Il succo di Aloe vera può curare il colon irritabile?

L’aloe vera è un ingrediente comune in saponi e idratanti, ma può anche avere benefici per i problemi digestivi.

Alcune persone hanno recentemente suggerito che il consumo di succo di Aloe vera potrebbe aiutare con il trattamento della sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Questo articolo discuterà se il succo di Aloe Vera può essere usato per ridurre i sintomi di IBS, così come tutti i possibili effetti collaterali.

Cos’è il succo di Aloe vera?

aloe vera succo.jpg

Il succo di aloe vera è popolare come bevanda rinfrescante e per i suoi potenziali benefici per la salute.

Estratti dalle piante di Aloe Vera sono ampiamente usati nella medicina alternativa e si pensa che abbiano una serie di benefici cosmetici e salutistici.

Si pensa che l’aloe vera abbia molti benefici per la salute della pelle. Tradizionalmente, le foglie di aloe vera sono state usate per curare ferite o ustioni.

Ora è comune per le persone estrarre il gel dalle foglie e usarlo per trattare le condizioni della pelle, come la dermatite, o in idratanti e saponi.

Il gel di aloe vera è anche un ingrediente nel dentifricio a causa delle sue proprietà anti-infiammatorie e antibatteriche.

L’aloe vera può essere trasformata in un succo usando la parte verde della foglia. Questo succo può agire come un lassativo e può essere usato per trattare la stitichezza o la diarrea .

Succo di aloe vera e IBS

L’aloe vera è pensata per essere utile per trattare alcuni dei sintomi associati a IBS, come stitichezza e diarrea.

Le proprietà antinfiammatorie di Aloe vera possono aiutare a ridurre l’ infiammazione gastrointestinale , che può contribuire ai sintomi di IBS.

Le persone con IBS in genere gestiscono i loro sintomi attraverso i cambiamenti dello stile di vita piuttosto che i farmaci. Questi cambiamenti possono includere l’adozione di una dieta con alti livelli di fibre o l’esclusione di alimenti che scatenano i sintomi, più comunemente attraverso una dieta FODMAP bassa. I FODMAP sono un tipo di carboidrati difficile da digerire per l’organismo

Tuttavia, non è chiaro se una dieta FODMAP ufficiale bassa includa l’Aloe vera in questa fase e il suo uso è controverso per diversi motivi.

Pochissimi studi sono stati condotti per determinare l’efficacia di Aloe vera nel trattamento dei sintomi di IBS.

Il primo studio randomizzato controllato di Aloe vera come trattamento per IBS ha avuto luogo nel 2006. Alle persone con IBS sono stati somministrati supplementi di Aloe vera o un placebo per 3 mesi. I ricercatori non hanno trovato alcun beneficio per l’integrazione di Aloe vera nel trattamento dei sintomi di IBS.

Uno studio più recente che ha coinvolto 110 partecipanti con IBS incentrato sulla qualità della vita. I ricercatori non sono stati ancora in grado di trovare una differenza significativa tra l’Aloe vera e una sostanza placebo per ridurre i sintomi di IBS.

Uno studio condotto nel 2013 ha rilevato che l’Aloe vera ha avuto un impatto positivo sulla riduzione del dolore addominale e della flatulenza nelle persone con IBS. Tuttavia, a questo studio mancava un gruppo di controllo, il che significa che non era possibile determinare se i sintomi fossero migliorati come risultato diretto dell’Aloe vera. I sintomi possono essere naturalmente migliorati nel tempo o come parte di un effetto placebo.

Al momento mancano prove a supporto dell’uso di Aloe vera per trattare i sintomi dell’IBS. Ulteriori studi randomizzati controllati di alta qualità sarebbero necessari per determinare i benefici che l’Aloe vera può avere per le persone con IBS.

Effetti collaterali

diarrea.jpg

Il dolore addominale e la diarrea sono potenziali effetti collaterali dell’ingestione di succo di aloe vera non purificato.

Il succo di aloe vera può essere purificato (decolorato) o non purificato (non decolorato). Il succo non purificato può causare effetti collaterali avversi, tra cui:

  • dolore addominale
  • diarrea
  • disidratazione o squilibri elettrolitici
  • bassi livelli di zucchero nel sangue
  • reazioni allergiche
  • interazioni con altri farmaci

I succhi che hanno prodotto l’intera foglia della pianta possono contenere lattice e hanno maggiori probabilità di produrre effetti collaterali negativi. Le persone dovrebbero bere solo questo tipo di succo in piccole quantità.

La Food and Drugs Administration (FDA) degli Stati Uniti non regolamenta il succo di Aloe vera, quindi una persona dovrebbe acquistarlo solo da una fonte attendibile. Chiunque abbia effetti collaterali dopo aver bevuto succo di aloe vera dovrebbe parlare con un medico.

Cos’è IBS?

IBS è una condizione cronica che colpisce il sistema digestivo. Può causare dolore addominale e gonfiore addominale, flatulenza eccessiva, diarrea e costipazione.

I sintomi riscontrati e la loro gravità possono variare considerevolmente da persona a persona. Non è chiaro che cosa causi IBS, e la condizione non ha attualmente una cura.

Porta via

Il succo di aloe vera può aiutare ad alleviare i sintomi dell’IBS, ma è necessaria una ricerca empirica per sostenere queste affermazioni. Allo stato attuale, c’è un livello insufficiente di prove per suggerire che le persone con IBS dovrebbero bere il succo di Aloe Vera per giustificare il rischio di effetti collaterali avversi.

Le persone che desiderano provare il succo di Aloe vera per i sintomi dell’IBS devono assicurarsi che sia purificato e consultare un medico prima del consumo.

il miglior succo d’aloe e quello aloe vera succo naturfarma

aloe-vera-puro-succo-fresco-naturfarma-1000-ml

 

Annunci

Tossina di Escherichia coli legata a malattia infiammatoria intestinale

Una nuova ricerca suggerisce che una tossina prodotta dai batteri E. coli possa essere ciò che scatena l’infiammazione nella malattia infiammatoria intestinale.
uomo con mal di pancia farmajet

I sintomi dolorosi di IBD possono essere causati da una tossina prodotta da batteri E. coli.

Il termine malattia infiammatoria intestinale (IBD) descrive condizioni caratterizzate da infiammazione cronica nel tratto gastrointestinale, come il morbo di Crohn e la colite ulcerosa.

Negli Stati Uniti, si stima che 3 milioni di persone vivano con questa condizione.

Mentre la causa precisa dell’IBD è sconosciuta, i ricercatori sanno che è causata da una reazione eccessiva del sistema immunitario al tratto gastrointestinale, che causa l’infiammazione.

Questa reazione tende a verificarsi nelle persone che sono geneticamente predisposti alla condizione. Tuttavia, ci sono anche fattori ambientali in gioco che innescano questa risposta immunitaria – e questi fattori rimangono un mistero.

Ora, gli scienziati potrebbero essersi imbattuti in una scoperta interessante che ci induce a indurre su uno di questi potenziali fattori scatenanti.

I ricercatori del John Innes Center, a Norwich, nel Regno Unito, che lavorano in collaborazione con il Brigham and Women’s Hospital (BWH) di Boston, MA, pensano che i sottoprodotti di una tossina chiamata microcina B17 possano causare infiammazione nell’IBD.

La Microcin B17 è prodotta da E. coli ( Escherichia coli ), un batterio che si trova spesso nelle viscere degli umani e di altri animali.

E. coli produce microcine B17 per combattere altri batteri nell’intestino. Ciò ha reso la tossina potenzialmente utile nella ricerca di un nuovo antibiotico – qualcosa che il team di ricercatori con sede nel Regno Unito stavano indagando da tempo prima che il gruppo di Boston li contattasse.

Il primo autore del nuovo documento è Shankar S. Iyer della BWH e Harvard Medical School di Boston, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Cell .

Una “scoperta casuale” può spiegare IBD

Il Prof. Tony Maxwell, che ha guidato il team con sede nel Regno Unito, spiega come hanno trovato il link:

“Questa è in gran parte una scoperta casuale. Abbiamo studiato questa tossina per le sue proprietà antibatteriche e siamo stati contattati dal Prof. Richard Blumberg che guida il gruppo di Boston per ragioni diverse – pensavano che potesse esserci una connessione tra la tossina e l’IBD. ”

Per vedere se questo era il caso, i ricercatori hanno sperimentato l’uso di modelli murini di colite e colture di cellule del colon. Hanno anche progettato una versione sintetica della microcina B17 per vedere se avrebbe indotto un’infiammazione nel colon dei topi.

Gli scienziati hanno scoperto che, in effetti, la microcina B17 induce l’infiammazione intestinale in vivo. Questa infiammazione dipendeva dalle proteine ​​CD1d.

Le proteine CD1d sono molecole che “mediano la presentazione principalmente di antigeni lipidici e glicolipidi” alle cellule T – un tipo di globuli bianchi che svolge un ruolo chiave nell’immunità.

Il Prof. Maxwell spiega ulteriormente i risultati, dicendo “I batteri che vivono dentro di noi hanno un grande impatto sul benessere”.

“Latorsione qui è che non è il batterio di E. coli ma la tossina prodotta dai batteri che sembra avere un effetto”.

Prof. Tony Maxwell

“Producono queste tossine per uccidere i loro vicini nella loro lotta per le nicchie ecologiche, ma sembra che i prodotti di degradazione della tossina possano iniziare l’infiammazione intestinale”, aggiunge il ricercatore.

Inoltre, la ricerca suggerisce anche che gli oxazoli alimentari e microbici , in generale, innescano l’infiammazione intestinale.

Gli oxazoli sono una classe di composti organici aromatici che hanno proprietà antibatteriche, antimicotiche e antinfiammatorie, che li rendono una buona base per diversi antibiotici, tra le altre applicazioni.

Fred Collin, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio del Prof. Maxwell e co-autore dello studio afferma: “Questi risultati faranno progredire la nostra comprensione di come l’infiammazione intestinale associata alla IBD possa essere innescata e offrire nuove speranze di una futura terapia potenziale”.

Colon Irritabile ? Risolvi con Gastrobiotic Plus

Colon Irritabile? scopri come risolvere
Soffri di disturbi intestinali ? Dall ’innovazione Farmaceutica arriva Gastrobiotic Plus.
COLON IRRITABILE NEWS
La sindrome del colon irritabile è caratterizzata da disturbi intestinali cronici, che per molti possono risultare fastidiosi e in innumerevoli casi estremamente opprimenti.I pazienti lamentano i sintomi più diversi: alcuni soffrono di stitichezza mentre altri di diarrea; di tanto in tanto, possono verificarsi poi episodi di flatulenza o dolori addominali. In molti pazienti i sintomi si manifestano in maniera ricorrente e per un lungo periodo, spesso alternandosi o presentandosi in combinazione. La sindrome del colon irritabile può avere dunque molte facce e i suoi disturbi possono essere tali e tanti da dettare letteralmente i ritmi della giornata di alcune delle persone che ne soffrono, pregiudicandone considerevolmente anche la qualità della vita.Inoltre, chi è affetto dalla sindrome del colon irritabile si sente frequentemente incompreso e abbandonato, aspetto, quest’ultimo, ritenuto da molti altrettanto gravoso quanto i sintomi stessi. Troppo spesso infatti, le persone con disturbi intestinali cronici vengono derise o etichettate come bugiarde.A torto.
La sindrome del colon irritabile tiene impegnati gli specialisti da oltre 100 anni.
Cause
Per lungo tempo gli scienziati non sono riusciti a risalire alle reali cause della sindrome del colon irritabile.Le ultime ricerche tuttavia hanno chiarito meglio la situazione: i tipici disturbi intestinali della sindrome del colon irritabile sono infatti sempre più spesso attribuiti a una barriera intestinale danneggiata. Un numero crescente di scienziati ritiene attualmente che a provocare i disturbi intestinali cronici possano essere infatti delle minuscole lesioni della parete intestinale. Tali lesioni sarebbero responsabili della penetrazione di sostanze nocive e germi all’interno della parete stessa, con conseguenti microinfiammazioni che irritano il sistema nervoso enterico. Le funzionalità di quest’ultimo vengono in tal modo compromesse.La muscolatura intestinale riceve conseguentemente comandi errati, muovendosi in modo troppo rapido o troppo lento, oppure contraendosi/rilassandosi al momento sbagliato. Tali movimenti muscolari errati possono provocare i tipici sintomi del colon irritabile. In parole semplici: a volte l’intestino si muove troppo lentamente, provocando una costipazione; a volte invece si muove troppo rapidamente e il risultato è la diarrea. I crampi poi compaiono quando la muscolatura si contrae eccessivamente e, come fenomeno concomitante, possono anche verificarsi episodi di flatulenza. Poiché le lesioni della parete intestinale sono difficili da rilevare, a oggi la sindrome del colon irritabile risulta ancora molto complicata da diagnosticare.Dalla ricerca farmacologica viene presentato in Italia il prodotto

Gastrobiotic plus capsule,ecco il suo meccanismo d’azione

Un numero crescente di ricercatori ritiene che la barriera intestinale danneggiata rappresenti una causa della sindrome del colon irritabile.il gruppo di batteri pre e probiotici presenti in Gastrobiotic Plus (Lactobacillus Rhamnosus, Lactobacilus Acidophilus, Streptococcus Thermophilus, Bifidobacterium Bifidum, Lactobacillus Delbrueckii Subsp. Bulgaricus) aderiscono alle cellule della parete intestinale. impedendo ai germi patogeni di penetrarvi all’interno. L’intestino viene così protetto da ulteriori irritazioni.

Le minuscole lesioni della parete intestinale possono consentire la penetrazione di germi e sostanze nocive, causando microinfiammazioni che possono irritare il sistema nervoso enterico. Ciò può inoltre provocare la conseguente comparsa, in maniera ricorrente, dei sintomi tipici (da soli o in combinazione fra loro) quali stitichezza, diarrea, flatulenza e dolori addominali.

Gastrobiotic Plus capsule combatte tali sintomi in modo causale: aderendo alla parete intestinale danneggiata. Come funziona? In anni di ricerche, gli scienziati hanno scoperto che il ceppo di bifidobatteri contenuto in Gastrobiotic Plus si insedia direttamente sulla parete intestinale. Non a caso i nostri esperti parlano di “effetto cerotto”. Si può immaginare, pertanto, che Gastrobiotic Plus aderisca alla barriera intestinale danneggiata, proprio come un cerotto su una ferita.

Il risultato: I germi non possono più penetrare all’interno della parete né dunque provocare un’irritazione dell’intestino.

Come usare Gastrobiotic plus :

Assumere due capsule di Gastrobiotic plus 1 volta al giorno durante uno dei pasti. Le capsule vanno assunte senza masticare e con una quantità sufficiente di liquido (ad es. 1 bicchiere d’acqua).Per un risultato ottimale, assumere Gastrobiotic Plus capsule per almeno quattro settimane, preferibilmente per una risoluzione definitiva consigliamo di assumere Gastrobiotic Plus capsule per dodici settimane. Un primo sollievo dai disturbi dovrebbe verificarsi dopo circa una settimana di regolare assunzione.

Sono consigliati l’acquisto di 3 confezioni di Gastrobiotic Plus capsule per un ciclo di rinnovamento della flora intestinale completo.

DOVE ACQUISTARE GASTROBIOTIC PLUS CLICCA SUL LINK 

GASTROBIOTIC-PLUS-50-CAPSULE-VEGETALI-DA-500-MG

Colon Irritabile Sintomi Cause e Cure Farmajet news

COLON IRRITABILE O COLITE: SINTOMI, CAUSE E CURE

La sindrome del colon irritabile, o colite spastica, è un disturbo intestinale molto comune specialmente tra le donne. Sui sintomi influiscono diversi fattori che devono essere identificati per stabilire la cura o il trattamento.

 

 

La sindrome del colon irritabile, o colite spastica, è un disturbo intestinale molto comune, che riguarda specificatamente l’intestino crasso, il colon.
Le donne sono più soggette degli uomini a lamentare il disturbo. Secondo gli studi, i soggetti più a rischio hanno un’età compresa tra i 20 e i 30 anni.
Le cause del disturbo non sono ancora del tutto note ma non è connessa a motivi di tipo organico. In tanti concordano che sicuramente influiscono, sulla manifestazione della colite, l’alimentazione e lo stile di vita.
Diagnosticarla non è sempre facile perché i sintomi possono essere ricondotti anche ad altre patologie che interessano l’intestino.
Solitamente chi ne soffre lamenta anche altri disturbi come i crampi, il dolore addominale, la nausea, la costipazione e la diarrea. In alcuni casi, i sintomi sono fastidiosi ed invalidanti al punto da rendere difficile ogni momento della giornata.

CAUSE DEL COLON IRRITABILE

Sebbene la ricerca e gli studi medici proseguono, ad oggi le cause della sindrome del colon irritabile non sono ancora del tutto chiare.
L’unica certezza è che qualunque sia la causa, questa determina uno “scuotimento” all’interno dell’intestino che si “irrita”. Da questa reazione, appunto, dipende il nome della patologia.
È stato però notato che il disturbo viene riferito soprattutto da coloro che sono particolarmente sensibili ed emotivi, da chi soffre di ansia e depressione. Anche le patologie legate ai disturbi della personalità, così come le alterazioni ormonali (ad esempio il ciclo mestruale), possono associarsi alla colite.
Lo stress è un fattore di rischio che influisce su diverse patologie, molte delle quali proprio legate ai disturbi gastro-intestinali. Quando è eccessivo, l’organismo può reagire con la colite spastica.
Esistono inoltre degli alimenti e bevande che tendono a irritare ed infiammare il colon. Anche la cattiva digestione è una causa associata al problema.
Connesse all’alimentazione sono le intolleranze alimentari. La celiachia, come l’intolleranza al lattosio, può causare l’irritazione del colon.

SINTOMI DELL’INFIAMMAZIONE DEL COLON

La sintomatologia riferita al colon irritabile è soggettiva. Solitamente si manifesta con dolori e gonfiore addominale, crampi, meteorismo, diarrea, stitichezza, muco nelle feci e alitosi.
Chi soffre del disturbo deve andare in bagno con urgenza più volte al giorno per defecare e presenta feci dalla consistenza e colore inusuali.
Connessi ai sintomi principali sono la sensazione di malessere generale, dolori alla schiena, difficoltà o frequente minzione, difficoltà a riposare bene, mal di testa e dolori durante un rapporto sessuale.

CURE DEL COLON IRRITABILE

Quando si avverte dolore o sono presenti gli altri sintomi tipici dell’irritazione al colon è importante rivolgersi al medico per curare ed alleviare i sintomi riconosciuti.
Il medico, in alcuni casi, potrebbe ritenere opportuno prescrivere una cura farmacologica. Tuttavia, bisogna tenere a mente che con l’infiammazione allo stomaco non sono indicati alcuni farmaci come i lassativi.
Se le cause del colon irritabile sono attribuite allo stress bisognerà cambiare stile di vita. Ritagliare nella giornata del tempo per se stessi e per un po’ di relax sarà sicuramente di aiuto.
Fare esercizio fisico ogni giorno e praticare yoga sono indicati.

RIMEDI NATURALI

Poiché sovente la causa è riconducibile allo stress e all’ansia possono essere d’aiuto piante ed erbe officinali che svolgono un’azione calmante e sedativa. Tra queste, sono consigliate le tisane o gli infusi di camomilla, tiglio, melissa, fiori di Bach, e valeriana pura.
In caso di stitichezza si può fare una tisana di malva, i semi di lino e l’aloe vera. Anche lo zenzero puro è efficace. Per ridurre il gonfiore addominale invece sono indicati i semi di finocchio e il carbone vegetale.

ALIMENTAZIONE PER IL COLON IRRITABILE

Fondamentale sarà curare l’alimentazione, definire una dieta specifica in caso di intolleranze alimentari ed eliminare tutti gli alimenti che irritano lo stomaco. I medici consigliano di rispettare gli orari dei pasti e di mangiare senza fretta.
Da evitare sono la cioccolata, i grassi, le fritture, i cereali raffinati, alcuni tipi di frutta, i piselli, i legumi, le spezie, il carciofo, il cavolfiore, il cavolo e i broccoli. Latte e latticini, bevande zuccherate o gassate, caffè, tè e alcolici sono deleteri.
Da mangiare tranquillamente sono i cereali integrali, il miso, le verdure e la frutta cotta, carne magra e pesce magro, riso in bianco, patate, yogurt, limone.
Per ristabilire l’equilibrio della flora batterica intestinale sono indicati i fermenti lattici e i probiotici sopratutto utilizzare per 12 settimane Gastrobiotic plus capsule il cerotto intestinale che ripara i villi danneggiati.
Bere molta acqua è fondamentale, specialmente se tra i sintomi compare la diarrea.
ATTENZIONE: Le nozioni riportate in questo sito sono da intendersi a solo scopo informativo: non possono dunque costituire, in nessun caso, la formulazione di una diagnosi medica né possono essere considerate come prescrizione di una terapia o trattamento. Tali informazioni, pertanto, non devono sostituire il consulto diretto con un medico o eventuali visite specialistiche.