Malattia del fegato grasso non alcolica: il nuovo farmaco si rivela “sicuro” ed efficace

Un nuovo studio clinico verifica i benefici di un farmaco orale per le persone con epatopatia adiposa non alcolica e produce risultati molto promettenti.
foto dottore.jpg

Gli scienziati possono ora avere un farmaco per la malattia del fegato grasso non alcolica.

Negli Stati Uniti, il 30–40% di tutti gli adulti vive con malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD). In Europa, il 20-30% della popolazione generale ha NAFLD e il numero è in aumento .

Nel NAFLD, che è una delle forme più comuni di malattie del fegato, una quantità eccessiva di grasso si accumula nel fegato. Questo grasso non è il risultato di un consumo eccessivo di alcol.

NAFLD può progredire in steatoepatite non alcolica (NASH), in cui infiammazione del fegato e danni alle cellule del fegato accompagnano l’accumulo di grasso. Fino al 12% della popolazione americana ha la NASH e questa condizione può progredire in cirrosi e fibrosi.

Attualmente, le opzioni terapeutiche per NAFLD sono limitate ai cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, come perdere peso ed esercitare di più. Al momento non ci sono farmaci in grado di curare la NAFLD.

Tuttavia, nuove ricerche indicano un trattamento farmacologico praticabile. Gli scienziati guidati dal Dr. Stefan Traussnigg, del Dipartimento di Medicina III della MedUni Vienna, in Austria, hanno testato i benefici dell’acido norursodesossicolico (né-urso) in uno studio clinico controllato con placebo.

Dr. Traussnigg e colleghi hanno pubblicato i loro risultati in The Lancet Gastroenterology & Hepatology.

Studiare i benefici di nor-urso per NAFLD

Nor-urso è una versione modificata dell’acido ursodesossicolico , un farmaco orale comune che può alterare la composizione della bile e dissolvere i calcoli biliari .

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’uso di nor-urso per produrre acido biliare aiuta sinteticamente a trattare un’altra condizione epatica incurabile, chiamata colangite sclerosante primaria .

Ora, il Dr. Traussnigg e il team hanno condotto uno studio clinico multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, di fase II per testare i benefici di nor-urso in 198 pazienti NAFLD in vari ospedali e centri medici in Austria e Germania.

Gli scienziati hanno diviso casualmente i partecipanti in:

  • un gruppo che ha ricevuto capsule nor-urso per un dosaggio giornaliero di 500 milligrammi (mg) (67 partecipanti)
  • un gruppo che ha ricevuto 1.500 mg di nor-urso al giorno (67 partecipanti)
  • un gruppo che ha ricevuto un placebo (64 partecipanti)

I partecipanti hanno preso il trattamento o il placebo per un periodo di 12 settimane. I ricercatori hanno seguito clinicamente i partecipanti per altre 4 settimane dopo l’intervento.

L’outcome primario che i ricercatori hanno cercato sono stati i livelli di alanina aminotransferasi(ALT), un enzima che risiede principalmente nel fegato. I livelli di ALT sono una buona misura del danno epatico e la loro valutazione è un test standard per questo tipo di danno.

Dosaggio da 1.500 mg “sicuro e ben tollerato”

I risultati dello studio hanno rivelato che né-urso ha migliorato la salute del fegato, come dimostrato dai livelli di ALT.

Gli effetti sono stati dose-dipendenti, quindi il gruppo che ha ricevuto 1.500 mg di nor-urso al giorno ha beneficiato maggiormente del farmaco e la riduzione dei livelli sierici di ALT è stata la più significativa in questo gruppo.

Un numero simile di “eventi avversi gravi” – come disturbi gastrointestinali, dolore addominale, mal di testa e infezioni – si è verificato in tutti i gruppi, incluso quello che aveva assunto il placebo.

In conclusione, un dosaggio di 1.500 mg di nor-urso “ha comportato una riduzione significativa di ALT sierica entro 12 settimane dal trattamento, rispetto al placebo”, scrivono gli autori.

“L’acido norursodesossicolico era sicuro e ben tollerato, incoraggiando ulteriori studi”, affermano.

Il composto funziona in modo “personalizzato”

Gli autori del processo spiegano i meccanismi alla base degli effetti benefici di nor-urso. Il co-autore dello studio Dr. Michael Trauner afferma che l’acido biliare creato sinteticamente protegge il fegato dall’infiammazione.

Continua: “L’acido biliare circola attraverso il corpo come un ormone steroideo e regola molti processi metabolici. Nelle malattie del fegato grasso, è come se si sviluppi una resistenza del segnale dell’acido biliare, in modo che questi processi non funzionino più correttamente”.

Nor-urso, tuttavia, “intensifica nuovamente l’effetto ormonale dell’acido biliare”. Ciò migliora le prospettive del paziente e la progressione della malattia.

Il dottor Trauner spiega anche che “l’utilizzo delle proprietà del segnale e degli effetti ormonali degli acidi biliari” è “nello spirito della medicina personalizzata” e un passo decisivo nella ricerca di trattamenti personalizzati.

Nel prossimo futuro, i ricercatori hanno in programma di testare i benefici di nor-urso per le malattie cardiovascolari, poiché questa è la principale causa di morte tra le persone con malattie del fegato grasso. Né-urso potrebbe migliorare la salute cardiometabolica e l’aspettativa di vita in generale, affermano i ricercatori.

“Sarebbe logico aspettarselo, e siamo ottimisti. Ma non l’abbiamo ancora verificato”, afferma il dott. Trauner.

Annunci

Non solo per il dolore: i nervi della pelle possono anche aiutare a combattere le infezioni

Nuove interessanti ricerche sui topi hanno rivelato che i nervi della pelle, che ci aiutano a riconoscere il dolore, hanno anche la capacità di rilevare le infezioni e impedire che si diffondano.
gomito.jpg

La ricerca sui topi trova sorprendenti nuovi ruoli per i nervi della pelle.

I nervi che avvertono il dolore hanno un uso pratico.

O indicano che dobbiamo evitare qualcosa perché fa male, o ci dicono che c’è un problema funzionale nella zona.

I ricercatori della School of Medicine dell’Università di Pittsburgh in Pennsylvania hanno scoperto che questi nervi hanno una funzione aggiuntiva.

Gli studi sui nervi della pelle usando topi hanno rivelato che questi nervi sensibili al dolore funzionano per aiutare a combattere le infezioni della pelle e impedire che si diffondano. Ciò indica che hanno un tipo di immunità che gli scienziati non hanno mai osservato prima.

I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati sulla rivista Cell .

Neuroni della pelle che combattono le infezioni

Autore senior dello studio Dr. Daniel Kaplan, Ph.D. – un professore di dermatologia e immunologia presso la School of Medicine dell’Università di Pittsburgh – ha lavorato con il dottorando Jonathan Cohen per scoprire questi risultati. Hanno anche collaborato con i professori di neurobiologia Kathy Albers, Ph.D. e Brian Davis, Ph.D.

Per lo studio, i ricercatori hanno sviluppato un modello murino in cui potevano attivare i neuroni sensibili al dolore con una luce blu. Inizialmente, hanno dimostrato che quando attivi, questi neuroni hanno rilasciato una proteina chiamata CGRP, che, a sua volta, ha attirato una varietà di cellule immunitarie nell’area.

Questo, dicono, significa che i neuroni iniziano una risposta immunitaria più velocemente di quanto possano fare le cellule immunitarie vicine.

Successivamente, il team ha infettato i topi con Candida albicans , un fungo che causa la candidosi, o Staphylococcus aureus , un batterio comune che può essere fatale in alcune circostanze.

Hanno scoperto che le cellule dei topi con infezione fungina hanno avuto una risposta interessante.

Non solo i nervi hanno lanciato una risposta immunitaria nel sito dell’infezione, ma hanno anche coinvolto il midollo spinale. Ciò ha consentito ad altri siti remoti di infezione potenziale di prepararsi in anticipo per una possibile infezione.

Ciò ha ridotto la capacità di diffusione dell’infezione, che i ricercatori hanno definito “immunità anticipatoria”.

Il vantaggio di coinvolgere il sistema nervoso è che può comunicare informazioni attraverso uno spazio in un arco di millisecondi, rispetto [con] ore o giorni alle cellule immunitarie per svolgere la stessa funzione.”

Jonathan Cohen

Molti tipi di funghi possono colpire le persone, ma C. albicans è uno dei più familiari; l’infezione che provoca (candidosi) è anche nota come mughetto.

Il mughetto si presenta in diversi modi ma colpisce spesso le mucose della bocca e della gola, il seno (nel caso dei genitori che allattano, che condividono l’infezione con il loro bambino che allatta) o nella vagina (dove viene spesso chiamato un infezione da lievito).

I sintomi dell’infezione da C. albicans nella bocca, nella gola o nell’esofago includono:

  • macchie bianche sulla lingua, guance interne, tetto della bocca o gola
  • arrossamento o indolenzimento
  • riduzione nella capacità di gusto
  • dolore durante il mangiare o la deglutizione
  • bocca asciutta
  • screpolature e arrossamenti agli angoli della bocca

In che modo questa ricerca si collega agli umani?

Kaplan afferma che sebbene questa ricerca riguardi topi, in futuro potrebbero esserci dei modi per applicarla agli umani.

I risultati possono essere particolarmente rilevanti nelle condizioni autoimmuni dei tessuti barriera, tra cui pelle e intestino.

“Comprendere questo nuovissimo tipo di immunità”, sottolinea, “solleva l’interrogante domanda se potremmo sviluppare un farmaco per sopprimere selettivamente un’eccessiva infiammazione autoimmune in tessuti specifici, evitando gli effetti collaterali negativi che derivano dall’uso di un ampio immunosoppressore che colpisce l’intero corpo “.

Che cos’è e come si cura la Cistite ?

La cistite è un’infezione del tratto urinario inferiore abbastanza comune.

Si riferisce specificamente a un’infiammazione della parete vescicale.

Sebbene la cistite non sia normalmente una condizione grave, può essere scomoda e portare a complicazioni se non trattata.

In questo articolo tratteremo le cause della cistite, come viene diagnosticata e trattata, compresi i rimedi casalinghi e come può essere prevenuta.

  • La cistite è più comunemente causata da un’infezione batterica.
  • Nella maggior parte dei casi, la cistite lieve si risolverà da sola in pochi giorni.
  • Se persiste per più di 4 giorni, dovrebbe essere discusso con un medico.

Che cos’è la cistite?

cistite news.jpg

La cistite è un’infezione della parete vescicale che può portare a un disagio continuo.

La cistite di solito si verifica quando l’uretra e la vescica, che sono normalmente sterili o prive di microbi, vengono infettate da batteri.

I batteri si attaccano al rivestimento della vescica e causano irritazione e infiammazione dell’area.

La cistite colpisce persone di entrambi i sessi e di tutte le età. È più comune tra le femmine rispetto ai maschi perché le donne hanno uretra più brevi.

Circa l’ 80% di tutte le infezioni del tratto urinario (IVU) sono causate da batteri dell’intestino che raggiungono il tratto urinario.

La maggior parte di questi batteri fa parte della flora intestinale sana, ma una volta entrati nello spazio sterile nell’uretra e nella vescica, possono causare un UTI.

Sintomi

I seguenti sono segni e sintomi comuni di cistite:

  • tracce di sangue nelle urine
  • urine scure, torbide o dall’odore intenso
  • dolore appena sopra l’osso pubico, nella parte bassa della schiena o nell’addome
  • sensazione di bruciore durante la minzione
  • urinare frequentemente o sentire la necessità di urinare frequentemente

Le persone anziane possono sentirsi deboli e febbrili ma non presentano nessuno degli altri sintomi sopra menzionati. Possono anche presentarsi con uno stato mentale alterato.

Vi è una frequente necessità di urinare, ma ogni volta vengono passate solo piccole quantità di urina.

Quando i bambini hanno la cistite, possono presentare uno dei sintomi sopra elencati, oltre a vomito e debolezza generale.

Alcune altre malattie o condizioni hanno sintomi simili alla cistite, tra cui:

  • uretrite o infiammazione dell’uretra
  • sindrome del dolore alla vescica
  • prostatite o infiammazione della ghiandola prostatica
  • iperplasia prostatica benigna, negli uomini
  • sindrome del tratto urinario inferiore
  • gonorrea
  • clamidia
  • candida o mughetto

Le cause

cistite catetere.jpg

L’uso prolungato di un catetere può portare alla cistite.

Esistono molte possibili cause di cistite. La maggior parte sono infettivi e la maggior parte di questi casi deriva da un’infezione ascendente. I batteri entrano dalle strutture genito-urinarie esterne.

I fattori di rischio includono :

  • Uso del tampone: quando si inserisce un tampone, esiste un leggero rischio che i batteri entrino attraverso l’uretra.
  • Inserimento, modifica o uso prolungato di un catetere urinario : è possibile che il catetere porti batteri lungo il tratto urinario.
  • Diaframma per il controllo delle nascite: esiste una maggiore incidenza di cistite tra le donne che usano il diaframma con spermicidi, rispetto alle donne sessualmente attive che non ne usano uno.
  • Vescica piena: se la vescica non viene svuotata completamente, crea un ambiente in cui i batteri si moltiplicano. Questo è abbastanza comune tra donne in gravidanza o uomini la cui prostata è ingrossata.
  • Attività sessuale: le donne sessualmente attive hanno un rischio maggiore di batteri che entrano attraverso l’uretra.
  • Blocco in parte del sistema urinario che impedisce il flusso di urina.
  • Altri problemi alla vescica o ai reni.
  • Sesso frequente o vigoroso: questo aumenta le possibilità di danni fisici, che a loro volta aumentano la probabilità di cistite. Questo a volte viene chiamato cistite da luna di miele.
  • Caduta di estrogeni livelli: Durante la menopausa , i livelli di estrogeni goccia, e il rivestimento di uretra di una donna si assottiglia. Più sottile diventa il rivestimento, maggiori sono le possibilità di infezione e danno. Dopo la menopausa, il rischio è più alto.
  • Sesso: l’apertura dell’uretra di una donna è più vicina all’ano di quella di un uomo, quindi c’è un rischio maggiore di batteri dall’intestino che entrano nell’uretra.
  • Riduzione del muco: durante la menopausa, le donne producono meno muco nella zona vaginale. Questo muco normalmente funge da strato protettivo contro i batteri.
  • Radioterapia: danni alla vescica possono causare cistite da radiazioni tardive.

Le donne in terapia ormonale sostitutiva (TOS) hanno un rischio inferiore di sviluppare cistite rispetto alle donne in menopausa che non sono in terapia ormonale sostitutiva . Tuttavia, la terapia ormonale sostitutiva presenta una propria serie di rischi, quindi non viene abitualmente utilizzata per il trattamento della cistite infettiva nelle donne in post-menopausa.

Diagnosi

Un medico porrà al paziente alcune domande, effettuerà un esame ed eseguirà un test delle urine. Il test delle urine verrà inviato a un laboratorio oppure il medico potrà utilizzare un’astina di livello. I risultati dell’astina di livello delle urine ritornano rapidamente mentre il paziente è ancora in ufficio.

Una coltura di urina o un campione di urina cateterizzata può essere eseguita per determinare il tipo di batteri nelle urine. Dopo aver scoperto quale batterio specifico sta causando l’infezione, il medico prescriverà un antibiotico orale .

La maggior parte dei medici offrirà anche di testare un’infezione a trasmissione sessuale (STI). Le IST hanno spesso sintomi simili alla cistite.

I pazienti che ottengono regolarmente la cistite potrebbero aver bisogno di ulteriori test.

Ciò potrebbe includere una ecografia , una radiografia o una cistoscopia della vescica, utilizzando una fotocamera a fibra ottica.

Rimedi

I seguenti rimedi domestici e misure possono aiutare:

  • Gli antidolorifici, come il paracetamolo (Tachipirina) o l’ibuprofene, possono alleviare il disagio. Questi sono disponibili per l’acquisto online .
  • L’integratore piu’ consigliato per curare la cistite e’ il Cistidin Plus
  • L’acqua e altri liquidi aiutano a scaricare i batteri attraverso il sistema.
  • L’alcool dovrebbe essere evitato.
  • I mirtilli contengono un principio attivo che impedisce ai batteri di attaccarsi alla parete della vescica, ma il succo o le capsule di mirtillo potrebbero non contenere abbastanza ingrediente attivo per prevenire i sintomi.
  • Astenersi dal sesso riduce la possibilità che i batteri entrino nell’uretra.

CISTIDIN PLUS NATURPHARMA 30 CAPSULE

Integratore alimentare per il benessere delle vie urinarie a base di Cranberry e Uva ursina, con l’aggiunta di D-Mannosio e Inulina. I componenti aiutano a prevenire i disturbi che possono alterare la normale funzionalità delle vie urinarie. COntiene principi attivi con alta biodisponibilità ed una scelta rigorosa e certificata delle materie prime utilizzate.

Senza glutine, senza GMO, vegan approved, vegetarian V-Caps.

Componenti principali:

– D-mannosio: è uno zucchero semplice, un monosaccaride isomero del glucosio, a basso peso molecolare e di estrazione vegetale, che una volta ingerito viene scarsamente assorbito dalle cellule del nostro organismo e in buona parte e eliminato non metabolizzato attraverso le feci e le urine. L’inizio dell’infezione batterica all’apparato uro-genitale e determinata dal legame del fattore di virulenza FimH di Escherichia coli con gli oligosaccaridi fisiologicamente presenti sulla superficie delle cellule dell’epitelio vescicale e vaginale.
Da diversi anni l’affinita del D mannosio per le adesine FimH, localizzate sulla punta delle fimbrie batteriche di tipo 1, mannosio sensibili, è ampiamente riconosciuta. Il D-mannosio compete con i residui glucidici dei recettori glicoproteici cellulari e, quando presente in concentrazione sufficiente nelle urine, “inganna” i batteri dotati di fimbrie mannosio sensibili, neutralizzandoli e agendo come inibitore competitivo della loro adesione alle cellule dell’urotelio.
Il D-mannosio agisce con una duplice modalita:
– Difensiva, perche impedisce l’impianto di E. coli sui recettori delle cellule vescicali e dell’epitelio vaginale o ne facilita il distacco meccanico grazie alla elevata affinita per le adesine delle fimbrie batteriche;
– Riparativo-ricostruttiva, perche contribuisce alla ristrutturazione dello strato di mucopolisaccaridi (Glicosaminoglicani, GAG) della parete vescicale e della mucosa vaginale danneggiate, garantendo cosi una maggiore protezione da successivi insulti batterici [4-5].

– Cranberry: è ormai consolidato l’utilizzo di Cranberry (mirtillo rosso americano) come strategia alternativa agli antibiotici largamente usati per il trattamento delle cistiti. L’efficacia di Cranberry si basa sui molteplici studi che hanno dimostrato la capacità antiadesiva dell’estratto nei confronti delle P-fimbrie di E. coli alle mucose urogenitali. Il Cranberry presenta diversi tipi di Proantocianidine (classificate come A e B) ma sembrerebbero quelle di tipo A ad esercitare maggiormente l’attivita antiadesiva nei confronti delle P-fimbrie di E. coli. E’ da tener presente, inoltre, che il Cranberry sembrerebbe essere l’unico a possedere queste specifiche proantocianidine.
Nelle cistiti anche il batterio Proteus mirabilis gioca un ruolo molto importante e il Cranberry ha dimostrato una capacita d’inibizione del 75% verso questo batterio, cosi come una riduzione della sua mobilita e dell’attivita ureasica. Per quanto riguarda la dose più efficace, diversi studi riportano che l’assunzione giornaliera di succo o preparazioni in estratto secco di Cranberry debba contenere 36 mg di PAC.

– Uva ursina: l’attività “antimicrobica” dell’Uva ursina e sfruttata da tempo nel trattamento delle cistiti. L’azione della pianta, attribuibile all’arbutina, sembra essere quella di apportare cambiamenti nella parete cellulare microbica in maniera tale da diminuirne l’adesivita alle pareti delle mucose urinarie. Inoltre l’Uva ursina ha dimostrato la capacità di stimolare la diuresi (senza influire sull’escrezione di sodio e potassio) ed ha proprieta antinfiammatorie.

Modo d’uso:

Si consiglia l’assunzione di 1 capsula al mattino e 1 capsula la sera lontano dai pasti.

Ingredienti:

D-mannosio; inulina; Uva ursina (Arctostaphylos uva ursi (L.) spreng) foglie estratto secco tit. 10% in arbutina; agente di rivestimento: idrossipropilmetil cellulosa; Cranberry (Vaccinium macrocarpon Aiton) frutti succo estratto secco tit. al 40% in protoantocianidine (PAC); agente antiagglomerante: sali di magnesio degli acidi grassi.

Tenori medi per dose massima giornaliera:

Cranberry e.s. 120 mg pari a PAC 48 mg;
D-mannosio 250 mg;
Uva ursina e.s. 200 mg pari ad arbutina 20 mg;
Inulina 210 mg.

Trattamento

Antibiotici per cistite

La cistite può essere trattata con antibiotici.

La maggior parte dei casi di cistite lieve si risolverà da sola entro pochi giorni. Qualsiasi cistite che dura più di 4 giorni deve essere discussa con un medico.

I medici possono prescrivere un ciclo di antibiotici di 3 o 7-10 giorni, a seconda del paziente. Questo dovrebbe iniziare ad alleviare i sintomi entro un giorno.

Se i sintomi non migliorano dopo l’assunzione degli antibiotici, il paziente deve tornare dal medico.

Gli antibiotici comunemente usati per la cistite batterica sono nitrofurantoina, trimetoprim-sulfametossazolo, amoxicillina, cefalosporine, ciprofloxacina e levofloxacina.

Nelle persone anziane e in quelle con sistema immunitario indebolito, dovuto, ad esempio, al diabete , c’è un rischio maggiore che l’infezione si diffonda al rene e ad altre complicazioni.

Le persone vulnerabili e le donne in gravidanza devono essere prontamente trattate.

Prevenzione

La cistite spesso non è prevenibile, ma possono essere utili le seguenti misure:

  • praticando una buona igiene dopo il sesso
  • usando saponi neutri e non profumati attorno ai genitali. I saponi per pelli sensibili sono disponibili per l’acquisto online .
  • svuotare completamente la vescica durante la minzione
  • non rimandare la minzione
  • evitando biancheria intima attillata e pantaloni attillati
  • indossare biancheria intima di cotone. Diversi stili sono disponibili per l’acquisto online .
  • asciugandosi da davanti a dietro
  • usando un lubrificante durante il sesso. Confronta le diverse marche online prima dell’acquisto.

Gli utenti del catetere devono chiedere a un medico o un’infermiera come evitare danni quando si cambia il catetere.

La maggior parte delle donne dovrebbe avere almeno un episodio di cistite durante la propria vita e molte ne avranno più di una.

Tutti gli uomini e i bambini dovrebbero consultare un medico se hanno la cistite.

Quando gli uomini hanno la cistite, può essere più grave che per le donne.

È più probabile che la cistite maschile derivi da un’altra condizione di base, come un’infezione alla prostata, il cancro , un’ostruzione o un ingrossamento della prostata.

Gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini hanno maggiori probabilità di avere cistite rispetto ad altri uomini.

Nella maggior parte dei casi di cistite maschile, il trattamento precoce risolve efficacemente il problema, ma le infezioni della vescica maschile non trattate possono portare a infezioni o danni ai reni o alla prostata.

Come curare il Cancro alla Prostata con il Lupron.

Lupron è il nome commerciale del leuprolide acetato. Questo farmaco è un tipo di terapia ormonale che i medici usano in genere in combinazione con altri trattamenti per curare le persone con cancro alla prostata.

Il lupron appartiene a una classe di farmaci chiamati agonisti dell’ormone di rilascio dell’ormone luteinizzante (LHRH). Questi farmaci bloccano la produzione di LHRH nel corpo, il che porta i testicoli a produrre meno testosterone .

Il lupron è uno dei numerosi farmaci che i medici possono prescrivere per aiutare a combattere il cancro alla prostata riducendo i livelli di testosterone nel corpo.

In questo articolo, esploriamo come funziona Lupron, quanto è efficace e cosa aspettarsi durante il trattamento. Discutiamo anche di riacutizzazioni di testosterone, effetti collaterali e prospettive per le persone con cancro alla prostata.

Come funziona?

iniezione di lupron.jpg

Un medico somministrerà Lupron come un piccolo impianto iniettato sotto la pelle.

Il lupron e altri agonisti dell’LHRH sono forme di terapia ormonale. Per le persone con carcinoma prostatico, lo scopo della terapia ormonale è ridurre i livelli di testosterone nel corpo.

Gli ormoni maschili, come il testosterone, incoraggiano la crescita delle cellule tumorali della prostata. Pertanto, abbassare i livelli di testosterone nel corpo può aiutare a rallentare la progressione del cancro alla prostata.

I medici in genere prescrivono la terapia ormonale per le persone con carcinoma prostatico in fase avanzata o carcinoma prostatico che ritorna. Alcuni medici usano la terapia ormonale quando la malattia è nelle prime fasi, ma l’ American Cancer Society (ACS) raccomanda di guardare e aspettare come l’approccio migliore per il carcinoma prostatico in fase iniziale.

Quanto è efficace?

Le terapie ormonali, come il Lupron, sono spesso efficaci in combinazione con altri trattamenti per le persone con carcinoma della prostata in fase avanzata. Molti medici non raccomandano la terapia ormonale nelle prime fasi di questa malattia.

Un potenziale problema è che il cancro alla prostata può diventare resistente agli agonisti dell’LHRH nel tempo in alcune persone.

Secondo l’ ACS , i medici possono raccomandare terapie ormonali, come il Lupron, per:

  • tumore che ritorna dopo radioterapia o chirurgia
  • il cancro che si è diffuso troppo per la radioterapia o la chirurgia per curarla
  • persone che non possono sottoporsi a radioterapia o chirurgia
  • contrarre il cancro prima della radioterapia
  • le persone che stanno avendo la radioterapia e hanno un alto rischio di ritorno del cancro dopo il trattamento

Cosa aspettarsi durante il trattamento

I medici usano spesso terapie ormonali, come il Lupron, in combinazione con radioterapia o altri trattamenti. Possono anche usarlo dopo l’intervento chirurgico.

Gli operatori sanitari amministrano Lupron come deposito, che è un piccolo impianto che iniettano sotto la pelle della persona. L’individuo può spesso scegliere un sito di iniezione adatto a loro. I siti di iniezione comuni includono:

  • Arti superiori
  • cosce esterne
  • natiche

Il regime di trattamento per Lupron dipenderà dalle circostanze dell’individuo e una persona può lavorare con il proprio medico per determinare il dosaggio migliore. Alcuni dosaggi tipici includono:

  • 7,5 mg – un’iniezione ogni 4 settimane
  • 22,5 mg – un’iniezione ogni 12 settimane
  • 30 mg – un’iniezione ogni 16 settimane
  • 45 mg – un’iniezione ogni 24 settimane

Quando una persona inizia per la prima volta il trattamento con Lupron, può avere una diminuizione di testosterone. Successivamente, possono manifestare effetti collaterali a causa di livelli molto bassi di testosterone nel loro corpo. Dopo l’interruzione del trattamento, i livelli di testosterone iniziano a tornare alla normalità.

I sintomi di un abbassamento di testosterone possono includere:

  • blocco degli ureteri, i tubi che trasportano l’urina dai reni alla vescica
  • dolore osseo
  • peggioramento dei sintomi nervosi
  • compressione del midollo spinale
  • problemi con la minzione

Per aiutare a prevenire un’eruzione di testosterone, i medici possono anche prescrivere un farmaco anti-androgeno durante le prime settimane di trattamento con un agonista dell’LHRH.

Effetti collaterali

luron effetti collaterali.jpg

Gli effetti collaterali di Lupron possono includere vampate di calore, depressione e affaticamento.

Come con qualsiasi trattamento medico, Lupron e altre terapie ormonali possono causare effetti collaterali. Molti di questi effetti collaterali sono sintomi di livelli molto bassi di testosterone.

I possibili effetti collaterali delle terapie ormonali, come il Lupron, possono includere :

  • perdita di massa muscolare
  • vampate di calore
  • fatica
  • irritazione della pelle nel sito di iniezione
  • disfunzione erettile o perdita di desiderio sessuale
  • testicoli e pene ristretti
  • cambiamenti nei lipidi nel sangue
  • depressione
  • osteoporosi
  • sbalzi d’umore
  • tenerezza al seno
  • aumento di peso
  • la crescita del tessuto mammario
  • anemia

Una persona dovrebbe discutere di eventuali effetti collaterali che stanno vivendo con il proprio team sanitario. Se gli effetti collaterali sono gravi, il medico può raccomandare di modificare il dosaggio o provare un trattamento diverso.

Opzioni di trattamento alternative

Esistono diverse opzioni terapeutiche per il carcinoma prostatico, inclusi altri agonisti dell’LHRH e vari tipi di terapia ormonale.

Altri agonisti di LHRH includono :

  • goserelin (Zoladex)
  • triptorelina (Trelstar)
  • histrelin (Vantas)

Le terapie ormonali alternative includono:

  • orchiectomia . Conosciuto anche come castrazione chirurgica, questa è una procedura chirurgica per rimuovere i testicoli di una persona. I testicoli producono la maggior parte del testosterone del corpo.
  • Antagonisti di LHRH . Questi farmaci funzionano in modo simile agli agonisti dell’LHRH, ma abbassano i livelli di testosterone molto più rapidamente. Gli antagonisti dell’LHRH sono una forma di castrazione chimica e i medici li usano per curare le persone con carcinoma prostatico avanzato.
  • Inibitori del CYP17 . Oltre ai testicoli, altre cellule del corpo producono piccole quantità di testosterone. Gli inibitori del CYP17 impediscono a queste cellule di produrre testosterone.
  • Anti-androgeni . Questi farmaci impediscono al testosterone di funzionare nel corpo. I medici di solito prescrivono anti-androgeni in combinazione con altre terapie ormonali.

Il primo trattamento per le persone con carcinoma della prostata è spesso un’attesa vigile, in cui un medico controlla da vicino una persona per vedere come progredisce la malattia. Il cancro alla prostata può progredire molto lentamente e alcune persone potrebbero non aver mai bisogno di alcun trattamento.

Se il tumore di una persona progredisce verso fasi più avanzate, le opzioni di trattamento possono includere:

  • radioterapia
  • chirurgia
  • crioterapia
  • chemioterapia
  • trattamento del vaccino

I medici spesso usano terapie ormonali in combinazione con o seguendo uno di questi trattamenti.

prospettiva

dottore che spiega lupron.jpg

I tassi di sopravvivenza per il cancro alla prostata sono generalmente molto alti.

Poiché il cancro alla prostata spesso progredisce molto lentamente, i tassi di sopravvivenza per questa malattia sono generalmente elevati.

Secondo l’ ACS , il tasso complessivo di sopravvivenza relativa a 5 anni per il cancro alla prostata è del 98 percento. Questa statistica significa che le persone con carcinoma prostatico hanno il 98 percento di probabilità di vivere per almeno 5 anni dopo la diagnosi rispetto a quelle senza la condizione.

Tuttavia, le prospettive di una persona possono dipendere da quanto è avanzata la malattia quando un medico le diagnostica il cancro alla prostata.

Per le persone con cancro che non si è diffuso oltre la prostata o si è diffuso solo nei tessuti o nei linfonodi vicini, il tasso di sopravvivenza relativa a 5 anni è quasi del 100 percento . Se il tumore si è diffuso ad altre aree del corpo, come polmoni, fegato o ossa, il tasso di sopravvivenza relativa a 5 anni è del 30 percento .

È importante notare che le prospettive di tutti sono diverse e che i medici hanno basato queste stime sui dati degli uomini che hanno ricevuto una diagnosi tra il 2008 e il 2014.

Sommario

Il lupron è un tipo di terapia ormonale per il cancro alla prostata. Funziona abbassando la quantità di testosterone nel corpo di una persona, che aiuta a rallentare la crescita delle cellule tumorali.

I medici prescrivono spesso terapie ormonali in combinazione con radioterapia o dopo un intervento chirurgico. Somministrano Lupron iniettandolo sotto la pelle di una persona, cosa che faranno tra una volta al mese e una volta ogni 6 mesi.

Poiché Lupron abbassa i livelli di testosterone, può causare una serie di effetti collaterali. Chiunque manifesti sintomi gravi o preoccupanti potrebbe voler discuterne con il proprio medico.

Cos’è l’emicrania oculare?

L’ emicrania oculare può essere dolorosa e invalidante, ma ci sono modi per aiutare a prevenire e ridurre i sintomi.

In questo articolo, discutiamo i sintomi, le cause e i rischi dell’emicrania oculare.

 

Cos’è l’emicrania oculare?

emicrania oculare

Un’emicrania oculare è un’emicrania che provoca sintomi visivi.

La comunità medica definisce l’emicrania oculare come emicrania che provoca sintomi visivi, con o senza altri sintomi dell’emicrania, come un mal di testa .

Secondo l’American Migraine Foundation, circa il 25-30% delle persone con emicrania ha un’aura, ma meno del 20% di queste persone la sperimenta ad ogni episodio di emicrania.

L’emicrania oculare che non causa aura è di solito chiamata emicrania comune. I medici si riferiranno in genere a un episodio di emicrania oculare con aura ma senza mal di testa o dolore come emicrania acefalgica o silenziosa.

L’emicrania silenziosa è piuttosto rara ma tende a presentarsi più frequentemente con l’invecchiamento della persona.

Alcune persone usano i termini “emicrania oculare” e “emicrania retinica” in modo intercambiabile, ma le due condizioni non sono uguali e richiedono cure diverse.

 

Sintomi

I sintomi causati dall’emicrania oculare variano ampiamente tra gli individui.

Tuttavia, possono includere:

  • vedere lampi temporanei di stelle, linee a zig-zag o altri schemi
  • un punto luminoso o cieco che inizia nel centro della visione e si diffonde fino a coprire metà del campo visivo
  • biascicamento
  • abilità motorie compromesse
  • sensibilità alla luce e al suono
  • nausea e vomito
  • formicolio o intorpidimento su un lato del corpo
  • dolore intenso, che può essere pulsante o pulsante, in uno o entrambi i lati della testa
  • dolore che l’attività aggrava

L’emicrania silenziosa di solito provoca alcuni dei sintomi visivi dell’emicrania ma nessun dolore alla testa.

I sintomi visivi dovuti all’emicrania oculare possono essere spaventosi e invalidanti, ma la maggior parte ha vita breve. Tuttavia, i sintomi non visivi, come il dolore intenso, possono durare da alcune ore a qualche giorno.

L’aura tende a durare tra 10 e 30 minuti . Si sviluppa in genere poco prima o durante l’emicrania ed è il secondo dei quattro stadi dell’emicrania. L’aura generalmente insorge prima che l’emicrania diventi dolorosa.

L’emicrania retinica provoca mal di testa, nonché gravi punti ciechi o cecità in un occhio che dura per meno di 1 ora .

Le cause

I ricercatori non sono sicuri del perché si verifichino emicrania o episodi.

Una teoria è che sono dovuti all’infiammazione nel cervello, che può far gonfiare i vasi sanguigni e esercitare pressione sui nervi, causando dolore.

L’aura dell’emicrania può svilupparsi a causa di un’anomala attività elettrica nella superficie esterna del cervello, o corteccia, che si diffonde lentamente come un’onda sulla porzione visiva del cervello.

L’emicrania sembra anche avere un legame con i geni di una persona. Secondo la Migraine Research Foundation, il 90% delle persone con questa condizione ha una storia familiare di emicrania.

Nelle femmine, gli episodi di emicrania possono anche essere correlati ai cambiamenti ormonali che si verificano durante il ciclo mestruale.

Alcune persone hanno maggiori probabilità di avere un episodio di emicrania o mal di testa dopo aver riscontrato trigger specifici.

I trigger di emicrania di ognuno sono diversi, ma quelli comuni includono:

  • fissando a lungo uno schermo
  • percorrendo lunghe distanze
  • essere in condizioni di scarsa o scarsa illuminazione
  • saltare i pasti
  • disidratazione
  • troppo poco o troppo sonno
  • cambiamenti ormonali
  • cambiamenti del tempo
  • alcool, in particolare vino rosso
  • ansia e stress
  • odori forti
  • rumori forti
  • troppa caffeina
  • ritiro della caffeina
  • nitrati, come quelli di salumi e molti pasti pronti
  • aspartame
  • tiramina, che si trova in formaggi stagionati, fave, salsicce dure, prodotti a base di soia e pesce affumicato
  • glutammato monosodico (MSG)
  • calore eccessivo o alta quota

Rischi associati

L’emicrania oculare può causare sintomi dolorosi e può essere spaventosa per alcune persone, ma gli episodi hanno quasi sempre una vita relativamente breve.

Un’emicrania retinica, tuttavia, provoca sintomi simili all’emicrania oculare e può portare a una grave e irreversibile perdita della vista.

Chiunque pensi di avere un episodio di emicrania retinica dovrebbe sempre parlare con un medico o cercare cure di emergenza.

Alcuni segni che aiutano a distinguere l’emicrania retinica dall’emicrania oculare includono:

  • sintomi che colpiscono solo un occhio
  • grave perdita della vista
  • cecità temporanea
  • vedendo luci scintillanti

Se una persona non riceve un trattamento tempestivo per le condizioni di emicrania, può diventare più sensibile ai sintomi ogni volta che si verificano. Questo processo può portare a mal di testa giornalieri cronici o episodi di emicrania.

L’uso eccessivo di antidolorifici può anche causare ulteriori mal di testa chiamati mal di testa da rimbalzo.

L’emicrania con aura può anche aumentare il rischio di ictus nelle donne, specialmente in coloro che assumono farmaci a base di estrogeni o fumo.

I sintomi dell’emicrania oculare possono rendere difficili attività come guidare, camminare, leggere, lavorare e prendersi cura dei bambini piccoli. Le persone che manifestano sintomi di emicrania oculare dovrebbero interrompere ciò che stanno facendo e riposare fino a quando i sintomi non sono passati.

Se una persona manifesta sintomi durante la guida, deve fermarsi in sicurezza sul lato della strada e attendere fino a quando non si sente meglio per riprendere il viaggio

Quando vedere un dottore

Tutti hanno mal di testa ogni tanto, ma un mal di testa richiede un trattamento diverso.

Le persone dovrebbero parlare con un medico se hanno:

  • problemi di vista con mal di testa
  • diversi mal di testa ogni mese che durano per molte ore o giorni
  • mal di testa che interferiscono con la vita di tutti i giorni
  • nausea e vomito con mal di testa
  • problemi sensoriali con mal di testa
  • un forte mal di testa che provoca un torcicollo
  • mal di testa dopo un colpo alla testa
  • nessuna storia di episodi di emicrania, ma ora con frequenti mal di testa
  • perdita di allerta o confusione con mal di testa
  • convulsioni con mal di testa
  • mal di testa che richiedono antidolorifici più di due volte a settimana

 

Diagnosi

Poiché non esiste un test specifico disponibile per identificare le condizioni di emicrania, un medico può:

  • eseguire un esame fisico
  • rivedere la storia medica completa di una persona
  • porre domande su sintomi, uso di farmaci e fattori dello stile di vita

Tenendo conto di tutte queste informazioni, un medico può quindi utilizzare alcune linee guida per diagnosticare qualcuno con una condizione di emicrania.

Secondo le linee guida della International Headache Society , un’emicrania provoca almeno cinque episodi sintomatici, ciascuno della durata di 4-72 ore senza trattamento e inclusi sintomi diversi da un mal di testa.

Un medico può diagnosticare qualcuno con emicrania oculare se hanno sintomi visivi coerenti con l’emicrania. Escluderanno anche le condizioni degli occhi.

 

Trattamento e prevenzione

emicranea agopuntura

Strumenti di riduzione dello stress come l’agopuntura potrebbero aiutare a ridurre la frequenza di episodi di emicrania grave.

Il trattamento dell’emicrania oculare di solito si concentra sulla prevenzione e riduzione dei sintomi.

Erenumab (Aimovig) è un farmaco che blocca l’attività di una molecola chiamata peptide correlato al gene della calcitonina, che svolge un ruolo negli episodi di emicrania.

Altri farmaci che i produttori hanno sviluppato per condizioni diverse possono anche aiutare a prevenire i sintomi dell’emicrania. Questi includono farmaci per:

  • alta pressione sanguigna
  • epilessia o condizioni convulsive
  • depressione
  • terapia ormonale

I medici possono anche prescrivere la tossina botulinica A per aiutare a prevenire l’emicrania cronica. Questo farmaco richiede la raccomandazione di uno specialista. Altri suoi usi includono il trattamento degli spasmi.

Alcuni cambiamenti nello stile di vita e le terapie possono anche ridurre la frequenza e la gravità dell’emicrania o degli episodi. Queste opzioni includono:

  • evitando troppo tempo guardando gli schermi
  • affrontare lo stress usando strumenti come l’esercizio fisico, tecniche di rilassamento, agopuntura e meccanismi di biofeedback
  • tenere traccia dei sintomi per trovare i fattori scatenanti dell’emicrania
  • perdere peso in caso di sovrappeso
  • Smettere di fumare
  • mangiare pasti regolari
  • rimanere idratato
  • stabilire un programma di sonno coerente
  • limitare il consumo di caffeina e alcol
  • curare l’ansia e la depressione con la consulenza e altre opzioni

Alcuni farmaci possono ridurre i sintomi dell’emicrania una volta che si sviluppano. In generale, i farmaci sono più efficaci prima che qualcuno li assuma dopo l’inizio dei sintomi.

Analgesici da banco, tra cui aspirina , acetaminofene e farmaci antinfiammatori non steroidei, a volte possono alleviare i sintomi dell’emicrania.

Se questi farmaci falliscono, una persona dovrebbe parlare con un medico degli antidolorifici prescritti.

 

prospettiva

Non esiste una cura per l’emicrania oculare, ma alcuni farmaci, adattamenti dello stile di vita e altre terapie possono aiutare a prevenire o ridurre i sintomi dell’emicrania.

Ottenere un trattamento adeguato per l’emicrania oculare è vitale, poiché le persone possono diventare più sensibili ai sintomi con ogni episodio di emicrania e questo può portare a emicrania quotidiana cronica.

È importante parlare con un medico di mal di testa gravi, frequenti o invalidanti, nonché di quelli che causano altri sintomi, come problemi sensoriali o nausea. Una persona dovrebbe cercare cure di emergenza per i sintomi visivi che colpiscono solo un occhio.