Il succo di Aloe vera può curare il colon irritabile?

L’aloe vera è un ingrediente comune in saponi e idratanti, ma può anche avere benefici per i problemi digestivi.

Alcune persone hanno recentemente suggerito che il consumo di succo di Aloe vera potrebbe aiutare con il trattamento della sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Questo articolo discuterà se il succo di Aloe Vera può essere usato per ridurre i sintomi di IBS, così come tutti i possibili effetti collaterali.

Cos’è il succo di Aloe vera?

aloe vera succo.jpg

Il succo di aloe vera è popolare come bevanda rinfrescante e per i suoi potenziali benefici per la salute.

Estratti dalle piante di Aloe Vera sono ampiamente usati nella medicina alternativa e si pensa che abbiano una serie di benefici cosmetici e salutistici.

Si pensa che l’aloe vera abbia molti benefici per la salute della pelle. Tradizionalmente, le foglie di aloe vera sono state usate per curare ferite o ustioni.

Ora è comune per le persone estrarre il gel dalle foglie e usarlo per trattare le condizioni della pelle, come la dermatite, o in idratanti e saponi.

Il gel di aloe vera è anche un ingrediente nel dentifricio a causa delle sue proprietà anti-infiammatorie e antibatteriche.

L’aloe vera può essere trasformata in un succo usando la parte verde della foglia. Questo succo può agire come un lassativo e può essere usato per trattare la stitichezza o la diarrea .

Succo di aloe vera e IBS

L’aloe vera è pensata per essere utile per trattare alcuni dei sintomi associati a IBS, come stitichezza e diarrea.

Le proprietà antinfiammatorie di Aloe vera possono aiutare a ridurre l’ infiammazione gastrointestinale , che può contribuire ai sintomi di IBS.

Le persone con IBS in genere gestiscono i loro sintomi attraverso i cambiamenti dello stile di vita piuttosto che i farmaci. Questi cambiamenti possono includere l’adozione di una dieta con alti livelli di fibre o l’esclusione di alimenti che scatenano i sintomi, più comunemente attraverso una dieta FODMAP bassa. I FODMAP sono un tipo di carboidrati difficile da digerire per l’organismo

Tuttavia, non è chiaro se una dieta FODMAP ufficiale bassa includa l’Aloe vera in questa fase e il suo uso è controverso per diversi motivi.

Pochissimi studi sono stati condotti per determinare l’efficacia di Aloe vera nel trattamento dei sintomi di IBS.

Il primo studio randomizzato controllato di Aloe vera come trattamento per IBS ha avuto luogo nel 2006. Alle persone con IBS sono stati somministrati supplementi di Aloe vera o un placebo per 3 mesi. I ricercatori non hanno trovato alcun beneficio per l’integrazione di Aloe vera nel trattamento dei sintomi di IBS.

Uno studio più recente che ha coinvolto 110 partecipanti con IBS incentrato sulla qualità della vita. I ricercatori non sono stati ancora in grado di trovare una differenza significativa tra l’Aloe vera e una sostanza placebo per ridurre i sintomi di IBS.

Uno studio condotto nel 2013 ha rilevato che l’Aloe vera ha avuto un impatto positivo sulla riduzione del dolore addominale e della flatulenza nelle persone con IBS. Tuttavia, a questo studio mancava un gruppo di controllo, il che significa che non era possibile determinare se i sintomi fossero migliorati come risultato diretto dell’Aloe vera. I sintomi possono essere naturalmente migliorati nel tempo o come parte di un effetto placebo.

Al momento mancano prove a supporto dell’uso di Aloe vera per trattare i sintomi dell’IBS. Ulteriori studi randomizzati controllati di alta qualità sarebbero necessari per determinare i benefici che l’Aloe vera può avere per le persone con IBS.

Effetti collaterali

diarrea.jpg

Il dolore addominale e la diarrea sono potenziali effetti collaterali dell’ingestione di succo di aloe vera non purificato.

Il succo di aloe vera può essere purificato (decolorato) o non purificato (non decolorato). Il succo non purificato può causare effetti collaterali avversi, tra cui:

  • dolore addominale
  • diarrea
  • disidratazione o squilibri elettrolitici
  • bassi livelli di zucchero nel sangue
  • reazioni allergiche
  • interazioni con altri farmaci

I succhi che hanno prodotto l’intera foglia della pianta possono contenere lattice e hanno maggiori probabilità di produrre effetti collaterali negativi. Le persone dovrebbero bere solo questo tipo di succo in piccole quantità.

La Food and Drugs Administration (FDA) degli Stati Uniti non regolamenta il succo di Aloe vera, quindi una persona dovrebbe acquistarlo solo da una fonte attendibile. Chiunque abbia effetti collaterali dopo aver bevuto succo di aloe vera dovrebbe parlare con un medico.

Cos’è IBS?

IBS è una condizione cronica che colpisce il sistema digestivo. Può causare dolore addominale e gonfiore addominale, flatulenza eccessiva, diarrea e costipazione.

I sintomi riscontrati e la loro gravità possono variare considerevolmente da persona a persona. Non è chiaro che cosa causi IBS, e la condizione non ha attualmente una cura.

Porta via

Il succo di aloe vera può aiutare ad alleviare i sintomi dell’IBS, ma è necessaria una ricerca empirica per sostenere queste affermazioni. Allo stato attuale, c’è un livello insufficiente di prove per suggerire che le persone con IBS dovrebbero bere il succo di Aloe Vera per giustificare il rischio di effetti collaterali avversi.

Le persone che desiderano provare il succo di Aloe vera per i sintomi dell’IBS devono assicurarsi che sia purificato e consultare un medico prima del consumo.

il miglior succo d’aloe e quello aloe vera succo naturfarma

aloe-vera-puro-succo-fresco-naturfarma-1000-ml

 

Annunci

Il gel di aloe vera può aiutare a trattare l’eczema?

L’aloe vera è un idratante naturale. Molte persone scoprono che il gel di aloe vera può idratare e lenire la pelle danneggiata dall’eczema.

L’eczema , chiamato anche dermatite atopica, è una condizione della pelle che provoca chiazze di pelle che diventano pruriginose e irritate. I trattamenti mirano a mantenere la pelle idratata, ridurre l’ infiammazione e prevenire le infezioni della pelle.

Molte persone si rivolgono a rimedi naturali, come il gel di aloe vera, per lenire le chiazze di eczema.

In questo articolo, guardiamo se il gel di aloe vera è efficace per l’eczema, come usarlo e i possibili rischi di usarlo. Discutiamo anche altri rimedi naturali per l’eczema.

L’aloe vera può aiutare ad alleviare l’eczema?

aloe vera pianta.jpg

Gli studi hanno scoperto che l’aloe vera può trattare i sintomi dell’eczema.

Molte persone raccomandano l’aloe vera come idratante naturale e delicato per la pelle secca. Pochi studi scientifici hanno esaminato gli effetti dell’aloe vera sull’eczema, ma alcune evidenze mostrano risultati promettenti.

Secondo uno studio di revisione sistematico del 2015 , l’aloe vera ha le seguenti proprietà che possono aiutare con i sintomi dell’eczema:

  • antiossidante
  • antimicrobico
  • immunostimolanti
  • la guarigione delle ferite

L’eczema fa sì che la pelle si rompa e sanguini, rendendo una persona più probabilità di ottenere infezioni della pelle. Gli effetti antimicrobici dell’aloe vera possono prevenire queste infezioni.

Le proprietà cicatrizzanti della pelle di aloe vera possono aiutare a riparare più velocemente le chiazze di pelle rotta.

Uno studio su piccola scala del 2017 ha rilevato che un unguento contenente una miscela di aloe vera e camomilla può aiutare ad alleviare i sintomi della dermatite da pannolino.

I trattamenti naturali possono ridurre i sintomi dell’eczema, ma non esiste una cura per la condizione. Per una persona che previene l’eczema, è importante identificare le cause e i trigger specifici ed evitarli il più possibile. Parla con un dottore su come trattare e prevenire l’eczema.

Come usare l’aloe vera per l’eczema

Le persone possono usare i prodotti di aloe vera allo stesso modo di altri idratanti. Applicare il gel direttamente sulle zone interessate della pelle e massaggiare delicatamente.

In primo luogo, pulire la pelle con acqua e sapone non profumato, quindi applicare l’aloe vera all’eczema entro 3 minuti per evitare che la pelle si secchi. Riapplicare due volte al giorno o in base alle raccomandazioni del medico.

Prima di utilizzare qualsiasi nuovo prodotto, incluso l’aloe vera, provalo prima su una zona di pelle per verificare eventuali allergie.

Quali tipi di aloe vera sono i migliori?

Persona che schiaccia il succo o il gel dalla pianta di aloe vera sul cucchiaio

Usare il gel di aloe vera direttamente dalla pianta è sicuro.

Per la forma più naturale di aloe vera, le persone possono prendere il gel direttamente dalla foglia di una pianta di aloe vera.

Le persone possono anche trovare gel di aloe vera in Farmacia e nei negozi online .

Cerca prodotti con un’alta concentrazione di aloe vera pura disponibile, assicurandoti che l’aloe vera sia il primo ingrediente elencato.

Utilizzare prodotti con solo ingredienti naturali e senza profumo o alcool, per evitare ulteriori irritazioni.

Il gel d’aloe più venduto in Farmacia e’ l’aole gel della naturfarma di coltivazione biologica senza uso di pesticidi e raccolta a mano, la potete acquistare sul sito di Farmajet.   ALOE GEL NATURFARMA 200 ML

aloe gel naturfarma.jpg

Trattamenti combinati

L’utilizzo di altri trattamenti naturali a fianco dell’aloe vera può aumentare l’efficacia del trattamento. Non esistono ricerche scientifiche su come funzionano le diverse combinazioni di prodotti naturali, ma alcune persone potrebbero notare miglioramenti.

Prima di utilizzare qualsiasi nuovo rimedio naturale, parlare con un medico e provare prima su una piccola zona di pelle per testare l’irritazione della pelle.

Per usare l’ aloe vera e l’olio di cocco :

  • unire un terzo di una tazza di aloe vera e mezza tazza di olio di cocco
  • mescolare accuratamente
  • applicare alle aree interessate
  • conservarlo in un contenitore di vetro nel frigorifero

Per utilizzare l’ aloe vera e oli essenziali :

  • mescolare il gel di aloe vera con olio di jojoba, olio d’oliva o olio dell’albero del tè
  • mantenere la miscela in un barattolo di vetro durante la notte
  • applicare alla zona interessata

Per usare l’ aloe vera con olio d’oliva :

  • mescolare un cucchiaio di gel di aloe vera con qualche goccia di olio d’oliva
  • applicare alla zona interessata

Per utilizzare l’ aloe vera con curcuma :

  • mescolare un cucchiaio di gel di aloe vera con un pizzico di curcuma
  • applicare alla zona interessata
  • lasciarlo per 20 minuti, quindi risciacquare bene con acqua

Effetti collaterali e rischi

L’aloe vera è generalmente sicura, ma in alcune persone può causare lievi reazioni cutanee, come prurito o bruciore.

Per evitare effetti collaterali, utilizzare prima l’aloe vera su una piccola zona di pelle e controllare eventuali segni di irritazione o allergie. Se non ci sono segni di effetti collaterali in un giorno, usarlo in un’area più ampia.

Una persona dovrebbe consultare il proprio medico se nota segni di infezione del proprio eczema. I sintomi di questo includono:

  • pus
  • infiammazione aumentata
  • dolore
  • aumento del rossore
  • caldo al tatto

L’aloe vera è sicura da usare per la maggior parte dei neonati e dei bambini, ma i caregiver dovrebbero parlare con un pediatra prima di usare nuovi prodotti con un bambino.

Altri trattamenti di eczemi naturali

agopuntura.jpg

L’agopuntura potrebbe aiutare a trattare una serie di condizioni, tra cui l’eczema.

Secondo la National Eczema Association , le seguenti opzioni alternative mostrano la promessa per il trattamento efficace dell’eczema:

  • olio di semi di girasole
  • vitamina D
  • aceto di sidro di mele
  • probiotici
  • bagnarsi
  • massaggio
  • agopuntura
  • agopressione
  • ipnosi
  • terapia termale
  • tessuti antibatterici

Sommario

Il gel di aloe vera è un idratante antibatterico naturale. L’utilizzo di aloe vera per l’eczema può idratare la pelle e ridurre il rischio di infezione da eczema.

Secondo prove aneddotiche e alcuni studi esistenti, l’aloe vera può essere efficace per il trattamento dell’eczema. Dovrebbe essere sicuro da usare per la maggior parte delle persone.

È possibile mescolare l’aloe vera con un altro rimedio naturale, che può aumentare la sua efficacia.

Fare un patch test prima è una buona idea per evitare potenziali irritazioni e allergie. Ci sono anche molte altre opzioni di trattamento naturale disponibili per le persone il cui eczema non migliora dopo il trattamento con aloe vera.

Come il tuo sistema immunitario usa il caos per prevenire le malattie

Una nuova ricerca, apparsa sulla rivista Nature Communications , rivela un nuovo meccanismo che è in gioco nella funzione cellulare. Oscillazioni caotiche delle concentrazioni proteiche aiutano a mantenere il nostro sistema immunitario vigile e funzionale, prevenendo le malattie croniche, come il cancro e il diabete.
cellule immunitarie.jpg

Le cellule umane hanno bisogno di alcune proteine ​​per essere in uno stato caotico per combattere la malattia, secondo una nuova ricerca.

La ricerca moderna ha portato alla luce molti dei meccanismi difettosi che sono in gioco nel cancro , eppure la scienza ha ancora molto da scoprire.

A livello cellulare, alcuni di questi meccanismi ruotano intorno a ciò che gli esperti medici chiamano percorsi di segnalazione . Le vie di segnalazione cellulare regolano la crescita, la sopravvivenza e la proliferazione delle cellule.

Nel cancro, alcune proteine ​​di segnalazione sono iperattive, portando alla crescita e alla proliferazione delle cellule tumorali , mentre altre – che normalmente agiscono da soppressori del tumore – non funzionano correttamente.

Comprendere la dinamica che è in gioco all’interno delle cellule è, quindi, la chiave per prevenire e superare il cancro e molte altre malattie croniche.

Nuove ricerche potrebbero aver aperto nuovi orizzonti in questo senso, poiché tre scienziati hanno scoperto un nuovo meccanismo di regolazione cellulare: il caos.

Il ricercatore dottore Mathias Heltberg e il professore Mogens Høgh Jensen – entrambi dell’Istituto Niels Bohr dell’Università di Copenaghen in Danimarca, insieme a Sandeep Krishna del Centro nazionale per le scienze biologiche di Bangalore, in India, hanno cercato di studiare come una particolare proteina stimola il gene attività.

Gli scienziati hanno scoperto che la dinamica caotica è la risposta. La proteina studiata è Nuclear factor-κB (NF-kB).

NF-kB è la chiave per mantenere il sistema immunitario del corpo attento e funzionale. Quindi i risultati potrebbero aiutare a prevenire più del cancro: il diabete e il morbo di Alzheimer potrebbero anche essere obiettivi se i ricercatori capiscono meglio come funzionano le difese naturali del corpo.

Il caos è essenziale per la risposta immunitaria

NF-kB è un fattore di trascrizione che è critico per entrambe le “funzioni immunitarie innate e adattive” e inoltre media le risposte infiammatorie. Di conseguenza, i suoi livelli nel corpo fluttuano nel tempo, influenzando la funzione genica e cellulare.

Recenti studi hanno dimostrato che la segnalazione NF-kB svolge anche un ruolo cruciale nel cancro, fornendo il collegamento tra lo sviluppo del cancro e l’ infiammazione .

Nel presente studio, il Prof. Jensen ei suoi colleghi hanno usato calcoli matematici ed esperimenti di laboratorio per dimostrare che gli alti e bassi caotici nelle concentrazioni di NF-kB attivano geni che altrimenti rimarrebbero in silenzio.

La proteina NF-kB deve essere in uno stato caotico al fine di attivare i geni giusti che consentono una risposta immunitaria ottimale, lo studio ha dimostrato.

Fino ad ora, i ricercatori hanno creduto che tutti gli organismi viventi evitassero le dinamiche caotiche. Ma il nuovo studio sfida questa convinzione, poiché i ricercatori mostrano che le oscillazioni caotiche nelle concentrazioni di proteine ​​sono fondamentali per l’attivazione dei geni chiave.

“Il caos è una dinamica matematicamente ben definita, quella che, ad esempio, è stata precedentemente utilizzata per spiegare i grandi cambiamenti nei sistemi meteorologici”, spiega il prof. Jensen.

“Con l’enorme complessità che caratterizza gli esseri viventi di ordine superiore, è evidente che le dinamiche caotiche si verifichino in diversi tipi di sistemi, ma il modo in cui il caos gioca un ruolo decisivo nelle cellule viventi è completamente nuovo”, aggiunge il ricercatore.

Implicazioni per il diabete, il cancro, l’Alzheimer

I ricercatori annotano anche le implicazioni terapeutiche dei risultati. Nuovi farmaci, dice Heltberg, coautore dello studio, potrebbe “garantire una corretta funzione proteica”.

“Le terapie potrebbero anche comportare il ritiro e il test delle cellule da un corpo per valutare se le cellule sono nella condizione giusta per avere le oscillazioni corrette”, continua Heltberg.

“Se non lo sono, potrebbe essere possibile prevedere e scoprire le malattie prima che si verifichino.”

Il prof. Jensen concorda:

I risultati possono avere un enorme impatto sulla nostra comprensione di come funziona il sistema immunitario e su come evitare l’incidenza di alcune delle malattie più gravi, tra cui diabete, cancro e morbo di Alzheimer”.

Prof. Mogens Høgh Jensen

I migliori alimenti per combattere il cancro

Nessun alimento protegge completamente le persone contro il cancro. Il termine alimenti che combattono il cancro si riferisce agli alimenti che possono ridurre il rischio di sviluppare il cancro se una persona li aggiunge alla loro dieta.

Questo articolo esamina i migliori alimenti che combattono il cancro e spiega la scienza che supporta queste affermazioni.

Gli alimenti che contengono composti presenti in natura che hanno potenti proprietà antitumorali includono:

Mele

mela e cancro.jpg

Le mele contengono proprietà antitumorali che possono anche aiutare a prevenire l’infiammazione, le malattie cardiovascolari e le infezioni.

La frase “una mela al giorno toglie il medico di torno” in realtà suona abbastanza vero. Le mele contengono polifenoli che hanno proprietà antitumorali promettenti.

I polifenoli sono composti a base vegetale che possono prevenire l’ infiammazione , le malattie cardiovascolari e le infezioni.

Alcune ricerche suggeriscono che i polifenoli possiedono proprietà antitumorali e antitumorali.

Ad esempio, il polifenolo di phloretin inibisce una proteina chiamata glucosio trasportatore 2 (GLUT2) svolge un ruolo nella crescita cellulare in stadio avanzato in alcuni tipi di cancro .

Uno studio del Journal of Food and Drug Analysis del 2018 suggerisce che la phloretin di mela inibisce significativamente la crescita delle cellule di cancro al seno , mentre non influenza le cellule normali.

Frutti di bosco

Le bacche sono ricche di vitamine , minerali e fibre alimentari. Gli scienziati hanno mostrato un grande interesse per le bacche a causa delle loro proprietà antiossidanti e dei potenziali benefici per la salute.

Uno studio mostra che l’antocianina, che è un composto nelle more, abbassa i biomarcatori per il cancro del colon .

Un altro studio dimostra che gli effetti antinfiammatori dei mirtilli possono impedire la crescita di tumori al seno nei topi.

Verdure crocifere

Verdure crocifere, come broccoli, cavolfiori e cavoli , contengono nutrienti benefici, tra cui vitamina C, vitamina K e manganese.

Le verdure crocifere contengono anche sulforafano, un composto vegetale con proprietà antitumorali.

Uno studio mostra che il sulforafano inibisce in modo significativo la crescita delle cellule tumorali e stimola la morte cellulare nelle cellule di cancro del colon.

Un altro studio mostra che il sulforafano in combinazione con la genisteina, un composto presente nella soia, può inibire significativamente lo sviluppo e le dimensioni del tumore del tumore al seno . Il sulforafano inibisce anche l’istone deacetilasi, un enzima con legami con lo sviluppo del cancro.

Una revisione raccomanda da 3 a 5 porzioni di verdure crocifere a settimana per i migliori effetti di prevenzione del cancro.

Carote

carote.jpg

Le carote contengono elevate quantità di beta-carotene, che possono prevenire alcuni tipi di cancro.

Le carote contengono diversi nutrienti essenziali tra cui vitamina K, vitamina A e antiossidanti.

Le carote contengono anche elevate quantità di beta-carotene , che è responsabile per il distinto colore arancione.

Studi recenti rivelano che il beta-carotene svolge un ruolo vitale nel sostenere il sistema immunitario e può prevenire certi tipi di cancro.

Una revisione di otto studi mostra che il beta-carotene ha legami con una riduzione del rischio di cancro al seno e alla prostata .

Un’altra analisi mostra che un maggiore consumo di carote comporta un rischio inferiore del 26 per cento di sviluppare il cancro allo stomaco .

Pesce grasso

Il pesce grasso, tra cui salmone, sgombro e acciughe, è ricco di nutrienti essenziali, come la vitamina B, il potassio e gli acidi grassi omega-3 .

Uno studio ha scoperto che le persone la cui dieta era alta nei pesci d’acqua dolce avevano un rischio inferiore del 53 per cento per il cancro del colon-retto rispetto a quelle a basso contenuto di pesce d’acqua dolce.

Un altro studio ha rilevato che il consumo di olio di pesce in età avanzata ha legami con il rischio significativamente più basso di cancro alla prostata.

Infine, uno studio successivo a 68.109 persone ha scoperto che le persone che hanno assunto integratori di olio di pesce almeno quattro volte alla settimana avevano il 63% in meno di probabilità di sviluppare il cancro del colon rispetto a chi non lo faceva.

Noci

Secondo l’ American Institute for Cancer Research , tutte le noci esibiscono proprietà anti-cancro, ma gli scienziati hanno studiato le noci più di altri tipi di noci.

Le noci contengono una sostanza chiamata pedunculagina, che il corpo metabolizza in urolitine. Le uroliti sono composti che si legano ai recettori degli estrogeni e possono svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro al seno.

In uno studio su animali , i topi che ricevevano noci intere e olio di noci avevano livelli più alti di geni che sopprimevano il tumore rispetto ai topi che ricevevano olio vegetale.

Legumi

legumi.jpg

I legumi sono ricchi di fibre, che possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare un cancro.

I legumi, come fagioli, piselli e lenticchie, sono ricchi di fibre, che possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare un cancro.

Una meta-analisi di 14 studi mostra un’associazione tra maggiore consumo di legumi e minor rischio di cancro del colon-retto.

Un altro studio esamina la relazione tra l’assunzione di fibre di fagioli e il rischio di cancro al seno.

I risultati dello studio indicano che le persone che mangiavano diete ricche di fibre di fagioli avevano il 20% in meno di probabilità di sviluppare il cancro al seno rispetto a coloro che non soddisfacevano l’assunzione giornaliera di fibre.

Integratori e farmaci

Sebbene gli alimenti sopra elencati siano prodotti di uso quotidiano e prontamente disponibili, alcune persone potrebbero non voler apportare significativi cambiamenti nella dieta o nello stile di vita. In questo caso, ci sono molti supplementi e farmaci disponibili che contengono composti antitumorali.

Le vitamine A, C ed E sono notevoli per le loro proprietà antitumorali e sono disponibili come integratori nei principali negozi di alimentari.

La maggior parte dei composti a base vegetale elencati in questo articolo, come la phloretin, l’antocianina e il sulforafano, vengono in forma di pillola.

Farmaci da banco, come l’ aspirina e l’ibuprofene, possono anche ridurre il rischio di cancro in alcune persone.

Parla sempre con un medico prima di iniziare un nuovo trattamento farmacologico o un regime di integrazione.

Porta via

La ricerca sulla prevenzione del cancro attraverso la dieta è ancora nelle fasi iniziali e richiede ulteriori test. Gli scienziati hanno effettuato la maggior parte degli studi menzionati nelle cellule o nei topi.

Tuttavia, è importante ricordare che una dieta equilibrata ricca di frutta fresca, verdura e grassi buoni porterà benefici alla salute generale.

Il digiuno intermittente aumenta la salute rafforzando i ritmi quotidiani

Varie versioni della dieta a digiuno intermittente sembrano avere benefici di perdita di peso. Un nuovo studio che indaga sul motivo del loro lavoro conclude che i ritmi circadiani sono fondamentali.
bere acqua.jpg

Il digiuno intermittente è diventato popolare, ma come funziona?

Mentre il mondo moderno appare pieno di diete, la gente sembra dare un po ‘di attenzione al digiuno intermittente.

Come suggerisce il nome, il digiuno intermittente comporta il non mangiare nulla per lunghi periodi di tempo.

Alcuni studi hanno scoperto che questo tipo di dieta è benefica, ma non è ancora chiaro esattamente perché ne benefici la salute.

Recentemente, un gruppo di scienziati dell’Università della California, Irvine, ha studiato l’impatto del digiuno sul nostro orologio circadiano.

I cicli giornalieri sonno-veglia, oi ritmi circadiani, guidano il flusso e riflusso della vita umana; controllano molto più dei semplici livelli di sonnolenza. I nostri cicli di 24 ore comportano cambiamenti metabolici, fisiologici e comportamentali che colpiscono ogni tessuto del corpo.

Forse il modo più conosciuto per influenzare l’orologio è attraverso l’esposizione a luci brillanti, ma questo non è l’unico modo; l’assunzione di cibo influisce anche sull’orologio.

Stiamo lentamente cominciando a capire come il mangiare abbia un ruolo nel modulare i ritmi circadiani, ma sappiamo ancora meno come la mancanza di cibo possa influire sui ritmi.

Ritmi di digiuno e circadiani

Gli autori del nuovo studio erano particolarmente interessati a scoprire come il digiuno influenzava i ritmi circadiani nel fegato e nei muscoli scheletrici. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Cell Reports .

Il digiuno è un fenomeno naturale per la maggior parte degli animali, perché il cibo non è sempre facilmente disponibile. In tempi di difficoltà, alcuni cambiamenti metabolici si verificano per consentire al corpo di adattarsi.

Ad esempio, quando il glucosio è scarso, il fegato inizia a creare chetoni da acidi grassi, che il corpo può utilizzare come fonte di energia di emergenza.

Una serie di fattori di trascrizione indotta dal digiuno guida questi cambiamenti metabolici. Questi fattori di trascrizione sembrano anche influenzare i ritmi circadiani.

Ad esempio, uno studio suddivide i topi in due gruppi; i ricercatori ne misero uno su un regime di digiuno intermittente, e permisero al secondo di mangiare quando voleva.

Entrambi i gruppi hanno consumato la stessa quantità di grassi e calorie; tuttavia, nonostante la stessa assunzione di energia, i topi nel gruppo a digiuno non sviluppavano obesità o disturbi metabolici come facevano gli altri topi.

Inoltre, importante, gli autori hanno notato che le oscillazioni circadiane degli animali erano più robuste nel gruppo a digiuno.

Come sottolineano gli autori del recente studio, “[F] asting sembra essere un forte segnale metabolico per trascinare l’espressione del gene ritmico”.

Gli scienziati ritengono che avere cicli più chiaramente definiti potrebbe essere una delle ragioni per cui il digiuno promuove una buona salute.

Geni del ritmo ritmico

Lo studio più recente riguardava anche i topi. Mentre gli animali hanno aderito a periodi di digiuno di 24 ore, gli scienziati hanno misurato varie funzioni fisiologiche.

Hanno visto che mentre digiunavano, i topi utilizzavano meno ossigeno ed energia. Tuttavia, non appena i topi hanno mangiato, questi cambiamenti fisiologici guidati dai geni sono stati invertiti. Ciò rispecchia ciò che i ricercatori hanno precedentemente visto negli esseri umani.

L’autore dello studio principale Prof. Paolo Sassone-Corsi spiega cosa hanno scoperto i ricercatori, dicendo: “Abbiamo scoperto [che] il digiuno influenza l’orologio circadiano e le risposte cellulari guidate dal digiuno, che insieme lavorano per ottenere la regolazione del gene temporale a digiuno specifico.”

Notano anche che ha influenzato diversi tipi di tessuti in diversi gradi. Come dice il Prof. Sassone-Corsi, “il muscolo scheletrico, per esempio, sembra essere due volte più sensibile al digiuno del fegato”.

In che modo questo ci può giovare?

Dopo aver valutato i cambiamenti dei geni che si verificano con il digiuno, gli scienziati ora devono spiegare in che modo potrebbero giovare alla salute.

Prof. Sassone-Corsi suggerisce che “la riorganizzazione della regolazione genica per il digiuno potrebbe innescare il genoma ad uno stato più permissiva di anticipare imminente l’assunzione di cibo e, quindi, guidare un nuovo ciclo ritmico di espressione genica”.

In altre parole, il digiuno è in grado di riprogrammare essenzialmente una varietà di risposte cellulari, pertanto il digiuno ottimale in modo tempestivo sarebbe strategico per influenzare positivamente le funzioni cellulari e, in definitiva, a vantaggio della salute e della protezione dalle malattie associate all’invecchiamento. “

Nel corso degli anni, è diventato sempre più chiaro che interrompere i ritmi circadiani può aumentare il rischio di obesità e disturbi metabolici, come il diabete . Questo nuovo lavoro ci avvicina alla comprensione del perché potrebbe essere.

Anche se la comprensione dell’influenza del digiuno sui ritmi circadiani e sull’espressione genica è ancora agli inizi, gli autori sperano che un giorno il loro lavoro aiuterà a trovare il regime di digiuno ottimale per la salute.

Osteoporosi come sconfiggerla.

Una serie rivoluzionaria di studi ha scoperto che il blocco di alcuni recettori nel cervello porta alla crescita di ossa notevolmente forti. Potrebbe esserci un nuovo trattamento per l’osteoporosi all’orizzonte?

osteo1.jpg

L’osteoporosi colpisce più comunemente le donne anziane.

Principalmente una malattia della vecchiaia, l’ osteoporosi può causare la progressiva indebolimento delle ossa.

Nel corso del tempo, le ossa diventano così porose che piccoli impatti – anche solo tosse o starnuti – possono causare fratture .

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l’osteoporosi colpisce quasi 1 su 4 donne di età pari o superiore a 65 anni in  Italia.

Così com’è, non c’è cura; il trattamento si concentra sulla riduzione del rischio di fratture ma non può rallentare la progressione della condizione.

In una persona sana, il corpo distrugge l’osso vecchio o danneggiato e lo sostituisce con nuovo osso.

Tuttavia, man mano che invecchiamo, questo ciclo diventa fuori luogo e il corpo distrugge più ossa di quelle che possono essere rifatte. Questo porta a ossa progressivamente più deboli e, infine, all’osteoporosi.

Un nuovo ruolo per gli estrogeni

L’estrogeno ha una vasta gamma di funzioni nel corpo umano, in particolare per quanto riguarda la riproduzione. L’ormone funziona anche nel cervello, ma gli scienziati attualmente conoscono poco le sue funzioni lì.

Recentemente, scienziati dell’Università della California, San Francisco e l’Università della California, a Los Angeles, hanno condotto una serie di studi per saperne di più sugli estrogeni nel cervello.

Lungo la strada, hanno fatto una scoperta fortuita che potrebbe cambiare il volto della ricerca sull’osteoporosi.

Guidati dalla scrittrice senior Holly Ingraham, Ph.D., i ricercatori erano interessati principalmente a come l’attività dell’estrogeno nel cervello alterasse il metabolismo durante le diverse fasi della vita.

In particolare, stavano osservando la funzione dei neuroni sensibili agli estrogeni nell’ipotalamo. Questa è una parte del cervello che collega il sistema nervoso al sistema endocrino (ormone).

L’ipotalamo svolge un ruolo importante nella regolazione dei processi metabolici, ad esempio aiutando a controllare la temperatura corporea, la fame, il sonno, la fatica e i ritmi circadiani.

Blocco di estrogeni nel cervello

Gli scienziati hanno bloccato gli effetti degli estrogeni nell’ipotalamo degli animali. Quando hanno fatto questo, gli animali hanno guadagnato peso e sono diventati meno attivi.

Inizialmente, gli scienziati presumevano che il peso aggiuntivo sarebbe dovuto al grasso in eccesso o al tessuto muscolare.

Tuttavia, dopo un’ulteriore ispezione, hanno scoperto che il peso extra era dovuto all’aumento della massa ossea. Alcuni degli animali avevano aumentato la loro massa ossea totale dell’800%.

Sono stato subito colpito dalla dimensione dell’effetto: i due gruppi non si sono sovrapposti affatto, cosa che non avevo mai visto, sapevamo subito che era un punto di svolta e una nuova direzione entusiasmante con potenziali applicazioni per migliorare la salute delle donne “.

La ricercatrice Stephanie Correa, Ph.D.

Quando gli investigatori hanno testato le dense ossa del topo, hanno scoperto che erano anche particolarmente forti. Infatti, secondo Ingraham:

“I nostri collaboratori che studiano l’osso per vivere hanno affermato di non aver mai visto ossa così forti.”

Ora hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista Nature Communications . Come prosegue Ingraham, “la nostra attuale comprensione di come il corpo controlla la crescita ossea non può spiegarlo”.

“[Questo] suggerisce”, aggiunge, “potremmo aver scoperto un percorso completamente nuovo che potrebbe essere usato per migliorare la forza ossea nelle donne anziane e in altre con ossa fragili”.

Negli studi di follow-up, i ricercatori si sono concentrati su una particolare regione dell’ipotalamo che sembrava avere questo incredibile effetto sull’osso: il nucleo arcuato.

Poiché la rimozione dei recettori degli estrogeni in questa regione causa la crescita delle ossa, essi ritengono che normalmente queste cellule assorbano energia e risorse dalla crescita ossea per essere utilizzate altrove nel corpo.

Questo risultato è eccitante e sorprendente e compare solo nei topi femmina.

La maggior parte dei neuroscienziati limita gli studi a topi maschi, e pochi studiano gli estrogeni, il che potrebbe spiegare perché questo non sia mai stato visto prima.”

Holly Ingraham, Ph.D.

Continua, “Sono sempre stato interessato a come gli ormoni sessuali rendano diversi cervelli maschili e femminili diversi, e questo è un esempio davvero meraviglioso di quanto possano essere drammatiche queste differenze”.

Continuare la ricerca

I ricercatori hanno esteso i loro esperimenti per capire come la densità ossea è cambiata durante la vita di un topo. Hanno notato che la densità ossea in questi topi è stata mantenuta per tutta la vecchiaia.

Testando ulteriormente questo meccanismo, gli scienziati hanno eliminato i recettori degli estrogeni arcuati in un modello murino di osteoporosi. Nei topi che avevano perso il 70% della loro massa ossea, la densità ossea è rimbalzata del 50% in poche settimane.

Nel sangue, l’estrogeno promuove la crescita delle ossa; nell’ipotalamo, tuttavia, sembra avere l’effetto opposto.

Ingraham ipotizza che “dopo la pubertà, il sistema di estrogeni nel cervello femminile sposta attivamente le risorse dalla crescita ossea e verso cose come la riproduzione, che potrebbero contribuire al maggiore rischio di indebolimento delle ossa delle donne con l’avanzare dell’età”.

Poiché i risultati sono sorprendenti e nuovi, sarà necessario molto più lavoro; tuttavia, hanno già aperto alcune interessanti nuove strade per i ricercatori sull’osteoporosi.

“Sono tra le nuvole per questo risultato”, dice Ingraham. “Se i nostri prossimi esperimenti mostrano che il cervello rilascia un nuovo fattore circolante che innesca una maggiore crescita ossea, potremmo avere una reale possibilità di sviluppare un farmaco che contrasti l’osteoporosi”.

Sclerosi multipla: una piccola molecola potrebbe ritardare l’insorgenza

Il trattamento con una piccola molecola potrebbe ritardare il danno che la sclerosi multipla infligge nel cervello e in altre parti del sistema nervoso centrale, affermano gli scienziati.
sla.jpg

Un nuovo trattamento per la SM potrebbe presto essere in vista.

La sclerosi multipla (SM) è una malattia invalidante che distrugge la guaina mielinica che protegge le fibre nervose, causando la perdita di segnalazione e danni alle cellule nervose nel sistema nervoso centrale (SNC).

Ora, un recente studio dell’Università di Chicago in Illinois ha rivelato come una piccola molecola che porta il nome Sephin1 possa ritardare il danno alla mielina in un modello murino di SM.

La rivista Brain ha recentemente pubblicato un resoconto dei risultati .

Lo studio rivela che Sephin1 funziona prolungando una risposta allo stress integrata (ISR) integrata che riduce il danno che l’ infiammazione causa alle cellule produttrici di mielina o agli oligodendrociti.

Il primo autore dello studio, Yanan Chen, uno studioso postdottorato nel Dipartimento di Neurologia, afferma che Sephin1 sembra offrire “un potenziale terapeutico senza effetti negativi misurabili”.

Una malattia che danneggia il SNC

La SM è una malattia a lungo termine che danneggia il SNC e i cui sintomi variano da persona a persona.

I sintomi che si sviluppano nella SM sono imprevedibili e dipendono in gran parte da dove si verifica il danno al SNC – che comprende cervello, midollo spinale e nervi ottici. Le riacutizzazioni possono andare e venire o i sintomi possono peggiorare nel tempo.

Le persone con SM di solito soffrono di intorpidimento, esaurimento, visione disturbata, coordinazione e equilibrio compromessi e difficoltà di linguaggio. Possono anche lottare per ricordare e concentrarsi.

I sintomi della SM possono progredire fino alla cecità, alla paralisi e altro ancora.

Mentre chiunque a qualsiasi età può sviluppare la SM, colpisce più spesso tra i 20 ei 50 anni e le donne sembrano essere tre volte più sensibili alla malattia rispetto agli uomini.

Secondo la National Multiple Sclerosis Society, ci sono almeno 2,3 milioni di persone con SM in tutto il mondo. In Italia , le stime suggeriscono che ci potrebbe essere circa 200.000 di persone che vivono con SM.

Gli esperti ritengono che la SM sia una malattia autoimmune, ovvero quella in cui il sistema immunitario attacca i tessuti sani allo stesso modo in cui attacca i batteri, i virus e altre minacce che causano malattie.

Caratteristiche autoimmuni della SM

Gli attacchi infiammatori nella SM distruggono la mielina, che è uno strato isolante di proteina adiposa che copre le fibre nervose. Il danno che ne deriva interrompe i segnali elettrici che le cellule nervose portano attorno al sistema nervoso centrale e tra il sistema nervoso centrale e il resto del corpo.

Il danno può estendersi alle fibre nervose, alle cellule nervose e agli oligodendrociti che formano la mielina.

Tuttavia, ciò che fa scattare il sistema immunitario a comportarsi in questo modo è un mistero. Alcuni studi hanno suggerito che i geni sono coinvolti, anche se nessuno ha dimostrato che le persone possono ereditare la SM. Altri hanno dimostrato che fattori ambientali, come il fumo e bassi livelli di vitamina D , potrebbero anche aumentare il rischio per la SM.

Gli attuali trattamenti per la SM mirano a ridurre gli attacchi di infiammazione alla mielina e agli oligodendrociti. Tuttavia, poiché inumidiscono il sistema immunitario, non sono esenti da rischi. Possono, ad esempio, rendere il cervello vulnerabile a “infezioni opportunistiche”.

Così, i ricercatori dietro il recente studio hanno deciso di esplorare un’altra opzione: invece di smorzare il sistema immunitario, perché non aiutare le cellule che la SM influenza a resistere al danno che l’infiammazione infligge?

Il team ha deciso di indagare sull’ISR perché è un processo innato che protegge le cellule dei tessuti dagli attacchi di infiammazione del sistema immunitario.

I test hanno rivelato che il farmaco ad alta pressione sanguigna guanabenz può migliorare l’ISR negli oligodendrociti. Tuttavia, il farmaco porta anche a effetti collaterali, tra cui mal di testa , debolezza, secchezza delle fauci e sonnolenza. Può anche portare al coma .

Sephin1 ritarda i sintomi clinici

Il team ha poi scoperto che Sephin1, che è un derivato del guanabenz ma senza effetti collaterali misurabili, può anche aumentare l’ISR negli oligodendrociti.

La piccola molecola aiuta a prolungare l’ISR bloccando un percorso che lo spegne.

Il team ha testato l’efficacia di Sephin1 in colture cellulari e un modello murino di SM. Nelle colture cellulari, hanno scoperto che la piccola molecola prolungava l’ISR negli oligodendrociti stressati.

Nel modello murino, trattamento con Sephin1 “sintomi clinici ritardati” della SM.

Il team ha collegato il ritardo dei sintomi al prolungamento dell’ISR e una minore perdita di fibre nervose e oligodendrociti. Il trattamento ha anche portato a una riduzione delle cellule T del sistema immunitario nel sistema nervoso centrale.

I ricercatori hanno inoltre notato che, preservando gli oligodendrociti e riducendo la perdita di mielina, il trattamento ha prodotto meno “detriti di mielina”. Ciò potrebbe, a sua volta, ridurre le risposte dal sistema immunitario.

Inoltre, sembra che Sephin1 possa offrire un beneficio ancora maggiore se gli scienziati lo combinano con l’interferone beta MS esistente.

Gli autori concludono:

“Insieme, i nostri risultati suggeriscono che un trattamento neuroprotettivo basato sul miglioramento della risposta allo stress integrata avrebbe probabilmente un valore terapeutico significativo per i pazienti con sclerosi multipla”.

Che ruolo gioca il sistema immunitario nell’ipertensione?

Milioni di persone in Italia e in tutto il mondo hanno l’ipertensione, una condizione che, senza una corretta gestione, può contribuire al rischio di malattie cardiache e ictus.
donna con ipertensione.jpg

I globuli bianchi specializzati svolgono un ruolo importante nella regolazione della pressione sanguigna, secondo uno studio recente.

I dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) indicano che circa 25 milioni di adulti in Italia vivono con ipertensione.

American Heart Association (AHA) orientamenti dal 2017 definiscono “ipertensione” come sistolica pressione sanguigna (durante un battito cardiaco) di 130 millimetri di mercurio (mmHg) o superiore e la pressione sanguigna diastolica (quando il cuore è a riposo) 80 mm Hg o superiore .

L’AHA menziona anche la mancanza di attività fisica, una dieta malsana, colesterolo alto e stress come alcuni dei principali fattori modificabili che aumentano il rischio di ipertensione.

Una nuova ricerca degli scienziati dell’Università di Edimburgo nel Regno Unito ha ora scoperto un altro fattore che sembra giocare un ruolo nello sviluppo di questa condizione.

Lo studio, finanziato dalla British Heart Foundation, ha rilevato che un tipo di cellula immunitaria specializzata potrebbe fare una vera differenza per il rischio di ipertensione.

“L’ipertensione colpisce milioni di persone in tutto il mondo, tra cui il 70% delle persone sopra i 70 anni”, afferma il ricercatore capo Prof. Matthew Bailey.

“La nostra scoperta mette in luce i fattori di rischio e, soprattutto, apre percorsi per indagare su nuovi farmaci che potrebbero aiutare i pazienti”, aggiunge.

Il Prof. Bailey e le scoperte del team appaiono nell’European Heart Journal e sono disponibili online.

I detriti cellulari e la pressione sanguigna

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno lavorato con modelli murini e azzerati sui macrofagi, un tipo di globuli bianchi che fa parte del sistema immunitario.

Il ruolo dei macrofagi è quello di identificare e “mangiare” corpi estranei presenti a causa di lesioni e infezioni. Le cellule immunitarie “mangiano” anche detriti cellulari, che consiste nei resti di cellule che non sono più funzionali.

La ricerca attuale ha ora scoperto un nuovo ruolo giocato dai macrofagi. Sembra che consumino anche molecole di endotelina, che è un ormone che agisce come un vasocostrittore, il che significa che può stimolare i vasi sanguigni a restringersi.

Il prof. Bailey e colleghi spiegano che, controllando i livelli ematici di endotelina, i macrofagi possono garantire che i vasi sanguigni si rilassino correttamente, il che aiuta a ridurre la pressione sanguigna.

I ricercatori hanno verificato questo meccanismo nutrendo topi con livelli di macrofagi nel sangue più bassi di una dieta ad alto contenuto di sale (che aumenta il rischio di ipertensione ) e monitorando le loro reazioni fisiologiche.

Questi roditori, i ricercatori hanno presto scoperto, hanno sperimentato l’ipertensione. Tuttavia, quando il team ha permesso ai livelli dei macrofagi di tornare alla normalità, la pressione sanguigna dei topi è tornata sana, il che suggerisce che i globuli bianchi specializzati hanno avuto un ruolo importante da svolgere.

Quando hanno ripetuto l’esperimento sui topi che avevano modificato geneticamente per avere un funzionamento del sistema dell’endotelina povero , i risultati sono rimasti coerenti.

I ricercatori hanno inoltre verificato il legame tra macrofagi e pressione arteriosa nei roditori con ipertensione indotta da farmaci.

Un potenziale bersaglio terapeutico

Per vedere se questi risultati fossero validi anche nell’uomo, il team di ricerca ha analizzato l’attività dei macrofagi in individui che assumevano farmaci per la gestione della vasculite anticorpale citoplasmatica antineutrofila, una condizione che colpisce il sistema immunitario e danneggia i vasi sanguigni.

Gli scienziati hanno scoperto che i farmaci che abbassavano i livelli di macrofagi, come la ciclofosfamide, portavano a valori più alti di pressione sanguigna nelle persone che li assumevano.

Questi risultati, notano il Prof. Bailey e il team, potrebbero aiutare i medici a identificare meglio le persone che sono maggiormente a rischio di ipertensione e potrebbero anche portare a terapie nuove e migliorate per l’ipertensione.

Tuttavia, i ricercatori avvertono che sono necessari ulteriori studi prima che l’interazione tra macrofagi e endotelina possa ottenere il via libera come obiettivo terapeutico.

“I nostri prossimi passi saranno studiare il ruolo dei macrofagi nelle persone che vivono con l’ipertensione”, afferma il prof. Bailey.

“[L’ipertensione non diagnosticata] causa danni al cuore e ai vasi sanguigni, mettendo a rischio un infarto o un ictus potenzialmente fatale , ma non comprendiamo ancora tutti i meccanismi che portano all’ipertensione”, aggiunge Jeremy Pearson, il direttore medico associato della British Heart Foundation, che non è stato coinvolto nello studio.

Questo studio mostra per la prima volta che i macrofagi – un tipo di cellula che aiuta a regolare le nostre risposte immunitarie – possono essere coinvolti nel controllo della pressione sanguigna.Una ricerca è necessaria ma queste cellule potrebbero essere un nuovo obiettivo per i farmaci per trattare la condizione “.

Jeremy Pearson

Cosa succede se la chemioterapia non funziona?

I medici usano la chemioterapia come terapia di prima linea o in combinazione con altri trattamenti, come la chirurgia. Se la chemioterapia non funziona, una persona potrebbe dover prendere in considerazione altre opzioni di trattamento.

I segni che il cancro non risponde alla chemioterapia includono:

  • il tumore non si restringe
  • crescita del tumore
  • il cancro si diffonde dal suo sito originale ad altre aree del corpo, che è chiamato metastasi
  • sintomi del cancro di ritorno
  • ulteriori sintomi che compaiono

A seconda del tipo e dello stadio del cancro, potrebbero essere disponibili opzioni di trattamento di seconda linea o di terza linea.

In questo articolo, spieghiamo alcune delle opzioni alternative di trattamento del cancro se la chemioterapia non funziona. Di seguito è riportato un elenco di trattamenti contro il cancro scientificamente provati che possono servire come trattamenti complementari o primari.

Radioterapia

radioterapia.jpg

Trattamenti alternativi possono essere disponibili se la chemioterapia non funziona.

La radioterapia usa le radiazioni per uccidere le cellule tumorali e ridurre le dimensioni dei tumori.

La radioterapia può servire come trattamento primario, ma funziona anche bene con altri trattamenti, come la chirurgia.

La radioterapia danneggia il DNA nelle cellule tumorali nella misura in cui non possono più ripararsi da sole.

Queste cellule cancerose danneggiate smetteranno di dividersi e alla fine moriranno, a quel punto il corpo le romperà e le rimuoverà.

Esistono due diversi tipi di radioterapia, denominati radioterapia a fasci esterni e radioterapia a fasci interni.

La radioterapia a raggio esterno è un trattamento locale, il che significa che si rivolge a una parte specifica del corpo.

Questa forma di radioterapia utilizza una grande macchina che invia radiazioni da diverse direzioni all’area richiesta.

La radioterapia a raggio interno utilizza una fonte di radiazioni che i medici impiantano all’interno del corpo vicino al tumore. Colpisce un’area più piccola del corpo rispetto alla radioterapia esterna.

Gli impianti che i medici utilizzano in questa terapia possono essere permanenti o temporanei. La rimozione temporanea dell’impianto avviene di solito dopo pochi minuti o giorni . Le persone con impianti temporanei sono radioattive fino alla rimozione dell’impianto, mentre gli impianti permanenti smettono gradualmente di emettere radiazioni nel tempo.

Vantaggi della radioterapia

La radioterapia ha diversi vantaggi, tra cui:

  • causa solo dolore moderato
  • perdita di capelli minima o nulla
  • uccide efficacemente un gran numero di cellule tumorali all’interno di un tumore
  • relativamente sicuro per l’individuo in quanto la radiazione colpisce specificamente il tumore
  • danno minimo agli organi vicino al tumore

Tuttavia, è importante notare che l’intensità del dolore differirà da persona a persona e il danno agli organi varierà a seconda della loro posizione in relazione al tumore.

Svantaggi della radioterapia

Ci sono anche diversi svantaggi della radioterapia, come ad esempio:

  • le persone che ricevono radioterapia a raggio interno saranno radioattive per un breve periodo
  • potenziale danno agli organi vitali se sono particolarmente vicini al tumore
  • non può uccidere tutte le cellule tumorali se il tumore è molto grande
  • scomodo e dispendioso in termini di tempo in quanto le persone richiedono un trattamento in 5 giorni della settimana e possono durare fino a 2 mesi
  • costoso, anche se il costo esatto dipende dal tipo e dalla quantità di trattamento
  • arrossamento della pelle o dolore intorno al sito di radiazioni
  • effetti collaterali specifici del sito – ad esempio, il trattamento del cancro nell’esofago o del tratto gastrointestinale può causare nausea o vomito

Immunoterapia

Alcuni tipi di cancro non rispondono bene alle radiazioni o alla chemioterapia, quindi una persona potrebbe aver bisogno di provare l’immunoterapia.

L’immunoterapia ha lo scopo di aiutare il sistema immunitario a combattere il cancro nello stesso modo in cui combatte le infezioni e gli agenti patogeni esterni.

Le immunoterapie stimolano il sistema immunitario in modo generale o lo addestrano ad attaccare direttamente le cellule tumorali.

I principali metodi di consegna dell’immunoterapia includono:

  • Anticorpi monoclonali : con questo metodo, una persona riceve anticorpi sintetici che si legano a specifiche proteine ​​sulle cellule tumorali. Questo legame segna la cellula cancerosa per aiutare il sistema immunitario a localizzarlo e distruggerlo.
  • Inibitori di checkpoint : si tratta di farmaci che stimolano le cellule T, che quindi identificano e attaccano le cellule tumorali in modo più efficiente.
  • Vaccini contro il cancro : i vaccini stimolano il sistema immunitario a combattere il cancro. Alcuni vaccini, come il vaccino contro il papilloma virus umano (HPV), possono avere effetti protettivi. Specifici tipi di HPV sono noti per causare determinati tumori.
  • Trasferimento cellulare adottivo : questo comporta la rimozione di cellule T da un tumore e la loro modifica in laboratorio. Dopo circa 2 a 8 settimane , i medici restituiscono le cellule T al corpo. L’obiettivo è quello di aumentare la capacità delle cellule T di rilevare e distruggere le cellule tumorali.

Vantaggi dell’immunoterapia

L’immunoterapia può funzionare quando altri trattamenti no. I suoi altri potenziali vantaggi includono:

  • efficace contro molti tipi di cancro
  • può migliorare il successo di altri trattamenti
  • causa meno effetti collaterali rispetto ai trattamenti che colpiscono tutte le cellule del corpo, come la chemioterapia
  • dopo aver appreso come bersaglio le cellule cancerose, il sistema immunitario ricorda questa risposta se il cancro riappare

Svantaggi dell’immunoterapia

Gli svantaggi di questa forma di trattamento includono:

  • il rischio di sovrastimolare il sistema immunitario e di indurlo ad attaccare organi sani, che possono portare a gravi complicazioni a carico di polmoni, intestino, reni o altri organi
  • effetti collaterali, come affaticamento , tosse, nausea, perdita di appetito, eruzioni cutanee e sintomi simil-influenzali

Terapia ormonale

donna su bilancia.jpg

Le donne possono aumentare di peso con la terapia ormonale.

La terapia ormonale può trattare alcuni tipi di cancro, tra cui il cancro alla prostata e al seno , sfruttando la dipendenza della malattia dagli ormoni per crescere.

La terapia ormonale agisce impedendo al corpo di produrre ormoni o interferendo con il modo in cui gli ormoni influenzano il corpo.

La terapia ormonale per trattare il cancro al seno, o la terapia anti-estrogenica, si concentra sulla riduzione dei livelli di estrogeni .

Il trattamento può comportare procedure chirurgiche, come la rimozione delle ovaie o farmaci che interrompono i segnali dalla ghiandola pituitaria, una ghiandola che stimola la produzione di estrogeni.

La terapia ormonale per il trattamento del cancro alla prostata, o terapia per la soppressione degli androgeni, abbassa la produzione di testosterone e diidrotestosterone ( DHT ). I trattamenti includono procedure chirurgiche per rimuovere uno o entrambi i testicoli e i farmaci che impediscono la produzione di testosterone e DHT.

Vantaggi della terapia ormonale

I vantaggi della terapia ormonale includono:

  • trattamento efficace per prevenire la diffusione del cancro ad altre parti del corpo
  • può aiutare a ridurre il rischio di ritorno del cancro dopo l’intervento chirurgico

Svantaggi della terapia ormonale

Ci sono alcuni svantaggi di questo tipo di trattamento, come ad esempio:

  • funziona solo sui tumori che richiedono la crescita di ormoni
  • effetti collaterali per le donne includono mal di testa , vampate di calore, aumento di peso e secchezza vaginale
  • effetti collaterali per i maschi includono affaticamento, vampate di calore, sensibilità o ingrandimento del seno, nausea, impotenza e desiderio sessuale inferiore

Terapia mirata

La terapia mirata utilizza farmaci specifici per le cellule tumorali, distruggendoli dall’interno.

A differenza della chemioterapia, questi farmaci non influenzano le cellule sane poiché identificano particolari anomalie genetiche nelle cellule tumorali. La terapia mirata funziona meglio in combinazione con altri trattamenti.

Esistono molti tipi di terapia mirata e utilizzano diversi metodi per combattere il cancro.

Le terapie mirate possono combattere il cancro attraverso:

  • bloccare o disattivare i segnali chimici che stimolano la crescita delle cellule tumorali
  • cambiare le proteine ​​all’interno delle cellule tumorali, causando la morte cellulare
  • impedire alle cellule tumorali di stimolare la crescita di nuovi vasi sanguigni
  • innescare una risposta immunitaria per distruggere le cellule tumorali
  • fornire sostanze tossiche alle cellule tumorali per ucciderle senza intaccare altre cellule

Vantaggi della terapia mirata

La terapia mirata può essere utile a causa dei vantaggi che offre:

  • specificamente bersaglia le cellule tumorali
  • non tossico per le cellule sane
  • l’ampia gamma di opzioni di trattamento rende possibili piani di trattamento individuali

Svantaggi della terapia mirata

Gli svantaggi della terapia mirata includono:

  • funziona solo per i tumori con specifiche mutazioni genetiche
  • le cellule tumorali possono sviluppare resistenza
  • effetti collaterali includono diarrea , eruzioni cutanee, problemi di coagulazione del sangue, ipertensione e problemi al fegato, come l’ epatite

Prendere una decisione

anziano che prende le medicine.jpg

Altri problemi di salute possono influenzare le opzioni di trattamento.

Se la chemioterapia non funziona o smette di funzionare, potrebbero essere disponibili altre opzioni di trattamento.

La probabilità di questo dipende dal tipo e dallo stadio del cancro e dal fatto che la persona abbia o meno altri problemi di salute.

Se la chemioterapia smette di funzionare per qualcuno, dovrà parlare con il proprio medico oncologo, o oncologo, su altre potenziali opzioni di trattamento.

I fattori da tenere a mente e discutere con un oncologo includono:

  • quanto bene e per quanto tempo ha funzionato il trattamento di prima linea
  • lo stato attuale del cancro
  • come un nuovo trattamento influenzerà la prognosi generale
  • se il cancro si è diffuso
  • il tasso di successo di tutti i trattamenti alternativi disponibili
  • i possibili effetti collaterali di altre opzioni di trattamento

prospettiva

Le opzioni di trattamento alternative possono essere disponibili se la chemioterapia non funziona per una persona. Tuttavia, la probabilità di eradicare il cancro dal corpo diminuisce con trattamenti successivi.

L’aspettativa di vita media per le persone che ricevono trattamenti di seconda e terza linea varia in base a una serie di fattori. Ad esempio, una revisione della letteratura mostra un’ampia gamma nell’aspettativa di vita delle persone che hanno ricevuto trattamenti di seconda linea per il carcinoma polmonare non a piccole cellule .

Sfortunatamente, è difficile dare una risposta definitiva sulla prospettiva probabile di una persona.

Di solito sono disponibili trattamenti alternativi se la chemioterapia non funziona. Tuttavia, questo può dipendere dal tipo di cancro e da altri fattori.

Dopo aver considerato le opzioni di trattamento alternative, alcune persone scelgono di rifiutare ulteriori trattamenti. Se questo è il caso, un oncologo si concentrerà sul miglioramento della qualità della vita dell’individuo sviluppando un piano di trattamento per gestire i sintomi del cancro.

Se il trattamento di chemioterapia smette di funzionare, la persona deve discutere le proprie opzioni con il proprio oncologo, i membri del proprio gruppo di trattamento e i propri familiari prima di prendere una decisione sul trattamento in corso.

13 segni premonitori del Morbo di Parkinson

I sintomi caratteristici del morbo di Parkinson sono tremori e movimenti lenti e rigidi. Piccoli cambiamenti nei movimenti e nel comportamento di una persona possono segnalare l’insorgenza della malattia di Parkinson prima della diagnosi.

La malattia di Parkinson è un disturbo del sistema nervoso che colpisce circa l’ 1% delle persone di età pari o superiore a 65 anni. I sintomi di solito si sviluppano lentamente per diversi anni. All’inizio possono essere sottili, quindi è facile non notare i primi segni.

Se qualcuno nota sintomi del morbo di Parkinson, dovrebbe prendere in considerazione di contattare il proprio medico per maggiori informazioni. Il trattamento precoce può migliorare l’esito a lungo termine della condizione.

In questo articolo, copriamo 13 primi segni del morbo di Parkinson.

1. Tremori

tremore.jpg

I primi sintomi del morbo di Parkinson possono includere tremori alle mani e una calligrafia angusta.

Molti operatori sanitari considerano i tremori un segno caratteristico della malattia di Parkinson. I tremori implicano una contrazione persistente o agitazione delle mani, delle gambe o del mento.

I tremori associati alla malattia di Parkinson sono chiamati “tremore di riposo”. Ciò significa che i tremori si fermano quando una persona usa la parte del corpo interessata.

I tremori sono molto sottili quando appaiono per la prima volta. In questa fase, la persona che vive i tremori di solito è l’unica a notarli. I tremori peggioreranno gradualmente man mano che la malattia progredisce.

I tremori appaiono tipicamente su un lato del corpo e successivamente si diffondono in altre parti del corpo.

2. Difficoltà a camminare

Piccoli cambiamenti nel modo di camminare di una persona potrebbero essere un sintomo precoce della malattia di Parkinson.

Qualcuno che ha il morbo di Parkinson potrebbe camminare lentamente o trascinare i piedi mentre camminano. Molti si riferiscono a questo come un “passo casuale”.

La persona potrebbe camminare ad un ritmo irregolare, camminando improvvisamente più velocemente o più lentamente o cambiando la lunghezza della loro falcata.

3. Scrittura a mano ristretta o piccola

La micrografia è una malattia che comporta grafia anormalmente piccola o angusta.

I medici associano la micrografia a condizioni mediche che influenzano il sistema nervoso o disturbi neurodegenerativi, come il morbo di Parkinson.

4. Perdita di odore

L’iposmia si verifica quando qualcuno perde la capacità di annusare. Questo è anche chiamato disfunzione olfattiva. Una perdita dell’olfatto è un sintomo relativamente comune, che colpisce il 70-90% delle persone con malattia di Parkinson.

La perdita dell’olfatto è uno dei sintomi più evidenti della malattia di Parkinson che non è correlata al movimento. Può apparire diversi anni prima che la malattia influenzi il movimento di una persona.

Le persone che hanno l’iposmia come sintomo della malattia di Parkinson potrebbero sperimentare:

  • un senso dell’olfatto sbiadito
  • difficoltà nel rilevare gli odori
  • difficoltà a identificare gli odori
  • difficoltà a dire la differenza tra gli odori

I medici utilizzano test di identificazione degli odori per diagnosticare l’iposmia, ma l’accuratezza di questi test varia ampiamente.

Avere l’iposmia non significa sempre che qualcuno abbia la malattia di Parkinson. L’olfatto di una persona può cambiare per molte ragioni, come l’età, il fumo o l’esposizione a sostanze chimiche aggressive. L’iposmia è anche un sintomo di altre condizioni mediche, tra cui il morbo di Alzheimeril morbo di Huntington .

5. Problemi di sonno

uomo che dorme 1.jpg

Una persona nelle prime fasi del Parkinson potrebbe sperimentare una serie di problemi del sonno.

La malattia di Parkinson può influenzare gravemente la capacità di sonno di una persona. Le persone che hanno il morbo di Parkinson possono sperimentare una vasta gamma di sintomi correlati al sonno, tra cui:

  • insonnia
  • eccessiva stanchezza diurna
  • narcolessia
  • apnea notturna
  • incubi
  • movimenti incontrollati o sporadici durante il sonno

6. Scarso equilibrio

La malattia di Parkinson colpisce specificamente le cellule nervose chiamate gangli della base, che risiedono nelle profondità del cervello. I nervi dei gangli basali controllano l’equilibrio e la flessibilità, quindi qualsiasi danno a questi nervi può compromettere l’equilibrio di una persona.

I medici usano un test chiamato pull test per valutare l’equilibrio di una persona. Il test di pull coinvolge un operatore sanitario che trascina delicatamente le spalle di una persona fino a perdere l’equilibrio e registra quanto tempo impiega a recuperarlo.

Gli individui sani si riprendono dopo uno o due passi , mentre le persone affette dal morbo di Parkinson possono prendere un numero maggiore di piccoli passi per bilanciarsi completamente.

7. Bradicinesia

La bradicinesia è un termine che significa lentezza o assenza di movimento.

La bradicinesia causa una varietà di sintomi, come rigidità degli arti e movimenti lenti. Una persona che ha la bradicinesia potrebbe camminare più lentamente o avere difficoltà a iniziare un movimento.

Alcune persone che hanno questo sintomo potrebbero interpretarlo erroneamente come debolezza muscolare. Tuttavia, questo sintomo non influisce sulla forza muscolare.

8. Mascheratura facciale

Le espressioni facciali coinvolgono molti movimenti muscolari sottili e complessi. Le persone con malattia di Parkinson hanno spesso una ridotta capacità di esprimere le espressioni facciali. Questo è chiamato mascheramento facciale.

Il mascheramento facciale è legato alla bradicinesia. I muscoli facciali si muovono più lentamente o rigidamente del solito. Le persone che hanno il mascheramento del volto possono apparire vuote o senza emozioni, anche se la loro capacità di provare emozioni non è compromessa. Il mascheramento facciale può anche far sì che qualcuno chiuda gli occhi più lentamente.

Una persona con mascheramento facciale potrebbe avere difficoltà a comunicare con gli altri perché i cambiamenti nelle espressioni facciali sono meno evidenti del solito.

9. Cambiamenti vocali

I cambiamenti nel volume e nella qualità della voce di una persona sono un altro segno precoce della malattia di Parkinson.

I cambiamenti vocali possono comportare il parlare in un tono più morbido, o iniziare a parlare ad un volume normale e poi la voce diventa più morbida o svanisce.

In altri casi, una persona potrebbe perdere la solita variazione nel volume e nel tono della propria voce, in modo che la voce appaia monotona.

10. Postura curvilinea o curva

Le persone che hanno il morbo di Parkinson possono notare cambiamenti nella loro postura a causa di altri sintomi della malattia, come la rigidità muscolare.

Le persone stanno naturalmente in modo che il loro peso sia distribuito uniformemente sui loro piedi. Tuttavia, le persone che hanno il morbo di Parkinson possono iniziare a piegarsi in avanti, facendoli apparire curvi o curvi.

11. Stitichezza

La stitichezza è un problema comune che può avere una vasta gamma di cause. La stitichezza è uno dei più comuni sintomi non motori associati alla malattia di Parkinson. Quasi il 25 percento delle persone con la condizione sperimentano la costipazione prima che sviluppino i sintomi motori.

12. Sintomi psicologici

sintomi psicologici.jpg

Parlare con un terapeuta potrebbe aiutare una persona con Parkinson a far fronte ai cambiamenti emotivi causati dalla malattia.

La malattia di Parkinson può influenzare gravemente il benessere psicologico di una persona. La malattia abbassa i livelli naturali di dopamina nel corpo, che possono causare cambiamenti di umore e comportamento.

Alcuni sintomi psicologici associati alla malattia di Parkinson includono:

  • depressione
  • ansia
  • psicosi
  • demenza
  • confusione
  • difficoltà a fare piani o rimanere organizzati
  • ridotta capacità di problem-solving

13. Perdita di peso

Le persone con malattia di Parkinson potrebbero sperimentare una perdita di peso da lieve a moderata per diversi motivi.

Tremori e altri sintomi motori associati al morbo di Parkinson possono aumentare il fabbisogno energetico naturale del corpo. I sintomi non motori, come la perdita dell’olfatto, la depressione o problemi digestivi, potrebbero indurre le persone a mangiare di meno, il che potrebbe causare una perdita di peso.

Sommario

La malattia di Parkinson è difficile da diagnosticare, soprattutto nelle fasi precedenti. Questo perché i sintomi sono più sottili e più sporadici. Tuttavia, sapere quali sintomi cercare può incoraggiare le persone a consultare un medico prima di progredire.

I primi sintomi della malattia di Parkinson includono:

  • tremori
  • difficoltà a camminare
  • grafia angusta o piccola
  • perdita dell’olfatto
  • problemi di sonno
  • scarso equilibrio
  • bradicinesia
  • mascheramento facciale
  • la voce cambia
  • posizione curva o curva
  • stipsi
  • sintomi psicologici
  • perdita di peso

Avere questi sintomi non significa sempre che una persona soffra di morbo di Parkinson. Le persone di età superiore a 60 anni dovrebbero prendere in considerazione di parlare con il proprio medico se si verificano uno dei sintomi sopra elencati.

La diagnosi precoce porta a un trattamento precedente, che può migliorare la qualità della vita complessiva di una persona.