La vitamina E fa bene ai tuoi capelli?

La vitamina E è un nutriente liposolubile che è disponibile da diverse fonti alimentari e in forma di supplemento. Alcune persone credono che la vitamina E abbia un impatto positivo sulla salute dei capelli, anche se sono necessarie ulteriori ricerche per supportare questa teoria.

In questo articolo, esaminiamo alcuni degli evidenti benefici della vitamina E per i capelli e osserviamo quali prove li supportano. Spieghiamo anche come le persone possono aumentare il loro apporto di vitamina E e considerare se esistono o meno rischi o effetti collaterali.

Cosa può fare la vitamina E per i capelli?

vitamina e per capelli.jpg

La vitamina E ha effetti antiossidanti naturali che potrebbero aiutare a mantenere la crescita dei capelli.

Le persone hanno affermato che la vitamina E offre diversi benefici per la salute dei capelli, ma molte di queste affermazioni mancano di prove scientifiche rigorose per sostenerle.

La maggior parte delle affermazioni sul ruolo della vitamina E nella salute dei capelli si riferiscono alle sue proprietà antiossidanti . Questi si concentrano sull’idea che può ridurre il danno cellulare e migliorare la crescita dei capelli.

Indaghiamo su alcune delle affermazioni più comuni qui sotto.

Potrebbe aiutare a sostenere un cuoio capelluto sano

La vitamina E può aiutare a sostenere un cuoio capelluto sano e capelli in quanto ha effetti antiossidanti naturali che potrebbero aiutare a mantenere la crescita dei capelli.

Le proprietà antiossidanti della vitamina possono aiutare a ridurre la quantità di stress ossidativo e i radicali liberi che causano la rottura delle cellule del follicolo pilifero nel cuoio capelluto di una persona.

Aiuta a prevenire la caduta dei capelli

Vi sono alcune prove limitate a sostegno dell’indicazione che la vitamina E può aiutare a prevenire la caduta dei capelli .

Un piccolo studio di ricerca che ha coinvolto un totale di 38 volontari con perdita di capelli ha esaminato il ruolo svolto dalla vitamina E nel prevenire questa perdita. Lo studio ha rilevato che uno dei componenti della vitamina E ha migliorato la crescita dei capelli dei volontari rispetto a un placebo .

Sono ancora necessarie ulteriori ricerche per determinare in che modo la vitamina E influisce sulla perdita dei capelli.

Aumento della lucentezza

Secondo alcune persone, la vitamina E può aiutare a ricostituire la lucentezza che i capelli perdono a causa del danno. Prodotti chimici, calore e altri prodotti per lo styling possono danneggiare i capelli.

Una persona può ripristinare la lucentezza con gli oli, che forniscono un ulteriore strato di protezione alla pelle e ai capelli. Molti produttori aggiungeranno la vitamina E ai loro prodotti per contribuire a ripristinare la lucentezza.

Esiste una ricerca limitata sull’efficacia della vitamina E nel rendere nuovamente i capelli lucenti.

Come usare o ottenere più vitamina E

La vitamina E è una sostanza nutritiva naturale presente in alcuni alimenti. Le persone possono anche trovarlo in integratori e altri prodotti.

Le persone possono usare i seguenti metodi per aumentare l’assunzione di vitamina E o applicare più di questa vitamina ai capelli e al cuoio capelluto:

Shampoo e altri prodotti per capelli

donna sotto la doccia.jpg

Alcuni shampoo e balsami sono fortificati con vitamina E.

Diversi shampoo e balsami contengono vitamina E. Le persone possono lavarsi i capelli con shampoo e balsamo fortificati con vitamina E come farebbero con i prodotti normali.

È essenziale seguire le indicazioni sull’etichetta informativa quando si utilizzano prodotti e supplementi speciali.

Shampoo fortificati contenenti vitamina E e altri nutrienti sono disponibili per l’ acquisto online . Ancora una volta, vale la pena notare che ci sono poche prove a sostegno della loro efficacia nell’aumentare la salute dei capelli.

Migliora la dieta generale

La vitamina E è presente in diversi tipi di alimenti. Questi includono:

  • verdure a foglia verde
  • Noci e semi
  • olio vegetale
  • cereali per la colazione fortificati

Per aumentare il loro apporto di vitamina E, le persone possono mangiare cibi che sono naturalmente ricchi di questa vitamina. Alcune buone fonti alimentari di vitamina E includono:

  • 1 cucchiaio di olio di germe di grano – 20,3 milligrammi (mg)
  • 1 oncia (oz) di semi di girasole secchi tostati – 7,4 mg
  • 1 oz di mandorle tostate asciutte – 6,8 mg
  • 2 cucchiai di burro di arachidi – 2,9 mg
  • mezza tazza di spinaci bolliti – 1,9 mg
  • mezza tazza di broccoli bolliti – 1,2 mg

Gli esperti generalmente considerano l’aumento dell’assunzione di cibi che contengono vitamina E per essere sicuri .

Uso di supplementi

Gli integratori di vitamina E sono spesso disponibili nei negozi specializzati e nella sezione farmacia di vari negozi.

Le persone che assumono vitamina E dovrebbero sempre usarlo secondo le indicazioni. Dovrebbero anche prenderlo con il cibo in quanto è una vitamina liposolubile.

I supplementi contengono una forma sintetica di vitamina E. Secondo l’Office of Dietary Supplements (ODS), le persone hanno bisogno di circa il 50% in più di vitamina E sintetica della vitamina E naturale per ottenere gli stessi benefici per la salute.

È meglio parlare con un medico prima di assumere integratori di vitamina E perché troppa vitamina E può essere dannosa.

Oli di vitamina E

Alcuni oli contengono un’infusione di vitamina E. Le persone dovrebbero mescolare questi oli con un olio vettore se i produttori non li hanno già diluiti. Questo aiuterà a prevenire l’irritazione della pelle.

Sebbene sia possibile applicare gli olii di vitamina E direttamente sul cuoio capelluto, gli olii infusi potrebbero non essere la scelta migliore per la maggior parte delle persone in quanto sono costosi e possono essere difficili da usare.

Ci sono rischi o effetti collaterali?

Gli integratori di vitamina E possono interferire con altri farmaci.

Gli scienziati stanno ancora studiando gli effetti della vitamina E sulla salute. Secondo l’ ODS , gli studi indicano che la vitamina E non è efficace nella prevenzione o nel trattamento del cancro . L’organizzazione ha anche osservato che la vitamina E non protegge dalle malattie cardiache .

Assumere integratori di vitamina E può essere dannoso per la salute in quanto può interferire con alcuni farmaci, tra cui le chemioterapie.

È anche possibile che una persona assuma troppa vitamina E utilizzando gli integratori. Pertanto, è fondamentale seguire la raccomandazione del produttore o di un medico per quanto riguarda il dosaggio.

Questo non vuol dire che la vitamina E non sia un nutriente importante per la salute generale, della pelle e dei capelli. Molti produttori di prodotti per la salute e la bellezza utilizzano la vitamina E nei loro cosmetici e prodotti per capelli per contribuire a promuovere la salute della pelle e dei capelli.

Sebbene molti credano che sia benefico, l’aggiunta di vitamina E ai prodotti di dermatologia non è esente da critiche. Ad esempio, uno studio del 2016 ha esaminato il ruolo della vitamina E in dermatologia e ha concluso che è difficile determinare gli esatti effetti della vitamina E su pelle e capelli.

Gli autori ritengono che siano necessarie ulteriori ricerche per confermare le dosi appropriate e dimostrare l’efficacia complessiva della vitamina E.

Porta via

Non c’è dubbio che la vitamina E è un nutriente importante di cui il corpo ha bisogno. Una persona in genere può soddisfare il suo fabbisogno giornaliero senza una dieta o supplementi speciali.

Gli scienziati devono effettuare ulteriori ricerche per determinare cosa esattamente fa la vitamina E per i capelli.

blocca la caduta dei capelli con DIRADINA  il miglior integratore contro la caduta dei capelli in vendita in Farmacia.

diradina.jpg

Annunci

Vitamine: cosa sono e cosa fanno?

Le vitamine sono composti organici che sono necessari in piccole quantità per sostenere la vita. La maggior parte delle vitamine ha bisogno di venire dal cibo.

Questo perché il corpo umano non ne produce abbastanza, o non ne produce affatto.

Ogni organismo ha requisiti vitaminici diversi. Ad esempio, gli umani hanno bisogno di consumare vitamina C o acido ascorbico, ma i cani no. I cani possono produrre, o sintetizzare, abbastanza vitamina C per i propri bisogni, ma gli esseri umani non possono farlo.

Le persone hanno bisogno di assumere la maggior parte della loro vitamina D dall’esposizione alla luce solare, perché non è disponibile in quantità sufficienti nel cibo. Tuttavia, il corpo umano può sintetizzarlo quando esposto alla luce solare.

Diverse vitamine hanno ruoli diversi e sono necessarie in quantità diverse.

Questo articolo spiega cosa sono le vitamine, cosa fanno e quali alimenti forniscono a ciascun tipo. Segui i link per maggiori informazioni su ciascun tipo di vitamina.

Contenuto di questo articolo:

  1. Cosa sono le vitamine?
  2. Vitamine liposolubili e idrosolubili
  3. Elenco di vitamine
  4. Cibo o integratori?

 

  • Ci sono 13 vitamine conosciute.
  • Le vitamine sono idrosolubili o liposolubili.
  • Le vitamine liposolubili sono più facili da immagazzinare nel corpo rispetto a quelle solubili in acqua.
  • Le vitamine contengono sempre carbonio, quindi sono descritte come “organiche”.
  • Il cibo è la migliore fonte di vitamine, ma alcune persone possono essere informate da un medico di usare integratori.

 

Cosa sono le vitamine?

vitamine1

Frutta e verdura sono buone fonti di una gamma di vitamine.

Una vitamina fa parte di un gruppo di sostanze organiche che è presente in piccole quantità in alimenti naturali. Le vitamine sono essenziali per il normale metabolismo. Se non prendiamo abbastanza di qualsiasi tipo di vitamina, possono verificarsi determinate condizioni mediche.

Una vitamina è entrambe:

  • un composto organico, il che significa che contiene carbonio
  • un nutriente essenziale che il corpo non può produrre abbastanza e di cui ha bisogno per ottenere dal cibo

Ci sono attualmente 13 vitamine riconosciute.

Vitamine liposolubili e idrosolubili

Le vitamine sono solubili nel grasso o solubili in acqua.

Vitamine liposolubili

Le vitamine liposolubili sono immagazzinate nei tessuti grassi del corpo e del fegato. Le vitamine A, D, E e K sono liposolubili. Queste sono più facili da conservare rispetto alle vitamine idrosolubili e possono rimanere nel corpo come riserve per giorni e talvolta mesi.

Le vitamine liposolubili vengono assorbite attraverso il tratto intestinale con l’aiuto di grassi o lipidi.

Vitamine idrosolubili

Le vitamine idrosolubili non restano a lungo nel corpo. Il corpo non può conservarli e sono presto escreti nelle urine. Per questo motivo, le vitamine idrosolubili devono essere sostituite più spesso di quelle liposolubili.

La vitamina C e tutte le vitamine del gruppo B sono solubili in acqua .

 

Elenco di vitamine

Ecco i diversi tipi di vitamine.

Vitamina A

Nomi chimici: retinolo, retina e quattro carotenoidi, compreso il beta carotene .

  • È liposolubile.
  • Carenza può causare cecità notturna e keratomalacia, un disturbo dell’occhio che si traduce in una cornea secca.
  • Buone fonti includono: fegato, olio di fegato di merluzzo, carote, broccoli, patate dolci, burro, cavoli , spinaci, zucca , cavolo, alcuni formaggi, uova, albicocche, melone cantalupo e latte.

Vitamina B

Nome chimico: tiamina.

  • È solubile in acqua.
  • La carenza può causare la sindrome di beriberi e di Wernicke-Korsakoff.
  • Le buone fonti includono: lievito, maiale, cereali, semi di girasole, riso integrale, segale integrale, asparagi, cavoli, cavolfiori, patate, arance, fegato e uova.

Vitamina B2

Nome chimico: riboflavina

  • È solubile in acqua
  • Carenza può causare ariboflavinosi
  • Le buone fonti includono: asparagi, banane , cachi, gombo, bietole, fiocchi di latte, latte, yogurt, carne, uova, pesce e fagiolini

Vitamina B3

Nomi chimici: niacina, niacinamide

  • È solubile in acqua.
  • Carenza può causare pellagra, con sintomi di diarrea , dermatiti e disturbi mentali.
  • Buone fonti includono: fegato, cuore, rene, pollo, manzo, pesce (tonno, salmone), latte, uova, avocado, datteri, pomodori, verdure a foglia verde, broccoli, carote, patate dolci, asparagi, noci, cereali integrali, legumi , funghi e lievito di birra.

Vitamina B5

Nome chimico: acido pantotenico

  • È solubile in acqua.
  • La mancanza può causare parestesia o “spilli e aghi”.
  • Le buone fonti includono: carne, cereali integrali (la macinatura può rimuoverla), broccoli, avocado, pappa reale e ovaie di pesce.

Vitamina B6

Nomi chimici: piridossina, piridossamina, piridossale

  • È solubile in acqua.
  • La carenza può causare anemia , neuropatia periferica o danni a parti del sistema nervoso diverse dal cervello e dal midollo spinale.
  • Le buone fonti includono: carne, banane, cereali integrali, verdure e noci. Quando il latte viene essiccato, perde circa la metà della sua B6. Il congelamento e l’inscatolamento possono anche ridurre il contenuto.

Vitamina B7

Nome chimico: biotina

  • è solubile in acqua.
  • La mancanza può causare dermatite o enterite o infiammazione dell’intestino.
  • Buone fonti includono: tuorlo d’uovo, fegato, alcune verdure.

Vitamina B9

Denominazioni chimiche: acido folico, acido folinico

  • È solubile in acqua.
  • La carenza durante la gravidanza è legata a difetti alla nascita. Le donne incinte sono incoraggiate a integrare l’acido folico per tutto l’anno prima di rimanere incinta.
  • Le buone fonti includono: verdure a foglia, legumi, fegato, lievito di birra, alcuni prodotti a base di cereali fortificati e semi di girasole. Diversi frutti hanno quantità moderate, così come la birra.

Vitamina B12

Nomi chimici: cianocobalamina, idrossicobalamina, metilcobalamina

  • È solubile in acqua.
  • La carenza può causare anemia megaloblastica, una condizione in cui il midollo osseo produce globuli rossi insolitamente grandi, anormali e immaturi.
  • Le buone fonti includono: pesce, crostacei, carne, pollame, uova, latte e latticini, alcuni cereali fortificati e prodotti a base di soia, nonché lievito alimentare fortificato.

I vegani sono invitati a prendere integratori B12.

Vitamina C

Nome chimico: acido ascorbico

  • È solubile in acqua.
  • La carenza può causare anemia megaloblastica.
  • Le buone fonti includono: frutta e verdura. La prugna Kakadu e il frutto Camu hanno il più alto contenuto di vitamina C di tutti gli alimenti. Il fegato ha anche alti livelli. La cottura distrugge la vitamina C.

Vitamina D

Nomi chimici: Ergocalciferolo, colecalciferolo.

  • È liposolubile.
  • La carenza può causare rachitismo e osteomalacia o rammollimento delle ossa.
  • Buone fonti : l’esposizione all’ultravioletto B (UVB) attraverso la luce solare o altre fonti provoca la produzione di vitamina D nella pelle. Si trova anche in pesci grassi, uova, fegato di manzo e funghi.

Vitamina E

Denominazioni chimiche: tocoferoli, tocotrienoli

  • È liposolubile.
  • La mancanza è rara, ma può causare anemia emolitica nei neonati. Questa è una condizione in cui le cellule del sangue vengono distrutte e rimosse dal sangue troppo presto.
  • Buone fonti includono: kiwi, mandorle, avocado, uova, latte, noci, verdure a foglia verde, oli vegetali non riscaldati, germe di grano e cereali integrali.

Vitamina K

Denominazioni chimiche: fillochinone, menachinoni

  • È liposolubile.
  • La carenza può causare una diatesi emorragica, un’insolita suscettibilità al sanguinamento.
  • Le buone fonti includono: verdure a foglia verde, avocado, kiwi. Il prezzemolo contiene molta vitamina K.

Cibo o integratori?

Le linee guida dietetiche degli Stati Uniti del 2015-2020 si concentrano sulla dieta generale come il modo migliore per ottenere abbastanza nutrienti per una buona salute. Le vitamine dovrebbero venire in primo luogo da una dieta equilibrata e varia con abbondanza di frutta e verdura.

Tuttavia, in alcuni casi, gli alimenti fortificati e gli integratori potrebbero essere appropriati.

Un professionista della salute può raccomandare integratori vitaminici per le persone con determinate condizioni, durante la gravidanza o per coloro che seguono una dieta limitata.

Coloro che assumono integratori devono fare attenzione a non superare la dose massima indicata, in quanto possono verificarsi problemi di salute. Alcuni farmaci possono interagire con gli integratori vitaminici, quindi è importante parlare con un operatore sanitario prima di usare gli integratori.