Annunci

Cancro al pancreas: il virus influenzale modificato distrugge i tumori

I ricercatori della Queen Mary University di Londra nel Regno Unito hanno modificato un virus dell’influenza e l’hanno usato per colpire con successo le cellule di cancro del pancreas.
pancreas1

Il cancro del pancreas – mostrato qui – potrebbe presto essere più facile da trattare a causa di recenti scoperte.

Il cancro al pancreas è la terza principale causa di mortalità correlata al cancro negli Stati Uniti, con oltre 43.000 morti stimati per l’anno 2017.

Secondo il National Cancer Institute (NCI), oltre l’8% delle persone a cui viene diagnosticato un cancro al pancreas hanno una prognosi di sopravvivenza a 5 anni, anche se l’NCI, così come l’American Cancer Society, sottolineano che molte persone vivono più a lungo e no due pazienti sono simili.

Come con la maggior parte delle forme di cancro , prima viene rilevato il cancro al pancreas, migliori sono le prospettive per il paziente. Quando viene diagnosticato precocemente, il cancro del pancreas tende a essere localizzato, il che facilita la sua gestione.

La necessità di terapie migliori e più efficaci per il cancro del pancreas rimane grave, soprattutto perché si sviluppa e si diffonde così rapidamente, resistendo spesso al trattamento.

Al fine di evitare la resistenza ai farmaci, i ricercatori stanno studiando l’uso di virus mutati per colpire le cellule tumorali pancreatiche in modo più preciso.

Con questo obiettivo in mente, un team di ricercatori guidati dal dott. Gunnel Halldén, della Queen Mary University, si è proposto di modificare geneticamente un virus influenzale .

Per testare la sua efficacia contro il cancro, gli scienziati hanno utilizzato un modello geneticamente modificato di cancro del pancreas, che ha coinvolto cellule tumorali pancreatiche da pazienti umani.

Il primo autore dell’articolo è il dott. Stella Man, del Barts Cancer Institute di Queen Mary, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista Molecular Cancer Therapeutics.

Distruggere le cellule tumorali dall’interno

A differenza delle cellule pancreatiche sane, le cellule del cancro del pancreas contengono una molecola chiamata alfa v beta 6.

Il dott. Halldén e i suoi colleghi hanno alterato geneticamente il virus dell’influenza per contenere una proteina extra che si lega all’alfa v beta 6. Quando il virus dell’influenza accede alla cellula cancerosa, si moltiplica all’interno della cellula, facendola infine scoppiare e distruggerla.

Quindi, mentre il virus si replica, il ciclo si ripete, eliminando completamente il tumore .

Il team ha testato questo nuovo approccio con cellule tumorali umane e ha scoperto che il virus modificato ha fermato con successo la crescita del cancro.

Abbiamo dimostrato per la prima volta che i tumori pancreatici possono essere specificatamente mirati con una versione modificata del virus comune dell’influenza […] Il nuovo virus infetta e uccide specificamente le cellule di cancro del pancreas, causando pochi effetti collaterali nel tessuto sano vicino. ”

Dott. Stella Man

“La nostra strategia di targeting non solo è selettiva ed efficace”, aggiunge il primo autore, “ma ora abbiamo ulteriormente ingegnerizzato il virus in modo che possa essere trasportato nel sangue per raggiungere le cellule tumorali che si sono diffuse in tutto il corpo”.

I ricercatori sperano che presto saranno in grado di trasferire questi risultati a studi clinici sull’uomo.

“Se riusciremo a confermare questi risultati negli studi clinici sull’uomo”, afferma il Dott. Man, “allora questo potrebbe diventare un nuovo trattamento promettente per i pazienti con cancro al pancreas, [che] potrebbe essere combinato con farmaci chemioterapici esistenti per uccidere le cellule tumorali perseveranti”.

In questa nota, il dott. Halldén aggiunge: “Attualmente, stiamo cercando nuovi fondi per sostenere ulteriori sviluppi negli studi clinici entro i prossimi 2 anni. Con questo finanziamento in atto, le prove di fase iniziali richiederanno solitamente circa 5 anni per determinare se la terapia è sicura ed efficace. ”

Annunci

Cos’è il cancro dell’endometrio?

Il cancro dell’endometrio inizia nello strato di cellule che formano il rivestimento dell’utero, chiamato endometrio. Il cancro dell’endometrio può anche essere chiamato cancro dell’utero o cancro dell’utero.

La maggior parte dei tumori uterini sono il cancro dell’endometrio. In un altro tipo di cancro, il sarcoma uterino , la malignità inizia nei muscoli intorno all’utero. Il tumore dell’endometrio e il sarcoma uterino sono di solito trattati in modo diverso.

Il cancro uterino è il quarto tumore più comune nelle donne negli Stati Uniti

Colpisce normalmente le donne di età superiore ai 55 anni.

Segni e sintomi del cancro dell’endometrio

endome1

Il cancro dell’endometrio inizia nel rivestimento dell’utero e può diffondersi da lì.

Segni e sintomi del cancro dell’endometrio includono:

  • Sanguinamento vaginale tra periodi mestruali
  • Periodi che sono più pesanti del solito
  • Sanguinamento vaginale nelle donne in post-menopausa
  • Scariche vaginali anormali, che possono essere acquose o venate di sangue.

Meno comune è il dolore nella zona pelvica o durante i rapporti sessuali.

Con il progredire della malattia, possono verificarsi affaticamento , nausea e dolore alle gambe, alla schiena e alla zona pelvica.

Alcune donne provano anche dolore durante la minzione, mentre altre hanno difficoltà a svuotare la vescica.

Altri problemi di salute non cancerosi hanno sintomi simili, come fibromi , endometriosi , iperplasia dell’endometrio o polipi nel rivestimento dell’utero.

Fattori di rischio per il carcinoma dell’endometrio

Un fattore importante nel cancro dell’endometrio è una maggiore esposizione ad alti livelli di estrogeni . Le donne che non sono mai state incinte , che iniziano le mestruazioni prima dei 12 anni di età o che subiscono una menopausa tardiva , dopo 55 anni, sono più a rischio.

Anche la terapia ormonale sostitutiva (HRT), in particolare quella estrogenica, utilizzata dalle donne dopo un’isterectomia, contribuisce. La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è anche un fattore di rischio, poiché aumenta i livelli di estrogeni.

Il diabete può contribuire perché quando i livelli di insulina aumentano, così anche i livelli di estrogeni. L’alto livello di estrogeni a lungo termine aumenta la probabilità di cancro uterino.

Altri fattori includono:

  • Iperplasia endometriale o eccessiva crescita eccessiva o ispessimento del rivestimento dell’utero
  • Obesità
  • Ipertensione
  • Uso di Tamoxifene per prevenire o trattare il cancro al seno
  • Radioterapia al bacino
  • Una storia familiare di cancro uterino
  • Una precedente diagnosi di carcinoma ovarico o mammario.

L’acrilamide, un composto cancerogeno trovato nel cibo cotto, particolarmente bruciato, ricco di carboidrati è stato collegato al carcinoma dell’endometrio e dell’ovaio nelle donne in post-menopausa.

Diagnosi del carcinoma endometriale

Un medico esaminerà i sintomi e l’anamnesi medica e familiare del paziente e svolgerà un esame pelvico.

Ciò comporta l’ispezione e la percezione della cervice, dell’utero, della vagina e delle labbra per rilevare eventuali grumi o cambiamenti di forma o dimensioni.

Una scansione di ecografia transvaginale (TVU) può determinare la dimensione e la forma dell’utero, e la consistenza e lo spessore dell’endometrio, per escludere altre condizioni. Un trasduttore viene inserito nella vagina e le onde sonore creano un’immagine video dell’utero su un monitor.

Gli esami del sangue possono rivelare cellule cancerose.

Una biopsia comporta il prelievo di un campione di tessuto o cellule per l’esame al microscopio. Questa potrebbe essere una isteroscopia, in cui un sottile telescopio viene inserito nella vagina e nell’utero, o una biopsia di aspirazione, utilizzando un tubo piccolo e flessibile per prelevare le cellule del campione.

Se viene rilevato un cancro, verrà valutato il “grado” del tumore , per vedere quanto rapidamente le cellule si stanno dividendo e quanto rapidamente il tumore rischia di crescere.

Un tumore di grado più elevato ha maggiori probabilità di crescere rapidamente e di metastatizzare, o diffondersi in altre parti del corpo.

I test per rilevare la diffusione del carcinoma endometriale includono un pap test , la biopsia dei linfonodi e test di imaging, come radiografia, TC, PET o MRI .

Rimuovere l’utero chirurgicamente o l’isterectomia può rivelare la scala del cancro nell’utero.

Staging cancro endometriale

Il trattamento dipenderà dallo stadio o da quanto si è diffuso il cancro.

Le seguenti fasi possono essere utilizzate:

  • Stadio 0: le cellule cancerose rimangono dove hanno iniziato, sulla superficie del rivestimento interno dell’utero.
  • Stadio I: il tumore si è diffuso attraverso il rivestimento interno dell’utero all’endometrio e possibilmente al miometrio.
  • Stadio II: il tumore si è diffuso alla cervice.
  • Stadio III: il tumore si è diffuso attraverso l’utero al tessuto vicino, compresa la vagina o un linfonodo.
  • Stadio IV: il tumore si è diffuso alla vescica o all’intestino e probabilmente ad altre aree, come ossa, fegato o polmoni.

Quando il cancro dell’endometrio si diffonde dall’endometrio ad altre parti del corpo e quando un nuovo tumore si forma, per esempio, nel polmone, quel nuovo tumore non è un cancro ai polmoni . È noto come carcinoma endometriale metastatico.

Trattamento per il cancro dell’endometrio

Il trattamento dipende dall’età del paziente e dalla salute generale, dal grado e dallo stadio del tumore. Un medico discuterà le opzioni e i possibili effetti avversi con il paziente.

Complessivamente, le opzioni includono chirurgia, radioterapia, chemioterapia e terapia ormonale.

Chirurgia

Il trattamento per il carcinoma endometriale è normalmente un intervento di isterectomia o la rimozione chirurgica dell’utero, insieme alle tube di Falloppio e alle ovaie. Normalmente si tratta di una degenza ospedaliera di 2 giorni, ma la ripresa delle normali attività può richiedere da 4 a 8 settimane.

Una donna in premenopausa non avrà più le mestruazioni dopo l’intervento e non sarà in grado di concepire. Ci possono essere sintomi di menopausa, come vampate di calore, sudorazione notturna e secchezza vaginale.

Radioterapia

La radioterapia usa raggi potenti per uccidere le cellule tumorali e danneggia il loro DNA in modo che non possano più moltiplicarsi.

Nella radiazione a fascio esterno (EBRT), un raggio è diretto verso il bacino e altre aree con cancro. Ci possono essere fino a cinque sessioni a settimana per diverse settimane. Una sessione dura circa 15 minuti.

La brachiterapia, o radioterapia interna, utilizza piccoli dispositivi pieni di radiazioni, come fili, un cilindro o piccoli semi. Questi vengono posti all’interno della vagina per alcuni minuti e quindi rimossi, dopodiché il paziente torna a casa. La terapia viene ripetuta due o più volte per diverse settimane. La rimozione del dispositivo rimuove la radiazione dal corpo.

La radioterapia adiuvante riduce il tumore prima dell’intervento chirurgico, rendendolo più facile da rimuovere.

La radioterapia adiuvante viene applicata dopo l’intervento chirurgico per eliminare eventuali cellule tumorali rimanenti.

Gli effetti collaterali della radioterapia comprendono la pelle bruciata nell’area trattata, la caduta dei capelli , l’affaticamento, la malattia e la diarrea . Dopo il trattamento, gli effetti collaterali di solito scompaiono.

Chemioterapia

La chemioterapia usa farmaci per distruggere le cellule tumorali. In combinazione con la radioterapia, può rimuovere i resti di un tumore.

endo2

La chemioterapia può distruggere le cellule tumorali e prolungare la vita.

Nel cancro in stadio avanzato, la chemioterapia può rallentare la progressione e prolungare la vita.

Sia la radioterapia che la chemioterapia possono aiutare ad alleviare i sintomi nei pazienti con tumore avanzato.

Per il carcinoma endometriale, la chemioterapia viene solitamente somministrata per via endovenosa in cicli di trattamento e un periodo di riposo. Il ciclo viene ripetuto più volte, a seconda dello stadio e degli obiettivi del trattamento.

Possibili effetti avversi includono una riduzione dei globuli sani, lasciando il paziente incline a lividi, sanguinamento, anemia , stanchezza e aumento del rischio di infezione. Se si verificano questi sintomi, il paziente deve consultare un medico.

Altri effetti includono perdita di capelli e problemi gastrointestinali, tra cui nausea, vomito, diarrea e scarso appetito. Ci possono essere piaghe alla bocca e alle labbra.

Questi problemi tipicamente scompaiono al termine del trattamento.

Effetti meno comuni includono gambe e piedi gonfi, dolori articolari, problemi di equilibrio, difficoltà uditive, eruzioni cutanee e intorpidimento e formicolio alle mani e ai piedi.

Terapia ormonale

La terapia ormonale può aiutare i pazienti con carcinoma endometriale avanzato.

Le donne con tumore in stadio molto precoce e tumori di basso grado, che desiderano una gravidanza, possono optare per la terapia ormonale piuttosto che per la chirurgia.

Questo non è un trattamento standard e richiede un attento monitoraggio. Se c’è una completa remissione del cancro dopo 6 mesi di terapia ormonale, saranno incoraggiati a concepire e partorire, e quindi a sottoporsi a un intervento chirurgico dopo il parto.

La terapia ormonale per il carcinoma dell’endometrio include la somministrazione di progestinici, per aiutare a ridurre il tumore e controllare i sintomi e la riduzione dei livelli di estrogeni, rendendo più difficile la crescita delle cellule tumorali.

Gli effetti collaterali includono aumento di peso, leggeri crampi muscolari e lieve nausea.

Prognosi per il cancro dell’endometrio

Il tasso di sopravvivenza a 5 anni per il carcinoma endometriale è di circa l’ 81,7% , secondo l’American Cancer Society, e del 95,4% o superiore per quelli diagnosticati nella fase iniziale.

Il National Cancer Institute raccomanda di evitare il fumo, fare esercizio fisico e seguire una dieta sana per ridurre il rischio.

Cosa c’è da sapere sulle ulcere peptiche?

Un’ulcera peptica è una piaga che si forma quando i succhi digestivi logorano il rivestimento dell’apparato digerente. Un’ulcera peptica può verificarsi nel rivestimento dello stomaco, del duodeno o della parte inferiore dell’esofago. I sintomi possono includere dolore tipo indigestione, nausea e perdita di peso.

Globalmente, si stima che fino al 10% degli adulti sia affetto da ulcera peptica almeno una volta nella vita. Negli Stati Uniti, circa 500.000 persone sviluppano un’ulcera peptica ogni anno.

Quando un’ulcera peptica colpisce lo stomaco, si chiama ulcera gastrica, uno nel duodeno è chiamato ulcera duodenale e un’ulcera esofagea è un’ulcera nell’esofago.

Le cause più comuni sono i batteri Helicobacter pylori (H. pylori) e l’uso di farmaci antinfiammatori non steroidei .

Fatti veloci sulle ulcere peptiche:

  • Le ulcere peptiche possono interessare ovunque nel sistema digestivo.
  • I sintomi comprendono il mal di stomaco, a volte la sensazione di indigestione e nausea.
  • Le cause includono i batteri e alcuni tipi di farmaci.
  • I trattamenti includono inibitori della pompa protonica (PPI) e antibiotici .

Sintomi

ulcera

Le ulcere peptiche colpiscono il sistema digestivo.

Non è raro che le persone abbiano un’ulcera peptica e nessun sintomo. Tuttavia, uno dei sintomi più comuni delle ulcere peptiche è il dolore simile all’indigestione.

Il dolore può verificarsi ovunque dall’ombelico allo sterno. Può essere breve o può durare per ore. È più grave quando lo stomaco è vuoto o subito dopo aver mangiato (a seconda di dove si trova); a volte è peggio durante il sonno. Mangiare certi cibi può alleviare e alcuni cibi potrebbero peggiorare la situazione.

Altri sintomi includono:

  • difficoltà a deglutire il cibo
  • il cibo che viene mangiato ritorna
  • sensazione di malessere dopo aver mangiato
  • perdita di peso
  • perdita di appetito

Farmaci da banco possono spesso fornire sollievo per questi sintomi. Raramente, le ulcere possono causare segni e sintomi gravi, come ad esempio:

  • vomito di sangue
  • nausea e vomito che è particolarmente persistente e grave

Questi sintomi indicano un’emergenza medica. Il paziente dovrebbe consultare immediatamente un medico.

complicazioni

Il rischio di complicanze aumenta se l’ulcera non viene curata o se il trattamento non viene completato. Le complicazioni possono includere:

  • emorragia interna
  • instabilità emodinamica, un risultato di emorragia interna che può colpire più organi ed essere una seria complicazione
  • peritonite, in cui l’ulcera fora un foro attraverso la parete dello stomaco o dell’intestino tenue
  • tessuto cicatriziale
  • stenosi pilorica, un’infiammazione cronica nel rivestimento dello stomaco o duodeno

Le ulcere peptiche possono ripresentarsi. Avere una prima ulcera aumenta il rischio di svilupparne un’altra in seguito.

Trattamento

Il tipo di trattamento di solito dipende da ciò che ha causato l’ulcera peptica. Il trattamento si focalizzerà sull’abbassare i livelli di acidità di stomaco in modo che l’ulcera possa guarire o eradicare l’ infezione da H. pylori .

Inibitori della pompa protonica (PPI)

Gli IPP riducono la quantità di acido prodotta dallo stomaco. Sono prescritti per i pazienti che risultano negativi per l’ infezione da H. pylori . Il trattamento dura in genere 1-2 mesi, ma se l’ulcera è grave, il trattamento può durare più a lungo.

Trattamento con H. pylori

I pazienti infetti da H. pylori di solito necessitano di PPI e antibiotici. Questo trattamento è efficace nella maggior parte dei pazienti e l’ulcera inizierà a scomparire entro pochi giorni. Quando il trattamento è finito, l’individuo dovrà essere testato di nuovo per assicurarsi che l’ H. pylori sia andato. Se necessario, subiranno un altro ciclo di diversi antibiotici.

Antifiammatori non steroidei

Se l’ulcera proviene dai FANS, il paziente dovrà smettere di prenderli. Le alternative includono paracetamolo. Se la persona non può interrompere l’assunzione di FANS, il medico può minimizzare il dosaggio e rivedere il bisogno del paziente per loro più tardi. Un altro farmaco può essere prescritto a lungo termine, insieme al FANS.

Trattamento di follow-up

Anche dopo che l’ulcera è guarita e il trattamento è stato completato, il paziente può ancora avere indigestione. In questi casi, il medico potrebbe consigliare alcuni cambiamenti nella dieta e nello stile di vita. Se i sintomi persistono, potrebbero essere prescritti antagonisti di PPI a basso dosaggio o recettori H2. Nei casi gravi con sanguinamento, può essere necessaria un’endoscopiaper arrestare il sanguinamento nel sito dell’ulcera.

Dieta

I cambiamenti nella dieta possono essere importanti per il trattamento e la prevenzione delle ulcere peptiche.

È importante evitare cibi e aromi che inducano lo stomaco a produrre acidi, come peperoncino in polvere, aglio, pepe nero e caffeina. L’alcol ha lo stesso effetto sullo stomaco e dovrebbe anche essere evitato.

La dieta dovrebbe contenere molti alimenti che forniscono molta vitamina A e fibra che si dissolve facilmente. Questi possono includere:

Fonti di fibra solubile

  • avena
  • mele
  • arance
  • carote
  • buccia di psyllium
  • legumi
  • semi di lino
  • noccioline
  • orzo

Fonti di vitamina A

  • fegato
  • broccoli
  • cavolo
  • spinaci
  • patate dolci
  • cavolo verde

Gli alimenti ad alto contenuto di antiossidanti , come una gamma di bacche e piselli a schiocco, sono raccomandati. Il tè verde ha anche dimostrato un effetto restrittivo sulla crescita di H. pylori in condizioni di laboratorio. Tuttavia, non è chiaro se avrebbe lo stesso impatto all’interno del corpo umano.

Una dieta equilibrata piena di frutta e verdura e priva di spezie e aromi intensi dovrebbe aiutare con l’ulcera peptica.

Le cause

Le ulcere peptiche si verificano normalmente a causa di:

  • Batteri H. pylori
  • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)

I batteri H. pylori sono responsabili della maggior parte delle ulcere gastriche e duodenali. I FANS sono una causa meno probabile.

Come fa H. pylori a causare ulcere?

Sebbene molte persone portino naturalmente H. pylori , non è chiaro il motivo per cui i batteri causano solo ulcere in alcune persone. H. pylori si diffuse attraverso cibo e acqua. Vivono nel muco che riveste il rivestimento dello stomaco e del duodeno e producono ureasi, un enzima che neutralizza l’acido dello stomaco rendendolo meno acido.

Per compensare questo, lo stomaco produce più acido e questo irrita il rivestimento dello stomaco. I batteri indeboliscono anche il sistema di difesa dello stomaco e provocano l’infiammazione. I pazienti con ulcera peptica causata da H. pylori hanno bisogno di un trattamento per sbarazzarsi del batterio dallo stomaco e per impedirne il ritorno.

In che modo i farmaci antinfiammatori non steroidei provocano ulcere?

I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono farmaci per mal di testa , dolori mestruali e altri dolori. Gli esempi includono aspirina e ibuprofene. Molti FANS sono disponibili senza prescrizione medica.

Abbassano la capacità dello stomaco di creare uno strato protettivo di muco. Questo lo rende più suscettibile ai danni causati dall’acidità dello stomaco. I FANS possono anche influenzare il flusso di sangue allo stomaco, riducendo la capacità del corpo di riparare le cellule.

Altre cause di ulcera peptica

  • Genetica: un numero significativo di individui con ulcera peptica ha parenti stretti con lo stesso problema, suggerendo che possono essere coinvolti fattori genetici.
  • Fumo: le persone che fumano regolarmente tabacco hanno maggiori probabilità di sviluppare ulcere peptiche rispetto ai non fumatori.
  • Consumo di alcol: i forti bevitori regolari di alcol hanno un rischio maggiore di sviluppare ulcera peptica.
  • Uso di corticosteroidi: anche le persone che assumono dosi elevate o croniche di corticosteroidi sono a maggior rischio.
  • Stress mentale: questo stress non è stato collegato allo sviluppo di nuove ulcere peptiche, ma i sintomi sembrano essere più gravi nelle persone con ulcere che stanno vivendo stress mentale in corso.

Diagnosi

ulcera3

Gli esami del sangue sono un metodo di diagnosi per le ulcere peptiche.

La descrizione dei sintomi da parte di un paziente normalmente induce un medico a sospettare un’ulcera peptica.

I test che possono confermare una diagnosi includono:

  • un esame del sangue per verificare la presenza di H. pylori , sebbene un test positivo non significhi sempre che vi sia un’infezione attiva
  • un test del respiro, usando un atomo di carbonio radioattivo per rilevare H. pylori
  • un test dell’antigene delle feci per rilevare l’ H. pylori nelle feci
  • una radiografia gastrointestinale superiore (GI) per identificare le ulcere

Si può anche usare l’endoscopia. Ciò comporta un tubo lungo e stretto con una fotocamera attaccata all’estremità che viene infilata nella gola del paziente e nello stomaco e nel duodeno. Questo è il miglior test diagnostico.

Se viene rilevata un’ulcera, il medico può eseguire una biopsia (un piccolo campione di tessuto) per l’esame al microscopio. Una biopsia può essere testata per H. pylori e cercare evidenza di cancro . L’endoscopia può essere ripetuta alcuni mesi dopo per determinare se l’ulcera sta guarendo.

prospettiva

L’outlook per una persona con ulcera peptica è generalmente eccellente.

Possono essere dolorosi e debilitanti, ma un’ulcera peptica può essere trattata con successo e impedita il ritorno in quasi tutti i casi.

Trattare l’ infezione da H. pylori ed evitare i FANS può garantire che il problema non si ripresenti.

Consigli dietetici per gastrite e ulcere gastriche

L’indigestione è una condizione comune per molte persone, soprattutto considerando i tipi di diete che molti americani hanno. Tuttavia, se qualcuno avverte sensazioni di bruciore allo stomaco insieme a dolore e nausea in corso, potrebbe avere una gastrite.

La gastrite è una condizione digestiva derivante dall’infiammazione del rivestimento dello stomaco. Se il rivestimento dello stomaco si consuma, l’acidità di stomaco può causare una sensazione di bruciore nella parte centrale dell’addome e del torace.

La gastrite non trattata può portare a ulcere, dolore in corso, infiammazione continua e sanguinamento, che può diventare pericolosa per la vita. L’infiammazione cronica dello stomaco può anche portare al cancro allo stomaco .

È ormai noto che una causa comune di gastrite è dovuta al batterio Helicobacter pylori , noto come H.pylori , che infetta lo stomaco.

I sintomi che possono segnalare gastrite, oltre a sensazioni di bruciore, includono dolori di stomaco e dolori, nausea e costante eruttazione. Chiunque soffra di questi sintomi dovrebbe consultare un medico per un’ulteriore valutazione.

In che modo la dieta contribuisce alla gastrite

gast1

Una causa comune di gastrite è il batterio H.pylori.

I cambiamenti dello stile di vita possono essere un passo importante verso la guarigione del rivestimento dello stomaco, impedendo il ritorno dell’infiammazione e combattendo un’infezione di H. pylori .

La ricerca suggerisce che H. pylori colpisce almeno il 50% della popolazione mondiale. Causa infiammazione dello stomaco e aumenta il rischio di sviluppare malattia ulcerosa nel tratto digestivo, così come il cancro allo stomaco. H. pylori è il più grande fattore di rischio per il cancro dello stomaco, che è il secondo più mortale del cancro in tutto il mondo.

Mentre non esiste una dieta specifica che tratterà la gastrite, c’è una crescente ricerca che mostra che determinati cibi possono migliorare la capacità di una persona di liberarsi di H.pylori . Alcune scelte dietetiche possono anche peggiorare le cose.

Gli studi hanno dimostrato che i cibi salati e grassi possono cambiare il rivestimento dello stomaco. Le diete ad alto contenuto di sale possono alterare le cellule dello stomaco e renderle più facilmente infettate da H. pylori .

Negli studi con roditori , una dieta ricca di grassi ha dimostrato di aumentare l’infiammazione dello stomaco, specialmente in presenza di un’alta dieta salina.

Per decenni, i medici hanno detto alla gente di bere latte per aiutare a rivestire lo stomaco e bloccare gli effetti dannosi degli alimenti acidi. Perché medici e scienziati ora capiscono il ruolo di H. pylori nella gastrite, questo non è più vero.

Alimenti da includere in una dieta di sollievo gastrite

La buona notizia è che mangiare certi cibi può aiutare alcuni individui a trovare sollievo dai sintomi di gastrite e ulcera uccidendo i batteri H. pylori .

Due cibi specifici che possono farlo sono broccoli e yogurt.

I broccoli contengono una sostanza chimica chiamata sulforafano, che è noto per i suoi effetti antibatterici. Contiene anche sostanze che mostrano proprietà anti-cancro. Di conseguenza, mangiare germogli di broccoli può aiutare con la gastrite e ridurre il rischio di cancro allo stomaco.

dietagastro

Gli alimenti che uccidono i batteriH. pyloriincludono broccoli e yogurt.

Questa prova proviene da uno studio del 2009pubblicato sulla rivista Cancer Prevention Research. Le persone che mangiavano almeno una tazza di germogli di broccoli al giorno per un periodo di 8 settimane hanno sperimentato meno infezioni e infiammazioni dello stomaco rispetto a chi non lo ha fatto.

Uno studio , pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition , ha esaminato gli effetti dell’aggiunta di una tazza giornaliera di yogurt contenente i probiotici alla dieta insieme alla terapia farmacologica “quadrupla” (più antibiotici ) per il trattamento di H. pylori .

Un totale dell’86 percento delle persone che hanno mangiato lo yogurt a fianco del farmaco ha avuto una migliore eliminazione di H.pylori rispetto al 71 percento di coloro che hanno assunto gli antibiotici da soli.

Il motivo è probabilmente dovuto al fatto che lo yogurt contiene colture attive di batteri buoni, che migliora la capacità del corpo di combattere i batteri indesiderati nello stomaco.

Altri alimenti che possono aiutare a inibire la crescita di H. pylori e ridurre gastrite e formazione di ulcere comprendono:

  • mele
  • sedano
  • bacche ( mirtilli , more, lamponi, fragole, mirtilli rossi)
  • olio d’oliva
  • miele
  • tè alle erbe

Ottenere il massimo beneficio da una dieta sollievo gastrite

Ecco alcuni modi per le persone di ottenere il massimo da un programma di dieta di sollievo gastrite.

  • Piuttosto che tre pasti abbondanti, le persone dovrebbero provare a mangiare cinque o sei pasti più piccoli durante il giorno. Mangiare piccole quantità può aumentare la guarigione dello stomaco riducendo gli effetti degli acidi dello stomaco.
  • L’acqua è un’ottima scelta per l’idratazione. È anche una buona idea evitare o ridurre il consumo di alcol, poiché aumenta significativamente l’infiammazione dello stomaco.
  • Smettere di fumare può aiutare. Il fumo porta a infiammazione dello stomaco e aumenta il rischio di cancro della bocca, dell’esofago e dello stomaco.
  • Alcuni supplementi dietetici possono avere un ruolo nella guarigione della gastrite. Acidi grassi Omega-3 e probiotici sono un buon punto di partenza. Le persone che stanno prendendo in considerazione eventuali integratori o vitamine dovrebbero prima parlare con il medico in quanto potrebbero interferire con i trattamenti per altre condizioni.
  • Ridurre lo stress può aumentare la guarigione migliorando il sistema immunitario. Lo stress emotivo è noto per innescare la produzione di acido gastrico, che può portare ad un aumento dei sintomi e dell’infiammazione.

Mangiare i cibi giusti con la gastrite sembra giocare un ruolo importante nel ridurre ed eliminare i batteri H. pylori . Liberarsi dei batteri ridurrà le possibilità di gastrite ricorrente, formazione di ulcera e cancro.

Mentre la ricerca non punta su una dieta universalmente accettata, l’adozione di certi cambiamenti nello stile di vita e uno sforzo per mangiare gli alimenti giusti sono parti importanti del piano di trattamento della gastrite.

Panoramica della gastrite

dietagastro2

Se la gastrite non viene trattata, può causare ulcere che possono causare sanguinamento nello stomaco e nell’intestino.

La gastrite è acuta o cronica. Se è acuto, inizierà all’improvviso e durerà per un breve periodo finché la causa verrà rimossa. La causa è solitamente dovuta a qualcosa che ha rapidamente irritato lo stomaco, come bere grandi quantità di alcol tutto in una volta.

Se la gastrite diventa cronica e non viene curata, o se la causa è in corso, i sintomi peggioreranno e potrebbero durare per molti anni. Può anche durare per l’intera vita di una persona. La gastrite cronica può causare l’usura del rivestimento dello stomaco con conseguente ulcera o ferite profonde nel rivestimento dello stomaco.

Molti sintomi di gastrite sono simili a quelli di un’ulcera. La gastrite, tuttavia, colpisce solo lo stomaco, mentre le ulcere possono verificarsi nello stomaco, nell’intestino e nella conduttura alimentare (esofago).

La gastrite causa in genere dolore nel mezzo del corpo dall’addome al petto. Alcune persone con gastrite non hanno sintomi. Quando i sintomi sono presenti, includono dolore o fastidio nell’addome superiore, nausea, indigestione e nei casi più gravi, vomito.

Le ulcere sono una complicanza grave della gastrite e possono causare sanguinamento del rivestimento dello stomaco, intestino o tubo del cibo, che può essere pericoloso per la vita. Il sanguinamento in queste aree può causare i seguenti sintomi:

  • vertigini
  • sentirsi svenire
  • debolezza
  • battito cardiaco accelerato
  • mancanza di respiro
  • sangue rosso vivo o vomito macchiato di caffè macinato
  • sgabelli neri, catramosi o sgabelli sanguinolenti

Chiunque soffra di questi gravi sintomi di gastrite dovrebbe consultare immediatamente un medico.

I fattori di rischio per la gastrite includono i seguenti:

  • cattiva alimentazione (alta percentuale di grassi, dieta ricca di sale)
  • uso di droga
  • fumo
  • essere sovrappeso
  • uso eccessivo di alcol
  • uso regolare di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come aspirina , ibuprofene e naprossene

Ridurre o eliminare l’uso dei FANS può ridurre la gastrite e le ulcere gastriche. L’uso dei FANS anche quando è presente un’infezione da H.pylori aumenta significativamente il rischio di gastrite.

Uno studio ha rilevato che ogni anno almeno il 2% delle persone che usano i FANS svilupperà complicazioni gastrointestinali, una frequenza fino a cinque volte superiore rispetto a coloro che non usano i FANS.

prospettiva

La gastrite è uno dei problemi più comuni per colpire l’intestino. Mentre la ricerca prosegue su questo argomento, gli scienziati acquisiranno una migliore comprensione di come H. pylori , dieta e sistema immunitario sono correlati. Mangiare cibi sani ha il potenziale per essere un potente strumento contro la gastrite.

Bere acqua calda al mattino fa veramente bene. Ecco perchè

Bere acqua calda al mattino può offrire all’organismo molteplici benefici, apportando così vantaggi al vostro benessere. L’acqua calda è già dall’antichità associata al sinonimo di depurazione

bere

In alcuni paesi era diffusa la pratica già da moltissimi anni di bere acqua calda al mattino appena svegli, questo metodo era consigliato per mantenere il corpo in ottime condizioni, inoltre si pensava che allungasse la vita.

L’acqua calda sempre al mattino presa con antifiammatorio naturale può aiutare per ridurre i dolori da ciclo mestruale, e i sintomi ad esso correlati. Secondo altre teorie e credenze inoltre, al mattino appena svegli a digiuno, bere acqua calda aiuta a ridurre i problemi di stitichezza; la colazione deve essere effettuata  almeno dopo 30-40 minuti avere bevuto l’acqua calda.

Acqua calda ricca di benefici

Sembra che questo suggerimento di bere acqua calda aiuti l’organismo ad eliminare e disintossicarsi da tossine cattive. Nel 1998 uno studio effettuato su alcuni pazienti affetti da motilità esofagea tra il quale l’alcalasia, ha evidenziato che circa il 58% dei pazienti ha avuto un miglioramento significativo. Anche i pazienti con clearance esofagea, dopo avere bevuto un bicchiere d’acqua calda, hanno provato sollievo.Altri studi sempre recenti hanno sottolineato come l’acqua calda può aiutare per ridurre il muco nasale. Utile quindi nei casi di raffreddamento, usando l’acqua calda come suffumigi.

Nonostante i benefici dell’acqua calda come attivazione del sistema immunitario, pelle luminosa, migliore digestione e metabolismo, non tutti sono evidenziati da ricerche scientifiche.

Acqua e limone

Indipendetemente dall’acqua calda, in generale “l’acqua” è indispensabile e ricca di proprietà. L’acqua abbinata al limone può offrire numerosi benefici:

  • Migliora la digestione: al mattino acqua calda e limone (o durante la giornata) stimola la produzione della bile, necessaria per la digestione. Inoltre elimina le tossine accumulatesi nel tratto digerente.
  • Depurativa e diuretica: l’eliminazione delle tossine con acqua e limone, stimola la diuresi. In questo modo le tossine vengono espulse in modo più veloce.
  • Stimola il sistema immunitario: i limoni sono ricchi di vitamina C, utili per contrastare e prevenire sintomi influenzali. La vitamina C inoltre svolge effetti antinfiammatori.
  • Purifica la pelle: bere acqua e limone contrasti i radicali liberi e formazione delle rughe. Le proprietà di acqua e limone, sono fondamentali per una pelle luminosa e ringiovanita.
  • Rinfresca l’alito

Il nostro corpo è costituito in gran parte a acqua, solo questo dovrebbe aiutare a capire la sua importanza ed utilità.

Elimina le occhiaie con rimedi naturali. Farmajet news

Tutte le donne devono fare i conti con le occhiaie e molto spesso non sanno come curarle, ma prima di tutto è importante stabilire di che tipo sono e solo successivamente agire, anche con metodi naturali

occhiaie

Le occhiaie non sono altro che dei fastidiosi inestetisimi della pelle che compaiono sul voltospecialmente quando non si dorme abbastanza, o si è troppo stanchi o si esagera con certi alimenti o l’alcool, oppure possono essere anche congenite. In natura esistono diversi tipi di occhiaie e molto spesso compaiono per un’insufficienza di drenaggio dei liquidi, per un’allergia o per la creazione di sottopelle di un’ernia di grasso che da poi la forma, della cosidetta “borsa” sotto l’occhio.

Per combattere in maniera efficace questi inestetismi è importante riconoscerle e molto spesso con l’aiuto di rimedi naturali il problema si risolve, altrimenti nei casi più gravi bisogna ricorrere alla chirurgia estetica. Oltre a questi due metodi, alcuni studi scientifici hanno scoperto un particolare unguento in grado di eliminare le occhiaie e le borse sotto gli occhi.

Occhiaie: cause più comuni

Come già accennato le occhiaie sono uno dei sintomi della stanchezza, del poco riposo o dello stress accomulato che con il passare del tempo poi possono svanire. Ma ci sono un altro tipo di occhiaie che compaiono a causa della ritenzione idrica, delle allergie, degli sbalzi d’umore e dell’accumulo di tossine, oppure sono causate anche dalla troppa esposizione ai raggi UV e la disidratazione.

In definitiva le occhiaie possono diventare un vero e proprio disagio, anche psicologico quando assumono la forma di un’ernia e diventano borse. Questo tipo di grasso sotto le palpebre superiori o inferiori si chiama steatoblefaron, che con un contouring ben fatto il disagio sparisce.

Occhiaie: come eliminarle

Per eliminare le occhiaie e il disagio che esse procurano, basta affidarsi ai rimedi naturali, come i cucchiaini in frigo. Il metodo può sembrare un po’ assurdo, ma davvero efficace. E’ indispensabile mettere dei cucchiaini in frigo e lasciarli tutta la notte. Alla mattina passarli per qualche secondo sulle borse e il risultato sarà ottimale. Oppure prendere dei dischetti di cotone ed immergerli nel latte freddo, poi posizionarli sotto gli occhi per 5 minuti.

Per dei rimedi fai da te, può essere utilizzata l’argilla perchè ha proprietà lenitive e detossifianti, in particolar modo l’argilla rosa è molto delicata per creare delle maschere adatte alla zona perioculare. Questo tipo di argilla aiuta il rinnovamento cellulare, oltre ad eliminare le occhiaie scure e a sgonfiare le borse sotto gli occhi.

Per prepare una maschera di argilla rosa, è indispensabile versare in una ciotola un cucchiaio di argilla rosa con tre cucchiai di acqua distillata. Se invece la pelle è più disidratata basta aggiungere un cucchiaio di olio di cocco o di olio di mandarle alla miscela di argilla rosa.

Dieta iperproteica; come perdere 3 chili in 7 giorni

Per perdere peso efficacemente e in tempi rapidi una delle soluzioni più indicate è una dieta proteica. Molti vips si sono affidati a una dieta proteica per dimagrire in quanto permette di eliminare i chili di troppo in pochissimo tempo

bistecca

Per perdere peso efficacemente e in tempi rapidi una delle soluzioni più indicate è una dieta proteica. Molti vip si sono affidati a una dieta proteica per dimagrire in quanto permette di eliminare i chili di troppo in pochissimo tempo.

Di norma le proteine saziano più a lungo e hanno meno calorie dei carboidrati; però, nonostante il deficit calorico, non sentirai la fame.

L’elaborazione delle proteine nell’organismo è più lenta, per questo il metabolismo resta attivo più a lungo e vengono bruciate più calorie durante la digestione.

Come funziona la dieta proteica

Una dieta proteica si basa essenzialmente sull’assunzione di alimenti a ricco contenuto proteico, mentre va limitato il consumo di carboidrati e grassi. Meglio quindi evitare i farinacei e assumere con moderazione solo cereali integrali.

Anche la frutta dovrebbe essere limitata dato che contiene molti zuccheri. I cibi che si possono consumare senza problemi sono carni (preferite sempre le carni bianche come pollo e tacchino a quella rossa che andrebbe invece consumata con moderazione), pesce, latticini a ridotto contenuto di grassi (come formaggi e yogurt magri).

A questi alimenti si possono aggiungere (con moderazione perché contengono una quantità di carboidrati considerevole) legumi e preparati vegetali altamente proteici come seitan (non adatto però ai celiaci e chi ha problemi digestivi perché molto ricco di glutine), tofu e tempeh(derivati della soia).

Menù proteico per dimagrire 3 kg in 7 giorni

LUNEDÌ

  1. Colazione: Una tazza di latte di mandorla (oppure 250 ml di un’altra bevanda vegetale a scelta) con 30 g di muesli.1 capsula di Gastrobiotic plus per evitare la stipsi
  2. Pranzo: Insalatona con due uova sode e 70 g di orzo perlato.
  3. Cena: Pizza rossa (senza mozzarella) con salmone.

MARTEDÌ

  1. Colazione: Una tazza di latte vegetale accompagnata da 25 g di frutta secca.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: 100g di seitan alla piastra con 70 g di quinoa condita con verdure come contorno.
  3. Cena: 70 g di orzo e 50 g di fagioli.

MERCOLEDÌ

  1. Colazione: 2 fette biscottate integrali con un velo di marmellata.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: 70 g di riso integrale condito con 200 g di piselli e per contorno un’insalata di pomodoro.
  3. Cena: 100g di tofu accompagnati da un contorno di insalata mista e da un panino integrale.

GIOVEDÌ

  1. Colazione: Una tazza di latte vegetale accompagnata da 25 g di frutta secca.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: Un hamburger di soia accompagnato da un contorno di carote e da 50 g di pane integrale.
  3. Cena: Verdure miste grigliate, 50 g di pane integrale e 250 g di merluzzo.

VENERDÌ

  1. Colazione: Una tazza di latte di mandorla (oppure 250 ml di un’altra bevanda vegetale a scelta) con 30 g di muesli.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: 200 g di merluzzo lesso, 200 g di finocchi lessi e 70 g di riso integrale al pomodoro.
  3. Cena: 70 g di miglio e 50 g di lenticchie e, in aggiunta, una porzione d’insalata mista.

SABATO

  1. Colazione: Una tazza di latte vegetale accompagnata da 25 g di frutta secca.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: 50 g di pane integrale e una frittata preparata con due uova e 200 g di carciofi.
  3. Cena: 100 grammi di salmone, 70 g di orzo perlato e una porzione d’insalata mista.

DOMENICA

La domenica è libera: si può fare il cosiddetto “cheat day” ovvero il giorno libero dalla dieta oppure ripetere il menù di una delle giornate precedenti.

La Tac più potente del mondo in funzione agli Ospedali Riuniti di Ancona. Farmajet news

Gli Ospedali Riuniti di Ancona si sono dotati della Tac più potente del mondo. La nuova apparecchiatura sanitaria si chiama Somatom Force e consentirà di effettuare delle scansioni in tempi record.

tac

Per la prima volta una struttura sanitaria pubblica italiana si è dotata della più potente Tacattualmente disponibile sul mercato. Agli Ospedali Riuniti di Ancona è stata infatti installata la Somatom Force della Siemens, uno strumento di ultimissima generazione che si caratterizza per qualità e velocità di funzionamento.
Per dare un esempio concreto delle sue capacità, è sufficiente tener conto che la scansione dell’intero torace può essere effettuata in meno di un secondo. Per la scansione totale del corpo ci vogliono circa 5 secondi, che scendono a poco meno di uno nel caso in cui il paziente sia un bambino.

Tutto ciò è possibile grazie all’adozione del Turbo Flash Spiral, una tecnica innovativa grazie alla quale si raggiungono altissime velocità di scansione: in alcuni casi si riesce ad arrivare anche a 737 mm/sec. La sua fulminea velocità operativa è dovuta alla presenza di due tubi radiogeni, che ruotando ad altissima velocità emettono dei fasci di radiazione con energia differente.

Tutto ciò rende possibile una migliore qualità di scansione di qualsiasi tipo di tessuto umano, dalle ossa sino al grasso corporeo. Con queste peculiarità è possibile eseguire delle scansioni cardiache a qualsiasi frequenza di battito, non rendendo necessaria la fase di preparazione all’esame. Ma non solo. Grazie a Somatom Force è previsto l’utilizzo di una minore quantità di liquido di contrasto; inoltre grazie all’adozione di due filtri speciali, si è allo stesso tempo esposti ad una più bassa dose di radiazioni.

Test condotti presso l’University Medical Centre Mannheim hanno dimostrano che con questa Tac, la scansione dell’intero torace è portata a termine con dosi di valore davvero irrilevante: siamo infatti nell’ordine dei 0,1 mSv.

Per l’innovativo strumento di diagnostica per immagini si è dovuto affrontare un investimento pari a circa due milioni di euro. Durante la presentazione del macchinario è stato inoltre confermato l’arrivo a breve di una seconda Tac ultratecnologica denominata Revolution. Con queste apparecchiature di prim’ordine, gli Ospedali Riuniti di Ancona si candidano a diventare un centro di riferimento a livello europeo.

le 10 fobie piu’ comuni. Farmajet news

Chi soffre di una fobia sa bene che si tratta di qualcosa di molto più estremo e terrificante della semplice paura. Dalla paura delle altezza a quella dei clown, ecco le 10 fobie più diffuse nelle persone.

fobia

La fobia non è solo paura di qualcosa. La fobia è molto più grande e molto più invalidante della semplice paura. Chi ne soffre spesso viene preso da attacchi d’ansia tanto da arrivare ad avere una vita invalidata e ostacolata da disturbi come la tachicardia, vertigini, disturbi gastrici e urinari, sudorazione eccessiva e così via. Alcune fobie non permettono di vivere una vita normale, come ad esempio l’agorafobia (la paura degli spazi aperti), che impedisce a chi ne soffre di uscire di casa.

Queste “paure estreme” nascono in maniera inconscia e quindi non consapevole. Spesso sono una risposta a eventi traumatici del passato, spesso dimenticati. Qualche volta possono nascere da un pericolo reale e manifestarsi come un sistema di difesa della mente. Ma quali sono le fobie più diffuse? Se soffrite anche voi di qualche fobia e pensate di essere soli, controllate questo articolo, potreste ricredervi!

Al decimo posto della classifica delle fobie più diffuse in assoluto, troviamo la Belonefobia. Si tratta della comunissima paura degli aghi. Se al momento di un prelievo in ospedale, alla sola vista di un ago vi vengono i sudori freddi, forse anche voi siete belonefobici. Al nono postoinvece troviamo la Musofobia, ossia la classica paura che vede donne e uomini salire in piedi sulle sedie urlando, la paura dei topi.

All’ottavo posto c’è una fobia che non ha bisogno di presentazioni, la Claustrofobia. Per i pochi che non la conoscessero, si tratta della paura del chiuso e degli spazi piccoli. In genere chi soffre di questa paura, teme anche solo l’idea di potersi trovare in un posto ristretto. Al settimo posto troviamo l’Aracnofobia. Se i grossi ragni pelosi vi provocano i brividi tanto quanto quelli piccolini, allora anche voi siete aracnofobici.

Siamo a metà classifica, e qui al sesto posto troviamo la Glossofobia, ossia la paura di parlare davanti ad un pubblico. Questa fobia è il cruccio di studenti, professori, testimoni di nozze, e chi più ne ha più ne metta. Spesso provoca palpitazioni e problemi di salivazione. Al quinto posto, esattamente a metà classifica, c’è l’Oenoclofobia, la paura della folla e dei posti particolarmente affollati.

Siamo quasi sul podio, alla posizione numero quattro c’è l’Agorafobia. Molto diffusa appare essere quindi la paura degli spazi aperti, la motivazione risiederebbe nell’istinto primordiale di cercare rifugio, cosa impossibile in uno spazio aperto. Alla terza posizione c’è la Pteromeranofobiava. Questa fobia quasi impronunciabile è la paura di volare, in senso generico, che spesso si presenta in persone particolarmente razionali, pratiche e ordinate.

Al secondo posto troviamo l’Ofidiofobia, la paura dei serpenti e dei rettili, generalmente più comune tra le donne. Al primo posto della classifica delle fobie più diffuse nel mondo, troviamo l’Acrofobia, ovvero la paura delle altezze. Chi soffre di Acrofobia teme qualsiasi tipo di altezza, che sia un palazzo di 3 piani o una scala. La sensazione del vuoto che lo separa dal terreno lo paralizza. Allora, avete trovato la vostra fobia?

Nuovo Test del sangue per scoprire i tumori.Farmajet news

Otto tipologie di tumore possono essere diagnosticate con il nuovo test sviluppato dalla John Hopkins University già un anno prima che gli attuali strumenti diagnostici lo possano rilevare.

testsangue

Prima ancora che i sintomi insorgano, con poche gocce di sangue, la John Hopkins University è riuscita a sviluppare un test capace di rilevare otto tipi di cancro diversi, quelli tra i più comuni, e questo già un anno prima che gli attuali strumenti diagnostici siano in grado di farlo.

CancerSEEK, questo il nome del test che analizza il Dna mutato del cancro in circolo liberamente nel sangue e alcune proteine prodotte dallo stesso tumore. I ricercatori nella rivista Sciencehanno affermato che i primi test hanno avuto un risultato positivo per il 70% (tra il 33 e il 99% dei casi di malattia) sugli oltre mille pazienti sottoposti alla ricerca.

Uno dei professori di oncologia alla Johns Hopkins University e anche autore senior dello studio, Nickolas Papadopoulos, ha affermato: “L’uso di una combinazione di biomarcatori selezionati per la diagnosi precoce ha il potenziale per cambiare il modo in cui cerchiamo il cancro, e si basa sulla stessa logica dell’uso di combinazioni di farmaci per curare i tumori”. CancerSEEK, a differenza di tutti gli altri test sul sangue sperimentati prima, potrebbe riuscire anche ad identificare la forma del tumore.

CancerSEEK utilizza i 16 geni che di solito mutano in tipi diversi di cancro e le 8 proteine che questi geni producono, presenti a diversi livelli in base a dove si trova il tumore. Tra i più facili da rilevare al primo posto c’è il carcinoma ovarico, di seguito quelli al fegato, stomaco, pancreas, esofageo, colon-retto, polmoni e seno. Test di screening per ovaio, fegato, stomaco, pancreas ed esofago, attualmente non esistono, per questi la sensibilità del test CancerSEEK oscillava tra il 69 e il 98%.

Il professore di oncologia presso il Johns Hopkins, Kenneth Kinzler che ha partecipato allo studio, ha detto che su 812 soggetti di controllo sani, sottoposti al test, solo sette sono risultati falsi positivi.