento dei nutrienti.

2. Gonfiore

Un altro sintomo molto comune che le persone segnalano in caso di intolleranza al glutine è il gonfiore. Questo si riferisce alla sensazione di stomaco pieno che è scomoda e duratura. È comune anche avvertire un accumulo di gas.

L’eccesso di cibo è la ragione più comune per il gonfiore, ma può accadere per una serie di ragioni diverse. Nelle persone con intolleranza al glutine, la sensazione di gonfiore può verificarsi molto regolarmente e non è necessariamente correlata alla quantità di cibo che mangiano.

3. Dolore addominale

Allo stesso modo, diverse cause possono portare al dolore addominale. Ma, ancora una volta, coloro che segnalano intolleranza al glutine spesso notano di aver provato dolore addominale frequentemente e senza un’altra ragione ovvia.

4. Fatica

La fatica è un altro sintomo che le persone possono trovare difficile da identificare, in quanto può avere molte cause diverse, molte delle quali non sono correlate a nessuna condizione medica.

Le persone con intolleranza al glutine possono avere persistenti sentimenti di stanchezza che compromettono il funzionamento quotidiano.

5. Nausea

Le persone con intolleranza al glutine possono anche provare nausea, in particolare dopo aver consumato un pasto contenente glutine. La nausea può avere molte cause, ma se si verifica spesso dopo aver mangiato il glutine può essere un segno di intolleranza al glutine.

6. Mal di testa

L’esperienza del mal di testa regolare è un altro sintomo che può verificarsi nelle persone con intolleranza al glutine.

7. Altri sintomi

Le persone con intolleranza al glutine possono manifestare molti di questi sintomi su base regolare.

È anche possibile che si verifichino altri sintomi con intolleranza al glutine, sebbene siano meno comuni.

Questi possono includere:

  • dolori articolari e muscolari
  • depressione o ansia
  • confusione
  • forte dolore addominale
  • anemia

Come viene diagnosticata

È essenziale garantire innanzitutto che una condizione più grave, come la celiachia o un’allergia al grano, non sia presente se si sospetta un’intolleranza al glutine.

Il prelievo di un campione di sangue, che viene quindi analizzato per rilevare la presenza di anticorpi che potrebbero indicare la celiachia o un’allergia al grano, può spesso fare questo. In alcuni casi, possono anche essere necessari altri test.

Una volta che un medico ha escluso una condizione più grave, può ancora essere difficile per loro confermare la presenza di intolleranza al glutine, poiché non esistono test per questo.

Il metodo più comune utilizzato dalle persone per determinare se è presente intolleranza al glutine è ridurre o rimuovere il glutine da una dieta e monitorare i cambiamenti nei sintomi.

Può aiutare una persona a tenere un diario alimentare per registrare quali alimenti stanno consumando e quali sintomi stanno avendo.

Alimenti da evitare

pane assortito.jpg

Gli alimenti che contengono glutine includono grano, segale e pasta, tra gli altri.

Le persone che soffrono di intolleranza al glutine cercano di evitare qualsiasi alimento contenente glutine, che include qualsiasi alimento che contenga:

  • grano e qualsiasi suo derivato, come il farro
  • orzo, compreso malto
  • segale
  • lievito di birra che di solito deriva dalla birra

Questa politica di eliminazione esclude molti diversi tipi di alimenti e bevande. Gli alimenti e le bevande più comuni contenenti glutine includono:

  • pasta
  • pane e dolci
  • molti prodotti da forno
  • tagliatelle
  • cracker
  • cereali
  • frittelle, waffle e crepes
  • biscotti
  • molte salse e sughi
  • birre
  • bevande al malto

Dovrei ridurre o eliminare il glutine?

È fondamentale che le persone sappiano che la celiachia colpisce solo circa l’1 percento della popolazione.

Allo stesso modo, alcune stime indicano che la prevalenza dell’intolleranza al glutine è compresa tra lo 0,5% e il 13% della popolazione .

Queste condizioni sono rare, ma i sintomi ad esse associati sono molto diffusi e hanno molte potenziali cause. Ciò significa che può essere facile identificare erroneamente l’intolleranza al glutine.

Il problema è aggravato dalle tendenze dietetiche che suggeriscono che il consumo di glutine abbia conseguenze negative per la salute.

Esistono poche ricerche che suggeriscono che escludere il glutine da una dieta comporterebbe benefici per la salute delle persone che non hanno patologie come la celiachia o un’allergia al grano.

Anche per quelle persone che sono state identificate come intolleranti al glutine non è chiaro quanti benefici ricevano dal seguire una dieta priva di glutine.

Come ridurre l’assunzione di glutine

Mentre le persone con celiachia devono escludere il glutine dalla loro dieta non appena un medico ha diagnosticato la condizione, molte persone con intolleranza al glutine riducono lentamente il consumo di glutine, piuttosto che eliminarlo immediatamente.

Può aiutare se una persona inizia includendo un pasto senza glutine al giorno prima di aggiungerne lentamente di più.

Potrebbe non essere utile per tutti coloro che soffrono di intolleranza al glutine eliminare completamente il glutine dalla propria dieta, poiché i sintomi delle persone possono variare in base alla gravità.

Alcune persone potrebbero essere in grado di consumare piccole quantità di glutine senza manifestare alcun sintomo.

La maggior parte delle persone con intolleranza al glutine, tuttavia, potrebbe voler eliminare gradualmente il glutine dalla propria dieta.

Porta via

Le persone che sospettano di avere un’intolleranza al glutine dovrebbero consultare un medico prima di apportare loro stessi cambiamenti dietetici.

Se qualcuno non ha la celiachia ma si sente meglio quando riduce il consumo di glutine, deve fare attenzione quando apporta cambiamenti dietetici.

La cura è essenziale per evitare conseguenze negative sulla salute, come carenze vitaminiche .

Primo esame del sangue al mondo per celiachia in vista

Gli scienziati hanno identificato biomarcatori che potrebbero costituire la base del primo esame del sangue al mondo per la celiachia. Hanno scoperto che l’esposizione al glutine nelle persone con celiachia provoca un aumento di alcune molecole infiammatorie nel flusso sanguigno che si correla con i sintomi comuni.
esame celiachia.jpg

Una nuova ricerca suggerisce un esame del sangue innovativo per la diagnosi della celiachia.

L’attuale metodo di diagnosi della celiachia può richiedere settimane o mesi. Implica che le persone debbano consumare glutine e sperimentare gli effetti collaterali molto spiacevoli per tutto quel tempo. Un esame del sangue potrebbe ridurre quel tempo a ore.

La società di biotecnologie ImmusanT Inc., di Cambridge, MA, ha guidato il team internazionale dietro la recente scoperta, che compare nella rivista Science Advances .

“Per la prima volta”, afferma l’autore dello studio co-senior Dr. Robert P. Anderson, Chief Scientific Officer di ImmusanT, “abbiamo descritto la reazione infiammatoria che i pazienti con celiachia sperimentano nelle ore immediatamente successive alla loro esposizione al glutine. “

Il dott. Anderson suggerisce che i risultati potrebbero anche portare a metodi che aiutano a individuare le persone senza celiachia – ma che hanno sintomi simili – e guidarli verso trattamenti più adatti.

La celiachia è una condizione permanente che colpisce circa l’ 1% delle persone nei paesi occidentali , secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della gastroenterologia.

Il glutine innesca un attacco autoimmune all’intestino

Le persone con celiachia hanno una reazione immunitaria avversa al glutine, una proteina presente nel grano, nella segale, nell’orzo e negli alimenti che li contengono, come pasta e pane.

La presenza di glutine nell’intestino provoca il sistema immunitario ad attaccare l’intestino tenue. L’attacco danneggia il sistema digestivo e riduce la sua capacità di assorbire i nutrienti, causando una serie di sintomi.

I sintomi della celiachia comprendono gonfiore, diarrea , vomito, presenza di troppo grasso nelle feci (steatorrea), anemia dovuta a carenza di ferro e perdita di peso. Nei bambini, può anche provocare una mancata crescita.

Le persone con celiachia devono seguire una dieta priva di glutine per il resto della loro vita.

Gli esperti suggeriscono che il numero di persone con diagnosi di celiachia non riflette la reale prevalenza della condizione. Credono che molte più persone non vengano diagnosticate.

“Aumento delle molecole infiammatorie”

Il dott. Anderson e i suoi colleghi hanno scoperto che l’iniezione di peptidi di glutine nelle persone con celiachia ha portato a sintomi, come nausea e vomito, nonché a livelli più elevati di determinate molecole del sistema immunitario. I peptidi sono brevi catene di aminoacidi.

“I sintomi spiacevoli associati alla malattia sono collegati ad un aumento delle molecole infiammatorie nel flusso sanguigno, come l’interleuchina-2 (IL-2), prodotta dalle cellule T del sistema immunitario”, spiega.

“Questa risposta è simile a ciò che accade quando è presente un’infezione; tuttavia, per le persone con celiachia, il glutine è il fattore scatenante”, aggiunge.

Gli scienziati di ImmusanT hanno identificato le molecole infiammatorie durante la sperimentazione di un potenziale trattamento per celiaci. Hanno visto come l’iniezione di peptidi di glutine ha portato a sintomi correlati con livelli elevati di marcatori del sangue.

In ulteriori test, i ricercatori hanno anche dimostrato che quando le persone con celiachia consumavano glutine, vivevano lo stesso aumento di IL-2.

Il lavoro sull’utilizzo dei risultati per sviluppare un semplice esame del sangue per la celiachia è già in corso, afferma l’autore dello studio Dr. Jason A. Tye-Din, professore associato e capo della ricerca celiaca presso il Walter and Eliza Hall Institute in Australia.

Il Dr. Tye-Din, che è anche gastroenterologo presso il Royal Melbourne Hospital, aggiunge che “[f] o le molte persone che seguono una dieta priva di glutine senza una diagnosi formale della celiachia, tutto ciò che potrebbe essere richiesto è un esame del sangue prima e 4 ore dopo, un piccolo pasto a base di glutine “.

Questo sarebbe un notevole miglioramento dell’approccio attuale, che richiede alle persone di consumare attivamente glutine per almeno diverse settimane prima di sottoporsi a una procedura invasiva per campionare l’intestino tenue”.

Dr. Jason A. Tye-Din

Quali alimenti riducono la glicemia?

Quando una persona ha il diabete, o il suo corpo non produce abbastanza insulina o non può usare correttamente l’insulina, quindi il glucosio si accumula nel sangue. Alti livelli di glucosio nel sangue possono causare una serie di sintomi, dall’esaurimento alle malattie cardiache.

Un modo per controllare la glicemia è seguire una dieta salutare. In genere, gli alimenti e le bevande che il corpo assorbe lentamente sono i migliori perché non causano picchi e cali nella glicemia.

L’indice glicemico (IG) misura gli effetti di alimenti specifici sui livelli di zucchero nel sangue. Le persone che desiderano controllare i propri livelli dovrebbero scegliere alimenti con punteggi GI bassi o medi.

Una persona può anche abbinare alimenti con punteggi IG bassi e alti per garantire che un pasto sia equilibrato.

Di seguito sono riportati alcuni dei migliori alimenti per le persone che cercano di mantenere livelli sani di zucchero nel sangue.

1. Pane integrale o pane di segale

pane segale.jpg

il pane di segale ha un punteggio GI basso e meno carboidrati rispetto ad altri tipi di pane.

Molti tipi di pane sono ricchi di carboidrati e aumentano rapidamente i livelli di zucchero nel sangue. Di conseguenza, molti pani dovrebbero essere evitati.

Tuttavia, il pane di segale e il pane integrale macinato a pietra al 100% hanno punteggi IG bassi, a 55 o meno sulla scala IG.

Il pane di segale e il pane integrale macinato a pietra hanno punteggi IG inferiori rispetto al pane integrale normale perché gli ingredienti subiscono una lavorazione inferiore.

La lavorazione rimuove i gusci esterni fibrosi di cereali e cereali. La fibra rallenta la digestione e aiuta a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

In uno studio del 2014 , i ricercatori hanno riferito che il farro e la segale hanno entrambi causato basse risposte glicemiche iniziali nei ratti. Hanno anche scoperto che questi antichi tipi di grano, così come il farro e il farro, sopprimevano i geni che promuovono il metabolismo del glucosio.

2. La maggior parte dei frutti

Ad eccezione di ananas e meloni, la maggior parte dei frutti ha punteggi GI bassi di 55 o meno.

Questo perché la maggior parte dei frutti contiene molta acqua e fibre per bilanciare il loro zucchero naturale, che si chiama fruttosio.

Tuttavia, quando i frutti maturano, i loro punteggi GI aumentano. I succhi di frutta hanno anche punteggi GI molto alti perché il succhi rimuove le bucce e i semi fibrosi.

Un ampio studio del 2013 ha scoperto che le persone che consumavano frutta intera, in particolare mirtilli , uva e mele, avevano rischi significativamente più bassi di sviluppare il diabete di tipo 2 .

I ricercatori hanno anche riferito che bere succo di frutta ha aumentato il rischio di sviluppare la condizione.

3. Patate dolci e patate dolci

Le patate normali hanno un punteggio IG elevato, ma le patate dolci e le patate dolci hanno punteggi bassi e sono molto nutrienti.

Alcune ricerche indicano che la polpa della patata dolce contiene più fibre della buccia, indicando che l’intera verdura potrebbe essere benefica per i diabetici .

Riferendo i risultati di uno studio sugli animali, i ricercatori hanno anche notato che il consumo di patate dolci può abbassare alcuni marker del diabete.

Sebbene non vi siano ancora prove conclusive che le patate dolci possano aiutare a stabilizzare o abbassare i livelli di zucchero nel sangue nell’uomo, sono senza dubbio un alimento salutare e nutriente con un basso indice glicemico.

Le persone possono sostituire patate dolci o patate dolci con patate in una varietà di piatti, dalle patatine fritte alle casseruole.

4. Farina d’avena e crusca d’avena

avena.jpg

L’avena contiene B-glucani, che aiutano a mantenere il controllo glicemico.

L’avena ha un punteggio GI di 55 o inferiore, il che rende meno probabile che causino picchi e abbassamenti dei livelli di zucchero nel sangue.

L’avena contiene anche B-glucani, che può fare quanto segue:

  • ridurre le risposte di glucosio e insulina dopo i pasti
  • migliorare la sensibilità all’insulina
  • aiuta a mantenere il controllo glicemico
  • ridurre i lipidi nel sangue (grassi)

Una revisione del 2015 di 16 studi ha concluso che l’avena ha un effetto benefico sul controllo del glucosio e sui profili lipidici nelle persone con diabete di tipo 2. Determinare l’impatto del consumo di avena sul diabete di tipo 1 richiede ulteriori ricerche.

I medici raccomandano ancora che le persone con diabete limitino il loro consumo di farina d’avena perché 1 tazza contiene circa 28 grammi di carboidrati.

5. La maggior parte delle noci

Le noci sono molto ricche di fibre alimentari e hanno punteggi GI di 55 o meno.

Le noci contengono anche alti livelli di proteine ​​vegetali, acidi grassi insaturi e altri nutrienti, tra cui:

  • vitamine antiossidanti
  • fitochimici, come i flavonoidi
  • minerali, tra cui magnesio e potassio

Una revisione sistemica del 2014 ha concluso che il consumo di frutta a guscio potrebbe favorire le persone con diabete.

Come per gli altri alimenti di questo articolo, è meglio mangiare noci il più possibile integre e non trasformate. Le noci con rivestimenti o aromi hanno punteggi GI più alti rispetto alle noci semplici.

6. Legumi

I legumi, come fagioli, piselli, ceci e lenticchie, hanno punteggi GI molto bassi.

Sono anche una buona fonte di nutrienti che possono aiutare a mantenere livelli sani di zucchero nel sangue. Questi nutrienti includono:

  • fibra
  • carboidrati complessi
  • proteina

Uno studio del 2012 ha scoperto che l’incorporazione dei legumi nella dieta ha migliorato il controllo glicemico e ridotto il rischio di malattia coronarica nelle persone con diabete di tipo 2.

Evita i prodotti leguminosi che contengono zuccheri aggiunti e semplici amidi, come quelli di sciroppi, salse o marinate. Queste aggiunte possono aumentare significativamente il punteggio GI di un prodotto.

7. Aglio

L’aglio è un ingrediente popolare nelle medicine tradizionali per il diabete e un’ampia varietà di altre condizioni.

I composti dell’aglio possono aiutare a ridurre la glicemia migliorando la sensibilità e la secrezione dell’insulina.

In uno studio del 2013 , 60 persone con diabete di tipo 2 e obesità hanno assunto la metformina da sola o una combinazione di metformina e aglio due volte al giorno dopo i pasti per 12 settimane. Le persone che hanno assunto metformina e aglio hanno visto una riduzione più significativa dei livelli di zucchero nel sangue a digiuno e post-pasto.

Le persone possono mangiare aglio crudo, aggiungerlo alle insalate o usarlo nei pasti cotti.

8. Pesce d’acqua fredda

pesce acqua fredda.jpg

Il merluzzo bianco non contiene carboidrati e può ridurre il rischio di sviluppare diabete di tipo 2.

Il pesce e le altre carni non hanno punteggi GI perché non contengono carboidrati.

Tuttavia, i pesci d’acqua fredda possono aiutare a gestire o prevenire il diabete meglio di altri tipi di carne.

Uno studio del 2014 ha incluso dati tratti da 33.704 donne norvegesi in un periodo di 5 anni. I ricercatori hanno scoperto che mangiare 75-100 grammi di merluzzo bianco, merluzzo carbonaro, eglefino o pollock ha ridotto il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Tuttavia, i ricercatori non erano sicuri se la riduzione del rischio fosse il risultato diretto del consumo del pesce o se altri fattori di stile di vita salutare, come l’esercizio fisico, avrebbero potuto influenzare i risultati.

9. Yogurt

Mangiare yogurt bianco ogni giorno può ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Gli autori di una grande metanalisi del 2014 hanno concluso che lo yogurt potrebbe essere l’unico prodotto lattiero-caseario che riduce il rischio di sviluppare la condizione. Hanno anche osservato che altri prodotti caseari non sembrano aumentare il rischio di una persona.

I ricercatori non sono ancora sicuri del perché lo yogurt aiuti a ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Tuttavia, lo yogurt bianco è generalmente un alimento a basso indice glicemico. La maggior parte degli yogurt non zuccherati ha un punteggio GI di 50 o meno.

È meglio evitare yogurt zuccherato o aromatizzato, che spesso contengono troppo zucchero per una persona che cerca di abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Lo yogurt alla greca può essere un’alternativa salutare.

Altri modi per abbassare i livelli di zucchero nel sangue

È fondamentale seguire una dieta sana ed equilibrata. Ulteriori strategie per aiutare a ridurre o gestire i livelli di zucchero nel sangue includono:

  • rimanere idratati bevendo molti liquidi chiari
  • esercitarsi regolarmente
  • mangiare piccole porzioni più frequentemente
  • non saltare i pasti
  • gestire o ridurre lo stress
  • mantenere un peso corporeo sano o perdere peso, se necessario

Le persone con diabete potrebbero anche aver bisogno di assumere farmaci e misurare regolarmente la glicemia per ridurre il rischio di sintomi e complicanze potenzialmente pericolosi.

Parla con un medico su come integrare una dieta salutare in un piano di cura del diabete.

Quali alimenti proteggono il fegato?

Il fegato è responsabile della scomposizione dei carboidrati, della produzione di glucosio e della disintossicazione del corpo. Conserva anche i nutrienti e crea la bile, che è necessaria per digerire e assorbire correttamente i nutrienti negli alimenti. Ci sono molti cibi e bevande che una persona può consumare per aiutare a proteggere il fegato.

La salute del fegato è vitale per la salute generale. La disfunzione epatica può portare a patologie epatiche, disturbi metabolici e persino diabete di tipo 2 .

Mentre può essere impossibile gestire tutti i fattori di rischio, il consumo di determinati alimenti e bevande può aiutare a promuovere la salute del fegato.

In questo articolo tratteremo i migliori alimenti per la salute del fegato, i loro effetti benefici per l’organo e alcuni alimenti da evitare.

I migliori cibi e bevande per la salute del fegato

Alcuni dei migliori cibi e bevande che fanno bene al fegato includono:

1. Caffè

caffe tazza.jpg

Bere caffè offre protezione contro le malattie del fegato grasso.

Una recensione del 2013 che appare sulla rivista Liver International suggerisce che oltre il 50% delle persone negli Stati Uniti consuma caffè ogni giorno.

Il caffè sembra essere buono per il fegato, soprattutto perché protegge da problemi come le malattie del fegato grasso.

La recensione rileva inoltre che l’assunzione giornaliera di caffè può aiutare a ridurre il rischio di malattie epatiche croniche. Può anche proteggere il fegato da condizioni dannose, come il cancro al fegato .

Uno studio del 2014 che appare sul Journal of Clinical Gastroenterology suggerisce che gli effetti protettivi del caffè sono dovuti al modo in cui influenza gli enzimi epatici.

Il caffè, sembra, sembra ridurre l’accumulo di grasso nel fegato. Aumenta anche gli antiossidanti protettivi nel fegato. I composti del caffè aiutano anche gli enzimi epatici a liberare il corpo dalle sostanze cancerogene.

2. Farina d’avena

Il consumo di farina d’avena è un modo semplice per aggiungere fibre alla dieta. La fibra è uno strumento importante per la digestione e le fibre specifiche dell’avena possono essere particolarmente utili per il fegato. L’avena e la farina d’avena sono ricchi di composti chiamati beta-glucani.

Secondo uno studio del 2017 dell’International Journal of Molecular Sciences , i beta-glucani sono molto biologicamente attivi nel corpo. Aiutano a modulare il sistema immunitario e combattere l’ infiammazione e possono essere particolarmente utili nella lotta contro il diabete e l’ obesità .

La recensione rileva inoltre che i beta-glucani di avena sembrano aiutare a ridurre la quantità di grasso immagazzinato nel fegato nei topi, il che potrebbe anche aiutare a proteggere il fegato. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi clinici per confermarlo.

Le persone che cercano di aggiungere avena o farina d’avena alla loro dieta dovrebbero cercare avena intera o avena tagliata in acciaio, piuttosto che farina d’avena preconfezionata. La farina d’avena preconfezionata può contenere riempitivi come farina o zuccheri, che non saranno altrettanto benefici per il corpo.

3. Tè verde

te verde tazza 1.jpg

Il consumo di tè verde può aiutare a ridurre il contenuto complessivo di grassi.

Uno studio del 2015 sul World Journal of Gastroenterology rileva che il tè verde può aiutare a ridurre il contenuto complessivo di grassi, combattere lo stress ossidativo e ridurre altri segni di malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD).

È importante notare che il tè può essere migliore degli estratti, poiché alcuni estratti possono danneggiare il fegato piuttosto che curarlo.

Lo studio rileva che non ci sono ancora raccomandazioni specifiche per le persone con questa condizione di consumare tè o estratti di tè, ma il legame con la salute del fegato è promettente.

4. Aglio

L’aggiunta di aglio alla dieta può anche aiutare a stimolare il fegato. Uno studio del 2016 che appare sulla rivista Advanced Biomedical Research rileva che il consumo di aglio riduce il peso corporeo e il contenuto di grassi nelle persone con NAFLD, senza cambiamenti nella massa magra. Questo è vantaggioso, in quanto essere in sovrappeso o obesi è un fattore che contribuisce a NAFLD.

5. Bacche

Molte bacche scure, come mirtilli , lamponi e mirtilli rossi, contengono antiossidanti chiamati polifenoli, che possono aiutare a proteggere il fegato dai danni.

Come suggerisce uno studio sul World Journal of Gastroenterology , mangiare regolarmente bacche può anche aiutare a stimolare il sistema immunitario.

6. Uva

Lo studio che appare sul World Journal of Gastroenterology riporta che uva, succo d’uva e semi d’uva sono ricchi di antiossidanti che possono aiutare il fegato riducendo l’infiammazione e prevenendo danni al fegato.

Mangiare uva intera e seminata è un modo semplice per aggiungere questi composti alla dieta. Un integratore di estratto di semi d’uva può anche fornire antiossidanti.

7. Pompelmo

Lo studio del World Journal of Gastroenterology menziona anche il pompelmo come alimento utile. Il pompelmo contiene due antiossidanti primari: la naringina e la naringenina. Questi possono aiutare a proteggere il fegato dalle lesioni riducendo l’infiammazione e proteggendo le cellule del fegato.

I composti possono anche ridurre l’accumulo di grasso nel fegato e aumentare gli enzimi che bruciano i grassi. Ciò può rendere il pompelmo uno strumento utile nella lotta contro la NAFLD.

8. Fico d’India

Anche il frutto e il succo del fico d’India possono essere utili per la salute del fegato. Lo studio del World Journal of Gastroenterology suggerisce che i composti del frutto possono aiutare a proteggere l’organo.

La maggior parte della ricerca si concentra sugli estratti del frutto, tuttavia, quindi sono necessari studi che si concentrino sul frutto o sul succo stesso.

9. Alimenti vegetali in generale

avocado.jpg

Gli avocado e altri alimenti vegetali contengono composti strettamente legati alla salute del fegato.

Uno studio del 2015 che appare sulla rivista Evidence-based Complementary and Alternative Medicine riporta che un gran numero di alimenti vegetali può essere utile per il fegato.

Questi includono:

  • avocado
  • Banana
  • orzo
  • barbabietole e succo di barbabietola
  • broccoli
  • riso integrale
  • carote
  • Figura
  • verdure come cavoli 
  • Limone
  • papaia
  • anguria

Le persone dovrebbero mangiare questi alimenti come parte di una dieta completa ed equilibrata.

10. Pesce grasso

Come sottolinea uno studio del World Journal of Gastroenterology , il consumo di pesce grasso e integratori di olio di pesce può aiutare a ridurre l’impatto di condizioni come la NAFLD.

Il pesce grasso è ricco di acidi grassi omega-3, che sono i grassi buoni che aiutano a ridurre l’infiammazione. Questi grassi possono essere particolarmente utili nel fegato, poiché sembrano prevenire l’accumulo di grassi in eccesso e mantenere i livelli di enzimi nel fegato.

Lo studio raccomanda di mangiare pesce grasso due o più volte alla settimana. Se non è facile incorporare nella dieta pesce grasso come aringhe o salmone, prova a prendere un supplemento giornaliero di olio di pesce.

11. Noci

Lo stesso studio afferma che mangiare noci può essere un altro modo semplice per mantenere il fegato sano e proteggere dal NAFLD. Le noci contengono generalmente acidi grassi insaturi, vitamina E e antiossidanti. Questi composti possono aiutare a prevenire la NAFLD, oltre a ridurre l’infiammazione e lo stress ossidativo.

Mangiare una manciata di noci, come noci o mandorle, ogni giorno può aiutare a mantenere la salute del fegato. Le persone dovrebbero essere sicure di non mangiarne troppe, tuttavia, poiché le noci sono ricche di calorie .

12. Olio d’oliva

Mangiare troppo grasso non fa bene al fegato, ma alcuni grassi possono aiutarlo. Secondo lo studio del World Journal of Gastroenterology , l’aggiunta di olio d’oliva alla dieta può aiutare a ridurre lo stress ossidativo e migliorare la funzionalità epatica. Ciò è dovuto all’alto contenuto di acidi grassi insaturi nell’olio.

Alimenti da evitare

In generale, trovare un equilibrio nella dieta manterrà il fegato sano. Tuttavia, ci sono anche alcuni alimenti e gruppi alimentari che il fegato trova più difficile da elaborare. Questi includono:

  • Cibi grassi: questi includono cibi fritti, fast food e piatti da asporto da molti ristoranti. Snack, patatine e noci confezionati possono anche essere sorprendentemente ricchi di grassi.
  • Alimenti ricchi di amido: includono pane, pasta e torte o prodotti da forno.
  • Zucchero: ridurre lo zucchero e gli alimenti zuccherati come cereali, prodotti da forno e caramelle può aiutare a ridurre lo stress sul fegato.
  • Sale: i modi più semplici per ridurre l’assunzione di sale includono mangiare meno, evitare carni in scatola o verdure e ridurre o evitare salumi e pancetta salate.
  • Alcol: chiunque cerchi di rompere il fegato dovrebbe considerare di ridurre il consumo di alcol o di eliminarlo completamente dalla dieta.

Sommario

Il fegato svolge un ruolo importante nel corpo. Mentre si occupa in gran parte di se stesso, una persona può aiutare a mantenere la salute del fegato consumando alcuni cibi e bevande.

Esistono anche molti tipi di alimenti che possono danneggiare il fegato.

La scelta di cibi che fanno bene al fegato può aiutare una persona a evitare potenziali problemi di salute in futuro.

L’attivazione di queste cellule immunitarie potrebbe proteggere dalla Sclerosi Multipla ?

Nella sclerosi multipla, le cellule immunitarie infiammatorie iperattive distruggono il tessuto che circonda e isola i nervi. Ora, una nuova ricerca sui topi rivela che l’attivazione di un diverso gruppo di cellule immunitarie potrebbe potenzialmente contrastare la reazione autoimmune distruttiva.
t-cell.jpg

I ricercatori si sono concentrati sul ruolo di un singolo tipo di cellula T nell’innescare la SM.

I ricercatori della Stanford University School of Medicine in California suggeriscono che i loro risultati potrebbero portare a nuovi trattamenti per le condizioni autoimmuni, come la sclerosi multipla (SM) e la celiachia .

In un recente articolo di Nature , descrivono come hanno studiato le cellule immunitarie in un modello murino di SM e anche da persone con la malattia.

Hanno trovato prove che suggeriscono che esiste un equilibrio tra il tipo di cellula immunitaria che causa infiammazione e un altro tipo di cellula immunitaria che può sopprimerlo. Sembra che l’equilibrio sia sconvolto nella malattia autoimmune.

L’autore senior dello studio Mark M. Davis, professore di microbiologia e immunologia a Stanford, suggerisce che potrebbe essere possibile ripristinare l’equilibrio stimolando selettivamente le cellule immunitarie protettive.

“Se potessimo mobilizzare quelle cellule per funzionare in modo più efficace nei pazienti con autoimmunità”, spiega, “allora avremmo un nuovo trattamento per malattie come [SM]”.

Milioni di persone con malattie autoimmuni

Le malattie autoimmuni sono condizioni in cui il sistema immunitario attacca una parte del corpo come se i suoi tessuti e cellule fossero una minaccia, come l’invasione di batteri e virus.

Ci sono almeno 80 malattie autoimmuni che gli scienziati conoscono. Questi includono SM, celiachia, diabete di tipo 1 , artrite reumatoide e lupus . Gli scienziati non sanno quali molecole scatenano le reazioni immunitarie dietro la maggior parte di queste condizioni.

In italia, ci sono più di 8 milioni di persone con malattie autoimmuni e altri 2 milioni a rischio di svilupparle. Il numero di persone che sviluppano malattie autoimmuni è in aumento, per ragioni non chiare.

I medici trovano difficili da diagnosticare molte condizioni autoimmuni e le persone possono attendere a lungo per una diagnosi definitiva.

La maggior parte delle malattie autoimmuni non ha cura e le persone devono assumere medicine per il resto della vita per gestire i sintomi.

Gli scienziati vedono la SM come una malattia autoimmune in cui le cellule infiammatorie del sistema immunitario attaccano la guaina protettiva della mielina che circonda le fibre nervose del sistema nervoso centrale (SNC).

A seconda della parte del sistema nervoso centrale che colpisce la malattia, i sintomi della SM possono variare tra individui e anche nella stessa persona.

Attivazione di cellule soppressori

Per il loro studio, il Prof. Davis e i suoi colleghi hanno studiato le cellule immunitarie nel sangue dei topi che avevano indotto a sviluppare l’encefalomielite. Questa è una condizione che infiamma il cervello e il midollo spinale in modo simile alla SM.

Si sono concentrati su un tipo di cellula chiamata cellule T CD8. Sapevano già che queste cellule potevano uccidere cellule cancerose e infette. Tuttavia, hanno anche notato un aumento di queste cellule nel modello murino MS. Sospettavano che le cellule stessero contribuendo alla malattia.

Il team è stato sorpreso di scoprire, tuttavia, che non era così.

Quando hanno iniettato i topi con peptidi che le cellule T CD8 potevano riconoscere, hanno portato alla morte delle cellule T che causano infiammazione e una riduzione della gravità dei sintomi.

Per approfondire ulteriormente questo aspetto, i ricercatori hanno sviluppato i due tipi di cellule in un piatto. Hanno scoperto che l’attivazione delle cellule T CD8 con i peptidi le ha stimolate a praticare fori nelle cellule T infiammatorie.

Suggeriscono che – insieme alla scoperta che le cellule portano sulle loro superfici proteine ​​immunodepressive – questi risultati confermano che le cellule T CD8 possono essere cellule soppressori.

Le cellule sbilanciate potrebbero causare autoimmunità?

I ricercatori hanno confrontato il sangue di persone con SM e di quelli senza di essa. Hanno scoperto che le persone con SM avevano maggiori probabilità di avere livelli più elevati di cellule che erano cloni di singole cellule T CD8. Questo era lo stesso nel modello del topo.

Quando le cellule T individuano un potenziale agente nemico, identificano una caratteristica molecolare distintiva, o antigene, che li aiuta a riconoscere l’agente. Quindi si replicano per creare un gran numero di cellule T che ricordano l’antigene specifico.

Eseguendo i test del DNA sulle cellule T CD8 aumentate, il Prof. Davis e i suoi colleghi hanno scoperto che erano identici: l’aumento della popolazione comprendeva cloni di singole cellule T CD8.

Una tale scoperta suggerisce che le cellule T CD8 si stanno avvicinando a una particolare caratteristica della malattia. I ricercatori sperano di scoprire di cosa si tratta e come aiuta a generare cellule T CD8 che sopprimono il sistema immunitario.

I ricercatori suggeriscono che i due tipi di cellule – cellule T infiammatorie e cellule T CD8 attivate a soppressione immunitaria – lavorano in equilibrio tra loro e che le malattie autoimmuni potrebbero essere dovute al loro squilibrio.

“Pensiamo assolutamente che qualcosa del genere stia accadendo nelle malattie autoimmuni umane”, spiega il prof. Davis, aggiungendo che “rappresenta un meccanismo che nessuno ha davvero apprezzato”.

L’idea che alcune cellule T CD8 abbiano il potere di sopprimere l’infiammazione non è nuova. Gli scienziati hanno inizialmente proposto l’idea negli anni ’70, ma l’interesse si è ridotto mentre i ricercatori si concentravano principalmente su altre caratteristiche delle cellule immunitarie.

Il team ha in programma di estendere la ricerca per studiare il potenziale ruolo delle cellule T CD8 soppressive in altre condizioni autoimmuni.

C’è questo intero sottoinsieme di cellule T CD8 che ha una funzione soppressiva.”

Prof. Mark M. Davis

La fine dell’endoscopia? La nuova tecnica potrebbe essere il futuro dell’imaging medico

La ricerca rivoluzionaria mette in mostra un’innovativa tecnica di imaging che utilizza gli ultrasuoni per fornire immagini approfondite in modo non invasivo.
endoscopia.jpg

Una svolta nell’ecografia potrebbe presto eliminare l’uso delle endoscopie.

L’endoscopia è attualmente uno dei metodi più comuni per l’imaging medico. I suoi usi includono la diagnosi di condizioni che colpiscono i polmoni, il colon, la gola e il tratto gastrointestinale.

Durante un’endoscopia , i professionisti medici inseriscono un endoscopio – un tubo lungo e sottile con una luce forte e una piccola telecamera all’estremità – in una piccola apertura, come la bocca o una piccola incisione che un chirurgo esegue.

Le endoscopie sono una procedura invasiva, anche se minimamente. Possono creare disagio e non sono senza rischi. I potenziali effetti collaterali delle endoscopie includono crampi, dolore persistente o persino perforazione dei tessuti e sanguinamento interno minore.

Ora, una scoperta innovativa potrebbe porre fine all’endoscopia. Maysam Chamanzar, assistente professore di ingegneria elettrica e informatica presso la Carnegie Mellon University di Pittsburgh, in Pennsylvania, e Matteo Giuseppe Scopelliti, ricercatore di dottorato nello stesso dipartimento, hanno ideato una tecnica di imaging ad ultrasuoni non invasiva che promette di sostituire l’endoscopio.

I ricercatori descrivono in dettaglio la loro nuova tecnica sulla rivista Light: Science and Applications .

Sostituzione dell’obiettivo fisico con un obiettivo virtuale

Chamanzar e Scopelliti spiegano nel loro articolo che il tessuto biologico, essendo un mezzo torbido (o denso e opaco), limita le possibilità dei metodi ottici.

In particolare, il tessuto è costituito da particelle e membrane di grandi dimensioni e limita la profondità e la risoluzione delle immagini ottiche, “specialmente nella gamma visibile e nell’infrarosso vicino dello spettro”.

La nuova tecnica, tuttavia, utilizza gli ultrasuoni per ideare una “lente virtuale” nel corpo invece di inserirne una fisica. L’operatore può quindi regolare l’obiettivo “modificando le onde di pressione ultrasonica all’interno del supporto”, scrivendo gli autori e quindi acquisendo immagini di profondità che non erano mai state accessibili prima, usando mezzi non invasivi.

Le onde ultrasoniche possono comprimere o rarefarre il mezzo in cui penetrano. La luce viaggia più lentamente attraverso i supporti compressi e più rapidamente nei supporti rarefatti.

Gli autori spiegano che sono stati in grado di creare l’obiettivo virtuale utilizzando questo effetto di compressione / rarefazione:

“Man mano che le onde ultrasoniche si propagano attraverso il mezzo, modulano la sua densità e quindi il suo indice di rifrazione locale; il mezzo viene compresso nelle regioni ad alta pressione, con conseguente maggiore densità, mentre è rarefatto nelle aree a pressione negativa in cui la densità locale è ridotto.”

“Di conseguenza”, scrivono, “l’onda stazionaria di pressione crea un contrasto di indice di rifrazione locale”.

Inoltre, la regolazione o la riconfigurazione delle onde ultrasoniche dall’esterno può spostare l’obiettivo all’interno del mezzo, consentendogli di spostarsi in regioni diverse e acquisire immagini a diverse profondità.

“Abbiamo usato le onde ad ultrasuoni per scolpire una lente a relè ottico virtuale all’interno di un dato mezzo target, che, ad esempio, può essere tessuto biologico”, afferma Chamanzar.”Pertanto, il tessuto viene trasformato in una lente che ci aiuta a catturare e trasmettere le immagini di strutture più profonde.”

Il ricercatore spiega inoltre come funziona la tecnica e perché è un passo progressivo per la visualizzazione all’interno del corpo.

“Ciò che distingue il nostro lavoro dai tradizionali metodi acusto-ottici è che stiamo usando il mezzo target stesso, che può essere tessuto biologico, per influenzare la luce mentre si propaga attraverso il mezzo”, continua Chamanzar. “Questa interazione in situ offre l’opportunità di controbilanciare gli [ostacoli] che disturbano la traiettoria della luce.”

Tecnica per “rivoluzionare l’imaging medico”

Alcune delle applicazioni della nuova tecnica includono l’imaging del cervello, la diagnosi delle condizioni della pelle e l’identificazione dei tumori in vari organi. Il metodo potrebbe coinvolgere un dispositivo portatile o una patch skin, a seconda dell’area che deve essere monitorata.

Applicandolo semplicemente sulla superficie della pelle, gli operatori sanitari potrebbero ottenere immagini di organi interni senza i potenziali effetti collaterali e le spiacevoli conseguenze di un’endoscopia.

Essere in grado di trasmettere immagini da organi, come il cervello, senza la necessità di inserire componenti ottici fisici fornirà un’importante alternativa all’impianto di endoscopi invasivi nel corpo”.

Maysam Chamanzar

“Questo metodo può rivoluzionare il campo dell’imaging biomedico”, aggiunge.

“I supporti torbidi sono sempre stati considerati ostacoli per l’imaging ottico”, aggiunge il coautore Scopelliti. “Ma abbiamo dimostrato che tali media possono essere convertiti in alleati per aiutare la luce a raggiungere l’obiettivo desiderato.”

“Quando attiviamo gli ultrasuoni con lo schema corretto, il mezzo torbido diventa immediatamente trasparente. È emozionante pensare al potenziale impatto di questo metodo su una vasta gamma di campi, dalle applicazioni biomediche alla visione artificiale.”

Quali sono i primi segni di demenza?

La demenza è un termine che descrive una varietà di sintomi che influenzano il funzionamento cognitivo di una persona, inclusa la sua capacità di pensare, ricordare e ragionare. Tende a peggiorare nel tempo, quindi ci sono alcuni segnali chiave di avvertimento precoce.

La demenza si verifica quando le cellule nervose nel cervello di una persona smettono di funzionare. Anche se in genere accade nelle persone anziane, non è una parte inevitabile dell’invecchiamento. Il deterioramento naturale del cervello accade a tutti mentre invecchiano, ma si verifica più rapidamente nelle persone con demenza.

Esistono molti diversi tipi di demenza. Secondo il National Institute on Aging , il più comune è il morbo di Alzheimer . Altri tipi includono:

  • Demenza da corpi di Lewy
  • demenza frontotemporale
  • disturbi vascolari
  • demenza mista o una combinazione di tipi

Ci sono 10 primi segni tipici di demenza. Affinché una persona riceva una diagnosi, di solito sperimentano due o più di questi sintomi e i sintomi sarebbero abbastanza gravi da interferire con la loro vita quotidiana.

Questi primi segni di demenza sono:

1. Perdita di memoria

puntine.jpg

Una persona che sviluppa demenza può avere difficoltà a ricordare date o eventi.

La perdita di memoria è un sintomo comune di demenza.

Una persona con demenza può avere difficoltà a ricordare le informazioni che hanno appreso di recente, come date o eventi o nuove informazioni.

Potrebbero scoprire di fare affidamento su amici e familiari o altri supporti di memoria per tenere traccia delle cose.

La maggior parte delle persone a volte dimentica le cose più frequentemente mentre invecchiano. Di solito possono ricordarli in seguito se la loro perdita di memoria è legata all’età e non a causa di demenza.

2. Difficoltà a pianificare o risolvere problemi

Una persona con demenza può avere difficoltà a seguire un piano, come una ricetta durante la cottura o indicazioni durante la guida.

La risoluzione dei problemi può anche diventare più impegnativa, ad esempio quando si sommano numeri per pagare le bollette.

3. Difficoltà a svolgere compiti familiari

Una persona con demenza può avere difficoltà a portare a termine compiti che svolgono regolarmente, come cambiare le impostazioni su un televisore, usare un computer, preparare una tazza di tè o arrivare in un luogo familiare. Questa difficoltà con compiti familiari potrebbe verificarsi a casa o al lavoro.

4. Essere confusi su tempo o luogo

La demenza può rendere difficile giudicare il passare del tempo. Le persone possono anche dimenticare dove si trovano in qualsiasi momento.

Potrebbero avere difficoltà a comprendere gli eventi nel futuro o nel passato e potrebbero avere difficoltà con le date.

5. Sfide per la comprensione delle informazioni visive

Le informazioni visive possono essere difficili per una persona con demenza. Può essere difficile da leggere, giudicare le distanze o capire le differenze tra i colori.

Qualcuno che di solito guida o cicli può iniziare a trovare queste attività impegnative.

6. Problemi a parlare o scrivere

persona che scrive.jpg

La calligrafia può diventare meno leggibile con il progredire della demenza.

Una persona con demenza può avere difficoltà a conversare.

Potrebbero dimenticare ciò che stanno dicendo o ciò che qualcun altro ha detto. Può essere difficile entrare in una conversazione.

Le persone possono anche peggiorare l’ortografia, la punteggiatura e la grammatica.

La calligrafia di alcune persone diventa più difficile da leggere.

7. Posizionamento errato delle cose

Una persona con demenza potrebbe non essere in grado di ricordare dove lasciano oggetti di uso quotidiano, come un telecomando, documenti importanti, denaro contante o le loro chiavi.

L’errato posizionamento dei beni può essere frustrante e può significare che accusano altre persone di aver rubato.

8. Cattivo giudizio o processo decisionale

Può essere difficile per qualcuno con demenza capire cosa sia giusto e ragionevole. Ciò può significare che pagano troppo per le cose o diventano facilmente sicuri dell’acquisto di cose di cui non hanno bisogno.

Alcune persone con demenza prestano anche meno attenzione a mantenersi pulite e presentabili.

9. Ritiro dalla socializzazione

Una persona con demenza può non essere interessata a socializzare con altre persone, sia nella vita domestica che al lavoro.

Possono ritirarsi e non parlare con gli altri o non prestare attenzione quando gli altri parlano con loro. Potrebbero smettere di fare hobby o sport che coinvolgono altre persone.

10. Cambiamenti di personalità o umore

Una persona con demenza può sperimentare sbalzi d’umore o cambiamenti di personalità. Ad esempio, possono diventare irritabili, depressi, impauriti o ansiosi.

Possono anche diventare più disinibiti o agire in modo inappropriato.

Quando vedere un dottore

Una persona che manifesta uno di questi sintomi o li nota in una persona cara dovrebbe parlare con un medico.

Secondo l’ Associazione Alzheimer , è un mito che il funzionamento cognitivo peggiori sempre quando una persona invecchia. I segni di declino cognitivo possono essere la demenza o un’altra malattia per la quale i medici possono fornire supporto.

Anche se non esiste ancora una cura per la demenza, un medico può aiutare a rallentare la progressione della malattia e alleviare i sintomi, migliorando così la qualità della vita di una persona.

La “nuova ondata della ricerca sull’Alzheimer” guarda al fegato in cerca di indizi

Nella corsa per comprendere meglio i conducenti della malattia di Alzheimer, un gruppo di ricerca guarda al legame tra cervello, intestino e fegato.

old man.jpg

Per capire l’Alzheimer, dobbiamo anche guardare ad organi diversi dal cervello, sollecita un nuovo studio.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza , che colpisce circa 50 milioni di persone in tutto il mondo.

Attualmente, non è possibile invertire la condizione e i trattamenti si concentrano sulla gestione dei sintomi. Questa necessità è in gran parte dovuta al fatto che i ricercatori non sanno ancora cosa causa esattamente l’Alzheimer o altre forme di demenza.

Ora, gli investigatori del Alzheimer’s Disease Metabolomics Consortium (ADMC) presso la Duke University di Durham, NC, e l’ Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative (ADNI) hanno iniziato a collaborare, cercando indizi sull’Alzheimer in un posto apparentemente improbabile: il fegato.

I ricercatori hanno deciso di iniziare a prendere in considerazione la funzionalità epatica – nel contesto della malattia di Alzheimer – a causa del ruolo dell’organo nei processi metabolici del corpo.

Nel loro nuovo studio, che appare su JAMA Network Open , gli autori spiegano che, recentemente, gli specialisti hanno sempre più iniziato a riconoscere una forte associazione tra la malattia di Alzheimer e varie forme di disfunzione metabolica.

“Le attività metaboliche nel fegato determinano lo stato della lettura metabolica della circolazione periferica”, spiegano gli autori nel documento di studio.

“L’evidenza crescente suggerisce che i pazienti con malattia di Alzheimer mostrano disfunzione metabolica”, continuano, aggiungendo che “l’evidenza evidenzia l’importanza del fegato nelle caratteristiche fisiopatologiche di [malattia di Alzheimer]”.

‘Nessuna pietra può essere lasciata intatta’

In questo studio, il Prof. Kwangsik Nho – della Indiana University School of Medicine di Indianapolis – e colleghi hanno analizzato campioni di sangue, valutando i livelli di enzimi associati alla funzionalità epatica.

I campioni di sangue provenivano da 1.581 partecipanti che hanno anche accettato di eseguire scansioni cerebrali, valutando i cambiamenti che indicavano lo sviluppo della malattia di Alzheimer.

Inoltre, i ricercatori hanno anche verificato la presenza di altri segni di Alzheimer, tra cui misure cognitive, biomarcatori del liquido cerebrospinale, atrofia cerebrale e livelli di beta-amiloide, una proteina che forma placche tossiche appiccicose nel cervello nella malattia di Alzheimer.

In questo modo, il team investigativo è stato in grado di identificare le associazioni tra i cambiamenti nella funzionalità epatica e i marker del funzionamento cognitivo interessato nel cervello.

“Questo studio è stato uno sforzo congiunto dell’ADNI, uno studio di 60 siti e dell’ADMC. Rappresenta la nuova ondata della ricerca sull’Alzheimer, impiegando un approccio di sistemi più ampio che integra la biologia centrale e periferica”, spiega il co-autore Andrew Saykin.

In questo studio, i biomarcatori del sangue, che riflettono la funzionalità epatica, erano correlati all’imaging cerebrale e ai marcatori del [liquido cerebrospinale] associati all’Alzheimer. Nel nostro tentativo di comprendere la malattia e di identificare obiettivi terapeutici non è possibile lasciare nulla di intentato.”

Andrew Saykin

Il primo autore, il Prof. Nho, definisce questo approccio “un nuovo paradigma per la ricerca sull’Alzheimer”.

Sostiene che, in futuro, gli scienziati potrebbero essere in grado di identificare diversi biomarcatori di questa condizione nel sangue, rendendo la diagnosi più rapida e più facile.

“Fino ad ora, ci siamo concentrati solo sul cervello. La nostra ricerca dimostra che utilizzando biomarcatori del sangue, possiamo ancora concentrarci sul cervello ma anche trovare prove di Alzheimer e migliorare la nostra comprensione della segnalazione interna del corpo”, afferma Nho.

Non più “studiare il cervello in isolamento”

I ricercatori sostengono che per comprendere meglio le cause della malattia di Alzheimer, oltre a migliorare la diagnosi e il trattamento, gli specialisti dovrebbero considerare il cervello come parte di un sistema che influenza – ed è influenzato da – diversi meccanismi nel corpo.

“Mentre ci siamo concentrati troppo a lungo sullo studio del cervello in isolamento, ora dobbiamo studiare il cervello come un organo che sta comunicando con e collegato ad altri organi che supportano la sua funzione e che può contribuire alla sua disfunzione”, afferma lo studio coautore Rima Kaddurah-Daouk.

“Il concetto emerge che la malattia di Alzheimer potrebbe essere una malattia sistemica che colpisce diversi organi, incluso il fegato”, aggiunge.

In futuro, i risultati attuali e altre indagini correlate potrebbero aiutare a perfezionare un approccio più personalizzato al trattamento dell’Alzheimer, poiché la medicina di precisione continua a guadagnare terreno.

L’uso di farmaci anti acidi dello stomaco può aumentare il rischio di allergie?

Una nuova ricerca ha collegato l’uso di farmaci da prescrizione per l’acido dello stomaco a una maggiore probabilità di sviluppare allergie in seguito.
bottiglia pillole.jpg

Una nuova ricerca trova un legame tra gli IPP e il rischio di allergie.

A causa del disegno dello studio, i risultati non dimostrano che i riduttori di acido gastrico – come gli inibitori della pompa protonica (PPI) – causano effettivamente allergie.

In un articolo di Nature Communications sul loro lavoro, tuttavia, gli autori suggeriscono che i risultati “inferiscono” un aumentato rischio di allergia.

I dati per lo studio provengono da registri di assicurazione sanitaria che coprono circa 8,2 milioni di persone che vivono in Austria. Questo numero rappresenta il 97% della popolazione austriaca.

Un team dell’Università medica di Vienna (MedUni Vienna) in Austria ha utilizzato i dati epidemiologici per analizzare l’uso di farmaci antiallergici a seguito dell’uso di farmaci da prescrizione che riducono l’acidità di stomaco.

Poiché i dati provengono da richieste di risarcimento assicurativo, il team non ha analizzato l’incidenza effettiva delle allergie, utilizzando invece modelli di farmaci antiallergici soggetti a prescrizione.

L’analisi ha mostrato che in seguito alle prescrizioni per gli inibitori dell’acido dello stomaco, l’uso di farmaci antiallergici soggetti a prescrizione era più elevato rispetto ad altri tipi di farmaci.

Secondo i risultati, sembra che le persone che hanno assunto farmaci per l’acido dello stomaco come i PPI abbiano una probabilità due o tre volte maggiore di ricevere in seguito prescrizioni per i farmaci antiallergici.

Acido gastrico e PPI

I medici prescrivono i PPI per il trattamento di varie condizioni di acido gastrico, come la malattia da reflusso gastroesofageo . Ciò si verifica quando l’acido dallo stomaco scorre all’indietro nell’esofago o nel tubo lungo il quale viaggia il cibo.

Le stime indicano che nel 2017 oltre 8 milioni di persone hanno ricevuto farmaci PPI in Italia .

I ricercatori osservano che l’acido gastrico è vitale per la digestione degli alimenti. L’acido contiene enzimi che scindono le proteine ​​prima che subiscano ulteriori elaborazioni.

L’acido gastrico protegge anche il sistema digestivo dalle infezioni da batteri e altri agenti patogeni.

Ridurre la produzione di acido gastrico potrebbe aumentare le opportunità di allergie che causano l’ingresso di sostanze incontrollate nell’intestino. Un tale afflusso ha il potenziale per innescare o peggiorare un’allergia.

Non utilizzare i PPI ‘più del necessario’

La principale investigatrice Erika Jensen-Jarolim, dell’Istituto di fisiopatologia e ricerca allergologica presso la MedUni di Vienna, mette in guardia le persone a non usare gli inibitori dell’acido gastrico “non più del necessario”.

“Impediscono la digestione delle proteine, cambiano il microbioma nel tratto gastrointestinale e aumentano il rischio di reazioni allergiche”, aggiunge.

Il prof. Saad Shakir, direttore dell’unità Drug Safety Research Unit nel Regno Unito, descrive la ricerca come “test di ipotesi”. Non è stato coinvolto nello studio.

Conviene che gli IPP e altri soppressori degli acidi dello stomaco possono indebolire il meccanismo di difesa che normalmente impedisce a molte sostanze di spostarsi più lontano dello stomaco.

Suggerisce che l’uso delle prescrizioni come marker surrogati per le diagnosi di allergie “è un’approssimazione ragionevole”.

Il prof. Shakir conclude che sebbene lo studio non risponda sicuramente alla domanda “rafforza l’ipotesi relativa all’associazione tra l’assunzione di soppressori di acidi e lo sviluppo di sintomi allergici”.