Cosa dicono le persone durante il sonno? Farmajet news

“Non posso mangiare un delfino” e “Posso avere un secchio d’acqua per fare i compiti, per favore?” sono solo alcune delle cose bizzarre che il team di News mediche ha detto durante il sonno. Un nuovo entusiasmante studio fa luce su questo fenomeno e rivela alcune delle parole che più probabilmente usciranno dalla nostra bocca durante il sonno. Non sono carini.
sparlo1

Cosa dicono i dormienti del sonno? Un nuovo studio potrebbe sorprenderti.

Dormire parlando, detto anche “sonnolento”, è una parassominia comune. Molti di voi rischiano di essersi svegliati, improvvisamente consapevoli che stai borbottando o urlando, o un partner potrebbe averti raccontato una storia umoristica sulle strane parole che hai mormorato mentre dormivi la notte scorsa.

Si stima che il linguaggio del sonno influenzi circa il 5% di tutti gli adulti, ma molti di noi potrebbero sperimentare questo comportamento complesso, in particolare se siamo stressati o privati ​​del sonno.

In effetti, la ricerca ha indicato che oltre il 66 percento di noi ha parlato durante il sonno ad un certo punto della nostra vita.

Sappiamo poco dei meccanismi cerebrali che provocano il sonno parlando, ma la ricerca ha suggerito che si pone come una parte del disturbo del comportamento del sonno con movimenti oculari rapidi ( REM ), in cui la regione del cervello che paralizza la parola e i movimenti durante il sonno non riesce a funzionare efficacemente.

La buona notizia è che, di per sé, parlare di sonno è in gran parte inoffensivo – anche se la persona che deve ascoltarti mentre blatera mentre sta cercando di ottenere un po ‘di chiudi potrebbe non essere d’accordo.

Se sei come me, probabilmente ti preoccupi di quello che dici nel sonno, chiedendoti se hai sbottato qualcosa di molto imbarazzante.

Bene, il nuovo studio – pubblicato sulla rivista Sleep – conferma le tue paure.

Giuramento e negatività comuni

Diretto dalla dottoressa Isabelle Arnulf, dell’unità Sleep Disorders di AP-HP, Ospedale Pitié-Salpêtrière di Parigi, in Francia, la ricerca rivela che il discorso del sonno è pieno di parole negative e volgari che sono spesso dirette verso un’altra persona.

La squadra è arrivata alle nuove scoperte studiando 232 adulti. Di questi, 129 avevano disturbi del comportamento del sonno REM, 87 con sonnambulismo, terrori del sonno o entrambi, un adulto aveva apnea del sonno e 15 adulti non avevano disturbi correlati al sonno.

Per 2 notti, i ricercatori hanno utilizzato la polisonnografia video per registrare qualsiasi episodio vocale durante il sonno dei partecipanti. Hanno monitorato la frequenza degli episodi della parola, le parole pronunciate da ciascun adulto e se i soggetti parlassero positivamente o negativamente, nonché se le loro parole fossero o meno rivolte agli altri.

Ci sono stati un totale di 883 episodi di parlato tra i partecipanti, tra cui 3.349 parole decifrabili.

La parola più comune pronunciata durante gli episodi vocali era “no” e questa parola appariva circa quattro volte di più quando i soggetti dormivano rispetto a quando erano svegli.

Ma questa non è la parte peggiore: il team ha scoperto che quasi il 10% di tutti gli episodi di parlato conteneva parolacce, con la “parola F” che appariva circa 800 volte di più durante il sonno.

Giuramento durante il sonno era più comune negli uomini rispetto alle donne, e gli uomini tendono a dormire parlare più in generale.

Potremmo giurare, ma la nostra grammatica è buona

Parlando con MNT , il Dr. Arnulf ha detto che il team non è stato troppo sorpreso dai suoi risultati, sottolineando che quando le persone sognano – che di solito si verificano durante il sonno REM – le emozioni negative non sono rare.

Ci ha detto che “[…] le persone possono agire – e parlare ad alta voce – solo quando sono estremamente preoccupati, il resto dei loro discorsi rimane interiore e silenzioso”.

“[S] i lebbrosi possono affrontare situazioni nei sogni in cui qualcuno giurerebbe, se fossero accaduti svegli – ad esempio, hanno bisogno di sfuggire a un pericolo, e di gridare, o dover combattere contro e insultare l’aggressore”, Dr . Arnulf aggiunto.

In sostanza, se stai sognando una situazione lavorativa stressante o una discussione con un partner, non stupirti se alcune imprecazioni ti escono dalla bocca.

Ma, nonostante le parole che diciamo nel nostro sonno che sono lontane dall’ideale, possiamo essere sicuri sapendo che la nostra grammatica non soffre.

“Quello che ora sappiamo”, ha detto il dottor Arnulf a MNT , “è che parlare del sonno è molto simile a parlare sveglio, in termini di corretta grammatica, con frasi subordinate e silenzio per gli altri a rispondere, come in risveglio di discorso.”

“Le differenze”, ha detto, “sono qualitative: il linguaggio notturno è negativo, teso, più volgare e rivolto a qualcuno, non a se stesso, suggerisce che il cervello usa le stesse reti del risveglio, e che il linguaggio del sonno traduce il concomitante attività di sogno, che è anche tesa “.

Successivamente, i ricercatori hanno in programma di far luce sui gesti che corrispondono a ciò che dicono i dormienti, qualcosa che il dott. Arnulf definisce “gesti co-sonno”.

“La persistenza dei gesti di co-parola suggerirebbe che la connessione tra area frontale e temporale è mantenuta durante il sonno”, ci ha detto.

Quindi, se vuoi sapere se impacchi un buon pugno nel sonno, guarda questo spazio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...