Il farmaco esistente Estradiolo può trattare il cancro al seno triplo negativo

L’estradiolo farmaco esistente può inibire la crescita tumorale in un sottotipo di carcinoma mammario triplo negativo. I ricercatori potrebbero presto testare il farmaco riproposto in uno studio clinico di fase II.
nastro rosa.jpg

Nuovi risultati possono migliorare i risultati del paziente, poiché un farmaco esistente inibisce la crescita di una forma aggressiva di cancro al seno.

Il carcinoma mammario triplo negativo è una forma aggressiva di cancro al seno in cui i tumori mancano di espressione di tre proteine.

I tre sono recettore dell’estrogeno , recettore del progesterone e recettore del fattore di crescita epidermico umano 2 (HER2).

Il carcinoma mammario triplo negativo è in grado di crescere e diffondersi più rapidamente rispetto ad altre forme di cancro al seno.

Inoltre, poiché le sue cellule tumorali mancano di recettori ormonali, gli specialisti non possono trattarle con la terapia ormonale. L’unico trattamento per questi tipi di cancro è la chemioterapia .

Una nuova ricerca, tuttavia, ha rivelato che un farmaco esistente potrebbe essere riproposto per trattare alcune persone con questa forma di cancro al seno.

I ricercatori guidati da John Hawse, Ph.D., un biologo molecolare presso la Mayo Clinic di Rochester, MN, hanno testato gli effetti dell’estradiolo su un sottotipo di tumori del cancro al seno triplo negativo.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences.

Estradiolo e beta del recettore degli estrogeni

“Il carcinoma mammario triplo negativo è una forma di cancro al seno che manca di espressione del recettore alfa, recettore del progesterone e [HER2]”, spiega Hawse, il quale aggiunge che la condizione “mostra alti tassi di recidiva”.

Tuttavia, la ricerca precedente di Hawse e del team ha scoperto che un’altra forma di recettore degli estrogeni – chiamata beta estrogenica – è presente nel 25 percento dei tumori triplici negativi e in oltre il 30 percento dei tumori del cancro al seno positivi al recettore dell’estrogeno.

Quella ricerca ha anche dimostrato che la beta del recettore dell’estrogeno è un soppressore del tumore , che si correla con migliori risultati per il paziente.

Nel loro nuovo studio, Hawse ei suoi colleghi hanno studiato l’effetto dell’estradiolo sulla crescita dei tumori triplici negativi che esprimono il recettore beta degli estrogeni. Lo studio ha incluso sia esperimenti in vitro che in vivo.

“Straordinariamente”, sostiene Hawse, “abbiamo scoperto che l’estradiolo, che normalmente stimola la crescita delle cellule tumorali nei tumori che esprimono il recettore alfa estrogeno, ha l’effetto opposto nel cancro al seno triplo negativo”.

“Tuttavia, l’estradiolo è stato solo in grado di inibire la crescita del carcinoma mammario triplo negativo quando era presente la beta del recettore dell’estrogeno”, aggiunge.

Inoltre, la nuova ricerca illumina il meccanismo molecolare attraverso il quale l’estradiolo combatte il cancro. Quando l’estradiolo si lega con la beta del recettore degli estrogeni, spiega gli scienziati, induce la secrezione di una famiglia di proteine ​​chiamate “cistatine”.

Le cistatine inibiscono la crescita del tumore e arrestano la diffusione delle cellule tumorali. “Queste scoperte”, affermano gli autori, “suggeriscono che le terapie mirate di [beta recettore dell’estrogeno] rappresentano un’opzione terapeutica per il sottogruppo di donne con [espresione del recettore estrogeno beta] [carcinoma mammario triplo negativo]”.

Nel prossimo futuro, i ricercatori prevedono di avviare uno studio clinico di fase II che metterà alla prova l’efficacia dell’estradiolo nel trattamento di questo tipo di cancro.

“Estradiol”, dice il coautore dello studio, il dottor Matthew Goetz, un medico oncologo, “è [Food and Drug Administration] – approvato come trattamento per le donne con cancro al seno”.

“Tuttavia,” continua, “il suo uso è tipicamente limitato alle donne con carcinoma mammario alfa positivo al recettore dell’estrogeno che è diventato resistente alle terapie standard”.

Siamo entusiasti di studiare se l’estradiolo può essere riproposto come nuovo trattamento per il carcinoma mammario triplo negativo che esprime il recettore beta degli estrogeni”.

Dr. Matthew Goetz

Annunci

I bassi livelli di vitamina D aumentano il rischio di cancro al seno?

Un nuovo studio dal Brasile corrobora le prove raccolte da precedenti ricerche, suggerendo che le donne con bassi livelli di vitamina D dopo l’insorgenza della menopausa hanno un rischio più elevato di sviluppare il cancro al seno.
test vitamina d.jpg

In che modo i nostri livelli di vitamina D influiscono sulla nostra esposizione al cancro al seno?

Il National Cancer Institute (NCI) nota che “a circa il 12,4% delle donne verrà diagnosticato un cancro al seno femminile ad un certo punto durante la loro vita”.

In tutto il mondo, il tumore al seno è la forma più comunemente diagnosticata di cancro nelle donne.

Alcuni dei principali fattori di rischio per il cancro al seno includono l’essere una donna, l’età che avanza e l’ obesità dopo la menopausa.

Negli ultimi anni, molti studi hanno anche discusso l’importanza e il potenziale impatto della vitamina D in relazione al rischio di cancro al seno.

Ad esempio, uno di questi studi – coperto da Medical News Today all’inizio di quest’anno – che ha lavorato con una coorte di partecipanti dal Giappone ha scoperto che le donne con i più alti livelli di vitamina D nel loro sistema avevano un rischio significativamente più basso di cancro, rispetto a quelle con i più bassi livelli di vitamina D.

Ora, i ricercatori dell’Università Statale di San Paolo del Brasile hanno raggiunto conclusioni simili dopo aver analizzato i dati medici di 627 donne brasiliane di età compresa tra 45 e 75 anni.

Le loro scoperte sono riportate in un documento di studio – il primo autore del quale è il Dr. Murilo Renato Matos Machado – che appare sulla rivista Menopause , della North American Menopause Society (NAMS).

“La vitamina D può fermare la crescita delle cellule tumorali”

Questi partecipanti consistevano in due gruppi di donne: 209 in diagonale con cancro al seno, più 418 donne senza cancro che fungevano da gruppo di controllo. Tutti i partecipanti hanno dovuto interrompere le mestruazioni per almeno 12 mesi.

Confrontando le informazioni mediche raccolte dai due gruppi di donne, i ricercatori osservano che, al momento della diagnosi, le donne con carcinoma mammario presentavano tassi più alti di vitamina D (sangue) a basso o molto basso (sangue) rispetto alle loro controparti prive di cancro .

Inoltre, un numero maggiore di donne che hanno avuto un tumore al seno ha avuto un alto indice di massa corporea ( BMI ) o obesità, rispetto ai partecipanti senza cancro al seno.

Infine, nel condurre analisi del rischio – in cui il team si è adeguato a fattori modificanti rilevanti, come età, indice di massa corporea e tempo dall’inizio della menopausa – hanno concluso che le donne con carcinoma mammario presentavano un rischio 1,5 volte maggiore rispetto alle donne senza cancro per sviluppare una bassa vitamina Livelli D

Gli autori ipotizzano che livelli appropriati di vitamina D nel sistema potrebbero aiutare a ridurre il rischio di cancro ostacolando la proliferazione cellulare.

Secondo il Dr. JoAnn Pinkerton, direttore esecutivo di NAMS, “Sebbene la letteratura pubblicata sia incoerente sui benefici dei livelli di vitamina D [nel] cancro al seno, questo studio e altri suggeriscono che livelli più elevati di vitamina D nel corpo sono associati a diminuzione rischio di cancro al seno. “

La vitamina D può giocare un ruolo nel controllo delle cellule del cancro al seno o nel fermarle dalla crescita.La vitamina D deriva dall’esposizione diretta alla luce solare, integratori di vitamina D-3 o cibi ricchi di vitamina D.”

Dr. JoAnn Pinkerton

Alcuni cibi con un alto contenuto di vitamina D e che le persone potrebbero voler aggiungere alle loro diete abituali includono: pesce grasso come il salmone o il tonno, alcuni frutti di mare come ostriche, funghi e tuorli d’uovo.

La dieta mediterranea promuove i batteri antitumorali nel seno

La dieta può influenzare le colonie di microbi non solo nell’intestino, ma anche in altre parti del corpo, come il seno femminile nei mammiferi. L’influenza è abbastanza forte da creare condizioni pro o antitumorali.
mediterranea.jpg

La dieta mediterranea è ricca di pesce, frutta secca, frutta e verdura e olio d’oliva.

Così hanno concluso i ricercatori della Wake Forest School of Medicine a Winston-Salem, NC, dopo aver confrontato gli effetti delle diete occidentali e mediterranee sui microbi e sui composti biologicamente attivi nelle ghiandole mammarie delle scimmie.

In un documento sul lavoro, che apparirà presto nella rivista Cell Reports , suggeriscono che le loro scoperte potrebbero aprire una nuova strada per la prevenzione e il trattamento del cancro al seno.

in Italia , il cancro al seno è di gran lunga il tumore più comune nelle donne. Nel 2015, ci sono stati 125 nuovi casi di cancro al seno per 100.000 donne.

Per il successivo tumore più comune , quello del polmone e del bronco, c’erano 58 nuovi casi ogni 100.000.

Il microbioma del seno

Recenti studi hanno scoperto che la ghiandola mammaria umana, analogamente all’intestino, ha un suo specifico microbioma, o una popolazione unica di microbi.

Ulteriori indagini hanno anche scoperto che i tumori del cancro al seno contengono livelli inferiori di specie di batteri Lactobacillus rispetto a quelli non-cancerosi, suggerendo che potrebbero essere “un regolatore negativo del cancro al seno”.

Il rischio di cancro al seno femminile è noto per variare con la dieta. Una dieta salutare, come quella mediterranea, ricca di frutta, noci, verdure, legumi, pesce e olio d’oliva, riduce il rischio, mentre una dieta occidentale tipica ricca di grassi, alimenti trasformati e caramelle lo aumenta.

Tuttavia, mentre è dimostrato che la dieta ha un impatto importante sulla diversità dei microbi intestinali, non è chiaro se questo potrebbe essere vero anche per il microbioma mammario.

Questo è il motivo per cui, dice l’autore senior dello studio, la dottoressa Katherine L. Cook, assistente professore alla Wake Forest School of Medicine, gli scienziati “hanno deciso di testare l’ipotesi che la dieta possa avere un impatto sulla popolazione di microbiota delle ghiandole mammarie”.

“Implicazioni per la salute delle ghiandole mammarie”

Gli scienziati hanno deciso di eseguire lo studio sulle scimmie macaco perché sono un buon modello per il cancro al seno ed è possibile controllare da vicino la loro dieta per lunghi periodi, cosa molto difficile negli studi sull’uomo.

Per 31 mesi, 40 femmine di scimmie adulte mangiavano una dieta mediterranea o occidentale. Dopo questo tempo, le scimmie che mangiavano la dieta mediterranea avevano 10 volte il livello di Lactobacillus nel loro tessuto mammario misurato in quelli che mangiavano la dieta occidentale.

Le scimmie alimentate con dieta mediterranea hanno anche livelli più alti di composti prodotti dalla bile e dall’attività batterica che sono coerenti con un minor rischio di cancro al seno.

Gli investigatori dicono che questi risultati rivelano l’influenza diretta della dieta su un microbioma che non è nell’intestino, con implicazioni per la “salute delle ghiandole mammarie”. Tuttavia, è necessario un ulteriore lavoro per determinare l’effetto dei batteri e dei loro sottoprodotti metabolici sul rischio di cancro al seno.

Il Dott. Cook e il suo team hanno in programma di continuare la ricerca, iniziando con un’indagine su come l’innalzamento dei livelli di Lactobacillus potrebbe avere un impatto sul tessuto mammario.

Dopodiché, vogliono verificare se aggiungere integratori – come probiotici e olio di pesce – alla dieta altera il microbioma nel tessuto mammario e nei tumori.

Desiderano anche testare gli effetti dei sottoprodotti batterici e dell’acido biliare sulla crescita del tumore nel cancro al seno, l’ infiammazione e la risposta al trattamento.

“I nostri studi futuri sono progettati per convalidare l’uso di probiotici, olio di pesce o antibiotici durante la terapia neoadiuvante per migliorare gli esiti terapeutici.”

Dr. Katherine L. Cook

Cancro al seno: la scoperta di un nuovo fattore può migliorare la terapia

Una nuova ricerca ha trovato ancora un altro meccanismo coinvolto nello sviluppo del cancro al seno. Questa scoperta potrebbe portare a approcci terapeutici più mirati in futuro, spiegano gli scienziati.
pink ribbon2.jpg

Un giocatore appena scoperto nel cancro al seno può portare a terapie migliori in futuro.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) stimano che circa 120.000 donne e 2.100 uomini sono diagnosticati con cancro al seno ogni anno in Italia.

Alcuni dei principali fattori di rischio per il cancro al seno includono età, densità mammaria e se esiste una storia familiare della condizione.

Al momento, il tumore al seno viene trattato mediante chemioterapia , terapia ormonale, radioterapia o chirurgia quando necessario.

Tuttavia, i ricercatori sono costantemente alla ricerca di nuovi bersagli terapeutici; sperano di sviluppare trattamenti più efficaci.

Recentemente, il Dr. Charles Clevenger e il team, presso il Massey Cancer Center della Virginia Commonwealth University a Richmond, hanno scoperto che un enzima che è coinvolto nella produzione del latte materno può anche svolgere un ruolo nello sviluppo del cancro al seno.

I ricercatori riportano la loro scoperta in un articolo ora pubblicato sulla rivista Cancer Research .

La rimozione di un enzima rallenta il cancro

Il Dr. Clevenger e colleghi hanno prima notato che un enzima chiamato ciclofilina A (CypA) controlla un percorso genetico noto come Jak2 / Stat5, che svolge un ruolo chiave nello sviluppo delle ghiandole mammarie, che sono le ghiandole che esprimono il latte nei seni.

Tuttavia, la segnalazione di Jak2 / Stat5 è anche coinvolta nella crescita dei tumori al seno.

Quando i ricercatori hanno provato a cancellare CypA in modelli di topo con estrogeni positivo per il recettore cancro al seno e il cancro al seno estrogeno-recettori negativi, ha inibito l’attività cancerogena di segnalazione Stat5.

Così facendo, gli scienziati hanno rallentato – e in alcuni casi addirittura fermato – la crescita delle cellule di cancro al seno nei roditori.

“Questa ricerca identifica [CypA] come un obiettivo rilevante per l’intervento terapeutico nel cancro al seno”, spiega il dott. Clevenger.

Prosegue dicendo: “Poiché i farmaci approvati dalla Food and Drug Administration sono disponibili per inibire l’azione di CypA, la traduzione di questi risultati in pazienti affetti da cancro al seno dovrebbe essere rapida.”

I ricercatori sono stati valutati sulla potenziale importanza di CypA nel cancro al seno da precedenti studi condotti dal Dr. Clevenger, che hanno esaminato le vie di segnalazione della prolattina (PRL), che è un ormone che stimola la produzione di latte materno.

Nella sua precedente ricerca , il dott. Clevenger ha dimostrato che la segnalazione del recettore PRL (PRLr) svolge un ruolo nella crescita dei tumori al seno.

Inoltre, quando ha esaminato i percorsi genetici legati alla segnalazione PRLr – che includono Jak2 / Stat5 – ha anche scoperto che CypA ha svolto un ruolo importante nell’attivazione di questi percorsi.

Allattamento incastrato nei modelli murini

Nel presente studio, i ricercatori hanno anche scoperto che anche quando hanno rimosso CypA dai topi, non ha influenzato la loro capacità di esprimere il latte.

“Questo studio ha dimostrato molte somiglianze con altri modelli di topo con perdita di funzione della via di segnalazione PRL-PRLr-Jak2 / Stat5”, osserva Clevenger.

Tuttavia, ciò che distingue i modelli di topo privi di CypA dagli altri modelli di delezione genetica è stata la capacità dei topi di allattare e nutrire con successo la loro prole, nonostante la perdita di un enzima fondamentale per lo sviluppo della ghiandola mammaria.”

Dr. Charles Clevenger

Secondo il team, questo suggerisce che, mentre la segnalazione di Jak2 / Stat5 potrebbe essere stata significativamente indebolita dalla cancellazione di CypA, potrebbe non essere stata completamente disattivata.

Questa è la prima volta che uno studio ha esplorato il ruolo di questo enzima chiave nello sviluppo del cancro al seno e gli scienziati sperano che la loro scoperta possa portare a terapie più mirate.

“Nessuno studio fino ad oggi aveva precedentemente esaminato la perdita della funzione CypA durante lo sviluppo mammario e la formazione del cancro “, afferma Dr Clevenger.

Quali segni di cancro al seno esistono oltre a un nodulo?

Un nodulo al seno o massa è solo uno dei possibili segni di cancro al seno negli uomini o nelle donne. Il cancro al seno può causare diverse ulteriori modifiche alla pelle su e intorno al seno. Chiunque notasse qualcuno di questi cambiamenti dovrebbe consultare un medico.

In alcuni casi, il cancro al seno non può causare alcun sintomo, ma un medico identificherà una massa su una mammografia. Lo screening per il cancro al seno raccomandato da un medico può aiutare a rilevare questa condizione nella sua fase più precoce e più trattabile.

In questo articolo, discutiamo alcuni dei potenziali segni e sintomi del cancro al seno che possono verificarsi senza un nodulo evidente nel seno.

Tutti questi sintomi possono anche avere una causa sottostante non cancerosa. Tuttavia, le persone con questi sintomi dovrebbero parlare con il proprio medico nel caso in cui siano necessari test per verificare condizioni non cancerose e cancerose.

1. Cambiamenti nella texture della pelle

cancro al seno 1.jpg

I cambiamenti della pelle possono essere un segno precoce di cancro al seno.

Il cancro al seno può causare cambiamenti e infiammazioni nelle cellule della pelle che possono portare a cambiamenti di consistenza. Esempi di queste modifiche alla trama includono:

  • pelle squamosa attorno al capezzolo e all’areola, come se la pelle fosse bruciata dal sole o estremamente secca
  • ispessimento della pelle in qualsiasi parte del seno

Questi cambiamenti possono anche causare prurito, che le persone spesso associano al cancro al seno, anche se non è comune.

Questi cambiamenti cutanei possono essere sintomatici di un raro tipo di cancro al seno chiamato malattia di Paget .

I cambiamenti della trama possono anche verificarsi a seguito di condizioni benigne della pelle, tra cui dermatiti ed eczemi .

2. Scarico del capezzolo

Una persona può osservare lo scarico dal capezzolo, che può essere sottile o spessa e può variare di colore da chiaro a lattiginoso a giallo, verde o rosso.

È normale che le persone che allattano al seno abbiano uno scarico di latte dai capezzoli, ma è consigliabile consultare un medico per qualsiasi altra secrezione di capezzolo.

Sebbene la maggior parte delle secrezioni dei capezzoli non sia cancerogena, in alcune persone può significare il cancro al seno.

Altre possibili ragioni per lo scarico del capezzolo includono:

  • infezioni al seno
  • un effetto collaterale della pillola anticoncezionale
  • un effetto collaterale di prendere alcuni farmaci
  • variazioni nella fisiologia del corpo
  • alcune condizioni mediche, come le malattie della tiroide

3. Dimpling

Le fossette cutanee possono a volte essere un segno di cancro al seno infiammatorio, un tipo aggressivo di cancro al seno . Le cellule tumorali possono causare un accumulo di liquido linfatico nel seno che porta al gonfiore e alle fossette o alla pelle denocciolata. È essenziale che chi nota le fossette sulla pelle parli con un medico.

I dottori chiamano questo cambiamento nell’aspetto della pelle “peau d’orange” perché la pelle delle fossette assomiglia alla superficie di un’arancia.

4. Modifiche ai linfonodi

linfonodi ascellari.jpg

Le cellule tumorali possono raggiungere i linfonodi ascellari.

I linfonodi sono piccole raccolte arrotondate di tessuto del sistema immunitario che filtrano il fluido e catturano le cellule potenzialmente dannose. Questi includono batteri, virus e cellule cancerose.

Se una cellula cancerosa lascia il seno, il primo punto in cui si sposta è la regione linfonodale ascellare sullo stesso lato del seno colpito. Questo può portare a gonfiore in quest’area.

Oltre ai linfonodi ingrossati sotto l’ascella, una persona può notarli intorno alla clavicola. Di solito si sentono piccoli, sodi, rigonfiamenti e possono essere teneri al tatto.

Tuttavia, il tessuto linfatico può anche cambiare a causa di infezioni al seno o di altre malattie completamente non correlate.

Una persona dovrebbe parlare con un medico di questi cambiamenti in modo che possano identificare una causa potenziale.

5. Dolore al seno o al capezzolo

Il cancro al seno può causare cambiamenti nelle cellule della pelle che portano a sentimenti di dolore, tenerezza e disagio al seno. Sebbene il cancro al seno sia spesso indolore, è importante non ignorare alcun segno o sintomo che potrebbe essere dovuto al cancro al seno.

Alcune persone possono descrivere il dolore come una sensazione di bruciore.

6. Retrazione o inversione del capezzolo

Il cancro al seno può causare cambiamenti delle cellule dietro il capezzolo. Questi cambiamenti possono comportare l’inversione del capezzolo e l’inversione verso l’interno del seno, oppure può apparire diverso in termini di dimensioni.

L’aspetto dei capezzoli può spesso variare durante l’ ovulazione o altre parti del ciclo mestruale, ma le persone dovrebbero vedere un medico su eventuali nuovi cambiamenti di capezzolo.

7. Rossore

Il cancro al seno può causare alterazioni della pelle che possono far apparire scolorite o anche lividi. La pelle può essere rossa o viola o avere una tinta bluastra.

Se una persona non ha subito traumi recenti al seno per spiegare questi cambiamenti, dovrebbe consultare il proprio medico. È inoltre fondamentale consultare un medico se la decolorazione del seno non scompare, anche se il trauma ne è la causa.

8. Gonfiore

Il cancro al seno può causare l’ingrossamento dell’intero seno o di un’area del seno. Non ci può essere un nodulo distinto dopo questo gonfiore, ma il seno può essere di dimensioni diverse rispetto all’altro seno.

Sebbene sia possibile per le persone avere seni di dimensioni leggermente diverse in ogni momento, questo gonfiore causerebbe un cambiamento dal loro solito seno.

La pelle può anche sentirsi stretta a causa del gonfiore.

Quando vedere un dottore

donna con dottore

Discutere eventuali cambiamenti nel seno con un medico.

Le persone non devono farsi prendere dal panico o avere paura quando notano cambiamenti al seno. L’invecchiamento, i cambiamenti nei livelli ormonali e altri fattori possono portare a cambiamenti della mammella durante la vita di una persona.

Tuttavia, le persone dovrebbero essere proattive sulla loro salute e visitare un medico per determinare la causa di qualsiasi sintomo mammario.

Ciascuno degli otto cambiamenti sopra elencati può giustificare un viaggio dal medico, specialmente se questi cambiamenti non sembrano riferirsi a uno dei seguenti:

  • il ciclo mestruale
  • ferita
  • malattia precedente, come un’infezione al seno

Un medico può valutare i sintomi, esaminare il seno o il seno interessati e, se necessario, raccomandare ulteriori studi. Possono suggerire una mammografia, un’ecografia , altri test di imaging o analisi del sangue per escludere infezioni o altre cause potenziali.

Porta via

Il cancro al seno può causare segni e sintomi che includono cambiamenti alla pelle su e intorno al seno.

Mentre molte condizioni possono potenzialmente causare cambiamenti al seno, tra cui cisti , infezioni, eczema e dermatite, una persona non dovrebbe escludere automaticamente il cancro al seno.

Vedere un medico per la valutazione e la diagnosi può aiutare a determinare se eventuali cambiamenti al seno sono causa di preoccupazione.

Cancro al seno: la nuova immunoterapia porta a una regressione completa. Condividete l’articolo Farmajet news

Una forma sperimentale di immunoterapia ha completamente cancellato il cancro al seno in un paziente che era stato precedentemente fallito da tutti gli altri trattamenti.
cancro al seno farmajet

Una forma sperimentale di immunoterapia ha portato a completare la regressione del cancro al seno in un paziente.

L’immunoterapia è una forma di terapia del cancro che aumenta il sistema immunitario del corpo nella lotta contro i tumori.

Il trasferimento cellulare adottivo (ACT), in particolare, è un tipo di immunoterapia che rafforza uno specifico tipo di cellula immunitaria: le cellule T.

In ACT, gli operatori sanitari raccolgono cellule T dal tumore maligno e isolano le cellule immunitarie che sono le più aggressive contro il cancro.

Successivamente, coltivano queste cellule T in gran numero in laboratorio e quindi le reintroducono nel corpo del paziente per via endovenosa.

L’ACT ha dimostrato di essere efficace nel trattamento di diversi tumori, come il melanoma , il cancro del polmone e i tumori della vescica. Questi cancri sono tutti caratterizzati da un alto livello di mutazioni.

Ma questa forma di terapia non è particolarmente efficace contro i tumori che hanno meno mutazioni, come il cancro allo stomaco , il cancro dell’esofago, il cancro alle ovaie e il cancro al seno .

Ora, tuttavia, una nuova e migliorata forma di ACT ha portato a una regressione completa del cancro al seno in un paziente che in precedenza non aveva risposto a tutti gli altri trattamenti – compresa la chemioterapia e la terapia ormonale.

Il trattamento è stato somministrato come parte di uno studio clinico di fase II condotto dal Dr. Steven A. Rosenberg, il capo del ramo di chirurgia presso il Centro per la ricerca sul cancro (CCR), che fa parte del National Cancer Institute (NCI).

risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature Medicine.

Il trattamento ha portato alla completa regressione

La novità di questa nuova forma sperimentale di immunoterapia consiste nell’utilizzare cellule chiamate linfociti infiltranti il ​​tumore (TILS) per indirizzare le mutazioni del tumore.

In questo caso specifico, il paziente con carcinoma mammario si è unito allo studio dopo che la chemioterapia e il trattamento ormonale l’avevano fallita.

Il Dr. Rosenberg e il team hanno analizzato il DNA e l’RNA del tumore del paziente e li hanno confrontati con quelli del tessuto normale per scoprire quali mutazioni genetiche erano specifiche per questo particolare tumore.

I ricercatori hanno rivelato 62 diverse mutazioni e testato quale TILS aveva la capacità di riconoscere queste mutazioni. Hanno trovato alcuni TILS in grado di riconoscere quattro mutazioni.

Mentre questi TILS sono stati raccolti e coltivati ​​in laboratorio, il paziente ha assunto anche pembrolizumab, che è un cosiddetto inibitore del checkpoint che aiuta il sistema immunitario a reagire più fortemente al cancro.

Dopo il trattamento, il cancro al seno scomparve completamente; sono passati 22 mesi dalla completa regressione del cancro, e da allora i tumori non sono più tornati.

Il ricercatore senior spera che i risultati siano generalizzabili e che presto saranno applicabili a un’ampia gamma di pazienti.

“Abbiamo sviluppato un metodo ad alto rendimento”, afferma Dr Rosenberg, “per identificare le mutazioni presenti in un cancro che sono riconosciute dal sistema immunitario”.

Sottolinea anche il fatto che questo trattamento non dipende dal tipo di cancro, ma dalle mutazioni. “Tutti i tumori hanno mutazioni, ed è quello che stiamo attaccando con questa immunoterapia”, dice, aggiungendo, “Questa ricerca è sperimentale in questo momento.”

Ma poiché questo nuovo approccio all’immunoterapia dipende dalle mutazioni, non dal tipo di cancro, è in un certo senso un progetto che possiamo usare per il trattamento di molti tipi di cancro”.

Dr. Steven A. Rosenberg

Il direttore di CCR, Tom Misteli, Ph.D., fa eco allo stesso sentimento. Dice: “Questo è un caso clinico illustrativo che evidenzia, ancora una volta, il potere dell’immunoterapia”.

“Se confermato in uno studio più ampio,” aggiunge Misteli, “promette di estendere ulteriormente la portata di questa terapia con cellule T a un più ampio spettro di tumori”.

Buone notizie per le donne con  cancro al seno: molte non hanno bisogno di chemio

“Siamo in grado di risparmiare a migliaia e migliaia di donne dall’assumere trattamenti tossici che davvero non gioverebbero loro”, ha detto la dott.ssa Ingrid A. Mayer, del Vanderbilt University Medical Center, autrice dello studio. “Questo è molto potente. Cambia davvero lo standard di cura. “

seno1Lo studio ha scoperto che i test genetici su campioni di tumore erano in grado di identificare le donne che potevano tranquillamente saltare la chemioterapia e assumere solo un farmaco che blocchi l’estrogeno ormonale o impedisca al corpo di farlo. Il tamoxifene che agisce da blocco ormonale e le medicine correlate, chiamate terapia endocrina, sono diventate una parte essenziale del trattamento per la maggior parte delle donne perché riducono i rischi di recidiva, nuovi tumori al seno e morte per malattia.

“Penso che questo sia un progresso molto significativo”, ha detto il dottor Larry Norton, del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York. Non è un autore dello studio, ma ha partecipato al suo ospedale. “Sarò in grado di guardare le persone negli occhi e dire:” Abbiamo analizzato il tuo tumore, hai una prognosi davvero buona e in realtà non hai bisogno di chemioterapia “. È una cosa carina poter dire a qualcuno. “

I risultati si riferiscono a circa 60.000 donne all’anno negli Stati Uniti, secondo il dott. Joseph A. Sparano del Montefiore Medical Center di New York, il leader dello studio.

“I risultati indicano che ora possiamo risparmiare la chemioterapia in circa il 70 per cento dei pazienti che potrebbero essere candidati potenziali sulla base di caratteristiche cliniche”, ha detto il dott. Sparano.

Ma il dott. Sparano e il dott. Mayer hanno aggiunto una nota di cautela: i dati hanno indicato che alcune donne di età compresa tra 50 e più giovani potrebbero trarre beneficio dalla chemio anche se i risultati dei test genetici suggerivano diversamente. Non è chiaro il perché. Ma quelle donne richiedono una consultazione particolarmente attenta, hanno detto. (La maggior parte dei casi di cancro al seno si verifica nelle donne anziane: l’età media alla diagnosi negli Stati Uniti è 62.)

Lo studio, chiamato TAILORx, è stato pubblicato dal New England Journal of Medicine e doveva essere presentato domenica a una riunione della American Society of Clinical Oncology a Chicago. Lo studio è iniziato nel 2006 ed è stato pagato dagli Stati Uniti e dai governi canadesi e dai gruppi filantropici. Genomic Health, la società che fa il test genetico, ha aiutato a pagare dopo il 2016.

Quest’anno sono attese circa 260.000 nuovi casi di cancro al seno nelle donne negli Stati Uniti e 41.000 morti. Globalmente, le cifre più recenti risalgono al 2012, quando c’erano 1,7 milioni di nuovi casi e più di mezzo milione di morti.

La chemioterapia può salvare vite umane, ma presenta gravi rischi che rendono importante evitare il trattamento se non è necessario. Oltre alla perdita di capelli e alla nausea che i pazienti temono, la chemio può causare danni al cuore e ai nervi, lasciare i pazienti vulnerabili alle infezioni e aumentare il rischio di leucemia più tardi nella vita. TAILORx è parte di uno sforzo più ampio per mettere a punto i trattamenti e risparmiare i pazienti da effetti collaterali duri ogni volta che è possibile.

La terapia endocrina ha anche effetti collaterali, che possono includere vampate di calore e altri sintomi della menopausa, aumento di peso e dolore alle articolazioni e ai muscoli. Il tamoxifene può aumentare il rischio di cancro dell’utero.

seno2

I pazienti colpiti dai nuovi risultati includono donne che, come la maggior parte nello studio, hanno tumori al seno in stadio iniziale che misurano da uno a cinque centimetri che non si sono diffusi ai linfonodi; sono sensibili agli estrogeni; test negativo per una proteina chiamata HER2; e hanno un punteggio da 11 a 25 su un test ampiamente utilizzato che misura l’attività di un panel di geni coinvolti nella recidiva del cancro.

Il test del gene, chiamato Oncotype DX Breast Cancer Assay, è al centro dello studio. Esistono altri test sui geni , ma questo è il più utilizzato negli Stati Uniti. Viene eseguito su campioni tumorali dopo l’intervento chirurgico, per aiutare a determinare se la chemio potrebbe aiutare. Il test viene generalmente eseguito per malattia in fase iniziale, tumori non più avanzati che hanno chiaramente bisogno di chemio perché si sono diffusi ai linfonodi o oltre.

Il test, disponibile dal 2004, fornisce punteggi da 0 a 100. Il costo è di circa $ 3,000 e l’assicurazione solitamente lo copre. Ricerche precedenti hanno dimostrato che i punteggi 10 e sotto non richiedono la chemioterapia e che i punteggi superiori a 25 lo fanno.

Ma la maggior parte delle donne che hanno diritto al test hanno punteggi da 11 a 25, che sono considerati intermedi.

“Questa è stata una delle grandi domande senza risposta nella gestione del cancro al seno negli ultimi tempi, che cosa fare con i pazienti con punteggi intermedi”, ha detto il dottor Norton. “Cosa fare è stato del tutto sconosciuto.” Ha aggiunto, “Un sacco di pazienti in quella fascia stanno prendendo la chemio.”

Il dottor Sparano ha detto che molti pazienti hanno ricevuto la chemio perché nel 2000 il National Cancer Institute lo ha raccomandato per la maggior parte delle donne, anche quelle la cui malattia non si era diffusa ai linfonodi, sulla base di studi che dimostrano che potrebbe impedire al cancro di ricorrere altrove nel corpo e diventare incurabile.

“Le recidive venivano prevenute e le vite si prolungavano”, ha detto il dott. Sparano. “Ma probabilmente stavamo superando molte di queste donne. Per ogni 100 donne che stavamo trattando, probabilmente stavamo evitando circa 4 recidive distanti. “

Il Dr. Mayer ha detto: “Non siamo riusciti a capire chi avevamo davvero bisogno di trattare”.

La disponibilità del test genetico nel 2004 ha aiutato i ricercatori a selezionare donne con un rischio molto alto o molto basso.

“Ma davvero non sapevamo cosa fare con le donne nel mezzo”, ha detto il dottor Mayer. “Alcuni sembravano beneficiare e altri no. Siamo tornati al punto zero, al sicuro piuttosto che dispiaciuto, dando la chemio a molti che non ne avevano bisogno. “

I dati hanno cominciato ad emergere suggerendo che le donne nel mezzo non sono state aiutate dalla chemio e molti medici hanno iniziato a raccomandarlo meno spesso. Ma era necessario uno studio definitivo, ed è così che è nato TAILORx.

Lo studio è iniziato nel 2006 e alla fine ha incluso 10.253 donne di età compresa tra 18 e 75. Dei 9.719 pazienti con complete informazioni di follow-up, il 70% ha ottenuto punteggi da 11 a 25 sul test genico. Avevano chirurgia e radiazioni, e poi sono stati assegnati a caso a ricevere sia la terapia endocrina da solo, o la terapia endocrina più chemio. Il follow-up mediano era più di sette anni.

Nel corso del tempo, i due gruppi sono andati altrettanto bene. La chemio non ha avuto alcun vantaggio. Dopo nove anni, il 93,9 per cento era ancora vivo nel gruppo di soli endocrini, contro il 93,8 per cento in quelli che avevano anche la chemioterapia. Nel gruppo endocrino, l’83,3% era privo di malattia invasiva, rispetto all’84,3% di entrambi i trattamenti. Non ci sono state differenze significative.

Ma i ricercatori hanno scritto che il beneficio della chemioterapia variava con la combinazione del punteggio di recidiva e dell’età, “con alcuni benefici della chemioterapia riscontrata nelle donne di 50 anni o più giovani con un punteggio di recidiva di 16-25”.

Bari Brooks, 58 anni, una paziente del dott. Mayer della White House, Tenn., Ha appreso da una mammografia che ha avuto un cancro al seno nel 2009 quando aveva 49 anni. La Mayer le ha detto che era candidata alla chemioterapia, e anche per il studio – in cui potrebbe o non potrebbe avere la chemio.

Poteva gestire il rischio di perdere un trattamento che potrebbe salvarle la vita? O il rischio di effetti collaterali che potrebbero essere inutili?

“Non era nemmeno una decisione a cui dovevo pensare”, ha detto la signora Brooks, che lavora nelle relazioni umane per la Vanderbilt University. “Era sì, voglio farlo”. Ha aggiunto: “Ti rendi conto di quanto sia insignificante ogni cosa. Soldi, non importa quanto hai. Lavora, quali progetti hai, non importa. Che cosa ho contribuito nella mia vita e cosa voglio contribuire? Questa era una situazione in cui potevo anche contribuire. Sono stato onorato e grato di farne parte. “

Decise che se fosse stata assegnata alla chemio, “mi sarei avvicinato a ciò che mi veniva purificato piuttosto che avvelenato”.

È approdata nel gruppo che ha ricevuto sia la chemioterapia che la terapia endocrina. La chemio è stata d’aiuto? Forse sì forse no. Lei non ha rimpianti. E nessuna prova di cancro.

Il dottor Mayer ha detto che l’atteggiamento filosofico della signora Brooks non era insolito, e che le donne che si erano iscritte agli studi capivano che stavano compiendo un atto di fede e che avrebbero potuto ottenere il trattamento “sbagliato” o meno desiderabile.

“Sono grati di aver contribuito a far progredire la conoscenza per altre donne”, ha detto il dott. Mayer. “Non sottovaluto mai quanto siano belle e altruistiche le persone. Le donne si guardano l’una dall’altra “.

Cancro al seno: una pillola innovativa può aiutare la diagnosi

Molte donne con moduli mammari benigni o tumore a lenta progressione si sottopongono a procedure inutili perché gli attuali metodi diagnostici non possono distinguere tra tumori dannosi e benigni. Una nuova pillola sperimentale potrebbe cambiarlo.
cancro al seno farmajet

Una pillola sperimentale potrebbe diventare il prossimo miglior strumento diagnostico per il cancro al seno?

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), solo nel 2014 – l’ultimo anno per cui sono disponibili dati completi – 236.968 donne e 2.141 uomini negli Stati Uniti hanno ricevuto una diagnosi di cancro al seno .

Ma, in molti casi, è difficile distinguere tra tumori maligni e benigni, o tra forme di cancro a rapida evoluzione e quelle che sono così lente da svilupparsi da non influenzare seriamente qualcuno durante la loro vita.

Inoltre, il tessuto mammario denso a volte può ostacolare la localizzazione e la diagnosi di tumori esistenti, che possono rimanere inosservati per un lungo periodo di tempo.

Inoltre, la mancanza di chiarezza in merito alla diagnosi iniziale può portare i professionisti della salute a sottoporre i pazienti a ulteriori procedure, che possono essere invasive e potrebbero non essere necessarie. Quindi, cosa accadrebbe se ci fosse un modo migliore e più accurato per diagnosticare il cancro al seno – uno che eliminasse lo stress e il costo dei trattamenti che potrebbero non portare benefici anche al paziente?

I ricercatori dell’Università del Michigan di Ann Arbor hanno ora sviluppato una pillola che, una volta ingerita, agisce come un agente di imaging molecolare, consentendo agli specialisti di ottenere informazioni più precise sulla posizione e sul tipo di tumori.

Strumento diagnostico più sicuro e più preciso

“Spendiamo oltre 4 miliardi [dollari] all’anno per la diagnosi e il trattamento dei tumori che le donne non potrebbero mai morire”, osserva il ricercatore capo Greg Thurber.

Ma, aggiunge, “Se andiamo all’immagine molecolare, possiamo vedere quali tumori devono essere trattati.”

Finora, il team di ricerca ha condotto uno studio sperimentale su topi che ha prodotto risultati promettenti. Un resoconto dettagliato delle scoperte degli scienziati è stato ora pubblicato sulla rivista Molecular Pharmaceutics .

La pillola sviluppata da Thurber e colleghi porta uno speciale agente “tintoria” che contrassegna i tumori rispondendo a una molecola presente nelle cellule tumorali , i vasi sanguigni che alimentano la crescita del tumore e il tessuto infiammato.

Questo “colorante” diventa visibile sotto la luce infrarossa, che può facilmente penetrare e “scansionare” il corpo senza esporlo ad alcuni dei rischi inerenti all’esposizione ai raggi X , come le mutazioni del DNA.

Una volta assorbito nel corpo, questo marker non solo rivela, con precisione, dove si trovano i tumori, ma fornisce anche informazioni sul tipo di tumore rendendo visibili le diverse molecole presenti sulla superficie delle cellule tumorali.

Questo può aiutare gli specialisti a distinguere tra noduli maligni e benigni, oltre a valutare il tipo di tumore del cancro.

Parlando di altri benefici che una pillola che porta il colorante infrarosso fornirebbe ai pazienti, Thurber e il team notano anche che si tratta di uno strumento diagnostico più sicuro rispetto ai coloranti infrarossi iniettabili simili. Questo, spiegano, è perché alcuni individui possono avere gravi reazioni avverse a questi agenti iniettabili.

Un compito impegnativo

Mentre le pillole che trasportano macromolecole ai tumori sono state sviluppate da altri gruppi di ricerca, queste si sono rivelate inefficaci negli studi clinici.

Numerose sfide ostacolano la progettazione di un mezzo che aggiri efficacemente le porte del corpo verso il flusso sanguigno, per fornire agenti chimici laddove sono necessari.

Nel caso di pillole che trasportano coloranti, gli ostacoli sono particolarmente complessi, come osserva Thurber:

Per ottenere una molecola assorbita nel flusso sanguigno, è necessario che sia piccola e unta, ma un agente di imaging deve essere più grande e solubile in acqua, quindi hai bisogno di proprietà opposte”.

In effetti, l’attuale pillola diagnostica “sulle spalle” sulla progettazione di un farmaco antitumorale che non ha superato le prove cliniche di fase II.

Mentre l’agente terapeutico, sfortunatamente, non si è dimostrato efficace, la composizione della pillola era ideale per trasportare macromolecole nel sangue, in modo che potessero “trovare la loro strada” verso qualsiasi tumore esistente.

“[La pillola sviluppata nello studio attuale] è in realtà basata su un farmaco fallito”, spiega Thurber. “Si lega al bersaglio, ma non fa nulla, il che lo rende perfetto per l’imaging.”

In questo studio di proof-of-concept, i ricercatori hanno lavorato con un modello murino per il tumore al seno e sono stati lieti di notare che la pillola ha funzionato come previsto, consegnando il colorante infrarosso ai siti tumorali rilevanti e contrassegnando i noduli.

Ciò significa che la macromolecola contenuta nella pillola è stata in grado di sopravvivere nell’ambiente acido dello stomaco; inoltre, non è stato “svuotato” dal fegato, permettendo alla fine di passare nel flusso sanguigno e fare il suo lavoro previsto.

Cosa devi sapere sul cancro al seno. Farmajet news

 

Il cancro al seno è il tumore invasivo più comune nelle donne e la seconda causa principale di morte per cancro nelle donne dopo il cancro del polmone.

I progressi nello screening e nel trattamento hanno aumentato drasticamente i tassi di sopravvivenza dal 1989. Ci sono circa 3,1 milioni di sopravvissuti al cancro al seno negli Stati Uniti (USA). La possibilità che una donna muoia di cancro al seno è di circa 1 su 37, pari al 2,7 percento.

Nel 2017, circa 252, 710 nuove diagnosi di cancro al seno sono previste per le donne e circa 40.610 donne muoiono probabilmente per questa malattia.

La consapevolezza dei sintomi e la necessità di screening sono modi importanti per ridurre il rischio.

Il cancro al seno può colpire anche gli uomini , ma questo articolo si concentrerà sul cancro al seno nelle donne.

Fatti veloci sul cancro al seno:Ecco alcuni punti chiave sul cancro al seno. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Il cancro al seno è il più comune cancro tra le donne.
  • I sintomi includono un nodulo o ispessimento del seno e cambiamenti alla pelle o al capezzolo.
  • I fattori di rischio possono essere genetici, ma alcuni fattori dello stile di vita, come l’assunzione di alcol, rendono più probabile che accada.
  • È disponibile una vasta gamma di trattamenti, tra cui chirurgia, radioterapia e chemioterapia .
  • Molti noduli al seno non sono cancerosi, ma ogni donna che si preoccupa di un nodulo o di un cambiamento dovrebbe consultare un medico.

Sintomi

I primi sintomi del cancro al seno sono di solito una zona di tessuto ispessito nel seno, o un nodulo al seno o sotto l’ascella.

seno1

Una diagnosi precoce del cancro al seno aumenta le possibilità di recupero.

Altri sintomi includono:

  • un dolore alle ascelle o al seno che non cambia con il ciclo mensile
  • vaiolatura o arrossamento della pelle del seno, come la pelle di un’arancia
  • un’eruzione intorno o su uno dei capezzoli
  • uno scarico da un capezzolo, possibilmente contenente sangue
  • un capezzolo incavato o capovolto
  • un cambiamento delle dimensioni o della forma del seno
  • peeling, desquamazione o desquamazione della pelle sul seno o sul capezzolo

La maggior parte dei grumi non è cancerosa, ma le donne dovrebbero farli controllare da un operatore sanitario.

fasi

Il cancro viene organizzato in base alle dimensioni del tumore e se si è diffuso ai linfonodi o in altre parti del corpo.

Esistono diversi modi di stadiazione del tumore al seno. Un modo è dallo stadio 0 al 4, ma questi possono essere suddivisi in fasi più piccole.

Stadio 0 : noto come carcinoma duttale in situ (DCIS), le cellule sono limitate all’interno di un condotto e non hanno invaso i tessuti circostanti.

Fase 1 : all’inizio di questa fase, il tumore ha una larghezza massima di 2 centimetri (cm) e non ha interessato alcun linfonodo.

Fase 2 : il tumore ha un diametro di 2 cm e ha iniziato a diffondersi ai nodi vicini.

Stadio 3 : il tumore ha una larghezza massima di 5 cm e può essersi diffuso in alcuni linfonodi.

Fase 4 : il tumore si è diffuso in organi distanti, specialmente nelle ossa, nel fegato, nel cervello o nei polmoni.

Le cause

Dopo la pubertà , il seno di una donna consiste di grasso, tessuto connettivo e migliaia di lobuli, piccole ghiandole che producono latte per l’allattamento al seno. Tubi piccoli, o condotti, portano il latte verso il capezzolo.

Nel cancro, le cellule del corpo si moltiplicano in modo incontrollabile. È l’eccessiva crescita cellulare che causa il cancro.

Il cancro al seno di solito inizia nel rivestimento interno dei condotti del latte o dei lobuli che li riforniscono di latte. Da lì, può diffondersi in altre parti del corpo.

Fattori di rischio

La causa esatta rimane poco chiara, ma alcuni fattori di rischio lo rendono più probabile. Alcuni di questi sono prevenibili.

1. Età

Il rischio aumenta con l’età. A 20 anni, la possibilità di sviluppare il cancro al seno nel prossimo decennio è dello 0,6 per cento . All’età di 70 anni, questa cifra sale al 3,84 per cento.

2. Genetica

Se un parente stretto ha o ha avuto, il cancro al seno, il rischio è più alto.

Le donne che portano i geni BRCA1 e BRCA2 hanno un rischio più elevato di sviluppare carcinoma mammario, cancro ovarico o entrambi. Questi geni possono essere ereditati. TP53 è un altro gene che è collegato a un maggior rischio di cancro al seno.

3. Una storia di cancro al seno o noduli al seno

Le donne che hanno avuto un cancro al seno prima hanno maggiori probabilità di averlo di nuovo, rispetto a quelli che non hanno una storia della malattia.

Avere alcuni tipi di noduli al seno benigni o non cancerogeni aumenta la possibilità di sviluppare il cancro in seguito. Gli esempi includono iperplasia duttale atipica o carcinoma lobulare in situ.

4. Tessuto mammario denso

Il cancro al seno è più probabile che si sviluppi nel tessuto mammario ad alta densità.

5. Esposizione agli estrogeni e allattamento al seno

Essere esposti agli estrogeni per un periodo più lungo sembra aumentare il rischio di cancro al seno.

Questo potrebbe essere dovuto all’inizio di periodi precedenti o entrare in menopausa dopo la media. Tra questi tempi, i livelli di estrogeni sono più alti.

L’allattamento al seno, specialmente per oltre 1 anno, sembra ridurre la possibilità di sviluppare il cancro al seno, probabilmente perché la gravidanza seguita dall’allattamento al seno riduce l’esposizione agli estrogeni.

6. Peso corporeo

Le donne che sono in sovrappeso o che hanno obesità dopo la menopausa possono avere un rischio più elevato di sviluppare il cancro al seno, probabilmente a causa di livelli più elevati di estrogeni. Anche l’assunzione di zuccheri alti può essere un fattore.

7. Consumo di alcol

Un più alto tasso di consumo regolare di alcol sembra giocare un ruolo. Gli studi hanno dimostrato che le donne che consumano più di 3 bevande al giorno hanno un rischio 1,5 volte più elevato.

8. Esposizione alle radiazioni

Sottoporsi a trattamento con radiazioni per un tumore che non è il cancro al seno aumenta il rischio di cancro al seno più tardi nella vita.

9. Trattamenti ormonali

L’uso della terapia ormonale sostitutiva (HRT) e delle pillole anticoncezionali orali è stato collegato al cancro al seno, a causa dell’aumento dei livelli di estrogeni.

10. Pericoli professionali

Nel 2012, i ricercatori hanno concluso che l’esposizione a determinati agenti cancerogeni e interferenti endocrini, ad esempio sul luogo di lavoro, potrebbe essere collegata al cancro al seno.

Nel 2007, gli scienziati hanno suggerito che i turni notturni di lavoro potrebbero aumentare il rischio di cancro al seno, ma ricerche più recenti concludono che ciò è improbabile.

Protesi cosmetiche e sopravvivenza del cancro al seno

Le donne con protesi mammarie cosmetiche a cui viene diagnosticato un cancro al seno hanno un rischio più elevato di morire dalla malattia e una probabilità maggiore del 25% di essere diagnosticate in una fase successiva, rispetto alle donne senza protesi.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che gli impianti mascherano il cancro durante lo screening o perché gli impianti provocano cambiamenti nel tessuto mammario. Sono necessarie ulteriori ricerche

tipi

Il cancro al seno può essere:

  • Carcinoma duttale: inizia nel condotto del latte ed è il tipo più comune.
  • Carcinoma lobulare: inizia nei lobuli.

Il carcinoma mammario invasivo si verifica quando le cellule tumorali escono dall’interno dei lobuli o dei dotti e invadono il tessuto vicino, aumentando la possibilità di diffondersi in altre parti del corpo.

Il carcinoma mammario non invasivo si verifica quando il tumore è ancora all’interno del suo luogo di origine e non si è sviluppato. Tuttavia, queste cellule possono eventualmente svilupparsi in carcinoma mammario invasivo.

Il cancro al seno può colpire anche gli uomini, ma è meno comune negli uomini che nelle donne.

Diagnosi

Una diagnosi si verifica spesso come risultato di uno screening di routine o quando una donna si avvicina al proprio medico dopo aver rilevato i sintomi.

Alcuni test e procedure diagnostiche aiutano a confermare una diagnosi.

Esame del.seno

Il medico controllerà il seno del paziente per grumi e altri sintomi.

Al paziente verrà chiesto di sedersi o stare in piedi con le braccia in posizioni diverse, come sopra la testa e lungo i fianchi.

Test di imaging

Una mammografia è un tipo di raggi x comunemente usato per lo screening iniziale del carcinoma mammario. Produce immagini che possono aiutare a rilevare eventuali grumi o anomalie.

Un risultato sospetto può essere seguito da un’ulteriore diagnosi. Tuttavia, la mammografia a volte mostra un’area sospetta che non è un cancro. Questo può portare a stress inutili ea volte interventi.

Un’ecografia può aiutare a distinguere tra una massa solida o una cisti piena di liquido .

Una risonanza magnetica comporta l’iniezione di una sostanza colorante nel paziente, quindi scopri fino a che punto il tumore si è diffuso.

Biopsia

Un campione di tessuto viene rimosso chirurgicamente per l’analisi di laboratorio. Questo può mostrare se le cellule sono cancerose e, in tal caso, quale tipo di cancro è, anche se il cancro è o meno sensibile agli ormoni.

La diagnosi comporta anche la stadiazione del cancro, per stabilire:

  • la dimensione di un tumore
  • quanto si è diffuso
  • se è invasivo o non invasivo
  • se ha metastasi, o diffuso in altre parti del corpo

La stadiazione influenzerà le possibilità di recupero e aiuterà a decidere le migliori opzioni di trattamento.

Trattamento

Il trattamento dipenderà da:

seno3

La chemioterapia può essere un’opzione per il cancro al seno.

  • il tipo di cancro al seno
  • il palcoscenico del cancro
  • sensibilità agli ormoni
  • l’età del paziente, la salute generale e le preferenze

Le opzioni principali includono:

  • radioterapia
  • chirurgia
  • terapia biologica o terapia farmacologica mirata
  • terapia ormonale
  • chemioterapia

I fattori che influenzano la scelta includeranno la fase del cancro, altre condizioni mediche e le preferenze individuali.

Chirurgia

Se è necessario un intervento chirurgico, la scelta dipenderà dalla diagnosi e dall’individuo.

Lumpectomy : rimuovere il tumore e un piccolo margine di tessuto sano intorno ad esso può aiutare a prevenire la diffusione del cancro. Questa può essere un’opzione se il tumore è piccolo e può essere facilmente separato dal tessuto circostante.

Mastectomia : semplice mastectomia comporta la rimozione di lobuli, dotti, tessuto adiposo, capezzolo, areola e un po ‘di pelle. La mastectomia radicale rimuove anche il muscolo dalla parete toracica e dai linfonodi dell’ascella.

Biopsia del linfonodo sentinella : la rimozione di un linfonodo può arrestare la diffusione del cancro, perché se il cancro al seno raggiunge un linfonodo, può diffondersi ulteriormente attraverso il sistema linfatico in altre parti del corpo.

Dissezione linfonodale ascellare : se ci sono cellule tumorali su un nodo chiamato linfonodo sentinella, il chirurgo può raccomandare di rimuovere diversi linfonodi nell’ascella per prevenire la diffusione della malattia.

Ricostruzione : dopo la chirurgia del seno, la ricostruzione può ricreare il seno in modo che sembri simile all’altro seno. Questo può essere fatto contemporaneamente a una mastectomia o in una data successiva. Il chirurgo può utilizzare una protesi mammaria o un tessuto proveniente da un’altra parte del corpo del paziente.

Radioterapia

Le dosi controllate di radiazioni sono mirate al tumore per distruggere le cellule tumorali. Utilizzato da circa un mese dopo l’intervento chirurgico, insieme alla chemioterapia, può uccidere tutte le cellule tumorali rimanenti.

Ogni sessione dura alcuni minuti e il paziente può aver bisogno di 3-5 sedute a settimana per 3-6 settimane, a seconda dell’obiettivo e dell’entità del tumore.

Il tipo di tumore al seno determinerà quale tipo di radioterapia, se presente, è più adatto.

Gli effetti collaterali includono affaticamento , linfedema , oscuramento della pelle del seno e irritazione della pelle del seno.

Chemioterapia

Farmaci noti come farmaci citotossici possono essere utilizzati per uccidere le cellule tumorali, se esiste un alto rischio di recidiva o diffusione. Questo è chiamato chemioterapia adiuvante.

Se il tumore è grande, la chemioterapia può essere somministrata prima dell’intervento per ridurre il tumore e facilitarne la rimozione. Questo è chiamato chemioterapia neo-adiuvante.

La chemioterapia può anche trattare il cancro che ha metastasi, o diffondersi ad altre parti del corpo, e può ridurre alcuni sintomi, specialmente nelle fasi successive.

Può essere usato per ridurre la produzione di estrogeni, in quanto gli estrogeni possono favorire la crescita di alcuni tumori al seno.

Gli effetti avversi comprendono nausea, vomito, perdita di appetito, affaticamento, infiammazione della bocca, perdita di capelli e una lieve suscettibilità alle infezioni. I farmaci possono aiutare a controllare molti di questi.

Terapia di blocco ormonale

La terapia di blocco ormonale viene utilizzata per prevenire la recidiva nei tumori al seno ormono-sensibili. Questi sono spesso definiti come cancri positivi per il recettore dell’estrogeno (ER) e del recettore del progesterone (PR).

La terapia di blocco ormonale viene normalmente utilizzata dopo l’intervento chirurgico, ma a volte può essere utilizzata in anticipo per ridurre il tumore.

Potrebbe essere l’unica opzione per i pazienti che non possono sottoporsi a chirurgia, chemioterapia o radioterapia.

Gli effetti normalmente durano fino a 5 anni dopo l’intervento. Il trattamento non avrà alcun effetto sui tumori che non sono sensibili agli ormoni.

Esempi inclusi:

  • tamoxifene
  • inibitori dell’aromatasi
  • ablazione ovarica o soppressione
  • un agonista dell’ormone che rilascia l’ormone luteinizzante (LHRHa) chiamato Goserelin, per sopprimere le ovaie

La terapia ormonale può influire sulla fertilità futura di una donna.

Trattamento biologico

I farmaci mirati distruggono specifici tipi di cancro al seno. Gli esempi includono trastuzumab (Herceptin), lapatinib (Tykerb) e bevacizumab (Avastin). Questi farmaci sono tutti usati per scopi diversi.

I trattamenti per la mammella e altri tumori possono avere gravi effetti avversi.

Il paziente deve discutere con un medico i rischi coinvolti e i modi per minimizzare gli effetti negativi, al momento di decidere sul trattamento.

prospettiva

Con il trattamento, una donna che riceve una diagnosi di carcinoma mammario allo stadio 0 o allo stadio 1 ha quasi il 100% di probabilità di sopravvivere per almeno 5 anni.

Se la diagnosi viene fatta nella fase 4, la possibilità di sopravvivere per altri 5 anni è di circa il 22%.

Controlli e controlli regolari possono aiutare a rilevare i sintomi in anticipo. Le donne dovrebbero discutere le loro opzioni con un medico.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire il cancro al seno, ma alcune decisioni sullo stile di vita possono ridurre significativamente il rischio di cancro al seno e di altro tipo.

Questi includono:

  • evitando il consumo eccessivo di alcol
  • seguendo una dieta sana con abbondanza di frutta e verdura fresca
  • fare abbastanza esercizio
  • mantenere un indice di massa corporea sano ( BMI )

Le donne dovrebbero riflettere attentamente sulle loro opzioni per l’allattamento e l’uso della terapia ormonale sostitutiva in seguito alla menopausa, in quanto possono influenzare il rischio.

La chirurgia preventiva è un’opzione per le donne ad alto rischio.

Le cellule del cancro al seno alimentate con ormoni si sono fermate con un nuovo approccio

I ricercatori hanno trovato un modo per esaurire le cellule di cancro al seno di energia e quindi fermare la loro crescita. I risultati potrebbero un giorno aiutare ad alleviare il cancro al seno resistente al trattamento.
seno

Le cellule tumorali (mostrate qui) devono produrre energia nel loro nucleo per diffondersi. Ma la nuova ricerca ha trovato un modo per impedirgli di farlo.

Secondo l’American Cancer Society (ACS), circa tumori su 3 sono guidati da ormoni.

Ciò significa che le cellule del cancro al seno possiedono proteine ​​che agiscono come recettori ormonali e si nutrono di estrogeni o progesterone .

Questi ormoni aiutano il cancro al seno a diffondersi, quindi la terapia ormonale ha lo scopo di prevenire la diffusione o il ripetersi del cancro bloccando i recettori ormonali.

Tuttavia, questi farmaci che bloccano gli ormoni hanno spesso una vasta gamma di effetti collaterali o non sono completamente efficaci perché il cancro trova nuovi modi per diffondersi o diventare resistente al trattamento.

Ma ora, una nuova ricerca – condotta da scienziati del Karolinska Institutet e Science for Life Laboratory di Solna, in Svezia – offre nuove speranze, poiché il team ha scoperto un modo per affamare le cellule di energia del cancro al seno alimentate con l’ormone. Questo potrebbe portare a farmaci migliori in futuro.

I ricercatori – guidati dal Prof. Thomas Helleday, del Dipartimento di Biochimica e Biofisica medica del Karolinska Institutet – hanno trovato una proteina che aiuta le cellule del cancro al seno a ottenere l’energia di cui hanno bisogno per proliferare. Hanno anche trovato un composto che inibisce questa proteina.

Brent DG Page e Nicholas CK Valerie, del Science for Life Laboratory di Karolinska, sono i primi autori del nuovo studio , che è stato pubblicato sulla rivista Nature Communications.

Come uccidere le cellule del cancro al seno

Il Prof. Helleday e i suoi colleghi hanno iniziato a studiare il ruolo della cosiddetta proteina NUDT5 – un enzima che metabolizza il nucleotide – nel cancro al seno.

Hanno scoperto che NUDT5 è usato dalle cellule del cancro al seno per creare energia nel loro nucleo. L’energia nucleare così creata viene utilizzata per guidare l’espressione genica che causa il cancro.

Quindi, i ricercatori hanno spostato la loro attenzione sullo sviluppo di una molecola che potrebbe bloccare l’attività di NUDT5.

Questo composto è chiamato TH5427 e gli esperimenti di laboratorio hanno rivelato che agisce con successo come inibitore NUDT5, bloccando la diffusione delle cellule di cancro al seno.

Gli autori riassumono le loro scoperte, dicendo: “L’utilizzo di queste tecniche all’avanguardia ci ha portato a scoprire TH5427, un potente inibitore NUDT5 attivo nelle cellule che può essere utilizzato per comprendere ulteriormente il ruolo di NUDT5 nei sistemi biologici”.

“Abbiamo fornito una prova di concetto che dimostra che il TH5427 blocca i processi dipendenti da NUDT5 nelle cellule di cancro al seno e che si rivolge a NUDT5 può rappresentare un promettente nuovo approccio terapeutico per il trattamento del cancro al seno”, spiegano i ricercatori.

Al di là di questa “prova del concetto”, gli scienziati ora sperano di scoprire e sviluppare più inibitori NUDT5 che, a lungo termine, potrebbero aiutare a migliorare drasticamente la vita dei pazienti con cancro al seno. Dicono:

Gli sforzi in corso mirano a formulare inibitori NUDT5 per uso in vivo e si concentreranno su ulteriori indagini sul ruolo di NUDT5 nel cancro e in altri modelli di malattia”.

In definitiva, il professor Helleday ei suoi colleghi sperano di muoversi verso studi clinici sull’uomo, ma l’autore senior dello studio sottolinea la lunga strada da percorrere.

“Sono risultati entusiasmanti, ma la strada da percorrere è lunga da quando sappiamo ancora molto poco su come funziona NUDT5”, dice.

I ricercatori sperano che le loro scoperte aiuteranno a trattare non solo il cancro al seno, ma si spera che anche altre forme di cancro.