Che cos’è e come si cura la Cistite ?

La cistite è un’infezione del tratto urinario inferiore abbastanza comune.

Si riferisce specificamente a un’infiammazione della parete vescicale.

Sebbene la cistite non sia normalmente una condizione grave, può essere scomoda e portare a complicazioni se non trattata.

In questo articolo tratteremo le cause della cistite, come viene diagnosticata e trattata, compresi i rimedi casalinghi e come può essere prevenuta.

  • La cistite è più comunemente causata da un’infezione batterica.
  • Nella maggior parte dei casi, la cistite lieve si risolverà da sola in pochi giorni.
  • Se persiste per più di 4 giorni, dovrebbe essere discusso con un medico.

Che cos’è la cistite?

cistite news.jpg

La cistite è un’infezione della parete vescicale che può portare a un disagio continuo.

La cistite di solito si verifica quando l’uretra e la vescica, che sono normalmente sterili o prive di microbi, vengono infettate da batteri.

I batteri si attaccano al rivestimento della vescica e causano irritazione e infiammazione dell’area.

La cistite colpisce persone di entrambi i sessi e di tutte le età. È più comune tra le femmine rispetto ai maschi perché le donne hanno uretra più brevi.

Circa l’ 80% di tutte le infezioni del tratto urinario (IVU) sono causate da batteri dell’intestino che raggiungono il tratto urinario.

La maggior parte di questi batteri fa parte della flora intestinale sana, ma una volta entrati nello spazio sterile nell’uretra e nella vescica, possono causare un UTI.

Sintomi

I seguenti sono segni e sintomi comuni di cistite:

  • tracce di sangue nelle urine
  • urine scure, torbide o dall’odore intenso
  • dolore appena sopra l’osso pubico, nella parte bassa della schiena o nell’addome
  • sensazione di bruciore durante la minzione
  • urinare frequentemente o sentire la necessità di urinare frequentemente

Le persone anziane possono sentirsi deboli e febbrili ma non presentano nessuno degli altri sintomi sopra menzionati. Possono anche presentarsi con uno stato mentale alterato.

Vi è una frequente necessità di urinare, ma ogni volta vengono passate solo piccole quantità di urina.

Quando i bambini hanno la cistite, possono presentare uno dei sintomi sopra elencati, oltre a vomito e debolezza generale.

Alcune altre malattie o condizioni hanno sintomi simili alla cistite, tra cui:

  • uretrite o infiammazione dell’uretra
  • sindrome del dolore alla vescica
  • prostatite o infiammazione della ghiandola prostatica
  • iperplasia prostatica benigna, negli uomini
  • sindrome del tratto urinario inferiore
  • gonorrea
  • clamidia
  • candida o mughetto

Le cause

cistite catetere.jpg

L’uso prolungato di un catetere può portare alla cistite.

Esistono molte possibili cause di cistite. La maggior parte sono infettivi e la maggior parte di questi casi deriva da un’infezione ascendente. I batteri entrano dalle strutture genito-urinarie esterne.

I fattori di rischio includono :

  • Uso del tampone: quando si inserisce un tampone, esiste un leggero rischio che i batteri entrino attraverso l’uretra.
  • Inserimento, modifica o uso prolungato di un catetere urinario : è possibile che il catetere porti batteri lungo il tratto urinario.
  • Diaframma per il controllo delle nascite: esiste una maggiore incidenza di cistite tra le donne che usano il diaframma con spermicidi, rispetto alle donne sessualmente attive che non ne usano uno.
  • Vescica piena: se la vescica non viene svuotata completamente, crea un ambiente in cui i batteri si moltiplicano. Questo è abbastanza comune tra donne in gravidanza o uomini la cui prostata è ingrossata.
  • Attività sessuale: le donne sessualmente attive hanno un rischio maggiore di batteri che entrano attraverso l’uretra.
  • Blocco in parte del sistema urinario che impedisce il flusso di urina.
  • Altri problemi alla vescica o ai reni.
  • Sesso frequente o vigoroso: questo aumenta le possibilità di danni fisici, che a loro volta aumentano la probabilità di cistite. Questo a volte viene chiamato cistite da luna di miele.
  • Caduta di estrogeni livelli: Durante la menopausa , i livelli di estrogeni goccia, e il rivestimento di uretra di una donna si assottiglia. Più sottile diventa il rivestimento, maggiori sono le possibilità di infezione e danno. Dopo la menopausa, il rischio è più alto.
  • Sesso: l’apertura dell’uretra di una donna è più vicina all’ano di quella di un uomo, quindi c’è un rischio maggiore di batteri dall’intestino che entrano nell’uretra.
  • Riduzione del muco: durante la menopausa, le donne producono meno muco nella zona vaginale. Questo muco normalmente funge da strato protettivo contro i batteri.
  • Radioterapia: danni alla vescica possono causare cistite da radiazioni tardive.

Le donne in terapia ormonale sostitutiva (TOS) hanno un rischio inferiore di sviluppare cistite rispetto alle donne in menopausa che non sono in terapia ormonale sostitutiva . Tuttavia, la terapia ormonale sostitutiva presenta una propria serie di rischi, quindi non viene abitualmente utilizzata per il trattamento della cistite infettiva nelle donne in post-menopausa.

Diagnosi

Un medico porrà al paziente alcune domande, effettuerà un esame ed eseguirà un test delle urine. Il test delle urine verrà inviato a un laboratorio oppure il medico potrà utilizzare un’astina di livello. I risultati dell’astina di livello delle urine ritornano rapidamente mentre il paziente è ancora in ufficio.

Una coltura di urina o un campione di urina cateterizzata può essere eseguita per determinare il tipo di batteri nelle urine. Dopo aver scoperto quale batterio specifico sta causando l’infezione, il medico prescriverà un antibiotico orale .

La maggior parte dei medici offrirà anche di testare un’infezione a trasmissione sessuale (STI). Le IST hanno spesso sintomi simili alla cistite.

I pazienti che ottengono regolarmente la cistite potrebbero aver bisogno di ulteriori test.

Ciò potrebbe includere una ecografia , una radiografia o una cistoscopia della vescica, utilizzando una fotocamera a fibra ottica.

Rimedi

I seguenti rimedi domestici e misure possono aiutare:

  • Gli antidolorifici, come il paracetamolo (Tachipirina) o l’ibuprofene, possono alleviare il disagio. Questi sono disponibili per l’acquisto online .
  • L’integratore piu’ consigliato per curare la cistite e’ il Cistidin Plus
  • L’acqua e altri liquidi aiutano a scaricare i batteri attraverso il sistema.
  • L’alcool dovrebbe essere evitato.
  • I mirtilli contengono un principio attivo che impedisce ai batteri di attaccarsi alla parete della vescica, ma il succo o le capsule di mirtillo potrebbero non contenere abbastanza ingrediente attivo per prevenire i sintomi.
  • Astenersi dal sesso riduce la possibilità che i batteri entrino nell’uretra.

CISTIDIN PLUS NATURPHARMA 30 CAPSULE

Integratore alimentare per il benessere delle vie urinarie a base di Cranberry e Uva ursina, con l’aggiunta di D-Mannosio e Inulina. I componenti aiutano a prevenire i disturbi che possono alterare la normale funzionalità delle vie urinarie. COntiene principi attivi con alta biodisponibilità ed una scelta rigorosa e certificata delle materie prime utilizzate.

Senza glutine, senza GMO, vegan approved, vegetarian V-Caps.

Componenti principali:

– D-mannosio: è uno zucchero semplice, un monosaccaride isomero del glucosio, a basso peso molecolare e di estrazione vegetale, che una volta ingerito viene scarsamente assorbito dalle cellule del nostro organismo e in buona parte e eliminato non metabolizzato attraverso le feci e le urine. L’inizio dell’infezione batterica all’apparato uro-genitale e determinata dal legame del fattore di virulenza FimH di Escherichia coli con gli oligosaccaridi fisiologicamente presenti sulla superficie delle cellule dell’epitelio vescicale e vaginale.
Da diversi anni l’affinita del D mannosio per le adesine FimH, localizzate sulla punta delle fimbrie batteriche di tipo 1, mannosio sensibili, è ampiamente riconosciuta. Il D-mannosio compete con i residui glucidici dei recettori glicoproteici cellulari e, quando presente in concentrazione sufficiente nelle urine, “inganna” i batteri dotati di fimbrie mannosio sensibili, neutralizzandoli e agendo come inibitore competitivo della loro adesione alle cellule dell’urotelio.
Il D-mannosio agisce con una duplice modalita:
– Difensiva, perche impedisce l’impianto di E. coli sui recettori delle cellule vescicali e dell’epitelio vaginale o ne facilita il distacco meccanico grazie alla elevata affinita per le adesine delle fimbrie batteriche;
– Riparativo-ricostruttiva, perche contribuisce alla ristrutturazione dello strato di mucopolisaccaridi (Glicosaminoglicani, GAG) della parete vescicale e della mucosa vaginale danneggiate, garantendo cosi una maggiore protezione da successivi insulti batterici [4-5].

– Cranberry: è ormai consolidato l’utilizzo di Cranberry (mirtillo rosso americano) come strategia alternativa agli antibiotici largamente usati per il trattamento delle cistiti. L’efficacia di Cranberry si basa sui molteplici studi che hanno dimostrato la capacità antiadesiva dell’estratto nei confronti delle P-fimbrie di E. coli alle mucose urogenitali. Il Cranberry presenta diversi tipi di Proantocianidine (classificate come A e B) ma sembrerebbero quelle di tipo A ad esercitare maggiormente l’attivita antiadesiva nei confronti delle P-fimbrie di E. coli. E’ da tener presente, inoltre, che il Cranberry sembrerebbe essere l’unico a possedere queste specifiche proantocianidine.
Nelle cistiti anche il batterio Proteus mirabilis gioca un ruolo molto importante e il Cranberry ha dimostrato una capacita d’inibizione del 75% verso questo batterio, cosi come una riduzione della sua mobilita e dell’attivita ureasica. Per quanto riguarda la dose più efficace, diversi studi riportano che l’assunzione giornaliera di succo o preparazioni in estratto secco di Cranberry debba contenere 36 mg di PAC.

– Uva ursina: l’attività “antimicrobica” dell’Uva ursina e sfruttata da tempo nel trattamento delle cistiti. L’azione della pianta, attribuibile all’arbutina, sembra essere quella di apportare cambiamenti nella parete cellulare microbica in maniera tale da diminuirne l’adesivita alle pareti delle mucose urinarie. Inoltre l’Uva ursina ha dimostrato la capacità di stimolare la diuresi (senza influire sull’escrezione di sodio e potassio) ed ha proprieta antinfiammatorie.

Modo d’uso:

Si consiglia l’assunzione di 1 capsula al mattino e 1 capsula la sera lontano dai pasti.

Ingredienti:

D-mannosio; inulina; Uva ursina (Arctostaphylos uva ursi (L.) spreng) foglie estratto secco tit. 10% in arbutina; agente di rivestimento: idrossipropilmetil cellulosa; Cranberry (Vaccinium macrocarpon Aiton) frutti succo estratto secco tit. al 40% in protoantocianidine (PAC); agente antiagglomerante: sali di magnesio degli acidi grassi.

Tenori medi per dose massima giornaliera:

Cranberry e.s. 120 mg pari a PAC 48 mg;
D-mannosio 250 mg;
Uva ursina e.s. 200 mg pari ad arbutina 20 mg;
Inulina 210 mg.

Trattamento

Antibiotici per cistite

La cistite può essere trattata con antibiotici.

La maggior parte dei casi di cistite lieve si risolverà da sola entro pochi giorni. Qualsiasi cistite che dura più di 4 giorni deve essere discussa con un medico.

I medici possono prescrivere un ciclo di antibiotici di 3 o 7-10 giorni, a seconda del paziente. Questo dovrebbe iniziare ad alleviare i sintomi entro un giorno.

Se i sintomi non migliorano dopo l’assunzione degli antibiotici, il paziente deve tornare dal medico.

Gli antibiotici comunemente usati per la cistite batterica sono nitrofurantoina, trimetoprim-sulfametossazolo, amoxicillina, cefalosporine, ciprofloxacina e levofloxacina.

Nelle persone anziane e in quelle con sistema immunitario indebolito, dovuto, ad esempio, al diabete , c’è un rischio maggiore che l’infezione si diffonda al rene e ad altre complicazioni.

Le persone vulnerabili e le donne in gravidanza devono essere prontamente trattate.

Prevenzione

La cistite spesso non è prevenibile, ma possono essere utili le seguenti misure:

  • praticando una buona igiene dopo il sesso
  • usando saponi neutri e non profumati attorno ai genitali. I saponi per pelli sensibili sono disponibili per l’acquisto online .
  • svuotare completamente la vescica durante la minzione
  • non rimandare la minzione
  • evitando biancheria intima attillata e pantaloni attillati
  • indossare biancheria intima di cotone. Diversi stili sono disponibili per l’acquisto online .
  • asciugandosi da davanti a dietro
  • usando un lubrificante durante il sesso. Confronta le diverse marche online prima dell’acquisto.

Gli utenti del catetere devono chiedere a un medico o un’infermiera come evitare danni quando si cambia il catetere.

La maggior parte delle donne dovrebbe avere almeno un episodio di cistite durante la propria vita e molte ne avranno più di una.

Tutti gli uomini e i bambini dovrebbero consultare un medico se hanno la cistite.

Quando gli uomini hanno la cistite, può essere più grave che per le donne.

È più probabile che la cistite maschile derivi da un’altra condizione di base, come un’infezione alla prostata, il cancro , un’ostruzione o un ingrossamento della prostata.

Gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini hanno maggiori probabilità di avere cistite rispetto ad altri uomini.

Nella maggior parte dei casi di cistite maschile, il trattamento precoce risolve efficacemente il problema, ma le infezioni della vescica maschile non trattate possono portare a infezioni o danni ai reni o alla prostata.

Annunci

Che cos’è la Cistite? Farmajet news

Quando si parla di cistite sintomi e rimedi devono essere ben chiari così da poter correre ai ripari tempestivamente evitando conseguenze più gravi . Eccovi alcuni consigli, come riconoscerla, come curarla e come prevenirlacistite

La cistite è un’infezione delle basse vie urinarieche si manifesta con una infiammazione della mucosa vescicale e che porta con sè una serie di sintomi che sarà importante conoscere per individuare subito il problema e ricorrere quindi ad una cura e dei rimedi.

Si tratta di un problema molto frequente per le donne ma che può colpire anche i maschi adulti, sebbene con un’incidenza molto bassa.

fattori di rischio più significativi della cistite per una donna sono: frequenti rapporti sessuali che, a causa della penetrazione favorirebbero l’ingresso di batteri, uso di contraccettivi come il diaframma e lo spermicida, l’uso inappropriato di antimicrobici che andrebbero ad influire negativamente sulla flora batterica vaginale, nonché fattori fisiologici come la distanza media dell’uretra dall’ano più corta di alcuni millilitri.

Le cause principali dell’infiammazione sono la risalita verso la vescica di batteri di origine vaginali, fecale o uretrale. In linea generale non è necessario chiamare il medico: se ne ha già sofferto una donna sa quali sono i sintomi di una cistite e, pertanto, è in grado di curarsi da sola con farmaci da banco o prodotti naturali.

Al contrario, è consigliabile interpellare un dottore se l’urina diventa maleodorante, compare la febbre oltre i 38 gradi, compaiono vomito o nausea e dolori addominali.

Vediamo insieme quali sono, per la cistite, sintomi e cure, nonché consigli per la prevenzione.

cistite2

CISTITE: SINTOMI E PRIMI SEGNALI

Saper riconoscere i sintomi della cistite fin dalle primissime avvisaglie potrebbe essere utile per arrestarla sul nascere ed evitare fastidi e dolori maggiori. Eccovi un elenco dei sintomi dell’infiammazione che dovrebbero essere un campanello d’allarme.

Cistite sintomi donne:

  • bisogno continuo di urinare che comporta una riduzione del volume vuotato;
  • bruciore o dolore durante la minzione, talvolta accompagnato da brividi;
  • tenesmo vescicale, ovvero uno spasmo doloroso che precede l’urgente bisogno di fare pipì;
  • urine torbide che possono diventare maleodoranti;
  • difficoltà nell’urinare che comporta una minzione lenta o scarsa;
  • presenza di sangue nelle urine.

Se l’infezione dovesse complicarsi è possibile che compaia febbre accompagnata a dolori lombari e brividi di freddo; in questo caso è probabile che l’infezione si sia propagata alle alte vie urinarie e si debba intervenire con una cura antibiotica, pertanto si dovrà consultare il medico. I sintomi della cistite sono simili anche nell’uomo.

cistite3

Uno dei sintomi è difficoltà nell’urinare

La diagnosi di una cistite può avvenire anche tramite l’esame fisico-chimico delle urine (urinocultura), mirato alla ricerca di batteri associati alla presenza di leucociti e, talvolta, tracce ematiche.

L’urinocultura solitamente non è necessaria o quasi superflua, potrebbe diventare indispensabile, però, se venite colpite da cistite in modo ricorrente o vi sono sintomi che possono far pensare ad una infezione renale.

Negli altri casi, la maggior parte delle volte, i risultati di laboratorio pervengono quando l’infiammazione è già passata…sarebbe solo uno spreco di tempo e soldi.

CISTITE: RIMEDI E CURA

Curare la cistite fin dai primi sintomi è essenziale, ed è altrettanto importante, farlo con estrema accuratezza in modo da non entrare nel circolo vizioso delle ricadute.

L’uso di antibiotici è sconsigliato, nonché spesso inutile. I farmaci, che solitamente vengono prescritti per combattere la cistite, sono antimicrobici e chemioterapici che vanno assunti per un ciclo di almeno 4-5 giorni, comunque secondo quanto riportato nel bugiardino o prescritto dal medico.

Di recente sono stati messi appunto alcuni nuovi trattamenti contro la cistite a base di acido ialuronico e condroitinsolfato, maggiormente indicati per le forme gravi o le recidive.

In ogni caso, qualunque sia la cura che dovrete seguire, è essenziale bere molta acqua per pulire le vie urinarie.

cistite4

Bere acqua aiuta a prevenire e curare la cistite

La cistite può essere curata anche con rimedi naturali efficaci che sfruttano le virtù antinfiammatorie e calmanti di molte piante. Tra i prodotti naturali più adeguati, l’uva ursina sembra essere una dei più efficaci.

Potrete, ad esempio, preparare una tisana a base di foglie sminuzzate di Uva ursina, betulla (diuretica) e timo (analgesico e antinfiammatorio).

Per quanto riguarda gli alimenti da evitare durante l’infiammazione, sono sconsigliati alimenti proteici di origine animale, i cereali, le prugne ed i mirtilli, caffè, alcol, bevande a base di caffeina, peperoncino e cibi speziati.

La prevenzione è un fattore importante nella lotta alla cistite, pertanto non dimenticate di bere sempre molta acqua, fare pipì ogni volta che ne avete bisogno, non assumere cibi e bevande che possono irritare l’intestino; urinare sempre prima di andare a letto e dopo un rapporto sessuale e, infine, curate la stitichezza perché la stipsi favorisce la contaminazione del tratto urinario.

Che cos’è la Cistite ? Sintomi Rimedi e cura.

Quando si parla di cistite sintomi e rimedi devono essere ben chiari così da poter correre ai ripari tempestivamente evitando conseguenze più gravi . Eccovi alcuni consigli, come riconoscerla, come curarla e come prevenirla

La cistite è un’infezione delle basse vie urinarieche si manifesta con una infiammazione della mucosa vescicale e che porta con sè una serie di sintomi che sarà importante conoscere per individuare subito il problema e ricorrere quindi ad una cura e dei rimedi.

Si tratta di un problema molto frequente per le donne ma che può colpire anche i maschi adulti, sebbene con un’incidenza molto bassa.

fattori di rischio più significativi della cistite per una donna sono: frequenti rapporti sessuali che, a causa della penetrazione favorirebbero l’ingresso di batteri, uso di contraccettivi come il diaframma e lo spermicida, l’uso inappropriato di antimicrobici che andrebbero ad influire negativamente sulla flora batterica vaginale, nonché fattori fisiologici come la distanza media dell’uretra dall’ano più corta di alcuni millilitri.

Le cause principali dell’infiammazione sono la risalita verso la vescica di batteri di origine vaginali, fecale o uretrale. In linea generale non è necessario chiamare il medico: se ne ha già sofferto una donna sa quali sono i sintomi di una cistite e, pertanto, è in grado di curarsi da sola con farmaci da banco o prodotti naturali.

Al contrario, è consigliabile interpellare un dottore se l’urina diventa maleodorante, compare la febbre oltre i 38 gradi, compaiono vomito o nausea e dolori addominali.

Vediamo insieme quali sono, per la cistite, sintomi e cure, nonché consigli per la prevenzione.cistite 2

 CISTITE: SINTOMI E PRIMI SEGNALI

Saper riconoscere i sintomi della cistite fin dalle primissime avvisaglie potrebbe essere utile per arrestarla sul nascere ed evitare fastidi e dolori maggiori. Eccovi un elenco dei sintomi dell’infiammazione che dovrebbero essere un campanello d’allarme.

Cistite sintomi donne:

  • bisogno continuo di urinare che comporta una riduzione del volume vuotato;
  • bruciore o dolore durante la minzione, talvolta accompagnato da brividi;
  • tenesmo vescicale, ovvero uno spasmo doloroso che precede l’urgente bisogno di fare pipì;
  • urine torbide che possono diventare maleodoranti;
  • difficoltà nell’urinare che comporta una minzione lenta o scarsa;
  • presenza di sangue nelle urine.

Se l’infezione dovesse complicarsi è possibile che compaia febbre accompagnata a dolori lombari e brividi di freddo; in questo caso è probabile che l’infezione si sia propagata alle alte vie urinarie e si debba intervenire con una cura antibiotica, pertanto si dovrà consultare il medico. I sintomi della cistite sono simili anche nell’uomo.

cistite 1
Uno dei sintomi è difficoltà nell’urinare

La diagnosi di una cistite può avvenire anche tramite l’esame fisico-chimico delle urine (urinocultura), mirato alla ricerca di batteri associati alla presenza di leucociti e, talvolta, tracce ematiche.

L’urinocultura solitamente non è necessaria o quasi superflua, potrebbe diventare indispensabile, però, se venite colpite da cistite in modo ricorrente o vi sono sintomi che possono far pensare ad una infezione renale.

Negli altri casi, la maggior parte delle volte, i risultati di laboratorio pervengono quando l’infiammazione è già passata…sarebbe solo uno spreco di tempo e soldi.

Cistite: sintomi, rimedi e cura

CISTITE: RIMEDI E CURA

Curare la cistite fin dai primi sintomi è essenziale, ed è altrettanto importante, farlo con estrema accuratezza in modo da non entrare nel circolo vizioso delle ricadute.

L’uso di antibiotici è sconsigliato, nonché spesso inutile. I farmaci, che solitamente vengono prescritti per combattere la cistite, sono antimicrobici e chemioterapici che vanno assunti per un ciclo di almeno 4-5 giorni, comunque secondo quanto riportato nel bugiardino o prescritto dal medico.

Di recente sono stati messi appunto alcuni nuovi trattamenti contro la cistite a base di acido ialuronico e condroitinsolfato, maggiormente indicati per le forme gravi o le recidive.

In ogni caso, qualunque sia la cura che dovrete seguire, è essenziale bere molta acqua per pulire le vie urinarie.

cistite 3
Bere acqua aiuta a prevenire e curare la cistite

La cistite può essere curata anche con rimedi naturali efficaci che sfruttano le virtù antinfiammatorie e calmanti di molte piante. Tra i prodotti naturali più adeguati, l’uva ursina sembra essere una dei più efficaci.

Potrete, ad esempio, preparare una tisana a base di foglie sminuzzate di Uva ursina, betulla (diuretica) e timo (analgesico e antinfiammatorio).

Per quanto riguarda gli alimenti da evitare durante l’infiammazione, sono sconsigliati alimenti proteici di origine animale, i cereali, le prugne ed i mirtilli, caffè, alcol, bevande a base di caffeina, peperoncino e cibi speziati.

La prevenzione è un fattore importante nella lotta alla cistite, pertanto non dimenticate di bere sempre molta acqua, fare pipì ogni volta che ne avete bisogno, non assumere cibi e bevande che possono irritare l’intestino; urinare sempre prima di andare a letto e dopo un rapporto sessuale e, infine, curate la stitichezza perché la stipsi favorisce la contaminazione del tratto urinario.