La “nuova ondata della ricerca sull’Alzheimer” guarda al fegato in cerca di indizi

Nella corsa per comprendere meglio i conducenti della malattia di Alzheimer, un gruppo di ricerca guarda al legame tra cervello, intestino e fegato.

old man.jpg

Per capire l’Alzheimer, dobbiamo anche guardare ad organi diversi dal cervello, sollecita un nuovo studio.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza , che colpisce circa 50 milioni di persone in tutto il mondo.

Attualmente, non è possibile invertire la condizione e i trattamenti si concentrano sulla gestione dei sintomi. Questa necessità è in gran parte dovuta al fatto che i ricercatori non sanno ancora cosa causa esattamente l’Alzheimer o altre forme di demenza.

Ora, gli investigatori del Alzheimer’s Disease Metabolomics Consortium (ADMC) presso la Duke University di Durham, NC, e l’ Alzheimer’s Disease Neuroimaging Initiative (ADNI) hanno iniziato a collaborare, cercando indizi sull’Alzheimer in un posto apparentemente improbabile: il fegato.

I ricercatori hanno deciso di iniziare a prendere in considerazione la funzionalità epatica – nel contesto della malattia di Alzheimer – a causa del ruolo dell’organo nei processi metabolici del corpo.

Nel loro nuovo studio, che appare su JAMA Network Open , gli autori spiegano che, recentemente, gli specialisti hanno sempre più iniziato a riconoscere una forte associazione tra la malattia di Alzheimer e varie forme di disfunzione metabolica.

“Le attività metaboliche nel fegato determinano lo stato della lettura metabolica della circolazione periferica”, spiegano gli autori nel documento di studio.

“L’evidenza crescente suggerisce che i pazienti con malattia di Alzheimer mostrano disfunzione metabolica”, continuano, aggiungendo che “l’evidenza evidenzia l’importanza del fegato nelle caratteristiche fisiopatologiche di [malattia di Alzheimer]”.

‘Nessuna pietra può essere lasciata intatta’

In questo studio, il Prof. Kwangsik Nho – della Indiana University School of Medicine di Indianapolis – e colleghi hanno analizzato campioni di sangue, valutando i livelli di enzimi associati alla funzionalità epatica.

I campioni di sangue provenivano da 1.581 partecipanti che hanno anche accettato di eseguire scansioni cerebrali, valutando i cambiamenti che indicavano lo sviluppo della malattia di Alzheimer.

Inoltre, i ricercatori hanno anche verificato la presenza di altri segni di Alzheimer, tra cui misure cognitive, biomarcatori del liquido cerebrospinale, atrofia cerebrale e livelli di beta-amiloide, una proteina che forma placche tossiche appiccicose nel cervello nella malattia di Alzheimer.

In questo modo, il team investigativo è stato in grado di identificare le associazioni tra i cambiamenti nella funzionalità epatica e i marker del funzionamento cognitivo interessato nel cervello.

“Questo studio è stato uno sforzo congiunto dell’ADNI, uno studio di 60 siti e dell’ADMC. Rappresenta la nuova ondata della ricerca sull’Alzheimer, impiegando un approccio di sistemi più ampio che integra la biologia centrale e periferica”, spiega il co-autore Andrew Saykin.

In questo studio, i biomarcatori del sangue, che riflettono la funzionalità epatica, erano correlati all’imaging cerebrale e ai marcatori del [liquido cerebrospinale] associati all’Alzheimer. Nel nostro tentativo di comprendere la malattia e di identificare obiettivi terapeutici non è possibile lasciare nulla di intentato.”

Andrew Saykin

Il primo autore, il Prof. Nho, definisce questo approccio “un nuovo paradigma per la ricerca sull’Alzheimer”.

Sostiene che, in futuro, gli scienziati potrebbero essere in grado di identificare diversi biomarcatori di questa condizione nel sangue, rendendo la diagnosi più rapida e più facile.

“Fino ad ora, ci siamo concentrati solo sul cervello. La nostra ricerca dimostra che utilizzando biomarcatori del sangue, possiamo ancora concentrarci sul cervello ma anche trovare prove di Alzheimer e migliorare la nostra comprensione della segnalazione interna del corpo”, afferma Nho.

Non più “studiare il cervello in isolamento”

I ricercatori sostengono che per comprendere meglio le cause della malattia di Alzheimer, oltre a migliorare la diagnosi e il trattamento, gli specialisti dovrebbero considerare il cervello come parte di un sistema che influenza – ed è influenzato da – diversi meccanismi nel corpo.

“Mentre ci siamo concentrati troppo a lungo sullo studio del cervello in isolamento, ora dobbiamo studiare il cervello come un organo che sta comunicando con e collegato ad altri organi che supportano la sua funzione e che può contribuire alla sua disfunzione”, afferma lo studio coautore Rima Kaddurah-Daouk.

“Il concetto emerge che la malattia di Alzheimer potrebbe essere una malattia sistemica che colpisce diversi organi, incluso il fegato”, aggiunge.

In futuro, i risultati attuali e altre indagini correlate potrebbero aiutare a perfezionare un approccio più personalizzato al trattamento dell’Alzheimer, poiché la medicina di precisione continua a guadagnare terreno.

Annunci