Che ruolo gioca il sistema immunitario nell’ipertensione?

Milioni di persone in Italia e in tutto il mondo hanno l’ipertensione, una condizione che, senza una corretta gestione, può contribuire al rischio di malattie cardiache e ictus.
donna con ipertensione.jpg

I globuli bianchi specializzati svolgono un ruolo importante nella regolazione della pressione sanguigna, secondo uno studio recente.

I dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) indicano che circa 25 milioni di adulti in Italia vivono con ipertensione.

American Heart Association (AHA) orientamenti dal 2017 definiscono “ipertensione” come sistolica pressione sanguigna (durante un battito cardiaco) di 130 millimetri di mercurio (mmHg) o superiore e la pressione sanguigna diastolica (quando il cuore è a riposo) 80 mm Hg o superiore .

L’AHA menziona anche la mancanza di attività fisica, una dieta malsana, colesterolo alto e stress come alcuni dei principali fattori modificabili che aumentano il rischio di ipertensione.

Una nuova ricerca degli scienziati dell’Università di Edimburgo nel Regno Unito ha ora scoperto un altro fattore che sembra giocare un ruolo nello sviluppo di questa condizione.

Lo studio, finanziato dalla British Heart Foundation, ha rilevato che un tipo di cellula immunitaria specializzata potrebbe fare una vera differenza per il rischio di ipertensione.

“L’ipertensione colpisce milioni di persone in tutto il mondo, tra cui il 70% delle persone sopra i 70 anni”, afferma il ricercatore capo Prof. Matthew Bailey.

“La nostra scoperta mette in luce i fattori di rischio e, soprattutto, apre percorsi per indagare su nuovi farmaci che potrebbero aiutare i pazienti”, aggiunge.

Il Prof. Bailey e le scoperte del team appaiono nell’European Heart Journal e sono disponibili online.

I detriti cellulari e la pressione sanguigna

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno lavorato con modelli murini e azzerati sui macrofagi, un tipo di globuli bianchi che fa parte del sistema immunitario.

Il ruolo dei macrofagi è quello di identificare e “mangiare” corpi estranei presenti a causa di lesioni e infezioni. Le cellule immunitarie “mangiano” anche detriti cellulari, che consiste nei resti di cellule che non sono più funzionali.

La ricerca attuale ha ora scoperto un nuovo ruolo giocato dai macrofagi. Sembra che consumino anche molecole di endotelina, che è un ormone che agisce come un vasocostrittore, il che significa che può stimolare i vasi sanguigni a restringersi.

Il prof. Bailey e colleghi spiegano che, controllando i livelli ematici di endotelina, i macrofagi possono garantire che i vasi sanguigni si rilassino correttamente, il che aiuta a ridurre la pressione sanguigna.

I ricercatori hanno verificato questo meccanismo nutrendo topi con livelli di macrofagi nel sangue più bassi di una dieta ad alto contenuto di sale (che aumenta il rischio di ipertensione ) e monitorando le loro reazioni fisiologiche.

Questi roditori, i ricercatori hanno presto scoperto, hanno sperimentato l’ipertensione. Tuttavia, quando il team ha permesso ai livelli dei macrofagi di tornare alla normalità, la pressione sanguigna dei topi è tornata sana, il che suggerisce che i globuli bianchi specializzati hanno avuto un ruolo importante da svolgere.

Quando hanno ripetuto l’esperimento sui topi che avevano modificato geneticamente per avere un funzionamento del sistema dell’endotelina povero , i risultati sono rimasti coerenti.

I ricercatori hanno inoltre verificato il legame tra macrofagi e pressione arteriosa nei roditori con ipertensione indotta da farmaci.

Un potenziale bersaglio terapeutico

Per vedere se questi risultati fossero validi anche nell’uomo, il team di ricerca ha analizzato l’attività dei macrofagi in individui che assumevano farmaci per la gestione della vasculite anticorpale citoplasmatica antineutrofila, una condizione che colpisce il sistema immunitario e danneggia i vasi sanguigni.

Gli scienziati hanno scoperto che i farmaci che abbassavano i livelli di macrofagi, come la ciclofosfamide, portavano a valori più alti di pressione sanguigna nelle persone che li assumevano.

Questi risultati, notano il Prof. Bailey e il team, potrebbero aiutare i medici a identificare meglio le persone che sono maggiormente a rischio di ipertensione e potrebbero anche portare a terapie nuove e migliorate per l’ipertensione.

Tuttavia, i ricercatori avvertono che sono necessari ulteriori studi prima che l’interazione tra macrofagi e endotelina possa ottenere il via libera come obiettivo terapeutico.

“I nostri prossimi passi saranno studiare il ruolo dei macrofagi nelle persone che vivono con l’ipertensione”, afferma il prof. Bailey.

“[L’ipertensione non diagnosticata] causa danni al cuore e ai vasi sanguigni, mettendo a rischio un infarto o un ictus potenzialmente fatale , ma non comprendiamo ancora tutti i meccanismi che portano all’ipertensione”, aggiunge Jeremy Pearson, il direttore medico associato della British Heart Foundation, che non è stato coinvolto nello studio.

Questo studio mostra per la prima volta che i macrofagi – un tipo di cellula che aiuta a regolare le nostre risposte immunitarie – possono essere coinvolti nel controllo della pressione sanguigna.Una ricerca è necessaria ma queste cellule potrebbero essere un nuovo obiettivo per i farmaci per trattare la condizione “.

Jeremy Pearson

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...