Un nuovo Farmaco dimezza gli attacchi di emicrania precedentemente non curabili

Un nuovo farmaco offre una nuova speranza a milioni di persone che soffrono di emicrania resistente al trattamento. Il composto, chiamato erenumab, si è dimostrato efficace nelle persone che non avevano superato fino a quattro trattamenti preventivi precedenti.
emicrania

Le persone con emicrania cronica potrebbero presto trovare sollievo in un nuovo farmaco.

Il nuovo studio è stato condotto dal Dr. Uwe Reuter, affiliato a The Charité – University Medicine Berlin in Germania.

I risultati del team danno speranza ai 12 milioni di persone in Italia le cui vite sono affette da emicrania .

L’emicrania è una condizione neurologica invalidante per la quale non esiste ancora una cura.

Un episodio può durare tra le 4 e le 72 ore ed è spesso accompagnato da altri sintomi debilitanti, come vomito, vertigini, sensazione di intorpidimento delle mani o dei piedi e compromissione della vista.

Si stima che oltre 1,5 milioni di persone in Italia soffrono di emicrania cronica quotidiana, il che significa che hanno un attacco di almeno 15 giorni al mese.

Per queste persone, le nuove scoperte – che saranno presentate alla 70a riunione annuale dell’American Academy of Neurology, tenutasi a Los Angeles, in California – potrebbero apportare sollievo.

Il farmaco erenumab è stato testato in persone con emicrania particolarmente difficile che era stata resiliente al trattamento. Il composto ha ridotto gli attacchi di emicrania del 50% per un terzo dei partecipanti allo studio.

Erenumab vs. trattamenti precedenti

Il Dr. Reuter e il team hanno reclutato 246 persone con emicrania episodica che era stata fallita da precedenti trattamenti.

Più in particolare, il 39% dei partecipanti aveva provato due precedenti farmaci inutilmente, il 38% era stato trattato senza successo con tre farmaci e il 23% aveva provato quattro farmaci ma non aveva avuto successo.

I partecipanti – che avevano in media nove emicranie al mese, all’inizio dello studio – erano divisi in due gruppi: un gruppo ha ricevuto iniezioni di 140 milligrammi del nuovo farmaco, mentre l’altro ha ricevuto un placebo .

il Farmaco dimezza gli attacchi e non ha effetti collaterali

Tre mesi dopo il trattamento, il 30% dei pazienti con emicrania nel gruppo di intervento aveva ridotto del 50% il numero dei loro attacchi mensili, mentre solo il 14% di quelli nel gruppo placebo aveva ridotto i loro attacchi della metà.

Ciò significa che coloro che hanno ricevuto il trattamento erano quasi tre volte più probabilità di dimezzare i loro attacchi. È importante sottolineare che il farmaco non ha presentato effetti collaterali.

Il Dr. Reuter commenta i risultati dello studio, dicendo: “Le persone che abbiamo incluso nel nostro studio erano considerate più difficili da trattare, il che significa che fino a quattro altri trattamenti preventivi non avevano funzionato per loro”.

“Il nostro studio ha rilevato che erenumab ha ridotto il numero medio di cefalee emicraniche mensili di oltre il 50% per quasi un terzo dei partecipanti allo studio.Questa riduzione della frequenza di emicrania può migliorare notevolmente la qualità della vita di una persona.”

Dr. Uwe Reuter

Il farmaco agisce bloccando i segnali del dolore nel cervello. Nello specifico, erenumab inibisce un recettore per un peptide correlato al gene della calcitonina (CGRP), che è responsabile dell’invio di segnali di dolore emicranico.

Poiché erenumab occupa il recettore stesso, CGRP non ha nessun posto dove legarsi.

“I nostri risultati mostrano che le persone che ritenevano che le loro emicranie fossero difficili da prevenire potevano effettivamente sperare di trovare sollievo dal dolore”, afferma il dott. Reuter. “Ora sono necessarie ulteriori ricerche per capire chi è più propenso a beneficiare di questo nuovo trattamento”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...