L’Estratto naturale del Narciso ha proprietà anti-cancro.

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Structure ha scoperto che un estratto naturale di narcisi ha proprietà anti-cancro. Stabilisce il meccanismo molecolare mediante il quale l’estratto potrebbe innescare la morte delle cellule tumorali.
narci1

Potresti non essere in grado di dirlo guardandoli, ma i narcisi potrebbero avere il potere di distruggere il cancro, secondo una nuova ricerca.

La nuova ricerca, condotta da Denis Lafontaine, della facoltà di scienze dell’università Libre de Bruxelles (ULB) in Belgio, ha testato le proprietà anti-cancro di un estratto di narciso naturale chiamato emantamina.

Hemanthamine (HAE) è un alcaloide naturale , cioè una sostanza chimica presente in natura che ha un forte effetto fisiologico nell’uomo.

Come spiegano Lafontaine e il suo team, l’estratto di narcisi è stato suggerito come aiuto nella lotta contro il cancro; precedenti studi in vitro, condotti sia dalla squadra di Lafontaine che da altri ricercatori, hanno dimostrato che l’HAE ha effetti anticancro che superano la resistenza delle cellule all’apoptosi o alla morte cellulare.

In questo nuovo studio , i ricercatori – dal laboratorio di biologia molecolare dell’RNA presso la Facoltà di Scienze e il Centro di ricerca sul cancro ULB – hanno rivelato che l’HAE attiva un “percorso di sorveglianza antitumorale”. I risultati servono ad illuminare il meccanismo con cui le piante della famiglia nota come alcaloidi amaryllidaceae possono combattere il cancro .

Le piante di amaryllidaceae sono tra le 20 “famiglie di piante medicinali più considerate” a causa dei loro composti farmacologicamente attivi.

Cellule tumorali affamate di proteine

Come spiegano i ricercatori nel loro studio, le cellule tumorali hanno bisogno di sintesi proteica per crescere e progredire. Gli organelli cellulari noti come ribosomi sono fondamentali per la sintesi delle proteine ​​- infatti, i ribosomi sono spesso descritti come “micro-macchine per produrre proteine”.

Quindi, i ribosomi sono, in un certo senso, il tallone d’Achille delle cellule tumorali; le cellule maligne sono particolarmente sensibili alle terapie che impediscono il corretto funzionamento dei ribosomi.

Nel loro articolo, Lafontaine e colleghi dimostrano che l’HAE inibisce la produzione di proteine ​​agendo su questi ribosomi. L’estratto sembra bloccare la produzione di ribosomi nel cosiddetto nucleolo – qualcosa di simile a una “fabbrica di ribosomi”.

Il nucleolare stress così indotto innesca una reazione a catena che culmina con l’eliminazione delle cellule tumorali: attiva una via di sorveglianza tumorale, che stabilizza una proteina chiamata p53, che a sua volta porta alla morte cellulare.

Importanza dei risultati, ricerca futura

Per la conoscenza degli autori, questa è la prima volta che uno studio ha offerto una spiegazione molecolare per le proprietà anti-cancro dei narcisi, che sono stati utilizzati nella medicina popolare fin dai tempi della Grecia antica.

Riferendosi agli alcaloidi amaryllidaceae, gli autori dello studio spiegano: “Le loro attività biologiche non sono limitate agli effetti antitumorali, ma includono potenziali anticolinesterasici, antimalarici, antivirali e anti-infiammatori”.

La forte morfina analgesica e il chinino (che è usato contro la malaria ) e l’efedrina (usati nel trattamento dell’asma ) fanno tutti parte della stessa famiglia dell’HAE.

Gli autori concludono, “[W] e forniscono una motivazione per la progettazione di molecole potenziate e tossicità ridotta.”

Quindi, i ricercatori stanno ora cercando di testare quattro alcaloidi amarillidacei nel tentativo di identificare il composto più promettente che può essere sviluppato in una valida forma di terapia anti-cancro.

Annunci

Artrite reumatoide: il veleno dello scorpione può arrestare la progressione

Lo scorpione rosso indiano è uno degli scorpioni più pericolosi del mondo. Senza cure, una puntura di questa creatura può uccidere un essere umano in sole 72 ore. Ma non è tutto male; un composto trovato nel suo veleno potrebbe aiutare a trattare una delle condizioni di salute più comuni e debilitanti negli Stati Uniti.
scorpio1

I ricercatori dicono che un composto nel veleno dello scorpione rosso indiano può aiutare a trattare l’artrite reumatoide.
Immagine di credito: Dinesh Valke

In un nuovo studio, i ricercatori hanno rivelato come l’iberiotossina – uno dei numerosi composti del veleno mortale dello scorpione rosso indiano – abbia fermato la progressione dell’artrite reumatoide nei modelli di ratto della malattia.

La dottoressa Christine Beeton, leader del gruppo di studio del Baylor College of Medicine di Houston, Texas, e i suoi colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sul Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics .

Nell’artrite reumatoide, il sistema immunitario lancia un attacco alle articolazioni – in particolare a quelle delle mani, dei polsi e delle ginocchia – causando dolore e infiammazione .

Si stima che circa 1,5 milioni di persone in Italia vivano con l’artrite reumatoide e la malattia è circa tre volte più comune tra le donne rispetto agli uomini.

Come nota il dott. Beeton, un tipo specializzato di cellule articolari chiamate sinoviociti fibroblastici (FLS) svolgono un ruolo importante nell’artrite reumatoide .

“Man mano che crescono e passano dall’articolazione all’articolazione”, spiega il dottor Beeton, “secernono prodotti che danneggiano le articolazioni e attirano le cellule immunitarie che causano infiammazione e dolore e, con il progredire del danno, le articolazioni si ingrandiscono e non sono in grado di muoversi”.

In uno studio precedente su persone con artrite reumatoide, il dott. Beeton e colleghi hanno scoperto un canale di potassio sulla membrana delle cellule FLS – chiamato KCa1.1 – che è coinvolto nello sviluppo della malattia.

I ricercatori hanno ipotizzato che il blocco di questo canale del potassio potrebbe essere un modo per fermare la progressione dell’artrite reumatoide. Nel loro ultimo studio, hanno scoperto che l’iberiotossina composta dal veleno dello scorpione poteva fare proprio questo.

Iberiotossina ha arrestato l’artrite reumatoide

L’Iberiotossina si trova nel veleno dello scorpione rosso indiano o nel tamulus di Buthus . Secondo il primo autore dello studio, il dott. Mark Tanner, anch’egli membro del Baylor College of Medicine, l’iberiotossina si rivolge specificamente al canale KCa1.1 su FLS, evitando al tempo stesso altri canali del potassio.

Per il loro nuovo studio, i ricercatori hanno testato l’iberiotossina sui modelli di ratto dell’artrite reumatoide.

Scoprirono che il composto del veleno dello scorpione non solo fermava la progressione dell’artrite reumatoide nei roditori bloccando KCa1.1, ma alcuni roditori mostravano miglioramenti nell’infiammazione e nella mobilità articolare.

È importante sottolineare che l’iberiotossina non ha causato effetti collaterali nei ratti, mentre un altro bloccante del canale del potassio chiamato paxillina ha causato tremori e incontinenza urinaria .

“È stato molto emozionante vedere”, spiega il Dr. Tanner, “che l’iberiotossina è molto specifica per il canale del potassio in FLS e che non sembra influire sui canali di altri tipi di cellule, il che potrebbe spiegare la mancanza di tremori e incontinenza.”

Sulla base di questi risultati, il dott. Beeton e colleghi ritengono che l’iberiotossina possa aprire le porte a un trattamento efficace per l’artrite reumatoide, sebbene siano necessari ulteriori studi.

Anche se questi risultati sono promettenti, prima di poter utilizzare i componenti di veleno dello scorpione per trattare l’artrite reumatoide è necessario condurre molte più ricerche. Pensiamo che questo componente del veleno, l’iberiotossina, possa diventare la base per lo sviluppo di un nuovo trattamento per l’artrite reumatoide in futuro “.

Dr. Christine Beeton

Calcolo dei giorni fertili per rimanere incinta. Farmajet news

Quando si desidera un figlio e programmare una gravidanza bisogna conoscere il periodo fertile e la durata del ciclo mestruale. Per individuare qual è il momento giusto dell’ovulazione, si può fare il calcolo dei giorni fertili in diversi modi, ricordando che l’ovulazione avviene in momenti differenti se il ciclo è regolare o irregolare.

 Calcolo_giorni_fertili_03

Ogni donna sogna di avere un giorno un bambino, così come tutte le coppie sperano di diventare presto genitori. Specialmente quando la gravidanza è voluta e programmata bisogna che la donna conosca il suo periodo fertile e la durata del suo ciclo mestruale. Il calcolo giorni fertili può aiutare a sapere con esattezza qual è il momento giusto per il concepimento e rendere le probabilità di successo elevate.

Durante il ciclo mestruale ci sono dei giorni più fertili in cui le probabilità di restare incinta aumenta; tuttavia durante il periodo fertile, che coincide con l’ovulazione e in genere si verifica 14 giorni prima delle mestruazioni, ci sono dei giorni con un picco di fertilità ancora più elevato quindi è necessario identificarli per aumentare le probabilità di una gravidanza. In questi giorni, infatti, viene creato un ambiente estremamente fertile che permette agli spermatozoi di sopravvivere e raggiungere più facilmente l’utero.

Calcolo_giorni_fertili_04

 Il calcolo giorni fertili è utile per poter programmare una gravidanza

PREMESSE

Ogni mese, nella fase iniziale del ciclo mestruale, detta estrogenica, le ovaie producono e portano a maturazione un ovulo. Questo,  pronto ad essere fecondato da uno spermatozoo, si dirige verso le tube di Faloppio per raggiungere l’utero.

Gli spermatozoi sopravvivono circa 72 ore. Il periodo fertile è proprio in questo arco di tempo ed è di circa 4 giorni. Questi sono immediatamente precedenti e successivi all’ovulazione.

Quando si desidera avere un figlio bisogna concentrarsi ad avere rapporti sessuali al fine di ottenere una gravidanza.

Quando l’ovulo non viene fecondato (fase progestinica), dell’utero si sfalda e viene espulso con le prime mestruazioni. I giorni fertili sono quelli in cui l’ovulo maturo viene rilasciato dal follicolo e, attraversando le tube di Faloppio, si posiziona nell’utero. L’ovulo riesce a sopravvivere al massimo 24 ore ed entro questo arco di tempo deve entrare in contatto con uno spermatozoo. A questo punto avviene il concepimento.

In genere, in un ciclo regolare di 28-30 giorni, l’ovulazione avviene intorno alla metà del mese, quindi tra il 14° e il 15° giorno dopo l’inizio del ciclo mestruale. Differente e più complicato da calcolare è il periodo dell’ovulazione nei cicli mestruali irregolari.

I rapporti sessuali finalizzati alla gravidanza, però, non si devono avere solo durante la fase ovulatoria. Per aumentare le probabilità è consigliabile avere rapporti sessuali già da 5 giorni prima della presunta ovulazione.

Calcolo_giorni_fertili_02

Quando il calcolo giorni fertili non è facile possiamo utilizzare gli stick di ovulazione

OVULAZIONE E NIDAZIONE

Quando l’ovulo è stato fecondato dallo spermatozoo si forma uno zigote che si dirige verso le tube di Falloppio. Qui le cellule si moltiplicano e si dirigono verso l’utero, dove dovrebbe impiantarsi. Questa fase è conosciuta come nidazione o impianto. Solitamente avviene 5 – 12 giorni dopo la fecondazione.

L’impianto dell’embrione può essere accompagnato da leggere perdite di color rosa, dette perdite da impianto, che possono essere facilmente scambiate per una anomala perdita mestruale.

COME FARE IL CALCOLO GIORNI FERTILI

Per individuare qual è il momento giusto dell’ovulazione, ed avere quindi dei rapporti sessuali finalizzati al concepimento, si può fare il calcolo giorni fertili. Ma come fare?

La soluzione più semplice e rapida è utilizzare dei test di ovulazione specifici in stick, che misurano automaticamente il livello dell’ormone LH (ormone luteinizzante), l’aumento dei livelli di estrogeni o l’estradiolo. Questi test si possono acquistare in farmacia e, per avere il risultato, sarà sufficiente  far cadere un po’ di urina nell’apposita area dello stick.

Un’altra soluzione è servirsi dei calendari dell’ovulazionedisponibili sulle applicazioni digitali o sul computer. Questi sistemi, piuttosto attendibili, infatti, sono in grado di calcolare automaticamente l’aumento dei livelli degli ormoni estrogeni e LH .

Il nostro corpo, però, è anche uno strumento infallibile e saperlo ascoltare e interpretare può darci tutte le risposte che desideriamo. Un altro sistema molto utilizzato è, infatti, la misurazione quotidiana della temperatura basale. Questa si ottiene introducendo un termometro specifico nella vagina per poi osservarne i valori e annotarli giornalmente. Il momento più indicato è la mattina appena svegli. Quando la temperatura si innalza vuol dire che si sta avvicinando il periodo dell’ovulazione. La temperatura, in genere, durante l’ovulazione aumenta di 0,3 o 0,5 gradi.

Un’altra soluzione è osservare la posizione della cervice. Questa infatti cambia a seconda dei cambiamenti ormonali che avvengono durante il ciclo mestruale. Nei giorni non fertili la cervice si comporta come un muro che impedisce il passaggio degli spermatozoi; nei giorni fertili, invece, la cervice si alza, si apre, diventa più morbida e si posiziona in modo tale da permettere e favorire il passaggio degli spermatozoi.

Calcolo_giorni_fertili_01

La temperatura basale può indicare i giorni fertili

METODO DI OGINO-KNAUS

Per farlo possiamo utilizzare il cosiddetto “Metodo di Ogino-Knaus”. Questo consiste nell’annotare la durata media di ogni ciclo mestruale per alcuni mesi. In questo modo possiamosapere, con una certa probabilità, qual è la settimana più fertile. Per farlo, ci può essere d’aiuto il calcolo delle settimane.
In un ciclo mestruale regolare di 28 giorni, per esempio, i giorni più fertili saranno quelli compresi tra l’11° e il 17° giorno dopo il ciclo. Saranno evidenti l’aumento dei livelli degli ormoni LH e degli estrogeni.
È difficile, invece, stabilire con attendibilità quali siano i giorni fertili in un ciclo mestruale irregolare. Se il ciclo è irregolare e dura meno o più di 28 giorni il periodo fertile si sposterà e l’ovulazione, con probabilità, avverrà prima o subito dopo il 14° giorno.

METODO BILLINGS

Nel periodo dell’ovulazione il muco cervicale aumenta e le perdite vaginali diventano sempre più fluide, quasi acquose: siamo in ovulazione. In seguito, le perdite di muco tornano ad essere più dense e appiccicose, fino a scomparire. Nel caso in cui si utilizza questo sistema è bene tenere presente eventuali infezioni o disturbi che possono modificare o alterare la consistenza del muco cervicale.

ALTRI SISTEMI

I metodi per il calcolo dei giorni fertili sono davvero tanti. La scelta della donna può dipendere da diversi fattori, soggettivi e plausibili. Non bisogna per esempio escludere di fare delle ecografie transvaginali per monitorare i follicoli.

Inoltre, in vista dell’ovulazione, ogni donna sa che il corpo lancia dei segnali ben chiari. Il seno, per esempio, diventa più teso e dolorante e si possono avvertire dei crampi dolorosi al basso ventre.

COSA NON MANGIARE IN GRAVIDANZA

Durante la gravidanza ci sono cibi assolutamente da evitare, in primis i cibi crudi, che possono contenere sostanze davvero dannose per la madre e per il feto. Ecco tutto quello che c’è da sapere

cosa-non-mangiare-in-gravidanza

La gravidanza deve essere vissuta come il più bel periodo dell’esistenza perché dentro ti te sta crescendo una nuova creatura, un piccolo embrione che diventerà un bambino, al quale dedicherete tutto il vostro futuro, per preparare il suo, ma affinché cresca al meglio, ecco qualche consiglio su cosa non mangiare in gravidanza.

Molti cibi, durante la gravidanza possono essere pericolosi sia per voi che per il nascituro, perché contengono sostanze nocive, che in molti casi possono addirittura compromettere la gestazione. Uno dei nemici capitali della gravidanza è il sale, che va assolutamente eliminato dalla dieta, perché può portare a complicazioni per la pressione del sangue. Da evitare anche le fritture, molta frutta secca ed i grassi che possono nuocere al bambino, via libera invece alla frutta, che può essere consumata anche più volte al giorno.

COSA NON MANGIARE IN GRAVIDANZA: GLI ALIMENTI DA EVITARE

Scopriamo ora insieme cosa non mangiare in gravidanza per non ingrassare troppo o semplicemente perché potrebbero nuocere al feto.

cosa-non-mangiare-in-gravidanza-3


Durante la gravidanza bisogna assolutamente evitare le fritture ed i grassi

CARNI CRUDE ED INSACCATI

Carne cruda. Uno degli alimenti assolutamente da evitare è la carne cruda, perché al suo interno si possono sviluppare dei batteri che portano alla toxoplasmosi. Ogni volta che ci accingiamo a mangiare della carne, ricordiamoci che essa deve essere ben cotta, da entrambi i lati.

Gli insaccati come i salumi possono far si che le donne incinte contraggano la toxoplasmosi. Proprio per tale ragione devono essere assolutamente aboliti dalla dieta. Se proprio non si può fare a meno del reparto salumeria, cerchiamo di preferire il prosciutto cotto o la mortadella, che hanno avuto una cottura preventiva.

Mortadella-in-gravidanza-3

Uova crude, come abbiamo ben capito in gravidanza vanno assolutamente evitati i cibi crudi, comprese le uova, perché l’albume ha in sé l’avidina ovvero una sostanza che inibisce la vitamina H, per tale ragione è fortemente sconsigliato se vi trovate in stato interessante. Le uova crude possono portare, inoltre alla salmonella.

VERDURE CRUDE E FUNGHI IN GRAVIDANZA: SONO PERMESSI?

Verdure crude, per la serie cosa non mangiare in gravidanza, non potevano mancare le verdure crude e quelle non lavate. Le verdure sono estremamente importanti per la dieta quotidiana e lo sono anche durante la gestazione, però prima di consumarle, esse vanno messe in acqua, con l’aggiunta di un po’ di bicarbonato, che svolge la funzione di disinfettante e vanno bollite. Se riuscite a consumarle solo con un filo di olio di oliva, senza sale, sono davvero ottime.

Funghi, i funghi sono pericolosi per tutti, ma soprattutto per le donne gravide, quindi è meglio non mangiarli, se non si può proprio fare a meno cercare di mangiarne solo una fetta o al massimo due.

cosa-non-mangiare-in-gravidanza (1)

Tra le cose da non mangiare in gravidanza vi sono le verdure crude, bisogna sempre lavarle per bene e bollirle

PESCE CRUDO IN GRAVIDANZA: SI PUÒ MANGIARE?

Se chiedete qualche consiglio al vostro ginecologo su cosa non mangiare in gravidanza, vi risponderà sicuramente il pesce crudo, quindi per nove mesi dimentichiamoci pure dei ristoranti giapponesi e del sushi, perché se non viene cotto il pesce può contenere un parassita dal nome anisakis.

Pesce in scatola, il pesce in gravidanza va consumato, ma deve essere bollito, bisogna assolutamente evitare il pesce in scatola perché potrebbe contenere mercurio e molto sale.

Pesce affumicato, anche il pesce affumicato è tra gli alimenti da non mangiare in gravidanza, perché al suo interno si cela il Listeria Monocytogenes, un batterio pericoloso per il nascituro.

Molluschi, i molluschi crudi possono portare la salmonella, ma in generale in gravidanza sarebbero da evitare, anche se sono ben cotti.

cosa non mangiare Pesce-in-gravidanza
Il pesce è concesso se ben cotto

ALTRI ALIMENTI DA EVITARE

Formaggi freschi, i formaggi freschi rappresentano un altro pericolo per le donne in stato interessante, perché al loro interno si può sviluppare un batterio che causa la listeriosi. Anche il latte crudo non pastorizzato va evitato, perché si rischia la Escherichia coli verocitotossici e la Brucella, se non se ne può fare a meno, bisogna prima bollirlo per bene.

Piatti pronti, spesso nei supermercati si trovano piatti pronti, durante il resto della vita possono essere mangiati, ma durante la gestazione sono da evitare e comunque, se si tratta di verdura, bisogna lavarla ber bene.

Dolciumi, se chiedete a chiunque cosa non mangiare in gravidanza, vi risponderà sicuramente i dolci, lo zuccherò, appunto, come già accennato, porta ad un incremento della glicemia nel sangue ed una gravidanza con il diabete potrebbe essere molto pericolosa.

cosa non mangiare in caffe-in-gravidanza

Meglio evitare il caffé in gravidanza

COSA NON BERE IN GRAVIDANZA

Bevande alcoliche, l’alcol in gravidanza è tra i principali divieti assoluti, perché il bambino percepisce la stessa quantità di alcol che la madre beve, per tale ragione i danni possono essere davvero gravi.

Caffeina, la caffeina in gravidanza deve essere assolutamente evitata, se proprio siete caffeinomani e non ne riuscite a fare a meno, vi consigliamo al massimo una tazza al giorno e la seconda a base di ginseng o caffè decaffeinato.

Bibite gassate, le bibite gassate sono anche esse da mettere al bando, perché contengono una grande quantità di zuccheri, che potrebbe portare ad un aumento della glicemia

Che cos’è la montata lattea ? Farmajet news

L’allattamento al seno è sempre più diffuso e molte donne cercano informazioni sulla montata lattea: scopriamo insieme di cosa si tratta, quanto dura e quando arriva, sia in caso di parto naturale che cesareo

Montata-lattea

La montata lattea è uno degli episodi più significativi per le donne che hanno appena partorito; essa si verifica, generalmente due o tre giorni dopo la nascita dal bambino, quando nel seno materno inizia a comparire il latte vero e proprio.

Fino a questo momento, infatti, era presente solo il colostro, ricco di proteine e sali minerali; ora il colostro diventa latte, con una quantità maggiore di grassi, pronto a fornire il giusto nutrimento e il giusto apporto nutritivo al neonato nei suoi primi mesi di vita.

E’ opportuno, in questo caso, sfatare un luogo comune, per il quale un seno grosso produce maggiori quantità di latte, cosa assolutamente falsa, perché il quantitativo non dipende affatto dalle dimensioni del seno.

montata-lattea (1)

La montata lattea si verifica due giorni dopo il parto

MONTATA LATTEA: SINTOMI PRINCIPALI

In questi giorni ci si accorge di avere il seno duro e più caldo del solito e a volte si potrebbe verificare un indolenzimento generale dei seni, oltre a brividi di freddo simili a quelli dello stato febbrile. Il latte inizia a fuoriuscire dal seno materno in quantità anche maggiori, rispetto a quelle che il neonato riesce a bere; niente paura, soprattutto nei primi giorni, questo fenomeno è del tutto normale perché il corpo si sta preparando a fornire tutto l’apporto nutritivo al nuovo nato.

Vi consigliamo di acquistare, in questi giorni le apposite coppette assorbi latte da inserire nel reggiseno, per evitare che le fuoriuscite si vedano troppo. Dal punto di vista fisiologico, infatti, entra in funzione la prolattina che è un ormone dell’ipofisi che ha il compito di produrre il latte. Durante la gravidanza, questo ormone viene inibito e non appena la gravidanza termina lo stesso inizia a funzionare, garantendo, soprattutto nei primi giorni tutto il latte necessario.

MONTATA LATTEA: QUANDO ARRIVA E QUANTO DURA

La montata lattea, generalmente, si presenta nelle donne due giorni dopo il parto, ma se non compare in questo intervallo di tempo non bisogna preoccuparsi, perché in alcune mamme avviene anche una settimana dopo e dura un paio di giorni. Il corpo umano è spesso un meccanismo straordinario, regolato dalle sue leggi naturali, delle quali a volte anche noi ci stupiamo.

Infatti, il neonato inizia a bere il latte materno e la quantità di latte che la prolattina dovrà produrre, viene stabilita dal neonato stesso, mediante l’azione della suzione, con la quale lo stesso si attaccherà al seno, in base alle proprie esigenze.

Montata-lattea-1-1024x683

Anche in caso di cesareo, il bambino viene attaccato al seno

Durante il primo mese di allattamento, il latte viene prodotto ogni giorno in quantità maggiori, mentre rimane stabile per i successivi mesi, indicativamente fino al sesto mese. In questo periodo una mamma può arrivare a produrre fino 900 grammi quotidiani, quantità che verrà raddoppiata in caso di parto gemellare.

A volte la mamma non produce grandissime quantità di latte e la stessa si manifesta in maniera più blanda, questo dipende dall’organismo della donna, che dovrà comunque seguire una dieta specifica, al punto che ci sono alcuni casi, molto rari, per i quali la montata lattea non si manifesta proprio.

IL COLOSTRO

Molte di voi in questo momento si staranno chiedendo, come è possibile che la montata lattea avvenga almeno due giorni dopo il parto, ma il nascituro si attacchi al seno subito dopo la nascita, quindi, cosa berrà lui in questi due giorni?

La domanda è più che comprensibile, perché il latte che fuoriesce dal seno materno, le prime ore di vita del neonato si chiama colostro ed è ricco di anticorpidifese immunitarieproteine e sali minerali, insomma, non c’è cosa migliore per il bambino, che assumere il colostro, durante i primi giorni di vita, perché esso riesce a fornirgli tutte le sostanze nutritive ed il giusto sostegno per affrontare il mondo esterno che lo aspetta.

Questo primo latte non è bianco, ma tende al giallo, è molto cremoso e non viene prodotto in grandissime quantità e più il nascituro riuscirà a berlo e più facilmente arriverà il latte.

montata-lattea-3-e1514401614760

Il primo fluido prodotto è il colostro al quale segue il latte vero e proprio

MONTATA LATTEA DOPO CESAREO

Il parto cesareo è molto diffuso, per tale ragione le mamme e le future mamme si chiedono se possono lo stesso allattare il loro bambino. La risposta è positiva, perché la montata lattea si presenta sia che per il parto naturale, che per quello cesareo, perché è un fenomeno fisiologico, quindi la prolattina inizia a funzionare nel momento in cui ci si rende conto che il bambino non viene più nutrito dal cordone ombelicale.

Le difficoltà si possono presentare per le ragioni legate allo stato in cui versa la mamma, che spesso riesce a vedere il bambino dopo qualche ora e che avrà una maggiore difficoltà a legarlo al seno, anche se in quasi tutti gli ospedali, salvo complicazioni, anche dopo il taglio cesareo, il bambino viene subito attaccato al seno materno. In questi casi si può comunque optare per l’allattamento misto.

Lo Zenzero in gravidanza proprietà ed effetti collaterali

Zenzero in gravidanza: si o no? Quali sono i benefici di questo ingrediente naturale per le donne incinte? Vediamo insieme come assumerlo e gli eventuali effetti collaterali e rischi

Lo zenzero in gravidanza fa male? Questa è una domanda che molte gestanti si pongono, soprattutto quelle che non riescono a rinunciare a questo ingrediente “miracoloso”. Lo zenzero fa bene alla salute, se viene assunto regolarmente e questo lo sanno bene tutte le donne che al pomeriggio o alla sera, non rinunciano mai alla classica tisana zenzero e limone.

Lo zenzero in gravidanza può avere diversi benefici, perché aiuta ad alleviare la fastidiosa sensazione di nausea mattutina e i problemi legati all’irregolarità intestinale, quindi se amate questa pianta e siete incinta, non preoccupatevi, potete continuare ad utilizzarla nelle vostre ricette quotidiane.Zenzero-in-gravidanza-3

Lo zenzero in gravidanza si può assumere, ma con moderazione

COS’È LO ZENZERO

Lo zenzero è una pianta che proviene dall’Oriente, soprattutto dall’Asia e viene consumata in tutto il mondo sotto forma di radice, chiamata scientificamente Zingiber officinale Roscoe. Questo bulbo, simile alla patata, si può acquistare in supermercato o presso i fruttivendoli e si consuma grattugiatotagliato a fette molto sottili.

Il suo sapore è molto particolare, perché offre un retrogusto leggermente piccante, ma può essere abbinato ad ogni piatto, sia dolce che salato. Molti usano lo zenzero per preparare delle tisane, facendo bollire l’acqua per mettere in infusione delle fette sottili del bulbo, lasciandole riposare per qualche minuto e  aggiungendo il succo di limone.

Ma lo zenzero ha anche altri utilizzi in cucina, perché viene spesso grattugiato ed aggiunto alla carne, in fase di preparazione, oppure viene aggiunto ai frullati, poiché è un alimento che sta bene con tutto.

zenzero-in-gravidanza-2-e1513704493616

Lo zenzero in gravidanza fa bene, soprattutto sotto forma di tisana da bere una volta al giorno

BENEFICI DELLO ZENZERO IN GRAVIDANZA

L’assunzione di zenzero in gravidanza, però, non è affatto una novità, perché in Oriente, questa spezia veniva già data alle donne incinta, perché riusciva a placare la nausea, i fastidi addominali, il bruciore di stomaco ed eventuali infiammazioni. Ancora oggi la situazione non è mutata, poiché i benefici dello zenzero sono tantissimi anche per curare i malanni di stagione.

Le gestanti, infatti, in questi nove mesi, non possono assumere alcun medicinale; lo zenzero, invece, è un valido alleato contro raffreddore ed influenza, perché funziona come un antinfiammatorio naturale, grazie alle sue proprietà antibatteriche, soprattutto se viene assunto sotto forma di bevanda calda, dolcificata  leggermente con del miele, per evitare lo zucchero.

Aggiungere ai piatti un po’ di zenzero durante la gravidanza è utile anche per combattere eventuali stati dolorifici, come improvvise fitte che possono colpire gli arti o l’addome, perché questa radice contiene proprietà benefiche, in grado di alleviare il dolore, senza dover ricorrere a farmaci, in questo periodo così particolare, ma assumendo solo una tisana a base di zenzero, preferibilmente la sera prima di andare a dormire.

Zenzero-in-gravidanza-1024x682
Una tisana zenzero, miele e limone al giorno è consentita

CONTROINDICAZIONI

Per ogni cosa vale il principio del “non esagerare”. Una donna non in stato interessante, può arrivare a consumare anche diverse tisane di zenzero al giorno, perché aiuta molto a perdere peso, grazie alle sue proprietà drenanti. Quando invece si è incita bisogna cercare di rallentare un po’ tutto, compreso il consumo di zenzero. Una tisana ogni tanto fa bene, ma l’esagerazione no, perché all’interno di questa sostanza è contenuta una molecola di gingerolo che, se viene assunta in quantità elevate, può creare problemi genetici al feto.

ZENZERO IN GRAVIDANZA: SI O NO?

L’Agenzia Italiana del Farmaco e il Ministero della Salute, inoltre, consigliano di non consumare lo zenzero in gravidanza, mentre l’inglese National Institute of Health and Care Excellence suggerisce di bere una o due tisane al giorno a base di zenzero, per tale ragione, vi consigliamo di informare sempre il vostro medico.

Cosa fare quindi? Come abbiamo sempre consigliato, tutte le cose vanno consumate in giusta misura, se non possiamo farne a meno, cerchiamo di non superare la dose consigliata di 2 grammi quotidiani, anche perché tra gli effetti collaterali, se si supera la dose, ci potrebbero essere problemi digestivi e flatulenza.

Per quanto riguarda il dolcificante, da abbinare alle tisane, vi consigliamo di utilizzare il miele, che è ricco di proprietà e non fa male come lo zucchero.

Farmajet vi consiglia di assumere lo Zenzero puro biodisponibile

COME ABBASSARE LA FEBBRE ALTA NEI BAMBINI

Come abbassare la febbre alta nei bambini? Ecco la risposta alla domanda che ogni mamma si pone quando il proprio figlio ha l’influenza: scopriamo insieme alcuni rimedi e consigli utili

come-abbassare-la-febbre-3-e1515062601731

Il tuo bambino scotta e tu non sai come abbassare la febbre? Niente preoccupazioni, scopriamo insieme alcuni rimedi partendo dal presupposto che lo stato febbrile è un fenomeno molto comune e del tutto normale e significa che il corpo del bambino è in grado di combattere le infezioni e di sviluppare gli anticorpi.

Un tempo si diceva che la febbre faceva crescere i bambini, ed effettivamente, ogni tanto aiuta a rafforzare il sistema immunitario, proprio per tale ragione bisogna evitare di ricorrere immediatamente ad antibiotici, ma cercare di abbassarla naturalmente o mediante l’aiuto di un antipiretico.

Nello specifico, non bisogna allarmarsi sempre ma in base alla temperatura che raggiunge il corpo del bambino, che può essere misurata con il termometro. Si sa, i bambini si muovono spesso ed è difficile riuscire a misurar loro la febbre mettendo il termometro sotto le ascelle, pertanto è più opportuno utilizzare il termometro che si mette in bocca o quello per via rettale.

La temperatura normale di un bambino arriva fino ai 37°, quindi bisogna preoccuparsi quando vengono superati questi gradi. Se si arriva ai 38° significa che è una febbre leggera, normale nei più piccoli, fino ai 39° implica la presenza di un’infezione, spesso alla gola; se, invece, la temperatura supera i 39° bisogna aiutare il proprio bambino chiamare immediatamente il medico, o andare dal pediatra, perché la situazione potrebbe nascondere qualche altro disturbo.

come-abbassare-la-febbre-alta-nei-bambini-2

La febbre può essere misurata anche per via orale e per via rettale

COME ABBASSARE LA FEBBRE: ALCUNI RIMEDI EFFICACI

Se avete un bambino molto piccolo e volete sapere come far abbassare la febbre alta, vi consigliamo di immergerlo in una vasca con dell’acqua tiepida. Facendo così, infatti, la temperatura del suo corpo, che è molto alta, trasferirà il calore all’acqua e di conseguenza la febbre si abbasserà. Molte mamme, quando i piccoli hanno la febbre tendono a non spogliarli e a tenerli al caldo, questo atteggiamento è sbagliato, perché facendo loro un bel bagno nell’acqua tiepida, si riprenderanno subito.

Durante il giorno è possibile bagnare la fronte con un panno bagnato nell’acqua, che aiuta pure a far passare la febbre. Anche l’abbigliamento gioca un ruolo importante, soprattutto se il bambino sta a casa, bisogna evitare di coprirlo eccessivamente, con maglie pesanti, perché tutto quel calore, non farà altro che aumentare le sua temperatura corporea. Optate piuttosto per maglioncini leggeri o di cotone e se avrà freddo, mettetegli una copertina.

Uno dei suggerimenti su come abbassare la febbre nei bambini è quello di far bere loro molta acqua o comunque sostanze liquide. Soprattutto se il bambino ha le tonsille infiammate, spesso per lui bere diventa una sofferenza, è importante fargli capire che deve bere, se è piccolo cercate di dargli il biberon, non solo con acqua, ma anche con qualche soluzione ad esempio al finocchietto, che lo aiuterà pure nella digestione. Se è un po’ più grande, bisogna fargli capire che bere è importante, magari non dandogli solo acqua, ma anche il succo di frutta. L’ideale sarebbe riuscire a fare una bella spremuta di arancia, da bere al mattino e magari il pomeriggio un frullato di frutta fresca, a base di latte e banana, oppure utilizzando i frutti che lui maggiormente ama.

Per quanto riguarda l’alimentazione, optate per delle minestrine in brodo oppure per delle vellutate di verdure, che sono più facili da deglutire e che riusciranno a fornirgli il giusto apporto di proteine. L’importante è che il piccolo non si disidrati, perché in quel caso bisognerà andare in ospedale, perché la febbre porta alla disidratazione se non vengono consumati i liquidi giusti.

come-abbassare-la-febbre-alta-nei-bambini

Per abbassare la febbre alta evitate di coprire eccessivamente i bambini

COME FAR PASSARE LA FEBBRE: CURA E FARMACI

Se questi suggerimenti su come abbassare la febbre non sono serviti e la temperatura continua a salire, è il caso di prendere un antipiretico, il più comune è la tachipirina, che si può utilizzare anche nei bambini piccoli, per via rettale, nelle dosi indicate, in base al peso del bambino. La tachipirina, a base di paracetamolo riuscirà subito a sfiammare la febbre e a far riprendere il piccolo.

Se i bambini sono grandi si può utilizzare anche i farmaci a base di ibuprofene, che contribuiscono a ridurre lo stato febbrile. Se somministrerete questi farmaci ai bambini, ricordatevi anche, in concomitanza, di aiutarlo con delle vitamine, per una settimana, in modo da riprendere le attività quotidiane con la giusta forza. Se il bambino uscirà fuori, ricordiamo di coprire bene le orecchie e il petto, con sciarpa e cappello.

COME ABBASSARE LA FEBBRE ALTA: COSA NON FARE

Molte mamme spesso hanno atteggiamenti sbagliati quando i loro bambini iniziano a scottare un po’. Una delle abitudini completamente sbagliate è  quella di ricorrereimmediatamente agli antibiotici, senza consulto medico. Gli antibiotici servono solo per combattere determinate infezioni e sarà il pediatra a stabilire se prenderlo.

Mai utilizzare l’alcol, secondo delle credenze popolari, infatti, si utilizza l’alcol su di un panno, per abbassare la febbre, azione sbagliata, perché in questo caso, la temperatura potrebbe abbassarsi di colpo e andare incontro ad una forma di ipotermia. Mai dargli l’aspirina, questo farmaco dovrebbe essere somministrato solo dopo i 16 anni, preferite sempre la tachipirina.

COME ELIMINARE I BRUFOLI DAL VISO

Utili suggerimenti su come eliminare i brufoli dal viso, partendo dal presupposto che spesso sono causati da un eccessivo stress o da uno stile alimentare sbagliato: vediamo insieme come risolvere questo fastidioso problema

Come-eliminare-i-brufoli-3-e1514907109109

Se siete alla ricerca di consigli su come eliminare i brufoli, siete nel posto giusto. Questo fastidioso inestetismo, spesso può causare notevoli problemi a livello interpersonale, soprattutto quando compaiono nella fase più delicata dell’esistenza umana, ovvero l’adolescenza.

Per un adolescente non è mai facile accettare il proprio corpo e il proprio aspetto che cambia, soprattutto quando sul viso iniziano a comparire questi sgradevoli punti rossi e bianchi. Ma a cosa sono dovuti i brufoli? I brufoli sono un disturbo dell’epidermide dovuto, nella maggior parte dei casi, ad un cambiamento ormonale, per tale ragione spesso si presentano sul volto dei giovani, i cui ormoni si apprestano ad essere modificati, ma non meno frequenti sono i brufoli sottopelle.

Ma spesso, i brufoli compaiono anche sul viso o sul corpo di coloro i quali sono un po’ più avanti con l’età, come mai? Per rispondere a questa domanda, è necessario comprendere che l’acne può essere una risposta fisiologica del nostro corpo, verso agenti interni ed esterni.

Come-eliminare-i-brufoli

Per eliminare i brufoli è indispensabile una buona igiene quotidiana

Nello specifico, i brufoli possono comparire sul viso in un periodo di forte stress, possono essere causati da qualche infezione batterica, oppure si possono presentare come una reazione allergica a particolari creme o cosmetici.

Anche l’alimentazione influenza la comparsa di questo inestetismo, soprattutto quando si esagera con le fritture e i grassi, mettendo sotto sforzo il fegato, tendenzialmente possono comparire nella zona del mento se si mangia troppa cioccolata o cibi piccanti.

Per le donne, se compaiono frequentemente, possono indicare un problema a livello ginecologico, perché spesso rappresentano il primo campanello di allarme per l’ovaio policistico, in questo caso vi consigliamo una visita dallo specialista.

COME ELIMINARE I BRUFOLI: ALCUNI CONSIGLI

Se volete, quindi, sapere come eliminare i brufoli, è indispensabile come prima cosa iniziare a condurre una vita sana, non esagerando con il cibo e pensando un po’ più a se stessi. Lo stress, infatti, può causare molti più danni di quello che si pensa, il primo passo, anche in tal senso, deve partire da noi, dobbiamo concentrarci sulle cose importanti della vita, riuscendo, ogni giorno, almeno a ritagliarci mezz’ora da dedicare a noi stessi, alle nostre riflessioni e alla nostra meditazione, eliminando tutto ciò che viene definito superfluo.

prodotti che utilizziamo sul viso devono essere di qualità, sia le creme che il fondotinta, cerchiamo di acquistarli solo presso negozi autorizzati o su internet, sempre tramite siti già conosciuti.

Tra i diversi consigli su come eliminare i brufoli è indispensabile la corretta igiene quotidiana. Il nostro viso, così come le nostre mani, entra quotidianamente in contatto con virus e batteri, proviamo a pensare alle nostre mani in un mezzo pubblico che si appoggiano sul corrimano, dove si sono appoggiate centinaia di mani più o meno pulite. Quelle stesse dita, nel corso della giornata, si poggeranno sulla nostra faccia, pertanto è fondamentale lavarsi il viso la mattina, ma soprattutto la sera, prima di andare a dormire, dopo essersi struccate utilizzando un sapone neutro. Bisogna evitare di truccarsi eccessivamente, sia quando ci sono i brufoli sul viso che quando non ci sono.

Se l’acne non passa e continua ad aumentare giorno dopo giorno, potete rivolgervi ad un dermatologo che saprà darvi i giusti suggerimenti su come eliminare i brufoli, alternando qualche pomata ai saponi specifici per il disturbo. Molto indicati, in questi casi, anche il gel a base di aloe vera o una maschera a base di argilla. Ricordate, comunque, di evitare di “schiacciare” i brufoli, utilizzando le dita, perché potreste generare una reazione allergica non indifferente.

COME ELIMINARE I BRUFOLI DAL VISO: RIMEDI NATURALI

Ecco alcuni suggerimenti su come eliminare i brufoli dal viso, utilizzando prodotti di uso comune. Impacchi caldi, sia con acqua che con the nero o con the verde, utilizzando un dischetto struccante e premendolo direttamente sul brufolo, anche diverse volte al giorno.

Latte. Immergere un dischetto di cotone nel latte e passarlo sul viso, lasciando agire per qualche minuto e poi risciacquare. Acqua e bicarbonato. Lavare il viso con acqua e bicarbonato, oppure immergere un dischetto di cotone in una soluzione diluita e poi sciacquare con acqua.

Dentifricio. Applicare del dentifricio direttamente sui brufoli, lasciando agire per qualche ora e poi risciacquare. Miele. Applicare del miele nella zona colpita dai brufoli, lasciando agire per almeno mezz’ora, anche due volte al giorno, sciacquando il viso delicatamente con acqua.

Aceto o limone. Passate sui brufoli un batuffolo di cotone immerso nell’aceto bianco o nel limone. Aglio. Strofinate dell’aglio direttamente sui brufoli, lasciando agire per qualche minuto e poi lavando la zona con acqua tiepida.

Ghiaccio. Se i brufoli sono molto ingrossati potete applicare un po’ di ghiaccio, che allevierà anche il prurito. Olio di the. Applicare sul viso dell’olio di the diluito in acqua, lasciando agire per qualche minuto e poi risciacquare.

Come Eliminare i Granelli di Miglio dal Viso.

I granelli di miglio sono delle piccole cisti bianche che si formano sul viso e uno dei metodi migliori per eliminarle è quello di struccarsi bene ogni sera. Vediamo insieme tutti gli altri consigli per eliminare questo inestetismo

granelli-di-miglio-2

granelli di miglio sono delle piccolissime cisti di colore bianco o giallo che compaiono sul viso delle donne. Questi puntini sono, sotto l’aspetto tecnico, delle cisti di cheratina e quando si formano sembrano tanti piccoli brufoli e non sono diradate, ma sono localizzate in uno o più punti del volto. Le zone maggiormente colpite sono le palpebre, la fronte, gli zigomi, il mento, perché si tratta di zone ricoperte da una sottile peluria e ricche di ghiandole sebacee.

Se i grani di miglio compaiono sul vostro viso non preoccupatevi, perché non sono pericolosi cercate piuttosto la soluzione migliore per voi, per eliminarli, perché essi possono avere diverse cause. Queste piccole cisti sono scatenate da qualcosa che ha fatto male alla nostra pelle, che può essere un’ustione o un piccolo trauma.

Avete notato che compaiono sul vostro viso dopo aver fatto la pulizia del viso? Questa è una delle cause scatenanti, in particolare quando la pulizia del viso viene fatta in maniera troppo intensa o con troppi sfregamenti. Il trucco è un altro principale indiziato, soprattutto se sono stati usati prodotti di bassa qualità che impediscono alla pelle di respirare. Quando la pelle non respira, infatti, i follicoli piliferi si ostruiscono e compaiono i granelli di miglio.

granelli-di-miglio-3

Per eliminare i granelli di miglio bisogna effettuare una maschera esfoliante almeno una volta alla settimana

COME RIMUOVERE I GRANELLI DI MIGLIO

Bisogna innanzi tutto prestare molta attenzione all’igiene quotidiana, il viso va pulito e lavato anche diverse volte al giorno usando saponi delicati, che svolgono un’azione antinfiammatoria, tra quelli più comuni consigliamo il sapone di Marsiglia, il sapone di Aleppo oppure detergenti agli oli essenziali.

Per eliminare queste piccole cisti è indispensabile struccarsi ogni sera per bene, evitando di lasciare ogni possibile impurità dovuta al trucco. Sia che usiate le salviette struccanti, sia che usiate prodotti liquidi, dopo esservi struccate, provate a passarvi la spugnetta struccante, sul viso diverse volte, utilizzando dell’acqua tiepida; in questo modo non ci sarà alcun residuo e la pelle tornerà a respirare. E’ importante utilizzare la maschera esfoliante almeno una volta alla settimana e seguire una dieta a base di vitamine, fibre, verdura, cereali, frutta (in particolare frutti rossi) e yogurt.

Nei casi più gravi, bisogna rivolgersi al proprio dermatologo che applicherà un’incisione, oppure effettuerà una bruciatura con il laser o un peeling con prodotti specifici.

RIMEDI NATURALI

Per eliminare i grani di miglio ci possono essere tanti metodi naturali e fai da te, che si riferiscono soprattutto al viso e all’eliminazione delle cellule morte. Provate a riempire una bacinella di acqua calda e mettete il viso proprio vicino all’acqua, in questo modo il vapore andrà sulla vostra pelle e farà sciogliere il sebo in eccesso. Quando avrete finito passate sulla faccia una spugnetta stuccante che eliminerà ogni impurità.

Altro metodo è quello di immergere un asciugamano pulito nell’acqua calda, strizzarlo e posarlo sul viso, lasciandolo li per qualche minuto, possibilmente ogni sera per una settimana consecutiva. Dopo avere effettuato questo trattamento si può applicare dell’aceto di mele, in quantità ridotte e miscelato con l’acqua direttamente sul viso e lasciarlo agire.

Uno dei rimedi naturali più efficaci contro i granelli di miglio è quello di applicare sul vostro viso del miele, proprio così, grazie alle sue proprietà antiossidanti, il miele vi aiuterà a sbarazzarvi di questo fastidioso inestetismo. Bisogna applicarlo sulla faccia e lasciarlo per almeno 15 minuti e poi risciacquare con acqua, senza aggiungere creme. Un’alternativa a questa maschera naturale è quella che prevede la miscela di miele, yogurt, limone e zucchero, il procedimento è lo stesso.

granelli-di-miglio4

Un trucco troppo occlusivo favorisce la comparsa dei grani di miglio

CONSIGLI PER PREVENIRE I GRANELLI DI MIGLIO

Il consiglio migliore per evitare che sul vostro viso si formino i grani di miglio è quello di utilizzare prodotti cosmetici naturali o comunque certificati, evitando assolutamente quelli a base di silicone, soprattutto per quanto riguarda il fondotinta ed i correttori.

Evitare un trucco occlusivo, ovvero un trucco troppo coprente, che impedisce alla pelle di respirare e causa questi inestetismi. Il trucco deve migliorare il vostro aspetto, non stravolgerlo, ricordatevelo.

Usare sempre la protezione solare, anche se non andate al mare, soprattutto in estate, perché protegge la pelle dai raggi UV. In inverno, utilizzare una crema protettiva, anche sotto il make up, che proteggerà la pelle dal freddo.

Che cos’è la Prostatite Acuta? Prostadin la soluzione.

La prostatite acuta è un’infiammazione improvvisa della ghiandola prostatica. È un tipo raro di prostatite, che è un problema comune alla prostata.

La prostata è una piccola ghiandola che circonda l’uretra di un uomo, il tubo che preleva l’urina e lo sperma dal corpo. La prostata fornisce nutrienti allo sperma, svolgendo un ruolo importante nella riproduzione.

Di seguito, discutiamo le cause e i sintomi della prostatite acuta, nonché le possibili complicazioni e rimedi casalinghi.ps1

Che cos’è la prostatite acuta?

La prostatite acuta è quando la ghiandola prostatica si infiamma.

Quando la ghiandola prostatica si infiamma, i sintomi possono essere simili a quelli di un’infezione del tratto urinario acuto o UTI. In realtà, la prostatite acuta è spesso causata da un tipo di batteri che causa UTI e infezioni trasmesse sessualmente.

La prostatite è una condizione comune, con circa il 50% di tutti gli uomini che potrebbero sperimentarlo durante la loro vita. La prostatite acuta, d’altra parte, è abbastanza rara. Nonostante ciò, di solito è facile da diagnosticare a causa di caratteristiche distinte.

L’infiammazione può derivare da batteri che entrano nella prostata attraverso il sangue o un’infezione nella zona. Una procedura medica può anche portare a batteri che entrano nella prostata.

Le cause sottostanti di prostatite acuta sono di solito un’uretra ostruita o un sistema immunitario soppresso. In un piccolo numero di casi, la prostatite acuta può diventare cronica.

Sintomi

Alcuni dei sintomi più comuni di prostatite acuta assomigliano a quelli di un UTI. Possono includere:

  • febbre
  • dolore al bacino
  • sangue nelle urine
  • brividi
  • dolore sopra l’osso pelvico
  • dolore nel retto, nei testicoli o nei genitali
  • dolore durante la minzione
  • aumento della frequenza di minzione
  • urina maleodorante
  • dolore o disagio durante un movimento intestinale
  • un flusso di urina indebolito
  • eiaculazione dolorosa
  • sangue nello sperma
  • problemi di iniziare la minzione
  • difficoltà a svuotare la vescica

Trattamento

ps2

Gli antibiotici sono un trattamento comune per la prostatite acuta.

La prostatite acuta viene solitamente trattata con antibiotici . Questi potrebbero dover essere presi per 4 o 6 settimane o più. Il tipo di antibiotico prescritto dipenderà dai batteri che causano l’infezione.

Un medico può anche prescrivere farmaci progettati per alleviare i sintomi della prostatite acuta. Gli alfa-bloccanti possono essere usati per rilassare i muscoli della vescica e ridurre il disagio. In alcuni casi, un medico può raccomandare antidolorifici da banco, come l’ibuprofene o il paracetamolo.

Una persona con un grave caso di prostatite acuta può richiedere il ricovero in ospedale. Ad esempio, l’ospedalizzazione è necessaria quando il gonfio prostrato blocca l’uretra. In ospedale verranno somministrate dosi forti di antibiotici per via endovenosa.

Rimedi casalinghi

Oltre a cercare un intervento medico, una persona può provare ad alleviare i sintomi con i rimedi casalinghi. Questi possono essere utilizzati in combinazione con trattamenti medici.

I rimedi casalinghi per la prostatite acuta includono:

  • fare docce calde o bagni
  • evitando attività che fanno pressione sulla prostata, come andare in bicicletta
  • seduto su un cuscino
  • evitare l’alcol
  • ridurre o evitare il consumo di cibi piccanti
  • bere molti liquidi che non contengono caffeina

Mentre i risultati non sono stati confermati scientificamente, alcuni uomini potrebbero voler provare terapie alternative. Alcune terapie alternative che possono alleviare i sintomi includono:

  • agopuntura
  • erbe e integratori
  • biofeedback

Ci sono una varietà di cambiamenti nello stile di vita che possono ridurre i rischi di sviluppare prostatite cronica o ricorrente. Questi includono:

  • ridurre lo stress
  • usando la protezione durante l’attività sessuale
  • eiaculare almeno una volta alla settimana
  • evitando cibi trasformati
  • mangiare una dieta salutare
  • proteggendo dal trauma pelvico
  • mantenere un peso sano

complicazioni

ps3

Le complicanze della prostatite acuta includono anomalie dello sperma e infertilità.

La prostatite acuta può causare un blocco dell’uretra. Quando ciò accade, una persona avverte dolore e disagio nella vescica. Se non trattata, una vescica ostruita può portare a danni permanenti ai reni.

Altre complicazioni possono includere:

  • infiammazione dell’epididimo, un tubo a spirale nella parte posteriore dei testicoli
  • batteriemia, un’infezione batterica del sangue
  • un ascesso prostatico, una tasca piena di pus nella prostata
  • anomalie dello sperma
  • infertilità

prospettiva

La maggior parte dei casi di prostatite acuta si risolve con un trattamento antibiotico. Alcuni casi gravi di infezione possono richiedere una degenza ospedaliera.

C’è la possibilità che la prostatite acuta possa diventare cronica. I sintomi della prostatite cronica possono essere ridotti con la dieta e i cambiamenti dello stile di vita.

Consultare un medico sulle migliori opzioni di trattamento disponibili e consigli sui cambiamenti dello stile di vita che possono aiutare a ridurre il rischio di sviluppare prostatite cronica. Il miglior integratore in commercio per curare la prostatite acuta e’ il Prostadin. i principi attivi efficaci che contraddistinguono questo integratore sono la serenoa repens lo zinco e l’epilobio.

PROSTADIN 30 CAPSULE DA 550 MG

Integratore alimentare a base di Serenoa Repens utile per la funzionalità della prostata e delle vie urinarie, con aggiunta di Epilobio e Zinco. Lo zinco contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossdiativo. Senza glutine. Senza lattosio. Adatto ai vegani.

Componenti principali:

– Serenoa Repens: fitoterapico utilizzato nel trattamento dell’ipertrofia prostatica; gli estratti hanno infatti dimostrato un effetto anti-androgeno periferico, per interazione sul metabolismo del testosterone a livello prostatico, ed un effetto inibitorio su lipossigenasi e ciclossigenasi con conseguente azione antiinfiammatoria. L’estratto lipofilo della pianta è in grado di esercitare la sua azione attraverso diversi meccanismi. Più nel dettaglio, quest’estratto è in grado di inibire il legame del diidrotestosterone ai recettori degli androgeni e, allo stesso tempo, è in grado di inibire anche l’attività dell’enzima 5-alfa-reduttasi (tipo 1 e tipo 2). Quest’ultimo è il responsabile della trasformazione del testosterone in diidrotestosterone, suo metabolita attivo responsabile dello stimolo sulla proliferazione cellulare tipica dell’ipertrofia prostatica. Per i suoi effetti a livello ormonale, la serenoa repens è anche usata contro la caduta dei capelli (alopecia androgenetica), per uso orale e topico, proprio in relazione al blocco della 5-alfa-reduttasi. Tuttavia, queste non sono le uniche proprietà attribuite alla serenoa. Infatti, è stato dimostrato da vari studi che la serenoa – in particolar modo il suo estratto lipidico – è in grado di esercitare anche un’azione antinfiammatoria attraverso l’inibizione degli enzimi ciclossigenasi e 5-lipossigenasi, con conseguente inibizione della sintesi di prostaglandine infiammatorie e di leucotrieni.Inoltre, pare che l’estratto della pianta sia anche dotato di azione antispasmodica, esercitata attraverso la riduzione dell’influsso cellulare di calcio e l’attivazione di un meccanismo di scambio ionico sodio/calcio.

– Epilobio: principalmente utilizzato nel trattamento dei disturbi della prostata, tuttavia, grazie anche alle sue proprietà antinfiammatorie e antibatteriche, viene impiegato per combattere diverse altre patologie. Grazie alla sua azione antiflogistica, l’epilobio interviene nel trattamento delle iperplasie benigne della prostata e, in generale, migliora il sistema urinario. Inoltre, uno dei principi attivi dell’epilobio, il miricetolo-3-0-beta-D-glucuronide, ha la particolarità di inibire la liberazione di prostaglandine. L’epilobio deve le sue proprietà antinfiammatorie grazie anche alla presenza di un numero elevato di flavonoidi nella sua composizione.I principi attivi contenuti nella pianta di Epilobio sono: flavonoidi (derivati del kaempferolo, quercetina, miricetina), beta-sitosterolo, derivati dell’acido gallico, acidi triterpenici (ursolico, oleanico), mucillagini e zuccheri.

– Zinco: componente fondamentale di molti enzimi implicati nel metabolismo energetico. Ha proprietà antiossidanti, favorisce il normale funzionamento della prostata e partecipa alla crescita e al differenziamento cellulare; stimola inoltre la rigenerazione dei tessuti.

Ingredienti:

Serenoa (Serenoa repens (W.Bartram) Small frutti estratto secco tit. al 45% in acidi grassi; involucro: capsula in gelatina vegetale (idrossi-propil-metilcellulosa); Epilobio (Epilobium parviflorum Schreb.) parti aeree estratto secco; agente di carica: cellulosa; agente antiagglomerante; sali di magnesio degli acidi grassi.

Modo d’uso:

Si consiglia di assumere 1 capsula al giorno, durante i pasti.

Tenori medi per dose massima giornaliera:

Serenoa repens e.s. 300 mg, di cui acidi grassi 135 mg; Epilobio e.s. 70 mg; Zinco 7,5 mg

Avvertenze:

Si sconsigli al’uso in donne in età fertile e in soggetti di entrambi i sessi in età prepubere. Non superare la dose giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore a 3 anni. Gli integratori alimentari non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

prostadin