Quali alimenti proteggono il fegato?

Il fegato è responsabile della scomposizione dei carboidrati, della produzione di glucosio e della disintossicazione del corpo. Conserva anche i nutrienti e crea la bile, che è necessaria per digerire e assorbire correttamente i nutrienti negli alimenti. Ci sono molti cibi e bevande che una persona può consumare per aiutare a proteggere il fegato.

La salute del fegato è vitale per la salute generale. La disfunzione epatica può portare a patologie epatiche, disturbi metabolici e persino diabete di tipo 2 .

Mentre può essere impossibile gestire tutti i fattori di rischio, il consumo di determinati alimenti e bevande può aiutare a promuovere la salute del fegato.

In questo articolo tratteremo i migliori alimenti per la salute del fegato, i loro effetti benefici per l’organo e alcuni alimenti da evitare.

I migliori cibi e bevande per la salute del fegato

Alcuni dei migliori cibi e bevande che fanno bene al fegato includono:

1. Caffè

caffe tazza.jpg

Bere caffè offre protezione contro le malattie del fegato grasso.

Una recensione del 2013 che appare sulla rivista Liver International suggerisce che oltre il 50% delle persone negli Stati Uniti consuma caffè ogni giorno.

Il caffè sembra essere buono per il fegato, soprattutto perché protegge da problemi come le malattie del fegato grasso.

La recensione rileva inoltre che l’assunzione giornaliera di caffè può aiutare a ridurre il rischio di malattie epatiche croniche. Può anche proteggere il fegato da condizioni dannose, come il cancro al fegato .

Uno studio del 2014 che appare sul Journal of Clinical Gastroenterology suggerisce che gli effetti protettivi del caffè sono dovuti al modo in cui influenza gli enzimi epatici.

Il caffè, sembra, sembra ridurre l’accumulo di grasso nel fegato. Aumenta anche gli antiossidanti protettivi nel fegato. I composti del caffè aiutano anche gli enzimi epatici a liberare il corpo dalle sostanze cancerogene.

2. Farina d’avena

Il consumo di farina d’avena è un modo semplice per aggiungere fibre alla dieta. La fibra è uno strumento importante per la digestione e le fibre specifiche dell’avena possono essere particolarmente utili per il fegato. L’avena e la farina d’avena sono ricchi di composti chiamati beta-glucani.

Secondo uno studio del 2017 dell’International Journal of Molecular Sciences , i beta-glucani sono molto biologicamente attivi nel corpo. Aiutano a modulare il sistema immunitario e combattere l’ infiammazione e possono essere particolarmente utili nella lotta contro il diabete e l’ obesità .

La recensione rileva inoltre che i beta-glucani di avena sembrano aiutare a ridurre la quantità di grasso immagazzinato nel fegato nei topi, il che potrebbe anche aiutare a proteggere il fegato. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi clinici per confermarlo.

Le persone che cercano di aggiungere avena o farina d’avena alla loro dieta dovrebbero cercare avena intera o avena tagliata in acciaio, piuttosto che farina d’avena preconfezionata. La farina d’avena preconfezionata può contenere riempitivi come farina o zuccheri, che non saranno altrettanto benefici per il corpo.

3. Tè verde

te verde tazza 1.jpg

Il consumo di tè verde può aiutare a ridurre il contenuto complessivo di grassi.

Uno studio del 2015 sul World Journal of Gastroenterology rileva che il tè verde può aiutare a ridurre il contenuto complessivo di grassi, combattere lo stress ossidativo e ridurre altri segni di malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD).

È importante notare che il tè può essere migliore degli estratti, poiché alcuni estratti possono danneggiare il fegato piuttosto che curarlo.

Lo studio rileva che non ci sono ancora raccomandazioni specifiche per le persone con questa condizione di consumare tè o estratti di tè, ma il legame con la salute del fegato è promettente.

4. Aglio

L’aggiunta di aglio alla dieta può anche aiutare a stimolare il fegato. Uno studio del 2016 che appare sulla rivista Advanced Biomedical Research rileva che il consumo di aglio riduce il peso corporeo e il contenuto di grassi nelle persone con NAFLD, senza cambiamenti nella massa magra. Questo è vantaggioso, in quanto essere in sovrappeso o obesi è un fattore che contribuisce a NAFLD.

5. Bacche

Molte bacche scure, come mirtilli , lamponi e mirtilli rossi, contengono antiossidanti chiamati polifenoli, che possono aiutare a proteggere il fegato dai danni.

Come suggerisce uno studio sul World Journal of Gastroenterology , mangiare regolarmente bacche può anche aiutare a stimolare il sistema immunitario.

6. Uva

Lo studio che appare sul World Journal of Gastroenterology riporta che uva, succo d’uva e semi d’uva sono ricchi di antiossidanti che possono aiutare il fegato riducendo l’infiammazione e prevenendo danni al fegato.

Mangiare uva intera e seminata è un modo semplice per aggiungere questi composti alla dieta. Un integratore di estratto di semi d’uva può anche fornire antiossidanti.

7. Pompelmo

Lo studio del World Journal of Gastroenterology menziona anche il pompelmo come alimento utile. Il pompelmo contiene due antiossidanti primari: la naringina e la naringenina. Questi possono aiutare a proteggere il fegato dalle lesioni riducendo l’infiammazione e proteggendo le cellule del fegato.

I composti possono anche ridurre l’accumulo di grasso nel fegato e aumentare gli enzimi che bruciano i grassi. Ciò può rendere il pompelmo uno strumento utile nella lotta contro la NAFLD.

8. Fico d’India

Anche il frutto e il succo del fico d’India possono essere utili per la salute del fegato. Lo studio del World Journal of Gastroenterology suggerisce che i composti del frutto possono aiutare a proteggere l’organo.

La maggior parte della ricerca si concentra sugli estratti del frutto, tuttavia, quindi sono necessari studi che si concentrino sul frutto o sul succo stesso.

9. Alimenti vegetali in generale

avocado.jpg

Gli avocado e altri alimenti vegetali contengono composti strettamente legati alla salute del fegato.

Uno studio del 2015 che appare sulla rivista Evidence-based Complementary and Alternative Medicine riporta che un gran numero di alimenti vegetali può essere utile per il fegato.

Questi includono:

  • avocado
  • Banana
  • orzo
  • barbabietole e succo di barbabietola
  • broccoli
  • riso integrale
  • carote
  • Figura
  • verdure come cavoli 
  • Limone
  • papaia
  • anguria

Le persone dovrebbero mangiare questi alimenti come parte di una dieta completa ed equilibrata.

10. Pesce grasso

Come sottolinea uno studio del World Journal of Gastroenterology , il consumo di pesce grasso e integratori di olio di pesce può aiutare a ridurre l’impatto di condizioni come la NAFLD.

Il pesce grasso è ricco di acidi grassi omega-3, che sono i grassi buoni che aiutano a ridurre l’infiammazione. Questi grassi possono essere particolarmente utili nel fegato, poiché sembrano prevenire l’accumulo di grassi in eccesso e mantenere i livelli di enzimi nel fegato.

Lo studio raccomanda di mangiare pesce grasso due o più volte alla settimana. Se non è facile incorporare nella dieta pesce grasso come aringhe o salmone, prova a prendere un supplemento giornaliero di olio di pesce.

11. Noci

Lo stesso studio afferma che mangiare noci può essere un altro modo semplice per mantenere il fegato sano e proteggere dal NAFLD. Le noci contengono generalmente acidi grassi insaturi, vitamina E e antiossidanti. Questi composti possono aiutare a prevenire la NAFLD, oltre a ridurre l’infiammazione e lo stress ossidativo.

Mangiare una manciata di noci, come noci o mandorle, ogni giorno può aiutare a mantenere la salute del fegato. Le persone dovrebbero essere sicure di non mangiarne troppe, tuttavia, poiché le noci sono ricche di calorie .

12. Olio d’oliva

Mangiare troppo grasso non fa bene al fegato, ma alcuni grassi possono aiutarlo. Secondo lo studio del World Journal of Gastroenterology , l’aggiunta di olio d’oliva alla dieta può aiutare a ridurre lo stress ossidativo e migliorare la funzionalità epatica. Ciò è dovuto all’alto contenuto di acidi grassi insaturi nell’olio.

Alimenti da evitare

In generale, trovare un equilibrio nella dieta manterrà il fegato sano. Tuttavia, ci sono anche alcuni alimenti e gruppi alimentari che il fegato trova più difficile da elaborare. Questi includono:

  • Cibi grassi: questi includono cibi fritti, fast food e piatti da asporto da molti ristoranti. Snack, patatine e noci confezionati possono anche essere sorprendentemente ricchi di grassi.
  • Alimenti ricchi di amido: includono pane, pasta e torte o prodotti da forno.
  • Zucchero: ridurre lo zucchero e gli alimenti zuccherati come cereali, prodotti da forno e caramelle può aiutare a ridurre lo stress sul fegato.
  • Sale: i modi più semplici per ridurre l’assunzione di sale includono mangiare meno, evitare carni in scatola o verdure e ridurre o evitare salumi e pancetta salate.
  • Alcol: chiunque cerchi di rompere il fegato dovrebbe considerare di ridurre il consumo di alcol o di eliminarlo completamente dalla dieta.

Sommario

Il fegato svolge un ruolo importante nel corpo. Mentre si occupa in gran parte di se stesso, una persona può aiutare a mantenere la salute del fegato consumando alcuni cibi e bevande.

Esistono anche molti tipi di alimenti che possono danneggiare il fegato.

La scelta di cibi che fanno bene al fegato può aiutare una persona a evitare potenziali problemi di salute in futuro.

Annunci

Malattia del fegato grasso non alcolica: il nuovo farmaco si rivela “sicuro” ed efficace

Un nuovo studio clinico verifica i benefici di un farmaco orale per le persone con epatopatia adiposa non alcolica e produce risultati molto promettenti.
foto dottore.jpg

Gli scienziati possono ora avere un farmaco per la malattia del fegato grasso non alcolica.

Negli Stati Uniti, il 30–40% di tutti gli adulti vive con malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD). In Europa, il 20-30% della popolazione generale ha NAFLD e il numero è in aumento .

Nel NAFLD, che è una delle forme più comuni di malattie del fegato, una quantità eccessiva di grasso si accumula nel fegato. Questo grasso non è il risultato di un consumo eccessivo di alcol.

NAFLD può progredire in steatoepatite non alcolica (NASH), in cui infiammazione del fegato e danni alle cellule del fegato accompagnano l’accumulo di grasso. Fino al 12% della popolazione americana ha la NASH e questa condizione può progredire in cirrosi e fibrosi.

Attualmente, le opzioni terapeutiche per NAFLD sono limitate ai cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, come perdere peso ed esercitare di più. Al momento non ci sono farmaci in grado di curare la NAFLD.

Tuttavia, nuove ricerche indicano un trattamento farmacologico praticabile. Gli scienziati guidati dal Dr. Stefan Traussnigg, del Dipartimento di Medicina III della MedUni Vienna, in Austria, hanno testato i benefici dell’acido norursodesossicolico (né-urso) in uno studio clinico controllato con placebo.

Dr. Traussnigg e colleghi hanno pubblicato i loro risultati in The Lancet Gastroenterology & Hepatology.

Studiare i benefici di nor-urso per NAFLD

Nor-urso è una versione modificata dell’acido ursodesossicolico , un farmaco orale comune che può alterare la composizione della bile e dissolvere i calcoli biliari .

Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’uso di nor-urso per produrre acido biliare aiuta sinteticamente a trattare un’altra condizione epatica incurabile, chiamata colangite sclerosante primaria .

Ora, il Dr. Traussnigg e il team hanno condotto uno studio clinico multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo, randomizzato, di fase II per testare i benefici di nor-urso in 198 pazienti NAFLD in vari ospedali e centri medici in Austria e Germania.

Gli scienziati hanno diviso casualmente i partecipanti in:

  • un gruppo che ha ricevuto capsule nor-urso per un dosaggio giornaliero di 500 milligrammi (mg) (67 partecipanti)
  • un gruppo che ha ricevuto 1.500 mg di nor-urso al giorno (67 partecipanti)
  • un gruppo che ha ricevuto un placebo (64 partecipanti)

I partecipanti hanno preso il trattamento o il placebo per un periodo di 12 settimane. I ricercatori hanno seguito clinicamente i partecipanti per altre 4 settimane dopo l’intervento.

L’outcome primario che i ricercatori hanno cercato sono stati i livelli di alanina aminotransferasi(ALT), un enzima che risiede principalmente nel fegato. I livelli di ALT sono una buona misura del danno epatico e la loro valutazione è un test standard per questo tipo di danno.

Dosaggio da 1.500 mg “sicuro e ben tollerato”

I risultati dello studio hanno rivelato che né-urso ha migliorato la salute del fegato, come dimostrato dai livelli di ALT.

Gli effetti sono stati dose-dipendenti, quindi il gruppo che ha ricevuto 1.500 mg di nor-urso al giorno ha beneficiato maggiormente del farmaco e la riduzione dei livelli sierici di ALT è stata la più significativa in questo gruppo.

Un numero simile di “eventi avversi gravi” – come disturbi gastrointestinali, dolore addominale, mal di testa e infezioni – si è verificato in tutti i gruppi, incluso quello che aveva assunto il placebo.

In conclusione, un dosaggio di 1.500 mg di nor-urso “ha comportato una riduzione significativa di ALT sierica entro 12 settimane dal trattamento, rispetto al placebo”, scrivono gli autori.

“L’acido norursodesossicolico era sicuro e ben tollerato, incoraggiando ulteriori studi”, affermano.

Il composto funziona in modo “personalizzato”

Gli autori del processo spiegano i meccanismi alla base degli effetti benefici di nor-urso. Il co-autore dello studio Dr. Michael Trauner afferma che l’acido biliare creato sinteticamente protegge il fegato dall’infiammazione.

Continua: “L’acido biliare circola attraverso il corpo come un ormone steroideo e regola molti processi metabolici. Nelle malattie del fegato grasso, è come se si sviluppi una resistenza del segnale dell’acido biliare, in modo che questi processi non funzionino più correttamente”.

Nor-urso, tuttavia, “intensifica nuovamente l’effetto ormonale dell’acido biliare”. Ciò migliora le prospettive del paziente e la progressione della malattia.

Il dottor Trauner spiega anche che “l’utilizzo delle proprietà del segnale e degli effetti ormonali degli acidi biliari” è “nello spirito della medicina personalizzata” e un passo decisivo nella ricerca di trattamenti personalizzati.

Nel prossimo futuro, i ricercatori hanno in programma di testare i benefici di nor-urso per le malattie cardiovascolari, poiché questa è la principale causa di morte tra le persone con malattie del fegato grasso. Né-urso potrebbe migliorare la salute cardiometabolica e l’aspettativa di vita in generale, affermano i ricercatori.

“Sarebbe logico aspettarselo, e siamo ottimisti. Ma non l’abbiamo ancora verificato”, afferma il dott. Trauner.

Quali alimenti proteggono il fegato?

Il fegato è responsabile della decomposizione dei carboidrati, della produzione di glucosio e della disintossicazione del corpo. Conserva anche i nutrienti e crea la bile, che è necessario per digerire e assorbire correttamente i nutrienti nel cibo. Ci sono molti cibi e bevande che una persona può consumare per aiutare a proteggere il fegato.

La salute del fegato è vitale per la salute generale. La disfunzione epatica può portare a malattie del fegato, disturbi del metabolismo e persino diabete di tipo 2 .

Sebbene possa essere impossibile gestire tutti i fattori di rischio, il consumo di determinati alimenti e bevande può contribuire a promuovere la salute del fegato.

In questo articolo, tratteremo i migliori alimenti per la salute del fegato, i loro effetti benefici per l’organo e alcuni cibi da evitare.

Top alimenti e bevande per la salute del fegato

Alcuni dei migliori cibi e bevande che sono buoni per il fegato includono:

1. Caffè

caffe tazza.jpg

Bere caffè offre protezione contro la malattia del fegato grasso.

Una rivista del 2013 pubblicata sulla rivista Liver International suggerisce che oltre il 50% delle persone negli Stati Uniti consuma caffè ogni giorno.

Il caffè sembra essere buono per il fegato, soprattutto perché protegge da problemi come la malattia del fegato grasso.

La rivista rileva inoltre che l’assunzione giornaliera di caffè può aiutare a ridurre il rischio di malattia epatica cronica. Può anche proteggere il fegato da condizioni dannose, come il cancro del fegato .

Uno studio del 2014 che appare nel Journal of Clinical Gastroenterology suggerisce che gli effetti protettivi del caffè dipendono dal modo in cui influenza gli enzimi epatici.

Il caffè, sembra, sembra ridurre l’accumulo di grasso nel fegato. Aumenta anche gli antiossidanti  protettivi nel fegato. Anche i composti nel caffè aiutano gli enzimi epatici a liberare il corpo dalle sostanze cancerogene.

2. Farina d’avena

Il consumo di farina d’avena è un modo semplice per aggiungere fibre alla dieta. La fibra è uno strumento importante per la digestione e le fibre specifiche nell’avena possono essere particolarmente utili per il fegato. L’avena e la farina d’avena sono ricchi di composti chiamati beta-glucani.

Come uno studio del 2017 nel rapporto dell’International Journal of Molecular Sciences , i beta-glucani sono molto biologicamente attivi nel corpo. Aiutano a modulare il sistema immunitario ea combattere l’ infiammazione e possono essere particolarmente utili nella lotta contro il diabete e l’ obesità .

La recensione rileva inoltre che i beta-glucani dell’avena sembrano aiutare a ridurre la quantità di grasso immagazzinata nel fegato nei topi, che potrebbe anche aiutare a proteggere il fegato. Ulteriori studi clinici sono necessari per confermare questo, tuttavia.

Le persone che cercano di aggiungere avena o farina d’avena alla loro dieta dovrebbero cercare l’avena intera o l’avena tagliata in acciaio, piuttosto che la farina d’avena preconfezionata. La farina d’avena preconfezionata può contenere filler come farina o zuccheri, che non saranno così benefici per il corpo.

3. Tè verde

te verde tazza 1.jpg

Il consumo di tè verde può aiutare a ridurre il contenuto complessivo di grassi.

Uno studio del 2015 nel World Journal of Gastroenterology rileva che il tè verde può aiutare a ridurre il contenuto di grasso complessivo, combattere lo stress ossidativo e ridurre altri segni di steatosi epatica non alcolica (NAFLD).

È importante notare che il tè può essere migliore degli estratti, poiché alcuni estratti possono danneggiare il fegato piuttosto che guarirlo.

Lo studio rileva che non ci sono ancora raccomandazioni specifiche per le persone con questa condizione di consumare estratti di tè o di tè, ma il legame con la salute del fegato è promettente. Farmajet consiglia il te verde puro biodisponibile.

4. Aglio

L’aggiunta di aglio alla dieta può anche aiutare a stimolare il fegato. Uno studio del 2016, pubblicato sulla rivista Advanced Biomedical Research, osserva che il consumo di aglio riduce il peso corporeo e il contenuto di grassi nelle persone con NAFLD, senza modifiche alla massa magra. Questo è utile, in quanto il sovrappeso o l’obesità è un fattore che contribuisce alla NAFLD.

5. Bacche

Molte bacche scure, come mirtilli , lamponi e mirtilli rossi contengono antiossidanti chiamati polifenoli, che possono aiutare a proteggere il fegato dai danni.

Come suggerisce uno studio nel World Journal of Gastroenterology , mangiare regolarmente bacche può anche aiutare a stimolare il sistema immunitario.

6. Uva

Lo studio del World Journal of Gastroenterology riporta che uva, succo d’uva e semi d’uva sono ricchi di antiossidanti che possono aiutare il fegato riducendo l’infiammazione e prevenendo il danno epatico.

Mangiare uve intere e seminate è un modo semplice per aggiungere questi composti alla dieta. Un supplemento di estratto di semi d’uva può anche fornire antiossidanti.

7. Pompelmo

Lo studio del World Journal of Gastroenterology menziona anche il pompelmo come alimento utile. Il pompelmo contiene due antiossidanti primari: naringina e naringenina. Questi possono aiutare a proteggere il fegato dalle lesioni riducendo l’infiammazione e proteggendo le cellule del fegato.

I composti possono anche ridurre l’accumulo di grasso nel fegato e aumentare gli enzimi che bruciano i grassi. Questo potrebbe rendere il pompelmo uno strumento utile nella lotta contro la NAFLD.

8. Fico d’India

Il frutto e il succo del fico d’India possono anche essere di beneficio per la salute del fegato. Lo studio del World Journal of Gastroenterology suggerisce che i composti presenti nel frutto possono aiutare a proteggere l’organo.

La maggior parte delle ricerche si concentra sugli estratti del frutto, tuttavia, sono necessari studi che si concentrino sulla frutta o sul succo stesso.

9. Pianta i cibi in generale

avocado farmajet.jpg

Gli avocado e altri alimenti vegetali contengono composti strettamente collegati alla salute del fegato.

Uno studio del 2015, pubblicato sulla rivista Complementary and Alternative Medicine basata sull’evidenza, riporta che un gran numero di cibi vegetali può essere utile per il fegato.

Questi includono:

  • avocado
  • Banana
  • orzo
  • barbabietole e succo di barbabietola
  • broccoli
  • riso integrale
  • carote
  • Figura
  • verdure come cavoli e cavoli
  • Limone
  • papaia
  • anguria

Le persone dovrebbero mangiare questi alimenti come parte di una dieta completa ed equilibrata.

10. Pesce grasso

Come sottolinea uno studio nel World Journal of Gastroenterology , consumare grassi e integratori di olio di pesce può aiutare a ridurre l’impatto di condizioni come la NAFLD.

Il pesce grasso è ricco di acidi grassi omega-3, che sono i grassi buoni che aiutano a ridurre l’infiammazione. Questi grassi possono essere particolarmente utili nel fegato, poiché sembrano prevenire l’accumulo di grassi in eccesso e mantenere i livelli degli enzimi nel fegato.

Lo studio raccomanda di mangiare pesce grasso due o più volte alla settimana. Se non è facile incorporare nella dieta i pesci grassi come l’aringa o il salmone, prova a prendere un supplemento giornaliero di olio di pesce.

11. Noci

Lo stesso studio dice che mangiare noci potrebbe essere un altro modo semplice per mantenere il fegato sano e proteggere contro NAFLD. Le noci contengono generalmente acidi grassi insaturi, vitamina E e antiossidanti. Questi composti possono aiutare a prevenire la NAFLD e ridurre l’infiammazione e lo stress ossidativo.

Mangiare una manciata di noci, come noci o mandorle, ogni giorno può aiutare a mantenere la salute del fegato. La gente dovrebbe essere sicura di non mangiare troppi, tuttavia, dato che le noci sono ad alto contenuto di calorie .

12. Olio d’oliva

Mangiare troppo grasso non fa bene al fegato, ma alcuni grassi possono aiutarlo. Secondo lo studio del World Journal of Gastroenterology , l’aggiunta di olio d’oliva alla dieta può aiutare a ridurre lo stress ossidativo e migliorare la funzionalità epatica. Ciò è dovuto all’alto contenuto di acidi grassi insaturi nell’olio.

Alimenti da evitare

In generale, trovare l’equilibrio nella dieta manterrà il fegato sano. Tuttavia, ci sono anche alcuni alimenti e gruppi alimentari che il fegato trova più difficile da elaborare. Questi includono:

  • Cibi grassi: questi includono cibi fritti, fast food e da molti ristoranti. Anche snack, patatine e noci confezionati possono essere sorprendentemente alti nei grassi.
  • Alimenti amidacei: includono pane, pasta e dolci o prodotti da forno.
  • Zucchero: Ridurre lo zucchero e alimenti zuccherini come cereali, prodotti da forno e caramelle può aiutare a ridurre lo stress sul fegato.
  • Sale: modi semplici per ridurre l’assunzione di sale includono mangiare fuori meno, evitando carni in scatola o verdure e riducendo o evitando salumi e pancetta salata.
  • Alcool: Chiunque desideri interrompere il proprio fegato dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di ridurre l’assunzione di alcol o di eliminarlo completamente dalla dieta.

Sommario

Il fegato svolge un ruolo importante nel corpo. Mentre in gran parte si prende cura di se stesso, una persona può aiutare a mantenere la salute del fegato consumando alcuni cibi e bevande.

Ci sono anche molti tipi di cibo che possono danneggiare il fegato.

Scegliere cibi adatti al fegato può aiutare una persona a evitare potenziali problemi di salute in futuro.