11 benefici dell’olio dell’albero del tè

L’olio dell’albero del tè, noto anche come olio di melaleuca, è un olio essenziale distillato dalle foglie della pianta nativa australiana Melaleuca alternifolia.

Negli ultimi decenni, la sua popolarità è cresciuta in altre aree del mondo come trattamento alternativo e complementare. Oggi l’olio dell’albero del tè si trova comunemente nei cosmetici, nei medicinali per uso topico e nei prodotti per la casa.

Fatti veloci sull’olio dell’albero del tè

  • L’olio dell’albero del tè viene distillato dalle foglie della pianta di Melaleuca alternifolia , trovata in Australia.
  • L’olio possiede proprietà antibatteriche, antinfiammatorie, antivirali e antimicotiche.
  • Una persona può curare l’ acne , il piede d’atleta, la dermatite da contatto o i pidocchi con l’olio dell’albero del tè.
  • L’olio dell’albero del tè non deve mai essere ingerito.

Benefici

Ci sono alcune prove per dimostrare che l’olio dell’albero del tè può avere diversi usi.

1. Antibatterico

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

Gli oli dell’albero del tè sono stati usati in Australia come un unguento per quasi 100 anni.

L’olio è stato usato per quasi 100 anni come trattamento curativo in Australia, in particolare per le condizioni della pelle. Oggi è usato per un certo numero di condizioni.

L’olio dell’albero del tè è probabilmente meglio conosciuto per la sua attività antibatterica.

Alcune ricerche suggeriscono che l’attività antimicrobica ad ampio spettro associata all’olio proviene dalla sua capacità di danneggiare le pareti cellulari dei batteri. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire come potrebbe funzionare.

2. Anti-infiammatorio

L’olio dell’albero del tè può aiutare a sedare l’infiammazione , probabilmente a causa della sua elevata concentrazione di terpinen-4-olo, un composto con proprietà anti-infiammatorie.

Nei test sugli animali , è stato trovato che il terpinen-4-olo sopprime l’attività infiammatoria nei casi di infezione della bocca. Nell’uomo, l’olio di tea tree applicato topicamente ha ridotto il gonfiore dell’infiammazione cutanea indotta dall’istamina in modo più efficace rispetto all’olio di paraffina.

3. Antifunghi

Una revisione dell’efficacia dell’olio di tea tree mette in evidenza la sua capacità di uccidere una serie di lieviti e funghi. La maggior parte degli studi esaminati si concentra sulla Candida albicans, un tipo di lievito che colpisce comunemente la pelle, i genitali, la gola e la bocca.

Altre ricerche suggeriscono che il terpinen-4-olo potenzia l’attività del fluconazolo, un comune farmaco antifungino, nei casi di ceppi resistenti di Candida albicans.

4. Antivirale

Alcuni studi dimostrano che l’olio dell’albero del tè può aiutare a trattare determinati virus, ma la ricerca è limitata in questo settore.

5. Acne

tea tree pianta.jpg

L’olio dell’albero del tè viene distillato dalle foglie della pianta di Melaleuca alternifolia.

Il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa consiglia che la ricerca sugli effetti dell’olio di tea tree applicato localmente sia limitata. 

Tuttavia, l’olio può essere utile per un numero di disturbi della pelle.

L’acne è la condizione della pelle più comune. Colpisce fino a 50 milioni di americani in qualsiasi momento.

Uno studio ha trovato una differenza significativa tra gel olio dell’albero del tè e un placebo nel trattamento dell’acne.

I partecipanti trattati con olio dell’albero del tè hanno sperimentato un miglioramento sia del conteggio totale dell’acne sia della gravità dell’acne.

Ciò si basa su precedenti ricerche che hanno confrontato il 5% di olio di gel dell’albero del tè con lozione al 5% di perossido di benzoile nel trattamento di casi di acne da lieve a moderata.

Entrambi i trattamenti hanno ridotto significativamente il numero di lesioni dell’acne, sebbene l’olio dell’albero del tè abbia funzionato più lentamente. Coloro che hanno usato l’olio dell’albero del tè hanno avuto meno effetti collaterali.

6. Il piede dell’atleta

I sintomi del piede dell’atleta, o tinea pedis, sono stati ridotti attraverso l’applicazione topica di una crema all’olio di tea tree, secondo uno studio .

Una crema all’olio del tè al 10 percento sembrava ridurre i sintomi con la stessa efficacia dell’1 percento di tolnaftato, un farmaco antifungino. Tuttavia, l’olio dell’albero del tè non era più efficace di un placebo nel raggiungere una cura totale.

La ricerca più recente ha confrontato le più alte concentrazioni di olio dell’albero del tè sul piede dell’atleta con un placebo.

Un netto miglioramento dei sintomi è stato riscontrato nel 68% delle persone che hanno utilizzato una domanda di olio di tea tree al 50%, con il 64% di cure totali. Questo era più del doppio del miglioramento osservato nel gruppo placebo.

7. Contattare la dermatite

La dermatite da contatto è una forma di eczema causata dal contatto con un irritante o allergene. Sono stati confrontati diversi trattamenti per la dermatite da contatto, tra cui l’olio dell’albero del tè, l’ossido di zinco e il butlobato di clobetasone.

I risultati suggeriscono che l’olio dell’albero del tè era più efficace nel sopprimere la dermatite allergica da contatto rispetto ad altri trattamenti. Tuttavia, non ha avuto un effetto sulla dermatite da contatto irritante.

Tenere presente che l’olio dell’albero del tè stesso può causare dermatite allergica da contatto in alcune persone.

8. Forfora e crosta lattea nel bambino

crosta lattea.jpg

L’olio dell’albero dell’albero può essere usato per lenire il cappuccio della culla sul cuoio capelluto di un bambino.

Forfora da leggera a moderata legata al lievito Il pityrosporum ovale può essere trattato con il 5% di olio di tea tree, secondo uno studio.

Le persone con forfora che hanno usato uno shampoo con olio di tea tree al 5% ogni giorno per 4 settimane hanno mostrato miglioramenti significativi nella gravità generale, così come nei livelli di prurito e untuosità, se confrontati con un placebo.

I partecipanti non hanno avuto effetti negativi.

Un altro studio ha scoperto che lo shampoo con olio di tea tree è efficace per il trattamento di bambini con cappuccio a culla.

È possibile essere allergici all’olio dell’albero del tè. Per verificare una reazione, metti un po ‘di shampoo sull’avambraccio del neonato e risciacqua. Se nessuna reazione si verifica tra 24 e 48 ore dovrebbe essere sicuro da usare.

9. Pidocchi

I pidocchi stanno diventando più resistenti ai trattamenti medici, quindi gli esperti considerano sempre più gli oli essenziali come alternative.

La ricerca ha confrontato l’olio dell’albero del tè e il nerolidolo – un composto naturale che si trova in alcuni oli essenziali – nel trattamento dei pidocchi. L’olio dell’albero del tè era più efficace nell’uccidere i pidocchi, sradicando il 100 percento dopo 30 minuti. D’altra parte, il nerolidolo era più efficace nell’uccidere le uova.

Una combinazione di entrambe le sostanze, in un rapporto di 1 parte a 2, ha funzionato meglio per distruggere sia i pidocchi che le uova.

10. Unghie fungo

Le infezioni fungine sono una causa comune di anomalie delle unghie. Possono essere difficili da curare.

Uno studio ha confrontato gli effetti di una crema comprendente sia il 5% di olio di tea tree che il 2% di butenafina cloridrato (un antimicotico sintetico) con un placebo.

Dopo 16 settimane, il fungo dell’unghia è stato curato nell’80% delle persone. Nessuno dei casi nel gruppo placebo è stato curato.

Un altro studio ha dimostrato che l’olio dell’albero del tè è efficace nell’eliminare i funghi delle unghie in laboratorio.

Tuttavia, questa ricerca non dimostra che il componente dell’olio di tea tree della crema è responsabile dei miglioramenti sperimentati, quindi sono necessarie ulteriori ricerche .

11. Salute orale

Un gel contenente olio dell’albero del tè può essere utile per quelli con gengivite cronica , una condizione infiammatoria delle gengive.

I partecipanti allo studio che hanno utilizzato gel di olio di tea tree hanno riscontrato una significativa riduzione del sanguinamento e dell’infiammazione rispetto a un placebo o un gel antisettico clorexidina.

Altre ricerche indicano che un tipo di batteri associati all’alitosi può essere trattato con olio dell’albero del tè e alfa-bisabololo, il componente attivo della camomilla.

Dose

La quantità e la tempistica del dosaggio dell’olio dell’albero del tè dipendono da diversi fattori, tra cui la condizione che richiede il trattamento, la sua gravità e la concentrazione dell’olio dell’albero del tè.

Rischi e avvertimenti

Applicare l’olio dell’albero del tè localmente, o ingerirlo, comporta diversi rischi. L’olio dell’albero del tè non è monitorato per la sicurezza o la purezza dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, quindi dovrebbe essere acquistato da una fonte attendibile.

Rischi associati all’ingestione

Non ingerire mai l’olio dell’albero del tè perché può causare:

  • eruzioni cutanee gravi
  • anomalie delle cellule del sangue
  • mal di stomaco
  • diarrea
  • vomito
  • nausea
  • allucinazioni
  • confusione
  • sonnolenza
  • coma

Cinque possibili usi dell’olio di tea tree

L’olio dell’albero del tè ha molte applicazioni. Alcuni suggerimenti includono:

  • Medicazione . Porre alcune gocce di olio sulla medicazione fresca per uccidere i batteri e ridurre l’infiammazione.
  • Collutorio fatto in casa . Aggiungere 2 gocce di olio di tea tree in una tazza d’acqua e usare come collutorio. Non ingerire perché l’olio dell’albero del tè è tossico se preso internamente.
  • Rimedio naturale forfora . Mescolare alcune gocce di olio di tea tree nello shampoo normale e lavare i capelli normalmente.
  • Trattamento dell’acne . Aggiungere 4 gocce di olio di tea tree a mezzo bicchiere d’acqua. Applicare sul viso con un dischetto di cotone una volta al giorno.
  • Detergente . Mescolare 20 gocce di olio di tea tree con una tazza di acqua e mezzo bicchiere di aceto bianco. Versare la miscela in un flacone spray e utilizzare come detergente antimicrobico universale.
Annunci

L’olio di tea tree può curare l’eczema?

L’olio dell’albero del tè deriva dalle foglie dell’albero del tè australiano Melaleuca alternifolia . Molte persone usano l’olio per scopi medicinali, compresi tagli curativi e ferite.

Oggi la gente usa l’olio dell’albero del tè per curare una varietà di disturbi della pelle e può aiutare le persone con eczema . In questo articolo, scopri di più sugli effetti dell’applicazione dell’olio di tea tree sulla pelle.

Benefici dell’olio di tea tree per l’eczema

boccetta.jpg

L’eczema può rispondere bene al trattamento con olio di tea tree.

Mentre ci sono pochi studi specifici sull’olio dell’albero del tè come trattamento per l’eczema, i ricercatori conoscono molto sulle sue numerose proprietà che migliorano la pelle.

Ad esempio, uno studio del 2011 ha scoperto che l’olio dell’albero del tè era più efficace nel trattamento dell’eczema rispetto ai trattamenti topici di ossido di zinco o hamemomolo.

Altri potenziali benefici dell’olio di tea tree per l’eczema includono:

1. Ridurre l’infiammazione

L’olio dell’albero del tè contiene il composto terpinen-4-olo. Questo composto ha proprietà anti-infiammatorie , che possono aiutare ad alleviare alcuni degli arrossamenti, irritazioni e gonfiori associati all’eczema.

2. Guarigione delle ferite

Secondo un articolo del The Journal of Alternative and Complementary Medicine , l’olio dell’albero del tè ha ridotto i tempi di guarigione per le persone con ferite infette da Staphylococcus aureus .

Tuttavia, lo studio sperimentale era piccolo, quindi è necessario fare ulteriori ricerche per testare le capacità di guarigione delle ferite da olio dell’albero del tè.

3. Riduzione delle reazioni allergiche

Uno studio ha scoperto che le applicazioni di olio di tea tree ad alto dosaggio hanno contribuito a ridurre le reazioni di ipersensibilità cutanea al nichel nelle persone con allergia al nichel.

L’eczema a volte viene attivato o peggiorato da allergeni della pelle e sostanze irritanti, come il nichel.

Tuttavia, le applicazioni contenenti dosi più basse di olio di tea tree non hanno prodotto gli stessi risultati.

Le applicazioni ad alta dose di olio di tea tree possono produrre effetti collaterali indesiderati, specialmente nelle persone con pelle sensibile. Una persona dovrebbe testare la preparazione su una piccola zona della pelle prima di applicarla a un’area più ampia. Le persone che sono sensibili all’olio dell’albero del tè possono diluirlo in un olio vettore.

4. Combattere i virus

L’olio dell’albero del tè non solo aiuta a uccidere i batteri indesiderati, ma ha anche proprietà antivirali.

Un trattamento antivirale, come l’albero del tè, può ridurre le probabilità di un’infezione in via di sviluppo se l’eczema causa la pelle rotta o sta piangendo.

5. Ridurre la forfora

L’olio dell’albero del tè ha proprietà anti-fungine, che possono aiutare a ridurre l’attività di lieviti specifici, come quelli noti per causare la forfora o la dermatite seborroica. La dermatite seborroica è una forma cronica di eczema.

L’olio dell’albero del tè viene anche usato per trattare il piede e l’unghia dell’atleta.

6. Alleviare il prurito

Prurito della pelle è un segno distintivo di eczema. Una recensione ha scoperto che l’olio dell’albero del tè era efficace nel ridurre il prurito quando veniva usato per l’eczema sul cuoio capelluto.

Dove usare l’olio dell’albero del tè

olio albero del te

È essenziale miscelare l’olio dell’albero del tè con un olio vettore prima dell’uso sulla pelle.

Mentre va bene usare l’olio dell’albero del tè praticamente su qualsiasi area esterna del corpo, è essenziale farlo in sicurezza.

Se si applica sul viso, utilizzare preparazioni specificamente progettate per il viso, il cuoio capelluto o le ciglia. La pelle del viso e del cuoio capelluto è sensibile, quindi una persona dovrebbe prestare attenzione quando si trattano eczemi, acne e forfora.

Se si utilizza un olio essenziale puro dell’albero del tè, è fondamentale miscelare solo poche gocce in un olio vettore, come il cocco o l’olio di mandorle.

È preferibile eseguire una patch di test applicando una piccola quantità di olio di tea tree su una piccola area di pelle e attendere 24 ore. Se non ci sono reazioni dopo 24 ore, può essere sicuro da usare.

Una persona deve sempre verificare con il proprio medico prima di usare i preparati a base di olio di tea tree per assicurarsi che non interferiscano con altri trattamenti di eczema.

Effetti collaterali

L’olio dell’albero del tè può essere molto potente se non diluito. Tuttavia, l’olio viene spesso venduto a basse concentrazioni, come il 5% di olio di tea tree, poiché gli effetti avversi sono solitamente correlati a concentrazioni più elevate.

Esempi di questi effetti collaterali includono:

  • eruzione cutanea allergica o dermatite da contatto
  • secchezza
  • pizzicore
  • irritazione della pelle
  • gonfiore

Se una persona usa l’olio dell’albero del tè in una concentrazione del 5 percento o inferiore, è meno probabile che si verifichino questi effetti collaterali.

Tuttavia, se una persona avverte un’eruzione cutanea dopo aver applicato l’olio dell’albero del tè, deve smettere di usare il prodotto e parlare con un medico.

Una persona non dovrebbe mai consumare olio dell’albero del tè. È noto che ciò provoca effetti avversi significativi, tra cui confusione e problemi con la coordinazione muscolare.

prospettiva

Le persone usano applicazioni di olio di tea tree per trattare una vasta gamma di condizioni della pelle, incluso l’eczema.

I prodotti contenenti olio dell’albero del tè sono disponibili presso alcune farmacie, negozi di alimenti naturali o online .

Le proprietà antinfiammatorie e anti-prurito dell’albero del tè possono aiutare a ridurre alcuni dei sintomi più significativi associati all’eczema.

Mentre non esiste una cura per l’eczema, l’olio dell’albero del tè combinato con idratanti e steroidi topici può aiutare a migliorare i sintomi fastidiosi.

Farmajet consigli il miglio tea tree oil in commercio nelle farmacie italiane

Tea tree olio essenziale puro della Naturfarma

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

Quali sono alcuni trattamenti naturali per i bambini con un’infezione da Candida?

Quando un tipo di lievito chiamato Candida diventa fuori controllo, può causare un’infezione da lievito. Le infezioni da lieviti sono comuni e possono essere dolorose e pruriginose. Un’infezione da lievito può colpire adulti e bambini, ma i bambini e i bambini sono particolarmente sensibili.

Man mano che gli scienziati apprendono di più sull’ecosistema interno del corpo, acquisiscono maggiore comprensione di come queste infezioni iniziano e di come trattarle.

Allo stesso tempo, c’è una lunga tradizione nell’uso di rimedi naturali o casalinghi per curare le infezioni da lieviti.

Non vi è alcuna prova chiara a sostegno di questi trattamenti complementari, ma alcune delle ricerche su di loro sono incoraggianti.

Come fa un bambino a ricevere un’infezione da lievito?

bambino con padre.jpg

Le infezioni da lievito possono causare macchie dolorose della pelle.

Il lievito si presenta in molti punti del corpo, principalmente sulla pelle.

Vive in un ambiente caldo e umido. Pertanto, le infezioni tendono a verificarsi in aree del corpo che rimangono umide.

Le ascelle e le aree della pelle sotto un pannolino sono due esempi.

Quest’ultimo è uno dei motivi per cui i bambini sono così suscettibili alle infezioni da lieviti.

Di seguito, vediamo come i pannolini causano infezioni da lieviti e coprono alcune altre cause.

Pannolini

I pannolini sono la causa più significativa di infezioni da lieviti nei neonati e nei bambini piccoli. Più specificamente, le infezioni possono verificarsi quando un pannolino bagnato o sporco rimane troppo a lungo sulla pelle.

Il rischio di infezioni da lieviti è altrettanto elevato sia con i pannolini di stoffa che con i pannolini usa e getta. Anche la biancheria sporca o bagnata è rischiosa, anche se meno che i pannolini.

Cambiamenti nel microbioma

Il termine microbioma descrive l’ecosistema tentacolare di funghi, batteri, virus e altri microrganismi presenti all’interno del corpo in ogni momento. Tutte le piante e gli animali hanno microbiomi.

Il microbioma non è solo innocuo, ma è piuttosto importante per molte funzioni corporee.

Occasionalmente, qualcosa getta il microbioma fuori equilibrio. I ricercatori hanno suggerito che questo potrebbe causare un eccesso di lievito. Questa teoria propone che l’eccesso di lievito passi attraverso il sistema digestivo e contribuisca a un’infezione da lievito quando lascia il corpo.

antibiotici

L’assunzione di antibiotici può provocare uno squilibrio tra batteri e lievito.

Lo scopo degli antibiotici è uccidere i batteri. Sono molto utili per uccidere i batteri nocivi che proliferano durante un’infezione, che è necessario per ripristinare una persona in piena salute.

Tuttavia, gli antibiotici possono anche uccidere i batteri che aiutano il corpo a funzionare giorno per giorno. La morte di questi buoni batteri può consentire al lievito di prosperare in loro assenza .

Pertanto, i bambini piccoli che assumono antibiotici possono a volte sviluppare un’infezione da lieviti come risultato. È anche possibile che un adulto possa ottenere un’infezione da lievito della pelle attorno ai capezzoli dopo aver assunto antibiotici. Potrebbero quindi passare questo su un bambino o un bambino attraverso l’allattamento al seno.

Infezione da lievito vs dermatite da pannolino

A volte, le persone possono confondere un’infezione da lievito con altri tipi di dermatite da pannolino.

Il tipo più comune di dermatite da pannolino è una condizione dolorosa ma meno grave che deriva da irritazioni e irritazioni.

Se l’eruzione è rosso vivo con piccoli punti rossi attorno ai bordi, è probabilmente un’infezione da lievito. Le infezioni da lievito non rispondono alla crema per pannolini.

Rimedi naturali e casalinghi

pappa.jpg

Farina d’avena può aiutare ad alleviare i sintomi di un’infezione del lievito.

Trattare le infezioni da lieviti è di solito poco costoso e semplice.

A volte, non costa nulla per alleviare i sintomi.

Le persone hanno tradizionalmente usato i seguenti rimedi casalinghi per alleviare i sintomi di un’infezione da lievito e promuovere il recupero:

  • Aceto di mele : aggiungi una tazza di questo aceto all’acqua del bagno di un bambino.
  • Aglio : O mescolare uno spicchio di aglio crudo nel cibo di un bambino o schiacciarlo in una pasta e stenderlo sulla zona interessata della pelle.
  • Olio dell’albero del tè : far bollire una mezza tazza d’acqua e lasciarla raffreddare. Aggiungere 5 gocce di olio di tea tree e utilizzare la soluzione per pulire l’area interessata. Farmajet consiglia TEA TREE OLIO PURO

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

  • Farina d’ avena : farina d’ avena può aiutare ad alleviare i sintomi di un lievito infezione. Metti una mezza tazza in una garza o una busta simile e gettala nell’acqua del bagno del bambino.
  • Olio di origano : Esistono prove di laboratorio che questo agente aromatizzante, noto anche come olio di origano, può essere un trattamento efficace per le infezioni fungine . Tuttavia, gli studi sull’uomo sono necessari per confermare questo.

Questi rimedi non sono scientifici e non ci sono molte prove a sostegno di questi . Tuttavia, c’è poco rischio nel provare qualcuno di loro. Osserva però eventuali segni di sensibilità al rimedio, compresa un’eruzione che peggiora piuttosto che migliorare.

Prevenzione

Anche se un’infezione da lievito sarà curabile, è meglio cercare di evitare che si verifichi in primo luogo.

Cambiare regolarmente il pannolino di un bambino e mantenere pulita l’area sottostante può aiutare a prevenire l’insorgere di infezioni. I pediatri possono lavorare con le famiglie per assicurarsi che non usino antibiotici più del necessario.

Quando vedere un dottore

I bambini piccoli sono vulnerabili perché hanno difficoltà a riconoscere ciò che sentono e a comunicarlo agli altri.

La maggior parte delle infezioni da lieviti dura per circa 2 settimane, ma dovrebbe migliorare in 2-3 giorni con farmaci antimicotici appropriati. I rimedi naturali possono aiutare ad alleviare i sintomi nel frattempo.

A volte un’infezione da lievito può durare più a lungo di questo, o può persino peggiorare.

È essenziale non lasciare mai la salute di un bambino al caso. Chiedere consiglio al medico se l’infezione da lievito di un bambino è:

  • diffondendosi in un’area più ampia
  • causando un peggioramento dei sintomi
  • presentando nuovi sintomi
  • diventando più caldo, più rosso o gonfio
  • liquido trasudante

Possibili trattamenti medici

pomata antifungo.jpg

Un medico può prescrivere un unguento antifungino per trattare un’infezione da lievito.

I farmaci antifungini sono il trattamento principale per le infezioni da lieviti e possono essere utilizzati in alcuni casi.

Si tratta in genere di unguenti da banco (OTC) o da prescrizione contenenti gli ingredienti attivi nistatina o clotrimazolo.

Un altro farmaco antifungino comune per le infezioni da lieviti è il fluconazolo, che è disponibile sotto forma di pillola o in forma liquida.

Non usare mai supposte su un bambino a meno che un medico non desse indicazioni specifiche per farlo.

Porta via

Infezioni da lieviti nei bambini piccoli causano disagio, ma sono molto curabili.

Per generazioni, molte persone si sono fidati dei rimedi naturali per trattare una varietà di condizioni.

Una quantità crescente di prove dimostra che alcuni di questi rimedi sono metodi sicuri per trattare i sintomi di un’infezione da lievito. Tuttavia, è fondamentale consultare un medico se l’eruzione cutanea di un bambino non inizia a migliorare nel giro di pochi giorni.

Qual è il miglior trattamento domiciliare per il mollusco contagioso?

Il mollusco contagioso è una condizione virale della pelle che causa protuberanze rotonde, color carne, indolori che possono assomigliare alle verruche. Scratching o picking ai dossi possono causare la diffusione dell’infezione. Il mollusco contagioso è più comune nei bambini, ma può anche interessare gli adulti.

Secondo la ricerca , il mollusco contagioso avrà un impatto significativo sulla qualità della vita di circa 1 su 10 bambini con questa condizione.

Nella maggior parte dei casi, il mollusco contagioso si risolverà entro 12 mesi. I rimedi casalinghi possono alleviare i sintomi durante questo periodo. Continuate a leggere per scoprire alcuni dei rimedi più efficaci per mollusco contagioso.

rimedi casalinghi per mollusco contagioso

I trattamenti a domicilio per il mollusco contagioso possono ridurre il disagio, il prurito e il formicolio quando sono presenti i dossi. Tuttavia, è improbabile che curino la condizione.

I rimedi domestici più popolari includono:

Bagni di farina d’avena colloidale

avena.jpg

Un bagno di farina d’avena colloidale può ridurre i sintomi del mollusco contagioso.

Un bagno di farina d’avena colloidale può alleviare efficacemente i sintomi di molte condizioni della pelle.

La farina d’avena contiene acidi grassi che riducono l’ infiammazione della pelle .

Le persone possono comprare farina d’avena colloidale in farmacia o crearne da soli macinando l’avena normale e antiquata in un robot da cucina fino a quando non diventano una polvere finissima.

Per fare un bagno di farina d’avena colloidale, aggiungere 1 tazza di farina d’avena in una vasca di acqua tiepida.

Immergere nella vasca per 10-15 minuti e poi asciugare delicatamente la pelle.

Aceto di sidro di mele

Aceto di sidro di mele è un rimedio domestico popolare, anche se c’è una mancanza di ricerca per confermare la sua efficacia. Usa un batuffolo di cotone pulito per applicare l’aceto di mele crudo (ACV) in zone con prurito o formicolio. Tenere il tampone sul posto per diverse ore con una benda.

Le persone con pelle sensibile potrebbero voler diluire l’ACV con un po ‘d’acqua prima di applicarla. Se provoca irritazioni, rimuovere immediatamente il tampone e lavare delicatamente la pelle.

Olio dell’albero del tè e iodio

L’olio dell’albero del tè ha proprietà antisettiche e può lenire la pelle pruriginosa e infiammata. Lo iodio aiuta a uccidere i germi sulla pelle e le persone lo usano per trattare una serie di condizioni della pelle.

Uno studio del 2012 su bambini con mollusco contagioso ha riportato che la maggior parte di coloro che hanno usato una combinazione di olio di tea tree e iodio ha visto una riduzione di oltre il 90 percento nel numero di lesioni cutanee. Raggiunsero questi risultati dopo 30 giorni di trattamento due volte al giorno.

Poiché l’olio dell’albero del tè può causare una reazione cutanea in alcune persone, è importante eseguire un patch test prima di applicarlo su un’area più ampia della pelle. Se passano 24 ore senza alcuna reazione, dovrebbe essere sicuro. Non consumare mai olio di tea tree.

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML.jpg

Farmajet consiglia il TEA TREE OIL NATURFARMA

Olio di mirto australiano al limone

L’olio di mirto australiano al limone è un altro olio essenziale che può trattare efficacemente il mollusco contagioso.

I risultati di un piccolo studio su bambini con questa condizione suggeriscono che applicare una soluzione al 10% dell’olio una volta al giorno per 21 giorni può ridurre le lesioni di oltre il 90%.

Altri oli essenziali

Altri oli essenziali che dimostrano proprietà antivirali possono ridurre prurito, formicolio e comparsa di dossi cutanei. Questi includono:

  • olio di neem
  • eucalipto
  • timo
  • olio di lavanda
  • olio di origano

Miscela alcune gocce di uno o più di questi oli con un olio vettore, come l’olio di cocco o di jojoba. Per una diluizione al 2%, miscelare 12 gocce di olio essenziale con un’oncia fluida di olio vettore. Applicare sulla pelle una o due volte al giorno.

È fondamentale eseguire sempre un patch test prima di utilizzare qualsiasi nuovo olio essenziale sulla pelle.

Olio di cocco

L’olio di cocco è ricco di acidi grassi che vantano proprietà anti-infiammatorie. L’olio ricopre la pelle e impedisce che si secchi. Alcune persone con mollusco contagioso trovano sollievo dopo aver applicato olio di cocco puro ai dossi.

Le persone possono usare l’olio di cocco una volta al giorno per questa condizione della pelle. Può essere particolarmente utile applicare l’olio dopo un bagno di farina d’avena colloidale o miscelarlo con un olio essenziale.

Aumenta la funzione immunitaria

Se il mollusco contagioso è grave o si ripresenta, ciò suggerisce che il sistema immunitario sta lottando per combattere il virus. Per potenziare la funzione immunitaria, le persone possono provare:

  • mangiare una dieta equilibrata che è ricca di verdure, frutta, cereali integrali, proteine ​​magre e grassi salutari
  • evitando zucchero, cereali raffinati e cibi grassi e lavorati
  • provare cibi probiotici o integratori
  • esercitarsi regolarmente
  • riducendo lo stress attraverso la meditazione, la consapevolezza e lo yoga
  • dormire per 7-9 ore a notte
  • cercare un trattamento per carenze nutrizionali, allergie e altre condizioni di salute

Crema di ossido di zinco

La crema di ossido di zinco è disponibile presso le farmacie locali e la gente spesso la usa per altre condizioni della pelle nei bambini, come il dermatite da pannolino.

Le cause

mollusco contagioso.jpg

Il mollusco contagioso è un’infezione altamente contagiosa.

Un virus è responsabile della causa del mollusco contagioso.

La condizione è altamente contagiosa e passa facilmente da una persona all’altra.

La ricerca suggerisce che oltre il 40% delle persone può identificare un amico o un parente stretto con l’infezione.

Il mollusco contagioso si diffonde attraverso:

  • contatto diretto pelle a pelle con una persona che ha l’infezione
  • contatto sessuale con qualcuno con il virus
  • contatto con oggetti contaminati, inclusi asciugamani, maniglie e giocattoli

Scratching o picking ai dossi causerà la diffusione del virus alle aree circostanti della pelle. Una volta che i dossi scompaiono, il virus non è più contagioso.

Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio di una persona di ottenere mollusco contagioso includono:

  • Età: la maggior parte dei casi di mollusco contagioso si verifica nei bambini.
  • Avere dermatite atopica: i bambini con dermatite atopica hanno un rischio più elevato di infezione rispetto ad altri.
  • Essere un adulto con un sistema immunitario indebolito: gli adulti con un sistema immunitario indebolito hanno maggiori probabilità di contrarre l’infezione rispetto agli adulti sani.
  • Avere un contatto sessuale con una persona infetta: negli adulti con normale funzione immunitaria, il mollusco contagioso può diffondersi ai genitali attraverso il contatto sessuale. In questo caso, sarà un’infezione a trasmissione sessuale (STI).

Prevenzione

È possibile prevenire la diffusione del mollusco contagioso ad altre persone o ad altre parti del corpo:

  • Evitare graffi o sfregamenti.
  • Lavarsi le mani regolarmente e mostrare ai bambini come lavarsi le mani correttamente.
  • Pulire regolarmente i dossi con acqua e sapone.
  • Coprire i dossi con vestiti o una benda in preparazione per entrare in contatto con altre persone, ad esempio attraverso lo sport. Rimuovere la benda quando non intorno ad altre persone e utilizzare una nuova benda ogni giorno.
  • Evitare di condividere oggetti personali, come asciugamani, giocattoli o vestiti, con gli altri.
  • Stare lontano da persone che sono sottoposte a chemioterapia o che hanno ridotto la funzione immunitaria per un altro motivo, in quanto sono più propensi a contrarre il virus.
  • Evitare il contatto sessuale se i dossi sono sopra o vicino ai genitali.

Trattamenti medici

La maggior parte dei casi di mollusco contagioso migliora in 6-12 mesi senza trattamento. Alcune persone, specialmente quelle che hanno un sistema immunitario compromesso, possono avere i dossi per diversi anni.

I trattamenti medici possono rimuovere i dossi e prevenire la diffusione del virus. Le opzioni di trattamento includono:

farmaci

medico e paziente farmajet.jpg

Un medico può prescrivere farmaci per aiutare a trattare i sintomi del mollusco contagioso.

Un medico può prescrivere farmaci per trattare i dossi.

L’acido salicilico è un farmaco topico comune per i problemi della pelle. È disponibile al banco (OTC) o su prescrizione medica. Tuttavia, la versione OTC non è forte come quella prescritta dai medici.

Altri farmaci per il mollusco contagioso includono:

  • perossido di benzoile
  • cantharidin
  • idrossido di potassio
  • tretinoina

Alcuni di questi farmaci, come la tretinoina, non sono adatti alle donne in gravidanza.

Procedure mediche

Se i farmaci sono inefficaci, un medico può raccomandare una procedura medica per rimuovere la protuberanza da mollusco contagioso. Questi trattamenti possono essere dolorosi e può essere necessario un anestetico per ridurre il disagio.

Un medico può suggerire:

  • Crioterapia: questo comporta l’applicazione di azoto liquido alle protuberanze per congelarle.
  • Raschiatura: un medico rimuoverà chirurgicamente i dossi. Tuttavia, potrebbero eventualmente tornare.

Le persone che desiderano provare uno di questi trattamenti dovrebbero parlare con il proprio medico.

I potenziali effetti collaterali includono:

  • vesciche
  • dolore
  • cicatrici

Quando vedere un dottore

Gli individui che hanno uno qualsiasi dei sintomi del mollusco contagioso dovrebbero consultare il medico. È essenziale discutere l’uso dei rimedi casalinghi con un medico prima di iniziare il trattamento per evitare complicazioni.

Le potenziali complicazioni includono:

  • pelle arrossata e infiammata
  • infezione da grattarsi i dossi
  • congiuntivite (occhio rosa) se appaiono protuberanze intorno alla zona degli occhi
  • sentirsi impacciato

Porta via

Il mollusco contagioso di solito si risolve senza trattamento entro 12 mesi. I rimedi casalinghi possono alleviare il disagio durante questo periodo.

Se i rimedi casalinghi sono inefficaci, un medico può raccomandare farmaci o procedure mediche per curare i dossi.

Assicurarsi di praticare una buona igiene e adottare altre misure preventive per evitare che l’infezione si diffonda o si ripeta.

Come Eliminare i Granelli di Miglio dal Viso.

I granelli di miglio sono delle piccole cisti bianche che si formano sul viso e uno dei metodi migliori per eliminarle è quello di struccarsi bene ogni sera. Vediamo insieme tutti gli altri consigli per eliminare questo inestetismo

granelli-di-miglio-2

granelli di miglio sono delle piccolissime cisti di colore bianco o giallo che compaiono sul viso delle donne. Questi puntini sono, sotto l’aspetto tecnico, delle cisti di cheratina e quando si formano sembrano tanti piccoli brufoli e non sono diradate, ma sono localizzate in uno o più punti del volto. Le zone maggiormente colpite sono le palpebre, la fronte, gli zigomi, il mento, perché si tratta di zone ricoperte da una sottile peluria e ricche di ghiandole sebacee.

Se i grani di miglio compaiono sul vostro viso non preoccupatevi, perché non sono pericolosi cercate piuttosto la soluzione migliore per voi, per eliminarli, perché essi possono avere diverse cause. Queste piccole cisti sono scatenate da qualcosa che ha fatto male alla nostra pelle, che può essere un’ustione o un piccolo trauma.

Avete notato che compaiono sul vostro viso dopo aver fatto la pulizia del viso? Questa è una delle cause scatenanti, in particolare quando la pulizia del viso viene fatta in maniera troppo intensa o con troppi sfregamenti. Il trucco è un altro principale indiziato, soprattutto se sono stati usati prodotti di bassa qualità che impediscono alla pelle di respirare. Quando la pelle non respira, infatti, i follicoli piliferi si ostruiscono e compaiono i granelli di miglio.

granelli-di-miglio-3

Per eliminare i granelli di miglio bisogna effettuare una maschera esfoliante almeno una volta alla settimana

COME RIMUOVERE I GRANELLI DI MIGLIO

Bisogna innanzi tutto prestare molta attenzione all’igiene quotidiana, il viso va pulito e lavato anche diverse volte al giorno usando saponi delicati, che svolgono un’azione antinfiammatoria, tra quelli più comuni consigliamo il sapone di Marsiglia, il sapone di Aleppo oppure detergenti agli oli essenziali.

Per eliminare queste piccole cisti è indispensabile struccarsi ogni sera per bene, evitando di lasciare ogni possibile impurità dovuta al trucco. Sia che usiate le salviette struccanti, sia che usiate prodotti liquidi, dopo esservi struccate, provate a passarvi la spugnetta struccante, sul viso diverse volte, utilizzando dell’acqua tiepida; in questo modo non ci sarà alcun residuo e la pelle tornerà a respirare. E’ importante utilizzare la maschera esfoliante almeno una volta alla settimana e seguire una dieta a base di vitamine, fibre, verdura, cereali, frutta (in particolare frutti rossi) e yogurt.

Nei casi più gravi, bisogna rivolgersi al proprio dermatologo che applicherà un’incisione, oppure effettuerà una bruciatura con il laser o un peeling con prodotti specifici.

RIMEDI NATURALI

Per eliminare i grani di miglio ci possono essere tanti metodi naturali e fai da te, che si riferiscono soprattutto al viso e all’eliminazione delle cellule morte. Provate a riempire una bacinella di acqua calda e mettete il viso proprio vicino all’acqua, in questo modo il vapore andrà sulla vostra pelle e farà sciogliere il sebo in eccesso. Quando avrete finito passate sulla faccia una spugnetta stuccante che eliminerà ogni impurità.

Altro metodo è quello di immergere un asciugamano pulito nell’acqua calda, strizzarlo e posarlo sul viso, lasciandolo li per qualche minuto, possibilmente ogni sera per una settimana consecutiva. Dopo avere effettuato questo trattamento si può applicare dell’aceto di mele, in quantità ridotte e miscelato con l’acqua direttamente sul viso e lasciarlo agire.

Uno dei rimedi naturali più efficaci contro i granelli di miglio è quello di applicare sul vostro viso del miele, proprio così, grazie alle sue proprietà antiossidanti, il miele vi aiuterà a sbarazzarvi di questo fastidioso inestetismo. Bisogna applicarlo sulla faccia e lasciarlo per almeno 15 minuti e poi risciacquare con acqua, senza aggiungere creme. Un’alternativa a questa maschera naturale è quella che prevede la miscela di miele, yogurt, limone e zucchero, il procedimento è lo stesso.

granelli-di-miglio4

Un trucco troppo occlusivo favorisce la comparsa dei grani di miglio

CONSIGLI PER PREVENIRE I GRANELLI DI MIGLIO

Il consiglio migliore per evitare che sul vostro viso si formino i grani di miglio è quello di utilizzare prodotti cosmetici naturali o comunque certificati, evitando assolutamente quelli a base di silicone, soprattutto per quanto riguarda il fondotinta ed i correttori.

Evitare un trucco occlusivo, ovvero un trucco troppo coprente, che impedisce alla pelle di respirare e causa questi inestetismi. Il trucco deve migliorare il vostro aspetto, non stravolgerlo, ricordatevelo.

Usare sempre la protezione solare, anche se non andate al mare, soprattutto in estate, perché protegge la pelle dai raggi UV. In inverno, utilizzare una crema protettiva, anche sotto il make up, che proteggerà la pelle dal freddo.

Dimagrire con la Curcuma si può. Farmajet news

Ai fini del dimagrimento è importante conoscere come usare la curcuma in modo corretto insieme ad altri ingredienti naturali. Oltre ad essere gustosa, le sue proprietà sono molteplici. Scopriamole.

come_usare_la_curcuma_01

I rimedi naturali per perdere peso sono numerosi. Bisogna, però, conoscerli e saperli dosare e miscelare in modo corretto. Oltre al limone esistono diverse spezie che permettono di perdere peso in modo naturale. Oltre lo zenzero, un’altra preziosa spezia che ha anche proprietà dimagranti è la curcuma. Utilizzata molto nella medicina ayurvedica, è importante sapere come usare la curcuma in modo corretto.

Riconoscibile dal suo colore arancione, la spezia si ricava dalla radice della curcuma longa, nota anche come zafferano delle Indie.

È una pianta che appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae, che cresce nei paesi orientali in cui predomina il clima tropicale e la piovosità è elevata. Le foglie sono allungate ed ovali mentre la spezia si ricava dai rizomi dei suoi fiori.

Scopriamo le sue proprietà, come utilizzarla e abbinarla affinché sia efficace per il dimagrimento.

Tra i rimedi naturali per perdere peso c’è la curcuma e lo zenzero

PROPRIETÀ DELLA CURCUMA

Oltre ad essere un colorante naturale, questa spezia ha tantissime proprietà utili per il nostro organismo. La curcuma ha proprietà analgesiche e cicatrizzanti, antinfiammatorie, antisettiche, antivirali e digestive. Aiuta ad aumentare le difese immunitarie nell’organismo e previene influenza e raffreddore. È, infatti, ricca di vitamine (B, C, E K) e di minerali (ferro, calcio, magnesio, potassio, sodio, zinco).

Alcuni studi hanno dimostrato che è utile per prevenire diverse patologie tra cui i tumori al colon, ai polmoni e al fegato. È utile anche per prevenire le patologie cardiovascolari e l’Alzheimer. Può essere utilizzata contro i dolori addominali, articolari e le infiammazioni. Può anche ridurre il colesterolo LDL e giova alla circolazione del sangue perché rinforza i vasi sanguigni.

Questa spezia è utile quindi per dimagrire, depurare il sangue e combattere l’invecchiamento. Combatte, inoltre, l’obesità, il diabete, l’aterosclerosi e la depressione.

come_usare_la_curcuma_03 (1)
La curcuma è assimilata attraverso il pepe nero

CURCUMA E DIMAGRIMENTO

Come anticipato, le proprietà della curcuma sono numerose. Questa spezia è in grado di agire direttamente su molti organi del nostro corpo.

Non avendo particolari controindicazioni, la nostra polvere d’oro può essere abbinata a diversi tipi di dieta alimentare.

Ai fini del dimagrimento, la curcuma in particolare agisce sulle cellule adipose. Riesce a ridurre il senso di fame e regola il senso di sazietà, perché stimola la leptina, un ormone che influisce sulla fame. Migliorare e accelera il metabolismo.

Inoltre, poiché agisce sul sistema linfatico e circolatorio, elimina i liquidi in eccesso e limita la formazione della cellulite.

La curcuma è in grado di fare produrre al nostro organismo la bile. In questo modo, oltre a favorire la digestione, riesce a sgonfiare la pancia.

come_usare_la_curcuma_04

Con la curcuma si possono preparare gustosi frullati

COME USARE LA CURCUMA IN CUCINA PER DIMAGRIRE

Sapere che esiste una relazione tra curcuma e dimagrimento non è sufficiente per ottenere il nostro obiettivo. È importante capire come usare la curcuma correttamente a tale scopo.

Come tutte le spezie, non bisogna eccedere nell’uso. I nutrizionisti e dietologi consigliano di non consumare più di 2 cucchiaini al giorno.

La spezia può essere aggiunta allo yogurt ma anche per insaporire insalate e altre pietanze a fine cottura.

Affinché sia efficace e gradevole, si consiglia di abbinare la spezia al pepe nero, a grassi e olii (olio, burro, semi). Sono consigliati anche alcuni alimenti, tra cui i frutti di bosco, l’uva rossa, alcune verdure (spinaci, peperoni, cavoli crudi) ed il tè verde.

Con la curcuma si possono ottenere gustosi milk-shake e bevande smookie. Noto è il golden milk o latte d’oro. Questo si prepara aggiungendo del latte, animale o vegetale, alla curcuma e al pepe nero. In base ai propri gusti si potranno miscelare anche con gli altri ingredienti.

COME USARE LA CURCUMA E PREPARE INFUSI

Si possono anche preparare degli infusi disintossicanti e digestivi.

Tra questi, il più noto e utilizzato è a base di curcuma e limone. Bisogna miscelare 250 ml di acqua calda, 1 gr di curcuma, il succo di mezzo limone e mezzo cucchiaino di miele. Mescolate bene finché la curcuma non si sarà sciolta completamente e lasciate riposare per almeno 5 minuti. È preferibile assumere l’infuso a colazione o dopo pranzo, bere al massimo 2 tazze al giorno per almeno 2 settimane.

Chi ne apprezza il gusto, può anche aggiungere della cannella.

oppure si può usare la curcuma pura biodisponibile da assumere due capsule prima dei pasti per un mese, per attivare il metabolismo dei grassi e conseguentemente perdere peso.

curcuma pura farmajet

CONTROINDICAZIONI

La curcuma non è indicata a chi soffre di ulcera, di calcoli alla cistifellea o alla vescica o di malattie epatiche. Sovraccaricare il fegato, infatti, è controproducente.

Prima di assumerla è consigliato chiedere il parere medico, specialmente se si assumono dei farmaci anticoagulanti, antiaggreganti, ipoglicemizzanti e immunosoppressivi.

 

 

Come trattare una verruca

  1. Trattamento
  2. tipi
  3. Le cause
  4. Rimedi casalinghi
  5. Prevenzione
Una verruca è una piccola crescita con una trama ruvida che può apparire in qualsiasi parte del corpo. Può sembrare una vescica solida o un piccolo cavolfiore.

Le verruche sono causate da virus nella famiglia di papillomavirus umano (HPV).

L’aspetto di una verruca dipende dalla sua posizione sul corpo e dallo spessore della pelle.

Le verruche palmari appaiono sulla mano. Le verruche plantari colpiscono i piedi.

Come molti come 1 in 3 bambini e gli adolescenti si stima siano le verruche, ma solo 3-5 per cento degli adulti. Questo è probabilmente perché il sistema immunitario diventa meglio in grado di prevenirne lo sviluppo nel tempo.

Le persone con un sistema immunitario indebolito hanno maggiori probabilità di avere le verruche.

Veloce informazione sulle verrucheEcco alcuni punti chiave sulle verruche. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • Una verruca è una piccola crescita sulla pelle che può sembrare una vescica solida o un piccolo cavolfiore.
  • Tipi di verruche includono verruche comuni, verruche piane, verruche pigmentate e verruche plantari.
  • I punti neri nella verruca sono vasi sanguigni che possono portare a sanguinamento.
  • La maggior parte delle verruche scompare in 1 a 5 anni senza cure mediche, ma il trattamento è disponibile per le verruche che sono grandi, numerose o in aree sensibili.
  • I trattamenti comprendono acido salicilico, nastro adesivo, crioterapia, chirurgia, trattamento laser, elettrocauterizzazione, terapia fotodinamica, trattamenti chimici, creme topiche, canaridina e scatti di antigene.
  • Verruche o verruche dovrebbero essere coperte con un cerotto impermeabile durante il nuoto.

Trattamento

verru1

Le verruche palmer si presentano sulla mano e sono frequenti in coloro che maneggiano la carne per vivere.

La maggior parte delle verruche si pulisce senza trattamento. Può richiedere da alcune settimane a diversi anni, a seconda della posizione e del numero di verruche. Di solito scompaiono più velocemente nei bambini.

Si stima che un terzo dei bambini abbia le verruche, ma gli studi hanno rilevato che il 50%di questi scompare entro un anno e il 70% scompare dopo 2 anni.

Tuttavia, se non scompaiono, o se una verruca causa preoccupazione, è disponibile un aiuto medico.

Un medico esaminerà la verruca, potrebbero chiedere della storia familiare e potrebbero prendere del tessuto per i test.

Quali trattamenti sono disponibili?

Tutti i trattamenti di verruche sono progettati per irritare la pelle e ottenere cellule di lotta contro l’infezione del corpo per eliminare le verruche.

Acido salicilico

La maggior parte delle creme da banco, gel, vernici e cerotto medicato contengono acido salicilico.

È importante proteggere la pelle intorno alla verruca prima di applicare questo trattamento perché l’acido salicilico può distruggere la pelle sana. Non applicare sul viso.

L’applicazione di gelatina di petrolio o di un cereale sulla pelle attorno alla verruca può proteggerlo dai danni.

Alcuni consigli possono migliorare l’efficacia di questo trattamento.

  • Ammorbidire la verruca strofinando il tessuto morto dalla superficie della verruca settimanale usando una pietra pomice o una tavola da emery. Assicurarsi che la pietra pomice o il piano per le emery non venga utilizzato su altre parti del corpo o da un’altra persona.
  • Prima di applicare il farmaco, immergere la verruca in acqua per circa 5 minuti.

Il trattamento viene normalmente applicato ogni giorno per circa 3 mesi. Se la pelle diventa dolente, il trattamento deve essere interrotto.

crioterapia

Il liquido refrigerante, spesso azoto, viene spruzzato sulla verruca, distruggendo le cellule. Si sviluppa una vescica che alla fine si scabica e cade una settimana dopo.

Questo trattamento deve essere eseguito da un operatore sanitario. Se la verruca è grande, potrebbe essere necessario un anestetico locale e diverse sedute.

Le farmacie vendono dimetil-etere o spray propano per l’autosomministrazione. Questi non dovrebbero essere usati sul viso e sono meno efficaci della crioterapia che viene eseguita da un professionista qualificato.

Chirurgia

verru2

Un dermatologo può usare la crioterapia per rimuovere le verruche.

Questo non è comune per le verruche, e c’è il rischio di cicatrici. Le verruche che si risolvono da sole non cicatrizzano.

A volte un medico può raccomandare un intervento chirurgico se altri trattamenti non hanno funzionato.

La maggior parte delle verruche può essere rasata con un rasoio chirurgico in anestesia locale.

I medici possono consigliare l’applicazione di una crema topica sul sito anche dopo la rimozione della verruca, per migliorare le possibilità di eliminazione.

Il trattamento laser utilizza un raggio laser preciso per distruggere la verruca.

cantharidin

Un medico può applicare una sostanza contenente un estratto di un insetto chiamato blister beetle e altri prodotti chimici alle verruche. L’area è quindi coperta con una benda.

Questo è indolore, ma crea una vescica che potrebbe essere scomoda. La vescica solleva la verruca dalla pelle e il medico rimuove la parte morta della verruca.

Scatti di antigene di Candida

Il sistema immunitario umano non nota una verruca, ma se il sistema viene stimolato localmente, alcune cellule immunitarie attivate nell’area lo riconosceranno e agiranno. Questa procedura non lascia cicatrici.

Questo trattamento potrebbe non essere adatto durante la gravidanza.

Altri trattamenti

Se le verruche non rispondono ai trattamenti standard, un dermatologo o uno specialista della pelle può offrire altre opzioni .

  • L’immunoterapia tenta di far distruggere le verruche dal sistema immunitario del paziente
  • Bleomicina, o Blenoxane, può essere iniettata nella verruca per uccidere il virus. La bleomicina è anche usata per il trattamento di alcuni tipi di cancro .
  • I retinoidi, derivati ​​dalla vitamina A, interrompono la crescita delle cellule della pelle della verruca.
  • Gli antibiotici sono efficaci solo in caso di infezione.

Le verruche comuni, specialmente attorno alle unghie e alle unghie dei piedi, possono essere difficili da eliminare completamente o permanentemente.

Se la verruca è sparita ma il virus rimane, le verruche possono ripresentarsi.

tipi

I seguenti sono i tipi più comuni di verruca.

Verruche comuni, o verruca vulgaris

verru3

Le verruche plantari appaiono sulla base del piede.

Le verruche comuni hanno una superficie solida, sollevata e ruvida e possono apparire come un cavolfiore.

Possono verificarsi ovunque, ma sono più comuni su nocche, dita, gomiti, ginocchia e qualsiasi area con pelle rotta.

I vasi sanguigni coagulati sono spesso visibili nelle verruche comuni come piccole macchie scure. Questi sono conosciuti come condilomi di semi.

Verruche plantari

Verruche dolenti appaiono sulla pianta dei piedi, dei talloni e delle dita dei piedi.

Di solito crescono nella pelle perché il peso della persona spinge sulla pianta del piede. Normalmente hanno un piccolo punto centrale nero circondato da un tessuto bianco e duro. Le verruche plantari sono spesso difficili da eliminare.

Verruche piane, o verruca plana

Le verruche piane sono rotonde, piatte e lisce. Possono essere giallastri, marroncini o di colore della pelle.

Conosciuto anche come verruche piane, si sviluppano più spesso nelle aree esposte al sole.

Tendono a crescere in numero maggiore, probabilmente tra 20 e 100. Tuttavia, di tutti i tipi di verruche, è più probabile che scompaiano senza trattamento.

Verruche filiformi o verruca filiformis

Le verruche filiformi sono lunghe e sottili. Possono crescere rapidamente sulle palpebre, sul collo e sulle ascelle.

Verruche di mosaico

Le verruche di mosaico sono molteplici verruche plantari in un grande ammasso.

A differenza delle talpe, le verruche sono spesso dello stesso colore della pelle della persona. Le verruche non contengono pus a meno che non vengano infettate.

Se l’infezione si verifica, possono richiedere un trattamento con antibiotici.

Quando dovrei vedere un dottore?

È una buona idea vedere un medico se la verruca:

  • provoca dolore
  • sanguina facilmente
  • cambia aspetto
  • si diffonde facilmente ad altre parti del corpo
  • torna dopo la rimozione precedente
  • appare in un’area che porta a urti e sanguinamento costanti in modo da influenzare le attività quotidiane, come la rasatura, lo sport e così via

Gli individui che vogliono rimuovere la verruca per motivi estetici dovrebbero consultare un medico.

È improbabile che l’assicurazione finanzi un trattamento cosmetico, ma i medici di base, i dermatologi e i podologi possono curare le verruche.

Le cause

verru4

Verruche e verruche plantari possono essere trattati con creme contenenti acido salicilico.

I virus HPV causano la crescita eccessiva e rapida della cheratina, che è una proteina dura sullo strato superiore della pelle.

Diversi ceppi di HPV causano diverse verruche. Il virus che causa la verruca può essere trasmesso da un contatto pelle a pelle e attraverso il contatto con asciugamani o scarpe.

Il virus può diffondersi in altre parti del corpo attraverso:

  • grattando o mordendo una verruca
  • succhiare le dita
  • mordere le unghie, se ci sono verruche intorno alle unghie
  • radendo la faccia o le gambe

Avere la pelle bagnata o danneggiata e venire a contatto con superfici ruvide aumenta il rischio di infezione.

Ad esempio, una persona con graffi o tagli sulla pianta dei piedi ha maggiori probabilità di sviluppare una verruca dentro e intorno alle piscine pubbliche.

Indossare scarpe da doccia o infradito mentre si usano docce pubbliche o camminare vicino a piscine pubbliche può aiutare a prevenire questo.

Il rischio di contrarre verruche da un’altra persona è basso, ma possono essere trasmessi, soprattutto se la persona ha un sistema immunitario compromesso. Questo include persone con HIV o AIDS e quelli che usano immunosoppressori in seguito a un trapianto.

Le verruche genitali sono più contagiose.

Anche la manipolazione della carne come occupazione aumenterà il rischio di contrarre le verruche. Uno studio condotto dall’American Academy of Family Physicians ha mostrato che il 33%dei lavoratori dei macelli e il 34% dei macellai al dettaglio hanno le verruche.

Verruche genitali

La maggior parte delle verruche è innocua, ma alcuni ceppi di HPV possono causare verruche su, dentro o intorno ai genitali.

Queste verruche possono essere più gravi. Nelle donne, possono potenzialmente portare al cancro cervicale, anale e vulvovaginale.

Negli uomini, il cancro anale e il cancro del glande possono verificarsi anche a causa dell’infezione con alcuni tipi di verruche genitali.

Chiunque sviluppi verruche genitali dovrebbe consultare il proprio medico per la valutazione.

Rimedi casalinghi

I rimedi casalinghi per le verruche in passato hanno incluso sfregare un rospo polveroso e asciutto su di loro.

Altri suggerimenti sono:

Ipnosi : studi di casi hanno suggerito che l’ipnosi può aiutare a rimuovere le verruche. Se funziona, potrebbe essere che il trattamento stimoli in qualche modo il sistema immunitario a combattere il virus che causa le verruche. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare la sua efficacia.

Aglio : i composti trovati nell’aglio possono avere attività antivirale e aiutare a bloccare la crescita delle cellule virali. Si dice che gli estratti di aglio cloroformico applicati alle verruche abbiano chiarito le crescite in 3-4 mesi. Se lo sfregamento dell’aglio su una verruca avrà lo stesso effetto non è confermato.

Nastro adesivo : in uno studio, un pezzo di nastro adesivo delle stesse dimensioni della verruca è stato posto direttamente sulla verruca e rimosso dopo 6 giorni. Successivamente, i partecipanti hanno immerso la verruca in acqua, prima di strofinarla con una taglierina o una pietra pomice. Hanno poi lasciato l’apertura fino al giorno successivo. Hanno ripetuto il ciclo per un massimo di 2 mesi. Nell’85 percento dei casi, la verruca è scomparsa, rispetto al 60 percento delle verruche trattate con crioterapia in un altro gruppo. Questo non è un trattamento basato sull’evidenza, ma può essere utile per i bambini, in quanto è indolore e sicuro.

Prevenzione

Per ridurre il rischio di contrarre o spargere verruche:

  • Non toccare le verruche degli altri.
  • Non usare gli asciugamani, le salviette o altri oggetti personali di altre persone.
  • Non condividere scarpe e calze con altre persone.
  • Non graffiare le verruche o le verruche, poiché ciò potrebbe causare la loro diffusione.
  • Indossa sandali quando entri ed esci da docce e piscine comuni.
  • Coprire le verruche o verruche con un rivestimento impermeabile quando si nuota, e calze o guanti altrove, ad esempio in palestra.
  • Non spazzolare, pettinare, radere o tagliare i capelli in zone con verruche.
  • Quando si limano o si tagliano le unghie, non usare lo stesso utensile sull’unghia infetta e sulle unghie sane.
  • Non mordere le unghie se le verruche sono vicino a loro.
  • Tieni le mani più asciutte possibile.
  • Lavarsi accuratamente le mani dopo aver toccato una verruca.

Le verruche sono comuni e possono causare imbarazzo. Può scomparire da solo, ma se non lo fanno, il trattamento può spesso aiutarli a eliminarli.

L’olio dell’albero del tè può aiutare a curare la psoriasi?

La psoriasi, o più specificamente la psoriasi a placche, è una condizione infiammatoria della pelle che fa diventare la pelle spessa, rossa e squamosa. Questi cerotti, chiamati anche placche, possono essere pruriginosi e dolorosi.

Vi sono alcune prove aneddotiche che l’olio dell’albero del tè può essere utile per gestire i sintomi della psoriasi , specialmente nel cuoio capelluto.

Contenuto di questo articolo:

  1. Cos’è la psoriasi?
  2. Cos’è l’olio dell’albero del tè?
  3. Come usare l’olio dell’albero del tè per la psoriasi
  4. Altri rimedi naturali per la psoriasi
  5. Trattamenti medici per la psoriasi
  6. Cambiamenti nello stile di vita

Cos’è la psoriasi?

psoriasi1

La psoriasi è una condizione della pelle comune con sintomi che possono essere lievi o gravi.

La psoriasi è una condizione autoimmune per tutta la vita. Si manifesta quando le cellule della pelle crescono troppo velocemente e il corpo non le libera abbastanza rapidamente.

A parte il rosso, la placca pruriginosa e la pelle ispessita, le persone con questa condizione possono avere unghie ispessite, articolazioni gonfie o rigide o pelle secca e screpolata. Alcune persone possono anche avvertire una sensazione di bruciore sulla pelle.

A volte i sintomi migliorano, e altre volte possono aumentare – questo è noto come un bagliore.

Lo stress , l’infezione o la ferita possono causare la riattivazione della psoriasi. Questi eventi sono noti come fattori scatenanti e sono diversi per tutti: ciò che fa scattare la psoriasi di una persona potrebbe non influire su un’altra persona con la stessa condizione.

Non esiste una cura per la psoriasi, ma ci sono alcuni modi per alleviare i sintomi.

Cos’è l’olio dell’albero del tè?

L’olio dell’albero del tè è un olio essenziale di colore giallo che proviene dalle foglie della Melaleuca alternifolia , nota anche come pianta dell’albero del tè. La pianta cresce in Australia, dove l’olio è stato usato per quasi 100 anni per curare ferite minori e problemi di pelle.

L’olio dell’albero del tè è facilmente disponibile come olio essenziale e si trova in una vasta gamma di prodotti per la cura della pelle e altri prodotti.

Possibili benefici per la salute

L’olio dell’albero del tè è in uso da molti anni. Le prove aneddotiche raccolte in questo periodo suggeriscono che è sicuro, ma pochi studi hanno confermato l’efficacia o la sicurezza dell’olio di tea tree.

I primi studi , tuttavia, suggeriscono che l’olio dell’albero del tè ha proprietà antibatteriche, antimicotiche, antinfiammatorie e antivirali. A causa di queste proprietà, le persone usano l’olio dell’albero del tè per alleviare molte piccole irritazioni della pelle.

Alcune di queste condizioni sono:

  • Acne
  • Pidocchi
  • Forfora
  • Tordo
  • Ferite della pelle infette
  • Piede degli atleti o altra infezione fungina
  • Tigna

Come usare l’olio dell’albero del tè per la psoriasi

tea1

L’olio dell’albero del tè è stato usato per quasi 100 anni per trattare i problemi della pelle.

L’olio dell’albero del tè è un olio essenziale ed è importante fare attenzione quando lo si usa. È meglio diluire l’olio prima dell’uso per ridurre il rischio di una reazione negativa.

Alcuni suggerimenti per l’utilizzo di olio dell’albero del tè per la psoriasi includono:

  • Mescolare l’olio con acqua, applicarlo sulla pelle con un batuffolo di cotone, lasciandolo per una notte e lavarlo via al mattino
  • Diluendo l’olio dell’albero del tè con olio d’oliva o un altro olio vettore, applicandolo alle zone interessate, lasciandolo asciugare e poi lavando via
  • Aggiungendo qualche goccia di olio di tea tree a una vasca da bagno e facendo il bagno in acqua tiepida
  • Aggiungendo una parte di olio di tea tree con 10 parti di shampoo

Alcune persone hanno riportato reazioni allergiche all’olio dell’albero del tè. Queste reazioni possono includere eruzioni cutanee gravi, arrossamento, irritazione, gonfiore e bruciore. Se una persona sperimenta reazioni avverse, dovrebbe smettere di usare l’olio.

Rischi e precauzioni

Una persona non dovrebbe mai bere l’olio dell’albero del tè. L’ingerimento dell’olio dell’albero del tè è stato collegato a:

  • Mal di stomaco , tra cui diarrea , vomito e mal di stomaco
  • Anomalie delle cellule del sangue
  • Grave eruzione
  • Sonnolenza
  • allucinazioni
  • Confusione

Alcune persone dovrebbero essere particolarmente caute nell’usare l’olio dell’albero del tè.

Questi includono:

  • Donne incinte o che allattano
  • Le persone che assumono la vancomicina
  • Le persone che hanno una malattia IgA lineare
  • Ragazzi prima dell’inizio della pubertà , a causa dell’aumentato rischio di crescita del tessuto mammario
  • Quelli con una nota allergia all’olio dell’albero del tè o alla pianta da cui proviene

Nessuno studio ha osservato quanto sia efficace l’olio dell’albero del tè per la psoriasi. L’olio dell’albero del tè comporta un rischio di effetti collaterali, quindi chiunque usi questo olio dovrebbe fare attenzione. Inoltre, a causa delle potenziali complicazioni con certe condizioni mediche, chiunque pensi di usare l’olio dell’albero del tè dovrebbe prima informare il medico.

Altri rimedi naturali per la psoriasi

Alcune persone usano altri rimedi erboristici comuni per gestire i sintomi della psoriasi.

Questi includono:

aloe-vera

L’aloe vera in una crema può essere usata per trattare la psoriasi.

Aloe vera: una persona con questa condizione può applicare una crema contenente almeno 0,5% di aloe sulla pelle fino a tre volte al giorno. Può aiutare a ridurre il ridimensionamento e il rossore associati alle lesioni psoriasiche.

Aceto di sidro di mele: questo può aiutare a ridurre il prurito associato alla psoriasi sul cuoio capelluto. Dovrebbe essere usato con cautela, in quanto può causare bruciore o irritazione, soprattutto se la pelle è incrinata o aperta.

Capsaicina: questa è la sostanza chimica che rende piccante il peperoncino piccante. Creme contenenti capsaicina possono aiutare a ridurre il disagio, il rossore e il ridimensionamento associati alla psoriasi.

Sali di Epsom: l’ aggiunta di sali di Epsom a un bagno può lenire la pelle irritata e pruriginosa e può aiutare a ridurre parte del ridimensionamento della psoriasi. La maggior parte delle persone tollerano bene questo rimedio.

Curcuma: disponibile in integratori da banco, la curcuma può ridurre i riacutizzazioni psoriasici influenzando il sistema immunitario. Può anche essere aggiunto come spezia al cibo come condimento.

Trattamenti medici per la psoriasi

La maggior parte delle persone ha bisogno di farmaci per controllare i sintomi della psoriasi. Le opzioni includono creme topiche, terapia della luce e farmaci sistemici.

Farmaci topici: sono creme e unguenti, che le persone applicano direttamente sulla pelle colpita. I farmaci topici più comunemente prescritti sono una classe di potenti farmaci anti-infiammatori, noti come corticosteroidi.

Tuttavia, le persone che usano queste creme per un lungo periodo potrebbero vedere peggiorare i loro sintomi, rendendo necessari altri farmaci. Altri tipi di farmaci comprendono creme sintetiche di vitamina D , retinoidi topici e inibitori della calcineurina, come protopic o Elidel.

Terapia della luce: una leggera esposizione alla luce solare naturale o una luce artificiale ultravioletta A (UVA) o ultravioletta B (UVB) possono alleviare i sintomi.

Farmaci sistemici: le persone con gravi casi di psoriasi possono assumere questi farmaci per via orale o per iniezione. La maggior parte di questi farmaci altera il sistema immunitario, contribuendo a ridurre l’ infiammazione e la produzione di cellule della pelle. C’è il rischio di gravi effetti collaterali.

Al fine di garantire il miglior trattamento, una persona con questa condizione dovrebbe sempre tenere il proprio medico informato sui propri sintomi.

Cambiamenti nello stile di vita

Le persone possono migliorare i loro livelli di comfort e l’aspetto della pelle colpita prendendo misure a casa.

Alcuni esempi di assistenza domiciliare includono:

Fare il bagno frequentemente: questo può aiutare a rimuovere la pelle morta e infiammata, e può anche aiutare a ridurre l’aspetto squamoso delle placche psoriasiche. L’aggiunta di sali di Epsom all’acqua può anche aiutare a gestire la pelle squamosa, ma è importante evitare l’acqua calda e i saponi aggressivi. Dopo il bagno, una persona dovrebbe applicare una crema idratante pesante mentre la sua pelle è ancora umida.

Esposizione alla luce solare: l’ esposizione a piccole quantità di luce solare può aiutare a migliorare i sintomi. Tuttavia, troppa luce solare può innescare o peggiorare una riacutizzazione dei sintomi psoriasici, quindi è meglio parlare con un medico prima di iniziare un reggimento di terapia della luce. Le persone con questa condizione dovrebbero applicare la protezione solare a qualsiasi pelle che non sia influenzata dalla psoriasi.

Essere consapevoli dei trigger: Infine, le persone dovrebbero tenere traccia di ciò che attiva i loro sintomi psoriasici ed evitarli se possibile. Tenere un diario di sintomi e possibili fattori scatenanti può aiutare a individuare ciò che causa i razzi psoriasici.

Chiunque usi olio di tea tree o altri rimedi naturali per la psoriasi dovrebbe parlare con il proprio medico, in quanto alcuni di loro possono causare una reazione allergica. Alcuni di questi rimedi possono anche essere pericolosi se interagiscono con altri farmaci o condizioni mediche. Le donne che sono incinte o che allattano dovrebbero anche consultare il loro medico.

Qual’è la causa della mia eruzione cutanea? 56 casi e foto vedi qual’è il tuo sintomo.

Un’eruzione cutanea è definita come un’eruzione diffusa di lesioni cutanee; è un termine medico molto ampio. Le eruzioni cutanee possono variare notevolmente, e ci sono molte cause potenziali. A causa della varietà, c’è anche una vasta gamma di trattamenti.

Un’eruzione cutanea può essere locale a solo una piccola parte del corpo, oppure può coprire una vasta area. Le eruzioni si presentano in molte forme; possono essere secchi, umidi, irregolari, lisci, screpolati o vescicanti; possono essere dolorosi, prurito e persino …  Per saperne di più

56 possibili cause di eruzione cutanea

  • eru1

    1. Morsi e punture

    Molti insetti possono causare un’eruzione attraverso un morso o una puntura. Sebbene la reazione vari a seconda della persona e dell’animale, i sintomi spesso includono:

    • arrossamento ed eruzione cutanea
    • pizzicore
    • dolore
    • gonfiore – localizzato al sito del morso o della puntura o più diffuso
  • eru2

    2. Morsi delle pulci

    Le pulci sono piccoli insetti saltatori che possono vivere nei tessuti all’interno della casa. Hanno un ciclo di riproduzione molto veloce e possono occupare una casa molto rapidamente.

    • i morsi delle pulci sugli umani appaiono spesso come macchie rosse
    • la pelle può diventare irritata e dolorosa
    • le infezioni secondarie possono essere causate da graffi
  • eru3

    3. Quinta malattia

    Conosciuto anche come eritema infettivo e sindrome guancia schiaffeggiata, la quinta malattia è causata dal parvovirus B19. Uno dei sintomi è un’eruzione cutanea, che compare in tre fasi:

    • Un rossore rosso chiazzato sulle guance con gruppi di papule rosse.
    • Dopo 4 giorni, può apparire una rete di segni rossi sulle braccia e sul tronco.
    • Nella terza fase, l’eruzione cutanea appare solo dopo l’esposizione alla luce solare o al calore.
  • eru4

    4. Impetigine

    L’impetigine è un’infezione cutanea altamente contagiosa che colpisce più comunemente i bambini. Il primo segno è normalmente una macchia di rosso, prurito della pelle. Esistono due tipi di impetigine:

    • Impetigine non bollosa – compaiono piaghe rosse intorno alla bocca e al naso.
    • L’impetigine bollosa – meno comune, colpisce generalmente i bambini di età inferiore a 2. Le vescicole di dimensioni medio-grandi compaiono sul tronco, sulle braccia e sulle gambe.
  • eru6

    5. herpes zoster

    L’herpes zoster è un’infezione di un singolo nervo. È causato dallo stesso virus della varicella: il virus varicella-zoster. I sintomi includono:

    • Un’eruzione simile alla varicella in una fascia attorno al nervo infetto.
    • I blister possono unirsi alla produzione di una banda rossa solida.
    • L’eruzione è spesso dolorosa.
  • eru5

    6. Scabbia

    La scabbia è una condizione della pelle causata da un acaro microscopico. È molto contagioso e si diffonde facilmente attraverso il contatto da persona a persona. I sintomi includono:

    • Prurito intenso – spesso peggiore durante la notte.
    • Rash – appare in linee come l’acaro cunicoli. Le bolle sono talvolta presenti.
    • Le ferite – possono apparire dove l’eruzione è stata graffiata.
  • eru7

    7. Eczema

    L’eczema è una delle condizioni più comuni della pelle. Spesso si sviluppa prima durante l’infanzia. I sintomi dipendono dal tipo di eczema e dall’età dell’individuo, ma spesso includono:

    • chiazze squamose a secco sulla pelle
    • rash intensamente prurito
    • pelle screpolata e ruvida
  • eru8

    8. Febbre da fieno

    La febbre da fieno, o rinite allergica, è una risposta allergica al polline. I sintomi possono essere simili a quelli di un comune raffreddore, come ad esempio:

    • naso che cola
    • occhi pieni di lacrime
    • starnuti

    La febbre da fieno può anche causare un’eruzione cutanea, simile agli alveari. Questi appariranno come prurito macchie rosse o eruzioni sulla pelle.

  • eru9

    9. La scarlattina

    La scarlattina è una malattia causata da una tossina rilasciata da un batterio – Streptococcus pyogenes – lo stesso batterio responsabile di Strep throat. I sintomi includono mal di gola, eruzioni cutanee e febbre. L’eruzione ha le seguenti caratteristiche:

    • macchie rosse
    • le chiazze si trasformano in una leggera eruzione rosa-rossa come una scottatura solare
    • la pelle sembra ruvida
  • e1

    10. Febbre reumatica

    La febbre reumatica è una reazione infiammatoria a un’infezione da streptococco, come la gola di Strep. Colpisce più comunemente i bambini tra i 5 e i 15 anni. I sintomi includono:

    • piccole protuberanze indolori sotto la pelle
    • eruzione cutanea rossa
    • tonsille gonfie
  • e2

    11. Mono (mononucleosi)

    La mono o mononucleosi è causata da un virus. È raramente serio, ma i sintomi possono includere:

    • un rash rosa, simile al morbillo
    • dolori muscolari
    • febbri alte
  • e3

    12. Tricofitosi

    Tigna, nonostante il suo nome, è causata da un fungo. L’infezione fungina colpisce lo strato superiore della pelle, del cuoio capelluto e delle unghie. I sintomi variano a seconda del sito dell’infezione, ma possono includere:

    • prurito, eruzione cutanea rossa negli anelli – a volte leggermente sollevata
    • piccole chiazze di pelle squamosa
    • i capelli vicino alle toppe si staccano
  • e4

    13. Morbillo

    Il morbillo è una malattia altamente contagiosa causata dal virus rubeola. I sintomi includono:

    • un’eruzione rossastra-marrone
    • piccole macchie bianco-grigiastre con centri bianco-bluastro in bocca
    • tosse secca
  • e5

    14. Infezione del lievito (candidosi)

    La candidosi è un’infezione fungina comune dei genitali. Colpisce entrambi i sessi, ma più comunemente, le donne. I sintomi includono:

    • eruzione cutanea
    • dolore e dolore nell’area genitale
    • prurito, bruciore e irritazione
  • e6

    15. Dermatite da stasi

    La dermatite da stasi è anche nota come eczema varicoso. Si sviluppa a causa della cattiva circolazione e più comunemente colpisce la parte inferiore delle gambe. I sintomi includono:

    • vene varicose coperte di prurito, pelle secca
    • pelle rossa, gonfia, dolorosa, che può piangere o ingiallirsi
    • gambe pesanti e doloranti dopo aver riposato per qualche tempo
  • e7

    16. Morbillo tedesco

    Conosciuto anche come rosolia, il morbillo tedesco è un’infezione causata dal virus della rosolia. I sintomi includono:

    • eruzione cutanea – meno brillante del morbillo, spesso inizia sul viso
    • occhi rossi infiammati
    • naso tappato
  • e8

    17. Sepsi

    La sepsi, spesso chiamata intossicazione del sangue, è un’emergenza medica. È il risultato di una risposta immunitaria su larga scala a un’infezione. I sintomi variano, ma possono includere:

    • un’eruzione cutanea che non svanisce sotto pressione
    • febbre
    • aumento della frequenza cardiaca
  • e9

    18. Virus del Nilo occidentale

    Il virus del Nilo occidentale è un’infezione diffusa dalle zanzare. Spesso, non ci sono sintomi, ma se si verificano, possono includere:

    • eruzione cutanea sollevata e / o piatta, rosa sul tronco, sulle braccia o sulle gambe
    • sudorazione eccessiva
    • vomito
  • q1

    19. Malattia di Lyme

    La malattia di Lyme è un’infezione batterica trasmessa all’uomo dal morso di una zecca infetta. I sintomi includono un eritema migrans che compare spesso nelle prime fasi della malattia.

    • L’eruzione cutanea inizia come una piccola area rossa che può essere calda al tatto ma non pruriginosa.
    • Il centro perde colore, conferendogli un aspetto a occhio di bue.
    • L’eruzione cutanea non appare necessariamente sul sito del morso di zecca.
  • q2

    20. Cellulite

    La cellulite è un’infezione batterica dello strato profondo della pelle – il derma. Normalmente si verifica quando i batteri entrano attraverso una rottura della pelle. I sintomi includono:

    • Piaghe della pelle o eruzioni cutanee che inizia improvvisamente e cresce rapidamente.
    • Calda pelle intorno al rossore.
    • Febbre e stanchezza.
  • q3

    21. MRSA

    L’MRSA (staphylococcus aureus meticillino-resistente) è un’infezione batterica contagiosa che è resistente a una serie di antibiotici. Questo rende difficile da trattare. I sintomi includono:

    • eruzione cutanea
    • gonfiore e tenerezza nella parte interessata del corpo
    • ferite che non guariscono

    Credito fotografico: Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (NIAID)

  • q4

    22. Varicella

    La varicella è un’infezione del virus della varicella zoster. È sgradevole, ma la maggior parte delle persone guarisce entro un paio di settimane. I sintomi includono:

    • Un’eruzione pruriginosa di piccole macchie rosse appare prima sul viso e sul tronco e poi si diffonde attraverso il corpo.
    • I punti poi sviluppano vesciche in cima.
    • Dopo 48 ore, le bolle si appannano e iniziano ad asciugare.
  • q5

    23. Lupus

    Il lupus è una malattia autoimmune, il che significa che il sistema immunitario attacca i tessuti sani. I sintomi variano ampiamente da persona a persona, ma possono includere:

    • Eruzione cutanea a forma di farfalla attraverso le guance e il ponte del naso.
    • Macchie rosse a fiocchi o un’eruzione viola squamosa su viso, collo o braccia.
    • Sensibilità della pelle al sole.
  • q6

    24. Sindrome da shock tossico

    La sindrome da shock tossico è una condizione rara scatenata da un’infezione batterica. Si sviluppa rapidamente e può essere pericolosa per la vita. Tutte le persone che hanno la sindrome da shock tossico hanno la febbre e un’eruzione cutanea con le seguenti caratteristiche:

    • sembra simile alla solarizzazione e copre la maggior parte del corpo
    • piatto non sollevato
    • diventa bianco quando viene premuto
  • 25. Infezione acuta da HIV

    Durante i primi stadi dell’HIV, i livelli del virus nel sangue sono molto alti perché il sistema immunitario non ha ancora iniziato a combattere l’infezione. I primi sintomi includono un’eruzione cutanea con le seguenti caratteristiche:

    • per lo più colpisce la parte superiore del corpo
    • piccoli punti rossi piccoli o appena sollevati
    • non generalmente prurito
  • 26. Mano, piede e bocca

    Mano, piede e bocca sono una malattia infantile derivante da un’infezione virale. I sintomi includono:

    • Eruzione cutanea – vesciche rosse prive di prurito sulle mani e sulle piante dei piedi.
    • Perdita di appetito.
    • Ulcere alla gola, alla lingua e alla bocca.

    Credito immagine: KlatschmohnAcker

  • 27. Acrodermatite

    L’acrodermatite, un tipo di psoriasi pustolosa, è anche conosciuta come sindrome di Gianotti-Crosti. È associato a infezioni virali. I sintomi includono:

    • prurito vesciche viola o rosse
    • linfonodi ingrossati
    • addome gonfio
  • 28. Hookworm

    Hookworm è un parassita intestinale comune. Può causare una serie di complicazioni. I sintomi includono:

    • Eruzione cutanea in una particolare area che è rossa, pruriginosa e sollevata.
    • Complicazioni respiratorie.
    • Estrema stanchezza
  • 29. Malattia di Kawasaki

    La malattia di Kawasaki è una sindrome rara che colpisce i bambini. È caratterizzato da un’infiammazione delle pareti delle arterie in tutto il corpo. I sintomi includono:

    • Un rash sulle gambe, braccia e busto e tra i genitali e l’ano.
    • Un’eruzione sulla pianta dei piedi e dei palmi delle mani, a volte con la pelle scrostata.
    • Labbra gonfie, screpolate e secche.
  • 30. Sifilide

    La sifilide è un’infezione batterica sessualmente trasmessa. La malattia è curabile, ma non andrà via da sola. I sintomi variano a seconda dello stadio della malattia e includono:

    • Inizialmente – afte sifilitiche indolori, sode e rotonde (chancres).
    • Più tardi – eruzione cutanea rossa / marrone pruriginosa che inizia sul tronco e si diffonde in tutto il corpo.
    • Piaghe simili a verruche orali, anali e genitali.
  • 31. Tifoide

    La tifoidea è causata da un’infezione batterica. Si diffonde rapidamente per contatto con le feci di una persona infetta. Se non curato, il 25% dei casi termina con la morte. I sintomi possono includere:

    • Rash: macchie color rosa, specialmente sul collo e sull’addome.
    • Febbre – fino a 104 gradi Fahrenheit.
    • Dolore addominale, diarrea e costipazione.

    Immagine di credito: Charles N. Farmer, CDC / Istituto Forze Armate di Patologia, 1964

  • 32. Febbre di febbre rompiossa

    La febbre dengue, detta anche febbre sfregiata, viene trasmessa dalle zanzare. La condizione varia da lieve a grave. I sintomi possono includere:

    • Inizialmente un’eruzione piatta e rossa appare sulla maggior parte del corpo.
    • Più tardi, appare un’eruzione secondaria, simile al morbillo.
    • Grave dolori articolari e muscolari.

    Credito immagine: calliopejen, 2009

  • 33. Ebola

    L’ebola è una grave malattia virale; si diffonde rapidamente attraverso famiglie e amici e può spesso essere fatale. Spesso, uno sfogo è uno dei sintomi:

    • Inizialmente, può essere presente una lieve eruzione cutanea di breve durata.
    • Le eruzioni cominciano a sbucciarsi e sembrano scottature.
    • Più tardi nella malattia, l’eruzione potrebbe trasformarsi in ascessi.
  • 34. SARS

    La sindrome respiratoria acuta grave (SARS) è una malattia respiratoria contagiosa e talvolta fatale. I sintomi possono includere:

    • eruzione cutanea
    • brividi
    • muscoli rigidi
  • 35. Dermatite da contatto

    La dermatite da contatto si verifica quando la pelle viene a contatto con una sostanza irritante; è relativamente comune e può essere sgradevole. I sintomi includono:

    • rash rosso, traballante che punge
    • pelle vescica
    • sensazione di bruciore
    • pelle screpolata
  • 36. Infezione fungina

    Sebbene alcuni funghi vivano naturalmente sul corpo umano, a volte possono superare. I sintomi dipendono da dove si manifesta l’infezione, ma possono includere:

    • una eruzione rossa con una forma circolare e bordi rialzati
    • cracking, desquamazione o desquamazione a secco della pelle nella zona infetta
    • irritazione, irritazione, prurito o bruciore nella zona infetta
  • 37. Allergia alla droga

    Alcune persone hanno reazioni allergiche ai farmaci prescritti. Il sistema immunitario del corpo attacca erroneamente il farmaco come se fosse un agente patogeno. I sintomi variano a seconda dell’individuo e del farmaco, ma possono includere:

    • Eruzione cutanea, compresi gli alveari
    • Prurito alla pelle o agli occhi
    • Gonfiore
  • 38. Polmonite atipica

    Chiamata anche polmonite a piedi, la polmonite atipica è meno grave della forma tipica. I sintomi possono includere:

    • eruzioni cutanee (non comune)
    • debolezza e stanchezza
    • dolore toracico, soprattutto quando si respira profondamente
  • 39. Erisipela

    L’erisipela è un’infezione della pelle. È una forma di cellulite, tuttavia, a differenza della cellulite, colpisce solo gli strati superiori della pelle, piuttosto che i tessuti più profondi. La pelle in una particolare area diventa:

    • gonfio, rosso e lucido
    • tenero e caldo al tatto
    • strisce rosse sopra l’area interessata

    Credito immagine: CDC / Dr. Thomas F. Sellers / Emory University

  • 40. Sindrome di Reye

    La sindrome di Reye è rara e si verifica più comunemente nei bambini. Può causare gravi danni agli organi del corpo, in particolare al cervello e al fegato (l’immagine a fianco mostra l’accumulo di grasso nelle cellule del fegato). I primi sintomi includono:

    • Eruzione cutanea sui palmi delle mani e dei piedi.
    • Vomito ripetuto e pesante
    • Letargia, confusione e mal di testa.
  • 41. Crisi addisoniana

    La crisi addisoniana – nota anche come crisi surrenale e insufficienza surrenalica acuta – è una condizione rara e potenzialmente fatale in cui le ghiandole surrenali smettono di funzionare correttamente. I sintomi includono:

    • reazioni cutanee, comprese eruzioni cutanee
    • bassa pressione sanguigna
    • febbre, brividi e sudorazione
  • 42. Ustioni chimiche

    Le ustioni chimiche sono relativamente comuni; possono verificarsi quando una persona entra in contatto diretto con una sostanza chimica o con i suoi fumi. I sintomi variano ma possono includere:

    • la pelle che appare nera o morta
    • irritazione, bruciore o arrossamento nella zona interessata
    • intorpidimento e dolore
  • 43. Febbre da zecca del Colorado

    La febbre da zecca del Colorado, nota anche come febbre da zecca di montagna e febbre da zecca americana, è un’infezione virale che si sviluppa dopo un morso da una zecca di legno di Rocky Mountain. I sintomi possono includere:

    • un’eruzione piatta o foruncolosa
    • dolore alla pelle o ai muscoli
    • febbre
  • 44. Avvelenamento accidentale da saponi

    Alcuni prodotti a base di sapone contengono sostanze chimiche forti. Se vengono ingeriti o inalati, possono causare seri danni. I sintomi possono includere:

    • ustioni chimiche sulla pelle
    • gonfiore della gola, delle labbra e della lingua
    • respirazione difficoltosa
  • 45. Malattia di Still dell’età adulta

    Insorgenza adulta La malattia di Still è una malattia infiammatoria rara che di solito colpisce persone di 30 anni. I sintomi includono:

    • Un rash rosa, che colpisce soprattutto il petto e le cosce, che tende a svanire rapidamente.
    • Dolore articolare e muscolare, che colpisce comunemente le ginocchia, i polsi e le caviglie.
    • Milza, fegato o linfonodi ingrossati.
  • 46. ​​Artrite idiopatica giovanile

    L’artrite idiopatica giovanile è la forma più comune di artrite nei bambini; si chiamava artrite reumatoide giovanile. I sintomi variano a seconda del sottotipo, ma possono includere:

    • eruzioni fugaci
    • un’eruzione cutanea simile alla psoriasi squamosa
    • febbre spike
  • 47. Istoplasmosi

    L’istoplasmosi è un’infezione fungina dei polmoni. A volte, non presenta sintomi, ma in altri casi produce sintomi simili alla polmonite; questi includono:

    • eruzione cutanea
    • dolore al petto
    • protuberanze rosse sulla parte inferiore delle gambe
  • 48. Dermatomiosite

    La dermatomiosite è una condizione medica che causa debolezza muscolare ed eruzioni cutanee. L’eruzione cutanea può essere di colore rosso e chiazzato o bluastro-porpora; appare in diversi punti, tra cui:

    • spalle e parte superiore della schiena
    • nocche
    • palme e dita
    • intorno agli occhi
  • 49. Malattia da trapianto contro ospite

    Le persone trattate per alcuni tipi di cancro possono talvolta essere sottoposte a un trapianto di cellule staminali; in alcuni casi, le cellule donatrici attaccano le cellule sane del ricevente invece delle cellule tumorali. I sintomi possono includere:

    • Eruzioni cutanee che colpiscono i palmi delle mani, le piante dei piedi, le orecchie o il viso.
    • Altri cambiamenti della pelle, come essiccazione, desquamazione, cicatrici, indurimento e oscuramento.
    • La perdita di capelli.
  • 50. Ittiosi vulgaris

    L’ittiosi vulgaris è una condizione della pelle ereditaria che spesso inizia nell’infanzia. È causato da una mutazione nel gene che codifica per la proteina filaggrina; le caratteristiche includono:

    • La superficie della pelle diventa secca, spessa e squamosa.
    • L’aridità è spesso accompagnata da scaglie fini, bianche o color pelle.
    • Colpisce comunemente i gomiti, gli stinchi, il viso, il cuoio capelluto e il busto.
  • 51. Pemfigoide

    Il pemfigoide è un gruppo di rare malattie autoimmuni che causano principalmente eruzioni cutanee e vesciche cutanee; ci sono tre tipi principali:

    • Bulboide pemfigoide: vesciche sul torso inferiore, inguine, ascelle, interno cosce, suole e palmi.
    • Il pemfigoide cicatriziale – colpisce principalmente le mucose.
    • Pemfigoide gestationis: si sviluppa durante la gravidanza e colpisce soprattutto la parte superiore del corpo.
  • 52. Sarcoidosi

    La sarcoidosi è una condizione che comporta la crescita di granulomi persistenti o inappropriati o gruppi di cellule infiammatorie. I sintomi includono:

    • Erythema nodosum – un’eruzione rossa alzata sugli arti inferiori.
    • Noduli o escrescenze sotto la pelle, specialmente intorno al tessuto cicatriziale.
    • Decolorazione della pelle
  • 53. Fenilchetonuria

    La fenilchetonuria è una condizione genetica che influisce sul modo in cui la fenilalanina viene metabolizzata dal corpo. Colpisce circa 1 su 10.000 bambini negli Stati Uniti. Se non trattata, la fenilalanina si accumula, causando:

    • eruzioni cutanee, come l’eczema
    • pelle e occhi più chiari a causa di livelli anormali di melanina
    • convulsioni
  • 54. Porfiria

    La porfiria si riferisce a un gruppo di disordini genetici che possono interessare il sistema nervoso o la pelle; i sintomi sono vari ma possono includere:

    • arrossamento e gonfiore sulla pelle
    • dolore bruciante sulla pelle
    • cambiamenti nella pigmentazione della pelle
  • 55. Dermatite neglect

    La dermatite neglect è una malattia della pelle che si verifica quando un individuo non si pulisce sufficientemente. Può sembrare simile ad altre condizioni allergiche. I sintomi includono chiazze di cute squamosa che sono raccolte di:

    • sudore e umidità
    • sporco
    • batteri e altri germi

    Credito d’immagine: Dr. Piotr Brzezinski Ph.D.

  • 56. Eruzione eliotropica

    L’eruzione eliotropica è spesso il primo sintomo evidente di una malattia muscolare infiammatoria chiamata dermatomiosite. L’eruzione include spesso:

    • pelle rialzata e irregolare
    • macchie rosse
    • la pelle sembra secca e irritata

    Immagine di credito: Elizabeth M. Dugan, Adam M. Huber, Frederick W. Miller, Lisa G. Rider, 2010

Che cos’è l’Eczema ? Farmajet news

  1. Sintomi
  2. Trattamento
  3. Le cause
  4. tipi
L’eczema è una condizione in cui macchie di pelle si infiammano, pruriginose, rosse, screpolate e ruvide. A volte si possono verificare vesciche.

Diverse fasi e tipi di eczema colpiscono il 31,6% delle persone negli Stati Uniti.

La parola “eczema” è anche usata specificamente per parlare di dermatite atopica, il tipo più comune di eczema.

“Atopico” si riferisce a una serie di malattie che coinvolgono il sistema immunitario, tra cui la dermatite atopica, l’ asma e il raffreddore da fieno . La dermatite è un’infiammazione della pelle.

Alcune persone superano la condizione, mentre altre continueranno ad averla in età adulta.

Questo articolo del Knowledge Center di MNT spiegherà cos’è l’eczema e discuterà i sintomi, le cause, i trattamenti e i tipi.

Fatti veloci sull’eczemaEcco alcuni punti chiave sull’eczema. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Alcuni cibi possono scatenare sintomi come noci e latticini.
  • I sintomi variano a seconda dell’età della persona con eczema, ma spesso includono chiazze squamose e pruriginose della pelle.
  • L’eczema può anche essere attivato da fattori ambientali come fumo e polline. Tuttavia, l’eczema non è una condizione curabile.
  • Il trattamento si concentra sulla guarigione della pelle danneggiata e sull’alleviare i sintomi. Non esiste ancora una cura completa per l’eczema, ma i sintomi possono essere gestiti.
  • L’eczema non è una condizione contagiosa.

SINTOMI

Sintomi

eczema

I sintomi della dermatite atopica possono variare, a seconda dell’età della persona con questa condizione.

La dermatite atopica si verifica comunemente nei bambini, con macchie secche e squamose che appaiono sulla pelle. Queste patch sono spesso intensamente prurito.

La maggior parte delle persone sviluppa una dermatite atopica prima dei 5 anni . La metà di coloro che sviluppano la condizione durante l’infanzia continuano ad avere sintomi da adulti.

Tuttavia, questi sintomi sono spesso diversi da quelli vissuti dai bambini.

Le persone con questa condizione sperimenteranno spesso periodi di tempo in cui i loro sintomi divampano o peggiorano, seguiti da periodi di tempo in cui i loro sintomi miglioreranno o si risolveranno.

Sintomi nei bambini sotto i 2 anni

  • Le eruzioni cutanee compaiono comunemente sul cuoio capelluto e sulle guance.
  • Le eruzioni di solito si gonfiano prima di fuoriuscire di liquido.
  • Le eruzioni cutanee possono causare prurito estremo. Questo potrebbe interferire con il sonno. Lo sfregamento e il graffio continui possono provocare infezioni della pelle.

I sintomi nei bambini di età compresa tra 2 anni fino alla pubertà

  • Le eruzioni compaiono comunemente dietro le pieghe dei gomiti o delle ginocchia.
  • Sono anche comuni sul collo, polsi, caviglie e la piega tra glutei e gambe.

Nel corso del tempo, possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • Le eruzioni possono diventare irregolari.
  • Le eruzioni possono schiarire o scurirsi a colori.
  • Le eruzioni cutanee possono addensarsi in un processo noto come lichenificazione. Le eruzioni cutanee possono quindi sviluppare nodi e un prurito permanente.

Sintomi negli adulti

  • Le eruzioni compaiono comunemente nelle pieghe dei gomiti o delle ginocchia o nella nuca.
  • Le eruzioni coprono gran parte del corpo.
  • Le eruzioni cutanee possono essere particolarmente evidenti sul collo, sul viso e intorno agli occhi.
  • Le eruzioni cutanee possono causare pelle molto secca.
  • Le eruzioni possono essere permanentemente pruriginose.
  • Le eruzioni negli adulti possono essere più squamose di quelle che si verificano nei bambini.
  • Le eruzioni cutanee possono portare a infezioni della pelle.

Gli adulti che hanno sviluppato la dermatite atopica da bambino, ma non lo sperimentano più, possono ancora avere pelle secca o facilmente irritabile, eczema della mano e problemi agli occhi.

L’aspetto della pelle affetta da dermatite atopica dipende da quanto una persona graffia e se la pelle è infetta. Graffiare e sfregare ulteriormente irritano la pelle, aumentano l’infiammazione e peggiorano il prurito.

Trattamento

Non esiste una cura per l’eczema. Il trattamento per la condizione ha lo scopo di guarire la pelle colpita e prevenire le riacutizzazioni dei sintomi. I medici suggeriranno un piano di trattamento basato sull’età, sui sintomi e sullo stato di salute di una persona.

Per alcune persone, l’eczema scompare nel tempo. Per gli altri, rimane una condizione permanente.

Cura della casa

Ci sono molte cose che le persone con eczema possono fare per sostenere la salute della pelle e alleviare i sintomi, come ad esempio:

  • prendendo bagni tiepidi
  • applicare idratante entro 3 minuti dal bagno per “bloccare” l’umidità
  • idratante ogni giorno
  • indossare cotone e tessuti morbidi, evitando fibre ruvide e graffianti e indumenti attillati
  • utilizzando un sapone delicato o un detergente non sapone durante il lavaggio
  • asciugare all’aria o tamponare delicatamente la pelle con un asciugamano, piuttosto che strofinare la pelle asciutta dopo il bagno
  • dove possibile, evitando rapidi cambiamenti di temperatura e attività che ti fanno sudare
  • imparando ed evitando i singoli fattori scatenanti dell’eczema
  • utilizzando un umidificatore in condizioni di clima secco o freddo
  • tenere le unghie corte per evitare di graffiare la pelle

farmaci

Ci sono diversi farmaci che i medici possono prescrivere per trattare i sintomi dell’eczema, tra cui:

  • Creme e unguenti per corticosteroidi topici: si tratta di un tipo di farmaco antinfiammatorio che dovrebbe alleviare i principali sintomi di eczema, come infiammazione della pelle e prurito. Sono applicati direttamente sulla pelle.
  • Corticosteroidi sistemici: se i trattamenti topici non sono efficaci, possono essere prescritti corticosteroidi sistemici. Questi vengono iniettati o presi per via orale e vengono utilizzati solo per brevi periodi di tempo.
  • Antibiotici: questi sono prescritti se l’eczema si verifica a fianco di un’infezione batterica della pelle.
  • Farmaci antivirali e antifungini: questi possono trattare le infezioni fungine e virali che si verificano.
  • Antistaminici: riducono il rischio di graffi notturni poiché possono causare sonnolenza.
  • Inibitori topici della calcineurina: questo è un tipo di farmaco che sopprime le attività del sistema immunitario. Riduce l’infiammazione e aiuta a prevenire le fiammate.
  • Idratanti per riparazione barriere: riducono la perdita d’acqua e lavorano per riparare la pelle.
  • Fototerapia: questo comporta l’esposizione alle onde ultraviolette A o B, da sole o combinate. La pelle sarà monitorata attentamente. Questo metodo viene normalmente utilizzato per il trattamento della dermatite moderata.

Anche se la condizione stessa non è ancora curabile, dovrebbe esserci un particolare piano di trattamento per adattarsi a ciascuna persona con sintomi diversi. Anche dopo che una zona della pelle è guarita, è importante continuare a prendersene cura, poiché potrebbe facilmente irritare di nuovo.

Le cause

eczema2

Il polline è uno dei tanti potenziali fattori scatenanti dell’eczema.

La causa specifica dell’eczema rimane sconosciuta, ma si ritiene che si sviluppi a causa di una combinazione di fattori genetici e ambientali.

L’eczema non è contagioso

I bambini hanno maggiori probabilità di sviluppare eczema se un genitore ha avuto la condizione o un’altra malattia atopica.

Se entrambi i genitori hanno una malattia atopica, il rischio è ancora maggiore.

Sono noti anche fattori ambientali per evidenziare i sintomi dell’eczema, come ad esempio:

  • Irritanti: includono saponi, detergenti, shampoo, disinfettanti, succhi di frutta fresca, carne o verdure.
  • Allergeni : acari della polvere, animali domestici, pollini, muffe e forfora possono portare all’eczema.
  • Microbi : includono batteri come Staphylococcus aureus , virus e alcuni funghi.
  • Temperature calde e fredde: molto caldo o freddo, alta e bassa umidità, e la sudorazione da esercizio fisico può portare eczema.
  • Alimenti : latticini, uova, noci e semi, prodotti a base di soia e grano possono causare riacutizzazioni dell’eczema.
  • Stress : questa non è una causa diretta dell’eczema, ma può peggiorare i sintomi.
  • Ormoni : le donne possono avvertire un aumento dei sintomi dell’eczema nei momenti in cui i loro livelli ormonali cambiano, ad esempio durante la gravidanza e in certi punti del ciclo mestruale.

 

tipi

Esistono molti tipi diversi di eczema. Mentre questo articolo si concentra principalmente sulla dermatite atopica, altri tipi includono:

  • Dermatite allergica da contatto : si tratta di una reazione cutanea in seguito al contatto con una sostanza o un allergene che il sistema immunitario riconosce come estraneo.
  • Eczema disidrico : è un’irritazione della pelle sui palmi delle mani e sulle piante dei piedi. È caratterizzato da vesciche.
  • Neurodermite : forma chiazze squamose della pelle sulla testa, avambracci, polsi e parte inferiore delle gambe. È causato da un prurito localizzato, come una puntura d’insetto.
  • Eczema nummulare : mostrano macchie circolari di pelle irritata che possono essere incrostate, squamose e pruriginose.
  • Eczema seborroico : forma chiazze di pelle grassa, squamose, giallastre, solitamente sul cuoio capelluto e sul viso.
  • Dermatite da stasi : si tratta di un’irritazione cutanea della parte inferiore della gamba, solitamente correlata a problemi circolatori.