Come curare un raffreddore o influenza a casa

 

Annunci

Benefici, usi ed effetti collaterali dell’echinacea purea.

L’echinacea è un’erba molto popolare e la gente lo prende comunemente per combattere l’influenza e il raffreddore. È un genere di piante erbacee nella famiglia delle margherite – Asteraceae. È anche conosciuto come il coneflower americano.

L’Echinacea è disponibile al banco  presso farmacie, farmacie e supermercati come tè, estratti liquidi, un’erba secca e come capsule o pillole.

echinacea.jpg

I promotori di echinacea dicono che l’erba incoraggia il sistema immunitario e riduce molti dei sintomi di raffreddore, influenza e altre malattie, infezioni e condizioni.

L’Echinacea è una pianta perenne, il che significa che dura per molti anni. Quando è maturo, è alto circa 1-2 piedi (30-60 centimetri). E ‘leggermente appuntito e ha grandi fiori dal viola al rosa, a seconda della specie.

Il centro del fiore ha una testa di seme (cono), che è anche appuntito e di colore da marrone scuro a rosso.

Tre specie di Echinacea vengono utilizzate come rimedi erboristici:

  • Echinacea angustifolia – coneflower a foglia stretta
  • Echinacea pallida – coneflower viola pallido
  • Echinacea purpurea – Echinacea viola, Echinacea viola orientale

 

Come funziona

L’echinacea ha un complesso mix di principi attivi, alcuni dei quali si dice che siano antimicrobici, mentre altri si ritiene che abbiano un effetto sul sistema immunitario umano.

Tutte le specie di questo rimedio a base di erbe hanno composti chiamati fenoli. Molte piante contengono fenoli, sostanze attive che controllano l’attività di una serie di enzimi e recettori cellulari e proteggono la pianta da infezioni e danni da radiazioni ultraviolette (UV). I fenoli hanno proprietà antiossidanti , che possono essere buone per la salute umana.

L’Echinacea contiene anche alchilammidi o alchamidi (non nell’Echinacea pallida ), che hanno un effetto sul sistema immunitario, così come polisaccaridi, glicoproteine ​​e derivati ​​dell’acido caffeico.

 

Benefici e usi

Gli studi hanno prodotto risultati contrastanti sui benefici dell’echinacea.

Oggi l’echinacea è ampiamente utilizzata in tutto il mondo per una serie di malattie, infezioni e condizioni. Di seguito è riportato un elenco di alcuni di questi usi.

  • indigestione acida
  • disturbo da deficit di attenzione e iperattività ( ADHD )
  • Sindrome dell’affaticamento cronico
  • difterite
  • vertigini
  • herpes genitale
  • malattie gengivali
  • malaria
  • emicrania
  • dolore
  • morso di serpente a sonagli
  • reumatismo
  • setticemia – infezione del flusso sanguigno
  • infezione da streptococco
  • sifilide
  • influenza
  • tonsillite
  • febbre tifoidea
  • infezione del tratto urinario
  • infezione da lievito vaginale

A parte alcuni studi citati in precedenza in questo articolo, la maggior parte dei benefici sono aneddotici e, nella maggior parte dei casi, non sono dimostrati scientificamente.

Effetti collaterali

Il National Institutes of Health (NIH) mette in guardia i consumatori a prestare attenzione ai prodotti echinacea presenti sul mercato.

I prodotti a base di echinacea sono comunemente etichettati erroneamente; alcuni sono stati testati e trovati per non avere alcuna echinacea in loro affatto. Il termine “standardizzato” può sembrare impressionante, ma non ha un significato reale, sottolinea il NIH.

Test di laboratorio hanno dimostrato che alcuni prodotti echinacea sono contaminati da arsenico, piombo o selenio .

I rimedi di erbe non sono regolamentati nella maggior parte dei paesi, compresi gli Stati Uniti e il Regno Unito, allo stesso modo dei farmaci. Ciò può significare che un rimedio a base di erbe, come l’Echinacea, acquistato in una farmacia potrebbe non contenere ciò che afferma l’etichetta.

I marketer di prodotti naturali tendono a promuovere quanto innocui siano rispetto a quelli creati dall’uomo. È importante ricordare che “naturale” significa che esiste o è derivato dalla natura. “Naturale” non significa che sia innocuo.

Le seguenti sono tutte piante “naturali” che possono causare danni:

  • La belladonna (Atropa belladonna) è una delle piante più tossiche dell’emisfero occidentale. Conosciuto anche come belladonna, ciliegia del diavolo e dwale.
  • Semi di mela . Contengono piccole quantità di amigdalina, un glicoside cianogeno. Se hai ingoiato tutti i semi da una mela, non ci sarebbe abbastanza veleno da farti del male. Tuttavia, se continuassi a mangiare bocconi, alla fine avresti raggiunto una dose letale.
  • Rabarbaro . I gambi sono commestibili, ma le foglie contengono acido ossalico, che può causare gravi disturbi ai reni, convulsioni e persino coma .
  • Daffodil (Narciso) . I bulbi sono tossici e possono causare nausea, vomito e diarrea . Se viene consumato abbastanza, può essere fatale. Gli steli sono anche tossici e possono causare visione offuscata, vomito e mal di testa .
  • Cicuta . conosciuta anche come cicuta, cowbane o pastinaca velenosa, è una pianta altamente velenosa che può uccidere gli esseri umani se consumata. Ha alti livelli di cicutoxina, che è una potente tossina.

Efficacia

Sono state fatte diverse affermazioni sulla salute e accuse sull’efficacia dell’echinacea. I lettori non esperti, così come molti professionisti della sanità, non sanno quanti studi sono stati effettuati scientificamente, che sostengono che l’echinacea meriti di essere presa in considerazione.

Alcuni studi sono stati effettuati a metà degli anni ’90, compresi studi randomizzati. Tuttavia, quasi tutti sono stati sponsorizzati da produttori e operatori di echinacea e non erano considerati di alta qualità dalla comunità scientifica. La maggior parte ha riferito i benefici del rimedio a base di erbe.

Echinacea per il raffreddore

L’echinacea ha qualche effetto sul raffreddore o sulla riduzione dei sintomi del raffreddore?

Gli studi hanno prodotto risultati contrastanti:

 , gli scienziati della School of Pharmacy dell’Università del Connecticut hanno esaminato oltre una dozzina di studi sugli effetti dell’echinacea sul rischio di contrarre il raffreddore.

Hanno concluso che l’echinacea potrebbe ridurre le probabilità di una persona di prendere il raffreddore di circa il 58% . Hanno scoperto che il rimedio a base di erbe riduce anche il tempo di un raffreddore di 1,4 giorni.

No – i ricercatori della Wisconsin-Madison School of Medicine e Public Health hanno riportato sulla rivista Annals of Internal Medicine (numero di dicembre 2010) che l’echinacea non ha un impatto significativo sul comune raffreddore e riduce solo la durata dei sintomi di mezza giornata al massimo. No – gli scienziati hanno riportato nel CMAJ (Canadian Medical Association Journal)(numero di ottobre 2005) che il ginseng riduce la frequenza dei raffreddori, ma l’Echinacea no.

Più di recente, una revisione Cochrane del 2014 ha concluso che “i prodotti Echinacea non hanno dimostrato di fornire benefici per il trattamento dei raffreddori”.

Storia

I nativi americani usavano l’echinacea per centinaia di anni prima dell’arrivo di esploratori, coloni e colonizzatori europei. Gli indiani delle pianure del Nord America usavano ampiamente l’ Echinacea angustifolia per scopi medici generali.

È endemico nell’America settentrionale e centrale e prospera nelle praterie umide o asciutte e nei boschi aperti.

All’inizio del 1800 l’echinacea divenne un rimedio erboristico popolare per coloro che si erano stabiliti negli Stati Uniti e presto divenne anche comunemente usato in Europa. È diventato molto più popolare dopo che la ricerca su di esso è stata effettuata in Germania negli anni ’20.

A metà del XIX secolo e all’inizio del 20 ° secolo, l’echinacea veniva utilizzata per il trattamento delle infezioni da antrace , morsi di serpente e anche come antidolorifico.

Alla fine degli anni ’20 e all’inizio degli anni ’30, l’echinacea divenne molto popolare in Europa e nel Nord America come un farmaco a base di erbe.

L’echinacea fu usata per la prima volta come trattamento per il raffreddore quando un produttore svizzero di integratori capì erroneamente che poteva prevenire il raffreddore e che le tribù native americane del Dakota del Sud lo usavano a tale scopo.

Gli indiani nativi americani non usavano comunemente l’echinacea per il trattamento o la prevenzione del raffreddore. Alcuni, come il Kiowa e il Cheyenne, lo usavano per mal di gola e tosse, mentre il Pawnee diceva che era utile per il mal di testa. Il Lakȟóta disse che era un ottimo antidolorifico.

I nativi americani dicono che gli umani hanno imparato ad usare l’echinacea guardando gli alci che cercano l’erba e la mangiano quando sono feriti o malati. Lo chiamarono “radice degli alci”.

Se vuoi comprare l’echinacea, allora c’è un’eccellente selezione online con migliaia di recensioni dei clienti.

ECHINACEA-PURA-BIODISPONIBILE-50-CAPSULE-DA-500-MG.jpg

I primi sette antibiotici naturali sicuri ed efficaci

Alcune sostanze naturali hanno proprietà antibatteriche, ma che sono sicure da usare e quando una persona dovrebbe usarle?

Gli antibiotici prescritti , come la penicillina , hanno aiutato le persone a riprendersi da malattie e condizioni altrimenti fatali dal 1940.

Tuttavia, le persone si rivolgono anche agli antibiotici naturali per il trattamento.

Secondo l’NHS, 1 persona su 10 sperimenta effetti collaterali che danneggiano il sistema digestivo dopo l’assunzione di antibiotici. Circa 1 persona su 15 è allergica a questo tipo di farmaci.

In questo articolo, guardiamo le prove dietro sette dei migliori antibiotici naturali. Discutiamo anche quali evitare e quando vedere un medico.

Sette migliori antibiotici naturali

anti1

L’aglio può essere un trattamento efficace contro i batteri.

La giuria scientifica è ancora fuori per quanto riguarda gli antibiotici naturali. Mentre le persone hanno usato rimedi come questi per centinaia di anni, la maggior parte dei trattamenti non sono stati accuratamente testati.

Tuttavia, alcuni mostrano risultati promettenti sotto esame medico e ulteriori studi sono in corso.

Con un continuo aumento dei batteri resistenti ai farmaci, gli scienziati stanno guardando alla natura quando sviluppano nuovi farmaci.

Qui, esaminiamo la scienza dietro sette antibiotici naturali.

1. Aglio

Le culture di tutto il mondo hanno a lungo riconosciuto l’aglio per i suoi poteri preventivi e curativi.

La ricerca ha scoperto che l’aglio può essere un trattamento efficace contro molte forme di batteri, tra cui la Salmonella e l’ Escherichia coli ( E. coli ). L’aglio è stato anche considerato per l’uso contro la tubercolosi multi-farmaco resistente .

2. Il Miele

Sin dai tempi di Aristotele, il miele è stato usato come un unguento che aiuta le ferite a guarire e previene o estrae le infezioni.

I professionisti della sanità oggi lo hanno trovato utile nel trattamento di ferite croniche, ustioni, ulcere, piaghe da decubito e innesti cutanei. Ad esempio, i risultati di uno studio del 2016 dimostrano che le medicazioni al miele possono aiutare a guarire le ferite.

Gli effetti antibatterici del miele sono solitamente attribuiti al suo contenuto di perossido di idrogeno. Tuttavia, il miele di manuka combatte i batteri, sebbene abbia un contenuto inferiore di perossido di idrogeno.

Uno studio del 2011 ha riportato che il tipo più noto di miele inibisce circa 60 tipi di batteri. Suggerisce anche che il miele tratti con successo ferite infette da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina ( MRSA ).

Proprietà antibatteriche a parte, il miele può aiutare le ferite a guarire fornendo un rivestimento protettivo che favorisce un ambiente umido.

zenzero

La comunità scientifica riconosce anche lo zenzero come un antibiotico naturale. Diversi studi, tra cui uno pubblicato nel 2017 , hanno dimostrato la capacità dello zenzero di combattere molti ceppi di batteri.

I ricercatori stanno anche esplorando il potere dello zenzero per combattere il mal di mare e la nausea e abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Farmajet consiglia lo zenzero puro bidisponibile

4. Echinacea

anti2

L’echinacea è stata usata per trattare le infezioni per molti anni.

I nativi americani e altri guaritori tradizionali hanno usato l’ echinacea per centinaia di anni per curare infezioni e ferite. I ricercatori stanno iniziando a capire perché.

Uno studio pubblicato nel Journal of Biomedicine and Biotechnology riporta che l’estratto di Echinacea purpurea può uccidere molti diversi tipi di batteri, tra cui Streptococcus pyogenes (S. pyogenes).

S. pyogenes è responsabile dello streptococco , della sindrome da shock tossico e della “malattia carnivora ” nota come fascite necrotizzante .

L’Echinacea può anche combattere l’ infiammazione associata a un’infezione batterica.

Farmajet consiglia l’Echinacea Pura biodisponibile.

5. Goldenseal o IDRASTE Hydrastis canadensis L.

goldenseal

Goldenseal viene solitamente consumato nel tè o in capsule per trattare problemi respiratori e digestivi. Tuttavia, può anche combattere la diarrea batterica e le infezioni del tratto urinario .

Inoltre, i risultati di uno studio recente supportano l’uso di goldenseal per trattare le infezioni della pelle. In un laboratorio, sono stati utilizzati estratti goldenseal per impedire che l’MRSA danneggi i tessuti.

Una persona che assume i farmaci con obbligo di prescrizione medica deve consultare un medico prima di assumere goldenseal, poiché questo integratore può causare interferenze.

Goldenseal contiene anche berberina, una componente importante degli antibiotici naturali. Questo alcaloide non è sicuro per i bambini, o le donne che sono incinte o che allattano.

6. Chiodi di garofano

chiodi di garofanoIl chiodo di garofano è stato tradizionalmente usato nelle procedure dentistiche. La ricerca sta ora scoprendo che l’estratto di chiodi di garofano può essere efficace contro molti diversi tipi di batteri, tra cui E. coli .

7. Origano

 

OriganoAlcuni credono che l’origano rafforzi il sistema immunitario e agisca da antiossidante . Può avere proprietà anti-infiammatorie.

Mentre i ricercatori devono ancora verificare queste affermazioni, alcuni studi dimostrano che l’origano è tra gli antibiotici naturali più efficaci , in particolare quando è trasformato in un olio.

Rischio di antibiotici naturali

Solo perché qualcosa è etichettato come naturale, non è necessariamente sicuro.

Le quantità e le concentrazioni degli ingredienti attivi variano tra le marche di integratori. Leggi attentamente le etichette. Una persona dovrebbe anche informare il proprio medico se pensa di prendere questi supplementi.

Mentre l’aglio cotto è generalmente sicuro da consumare, la ricerca suggerisce che l’assunzione di aglio concentrato può aumentare il rischio di sanguinamento. Questo può essere pericoloso per le persone che affrontano un intervento chirurgico o che assumono anticoagulanti.

I concentrati di aglio possono anche ridurre l’utilità dei farmaci per l’ HIV .

Alcuni prodotti dovrebbero essere evitati, compreso l’argento colloidale. Questa sostanza consiste in pezzi microscopici di argento sospeso in acqua.

L’argento colloidale è stato raccomandato come trattamento per una varietà di malattie, tra cui la peste bubbonica e l’HIV. Tuttavia, secondo il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa, può essere pericoloso e nessuno studio credibile supporta questi usi.

L’assunzione di integratori di argento colloidale può interferire con l’efficacia degli antibiotici e dei farmaci usati per trattare una ghiandola tiroide non attiva.

L’argento può anche accumularsi nel corpo e ruotare la pelle di colore grigio-bluastro. Questa condizione è chiamata argyria ed è permanente nella maggior parte delle persone.

Quando usare gli antibiotici prescritti

anti3

Gli antibiotici possono essere prescritti per accelerare il recupero dalla malattia o per prevenire la diffusione di malattie infettive.

A causa dell’attuale aumento delle malattie resistenti ai farmaci, la maggior parte dei medici non prescrive antibiotici a meno che non siano efficaci e necessari.

Gli antibiotici sono più spesso prescritti a:

  • prevenire la diffusione di malattie infettive
  • impedire che una condizione diventi più grave o fatale
  • recupero rapido da malattia o infortunio
  • prevenire lo sviluppo di complicanze

Se una persona viene prescritta antibiotici, dovrebbero prendere l’intero dosaggio come indicato. Ciò è particolarmente consigliato nelle persone con un rischio più elevato di infezione batterica o che affrontano rischi maggiori se si ammalano, come le persone che sono:

  • programmato per la chirurgia
  • ricevere chemioterapia
  • HIV-positivi
  • assunzione di insulina per il diabete
  • vivere con insufficienza cardiaca
  • guarendo da gravi ferite
  • oltre 75 anni
  • sotto i 3 giorni di età

Quando un individuo è allergico alla prescrizione di antibiotici o soffre di effetti collaterali, potrebbe voler discutere altre opzioni con un medico.

prospettiva

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ogni anno più di 2 milioni di americani non si ammalano di batteri resistenti ai farmaci, provocando 23.000 morti annuali.

Questi batteri costituiscono una minaccia crescente e la chiave per lo sviluppo di farmaci nuovi ed efficaci potrebbe risiedere in trattamenti del passato: antibiotici naturali.

Mentre gli antibiotici naturali possono presentare opportunità, comportano anche dei rischi. Tuttavia, la ricerca su questi trattamenti sta crescendo e un numero crescente di sostanze viene testato. Gli antibiotici naturali tradizionalmente usati per secoli possono contribuire ai farmaci salvavita di domani.