L’attivazione di queste cellule immunitarie potrebbe proteggere dalla Sclerosi Multipla ?

Nella sclerosi multipla, le cellule immunitarie infiammatorie iperattive distruggono il tessuto che circonda e isola i nervi. Ora, una nuova ricerca sui topi rivela che l’attivazione di un diverso gruppo di cellule immunitarie potrebbe potenzialmente contrastare la reazione autoimmune distruttiva.
t-cell.jpg

I ricercatori si sono concentrati sul ruolo di un singolo tipo di cellula T nell’innescare la SM.

I ricercatori della Stanford University School of Medicine in California suggeriscono che i loro risultati potrebbero portare a nuovi trattamenti per le condizioni autoimmuni, come la sclerosi multipla (SM) e la celiachia .

In un recente articolo di Nature , descrivono come hanno studiato le cellule immunitarie in un modello murino di SM e anche da persone con la malattia.

Hanno trovato prove che suggeriscono che esiste un equilibrio tra il tipo di cellula immunitaria che causa infiammazione e un altro tipo di cellula immunitaria che può sopprimerlo. Sembra che l’equilibrio sia sconvolto nella malattia autoimmune.

L’autore senior dello studio Mark M. Davis, professore di microbiologia e immunologia a Stanford, suggerisce che potrebbe essere possibile ripristinare l’equilibrio stimolando selettivamente le cellule immunitarie protettive.

“Se potessimo mobilizzare quelle cellule per funzionare in modo più efficace nei pazienti con autoimmunità”, spiega, “allora avremmo un nuovo trattamento per malattie come [SM]”.

Milioni di persone con malattie autoimmuni

Le malattie autoimmuni sono condizioni in cui il sistema immunitario attacca una parte del corpo come se i suoi tessuti e cellule fossero una minaccia, come l’invasione di batteri e virus.

Ci sono almeno 80 malattie autoimmuni che gli scienziati conoscono. Questi includono SM, celiachia, diabete di tipo 1 , artrite reumatoide e lupus . Gli scienziati non sanno quali molecole scatenano le reazioni immunitarie dietro la maggior parte di queste condizioni.

In italia, ci sono più di 8 milioni di persone con malattie autoimmuni e altri 2 milioni a rischio di svilupparle. Il numero di persone che sviluppano malattie autoimmuni è in aumento, per ragioni non chiare.

I medici trovano difficili da diagnosticare molte condizioni autoimmuni e le persone possono attendere a lungo per una diagnosi definitiva.

La maggior parte delle malattie autoimmuni non ha cura e le persone devono assumere medicine per il resto della vita per gestire i sintomi.

Gli scienziati vedono la SM come una malattia autoimmune in cui le cellule infiammatorie del sistema immunitario attaccano la guaina protettiva della mielina che circonda le fibre nervose del sistema nervoso centrale (SNC).

A seconda della parte del sistema nervoso centrale che colpisce la malattia, i sintomi della SM possono variare tra individui e anche nella stessa persona.

Attivazione di cellule soppressori

Per il loro studio, il Prof. Davis e i suoi colleghi hanno studiato le cellule immunitarie nel sangue dei topi che avevano indotto a sviluppare l’encefalomielite. Questa è una condizione che infiamma il cervello e il midollo spinale in modo simile alla SM.

Si sono concentrati su un tipo di cellula chiamata cellule T CD8. Sapevano già che queste cellule potevano uccidere cellule cancerose e infette. Tuttavia, hanno anche notato un aumento di queste cellule nel modello murino MS. Sospettavano che le cellule stessero contribuendo alla malattia.

Il team è stato sorpreso di scoprire, tuttavia, che non era così.

Quando hanno iniettato i topi con peptidi che le cellule T CD8 potevano riconoscere, hanno portato alla morte delle cellule T che causano infiammazione e una riduzione della gravità dei sintomi.

Per approfondire ulteriormente questo aspetto, i ricercatori hanno sviluppato i due tipi di cellule in un piatto. Hanno scoperto che l’attivazione delle cellule T CD8 con i peptidi le ha stimolate a praticare fori nelle cellule T infiammatorie.

Suggeriscono che – insieme alla scoperta che le cellule portano sulle loro superfici proteine ​​immunodepressive – questi risultati confermano che le cellule T CD8 possono essere cellule soppressori.

Le cellule sbilanciate potrebbero causare autoimmunità?

I ricercatori hanno confrontato il sangue di persone con SM e di quelli senza di essa. Hanno scoperto che le persone con SM avevano maggiori probabilità di avere livelli più elevati di cellule che erano cloni di singole cellule T CD8. Questo era lo stesso nel modello del topo.

Quando le cellule T individuano un potenziale agente nemico, identificano una caratteristica molecolare distintiva, o antigene, che li aiuta a riconoscere l’agente. Quindi si replicano per creare un gran numero di cellule T che ricordano l’antigene specifico.

Eseguendo i test del DNA sulle cellule T CD8 aumentate, il Prof. Davis e i suoi colleghi hanno scoperto che erano identici: l’aumento della popolazione comprendeva cloni di singole cellule T CD8.

Una tale scoperta suggerisce che le cellule T CD8 si stanno avvicinando a una particolare caratteristica della malattia. I ricercatori sperano di scoprire di cosa si tratta e come aiuta a generare cellule T CD8 che sopprimono il sistema immunitario.

I ricercatori suggeriscono che i due tipi di cellule – cellule T infiammatorie e cellule T CD8 attivate a soppressione immunitaria – lavorano in equilibrio tra loro e che le malattie autoimmuni potrebbero essere dovute al loro squilibrio.

“Pensiamo assolutamente che qualcosa del genere stia accadendo nelle malattie autoimmuni umane”, spiega il prof. Davis, aggiungendo che “rappresenta un meccanismo che nessuno ha davvero apprezzato”.

L’idea che alcune cellule T CD8 abbiano il potere di sopprimere l’infiammazione non è nuova. Gli scienziati hanno inizialmente proposto l’idea negli anni ’70, ma l’interesse si è ridotto mentre i ricercatori si concentravano principalmente su altre caratteristiche delle cellule immunitarie.

Il team ha in programma di estendere la ricerca per studiare il potenziale ruolo delle cellule T CD8 soppressive in altre condizioni autoimmuni.

C’è questo intero sottoinsieme di cellule T CD8 che ha una funzione soppressiva.”

Prof. Mark M. Davis

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...