Come entrare rapidamente in chetosi

La chetosi è uno stato naturale del processo metabolico. Quando una persona ha raggiunto la chetosi, il suo corpo brucia grassi immagazzinati invece di glucosio.

Mentre il corpo rompe il grasso, gli acidi chiamati chetoni iniziano a accumularsi nel sangue. Questi chetoni poi lasciano il corpo nelle urine. La presenza di chetoni nel sangue e nelle urine indica che una persona è entrata in chetosi .

La chetosi può aiutare una persona a perdere grasso indesiderato, poiché il corpo inizia a distruggere le riserve di grasso invece di fare affidamento sui carboidrati per produrre energia. Inoltre, alcune ricerche suggeriscono che la chetosi può aiutare a sopprimere l’appetito di una persona, che può anche promuovere la perdita di peso.

Raggiungere uno stato di chetosi non è sempre facile. Molte persone che desiderano raggiungere la chetosi aderiscono alla dieta chetogenica. In questo articolo, guardiamo a sette modi per entrare rapidamente in chetosi. Consideriamo anche i possibili rischi di mettere il corpo in questo stato metabolico.

7 consigli per entrare in chetosi

I modi per portare il corpo in chetosi includono:

1. Aumento dell’attività fisica

corsa.jpg

Una persona può entrare in chetosi aumentando l’attività fisica.

Più energia utilizza una persona durante il giorno, più cibo hanno bisogno di mangiare per il carburante.

Esercizio aiuta una persona a esaurire le riserve di glicogeno nel loro corpo. Nella maggior parte dei casi, le riserve di glicogeno vengono reintegrate quando una persona mangia carboidrati. Se una persona segue una dieta a basso contenuto di carboidrati, non reintegrerà le riserve di glicogeno.

Può volerci del tempo perché il corpo impari a usare le riserve di grasso invece del glicogeno. Una persona può provare affaticamento mentre il corpo si adatta.

2. Riduzione significativa dell’assunzione di carboidrati

La chetosi si verifica quando una mancanza di carboidrati costringe il corpo a utilizzare il grasso come fonte di energia primaria invece di zucchero.

Una persona che cerca di raggiungere la chetosi, sia per perdere peso, per ridurre il rischio di malattie cardiache , o per mantenere e controllare i livelli di zucchero nel sangue, dovrebbe mirare a ridurre il consumo di carboidrati a 20 grammi (g) al giorno o meno.

Tuttavia, questo non è un numero impostato. Alcune persone potrebbero essere in grado di mangiare più carboidrati e continuare a soffrire di chetosi, mentre altri dovranno mangiare di meno.

3. Il digiuno per brevi periodi

Il digiuno, o andare senza cibo, può aiutare una persona a raggiungere uno stato di chetosi. Molte persone possono effettivamente andare in chetosi tra i pasti.

In alcuni casi controllati, un medico può raccomandare un periodo di digiuno più lungo compreso tra 24 e 48 ore. Una persona dovrebbe parlare al proprio medico prima di decidere di digiunare per più di qualche ora alla volta.

Il digiuno grasso è una forma alternativa di digiuno. Il digiuno grasso comporta una riduzione significativa dell’apporto calorico e una dieta consistente quasi interamente in grassi per non più di 2 o 3 giorni.

Le prime ricerche hanno indicato che questo potrebbe avere un effetto positivo sulla perdita di peso. Tuttavia, il digiuno grasso è difficile da mantenere e potrebbe non essere l’opzione migliore per la maggior parte delle persone.

Campioni di campioni molto piccoli e la mancanza di prove più solide indicano che le persone dovrebbero essere caute nell’adottare questo approccio.

4. Aumentare l’assunzione di grassi salutari

Man mano che l’assunzione di carboidrati diminuisce, la maggior parte delle persone sostituisce la perdita di carboidrati con un aumento dei grassi sani. Alcuni grassi che una persona può mangiare includono:

  • olio di cocco
  • olio d’oliva
  • avocado e olio di avocado
  • Olio di semi di lino

Tuttavia, per le persone che cercano di perdere peso, è importante tenere a mente anche il numero totale di calorie. Mangiare troppe calorie in un giorno può rendere più difficile perdere peso.

5. Test dei livelli di chetone

Un metodo che può aiutare una persona a raggiungere uno stato di chetosi è il monitoraggio dei livelli di chetoni nel corpo. Sono disponibili diversi test per questo, tra cui:

  • urina
  • respiro
  • sangue

L’utilizzo di uno o più di questi test può aiutare una persona a monitorare i propri progressi, consentendo loro di apportare adattamenti alla loro dieta.

6. Mantenere un apporto proteico elevato

proteine chetosi.jpg

Un’assunzione elevata di proteine ​​può aiutare a raggiungere la chetosi.

È vitale mangiare quantità adeguate di proteine ​​durante il giorno quando si cerca di raggiungere la chetosi. Le proteine ​​forniscono due benefici per la salute essenziali quando una persona sta cercando di perdere peso:

  • aiutando a mantenere la massa muscolare
  • fornendo amminoacidi al fegato in modo che possa continuare il normale funzionamento

Se l’apporto proteico non è adeguato, una persona potrebbe subire una perdita nella massa muscolare.

7. Consumare più olio di cocco

L’olio di cocco può aiutare una persona a raggiungere o mantenere uno stato di chetosi.

Secondo uno studio incentrato sulla malattia di Alzheimer , l’aggiunta di olio di cocco alla dieta può aiutare le persone ad aumentare i loro livelli di chetoni.

L’olio di cocco contiene grassi chiamati trigliceridi a catena media o MCT. Il corpo può assorbire gli MCT rapidamente e facilmente. Invia quindi questi grassi direttamente al fegato, che li trasforma in chetoni o energia.

Sicurezza

La chetosi è uno stato metabolico naturale che può verificarsi spesso inavvertitamente tra un pasto e l’altro.

Ci sono diversi potenziali motivi per cui una persona potrebbe voler entrare in uno stato di chetosi, alcuni dei più comuni sono la perdita di peso o la riduzione del grasso, la gestione del diabete di tipo 2 e la promozione della salute del cuore.

Tuttavia, la chetosi non è sicura per tutti. Una persona non dovrebbe rimanere in uno stato di chetosi per periodi prolungati poiché potrebbero sperimentare effetti avversi. Le persone con diabete di tipo 1 dovrebbero evitare di essere in chetosi perché hanno un rischio maggiore di sviluppare chetoacidosi, che è una situazione potenzialmente pericolosa per la vita.

Chiunque stia pensando di adottare una dieta chetogenica dovrebbe prima parlare con un medico.

Sommario

La chetosi è uno stato naturale per il corpo di essere di volta in volta. Quando accade, il corpo brucia le sue riserve di grasso come energia.

Mantenere uno stato di chetosi per brevi periodi comporta un rischio minimo. Tuttavia, le persone con diabete di tipo 1 dovrebbero evitare la chetosi a causa di un aumentato rischio di complicanze.

Le persone dovrebbero anche evitare di essere a lungo in chetosi, poiché potrebbero manifestare affaticamento e carenze nutrizionali.

Fare diversi cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, tra cui mangiare grassi più salutari e misurare i livelli di chetone, può aiutare una persona a entrare più velocemente in chetosi.

Annunci

Il digiuno aumenta il metabolismo e combatte l’invecchiamento

L’ultimo studio per esplorare l’impatto del digiuno sul corpo umano conclude che aumenta l’attività metabolica più di quanto realizzato in precedenza e può persino conferire benefici anti-invecchiamento.
donna che beve.jpg

Uno studio recente dà un’occhiata a quanto il metabolismo influenzi il digiuno.

Gli studi hanno dimostrato che il digiuno intermittente può aiutare alcune persone a perdere peso.

Sebbene i ricercatori stiano ancora discutendo su quanto possa essere efficace il digiuno per la perdita di peso, la nuova ricerca suggerisce altri benefici.

Nei ratti, ad esempio, gli studi dimostrano che il digiuno può aumentare la durata della vita.

Sebbene sia eccitante, la prova di ciò negli umani non è ancora stata vista.

Lo studio più recente – che gli autori hanno pubblicato nella rivista Scientific Reports – prende in esame il digiuno negli esseri umani e fornisce nuove informazioni.

“Recenti studi sull’invecchiamento hanno dimostrato che la restrizione calorica e il digiuno hanno un effetto prolungato sulla durata della vita negli animali modello”, dice il primo autore dello studio, Dr. Takayuki Teruya, “ma il meccanismo dettagliato è rimasto un mistero.”

In particolare, gli scienziati dell’Okinawa Institute of Science and Technology University in Giappone hanno esaminato il suo impatto sul metabolismo.

Comprendendo i processi metabolici coinvolti, il team spera di trovare dei modi per sfruttare i benefici del digiuno senza la necessità di rinunciare al cibo per periodi prolungati.

Per investigare, hanno digiunato quattro volontari per 58 ore. Usando la metabolomica o la misurazione dei metaboliti, i ricercatori hanno analizzato campioni di sangue intero a intervalli durante il periodo di digiuno.

Cosa succede durante il digiuno?

Poiché il corpo umano è affamato di cibo, ci sono una serie di cambiamenti metabolici distinti che si verificano.

Normalmente, quando i carboidrati sono prontamente disponibili, il corpo li utilizzerà come combustibile. Ma una volta che se ne sono andati, sembra altrove per l’energia. In un processo chiamato gluconeogenesi, il corpo deriva glucosio da fonti non carboidrati, come gli amminoacidi.

Gli scienziati possono trovare prove della gluconeogenesi valutando i livelli di alcuni metaboliti nel sangue, incluse le carnitine e il butirrato.

Come previsto, dopo il digiuno, i livelli di questi metaboliti erano aumentati nel sangue dei partecipanti. Tuttavia, gli scienziati hanno anche identificato molti più cambiamenti metabolici, alcuni dei quali li hanno sorpresi. Ad esempio, hanno visto un marcato aumento dei prodotti del ciclo dell’acido citrico.

Il ciclo dell’acido citrico avviene nei mitocondri e la sua funzione è di liberare energia immagazzinata. L’escursione osservata nei metaboliti associati a questo processo significa che i mitocondri, le favolose centrali elettriche della cellula, vengono spinti in overdrive.

Un altro risultato sorprendente è stato un aumento dei livelli di purina e pirimidina, che gli scienziati non avevano ancora legato al digiuno.

Queste sostanze chimiche sono un segno di maggiore sintesi proteica ed espressione genica. Questo suggerisce che il digiuno fa sì che le cellule cambino il tipo e la quantità di proteine ​​di cui hanno bisogno per funzionare.

Il digiuno favorisce i composti anti-invecchiamento

Livelli più elevati di purina e pirimidina sono indizi che il corpo potrebbe aumentare i livelli di alcuni antiossidanti . Infatti, i ricercatori hanno notato aumenti sostanziali di alcuni antiossidanti, tra cui ergotioneina e carnosina.

In uno studio precedente , lo stesso team di ricercatori ha dimostrato che, con l’avanzare dell’età, un numero di metaboliti diminuisce. Questi metaboliti comprendono leucina, isoleucina e acido oftalmico.

Nel loro ultimo studio, hanno dimostrato che il digiuno ha potenziato questi tre metaboliti. Spiegano che questo potrebbe aiutare a spiegare come il digiuno prolunghi la durata della vita nei ratti.

In tutti e quattro i soggetti, i ricercatori hanno identificato 44 metaboliti che sono aumentati durante il digiuno, alcuni dei quali aumentati di 60 volte.

Di questi 44, gli scienziati avevano collegato solo il 14 al digiuno prima. Gli autori concludono che “[c] ollectively, il digiuno sembra provocare uno stato molto più metabolicamente attivo di quanto realizzato in precedenza.”

Questi sono metaboliti molto importanti per il mantenimento dell’attività muscolare e antiossidante […]. Questo risultato suggerisce la possibilità di un effetto ringiovanente tramite il digiuno, che non era noto fino ad ora.”

Dr. Takayuki Teruya

Gli scienziati ritengono che un aumento degli antiossidanti potrebbe essere una risposta alla sopravvivenza; durante la fame, i nostri corpi possono sperimentare alti livelli di ossidante stress. Producendo antiossidanti, potrebbe aiutare ad evitare alcuni dei potenziali danni causati dai radicali liberi.

Successivamente, vogliono replicare i risultati in un campione più ampio. Vogliono anche identificare i possibili modi di sfruttare gli effetti benefici del digiuno e scoprire se possono innescare gli effetti della restrizione calorica senza dover limitare l’apporto calorico.

Anche se ci vorrà del tempo prima che possiamo raccogliere i benefici del digiuno senza lo sforzo, le scoperte attuali forniscono ulteriori prove dei benefici per la salute del digiuno.

Le “proteine ​​naturali” potrebbero invertire il diabete legato all’obesità,e curare il fegato grasso

Una scoperta fortuita nella ricerca sul cancro ha rivelato che una proteina che si trova naturalmente nel corpo svolge un ruolo importante nella regolazione del metabolismo. Ulteriori indagini hanno portato a suggerire che l’innalzamento dei livelli delle proteine ​​potrebbe invertire il fegato grasso, il diabete di tipo 2 e altre condizioni correlate all’obesità.
donna obesa.jpg

L’obesità può causare una serie di disturbi cardiometabolici, ma una proteina presente in natura può prevenire gli effetti dannosi del sovrappeso.

Gli scienziati della Scuola di Medicina della Georgetown University di Washington, DC, hanno scoperto che l’aumento della produzione della proteina causava ai topi obesi la riduzione della quantità di grasso nei loro corpi anche se erano geneticamente modificati per mangiare troppo.

Lo hanno fatto aumentando l’espressione del gene associato alla proteina.

In un documento sul loro lavoro che appare ora nella rivista Scientific Reports , gli autori descrivono come la proteina 3 (FGFBP3, o BP3) che lega il fattore di crescita dei fibroblasti “modula il metabolismo di grassi e glucosio nei modelli murini di sindrome metabolica”.

“Abbiamo trovato”, dice l’autore senior dello studio Anton Wellstein, che è un professore di oncologia e farmacologia al Centro oncologico globale di Georgetown Lombardi, “che otto trattamenti BP3 in 18 giorni [erano] sufficienti a ridurre il grasso nei topi obesi di oltre un terzo “.

Sono state ridotte anche altre condizioni legate all’obesità . Gli eccessivi livelli di zucchero nel sangue degli animali – un segno distintivo del diabete noto come iperglicemia – cadevano e il loro fegato, che era grasso, perdeva il grasso.

I ricercatori osservano che poiché la BP3 si trova naturalmente nel corpo, le terapie basate su di essa non dovrebbero subire gli stessi lunghi test dei farmaci basati su composti sintetici. Gli studi clinici che utilizzano l’equivalente umano potrebbero iniziare subito dopo la conclusione di studi preclinici, spiegano gli autori.

Le terapie basate su BP3 potrebbero anche avere il vantaggio di effetti collaterali minimi, se non addirittura indesiderati; gli investigatori non ne trovarono nessuno nei topi trattati, anche quando esaminarono i loro tessuti al microscopio.

Obesità e condizioni correlate

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che i tassi di obesità siano quasi triplicati a livello mondiale dal 1975.

Le stime per il 2016 rivelano che un terzo degli adulti (1,9 miliardi) è sovrappeso e che di questi, 650 milioni hanno obesità.

C’è un modello simile di aumento dell’obesità nei bambini. Nel 1975, circa il 4% di quelli di età compresa tra 5 e 19 anni era in sovrappeso o obesi, rispetto al 18% nel 2016.

L’obesità, in particolare l’obesità addominale, è uno dei fattori di rischio che compongono la sindrome metabolica, un insieme di condizioni che aumentano il rischio di sviluppare problemi di salute e malattie come diabete, malattie cardiache, ictus, alcuni tipi di cancro e steatosi epatica non alcolica ( fegato grasso).

L’obesità addominale, o con una linea di cintura ampia, è un indicatore di troppo grasso intorno allo stomaco, che aumenta il rischio cardiaco più che portare troppi grassi nel resto del corpo, compresi i fianchi.

Poiché la sindrome metabolica aumenta in linea con l’obesità, gli esperti prevedono che soppianterà il fumo come principale fattore di rischio per le malattie cardiache .

BP3 è una “proteina chaperone”

BP3 appartiene a una famiglia di proteine ​​”chaperone” che potenziano l’attività dei fattori di crescita dei fibroblasti (FGF) legandosi a loro. Le FGF sono presenti in molte specie, dove aiutano a controllare i processi biologici vitali che vanno dalla crescita cellulare alla riparazione dei tessuti.

Il prof. Wellstein ha indagato sul ruolo di BP3 per qualche tempo. L’aumento della produzione di BP3 si verifica in alcuni tipi di cancro , così lui e il suo team hanno deciso di dare un’occhiata più da vicino.

Hanno scoperto che BP3 si lega a tre FGF la cui caratteristica di segnalazione nel metabolismo cellulare. Due delle FGF aiutano a regolare l’uso e la conservazione di zuccheri e grassi. Il terzo FGF regola l’uso del fosfato.

Il Prof. Wellstein afferma che l’aumento di BP3 aiuta ad aumentare la segnalazione di queste FGF, rendendo la proteina “un forte stimolatore del metabolismo dei carboidrati e dei lipidi”.

“È come avere a disposizione molti più taxi a New York per raccogliere tutte le persone che hanno bisogno di un passaggio”, aggiunge.

Con il metabolismo accelerato, lo zucchero nel sangue e il grasso trasformato nel fegato vengono utilizzati per l’energia e non vengono immagazzinati, e anche i depositi di grasso vengono prelevati.”

Prof. Anton Wellstein

Come la tua dieta può mantenere le cellule sane e giovani

Una nuova ricerca mostra che una dieta salutare può mantenere la salute e la giovinezza delle cellule, almeno nelle donne.
donna in forma.jpg

Mangiare frutta e verdura mantiene le cellule delle donne sane e giovani.

Mentre in genere misuriamo la nostra età in anni, il vero segno dell’invecchiamento biologico è l’invecchiamento cellulare.

In altre parole, il DNA delle nostre cellule può dirci quanto i nostri corpi sono invecchiati.

Come spieghiamo , le estremità dei nostri cromosomi sono i migliori indicatori dell’invecchiamento cellulare.

Chiamati telomeri, queste strutture sono fatte di filamenti e proteine ​​del DNA. Ogni volta che una cellula si divide, i telomeri si accorciano fino a quando la cellula è senescente e muore.

Pertanto, la lunghezza dei telomeri è il miglior indicatore di quanti anni ha una cella.

Mentre l’accorciamento dei telomeri è un processo naturale, il danno accumulato nelle cellule può accelerare questo processo e portare alla morte prematura delle cellule. Le cellule danneggiate e la lunghezza dei telomeri più corta sono state associate a malattie croniche e cancro .

Alcuni dei fattori che danneggiano le cellule sono ambientali e “modificabili”, il che significa che puoi fare qualcosa per loro. Questi includono dieta, esposizione ai raggi ultravioletti, consumo di alcol e stile di vita (più stress può accelerare l’invecchiamento cellulare, mentre l’ esercizio mantiene le cellule più giovani).

Una nuova ricerca, ora pubblicata nel Journal of Epidemiology , zeri in su uno di questi fattori di rischio modificabili per l’invecchiamento cellulare: dieta.

Più specificamente, un gruppo di ricercatori guidati da Cindy Leung, un assistente professore di scienze nutrizionali presso l’Università del Michigan School of Public Health di Ann Arbor, ha trovato un collegamento tra il mantenimento di una dieta salutare e la lunghezza dei telomeri.

Di cosa si tratta una dieta salutare

Leung e colleghi hanno esplorato le abitudini alimentari di quasi 5.000 uomini e donne adulti tra i 20 ei 65 anni. I dati sono stati ottenuti dalla National Health and Nutrition Examination Survey.

Utilizzando questi dati, il team ha valutato l’aderenza dei partecipanti alla dieta mediterranea e gli approcci dietetici alla dieta di arresto ipertensione (DASH), così come i loro punteggi sull’indice di alimentazione sana e sull’indice di alimentazione sana alternativa.

Gli ultimi due sono stati sviluppati dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti in collaborazione con la Harvard TH Chan School of Public Health di Boston, MA.

“Tutte e quattro le diete”, afferma Leung, “enfatizzano il consumo di molta frutta, verdura, cereali integrali e proteine ​​vegetali e limitano il consumo di zucchero, sodio e carne rossa e lavorata”.

Nel complesso, la ricerca ha rilevato un’associazione significativa tra l’alta aderenza a una di queste diete e la lunghezza dei telomeri più lunga.

“[I] risultati suggeriscono,” spiega Leung, “che seguire queste linee guida [quattro dietetiche] è associato a una lunghezza telomerica più lunga e riduce il rischio di malattie croniche maggiori”, aggiungendo, “Siamo rimasti sorpresi dal fatto che i risultati fossero coerenti indipendentemente l’indice di qualità della dieta che abbiamo usato. “

La coautrice dello studio Elissa Epel, professore di psichiatria all’Università della California, a San Francisco, pesa sui possibili meccanismi che potrebbero spiegare l’associazione.

“La comunanza con tutti i modelli di dieta [salutistica] è che sono diete antiossidanti e antinfiammatorie e creano un ambiente biochimico favorevole ai telomeri”.

Differenze di sesso nei benefici dietetici

Curiosamente, le stesse associazioni erano – sebbene notabili – non statisticamente significative tra gli uomini. Gli scienziati offrono spiegazioni possibili sul perché questo possa essere. “Abbiamo visto alcune differenze [sessuali] negli studi precedenti sulla nutrizione e sui telomeri”, afferma Leung.

“Nel nostro studio”, continua, “così come negli studi precedenti, gli uomini tendevano ad avere punteggi di qualità della dieta più bassi rispetto alle donne. Anche gli uomini avevano una maggiore assunzione di bevande zuccherate e carni lavorate, entrambe associate a telomeri più corti studi precedenti. “

“È possibile che non tutti gli alimenti influenzino la lunghezza dei telomeri in modo uguale e che sia necessaria una maggiore quantità di alimenti protettivi per negare gli effetti dannosi degli altri, tuttavia è necessaria più ricerca per esplorarlo ulteriormente”, conclude Leung.

Il punto chiave è che seguire una dieta [salutare] può aiutarci a mantenere cellule sane ed evitare certe malattie croniche […] L’accento dovrebbe essere posto sul miglioramento della qualità complessiva della dieta piuttosto che sull’enfatizzazione di singoli alimenti o sostanze nutritive.”

Cindy Leung

14 modi per perdere peso senza dieta o esercizio fisico

Regimi dietetici possono essere difficili da rispettare per periodi prolungati. Può anche essere difficile trovare il tempo di esercitare. È possibile perdere peso senza fare nessuno dei due?

L’utilizzo di una varietà di metodi per il controllo del peso è fondamentale per mantenere un peso corporeo sano . In questo articolo, apprendi 14 tecniche che le persone possono utilizzare per perdere peso senza dieta o esercizio fisico.

1. Migliora le tue abilità culinarie

uomo che cucina.jpg

Imparare a cucinare una varietà di pasti può aiutare a perdere peso.

Capire come preparare i pasti e sviluppare abilità migliori in cucina può essere un modo efficace per perdere peso senza ridurre l’assunzione di cibo.

Le persone che hanno più conoscenze su come cucinare cibi diversi sono più propensi a mangiare un’ampia varietà di ingredienti altamente nutrienti, tra cui frutta e verdura, che sono ottimi per la perdita di peso.

In realtà, i ricercatori stanno sempre più collegando l’aumento di peso e l’ obesità a competenze di cucina povere.

Le persone che non sono fiduciose in cucina possono provare a seguire un corso di cucina o guardare video di cucina online. Un ottimo punto di partenza è il Food Tube di Jamie Oliver , che si concentra su come preparare pasti semplici e salutari.

2. Mangia più proteine

Le proteine ​​sono una parte essenziale di una dieta salutare ed è necessaria per la crescita e il metabolismo efficiente. Le proteine ​​possono aumentare la sensazione di pienezza e ritardare la fame.

Un piccolo studio condotto su giovani donne ha scoperto che mangiare uno yogurt ricco di proteine ​​come spuntino pomeridiano riduce la fame e l’apporto calorico nei pasti successivi.

Semplici modi per aumentare la quantità di proteine ​​nella dieta includono l’aggiunta di un cucchiaio di semi di chia o di semi di canapa per i cereali per la colazione o l’inclusione di più uova nei piani pasto.

3. Mangia più fibra

La fibra è in frutta, verdura, legumi e cereali integrali.

La fibra è diversa dagli altri alimenti perché il corpo non lo digerisce nell’intestino tenue. Invece, il cibo si sposta nell’intestino crasso, dove avviene la fermentazione.

Questo avvantaggia le persone:

  • crescente pienezza
  • rallentando la digestione
  • aumentare il tempo di transito del cibo e l’assorbimento dei nutrienti
  • prevenire la stitichezza

Le persone possono aggiungere più fibre a una dieta equilibrata:

  • mangiare frutta ogni giorno
  • compresi i cereali integrali nella dieta, come l’avena tagliata d’acciaio e il riso integrale
  • mangiare un sacco di verdure

Anche la fibra nella pelle di molte verdure è benefica. Finché le persone lavano a fondo la pelle, sono sicure e facili da mangiare una volta cotte.

4. Prova un probiotico

I probiotici sono batteri benefici che sono parte integrante della digestione. Le ricerche recenti collegano l’intestino e il cervello e suggeriscono che i probiotici possono influenzare il peso, la massa grassa e l’umore.

Gli esseri umani agiscono come l’ospite di questi batteri e forniscono loro cibo, compresa la fibra. A loro volta, i batteri favoriscono l’intestino e la salute generale di una persona.

I benefici che forniscono includono:

  • energia per la parete intestinale e le cellule del fegato
  • acidi grassi specifici che hanno proprietà anti-cancro
  • regolazione del peso corporeo

Una dieta ricca di zuccheri e grassi può alterare l’equilibrio dei batteri nell’intestino, riducendo il numero di batteri buoni.

La ricerca suggerisce che i probiotici potrebbero aiutare a prevenire o gestire l’obesità. Le persone possono acquistare probiotici over-the-counter (OTC) in farmacia o online .

I probiotici si trovano naturalmente in una varietà di alimenti fermentati, tra cui:

  • Yogurt
  • kimchi
  • crauti
  • kefir
  • miso
  • tempeh
  • kombucha

GASTROBIOTIC-PLUS-50-CAPSULE-VEGETALI-DA-500-MG.jpg

5. Dormi di più

Una buona notte di riposo è essenziale per la salute generale e il mantenimento del peso. Cattivo sonno sconvolge ormoni importanti, compresi quelli coinvolti nel metabolismo.

Ottenere meno di 6 ore di sonno a notte può aumentare il rischio di essere sovrappeso o obesi.

6. Ridurre lo stress

esercizio di gruppo.jpg

Lo yoga può ridurre lo stress e aiutare la perdita di peso.

I livelli di stress aumentati possono anche interrompere l’equilibrio ormonale. Quando una persona è stressata, il suo corpo produce ormoni chiamati glucocorticoidi. Troppi glucocorticoidi possono aumentare l’appetito di una persona, portando ad un aumento di peso.

Lo stress può anche innescare il mangiare emotivo. Mangiare emotivo è quando una persona mangia cibi insalubri per cercare di controllare e migliorare un umore negativo.

I metodi per ridurre lo stress includono:

  • fare regolarmente esercizio fisico
  • ridurre l’assunzione di caffeina
  • praticare la meditazione o la consapevolezza
  • dire no agli impegni non essenziali
  • trascorrere del tempo all’aperto
  • provando lo yoga

7. Ottieni più vitamina D

Alcune ricerche indicano che quelli con bassi livelli ematici di vitamina D hanno maggiori probabilità di essere obesi e di non fare abbastanza esercizio fisico.

Altre condizioni di salute associate a bassa vitamina D includono:

  • sindrome metabolica
  • depressione e ansia
  • diabete di tipo 1 e tipo 2
  • osteoporosi e osteoartrite

Le persone possono ottenere la vitamina D dal sole e alcuni cibi. Gli alimenti che contengono vitamina D includono tuorli d’uovo, pesce grasso, alcuni funghi e cibi fortificati.

8. Servire il cibo in più piccole porzioni

Questo metodo è molto utile in situazioni buffet o spuntini. Uno studio ha diviso i singoli pasti in porzioni più piccole per verificare se le persone si aspettavano di sentirsi più sane dopo aver mangiato la stessa quantità di cibo in unità separate.

Hanno scoperto che dividendo i cibi in tre o sei parti separate, il livello di pienezza dei partecipanti era maggiore.

Quando si mangia a buffet, una persona può assumere più piccoli piatti per dividere il cibo. Quando fanno spuntini, possono tagliare gli snack e posizionarli su diversi piatti piccoli.

Una persona può anche provare a dividere l’ora del pasto in diversi piccoli piatti, invece di mettere tutto su un piatto.

9. Utilizzare una piastra più piccola

Quando le persone servono il cibo su un piatto, tendono a finire tutto il cibo su quel piatto. Potrebbero abbassare le loro calorie con il minimo sforzo riducendo la dimensione della loro piastra o quanto cibo hanno messo su di essa.

Due studi del 2017 hanno rilevato che gli studenti universitari immettono costantemente meno cibo su una speciale piastra di controllo delle porzioni.

Una piastra di controllo delle porzioni presenta indicatori visivi delle dimensioni per gruppi di alimenti essenziali, consentendo alle persone di regolare le loro porzioni senza congetture.

Le piastre di controllo delle porzioni sono disponibili in alcuni negozi e online .

10. Tagliare le bevande zuccherate

bevande zuccherate.jpg

L’aggiunta di erbe o frutta all’acqua può aiutare a frenare le voglie per le bevande zuccherate.

La ricerca britannica collegava il consumo regolare di bevande zuccherate e zuccherate artificialmente con grasso corporeo più alto nei bambini.

Esistono molte alternative salutari alle bevande analcoliche. L’acqua naturale con menta fresca , zenzero , frutti di bosco o cetriolo è rinfrescante e contiene pochissime calorie. Le persone possono anche aggiungere lime o limone all’acqua frizzante.

Sono adatti anche tè alle erbe, verdi e neri. Molti tè sono dotati di ulteriori benefici per la salute.

I succhi di frutta tendono ad essere molto ricchi di zucchero. Quando è possibile, è preferibile mangiare frutta intera invece che contengono fibre.

11. Fai spuntini più sani

Secondo una ricerca del 2016 , quasi un terzo del fabbisogno giornaliero di energia delle persone deriva dagli spuntini.

Gli snack sono aumentati di dimensioni nel tempo, con il risultato che le persone consumano troppo tra i pasti.

Tuttavia, spuntini salutari e fatti in casa possono aumentare la pienezza e ridurre il numero di calorie che le persone mangiano durante i pasti.

Spuntini salutari includono:

  • Yogurt
  • prugne secche o date
  • frutti ricchi di fibre, come mele, banane e arance
  • verdure ad alto contenuto di fibre, tra cui carote e broccoli
  • una manciata di noci non salate e non aromatizzate, come anacardi o noci

12. Masticare di più

La masticazione o masticazione avvia il processo di digestione. Alcune ricerche preliminari hanno scoperto che masticare bene ogni boccone e prolungare la durata del pasto ha ridotto l’assunzione di cibo.

Masticare a fondo il cibo può aiutare una persona ad assaporare ciò che sta mangiando. Prendendo abbastanza tempo per mangiare durante i pasti dà anche al corpo il tempo di registrarsi quando è pieno.

13. Prova a mangiare consapevolmente

Mangiare consapevolmente o mangiare con consapevolezza è uno strumento eccellente per la gestione del peso.

Mangiare consapevolmente può aiutare a ridurre il desiderio di cibo e migliorare il controllo delle porzioni.

Per praticare il mangiare consapevole, una persona dovrebbe evitare le distrazioni, inclusi televisori, computer portatili e materiale di lettura. È meglio mangiare a un tavolo, concentrarsi su come il cibo ha un sapore e essere consapevole dei segni che il corpo è pieno.

14. Prendi i pasti in famiglia

Sedersi e mangiare un pasto sano con la famiglia può anche svolgere un ruolo nella gestione del peso.

Mangiare a casa può ridurre l’assunzione di grassi e zuccheri . Anche i genitori o i badanti che cucinano pasti equilibrati e nutrienti per i bambini spesso trasmettono loro queste abitudini positive.

prospettiva

Ci sono molti modi per perdere peso senza una dieta o esercizio fisico. I suggerimenti di cui sopra sono un ottimo modo per iniziare a fare cambiamenti di stile di vita positivi.

Aggiunta di esercizio a queste abitudini salutari può anche migliorare i risultati di perdita di peso di una persona.

Grassi o carboidrati: cosa causa l’obesità?

Troppi carboidrati o troppo grassi? Le opinioni su quali parti della nostra dieta possano causare l’obesità sono divise. Un recente studio esamina da vicino gli effetti della dieta sul peso e sulla salute. 
cibo spazzatura.jpg

Una dieta troppo ricca di grassi o troppo ricca di carboidrati porta all’obesità?

All’inizio di quest’anno, Medical News Today ha riportato uno studio che metteva in discussione i potenziali benefici della dieta a basso contenuto di carboidrati rispetto a quella a basso contenuto di grassi.

Gli scienziati hanno chiesto quale tipo di dieta sarebbe meglio per perdere peso in eccesso.

La loro conclusione? In sostanza, è difficile da dire.

Entrambi hanno pro e contro; alcune persone potrebbero trarre maggior beneficio dal licenziare i grassi, mentre altri potrebbero vedere risultati migliori attenendosi a un piano dietetico a basso contenuto di carboidrati.

Entrambi i carboidrati (che sono una fonte primaria di glucosio, o zucchero semplice) e grassi sono stati accusati di aumentare la probabilità di una persona di affrontare l’ obesità , e gli studi continuano a discutere di questi punti, quindi l’argomento è tutt’altro che risolta.

Recentemente, l’opinione che un’assunzione eccessiva di carboidrati possa essere la principale causa dietetica dell’obesità ha avuto più trazione, anche se alcuni ricercatori lo hanno messo in dubbio .

In un articolo pubblicato sulla rivista Cell Metabolism , i ricercatori di due istituzioni – l’Istituto di genetica e biologia dello sviluppo presso l’Accademia cinese delle scienze di Pechino e l’Università di Aberdeen nel Regno Unito – hanno ancora una volta trasformato le carte, suggerendo che dovremmo guardare ancora una volta ai cibi grassi.

L’assunzione di zucchero non ha avuto alcun impatto sul peso

In quello che pensano sia il più grande studio del suo genere fino ad oggi, il ricercatore principale John Speakman e il team hanno lavorato con i topi per testare gli effetti di tre macronutrienti – carboidrati , grassi e proteine ​​- sull’accumulo di grasso corporeo.

Gli scienziati si sono rivolti al modello murino perché, come spiegano, chiedere ai partecipanti umani di seguire un tipo di dieta e valutarli per lunghi periodi di tempo è estremamente difficile.

Ma osservare i roditori – che hanno meccanismi metabolici simili – potrebbe offrire indizi cruciali e prove realizzabili.

Topi appartenenti a cinque diversi ceppi geneticamente modificati sono stati assegnati a uno dei 30 diversi tipi di dieta, comprese le variazioni sul loro contenuto di grassi, carboidrati e proteine.

I topi sono stati mantenuti nelle loro rispettive diete per un periodo di 3 mesi – che conta come 9 anni sarebbe per gli esseri umani.

Per tutto questo tempo, sono stati valutati i cambiamenti nel peso corporeo e il contenuto di grasso corporeo, per vedere quale dei topi finirebbe per diventare sovrappeso.

Gli scienziati hanno scoperto che solo un’assunzione eccessiva di grassi aumentava l’adiposità (contenuto di grasso corporeo) nei topi, mentre i carboidrati – compreso fino al 30% delle calorie derivate dal saccarosio – non avevano alcun impatto.

Inoltre, una dieta grassa e zuccherata combinata non aumentava il grasso corporeo più di una dieta grassa da sola.

Per quanto riguarda l’assunzione di proteine, il team di ricerca afferma che non vi erano prove che influisse sull’assunzione di altri macronutrienti o sulla quantità di grasso corporeo.

E perché l’assunzione di grassi porta all’obesità? I ricercatori ritengono che i grassi “attraggano” il sistema di ricompensa del cervello, stimolando la brama di una quantità eccessiva di calorie , che quindi determina l’aumento di peso.

“Una chiara limitazione di questo studio”, spiega il prof. Speakman, “è che si basa su topi anziché su umani”.

“Tuttavia, i topi hanno molte somiglianze con gli esseri umani nella loro fisiologia e metabolismo, e non faremo mai studi in cui le diete degli esseri umani siano controllate allo stesso modo per periodi così lunghi.”

Quindi le prove che fornisce sono un buon indizio su quali effetti potrebbero avere le diete differenti negli esseri umani”.

Prof. John Speakman

Lo studio del cervello rivela perché alcune persone non riescono ad attenersi alla loro dieta

Le differenze nell’anatomia cerebrale potrebbero spiegare perché alcuni individui lottano per mantenere una dieta salutare mentre altri no. 
mela dolce.jpg

La tua anatomia cerebrale potrebbe essere responsabile della tua dieta.

Questa è stata la conclusione alla quale sono giunti i ricercatori dopo aver scoperto che il volume della materia grigia in due regioni del cervello predice la capacità di esercitare il controllo sulle scelte alimentari.

Le regioni del cervello sono la corteccia prefrontale dorsolaterale (dlPFC) e la corteccia prefrontale ventromediale (vmPFC). Questi sono ritenuti importanti per valutare le opzioni e l’autocontrollo.

In un articolo pubblicato sul Journal of Neuroscience , i ricercatori suggeriscono che i risultati identificano i marcatori del cervello che potrebbero predire “stare a dieta con successo” e fornire possibili bersagli terapeutici per “obesità e disturbi alimentari correlati”.

Lo studio dovrebbe anche far avanzare la ricerca su metodi migliori per valutare e trattare i disturbi alimentari che comportano problemi di autocontrollo, come ad esempio abbuffate e anoressia nervosa .

“Non è sempre molto chiaro”, afferma l’autore senior dello studio Hilke Plassmann, che è il professore presieduto da INSEAD di Decision Neuroscience, con sede a Fontainebleau in Francia, “come valutare questi disturbi”.

La “neuroeconomia” del cibo

Lo studio appartiene alla scienza della neuroeconomia, che analizza le ” funzioni cerebrali dietro al processo decisionale “.

I ricercatori in questo campo suggeriscono che ci sono due meccanismi che governano il modo in cui scegliamo il cibo che mangiamo. Innanzitutto, valutiamo ciascuna caratteristica di un prodotto alimentare. Una caratteristica, ad esempio, potrebbe essere “gustosità”, mentre un’altra potrebbe essere “salubrità”.

Selezioniamo quindi l’articolo che ha il valore totale più alto dopo aver preso in considerazione l’importanza che diamo a ciascuna funzionalità.

Il Prof. Plassmann e i suoi colleghi hanno voluto indagare su quali strutture cerebrali potrebbero essere coinvolte in tali scelte e se c’è qualcosa su di loro che potrebbe predire la capacità di selezionare quelle sane.

Hanno studiato i dati di imaging da scansioni cerebrali di persone sane – 45 uomini e 78 donne – mentre facevano scelte sul cibo.

Gli uomini e le donne hanno preso parte a una serie di esperimenti mentre si sottoponevano a scansioni MRI dei loro cervelli.

Materia grigia e autocontrollo alimentare

Durante questi esperimenti, i partecipanti hanno esaminato le immagini di prodotti alimentari e gli è stato chiesto di collocare valori su di essi in base alla bontà e alla salubrità. Sono stati anche invitati a fare una scelta basata sulla salubrità.

Quando hanno confrontato i dati di imaging con le scelte, gli scienziati hanno scoperto che il volume di materia grigia nel dlPFC e nel vmPFC era un buon predittore di scelte salutari.

I risultati hanno rivelato che le persone con più volumi di materia grigia tendevano a mostrare più autocontrollo. Lo hanno fatto o attribuendo un valore superiore alla salubrità o un valore inferiore alla bontà quando è stato chiesto di considerare la salute.

I ricercatori hanno anche trovato una relazione simile tra volume di materia grigia nel vmPFC e dlPFC e “autocontrollo alimentare” in un altro insieme di dati con soggetti diversi e un diverso tipo di compito che “comportava distanziamento dalle voglie per cibi malsani e appetitosi”.

Dicono che il loro studio è il primo a dimostrare che le differenze in dlPFC e nell’anatomia vmPFC possono influenzare la scelta delle persone di cibi salutari. Tuttavia, i risultati non suggeriscono che le persone debbano accettare queste condizioni come fissate.

Il cervello ha “plasticità”, il che significa che può adattarsi. Il volume della materia grigia è simile al muscolo e può essere sviluppato con “esercizio”.

In futuro, potremmo essere in grado di proporre interventi basati sul cervello, in modo da poter cambiare la densità della materia grigia in queste regioni”.

Prof. Hilke Plassmann

Scoperto l’enzima che vanifica i tuoi sforzi per perdere peso.

Hai provato a mangiare porzioni più piccole e ad abbattere completamente alcuni cibi, ma non stai ancora perdendo il peso che desideri. Bene, un nuovo studio dice che l’azione complessa di un enzima potrebbe essere al centro del problema.
enzima1

Perché lotti per perdere peso, anche quando pensi di fare tutto bene?

Perché a volte i nostri corpi sembrano voltarsi contro di noi, anche se facciamo del nostro meglio per rimanere in forma?

Mentre noi possiamo aderire ad una dieta migliore e smettere di indulgere in cibi malsani, alcuni di noi avranno difficoltà a perdere l’eccesso di peso che ci turba.

La ragione alla base del motivo per cui i nostri corpi immagazzinano il tessuto adiposo in primo luogo è piuttosto semplice e persino intuitiva, data la natura dell’evoluzione umana, spiega il dott. Alan Saltiel, della University of California, San Diego School of Medicine di La Jolla.

Ricaviamo energia bruciando i tessuti grassi, ma a volte, i nostri corpi ritengono necessario ridurre la quantità di grasso che bruciamo in modo da avere abbastanza “combustibile” in serbo per dopo, quando potremmo avere un bisogno più urgente di esso.

“I corpi umani sono molto efficienti nel conservare l’energia reprimendo il dispendio energetico per conservarlo più tardi quando ne hai bisogno”, osserva il dott. Saltiel, aggiungendo: “Questo è il modo naturale per assicurarti di sopravvivere se arriva una carestia”.

Alcuni dei meccanismi in gioco in questo sistema di stoccaggio e di consumo di energia “carburante” non sono chiari, tuttavia – in particolare quelli relativi all’accumulo di grasso in eccesso che porta all’obesità . La domanda è: cosa spinge il pulsante “on / off” del metabolismo dei grassi e quando?

Il Dr. Saltiel e il suo team hanno recentemente indirizzato la loro attenzione verso l’enzima chinasi TANK-binding 1 (TBK1), che hanno identificato come chiave quando si tratta del processo del corpo di “decidere” la quantità di grasso da bruciare e quanto mantenere in magazzino , soprattutto durante un periodo di digiuno.

“Ci sono due importanti osservazioni che abbiamo collegato al rallentamento del metabolismo nell’obesità e nel digiuno”, spiega il dott. Saltiel.

Abbiamo scoperto due nuovi anelli di feedback che si intrecciano per autoregolare il sistema, pensate come il vostro termostato domestico, che rileva il cambiamento di temperatura per spegnere e accendere il calore.”

Dr. Alan Saltiel

risultati dei ricercatori sono stati riportati oggi nella rivista Cell .

Cicli metabolici viziosi

Il dott. Saltiel e il team hanno lavorato al modello murino – utilizzando animali sia obesi che normali – per studiare il ruolo del TBK1 nei processi metabolici. Hanno notato che l’enzima era implicato in due processi distinti, portando allo stesso risultato ogni volta.

Il primo processo è avviato dallo stress cronico legato all’obesità e porta all’infiammazione attivando una via di segnalazione proinfiammatoria chiamata NFKB .

NFKB migliora l’espressione di geni che “dettano” la produzione di enzimi che si ritiene abbiano un ruolo nell’infiammazione e nell’accumulo di grasso corporeo, compreso il gene che codifica per TBK1.

TBK1 disattiva quindi un altro enzima, AMPK , che è in gran parte responsabile della regolazione della quantità di grasso che convertiamo in energia grezza. Ciò significa che, invece di essere bruciati, il grasso è in grado di accumularsi e portare a un eccesso di peso.

L’enzima TBK1 è anche implicato nel meccanismo che viene attivato dal digiuno. Nel digiuno, i livelli di energia del corpo diminuiscono. L’enzima AMPK percepisce che, e per aumentare l’energia, invia segnali alle cellule di grasso per convertirsi in energia.

Tuttavia, quando AMPK è attivato, aumenta anche l’espressione del gene TBK1, che, ancora una volta, porta all’enzima TBK1 che inibisce l’attività di AMPK. Ne consegue un circolo vizioso, che impedisce al corpo di bruciare il grasso accumulato.

“Questo ciclo di feedback blocca il dispendio energetico attraverso l’infiammazione e il digiuno”, spiega il dott. Saltiel. Quando gli scienziati hanno notato questo meccanismo, hanno cercato un modo per modificarlo.

“Il dispendio di energia è stato ripristinato quando abbiamo eliminato TBK1 dalle cellule di grasso nei topi”, continua. “Ma è successo qualcos’altro che ci ha sorpreso – c’è stato un aumento dell’infiammazione”.

Come possiamo ‘ripristinare l’equilibrio energetico?’

Un secondo processo con TBK1 al suo interno porta a un ciclo altrettanto vizioso. Il team ha anche osservato che, anche se il percorso NFKB innesca la produzione di TBK1, l’enzima finisce per inibire la via NFKB.

TBK1 normalmente aiuta a ridurre l’infiammazione senza estinguerlo, tuttavia. Invece, lo mantiene a livelli bassi – quando TBK1 è inattivato, la risposta infiammatoria è intensificata senza l’azione regolatrice dell’enzima.

Quando il Dr. Saltiel e colleghi hanno eliminato il gene TBK1 nei topi obesi, questo ha provocato la perdita di peso e un aumento dell’infiammazione. Al contrario, quando TBK1 è stato eliminato nei topi con peso normale, non è stato osservato alcun cambiamento metabolico, suggerendo che ridurre le calorie potrebbe anche aiutare a ridurre l’infiammazione.

“L’inibizione del TBK1 ha il potenziale per ripristinare l’equilibrio energetico negli stati di obesità migliorando la capacità di bruciare un po ‘di grasso”, spiega il dott. Saltiel.

Mentre osserva che “[il] suo non è probabilmente l’unico percorso che tiene conto del dispendio energetico nel digiuno o nell’obesità”, aggiunge, “[T] le sue informazioni forniscono nuove informazioni su come sviluppare farmaci che inibiscono il TBK1 o altri enzimi coinvolti nel metabolismo. ”

Tuttavia, i ricercatori osservano che l’assunzione di farmaci speciali non sarà sufficiente per coloro che vogliono essere più in forma.

“Penso che probabilmente dovrai ancora fare entrambe le cose: ridurre l’apporto energetico attraverso la dieta e aumentare il dispendio energetico bloccando questa riduzione compensativa delle calorie bruciate”, sottolinea il dott. Saltiel.

Dieta anti-infiammatoria: che cos’è ?

Il corpo umano utilizza l’infiammazione per aiutare a combattere le malattie e anche a proteggere le aree da ulteriori danni. Nella maggior parte dei casi, l’infiammazione è una parte necessaria del processo di guarigione.

Tuttavia, alcune condizioni mediche causano risposte infiammatorie difettose. Queste sono chiamate malattie infiammatorie croniche.

Una delle migliori misure che una persona può prendere per prevenire o ridurre l’ infiammazione è quella di provare una dieta anti-infiammatoria. Una dieta antinfiammatoria comporta il consumo di determinati alimenti ed evita gli altri per minimizzare i sintomi delle malattie infiammatorie croniche.

Contenuto di questo articolo:

  1. Cos’è una dieta anti-infiammatoria?
  2. Quali condizioni può aiutare una dieta antinfiammatoria?
  3. Alimenti da mangiare
  4. Alimenti da evitare
  5. Consigli per la dieta antinfiammatoria
  6. Cos’è l’infiammazione?
  7. Porta via

Cos’è una dieta anti-infiammatoria?

infia1

La dieta anti-infiammatoria include cibi vegetali nutrienti e evita cibi e carni lavorati.

Una dieta antinfiammatoria consiste in alimenti che riducono le risposte infiammatorie. Questa dieta comporta la sostituzione di alimenti zuccherati e raffinati con cibi ricchi di sostanze nutritive.

Una dieta anti-infiammatoria contiene anche una maggiore quantità di antiossidanti , che sono molecole reattive nel cibo che riducono il numero di radicali liberi. I radicali liberi sono molecole nel corpo che possono danneggiare le cellule e aumentare il rischio di alcune malattie.

Molte diete popolari seguono già principi antinfiammatori. Ad esempio, la dieta mediterranea contiene pesce, cereali integrali e grassi che fanno bene al cuore. La ricerca ha dimostrato che questa dieta può ridurre gli effetti dell’infiammazione sul sistema cardiovascolare.

Quali condizioni può aiutare una dieta antinfiammatoria?

Medici, dietisti e naturopati raccomandano diete anti-infiammatorie come terapia complementare per molte condizioni che sono aggravate dall’infiammazione cronica.

Una dieta anti-infiammatoria può aiutare molte condizioni, tra cui:

  • artrite reumatoide
  • psoriasi
  • asma
  • esofagite eosinofila
  • Morbo di Crohn
  • colite
  • malattia infiammatoria intestinale
  • diabete
  • obesità
  • sindrome metabolica
  • malattia del cuore
  • lupus
  • La malattia di Hashimoto

Inoltre, mangiare una dieta anti-infiammatoria può aiutare a ridurre il rischio di alcuni tumori , compreso il cancro del colon-retto .

Alimenti da mangiare

infia2

Ciliegie e mirtilli contengono antiossidanti, che possono aiutare ad alleviare l’infiammazione.

Buone scelte per una persona che segue una dieta anti-infiammatoria includono quanto segue:

  • verdure a foglia verde scure, tra cui cavoli e spinaci
  • mirtilli , more e ciliegie
  • uva rosso scuro
  • verdure ad alta densità nutrizionale, come broccoli e cavolfiori
  • fagioli e lenticchie
  • tè verde
  • vino rosso, con moderazione
  • avocado e cocco
  • olive
  • olio extravergine d’oliva
  • noci, pistacchi, pinoli e mandorle
  • pesce d’acqua fredda, compreso salmone e sardine
  • curcuma e cannella
  • cioccolato fondente
  • spezie ed erbe aromatiche

Alimenti da evitare

I principali alimenti che le persone che seguono una dieta anti-infiammatoria dovrebbero evitare includono:

  • carni lavorate
  • bevande zuccherate
  • grassi trans, trovati nei cibi fritti
  • pane bianco
  • pasta bianca
  • glutine
  • olio di semi di soia e olio vegetale
  • spuntini trasformati, come patatine e cracker
  • dessert, come biscotti, caramelle e gelati
  • eccesso di alcol
  • troppi carboidrati

Alcune persone trovano che i cibi della famiglia dei nightshades, come pomodori, melanzane, peperoni e patate, possono scatenare razzi in alcune malattie infiammatorie. Ci sono prove limitate di questo, ma una persona può provare a tagliare i nightshades dalla dieta per 2-3 settimane per vedere se i loro sintomi migliorano.

Ci sono alcune prove che suggeriscono che una dieta ricca di carboidrati, anche quando i carboidrati sono salutari, può favorire l’infiammazione. Per questo motivo, molte persone in una dieta anti-infiammatoria scelgono di ridurre l’assunzione di carboidrati.

Una dieta vegetariana può ridurre l’infiammazione?

Le persone che considerano una dieta anti-infiammatoria potrebbero anche voler considerare l’eliminazione della carne a favore delle fonti proteiche vegetariane o del pesce grasso.

La ricerca suggerisce che le persone che seguono una dieta vegetariana hanno livelli più elevati di AA nel plasma, un indicatore di salute generale associato a livelli più bassi di infiammazione e malattie cardiache.

Uno studio del 2017 ha rilevato che mangiare prodotti animali aumenta il rischio di infiammazione sistemica, mentre un altro studio suggerisce che una riduzione dell’infiammazione è uno dei principali vantaggi di una dieta vegana.

Consigli per la dieta antinfiammatoria

Diete anti-infiammatorie possono essere un grande adeguamento per le persone che tendono a mangiare diversi tipi di cibo.

Ci sono molte cose che una persona può fare per facilitare la transizione a una dieta anti-infiammatoria, tra cui:

  • mangiare una varietà di frutta e verdura
  • riducendo la quantità di fast food mangiato
  • eliminando la soda e le bevande zuccherate
  • pianificazione delle liste della spesa per garantire pasti e snack salutari a portata di mano
  • portando piccoli snack anti-infiammatori mentre sei in viaggio
  • bere più acqua
  • stare all’interno del fabbisogno calorico giornaliero
  • aggiungendo integratori, come omega-3 e curcuma, alla dieta
  • esercitarsi regolarmente
  • ottenere la giusta quantità di sonno

Cos’è l’infiammazione?

infia3

Condizioni come l’asma, il diabete, l’artrite e la psoriasi possono essere gestite con una dieta anti-infiammatoria.

L’infiammazione è la risposta dell’organismo alle malattie comprese infezioni o lesioni. Il sistema immunitario del corpo invia una quantità maggiore di globuli bianchi nella zona che combatte l’infezione o la ferita.

L’infiammazione di solito non è una cosa negativa: è solo il corpo che cerca di proteggersi da ulteriori lesioni o malattie aumentando la risposta immunitaria nell’area minacciata da batteri o lesioni.

Tuttavia, ci sono diverse malattie infiammatorie croniche, come l’ artrite , la psoriasi e l’ asma che possono causare il sovraccarico del sistema immunitario e attaccare i tessuti sani.

Oltre a prendere qualsiasi prescrizione di farmaci, una persona con una malattia infiammatoria può provare a ridurre l’infiammazione apportando modifiche alla sua dieta.

Porta via

Le diete antinfiammatorie promuovono una riduzione dell’infiammazione. Una persona può essere in grado di ridurre la risposta infiammatoria del proprio corpo implementando questi cambiamenti dietetici salutari.

Ridurre l’infiammazione può aiutare una persona a sentirsi più a suo agio alleviando alcuni sintomi di infiammazione.

Inoltre, può aiutare la persona ad evitare alcuni dei potenziali problemi di salute che l’infiammazione cronica può causare o ridurre la necessità di farmaci.

Un dietologo può aiutare una persona a sviluppare un piano dietetico per affrontare una condizione infiammatoria cronica.

I nostri sforzi per perdere peso sono destinati a fallire?

Molti di noi si sforzano di seguire una dieta salutare a gennaio mentre tentiamo di perdere quei chili in più che abbiamo guadagnato a dicembre. Probabilmente riusciremo persino a raggiungere un peso più soddisfacente, ma possiamo continuare così?
peso1

Sei riuscito a perdere quel peso in più – fantastico. Ma dove vai da qui?

Conteggio delle calorie rigoroso, rinuncia all’alcol per tutto il mese di gennaio e mangiando più frutta e verdura – ci mettiamo alla prova per sentirci più in forma, più attraenti e in migliore salute.

Quando raggiungiamo i nostri obiettivi di peso, celebriamo il nostro successo e segniamo la data nel nostro calendario – ma questo risultato è destinato a essere di breve durata?

Recentemente i ricercatori dell’Università della Florida a Gainesville hanno iniziato a imparare per quanto tempo possiamo mantenere la perdita di peso, e le loro scoperte non sono molto ottimistiche.

Kathryn Ross – che è un assistente professore presso l’University of Florida College di salute pubblica e professioni sanitarie – e il suo team ha ipotizzato che in seguito a supposizioni convenzionali, dopo che una persona sperimenta una significativa perdita di peso, c’è un periodo “limbo” di mantenimento della perdita di peso prima quella persona inizia a ingrassare di nuovo.

Tuttavia, la loro ipotesi di lavoro non è stata verificata.

Ci aspettavamo di vedere una sorta di fase di manutenzione generale e, sebbene vi fosse molta variabilità individuale – c’erano partecipanti che erano in grado di mantenere il loro peso e anche alcuni che erano in grado di continuare a perdere – in media, non era quello caso, hanno iniziato a riacquistare peso subito “.

Kathryn Ross

risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Obesity .

Molti di noi non possono mantenere la perdita di peso

Studi già citati da Ross e colleghi avevano già dimostrato che le persone che soffrono di una significativa perdita di peso tendono a guadagnare tra un terzo e la metà dei chili che versano entro un anno dal loro successo iniziale.

La domanda che i ricercatori erano interessati ad affrontare, tuttavia, era il tempo necessario alla gente per iniziare a riguadagnare peso. Sebbene abbiano creduto per la prima volta in un “periodo di grazia” in cui le persone hanno mantenuto il loro nuovo peso prima di ricadere, lo studio attuale ha dimostrato che i ricercatori sbagliavano.

Il team ha lavorato con 75 partecipanti che hanno completato un programma di perdita di peso basato su Internet di 12 settimane. Attraverso questo programma, i partecipanti sono riusciti a perdere in media 12,7 sterline (che è di circa 5,7 chilogrammi), o una sterlina (0,4 chilogrammi) a settimana.

In seguito a questo risultato di perdita di peso, Ross ei suoi colleghi hanno chiesto ai partecipanti allo studio di continuare a pesarsi ogni giorno per un periodo di 9 mesi. Sono stati in grado di farlo dal comfort della propria casa con l’aiuto di “smart scale”, che erano in grado di trasmettere i dati da remoto “alla ricerca di server tramite reti wireless o cellulari”.

Gli scienziati osservano che, circa 77 giorni dall’inizio dello studio, i partecipanti hanno iniziato a sperimentare il recupero del peso, impiegando circa 0,15 libbre (o 0,07 chilogrammi) a settimana.

Dopo circa 222 giorni dall’inizio del programma, il riacquisto del peso è leggermente rallentato, con i partecipanti che hanno guadagnato circa 0,13 libbre (0,06 chilogrammi) ogni settimana.

Dei 75 partecipanti iniziali, i ricercatori hanno basato la loro analisi finale sui dati provenienti da 70 di essi. I dati degli altri 5 partecipanti sono stati ignorati, in quanto incompleti.

Perché rimbalziamo, come possiamo evitarlo?

Ora, i ricercatori si dedicano a individuare quali sono i periodi più rischiosi per il riacquisto del peso, in modo che possano costruire strategie per la prevenzione e il mantenimento della perdita di peso.

Da questo studio, non è chiaro il motivo per cui i partecipanti hanno iniziato a riguadagnare peso subito dopo il programma di perdita di peso. Tuttavia, Ross e il suo team ipotizzano che il loro ambiente sociale – con così tante tentazioni e persone incoraggianti a indulgere in cattive abitudini alimentari – possa avere qualcosa a che fare con questo.

“Siamo circondati da facili opportunità di ottenere cibi ipercalorici e ricchi di grassi ed è difficile per molte persone sviluppare attività nel loro tempo”, avverte.

In altre parole, una volta raggiunti i nostri obiettivi di perdita di peso, siamo abbastanza soddisfatti del nostro progresso per cedere alle stesse tentazioni che hanno portato ad essere un peso malsano in primo luogo.

Lei offre qualche incoraggiamento, notando che il recupero di peso non è una regola dura e veloce. Dice che alcune persone a dieta rimangono di successo e non rimettere il peso extra dopo il risultato iniziale di perdita di peso.

Per quelli di noi interessati a mantenere i nostri progressi, Ross ha alcuni suggerimenti per aiutarci a rimanere in pista.

In primo luogo, lei “incoraggia le persone a pesarsi quotidianamente, permettendoti di vedere come i cambiamenti che stai facendo nel mangiare e nelle attività stanno influenzando il tuo peso”, aggiunge.

Ha anche “esortato [le persone] a guardare le tendenze [nel loro percorso di mantenimento del peso] e non tanto la variazione giornaliera”.

Quando si tratta di adeguarsi a un apporto calorico superiore dopo una dieta dimagrante, Ross consiglia di aggiungere solo 100 calorie in più al giorno. Quindi, dovremmo continuare a tenere sotto controllo il nostro peso e modificare di conseguenza il nostro apporto calorico.

“Non c’è un’enorme differenza tra il numero di calorie che le persone mangiano quando raggiungono il loro obiettivo rispetto a quello che devono mantenere”, dice Ross.

Dovremmo anche ricordare che il mantenimento di un peso sano non è solo una questione di dieta. L’esercizio è altrettanto importante per mantenere il nostro corpo in forma, quindi non dobbiamo dimenticare di incorporarlo nel nostro regime – e continuare a farlo.