Suggerimenti per un sistema immunitario sano. Farmajet news

Il sistema immunitario difende il corpo dalle infezioni. Sebbene funzioni in modo efficace il più delle volte, a volte il nostro sistema immunitario fallisce e noi ci ammaliamo. Ci sono modi in cui possiamo potenziare il nostro sistema immunitario e prevenire le malattie? Lo scopriamo.
immuno1

Il nostro sistema immunitario ci protegge da infezioni e malattie, ma esiste un modo in cui possiamo migliorare il modo in cui funziona?

Il sistema immunitario è una rete di cellule speciali, tessuti, proteine ​​e organi che lavorano insieme per proteggere il corpo da invasori e malattie straniere potenzialmente dannose.

Quando il nostro sistema immunitario funziona correttamente, rileva le minacce, come batteri, parassiti e virus, e innesca una risposta immunitaria per distruggerli. Il nostro sistema immunitario può essere diviso in due parti: innato e adattivo.

L’immunità innata è la protezione naturale con cui siamo nati e la nostra prima linea di difesa per combattere l’infezione. Dopo aver rilevato un’infezione, la nostra risposta innata agisce rapidamente per cercare di scovare l’invasore producendo muco extra o alzando il termostato per farlo esplodere con una febbre .

L’immunità adattativa è una protezione che otteniamo per tutta la vita poiché siamo esposti a malattie o protetti contro di loro dalle vaccinazioni. Il sistema adattivo individua un nemico e produce le armi specifiche – o gli anticorpi – che sono necessari per distruggere ed eliminare l’invasore dal corpo.

Il sistema adattivo può richiedere dai 5 ai 10 giorni per identificare gli anticorpi necessari e produrli nei numeri necessari per attaccare con successo un invasore. In quel momento, il sistema innato tiene a bada l’agente patogeno e impedisce che si moltiplichi.

Il sistema immunitario può essere potenziato?

In quanto tale, l’immunità innata non può essere “potenziata” e non vorreste che fosse. Se la risposta innata venisse stimolata, ti sentiresti costantemente malato con naso che cola, febbre, letargia e depressione .

L’efficienza della risposta adattiva può essere accelerata con le vaccinazioni. Un vaccino contiene una versione innocua del germe da cui è necessaria la protezione. Il sistema adattivo ricorda l’invasore in modo che la prossima volta che entra in contatto con il germe, possa agire rapidamente per lanciare un attacco.

immuno2

Il sistema immunitario contiene molti tipi di cellule differenti che rispondono a diversi microbi.

Mentre molti prodotti affermano di aumentare l’immunità, il concetto ha poco senso dal punto di vista scientifico. Cercare di stimolare le cellule di qualsiasi tipo non è necessariamente una buona cosa e può provocare gravi effetti collaterali.

Il sistema immunitario, in particolare, contiene diversi tipi di cellule che rispondono a vari microbi in molti modi. Quali cellule vorresti incrementare e quante? Questa è una domanda alla quale gli scienziati attualmente non conoscono la risposta.

Ciò che i ricercatori sanno è che il corpo produce continuamente cellule immunitarie che vengono chiamate globuli bianchi, o leucociti, e genera molte più cellule del sistema adattivo – noto come linfociti – che maturano nelle cellule B e T del necessario.

Le cellule in eccesso si distruggono attraverso un processo di morte cellulare naturale, chiamato apoptosi. Non è noto quale sia il miglior mix di cellule o numero ottimale per il sistema immunitario che funzioni al meglio.

Sistema immunitario indebolito

Per molte persone, il sistema immunitario funziona bene per regolare se stesso e non ha bisogno di aiuto. Tuttavia, in alcune persone, i farmaci oi disturbi del sistema immunitario causano l’iperattività o la bassa attività del sistema immunitario.

  • I disordini da immunodeficienza primaria sono solitamente presenti dalla nascita e sono causati dal fatto che il sistema immunitario manca di parti particolari.
  • Disturbi da immunodeficienza secondaria si verificano a seguito del fatto che il sistema immunitario viene compromesso da fattori ambientali, tra cui HIV , gravi ustioni, malnutrizione o chemioterapia .
  • Le allergie e l’asma si sviluppano quando il sistema immunitario risponde a sostanze che non sono dannose.
  • Le malattie autoimmuni sono condizioni come il lupus , l’artrite reumatoide , la malattia infiammatoria intestinale, la sclerosi multipla e il diabete di tipo 1 , per cui il sistema immunitario attacca erroneamente le cellule e i tessuti del corpo.

I disturbi del sistema immunitario sono trattati con farmaci specifici che affrontano i sintomi e le infezioni associate.

Impatto dello stile di vita sulla risposta immunitaria

I componenti primari del sistema immunitario includono i linfonodi, le tonsille, la milza, il midollo osseo e il timo.

immuno3

Molti fattori, tra cui la dieta, l’esercizio fisico e il sonno, possono influire sulla risposta immunitaria.

Rimane comunque molto da imparare sull’interconnessione e sulla complessità della risposta immunitaria. Per funzionare bene, l’intero sistema richiede armonia ed equilibrio. Il sistema immunitario non è una singola entità o campo di forza che ha bisogno di un patch per funzionare correttamente.

Non sono stati identificati collegamenti diretti tra lo stile di vita e una maggiore risposta immunitaria, ma i ricercatori hanno studiato l’effetto di fattori quali l’esercizio fisico, la dieta e lo stress sulla risposta del sistema immunitario.

La cosa migliore che puoi fare per mantenere il tuo sistema immunitario è adottare strategie di vita sane che andranno a beneficio dell’intero corpo, incluso il tuo sistema immunitario. Queste strategie potrebbero includere:

  • mangiare una dieta ricca di frutta e verdura
  • esercitarsi regolarmente
  • mantenere un peso sano
  • Smettere di fumare
  • bere alcolici solo con moderazione
  • dormire abbastanza
  • evitando l’infezione attraverso il lavaggio delle mani regolari
  • ridurre lo stress

Dieta e sistema immunitario

Consumare una dieta equilibrata e mangiare le quantità raccomandate di nutrienti aiuterà a mantenere la normale funzione immunitaria.

Le vitamine A, C e D e i minerali, incluso lo zinco, svolgono un ruolo nel funzionamento del sistema immunitario. Se mangi una dieta equilibrata, non avrai bisogno di assumere integratori di queste vitamine e minerali e l’assunzione di extra non aiuterà particolarmente il tuo sistema immunitario.

Le popolazioni che sono malnutrite sono note per essere più suscettibili alle infezioni e vi sono alcune prove che le carenze di alcuni micronutrienti alterano le risposte immunitarie.

Vitamine e minerali

Ad esempio, la carenza di zinco – che può contribuire a malattie croniche – ha dimostrato di avere un impatto negativo su come il sistema immunitario risponde all’infiammazione negli anziani.

immuno4

Mangiare una dieta sana ed equilibrata è importante per il mantenimento della funzione immunitaria.

La supplementazione di vitamina D è stata collegata ad alterazioni nel comportamento del sistema immunitario. L’assunzione di supplementi di vitamina D durante la gravidanza – un periodo in cui il sistema immunitario è in continuo flusso – può modificare il sistema immunitario del neonato in modo tale da proteggere dalle infezioni respiratorie e dall’asma .

La ricerca suggerisce che la vitamina D attiva le cellule T in grado di identificare e attaccare le cellule tumorali e proteggere dal cancro del colon-retto in alcune persone. Negli anziani, anche la vitamina D ha dimostrato di ridurre le infezioni respiratorie.

Alimenti che influenzano la risposta immunitaria

Gli studi si sono concentrati su come specifici alimenti o diete potrebbero influenzare la risposta immunitaria.

La fibra solubile commuta le cellule immunitarie da pro-infiammatorie a anti-infiammatorie, che ci aiuta a guarire più velocemente dalle infezioni.

Pterostilbene e resveratrolo, trovati rispettivamente nei mirtilli e nell’uva rossa, contribuiscono ad aumentare l’espressione del gene del peptide antimicrobico (CAMP) della catelicidina umana, che è coinvolto nella funzione immunitaria. Il gene CAMP svolge un ruolo vitale nel sistema immunitario innato.

I probiotici possono aiutare a contrastare gli effetti avversi degli antibiotici ad ampio spettro mantenendo il sistema immunitario pronto a rispondere alle nuove infezioni.

È stato dimostrato che l’ olio di pesce ricco di DHA aumenta l’attività delle cellule B, che potrebbe essere promettente per coloro che hanno un sistema immunitario compromesso.

Il digiuno prolungato è stato collegato alla rigenerazione delle cellule staminali delle cellule immunitarie più vecchie e danneggiate.

La curcumina , che si trova nel curry e nella curcuma, può aiutare il sistema immunitario a liberare il cervello dalle placche di beta-amiloide viste nella malattia di Alzheimer .

Diete ad alto contenuto di grassi e ad alto contenuto calorico innescano una risposta dal sistema immunitario simile a un’infezione batterica. I ricercatori suggeriscono che mangiare cibi non sani rende le difese del corpo più aggressive dopo il passaggio a una dieta salutare, che può contribuire a malattie come l’arteriosclerosi e il diabete .

Esercizio fisico e sistema immunitario

Proprio come una dieta sana, un’attività fisica regolare contribuisce alla buona salute generale e, quindi, a un sistema immunitario sano. L’esercizio promuove l’efficiente circolazione del sangue, che mantiene le cellule del sistema immunitario in movimento in modo che possano svolgere efficacemente il loro lavoro.

Uno studio ha rivelato che solo 20 minuti di esercizio moderato hanno stimolato il sistema immunitario, che a sua volta ha prodotto una risposta cellulare antinfiammatoria.

Gli investigatori hanno notato che la loro scoperta ha implicazioni incoraggianti per le persone con malattie croniche – tra cui l’ artrite e la fibromialgia – e l’ obesità .

Altre ricerche hanno scoperto che il modo migliore per evitare cambiamenti avversi del sistema immunitario e aiutare il corpo a riprendersi dopo un intenso esercizio era quello di consumare carboidrati durante o dopo.

Gli autori del documento suggeriscono che tra 30 e 60 grammi di carboidrati ogni ora durante l’attività fisica può aiutare a mantenere la normale funzione immunitaria.

Altri fattori di risposta immunitaria

Oltre ad una dieta bilanciata e un regolare esercizio fisico, gli scienziati hanno trovato prove di altri fattori che possono influenzare la risposta del sistema immunitario.

La deprivazione cronica del sonno può ridurre la risposta del sistema immunitario e la circolazione dei globuli bianchi, mentre un adeguato sonno ad onde lente – o sonno profondo – rafforza la memoria del sistema immunitario dei patogeni che sono stati precedentemente rilevati.

immuno5

Essere all’aperto sotto il sole ha dimostrato di beneficiare il sistema immunitario.

Uscire alla luce del sole può portare benefici al sistema immunitario . I ricercatori hanno scoperto che la luce del sole stimola le cellule T che combattono le infezioni e che svolgono un ruolo chiave nell’immunità. In particolare, la luce blu che si trova nei raggi del sole ha fatto muovere le cellule T più velocemente, il che potrebbe aiutarle a raggiungere un sito di infezione e rispondere più rapidamente.

Ridurre lo stress può anche aiutare a sostenere la normale funzione del sistema immunitario.

Uno studio ha scoperto che anticipare un evento felice o divertente ha aumentato i livelli di endorfine e altri ormoni che inducono uno stato di rilassamento. Lo stress cronico può sopprimere la risposta del sistema immunitario e la sua capacità di combattere le malattie; pertanto, ridurre lo stress può aiutare a prevenire infezioni e altri disturbi.

È stato riportato che cantare in un coro per 1 ora riduce lo stress, migliora l’umore e aumenta i livelli di proteine ​​immunitarie in individui con cancro e chi si prende cura di loro. I risultati dello studio dimostrano che qualcosa di semplice come il canto può aiutare a ridurre la soppressione correlata allo stress del sistema immunitario.

La solitudine è stata anche individuata come un fattore di stress che può influire sul sistema immunitario.

La ricerca indicava che le persone che erano solitarie producevano livelli più elevati di proteine ​​correlate all’infiammazione in risposta allo stress rispetto a coloro che ritenevano di essere socialmente connessi.

Le proteine ​​legate all’infiammazione sono associate a condizioni come il diabete di tipo 2 , la malattia coronarica , il morbo di Alzheimer e l’artrite.

Sebbene restino molte domande sulla funzione del sistema immunitario, è chiaro che il consumo di una dieta sana, l’esercizio regolare, il sonno adeguato e la riduzione dello stress contribuiranno notevolmente a mantenere l’immunità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...