Quali sono i primi segni di demenza?

La demenza è un termine che descrive una varietà di sintomi che influenzano il funzionamento cognitivo di una persona, inclusa la sua capacità di pensare, ricordare e ragionare. Tende a peggiorare nel tempo, quindi ci sono alcuni segnali chiave di avvertimento precoce.

La demenza si verifica quando le cellule nervose nel cervello di una persona smettono di funzionare. Anche se in genere accade nelle persone anziane, non è una parte inevitabile dell’invecchiamento. Il deterioramento naturale del cervello accade a tutti mentre invecchiano, ma si verifica più rapidamente nelle persone con demenza.

Esistono molti diversi tipi di demenza. Secondo il National Institute on Aging , il più comune è il morbo di Alzheimer . Altri tipi includono:

  • Demenza da corpi di Lewy
  • demenza frontotemporale
  • disturbi vascolari
  • demenza mista o una combinazione di tipi

Ci sono 10 primi segni tipici di demenza. Affinché una persona riceva una diagnosi, di solito sperimentano due o più di questi sintomi e i sintomi sarebbero abbastanza gravi da interferire con la loro vita quotidiana.

Questi primi segni di demenza sono:

1. Perdita di memoria

puntine.jpg

Una persona che sviluppa demenza può avere difficoltà a ricordare date o eventi.

La perdita di memoria è un sintomo comune di demenza.

Una persona con demenza può avere difficoltà a ricordare le informazioni che hanno appreso di recente, come date o eventi o nuove informazioni.

Potrebbero scoprire di fare affidamento su amici e familiari o altri supporti di memoria per tenere traccia delle cose.

La maggior parte delle persone a volte dimentica le cose più frequentemente mentre invecchiano. Di solito possono ricordarli in seguito se la loro perdita di memoria è legata all’età e non a causa di demenza.

2. Difficoltà a pianificare o risolvere problemi

Una persona con demenza può avere difficoltà a seguire un piano, come una ricetta durante la cottura o indicazioni durante la guida.

La risoluzione dei problemi può anche diventare più impegnativa, ad esempio quando si sommano numeri per pagare le bollette.

3. Difficoltà a svolgere compiti familiari

Una persona con demenza può avere difficoltà a portare a termine compiti che svolgono regolarmente, come cambiare le impostazioni su un televisore, usare un computer, preparare una tazza di tè o arrivare in un luogo familiare. Questa difficoltà con compiti familiari potrebbe verificarsi a casa o al lavoro.

4. Essere confusi su tempo o luogo

La demenza può rendere difficile giudicare il passare del tempo. Le persone possono anche dimenticare dove si trovano in qualsiasi momento.

Potrebbero avere difficoltà a comprendere gli eventi nel futuro o nel passato e potrebbero avere difficoltà con le date.

5. Sfide per la comprensione delle informazioni visive

Le informazioni visive possono essere difficili per una persona con demenza. Può essere difficile da leggere, giudicare le distanze o capire le differenze tra i colori.

Qualcuno che di solito guida o cicli può iniziare a trovare queste attività impegnative.

6. Problemi a parlare o scrivere

persona che scrive.jpg

La calligrafia può diventare meno leggibile con il progredire della demenza.

Una persona con demenza può avere difficoltà a conversare.

Potrebbero dimenticare ciò che stanno dicendo o ciò che qualcun altro ha detto. Può essere difficile entrare in una conversazione.

Le persone possono anche peggiorare l’ortografia, la punteggiatura e la grammatica.

La calligrafia di alcune persone diventa più difficile da leggere.

7. Posizionamento errato delle cose

Una persona con demenza potrebbe non essere in grado di ricordare dove lasciano oggetti di uso quotidiano, come un telecomando, documenti importanti, denaro contante o le loro chiavi.

L’errato posizionamento dei beni può essere frustrante e può significare che accusano altre persone di aver rubato.

8. Cattivo giudizio o processo decisionale

Può essere difficile per qualcuno con demenza capire cosa sia giusto e ragionevole. Ciò può significare che pagano troppo per le cose o diventano facilmente sicuri dell’acquisto di cose di cui non hanno bisogno.

Alcune persone con demenza prestano anche meno attenzione a mantenersi pulite e presentabili.

9. Ritiro dalla socializzazione

Una persona con demenza può non essere interessata a socializzare con altre persone, sia nella vita domestica che al lavoro.

Possono ritirarsi e non parlare con gli altri o non prestare attenzione quando gli altri parlano con loro. Potrebbero smettere di fare hobby o sport che coinvolgono altre persone.

10. Cambiamenti di personalità o umore

Una persona con demenza può sperimentare sbalzi d’umore o cambiamenti di personalità. Ad esempio, possono diventare irritabili, depressi, impauriti o ansiosi.

Possono anche diventare più disinibiti o agire in modo inappropriato.

Quando vedere un dottore

Una persona che manifesta uno di questi sintomi o li nota in una persona cara dovrebbe parlare con un medico.

Secondo l’ Associazione Alzheimer , è un mito che il funzionamento cognitivo peggiori sempre quando una persona invecchia. I segni di declino cognitivo possono essere la demenza o un’altra malattia per la quale i medici possono fornire supporto.

Anche se non esiste ancora una cura per la demenza, un medico può aiutare a rallentare la progressione della malattia e alleviare i sintomi, migliorando così la qualità della vita di una persona.

Annunci

La demenza e l’anemia potrebbero essere collegate?

Un recente studio ha concluso che le persone con livelli di emoglobina sia più alti del normale che più bassi del normale hanno un rischio più elevato di sviluppare demenza con l’età.
provette 2.jpg

Un nuovo documento esamina il legame tra emoglobina e rischio di demenza.

L’emoglobina è una proteina presente nei globuli rossi.

È responsabile del trasporto della vita che dà ossigeno dai polmoni al resto del corpo.

Bassi livelli di emoglobina normalmente indicano anemia .

L’anemia è uno dei disturbi del sangue più comuni; in tutto il mondo, colpisce circa 1,62 miliardi di persone.

Bassi livelli di emoglobina sono collegati a una serie di esiti avversi per la salute, tra cui ictus e malattia coronarica . Tuttavia, ci sono poche informazioni su come i livelli di emoglobina potrebbero essere correlati al rischio di demenza .

Anemia e demenza

Recentemente, i ricercatori del Centro medico Erasmus di Rotterdam, nei Paesi Bassi, hanno deciso di cercare collegamenti tra i livelli di emoglobina, l’anemia e la demenza. Hanno pubblicato i loro risultati questa settimana sulla rivista Neurology .

Esperimenti precedenti avevano trovato un’associazione tra anemia e demenza, ma la maggior parte degli studi ha seguito i partecipanti solo per una media di 3 anni.

A causa della durata relativamente breve di queste indagini, sottili cambiamenti nel comportamento, nella dieta o nel metabolismo durante le prime fasi della demenza (diagnosi di befoe) potrebbero spiegare l’associazione che hanno trovato.

I ricercatori hanno deciso di estendere questo lasso di tempo per sviluppare un quadro più chiaro.

Complessivamente, hanno preso i dati da 12.305 individui con un’età media di 65 anni. Nessuno dei partecipanti aveva la demenza all’inizio dello studio. Gli scienziati hanno controllato i livelli di emoglobina all’inizio dello studio e il 6,1% dei partecipanti (745 persone) aveva l’anemia.

Nei maschi, i tassi di anemia aumentavano con l’età, ma nelle femmine l’anemia era più comune prima della menopausa.

Durante il periodo di follow-up di 12 anni, 1.520 di questi individui hanno sviluppato demenza.

I ricercatori hanno anche avuto accesso a scansioni cerebrali di 5.319 partecipanti. Ciò ha permesso loro di valutare il flusso sanguigno in tutto il cervello, i segni di malattie vascolari e la connettività tra le regioni del cervello.

Significativo aumento del rischio

Durante la loro analisi, gli scienziati hanno tenuto conto di una serie di variabili che potrebbero distorcere i risultati. Questi includevano età, sesso, fumo, consumo di alcol, indice di massa corporea ( BMI ), diabete , funzionalità renale e livelli di colesterolo .

Gli scienziati hanno scoperto che le persone con livelli di emoglobina alti e bassi avevano un aumentato rischio di demenza rispetto agli individui con livelli medi. Gli autori scrivono:

Rispetto [senza] anemia, la presenza di anemia è stata associata ad un aumento del 34% del rischio di demenza da tutte le cause e [a] aumento del 41% per [la malattia di Alzheimer ].”

Quando gli scienziati hanno analizzato i dati MRI , hanno trovato una correlazione parallela. Le persone con livelli più alti e più bassi di emoglobina avevano un maggior numero di lesioni nella loro sostanza bianca e una ridotta connettività tra le aree del cervello.

I ricercatori hanno anche dimostrato che le persone con anemia avevano il 45% in più di probabilità di avere almeno una micropiastra rispetto a quelle senza anemia. I microbleeds sono piccole emorragie cerebrali, molto probabilmente ” causate da anomalie strutturali” nei vasi sanguigni. Avere più microbleeds è associato al declino cognitivo e alla demenza.

Questo studio non può dimostrare che i livelli di emoglobina causano demenza. Ad esempio, gli autori chiedono se i cambiamenti vascolari o metabolici sottostanti o associati, forse che coinvolgono ferro o vitamine B-9 e B-12, potrebbero guidare l’associazione.

Allo stesso modo, i ricercatori notano che l’anemia può verificarsi come parte di molte condizioni, che vanno da condizioni rare (come la sindrome mielodisplastica) a eventi più comuni (come l’ infiammazione ).

Sebbene gli autori dello studio abbiano tentato di controllare questi fattori nella loro analisi, esiste ancora la possibilità che contribuiscano alla demenza attraverso percorsi diversi dai livelli di emoglobina.

Perché il collegamento ?

Poiché l’emoglobina trasporta ossigeno in tutto il corpo, se c’è troppo poco, alcune parti del cervello possono diventare ipossiche. Questo può produrre infiammazione e può danneggiare il cervello.

In alternativa, la mancanza di ferro potrebbe essere parte del problema. Come descrivono gli autori:

“Il ferro è vitale per vari processi cellulari nel cervello, tra cui la sintesi dei neurotrasmettitori, la funzione mitocondriale e la mielinizzazione dei neuroni.”

Perché anche livelli più alti di emoglobina potrebbero influenzare il rischio di demenza è in discussione. Un suggerimento è che un aumento dei livelli renderebbe il sangue più viscoso; ciò rende più difficile l’ingresso del sangue nei vasi sanguigni più piccoli, riducendo potenzialmente l’apporto di ossigeno.

Sebbene il nuovo studio sia solido – avendo usato dati dettagliati e controllando per una vasta gamma di variabili – ci sono alcune limitazioni. Ad esempio, il team non ha misurato i livelli di ferro o vitamine del gruppo B, che potrebbero svolgere un ruolo nell’interazione.

Inoltre, notano che i partecipanti erano prevalentemente di origine europea. Pertanto, è possibile che la relazione possa differire tra le popolazioni.

In conclusione, questo studio aggiunge peso alla teoria secondo cui i livelli di emoglobina sono associati al rischio di demenza.

Poiché la demenza è una preoccupazione enorme e crescente, e poiché l’anemia è così diffusa, capire esattamente come funziona questa relazione è una priorità assoluta.

Come sottolineano gli autori, “[…] la prevalenza della demenza dovrebbe triplicare nei prossimi decenni, con i maggiori aumenti previsti nei paesi in cui il tasso di anemia è il più alto”.

La causa comune della demenza può essere curabile.

Un nuovo studio – condotto dall’Università di Edimburgo nel Regno Unito – ha ora scoperto come una malattia che colpisce i piccoli vasi sanguigni del cervello contribuisce alla demenza e all’ictus.
demenza.jpg

Trattare CSVD potrebbe aiutare a prevenire la demenza.

La malattia in questione è chiamata malattia dei vasi piccoli cerebrali (CSVD).

In un documento ora pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine , i ricercatori guidati dal Prof. Anna Williams, che dirige il Centro MRC per la medicina rigenerativa presso l’università, si noti come hanno studiato le caratteristiche molecolari della malattia nei ratti.

Hanno fatto alcune importanti scoperte. Hanno identificato, per esempio, un meccanismo attraverso il quale il vaso sanguigno cambia da CSVD a danneggiare la copertura mielinica delle fibre nervose che trasportano segnali tra le cellule cerebrali.

Gli scienziati hanno anche mostrato come certi farmaci hanno invertito i cambiamenti dei vasi sanguigni e prevenuto il danneggiamento delle fibre nervose nel cervello dei ratti.

Le scansioni cerebrali di individui con demenza spesso mostrano anomalie nella sostanza bianca, che consiste principalmente di fibre nervose e la loro copertura di mielina.

Ma fino a questo studio, i meccanismi sottostanti che implicavano CSVD come driver del danno alla mielina nella sostanza bianca erano sconosciuti.

Se il meccanismo fosse lo stesso nel CSVD umano, questi risultati potrebbero aprire la strada a nuovi trattamenti per la demenza e l’ ictus .

La dott.ssa Sara Imarisio, che è responsabile della ricerca presso l’Alzheimer’s Research UK – una delle organizzazioni che ha sponsorizzato lo studio – afferma che i risultati indicano “una direzione promettente per la ricerca di trattamenti che potrebbero limitare gli effetti dannosi dei cambiamenti dei vasi sanguigni e aiutare [per] mantenere le cellule nervose funzionanti più a lungo “.

La demenza è una delle principali cause di disabilità

La demenza è un termine generale per un gruppo di condizioni in cui la funzione cerebrale peggiora nel tempo. Man mano che la condizione progredisce, diminuisce la capacità di ricordare, pensare, interagire socialmente, prendere decisioni e condurre una vita indipendente.

In tutto il mondo ci sono 50 milioni di persone affette da demenza e “10 milioni di nuovi casi ogni anno”.

La demenza è una delle principali cause di disabilità nelle persone anziane ed è la ragione principale per cui diventano dipendenti dagli altri. Il peso sociale ed economico della condizione colpisce anche gli assistenti, le famiglie e la comunità più ampia.

La maggior parte dei casi di demenza è causata dal morbo di Alzheimer, una malattia progressiva in cui le proteine ​​tossiche si accumulano nel cervello.

Altre condizioni che danneggiano direttamente o indirettamente il cervello – come l’ictus – causano anche la demenza.

“Disfunzione delle cellule endoteliali”

CSVD è comune tra gli individui più anziani . Non solo causa direttamente ictus e demenza, ma può anche peggiorare gli effetti del morbo di Alzheimer e dare origine a depressione e problemi di andatura.

Per molto tempo, si è pensato che le “diverse caratteristiche” di CSVD fossero segni di “diversi tipi di cambiamenti tissutali”. Ma più recentemente, gli scienziati hanno capito che queste caratteristiche probabilmente condividono molti cambiamenti simili che interessano i piccoli vasi sanguigni.

E, con l’avanzare della tecnologia di imaging, stanno trovando più semplice esplorare i meccanismi sottostanti.

Il Prof. Williams e i suoi colleghi hanno scoperto che CSVD causa disfunzione delle cellule endoteliali, che sono le cellule che formano il rivestimento interno dei vasi sanguigni.

Hanno anche scoperto che le cellule endoteliali disfunzionali impediscono alle cellule precursori di maturare in cellule che formano la copertura della mielina sulle fibre nervose.

“Un potenziale approccio terapeutico”

Un’indagine più approfondita ha rivelato che i ratti che hanno sviluppato CSVD avevano una forma mutata di un enzima chiamato ATPasi, e questo ha portato a disfunzioni delle loro cellule endoteliali. La mutazione è stata trovata anche nel tessuto cerebrale umano con CSVD.

In una serie finale di esperimenti, gli scienziati hanno dimostrato come l’uso di farmaci per stabilizzare le cellule endoteliali “potrebbe invertire le anormalità della sostanza bianca nella SVD nella fase iniziale del modello di ratto, suggerendo un potenziale approccio terapeutico”.

Il prof. Williams e il team spiegano che sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire se i farmaci funzionano dopo che CSVD si è affermata e se potrebbero anche “invertire i sintomi della demenza”.

Non ci sono attualmente farmaci che rallentano o fermano la malattia di Alzheimer e nessun trattamento per aiutare le persone che vivono con demenza vascolare”.

Dr. Sara Imarisio

L’esame del sangue rileva l’Alzheimer prima che compaiano i sintomi

Un gruppo di ricercatori è vicino a sviluppare un esame del sangue in grado di rilevare la malattia di Alzheimer molto prima che compaiano i sintomi. Il test sarà estremamente utile per gli scienziati che cercano di comprendere e trattare la condizione.
guanto blu siringa con il sangue

Un semplice esame del sangue può predire l’Alzheimer anni prima di quanto sia attualmente possibile.

Uno dei principali problemi che ostacolano la ricerca dell’Alzheimer è che la malattia viene sempre catturata in una fase relativamente avanzata.

Questo perché i sintomi si sviluppano lentamente per un certo numero di anni; diventano ovvi molto tempo dopo che la condizione ha fatto cambiamenti nel cervello.

Così com’è, non ci sono modi semplici per scoprire se la malattia di Alzheimer si sta sviluppando in un individuo.

Gli unici metodi affidabili di diagnosi sono le scansioni di tomografia a emissione di positroni (PET), che richiedono molto tempo e sono costose, e l’analisi del liquido cerebrospinale (CSF) raccolta da una puntura lombare, che è dolorosa e invasiva.

Uno studio, pubblicato sulla rivista EMBO Molecular Medicine , descrive una potenziale soluzione a questo problema significativo.

Rilevazione di proteine ​​nel sangue

Uno dei tratti distintivi della malattia di Alzheimer è un accumulo anormale di placche di beta-amiloide nel cervello. La beta-amiloide è presente nel cervello sano, ma, negli individui con l’Alzheimer, la proteina è piegata in modo errato e si accumula. Nella sua forma a fogli piegati in modo errato, è tossico per le cellule nervose .

Le placche amiloidi possono iniziare a svilupparsi 15-20 anni prima che compaiano i sintomi del morbo di Alzheimer.

Questa proteina malsana costituisce la base del test del sangue rivoluzionario. I ricercatori, guidati da Klaus Gerwert, volevano capire se misurare i livelli relativi di beta amiloide-patologica sani e patologici nel sangue potesse identificare l’Alzheimer nelle sue fasi precompromali.

Il loro nuovo esame del sangue funziona utilizzando la tecnologia dei sensori a infrarossi immuno; basato su un anticorpo, il sensore estrae tutta la beta-amiloide dal campione di sangue. Le due versioni di beta-amiloide assorbono la luce infrarossa a diverse frequenze consentendo ai ricercatori di misurare i livelli relativi di proteine ​​sane e malsane.

A differenza di altri metodi, il sensore immuno-infrarosso non fornisce una quantità precisa di proteine ​​misfoldate; piuttosto, fornisce informazioni sul rapporto tra le versioni salutari e malsane. Questo è utile in quanto è meno influenzato dalle naturali fluttuazioni dei livelli di proteine ​​nel sangue.

Per verificare se il test ha funzionato, il team di scienziati della Ruhr University di Bochum, in Germania, ha preso i dati dalla coorte svedese BioFINDER, uno studio condotto da Oskar Hansson dell’Università di Lund in Svezia.

Questa fase iniziale dello studio ha prodotto risultati incoraggianti; in individui che mostravano sintomi sottili e precoci dell’Alzheimer, il test ha rilevato variazioni nei livelli di beta-amiloide che correlavano con depositi anormali visualizzati utilizzando scansioni cerebrali.

In altre parole, il test ha rilevato un aumento dei livelli di beta-amiloide misfolded, che è stato successivamente confermato da una scansione del cervello.

Il livello successivo

L’ovvio e vitale passo successivo è stato quello di vedere se livelli anormali di beta-amiloide potevano essere rilevati in individui prima che si sviluppassero i sintomi dell’Alzheimer.

Per questo, hanno preso i dati dallo studio di coorte ESTHER. Hanno valutato i campioni di sangue di 65 individui che successivamente hanno sviluppato la malattia di Alzheimer. Questi campioni di sangue sono stati confrontati con 809 individui che non hanno sviluppato la malattia.

In media, il test del sangue poteva rilevare l’Alzheimer negli individui 8 anni prima che i sintomi clinici diventassero evidenti.

Ha diagnosticato correttamente l’Alzheimer nel 70% dei casi e ha erroneamente predetto che il 9% avrebbe sviluppato la malattia. Nel complesso, l’accuratezza diagnostica è stata dell’86 percento.

Rispetto ad una puntura lombare o ad una scansione PET , un semplice esame del sangue sarebbe molto più utile per medici e ricercatori. Anche se, a questo stadio, il test non è perfetto, sarebbe un modo utile per individuare coloro che potrebbero essere a rischio di sviluppare l’Alzheimer prima di inviarli per un’indagine più approfondita.

I risultati sono entusiasmanti e forniranno uno strumento di benvenuto nella ricerca dei trattamenti dell’Alzheimer. Più avanti, il team prevede di utilizzare una tecnologia simile per rilevare un biomarker (alfa-sinucleina) associato a un’altra condizione difficile da rilevare precocemente: il morbo di Parkinson .

Questi farmaci comuni possono aumentare il rischio di demenza

Uno studio fondamentale ha collegato l’uso a lungo termine di alcuni farmaci anticolinergici a un più alto rischio di demenza in seguito.
donna che guarda le pillole

Diversi farmaci comuni possono metterti a maggior rischio di demenza in età avanzata.

Si ritiene che questa indagine sia lo studio “più esteso e dettagliato” fino ad oggi sull’uso anticolinergico a lungo termine e sul rischio di demenza .

Gli anticolinergici agiscono bloccando un messaggero chimico, o neurotrasmettitore, chiamato acetilcolina che trasporta segnali cerebrali per controllare i muscoli.

Sono usati per trattare una varietà di condizioni, dalla malattia di Parkinson e dalla perdita del controllo della vescica all’asma , alla malattia polmonare ostruttiva cronica e alla depressione .

Gli anticolinergici per la depressione, come l’amitriptilina, la dosulepina e la paroxetina, sono stati precedentemente associati a un più alto rischio di demenza, anche quando erano usati fino a 20 anni prima.

Alcuni studi hanno anche suggerito che l’uso di qualsiasi anticolinergico è legato al rischio aumentato di demenza.

Uso a lungo termine di alcuni anticolinergici

Ma il nuovo studio – che è stato condotto dall’Università dell’East Anglia (UEA) nel Regno Unito e ora è pubblicato su The BMJ – ha scoperto che l’uso a lungo termine di determinati tipi di anticolinergici è legato al rischio di demenza più elevato.

Conferma il legame con l’uso a lungo termine di anticolinergici per la depressione, e anche per il morbo di Parkinson (come la prociclidina) e la perdita del controllo della vescica (ad esempio ossibutinina, solifenacina e tolterodina).

Tuttavia, lo studio non ha trovato alcun collegamento tra aumento del rischio di demenza e altri farmaci anticolinergici, come antistaminici e farmaci per crampi addominali.

Per la loro indagine, i ricercatori hanno utilizzato i dati del database di ricerca clinica pratica, che contiene record anonimi per oltre 11 milioni di persone in tutto il Regno Unito

Carico cognitivo anticolinergico

Il set di dati utilizzato nell’analisi includeva 40.770 pazienti affetti da demenza di età compresa tra 65 e 99 anni che erano stati diagnosticati nel periodo 2006-2015. Ognuno di questi è stato abbinato a un massimo di sette persone che non avevano la demenza ma erano dello stesso sesso e di età simile.

I ricercatori hanno utilizzato un sistema chiamato scala anticondensa cognitiva (ACB) per valutare l’effetto anticolinergico dei farmaci prescritti ai pazienti.

Il team ha esaminato le registrazioni dei pazienti e dei loro controlli abbinati per contare tutte le prescrizioni e le dosi per i farmaci con un punteggio ACB di 1-3 durante il periodo che copre 4-20 anni prima della diagnosi di demenza.

Hanno trovato che il 35 per cento dei pazienti con demenza e il 30 per cento dei controlli era stato prescritto almeno un farmaco con un punteggio di 3 sulla scala ACB durante quel periodo.

I ricercatori hanno quindi effettuato un’ulteriore analisi per eliminare l’effetto di fattori che potrebbero influenzare i risultati.

L’ulteriore analisi ha rivelato che i farmaci con un punteggio ACB di 3 che era stato prescritto per la depressione, il morbo di Parkinson e la perdita del controllo della vescica erano collegati a un più alto rischio di demenza fino a 20 anni “dopo l’esposizione”.

Tuttavia, non è stato trovato alcun collegamento per i farmaci con punteggio 1 sulla scala ACB, né per i farmaci respiratori e gastrointestinali con punteggio 3.

I medici dovrebbero ‘essere vigili’

I ricercatori sottolineano che a causa dei limiti del loro disegno di studio, non possono dire se gli anticolinergici causano direttamente la demenza o no.

Una possibilità è che le persone che assumono le droghe siano già nelle primissime fasi della demenza.

Ma, poiché il legame era presente anche quando l’esposizione avveniva 15-20 anni prima della diagnosi di demenza, gli autori affermano che “la causalità inversa o il confondimento con i primi sintomi di demenza sono spiegazioni meno probabili”.

Consigliano ai medici di “continuare ad essere vigili riguardo all’uso di farmaci anticolinergici” e di prendere in considerazione i possibili effetti a lungo termine ea breve termine quando valutano i rischi rispetto ai benefici.

Importanza della ricerca

La demenza colpisce circa 50 milioni di persone in tutto il mondo, e ogni anno 10 milioni in più scoprono di avere la malattia, che alla fine li derubò della loro capacità di ricordare, pensare, tenere una conversazione e vivere in modo indipendente.

“Questa ricerca è davvero importante”, spiega il leader dello studio, il dott. George Savva, che lavora presso la Scuola di Scienze della Salute presso l’UEA, “perché ci sono circa 350 milioni di persone colpite a livello globale dalla depressione e si stima che le condizioni della vescica che richiedono un trattamento influenzino oltre il 13% degli uomini e il 30% delle donne nel Regno Unito e negli [Stati Uniti]. ”

“Molte delle opzioni di trattamento per queste condizioni”, continua, “riguardano farmaci con effetti anticolinergici”.

Lo sviluppo di strategie per prevenire la demenza è quindi una priorità globale”.

Dr. George Savva

In un articolo redazionale collegato allo studio, il Prof. Shelly Gray, dell’Università di Washington a Seattle, e il Prof. Joseph Hanlon, dell’Università di Pittsburgh in Pennsylvania, affermano che gli autori hanno fatto un buon lavoro nel risolvere il problema del modo migliore per “riassumere il carico anticolinergico per la ricerca futura”.

Concordano anche sul fatto che, nel frattempo, “come suggerito dalle linee guida, gli anticolinergici in generale dovrebbero essere evitati negli anziani”.