Osteoporosi come sconfiggerla.

Una serie rivoluzionaria di studi ha scoperto che il blocco di alcuni recettori nel cervello porta alla crescita di ossa notevolmente forti. Potrebbe esserci un nuovo trattamento per l’osteoporosi all’orizzonte?

osteo1.jpg

L’osteoporosi colpisce più comunemente le donne anziane.

Principalmente una malattia della vecchiaia, l’ osteoporosi può causare la progressiva indebolimento delle ossa.

Nel corso del tempo, le ossa diventano così porose che piccoli impatti – anche solo tosse o starnuti – possono causare fratture .

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l’osteoporosi colpisce quasi 1 su 4 donne di età pari o superiore a 65 anni in  Italia.

Così com’è, non c’è cura; il trattamento si concentra sulla riduzione del rischio di fratture ma non può rallentare la progressione della condizione.

In una persona sana, il corpo distrugge l’osso vecchio o danneggiato e lo sostituisce con nuovo osso.

Tuttavia, man mano che invecchiamo, questo ciclo diventa fuori luogo e il corpo distrugge più ossa di quelle che possono essere rifatte. Questo porta a ossa progressivamente più deboli e, infine, all’osteoporosi.

Un nuovo ruolo per gli estrogeni

L’estrogeno ha una vasta gamma di funzioni nel corpo umano, in particolare per quanto riguarda la riproduzione. L’ormone funziona anche nel cervello, ma gli scienziati attualmente conoscono poco le sue funzioni lì.

Recentemente, scienziati dell’Università della California, San Francisco e l’Università della California, a Los Angeles, hanno condotto una serie di studi per saperne di più sugli estrogeni nel cervello.

Lungo la strada, hanno fatto una scoperta fortuita che potrebbe cambiare il volto della ricerca sull’osteoporosi.

Guidati dalla scrittrice senior Holly Ingraham, Ph.D., i ricercatori erano interessati principalmente a come l’attività dell’estrogeno nel cervello alterasse il metabolismo durante le diverse fasi della vita.

In particolare, stavano osservando la funzione dei neuroni sensibili agli estrogeni nell’ipotalamo. Questa è una parte del cervello che collega il sistema nervoso al sistema endocrino (ormone).

L’ipotalamo svolge un ruolo importante nella regolazione dei processi metabolici, ad esempio aiutando a controllare la temperatura corporea, la fame, il sonno, la fatica e i ritmi circadiani.

Blocco di estrogeni nel cervello

Gli scienziati hanno bloccato gli effetti degli estrogeni nell’ipotalamo degli animali. Quando hanno fatto questo, gli animali hanno guadagnato peso e sono diventati meno attivi.

Inizialmente, gli scienziati presumevano che il peso aggiuntivo sarebbe dovuto al grasso in eccesso o al tessuto muscolare.

Tuttavia, dopo un’ulteriore ispezione, hanno scoperto che il peso extra era dovuto all’aumento della massa ossea. Alcuni degli animali avevano aumentato la loro massa ossea totale dell’800%.

Sono stato subito colpito dalla dimensione dell’effetto: i due gruppi non si sono sovrapposti affatto, cosa che non avevo mai visto, sapevamo subito che era un punto di svolta e una nuova direzione entusiasmante con potenziali applicazioni per migliorare la salute delle donne “.

La ricercatrice Stephanie Correa, Ph.D.

Quando gli investigatori hanno testato le dense ossa del topo, hanno scoperto che erano anche particolarmente forti. Infatti, secondo Ingraham:

“I nostri collaboratori che studiano l’osso per vivere hanno affermato di non aver mai visto ossa così forti.”

Ora hanno pubblicato le loro scoperte sulla rivista Nature Communications . Come prosegue Ingraham, “la nostra attuale comprensione di come il corpo controlla la crescita ossea non può spiegarlo”.

“[Questo] suggerisce”, aggiunge, “potremmo aver scoperto un percorso completamente nuovo che potrebbe essere usato per migliorare la forza ossea nelle donne anziane e in altre con ossa fragili”.

Negli studi di follow-up, i ricercatori si sono concentrati su una particolare regione dell’ipotalamo che sembrava avere questo incredibile effetto sull’osso: il nucleo arcuato.

Poiché la rimozione dei recettori degli estrogeni in questa regione causa la crescita delle ossa, essi ritengono che normalmente queste cellule assorbano energia e risorse dalla crescita ossea per essere utilizzate altrove nel corpo.

Questo risultato è eccitante e sorprendente e compare solo nei topi femmina.

La maggior parte dei neuroscienziati limita gli studi a topi maschi, e pochi studiano gli estrogeni, il che potrebbe spiegare perché questo non sia mai stato visto prima.”

Holly Ingraham, Ph.D.

Continua, “Sono sempre stato interessato a come gli ormoni sessuali rendano diversi cervelli maschili e femminili diversi, e questo è un esempio davvero meraviglioso di quanto possano essere drammatiche queste differenze”.

Continuare la ricerca

I ricercatori hanno esteso i loro esperimenti per capire come la densità ossea è cambiata durante la vita di un topo. Hanno notato che la densità ossea in questi topi è stata mantenuta per tutta la vecchiaia.

Testando ulteriormente questo meccanismo, gli scienziati hanno eliminato i recettori degli estrogeni arcuati in un modello murino di osteoporosi. Nei topi che avevano perso il 70% della loro massa ossea, la densità ossea è rimbalzata del 50% in poche settimane.

Nel sangue, l’estrogeno promuove la crescita delle ossa; nell’ipotalamo, tuttavia, sembra avere l’effetto opposto.

Ingraham ipotizza che “dopo la pubertà, il sistema di estrogeni nel cervello femminile sposta attivamente le risorse dalla crescita ossea e verso cose come la riproduzione, che potrebbero contribuire al maggiore rischio di indebolimento delle ossa delle donne con l’avanzare dell’età”.

Poiché i risultati sono sorprendenti e nuovi, sarà necessario molto più lavoro; tuttavia, hanno già aperto alcune interessanti nuove strade per i ricercatori sull’osteoporosi.

“Sono tra le nuvole per questo risultato”, dice Ingraham. “Se i nostri prossimi esperimenti mostrano che il cervello rilascia un nuovo fattore circolante che innesca una maggiore crescita ossea, potremmo avere una reale possibilità di sviluppare un farmaco che contrasti l’osteoporosi”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...