Quali alimenti abbassano la glicemia?

Quando una persona ha il diabete, o il suo corpo non produce abbastanza insulina, o non può usare correttamente l’insulina, quindi il glucosio si accumula nel sangue. Alti livelli di glucosio nel sangue possono causare una serie di sintomi, dall’esaurimento alla cardiopatia.

Un modo per controllare la glicemia è mangiare una dieta salutare. Generalmente, i cibi e le bevande che il corpo assorbe lentamente sono i migliori perché non causano picchi e cali di zucchero nel sangue.

L’indice glicemico (GI) misura gli effetti di specifici alimenti sui livelli di zucchero nel sangue. Le persone che cercano di controllare i loro livelli dovrebbero scegliere cibi con punteggi GI bassi o medi.

Una persona può anche accoppiare gli alimenti con punteggi GI bassi e alti per garantire che un pasto sia equilibrato.

Di seguito sono riportati alcuni dei migliori alimenti per le persone che cercano di mantenere sani livelli di zucchero nel sangue.

1. Pane integrale o pane di segale

pane segale.jpg

Il Pumpernickel ha un punteggio GI basso e meno carboidrati rispetto ad altri tipi di pane.

Molti tipi di pane sono ricchi di carboidrati e aumentano rapidamente i livelli di zucchero nel sangue. Di conseguenza, molti pani dovrebbero essere evitati.

Tuttavia, il pane di segale e il 100% di pane integrale macinato a pietra hanno punteggi GI bassi, a 55 o meno nella scala GI.

Pumpernickel e pane integrale macinato a pietra hanno un punteggio GI inferiore rispetto al normale pane integrale perché gli ingredienti subiscono meno lavorazioni.

La lavorazione rimuove i gusci esterni fibrosi di cereali e cereali. La fibra rallenta la digestione e aiuta a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue.

In uno studio del 2014 , i ricercatori hanno riferito che il farro e la segale hanno entrambi causato una bassa risposta glicemica iniziale nei ratti. Hanno anche scoperto che questi antichi tipi di grano, oltre che di farro e di farro, hanno soppresso i geni che promuovono il metabolismo del glucosio.

2. La maggior parte dei frutti

Fatta eccezione per ananas e meloni, la maggior parte dei frutti ha un punteggio GI basso o uguale a 55.

Questo perché la maggior parte dei frutti contiene molta acqua e fibre per bilanciare il loro zucchero naturale, che è chiamato fruttosio.

Tuttavia, man mano che i frutti maturano, aumentano i loro punteggi GI. I succhi di frutta hanno anche punteggi GI molto alti perché il juicing rimuove le bucce e i semi fibrosi.

Un ampio studio del 2013 ha rilevato che le persone che consumavano frutta intera, in particolare mirtilli , uva e mele, avevano rischi significativamente più bassi di sviluppare il diabete di tipo 2 .

I ricercatori hanno anche riferito che bere succo di frutta ha aumentato il rischio di sviluppare la condizione.

3. Patate dolci e patate dolci

Le patate normali hanno un punteggio GI elevato, ma patate e patate dolci hanno punteggi bassi e sono molto nutrienti.

Alcune ricerche indicano che la polpa della patata dolce contiene più fibre della pelle, indicando che l’intero ortaggio potrebbe essere utile per le persone con diabete .

Riportando i risultati di uno studio sugli animali, i ricercatori hanno anche osservato che il consumo di patate dolci può ridurre alcuni indicatori del diabete.

Sebbene non vi siano ancora prove definitive che le patate dolci possano aiutare a stabilizzare o abbassare i livelli di zucchero nel sangue negli esseri umani, sono indubbiamente un alimento salutare e nutriente con un punteggio GI basso.

Le persone possono sostituire patate dolci o patate dolci in una varietà di piatti, dalle patate fritte allo stufato.

4. Farina d’avena e crusca d’avena

cereali.jpg

L’avena contiene B-glucani, che aiutano a mantenere il controllo glicemico.

L’avena ha un punteggio GI di 55 o inferiore, il che rende meno probabile che causi picchi e cali di zucchero nel sangue.

L’avena contiene anche B-glucani, che possono fare quanto segue:

  • ridurre la glicemia e le risposte di insulina dopo i pasti
  • migliorare la sensibilità all’insulina
  • aiutare a mantenere il controllo glicemico
  • ridurre i lipidi nel sangue (grassi)

Una revisione 2015 di 16 studi ha concluso che l’avena ha un effetto benefico sul controllo del glucosio e sui profili lipidici nelle persone con diabete di tipo 2. Determinare l’impatto del consumo di avena sul diabete di tipo 1 richiede più ricerca.

I medici raccomandano ancora che le persone con diabete limitino il loro consumo di farina d’avena perché 1 tazza contiene circa 28 grammi di carboidrati.

5. La maggior parte dei dadi

I dadi sono molto ricchi di fibre alimentari e hanno punteggi GI di 55 o meno.

Le noci contengono anche alti livelli di proteine ​​vegetali, acidi grassi insaturi e altri nutrienti, tra cui:

  • vitamine antiossidanti
  • sostanze fitochimiche, come i flavonoidi
  • minerali, tra cui magnesio e potassio

Una revisione sistemica del 2014 ha concluso che l’assunzione di noci potrebbe essere di beneficio alle persone con diabete.

Come con altri alimenti in questo articolo, è meglio mangiare noci che siano il più possibile integre e non elaborate. Le noci con rivestimenti o aromi hanno punteggi GI più alti rispetto alle noci normali.

6. Legumi

I legumi, come fagioli, piselli, ceci e lenticchie, hanno punteggi GI molto bassi.

Sono anche una buona fonte di nutrienti che possono aiutare a mantenere sani i livelli di zucchero nel sangue. Queste sostanze nutrienti includono:

  • fibra
  • carboidrati complessi
  • proteina

Uno studio del 2012 ha rilevato che l’incorporazione di legumi nella dieta ha migliorato il controllo glicemico e ridotto il rischio di malattia coronarica nelle persone con diabete di tipo 2.

Evitare i prodotti a base di legumi contenenti zuccheri aggiunti e amidi semplici, come quelli con sciroppi, salse o marinate. Queste aggiunte possono aumentare in modo significativo il punteggio GI di un prodotto.

7. Aglio

L’aglio è un ingrediente popolare nelle medicine tradizionali per il diabete e in un’ampia varietà di altre condizioni.

I composti nell’aglio possono aiutare a ridurre la glicemia migliorando la sensibilità e la secrezione dell’insulina.

In uno studio del 2013 , 60 persone con diabete di tipo 2 e obesità hanno assunto metformina da sola o una combinazione di metformina e aglio due volte al giorno dopo i pasti per 12 settimane. Le persone che hanno assunto metformina e aglio hanno visto una riduzione più significativa dei loro livelli di zucchero nel sangue a digiuno e post-pasto.

Le persone possono mangiare l’aglio crudo, aggiungerlo alle insalate o usarlo in piatti cucinati.

8. Pesce d’acqua fredda

pesce lago.jpg

Il merluzzo non contiene carboidrati e può ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Il pesce e le altre carni non hanno punteggi GI perché non contengono carboidrati.

Tuttavia, i pesci d’acqua fredda possono aiutare a gestire o prevenire il diabete meglio di altri tipi di carne.

Uno studio del 2014 ha incluso dati presi da 33.704 donne norvegesi per un periodo di 5 anni. I ricercatori hanno scoperto che mangiare 75-100 milligrammi di merluzzo, merluzzo carbonaro, eglefino o merluzzo al giorno riduceva il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Tuttavia, i ricercatori erano incerti se la riduzione del rischio fosse un risultato diretto del consumo del pesce o se altri fattori di stile di vita salutari, come l’esercizio fisico, avrebbero potuto influenzare i risultati.

9. Yogurt

Mangiare giornalmente yogurt normale può ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Gli autori di una grande meta-analisi del 2014 hanno concluso che lo yogurt può essere l’unico prodotto caseario che riduce il rischio di sviluppare la condizione. Hanno anche notato che altri prodotti lattiero-caseari non sembrano aumentare il rischio di una persona.

I ricercatori non sono ancora sicuri perché lo yogurt aiuta a ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

Tuttavia, lo yogurt bianco è generalmente un alimento a basso indice glicemico. La maggior parte degli yogurt non zuccherati ha un punteggio GI di 50 o meno.

È meglio evitare yogurt zuccherati o aromatizzati, che spesso contengono troppo zucchero per una persona che cerca di abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Lo yogurt alla greca può essere un’alternativa salutare.

Altri modi per abbassare i livelli di zucchero nel sangue

Mangiare una dieta salutare e ben bilanciata è la chiave. Ulteriori strategie per aiutare a ridurre o gestire i livelli di zucchero nel sangue includono:

  • rimanendo idratato bevendo un sacco di liquidi limpidi
  • esercitarsi regolarmente
  • mangiare piccole porzioni più frequentemente
  • non saltare i pasti
  • gestire o ridurre lo stress
  • mantenere un peso corporeo sano o perdere peso, se necessario

Le persone con diabete possono anche aver bisogno di assumere farmaci e misurare regolarmente il loro livello di zucchero nel sangue per ridurre il rischio di sintomi e complicanze potenzialmente pericolosi.

Parla con un medico su come integrare una dieta salutare in un piano di cura del diabete.

Annunci

Diabete: percentuale di grasso corporeo, non indice di massa corporea, predice il rischio

I risultati di un nuovo studio spingono i fornitori di servizi sanitari a considerare la distribuzione del grasso corporeo, oltre all’indice di massa corporea, nella loro decisione di sottoporre a screening le persone per il diabete e il prediabete.
persona sulla bilancia farmajet

Le nostre misurazioni standard di ciò che consiste in un peso sano può richiedere una revisione, suggerisce un nuovo studio.

Indice di massa corporea ( BMI ) è una misurazione tradizionale che divide il peso di una persona in base alla loro altezza per scoprire se hanno un peso sano.

Tuttavia, sempre più studi hanno messo in discussione la sua utilità e accuratezza come indicatore della salute cardiometabolica.

La distribuzione del grasso , piuttosto che la quantità totale, suggeriscono questi studi, potrebbe darci più indizi sul rischio di condizioni come l’ insulino-resistenza , l’ ipertensione , le malattie cardiache e persino il cancro .

Ad esempio, uno studio recente ha attirato l’attenzione sulla ” pandemia eccessiva ” che si sta diffondendo negli Stati Uniti. I ricercatori hanno usato il termine “overfat” per descrivere l’accumulo di grasso intorno a certe parti del corpo, che, sottolineano gli scienziati, non è giustificato dal BMI.

In effetti, un IMC basso può essere fuorviante. Il grasso della pancia è particolarmente dannoso, la ricerca mostra che alcuni studi dimostrano che può aumentare il rischio di diabete e malattie cardiache mentre altri rivelano i meccanismi alla base di questa associazione.

Ora, un nuovo studio – che è stato pubblicato sulla rivista BMJ Open – si aggiunge a questo crescente corpo di ricerca, in quanto i ricercatori dell’Università della Florida (UF) di Gainesville scoprono che le persone con un BMI normale ma un grasso corporeo elevato sono più inclini al prediabete o al diabete, se confrontato con le persone ritenute sovrappeso in base al proprio BMI ma con una percentuale di grasso corporeo inferiore.

La percentuale di grasso corporeo calcola la proporzione della massa grassa di una persona rispetto alla massa muscolare magra.

Grasso corporeo alto, non BMI, predice il diabete

Per questo studio, gli scienziati – guidati da Ara Jo, Ph.D., professore assistente clinico presso il Dipartimento di ricerca, gestione e politica dei servizi sanitari dell’UF – hanno esaminato i dati disponibili dal National Health and Nutrition Examination Survey.

Questo sondaggio è stato condotto dal Centro nazionale per le statistiche sanitarie dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), e ha utilizzato interviste, oltre a test fisici e di laboratorio, per esaminare la salute degli adulti di 40 anni e oltre tra il 1999 e 2006.

Jo e il suo team si sono concentrati su adulti a cui non era mai stato diagnosticato il diabete di tipo 2 e hanno usato una tecnica di scansione chiamata assorbimetria a raggi X a doppia energia – che è la tecnica più accurata disponibile – per misurare la percentuale di grasso corporeo.

Hanno usato le linee guida emesse dall’American Association of Clinical Endocrinologists e dall’American College of Endocrinology per stimare ciò che conta come grasso corporeo alto per gli uomini e per le donne.

Secondo queste linee guida, avere una percentuale di grasso corporeo di 25 anni o più è considerato alto per gli uomini, e il 35% è considerato grasso corporeo elevato per le donne.

Sulla base di queste misurazioni, l’analisi ha rivelato che il 13,5% delle persone con un BMI normale e un’alta percentuale di grasso corporeo aveva prediabete o diabete, rispetto a solo il 10,5% di quelle ritenute “sovrappeso” dal proprio BMI ma con basso grasso corporeo.

“Questa percentuale elevata di grasso corporeo si collega a glicemia anormale”, spiega l’autore senior dello studio Arch G. Mainous III, presidente del Dipartimento UF per la ricerca, la gestione e la politica dei servizi sanitari, “regge anche quando controlliamo cose come l’età, sesso, razza / etnia, storia familiare di diabete, esercizio ad intensità vigorosa e attività di potenziamento muscolare. ”

BMI normale non una misura della salute

“In genere, il BMI normale è stato percepito come sano”, spiega Jo, “quindi le persone con BMI normale sono state trascurate in diverse linee guida di assistenza preventiva”.

“Eppure, il BMI normale non significa necessariamente una composizione corporea sana”, avverte. Maino echeggia gli stessi pensieri, dicendo: “Le prove stanno aumentando il fatto che il BMI potrebbe non essere la migliore misura del grasso corporeo per una varietà di gruppi come individui che sono sedentari o donne anziane”.

Questo studio fornisce maggiore supporto per questa idea di grasso magro e mostra come la percentuale di grasso corporeo è più importante nell’identificare gli individui con prediabete rispetto al BMI.”

Arch G. Mainous III

“Ci avvisa anche”, aggiunge, “di prendere in considerazione modi per identificare meglio gli individui con elevato contenuto di grasso corporeo e incorporarli nella pratica clinica”.

“Speriamo che questi risultati possano ispirare i medici e altri professionisti della salute a guardare più da vicino alla normale popolazione di BMI e fornire assistenza preventiva in tempo per coloro che sono a rischio di sviluppare il diabete”, conclude Jo.

La vitamina D può aiutare a combattere il diabete?

Con il diabete che ora raggiunge proporzioni epidemiche, dissotterrare un modo innovativo per affrontare la condizione è urgente. Un nuovo studio indaga se la vitamina D potrebbe fornire una nuova via per il trattamento.
vitamina d farmajet 2

Potenziare l’attività della vitamina D potrebbe alla fine contribuire a combattere il diabete.

Attualmente, negli Stati Uniti ci sono circa 30 milioni di persone che vivono con il diabete di tipo 2 , una condizione che non può ancora essere curata per tutta la vita.

L’obesità , uno dei principali fattori di rischio, è in costante aumento, il che significa che il numero di persone con diabete di tipo 2 probabilmente seguirà l’esempio.

La condizione è causata da cellule beta difettose nel pancreas. Queste cellule producono e rilasciano insulina , l’ormone essenziale per il controllo dei livelli di glucosio nel sangue.

Se le cellule beta producono troppa insulina, o nessuna, il glucosio può accumularsi nel sangue a livelli tossici per cellule e tessuti.

Uno studio recente, ora pubblicato sulla rivista Cell , ha esaminato un nuovo modo di proteggere le cellule beta, rallentando così l’insorgenza del diabete . I ricercatori, dal Salk Institute di La Jolla, CA, concentrati su un composto ben noto: la vitamina D .

Vitamina D e diabete

La vitamina D è spesso indicata come la vitamina del sole perché viene creata nella nostra pelle in risposta alla luce solare diretta. Precedenti studi hanno trovato una connessione tra bassi livelli di vitamina D e un più alto rischio di diabete, ma i meccanismi coinvolti sono stati difficili da svelare.

Ciò è dovuto, in parte, alle ampie funzioni fisiologiche della vitamina D; per esempio, la vitamina D è coinvolta nella crescita cellulare, nel mantenimento delle ossa, nell’attività neuromuscolare e nel sistema immunitario. Inoltre, importante per questo studio, è stato implicato nell’infiammazione .

Sappiamo che il diabete è una malattia causata dall’infiammazione, in questo studio abbiamo identificato il recettore della vitamina D come importante modulatore dell’infiammazione e della sopravvivenza delle cellule beta”.

Autore dello studio senior Ronald Evans

Per raggiungere queste conclusioni, i ricercatori hanno creato cellule beta utilizzando cellule staminali embrionali . Quindi, hanno testato una batteria di composti per indagare su quali effetti avevano su di loro.

Aumentare la vitamina D nelle cellule beta

I ricercatori hanno scoperto che un particolare composto – chiamato iBRD9 – ha potenziato l’attività dei recettori della vitamina D quando erano legati a molecole di vitamina D. Questo ha avuto un effetto protettivo sulle cellule beta.

Hanno dimostrato che, in un modello murino di diabete, iBRD9 riportava i livelli di glucosio nella gamma normale.

“Questo studio è iniziato osservando il ruolo della vitamina D nelle cellule beta”, afferma il primo autore dello studio Zong Wei. “Gli studi epidemiologici sui pazienti”, afferma, “hanno suggerito una correlazione tra elevate concentrazioni di vitamina D nel sangue e un rischio minore di diabete, ma il meccanismo sottostante non è stato ben compreso”.

Continua: “È stato difficile proteggere le cellule beta con la sola vitamina e ora abbiamo alcune idee su come possiamo trarre vantaggio da questa connessione”.

Hanno identificato un modo in cui la vitamina D potrebbe proteggere le cellule beta. Sembra implicare la trascrizione, o come i geni vengono decodificati per produrre proteine. L’introduzione di iBRD9 ha causato la trascrizione di geni con un effetto protettivo a tassi più elevati, proteggendo le cellule beta.

“L’attivazione del recettore della vitamina D”, osserva l’autore dello studio co-corrispondente Michael Downes, “può attivare la funzione antinfiammatoria dei geni per aiutare le cellule a sopravvivere in condizioni di stress”.

Usando un sistema di screening che abbiamo sviluppato in laboratorio, siamo stati in grado di identificare un pezzo importante di quel puzzle che consente la super-attivazione del percorso della vitamina D”.

Michael Downes

Mentre i risultati hanno chiare implicazioni per gli scienziati che cercano di progettare nuovi farmaci per il trattamento del diabete, ci sono possibilità di ulteriore portata.

Come spiega la coautrice dello studio Ruth Yu, “[B] perché questo è un recettore importante, potrebbe potenzialmente essere universale per qualsiasi trattamento in cui è necessario aumentare l’effetto della vitamina D. Ad esempio, siamo particolarmente interessati a guardarlo nel cancro del pancreas . ”

Naturalmente, prima che qualsiasi droga possa essere usata negli esseri umani, ci sono molti cerchi essenziali da superare. Sebbene non esistessero effetti collaterali degni di nota nei topi, solo il tempo dirà se è sicuro anche per gli umani.

In Arrivo il Cerotto per il monitoraggio del Diabete.

Prove a dito per il monitoraggio della glicemia potrebbero presto diventare un ricordo del passato, grazie agli scienziati che hanno sviluppato un cerotto adesivo che misura i livelli di glucosio ogni 10-15 minuti.
cero1

I ricercatori hanno creato un cerotto adesivo che può monitorare i livelli di glucosio senza pungere la pelle.
Immagine di credito: Università di Bath

Creato da ricercatori dell’Università di Bath nel Regno Unito, il nuovo cerotto ha dimostrato di essere una strategia non invasiva fattibile per il monitoraggio del glucosio nel sangue nei test sia della pelle suina che umana.

Il co-autore dello studio Prof. Richard Guy, del Dipartimento di Farmacia e Farmacologia, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista Nature Nanotechnology .

Si stima che circa 10,3 milioni di persone in Italia  vivano con il diabete , e ci sono circa 500 mila di nuovi casi diagnosticati ogni anno.

Il diabete di tipo 2 è la forma più comune di diabete e rappresenta il 90-95% di tutti i casi; sorge quando il corpo non è più in grado di usare l’ insulina in modo efficace, o non riesce a produrre abbastanza dell’ormone, facendo diventare i livelli di glucosio nel sangue troppo alti.

Il peso del test da dito

Per gestire efficacemente la condizione, le persone con diabete devono monitorare regolarmente i loro livelli di glucosio nel sangue. Ciò comporta l’uso di un misuratore di glucosio nel sangue, che verifica una goccia di sangue rilasciata attraverso una puntura dell’ago del dito.

La frequenza dei test della glicemia dipende dal tipo di diabete che una persona ha e dal tipo di farmaco che sta assumendo, ma è frequente la sperimentazione quotidiana, che può essere fino a 10 volte al giorno per le persone con diabete di tipo 1 .

Questa forma di test può essere un peso per le persone con diabete; la ricerca ha dimostrato che la paura del dolore e degli aghi, il costo delle strisce per il test del sangue e l’inconveniente del processo di auto-monitoraggio sono ostacoli al buon controllo della glicemia.

“Il più vicino che è stato raggiunto ha richiesto almeno una calibrazione a punto singolo con un classico” finger-stick “o l’impianto di un sensore precalibrato tramite un singolo inserimento dell’ago”, osserva il prof. Guy.

La nuova patch per la pelle creata dal Prof. Guy e colleghi, tuttavia, ha il potenziale per cambiare il volto del monitoraggio del glucosio.

Il Cerotto traccia accuratamente i livelli di glucosio

La patch della pelle consiste in sensori miniaturizzati che usano correnti elettriche per “estrapolare” il glucosio dal fluido che viene secreto dalle cellule sui follicoli piliferi.

Il cerotto raccoglie il glucosio in piccoli “serbatoi” e misura i livelli ogni 10-15 minuti. La speranza è che questa patch sia in grado di inviare letture glicemiche allo smartphone o allo smartwatch di un utente e far sapere loro quando hanno bisogno di farmaci.

È importante sottolineare che il cerotto non forare la pelle. Inoltre, la sua capacità di misurare il glucosio da un’area così piccola sui follicoli piliferi lo rende estremamente preciso, quindi non è necessario confermare le letture tramite il prelievo di sangue.

Il prof. Guy e colleghi hanno confermato l’accuratezza del cerotto testandolo sulla pelle di maiale. Hanno scoperto che era in grado di monitorare i livelli di glucosio a intervalli osservati negli esseri umani con diabete e con elevata precisione.

Ulteriori test su soggetti umani sani hanno scoperto che il cerotto era in grado di monitorare accuratamente i livelli di glucosio nell’arco di 6 ore.

Guardando avanti, il team spera di estendere il periodo di monitoraggio della glicemia a 24 ore, oltre a migliorare il numero di sensori in esso contenuti per aumentare ulteriormente la precisione.

Con tali modifiche, i ricercatori ritengono che il loro cerotto cutaneo possa fornire una tecnica di monitoraggio della glicemia non invasiva tanto necessaria per le persone con diabete.

“Un metodo non invasivo – cioè senza ago – per monitorare la glicemia si è dimostrato un obiettivo difficile da raggiungere”, osserva il prof. Guy.

Il monitor sviluppato a Bath promette un approccio senza calibrazione, un contributo essenziale nella lotta per combattere l’incidenza globale sempre crescente del diabete”.

Prof. Richard Guy

Diabete di tipo 2: nuove linee guida abbassano i livelli di controllo della glicemia

L’American College of Physicians ha ora pubblicato le loro nuove linee guida riguardanti i livelli desiderati di controllo della glicemia per le persone con diabete di tipo 2. Le raccomandazioni mirano a modificare le attuali pratiche terapeutiche e i medici dovrebbero mirare a un livello moderato di zucchero nel sangue durante il trattamento dei loro pazienti.
diabeteblog

I livelli di controllo della glicemia dovrebbero essere moderati per le persone che vivono con diabete di tipo 2, secondo le nuove linee guida.

Secondo le stime più recenti, quasi 30 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il diabete di tipo 2 , che rappresenta oltre il 9% dell’intera popolazione degli Stati Uniti.

Una volta diagnosticato il diabete di tipo 2, i pazienti sono spesso invitati a prendere quello che è noto come test dell’emoglobina glicata (HbA1c) al fine di mantenere sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue.

Il test media i livelli di zucchero nel sangue di una persona negli ultimi 2 o 3 mesi, con un punteggio di HbA1c del 6,5% che indica il diabete .

Ma alcuni studi hanno evidenziato che il test HbA1c potrebbe essere attualmente abusato negli Stati Uniti e hanno suggerito che tali test eccessivi possono portare a un trattamento eccessivo dei pazienti con farmaci ipoglicemici.

Questi farmaci hanno spesso una serie di effetti collaterali, come problemi gastrointestinali, zucchero nel sangue eccessivamente basso, aumento di peso e persino insufficienza cardiaca congestizia .

Inoltre, come alcuni ricercatori hanno sottolineato, “test eccessivi contribuiscono al crescente problema dei rifiuti nel settore sanitario e aumento del carico del paziente nella gestione del diabete”.

In questo contesto, l’American College of Physicians (ACP) si è proposto di esaminare le linee guida esistenti di diverse organizzazioni e le prove disponibili nel tentativo di aiutare i medici a prendere decisioni migliori e più informate sul trattamento delle persone con diabete di tipo 2.

Le loro linee guida sono state pubblicate sulla rivista Annals of Internal Medicine.

Si consiglia un A1C del 7-8 percento

Come spiegano gli ACP, l’attuale logica alla base delle raccomandazioni esistenti di un punteggio del 6,5% – o inferiore al 7% – è che mantenere bassi i livelli di zucchero nel sangue diminuirebbe il rischio di complicanze microvascolari nel tempo. Tuttavia, l’ACP ha riscontrato che le prove per tale riduzione sono “incoerenti”.

Come afferma il dott. Jack Ende, presidente dell’ACP, “[la nostra] analisi delle prove dietro le linee guida esistenti ha rilevato che il trattamento con farmaci a target del 7% o inferiore rispetto agli obiettivi di circa l’8% non riduceva i decessi o macrovascolari complicazioni come infarto o ictus, ma hanno causato danni sostanziali “.

Continua, dicendo, “Le prove dimostrano che per la maggior parte delle persone con diabete di tipo 2, raggiungere un A1C tra il 7 e l’8% è il miglior bilanciamento dei benefici a lungo termine con danni come basso livello di zucchero nel sangue, carico di farmaci e costi”.

Inoltre, l’ACP raccomanda che i pazienti di età pari o superiore a 80 anni o che convivono con malattie croniche come demenza , cancro o insufficienza cardiaca congestizia, ricevano un trattamento che si concentra sulla riduzione dei sintomi correlati allo zucchero nel sangue invece di abbassare i livelli di HbA1c .

La ragione di questo è che per i pazienti in questa categoria, i potenziali effetti collaterali dei farmaci ipoglicemizzanti superano i vantaggi.

“I risultati degli studi inclusi in tutte le linee guida dimostrano che i risultati di salute non sono migliorati trattando i livelli di A1C al di sotto del 6,5%”, spiega il dott. Ende.

“Tuttavia, riducendo gli interventi farmacologici per i pazienti con livelli di A1C persistentemente inferiori al 6,5 per cento”, continua, “ridurrà inutili danni, oneri e costi di farmaci senza incidere negativamente sul rischio di morte, infarti, ictus, insufficienza renale, amputazioni, visiva menomazione o neuropatia dolorosa . ”

Sebbene la dichiarazione di orientamento ACP si concentri sulla terapia farmacologica per controllare lo zucchero nel sangue, un obiettivo di trattamento più basso è appropriato se può essere raggiunto con una dieta e modifiche dello stile di vita come esercizio fisico, cambiamenti nella dieta e perdita di peso.”

Dott. Jack Ende