Malattia del fegato grasso non alcolica: il nuovo farmaco si rivela “sicuro” ed efficace

Un nuovo studio clinico verifica i benefici di un farmaco orale per le persone con epatopatia adiposa non alcolica e produce risultati molto promettenti.
foto dottore.jpg

Gli scienziati possono ora avere un farmaco per la malattia del fegato grasso non alcolica.

Negli Stati Uniti, il 30–40% di tutti gli adulti vive con malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD). In Europa, il 20-30% della popolazione generale ha NAFLD e il numero è in aumento .

Nel NAFLD, che è una delle forme più comuni di malattie del fegato, una quantità eccessiva di grasso si accumula nel fegato. Questo grasso non è il risultato di un consumo eccessivo di alcol.

NAFLD può progredire in steatoepatite non alcolica (NASH), in cui infiammazione del fegato e danni alle cellule del fegato accompagnano l’accumulo di grasso. Fino al 12% della popolazione americana ha la NASH e questa condizione può progredire in cirrosi e fibrosi.

Attualmente, le opzioni terapeutiche per NAFLD sono limitate ai cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, come perdere peso ed esercitare di più. Al momento non ci sono farmaci in grado di curare la NAFLD.

Tuttavia, nuove ricerche indicano un trattamento farmacologico praticabile. Gli scienziati guidati dal Dr. Stefan Traussnigg, del Dipartimento di Medicina III della MedUni Vienna, in Austria, hanno testato i benefici dell’acido norursodesossicolico (né-urso) in uno studio clinico controllato con placebo.

Dr. Traussnigg e colleghi hanno pubblicato i loro risultati in The Lancet Gastroenterology & Hepatology.

Studiare i benefici di nor-urso per NAFLD

Nor-urso è una versione modificata dell’acido ursodesossicolico , un farmaco orale comune che può alterare la composizione della bile e dissolvere i calcoli biliari .

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’uso di nor-urso per produrre acido biliare aiuta sinteticamente a trattare un’altra condizione epatica incurabile, chiamata colangite sclerosante primaria .

Ora, il Dr. Traussnigg e il team hanno condotto uno studio clinico multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, di fase II per testare i benefici di nor-urso in 198 pazienti NAFLD in vari ospedali e centri medici in Austria e Germania.

Gli scienziati hanno diviso casualmente i partecipanti in:

  • un gruppo che ha ricevuto capsule nor-urso per un dosaggio giornaliero di 500 milligrammi (mg) (67 partecipanti)
  • un gruppo che ha ricevuto 1.500 mg di nor-urso al giorno (67 partecipanti)
  • un gruppo che ha ricevuto un placebo (64 partecipanti)

I partecipanti hanno preso il trattamento o il placebo per un periodo di 12 settimane. I ricercatori hanno seguito clinicamente i partecipanti per altre 4 settimane dopo l’intervento.

L’outcome primario che i ricercatori hanno cercato sono stati i livelli di alanina aminotransferasi(ALT), un enzima che risiede principalmente nel fegato. I livelli di ALT sono una buona misura del danno epatico e la loro valutazione è un test standard per questo tipo di danno.

Dosaggio da 1.500 mg “sicuro e ben tollerato”

I risultati dello studio hanno rivelato che né-urso ha migliorato la salute del fegato, come dimostrato dai livelli di ALT.

Gli effetti sono stati dose-dipendenti, quindi il gruppo che ha ricevuto 1.500 mg di nor-urso al giorno ha beneficiato maggiormente del farmaco e la riduzione dei livelli sierici di ALT è stata la più significativa in questo gruppo.

Un numero simile di “eventi avversi gravi” – come disturbi gastrointestinali, dolore addominale, mal di testa e infezioni – si è verificato in tutti i gruppi, incluso quello che aveva assunto il placebo.

In conclusione, un dosaggio di 1.500 mg di nor-urso “ha comportato una riduzione significativa di ALT sierica entro 12 settimane dal trattamento, rispetto al placebo”, scrivono gli autori.

“L’acido norursodesossicolico era sicuro e ben tollerato, incoraggiando ulteriori studi”, affermano.

Il composto funziona in modo “personalizzato”

Gli autori del processo spiegano i meccanismi alla base degli effetti benefici di nor-urso. Il co-autore dello studio Dr. Michael Trauner afferma che l’acido biliare creato sinteticamente protegge il fegato dall’infiammazione.

Continua: “L’acido biliare circola attraverso il corpo come un ormone steroideo e regola molti processi metabolici. Nelle malattie del fegato grasso, è come se si sviluppi una resistenza del segnale dell’acido biliare, in modo che questi processi non funzionino più correttamente”.

Nor-urso, tuttavia, “intensifica nuovamente l’effetto ormonale dell’acido biliare”. Ciò migliora le prospettive del paziente e la progressione della malattia.

Il dottor Trauner spiega anche che “l’utilizzo delle proprietà del segnale e degli effetti ormonali degli acidi biliari” è “nello spirito della medicina personalizzata” e un passo decisivo nella ricerca di trattamenti personalizzati.

Nel prossimo futuro, i ricercatori hanno in programma di testare i benefici di nor-urso per le malattie cardiovascolari, poiché questa è la principale causa di morte tra le persone con malattie del fegato grasso. Né-urso potrebbe migliorare la salute cardiometabolica e l’aspettativa di vita in generale, affermano i ricercatori.

“Sarebbe logico aspettarselo, e siamo ottimisti. Ma non l’abbiamo ancora verificato”, afferma il dott. Trauner.

Annunci