Un nuovo vaccino potrebbe spazzare via l’acne. Farmajet news

Quasi tutti avranno a che fare con l’acne durante la loro adolescenza, e molti di noi continuano a combattere questo problema della pelle fino all’età adulta. L’acne può causare molto disagio psicologico, ma ci sono poche terapie rapide ed efficaci per affrontarlo. Verrà introdotto un nuovo vaccino per sradicare questo problema?
donna con acne.jpg

È disponibile un vaccino per l’acne?

L’acne vulgaris, o semplicemente l’acne, è una condizione della pelle che colpisce la maggior parte, se non tutti, gli adolescenti.

A volte può persistere nell’età adulta. Inoltre, cicatrici da acne possono durare a lungo.

La ricerca ha dimostrato che l’acne persistente non solo provoca disagio, ma anche disagio psicologico; le persone diventano consapevoli del proprio aspetto e si preoccupano di come ciò possa influire sui loro rapporti sociali.

Alcuni dei trattamenti più comuni per l’acne includono antibiotici e retinoidi, che sono un tipo di composto chimico che aiuta a mantenere la salute della pelle e l’aspetto.

Tuttavia, i ricercatori spiegano che questi trattamenti tradizionali non sono sempre efficaci e possono causare ulteriori effetti indesiderati – i meno gravi dei quali includono pelle secca e irritazione.

“Le attuali opzioni di trattamento spesso non sono efficaci o tollerabili per gran parte dell’85% degli adolescenti e più di 40 milioni di adulti negli Stati Uniti che soffrono di questa condizione infiammatoria cutanea multifattoriale”, spiega il ricercatore Chun-Ming Huang, dell’Università di California, San Diego.

“Terapie nuove, sicure ed efficienti sono assolutamente necessarie”, aggiunge. Questo è esattamente ciò a cui lui e il suo team hanno lavorato di recente.

Un vaccino per indirizzare le tossine dell’acne?

In un nuovo studio – i cui risultati sono ora disponibili nel Journal of Investigative Dermatology – Huang e colleghi spiegano il loro processo nello sviluppo di un vaccino efficace e sicuro per curare l’acne.

I ricercatori sono stati in grado di stabilire – per la prima volta in assoluto – di poter combattere la tossina secreta dai batteri coinvolti nelle eruzioni acneiformi con un anticorpo dedicato. Questo metodo, aggiungono, ha anche contribuito a ridurre l’infiammazione legata all’acne.

Come notano nel loro articolo, un batterio chiamato Propionibacterium acnes (comunemente indicato come Cutibacterium acnes ) produce una tossina chiamata fattore Christie-Atkins-Munch-Peterson (CAMP). Il fattore CAMP, mostrano, è in gran parte responsabile dell’infiammazione nelle lesioni dell’acne.

Lavorando sia con un modello murino che con cellule della pelle raccolte dall’uomo, i ricercatori hanno testato l’efficacia di un insieme di anticorpi monoclonali – un tipo di cellula immunitaria – contro il fattore CAMP.

Finora, gli sforzi dei ricercatori hanno mostrato risultati promettenti e gli anticorpi si sono dimostrati efficaci contro le proprietà che inducono l’infiammazione della tossina.

“Una volta convalidato da una sperimentazione clinica su vasta scala”, spiega Huang, “il potenziale impatto delle nostre scoperte è enorme per le centinaia di milioni di individui che soffrono di acne vulgaris”.

‘Una strada interessante da esplorare’

In un editoriale pubblicato accanto al documento di studio, Emmanuel Contassot – dell’Università di Zurigo in Svizzera – spiega come i vaccini per l’acne potrebbero essere più sicuri e più efficaci dei trattamenti esistenti.

Tali vaccini, scrive, avrebbero “[indirizzo] un bisogno medico insoddisfatto”. Allo stesso tempo, avverte che “le immunoterapie per l’acne che prendono di mira i fattori influenzati da P. acnesdevono essere cautamente progettate per evitare disturbi indesiderati del microbioma che garantisce l’omeostasi della pelle [autoregolazione]”.

In altre parole, i vaccini dovrebbero garantire che l’equilibrio batterico sulla pelle non sia influenzato, dal momento che alcuni filamenti batterici aiutano effettivamente a proteggere la salute generale della pelle. Tuttavia, incoraggia ulteriori sforzi per creare trattamenti migliori e più mirati per l’acne.

Indipendentemente dal fatto che i vaccini con fattore CAMP influenzino più sottotipi di P. acnes e altri commensali deve essere determinato, ma l’immunoterapia da acne presenta comunque una strada interessante da esplorare”.

Emmanuel Contassot

Annunci

Quali alimenti abbassano la glicemia?

Quando una persona ha il diabete, o il suo corpo non produce abbastanza insulina, o non può usare correttamente l’insulina, quindi il glucosio si accumula nel sangue. Alti livelli di glucosio nel sangue possono causare una serie di sintomi, dall’esaurimento alla cardiopatia.

Un modo per controllare la glicemia è mangiare una dieta salutare. Generalmente, i cibi e le bevande che il corpo assorbe lentamente sono i migliori perché non causano picchi e cali di zucchero nel sangue.

L’indice glicemico (GI) misura gli effetti di specifici alimenti sui livelli di zucchero nel sangue. Le persone che cercano di controllare i loro livelli dovrebbero scegliere cibi con punteggi GI bassi o medi.

Una persona può anche accoppiare gli alimenti con punteggi GI bassi e alti per garantire che un pasto sia equilibrato.

Di seguito sono riportati alcuni dei migliori alimenti per le persone che cercano di mantenere sani livelli di zucchero nel sangue.

1. Pane integrale o pane di segale

pane segale.jpg

Il Pumpernickel ha un punteggio GI basso e meno carboidrati rispetto ad altri tipi di pane.

Molti tipi di pane sono ricchi di carboidrati e aumentano rapidamente i livelli di zucchero nel sangue. Di conseguenza, molti pani dovrebbero essere evitati.

Tuttavia, il pane di segale e il 100% di pane integrale macinato a pietra hanno punteggi GI bassi, a 55 o meno nella scala GI.

Pumpernickel e pane integrale macinato a pietra hanno un punteggio GI inferiore rispetto al normale pane integrale perché gli ingredienti subiscono meno lavorazioni.

La lavorazione rimuove i gusci esterni fibrosi di cereali e cereali. La fibra rallenta la digestione e aiuta a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

In uno studio del 2014 , i ricercatori hanno riferito che il farro e la segale hanno entrambi causato una bassa risposta glicemica iniziale nei ratti. Hanno anche scoperto che questi antichi tipi di grano, oltre che di farro e di farro, hanno soppresso i geni che promuovono il metabolismo del glucosio.

2. La maggior parte dei frutti

Fatta eccezione per ananas e meloni, la maggior parte dei frutti ha un punteggio GI basso o uguale a 55.

Questo perché la maggior parte dei frutti contiene molta acqua e fibre per bilanciare il loro zucchero naturale, che è chiamato fruttosio.

Tuttavia, man mano che i frutti maturano, aumentano i loro punteggi GI. I succhi di frutta hanno anche punteggi GI molto alti perché il juicing rimuove le bucce e i semi fibrosi.

Un ampio studio del 2013 ha rilevato che le persone che consumavano frutta intera, in particolare mirtilli , uva e mele, avevano rischi significativamente più bassi di sviluppare il diabete di tipo 2 .

I ricercatori hanno anche riferito che bere succo di frutta ha aumentato il rischio di sviluppare la condizione.

3. Patate dolci e patate dolci

Le patate normali hanno un punteggio GI elevato, ma patate e patate dolci hanno punteggi bassi e sono molto nutrienti.

Alcune ricerche indicano che la polpa della patata dolce contiene più fibre della pelle, indicando che l’intero ortaggio potrebbe essere utile per le persone con diabete .

Riportando i risultati di uno studio sugli animali, i ricercatori hanno anche osservato che il consumo di patate dolci può ridurre alcuni indicatori del diabete.

Sebbene non vi siano ancora prove definitive che le patate dolci possano aiutare a stabilizzare o abbassare i livelli di zucchero nel sangue negli esseri umani, sono indubbiamente un alimento salutare e nutriente con un punteggio GI basso.

Le persone possono sostituire patate dolci o patate dolci in una varietà di piatti, dalle patate fritte allo stufato.

4. Farina d’avena e crusca d’avena

cereali.jpg

L’avena contiene B-glucani, che aiutano a mantenere il controllo glicemico.

L’avena ha un punteggio GI di 55 o inferiore, il che rende meno probabile che causi picchi e cali di zucchero nel sangue.

L’avena contiene anche B-glucani, che possono fare quanto segue:

  • ridurre la glicemia e le risposte di insulina dopo i pasti
  • migliorare la sensibilità all’insulina
  • aiutare a mantenere il controllo glicemico
  • ridurre i lipidi nel sangue (grassi)

Una revisione 2015 di 16 studi ha concluso che l’avena ha un effetto benefico sul controllo del glucosio e sui profili lipidici nelle persone con diabete di tipo 2. Determinare l’impatto del consumo di avena sul diabete di tipo 1 richiede più ricerca.

I medici raccomandano ancora che le persone con diabete limitino il loro consumo di farina d’avena perché 1 tazza contiene circa 28 grammi di carboidrati.

5. La maggior parte dei dadi

I dadi sono molto ricchi di fibre alimentari e hanno punteggi GI di 55 o meno.

Le noci contengono anche alti livelli di proteine ​​vegetali, acidi grassi insaturi e altri nutrienti, tra cui:

  • vitamine antiossidanti
  • sostanze fitochimiche, come i flavonoidi
  • minerali, tra cui magnesio e potassio

Una revisione sistemica del 2014 ha concluso che l’assunzione di noci potrebbe essere di beneficio alle persone con diabete.

Come con altri alimenti in questo articolo, è meglio mangiare noci che siano il più possibile integre e non elaborate. Le noci con rivestimenti o aromi hanno punteggi GI più alti rispetto alle noci normali.

6. Legumi

I legumi, come fagioli, piselli, ceci e lenticchie, hanno punteggi GI molto bassi.

Sono anche una buona fonte di nutrienti che possono aiutare a mantenere sani i livelli di zucchero nel sangue. Queste sostanze nutrienti includono:

  • fibra
  • carboidrati complessi
  • proteina

Uno studio del 2012 ha rilevato che l’incorporazione di legumi nella dieta ha migliorato il controllo glicemico e ridotto il rischio di malattia coronarica nelle persone con diabete di tipo 2.

Evitare i prodotti a base di legumi contenenti zuccheri aggiunti e amidi semplici, come quelli con sciroppi, salse o marinate. Queste aggiunte possono aumentare in modo significativo il punteggio GI di un prodotto.

7. Aglio

L’aglio è un ingrediente popolare nelle medicine tradizionali per il diabete e in un’ampia varietà di altre condizioni.

I composti nell’aglio possono aiutare a ridurre la glicemia migliorando la sensibilità e la secrezione dell’insulina.

In uno studio del 2013 , 60 persone con diabete di tipo 2 e obesità hanno assunto metformina da sola o una combinazione di metformina e aglio due volte al giorno dopo i pasti per 12 settimane. Le persone che hanno assunto metformina e aglio hanno visto una riduzione più significativa dei loro livelli di zucchero nel sangue a digiuno e post-pasto.

Le persone possono mangiare l’aglio crudo, aggiungerlo alle insalate o usarlo in piatti cucinati.

8. Pesce d’acqua fredda

pesce lago.jpg

Il merluzzo non contiene carboidrati e può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Il pesce e le altre carni non hanno punteggi GI perché non contengono carboidrati.

Tuttavia, i pesci d’acqua fredda possono aiutare a gestire o prevenire il diabete meglio di altri tipi di carne.

Uno studio del 2014 ha incluso dati presi da 33.704 donne norvegesi per un periodo di 5 anni. I ricercatori hanno scoperto che mangiare 75-100 milligrammi di merluzzo, merluzzo carbonaro, eglefino o merluzzo al giorno riduceva il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Tuttavia, i ricercatori erano incerti se la riduzione del rischio fosse un risultato diretto del consumo del pesce o se altri fattori di stile di vita salutari, come l’esercizio fisico, avrebbero potuto influenzare i risultati.

9. Yogurt

Mangiare giornalmente yogurt normale può ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Gli autori di una grande meta-analisi del 2014 hanno concluso che lo yogurt può essere l’unico prodotto caseario che riduce il rischio di sviluppare la condizione. Hanno anche notato che altri prodotti lattiero-caseari non sembrano aumentare il rischio di una persona.

I ricercatori non sono ancora sicuri perché lo yogurt aiuta a ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Tuttavia, lo yogurt bianco è generalmente un alimento a basso indice glicemico. La maggior parte degli yogurt non zuccherati ha un punteggio GI di 50 o meno.

È meglio evitare yogurt zuccherati o aromatizzati, che spesso contengono troppo zucchero per una persona che cerca di abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Lo yogurt alla greca può essere un’alternativa salutare.

Altri modi per abbassare i livelli di zucchero nel sangue

Mangiare una dieta salutare e ben bilanciata è la chiave. Ulteriori strategie per aiutare a ridurre o gestire i livelli di zucchero nel sangue includono:

  • rimanendo idratato bevendo un sacco di liquidi limpidi
  • esercitarsi regolarmente
  • mangiare piccole porzioni più frequentemente
  • non saltare i pasti
  • gestire o ridurre lo stress
  • mantenere un peso corporeo sano o perdere peso, se necessario

Le persone con diabete possono anche aver bisogno di assumere farmaci e misurare regolarmente il loro livello di zucchero nel sangue per ridurre il rischio di sintomi e complicanze potenzialmente pericolosi.

Parla con un medico su come integrare una dieta salutare in un piano di cura del diabete.

Come trattare e prevenire i peli delle cosce incarnite. Farmajet news

I peli incarniti sono tornati nella pelle. Questo spesso crea una protuberanza rossa infiammata o un punto che può causare prurito o causare dolore. Anche i peli incarniti possono infettarsi formando una ferita simile a un brufolo.

I peli incarniti possono essere più comuni nelle persone con capelli ruvidi o ricci. Possono anche essere più frequenti quando i peli sono molto corti, come dopo la ceretta, la rasatura o la pinzatura. I peli incarniti si presentano più frequentemente in aree che presentano molta frizione.

La maggior parte dei peli incarniti sulle gambe non causa complicazioni e di solito si risolvono da soli. Alcuni semplici rimedi casalinghi possono aiutare.

In questo articolo, descriviamo come rimuovere in modo sicuro i peli incarniti sulle gambe e prevenire il ripetersi del problema.

Liberarsi di un pelo incarnito

pelo incarnito.jpg

I peli incarniti possono verificarsi dopo la ceretta o la rasatura.

Molti peli incarniti si risolvono nel tempo senza trattamento. Spesso è meglio lasciarli guarire da soli e adottare misure preventive.

Tuttavia, se una persona può vedere la punta dei capelli fuori dalla pelle, potrebbe essere più facile tirare i capelli e permettere al follicolo di guarire.

Per rimuovere i peli incarniti in modo sicuro:

  1. Lavare la zona con sapone neutro e acqua tiepida. Se la zona non è irritata, esfoliare delicatamente.
  2. Applicare una salvietta calda e umida sui capelli incarniti. Questo può aiutare ad aprire il follicolo e lasciarlo drenare.
  3. Tenere la salvietta in posizione per 1 minuto, quindi rimuoverla.
  4. Usando un ago sterilizzato o una pinzetta, estrai delicatamente il resto dei capelli.
  5. Quando tutti i peli sono sopra la superficie della pelle, usa le pinzette per afferrarne la base. Tirare saldamente verso l’alto per rimuovere i capelli.
  6. Lavare nuovamente l’area con acqua calda e sapone e applicare un panno caldo se necessario per lenire eventuali irritazioni.

Non cercare di individuare i peli incarniti che sono sotto la pelle. Questo può portare a infezioni. Può anche spingere i capelli più in profondità nella pelle, aumentando il tempo necessario per guarire.

Prevenzione

Utilizzare i seguenti metodi per aiutare a prevenire i peli incarniti:

Esfoliazione

Sporcizia, oli e cellule morte possono ostruire i follicoli piliferi. La rimozione di questi può trattare e aiutare a prevenire i peli incarniti.

L’esfoliazione prima della rasatura può aiutare. Strofina le gambe con un peeling corpo esfoliante o usa un loofah per aiutare a rimuovere lo sporco e sbloccare i pori.

L’esfoliazione raschia delicatamente anche le cellule morte della pelle che si accumulano sulla pelle. Questo strato di cellule morte può intrappolare nuovi peli all’interno dei follicoli, facendoli crescere verso l’interno.

Inoltre, l’esfoliazione delicata a volte è sufficiente per sollevare i peli incarniti su e fuori dalla pelle, dove possono crescere correttamente.

Prova un pennello asciutto

La spazzolatura a secco è un modo per sbarazzarsi delle cellule morte della pelle. Spazzolando la pelle con un pennello a setole lunghe, con movimenti circolari, puoi raschiare delicatamente lo strato esterno delle cellule morte, rivelando una pelle più morbida al di sotto.

Rimozione di questo strato può anche mantenere i pori e i follicoli liberi e impedire che i peli crescano verso l’interno.

Usa la crema da barba o il gel

ceretta

Usare la crema da barba o il gel può aiutare a prevenire i peli incarniti.

La crema da barba aggiunge idratazione e riduce l’attrito quando il rasoio scivola sulla pelle.

Troppa frizione può causare irritazione e infiammazione . Può anche causare ustioni da rasoio, in cui la pelle diventa irregolare, rossa e talvolta dolorosa. Riducendo l’attrito, la crema da barba riduce il rischio di irritazione.

Anche il tipo di crema da barba può fare la differenza. La pelle sensibile può reagire agli ingredienti in alcune creme.

I prodotti chimici e le fragranze nelle creme da barba possono irritare e infiammare la pelle, causando problemi di pelle, come i peli incarniti.

Le persone con pelle sensibile possono trarre beneficio dall’utilizzo di prodotti naturali o ipoallergenici sulle loro gambe.

Scegli il rasoio giusto

Peli incarniti sulle gambe possono segnalare che una persona sta usando il tipo sbagliato di rasoio.

Un buon rasoio dovrebbe scivolare dolcemente sulla pelle, lasciandosi dietro nessun pelo perso o rasato a metà. Sostituisci regolarmente i rasoi per evitare l’ottusità, che può aggiungere attrito.

I rasoi che non scivolano dolcemente possono catturare e strappare i peli e possono causare peli incarniti. Un rasoio che cattura può anche causare piccoli tagli e tagli, che possono essere infettati.

In passato, alcuni dermatologi ritenevano che i rasoi a lama singola riducessero il rischio per la pelle. Tuttavia, uno studio del 2013 non ha mostrato differenze tra varietà a lama singola o multipla.

Radersi nella direzione della crescita

I peli in un’area tendono a crescere nella stessa direzione. La rasatura nella direzione opposta può far sì che i capelli abbiano punte molto affilate. Questo rende più facile per loro penetrare nella pelle e crescere verso l’interno.

Praticare buone tecniche di rasatura

Alcuni altri suggerimenti per prevenire i peli incarniti dovuti alla rasatura includono:

  • Utilizzare sempre un rasoio affilato e pulito, evitando i rasoi con segni di ruggine o usura.
  • Risciacquare la lama dopo ogni colpo .
  • Radersi meno spesso, permettendo ai capelli di crescere.
  • Pulire la lama con alcol denaturato dopo ogni utilizzo.
  • Non esagerare con i rasoi monouso.

Prodotti da banco (OTC) per peli incarniti

Ci sono alcune creme e trattamenti OTC disponibili per le persone che hanno regolarmente peli incarniti.

Questi prodotti contengono ingredienti comunemente presenti nei farmaci per l’ acne , come il perossido di benzoile, l’acido salicilico e l’acido glicolico. In caso di successo, prevengono i peli incarniti rimuovendo le cellule morte della pelle e sbloccando i pori.

Alcuni prodotti OTC possono aiutare a sollevare i capelli dalla pelle, il che può ridurre il rischio di infezione.

Inoltre, gli idratanti possono impedire alla pelle di diventare secca, pruriginosa e infiammata.

Peli incarniti e ceretta

ceretta2.jpg

Idratare prima e dopo la ceretta può aiutare a ridurre l’attrito.

Alcune persone preferiscono la ceretta alla rasatura. Dopo la ceretta, i capelli potrebbero impiegare più tempo a riapparire e potrebbe ricrescere meglio.

La rasatura è più probabile che causi peli incarniti, ma possono anche verificarsi dopo la ceretta.

L’idratazione è la chiave per le persone che si fanno le gambe. Se la pelle è secca, la ceretta può portare a capelli fragili che si rompono alla radice, piuttosto che essere estratti completamente.

I peli incarnati possono anche derivare da un maggiore attrito che si verifica quando i vestiti sfregano contro la pelle secca recentemente incerata.

Utilizzare un idratante naturale prima e dopo la ceretta per ridurre l’attrito e mantenere la pelle morbida e idratata. Può anche aiutare a indossare abiti larghi per 24 ore dopo la ceretta.

Quando vedere un dottore

Un pelo incarnito occasionale sulla gamba è normale. Tuttavia, se i peli incarniti si verificano frequentemente, potrebbe essere una buona idea consultare un medico.

Il medico potrebbe essere in grado di suggerire ulteriori opzioni di trattamento. Oppure, una persona può avere una condizione della pelle che assomiglia a peli incarniti.

Se una persona nota che un pelo incarnito è infetto, dovrebbe consultare un medico. L’area intorno ai capelli potrebbe sembrare infiammata o rossa, oppure potrebbe esserci un dosso pieno di pus. Un medico può curare l’infezione e impedire che si diffonda o peggiori.

acquista i prodotti per la depilazione su Farmajet

DEPILAZIONE SHOP

Qual è il legame tra vitamina D, salute delle gengive e diabete?

Un nuovo articolo traccia link interessanti tra le infezioni gengivali, un ridotto livello di vitamina D e diabete. Questo segna la prima volta che sono stati esaminati gli effetti congiunti di parodontite e carenza di vitamina D sul diabete.
dentiera.jpg

Malattie gengivali, diabete e vitamina D condividono legami profondi.

Il diabete , come molti sanno, è un problema crescente negli Stati Uniti e nel mondo.

Nel 2015, quasi 1 su 10 adulti aveva un diabete. Ci sono circa 1,5 milioni di nuove diagnosi ogni anno negli Stati Uniti

Mentre ci sono alcuni ben noti fattori di rischio per il diabete, come l’ obesità e l’ ipertensione , c’è ancora molto da imparare.

Il diabete è complesso e coinvolge più sistemi.

Scoprire l’intera gamma di potenziali fattori di rischio potrebbe aiutare a prevenire il diabete in alcuni individui e aiutare gli altri a gestire i sintomi in modo più efficace.

Di recente, un team dell’Università di Toronto in Canada ha studiato la potenziale influenza della carenza di vitamina D e della parodontite , una infezione gengivale.

Diabete e parodontite

Hanno scelto di esaminare la malattia gengivale perché studi precedenti avevano dimostrato che il diabete aumenta il rischio di parodontite, che è una malattia infiammatoria battericamente indotta che può danneggiare i tessuti molli e le ossa.

Questa relazione è bidirezionale , il che significa che la parodontite rende anche più difficile la gestione del diabete di tipo 2 .

L’autore principale dello studio, Aleksandra Zuk, spiega perché la vitamina D era anche di interesse per i ricercatori.

“Sappiamo che la vitamina D non è utile solo per la salute delle ossa”, osserva, “ma ha anche effetti antimicrobici e anti-infiammatori: livelli sufficienti di vitamina D possono potenzialmente ridurre l’infiammazione e influenzare i microbi orali legati alla malattia di gomma”.

Oltre al ruolo della vitamina D nel combattere le infezioni e ridurre l’ infiammazione , alcune ricerche hanno dimostrato che i recettori della vitamina D sono direttamente associati alla parodontite.

Analizzando l’interazione

Per approfondire la rete di connessioni, gli scienziati hanno preso informazioni dal National Health and Nutrition Survey 2009-2010 Survey.

Il campione includeva dati da 1.631 persone con diabete di tipo 2 e 1.369 senza. Tutti i partecipanti avevano più di 30 anni e ogni individuo ha subito un esame dentistico ed è stato valutato per i livelli di vitamina D e le misure di glucosio e insulina a digiuno .

I risultati intriganti dei ricercatori sono stati pubblicati su BMJ Open Diabetes Research & Care . Dopo la loro analisi, gli autori hanno concluso:

Coerentemente, gli effetti congiunti dell’insufficienza di vitamina D-3 e dell’insufficienza totale della vitamina D con la parodontite erano significativamente associati al diabete.”

I dati hanno mostrato che, separatamente, la parodontite e la carenza di vitamina D aumentavano il rischio di diabete di tipo 2. Gli autori hanno anche scoperto che quando i due fattori venivano combinati, il rischio era “maggiore della somma dei singoli effetti”.

Poiché circa la metà degli adulti statunitensi ha malattie gengivali e oltre il 40% è carente di vitamina D, le conclusioni dello studio potrebbero essere incredibilmente importanti.

È necessario più lavoro per confermare i risultati e approfondire un po ‘i meccanismi coinvolti. Questo studio è il primo a esaminare gli effetti congiunti della parodontite e dell’insufficienza di vitamina D sul diabete.

Se i risultati vengono replicati, in alcuni casi potrebbe offrire un nuovo modo di affrontare il diabete. Ad esempio, per gli adulti con diabete di tipo 2 e parodontite, l’aumento dei livelli di vitamina D ai livelli suggeriti potrebbe aiutarli a gestire la loro condizione.

Come dice Zuk, “poiché è il primo studio, abbiamo davvero bisogno di guardare queste due esposizioni di nuovo in altri studi e popolazioni e potrebbe avere un impatto sulla ricerca sul diabete”.

Qual è la differenza tra salmone selvatico e d’allevamento?

Vi è un importante dibattito sulla sicurezza del salmone d’allevamento rispetto al salmone selvatico. Il salmone selvatico e d’allevamento si differenzia per l’impatto ambientale e la qualità nutrizionale.

Il salmone è un pesce molto popolare, mangiato da milioni di persone in tutto il mondo. A causa della sua popolarità, un sacco di salmoni ora proviene da allevamenti ittici piuttosto che selvatici.

Questo articolo mette a confronto il salmone selvatico con il salmone d’allevamento e discute le differenze tra loro, compreso il loro ambiente e la loro dieta.

Differenze tra salmone selvatico e d’allevamento

Mangiare pesce grasso, come il salmone ogni settimana, ha benefici per la salute. Le linee guida dietetiche americane 2015-2020 raccomandano di mangiare 800 gr di pesce a settimana

Il salmone è un’ottima fonte di:

  • omega 3 grassi
  • proteina
  • vitamina A
  • vitamina D
  • calcio

Esploriamo le differenze tra salmoni allevati e selvatici sottostanti.

1. Condizioni di vita del salmone selvatico e d’allevamento

salmone allevato.jpg

Il salmone può essere molto affollato negli allevamenti ittici.

Il salmone d’allevamento è costituito da stock ittici tenuti in penne reticolate. Gli agricoltori controllano l’allevamento, li nutrono e forniscono medicine se necessario. A volte le penne sono molto affollate e il salmone non sa nuotare molto lontano.

Il sovrasfruttamento degli stock ittici mondiali ha portato ad un aumento della piscicoltura. Anche l’allevamento ittico mantiene il prezzo del pesce più basso.

I salmoni selvatici vivono e si riproducono nei loro corpi d’acqua nativi. Gli esseri umani non hanno alcun controllo sulla loro riproduzione, alimentazione o salute. Salmone selvaggio nuota per lunghe distanze senza restrizioni.

Contaminanti ambientali e chimici influenzano il salmone selvatico e il salmone d’allevamento.

2. Differenze nutrizionali

In genere, il salmone selvatico ha meno calorie , grassi saturi e vitamine A e D del salmone d’allevamento , ma contiene più proteine.

Sia nel salmone selvatico che in quello di allevamento, il contenuto di omega 3 varierà a seconda di ciò che mangia il salmone.

Secondo una recensione del 2017 , il salmone selvatico presenta livelli più alti di acidi grassi omega-6 rispetto al salmone selvatico. Sia il salmone d’allevamento che il salmone selvatico avevano livelli comparabili di un acido omega-3 chiamato EPA, ma il salmone d’allevamento aveva livelli più bassi di DHA acido omega-3 rispetto al salmone selvatico.

Secondo il Dipartimento della Sanità dello Stato di Washington , “i filetti di salmone allevati contengono tanti grammi di acidi grassi omega-3 come salmoni selvatici perché il salmone d’allevamento è più grasso del salmone selvatico”.

Gli Omega-3 sono importanti per:

  • funzione cerebrale
  • vista
  • produzione di sperma
  • produzione di energia
  • riduzione dell’infiammazione

Sia i salmoni allevati che i salmoni selvatici contengono alcuni composti che non sono buoni per il corpo. Questo perché il salmone può assorbire alcune sostanze chimiche e inquinanti attraverso la loro dieta e il loro ambiente.

3. Differenze di colore

salmone selvatico.jpg

Il salmone è una grande fonte di proteine, calcio e grassi omega-3.

Il salmone selvatico e di allevamento può differire di colore a causa della sua dieta .

Il salmone selvatico mangia un sacco di krill, granchi e gamberetti. Questi molluschi sono alti in un carotenoide chiamato astaxantina, che conferisce al salmone il loro colore rosa-rosso pallido .

A volte il salmone selvatico è bianco a causa del modo in cui processano l’astaxantina.

L’astaxantina è un potente antiossidante e anti-infiammatorio che è essenziale per la salute generale del pesce. Gli allevatori di pesci alimentano il salmone con alimenti a base di pellet contenenti una versione artificiale dell’astaxantina. La versione sintetica dell’astaxantina non è forte come la versione naturale, ma è comunque vantaggiosa.

Né le versioni naturali e sintetiche dell’astaxantina sono tossiche per l’uomo.

4. Inquinanti organici persistenti (POP)

Secondo un articolo su Diabetology & Metabolic Syndrome , i POP sono sostanze chimiche organiche prodotte dall’uomo che impiegano molto tempo per degradarsi. I POP possono accumularsi nel tessuto animale. I pesci grassi possono contenere quantità elevate di POP.

I POP sono anche conosciuti come:

  • persistente, bioaccumulativo e tossico (PBT)
  • microinquinanti organici tossici (TOMP)

I POP includono:

  • pesticidi
  • prodotti farmaceutici
  • prodotti chimici industriali

Lo stesso articolo afferma che i POP possono aumentare il rischio di diabete di tipo 2 negli esseri umani. I POP lo fanno influenzando l’ insulina . L’insulina controlla gli zuccheri nel sangue del corpo.

Un altro studio che esamina i POP nelle comunità indigene in cui la gente mangia un sacco di pesci selvatici ha riscontrato un aumento del diabete di tipo 2.

I POP possono anche causare neurotossicità . La neurotossicità può aumentare il rischio di Parkinson e malattia di Alzheimer .

Uno studio recente ha rilevato che il salmone atlantico selvatico conteneva livelli più alti di POP rispetto al salmone d’allevamento. Ciò può essere dovuto al fatto che il loro ambiente è incontrollato e a causa di sostanze inquinanti negli oceani.

Uno studio che esaminava il salmone dell’Atlantico norvegese allevato rilevava livelli di alcuni POP e pesticidi in diminuzione.

Sembra che il salmone d’allevamento possa contenere meno POP rispetto al salmone selvatico. Tuttavia, questo dipende dal tipo di farina di pesce che il salmone d’allevamento mangia. Secondo l’ Environmental Working Group (EWG) , i pesci allevati in azienda contenevano 5-10 volte più di un POP chiamato policlorobifenile (PCB) rispetto al salmone selvatico.

Se si sceglie il salmone d’allevamento, è utile trovare una fonte stimabile, responsabile e sostenibile.

5. Metalli pesanti

I metalli pesanti, come il mercurio, possono creare uno stress ossidativo nel corpo umano. Lo stress ossidativo può causare danni alle cellule, che a loro volta possono causare una varietà di condizioni di salute.

Altri metalli pesanti nel pesce includono :

  • arsenico
  • cadmio
  • condurre
  • mercurio

Uno studio ha rilevato che il salmone atlantico selvatico conteneva più mercurio del salmone atlantico allevato in allevamento.

Tutti i salmoni hanno un certo livello di mercurio nei loro tessuti. Gli omega-3 nel salmone possono aiutare a prevenire il danno al mercurio.

6. Farmaci per animali

Gli allevatori di pesci a volte somministrano antibiotici e droghe di origine animale al salmone per mantenerli in buona salute. Alcune persone temono che l’uso di antibiotici possa aumentare la resistenza agli antibiotici umani.

Il salmone selvatico ha meno esposizione ai farmaci animali rispetto al salmone d’allevamento.

La scelta del salmone selvatico è l’opzione più sicura per le persone che sono preoccupate per l’assunzione di droghe animali.

7. Problemi ambientali e di benessere degli animali

Altre preoccupazioni riguardano l’impatto del salmone d’allevamento sui corsi d’acqua locali. I salmoni selvatici si inseriscono nel loro ecosistema naturale e non aumentano l’inquinamento ambientale.

Gli allevamenti ittici possono essere un rischio di inquinamento, in particolare se si trovano in aree a bassa corrente. Questo perché l’inquinamento causato da escrementi di pesce e mangimi non mangiati può entrare nell’ecosistema locale e inquinare gli habitat sotto le penne reticolate.

Quando si trova in aree ad alta corrente , i rifiuti vengono dispersi dall’acqua.

Alcuni allevatori di pesce allevano le loro fattorie con salmoni che non sono originari della zona. Questo può causare problemi se il pesce fugge.

Il salmone evaso compete con le specie locali per il cibo e la riproduzione. Il salmone evaso può anche introdurre malattie e parassiti.

Anche l’intensità della piscicoltura è fonte di preoccupazione. L’allevamento ittico ad alta intensità a scopo di lucro spesso porta al sovraffollamento, che può portare ad un aumento della malattia.

Dal punto di vista etico e ambientale, il salmone selvatico è l’opzione migliore se pescato in modo sostenibile.

Come distinguere

salmone piastra.jpg

Potrebbe essere difficile distinguere tra salmone selvatico e allevamento.

Il salmone d’allevamento contiene più grassi del salmone selvatico. Il grasso può essere visibile e il salmone d’allevamento può sembrare più rotondo del salmone selvatico.

Il salmone selvaggio è stagionale e disponibile solo in estate. Possono avere una più ampia varietà di colori in quanto hanno una dieta diversa per il salmone d’allevamento.

Sfortunatamente, non è sempre possibile dire la differenza tra salmone selvatico e di allevamento leggendo le etichette sui pacchi. L’organizzazione Oceana ha scoperto che il 43 percento dei ristoranti e dei negozi ha esaminato il salmone male etichettato.

Porta via

Giudicare se il salmone d’allevamento è sicuro da mangiare è difficile. Il livello di contaminanti nel salmone d’allevamento varia da luogo a luogo e dipende dalla loro dieta.

L’esposizione agli inquinanti è ancora un rischio per il salmone selvatico, ma gli studi potrebbero non sempre catturare il livello di rischio.

In genere, il salmone selvatico è nutrizionalmente migliore e il salmone pescato in modo sostenibile ha un impatto minore sull’ambiente.

Sia il salmone selvatico sia quello di allevamento sono sicuri da mangiare e sono ottime fonti di nutrienti.

Farmajet consiglia Omega 3 Zona il migliore integratore di omega 3 in commercio nelle farmacie in Italia.

OMEGA-3-ZONA-120-PERLE-DA-1600-MG.jpg

Come la tua dieta può mantenere le cellule sane e giovani

Una nuova ricerca mostra che una dieta salutare può mantenere la salute e la giovinezza delle cellule, almeno nelle donne.
donna in forma.jpg

Mangiare frutta e verdura mantiene le cellule delle donne sane e giovani.

Mentre in genere misuriamo la nostra età in anni, il vero segno dell’invecchiamento biologico è l’invecchiamento cellulare.

In altre parole, il DNA delle nostre cellule può dirci quanto i nostri corpi sono invecchiati.

Come spieghiamo , le estremità dei nostri cromosomi sono i migliori indicatori dell’invecchiamento cellulare.

Chiamati telomeri, queste strutture sono fatte di filamenti e proteine ​​del DNA. Ogni volta che una cellula si divide, i telomeri si accorciano fino a quando la cellula è senescente e muore.

Pertanto, la lunghezza dei telomeri è il miglior indicatore di quanti anni ha una cella.

Mentre l’accorciamento dei telomeri è un processo naturale, il danno accumulato nelle cellule può accelerare questo processo e portare alla morte prematura delle cellule. Le cellule danneggiate e la lunghezza dei telomeri più corta sono state associate a malattie croniche e cancro .

Alcuni dei fattori che danneggiano le cellule sono ambientali e “modificabili”, il che significa che puoi fare qualcosa per loro. Questi includono dieta, esposizione ai raggi ultravioletti, consumo di alcol e stile di vita (più stress può accelerare l’invecchiamento cellulare, mentre l’ esercizio mantiene le cellule più giovani).

Una nuova ricerca, ora pubblicata nel Journal of Epidemiology , zeri in su uno di questi fattori di rischio modificabili per l’invecchiamento cellulare: dieta.

Più specificamente, un gruppo di ricercatori guidati da Cindy Leung, un assistente professore di scienze nutrizionali presso l’Università del Michigan School of Public Health di Ann Arbor, ha trovato un collegamento tra il mantenimento di una dieta salutare e la lunghezza dei telomeri.

Di cosa si tratta una dieta salutare

Leung e colleghi hanno esplorato le abitudini alimentari di quasi 5.000 uomini e donne adulti tra i 20 ei 65 anni. I dati sono stati ottenuti dalla National Health and Nutrition Examination Survey.

Utilizzando questi dati, il team ha valutato l’aderenza dei partecipanti alla dieta mediterranea e gli approcci dietetici alla dieta di arresto ipertensione (DASH), così come i loro punteggi sull’indice di alimentazione sana e sull’indice di alimentazione sana alternativa.

Gli ultimi due sono stati sviluppati dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti in collaborazione con la Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, MA.

“Tutte e quattro le diete”, afferma Leung, “enfatizzano il consumo di molta frutta, verdura, cereali integrali e proteine ​​vegetali e limitano il consumo di zucchero, sodio e carne rossa e lavorata”.

Nel complesso, la ricerca ha rilevato un’associazione significativa tra l’alta aderenza a una di queste diete e la lunghezza dei telomeri più lunga.

“[I] risultati suggeriscono,” spiega Leung, “che seguire queste linee guida [quattro dietetiche] è associato a una lunghezza telomerica più lunga e riduce il rischio di malattie croniche maggiori”, aggiungendo, “Siamo rimasti sorpresi dal fatto che i risultati fossero coerenti indipendentemente l’indice di qualità della dieta che abbiamo usato. “

La coautrice dello studio Elissa Epel, professore di psichiatria all’Università della California, a San Francisco, pesa sui possibili meccanismi che potrebbero spiegare l’associazione.

“La comunanza con tutti i modelli di dieta [salutistica] è che sono diete antiossidanti e antinfiammatorie e creano un ambiente biochimico favorevole ai telomeri”.

Differenze di sesso nei benefici dietetici

Curiosamente, le stesse associazioni erano – sebbene notabili – non statisticamente significative tra gli uomini. Gli scienziati offrono spiegazioni possibili sul perché questo possa essere. “Abbiamo visto alcune differenze [sessuali] negli studi precedenti sulla nutrizione e sui telomeri”, afferma Leung.

“Nel nostro studio”, continua, “così come negli studi precedenti, gli uomini tendevano ad avere punteggi di qualità della dieta più bassi rispetto alle donne. Anche gli uomini avevano una maggiore assunzione di bevande zuccherate e carni lavorate, entrambe associate a telomeri più corti studi precedenti. “

“È possibile che non tutti gli alimenti influenzino la lunghezza dei telomeri in modo uguale e che sia necessaria una maggiore quantità di alimenti protettivi per negare gli effetti dannosi degli altri, tuttavia è necessaria più ricerca per esplorarlo ulteriormente”, conclude Leung.

Il punto chiave è che seguire una dieta [salutare] può aiutarci a mantenere cellule sane ed evitare certe malattie croniche […] L’accento dovrebbe essere posto sul miglioramento della qualità complessiva della dieta piuttosto che sull’enfatizzazione di singoli alimenti o sostanze nutritive.”

Cindy Leung

Una migliore salute del cuore può significare un minor rischio di demenza nelle persone anziane.

Gli adulti più anziani con misure più ideali di salute cardiovascolare avevano meno probabilità di sviluppare la demenza e sperimentare il declino cognitivo.
cuore.jpg

Migliori misure di salute del cuore proteggono le persone anziane dalla demenza.

Questo è stato il risultato principale di un recente studio ora pubblicato su JAMA che ha seguito 6.626 persone di 65 anni e più in Francia per una media di 8,5 anni.

Ha basato le misure di salute cardiovascolare sulla guida ” Simple 7 ” dell’American Heart Association (AHA) .

La guida consiglia: smettere di fumare; essere fisicamente attivi; avere una dieta ricca di verdure, frutta e pesce; avere un peso sano; e la gestione della pressione sanguigna, colesterolo e glicemia.

L’autrice di studio, Cecilia Samieri, dell’Università di Bordeaux in Francia, e colleghi spiegano nel loro studio che pochi ricercatori hanno “studiato l’effetto combinato di questi fattori di rischio sul rischio di demenza e invecchiamento cognitivo”.

Quelli che hanno, osservano, tendono a concentrarsi sui primi quattro fattori di “stile di vita” – vale a dire, abitudine al fumo, attività fisica, dieta e peso.

‘Livelli ottimali’ di salute cardiovascolare

Le persone esaminate nella ricerca vivevano a Bordeaux, Digione e Montpellier, tutte in Francia. Nessuno ha avuto demenza o una storia di malattia cardiovascolare quando hanno aderito allo studio, che ha iniziato il reclutamento nel 1999. La loro età media era di 73.7 anni e 4.200 erano donne.

Tutti i partecipanti hanno ripetuto test di abilità cognitive durante il follow-up. Inoltre, hanno subito lo screening per la demenza e un gruppo indipendente di neurologi ha confermato qualsiasi diagnosi.

All’inizio dello studio, gli scienziati hanno anche valutato ciascun individuo in base al modo in cui corrispondevano al “livello ottimale” di ciascuna delle sette misure di salute cardiovascolare.

Hanno definito i livelli ottimali di queste misure come:

  • non aver mai fumato o aver smesso per almeno 12 mesi
  • attività fisica regolare, come camminare almeno 8 ore a settimana o 4 ore a settimana o più di attività sportiva o ricreativa di intensità moderata
  • almeno una porzione giornaliera di verdure crude, frutta fresca e frutta o verdura cotta e due o più porzioni per settimana di pesce
  • un indice di massa corporea ( BMI ) inferiore a 25
  • colesterolo totale inferiore a 200 milligrammi per decilitro, non trattato
  • pressione sanguigna inferiore a 120/80 millimetri di mercurio, non trattata
  • glicemia a digiuno inferiore a 100 milligrammi per decilitro, non trattata

All’inizio dello studio, il 36,5% delle persone era nel livello ottimale in 0-2 delle misure, mentre il 57,1% ha raggiunto livelli ottimali in 3-4 misure e il 6,5% raggiunto 5-7.

Durante il follow-up, il panel ha diagnosticato e confermato 745 casi di demenza.

Cervello e cuore condividono i fattori di rischio

Quando hanno analizzato i risultati alla fine dello studio, i ricercatori hanno rivelato che avere livelli più ottimali di misure di salute cardiovascolare era legato a un più basso rischio di demenza e declino cognitivo.

Concludono che:

“Questi risultati possono sostenere la promozione della salute cardiovascolare per prevenire i fattori di rischio associati al declino cognitivo e alla demenza”.

Nel discutere i limiti dello studio, gli autori notano che, poiché includeva principalmente i bianchi che vivono in contesti urbani, i risultati potrebbero non essere tipici di altri gruppi.

Un altro limite che evidenziano è il fatto che non hanno preso in considerazione modifiche alle misure cardiovascolari dei singoli durante il periodo di studio.

In un editoriale collegato , Drs. Jeffrey L. Saver e Mary Cushman commentano questi risultati e quelli di un’altra indagine, condotta dall’Università di Oxford nel Regno Unito, pubblicata nello stesso numero della rivista.

L’altro studio ha esaminato i giovani adulti sani per eventuali collegamenti tra salute cardiovascolare e misure della struttura e della funzione del cervello che sono state valutate utilizzando la tecnologia di imaging all’avanguardia.

Questi risultati hanno mostrato che una buona salute cardiovascolare – “già in questa età” – era legata a segni di “più robusta” circolazione del sangue e meno danni alla sostanza bianca nel cervello.

“Mancato raggiungimento della salute cardiovascolare ottimale”, nota Drs. Saver e Cushman “sembra compromettere sottilmente la struttura anatomica fondamentale del sistema vascolare cerebrale, oltre alla sua fisiologia funzionale e all’integrità del tessuto cerebrale che nutre”.

Qual è la differenza tra eczema nummulare e tigna?

L’eczema e la tigna nummulari sono condizioni della pelle che possono causare eruzioni cutanee simili. Essere in grado di distinguere queste due condizioni è cruciale perché hanno cause e trattamenti diversi.

In questo articolo, esaminiamo i sintomi, le cause, la diagnosi e il trattamento dell’eczema e della tigna nummulari .

Eczema numerico

eczema 1.jpg

L’eczema nummulare causa chiazze ovali di cute scolorita. 
Immagine di credito: Oodai alkassas, (2014, 10 maggio).

L’eczema numerico, noto anche come eczema discoidale , è una condizione in cui le persone sviluppano aree rosse o marroni sulla loro pelle che sono a forma di moneta o ovali.

Queste macchie o chiazze possono apparire su braccia, mani, gambe o busto. Possono essere presenti in gruppi o possono unirsi per formare patch più grandi. Di conseguenza, possono avere dimensioni comprese tra 1 e 4 pollici.

Altri sintomi di eczema nummulare possono includere:

  • pelle secca
  • bruciore e prurito della pelle, che di solito è peggiore durante la notte
  • punti aperti che potrebbero incrostarsi

Se le macchie si aprono, sono vulnerabili alle infezioni batteriche. L’eczema nummulare infetto può causare:

  • rossore
  • gonfiore
  • scarico maleodorante
  • febbre

Secondo l’ Associazione Nazionale Eczema , l’eczema nummulare colpisce più comunemente gli uomini, di solito tra i 55 ei 65 anni. Se le donne sperimentano la condizione, di solito le notano tra i 13 ei 25 anni.

I medici non sanno esattamente cosa causa l’eczema nummulare, ma alcuni fattori scatenanti e fattori di rischio possono includere :

  • pelle secca che risulta dal freddo
  • uso precedente di creme mediche topiche, come isotretinoina e interferone
  • una storia di eczema atopico o altre condizioni allergiche
  • lesioni alla pelle, come ustioni, punture di insetti o graffi
  • scarso flusso di sangue alle gambe

Tigna

tigna.jpg

Le tane tigna possono apparire chiare al centro.

Tigna, noto anche come tinea corporis, è una condizione della pelle che può somigliare strettamente all’eczema nummulare. Nonostante il nome di questa condizione, è un tipo di fungo piuttosto che un verme responsabile di causarlo.

La tigna in genere causa chiazze di pelle a forma di anello che spesso colpiscono le braccia e le gambe, ma possono svilupparsi ovunque sul corpo di una persona, tra cui:

  • le piante dei piedi, conosciute come tinea pedis o piede d’atleta
  • il cuoio capelluto, chiamato tinea capitis
  • l’area inguinale, nota come jock itch

I sintomi della tricofitosi includono:

  • macchie rotonde e piatte di pelle rossa, rosa, marrone o grigia
  • patch che possono essere più chiare o chiare al centro, facendole apparire a forma di anello
  • macchie che crescono lentamente e possono diffondersi in altre parti del corpo
  • pizzicore

Tigna in genere provoca sintomi meno gravi di eczema nummulare. Tuttavia, a differenza dell’eczema nummulare, tigna può diffondersi tra le persone. I fattori di rischio per ottenere tigna includono:

  • giocando sport di contatto
  • condividendo asciugamani, vestiti o rasoi con altre persone
  • non riuscendo a lavare e asciugare correttamente i piedi dopo essere stati a piedi nudi negli spogliatoi o nelle aree della piscina

Diagnosi

Un medico diagnosticherà l’eczema o la tigna nummulare esaminando la pelle e chiedendo informazioni sui segni e sui sintomi. Potrebbero chiederti quando l’eruzione è comparsa per la prima volta, cosa lo rende migliore o peggiore, e se l’individuo ha già provato qualche trattamento.

Il medico può anche prelevare un campione di tessuto da uno dei cerotti per determinare se è presente un’infezione o per confermare la diagnosi.

Trattamento dell’eczema nummulare

umidificatore.jpg

Un umidificatore può aiutare a prevenire l’eczema.

Mantenere la pelle pulita e idratata può aiutare a trattare l’eczema nummulare. Le persone possono anche prevenire le fiammate e alleviare i sintomi:

  • usando delicati saponi, che hanno meno probabilità di asciugare la pelle
  • applicazione di idratanti senza profumo che proteggono la pelle dai danni, come oli idratanti per il corpo e vaselina
  • mantenere le stanze fresche e umide, possibilmente utilizzando un umidificatore, che può anche aiutare a mantenere la pelle asciutta
  • indossare tessuti morbidi e naturali, come il cotone, per ridurre l’irritazione della pelle
  • evitando tessuti di lana, che possono irritare l’eczema nummulare

I medici possono anche prescrivere corticosteroidi topici o orali per il trattamento dell’eczema nummulare. Altre opzioni di trattamento includono:

  • crema di catrame di carbone
  • fototerapia, che comporta l’esposizione della pelle alla luce ultravioletta (UV)
  • inibitori topici della calcineurina, come tacrolimus o pimecrolimus

Nei casi in cui l’eczema nummulare viene infettato, un medico può prescrivere anche antibiotici topici o orali .

Trattamento tigna

Le persone possono curare tigna utilizzando creme antifungine, unguenti, compresse o shampoo. Molti di questi farmaci sono disponibili al banco (OTC).

Di solito sarà necessario applicare questi farmaci sulla pelle per 2 o 4 settimane prima che il fungo sparisca. È meglio consultare un medico se l’eruzione tigna non si risolve entro questo tempo. Un medico o un dermatologo può prescrivere farmaci antifungini più forti per trattare la condizione, se necessario.

prospettiva

L’eczema e la tigna nummulari sono entrambe condizioni della pelle che possono causare chiazze rotonde di prurito rosso. Tuttavia, queste condizioni hanno diverse cause e trattamenti, quindi è importante essere in grado di distinguere tra loro.

L’eczema nummulare normalmente causa chiazze a forma di moneta, mentre la tigna produce cerotti a forma di anello.

La tricofitosi è una infezione fungina che può diffondersi tra le persone. Di solito è curabile con farmaci antifungini e dovrebbe scomparire entro un paio di settimane.

L’eczema numerico è una condizione infiammatoria della pelle. Attualmente non esiste una cura per l’eczema nummulare, ma mantenere la pelle idratata, evitando i trigger noti e l’uso di farmaci contro l’eczema può alleviare i sintomi e aiutare a prevenire future riacutizzazioni.

Come creare e distruggere le cellule tumorali metastatiche. Farmajet news

Un nuovo studio ha identificato un modo per interferire con le cellule tumorali e impedire loro di metastatizzare. La chiave sta nel chiudere la capacità della cella di eliminare la spazzatura.
metastasi 1.jpg

La capacità delle cellule tumorali di dividere e muoversi intorno al corpo li rende difficili da trovare e distruggere.

Uno degli aspetti più difficili del cancro è la sua capacità di metastatizzare.

Le cellule tumorali possono staccarsi dalla loro posizione attuale, viaggiare attraverso il corpo e iniziare a moltiplicarsi in nuove posizioni distanti.

La metastasi rende i tumori difficili da trovare e da trattare. Poiché la metastasi è una zona chiave della ricerca sul cancro, gli scienziati dedicano molto lavoro alla comprensione di come il cancro lo fa.

Uno studio recente, condotto da Michael J. Morgan, Ph.D., presso il Cancer Center dell’Università del Colorado ad Aurora, aggiunge nuovi dettagli a un’immagine già complessa. I risultati sono pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences .

Gli scienziati erano particolarmente interessati allo smaltimento dei rifiuti cellulari. Morgan spiega perché questo è, dicendo: “Le cellule altamente metastatiche lasciano la loro casa felice e hanno tutti questi stress su di loro.Un modo in cui la cellula è in grado di gestire lo stress è attraverso lo smaltimento di rifiuti cellulari o componenti cellulari danneggiati e il loro riciclaggio.”

Se si interferisce con questo processo di riciclaggio, la metastasi può essere bloccata.

“Quando disattiviamo l’attività delle strutture cellulari chiamate lisosomi”, dice Morgan, “che una cellula usa per riciclare, le cellule metastatiche non sono in grado di sopravvivere a questi stress”.

Importante in questo riciclaggio è l’autofagia, un processo naturale in cui la cellula si rompe e ricicla le parti difettose della cella.

Morgan e Andrew Thorburn – che hanno contribuito alla recente ricerca – sono entrambi considerati esperti sul tema dell’autofagia. Coinvolto anche il dott. Dan Theodorescu, esperto in metastasi.

Il processo di autofagia

L’autofagia è essenziale per la sopravvivenza delle cellule sane e delle cellule maligne allo stesso modo. In termini di base, l’autofagia inizia quando la “sporcizia” cellulare è circondata da una struttura sferica chiamata autofagosoma.

Questa struttura a doppia membrana trasporta la spazzatura attraverso il citoplasma fino a raggiungere un pacchetto di enzimi distruttivi noto come lisosoma. L’autofagosoma si fonde con il lisosoma e il contenuto viene distrutto.

Armeggiando con questo processo, Morgan e il team hanno scoperto modi per interferire con la capacità di una cellula cancerosa di metastatizzare.

“Ciò che sorprendeva”, afferma Morgan, “era che non era il processo stesso dell’autofagia che era specificamente importante per la cellula metastatica: se si inibisce l’autofagia in una fase precoce, è possibile ridurre la crescita cellulare sia di metastasi che di cellule metastatiche. “

Ma se blocchi la funzione lisosomiale dell’autofagia tardiva, colpisce molto più spesso queste cellule metastatiche e in realtà muoiono”.

Michael J. Morgan, Ph.D.

In altre parole, quando il team ha bloccato l’autofagia spegnendolo geneticamente, hanno sofferto entrambe le cellule metastatiche e non metastatiche. Tuttavia, quando hanno inibito l’autofagia e i lisosomi con la clorochina, le cellule non metastatiche sono state rallentate un po ‘, ma le cellule metastatiche sono state completamente distrutte.

“C’era qualcosa nei lisosomi che era specifico per queste cellule metastatiche”, dice Thorburn.

Perché i lisosomi sono così importanti?

Successivamente, gli scienziati hanno voluto approfondire e capire esattamente perché i lisosomi sono così incredibilmente importanti per metastatizzare le cellule tumorali. Per fare questo, hanno sviluppato cellule resistenti alla clorochina.

Ciò comportava la crescita di cellule metastatiche insieme a piccole quantità di clorochina. La maggior parte delle cellule morì, ma quelle che sopravvissero furono tenute e cresciute di nuovo con la clorochina. Mentre si dividevano più volte, ogni generazione successiva diventava sempre più resistente alla clorochina.

Tuttavia, poiché le cellule sono diventate costantemente resistenti, hanno perso la capacità di metastatizzare.

Come spiega Morgan, “La porta oscilla in entrambe le direzioni: quando abbiamo scelto celle resistenti alla clorochina, sono diventate non metastatiche e quando abbiamo scelto cellule metastatiche, hanno acquisito sensibilità alla clorochina, hanno smesso di crescere e sono morte perché, all’improvviso, sono arrivati ​​a dipendere dall’azione lisosomiale che la clorochina toglie “.

Questo risultato può essere utile nel trattamento del cancro. Theodorescu dà un esempio, dicendo: “Con un paziente, se avessero un cancro alla vescica tumore e abbiamo dato clorochina, supponiamo che alcune cellule tumorali diventano resistenti alla clorochina.”

“Prevediamo, in base al nostro studio, che anche se le cellule resistenti riprenderanno a crescere, non sarebbero più metastatiche, il che potrebbe avere un beneficio clinico per il paziente”.

Infine, i ricercatori hanno scoperto che una proteina chiamata ID4 sembra importante in questo processo. Le cellule con livelli più bassi di ID4 erano sensibili alla clorochina e alla metastasi; quelli con livelli più alti di ID4 erano meno metastatici e resistenti alla clorochina.

È possibile che ID4 possa essere utilizzato come marker per prevedere i risultati dei pazienti. Infatti, sono già noti livelli più alti di ID4 per prevedere migliori esiti per il cancro alla vescica, al seno e alla prostata .

Attualmente, vi è un grande interesse per gli inibitori dell’autofagia per l’uso nel trattamento del cancro; questo studio fornisce una visione interessante e senza dubbio ispirerà ulteriori indagini.

Cancro: l’eliminazione di due molecole aumenta la risposta immunitaria

Secondo un nuovo studio, l’eliminazione di due molecole chiave può dare alle cellule immunitarie la spinta necessaria nella lotta contro il cancro e le infezioni. Questi risultati hanno importanti implicazioni per l’immunoterapia contro il cancro e una potenziale cura per l’HIV.

cellula t.jpg

Le cellule T immunitarie (mostrate qui) possono essere aiutate a vivere più a lungo e diventare più forti nella lotta contro il cancro e le infezioni croniche.

Il nostro sistema immunitario possiede un ricco arsenale di “armi” che può utilizzare nella lotta contro le malattie.

Le cosiddette cellule T CD8 fanno parte di questo arsenale. In caso di infezione da virus o batteri, le cellule T CD8 vengono inviate per distruggere le cellule infette.

A volte chiamati linfociti T citotossici, le cellule T CD8 sono anche fondamentali nella lotta contro il cancro e nell’uso dell’immunoterapia contro i tumori.

Le cellule T CD8 sono in grado di riconoscere e uccidere le cellule maligne secernendo le citochine e liberando sostanze citotossiche. Quando il cancro è troppo forte, tuttavia, queste cellule possono diventare sopraffatte.

Una nuova ricerca potrebbe aver trovato un modo per dare a queste cellule la forza di cui hanno bisogno per continuare a combattere.

Shomyseh Sanjabi, un assistente investigatore presso gli Istituti di Gladstone e professore associato di microbiologia e immunologia presso l’Università della California, a San Francisco, ha guidato il nuovo studio , che è stato pubblicato sulla rivista PNAS .

Celle effettrici e celle di memoria

Sanjabi spiega la motivazione della ricerca, dicendo: “Il problema è che le cellule T CD8 sono spesso esaurite nel cancro e infezioni croniche come l’ HIV , quindi muoiono o smettono di funzionare correttamente”.

“Ho cercato di capire meglio come si sviluppano queste cellule al fine di trovare modi per aiutarle a riacquistare la loro funzione e vivere più a lungo”, aggiunge.

Come spiegano i ricercatori, nella prima fase della lotta contro i patogeni – o “invasori stranieri” come batteri o virus – le cellule T CD8 entrano nella modalità “cellula effettrice”. Come cellule effettrici, si moltiplicano molto rapidamente e “marciano” rapidamente verso il sito del danno.

Tuttavia, non appena assolvono il loro dovere, uccidono le cellule infette e rimuovono l’agente patogeno, la maggior parte delle cellule effettrici sono “programmate” per morire. In questo modo, il sistema immunitario evita la situazione in cui le cellule immunitarie “eccessivamente zelanti” iniziano ad attaccare il tuo stesso corpo.

Tuttavia, ci sono anche cellule effettrici che sopravvivono. Questi si evolvono in cosiddette cellule immunitarie della memoria , il cui ruolo è quello di “memorizzare” il patogeno che hanno affrontato in modo che possano rispondere più rapidamente ed efficacemente la prossima volta che si trovano ad affrontarlo.

Sanjabi e team sospettavano che due molecole, chiamate Sprouty (Spry) 1 e Spry 2, avrebbero influenzato questa trasformazione dalle cellule effettrici alle celle di memoria. Così, lei e i suoi colleghi hanno eliminato i geni responsabili di queste molecole nelle cellule T CD8 dei topi.

Gli effetti positivi dell’eliminazione di Spry 1 e 2

I ricercatori hanno rivelato che, quando Spry 1 e 2 sono stati eliminati, più cellule T CD8 effettrici sono sopravvissute e trasformate in cellule di memoria. Non solo, ma le successive cellule di memoria erano più forti e meglio in grado di proteggere dai patogeni rispetto alle normali celle di memoria.

Infine, l’esaurimento delle cellule immunitarie delle due molecole ha influito anche sul modo in cui le cellule hanno usato la loro energia. La prima autrice dello studio, Hesham Shehata, spiega che, a differenza delle cellule effettrici, le cellule di memoria dipendono da una diversa fonte di energia per la loro sopravvivenza: i grassi, piuttosto che lo zucchero.

Shehata spiega anche perché questo è estremamente importante. “Le cellule tumorali usano molto glucosio, quindi le cellule effettrici hanno difficoltà a sopravvivere nell’ambiente del tumore perché non hanno una fonte di energia sufficiente”.

“Mentre le cellule di memoria generalmente non dipendono dal glucosio”, dice, “il nostro studio suggerisce che le cellule effettrici senza Sprouty 1 e 2 consumano meno glucosio, in modo che possano sopravvivere e funzionare in un ambiente tumorale molto meglio.

Implicazioni per il cancro, infezioni da HIV

“Facendo luce sul ruolo di Sprouty 1 e 2, il nostro lavoro ha rivelato un altro strato della biologia di base delle cellule T”, continua Shehata.

Le cellule che mancano di Sprouty 1 e 2 hanno un immenso potenziale non solo per combattere tumori, ma anche infezioni virali croniche ed è eccitante che il nostro studio possa essere applicato a più contesti”.

Hesham Shehata

Infatti, le cellule immunitarie di memoria potenziate eliminando le due molecole potrebbero potenzialmente rilevare e uccidere l’HIV nella sua forma latente. Questa forma dormiente del virus è stato uno dei principali ostacoli nella cura dell’HIV.

Nel cancro, gli studi hanno sottolineato l’importanza delle cellule di memoria in immunoterapia. In particolare, è stato suggerito che riattivare le cellule T CD8 + della memoria sia fondamentale per prevenire le recidive.

“C’è stato un grande interesse all’interno della comunità scientifica”, osserva Sanjabi, “per migliorare lo sviluppo e la funzione delle cellule T CD8 di memoria, che funzionano meglio per le immunoterapie rispetto alle cellule T effettrici”. Prosegue riferendosi alla terapia cellulare delle cellule T , una forma innovativa di immunoterapia che sta ricevendo crescente attenzione.

“Le nostre scoperte”, prosegue, “potrebbero fornire un’opportunità per migliorare l’ingegneria futura delle cellule T CAR contro i tumori, che potrebbe essere potenzialmente utilizzata in combinazione con una tecnica di modifica del genoma come CRISPR che rimuoverà Sprouty 1 e 2 molecole dalle cellule per renderle più efficaci. ”