Annunci

I batteri intestinali sono la chiave per un invecchiamento sano?

Un numero crescente di studi recenti sta ponendo una domanda importante: i batteri intestinali sono la chiave per un invecchiamento sano? Una nuova ricerca, presentata di recente al London Microbiome Meeting, ci avvicina alla risposta.
microbioma.jpg

La ricerca presentata al London Microbiome Meeting ha approfondito il ruolo dei batteri per la salute umana e l’invecchiamento.

Nell’antico mito di Tithonus , l’omonimo protagonista chiede agli dei di vivere per sempre ma dimentica di chiedere la giovinezza eterna.

Sebbene abbia acquisito l’immortalità, le malattie della vecchiaia alla fine sconfiggono Tithonus e rimpiange amaramente la sua immortalità.

Mentre raggiungere la longevità è un obiettivo che vale la pena perseguire e un’ambizione che l’umanità ha nutrito fin dai tempi della Grecia antica, il mito di Tithonus ci ricorda che una vita lunga ha poco valore se è piena di malattie.

Con l’aumentare dell’aspettativa di vita umana, la popolazione mondiale sta invecchiando a tassi molto più alti. In effetti, le Nazioni Unite stimano che la popolazione anziana, cioè il numero di persone di età superiore ai 60 anni, stia aumentando a un tasso di circa il 3% all’anno.

Attualmente, secondo le stime più recenti, ci sono 962 milioni di persone dai 60 anni in su in tutto il mondo. Entro il 2050, questo numero sarà proiettato a più del doppio e si prevede che triplicherà il numero di persone di 80 anni o più.

Una serie di malattie croniche accompagna l’invecchiamento. Entro l’anno 2060, ad esempio, il peso della malattia di Alzheimer in Italia sarà raddoppiato , affermano i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Prevedono che quasi 7 milioni di persone avranno il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza da allora, e i ricercatori sono al lavoro per cercare di prevenire questa e altre malattie legate all’età.

Quindi, la domanda “Come possiamo vivere vite più lunghe e più sane ?” sta lentamente sostituendo quella di “Come possiamo vivere più a lungo?” Mentre gli scienziati si lanciano nella ricerca di una salute più lunga, sta diventando più chiaro che l’invecchiamento non è solo un processo inevitabile che semplicemente “accade”, ma che esistono meccanismi molecolari precisi che lo regolano.

Marina Ezcurra , Ph.D. – un docente di neuroscienza presso la School of Biological & Chemical Sciences della Queen Mary University di Londra nel Regno Unito – dedica il suo tempo alla comprensione di questi meccanismi.

La sua ricerca si concentra su come l’invecchiamento e le sue malattie correlate si verificano in un verme chiamato Caenorhabditis elegans . Più recentemente, Ezcurra e il suo team hanno esaminato l’invecchiamento gastrointestinale e il ruolo del microbioma in questo processo.

Il 24 ottobre 2018, Ezcurra ha presentato le sue ricerche al London Microbiome Meeting nel Regno Unito. In questa funzione Spotlight, riportiamo i principali aspetti della sua presentazione.

Usare un “worm-bug” per studiare l’invecchiamento umano

Nella sua presentazione – intitolata “Il worm-bug: un sistema di modelli combinati per studiare le interazioni ospite-microbioma” – Ezcurra ha introdotto C. elegans come un modello valido per studiare l’invecchiamento. C. elegans ha una durata di solo 2-3 settimane, ma con il passare degli anni sviluppa diverse patologie, proprio come l’organismo umano.

worm bug.jpg

Il worm bug di C. elegans.

Tuttavia, nel caso di C. elegans , tutte le patologie si riducono a una sola: l’invecchiamento gastrointestinale.

Come ha spiegato Ezcurra nel suo discorso, tutti i trattamenti che aumentano la durata della vita che gli scienziati hanno applicato a C. elegansagiscono sopprimendo l’invecchiamento intestinale.

Utilizzando C. elegans, i ricercatori possono esaminare una serie di processi legati all’età, come resistenza allo stress , crescita, fecondità e durata della vita. Gli esperti hanno anche usato C. elegans come modello per diverse malattie umane, come l’Alzheimer.

Ezcurra cita la ricerca esistente che ha visto C. elegans nutrito con Escherichia coli . Mentre il verme si nutre di batteri, i ricercatori hanno creato circa 4000 ceppi mutanti di E. coli , ciascuno con un gene specifico eliminato. Quindi, il team ha somministrato a C. elegans ciascuno di questi ceppi ed esaminato gli effetti.

L’autore senior dello studio Meng Wang – che è professore associato di genetica molecolare e umana presso il Baylor College of Medicine di Houston, TX – ha riferito sui risultati, dicendo: “Abbiamo nutrito C. elegans ogni singolo batterio mutante e poi guardato i vermi ‘ durata.”

Dei quasi 4.000 geni batterici che abbiamo testato, 29, una volta eliminati, aumentavano la durata della vita dei vermi.” Dodici di questi mutanti batterici proteggevano anche i vermi dalla crescita tumorale e dall’accumulo di beta-amiloide, una caratteristica della malattia di Alzheimer nell’uomo. “

Meng Wang

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che un mutante batterico ha prodotto una sostanza chiamata acido colanico; questo composto ha aumentato la longevità stimolando l’attività nei mitocondri , le cosiddette centrali elettriche della cellula, che sono responsabili della trasformazione delle sostanze nutritive in energia.

Combattere l’invecchiamento con un farmaco per il diabete

Nel suo discorso, Ezcurra ha menzionato un altro esempio di ricerca di successo su C. elegans che mostrava gli effetti del microbioma sul processo di invecchiamento. Questo studio ha coinvolto la comune metformina del diabete .

La metformina è attualmente il farmaco per il diabete più ampiamente prescritto al mondo. Ricerche precedenti hanno scoperto che il farmaco orale non solo riduce i livelli di zucchero nel sangue, ma riduce anche il rischio di cancro .

Gli scienziati hanno scoperto che il farmaco può ritardare l’invecchiamento nei topi e in C. elegans. La metformina è attualmente in fase di sperimentazione negli studi clinici come potenziale trattamento contro le malattie legate all’invecchiamento e all’invecchiamento.

Come ha spiegato il ricercatore nel suo discorso, questo significa che la metformina potrebbe potenzialmente colpire diverse malattie croniche legate all’età contemporaneamente. La metformina può essere in grado di indirizzare non solo il diabete, ma anche il cancro e le patologie di Alzheimer.

La cosa interessante degli effetti della metformina è che ritardano l’invecchiamento attraverso ibatteri. Studi in C. elegans che Ezcurra ha citato hanno dimostrato che gli effetti della longevità della metformina non funzionano in assenza di batteri.

In particolare, la metformina influisce sul metabolismo batterico dei folati , spiega Ezcurra, che a sua volta innesca una reazione a catena che termina con l’attivazione di un percorso molecolare noto per regolare l’invecchiamento.

Combinando E. coli con C. elegans

La ricerca di Ezcurra cerca di combinare due organismi modello – E. coli e C. elegans – per studiare come i batteri mediano il processo di invecchiamento.

Studi precedenti hanno preso in giro il microbioma di C. elegans, e altri hanno colonizzato l’intestino di C. elegans con E. coli OP50 e notato alcuni effetti interessanti. Il ceppo batterico ha avuto effetti positivi sulla riproduzione, l’immunità e la risposta dell’organismo allo stress.

Quindi, Ezcurra e le sue colleghe si sono chieste se ci sono altri effetti aggiuntivi che OP50 ha sul processo di invecchiamento. Gli esperimenti effettuati nel suo laboratorio hanno rivelato che l’aggiunta di antibiotici ai vermi colonizzati con E. coli OP50 migliora l’invecchiamento intestinale. La cancellazione della crescita batterica ha ritardato l’atrofia dell’intestino che tende ad accadere con l’età in C. elegans.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto due ceppi di batteri del microbioma di C. elegans che riducono l’invecchiamento intestinale. Pertanto, la ricerca ha rilevato che anche gli effetti anti-invecchiamento possono essere raggiunti senza cancellare la crescita batterica, ma facendo esattamente l’opposto: colonizzare l’intestino con ceppi specifici di batteri.

Un altro esperimento condotto nel laboratorio di Ezcurra ha utilizzato un modello di malattia umana precedentemente stabilito che utilizzava C. elegans per ricreare la paralisi muscolare legata all’età. I ricercatori hanno analizzato gli effetti di un “cocktail” di 14 diversi ceppi batterici che costituiscono il microbioma sperimentale.

Hanno scoperto che questo cocktail sperimentale ha fortemente soppresso la paralisi indotta dall’età. Inoltre, i media estratti dal microbioma sperimentale hanno avuto lo stesso effetto positivo.

Batteri intestinali e invecchiamento umano: quali sono le prospettive?

In futuro, il team di Ezcurra mira a vedere se può colonizzare C. elegans con ceppi batterici umani per studiare gli effetti sull’invecchiamento e sulla salute.

batteri intestinali.jpg

Le terapie prebiotiche e probiotiche possono aiutare gli anziani a invecchiare in modo più sano.

Il ricercatore ha recentemente ricevuto finanziamenti dal Wellcome Trust per utilizzare microbiomi umani semplici – come i batteri che hanno un effetto benefico sulla salute e sui batteri che hanno un impatto negativo sulla salute – e studiano i loro effetti in C. elegans.

Utilizzando l’imaging in tempo reale, gli scienziati sperano di svelare i meccanismi molecolari che sostengono le interazioni tra l’ospite e il microbioma, nonché i loro effetti sul processo di invecchiamento.

“Il prossimo passo per la mia ricerca”, ha detto Ezcurra a Medical News Today , “è di usare C. elegans per porre domande specifiche sul ruolo del microbioma nella salute umana”.

“Ci sono molti, molti studi che dimostrano che esistono legami tra microbioma e malattie, come le malattie psichiatriche, le malattie neurodegenerative, l’obesità, il diabete ecc., Ma non capiamo quale sia la causa e [ciò che è] l’effetto”.

“C’è un reale bisogno di capire la relazione esatta tra la composizione del microbioma e la malattia”, ha proseguito. “Quali ceppi microbici contribuiscono alla salute e alle malattie e, cosa più importante, in che modo questi ceppi contribuiscono alla salute?” 

“Sta diventando chiaro che la diversità del microbioma è importante per la salute umana”, ha aggiunto Ezcurra. “Molti fattori contribuiscono alla diversità del microbioma, come la dieta e lo stile di vita, e man mano che diventiamo vecchi, di solito sperimentiamo una perdita nella diversità”.

Comprendendo meglio i legami tra nutrizione , microbioma e salute, possiamo capire come gli anziani possono mantenere il loro microbioma e anche aiutarli direttamente usando strategie pre e probiotiche, il che ci aiuterebbe ad invecchiare in un modo migliore, mantenere la salute e la qualità della vita nella vecchiaia senza farmaci o interventi chirurgici “.

Marina Ezcurra, Ph.D.

Farmajet consiglia il migliore integratore di fermenti in vendita nelle farmacie italiane

Gastrobiotic plus 

GASTROBIOTIC-PLUS-50-CAPSULE-VEGETALI-DA-500-MG.jpg

Annunci

Quali sono le cause e i sintomi della gastrite cronica?

La gastrite è quando il rivestimento dello stomaco diventa infiammato o gonfio. Questo di solito accade dopo che il rivestimento dello stomaco è stato danneggiato. La gastrite che è di lunga durata o ricorrente è conosciuta come gastrite cronica.

La gastrite cronica è una delle patologie croniche più comuni e può durare per anni o anche una vita se non trattata. È noto che un’ampia gamma di condizioni e fattori diversi causa o contribuisce allo sviluppo di una gastrite cronica.

La risoluzione di casi lievi di gastrite può spesso avvenire attraverso l’uso di farmaci e cambiamenti nello stile di vita. Tuttavia, per alcune persone con grave gastrite cronica, una cura potrebbe non essere possibile, e il focus del trattamento sarà sulla gestione dei sintomi.

In questo articolo, esaminiamo i sintomi, le cause, i fattori di rischio e le possibili complicanze della gastrite cronica. Copriamo anche quando vedere un medico, diagnosi, trattamento e stile di vita e cambiamenti nella dieta.

Sintomi

mal di pancia farmajetIndigestione, nausea, gonfiore e sensazione di bruciore allo stomaco possono essere sintomi di gastrite cronica.

Le persone con casi minori di gastrite causate dal batterio Helicobacter pylori potrebbero non notare alcun sintomo.

Tuttavia, la maggior parte delle persone con gastrite cronica sperimenta una varietà di sintomi, tra cui:

  • indigestione
  • una sensazione di bruciore o di roditura nello stomaco
  • la sensazione di essere sazio dopo aver mangiato una piccola quantità
  • nausea e vomito
  • eruttazione
  • perdita di peso involontaria
  • gonfiore
  • perdita di appetito
  • dolore o disagio addominale superiore
  • sanguinamento, di solito solo in gastrite erosiva
  • La gastrite è definita “erosiva” se il rivestimento dello stomaco è stato portato via, esponendo il tessuto agli acidi dello stomaco.

Le cause

La gastrite cronica si riferisce ad un gruppo di condizioni che causano l’ infiammazione cronica del rivestimento mucoso dello stomaco.

Esistono molte cause diverse di gastrite cronica, ma la maggior parte dei casi è correlata a uno dei seguenti:

Infezione batterica da H. pylori

L’ infezione batterica da H. pylori è la causa più comune di gastrite in tutto il mondo. Molte persone si infettano per la prima volta durante l’infanzia, ma non tutti sperimentano sintomi.

Mentre l’ infezione da H. pylori può causare gastrite sia acuta che cronica, non è spesso associata a gastrite erosiva.

I ricercatori pensano che H. pylori si diffonda attraverso cibo infetto, acqua, salvia e altri fluidi corporei.

Danni al rivestimento dello stomaco

Danni al rivestimento dello stomaco possono causare infiammazioni croniche. Le cause di questo includono:

  • uso eccessivo o prolungato di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come ibuprofene e naprossene
  • consumo eccessivo di alcol
  • stress cronico
  • lesioni e impatto
  • esposizione alle radiazioni
  • reflusso ricorrente di bile dall’intestino tenue
  • uso di cocaina

Condizioni autoimmuni

Nelle persone con gastrite autoimmune, il loro sistema immunitario attacca il rivestimento dello stomaco senza una ragione apparente. La gastrite autoimmune è solitamente cronica ma non erosiva.

In alcune persone, la gastrite autoimmune può essere collegata a infezione da H. pylori cronica o grave .

Altre cause

Le cause meno comuni di gastrite cronica includono:

  • Morbo di Crohn
  • sindrome dell’intestino irritabile
  • sarcoidosi
  • allergie alimentari
  • altri tipi di infezioni fungine, batteriche o virali

Fattori di rischio

pizza e patatineI fattori di rischio per la gastrite cronica comprendono diete ricche di grassi, olio, sale e conservanti.

I possibili fattori di rischio per la gastrite cronica includono:

  • diete ricche di sale o conservanti
  • dieta ricca di grassi e olio, soprattutto grassi saturi e trans
  • fumo
  • consumo a lungo termine di alcol
  • condizioni che indeboliscono il sistema immunitario
  • uso di cocaina
  • uso a lungo termine di FANS e alcuni altri farmaci
  • uso a lungo termine di farmaci per il reflusso acido e l’indigestione

Possibili complicazioni

Se trattati correttamente, i casi acuti di gastrite sono raramente associati a complicanze. Tuttavia, le persone possono avere gravi complicazioni di salute se hanno una gastrite cronica grave o non trattata.

La gastrite erosiva può causare ulcera peptica . Una volta che un’ulcera si è formata, possono progressivamente degradare i tessuti circostanti, allargandosi e allargandosi. Ulcere gravi possono alla fine causare emorragie interne, che possono essere pericolose per la vita se non trattate.

Altre possibili complicanze della gastrite cronica includono:

  • anemia causata da carenza di ferro
  • anemia causata da emorragia interna
  • carenza di vitamina B-12
  • escrescenze anormali dello stomaco, come polipi e tumori

Quando vedere un dottore

Le persone con sintomi di gastrite dovrebbero consultare un medico se i sintomi:

  • sono severi
  • dura più di una settimana
  • non rispondere alle regolazioni del trattamento o dello stile di vita

Emorragia interna richiede cure mediche immediate. I segni di emorragia interna possono includere:

  • vertigini
  • debolezza inspiegabile
  • pallore
  • sgabelli neri e catramosi
  • sangue rosso e dall’aspetto fresco nello sgabello
  • sangue rosso nel vomito o nel sangue vomito
  • sonnolenza inspiegabile
  • difficoltà a respirare oa deglutire
  • confusione
  • svenire

Diagnosi

I medici utilizzano una vasta gamma di test e strumenti per diagnosticare la gastrite cronica, tra cui:

  • storia medica
  • esame fisico
  • test delle feci per verificare sia l’ H. pylori che i segni di sanguinamento
  • endoscopia quando una telecamera su un tubo viene posata nella gola nello stomaco
  • analisi del sangue
  • Raggi X
  • test del respiro dell’urea per verificare le infezioni da H. pylori

Trattamento

Il trattamento dipende dal tipo, dalla causa e dalla gravità della gastrite.

La gastrite causata da infezioni da H. pylori viene solitamente trattata con una combinazione di antiacidi e antibiotici , anche se l’infezione non causa alcun sintomo.

Le persone spesso hanno bisogno di assumere integratori o apportare aggiustamenti dietetici per prevenire complicazioni se la loro gastrite cronica sta causando carenze nutrizionali.

La maggior parte dei farmaci per gastrite si concentra sulla riduzione della quantità di acido nello stomaco.

I farmaci che riducono gli acidi comuni includono:

  • Gli antiacidi . Gli antiacidi contengono in genere magnesio , calcio , sodio o sali di alluminio che possono aiutare a neutralizzare gli acidi dello stomaco. Gli antiacidi possono a volte causare stitichezza o diarrea e altri effetti collaterali.
  • Inibitori della pompa protonica (PPI) . Questi riducono la quantità di acido prodotta dallo stomaco. Le persone possono acquistare versioni a basso dosaggio di lansoprazolo e omeprazolo da banco, ma la maggior parte degli IPP sono disponibili solo su prescrizione medica.
  • H2 bloccanti . Gli anti-H2 sono antistaminici che possono aiutare a ridurre la produzione di acido gastrico. La maggior parte dei tipi di bloccanti H2 sono disponibili sia per i dosaggi da banco che per quelli da prescrizione.

Stile di vita e cambiamenti dietetici

frutta e verduraLa gastrite può essere prevenuta o curata mangiando una dieta ricca di frutta e verdura intera.

Indipendentemente dalla causa o dalla gravità dei sintomi, fare aggiustamenti dietetici e di stile di vita può aiutare a curare la gastrite o prevenire che si verifichi.

I consigli dietetici comuni per le persone con gastrite cronica includono:

  • evitare o ridurre il consumo di alcol
  • evitando cibi piccanti
  • evitando cibi ricchi, grassi o fritti
  • evitando cibi acidi, specialmente agrumi e succhi
  • mangiare pasti più piccoli ma più frequentemente
  • riducendo il consumo di sale
  • mangiare meno carne rossa

Può anche aiutare una dieta sana ed equilibrata ricca di antiossidanti , fibre e probiotici. Trovi queste sostanze in alimenti come:

  • frutta e verdura intera
  • pane integrale, cereali, riso e pasta
  • prodotti fermentati, tra cui yogurt, kefir, pane a lievitazione naturale, crauti e kimchi
  • proteine ​​magre, tra cui pollo, pesce, fagioli, legumi, noci e semi

Alcune persone con gastrite cronica possono anche trarre beneficio dal mangiare cibi con proprietà anti-batteriche, come ad esempio:

  • aglio
  • cumino
  • Zenzero
  • Curcuma
  • mirtilli
  • peperoni
  • curry mite

I cambiamenti di stile di vita comuni raccomandati per le persone con gastrite cronica includono:

  • Smettere di fumare
  • evitare o ridurre l’uso dei FANS, a volte parlando con un medico di altri farmaci
  • praticare la buona cucina e l’igiene personale, compreso il lavaggio frequente delle mani
  • esercitarsi regolarmente
  • bere molta acqua per rimanere idratati
  • gestione dello stress e del dolore con tecniche e pratiche di rilassamento, come meditazione, yoga , respirazione controllata e agopuntura

prospettiva

La gastrite cronica può causare dolore e disagio e portare a gravi complicanze se non trattata. Le persone dovrebbero consultare il proprio medico se hanno sintomi di gastrite cronica.

La gestione della gastrite cronica comporta il trattamento di eventuali condizioni di base, l’assunzione di farmaci per contrastare l’acidità di stomaco e lo sviluppo di stili di vita e cambiamenti dietetici

 

FARMAJET COSIGLIA GASTROBIOTIC PLUS per eliminare i fastidi della gastrite cronica

GASTROBIOTIC-PLUS-50-CAPSULE-VEGETALI-DA-500-MG

Consigli dietetici per il morbo di Crohn

La malattia di Crohn è una condizione infiammatoria che colpisce il tratto gastrointestinale. È una condizione cronica oa lungo termine ed è una forma di malattia infiammatoria intestinale.

La malattia di Crohn colpisce più comunemente il colon e la fine dell’intestino tenue, noto come ileo, ma può colpire qualsiasi parte del tratto gastrointestinale.

Come la malattia di Crohn influenza la dieta e la nutrizione

Una persona con la malattia di Crohn può sperimentare riacutizzazioni e remissioni. Possono non avere sintomi per molto tempo e poi, un giorno, ritornano.

peperoncino farmajetLa malattia di Crohn è difficile da trattare in quanto la gravità dei sintomi varia da persona a persona,

La causa esatta della malattia di Crohn non è chiara, ma esiste un legame tra la dieta di una persona e l’incidenza di riacutizzazioni.

Il sistema intestinale di una persona con malattia di Crohn reagisce al cibo e alle sostanze benefiche come se fossero agenti patogeni indesiderati. Questo porta ad un accumulo di globuli bianchi nel sistema digestivo, con conseguente infiammazione cronica .

Una complicazione della malattia di Crohn è il rischio di un cattivo assorbimento dei nutrienti.

Normalmente, l’intestino tenue assorbe la maggior parte dei nutrienti dal cibo. Se l’intestino tenue tratta il cibo come una minaccia, viene assorbito poco cibo. Una persona con la malattia di Crohn può diventare carente di sostanze nutritive e questo può essere pericoloso se lasciato deselezionato.

Una persona affetta da morbo di Crohn può sottoporsi regolarmente a esami del sangue per assicurarsi che siano adeguatamente nutriti. In caso contrario, possono assumere integratori per assicurarsi di assumere ciò di cui hanno bisogno in termini di nutrienti.

Impatto della dieta

Il cibo che una persona mangia e l’incidenza della malattia di Crohn sono strettamente collegati. Non è che determinati alimenti causino il morbo di Crohn, ma alcuni cibi possono peggiorare i sintomi esistenti o causare l’infiammazione della malattia.

I trigger variano da individuo a individuo, ma gli alimenti che possono causare sintomi includono:

  • Cibi eccessivamente piccanti
  • alcool
  • Bevande caffeinate come caffè , tè e soda
  • Prodotti lattiero-caseari se intolleranti al lattosio
  • Grano, orzo, segale e avena se intolleranti al glutine
  • Cibi fritti
  • Cibi ad alto contenuto di grassi
  • Alimenti ad alto contenuto di zucchero

Consigli dietetici per persone con malattia di Crohn

Una persona con malattia di Crohn dovrebbe tenere traccia del loro intero apporto dietetico tenendo un diario alimentare. Sapere esattamente cosa è stato mangiato durante un episodio di Crohn può aiutare a identificare il cibo o le bevande responsabili.

In una recensione pubblicata su Nutrition in Clinical Practice , i ricercatori delineano le crescenti prove relative alla dieta e alle malattie infiammatorie intestinali come quella di Crohn. La revisione suggerisce che apportare modifiche alla dieta può essere molto utile.

Grasso

burroIl burro è ricco di omega-6. Gli studi suggeriscono che un’elevata assunzione di grassi omega-6 può aumentare il rischio di IBD.

Gli acidi grassi dietetici sono una parte importante di una dieta equilibrata, ma il beneficio dipende dal tipo di grasso. I grassi Omega-3 , ad esempio, possono ridurre l’infiammazione nel corpo, mentre i grassi omega-6 tendono ad aumentarlo.

Uno studio osservazionale suggerisce che un’assunzione elevata di grassi omega-6, come l’acido linoleico, è associata a un più alto rischio di malattia infiammatoria intestinale (IBD).

Alimenti ad alto contenuto di grassi omega-6 come l’acido linoleico includono:

  • Pollame
  • Burro
  • Pane
  • Uova
  • Formaggio
  • carne rossa

Un aumentato apporto di grassi omega-3, come l’acido docosaesaenoico (DHA), ha mostrato un rischio ridotto di IBD. Gli alimenti ad alto contenuto di omega-3 includono:

  • Lino
  • Pesce d’acqua fredda
  • Noccioline
  • semi

Alcuni dicono che un semplice supplemento dietetico di oli di pesce omega-3 può ridurre i focolai. Sfortunatamente, non ci sono prove scientifiche sufficienti a sostegno di questa affermazione, ma è improbabile che una persona che assume integratori di omega-3 peggiori i sintomi. Chi prende integratori dovrebbe ricordarsi di annotarli nel loro diario alimentare.

Fibra

La fibra ha anche un impatto sulla malattia di Crohn. Gli esseri umani non sono in grado di digerire la fibra; invece, i batteri che vivono negli intestini ne mangiano.

Una teoria suggerisce che una persona che ha una dieta ricca di fibre potrebbe aumentare la diversità dei batteri nel loro intestino e che questi batteri extra possono ridurre l’infiammazione legata alla malattia di Crohn.

Molte persone con Crohn scoprono che una dieta ricca di fibre porta sollievo dai sintomi, ma sfortunatamente ci sono poche prove cliniche a sostegno di questo.

La dieta a basso residuo

La dieta a basso residuo si basa sull’idea che ridurre la quantità di “residui” che il cibo lascia dopo la digestione ridurrà i sintomi di IBD.

“Residuo” si riferisce a sostanze come la fibra, che non vengono digerite e aumentano la quantità di feci in ogni movimento intestinale. La dieta a basso residuo limita anche determinati prodotti lattiero-caseari e prodotti a base di carne.

Poiché la dieta a basso residuo riduce la quantità di feci che passa attraverso le aree infiammate dell’apparato digerente, i sostenitori ritengono che ciò possa ridurre i sintomi. Tuttavia, ci sono poche recenti evidenze cliniche che la riduzione della fibra alimentare possa aiutare con i sintomi di Crohn a meno che non si tratti di una dieta liquida a breve termine.

Intolleranza al glutine

Uno studio pubblicato su Minerva Gastroenterologia e Dietologia ha rilevato che le persone celiache hanno una probabilità fino a 10 volte maggiore rispetto a chiunque altro di avere la malattia di Crohn o altri tipi di IBD.

Una persona con malattia celiaca ha una grave reazione autoimmune al glutine. I ricercatori osservano che le persone che hanno il morbo di Crohn ma che non hanno celiachia hanno maggiori probabilità di manifestare reazioni avverse al glutine. Questo suggerisce che una dieta priva di glutine può essere utile per le persone che hanno la malattia di Crohn.

Modulazione della microflora per il morbo di Crohn

Gli scienziati stanno attualmente studiando la possibilità che i batteri insalubri possano giocare un ruolo chiave nelle malattie infiammatorie come quella di Crohn.

Sebbene manchi una conferma scientifica, una recente revisione pubblicata dal World Journal of Gastroenterology suggerisce che la regolazione della flora intestinale può alleviare i sintomi di molte malattie intestinali.

La modifica della flora nell’intestino può essere ottenuta in diversi modi, ad esempio introducendo probiotici, prebiotici, antibiotici e più fibre nella dieta. Il rapporto suggeriva che i probiotici erano i meno efficaci, ma mostravano ancora segni di miglioramento dei sintomi come la diarrea . Le persone che hanno reazioni a una di queste sostanze dovrebbero registrarle nella loro rivista dietetica

Un’altra opzione di trattamento è un trapianto di microbi fecali, che comporta la sostituzione dei batteri cattivi con batteri fecali sani da un donatore.

Altre considerazioni dietetiche per il morbo di Crohn

diaro del ciboSi raccomanda di tenere un diario alimentare per tenere traccia di quali cibi potrebbero peggiorare i sintomi di Crohn.

Dopo aver tenuto un diario alimentare durante una riacutizzazione, molte persone cambiano le loro abitudini alimentari.

Ad esempio, le persone con malattia di Crohn che notano che i loro sintomi peggiorano dopo aver mangiato prodotti a base di carne possono passare a una dieta vegetariana per trovare sollievo. Se i prodotti lattiero-caseari mostrano una serie di sintomi, potrebbe essere consigliabile eliminare il caseificio.

Mentre le persone affette dal morbo di Crohn hanno alcuni sintomi in comune, la condizione è molto individuale e il trattamento dovrebbe essere su base uno a uno.

Il fatto che la malattia di Crohn appaia in modo diverso da persona a persona può spiegare perché così tanti studi hanno risultati inconcludenti.

Se una persona tiene un diario alimentare accurato e lavora a stretto contatto con il proprio medico, può essere possibile stabilire quali sono i loro sintomi specifici.

Le persone affette dal morbo di Crohn possono scoprire che, comprendendo ciò che scatena e allevia una fiammata, possono controllare meglio i loro sintomi e migliorare la qualità della loro vita.

Sintomi e complicanze

Poiché la malattia di Crohn colpisce molte parti del tratto gastrointestinale, i sintomi variano da persona a persona. I sintomi più comuni della malattia di Crohn sono:

  • Persistente stipsi , che può portare al blocco intestinale
  • Diarrea persistente
  • Crampi e dolori allo stomaco
  • Urgente necessità di movimento intestinale
  • Una sensazione di movimenti intestinali “non finiti”
  • Sanguinamento rettale

I possibili sintomi di IBD, incluso il morbo di Crohn, sono:

  • Fatica
  • Febbre
  • Perdita di appetito
  • Perdita di peso
  • Cambiamenti nel ciclo mestruale nelle donne
  • Sudorazioni notturne

Nei bambini più piccoli, la malattia di Crohn può ritardare la crescita e lo sviluppo. Nei casi più gravi, può causare lacrime o fessure nel rivestimento dell’ano, causando dolore e sanguinamento quando si svuota l’intestino.

 

FARMAJET  Consiglia —————————–>>  GASTROBIOTIC PLUS

 

GASTROBIOTIC-PLUS-50-CAPSULE-VEGETALI-DA-500-MG

Diverticolite che cos’è ? Dieta e possibile cura. Farmajet news

La diverticolite è una malattia che può essere tenuta sotto controllo con l’aiuto di una giusta alimentazione e di un po’ attività fisica. Ecco quali sono gli alimenti consigliati per chi soffre di questa patologia

 diverticoli

La diverticolite è una malattia infiammatoria che interessa il colon, in particolare l’ultima parte detta “sigma”. La malattia è caratterizzata da una serie di piccole sacche, chiamate diverticoli, che si formano lungo le pareti intestinali. Quando il processo infiammatorio non è presente e non sono presenti sintomi, pur permanendo le sacche intestinali, la malattia viene più correttamente chiamata diverticolosi.

La diverticolite è causata da un’alterazione della mobilità dell’intestino da cui deriva un aumento localizzato della pressione, con conseguente fuoriuscita della mucosa nei punti più deboli. Aiutano la formazione dei diverticoli la vita sedentaria, la mancanza di attività fisica e la stitichezza.

diverticoli 2

Colon con diverticoli

SINTOMI DELLA DIVERTICOLITE

Quando il tratto intestinale è infiammato l’ammalato soffre di forti dolori addominali, crampi, stipsi e colon irritabile. Inoltre la diverticolite causa diarrea, gonfiore, febbre e meteorismo.

In alcuni casi possono insorgere delle complicazioni causate dalla perforazione delle sacche (fistole) con conseguente peritonite e sanguinamento rettale.

Quando i diverticoli non sono infiammati, la malattia èasintomatica, pertanto seguire la giusta dieta può aiutare a limitare la formazione di nuove sacche e a tenere sotto controllo lo stato infiammatorio.

diverticoli3
Gonfiore addominale

Gli alimenti chiave in una dieta per un malato di diverticolite sono l’acqua e le fibre che, se assunte nella giusta quantità, posso aiutare la regolarità e la mobilità intestinale. Le fibre ed i liquidi aiutano a combattere la stitichezza e, di conseguenza, il ristagno di feci nelle sacche.

ALIMENTI CONSIGLIATI

Un buon piano dietetico, nella lotta alla diverticolite, prevede l’assunzione di verdura cotta o cruda, sia a pranzo che a cena. Minestroni, passati di verdura e primi piatti a base di verdure sono un ottimo compromesso per assumere buone quantità di vegetali.

I cibi integrali, quali pane, pasta, cereali e riso, sono l’ideale per la regolarità intestinale perché costringono il metabolismo e l’apparato digerente ad un lavoro extra.

diverticoli4

Pane integrale adatto per chi soffre di diverticolite

ALIMENTI DA EVITARE

Alcuni tipi di frutta e verdura, come melanzane, kiwi e fichi, ad esempio, sarebbero da evitare perché contengono piccoli semini che potrebbero depositarsi all’interno di un diverticolo scatenando un’infiammazione.

Gli alcolici vanno limitati alla misura di un bicchiere al giorno, perché irritano la mucosa intestinale. Lo stesso vale per caffè, the, dolci e, ovviamente, superalcolici.

COSA MANGIARE DURANTE UN PERIODO INFIAMMATORIO

Durante una fase sintomatica, quando si soffre di dolore addominale, febbre, diarrea e vomito, è necessario variare la dieta e prediligere cibi liquidi e leggeri a basso contenuto di fibre. Una volta superata la fase infiammatoria è opportuno mantenere una dieta semiliquida per un breve periodo per poi ritornare, pian piano, alla normale consistenza.

CURE PER LA DIVERTICOLITE

La cura antibiotica è indicata solo in caso di sovrinfezioni batteriche. Di solito vengono somministrati paracetamolo per ridurre la febbre, antispastici intestinali e antidolorifici.

In rari casi è necessario intervenire chirurgicamente per rimuovere i diverticoli, soprattutto quando le terapie farmacologiche non danno alcun risultato. L’intervento prevede la rimozione del tratto intestinale affetto da diverticolite .

Condurre una vita sana, che possa aiutare anche a combattere la diverticolite, comprende un’alimentazione bilanciata e una buona dose di attività fisica non necessariamente pesante, che potrebbe essere anche una bella passeggiata!

L’alimentazione è molto importante per far sì che l’organismo sia ben sano. Ne gioverà anche la pelle che ne risulterà nutrita dall’interno in maniera naturale.

Farmajet consiglia gastrobiotic plus

METEORISMO INTESTINALE: CAUSE, RIMEDI E LA DIETA DA SEGUIRE

Il meteorismo intestinale è un disturbo molto frequente che può metterci in imbarazzo. Ecco di cosa si tratta, quali sono le cause principali e come risolvere il problema con i farmaci e con alcuni rimedi naturali

meteo1

Il meteorismo intestinale è un disturbo dell’apparato digerente e si presenta quando nell’intestino vi è una quantità superiore di gas, che deve essere espulso. Chi ne soffre tende ad avere un addome gonfio, duro e dolorante, questo perché al suo interno vi è un fenomeno di fermentazione superiore a quello normale. Questo fastidio, inoltre, può essere dovuto anche allo sviluppo di alcuni batteri nel tratto intestinale.

Questi gas intestinali possono causare diversi fastidi, soprattutto quando ci si trova in un luogo pubblico, perché l’aria che si è accumulata all’interno del nostro intestino, in qualche modo si dovrà espellere, con eruttazioni oppure attraverso i peti. Il tratto intestinale, quando caratterizzato da meteorismo può produrre anche diversi “rumori indesiderati” che possono mettere in notevole imbarazzo sia noi, che chi ci sta vicino.

Questi gas, generalmente iniziano a formarsi subito dopo i pasti ed una volta giunti nel nostro intestino, attraverso le reazioni biochimiche di fermentazione, innescano episodi di spasmi e distensione addominale.  Non tutte le persone affette da meteorismo intestinale presentano gli stessi sintomi, ma quelli più frequenti sono la flatulenza e l’eruttazione e sono sempre proporzionali alla quantità di gas che viene prodotta all’interno

meteorismo-e-flatulenza-400x296

Il meteorismo intestinale genera notevoli fenomeni di flatulenza

CAUSE DEL METEORISMO INTESTINALE

Le cause di questo problema sono molteplici, le principali vanno ricercate nel cibo, infatti questo fenomeno è correlato all’assunzione di alimenti particolarmente ricchi di fibre e di bevande gassate. Anche se non mancano altre cause, dovute alle intolleranze alimentari, in particolare le persone intolleranti al lattosio soffrono di questo disturbo quando bevono il latte o i suoi derivati.

L’aria nella pancia si può sviluppare anche in seguito all’assunzione di antibiotici, soprattutto se la terapia è stata prolungata nel tempo e non è stato prescritto nessun farmaco di copertura per lo stomaco.

Altra causa è riconducibile allo stress o agli stati di ansia, non dimentichiamoci che nel tratto digerente sono concentrate la maggior parte delle terminazioni nervose del nostro organismo, per tale ragione, l’intestino è uno degli organi più colpiti in caso di stress eccessivo o di nervosismo.

L’aerofagia, ovvero l’ingestione di aria è tra i principali indiziati, per tale ragione è sconsigliato masticare chewing-gum per chi soffre di flatulenza, così come è sconsigliato di fumare e di masticare troppo in fretta.

Ci sono, infine, altre cause, che possono portare al meteorismo intestinale, che però nascondono altre sintomatologie, come la disbiosi intestinale, la retto colite ulcerosa, la bulimia, l’anoressia, la stipsi, il tumore alle ovaie e il tumore al colon.

Prima di trarre conclusioni troppo affrettate, come sempre, vi consigliamo di rivolgervi al vostro medico di famiglia, in particolare se il disturbo è persistente nel tempo.

meteo2
Un’adeguata alimentazione è fondamentale per ridurre l’aria nella pancia

COME COMBATTERE IL METEORISMO INTESTINALE

Per combattere il meteorismo intestinale è opportuno seguire alcune regole, che consentono al disturbo di sparire quasi del tutto, nello specifico bisognerebbe masticare in maniera molto lenta e bisognerebbe seguire un’alimentazione controllata, evitando di mangiare a dismisura. Le fibre sono tra i principali nemici di questo disturbo, per tale ragione bisognerebbeevitare i cibi integrali e mangiare la frutta lontano dai pasti. Le bibite gassate sono da mettere al bando, così come i grassi, le fritture, i cibi piccanti, i fagioli, i broccoli, le cipolle, i formaggi stagionati e gli alcolici.

Uno dei rimedi migliori rimedi è rappresentato dalle tisane, quasi tutte le erbe naturali, infatti, riescono a contrastare questo disturbo, soprattutto la camomilla, che è in grado di calmare i crampi. Il finocchio e l’anice fanno si che la fermentazione venga controllata e il carbone vegetale assorbe i gas. Per migliorare la digestione, è consigliabile il cumino e una tisana ai frutti rossi.

Il fastidio può essere curato anche mediante l’assunzione di alcuni farmaci, anche se il nostro consiglio è quello di ricorrere ai farmaci solo nei casi in cui i rimedi naturali non abbiano funzionato, in particolare si può assumere qualche medicinale che favorisca il corretto equilibrio del tratto intestinale mediante l’assunzione di fermenti lattici vivi e le medicine che fanno parte del settore parasimpatico-mimetico, che fanno si che il problema passi più in fretta. Farmajet consiglia il carbone vegetale plus in associazione con il gastrobiotic plus per risolvere il problema del meteorismo

DIETA PER METEORISMO INTESTINALE

Come abbiamo potuto comprendere, è fondamentale una corretta alimentazione, per tale ragione vi sono cibi consigliati e altri assolutamente da evitare. Nello specifico, chi soffre di tale patologia dovrebbe mangiare almeno una volta al giorno della verdura cruda.

La dieta da seguire sarebbe quella a base di carne e di pesce, ogni secondo, infatti può essere accompagnato appunto dalle verdure. La frutta è molto consigliata, ma se assunta lontano dai pasti. Al posto del pane sarebbe più indicato mangiare i cracker o i grissini. La pasta può essere mangiata, ma non tutti i giorni, sarebbe opportuno alternarla con il riso. Per combattere il meteorismo bisogna bere almeno due litri di acqua al giorno, per evitare che il cibo fermenti troppo nello stomaco e assumere almeno una tisana alle erbe.

 

ATTENZIONE: Le nozioni riportate in questo sito sono da intendersi a solo scopo informativo: non possono dunque costituire, in nessun caso, la formulazione di una diagnosi medica né possono essere considerate come prescrizione di una terapia o trattamento. Tali informazioni, pertanto, non devono sostituire il consulto diretto con un medico o eventuali visite specialistiche.

Dieta iperproteica; come perdere 3 chili in 7 giorni

Per perdere peso efficacemente e in tempi rapidi una delle soluzioni più indicate è una dieta proteica. Molti vips si sono affidati a una dieta proteica per dimagrire in quanto permette di eliminare i chili di troppo in pochissimo tempo

bistecca

Per perdere peso efficacemente e in tempi rapidi una delle soluzioni più indicate è una dieta proteica. Molti vip si sono affidati a una dieta proteica per dimagrire in quanto permette di eliminare i chili di troppo in pochissimo tempo.

Di norma le proteine saziano più a lungo e hanno meno calorie dei carboidrati; però, nonostante il deficit calorico, non sentirai la fame.

L’elaborazione delle proteine nell’organismo è più lenta, per questo il metabolismo resta attivo più a lungo e vengono bruciate più calorie durante la digestione.

Come funziona la dieta proteica

Una dieta proteica si basa essenzialmente sull’assunzione di alimenti a ricco contenuto proteico, mentre va limitato il consumo di carboidrati e grassi. Meglio quindi evitare i farinacei e assumere con moderazione solo cereali integrali.

Anche la frutta dovrebbe essere limitata dato che contiene molti zuccheri. I cibi che si possono consumare senza problemi sono carni (preferite sempre le carni bianche come pollo e tacchino a quella rossa che andrebbe invece consumata con moderazione), pesce, latticini a ridotto contenuto di grassi (come formaggi e yogurt magri).

A questi alimenti si possono aggiungere (con moderazione perché contengono una quantità di carboidrati considerevole) legumi e preparati vegetali altamente proteici come seitan (non adatto però ai celiaci e chi ha problemi digestivi perché molto ricco di glutine), tofu e tempeh(derivati della soia).

Menù proteico per dimagrire 3 kg in 7 giorni

LUNEDÌ

  1. Colazione: Una tazza di latte di mandorla (oppure 250 ml di un’altra bevanda vegetale a scelta) con 30 g di muesli.1 capsula di Gastrobiotic plus per evitare la stipsi
  2. Pranzo: Insalatona con due uova sode e 70 g di orzo perlato.
  3. Cena: Pizza rossa (senza mozzarella) con salmone.

MARTEDÌ

  1. Colazione: Una tazza di latte vegetale accompagnata da 25 g di frutta secca.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: 100g di seitan alla piastra con 70 g di quinoa condita con verdure come contorno.
  3. Cena: 70 g di orzo e 50 g di fagioli.

MERCOLEDÌ

  1. Colazione: 2 fette biscottate integrali con un velo di marmellata.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: 70 g di riso integrale condito con 200 g di piselli e per contorno un’insalata di pomodoro.
  3. Cena: 100g di tofu accompagnati da un contorno di insalata mista e da un panino integrale.

GIOVEDÌ

  1. Colazione: Una tazza di latte vegetale accompagnata da 25 g di frutta secca.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: Un hamburger di soia accompagnato da un contorno di carote e da 50 g di pane integrale.
  3. Cena: Verdure miste grigliate, 50 g di pane integrale e 250 g di merluzzo.

VENERDÌ

  1. Colazione: Una tazza di latte di mandorla (oppure 250 ml di un’altra bevanda vegetale a scelta) con 30 g di muesli.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: 200 g di merluzzo lesso, 200 g di finocchi lessi e 70 g di riso integrale al pomodoro.
  3. Cena: 70 g di miglio e 50 g di lenticchie e, in aggiunta, una porzione d’insalata mista.

SABATO

  1. Colazione: Una tazza di latte vegetale accompagnata da 25 g di frutta secca.1 capsula di Gastrobiotic plus
  2. Pranzo: 50 g di pane integrale e una frittata preparata con due uova e 200 g di carciofi.
  3. Cena: 100 grammi di salmone, 70 g di orzo perlato e una porzione d’insalata mista.

DOMENICA

La domenica è libera: si può fare il cosiddetto “cheat day” ovvero il giorno libero dalla dieta oppure ripetere il menù di una delle giornate precedenti.

Gli scienziati sviluppano un probiotico geneticamente modificato che colpisce e uccide le cellule tumorali nell’intestino

I ricercatori dell’Università Nazionale di Singapore hanno identificato un modo per trasformare un umile cocktail di batteri e verdure in un sistema mirato che trova e uccide le cellule cancerose del colon-retto.

probio1

Credito: Billion photos / Shutterstock

Il cancro del colon-retto è il terzo tumore più comune al mondo, e si prevede che la sua incidenza aumenterà nei prossimi anni. Lo studio, diretto dal dott. Chun-Loong Ho, è stato recentemente pubblicato sulla rivista Nature Biomedical Engineering.

L’elemento principale di questo sistema di targeting per il cancro è una forma ingegnerizzata di E. coli Nissle; una specie innocua di batteri trovati nell’intestino.

I batteri sono stati ingegnerizzati geneticamente in un probiotico che si lega alla superficie delle cellule cancerose del colon-retto e secerne un enzima per convertire una sostanza trovata in verdure crocifere come i broccoli in un potente agente antitumorale.

La ricerca mirava a uccidere le cellule tumorali nell’intestino consentendo loro di assumere questo agente antitumorale. Poiché le cellule normali non possono effettuare questa conversione e non sono interessate dalla tossina, il sistema dovrebbe mirare solo alle cellule cancerose del colon-retto.

Più del 95% delle cellule cancerose del colon-retto testate sono state uccise dalla miscela di probiotici ingegnerizzati con un estratto di broccoli o acqua che contiene la sostanza alimentare. Inoltre, la miscela non ha mostrato alcun impatto su altri tipi di cellule tumorali come il cancro al seno o il cancro allo stomaco.

Secondo lo studio, la combinazione di probiotici-vegetariani ha ridotto il numero di tumori del 75% nei topi con tumore del colon-retto. Inoltre, rispetto ai topi di controllo che non erano forniti con la miscela, i tumori trovati in questi topi erano tre volte più piccoli.

Il team suggerisce che questi probiotici potrebbero servire a duplice scopo: prevenzione e compensazione delle cellule tumorali residue dopo chirurgia o chemioradioterapia.

Si spera che i malati di cancro del colon-retto possano assumere i probiotici come integratore alimentare insieme al consumo di broccoli al fine di prevenire il colorectalcancer o ridurre i tassi di ricaduta dopo l’intervento.

Un aspetto interessante della nostra strategia è che sfrutta il nostro stile di vita, trasformando potenzialmente la nostra dieta normale in un regime terapeutico sostenibile ea basso costo. Speriamo che la nostra strategia possa essere un utile complemento alle attuali terapie antitumorali. ”

Matthew Chang, professore associato presso la National University of Singapore

Colon Irritabile ? Risolvi con Gastrobiotic Plus

Colon Irritabile? scopri come risolvere
Soffri di disturbi intestinali ? Dall ’innovazione Farmaceutica arriva Gastrobiotic Plus.
COLON IRRITABILE NEWS
La sindrome del colon irritabile è caratterizzata da disturbi intestinali cronici, che per molti possono risultare fastidiosi e in innumerevoli casi estremamente opprimenti.I pazienti lamentano i sintomi più diversi: alcuni soffrono di stitichezza mentre altri di diarrea; di tanto in tanto, possono verificarsi poi episodi di flatulenza o dolori addominali. In molti pazienti i sintomi si manifestano in maniera ricorrente e per un lungo periodo, spesso alternandosi o presentandosi in combinazione. La sindrome del colon irritabile può avere dunque molte facce e i suoi disturbi possono essere tali e tanti da dettare letteralmente i ritmi della giornata di alcune delle persone che ne soffrono, pregiudicandone considerevolmente anche la qualità della vita.Inoltre, chi è affetto dalla sindrome del colon irritabile si sente frequentemente incompreso e abbandonato, aspetto, quest’ultimo, ritenuto da molti altrettanto gravoso quanto i sintomi stessi. Troppo spesso infatti, le persone con disturbi intestinali cronici vengono derise o etichettate come bugiarde.A torto.
La sindrome del colon irritabile tiene impegnati gli specialisti da oltre 100 anni.
Cause
Per lungo tempo gli scienziati non sono riusciti a risalire alle reali cause della sindrome del colon irritabile.Le ultime ricerche tuttavia hanno chiarito meglio la situazione: i tipici disturbi intestinali della sindrome del colon irritabile sono infatti sempre più spesso attribuiti a una barriera intestinale danneggiata. Un numero crescente di scienziati ritiene attualmente che a provocare i disturbi intestinali cronici possano essere infatti delle minuscole lesioni della parete intestinale. Tali lesioni sarebbero responsabili della penetrazione di sostanze nocive e germi all’interno della parete stessa, con conseguenti microinfiammazioni che irritano il sistema nervoso enterico. Le funzionalità di quest’ultimo vengono in tal modo compromesse.La muscolatura intestinale riceve conseguentemente comandi errati, muovendosi in modo troppo rapido o troppo lento, oppure contraendosi/rilassandosi al momento sbagliato. Tali movimenti muscolari errati possono provocare i tipici sintomi del colon irritabile. In parole semplici: a volte l’intestino si muove troppo lentamente, provocando una costipazione; a volte invece si muove troppo rapidamente e il risultato è la diarrea. I crampi poi compaiono quando la muscolatura si contrae eccessivamente e, come fenomeno concomitante, possono anche verificarsi episodi di flatulenza. Poiché le lesioni della parete intestinale sono difficili da rilevare, a oggi la sindrome del colon irritabile risulta ancora molto complicata da diagnosticare.Dalla ricerca farmacologica viene presentato in Italia il prodotto

Gastrobiotic plus capsule,ecco il suo meccanismo d’azione

Un numero crescente di ricercatori ritiene che la barriera intestinale danneggiata rappresenti una causa della sindrome del colon irritabile.il gruppo di batteri pre e probiotici presenti in Gastrobiotic Plus (Lactobacillus Rhamnosus, Lactobacilus Acidophilus, Streptococcus Thermophilus, Bifidobacterium Bifidum, Lactobacillus Delbrueckii Subsp. Bulgaricus) aderiscono alle cellule della parete intestinale. impedendo ai germi patogeni di penetrarvi all’interno. L’intestino viene così protetto da ulteriori irritazioni.

Le minuscole lesioni della parete intestinale possono consentire la penetrazione di germi e sostanze nocive, causando microinfiammazioni che possono irritare il sistema nervoso enterico. Ciò può inoltre provocare la conseguente comparsa, in maniera ricorrente, dei sintomi tipici (da soli o in combinazione fra loro) quali stitichezza, diarrea, flatulenza e dolori addominali.

Gastrobiotic Plus capsule combatte tali sintomi in modo causale: aderendo alla parete intestinale danneggiata. Come funziona? In anni di ricerche, gli scienziati hanno scoperto che il ceppo di bifidobatteri contenuto in Gastrobiotic Plus si insedia direttamente sulla parete intestinale. Non a caso i nostri esperti parlano di “effetto cerotto”. Si può immaginare, pertanto, che Gastrobiotic Plus aderisca alla barriera intestinale danneggiata, proprio come un cerotto su una ferita.

Il risultato: I germi non possono più penetrare all’interno della parete né dunque provocare un’irritazione dell’intestino.

Come usare Gastrobiotic plus :

Assumere due capsule di Gastrobiotic plus 1 volta al giorno durante uno dei pasti. Le capsule vanno assunte senza masticare e con una quantità sufficiente di liquido (ad es. 1 bicchiere d’acqua).Per un risultato ottimale, assumere Gastrobiotic Plus capsule per almeno quattro settimane, preferibilmente per una risoluzione definitiva consigliamo di assumere Gastrobiotic Plus capsule per dodici settimane. Un primo sollievo dai disturbi dovrebbe verificarsi dopo circa una settimana di regolare assunzione.

Sono consigliati l’acquisto di 3 confezioni di Gastrobiotic Plus capsule per un ciclo di rinnovamento della flora intestinale completo.

DOVE ACQUISTARE GASTROBIOTIC PLUS CLICCA SUL LINK 

GASTROBIOTIC-PLUS-50-CAPSULE-VEGETALI-DA-500-MG

Come i batteri dell’intestino possono proteggerti dal cancro

farmajet gennaio 2018

Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Communications , mostra come la nostra dieta influenza i batteri nel nostro intestino, i quali, a loro volta, possono alterare il comportamento dei nostri geni e il rischio di cancro.
gut1

I batteri buoni nel nostro intestino offrono una barriera protettiva contro i virus dannosi, ma possono anche influenzare il comportamento dei nostri geni.

Secondo il National Cancer Institute (NCI), il cancro del colon-retto è il quarto tipo di cancro più comune , dopo seno, polmone e prostata.

Nel 2017, l’NCI ha stimato 135.430 nuovi casi di questo cancro, con oltre 50.000 persone che muoiono a causa della malattia.

Il legame tra i batteri intestinali e il rischio di cancro del colon-retto ha ricevuto sempre più attenzione negli ultimi anni.

Ad esempio, all’inizio dell’anno scorso, Medical News Today ha riportato uno studio che mostra come diverse diete alterano i batteri nelle nostre viscere – il che, a sua volta, influenza il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto.

Una nuova ricerca approfondisce la nostra comprensione della connessione tra i batteri intestinali e il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto e varie infezioni.

Il nuovo studio – condotto dal dott. Patrick Varga-Weisz, del Babraham Institute di Cambridge, nel Regno Unito – mostra come i batteri intestinali possono influenzare i geni, che quindi influenzano il rischio di malattia.

Il Dr. Varga-Weisz e il team hanno condotto esperimenti con topi e cellule di coltura umana, concentrandosi sul ruolo delle molecole chiamate acidi grassi a catena corta (SCFA) nella prevenzione delle malattie.

Gli SCFA sono prodotti da batteri intestinali durante la digestione di frutta e verdura. Possono spostarsi dai batteri dell’intestino alle nostre cellule di rivestimento dell’intestino, influenzando i nostri geni e il comportamento delle nostre cellule.

Come gli SCFA aiutano a regolare l’attività dei geni

I ricercatori hanno usato gli antibiotici per ridurre i batteri nelle budella dei topi e hanno analizzato i loro campioni fecali e le cellule dal loro epitelio intestinale – cioè il rivestimento all’interno del loro intestino tenue.

Il Dr. Varga-Weisz e il suo team hanno aggiunto gli SCFA alle cellule di cancro del colon umano e hanno scoperto che aumentavano le crotonilazioni , che sono modificazioni proteiche che possono attivare o disattivare i geni.

Queste crotonilazioni sono state prodotte inibendo una proteina chiamata HDAC2. Precedenti studi hanno dimostrato che un elevato numero di proteine ​​HDAC2 può aumentare il rischio di cancro del colon-retto.

gut2

Inoltre, i topi privi di batteri hanno mostrato un alto numero di proteine ​​HDAC2.

Frutta e verdura sono fondamentali per produrre gli SCFA e gli SCFA aiutano a regolare le crotonilazioni.

Quindi, i risultati, spiegano i ricercatori, suggeriscono che la regolazione della crotonia nel genoma delle cellule intestinali può prevenire il cancro e che una dieta sana di frutta e verdura è fondamentale per questa prevenzione.

I risultati offrono un nuovo target per i farmaci antitumorali

L’autrice del primo studio Rachel Fellows spiega: “Gli acidi grassi a catena corta sono una fonte di energia chiave per le cellule nell’intestino, ma abbiamo anche dimostrato che influenzano la crotonilazione del genoma. La crotonilazione si trova in molte cellule ma è particolarmente comune nell’intestino “.

Continua: “Il nostro studio rivela perché questo è il caso identificando un nuovo ruolo per HDAC2, che a sua volta è implicato nel cancro e offre un nuovo interessante target di farmaci da studiare ulteriormente”.

Il Dr. Varga-Weisz afferma: “Il nostro intestino è la casa di innumerevoli batteri che aiutano nella digestione di alimenti come le fibre vegetali, fungono anche da barriera ai batteri nocivi ed educano il nostro sistema immunitario. una parte fondamentale di questi processi. ”

“Ilnostro lavoro illumina come gli acidi grassi a catena corta contribuiscano alla regolazione delle proteine ​​che impacchettano il genoma e, quindi, influenzano l’attività dei geni”.

Dr. Patrick Varga-Weisz

Bruciore di stomaco durante la gravidanza: cosa fare Farmajet news

Bruciore di stomaco durante la gravidanza: cosa fare

Le donne incinte comunemente sviluppano il bruciore di stomaco, un disturbo che comporta una sensazione di bruciore al petto.

Fino al 50 percento delle donne avverte il bruciore di stomaco ad un certo punto durante la gravidanza. Anche se può accadere in qualsiasi momento durante la gravidanza, il bruciore di stomaco tende a manifestarsi più frequentemente nel terzo trimestre.

Contenuto di questo articolo:

  1. Cos’è il bruciore di stomaco?
  2. Perché le donne incinte hanno bruciori di stomaco?
  3. Prevenzione
  4. Curare il bruciore di stomaco

 

Cos’è il bruciore di stomaco?

gravi 1

Le donne incinte possono soffrire di bruciore di stomaco in quanto l’utero in crescita può mettere sotto pressione lo stomaco.

Uno dei sintomi principali è una sensazione di bruciore nel mezzo del torace. Succede quando la valvola che collega l’esofago, o tubo del cibo, allo stomaco si indebolisce e l’acido dello stomaco e il contenuto ritornano nel tubo del cibo.

L’acido dello stomaco è irritante e questo provoca la sensazione di bruciore al petto.

Oltre a bruciare nel petto, altri sintomi di bruciore di stomaco includono:

  • burping
  • Rigurgito
  • gonfiore
  • Nausea

Questi sintomi tendono a manifestarsi subito dopo aver mangiato, anche se non sempre immediatamente.

Perché le donne incinte hanno bruciori di stomaco?

Le donne incinte hanno più probabilità di avere bruciori di stomaco per una serie di motivi.

In primo luogo, durante la gravidanza, il progesterone dell’ormone viene secreto in quantità maggiori per sostenere la gravidanza. Il progesterone provoca la perdita della valvola che separa il tubo del cibo dallo stomaco, causando il bruciore di stomaco.

Inoltre, l’utero in crescita inizia a esercitare pressione sullo stomaco e su altri organi interni nella successiva gravidanza. Quella pressione può anche spingere il cibo e l’acido dello stomaco nel tubo del cibo.

Indigestione e bruciore di stomaco sono più probabili nelle donne che hanno avuto bruciore di stomaco prima della gravidanza e in quelle che sono state già in stato di gravidanza.

 

Prevenzione

Prevenire il bruciore di stomaco è il modo migliore per gestirlo. Alcuni alimenti o bevande tendono a scatenare i sintomi. Evitare quei cibi può aiutare a prevenire il disagio associato al bruciore di stomaco. Gli alimenti che tendono a innescare il bruciore di stomaco includono:

  • Agrumi, come arance, pompelmi e ananas
  • Caffeina
  • Bevande gassate o bibite
  • Cibi grassi e grassi
  • Cibi piccanti
  • Pomodori
  • Cioccolato

Oltre a evitare questi alimenti, può essere utile mangiare più spesso pasti più piccoli. Invece di tre grandi pasti al giorno, cinque o sei pasti più piccoli potrebbero essere migliori.

Stare in piedi per almeno 20-30 minuti dopo aver mangiato può impedire al contenuto dello stomaco di fare retromarcia nel tubo del cibo.

Di notte, è meglio non mangiare entro 3 ore dall’andare a letto. Appoggiare la testa del letto o usare dei cuscini extra per mantenere la testa sollevata può aiutare a prevenire i bruciori di stomaco che si verificano durante la notte.

È anche importante evitare di fumare sigarette e bere alcolici. Né è salutare durante la gravidanza, e possono entrambi contribuire al bruciore di stomaco.

Chiunque trovi difficile smettere dovrebbe parlare con un medico.

Bere un bicchiere di latte può aiutare a ridurre i sintomi. Il latte magro o magro è migliore perché il latte intero è ricco di grassi e questo può peggiorare il bruciore di stomaco.

Curare il bruciore di stomaco

Se questi cambiamenti dello stile di vita non aiutano a prevenire i sintomi del bruciore di stomaco, potrebbe essere il momento di prendere in considerazione i farmaci.

Di seguito sono riportate informazioni generali sugli antiacidi e altri rimedi da banco per il bruciore di stomaco.

Come sempre, è meglio parlare con il medico prima di prendere qualsiasi farmaco, specialmente durante la gravidanza.

pillole

Le compresse di carbonato di calcio possono essere utilizzate per trattare il bruciore di stomaco.

  • Tums : noto anche come carbonato di calcio. È considerato sicuro durante la gravidanza. Il carbonato di calcio neutralizza l’acido dello stomaco in modo che sia meno irritante se si appoggia al tubo del cibo. Le persone dovrebbero essere sicure di leggere le istruzioni sulla bottiglia per la dose sicura in gravidanza. Farmajet 
  • Antagonisti dei recettori H2 : anche considerati sicuri in gravidanza. Includono famotidina, cimetidina e ranitidina. Sono disponibili sia da banco che da prescrizione medica. Questi farmaci riducono la quantità di acido prodotto dallo stomaco.
  • Inibitori della pompa protonica : gli inibitori della pompa protonica (PPI) prevengono la secrezione di acidi dello stomaco e funzionano bene nel trattamento del bruciore di stomaco. PPI comuni comprendono pantoprazolo e lansoprazolo. Sono anche disponibili al banco e con prescrizione medica.

La maggior parte degli inibitori della pompa protonica è considerata sicura in gravidanza. Tuttavia, un PPI chiamato omeprazolo non è raccomandato per l’uso. Troppi pochi studi sono stati fatti per confermare che è sicuro.

Le persone dovrebbero sempre informare il proprio medico su tutti i farmaci e le erbe che assumono durante la gravidanza.

GERD

Bruciore di stomaco, reflusso acido e malattia da reflusso gastroesofageo ( GERD ) sono spesso usati in modo intercambiabile, ma non sono esattamente gli stessi.

Il reflusso acido è il rigurgito di acido dello stomaco nel tubo del cibo, causando il sintomo del bruciore di stomaco. GERD è una forma più grave di reflusso acido e bruciore di stomaco.

Ulteriori sintomi di GERD possono includere:

  • Tosse cronica
  • Respiro sibilante
  • Dolore al petto
  • Difficoltà a deglutire
  • Rigurgito di cibo o acido gastrico

Si stima che il GERD colpisca il 40% degli americani su base mensile. I trattamenti per GERD sono molto simili ai trattamenti per il reflusso acido o il bruciore di stomaco.

Evitare i trigger, i cambiamenti dello stile di vita di base e i farmaci possono essere efficaci per gestire i sintomi. Tuttavia, nei casi gravi di GERD, possono essere necessari farmaci prescritti o addirittura un intervento chirurgico per alleviare la condizione.

Quando vedere un dottore

È importante consultare regolarmente il medico come parte di una buona assistenza prenatale. Un bruciore di stomaco che non sia alleviato dallo stile di vita o dai cambiamenti della dieta deve essere menzionato al medico durante una visita prenatale di routine. Se si consiglia l’assunzione di farmaci, assicurarsi di indicare se è efficace nella gestione dei sintomi.

Anche se il bruciore di stomaco è comune in gravidanza, è particolarmente importante menzionare i sintomi se sono gravi o interferiscono con la vita quotidiana.