11 benefici dell’olio dell’albero del tè

L’olio dell’albero del tè, noto anche come olio di melaleuca, è un olio essenziale distillato dalle foglie della pianta nativa australiana Melaleuca alternifolia.

Negli ultimi decenni, la sua popolarità è cresciuta in altre aree del mondo come trattamento alternativo e complementare. Oggi l’olio dell’albero del tè si trova comunemente nei cosmetici, nei medicinali per uso topico e nei prodotti per la casa.

Fatti veloci sull’olio dell’albero del tè

  • L’olio dell’albero del tè viene distillato dalle foglie della pianta di Melaleuca alternifolia , trovata in Australia.
  • L’olio possiede proprietà antibatteriche, antinfiammatorie, antivirali e antimicotiche.
  • Una persona può curare l’ acne , il piede d’atleta, la dermatite da contatto o i pidocchi con l’olio dell’albero del tè.
  • L’olio dell’albero del tè non deve mai essere ingerito.

Benefici

Ci sono alcune prove per dimostrare che l’olio dell’albero del tè può avere diversi usi.

1. Antibatterico

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

Gli oli dell’albero del tè sono stati usati in Australia come un unguento per quasi 100 anni.

L’olio è stato usato per quasi 100 anni come trattamento curativo in Australia, in particolare per le condizioni della pelle. Oggi è usato per un certo numero di condizioni.

L’olio dell’albero del tè è probabilmente meglio conosciuto per la sua attività antibatterica.

Alcune ricerche suggeriscono che l’attività antimicrobica ad ampio spettro associata all’olio proviene dalla sua capacità di danneggiare le pareti cellulari dei batteri. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire come potrebbe funzionare.

2. Anti-infiammatorio

L’olio dell’albero del tè può aiutare a sedare l’infiammazione , probabilmente a causa della sua elevata concentrazione di terpinen-4-olo, un composto con proprietà anti-infiammatorie.

Nei test sugli animali , è stato trovato che il terpinen-4-olo sopprime l’attività infiammatoria nei casi di infezione della bocca. Nell’uomo, l’olio di tea tree applicato topicamente ha ridotto il gonfiore dell’infiammazione cutanea indotta dall’istamina in modo più efficace rispetto all’olio di paraffina.

3. Antifunghi

Una revisione dell’efficacia dell’olio di tea tree mette in evidenza la sua capacità di uccidere una serie di lieviti e funghi. La maggior parte degli studi esaminati si concentra sulla Candida albicans, un tipo di lievito che colpisce comunemente la pelle, i genitali, la gola e la bocca.

Altre ricerche suggeriscono che il terpinen-4-olo potenzia l’attività del fluconazolo, un comune farmaco antifungino, nei casi di ceppi resistenti di Candida albicans.

4. Antivirale

Alcuni studi dimostrano che l’olio dell’albero del tè può aiutare a trattare determinati virus, ma la ricerca è limitata in questo settore.

5. Acne

tea tree pianta.jpg

L’olio dell’albero del tè viene distillato dalle foglie della pianta di Melaleuca alternifolia.

Il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa consiglia che la ricerca sugli effetti dell’olio di tea tree applicato localmente sia limitata. 

Tuttavia, l’olio può essere utile per un numero di disturbi della pelle.

L’acne è la condizione della pelle più comune. Colpisce fino a 50 milioni di americani in qualsiasi momento.

Uno studio ha trovato una differenza significativa tra gel olio dell’albero del tè e un placebo nel trattamento dell’acne.

I partecipanti trattati con olio dell’albero del tè hanno sperimentato un miglioramento sia del conteggio totale dell’acne sia della gravità dell’acne.

Ciò si basa su precedenti ricerche che hanno confrontato il 5% di olio di gel dell’albero del tè con lozione al 5% di perossido di benzoile nel trattamento di casi di acne da lieve a moderata.

Entrambi i trattamenti hanno ridotto significativamente il numero di lesioni dell’acne, sebbene l’olio dell’albero del tè abbia funzionato più lentamente. Coloro che hanno usato l’olio dell’albero del tè hanno avuto meno effetti collaterali.

6. Il piede dell’atleta

I sintomi del piede dell’atleta, o tinea pedis, sono stati ridotti attraverso l’applicazione topica di una crema all’olio di tea tree, secondo uno studio .

Una crema all’olio del tè al 10 percento sembrava ridurre i sintomi con la stessa efficacia dell’1 percento di tolnaftato, un farmaco antifungino. Tuttavia, l’olio dell’albero del tè non era più efficace di un placebo nel raggiungere una cura totale.

La ricerca più recente ha confrontato le più alte concentrazioni di olio dell’albero del tè sul piede dell’atleta con un placebo.

Un netto miglioramento dei sintomi è stato riscontrato nel 68% delle persone che hanno utilizzato una domanda di olio di tea tree al 50%, con il 64% di cure totali. Questo era più del doppio del miglioramento osservato nel gruppo placebo.

7. Contattare la dermatite

La dermatite da contatto è una forma di eczema causata dal contatto con un irritante o allergene. Sono stati confrontati diversi trattamenti per la dermatite da contatto, tra cui l’olio dell’albero del tè, l’ossido di zinco e il butlobato di clobetasone.

I risultati suggeriscono che l’olio dell’albero del tè era più efficace nel sopprimere la dermatite allergica da contatto rispetto ad altri trattamenti. Tuttavia, non ha avuto un effetto sulla dermatite da contatto irritante.

Tenere presente che l’olio dell’albero del tè stesso può causare dermatite allergica da contatto in alcune persone.

8. Forfora e crosta lattea nel bambino

crosta lattea.jpg

L’olio dell’albero dell’albero può essere usato per lenire il cappuccio della culla sul cuoio capelluto di un bambino.

Forfora da leggera a moderata legata al lievito Il pityrosporum ovale può essere trattato con il 5% di olio di tea tree, secondo uno studio.

Le persone con forfora che hanno usato uno shampoo con olio di tea tree al 5% ogni giorno per 4 settimane hanno mostrato miglioramenti significativi nella gravità generale, così come nei livelli di prurito e untuosità, se confrontati con un placebo.

I partecipanti non hanno avuto effetti negativi.

Un altro studio ha scoperto che lo shampoo con olio di tea tree è efficace per il trattamento di bambini con cappuccio a culla.

È possibile essere allergici all’olio dell’albero del tè. Per verificare una reazione, metti un po ‘di shampoo sull’avambraccio del neonato e risciacqua. Se nessuna reazione si verifica tra 24 e 48 ore dovrebbe essere sicuro da usare.

9. Pidocchi

I pidocchi stanno diventando più resistenti ai trattamenti medici, quindi gli esperti considerano sempre più gli oli essenziali come alternative.

La ricerca ha confrontato l’olio dell’albero del tè e il nerolidolo – un composto naturale che si trova in alcuni oli essenziali – nel trattamento dei pidocchi. L’olio dell’albero del tè era più efficace nell’uccidere i pidocchi, sradicando il 100 percento dopo 30 minuti. D’altra parte, il nerolidolo era più efficace nell’uccidere le uova.

Una combinazione di entrambe le sostanze, in un rapporto di 1 parte a 2, ha funzionato meglio per distruggere sia i pidocchi che le uova.

10. Unghie fungo

Le infezioni fungine sono una causa comune di anomalie delle unghie. Possono essere difficili da curare.

Uno studio ha confrontato gli effetti di una crema comprendente sia il 5% di olio di tea tree che il 2% di butenafina cloridrato (un antimicotico sintetico) con un placebo.

Dopo 16 settimane, il fungo dell’unghia è stato curato nell’80% delle persone. Nessuno dei casi nel gruppo placebo è stato curato.

Un altro studio ha dimostrato che l’olio dell’albero del tè è efficace nell’eliminare i funghi delle unghie in laboratorio.

Tuttavia, questa ricerca non dimostra che il componente dell’olio di tea tree della crema è responsabile dei miglioramenti sperimentati, quindi sono necessarie ulteriori ricerche .

11. Salute orale

Un gel contenente olio dell’albero del tè può essere utile per quelli con gengivite cronica , una condizione infiammatoria delle gengive.

I partecipanti allo studio che hanno utilizzato gel di olio di tea tree hanno riscontrato una significativa riduzione del sanguinamento e dell’infiammazione rispetto a un placebo o un gel antisettico clorexidina.

Altre ricerche indicano che un tipo di batteri associati all’alitosi può essere trattato con olio dell’albero del tè e alfa-bisabololo, il componente attivo della camomilla.

Dose

La quantità e la tempistica del dosaggio dell’olio dell’albero del tè dipendono da diversi fattori, tra cui la condizione che richiede il trattamento, la sua gravità e la concentrazione dell’olio dell’albero del tè.

Rischi e avvertimenti

Applicare l’olio dell’albero del tè localmente, o ingerirlo, comporta diversi rischi. L’olio dell’albero del tè non è monitorato per la sicurezza o la purezza dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, quindi dovrebbe essere acquistato da una fonte attendibile.

Rischi associati all’ingestione

Non ingerire mai l’olio dell’albero del tè perché può causare:

  • eruzioni cutanee gravi
  • anomalie delle cellule del sangue
  • mal di stomaco
  • diarrea
  • vomito
  • nausea
  • allucinazioni
  • confusione
  • sonnolenza
  • coma

Cinque possibili usi dell’olio di tea tree

L’olio dell’albero del tè ha molte applicazioni. Alcuni suggerimenti includono:

  • Medicazione . Porre alcune gocce di olio sulla medicazione fresca per uccidere i batteri e ridurre l’infiammazione.
  • Collutorio fatto in casa . Aggiungere 2 gocce di olio di tea tree in una tazza d’acqua e usare come collutorio. Non ingerire perché l’olio dell’albero del tè è tossico se preso internamente.
  • Rimedio naturale forfora . Mescolare alcune gocce di olio di tea tree nello shampoo normale e lavare i capelli normalmente.
  • Trattamento dell’acne . Aggiungere 4 gocce di olio di tea tree a mezzo bicchiere d’acqua. Applicare sul viso con un dischetto di cotone una volta al giorno.
  • Detergente . Mescolare 20 gocce di olio di tea tree con una tazza di acqua e mezzo bicchiere di aceto bianco. Versare la miscela in un flacone spray e utilizzare come detergente antimicrobico universale.
Annunci

L’olio dell’albero del tè può sostituire gli antibiotici nella lotta contro le infezioni

I ricercatori hanno utilizzato le proprietà antibatteriche dell’olio di tea tree per creare un rivestimento bioattivo che mantiene i batteri lontani dai dispositivi medici. I risultati possono aiutare a prevenire milioni di infezioni all’anno.
olio antibiotico.jpg

Utilizzando tecniche speciali, gli oli essenziali possono ora essere trasformati in una superficie dura e antibatterica che protegge dalle infezioni.

Più usiamo gli antibiotici , meno efficaci diventano, portando alla comparsa di “superbatteri” che sono resistenti alle proprietà antibatteriche dei farmaci.

Ogni anno, fino a 1 milioni di persone in Italia sono infettate da un batterio resistente ai farmaci e la maggior parte di queste infezioni si verifica negli ospedali.

Mohan Jacob, capo del dipartimento di ingegneria elettrica ed elettronica presso la James Cook University (JCU) nel Queensland, in Australia, spiega che un gran numero di questi batteri si trova sul “biofilm” che si forma sui dispositivi medici.

Le infezioni da biofilm sono una crescente preoccupazione per la salute a tutti gli effetti. “Solo in Italia , circa 5.000.000 nuove infezioni correlate ai biofilm sono segnalate ogni anno, portando a circa 50.000 morti ogni anno”.

“Si pensa che circa l’80% delle infezioni associate alla chirurgia in tutto il mondo possano riguardare la formazione di biofilm”, aggiunge.

Quindi, nel contesto della resistenza agli antibiotici, c’è un modo per fermare la formazione di biofilm batterici sui dispositivi medici senza fare affidamento sugli antibiotici?

I ricercatori credono così. Le piante producono naturalmente molecole antimicrobiche e negli ultimi anni gli scienziati hanno utilizzato la nanotecnologia per sfruttare la potenza di questi composti per creare rivestimenti antibatterici.

I composti vegetali sono chiamati metaboliti secondari vegetali (PSM) in quanto non sono essenziali per la sopravvivenza e il funzionamento di una pianta.

Una sfida centrale alla creazione di rivestimenti antibatterici da PSM, tuttavia, è stata la conversione dello stato liquido naturale dei composti in uno stato solido senza perdere nessuna delle loro proprietà antibatteriche.

Ora, un team di ricercatori guidati dal Prof. Jacob ha trovato un modo per trasformare le PSM in rivestimenti bioattivi per dispositivi medici.

Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista Polymers .

Trasformare l’olio di tea tree liquido in un rivestimento solido

Il Prof. Jacob spiega inoltre cosa sono gli PSM, dicendo: “Derivano da sostanze come oli essenziali ed estratti di erbe e hanno attività antibatteriche relativamente potenti ad ampio spettro”.

“Gli PSM sono una risorsa rinnovabile a basso costo disponibile in quantità commerciali, con tossicità limitata e potenzialmente diversi meccanismi per combattere i batteri rispetto agli antibiotici sintetici”, aggiunge.

La coautrice dello studio Kateryna Bazaka, un ricercatore aggiunto presso JCU, spiega la procedura attraverso la quale gli scienziati sono stati in grado di affrontare la sfida di trasformare gli PSM liquidi in un rivestimento solido di polimeri.

I polimeri – come la gomma naturale e la cellulosa, o il Teflon e il poliuretano sintetici – sono caratterizzati da una “struttura a catena” resistente.

Abbiamo utilizzato tecniche di plasma-enhanced all’interno di un reattore contenente i vapori di olio essenziale.Quando i vapori sono esposti a una scarica a bagliore, vengono trasformati e si depositano sulla superficie di un impianto come un solido rivestimento biologicamente attivo.”

Kateryna Bazaka

“Questi hanno mostrato buone proprietà antibatteriche”, continua.

Tecniche di polimerizzazione al plasma sono state utilizzate per creare superfici bioattive per alcuni decenni. Nel nuovo studio, i ricercatori si sono concentrati sulla conversione dei PSM dell’olio di tea tree, noto anche come Melaluca alternifolia.

Bazaka spiega perché la tecnica del plasma è particolarmente utile per convertire le PSM in rivestimenti solidi e bioattivi. Dice: “Il principale vantaggio di questo approccio è che non stiamo usando altre sostanze chimiche, come i solventi, durante il processo di fabbricazione.”

“In quanto tale, non vi è alcuna minaccia che sostanze chimiche potenzialmente dannose vengano trattenute nel rivestimento o danneggino la superficie del materiale su cui è applicato il rivestimento, ma rende anche il processo di fabbricazione più rispettoso dell’ambiente”, aggiunge.

Se i componenti dell’olio dell’albero del tè finiscono per essere abitualmente utilizzati per proteggere la superficie dei dispositivi medici, è possibile prevenire milioni di infezioni ogni anno.

Farmajet consiglia il tea tree oil della naturfarma 

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

Qual è il miglior trattamento domiciliare per il mollusco contagioso?

Il mollusco contagioso è una condizione virale della pelle che causa protuberanze rotonde, color carne, indolori che possono assomigliare alle verruche. Scratching o picking ai dossi possono causare la diffusione dell’infezione. Il mollusco contagioso è più comune nei bambini, ma può anche interessare gli adulti.

Secondo la ricerca , il mollusco contagioso avrà un impatto significativo sulla qualità della vita di circa 1 su 10 bambini con questa condizione.

Nella maggior parte dei casi, il mollusco contagioso si risolverà entro 12 mesi. I rimedi casalinghi possono alleviare i sintomi durante questo periodo. Continuate a leggere per scoprire alcuni dei rimedi più efficaci per mollusco contagioso.

rimedi casalinghi per mollusco contagioso

I trattamenti a domicilio per il mollusco contagioso possono ridurre il disagio, il prurito e il formicolio quando sono presenti i dossi. Tuttavia, è improbabile che curino la condizione.

I rimedi domestici più popolari includono:

Bagni di farina d’avena colloidale

avena.jpg

Un bagno di farina d’avena colloidale può ridurre i sintomi del mollusco contagioso.

Un bagno di farina d’avena colloidale può alleviare efficacemente i sintomi di molte condizioni della pelle.

La farina d’avena contiene acidi grassi che riducono l’ infiammazione della pelle .

Le persone possono comprare farina d’avena colloidale in farmacia o crearne da soli macinando l’avena normale e antiquata in un robot da cucina fino a quando non diventano una polvere finissima.

Per fare un bagno di farina d’avena colloidale, aggiungere 1 tazza di farina d’avena in una vasca di acqua tiepida.

Immergere nella vasca per 10-15 minuti e poi asciugare delicatamente la pelle.

Aceto di sidro di mele

Aceto di sidro di mele è un rimedio domestico popolare, anche se c’è una mancanza di ricerca per confermare la sua efficacia. Usa un batuffolo di cotone pulito per applicare l’aceto di mele crudo (ACV) in zone con prurito o formicolio. Tenere il tampone sul posto per diverse ore con una benda.

Le persone con pelle sensibile potrebbero voler diluire l’ACV con un po ‘d’acqua prima di applicarla. Se provoca irritazioni, rimuovere immediatamente il tampone e lavare delicatamente la pelle.

Olio dell’albero del tè e iodio

L’olio dell’albero del tè ha proprietà antisettiche e può lenire la pelle pruriginosa e infiammata. Lo iodio aiuta a uccidere i germi sulla pelle e le persone lo usano per trattare una serie di condizioni della pelle.

Uno studio del 2012 su bambini con mollusco contagioso ha riportato che la maggior parte di coloro che hanno usato una combinazione di olio di tea tree e iodio ha visto una riduzione di oltre il 90 percento nel numero di lesioni cutanee. Raggiunsero questi risultati dopo 30 giorni di trattamento due volte al giorno.

Poiché l’olio dell’albero del tè può causare una reazione cutanea in alcune persone, è importante eseguire un patch test prima di applicarlo su un’area più ampia della pelle. Se passano 24 ore senza alcuna reazione, dovrebbe essere sicuro. Non consumare mai olio di tea tree.

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML.jpg

Farmajet consiglia il TEA TREE OIL NATURFARMA

Olio di mirto australiano al limone

L’olio di mirto australiano al limone è un altro olio essenziale che può trattare efficacemente il mollusco contagioso.

I risultati di un piccolo studio su bambini con questa condizione suggeriscono che applicare una soluzione al 10% dell’olio una volta al giorno per 21 giorni può ridurre le lesioni di oltre il 90%.

Altri oli essenziali

Altri oli essenziali che dimostrano proprietà antivirali possono ridurre prurito, formicolio e comparsa di dossi cutanei. Questi includono:

  • olio di neem
  • eucalipto
  • timo
  • olio di lavanda
  • olio di origano

Miscela alcune gocce di uno o più di questi oli con un olio vettore, come l’olio di cocco o di jojoba. Per una diluizione al 2%, miscelare 12 gocce di olio essenziale con un’oncia fluida di olio vettore. Applicare sulla pelle una o due volte al giorno.

È fondamentale eseguire sempre un patch test prima di utilizzare qualsiasi nuovo olio essenziale sulla pelle.

Olio di cocco

L’olio di cocco è ricco di acidi grassi che vantano proprietà anti-infiammatorie. L’olio ricopre la pelle e impedisce che si secchi. Alcune persone con mollusco contagioso trovano sollievo dopo aver applicato olio di cocco puro ai dossi.

Le persone possono usare l’olio di cocco una volta al giorno per questa condizione della pelle. Può essere particolarmente utile applicare l’olio dopo un bagno di farina d’avena colloidale o miscelarlo con un olio essenziale.

Aumenta la funzione immunitaria

Se il mollusco contagioso è grave o si ripresenta, ciò suggerisce che il sistema immunitario sta lottando per combattere il virus. Per potenziare la funzione immunitaria, le persone possono provare:

  • mangiare una dieta equilibrata che è ricca di verdure, frutta, cereali integrali, proteine ​​magre e grassi salutari
  • evitando zucchero, cereali raffinati e cibi grassi e lavorati
  • provare cibi probiotici o integratori
  • esercitarsi regolarmente
  • riducendo lo stress attraverso la meditazione, la consapevolezza e lo yoga
  • dormire per 7-9 ore a notte
  • cercare un trattamento per carenze nutrizionali, allergie e altre condizioni di salute

Crema di ossido di zinco

La crema di ossido di zinco è disponibile presso le farmacie locali e la gente spesso la usa per altre condizioni della pelle nei bambini, come il dermatite da pannolino.

Le cause

mollusco contagioso.jpg

Il mollusco contagioso è un’infezione altamente contagiosa.

Un virus è responsabile della causa del mollusco contagioso.

La condizione è altamente contagiosa e passa facilmente da una persona all’altra.

La ricerca suggerisce che oltre il 40% delle persone può identificare un amico o un parente stretto con l’infezione.

Il mollusco contagioso si diffonde attraverso:

  • contatto diretto pelle a pelle con una persona che ha l’infezione
  • contatto sessuale con qualcuno con il virus
  • contatto con oggetti contaminati, inclusi asciugamani, maniglie e giocattoli

Scratching o picking ai dossi causerà la diffusione del virus alle aree circostanti della pelle. Una volta che i dossi scompaiono, il virus non è più contagioso.

Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio di una persona di ottenere mollusco contagioso includono:

  • Età: la maggior parte dei casi di mollusco contagioso si verifica nei bambini.
  • Avere dermatite atopica: i bambini con dermatite atopica hanno un rischio più elevato di infezione rispetto ad altri.
  • Essere un adulto con un sistema immunitario indebolito: gli adulti con un sistema immunitario indebolito hanno maggiori probabilità di contrarre l’infezione rispetto agli adulti sani.
  • Avere un contatto sessuale con una persona infetta: negli adulti con normale funzione immunitaria, il mollusco contagioso può diffondersi ai genitali attraverso il contatto sessuale. In questo caso, sarà un’infezione a trasmissione sessuale (STI).

Prevenzione

È possibile prevenire la diffusione del mollusco contagioso ad altre persone o ad altre parti del corpo:

  • Evitare graffi o sfregamenti.
  • Lavarsi le mani regolarmente e mostrare ai bambini come lavarsi le mani correttamente.
  • Pulire regolarmente i dossi con acqua e sapone.
  • Coprire i dossi con vestiti o una benda in preparazione per entrare in contatto con altre persone, ad esempio attraverso lo sport. Rimuovere la benda quando non intorno ad altre persone e utilizzare una nuova benda ogni giorno.
  • Evitare di condividere oggetti personali, come asciugamani, giocattoli o vestiti, con gli altri.
  • Stare lontano da persone che sono sottoposte a chemioterapia o che hanno ridotto la funzione immunitaria per un altro motivo, in quanto sono più propensi a contrarre il virus.
  • Evitare il contatto sessuale se i dossi sono sopra o vicino ai genitali.

Trattamenti medici

La maggior parte dei casi di mollusco contagioso migliora in 6-12 mesi senza trattamento. Alcune persone, specialmente quelle che hanno un sistema immunitario compromesso, possono avere i dossi per diversi anni.

I trattamenti medici possono rimuovere i dossi e prevenire la diffusione del virus. Le opzioni di trattamento includono:

farmaci

medico e paziente farmajet.jpg

Un medico può prescrivere farmaci per aiutare a trattare i sintomi del mollusco contagioso.

Un medico può prescrivere farmaci per trattare i dossi.

L’acido salicilico è un farmaco topico comune per i problemi della pelle. È disponibile al banco (OTC) o su prescrizione medica. Tuttavia, la versione OTC non è forte come quella prescritta dai medici.

Altri farmaci per il mollusco contagioso includono:

  • perossido di benzoile
  • cantharidin
  • idrossido di potassio
  • tretinoina

Alcuni di questi farmaci, come la tretinoina, non sono adatti alle donne in gravidanza.

Procedure mediche

Se i farmaci sono inefficaci, un medico può raccomandare una procedura medica per rimuovere la protuberanza da mollusco contagioso. Questi trattamenti possono essere dolorosi e può essere necessario un anestetico per ridurre il disagio.

Un medico può suggerire:

  • Crioterapia: questo comporta l’applicazione di azoto liquido alle protuberanze per congelarle.
  • Raschiatura: un medico rimuoverà chirurgicamente i dossi. Tuttavia, potrebbero eventualmente tornare.

Le persone che desiderano provare uno di questi trattamenti dovrebbero parlare con il proprio medico.

I potenziali effetti collaterali includono:

  • vesciche
  • dolore
  • cicatrici

Quando vedere un dottore

Gli individui che hanno uno qualsiasi dei sintomi del mollusco contagioso dovrebbero consultare il medico. È essenziale discutere l’uso dei rimedi casalinghi con un medico prima di iniziare il trattamento per evitare complicazioni.

Le potenziali complicazioni includono:

  • pelle arrossata e infiammata
  • infezione da grattarsi i dossi
  • congiuntivite (occhio rosa) se appaiono protuberanze intorno alla zona degli occhi
  • sentirsi impacciato

Porta via

Il mollusco contagioso di solito si risolve senza trattamento entro 12 mesi. I rimedi casalinghi possono alleviare il disagio durante questo periodo.

Se i rimedi casalinghi sono inefficaci, un medico può raccomandare farmaci o procedure mediche per curare i dossi.

Assicurarsi di praticare una buona igiene e adottare altre misure preventive per evitare che l’infezione si diffonda o si ripeta.

Quindici rimedi casalinghi per l’acne

Molti rimedi casalinghi possono aiutare a migliorare le macchie e le piaghe da acne di una persona. Home rimedi per l’acne includono creme e gel a base di erbe dolci, oli essenziali, integratori naturali e alcuni semplici cambiamenti di stile di vita.

L’acne si sviluppa quando i pori si ostruiscono o sono infetti da batteri. L’acne è la condizione della pelle più comune in Italia, che colpisce circa l’ 80 per cento delle persone nella loro vita.

Le persone possono usare specifici rimedi casalinghi per aiutare a bilanciare i livelli di olio della pelle, ridurre l’ infiammazione , uccidere i batteri e prevenire futuri sblocchi dell’acne.

Al momento, non ci sono molte prove scientifiche per dimostrare l’efficacia della maggior parte dei rimedi casalinghi. In questo articolo, discutiamo le prove attuali di alcuni dei rimedi domestici che le persone potrebbero trovare utili.

rimedi casalinghi per l’acne

Alcuni dei rimedi domestici più popolari per l’acne riguardano l’uso di estratti di erbe naturali, molti dei quali professionisti della medicina tradizionale hanno usato per centinaia di anni.

Di seguito, discutiamo i migliori rimedi casalinghi per l’acne, quello che dice la ricerca e i cambiamenti dello stile di vita che possono aiutare.

1. Olio dell’albero del tè

albero del te

L’applicazione di olio di tea tree sulla pelle può aiutare a ridurre il gonfiore e il rossore.

L’olio dell’albero del tè è un antibatterico e antinfiammatorio naturale, il che significa che potrebbe uccidere P. acnes , i batteri che causano l’acne.

Proprietà anti-infiammatorie dell’olio dell’albero del tè significa che può anche ridurre il gonfiore e il rossore dei brufoli .

Uno studio di revisione del 2015 ha esaminato le prove esistenti per l’olio dell’albero del tè e l’acne. I ricercatori hanno scoperto che i prodotti a base di olio di tea tree possono ridurre il numero di piaghe da acne nelle persone con acne lieve o moderata.

Questo studio ha suggerito che l’olio dell’albero del tè può funzionare bene come il 5% di perossido di benzoile, che è un comune farmaco da banco (OTC).

Come usare l’olio dell’albero del tè

Le persone possono applicare l’estratto dell’albero del tè alla loro acne in creme, gel o oli essenziali. Se le persone usano oli essenziali, prima diluirli sempre in un olio vettore.

Una gamma di prodotti a base di olio di tea tree è disponibile online Farmajet consiglia TEA tree oil puro dell’ Australia .

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

 

2. Olio di jojoba

L’olio di jojoba è una sostanza naturale e cerosa, estratta dai semi dell’arbusto di jojoba.

Le sostanze cerose nell’olio di jojoba possono aiutare a riparare la pelle danneggiata, il che significa che può anche aiutare a velocizzare la guarigione delle ferite, comprese le lesioni dell’acne.

Alcuni dei composti nell’olio di jojoba possono aiutare a ridurre l’infiammazione della pelle, il che significa che può ridurre il rossore e il gonfiore intorno a brufoli, punti bianchi e altri punti infiammati.

In uno studio del 2012 , i ricercatori hanno dato a 133 persone maschere di argilla che contenevano olio di jojoba. Dopo 6 settimane di utilizzo delle maschere da 2 a 3 volte alla settimana, le persone hanno riportato un miglioramento del 54% nella loro acne.

Come usare l’olio di jojoba

Prova a mescolare l’olio essenziale di jojoba con una maschera per il viso in gel, crema o argilla e applicala all’acne. Altrimenti, mettere alcune gocce di olio di jojoba su un batuffolo di cotone e strofinare delicatamente su piaghe da acne.

Le persone possono comprare olio di jojoba nei negozi di salute o online .

3. Aloe vera

L’aloe vera è un antibatterico e antinfiammatorio naturale, il che significa che può ridurre la comparsa di acne e prevenire l’acne.

L’aloe vera contiene molta acqua ed è un’ottima crema idratante, quindi è particolarmente indicata per le persone che prendono la pelle secca da altri prodotti anti-acne.

In uno studio del 2014 , i ricercatori hanno somministrato alle persone con gel da lieve a moderata l’aloe vera gel e la crema tretinoina, che è un comune rimedio contro l’acne OTC, da usare per 8 settimane.

I partecipanti hanno riportato un miglioramento significativo dell’acne infiammatoria e non infiammatoria rispetto a chi ha usato solo il gel alla tretinoina.

Come usare il gel di aloe vera

Prova a pulire le piaghe dell’acne e poi applica uno strato sottile di crema o gel con almeno il 10% di contenuto di aloe vera.

Altrimenti, le persone possono idratare con gel o creme che contengono aloe vera. Questi sono disponibili per l’acquisto da negozi di salute o online .

4. Miele

Il miele è stato usato per trattare le condizioni della pelle, come l’acne, per migliaia di anni. Contiene molti antiossidanti che possono aiutare a eliminare rifiuti e detriti dai pori ostruiti.

I medici usano il miele nelle medicazioni per ferite a causa delle sue proprietà antibatteriche e cicatrizzanti.

Come usare il miele

Usando un dito pulito o un batuffolo di cotone, strofina un po ‘di miele nei brufoli. Altrimenti, aggiungi il miele a una maschera del viso o del corpo.

5. Aglio

Molti professionisti della medicina tradizionale usano l’aglio per trattare le infezioni e aumentare la capacità del corpo di combattere i germi e le infezioni.

L’aglio contiene composti organosulfur, che hanno effetti antibatterici e antinfiammatori naturali. Composti organosulfur possono anche aiutare a rafforzare il sistema immunitario, che aiuta l’organismo a combattere le infezioni.

Come usare l’aglio

Per combattere l’infiammazione e le infezioni causate dall’acne, le persone possono aggiungere più aglio alla loro dieta. Alcune persone masticano gli spicchi d’aglio intero, lo strofinano sul pane tostato o lo trasformano in una bevanda calda.

Le persone possono anche acquistare polveri o capsule d’aglio dalla maggior parte dei negozi di alimentari e di prodotti naturali.

Sebbene molte fonti online raccomandino che le persone applichino direttamente l’aglio ai brufoli, ciò potrebbe causare un’ulteriore irritazione della pelle. L’aglio può bruciare la pelle, quindi usalo sempre con cura.

6. Tè verde

te verde.jpg

Il tè verde è ricco di antiossidanti che possono aiutare a ridurre l’infiammazione della pelle.

Il tè verde contiene alte concentrazioni di un gruppo di antiossidanti polifenoli chiamati catechine.

La maggior parte delle persone con acne ha troppo sebo, o oli naturali per il corpo, nei loro pori e non abbastanza antiossidanti.

Gli antiossidanti aiutano il corpo ad abbattere sostanze chimiche e prodotti di scarto che possono danneggiare le cellule sane. Il tè verde può aiutare a eliminare alcuni dei detriti e dei rifiuti che si sono accumulati nelle piaghe da acne aperte.

Il tè verde contiene anche composti che possono aiutare a:

  • ridurre la produzione di sebo della pelle
  • ridurre P. acnes
  • ridurre l’infiammazione

Come usare il tè verde

Il tè verde può essere d’aiuto quando le persone lo bevono o usano l’estratto di tè verde sulla loro pelle, anche se i ricercatori dicono che le prove attuali sono limitate.

Tuttavia, uno studio ha trovato una riduzione del 79 e dell’89 per cento dei punti bianchi e dei punti neri dopo 8 settimane di utilizzo dell’estratto di tè verde polifenolo.

Le persone possono trovare il tè verde nella maggior parte dei negozi di strada. L’estratto di tè verde è più difficile da trovare, ma è disponibile in alcuni negozi di salute o online .

7. Echinacea

L’Echinacea , Echinacea purpurea , conosciuta anche come Echinacea viola, può contenere composti che aiutano a distruggere virus e batteri, tra cui P. acnes .

Molte persone credono che l’Echinacea possa potenziare il sistema immunitario e ridurre l’infiammazione e usarlo per combattere o prevenire infezioni, inclusi raffreddori e influenze.

Come usare Echinacea

Le persone possono applicare creme contenenti Echinacea in aree dove hanno lesioni da acne o assumere integratori di Echinacea.

I prodotti Echinacea sono disponibili presso i negozi di salute o online come creme o integratori .

8. Rosmarino

L’estratto di rosmarino, o Rosmarinus officinalis , contiene sostanze chimiche e composti che hanno proprietà antiossidanti, antibatteriche e antinfiammatorie.

Pochi studi hanno esaminato l’effetto dell’estratto di rosmarino sull’acne, ma uno studio del 2013 su modelli di topi e cellule umane ha suggerito che l’estratto di rosmarino può ridurre l’infiammazione dai batteri che causano l’acne P. acnes .

9. Veleno di ape purificato

Il veleno purificato delle api ha dimostrato di contenere proprietà antibatteriche.

In uno studio del 2013 , i ricercatori hanno scoperto che il veleno di api purificato può distruggere i batteri di P. acnes . Le persone che hanno usato cosmetici con veleno di api purificato per 2 settimane hanno avuto miglioramenti nel numero di lesioni da acne.

In uno studio del 2016 , le persone che hanno applicato un gel contenente veleno di api purificato sul viso per 6 settimane hanno visto una riduzione delle lesioni da acne da lieve a moderata.

Il veleno di ape purificato può essere un utile ingrediente futuro nel trattamento dell’acne, anche se sono necessarie ulteriori ricerche.

10. Olio di cocco

Come altri rimedi naturali, l’ olio di cocco contiene composti anti-infiammatori e antibatterici.

Queste proprietà significano che l’olio di cocco può distruggere i batteri che causano l’acne e ridurre il rossore e il gonfiore dei brufoli. L’olio di cocco può anche accelerare la guarigione nelle piaghe da acne aperte.

Come usare l’olio di cocco

Prova a sfregare l’olio di cocco puro e vergine direttamente nella zona con l’acne. Cerca l’olio di cocco nella sezione alimenti naturali dei negozi di alimentari o online .

Cambiamenti nello stile di vita per l’acne

Insieme ai rimedi casalinghi, specifici cambiamenti dello stile di vita possono avere un potente effetto sul mantenere il corpo sano, rendendo la pelle meno grassa e riducendo le riacutizzazioni dell’acne.

I cambiamenti dello stile di vita per migliorare l’acne includono:

11. Non toccare mai i punti

acne farmajet.jpg

Le persone dovrebbero evitare di toccare le piaghe da acne in quanto ciò può causare ulteriori infezioni.

Può essere molto allettante, ma toccare le piaghe da acne irriterà la pelle, potrebbe peggiorare il punto e può diffondere macchie in altre aree.

Il contatto, lo sfregamento, la spremitura o l’apertura di piaghe da acne possono anche introdurre più batteri nella lesione, causando ulteriori infezioni.

Spremere un brufolo può spingere ulteriormente i batteri e i detriti nella pelle, così il punto potrebbe tornare peggio di prima.

Parla con un medico delle piaghe più grandi o di quelle che si trovano sotto la pelle per scoprire come rimuoverle in modo sicuro.

12. Scegliere il giusto detergente

Molti saponi regolari hanno un’acidità, o pH, che è troppo alta e può irritare la pelle, peggiorando l’acne.

Scegli detergenti, risciacqui e lavaggi con un pH più vicino al pH naturale della pelle di circa 5,5 per ridurre il rischio di riacutizzazioni dell’acne e lasciare che le piaghe guariscano.

13. Usando la cura della pelle senza olio

I prodotti a base di olio o grassi possono bloccare i pori, aumentando il rischio di intasamento e formazione di piaghe da acne.

Cerca prodotti per la cura della pelle e cosmetici etichettati come ‘oil-free’ o ‘non-comedogenici’, che contengono ingredienti che consentono ai pori di respirare.

14. Rimanere idratato

Rimanere idratati è estremamente importante perché rende più facile la guarigione delle piaghe da acne e riduce il rischio generale di epidemie.

Quando la pelle è secca, può facilmente diventare irritata o danneggiata, causando brufoli. Essere idratati assicura anche che nuove cellule della pelle si sviluppino correttamente mentre le ferite guariscono.

Non esiste una dose giornaliera raccomandata di assunzione di acqua perché i fabbisogni idrici di ciascuna persona sono diversi, a seconda dell’età, di quanto sono attivi, della temperatura e di eventuali condizioni mediche.

Molte autorità sanitarie raccomandano di bere quotidianamente da sei a otto bicchieri di liquido da 8 once.

15. Ridurre lo stress

Le liste dell’American Academy of Dermatology stresscome possibile causa di riacutizzazioni dell’acne.

Lo stress provoca un aumento dei livelli dell’ormone androgeno. L’androgeno stimola i pori e le ghiandole sebacee nei pori, aumentando il rischio di acne.

I suggerimenti per la gestione dello stress includono:

  • parlare con la famiglia, gli amici, un medico o altre persone di supporto
  • dormire abbastanza
  • mangiare una dieta sana ed equilibrata ed evitare di saltare i pasti
  • esercitarsi regolarmente
  • limitando il consumo di alcol e caffeina
  • praticare la respirazione profonda, lo yoga , la consapevolezza o la meditazione

Trattamenti medici per l’acne

Ci sono molte opzioni di trattamento medico per l’acne, molte delle quali sono molto efficaci, anche se possono causare alcuni effetti collaterali e potrebbero non essere giuste per tutti.

Le persone possono parlare con un medico se usare medicine o creme medicinali è giusto per loro, specialmente se i rimedi casalinghi non funzionano.

I trattamenti OTC più diffusi per le piaghe da acne da lievi a moderate contengono i seguenti principi attivi:

  • acido salicilico
  • perossido di idrogeno
  • alfa idrossi acidi

I medici possono prescrivere farmaci più forti per curare l’acne, tra cui:

  • gel e creme di tretinoina
  • gel clindamicina e creme
  • antibiotici orali
  • isotretinoina orale
  • farmaci per il controllo delle nascite

Quando vedere un dottore

Le persone potrebbero voler parlare con il loro medico se le loro piaghe da acne sono:

  • molto doloroso
  • spesso infetto
  • profondo sotto la pelle
  • non risponde al trattamento domiciliare
  • coprendo una vasta area di pelle
  • causando disagio emotivo

prospettiva

Le persone possono scegliere tra una vasta gamma di rimedi casalinghi per curare la loro acne. Tuttavia, non tutti i rimedi funzioneranno per tutti o in ogni caso.

Le persone potrebbero aver bisogno di usare prove ed errori per scoprire quali metodi funzionano per loro. La FDA (Food and Drug Administration) statunitense non controlla i prodotti a base di erbe o gli oli essenziali.

La maggior parte dei rimedi naturali per l’acne non sono scientificamente provati per funzionare, ma alcune persone potrebbero trovarli utili.

Parla sempre con un medico prima di usare rimedi naturali per piaghe da acne severe, croniche, profonde o dolorose. Parla con un medico delle piaghe da acne minori che non rispondono alle cure di base o continuano a peggiorare.

15 semplici rimedi per mal d’orecchi. Farmajet news

Anche se avere un mal d’orecchi può essere fastidioso, di solito non è un segno di alcun serio problema di salute.

I rimedi casalinghi con ingredienti naturali possono dare sollievo. Tuttavia, non vi è alcuna prova scientifica per la loro utilità rispetto ai farmaci da banco.

In questo articolo, delineeremo quindici semplici rimedi da provare.

Se un mal d’orecchi dura per più di 24-48 ore, è meglio consultare un medico. Possono verificare se c’è un problema di fondo che causa il dolore.

15 rimedi per mal d’orecchi

Anche se un mal d’orecchi fa parte di un problema più ampio, è possibile ridurre il dolore con metodi sia naturali che medici. Qui ci sono 15 rimedi per ridurre il mal d’orecchi.

1. Impacco di ghiaccio

impacco all'orecchio farmajet

Una sacca di ghiaccio tenuta all’orecchio può aiutare a ridurre la potenziale infiammazione.

Tenere un impacco di ghiaccio o un panno umido e freddo sull’orecchio per 20 minuti può aiutare a intorpidire il dolore all’orecchio e ridurre qualsiasi potenziale infiammazione che lo causa.

2. Aglio

L’aglio è un rimedio naturale per il mal d’orecchi che è stato usato per migliaia di anni. Si dice che l’allicina, un composto nell’aglio, sia utile nel combattere le infezioni batteriche che possono causare un mal d’orecchi.

Si dice che mangiare aglio crudo aiuti a ridurre il dolore all’orecchio. Tuttavia, l’aglio può interferire con gli antibiotici , quindi è importante parlare con un medico prima di prenderlo.

3. Cuscinetto riscaldante

Un tampone riscaldante o un panno caldo tenuto contro l’orecchio per 20 minuti può essere utile per alleviare temporaneamente il dolore. Mentre le basse temperature possono aiutare a ridurre il dolore e ridurre l’infiammazione, un cuscinetto riscaldante può rilassare i muscoli e aiutare a migliorare il flusso sanguigno.

4. gocce per le orecchie

I rimedi da banco (OTC) possono avere successo per alcune persone, specialmente per coloro che hanno provato metodi naturali. Molti farmaci da banco non devono essere utilizzati da persone il cui timpano si è rotto o che hanno avuto tubi inseriti chirurgicamente in passato.

Alcune persone possono anche aver bisogno di consultare il proprio medico per assicurarsi che il rimedio scelto non interferisca con i farmaci attualmente prescritti.

5. antidolorifici

Gli antidolorifici come l’ibuprofene o altri FANS possono aiutare a controllare il dolore causato dal mal d’orecchi. Questi farmaci non dovrebbero essere utilizzati per mascherare il dolore, tuttavia, specialmente se il mal d’orecchi è associato a una condizione di base.

6. Dormire in posizione eretta

Dormire in posizione eretta è spesso consigliato per aiutare a ridurre l’accumulo di pressione nell’orecchio.

7. Chewing gum

gomma da masticare farmajet

La gomma da masticare può aiutare le orecchie a “schioccare”, specialmente durante i viaggi in aereo.

Se durante il viaggio o dopo un viaggio in aereo si verifica un mal d’orecchi o si passa ad altitudini più elevate, il chewing gum può aiutare a “schioccare” le orecchie e ridurre la pressione.

8. Distrazione

Uno dei metodi migliori per ridurre la sensazione di dolore, in particolare tra i bambini, è quello di distrarre la mente dal mal d’orecchi. Giochi, televisione o esercizio fisico possono aiutare a ridurre l’attenzione sul mal d’orecchi.

9. Chiropratica

Un rimedio per mal d’orecchi è la chiropratica, un approccio alternativo alla salute. La chiropratica cerca di ridurre il dolore e altre condizioni di salute lavorando con i muscoli e le ossa. Si ritiene che il mal d’orecchi possa essere causato dal disallineamento delle ossa del collo superiore. Un chiropratico può essere utile per riportare queste ossa “in linea”, aiutando a ridurre il mal d’orecchi.

10. Olio dell’albero del tè

L’olio dell’albero del tè viene utilizzato in diversi modi. Un paio di gocce riscaldate nell’orecchio al giorno possono alleviare il mal d’orecchi. Tuttavia, prima dell’uso nell’orecchio, è importante eseguire un test cutaneo per verificare eventuali allergie. L’olio dell’albero del tè deve essere diluito in olio d’oliva, olio di mandorle dolci o altro olio vettore, di solito da 3 a 5 gocce in 1 oncia di olio.

L’albero del tè ha proprietà antisettiche, antimicotiche e antinfiammatorie.

11. Olio d’oliva

Questo metodo è vecchio, ma manca di supporto da prove scientifiche. Tuttavia, l’ American Academy of Pediatrics afferma che l’aggiunta di un paio di gocce di olio d’oliva riscaldato è sicura e potrebbe essere moderatamente efficace.

12. Esercizi al collo

A volte, il mal d’orecchi può essere causato da muscoli tesi intorno al condotto uditivo, esercitando una pressione sull’area. Se questo è il caso, alcuni semplici esercizi del collo potrebbero alleviare il disagio.

Ad esempio, ruotare lentamente il collo e la testa e sollevare le spalle verso le orecchie; ripetere per tutto il giorno.

13. Perossido di idrogeno

Il perossido di idrogeno è stato usato come rimedio naturale per il mal d’orecchi per un lungo periodo.

Inserisci 5-10 gocce, quindi sdraiati sul fianco per circa 10 minuti con l’orecchio doloroso rivolto verso l’alto. Quindi, scolare sopra il lavandino e risciacquare con acqua fredda. Non essere allarmato dalle bolle, questo può aiutare a spostare il cerume dal canale.

14. Zenzero Puro

Lo zenzero è considerato avere proprietà antinfiammatorie naturali. Applicare il succo di zenzero (zenzero sminuzzato nell’olio d’oliva riscaldato e filtrato), attorno al condotto uditivo esterno può alleviare il dolore. Lo zenzero ha proprietà anti-infiammatorie.

Non mettere lo zenzero direttamente nell’orecchio.

15. Asciugacapelli

Dopo il bagno, impostare l’asciugacapelli a fuoco basso e tenerlo a una distanza dall’orecchio. Continua per non più di 5 minuti. Fai attenzione a non bruciarti l’orecchio.

Se un mal d’orecchi persiste per più di 24-48 ore, è importante consultare un medico.

Farmajet consiglia TEA TREE OIL PURO NATURFARMA

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML

L’olio di tea tree può curare l’eczema

L’olio dell’albero del tè deriva dalle foglie dell’albero del tè australiano Melaleuca alternifolia . Molte persone usano l’olio per scopi medicinali, compresi tagli curativi e ferite.

Oggi la gente usa l’olio dell’albero del tè per curare una varietà di disturbi della pelle e può aiutare le persone con eczema . In questo articolo, scopri di più sugli effetti dell’applicazione dell’olio di tea tree sulla pelle.

Benefici dell’olio di tea tree per l’eczema

tea tree oil 1.jpgL’eczema può rispondere bene al trattamento con olio di tea tree.

Mentre ci sono pochi studi specifici sull’olio dell’albero del tè come trattamento per l’eczema, i ricercatori conoscono molto sulle sue numerose proprietà che migliorano la pelle.

Ad esempio, uno studio del 2011 ha scoperto che l’olio dell’albero del tè era più efficace nel trattamento dell’eczema rispetto ai trattamenti topici di ossido di zinco o hamemomolo.

Altri potenziali benefici dell’olio di tea tree per l’eczema includono:

1. Ridurre l’infiammazione

L’olio dell’albero del tè contiene il composto terpinen-4-olo. Questo composto ha proprietà anti-infiammatorie , che possono aiutare ad alleviare alcuni degli arrossamenti, irritazioni e gonfiori associati all’eczema.

2. Guarigione delle ferite

Secondo un articolo del The Journal of Alternative and Complementary Medicine , l’olio dell’albero del tè ha ridotto i tempi di guarigione per le persone con ferite infette da Staphylococcus aureus .

Tuttavia, lo studio sperimentale era piccolo, quindi è necessario fare ulteriori ricerche per testare le capacità di guarigione delle ferite da olio dell’albero del tè.

3. Riduzione delle reazioni allergiche

Uno studio ha scoperto che le applicazioni di olio di tea tree ad alto dosaggio hanno contribuito a ridurre le reazioni di ipersensibilità cutanea al nichel nelle persone con allergia al nichel.

L’eczema a volte viene attivato o peggiorato da allergeni della pelle e sostanze irritanti, come il nichel.

Tuttavia, le applicazioni contenenti dosi più basse di olio di tea tree non hanno prodotto gli stessi risultati.

Le applicazioni ad alta dose di olio di tea tree possono produrre effetti collaterali indesiderati, specialmente nelle persone con pelle sensibile. Una persona dovrebbe testare la preparazione su una piccola zona della pelle prima di applicarla a un’area più ampia. Le persone che sono sensibili all’olio dell’albero del tè possono diluirlo in un olio vettore.

4. Combattere i virus

L’olio dell’albero del tè non solo aiuta a uccidere i batteri indesiderati, ma ha anche proprietà antivirali.

Un trattamento antivirale, come l’albero del tè, può ridurre le probabilità di un’infezione in via di sviluppo se l’eczema causa la pelle rotta o sta piangendo.

5. Ridurre la forfora

L’olio dell’albero del tè ha proprietà anti-fungine, che possono aiutare a ridurre l’attività di lieviti specifici, come quelli noti per causare la forfora o la dermatite seborroica. La dermatite seborroica è una forma cronica di eczema.

L’olio dell’albero del tè viene anche usato per trattare il piede e l’unghia dell’atleta.

6. Alleviare il prurito

Prurito della pelle è un segno distintivo di eczema. Una recensione ha scoperto che l’olio dell’albero del tè era efficace nel ridurre il prurito quando veniva usato per l’eczema sul cuoio capelluto.

Dove usare l’olio dell’albero del tè

tea2È essenziale miscelare l’olio dell’albero del tè con un olio vettore prima dell’uso sulla pelle.

Mentre va bene usare l’olio dell’albero del tè praticamente su qualsiasi area esterna del corpo, è essenziale farlo in sicurezza.

Se si applica sul viso, utilizzare preparazioni specificamente progettate per il viso, il cuoio capelluto o le ciglia. La pelle del viso e del cuoio capelluto è sensibile, quindi una persona dovrebbe prestare attenzione quando si trattano eczemi, acne e forfora.

Se si utilizza un olio essenziale puro dell’albero del tè, è fondamentale miscelare solo poche gocce in un olio vettore, come il cocco o l’olio di mandorle.

È preferibile eseguire una patch di test applicando una piccola quantità di olio di tea tree su una piccola area di pelle e attendere 24 ore. Se non ci sono reazioni dopo 24 ore, può essere sicuro da usare.

Una persona deve sempre verificare con il proprio medico prima di usare i preparati a base di olio di tea tree per assicurarsi che non interferiscano con altri trattamenti di eczema.

Effetti collaterali

L’olio dell’albero del tè può essere molto potente se non diluito. Tuttavia, l’olio viene spesso venduto a basse concentrazioni, come il 5% di olio di tea tree, poiché gli effetti avversi sono solitamente correlati a concentrazioni più elevate.

Esempi di questi effetti collaterali includono:

  • eruzione cutanea allergica o dermatite da contatto
  • secchezza
  • pizzicore
  • irritazione della pelle
  • gonfiore

Se una persona usa l’olio dell’albero del tè in una concentrazione del 5 percento o inferiore, è meno probabile che si verifichino questi effetti collaterali.

Tuttavia, se una persona avverte un’eruzione cutanea dopo aver applicato l’olio dell’albero del tè, deve smettere di usare il prodotto e parlare con un medico.

Una persona non dovrebbe mai consumare olio dell’albero del tè. È noto che ciò provoca effetti avversi significativi, tra cui confusione e problemi con la coordinazione muscolare.

TEA-TREE-OLIO-ESSENZIALE-PURO-CONCENTRATO-20-ML.jpg

ACQUISTA IL MIGLIOR TEA TREE OIL PURO IN COMMERCIO IN FARMACIA

prospettiva

Le persone usano applicazioni di olio di tea tree per trattare una vasta gamma di condizioni della pelle, incluso l’eczema.

I prodotti contenenti olio dell’albero del tè sono disponibili presso alcune farmacie, negozi di alimenti naturali o online .

Le proprietà antinfiammatorie e anti-prurito dell’albero del tè possono aiutare a ridurre alcuni dei sintomi più significativi associati all’eczema.

Mentre non esiste una cura per l’eczema, l’olio dell’albero del tè combinato con idratanti e steroidi topici può aiutare a migliorare i sintomi fastidiosi.

L’olio dell’albero del tè può aiutare a curare la psoriasi?

La psoriasi, o più specificamente la psoriasi a placche, è una condizione infiammatoria della pelle che fa diventare la pelle spessa, rossa e squamosa. Questi cerotti, chiamati anche placche, possono essere pruriginosi e dolorosi.

Vi sono alcune prove aneddotiche che l’olio dell’albero del tè può essere utile per gestire i sintomi della psoriasi , specialmente nel cuoio capelluto.

Contenuto di questo articolo:

  1. Cos’è la psoriasi?
  2. Cos’è l’olio dell’albero del tè?
  3. Come usare l’olio dell’albero del tè per la psoriasi
  4. Altri rimedi naturali per la psoriasi
  5. Trattamenti medici per la psoriasi
  6. Cambiamenti nello stile di vita

Cos’è la psoriasi?

psoriasi1

La psoriasi è una condizione della pelle comune con sintomi che possono essere lievi o gravi.

La psoriasi è una condizione autoimmune per tutta la vita. Si manifesta quando le cellule della pelle crescono troppo velocemente e il corpo non le libera abbastanza rapidamente.

A parte il rosso, la placca pruriginosa e la pelle ispessita, le persone con questa condizione possono avere unghie ispessite, articolazioni gonfie o rigide o pelle secca e screpolata. Alcune persone possono anche avvertire una sensazione di bruciore sulla pelle.

A volte i sintomi migliorano, e altre volte possono aumentare – questo è noto come un bagliore.

Lo stress , l’infezione o la ferita possono causare la riattivazione della psoriasi. Questi eventi sono noti come fattori scatenanti e sono diversi per tutti: ciò che fa scattare la psoriasi di una persona potrebbe non influire su un’altra persona con la stessa condizione.

Non esiste una cura per la psoriasi, ma ci sono alcuni modi per alleviare i sintomi.

Cos’è l’olio dell’albero del tè?

L’olio dell’albero del tè è un olio essenziale di colore giallo che proviene dalle foglie della Melaleuca alternifolia , nota anche come pianta dell’albero del tè. La pianta cresce in Australia, dove l’olio è stato usato per quasi 100 anni per curare ferite minori e problemi di pelle.

L’olio dell’albero del tè è facilmente disponibile come olio essenziale e si trova in una vasta gamma di prodotti per la cura della pelle e altri prodotti.

Possibili benefici per la salute

L’olio dell’albero del tè è in uso da molti anni. Le prove aneddotiche raccolte in questo periodo suggeriscono che è sicuro, ma pochi studi hanno confermato l’efficacia o la sicurezza dell’olio di tea tree.

I primi studi , tuttavia, suggeriscono che l’olio dell’albero del tè ha proprietà antibatteriche, antimicotiche, antinfiammatorie e antivirali. A causa di queste proprietà, le persone usano l’olio dell’albero del tè per alleviare molte piccole irritazioni della pelle.

Alcune di queste condizioni sono:

  • Acne
  • Pidocchi
  • Forfora
  • Tordo
  • Ferite della pelle infette
  • Piede degli atleti o altra infezione fungina
  • Tigna

Come usare l’olio dell’albero del tè per la psoriasi

tea1

L’olio dell’albero del tè è stato usato per quasi 100 anni per trattare i problemi della pelle.

L’olio dell’albero del tè è un olio essenziale ed è importante fare attenzione quando lo si usa. È meglio diluire l’olio prima dell’uso per ridurre il rischio di una reazione negativa.

Alcuni suggerimenti per l’utilizzo di olio dell’albero del tè per la psoriasi includono:

  • Mescolare l’olio con acqua, applicarlo sulla pelle con un batuffolo di cotone, lasciandolo per una notte e lavarlo via al mattino
  • Diluendo l’olio dell’albero del tè con olio d’oliva o un altro olio vettore, applicandolo alle zone interessate, lasciandolo asciugare e poi lavando via
  • Aggiungendo qualche goccia di olio di tea tree a una vasca da bagno e facendo il bagno in acqua tiepida
  • Aggiungendo una parte di olio di tea tree con 10 parti di shampoo

Alcune persone hanno riportato reazioni allergiche all’olio dell’albero del tè. Queste reazioni possono includere eruzioni cutanee gravi, arrossamento, irritazione, gonfiore e bruciore. Se una persona sperimenta reazioni avverse, dovrebbe smettere di usare l’olio.

Rischi e precauzioni

Una persona non dovrebbe mai bere l’olio dell’albero del tè. L’ingerimento dell’olio dell’albero del tè è stato collegato a:

  • Mal di stomaco , tra cui diarrea , vomito e mal di stomaco
  • Anomalie delle cellule del sangue
  • Grave eruzione
  • Sonnolenza
  • allucinazioni
  • Confusione

Alcune persone dovrebbero essere particolarmente caute nell’usare l’olio dell’albero del tè.

Questi includono:

  • Donne incinte o che allattano
  • Le persone che assumono la vancomicina
  • Le persone che hanno una malattia IgA lineare
  • Ragazzi prima dell’inizio della pubertà , a causa dell’aumentato rischio di crescita del tessuto mammario
  • Quelli con una nota allergia all’olio dell’albero del tè o alla pianta da cui proviene

Nessuno studio ha osservato quanto sia efficace l’olio dell’albero del tè per la psoriasi. L’olio dell’albero del tè comporta un rischio di effetti collaterali, quindi chiunque usi questo olio dovrebbe fare attenzione. Inoltre, a causa delle potenziali complicazioni con certe condizioni mediche, chiunque pensi di usare l’olio dell’albero del tè dovrebbe prima informare il medico.

Altri rimedi naturali per la psoriasi

Alcune persone usano altri rimedi erboristici comuni per gestire i sintomi della psoriasi.

Questi includono:

aloe-vera

L’aloe vera in una crema può essere usata per trattare la psoriasi.

Aloe vera: una persona con questa condizione può applicare una crema contenente almeno 0,5% di aloe sulla pelle fino a tre volte al giorno. Può aiutare a ridurre il ridimensionamento e il rossore associati alle lesioni psoriasiche.

Aceto di sidro di mele: questo può aiutare a ridurre il prurito associato alla psoriasi sul cuoio capelluto. Dovrebbe essere usato con cautela, in quanto può causare bruciore o irritazione, soprattutto se la pelle è incrinata o aperta.

Capsaicina: questa è la sostanza chimica che rende piccante il peperoncino piccante. Creme contenenti capsaicina possono aiutare a ridurre il disagio, il rossore e il ridimensionamento associati alla psoriasi.

Sali di Epsom: l’ aggiunta di sali di Epsom a un bagno può lenire la pelle irritata e pruriginosa e può aiutare a ridurre parte del ridimensionamento della psoriasi. La maggior parte delle persone tollerano bene questo rimedio.

Curcuma: disponibile in integratori da banco, la curcuma può ridurre i riacutizzazioni psoriasici influenzando il sistema immunitario. Può anche essere aggiunto come spezia al cibo come condimento.

Trattamenti medici per la psoriasi

La maggior parte delle persone ha bisogno di farmaci per controllare i sintomi della psoriasi. Le opzioni includono creme topiche, terapia della luce e farmaci sistemici.

Farmaci topici: sono creme e unguenti, che le persone applicano direttamente sulla pelle colpita. I farmaci topici più comunemente prescritti sono una classe di potenti farmaci anti-infiammatori, noti come corticosteroidi.

Tuttavia, le persone che usano queste creme per un lungo periodo potrebbero vedere peggiorare i loro sintomi, rendendo necessari altri farmaci. Altri tipi di farmaci comprendono creme sintetiche di vitamina D , retinoidi topici e inibitori della calcineurina, come protopic o Elidel.

Terapia della luce: una leggera esposizione alla luce solare naturale o una luce artificiale ultravioletta A (UVA) o ultravioletta B (UVB) possono alleviare i sintomi.

Farmaci sistemici: le persone con gravi casi di psoriasi possono assumere questi farmaci per via orale o per iniezione. La maggior parte di questi farmaci altera il sistema immunitario, contribuendo a ridurre l’ infiammazione e la produzione di cellule della pelle. C’è il rischio di gravi effetti collaterali.

Al fine di garantire il miglior trattamento, una persona con questa condizione dovrebbe sempre tenere il proprio medico informato sui propri sintomi.

Cambiamenti nello stile di vita

Le persone possono migliorare i loro livelli di comfort e l’aspetto della pelle colpita prendendo misure a casa.

Alcuni esempi di assistenza domiciliare includono:

Fare il bagno frequentemente: questo può aiutare a rimuovere la pelle morta e infiammata, e può anche aiutare a ridurre l’aspetto squamoso delle placche psoriasiche. L’aggiunta di sali di Epsom all’acqua può anche aiutare a gestire la pelle squamosa, ma è importante evitare l’acqua calda e i saponi aggressivi. Dopo il bagno, una persona dovrebbe applicare una crema idratante pesante mentre la sua pelle è ancora umida.

Esposizione alla luce solare: l’ esposizione a piccole quantità di luce solare può aiutare a migliorare i sintomi. Tuttavia, troppa luce solare può innescare o peggiorare una riacutizzazione dei sintomi psoriasici, quindi è meglio parlare con un medico prima di iniziare un reggimento di terapia della luce. Le persone con questa condizione dovrebbero applicare la protezione solare a qualsiasi pelle che non sia influenzata dalla psoriasi.

Essere consapevoli dei trigger: Infine, le persone dovrebbero tenere traccia di ciò che attiva i loro sintomi psoriasici ed evitarli se possibile. Tenere un diario di sintomi e possibili fattori scatenanti può aiutare a individuare ciò che causa i razzi psoriasici.

Chiunque usi olio di tea tree o altri rimedi naturali per la psoriasi dovrebbe parlare con il proprio medico, in quanto alcuni di loro possono causare una reazione allergica. Alcuni di questi rimedi possono anche essere pericolosi se interagiscono con altri farmaci o condizioni mediche. Le donne che sono incinte o che allattano dovrebbero anche consultare il loro medico.