Il colluttorio può aumentare la pressione sanguigna?

Una nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Frontiers in Cellular and Infection Microbiology , mostra che un composto antisettico trovato nel collutorio distrugge batteri “amichevoli” per via orale che aiutano a mantenere normali livelli di pressione sanguigna.
collutorio.jpg

Una nuova ricerca ha scoperto che il collutorio potrebbe distruggere i batteri orali “amici”, che possono avere conseguenze importanti per la salute cardiovascolare di una persona.

Gli scienziati sanno che i batteri nelle nostre viscere influenzano la salute generale, ma forse meno ovvio è la connessione tra i batteri orali e una varietà di condizioni di salute.

Ad esempio, Medical News Today harecentemente riportato una serie di studi che collegavano la malattia delle gengive e l’accumulo di alcuni batteri in bocca con la malattia di Alzheimer , le malattie cardiovascolari e le condizioni respiratorie.

Un altro recente articolo ha mostrato come un batterio orale specifico potrebbe accelerare la progressione del cancro del colon-retto e rendere la malattia più aggressiva.

Questi studi si sono concentrati su batteri che causano malattie, ma, proprio come le nostre budella, anche le nostre bocche contengono batteri “amici”, necessari per mantenere una buona salute.

Un microbioma orale con un buon equilibrio tra questi diversi tipi di batteri può tenere a bada la malattia. Gli studi hanno scoperto che quando questo equilibrio è sconvolto “contribuisce alle malattie sistematiche-tutto il corpo per via orale e” diversi come malattia infiammatoria intestinale, morbo di Alzheimer, l’artrite reumatoide , l’obesità , l’aterosclerosi e diabete .

Una nuova ricerca sottolinea che un microbioma orale bilanciato aiuta a mantenere una buona salute cardiovascolare aiutando la conversione del nitrato alimentare in ossido nitrico (NO) – una molecola di segnalazione che aiuta a mantenere la pressione sanguigna normale .

Purtroppo, il nuovo studio mostra che la clorexidina, una sostanza antisettica nel collutorio, può uccidere i batteri produttori di NO, che a loro volta possono aumentare la pressione sanguigna sistolica.

Nathan Bryan, Ph.D., del Dipartimento di genetica molecolare e umana del Baylor College of Medicine di Houston, TX, ha guidato la nuova ricerca.

Collutorio “può fare più male che bene”

Bryan e colleghi hanno usato “sequenziamento e analisi del gene dell’RRNA 16S” per esaminare se l’uso del collutorio antisettico clorexidina due volte al giorno per 1 settimana ha cambiato le comunità batteriche orali e i livelli di pressione sanguigna in 26 individui sani.

Dopo 1 settimana, i 26 volontari dello studio sono tornati alle loro usuali pratiche di igiene orale.

I ricercatori hanno raccolto campioni di saliva e raschiature della lingua dei partecipanti e hanno misurato la loro pressione sanguigna in quattro punti diversi durante lo studio: al basale, poi 7, 10 e 14 giorni dopo.

Bryan e colleghi riferiscono che “l’uso di clorexidina due volte al giorno è stato associato ad un significativo aumento della pressione arteriosa sistolica dopo 1 settimana di utilizzo e il recupero dall’uso ha portato ad un arricchimento nei batteri che riducono i nitrati sulla lingua”.

“La dimostrazione che la presenza di batteri produttori di NO nella cavità orale può aiutare a mantenere la pressione sanguigna normale ci dà un altro obiettivo per aiutare gli oltre 100 milioni di americani che vivono con la pressione alta “, commenta l’autore senior dello studio.

“Due su tre pazienti che hanno prescritto farmaci per l’ipertensione non hanno gestito adeguatamente la pressione sanguigna”, aggiunge, e “questo potrebbe fornire una spiegazione del perché: nessuno dei farmaci [attuali] per la gestione dell’ipertensione è rivolto a questi Batteri che producono NO. “

Il ricercatore continua a spiegare i meccanismi alla base dei risultati, affermando che NO “è una delle più importanti molecole di segnalazione prodotte nel corpo umano”.

A causa della natura “ubiquitaria” di questa molecola, “gli effetti sistemici dei batteri prodotti per via orale possono avere altri effetti significativi sulla salute umana oltre il mantenimento della pressione sanguigna”, afferma Bryan.

Sappiamo che non si può stare bene senza una quantità adeguata di NO che circola in tutto il corpo, ma la prima cosa che ogni giorno oltre 200 milioni di americani usano un collutorio antisettico, che distrugge i” batteri buoni “che aiutano a creare il NO Queste abitudini, una volta pensate, potrebbero fare più male che bene. “

Nathan Bryan, Ph.D.

Annunci

Un nuovo trattamento potrebbe ripristinare le cellule cerebrali nel Parkinson

Una serie di studi clinici ha testato un trattamento sperimentale per il morbo di Parkinson che utilizza un nuovo approccio: somministrare il farmaco direttamente nel cervello tramite porte impiantate. I principali ricercatori ritengono che questa possa essere una strategia terapeutica “rivoluzionaria” per le condizioni neurologiche.
parkinson 2.jpg

Una terapia di recente sperimentazione potrebbe aprire un nuovo capitolo nel trattamento della malattia di Parkinson.

In una nuova serie di studi che è culminata con uno studio in aperto (in cui i partecipanti erano a conoscenza del trattamento che avrebbero ricevuto), gli scienziati hanno iniziato a testare l’efficacia di un nuovo trattamento – e metodo di somministrazione – per il morbo di Parkinson .

Un grande team di ricercatori di varie istituzioni in tutto il Regno Unito e il Canada, tra cui l’Università di Bristol e l’Università di Cardiff nel Regno Unito, e l’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada, hanno ideato e condotto il processo.

Nello studio, i ricercatori hanno mirato a ripristinare le cellule cerebrali produttrici di dopamina degradanti in persone a cui i medici avevano diagnosticato il morbo di Parkinson.

Poiché la dopamina è un neurotrasmettitore che aiuta a regolare il controllo e l’agilità dei movimenti del corpo, la produzione compromessa di dopamina – dovuta a cambiamenti nelle cellule cerebrali che la rilasciano – porta ai sintomi motori che caratterizzano la malattia di Parkinson.

Il gruppo di ricerca che ha condotto l’attuale studio ha deciso di provare e riabilitare quelle cellule cerebrali aumentando i livelli del fattore neurotrofico derivato dalla linea delle cellule gliali (GDNF), un tipo di proteina che supporta la salute neuronale.

Nel documento di studio che riporta i risultati – che compare nel Journal of Parkinson’s Disease – gli scienziati spiegano che non solo hanno testato una nuova terapia, ma anche un metodo di somministrazione innovativo – attraverso una porta che hanno impiantato nel cranio.

Risultati molto incoraggianti

Inizialmente, il team di ricerca ha condotto un piccolo studio pilota con sei partecipanti – tutti conviventi con la malattia di Parkinson – il cui obiettivo principale era stabilire se il nuovo approccio terapeutico fosse sicuro.

La fase successiva ha visto 35 partecipanti in più con la malattia di Parkinson partecipare a uno studio in doppio cieco quando né loro né i ricercatori che hanno somministrato la terapia sapevano se ognuno di essi aveva a che fare con il trattamento sperimentale o con un placebo .

Questo processo durò 9 mesi (40 settimane), durante i quali il team diede metà dei volontari alle infusioni mensili di GDNF e somministrò un placebo all’altra metà che fungeva da coorte di controllo.

Infine, i ricercatori hanno organizzato una prova in aperto, basandosi sui risultati dei test precedenti. In questo studio, i volontari che avevano precedentemente ricevuto GDNF hanno continuato ad avere questo trattamento per altre 40 settimane.

Allo stesso tempo, quelli che in precedenza avevano ricevuto un placebo ora avevano GDNF per 40 settimane. “Da ottobre 2013 ad aprile 2016, tutti i 41 pazienti che hanno completato lo studio genitore sono stati sottoposti a screening per la partecipazione allo studio di estensione”, scrivono i ricercatori.

Per ricevere il farmaco, i partecipanti hanno concordato di impiantare un porto speciale nelle loro capacità, che ha permesso alle infusioni di droga di raggiungere direttamente il loro cervello. Dopo l’impianto, i volontari hanno ricevuto, nel complesso, oltre 1.000 infusioni di farmaci una volta ogni 4 settimane.

Quando hanno analizzato i risultati del primo studio di 9 mesi (40 settimane), i ricercatori non hanno visto cambiamenti nel cervello dei partecipanti che avevano ricevuto un placebo. Tuttavia, hanno notato che i volontari che avevano ricevuto il trattamento con GDNF avevano un miglioramento del 100% nel putamen, la regione del cervello che contiene cellule produttrici di dopamina.

“L’ampiezza spaziale e relativa del miglioramento delle scansioni cerebrali è al di là di quanto visto in precedenza in studi sui trattamenti del fattore di crescita per il Parkinson portati chirurgicamente”, sottolinea Alan Whone, ricercatore principale dello studio.

“Questo rappresenta alcune delle prove più convincenti che possiamo avere un mezzo per risvegliare e ripristinare le cellule cerebrali della dopamina che sono gradualmente distrutte nel Parkinson”, prosegue Whone.

‘Una svolta significativa’

Al punteggio di 18 mesi, quando i partecipanti erano stati sottoposti al trattamento con GDNF per 9 mesi o per 18 mesi, i ricercatori hanno scoperto che tutti avevano iniziato a subire miglioramenti da moderati a significativi dei loro sintomi motori prima di confrontarli con i punteggi delle loro prestazioni prima le prove. I ricercatori hanno anche concluso che un’esposizione prolungata al GDNF era sicura.

Tuttavia, il team avverte che alla fine dello studio in aperto, non vi erano differenze significative in termini di miglioramento dei sintomi tra i partecipanti che avevano ricevuto GDNF per 40 settimane (9 mesi) e coloro che lo avevano ricevuto per il doppio di quel periodo .

Per questo motivo, i ricercatori sostengono che hanno bisogno di fare ulteriori studi, che valuteranno per quanto tempo una persona dovrebbe ricevere il trattamento al fine di ottenere i maggiori benefici.

Tuttavia, Steven Gill, coautore dello studio e designer dell’innovativo dispositivo per la somministrazione di farmaci sottolinea che le scoperte attuali suggeriscono che questa nuova terapia è assolutamente sicura e fattibile e che le persone possono somministrarla per un lungo periodo di tempo.

Inoltre, osserva che somministrare farmaci direttamente nelle aree cerebrali che hanno come obiettivo ha il potenziale di rivoluzionare gli approcci terapeutici alle condizioni neurologiche.

“Questo processo ha dimostrato che possiamo tranquillamente e ripetutamente infondere i farmaci direttamente nel cervello dei pazienti per mesi o anni”, dice Gill.

Questo è un importante passo avanti nella nostra capacità di trattare le condizioni neurologiche, come il Parkinson perché la maggior parte dei farmaci che potrebbero funzionare non possono attraversare il flusso sanguigno nel cervello a causa di una barriera protettiva naturale”.

Come entrare rapidamente in chetosi

La chetosi è uno stato naturale del processo metabolico. Quando una persona ha raggiunto la chetosi, il suo corpo brucia grassi immagazzinati invece di glucosio.

Mentre il corpo rompe il grasso, gli acidi chiamati chetoni iniziano a accumularsi nel sangue. Questi chetoni poi lasciano il corpo nelle urine. La presenza di chetoni nel sangue e nelle urine indica che una persona è entrata in chetosi .

La chetosi può aiutare una persona a perdere grasso indesiderato, poiché il corpo inizia a distruggere le riserve di grasso invece di fare affidamento sui carboidrati per produrre energia. Inoltre, alcune ricerche suggeriscono che la chetosi può aiutare a sopprimere l’appetito di una persona, che può anche promuovere la perdita di peso.

Raggiungere uno stato di chetosi non è sempre facile. Molte persone che desiderano raggiungere la chetosi aderiscono alla dieta chetogenica. In questo articolo, guardiamo a sette modi per entrare rapidamente in chetosi. Consideriamo anche i possibili rischi di mettere il corpo in questo stato metabolico.

7 consigli per entrare in chetosi

I modi per portare il corpo in chetosi includono:

1. Aumento dell’attività fisica

corsa.jpg

Una persona può entrare in chetosi aumentando l’attività fisica.

Più energia utilizza una persona durante il giorno, più cibo hanno bisogno di mangiare per il carburante.

Esercizio aiuta una persona a esaurire le riserve di glicogeno nel loro corpo. Nella maggior parte dei casi, le riserve di glicogeno vengono reintegrate quando una persona mangia carboidrati. Se una persona segue una dieta a basso contenuto di carboidrati, non reintegrerà le riserve di glicogeno.

Può volerci del tempo perché il corpo impari a usare le riserve di grasso invece del glicogeno. Una persona può provare affaticamento mentre il corpo si adatta.

2. Riduzione significativa dell’assunzione di carboidrati

La chetosi si verifica quando una mancanza di carboidrati costringe il corpo a utilizzare il grasso come fonte di energia primaria invece di zucchero.

Una persona che cerca di raggiungere la chetosi, sia per perdere peso, per ridurre il rischio di malattie cardiache , o per mantenere e controllare i livelli di zucchero nel sangue, dovrebbe mirare a ridurre il consumo di carboidrati a 20 grammi (g) al giorno o meno.

Tuttavia, questo non è un numero impostato. Alcune persone potrebbero essere in grado di mangiare più carboidrati e continuare a soffrire di chetosi, mentre altri dovranno mangiare di meno.

3. Il digiuno per brevi periodi

Il digiuno, o andare senza cibo, può aiutare una persona a raggiungere uno stato di chetosi. Molte persone possono effettivamente andare in chetosi tra i pasti.

In alcuni casi controllati, un medico può raccomandare un periodo di digiuno più lungo compreso tra 24 e 48 ore. Una persona dovrebbe parlare al proprio medico prima di decidere di digiunare per più di qualche ora alla volta.

Il digiuno grasso è una forma alternativa di digiuno. Il digiuno grasso comporta una riduzione significativa dell’apporto calorico e una dieta consistente quasi interamente in grassi per non più di 2 o 3 giorni.

Le prime ricerche hanno indicato che questo potrebbe avere un effetto positivo sulla perdita di peso. Tuttavia, il digiuno grasso è difficile da mantenere e potrebbe non essere l’opzione migliore per la maggior parte delle persone.

Campioni di campioni molto piccoli e la mancanza di prove più solide indicano che le persone dovrebbero essere caute nell’adottare questo approccio.

4. Aumentare l’assunzione di grassi salutari

Man mano che l’assunzione di carboidrati diminuisce, la maggior parte delle persone sostituisce la perdita di carboidrati con un aumento dei grassi sani. Alcuni grassi che una persona può mangiare includono:

  • olio di cocco
  • olio d’oliva
  • avocado e olio di avocado
  • Olio di semi di lino

Tuttavia, per le persone che cercano di perdere peso, è importante tenere a mente anche il numero totale di calorie. Mangiare troppe calorie in un giorno può rendere più difficile perdere peso.

5. Test dei livelli di chetone

Un metodo che può aiutare una persona a raggiungere uno stato di chetosi è il monitoraggio dei livelli di chetoni nel corpo. Sono disponibili diversi test per questo, tra cui:

  • urina
  • respiro
  • sangue

L’utilizzo di uno o più di questi test può aiutare una persona a monitorare i propri progressi, consentendo loro di apportare adattamenti alla loro dieta.

6. Mantenere un apporto proteico elevato

proteine chetosi.jpg

Un’assunzione elevata di proteine ​​può aiutare a raggiungere la chetosi.

È vitale mangiare quantità adeguate di proteine ​​durante il giorno quando si cerca di raggiungere la chetosi. Le proteine ​​forniscono due benefici per la salute essenziali quando una persona sta cercando di perdere peso:

  • aiutando a mantenere la massa muscolare
  • fornendo amminoacidi al fegato in modo che possa continuare il normale funzionamento

Se l’apporto proteico non è adeguato, una persona potrebbe subire una perdita nella massa muscolare.

7. Consumare più olio di cocco

L’olio di cocco può aiutare una persona a raggiungere o mantenere uno stato di chetosi.

Secondo uno studio incentrato sulla malattia di Alzheimer , l’aggiunta di olio di cocco alla dieta può aiutare le persone ad aumentare i loro livelli di chetoni.

L’olio di cocco contiene grassi chiamati trigliceridi a catena media o MCT. Il corpo può assorbire gli MCT rapidamente e facilmente. Invia quindi questi grassi direttamente al fegato, che li trasforma in chetoni o energia.

Sicurezza

La chetosi è uno stato metabolico naturale che può verificarsi spesso inavvertitamente tra un pasto e l’altro.

Ci sono diversi potenziali motivi per cui una persona potrebbe voler entrare in uno stato di chetosi, alcuni dei più comuni sono la perdita di peso o la riduzione del grasso, la gestione del diabete di tipo 2 e la promozione della salute del cuore.

Tuttavia, la chetosi non è sicura per tutti. Una persona non dovrebbe rimanere in uno stato di chetosi per periodi prolungati poiché potrebbero sperimentare effetti avversi. Le persone con diabete di tipo 1 dovrebbero evitare di essere in chetosi perché hanno un rischio maggiore di sviluppare chetoacidosi, che è una situazione potenzialmente pericolosa per la vita.

Chiunque stia pensando di adottare una dieta chetogenica dovrebbe prima parlare con un medico.

Sommario

La chetosi è uno stato naturale per il corpo di essere di volta in volta. Quando accade, il corpo brucia le sue riserve di grasso come energia.

Mantenere uno stato di chetosi per brevi periodi comporta un rischio minimo. Tuttavia, le persone con diabete di tipo 1 dovrebbero evitare la chetosi a causa di un aumentato rischio di complicanze.

Le persone dovrebbero anche evitare di essere a lungo in chetosi, poiché potrebbero manifestare affaticamento e carenze nutrizionali.

Fare diversi cambiamenti nella dieta e nello stile di vita, tra cui mangiare grassi più salutari e misurare i livelli di chetone, può aiutare una persona a entrare più velocemente in chetosi.

Come fermare le gengive dal sanguinamento

Nella maggior parte dei casi, le persone possono trattare il sanguinamento di gomma minore a casa. Una buona igiene orale e rimedi naturali possono trattare e prevenire il sanguinamento delle gengive.

Sanguinamento delle gengive è comune e in genere non è grave. Una persona può notare del sangue dopo aver lavato i denti o usare il filo interdentale, che può irritare le gengive sensibili.

Il motivo più comune di sanguinamento delle gengive di una persona è dovuto alla formazione di placca o tartaro. Queste sostanze consentono ai batteri di crescere lungo la linea gengivale. Una buona igiene orale può prevenire la sensibilità e il sanguinamento.

Le cause comuni di gengive sensibili o sanguinanti includono:

  • non lavarsi i denti abbastanza spesso, o almeno due volte al giorno
  • usando uno spazzolino troppo duro o rigido
  • usando uno spazzolino consumato sfilacciato che non pulisce più efficacemente
  • usare il filo interdentale in modo approssimativo, invece di spingerlo delicatamente verso il basso e abbracciare i lati di ciascun dente
  • prendendo alcuni medicinali, come aspirina , anticoagulanti o ibuprofene
  • avendo gengivite o malattia gengivale allo stadio iniziale

Prova i seguenti metodi per evitare che le gengive sanguinino e per impedire che l’emorragia si ripresenti.

1. Usando una garza

garza.jpg

Praticare una buona igiene orale può aiutare a trattare le gengive sanguinanti.

Come con l’emorragia in qualsiasi altra parte del corpo, le persone possono aiutare a fermare l’emorragia tenendo immediatamente una garza pulita e umida contro l’area interessata.

Premere delicatamente la garza in posizione fino a quando il sangue ha smesso di scorrere.

Le persone con un sistema immunitario indebolito o un’altra condizione medica possono scoprire che le loro gengive impiegano molto tempo a smettere di sanguinare. Parla con un dentista del modo migliore per fermare il flusso sanguigno.

2. Uso del ghiaccio

Tenere un impacco fresco, un piccolo impacco di ghiaccio o un cubetto di ghiaccio contro gengive gonfie e sanguinanti per aiutarli a lenire.

Gli impacchi di ghiaccio sono particolarmente utili per lenire ferite alla bocca che causano gonfiore, come tagli e graffi. Possono anche aiutare a ridurre il dolore e il gonfiore causati dalla gengivite.

Usa il ghiaccio per 10 minuti alla volta e fai delle pause di 10 minuti. Se l’emorragia non si ferma, alcune persone potrebbero prendere in considerazione la possibilità di chiamare un medico.

3. Usando il collutorio

Gli sciacqui antibatterici possono trattare e prevenire le gengive sanguinanti. Uccidono i batteri e riducono l’ infiammazione per lenire gengive dolenti, gonfie e sanguinanti.

Collutorio può anche trattare e prevenire la gengivite, che è una causa comune di gengive sanguinanti.

I principi attivi comuni nei collutori includono:

  • clorexidina
  • perossido di idrogeno

Tenere a portata di mano il collutorio per trattare le gengive sanguinanti quando si presentano. Le persone possono acquistare collutorio dai negozi di droga o scegliere tra i marchi online .

4. Usando un risciacquo con sale caldo

Risciacquare la bocca con acqua salata può aiutare a ridurre i batteri e ad accelerare i tempi di guarigione. Secondo l’ American Dental Association (ADA) , una persona può fare un risciacquo con sale orale aggiungendo mezzo cucchiaino di sale a 200 ml di acqua tiepida il risciacquo sale intorno alla bocca per pulire l’area e quindi sputare il liquido fuori. Ripeti l’operazione più volte al giorno o secondo le istruzioni del tuo dentista.

5. Applicazione di una pasta di curcuma

curcuma pasta.jpg

Le prove scientifiche non supportano la pasta alla curcuma come trattamento per le gengive sanguinanti.

La curcuma ha effetti antibatterici e antinfiammatori naturali. Applicare una pasta di curcuma alle gengive può migliorare i sintomi della gengivite e delle gengive sanguinanti.

Tuttavia, attualmente non ci sono prove scientifiche affidabili che affermino che la curcuma abbia qualche effetto sulla malattia delle gengive o sulle gengive sanguinanti.

Uno studio su piccola scala ha confrontato gli effetti della curcumina, il principio attivo della curcuma, con gli effetti della clorexidina nell’igiene orale. I ricercatori hanno scoperto effetti antinfiammatori simili nelle persone che hanno usato questi gel per 10 minuti al giorno due volte al giorno.

La curcuma è gialla, ma non dovrebbe macchiare i denti di una persona, purché risciacqua bene dopo averla usata. Alcune persone usano la curcuma come agente sbiancante dei denti, specialmente se combinate con bicarbonato di sodio. Tuttavia, non ci sono prove per l’efficacia di questo rimedio.

6. Usare lo spazzolino giusto

Se una persona ha gengive sensibili, può optare per uno spazzolino da denti etichettato come extra morbido o sensibile. Gli spazzolini da denti duri o medi sono troppo ruvidi sulle gengive.

L’ADA raccomanda alle persone di usare uno spazzolino da denti con setole morbide per 2 minuti due volte al giorno. Dicono che sia gli spazzolini manuali che quelli elettrici sono efficaci.

Sostituisci gli spazzolini da denti ogni 3 o 4 mesi, o prima se le setole appaiono sfilacciate.

7. Flossing ogni giorno, ma sii gentile

Iniziando una nuova abitudine del filo interdentale può causare inizialmente il sanguinamento. Le gengive non possono essere utilizzate per la stimolazione. Tuttavia, dopo alcuni giorni di filo interdentale consistente, l’emorragia dovrebbe cessare.

Il filo interdentale regolare migliora la salute generale delle gengive e dovrebbe ridurre il sanguinamento delle gengive nel tempo.

8. Evitare di fumare

Il fumo è una delle principali cause di malattie gengivali, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) .

Il fumo danneggia il sistema immunitario del corpo, il che significa che il corpo è meno in grado di combattere i batteri che si attaccano naturalmente alle gengive.

Una volta che le gengive sono danneggiate, fumare rende più difficile per il corpo a guarire i suoi tessuti.

Smettere di fumare porta benefici a tutto il corpo e aumenta notevolmente la salute della bocca e delle gengive di una persona. Le persone spesso notano miglioramenti nella loro salute orale rapidamente dopo aver smesso di fumare.

9. Provare a tirare l’olio

Tirare l’olio è un’antica pratica della medicina ayurvedica. Si tratta di far scorrere un olio specifico in bocca per un massimo di 20 minuti, quindi sputarlo. I sostenitori affermano che può sbiancare i denti e migliorare la salute orale.

Sebbene alcune persone possano scoprire che l’estrazione di olio li aiuta, l’ADA non lo consiglia per l’igiene dentale perché non c’è prova scientifica della sua efficacia. Gli esperti suggeriscono che l’estrazione dell’olio non può sostituire la normale spazzolatura e il filo interdentale.

Alcune ricerche limitate su piccola scala suggeriscono che l’estrazione di olio è più efficace di un placebo nel controllare i livelli di placca in bocca. I partecipanti allo studio hanno lavato le loro bocche con olio di cocco per 10 minuti ogni giorno per una settimana.

La teoria è che la trazione dell’olio estrae i batteri che vivono in bocca mentre sputa fuori l’olio rimuove i batteri dalla bocca. Alcune persone usano oli con proprietà antibatteriche, come l’olio di cocco.

10. Evitare cibi trasformati e zuccherati

Mangiare cibi amidacei e lavorati con troppa frequenza può causare gengiviti e gengive sanguinanti.

I cibi amidacei possono attaccarsi a denti e gengive e scomporre in zucchero. Questa azione può portare a infiammazione delle gengive, sanguinamento e aumento del decadimento.

Gli amidi e gli alimenti trasformati includono pane raffinato, torte, biscotti e patatine.

11. Mangiare verdure croccanti

Le verdure croccanti, come il sedano e le carote, possono aiutare a mantenere i denti puliti lontano dai pasti.

La loro qualità croccante può aiutare a rimuovere i residui di cibo dai denti. Inoltre, contengono basse quantità di zuccheri e carboidrati, quindi non promuovono la carie o problemi gengivali.

12. Mangiare più verdure a foglia verde

verdura a foglia.jpg

Il cavolo e le verdure a foglia verde sono ricchi di nutrienti essenziali.

Le verdure a foglia verde, come cavoli , lattuga e spinaci, sono ottime fonti di vari nutrienti, tra cui la vitamina K.

Una carenza di vitamina K può influenzare la quantità di tempo necessario per la coagulazione del sangue, quindi le persone con un basso contenuto di vitamina K possono notare un sanguinamento maggiore del solito.

Le persone che sono soggette a coaguli di sangue dovrebbero chiedere a un medico di quanta vitamina K hanno bisogno nella loro dieta.

Trattamento e prevenzione a lungo termine

Il modo migliore per evitare sanguinamento delle gengive è adottare uno stile di vita sano che prevenga le malattie che causano gengive sanguinanti.

Le persone possono spesso evitare e prevenire sanguinamento delle gengive e altri problemi gengivali:

  • Praticare una buona assistenza sanitaria orale, tra cui spazzolatura due volte al giorno e il filo interdentale una volta al giorno.
  • Sostituzione spazzolini da denti ogni 3 o 4 mesi.
  • Vedere un dentista regolarmente.
  • Prenotazione di regolari appuntamenti di igienista per la pulizia professionale e la rimozione del tartaro.
  • Vedere un medico regolarmente per verificare problemi di salute che possono contribuire a problemi gengivali, come il diabete .
  • Evitare di fumare o lavorare con un medico per trovare i modi per smettere di fumare.
  • Mangiare una dieta sana che include un sacco di frutta e verdura fresca e limitare i cibi e gli alimenti trasformati con zuccheri aggiunti.

Quando vedere un dentista

Una persona dovrebbe verificare con il proprio dentista se notano cambiamenti nelle gengive, nei denti o nella bocca.

Dolore, arrossamento o sanguinamento delle gengive non dovrebbero accadere ogni giorno. Se il problema si presenta frequentemente o non si risolve con buone pratiche di igiene orale, un dentista può controllare la malattia di gomma in fase iniziale e altri problemi.

Consultare un operatore sanitario per i segni di infezione, come febbre o gonfiore.

Carenze vitaminiche come la vitamina C o K, la gravidanza e alcune condizioni mediche possono anche contribuire a sanguinare le gengive. Le persone dovrebbero consultare il proprio medico o il dentista se l’emorragia non scompare dopo aver tentato di trattare questo sintomo a casa.

Visite dentistiche regolari possono impedire a una malattia gengivale minore e in stadio iniziale di diventare più seria. La malattia gengivale non curata può portare a infezioni e perdita dei denti. Un dentista può anche curare la salute generale della bocca di una persona e individuare problemi più grandi, come le prime fasi del cancro della bocca .

prospettiva

Nella maggior parte dei casi minori, le persone possono curare efficacemente le gengive sanguinanti usando i rimedi casalinghi. È anche possibile prevenire future gengive sanguinanti praticando una buona igiene orale e affrontando tutte le cause sottostanti. Consultare un medico per sanguinamento prolungato o eccessivo.

Un dentista può curare la malattia di gomma, soprattutto se preso nelle prime fasi.

Se il diabete provoca gengive sanguinanti, una persona può aiutare a gestire i livelli di zucchero nel sangue e controllare le gengive sanguinanti e la gengivite seguendo uno stile di vita salutare e ricevere cure mediche regolari.

Se una persona ha una malattia del sangue che provoca sanguinamento insolito, come l’ emofilia , può lavorare con il proprio medico per assumere farmaci e ricevere altri trattamenti se necessario.

Mentre il sanguinamento occasionale delle gengive non è di solito un’emergenza, una persona dovrebbe vedere un dentista se continua.

Come curare un raffreddore o influenza a casa