Un nuovo vaccino potrebbe spazzare via l’acne. Farmajet news

Quasi tutti avranno a che fare con l’acne durante la loro adolescenza, e molti di noi continuano a combattere questo problema della pelle fino all’età adulta. L’acne può causare molto disagio psicologico, ma ci sono poche terapie rapide ed efficaci per affrontarlo. Verrà introdotto un nuovo vaccino per sradicare questo problema?
donna con acne.jpg

È disponibile un vaccino per l’acne?

L’acne vulgaris, o semplicemente l’acne, è una condizione della pelle che colpisce la maggior parte, se non tutti, gli adolescenti.

A volte può persistere nell’età adulta. Inoltre, cicatrici da acne possono durare a lungo.

La ricerca ha dimostrato che l’acne persistente non solo provoca disagio, ma anche disagio psicologico; le persone diventano consapevoli del proprio aspetto e si preoccupano di come ciò possa influire sui loro rapporti sociali.

Alcuni dei trattamenti più comuni per l’acne includono antibiotici e retinoidi, che sono un tipo di composto chimico che aiuta a mantenere la salute della pelle e l’aspetto.

Tuttavia, i ricercatori spiegano che questi trattamenti tradizionali non sono sempre efficaci e possono causare ulteriori effetti indesiderati – i meno gravi dei quali includono pelle secca e irritazione.

“Le attuali opzioni di trattamento spesso non sono efficaci o tollerabili per gran parte dell’85% degli adolescenti e più di 40 milioni di adulti negli Stati Uniti che soffrono di questa condizione infiammatoria cutanea multifattoriale”, spiega il ricercatore Chun-Ming Huang, dell’Università di California, San Diego.

“Terapie nuove, sicure ed efficienti sono assolutamente necessarie”, aggiunge. Questo è esattamente ciò a cui lui e il suo team hanno lavorato di recente.

Un vaccino per indirizzare le tossine dell’acne?

In un nuovo studio – i cui risultati sono ora disponibili nel Journal of Investigative Dermatology – Huang e colleghi spiegano il loro processo nello sviluppo di un vaccino efficace e sicuro per curare l’acne.

I ricercatori sono stati in grado di stabilire – per la prima volta in assoluto – di poter combattere la tossina secreta dai batteri coinvolti nelle eruzioni acneiformi con un anticorpo dedicato. Questo metodo, aggiungono, ha anche contribuito a ridurre l’infiammazione legata all’acne.

Come notano nel loro articolo, un batterio chiamato Propionibacterium acnes (comunemente indicato come Cutibacterium acnes ) produce una tossina chiamata fattore Christie-Atkins-Munch-Peterson (CAMP). Il fattore CAMP, mostrano, è in gran parte responsabile dell’infiammazione nelle lesioni dell’acne.

Lavorando sia con un modello murino che con cellule della pelle raccolte dall’uomo, i ricercatori hanno testato l’efficacia di un insieme di anticorpi monoclonali – un tipo di cellula immunitaria – contro il fattore CAMP.

Finora, gli sforzi dei ricercatori hanno mostrato risultati promettenti e gli anticorpi si sono dimostrati efficaci contro le proprietà che inducono l’infiammazione della tossina.

“Una volta convalidato da una sperimentazione clinica su vasta scala”, spiega Huang, “il potenziale impatto delle nostre scoperte è enorme per le centinaia di milioni di individui che soffrono di acne vulgaris”.

‘Una strada interessante da esplorare’

In un editoriale pubblicato accanto al documento di studio, Emmanuel Contassot – dell’Università di Zurigo in Svizzera – spiega come i vaccini per l’acne potrebbero essere più sicuri e più efficaci dei trattamenti esistenti.

Tali vaccini, scrive, avrebbero “[indirizzo] un bisogno medico insoddisfatto”. Allo stesso tempo, avverte che “le immunoterapie per l’acne che prendono di mira i fattori influenzati da P. acnesdevono essere cautamente progettate per evitare disturbi indesiderati del microbioma che garantisce l’omeostasi della pelle [autoregolazione]”.

In altre parole, i vaccini dovrebbero garantire che l’equilibrio batterico sulla pelle non sia influenzato, dal momento che alcuni filamenti batterici aiutano effettivamente a proteggere la salute generale della pelle. Tuttavia, incoraggia ulteriori sforzi per creare trattamenti migliori e più mirati per l’acne.

Indipendentemente dal fatto che i vaccini con fattore CAMP influenzino più sottotipi di P. acnes e altri commensali deve essere determinato, ma l’immunoterapia da acne presenta comunque una strada interessante da esplorare”.

Emmanuel Contassot

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...