Gli estrogeni potrebbero aiutare a curare il Parkinson?

I ricercatori sapevano già che gli uomini e le donne in postmenopausa hanno un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson rispetto alle donne in premenopausa. Ora, un recente studio sui topi conclude che gli estrogeni possono essere responsabili. Gli autori sperano anche che gli estrogeni possano costituire la base di trattamenti futuri.
parkinson adulto.jpg

Perché il Parkinson colpisce più uomini che donne? La risposta potrebbe essere estrogeni.

Il morbo di Parkinson è una condizione neurodegenerativa. Secondo il Min. della salute , circa 30.000 persone in Italia ricevono una diagnosi di Parkinson ogni anno.

Oggi, circa 100.000 persone in Italia vivono con il morbo di Parkinson.

Uno dei principali fattori di rischio è l’età avanzata, quindi con l’invecchiamento della popolazione, è probabile che il numero dei casi di Parkinson aumenti.

Comprendere come e perché si sviluppa la condizione è fondamentale perché al momento non esiste una cura.

Alfa-sinucleina e Parkinson

Il driver principale del Parkinson è una versione mutata, più breve del normale di una proteina chiamata alfa-sinucleina.

Questa proteina si riunisce all’interno dei neuroni produttori di dopamina che sono responsabili del coordinamento dei movimenti e forma strutture chiamate corpi e neuriti di Lewy.

Nel tempo, l’accumulo di alfa-sinucleina impedisce alle cellule cerebrali di funzionare e, alla fine, muoiono. La conseguente perdita di neuroni causa i problemi di movimento che sono caratteristici del Parkinson, come tremore e rigidità.

Sebbene gli scienziati stiano studiando il Parkinson da decenni, ci sono ancora molte lacune nelle loro conoscenze.

Una di queste domande senza risposta è perché il morbo di Parkinson si manifesta prima negli uomini ed è più comune nelle donne in postmenopausa.

Di recente, un gruppo di ricercatori della Harvard Medical School di Boston, MA, ha deciso di esaminare da vicino il ruolo degli estrogeni . Hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista JNeurosci .

Perché estrogeni?

Studi precedenti hanno identificato una relazione tra estrogeno e morbo di Parkinson.

Ad esempio, gli autori di uno studio del 2004 che ha studiato il rischio di Parkinson e la sua relazione con “caratteristiche riproduttive” hanno concluso che esisteva “[a] n associazione tra fattori che riducono la stimolazione degli estrogeni durante la vita e [malattia di Parkinson]”.

Altre scoperte nel corso degli anni hanno suggerito che gli estrogeni potrebbero proteggere il cervello. Uno studio ha reclutato donne che avevano subito una ooforectomia, che è la rimozione chirurgica di una o entrambe le ovaie, la fonte primaria di estrogeni nelle donne.

Hanno scoperto che queste donne avevano un aumentato rischio di declino cognitivo e morbo di Parkinson.

Altri studi hanno trovato prove che gli estrogeni potrebbero aiutare a ridurre i sintomi del Parkinson. Uno studio su piccola scala , ad esempio, ha scoperto che basse dosi di estrogeni hanno ridotto i sintomi motori nelle donne in postmenopausa con Parkinson.

Sebbene i poteri neuroprotettivi degli estrogeni stiano diventando meglio stabiliti, esattamente come gli estrogeni potrebbero proteggere dalla malattia di Parkinson è ancora un mistero.

Un nuovo modello di topo di Parkinson

I ricercatori di Harvard hanno utilizzato un nuovo modello murino di malattia di Parkinson che hanno descritto per la prima volta nel 2018. Hanno trattato i topi con DHED, una sostanza chimica che aumenta i livelli di estrogeni nel cervello.

Gli scienziati hanno scelto questo approccio perché la terapia con estrogeni può avere un effetto negativo su altri sistemi biologici. Ad esempio, aumenta il rischio di ictus e cancro al seno .

I ricercatori hanno confrontato la funzione motoria dei topi maschi e femmine prima e dopo il trattamento. Hanno anche esaminato il comportamento dell’alfa-sinucleina nel cervello e il tasso di morte dei neuroni.

I topi femmine avevano sintomi meno gravi rispetto ai topi maschi, ma il trattamento con estrogeni migliorava ancora i loro sintomi. Nei topi maschi, gli estrogeni hanno rallentato la perdita di fibre nervose e migliorato i sintomi motori.

Gli scienziati hanno notato che gli estrogeni hanno ridotto l’accumulo di alfa-sinucleina mutata aumentando l’autofagia, che è uno dei meccanismi del corpo per rimuovere i detriti cellulari.

Tra le altre modifiche, hanno dimostrato che il trattamento DHED nei topi maschi ha aumentato il numero di fibre nervose che producono tirosina idrossilasi: questo enzima aiuta a convertire un aminoacido in L-DOPA, un precursore della dopamina. Hanno anche notato che queste fibre erano più abbondanti nei topi femmine con o senza trattamento.

In combinazione con lavori precedenti, questi risultati rafforzano l’idea che gli estrogeni proteggano dal morbo di Parkinson.

Suggeriscono anche che il trattamento con estrogeni potrebbe essere utile anche dopo l’inizio dei sintomi, il che è importante perché individuare le condizioni neurodegenerative prima che si manifestino i sintomi è una sfida.

Tuttavia, come sempre, il passaggio da un modello animale a studi clinici sull’uomo sarà la realizzazione o l’interruzione di questo intervento teorico.

I ricercatori sperano che il potenziamento degli estrogeni nel cervello umano possa, un giorno, offrire un modo per rallentare la progressione della malattia di Parkinson.

Annunci