In che modo il sesso influisce sul tuo cervello?

Fare sesso può condire le nostre notti e i nostri giorni, con dolce piacere ed eccitazione, alleviando lo stress e la preoccupazione. E, naturalmente, il sesso è stato fondamentale per garantire che la razza umana sopravviva. In questo articolo, chiediamo: “In che modo il sesso influisce su ciò che accade nel cervello?”
cerve

Il sesso influenza la nostra attività cerebrale in modi che possono influenzare le nostre emozioni, la sensibilità al dolore e persino il sonno.

È noto che il rapporto sessuale influisce sul modo in cui funziona il resto del nostro corpo.

Studi recenti hanno dimostrato che può avere un effetto su quanto mangiamo e quanto bene funzioni il cuore.

Come abbiamo detto sul blog farmajet , il sesso è stato citato come un metodo efficace per bruciare calorie , con gli scienziati che osservano che l’appetito si riduce in seguito.

Inoltre, uno studio pubblicato nel Journal of Health and Social Behavior nel 2016 ha rilevato che le donne che hanno rapporti sessuali soddisfacenti più avanti nella vita potrebbero essere meglio protette contro il rischio di ipertensione .

Molti degli effetti del sesso sul corpo sono in realtà legati al modo in cui questo passatempo influenza l’attività cerebrale e il rilascio di ormoni nel sistema nervoso centrale .

Qui, spieghiamo cosa succede nel cervello quando siamo stimolati sessualmente, e guardiamo a come questa attività può portare a cambiamenti di umore, metabolismo e percezione del dolore.

Attività cerebrale e stimolazione sessuale

Sia per gli uomini che per le donne, è stato dimostrato che la stimolazione e la soddisfazione sessuale aumentano l’attività delle reti cerebrali correlate al dolore e agli stati emotivi, nonché al sistema di ricompensa.

Ciò ha portato alcuni ricercatori a paragonare il sesso ad altri stimolanti dai quali ci aspettiamo un istantaneo “alto”, come droghe e alcol.

La stimolazione del cervello e del pene

Uno studio del 2005 condotto da ricercatori del Centro medico universitario di Groningen, nei Paesi Bassi, ha utilizzato la tomografia a emissione di positroni per monitorare il flusso sanguigno cerebrale di partecipanti maschi mentre i loro genitali venivano stimolati dalle loro partner femminili.

Le scansioni hanno dimostrato che stimolando il pene eretto aumentava il flusso sanguigno nell’insula posteriore e nella corteccia somatosensoriale secondaria nell’emisfero destro del cervello, diminuendolo nell’amigdala destra.

L’ insula è una parte del cervello che è stata legata all’elaborazione delle emozioni, così come alle sensazioni di dolore e calore. Analogamente, si ritiene che la corteccia somatosensoriale secondaria svolga un ruolo importante nella codifica delle sensazioni del dolore.

Per quanto riguarda l’amigdala, è noto che è coinvolto nella regolazione delle emozioni , e le disregolazioni della sua attività sono state legate allo sviluppo di disturbi d’ ansia.

Uno studio più vecchio della stessa università – che si concentrava sulle regioni cerebrali attivate al momento dell’eiaculazione – ha rilevato che c’era un aumento del flusso sanguigno al cervelletto, che svolge anche un ruolo chiave nel trattamento delle emozioni.

I ricercatori paragonano l’attivazione del cervelletto durante l’eiaculazione alla corsa del piacere causata da altre attività che stimolano il sistema di ricompensa del cervello.

“Inostri risultati corrispondono a segnalazioni di attivazione cerebellare durante la corsa all’eroina, eccitazione sessuale, ascolto di musica piacevole e ricompensa monetaria”.

Il cervello e l’orgasmo femminile

In uno studio sull’orgasmo femminile che è stato condotto l’anno scorso, gli scienziati della Rutgers University di Newark, NJ, hanno monitorato l’attività cerebrale di 10 partecipanti femminili mentre raggiungevano il picco del loro piacere – sia per auto-stimolazione sia per essere stimolati dai loro partner.

Le regioni che sono state “significativamente attivate” durante l’orgasmo, il team ha trovato, inclusa parte della corteccia prefrontale, la corteccia orbitofrontale, l’insula, il giro del cingolo e il cervelletto.

Queste regioni cerebrali sono variamente coinvolte nell’elaborazione delle emozioni e delle sensazioni del dolore, così come nella regolazione di alcuni processi metabolici e del processo decisionale.

Un altro studio precedentemente trattato su MNT ha suggerito che la stimolazione ritmica e piacevole associata all’orgasmo mette il cervello in uno stato di trance. L’autore dello studio Adam Safron confronta l’effetto degli orgasmi femminili sul cervello con quello indotto dal ballo o dall’ascolto della musica.

“La musica e la danza possono essere le uniche cose che si avvicinano all’interazione sessuale nel loro potere di trascinare i ritmi neurali e produrre assorbimento sensoriale e trance”, scrive.

“Cioè,” aggiunge, “i motivi per cui amiamo le esperienze sessuali possono sovrapporsi pesantemente alle ragioni per cui godiamo dell’esperienza musicale, sia in termini di immediatezza (intrappolamento neurale e induzione di stati trance-simili) che definitivi (cioè scelta di accoppiamento e legame) dei livelli di causalità. ”

Sesso e attività ormonale

Che cosa significa tutto questo? In sostanza, significa che il sesso può avere un impatto sul nostro umore – normalmente in meglio, ma a volte in peggio.

cerve2

Fare sesso rilascia molti ormoni legati alle emozioni. Questo di solito è di buon auspicio per il nostro umore, ma ci sono alcune eccezioni.

Il sesso è stato più volte associato a migliori stati d’animo e rilassamento psicologico, oltre che fisiologico.

La ragione alla base del perché possiamo sentire che lo stress ci colpisce meno dopo una sessione tra i fogli è dovuta a una regione del cervello chiamata ipotalamo.

L’ipotalamo determina il rilascio di un ormone chiamato ossitocina .

Livelli più elevati di ossitocina possono farci sentire più rilassati, poiché gli studi hanno notato che può compensare gli effetti del cortisolo , l’ormone legato a un aumentato stato di stress.

L’ossitocina non solo ci rende più calmi, ma smorza anche il senso del dolore. Uno studio del 2013 ha scoperto che questo ormone potrebbe alleviare il mal di testa nelle persone che vivono con loro come una condizione cronica.

Un altro studio del 2013 ha suggerito che un diverso insieme di ormoni che vengono rilasciati durante il rapporto sessuale – chiamati endorfine – può anche alleviare il dolore associato al mal di testa a grappolo .

Anche il sesso può farci sentire giù?

La risposta a questo, purtroppo, è “sì”. Mentre il sesso è generalmente considerato un ottimo rimedio naturale per il blues, un piccolo segmento della popolazione riporta in realtà un istante giù piuttosto che un istante dopo aver intrapreso questa attività.

Questa condizione è nota come “disforia postcoitale” e le sue cause rimangono in gran parte sconosciute. Uno studio condotto nel 2010 ha intervistato 222 studentesse universitarie per comprenderne meglio gli effetti.

Di questi partecipanti, il 32,9 per cento ha dichiarato di aver sperimentato stati d’animo negativi dopo il sesso.

Il team ha osservato che una prevalenza permanente di questa condizione potrebbe essere dovuta a eventi traumatici del passato. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, le sue cause sono rimaste poco chiare e non è stato possibile eliminare una predisposizione biologica.

“Ciò attira l’attenzione sulla natura unica della disforia postcoitale, dove la malinconia è limitata solo al periodo successivo al rapporto sessuale e l’individuo non può spiegare perché si verifica la disforia”, scrivono gli autori.

Il sesso può portare a dormire meglio

Gli studi hanno dimostrato che i rapporti sessuali possono anche migliorare il sonno. Dopo un orgasmo, il corpo rilascia anche livelli più alti di un ormone chiamato prolattina , che è noto per svolgere un ruolo chiave nel sonno.

I ricercatori della Central Queensland University in Australia hanno anche ipotizzato che il rilascio di ossitocina durante il sesso possa agire da sedativo , portando ad un sonno notturno migliore.

Nel caso degli uomini, l’eiaculazione è stata trovata per ridurre l’attività nella corteccia prefrontale, che è una regione del cervello nota per beneficiare in particolare di una buona notte di sonno.

Nel sonno, la corteccia prefrontale mostra l’attività cerebrale più lenta rispetto ad altre regioni del cervello, che supporta la corretta esecuzione delle funzioni cognitive durante il giorno.

I ricercatori dicono che il sesso può portare a un migliore funzionamento cognitivo in età avanzata, proteggendo le persone dalla perdita di memoria e altri disturbi cognitivi. Gli studi hanno dimostrato che “gli uomini più anziani che sono sessualmente attivi […] hanno aumentato i livelli di funzione cognitiva generale”.

Per le donne, essere sessualmente attivi più tardi nella vita sembra sostenere il ricordo, in particolare. Questi effetti possono essere dovuti all’azione di ormoni come il testosterone e l’ossitocina, che sono influenzati dal rapporto sessuale.

Quindi, la prossima volta che stai per scivolare tra le lenzuola con quella persona speciale, sappi che questo momento di passione scatenerà un intero spettacolo pirotecnico neurale, rilasciando uno speciale cocktail ormonale che, al suo meglio, farà pagare un intero set di batterie biologiche.

Annunci