Annunci

Quali sono i migliori alimenti per combattere l’invecchiamento?

Mangia bene per una vita lunga e sana – questo è un mantra che tutti conosciamo, ma quali sono i cibi migliori per aiutarci a raggiungere questo obiettivo? In questo articolo, ti diamo una panoramica di alcuni degli alimenti più salutari e nutrienti.
old

Quali sono i migliori alimenti per una dieta salutare? Indaghiamo.

I dati ufficiali indicano che attualmente i primi tre paesi al mondo con la più alta aspettativa di vita sono il Principato di Monaco, il Giappone e Singapore. Questi sono luoghi in cui gli abitanti sperimentano un’alta qualità della vita, e un elemento importante di ciò è mangiare pasti salutari.

Spesso, nei media, troviamo lodi per i “superfoods”: cibi così ricchi di valore nutrizionale da essere visti come supereroi dietetici.

I nutrizionisti respingono il termine “superalimenti” come una parola d’ordine che può influenzare le persone a dare un’aspettativa troppo alta a una gamma limitata di alimenti quando, in realtà, una dieta equilibrata e uno stile di vita sano richiedono più sforzo di mangiare il tuo cinque al giorno.

Tuttavia, ci sono alcuni alimenti che sono più nutrienti di altri, e molti che, come la ricerca ha dimostrato, hanno un effetto protettivo contro una serie di malattie. Qui, ti diamo una panoramica di alcuni dei migliori alimenti che potresti voler considerare incluso nella tua dieta nella tua ricerca di una vita felice e sana.

Edamame (semi di soia)

Gli edamame , o soia fresca, sono stati un alimento base della cucina asiatica per generazioni, ma hanno anche guadagnato popolarità sul fronte occidentale negli ultimi tempi. I semi di soia sono spesso venduti in confezioni da snack, ma vengono anche aggiunti a una vasta gamma di piatti, dalle zuppe ai pasti a base di riso, sebbene siano serviti anche da soli e stagionati.

old1

Edamame e tofu sono ricchi di isoflavoni, che possono avere proprietà anti-cancro.

I fagioli sono ricchi di isoflavoni , un tipo di fitoestrogeno – cioè. sostanze derivate da piante e simili agli estrogeni. Gli isoflavoni sono noti per avere proprietà antinfiammatorie, antiossidanti , antitumorali e antimicrobiche.

Pertanto, possono aiutare a regolare la risposta infiammatoria del corpo, rallentare l’invecchiamento cellulare , combattere i microbi e, come riferito, proteggere da alcuni tipi di cancro.

Edamame sono ricchi di due tipi di isoflavoni, in particolare: genisteina e daidzeina . Uno studio pubblicato lo scorso anno su Medical News Today ha scoperto che la genisteina potrebbe essere utilizzata per migliorare il trattamento del cancro al seno .

Nel frattempo, gli autori dello studio osservano che “l’assunzione per tutta la vita di soia […] è stata collegata a un rischio ridotto di cancro al seno”, quindi possiamo includere i semi di soia nella nostra dieta normale.

Tofu (cagliata di soia)

Allo stesso modo, il tofu , un prodotto simile al formaggio bianco a base di cagliata di soia, è stato collegato a una serie di benefici per la salute per gli stessi motivi. Il tofu si trova spesso cucinato in piatti tipici dell’Asia orientale; può essere fritto, cotto al forno o bollito (ad esempio nelle zuppe).

Come prodotto di soia, è ricco di isoflavoni, i cui benefici per la salute sono stati delineati sopra; è anche una buona fonte di proteine e contiene tutti gli amminoacidi essenziali di cui il nostro corpo ha bisogno per sintetizzare le proteine.

Inoltre, è anche ricco di minerali, che i nostri corpi hanno bisogno di mantenere i denti e le ossa forti e sani e di ricavare energia. Il tofu è una fonte di calcio, ferro, manganese, selenio, fosforo, magnesio, zinco e rame.

Alcuni specialisti suggeriscono anche che mangiare il tofu può farti sentire pieno più a lungo, quindi incorporarlo nei tuoi pasti può aiutare a prevenire l’eccesso di cibo.

Carote

Questo comune ingrediente culinario, meglio conosciuto nella sua varietà arancione, è famoso per il suo alto contenuto di beta-carotene , un pigmento – e carotenoide – che conferisce alla versione diffusa di questo ortaggio a radice il suo colore.

old3

Le carote possono proteggere dai danni alla vista legati all’età.

Il beta-carotene può essere convertito dai nostri corpi in vitamina A , che, secondo il National Institutes of Health (NIH), “è coinvolto nella funzione immunitaria, nella visione, nella riproduzione e nella comunicazione cellulare”. I nostri corpi non possono produrre la vitamina A da soli, quindi devono essere derivati ​​dalla nostra dieta.

Questo pigmento è anche un antiossidante che può proteggere le cellule del nostro corpo dai danni causati dall’invecchiamento dei radicali liberi.

Inoltre, la ricerca ha dimostrato che gli alimenti ricchi di carotenoidi – e, naturalmente, le carote sono un ottimo esempio qui – possono proteggere contro la degenerazione maculare legata all’età , il danno alla vista causato dalla vecchiaia.

Alcune varietà di carote, come le carote bianche, non contengono il beta-carotene del pigmento arancione, ma contengono tutti falcarinolo, un nutriente che, secondo alcuni studi , può avere un effetto protettivo contro il cancro .

Mentre le carote crude possono essere migliori per la salute, poiché conservano le loro sostanze nutritive, ci sono anche modi per cucinare le carote che possono tenere “bloccata la maggior parte dei loro nutrienti”.

In un’intervista , un ricercatore che ha studiato l’effetto anti-cancro del falcarinolo dalle carote, Kirsten Brandt, dell’Università di Newcastle nel Regno Unito, suggerisce che potremmo voler far bollire le nostre carote intere se le vogliamo cuocere, ma ancora scoppiano di sostanze nutritive .

Tagliere le carote aumenta la superficie in modo che più sostanze nutritive scendano nell’acqua mentre sono cotte, mantenendole intere e tagliandole in seguito, si bloccano le sostanze nutritive e il gusto, quindi la carota è meglio per tutti voi il giro.”

Verdure crocifere

Un altro tipo importante di cibo sulla nostra lista sono le verdure crocifere – anche conosciute come “verdure Brassica” – che includono una vasta gamma di cibi verdi, come cavoli, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolfiori, bok choy, ravanelli e cavoli .

old4

Le verdure crocifere possono apportare molti benefici per la salute.

Queste verdure vantano un contenuto nutritivo particolarmente ricco , tra cui molte vitamine (C, E, K e folato ), minerali ( potassio , calcio e selenio ) e carotenoidi (luteina, beta-carotene e zeaxantina).

Le verdure crocifere contengono anche glucosinolati, le sostanze che danno a questi verdi il loro caratteristico sapore pungente. Queste sostanze sono state trovate per portare diversi benefici per la salute .

Alcuni glucosinolati sembrano regolare lo stress del corpo e la risposta infiammatoria ; hanno proprietà antimicrobiche e alcuni di loro sono stati studiati per il loro potenziale anticancro .

Uno studio recente su MNT ha scoperto che i verdi a foglia verde, tra cui alcune verdure crocifere come cavoli e cavoli, hanno contribuito a rallentare il declino cognitivo. Di conseguenza, i ricercatori dello studio suggeriscono che “l’aggiunta di una porzione giornaliera di verdure a foglia verde alla dieta può essere un modo semplice per favorire la salute del cervello”.

Kale, broccoli e cavoli hanno anche dimostrato di avere un effetto protettivo sulla salute del cuore , grazie al loro contenuto di vitamina K.

Infine, le verdure crocifere sono anche una grande fonte di fibra solubile , che svolge un ruolo nel regolare i livelli di zucchero nel sangue e diminuire l’assorbimento di grasso, contribuendo così a prevenire l’aumento di peso in eccesso.

salmone

Recenti studi hanno suggerito che il consumo di carne – principalmente carne rossa, ma anche alcuni tipi di carne di pollame – potrebbe essere dannoso per la nostra salute nel lungo periodo. Una buona alternativa per le proteine ​​in questo caso è il pesce, e il salmone , in particolare, offre molti benefici nutrizionali.

old5

Il salmone potrebbe proteggere la salute cognitiva, dicono i ricercatori.

Il salmone è ricco di proteine ​​e contiene anche molti acidi grassi omega-3 , che si dice siano utili per la vista. La ricerca ha dimostrato che l’omega-3 protegge dalla sindrome dell’occhio secco , caratterizzata da una insufficiente lubrificazione degli occhi, che può portare a dolore e visione offuscata.

Inoltre, gli acidi grassi omega-3 sono stati associati con la salute del cervello, e la ricerca suggerisce che possono evitare il declino cognitivo associato all’invecchiamento.

Il salmone ha anche un alto contenuto di potassio e, secondo un nuovo studio riportato su MNT loscorso autunno, il potassio può prevenire l’ insorgenza di malattie cardiache .

Inoltre, questo tipo di pesce è ricco di selenio minerale , che contribuisce alla salute della tiroide. La tiroide aiuta a regolare l’attività ormonale ed è coinvolta nei processi metabolici.

Sebbene sia disponibile sul mercato sia il salmone d’allevamento sia il salmone selvatico, il salmone selvatico è risultato complessivamente più nutriente, con un contenuto proteico più elevato e anche meno grassi saturi, il che significa che è più salutare e migliore per la gestione del peso .

Tuttavia, il salmone d’allevamento è una risorsa più sostenibile e gli specialisti sostengono che le differenze tra salmone d’allevamento e selvatico non possono essere così nette da motivarci a preferire un tipo piuttosto che l’altro.

Agrumi

Infine, gli agrumi sono gli eroi non celebrati di una dieta salutare; questi includono un numero di frutti che sono ora disponibili in tutto il mondo, come arance, pompelmi, limoni, lime, clementine, mandarini e mandarini.

old6

I flavonoidi negli agrumi sono stati citati in relazione a periodi di vita più lunghi.

Per lungo tempo, gli agrumi sono stati raccomandati dai nutrizionisti e dalle nonne per il loro alto contenuto di vitamina C , che ha proprietà antiossidanti e si dice che porti una vasta gamma di benefici per la salute, anche per ridurre il danno infiammatorio, e per respingere infezioni.

Gli specialisti sottolineano, tuttavia, che questo tipo di frutta va ben oltre la semplice vitamina C quando si tratta di contenuto nutrizionale.

I frutti sono abbondanti in altri macronutrienti, tra cui zuccheri, fibre alimentari, potassio, acido folico, calcio, tiamina, niacina, vitamina B-6, fosforo, magnesio , rame , riboflavina e acido pantotenico”.

Se questa lista di golosità dietetiche non ti ha colpito, gli specialisti continuano a spiegare come gli agrumi contengono composti organici ancora più ricchi – come flavonoidi, cumarine e carotenoidi – che si dice abbiano effetti protettivi contro il cancro, cardiovascolare malattie e malattie neurodegenerative.

La ricerca ha dimostrato che i flavonoidi – in cui gli agrumi sono particolarmente ricchi – possono “prevenire o ritardare le malattie croniche causate dall’obesità “.

I flavonoidi hanno anche raccolto molta attenzione scientifica per il loro potenziale anticancro , e il consumo di agrumi particolarmente ricchi di flavonoidi è stato associato a una durata significativamente prolungata.

Gli abitanti della prefettura giapponese di Okinawa, noti per essere una delle popolazioni più longeve del mondo, mangiano regolarmente shikuwasa , noto anche come “shequasar”, un agrume tipico della regione, che contiene più flavonoidi rispetto alla maggior parte degli altri agrumi frutta.

Bere succo di shikuwasa ricco di contenuto di flavonoidi è stato anche collegato a una migliore salute del fegato .

Sebbene tutti gli alimenti sopra menzionati siano apprezzati per i loro importanti benefici per la salute, non dobbiamo dimenticare che il benessere e la longevità non possono essere raggiunti senza una dieta equilibrata e inclusiva e uno stile di vita sano.

Inoltre, gli studi attuali suggeriscono che il nostro corredo genetico potrebbe avere un importante valore in merito a quali alimenti funzionano meglio per la nostra salute. Quindi, tenendo presente la nostra lista di cibi nutrienti, assicurati di seguire la dieta salutare che è più efficace per te!

Annunci

ALBUMINA NELLE URINE: LE CAUSE E VALORI DI RIFERIMENTO

La presenza di albumina nelle urine può indicare problemi ai reni. Quando il valore è elevato è fondamentale approfondire il caso clinico. Ci sono soggetti che più di altri possono manifestar questo sintomo. Le cure vengono prescritte in base alle cause che hanno generato il fenomeno

albumina

L’albumina è una proteina che si trova normalmente nel sangue ma che si può rilevare, in quantità minori, anche nelle urine. Quando viene riscontrato dagli esami presenza di albumina nelle urine si parla di albuminuria. Quando se ne rivela una quantità maggiore nelle urine, può indicare che i reni non funzionano correttamente. Le cause possono essere differenti e connesse ad alcuni fattori più o meno gravi. Non bisogna subito allarmarsi ma rivolgersi al medico per un consulto e una corretta interpretazione dei risultati. Sarà il medico a richiedere, se necessario, di procedere con ulteriori indagini.

Solitamente, il test sulle urine viene prescritto dal medico ai pazienti affetti da alcune patologie o in particolari condizioni fisiche.

L’esame dell’albumina viene eseguito su un campione di urina. In base al caso, il medico potrà richiedere di raccogliere l’urina della giornata (24 ore), di un particolare momento o di un momento della giornata a caso.

albumina2
L’assunzione di alcuni farmaci può determinare la presenza di albumina nelle urine

CAUSE PRINCIPALI DELL’ALBUMINA NELLE URINE

La presenza di albumina nelle urine può dipendere da diversi fattori. Tra questi alcune patologie dei reni, infezioni delle vie urinarie, sangue nelle urine (ematuria).

A rischio sono specialmente i pazienti affetti da alcune patologie. I medici tendono a richiedere questo esame specialmente ai pazienti affetti da aterosclerosi, cirrosi epatica, diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2, ipertensione. Anche la celiachia, l’anoressia e l’ipotiroidismo possono alterare il valore e lasciare tracce nelle urine.

L’albuminuria incide anche sul rischio di malattie cardiovascolari.

Influiscono sull’esito del test anche l’eccessivo esercizio fisico eseguito prima dell’esame, febbre, e ciclo mestruale l’assunzione di alcuni farmaci, il fumo e la disidratazione.

Anche l’alimentazione può determinare un alzamento o abbassamento del valore. I soggetti che seguono una dieta iperproteica, per esempio, tendono ad avere questi valori anche nelle urine.

SINTOMI

L’albumina nelle urine solitamente può comportare la presenza di urine schiumose, gonfiore alle gambe o il viso, sovrappeso, affaticamento.

In altri casi è del tutto asintomatica e rilevata solo attraverso le analisi delle urine.

albumina nelle urineLe donne in gravidanza possono avere albumina nelle urine

ALBUMINA NELLE URINE IN GRAVIDANZA

La proteina può essere presente anche nelle donne in gravidanza. La condizione è molto frequente ma non deve sempre destare preoccupazione. Spesso è solo conseguenza di una dieta ricca di proteina o una reazione dell’organismo al troppo sport. Quando il livello nelle urine non è eccessivamente alto, non bisogna preoccuparsi. Tuttavia, il risultato non deve essere trascurato perché potrebbe indicare qualche problema ai reni o un caso di gestosi o preeclamsia.

VALORI DI RIFERIMENTO

Nel sangue la presenza di albumina è da considerarsi normale quando il valore è compreso dai 3,5 ai 5,0 g/dl.

L’albumina nelle urine è da considerarsi nella norma quando il suo valore è compreso tra 2-15 mg nelle 24 ore. In caso contrario, se i risultati degli esami delle urine sono più alti si parla di proteinuria, albuminuria cronica e macroalbuminuria.

Quando l’esame delle urine evidenzia tracce evidenti ed elevate di albumina è bene approfondire la condizione del paziente perché potrebbero esserci danni o infezioni ai reni.

In alcuni laboratori d’analisi, viene calcolato il rapporto tra albumina e creatinina.

E’ fondamentale ridurre il consumo di sale

ALBUMINA NELLE URINE: RIMEDI E CURA

L’albumina delle urine, come abbiamo avuto modo di notare, può essere causata da diversi fattori. Una volta effettuata la diagnosi, il medico potrà prescrivere la cura adatta o approfondire il caso con altri studi.

Le terapie possono essere differenti a seconda della patologia riscontrata.

In caso di diabete, per esempio, oltre alla terapia ipoglicemica o all’insulina, il medico suggerirà di cambiare alimentazione e stile di vita. È fondamentale seguire una dieta povera di carboidrati.

Se, invece, il fenomeno è da attribuire per esempio alla pressione lata, il medico presciverà dei farmaci contro l’ipertensione e dei diuretici.

Se la causa è attribuita ad un’infezione dei reni, il medico potrà prescrivere degli antibiotici.

ALIMENTAZIONE

L’albumina è una proteina e come tale, quando il suo valore aumenta anche nelle urine bisogna modificare l’alimentazione. In caso di pazienti sovrappeso, inoltre, il medico suggerirà ai pazienti di sottoporsi a una dieta che facilita la perdita di peso. In questi casi, il consulto con un nutrizionista e dietologo può essere di aiuto.

Oltre a ridurre il consumo di proteine, è importante seguire una dieta sana, povera di sale e zuccheri. Da ridurre sono il consumo di bevande gassate e zuccherate.

In questi casi è indicato mangiare molta frutta e verdura.

 

ATTENZIONE: Le nozioni riportate in questo sito sono da intendersi a solo scopo informativo: non possono dunque costituire, in nessun caso, la formulazione di una diagnosi medica né possono essere considerate come prescrizione di una terapia o trattamento. Tali informazioni, pertanto, non devono sostituire il consulto diretto con un medico o eventuali visite specialistiche.

Come puoi abbassare i livelli di zucchero nel sangue?

I livelli di zucchero nel sangue sono una preoccupazione primaria per le persone con diabete. Glicemia alta, nota come iperglicemia, si verifica quando lo zucchero nel sangue di una persona è superiore a 180 milligrammi per decilitro (mg / dL).

I livelli elevati di zucchero nel sangue possono essere pericolosi se non gestiti tempestivamente e portare a problemi sia a breve che a lungo termine.

In questo articolo, esaminiamo alcuni modi diversi per aiutare le persone a ridurre i livelli di zucchero nel sangue. Questi passaggi includono cambiamenti nello stile di vita, consigli dietetici e rimedi naturali.

Perché è importante la gestione della glicemia?

zucchero1

Per quelli con diabete, la gestione dei livelli di zucchero nel sangue può aiutare a prevenire gravi complicazioni.

Mantenere gli zuccheri nel sangue a livelli target aiuta le persone con diabete ad evitare gravi complicazioni della malattia. L’alto livello di zucchero nel sangue può causare molti effetti negativi, che possono essere improvvisi, come l’accumulo di acido nel sangue, o verificarsi gradualmente nel tempo.

Nel tempo, mantenere i livelli di zucchero nel sangue a livelli insalubri può danneggiare i piccoli e grandi vasi sanguigni in diversi organi e sistemi, causando gravi conseguenze, come ad esempio:

  • menomazione della vista e cecità
  • ulcere del piede, infezioni e amputazioni
  • insufficienza renale e dialisi
  • infarti e ictus
  • malattia vascolare periferica , una condizione in cui il flusso di sangue agli arti è ridotto
  • danno al sistema nervoso, portando a dolore e debolezza

Mantenendo i livelli di zucchero nel sangue sotto i 100 mg / dL prima di mangiare e sotto 180 mg / dL dopo aver mangiato, le persone con diabete possono ridurre significativamente il rischio di effetti avversi della malattia.

Come abbassare i livelli di zucchero nel sangue

Qui ci sono 12 modi in cui una persona con diabete può abbassare i livelli di zucchero nel sangue e ridurre il rischio di complicanze.

1. Monitorare attentamente i livelli di zucchero nel sangue

I livelli elevati di zucchero nel sangue spesso non causano sintomi fino a quando non superano i 200 mg / dL. Come tale, è essenziale per una persona con diabete monitorare il loro zucchero nel sangue più volte al giorno. Farlo significherebbe che i livelli di zucchero nel sangue non diventano mai così alti.

Una persona con diabete può utilizzare un monitor del glucosio domestico per controllare i livelli di zucchero nel sangue.

Le raccomandazioni su quanto spesso controllare i livelli di glucosio durante il giorno variano da persona a persona. Un medico può fare le migliori raccomandazioni sul monitoraggio della glicemia a una persona con diabete.

2. Ridurre l’assunzione di carboidrati

I ricercatori hanno effettuato studi che dimostrano che mangiare una dieta a basso contenuto di carboidrati e ricca di proteine ​​riduce i livelli di zucchero nel sangue.

Il corpo scompone i carboidrati in zuccheri che il corpo usa come energia. Alcuni carboidrati sono necessari nella dieta. Tuttavia, per le persone con diabete, mangiare troppi carboidrati può causare picchi di zucchero troppo alti.

Riducendo la quantità di carboidrati che una persona mangia riduce le quantità di zucchero nel sangue di una persona.

3. Mangia i carboidrati giusti

I due principali tipi di carboidrati – semplici e complessi – influenzano i livelli di zucchero nel sangue in modo diverso.

I carboidrati semplici sono costituiti principalmente da un tipo di zucchero. Si trovano negli alimenti, come pane bianco, pasta e caramelle. Il corpo rompe questi carboidrati in zucchero molto velocemente, il che fa aumentare rapidamente i livelli di zucchero nel sangue.

I carboidrati complessi sono costituiti da tre o più zuccheri che sono collegati tra loro. Poiché la composizione chimica di questi tipi di carboidrati è complicata, richiede più tempo al corpo per abbatterli.

Di conseguenza, lo zucchero viene rilasciato nel corpo più gradualmente, il che significa che i livelli di zucchero nel sangue non aumentano rapidamente dopo averli mangiati. Esempi di carboidrati complessi includono avena integrale e patate dolci.

4. Scegliere cibi a basso indice glicemico

L’indice glicemico misura e classifica vari alimenti in base al livello di aumento dei livelli di zucchero nel sangue. La ricerca mostra che seguendo una dieta a basso indice glicemico diminuisce i livelli di zucchero nel sangue a digiuno.

Gli alimenti a basso indice glicemico sono quelli che hanno un punteggio inferiore a 55 sull’indice glicemico. Esempi di alimenti a basso indice glicemico includono:

  • patate dolci
  • quinoa
  • legumi
  • latte magro
  • verdure a foglia verde
  • verdure non amidacee
  • Noci e semi
  • carni
  • pesce

5. Aumentare l’assunzione di fibre alimentari

zucchero2

Mangiare un sacco di fibre solubili, compresi i cereali integrali come il riso integrale, può aiutare.

La fibra svolge un ruolo significativo nella gestione dello zucchero nel sangue rallentando il tasso di degradazione dei carboidrati e la velocità con cui il corpo assorbe gli zuccheri risultanti.

I due tipi di fibra sono fibra solubile e insolubile. Dei due tipi, la fibra solubile è la più utile nel controllare lo zucchero nel sangue.

La fibra solubile è presente nei seguenti alimenti:

  • verdure
  • legumi
  • cereali integrali
  • frutta

6. Mantenere un peso sano

Perdere peso aiuta a controllare i livelli di zucchero nel sangue. Il sovrappeso è legato a un aumento degli episodi di diabete e a maggiori episodi di insulino-resistenza .

Gli studi dimostrano che la riduzione del peso anche solo del 7% può ridurre le probabilità di sviluppare il diabete del 58%.

È importante notare che una persona non ha bisogno di raggiungere il peso corporeo ideale per beneficiare di perdere 10-20 sterline e tenerlo fuori. Così facendo, migliorerai anche il colesterolo , ridurrai il rischio di complicazioni e migliorerai il senso generale di benessere di una persona.

Mangiare una dieta sana piena di frutta e verdura e fare abbastanza esercizio fisico può aiutare una persona a perdere peso o mantenere il peso attualmente sano.

7. Dimensione della porzione di controllo

Nella maggior parte dei pasti, una persona dovrebbe seguire le linee guida fornite da un medico o un nutrizionista. L’eccesso di cibo in una seduta può causare un picco nella glicemia.

Sebbene i carboidrati semplici siano tipicamente associati a livelli elevati di zucchero nel sangue, tutto il cibo fa aumentare i livelli di zucchero nel sangue. Un attento controllo delle porzioni può mantenere i livelli di zucchero nel sangue più controllati.

8. Esercitare regolarmente

L’esercizio fisico ha molti vantaggi per le persone con diabete, tra cui la perdita di peso e una maggiore sensibilità all’insulina .

L’insulina è un ormone che aiuta le persone ad abbattere lo zucchero nel corpo. Le persone con diabete non producono abbastanza o nessuna insulina nel loro corpo o sono resistenti all’insulina prodotta dall’organismo.

L’esercizio fisico aiuta anche ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue incoraggiando i muscoli del corpo a usare lo zucchero per produrre energia.

9. Idratare

Una corretta idratazione è la chiave per uno stile di vita salutare. Per le persone preoccupate di abbassare il livello di zucchero nel sangue, è fondamentale.

Bere abbastanza acqua impedisce la disidratazione e aiuta anche i reni a rimuovere lo zucchero extra dal corpo nelle urine.

Coloro che cercano di ridurre i livelli di zucchero nel sangue dovrebbero raggiungere l’acqua ed evitare tutte le bevande zuccherate, come il succo di frutta o la soda, che può invece aumentare i livelli di zucchero nel sangue.

Le persone con diabete dovrebbero ridurre l’assunzione di alcool all’equivalente di un drink al giorno per le donne e due per gli uomini a meno che non si applichino altre restrizioni.

10. Prova gli estratti di erbe

zucchero3

Gli integratori a base di erbe, come il tè verde, possono aiutare ad aumentare la dieta con i nutrienti essenziali.

Gli estratti di erbe possono avere un effetto positivo sul trattamento e il controllo dei livelli di zucchero nel sangue.

La maggior parte delle persone dovrebbe tentare di ottenere nutrienti dagli alimenti che mangiano. Tuttavia, gli integratori sono spesso utili per le persone che non ricevono abbastanza nutrienti da fonti naturali.

La maggior parte dei medici non considera gli integratori come trattamento da soli. Una persona dovrebbe consultare il proprio medico prima di assumere qualsiasi integratore, in quanto potrebbe interferire con qualsiasi prescrizione di farmaci.

Alcuni supplementi che una persona potrebbe voler provare includono:

  • tè verde
  • Ginseng americano
  • melone amaro
  • cannella
  • Aloe Vera
  • fieno greco
  • cromo

11. Gestire lo stress

Lo stress ha un impatto significativo sui livelli di zucchero nel sangue. Il corpo emette ormoni dello stress quando sono sotto tensione e questi ormoni aumentano i livelli di zucchero nel sangue.

La ricerca dimostra che la gestione dello stress attraverso la meditazione e l’esercizio fisico può anche aiutare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue.

12. Dormi abbastanza

Il sonno aiuta una persona a ridurre la quantità di zucchero nel sangue. Ottenere un sonno adeguato ogni notte è un ottimo modo per aiutare a mantenere i livelli di zucchero nel sangue a un livello normale.

I livelli di zucchero nel sangue tendono ad aumentare nelle prime ore del mattino. Nella maggior parte delle persone, l’insulina dirà al corpo cosa fare con lo zucchero in eccesso, che mantiene normali i livelli di zucchero nel sangue.

La mancanza di sonno può avere un effetto simile all’insulino-resistenza, il che significa che il livello di zucchero nel sangue di una persona potrebbe aumentare significativamente dalla mancanza di sonno.

Porta via

Gestire l’iperglicemia è la chiave per evitare complicazioni gravi dal diabete.

Esiste una serie di interventi sullo stile di vita che possono aiutare una persona alle prese con alti livelli di zucchero nel sangue a ridurre i livelli di glucosio.

Una persona dovrebbe sempre seguire il consiglio del proprio medico per abbassare il livello di zucchero nel sangue.

In che modo il diabete influisce sulla guarigione delle ferite?

Il diabete può far guarire le ferite più lentamente. Questo aumenta il rischio che qualcuno con diabete svilupperà infezioni e altre complicazioni.

Una persona che gestisce bene il diabete può migliorare la guarigione delle ferite e ridurre le possibilità di sviluppare un’infezione grave.

Diabete e guarigione delle ferite

ferita

Quelli con diabete possono scoprire che i diversi tipi di ferite sono lenti a guarire.

Ferite, tagli e ustioni minori fanno parte della vita, ma per le persone con diabete possono causare seri problemi di salute.

Molte persone con diabete sviluppano ferite che sono lente a guarire o non guariscono mai. Le ferite che non guariscono bene possono essere infettate.

Un’infezione può diffondersi localmente, nei tessuti e nelle ossa circostanti o in aree più distanti del corpo. In alcuni casi, possono persino essere fatali.

Le ulcere del piede diabetico colpiscono il 15% delle persone con diabete . Queste sono piaghe dolorose che alla fine possono portare all’amputazione del piede.

Anche quando una ferita non viene infettata, può influire sulla salute e sulla qualità della vita di una persona. Tagli o ferite ai piedi o alle gambe possono rendere difficile camminare o allenarsi senza dolore.

Mantenere il diabete sotto controllo può ridurre il rischio di ferite lente e complicazioni, comprese le ulcere del piede.

Uno studio del 2013 ha trovato una chiara correlazione tra glucosio nel sangue e guarigione delle ferite. Le persone sottoposte a chirurgia per ferite da diabete cronico avevano maggiori probabilità di guarire completamente se il loro glucosio nel sangue era ben controllato al momento dell’intervento.

Perché il diabete influisce sulla guarigione delle ferite?

Il diabete rende più difficile per il corpo gestire i livelli di glucosio nel sangue. Quando la glicemia rimane cronicamente alta, altera la funzione dei globuli bianchi, con conseguente incapacità di combattere i batteri.

Il diabete, in particolare se non controllato, è anche associato a cattiva circolazione. Quando la circolazione rallenta, i globuli rossi si muovono più lentamente. Questo rende più difficile per il corpo fornire sostanze nutritive alle ferite. Di conseguenza, le ferite guariscono lentamente, o potrebbero non guarire affatto.

Il danno ai nervi è un altro fattore che influenza la guarigione delle ferite. La glicemia incontrollata può danneggiare i nervi del corpo, il che significa che le persone con diabete possono sostenere più facilmente traumi ai piedi senza essere consapevoli di essere feriti. Questo può impedire loro di cercare un trattamento, permettendo a una ferita di peggiorare ancora.

Sudorazione compromessa, pelle secca e screpolata, infezioni delle unghie dei piedi e deformità del piede si riscontrano più comunemente nelle persone con diabete, aumentando il rischio di un’infezione batterica.

La ricerca sta costantemente scoprendo altri modi in cui il diabete influisce sulla guarigione delle ferite, tra cui:

  • produzione indebolita di ormoni associati alla crescita e alla guarigione
  • diminuzione della produzione e riparazione di nuovi vasi sanguigni
  • barriera cutanea indebolita
  • diminuzione della produzione di collagene

complicazioni

Le persone che mostrano una scarsa guarigione delle ferite a causa degli effetti circolatori e neurologici del diabete possono avere anche altre complicazioni. Questi includono malattie cardiache , malattie renali e problemi agli occhi.

Una ferita non trattata può essere infettata e l’infezione può diffondersi localmente a muscoli e ossa. Questo è chiamato osteomielite .

Se l’infezione si diffonde nel flusso sanguigno, si chiama sepsi e può essere pericolosa per la vita. Le infezioni profonde possono a volte diventare gravi e richiedono l’amputazione.

Prevenzione

ferita2

Mantenere una buona igiene del piede lavando e idratando ogni giorno può aiutare a promuovere la guarigione delle ferite.

Le strategie che possono prevenire le ferite a lenta guarigione dovute al diabete includono la gestione della glicemia, un’adeguata cura del piede e il trattamento tempestivo delle ferite.

La cura del piede corretta include:

  • lavare i piedi ogni giorno
  • tamponando a secco e applicando una lozione idratante
  • evitando di camminare a piedi nudi
  • tagliare le unghie dei piedi con cura
  • indossare scarpe comode
  • ispezionare i piedi e guardare dentro le scarpe ogni giorno
  • avere un medico controlla i piedi ad ogni visita

Le persone con diabete dovrebbero monitorare attentamente le loro ferite. Mentre è normale che le ferite diabetiche guariscano lentamente, non è normale che rimangano aperte per diverse settimane, per diffondersi o trasudare o per essere estremamente dolorose.

Le persone con diabete ben gestito hanno meno probabilità di soffrire di gravi ferite che non guariscono.

Le persone con diabete di tipo 1 devono assumere l’ insulina per tutta la vita. Quelli con diabete di tipo 2 hanno più opzioni per controllare la glicemia, inclusi diversi farmaci antidiabetici e insulina.

Entrambi i tipi di diabete traggono beneficio da una dieta controllata dal carb. Nel caso del diabete di tipo 2, gli interventi sullo stile di vita, come la dieta, l’esercizio fisico e la perdita di peso, possono migliorare sostanzialmente gli zuccheri nel sangue e possono anche consentire a una persona di gestire il diabete senza farmaci.

prospettiva

Una ferita che non guarisce può rapidamente diventare pericolosa per la vita. Una prospettiva positiva per le ferite a guarigione lenta dipende dal ricevere un trattamento tempestivo.

Le persone con diabete dovrebbero contattare immediatamente un medico quando sviluppano ferite gravi o dolorose, o se una ferita appare infetta, provoca febbre o non guarisce dopo diversi giorni.

Una combinazione di trattamento antibiotico aggressivo , pulizia della ferita, trattamento chirurgico per rimuovere il tessuto morto e un migliore controllo della glicemia possono aiutare. Se la ferita non risponde al trattamento, ad esempio con un’ulcera del piede diabetica grave o estesa, può essere necessaria l’amputazione.

METEORISMO INTESTINALE: CAUSE, RIMEDI E LA DIETA DA SEGUIRE

Il meteorismo intestinale è un disturbo molto frequente che può metterci in imbarazzo. Ecco di cosa si tratta, quali sono le cause principali e come risolvere il problema con i farmaci e con alcuni rimedi naturali

meteo1

Il meteorismo intestinale è un disturbo dell’apparato digerente e si presenta quando nell’intestino vi è una quantità superiore di gas, che deve essere espulso. Chi ne soffre tende ad avere un addome gonfio, duro e dolorante, questo perché al suo interno vi è un fenomeno di fermentazione superiore a quello normale. Questo fastidio, inoltre, può essere dovuto anche allo sviluppo di alcuni batteri nel tratto intestinale.

Questi gas intestinali possono causare diversi fastidi, soprattutto quando ci si trova in un luogo pubblico, perché l’aria che si è accumulata all’interno del nostro intestino, in qualche modo si dovrà espellere, con eruttazioni oppure attraverso i peti. Il tratto intestinale, quando caratterizzato da meteorismo può produrre anche diversi “rumori indesiderati” che possono mettere in notevole imbarazzo sia noi, che chi ci sta vicino.

Questi gas, generalmente iniziano a formarsi subito dopo i pasti ed una volta giunti nel nostro intestino, attraverso le reazioni biochimiche di fermentazione, innescano episodi di spasmi e distensione addominale.  Non tutte le persone affette da meteorismo intestinale presentano gli stessi sintomi, ma quelli più frequenti sono la flatulenza e l’eruttazione e sono sempre proporzionali alla quantità di gas che viene prodotta all’interno

meteorismo-e-flatulenza-400x296

Il meteorismo intestinale genera notevoli fenomeni di flatulenza

CAUSE DEL METEORISMO INTESTINALE

Le cause di questo problema sono molteplici, le principali vanno ricercate nel cibo, infatti questo fenomeno è correlato all’assunzione di alimenti particolarmente ricchi di fibre e di bevande gassate. Anche se non mancano altre cause, dovute alle intolleranze alimentari, in particolare le persone intolleranti al lattosio soffrono di questo disturbo quando bevono il latte o i suoi derivati.

L’aria nella pancia si può sviluppare anche in seguito all’assunzione di antibiotici, soprattutto se la terapia è stata prolungata nel tempo e non è stato prescritto nessun farmaco di copertura per lo stomaco.

Altra causa è riconducibile allo stress o agli stati di ansia, non dimentichiamoci che nel tratto digerente sono concentrate la maggior parte delle terminazioni nervose del nostro organismo, per tale ragione, l’intestino è uno degli organi più colpiti in caso di stress eccessivo o di nervosismo.

L’aerofagia, ovvero l’ingestione di aria è tra i principali indiziati, per tale ragione è sconsigliato masticare chewing-gum per chi soffre di flatulenza, così come è sconsigliato di fumare e di masticare troppo in fretta.

Ci sono, infine, altre cause, che possono portare al meteorismo intestinale, che però nascondono altre sintomatologie, come la disbiosi intestinale, la retto colite ulcerosa, la bulimia, l’anoressia, la stipsi, il tumore alle ovaie e il tumore al colon.

Prima di trarre conclusioni troppo affrettate, come sempre, vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico di famiglia, in particolare se il disturbo è persistente nel tempo.

meteo2
Un’adeguata alimentazione è fondamentale per ridurre l’aria nella pancia

COME COMBATTERE IL METEORISMO INTESTINALE

Per combattere il meteorismo intestinale è opportuno seguire alcune regole, che consentono al disturbo di sparire quasi del tutto, nello specifico bisognerebbe masticare in maniera molto lenta e bisognerebbe seguire un’alimentazione controllata, evitando di mangiare a dismisura. Le fibre sono tra i principali nemici di questo disturbo, per tale ragione bisognerebbeevitare i cibi integrali e mangiare la frutta lontano dai pasti. Le bibite gassate sono da mettere al bando, così come i grassi, le fritture, i cibi piccanti, i fagioli, i broccoli, le cipolle, i formaggi stagionati e gli alcolici.

Uno dei rimedi migliori rimedi è rappresentato dalle tisane, quasi tutte le erbe naturali, infatti, riescono a contrastare questo disturbo, soprattutto la camomilla, che è in grado di calmare i crampi. Il finocchio e l’anice fanno si che la fermentazione venga controllata e il carbone vegetale assorbe i gas. Per migliorare la digestione, è consigliabile il cumino e una tisana ai frutti rossi.

Il fastidio può essere curato anche mediante l’assunzione di alcuni farmaci, anche se il nostro consiglio è quello di ricorrere ai farmaci solo nei casi in cui i rimedi naturali non abbiano funzionato, in particolare si può assumere qualche medicinale che favorisca il corretto equilibrio del tratto intestinale mediante l’assunzione di fermenti lattici vivi e le medicine che fanno parte del settore parasimpatico-mimetico, che fanno si che il problema passi più in fretta. Farmajet consiglia il carbone vegetale plus in associazione con il gastrobiotic plus per risolvere il problema del meteorismo

DIETA PER METEORISMO INTESTINALE

Come abbiamo potuto comprendere, è fondamentale una corretta alimentazione, per tale ragione vi sono cibi consigliati e altri assolutamente da evitare. Nello specifico, chi soffre di tale patologia dovrebbe mangiare almeno una volta al giorno della verdura cruda.

La dieta da seguire sarebbe quella a base di carne e di pesce, ogni secondo, infatti può essere accompagnato appunto dalle verdure. La frutta è molto consigliata, ma se assunta lontano dai pasti. Al posto del pane sarebbe più indicato mangiare i cracker o i grissini. La pasta può essere mangiata, ma non tutti i giorni, sarebbe opportuno alternarla con il riso. Per combattere il meteorismo bisogna bere almeno due litri di acqua al giorno, per evitare che il cibo fermenti troppo nello stomaco e assumere almeno una tisana alle erbe.

 

ATTENZIONE: Le nozioni riportate in questo sito sono da intendersi a solo scopo informativo: non possono dunque costituire, in nessun caso, la formulazione di una diagnosi medica né possono essere considerate come prescrizione di una terapia o trattamento. Tali informazioni, pertanto, non devono sostituire il consulto diretto con un medico o eventuali visite specialistiche.

SANGUE OCCULTO NELLE FECI: CAUSE PRINCIPALI ED ESAMI DA FARE. farmajet news

La presenza di sangue occulto nelle feci può indicare patologie più o meno gravi. Specialmente dopo una certa età è importante eseguire dei test specifici per lo screening del tumore al colon-retto

sangue

Ci sono casi clinici in cui il medico richiede, oltre alle analisi del sangue e delle urine, le analisi delle feci. Questo test viene eseguito per verificare la presenza di sangue occulto nelle feci. Presenze ematiche, infatti, non sono visibili ad occhio nudo nelle nostre feci e richiedono un’indagine che si può effettuare solo attraverso microscopio.

In genere questo esame viene eseguito per lo screening del tumore al colon-retto. È consigliato alle persone che hanno circa 50 anni e dovrebbe essere ripetuto almeno una volta ogni due anni.

È importante sottolineare che il risultato del test non ha valore diagnostico. Questo serve a identificare le persone a rischio di tumore al colon-retto e di polipi intestinali.In base all’esito del test, sarà il medico ad indirizzare il paziente verso indagini più specifiche che includono anche la colonscopia. Vediamo dunque quali sono le cause principali, come viene eseguito il test e come comportarsi in base all’esito.

sangue3

I sintomi associati alla presenza del sangue occulto nelle feci dipendono dalla causa

CAUSE DEL SANGUE OCCULTO NELLE FECI

La presenza di sangue nelle feci indica che ci sono delle perdite ematiche, più o meno rilevanti, nel tratto digestivo.

Il fenomeno può dipendere da diverse patologie che devono essere trattate adeguatamente. Tra le cause riscontriamo emorroidi, epistassi, gengiviti, vomito, gastrite, ulcera, diverticolite, malattia infiammatoria cronica intestinale.

Altre cause possono essere la presenza di polipi, ragadi anali, infezioni intestinali, anomalie congenite, morbo di Crohn e tumori (colon e retto).

FALSI POSITIVI

Esistono però casi in cui si possono verificare dei falsi positivi. L’esito può essere falsato quando il paziente ha assunto particolari farmaci antiinfiammatori e se è presente il sanguinamento delle gengive.

Sull’esito può influire anche la dieta alimentare, specialmente se il paziente consuma carne rossa, pollame, pesce, broccoli, rape, cavolfiore, funghi, mele, pompelmi e arance ed integratori e alimenti che contengono vitamina C.

sangue4
Sarà il medico a stabilire come procedere se l’esito è positivo

SINTOMATOLOGIA CONNESSA

I sintomi dipendono dalla causa. Nelle maggior parte dei casi, la presenza di sangue occulto nelle feci è asintomatica.

Per questo motivo la prevenzione diventa un elemento utile per trattare la patologia in anticipo.

Nei casi di patologie meno gravi, come le emorroidi o le ragadi, si potrà procedere con cure farmacologiche specifiche che elimineranno il problema definitivamente.

Quando la patologia è più seria, si eseguiranno delle ulteriori indagini prima di preparare il paziente alle cure specifiche.

COME SI ESEGUE IL TEST DEL SANGUE OCCULTO NELLE FECI

Il paziente dovrà raccogliere un campione di feci in un contenitore sterile da portare al laboratorio diagnostico. Il campione deve essere consegnato entro al massimo un paio di ore o, se viene richiesta una raccolta di più campioni è importante conservare il contenitore con le feci in frigorifero. In questo caso, come intuibile, è importante etichettare il contenitore e richiuderlo ermeticamente per non contaminare gli alimenti.

Sarà cura del laboratorio etichettare con il nome e i dati del paziente il contenitore alla consegna. Qui, gli addetti, analizzeranno il campione di feci con specifici strumenti e sostanze chimiche reagenti. 

In alcuni casi può essere necessario ricorrere alla colonscopia

CONSIGLI UTILI

È fondamentale non contaminare le feci. Per questo motivo i medici raccomandano di utilizzare dei guanti durante la raccolta, di evitare di mescolare il campione fecale con urine, detergenti e altre sostanze.

Bisognerà raccogliere il campione con l’apposita spatolina del kit prelevando le feci in 3 punti diversi. Inoltre, non bisogna eseguire il test durante le mestruazioni, con le emorroidi o quando si perde sangue con le urine.

Prima di fare il test è importante sospendere qualche giorno prima ogni tipo di farmaco e fare attenzione all’alimentazione.

COSA ACCADE SE IL TEST DEL SANGUE OCCULTO NELLE FECI È POSITIVO

Se il test è positivo, potrebbe essere richiesto dal medico di fare ulteriori indagini per individuare, per esempio, i polipi e rimuoverli con la biopsia.

Solitamente, l’approfondimento comporta sottoporre il paziente alla colonscopia, alla rettosigmoidoscopia e alla TAC.

La colonscopia consiste nell’osservazione del tratto intestinale attraverso un tubo molto sottile munito di telecamera. Solitamente, il test viene eseguito in anestesia parziale o totale in base al caso e al paziente.

Poiché i primi due test sono molto invasivi vengono eseguiti solo se necessario. Esistono però altre alternative che possono dare indicazioni ma non sono attendibili come la colonscopia.

Stiamo parlando di esami come il clisma opaco a doppio contrasto, la colonscopia tramite TAC, la colonscopia con videocapsula e la colonscopia robotica.
 ATTENZIONE: Le nozioni riportate in questo sito sono da intendersi a solo scopo informativo: non possono dunque costituire, in nessun caso, la formulazione di una diagnosi medica né possono essere considerate come prescrizione di una terapia o trattamento. Tali informazioni, pertanto, non devono sostituire il consulto diretto con un medico o eventuali visite specialistiche.

DIETA DEL DIGIUNO INTERMITTENTE: Farmajet news

La dieta del digiuno intermittente aiuta a dimagrire velocemente perché accelera il metabolismo. Si basa sull’alternanza di pasti completi e regolari al digiuno durante le ore della giornata. Ecco cosa prevede e quali sono i vantaggi e svantaggi

inter1

Oggi le diete alimentari predisposte per il dimagrimento sono moltissime. In tante promettono di fare perdere i chili di troppo anche velocemente; pensiamo, per esempio, alla dieta dissociata o alla dieta scarsdale. La dieta del digiuno intermittente, è un tipo di dieta che sta spopolando perché aiuta a dimagrire più in fretta perché riesce a fare accelerare il metabolismo.

Questo programma alimentare è scelto soprattutto dagli sportivi che hanno bisogno di perdere peso prima di partecipare a gare importanti.

La dieta si basa sull’alternanza di pasti completi e regolari a digiuni brevi o prolungati. Il programma alimentare non è prestabilito ma permette di scegliere come impostare l’alternanza pasto-digiuno. Nei vari metodi quello che cambia è il periodo di tempo tra le due fasi.Scopriamo in cosa consiste, quali alimenti vengono suggeriti e quali vantaggi e svantaggi può comportare per l’organismo.

A differenza delle altre, la dieta del digiuno intermittente non esclude alimenti

SCHEMI ALIMENTARI DELLA DIETA DEL DIGIUNO INTERMITTENTE

La dieta del digiuno intermittente prevede in linea generale una fase di digiuno, la fase fast, e un’altra in cui si può mangiare regolarmente, la fase fed.

La prima dura dalle 12 alle 20 e prevede di potere assumere acqua, caffè amaro, tè e bevande senza zuccheri ma nessun cibo. Nelle successive ore, si può mangiare come di consueto.

LE TIPOLOGIE DI DIETA DEL DIGIUNO INTERMITTENTE

I nutrizionisti e preparatori atletici che appoggiano e promuovono questo tipo di dieta sono differenti. Ognuno di loro, pur concordando nell’efficacia del digiuno propone delle varianti alla dieta.

Quella più nota è la leangains, conosciuta anche come intermittent fasting o digiuno intermittente leangains. Questo programma alimentare si basa sulla suddivisione della giornata, tra fase fast/fed, sullo schema 16/8. Ciò significa che il digiuno completo deve essere di 16 ore per poi lasciare il posto ad 8 ore in cui poter mangiare fino a 3 pasti.

La dieta ​Eat Stop Eat, consiste nel digiunare per 24 ore, una o due volte a settimana. Nei casi, in cui è necessario, però prevede di poter assimilare alcuni cibi ipocalorici.

La Warrior Diet, invece, prevede 4 ore di fed in cui si può mangiare tutto e degli spuntini a base di verdure e frutta secca.

La dieta Fast, nota anche come digiuno a giorni alterni, prevede di poter mangiare regolarmente per 5 giorni a settimana e di digiunare completamente, o quasi, negli altri 2 giorni. Nei giorni di digiuno, è concesso fare solo un’abbondante colazione e una cena.

La Whole day fasting, a differenza della Eat Stop Eat, suggerisce uno o due giorni di completo digiuno, mentre negli altri 5 giorni si può mangiare di tutto.La dieta del digiuno intermittente prevede di poter mangiare qualsiasi cosa nella fase Fed

SCHEMA SETTIMANALE DELLA DIETA DEL DIGIUNO INTERMITTENTE

Se alcune tipologie di programmi alimentari sono intuibili perché prevedono fasi di digiuno totale a fasi in cui si può mangiare di tutto, in altri casi sono necessarie delle indicazioni.

Prendiamo ad esempio la dieta leangains che, come detto prevede una fase fed di 8 ore, e una fase fast di 16 ore.

colazione e durante l’intera giornata ci si può concedere the verde, caffè amaro, tisane non zuccherate, acqua.

pranzo, invece, dopo le 12, si può mangiare pasta al pesto, verdura mista con un cucchiaio d’olio, frutta. (Da qui inizia la fase fed, in cui potete consumare pasti per le successive 8 ore)

Dalle ore 16, potete fare merenda con 15 g di frutta secca, una frutta e 50 g di gallette di riso o mais.

cena, dopo le 19, il programma prevede merluzzo al forno, pane di segale o integrale, verdure miste condite con un cucchiaio d’olio, un bicchiere di vino. È importante fermare la fase fed, dopo 8 ore dall’inizio del primo pasto, colazione esclusa.

La dieta fast, consiste in 5 giorni in cui si mangia regolarmente e 2 giorni a restrizione calorica. In questi 2 giorni vengo consigliati il consumo di alimenti proteici. A colazione, si può mangiare per esempio, uova strapazzate, prosciutto e tè; per cena, invece, pollo, pesce e verdure grigliate.

A cena è preferibile mangiare più leggero

VANTAGGI E SVANTAGGI DEL DIGIUNO INTERMITTENTE

La dieta del digiuno intermittente apporta vantaggi non solo per la perdita di peso e l’accelerazione del metabolismo. Questa abbassa notevolmente anche il livello di insulina che causa malattie cardiovascolari e cancro. Questa dieta permette anche di fare aumentare la secrezione dell’ormone della crescita (GH) che permette di assimilare le proteine, bruciare grassi ed abbassare i trigliceridi. L’alternanza alimentazione-digiuno favorisce anche la rigenerazione delle cellule.

Tuttavia questo programma alimentare così drastico non è adatto a tutti. In particolar modo è sconsigliato a chi soffre di diabete, ipoglicemia, squilibrio del cortisolo, stanchezza cronica. Da evitare è anche per le donne in gravidanza e allattamento.

È importante comunicare al proprio medico l’inizio del programma alimentare e informarlo in caso di effetti collaterali riscontrati. Tra questi i disturbi del sonno, l’ansia, l’irritabilità e la disidratazione.

 

 

ATTENZIONE: Le nozioni riportate in questo sito sono da intendersi a solo scopo informativo: non possono dunque costituire, in nessun caso, la formulazione di una diagnosi medica né possono essere considerate come prescrizione di una terapia o trattamento. Tali informazioni, pertanto, non devono sostituire il consulto diretto con un medico o eventuali visite specialistiche.

La curcuma aiuta la memoria. Farmajet news

Una ricerca condotta negli Stati Uniti ha dimostrato che la curcuma è importante per migliorare la memoria, per agire contro l’insorgenza dell’Alzheimer e svolge un aiuto fondamentale per il miglioramento dell’umore

turmeric

La curcuma possiede molte proprietà benefiche. Non dovremmo trascurare di inserirla nella nostra alimentazione per i numerosi benefici che apporta alla salute. Adesso si è perfino scoperto che svolge un ruolo importante nel migliorare la memoria e l’umore. È questa la conclusione a cui sono giunti i ricercatori dell’Università della California con uno studio apposito sull’argomento.

Gli scienziati hanno esaminato le sostanze contenute nella curcuma, in modo da vedere quali effetti esse hanno sulle performance cognitive delle persone. I risultati della ricerca sono stati sorprendenti, perché hanno dimostrato come l’assunzione regolare di questa spezia sia in grado di ridurre il declino cognitivo e quindi l’insorgenza dell’Alzheimer.

Proprietà della curcuma: lo studio

Nello studio sono state coinvolte 40 persone, tutte di età compresa tra i 50 e i 90 anni. Tutti i volontari avevano dei lievi disturbi della memoria. I partecipanti al test sono stati divisi in due gruppi: il primo gruppo assumeva un placebo, mentre l’altro 90 milligrammi di curcumina. L’assunzione è durata per 18 mesi.

Dopo questo periodo di tempo tutti i volontari sono stati sottoposti a dei test per la memoria: è risultato che chi aveva assunto la curcuma riusciva ad avere prestazioni cognitive più alte del 28%. Inoltre chi aveva assunto la curcuma riscontrava anche un miglioramento generale dell’umore, evidenziando meno interferenze nell’amigdala e nell’ipotalamo, proprio le regioni del cervello che sono legate alle emozioni.

I ricercatori hanno riscontrato anche che nel cervello di chi aveva assunto la curcuma per 18 mesi vi era una ridotta presenza di proteine legate ai processi neurodegenerativi. Ancora non è chiaro come la curcuma riesca ad agire sui processi cerebrali, mettendo in atto un’azione benefica. Gli studiosi pensano che l’aiuto contro la neurodegenerazione sia dovuto alla capacità della curcumina di ridurre l’infiammazione cerebrale, condizione che numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato essere collegata all’Alzheimer e alla depressione.

acquista il migliore integratore di curcuma pura biodisponibile

Suggerimenti per un sistema immunitario sano. Farmajet news

Il sistema immunitario difende il corpo dalle infezioni. Sebbene funzioni in modo efficace il più delle volte, a volte il nostro sistema immunitario fallisce e noi ci ammaliamo. Ci sono modi in cui possiamo potenziare il nostro sistema immunitario e prevenire le malattie? Lo scopriamo.
immuno1

Il nostro sistema immunitario ci protegge da infezioni e malattie, ma esiste un modo in cui possiamo migliorare il modo in cui funziona?

Il sistema immunitario è una rete di cellule speciali, tessuti, proteine ​​e organi che lavorano insieme per proteggere il corpo da invasori e malattie straniere potenzialmente dannose.

Quando il nostro sistema immunitario funziona correttamente, rileva le minacce, come batteri, parassiti e virus, e innesca una risposta immunitaria per distruggerli. Il nostro sistema immunitario può essere diviso in due parti: innato e adattivo.

L’immunità innata è la protezione naturale con cui siamo nati e la nostra prima linea di difesa per combattere l’infezione. Dopo aver rilevato un’infezione, la nostra risposta innata agisce rapidamente per cercare di scovare l’invasore producendo muco extra o alzando il termostato per farlo esplodere con una febbre .

L’immunità adattativa è una protezione che otteniamo per tutta la vita poiché siamo esposti a malattie o protetti contro di loro dalle vaccinazioni. Il sistema adattivo individua un nemico e produce le armi specifiche – o gli anticorpi – che sono necessari per distruggere ed eliminare l’invasore dal corpo.

Il sistema adattivo può richiedere dai 5 ai 10 giorni per identificare gli anticorpi necessari e produrli nei numeri necessari per attaccare con successo un invasore. In quel momento, il sistema innato tiene a bada l’agente patogeno e impedisce che si moltiplichi.

Il sistema immunitario può essere potenziato?

In quanto tale, l’immunità innata non può essere “potenziata” e non vorreste che fosse. Se la risposta innata venisse stimolata, ti sentiresti costantemente malato con naso che cola, febbre, letargia e depressione .

L’efficienza della risposta adattiva può essere accelerata con le vaccinazioni. Un vaccino contiene una versione innocua del germe da cui è necessaria la protezione. Il sistema adattivo ricorda l’invasore in modo che la prossima volta che entra in contatto con il germe, possa agire rapidamente per lanciare un attacco.

immuno2

Il sistema immunitario contiene molti tipi di cellule differenti che rispondono a diversi microbi.

Mentre molti prodotti affermano di aumentare l’immunità, il concetto ha poco senso dal punto di vista scientifico. Cercare di stimolare le cellule di qualsiasi tipo non è necessariamente una buona cosa e può provocare gravi effetti collaterali.

Il sistema immunitario, in particolare, contiene diversi tipi di cellule che rispondono a vari microbi in molti modi. Quali cellule vorresti incrementare e quante? Questa è una domanda alla quale gli scienziati attualmente non conoscono la risposta.

Ciò che i ricercatori sanno è che il corpo produce continuamente cellule immunitarie che vengono chiamate globuli bianchi, o leucociti, e genera molte più cellule del sistema adattivo – noto come linfociti – che maturano nelle cellule B e T del necessario.

Le cellule in eccesso si distruggono attraverso un processo di morte cellulare naturale, chiamato apoptosi. Non è noto quale sia il miglior mix di cellule o numero ottimale per il sistema immunitario che funzioni al meglio.

Sistema immunitario indebolito

Per molte persone, il sistema immunitario funziona bene per regolare se stesso e non ha bisogno di aiuto. Tuttavia, in alcune persone, i farmaci oi disturbi del sistema immunitario causano l’iperattività o la bassa attività del sistema immunitario.

  • I disordini da immunodeficienza primaria sono solitamente presenti dalla nascita e sono causati dal fatto che il sistema immunitario manca di parti particolari.
  • Disturbi da immunodeficienza secondaria si verificano a seguito del fatto che il sistema immunitario viene compromesso da fattori ambientali, tra cui HIV , gravi ustioni, malnutrizione o chemioterapia .
  • Le allergie e l’asma si sviluppano quando il sistema immunitario risponde a sostanze che non sono dannose.
  • Le malattie autoimmuni sono condizioni come il lupus , l’artrite reumatoide , la malattia infiammatoria intestinale, la sclerosi multipla e il diabete di tipo 1 , per cui il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule e i tessuti del corpo.

I disturbi del sistema immunitario sono trattati con farmaci specifici che affrontano i sintomi e le infezioni associate.

Impatto dello stile di vita sulla risposta immunitaria

I componenti primari del sistema immunitario includono i linfonodi, le tonsille, la milza, il midollo osseo e il timo.

immuno3

Molti fattori, tra cui la dieta, l’esercizio fisico e il sonno, possono influire sulla risposta immunitaria.

Rimane comunque molto da imparare sull’interconnessione e sulla complessità della risposta immunitaria. Per funzionare bene, l’intero sistema richiede armonia ed equilibrio. Il sistema immunitario non è una singola entità o campo di forza che ha bisogno di un patch per funzionare correttamente.

Non sono stati identificati collegamenti diretti tra lo stile di vita e una maggiore risposta immunitaria, ma i ricercatori hanno studiato l’effetto di fattori quali l’esercizio fisico, la dieta e lo stress sulla risposta del sistema immunitario.

La cosa migliore che puoi fare per mantenere il tuo sistema immunitario è adottare strategie di vita sane che andranno a beneficio dell’intero corpo, incluso il tuo sistema immunitario. Queste strategie potrebbero includere:

  • mangiare una dieta ricca di frutta e verdura
  • esercitarsi regolarmente
  • mantenere un peso sano
  • Smettere di fumare
  • bere alcolici solo con moderazione
  • dormire abbastanza
  • evitando l’infezione attraverso il lavaggio delle mani regolari
  • ridurre lo stress

Dieta e sistema immunitario

Consumare una dieta equilibrata e mangiare le quantità raccomandate di nutrienti aiuterà a mantenere la normale funzione immunitaria.

Le vitamine A, C e D e i minerali, incluso lo zinco, svolgono un ruolo nel funzionamento del sistema immunitario. Se mangi una dieta equilibrata, non avrai bisogno di assumere integratori di queste vitamine e minerali e l’assunzione di extra non aiuterà particolarmente il tuo sistema immunitario.

Le popolazioni che sono malnutrite sono note per essere più suscettibili alle infezioni e vi sono alcune prove che le carenze di alcuni micronutrienti alterano le risposte immunitarie.

Vitamine e minerali

Ad esempio, la carenza di zinco – che può contribuire a malattie croniche – ha dimostrato di avere un impatto negativo su come il sistema immunitario risponde all’infiammazione negli anziani.

immuno4

Mangiare una dieta sana ed equilibrata è importante per il mantenimento della funzione immunitaria.

La supplementazione di vitamina D è stata collegata ad alterazioni nel comportamento del sistema immunitario. L’assunzione di supplementi di vitamina D durante la gravidanza – un periodo in cui il sistema immunitario è in continuo flusso – può modificare il sistema immunitario del neonato in modo tale da proteggere dalle infezioni respiratorie e dall’asma .

La ricerca suggerisce che la vitamina D attiva le cellule T in grado di identificare e attaccare le cellule tumorali e proteggere dal cancro del colon-retto in alcune persone. Negli anziani, anche la vitamina D ha dimostrato di ridurre le infezioni respiratorie.

Alimenti che influenzano la risposta immunitaria

Gli studi si sono concentrati su come specifici alimenti o diete potrebbero influenzare la risposta immunitaria.

La fibra solubile commuta le cellule immunitarie da pro-infiammatorie a anti-infiammatorie, che ci aiuta a guarire più velocemente dalle infezioni.

Pterostilbene e resveratrolo, trovati rispettivamente nei mirtilli e nell’uva rossa, contribuiscono ad aumentare l’espressione del gene del peptide antimicrobico (CAMP) della catelicidina umana, che è coinvolto nella funzione immunitaria. Il gene CAMP svolge un ruolo vitale nel sistema immunitario innato.

I probiotici possono aiutare a contrastare gli effetti avversi degli antibiotici ad ampio spettro mantenendo il sistema immunitario pronto a rispondere alle nuove infezioni.

È stato dimostrato che l’ olio di pesce ricco di DHA aumenta l’attività delle cellule B, che potrebbe essere promettente per coloro che hanno un sistema immunitario compromesso.

Il digiuno prolungato è stato collegato alla rigenerazione delle cellule staminali delle cellule immunitarie più vecchie e danneggiate.

La curcumina , che si trova nel curry e nella curcuma, può aiutare il sistema immunitario a liberare il cervello dalle placche di beta-amiloide viste nella malattia di Alzheimer .

Diete ad alto contenuto di grassi e ad alto contenuto calorico innescano una risposta dal sistema immunitario simile a un’infezione batterica. I ricercatori suggeriscono che mangiare cibi non sani rende le difese del corpo più aggressive dopo il passaggio a una dieta salutare, che può contribuire a malattie come l’arteriosclerosi e il diabete .

Esercizio fisico e sistema immunitario

Proprio come una dieta sana, un’attività fisica regolare contribuisce alla buona salute generale e, quindi, a un sistema immunitario sano. L’esercizio promuove l’efficiente circolazione del sangue, che mantiene le cellule del sistema immunitario in movimento in modo che possano svolgere efficacemente il loro lavoro.

Uno studio ha rivelato che solo 20 minuti di esercizio moderato hanno stimolato il sistema immunitario, che a sua volta ha prodotto una risposta cellulare antinfiammatoria.

Gli investigatori hanno notato che la loro scoperta ha implicazioni incoraggianti per le persone con malattie croniche – tra cui l’ artrite e la fibromialgia – e l’ obesità .

Altre ricerche hanno scoperto che il modo migliore per evitare cambiamenti avversi del sistema immunitario e aiutare il corpo a riprendersi dopo un intenso esercizio era quello di consumare carboidrati durante o dopo.

Gli autori del documento suggeriscono che tra 30 e 60 grammi di carboidrati ogni ora durante l’attività fisica può aiutare a mantenere la normale funzione immunitaria.

Altri fattori di risposta immunitaria

Oltre ad una dieta bilanciata e un regolare esercizio fisico, gli scienziati hanno trovato prove di altri fattori che possono influenzare la risposta del sistema immunitario.

La deprivazione cronica del sonno può ridurre la risposta del sistema immunitario e la circolazione dei globuli bianchi, mentre un adeguato sonno ad onde lente – o sonno profondo – rafforza la memoria del sistema immunitario dei patogeni che sono stati precedentemente rilevati.

immuno5

Essere all’aperto sotto il sole ha dimostrato di beneficiare il sistema immunitario.

Uscire alla luce del sole può portare benefici al sistema immunitario . I ricercatori hanno scoperto che la luce del sole stimola le cellule T che combattono le infezioni e che svolgono un ruolo chiave nell’immunità. In particolare, la luce blu che si trova nei raggi del sole ha fatto muovere le cellule T più velocemente, il che potrebbe aiutarle a raggiungere un sito di infezione e rispondere più rapidamente.

Ridurre lo stress può anche aiutare a sostenere la normale funzione del sistema immunitario.

Uno studio ha scoperto che anticipare un evento felice o divertente ha aumentato i livelli di endorfine e altri ormoni che inducono uno stato di rilassamento. Lo stress cronico può sopprimere la risposta del sistema immunitario e la sua capacità di combattere le malattie; pertanto, ridurre lo stress può aiutare a prevenire infezioni e altri disturbi.

È stato riportato che cantare in un coro per 1 ora riduce lo stress, migliora l’umore e aumenta i livelli di proteine ​​immunitarie in individui con cancro e chi si prende cura di loro. I risultati dello studio dimostrano che qualcosa di semplice come il canto può aiutare a ridurre la soppressione correlata allo stress del sistema immunitario.

La solitudine è stata anche individuata come un fattore di stress che può influire sul sistema immunitario.

La ricerca indicava che le persone che erano solitarie producevano livelli più elevati di proteine ​​correlate all’infiammazione in risposta allo stress rispetto a coloro che ritenevano di essere socialmente connessi.

Le proteine ​​legate all’infiammazione sono associate a condizioni come il diabete di tipo 2 , la malattia coronarica , il morbo di Alzheimer e l’artrite.

Sebbene restino molte domande sulla funzione del sistema immunitario, è chiaro che il consumo di una dieta sana, l’esercizio regolare, il sonno adeguato e la riduzione dello stress contribuiranno notevolmente a mantenere l’immunità.

Il composto di curcuma potrebbe aumentare la memoria e l’umore

Il composto di curcuma potrebbe aumentare la memoria e l’umore

Non sei un amante del cibo indiano? Un nuovo studio potrebbe farti cambiare idea. I ricercatori hanno scoperto che un composto in curcuma – la spezia che dà al curry il suo colore dorato – potrebbe aiutare a migliorare l’umore e la memoria degli anziani.
curcuma 1
Una dose due volte al giorno di curcumina – trovata in curcuma – è stata trovata per migliorare la memoria e l’umore negli anziani.

La curcuma è stata collegata a una ricchezza di benefici per la salute. L’anno scorso, ad esempio, Medical News Today ha riferito di uno studio che suggerisce che la curcuma potrebbe aiutare a curare il cancro del pancreas , mentre altre ricerche sostengono che la spezia popolare possa aiutare a trattare l’ ictus e il morbo di Alzheimer .

È l’abbondanza di curcuma di un composto chiamato curcumina che lo rende così speciale. Gli studi hanno dimostrato che la curcumina è un antiossidante , il che significa che può proteggere le nostre cellule dai danni causati dai radicali liberi. Ha anche forti proprietà anti-infiammatorie .

Il nuovo studio – recentemente pubblicato sull’American Journal of Geriatric Psychiatry – fornisce ulteriori prove che la curcumina può proteggere il cervello.

Il primo autore dello studio, il dottor Gary Small, del Longevity Center dell’Università della California, Los Angeles, e colleghi hanno testato il composto su 40 adulti di età compresa tra 51 e 84, tutti con problemi di memoria lievi.

Per un totale di 18 mesi, i partecipanti sono stati randomizzati a uno dei due gruppi. Un gruppo ha assunto 90 milligrammi di curcumina due volte al giorno, mentre l’altro gruppo ha assunto un placebo .

La curcumina utilizzata in questo studio era una forma biodisponibile chiamata Theracurmin, che i ricercatori descrivono come una “forma di curcumina con maggiore penetrabilità dell’endotelio intestinale”.

La curcumina può avere benefici cognitivi

Al basale dello studio, tutti i partecipanti sono stati sottoposti a test cognitivi standard, e questi sono stati ripetuti ogni 6 mesi durante lo studio, nonché alla fine dello studio.

Inoltre, 30 dei soggetti – 15 dei quali stavano ricevendo curcumina – hanno avuto scansioni con tomografia a emissione di positroni (PET) all’inizio e alla fine dello studio.

Queste scansioni sono state condotte al fine di valutare i livelli di beta-amiloide e tau, che sono proteine ​​che sono considerate un segno distintivo del morbo di Alzheimer. La ricerca ha suggerito che un aumento dei livelli di beta-amiloide e tau può verificarsi fino a 15 anni prima che insorgano i sintomi del morbo di Alzheimer, suggerendo che le proteine ​​potrebbero essere un indicatore precoce della malattia.

I risultati hanno rivelato che i soggetti che hanno assunto la curcumina due volte al giorno hanno dimostrato un miglioramento del 28% nei test della memoria nel corso dello studio, mentre quelli che hanno assunto il placebo non hanno mostrato miglioramenti significativi della memoria.

I soggetti che hanno ricevuto la curcumina hanno anche avuto lievi miglioramenti nell’umore, a differenza di quelli che hanno assunto il placebo.

Inoltre, i partecipanti che hanno assunto la curcumina hanno anche livelli più bassi di beta-amiloide e tau nelle regioni del cervello dell’ipotalamo e dell’amigdala, che sono regioni che svolgono ruoli chiave nella memoria e nelle emozioni.

Questi risultati suggeriscono che l’assunzione di questa forma relativamente sicura di curcumina potrebbe fornire benefici cognitivi significativi nel corso degli anni”.

Dr. Gary Small, primo autore

Gli effetti collaterali della curcumina erano lievi, riferisce la squadra; quattro persone hanno avuto dolore addominale e altri sintomi gastrointestinali, ma anche due dei partecipanti trattati con placebo. Un soggetto che ha ricevuto la curcumina ha sperimentato “una temporanea sensazione di calore e pressione al petto”.

Secondo il Dr. Small e colleghi, è in preparazione uno studio di follow-up. Coinvolgerà un numero maggiore di partecipanti, incluse persone con depressione lieve e individui con un rischio genetico per la malattia di Alzheimer.

Lo scopo della ricerca sarà determinare se determinati fattori, come l’età, la gravità dei problemi cognitivi e la presenza di geni correlati al morbo di Alzheimer, potrebbero influenzare gli effetti della curcumina sull’umore e sulla memoria.

Farmajet consiglia la cucuma pura biodisponibile

curcuma pura farmajet