Virus riprogrammati per attaccare il cancro nuova frontiera di ricerca

Mentre i virus sono più noti per causare malattie e sofferenze, gli scienziati hanno recentemente progettato un modo per usarli come una forza positiva nella lotta contro il cancro.
virus farmajet

I virus (un esempio del quale è mostrato qui) hanno un brutto nome, ma possono essere utilizzati terapeuticamente?
Immagine di credito: Graham Beards

I virus sono agenti infettivi di piccole dimensioni, in rapida replicazione, che possono sopravvivere solo all’interno delle cellule di altri organismi.

Possono essere trovati in ogni ecosistema sulla terra e possono infettare tutte le forme di vita.

In grado di causare migliaia di condizioni – dal comune raffreddore alla febbre emorragica del Congo-Crimea – i virus hanno il successo e la mortalità.

Usando i loro tratti di successo spettacolari, gli scienziati dell’università di Cardiff nel Regno Unito stanno attualmente studiando modi per trasformare i virus contro il cancro .

I ricercatori hanno “addestrato” con successo i virus per riconoscere il cancro ovarico e ucciderlo senza danneggiare alcun tessuto sano.

Retraining virus

Il nuovo studio si basa su ricerche simili degli ultimi anni. L’autore co-lead Dr. Alan Parker osserva:

“I virus riprogrammati sono già stati utilizzati nelle procedure di terapia genica per trattare una serie di malattie, dimostrando che possono essere addestrati dall’essere in pericolo di vita in agenti potenzialmente salvavita”.

Ma, in passato, non era possibile rendere i virus abbastanza selettivi. Una tale mancanza di selettività significava che avrebbero invaso anche cellule sane e causandole danni.

Nel loro nuovo articolo, che è ora pubblicato sulla rivista Clinical Cancer Research , i ricercatori delineano un nuovo approccio che evita questo problema.

Come spiega il Dr. Parker, “Abbiamo preso un virus comune e ben studiato e l’abbiamo completamente ridisegnato in modo che non possa più legarsi a cellule non cancerose, ma cerchi invece una specifica proteina marcatore chiamata alfa-v-beta-6 (αvβ6) integrina, che è unica per alcune cellule tumorali, permettendole di invaderle. ”

Il male è diventato buono

Una volta che un virus è entrato in una cellula, dirotta il meccanismo cellulare per fare migliaia di copie di se stesso. Quindi, la cellula si rompe e i nuovi virus sono liberi di infettare le cellule vicine. Nei virus riqualificati si verifica lo stesso, ma solo le cellule tumorali vengono invase e si rompono.

La capacità del virus di replicarsi così rapidamente li rende un formidabile patogeno, ma una volta che sono stati riproposti, la loro rapida moltiplicazione diventa un beneficio terapeutico.

Come bonus aggiuntivo, il virus innesca una risposta immunitaria e aiuta il sistema immunitario a riconoscere, bersagliare e distruggere le cellule cancerose.

In questo caso, abbiamo introdotto il virus riprogrammato sul cancro ovarico, che ha identificato e distrutto con successo, un progresso entusiasmante che offre un potenziale reale per i pazienti con una varietà di tumori”.

Dr. Alan Parker

In futuro, i ricercatori sperano di perfezionare ulteriormente la loro arma virale. Vogliono addestrare il virus a riconoscere una componente proteica che è condivisa da tumori ovarici, mammari, pancreatici, polmonari e orali.

Inoltre, più in basso, gli scienziati sperano di rendere il virus ancora più potente. Credono che armeggiando con il suo DNA, potrebbero essere in grado di programmarlo per produrre e rilasciare anticorpi o altri composti antitumorali mentre è alloggiato all’interno della cellula.

Questi studi iniziali sono stati condotti su un modello murino di cancro ovarico, ma entro i prossimi 5 anni, sperano che i virus riprogrammati raggiungano la fase di sperimentazione clinica.

Annunci