Il digiuno intermittente aumenta la salute rafforzando i ritmi quotidiani

Varie versioni della dieta a digiuno intermittente sembrano avere benefici di perdita di peso. Un nuovo studio che indaga sul motivo del loro lavoro conclude che i ritmi circadiani sono fondamentali.
bere acqua.jpg

Il digiuno intermittente è diventato popolare, ma come funziona?

Mentre il mondo moderno appare pieno di diete, la gente sembra dare un po ‘di attenzione al digiuno intermittente.

Come suggerisce il nome, il digiuno intermittente comporta il non mangiare nulla per lunghi periodi di tempo.

Alcuni studi hanno scoperto che questo tipo di dieta è benefica, ma non è ancora chiaro esattamente perché ne benefici la salute.

Recentemente, un gruppo di scienziati dell’Università della California, Irvine, ha studiato l’impatto del digiuno sul nostro orologio circadiano.

I cicli giornalieri sonno-veglia, oi ritmi circadiani, guidano il flusso e riflusso della vita umana; controllano molto più dei semplici livelli di sonnolenza. I nostri cicli di 24 ore comportano cambiamenti metabolici, fisiologici e comportamentali che colpiscono ogni tessuto del corpo.

Forse il modo più conosciuto per influenzare l’orologio è attraverso l’esposizione a luci brillanti, ma questo non è l’unico modo; l’assunzione di cibo influisce anche sull’orologio.

Stiamo lentamente cominciando a capire come il mangiare abbia un ruolo nel modulare i ritmi circadiani, ma sappiamo ancora meno come la mancanza di cibo possa influire sui ritmi.

Ritmi di digiuno e circadiani

Gli autori del nuovo studio erano particolarmente interessati a scoprire come il digiuno influenzava i ritmi circadiani nel fegato e nei muscoli scheletrici. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Cell Reports .

Il digiuno è un fenomeno naturale per la maggior parte degli animali, perché il cibo non è sempre facilmente disponibile. In tempi di difficoltà, alcuni cambiamenti metabolici si verificano per consentire al corpo di adattarsi.

Ad esempio, quando il glucosio è scarso, il fegato inizia a creare chetoni da acidi grassi, che il corpo può utilizzare come fonte di energia di emergenza.

Una serie di fattori di trascrizione indotta dal digiuno guida questi cambiamenti metabolici. Questi fattori di trascrizione sembrano anche influenzare i ritmi circadiani.

Ad esempio, uno studio suddivide i topi in due gruppi; i ricercatori ne misero uno su un regime di digiuno intermittente, e permisero al secondo di mangiare quando voleva.

Entrambi i gruppi hanno consumato la stessa quantità di grassi e calorie; tuttavia, nonostante la stessa assunzione di energia, i topi nel gruppo a digiuno non sviluppavano obesità o disturbi metabolici come facevano gli altri topi.

Inoltre, importante, gli autori hanno notato che le oscillazioni circadiane degli animali erano più robuste nel gruppo a digiuno.

Come sottolineano gli autori del recente studio, “[F] asting sembra essere un forte segnale metabolico per trascinare l’espressione del gene ritmico”.

Gli scienziati ritengono che avere cicli più chiaramente definiti potrebbe essere una delle ragioni per cui il digiuno promuove una buona salute.

Geni del ritmo ritmico

Lo studio più recente riguardava anche i topi. Mentre gli animali hanno aderito a periodi di digiuno di 24 ore, gli scienziati hanno misurato varie funzioni fisiologiche.

Hanno visto che mentre digiunavano, i topi utilizzavano meno ossigeno ed energia. Tuttavia, non appena i topi hanno mangiato, questi cambiamenti fisiologici guidati dai geni sono stati invertiti. Ciò rispecchia ciò che i ricercatori hanno precedentemente visto negli esseri umani.

L’autore dello studio principale Prof. Paolo Sassone-Corsi spiega cosa hanno scoperto i ricercatori, dicendo: “Abbiamo scoperto [che] il digiuno influenza l’orologio circadiano e le risposte cellulari guidate dal digiuno, che insieme lavorano per ottenere la regolazione del gene temporale a digiuno specifico.”

Notano anche che ha influenzato diversi tipi di tessuti in diversi gradi. Come dice il Prof. Sassone-Corsi, “il muscolo scheletrico, per esempio, sembra essere due volte più sensibile al digiuno del fegato”.

In che modo questo ci può giovare?

Dopo aver valutato i cambiamenti dei geni che si verificano con il digiuno, gli scienziati ora devono spiegare in che modo potrebbero giovare alla salute.

Prof. Sassone-Corsi suggerisce che “la riorganizzazione della regolazione genica per il digiuno potrebbe innescare il genoma ad uno stato più permissiva di anticipare imminente l’assunzione di cibo e, quindi, guidare un nuovo ciclo ritmico di espressione genica”.

In altre parole, il digiuno è in grado di riprogrammare essenzialmente una varietà di risposte cellulari, pertanto il digiuno ottimale in modo tempestivo sarebbe strategico per influenzare positivamente le funzioni cellulari e, in definitiva, a vantaggio della salute e della protezione dalle malattie associate all’invecchiamento. “

Nel corso degli anni, è diventato sempre più chiaro che interrompere i ritmi circadiani può aumentare il rischio di obesità e disturbi metabolici, come il diabete . Questo nuovo lavoro ci avvicina alla comprensione del perché potrebbe essere.

Anche se la comprensione dell’influenza del digiuno sui ritmi circadiani e sull’espressione genica è ancora agli inizi, gli autori sperano che un giorno il loro lavoro aiuterà a trovare il regime di digiuno ottimale per la salute.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...