Tutto ciò che devi sapere sugli orgasmi

L’orgasmo è considerato il picco dell’eccitazione sessuale. È una potente sensazione di piacere e sensazione fisica, che include una scarica di tensione erotica accumulata.

Nel complesso, però, non si sa molto dell’orgasmo e nel secolo scorso le teorie sull’orgasmo e sulla sua natura sono cambiate radicalmente. Ad esempio, gli esperti di assistenza sanitaria si sono solo relativamente recentemente avvicinati all’idea dell’orgasmo femminile, con molti medici negli anni ’70 che affermavano che era normale che le donne non le sperimentassero.

In questo articolo, spiegheremo che cos’è un orgasmo negli uomini e nelle donne, perché accade e spiega alcuni fraintendimenti comuni.

Fatti veloci sugli orgasmi

  • Gli orgasmi hanno molteplici potenziali benefici per la salute a causa degli ormoni e di altre sostanze chimiche che vengono rilasciate dal corpo durante un orgasmo.
  • Gli orgasmi non si verificano solo durante la stimolazione sessuale.
  • Le persone di tutti i sessi possono sperimentare disturbi dell’orgasmo.
  • Si stima che 1 uomo su 3 abbia sperimentato un’eiaculazione precoce .
  • Le persone trans sono in grado di raggiungere l’orgasmo dopo un intervento chirurgico di riassegnazione di genere.
  • Professionisti medici e professionisti della salute mentale definiscono gli orgasmi in modo diverso.

Cos’è un orgasmo?

Gli orgasmi possono essere definiti in modi diversi utilizzando criteri diversi. I professionisti del settore medico hanno utilizzato le modifiche fisiologiche all’organismo come base per una definizione, mentre gli psicologi e i professionisti della salute mentale hanno utilizzato cambiamenti emotivi e cognitivi. Al momento non esiste un’unica spiegazione generale dell’orgasmo.

Ricerca influente

eiaculazione femminile 2

Il comportamento sessuale di Alfred Kinsey nel maschio umano (1948) e il comportamento sessuale nella donna umana (1953) cercarono di costruire “un corpo di fatto e sesso oggettivamente determinato”, attraverso l’uso di interviste approfondite, sfidando le opinioni correnti sul sesso .

Lo spirito di questo lavoro è stato portato avanti da William H. Masters e Virginia Johnson nel loro lavoro, Human Sexual Response (1986) – uno studio osservazionale in tempo reale degli effetti fisiologici di vari atti sessuali. Questa ricerca ha portato alla creazione di sessuologia come disciplina scientifica ed è ancora una parte importante delle teorie odierne sugli orgasmi.

Modelli di orgasmo

I ricercatori di sesso hanno definito gli orgasmi all’interno di modelli di risposta sessuale messi in scena. Sebbene il processo dell’orgasmo possa differire notevolmente tra gli individui, sono stati identificati diversi cambiamenti fisiologici di base che tendono a verificarsi nella maggior parte delle incidenze.

I seguenti modelli sono modelli che sono stati riscontrati in tutte le forme di risposta sessuale e non sono limitati al solo rapporto peni-vaginale.

Il modello a quattro fasi di Master e Johnson:

  1. eccitazione
  2. altopiano
  3. orgasmo
  4. risoluzione

Il modello a tre stadi di Kaplan:

Il modello di Kaplan differisce dalla maggior parte degli altri modelli di risposta sessuale in quanto include il desiderio – la maggior parte dei modelli tende ad evitare di includere cambiamenti non genitali. È anche importante notare che non tutte le attività sessuali sono precedute dal desiderio.

  1. desiderio
  2. eccitazione
  3. orgasmo

Potenziali benefici per la salute dell’orgasmo

vagi

L’orgasmo maschile può proteggere dal cancro alla prostata.

Uno studio di coorte pubblicato nel 1997 ha suggerito che il rischio di mortalità era notevolmente inferiore negli uomini con un’alta frequenza di orgasmo rispetto agli uomini con una bassa frequenza di orgasmo.

Ciò contrasta con il punto di vista di molte culture in tutto il mondo secondo cui il piacere dell’orgasmo è “assicurato a costo di vigore e benessere”.

Ci sono alcune prove che l’eiaculazione frequente potrebbe ridurre il rischio di cancro alla prostata . Un team di ricercatori ha scoperto che il rischio di cancro alla prostata era inferiore del 20% negli uomini che eiaculavano almeno 21 volte al mese rispetto agli uomini che eiaculavano solo da 4 a 7 volte al mese.

Sono stati identificati diversi ormoni rilasciati durante l’orgasmo, come ossitocina e DHEA; alcuni studi suggeriscono che questi ormoni potrebbero avere qualità protettive contro i tumori e le malattie cardiache . L’ossitocina e altre endorfine rilasciate durante l’orgasmo maschile e femminile sono state trovate anche come rilassanti.

tipi

Non sorprende che, dato che gli esperti devono ancora raggiungere un consenso in merito alla definizione di un orgasmo, esistono diverse forme di categorizzazione per gli orgasmi.

Lo psicanalista Sigmund Freud distinse gli orgasmi femminili come clitoridi nei giovani e immaturi e vaginali in quelli con una sana risposta sessuale. Al contrario, la ricercatrice del sesso Betty Dodson ha definito almeno nove diverse forme di orgasmo, prevenute verso la stimolazione genitale, basate sulla sua ricerca. Ecco una selezione di loro:

  • Combinazione o orgasmi miscelati: una varietà di diverse esperienze orgasmiche mescolate insieme.
  • Orgasmi multipli: una serie di orgasmi per un breve periodo piuttosto che uno singolare.
  • Orgasmi di pressione: orgasmi che derivano dalla stimolazione indiretta della pressione applicata. Una forma di auto-stimolazione che è più comune nei bambini.
  • Orgasmi di rilassamento: orgasmo derivante dal profondo rilassamento durante la stimolazione sessuale.
  • Orgasmi di tensione: una forma comune di orgasmo, dalla stimolazione diretta, spesso quando il corpo e i muscoli sono tesi.

Ci sono altre forme di orgasmo che Freud e Dodson hanno ampiamente scontato, ma molti altri li hanno descritti. Per esempio:

  • Orgasmi di fantasia: orgasmi derivanti dalla sola stimolazione mentale.
  • Orgasmi del punto G: orgasmi risultanti dalla stimolazione di una zona erotica durante il rapporto penetrativo, sentendosi nettamente diverso dall’orgasmo da altri tipi di stimolazione.

L’orgasmo femminile

La seguente descrizione del processo fisiologico dell’orgasmo femminile nei genitali utilizzerà il modello a quattro fasi di Masters e Johnson.

eccitazione

Quando una donna viene stimolata fisicamente o psicologicamente, i vasi sanguigni all’interno dei suoi genitali si dilatano. L’aumento dell’afflusso di sangue fa gonfiare la vulva e il fluido passa attraverso le pareti vaginali, rendendo la vulva gonfia e bagnata. Internamente, la parte superiore della vagina si espande.

La frequenza cardiaca e la respirazione accelerano e la pressione sanguigna aumenta. La dilatazione dei vasi sanguigni può far apparire la donna arrossata, in particolare sul collo e sul torace.

Altopiano

Mentre il flusso sanguigno verso l’introito – l’area inferiore della vagina – raggiunge il suo limite, diventa fermo. I seni possono aumentare di dimensioni fino al 25 percento e l’aumento del flusso sanguigno verso l’areola – l’area che circonda il capezzolo – fa sì che i capezzoli appaiano meno eretti. Il clitoride si tira indietro contro l’osso pubico, apparentemente scomparendo.

Orgasmo

I muscoli genitali, inclusi l’utero e l’introito, subiscono contrazioni ritmiche a circa 0,8 secondi di distanza. L’orgasmo femminile dura in genere più a lungo del maschio a una media di circa 13-51 secondi.

A differenza degli uomini, la maggior parte delle donne non ha un periodo refrattario (recupero) e quindi può avere ulteriori orgasmi se vengono nuovamente stimolati.

Risoluzione

Il corpo ritorna gradualmente al suo stato precedente, con la riduzione del gonfiore e il rallentamento del polso e della respirazione.

L’orgasmo maschile

La seguente descrizione del processo fisiologico dell’orgasmo maschile nei genitali utilizza il modello a quattro fasi di Masters e Johnson.

eccitazione

Quando un uomo viene stimolato fisicamente o psicologicamente, ottiene un’erezione. Il sangue scorre nei corpi – il tessuto spugnoso percorre la lunghezza del pene – facendo sì che il pene cresca di dimensioni e si irrigidisca. I testicoli sono tirati verso il corpo mentre lo scroto si stringe.

Altopiano

Mentre i vasi sanguigni dentro e intorno al pene si riempiono di sangue, il glande e i testicoli aumentano di dimensioni. Inoltre, i muscoli della coscia e della natica si irrigidiscono, la pressione sanguigna aumenta, l’impulso si accelera e aumenta la velocità respiratoria.

Orgasmo

Lo sperma – una miscela di sperma (5 percento) e liquido (95 percento) – è forzato nell’uretra da una serie di contrazioni nei muscoli del pavimento pelvico, nella prostata, nelle vescicole seminali e nei dotti deferenti.

Le contrazioni dei muscoli del pavimento pelvico e della ghiandola prostatica fanno sì che lo sperma venga espulso dal pene in un processo chiamato eiaculazione. L’orgasmo maschile medio dura 10-30 secondi.

Risoluzione

L’uomo ora entra in una fase di recupero temporaneo in cui non sono possibili ulteriori orgasmi. Questo è noto come periodo refrattario e la sua lunghezza varia da persona a persona. Può durare da pochi minuti a qualche giorno, e questo periodo generalmente cresce più a mano a mano che l’uomo invecchia.

Durante questa fase, il pene e i testicoli dell’uomo ritornano alla loro dimensione originale. La velocità di respirazione sarà pesante e veloce e l’impulso sarà veloce.

Le cause

Si ritiene comunemente che gli orgasmi siano un’esperienza sessuale, tipicamente vissuta come parte di un ciclo di risposta sessuale. Spesso si verificano seguendo la continua stimolazione delle zone erogene, come i genitali, l’ano, i capezzoli e il perineo.

Fisiologicamente, gli orgasmi si verificano seguendo due risposte fondamentali alla stimolazione continua:

  • Vasocongestione: il processo attraverso il quale i tessuti del corpo si riempiono di sangue, gonfiandosi di conseguenza.
  • Miotonia: il processo attraverso il quale i muscoli si irrigidiscono, includendo sia la flessione volontaria che la contrazione involontaria.

Ci sono stati altri resoconti di persone che hanno avuto sensazioni orgasmiche all’inizio della medicina epilettica, e gli amputati del piede sentivano gli orgasmi nello spazio in cui si trovava il loro piede una volta. Le persone paralizzate dalla vita in giù sono state anche in grado di avere orgasmi, suggerendo che è il sistema nervoso centrale piuttosto che i genitali che è la chiave per sperimentare gli orgasmi.

disturbi

Un numero di disordini è associato con l’orgasmo; possono portare a angoscia, frustrazione e sentimenti di vergogna, sia per la persona che sta vivendo i sintomi sia per il / i partner / i.

Sebbene gli orgasmi siano considerati uguali in tutti i generi, gli operatori sanitari tendono a descrivere i disturbi dell’orgasmo in termini di genere.

Disturbi orgasmici femminili

I disordini orgasmici femminili sono centrati sull’assenza o su un significativo ritardo dell’orgasmo dopo una stimolazione sufficiente.

L’assenza di orgasmi viene anche definita anorgasmia. Questo termine può essere suddiviso in anorgasmia primaria, quando una donna non ha mai sperimentato un orgasmo e anorgasmia secondaria, quando una donna che aveva precedentemente sperimentato l’orgasmo non è più in grado di farlo. La condizione può essere limitata a determinate situazioni o può generalmente verificarsi.

Il disturbo dell’orgasmo femminile può verificarsi a seguito di cause fisiche come problemi ginecologici o l’uso di determinati farmaci o cause psicologiche come ansia o depressione .

Disturbi orgasmici maschili

Conosciuto anche come orgasmo maschile inibito, il disturbo dell’orgasmo maschile comporta un ritardo persistente e ricorrente o l’assenza di orgasmo dopo stimolazione sufficiente.

Il disturbo dell’orgasmo maschile può essere una condizione per tutta la vita o acquisita dopo un periodo di regolare funzionamento sessuale. La condizione può essere limitata a determinate situazioni o può generalmente verificarsi. Può verificarsi come risultato di altre condizioni fisiche come malattie cardiache, cause psicologiche come l’ansia o l’uso di alcuni farmaci come gli antidepressivi .

Eiaculazione precoce

L’eiaculazione negli uomini è strettamente associata a un orgasmo. L’eiaculazione precoce è una lamentela sessuale comune, per cui un uomo eiacula (e tipicamente orgasmi) entro 1 minuto dalla penetrazione, compreso il momento di penetrazione stesso.

L’eiaculazione precoce è probabilmente causata da una combinazione di fattori psicologici come il senso di colpa o ansia e fattori biologici come i livelli ormonali o il danno ai nervi.

Idee sbagliate comuni

coppia che fa sesso farmajet.jpg

Una relazione felice è basata più che sull’orgasmo.

L’alta importanza che la società attribuisce al sesso, combinata con la nostra incompleta conoscenza dell’orgasmo, ha portato a una serie di malintesi comuni.

La cultura sessuale ha posto l’orgasmo su un piedistallo, spesso lo ha premiato come l’unico obiettivo per gli incontri sessuali.

Tuttavia, gli orgasmi non sono così semplici e comuni come molti potrebbero suggerire.

Si stima che circa il 10-15% delle donne non abbia mai avuto un orgasmo. Negli uomini, ben 1 su 3 segnalazioni hanno avuto esperienza di eiaculazione precoce ad un certo punto della loro vita.

La ricerca ha dimostrato che anche gli orgasmi non sono considerati l’ aspetto più importante dell’esperienza sessuale. Uno studio ha riportato che molte donne trovano che le loro esperienze sessuali più soddisfacenti implicano la sensazione di essere collegati a qualcun altro, piuttosto che basare la propria soddisfazione esclusivamente sull’orgasmo.

Un altro equivoco è che la stimolazione del pene-vaginale è la via principale per uomini e donne per raggiungere un orgasmo. Mentre questo può essere vero per molti uomini e alcune donne, molte più donne sperimentano orgasmi in seguito alla stimolazione del clitoride.

Un’analisi completa di 33 studi in 80 anni ha rilevato che durante il rapporto vaginale solo il 25 percento delle donne sperimenta regolarmente un orgasmo, circa la metà delle donne a volte ha un orgasmo, il 20 percento raramente o mai ha orgasmi e circa il 5 percento non ha mai avuto orgasmi.

In realtà, gli orgasmi non devono necessariamente coinvolgere i genitali, né devono essere associati ai desideri sessuali, come dimostrato da esempi di orgasmo indotto dall’esercizio.

Un altro malinteso comune è che le persone transgender non sono in grado di raggiungere l’orgasmo dopo un intervento chirurgico di riassegnazione di genere.

Uno studio del 2005 sulle persone transgender che avevano subito un intervento chirurgico di riassegnazione sessuale ha scoperto che tutti gli uomini transgender e l’85% delle donne transgender erano in grado di raggiungere l’orgasmo.

Un altro studio nel 2014 ha mostrato che l’82,4% delle donne transgender che hanno partecipato hanno raggiunto il culmine dopo l’intervento chirurgico. Un ulteriore 55,8% di quelli ha anche riferito di aver avuto un orgasmo più intenso dopo l’intervento.

Il viaggio verso un orgasmo è un’esperienza molto individuale che non ha una definizione singolare e onnicomprensiva. In molti casi, gli esperti raccomandano di evitare il confronto con altre persone o concetti preesistenti su cosa dovrebbe essere un orgasmo.

Annunci

L’orgasmo femminile: cosa vogliono le donne?

Pubblicato da Farmajet Gennaio 2018

Le norme della società e i media influenzano pesantemente il modo in cui vediamo gli orgasmi delle donne, ma la ricerca mostra che le loro preferenze di attività sessuale e le esperienze con l’orgasmo variano ampiamente.
orga1

La ricerca mostra che l’autostima sessuale e una buona comunicazione sono fattori importanti per la soddisfazione sessuale delle donne.

L’orgasmo femminile è spesso rappresentato come il centro della soddisfazione sessuale di una donna e il fine ultimo del sesso. Ma molte donne non sperimentano un orgasmo durante i rapporti sessuali fino ai 20 o addirittura 30 anni, e il numero di donne che affermano di averne sempre o quasi sempre una durante il sesso è in declino.

Le aspettative sociali che circondano gli orgasmi delle donne possono essere particolarmente dolorose per le donne che non le vivono sempre. E il divario tra aspettativa e realtà si allarga ulteriormente.

Léa J. Séguin – del Dipartimento di Sessuologia all’Université du Québec à Montréal in Canada – ha esaminato il modo in cui gli orgasmi femminili sono rappresentati nella pornografia tradizionale.

In 50 videoclip popolari inclusi nello studio, solo il 18,3 per cento delle donne ha dimostrato di raggiungere l’orgasmo e la stimolazione del clitoride o della vulva si è manifestata solo nel 25 percento di questi.

In un recente sondaggio , il 53% degli uomini e il 25% delle donne negli Stati Uniti hanno dichiarato di aver visto la pornografia nell’ultimo anno .

Il modo in cui l’orgasmo femminile è raffigurato nella pornografia non coincide con i risultati della ricerca, con Séguin che scrive che “la pornografia mainstream promuove e perpetua molte aspettative non realistiche riguardo all’orgasmo femminile”.

Mettendo da parte lo stigma delle aspettative sociali e il mondo fantastico della pornografia, cosa ci dice la ricerca scientifica sugli orgasmi delle donne? Quanto di un ruolo gioca il clitoride e, cosa più importante, cosa vogliono le donne quando si tratta di raggiungere la soddisfazione sessuale?

L’orgasmo femminile nella ricerca

Uno studio del Prof. Osmo Kontula – dell’Istituto di ricerca sulla popolazione presso la Federazione delle famiglie della Finlandia a Helsinki – ha chiesto alle oltre 8.000 donne in Finlandia delle loro esperienze sessuali.

La maggior parte delle donne di età inferiore ai 35 anni che hanno partecipato allo studio hanno vissuto il loro primo orgasmo attraverso la masturbazione. Per circa un quarto di questi, questo è accaduto prima dei 13 anni, e per un decimo, prima dei 10 anni.

Ma l’età media al primo rapporto sessuale era 17. La maggior parte delle donne non ha mai avuto un orgasmo in questo momento – in effetti, solo un quarto dei partecipanti al sondaggio aveva raggiunto un orgasmo durante il rapporto sessuale nel primo anno in cui avevano iniziato a fare sesso.

Per il resto ci è voluto molto più tempo, e fare sesso ancora non garantisce l’orgasmo per tutti.

Il professor Kontula ha scoperto che nel 2015 solo il 6% delle donne ha dichiarato di avere sempre avuto un orgasmo durante il rapporto peniena-vaginale, il 40% ha dichiarato di avere quasi sempre un orgasmo, il 16% delle donne ha avuto un orgasmo metà del tempo e il 38% ha avuto uno raramente. Un totale del 14% delle donne sotto i 35 anni non ha mai avuto un orgasmo dal rapporto sessuale.

Dal 1999, il numero di donne che hanno l’orgasmo durante il rapporto sessuale è quasi sempre sceso dal 56 al 46 percento.

Quindi, per far luce su ciò che contribuisce alla capacità delle donne di raggiungere l’orgasmo e ciò che lo distrae, il prof. Kontula ha scavato più a fondo.

La ricetta per l’orgasmo

Secondo il Prof. Kontula, “Le chiavi per raggiungere orgasmi femminili più frequenti sono state identificate in questo studio come nella mente e nella relazione”.

“Questi fattori e queste capacità”, spiega, “includevano l’importanza degli orgasmi personalmente, quanto alto era il desiderio sessuale, quanto alto era l’autostima sessuale e quanto era aperta la comunicazione sessuale con il partner”.

L’autostima sessuale includeva quanto sessualmente abili e quanto bravi a letto le donne considerassero se stessi.Altri fattori positivi della capacità orgasmica erano la capacità di concentrarsi sul momento, le reciproche iniziazioni sessuali e le buone tecniche sessuali del partner.”

Prof. Osmo Kontula

È interessante notare che, mentre oltre il 50% delle donne nelle relazioni afferma che di solito sperimentano l’orgasmo durante il rapporto sessuale, questo numero si attesta al 40% per le donne single.

Il professor Kontula continua a sottolineare l’importanza della diversità tra le esperienze e le preferenze sessuali delle donne. “I risultati di questo studio”, scrive, “indicano che le donne differiscono molto l’una dall’altra in termini di tendenza e capacità di provare orgasmi”.

I motivi più frequentemente citati che impedivano ai partecipanti di raggiungere l’orgasmo erano ” fatica e stress ” e “difficoltà di concentrazione”. Anche il professor Kontula postula che le donne razionalizzino sempre più il sesso, a causa delle aspettative sociali e delle descrizioni dei media.

Il razionalismo eccessivo è il più grande nemico degli orgasmi: in poche parole, il pensiero accende il desiderio, ma gli orgasmi arrivano quando il pensiero cessa”.

Prof. Osmo Kontula

Il potere della mente

Come i pensieri influenzano il piacere sessuale è stato recentemente studiato in un sondaggio di 926 donne. Lo studio ha rivelato che quando le donne avevano pensieri di “insuccesso sessuale” o di “mancanza di pensieri erotici” durante il sesso, ha avuto un effetto negativo sui loro orgasmi.

Il rovescio della medaglia, i pensieri erotici sono noti per contribuire in modo significativo all’eccitazione sessuale.

Nan J. Wise, Ph.D. – dal Dipartimento di Psicologia della Rutgers University di Newark, NJ – ha studiato quali aree del cervello rispondono a pensieri erotici.

Usando la risonanza magnetica funzionale , ha scoperto che immaginando la stimolazione del clitoride e del capezzolo contro l’auto-stimolazione di queste aree colpite diverse aree del cervello.

Inoltre, quando i partecipanti hanno immaginato la stimolazione con un dildo, sono state illuminate aree del cervello che “si sono dimostrate attive nel processo di stimolazione genitale che porta all’orgasmo incluso”, spiega il dott. Wise.

La mente è chiaramente un forte contributore all’eccitazione sessuale – ma non è l’unica.

Stimolazione del clitoride e orgasmo

Il dibattito sul ruolo del clitoride negli orgasmi delle donne è in corso. La scorsa settimana, ad esempio, abbiamo discusso le diverse teorie nel nostro articolo ” I dettagli della vagina “. L’orgasmo può essere raggiunto stimolando la vagina senza alcun coinvolgimento del clitoride è al centro del dibattito scientifico.

Ciò che è chiaro è che, a parte i percorsi biologici ei dettagli anatomici, le donne sanno come il clitoride si adatta alla loro esperienza personale di orgasmo.

Un documento di studio del 2017 del prof. Debby Herbenick – del Centro per la promozione della salute sessuale presso l’Università dell’Indiana a Bloomington – e colleghi hanno scoperto che il 36,6% delle donne aveva bisogno di stimolazione clitoridea per raggiungere l’orgasmo durante il rapporto.

Inoltre, il 36% delle donne ha dichiarato di non aver bisogno della stimolazione del clitoride, ma ha migliorato la propria esperienza e il 18,4% delle donne ha affermato che la penetrazione vaginale era sufficiente.

Il Prof. Herbenick ha compiuto un ulteriore passo avanti nel suo studio e ha chiesto alle donne il tipo di stimolazione del clitoride che preferivano, indipendentemente dal fatto che fosse necessario per l’orgasmo o meno.

orga2

Due terzi delle donne preferivano la stimolazione diretta del clitoride, nei movimenti più popolari erano su e giù, a forma circolare e da un lato all’altro. Circa 1 su 10 donne preferivano una pressione decisa, mentre la maggior parte preferiva il contatto leggero e medio sulla vulva.

Non c’è chiaramente una risposta valida per tutti all’orgasmo femminile. Le diverse preferenze sessuali delle donne sono ulteriormente evidenziate in uno studio separato del Prof. Herbenick.

Cosa vogliono le donne

Come parte della ricerca del Prof. Herbenick, 1.046 donne e 975 partecipanti maschi provenienti da tutti gli Stati Uniti sono stati presentati con una lista di comportamenti sessuali e hanno chiesto se li trovavano “molto allettanti”, “un po ‘allettanti”, “non allettanti” o “non” tutto attraente. ”

I primi 10 comportamenti che le donne hanno trovato molto allettanti erano:

  1. rapporto sessuale vaginale – 69,9 per cento
  2. coccole più spesso – 62,8 per cento
  3. baci più spesso durante il sesso – 49,3 per cento
  4. dicendo cose dolci e romantiche durante il sesso – il 46,6 percento
  5. dare o ricevere un massaggio prima del sesso – 45,9 per cento
  6. fare sesso gentile – 45,4 per cento
  7. ricevere sesso orale – 43,3 per cento
  8. guardando un film romantico – 41,9 per cento
  9. rendere la stanza più romantica – 41,3 per cento
  10. indossa biancheria intima sexy o lingerie – 41,2 per cento

Inoltre, il 40,4% delle donne ha dichiarato che fare sesso più spesso era molto allettante.

Ma è importante apprezzare che non c’era una categoria che nessuna donna trovasse attraente. Ad esempio, sebbene lo studio abbia rilevato che la maggior parte delle donne non ha trovato molto attraente guardare video o DVD sessualmente erotici, l’11,4 dei partecipanti allo studio femminile lo ha fatto.

Mentre non c’erano differenze nel modo in cui uomini e donne valutavano molte delle categorie, alcuni comportamenti erano chiaramente più favoriti dagli uomini che dalle donne.

Ad esempio, gli uomini hanno trovato comportamenti sessuali anali (tra cui sesso anale, giocattoli anali e diteggiatura anale) più attraenti rispetto alle donne. Lo stesso valeva per il sesso orale (sia per il dare che per il ricevere), guardando un partner spogliarsi e guardare un compagno masturbarsi.

Quindi, qual è la salsa segreta per conciliare le differenze di interesse che i partner sessuali possono avere?

La comunicazione al centro della questione

Potrebbe sembrare una soluzione ovvia, ma quando si esamina la ricerca sul comportamento sessuale e la soddisfazione sessuale, il problema della comunicazione si ripete più e più volte.

Sia che si tratti di desideri, preferenze o problemi sessuali, coloro che possono parlare apertamente con il loro partner riferiscono più orgasmi e sono meno propensi a dire che il loro desiderio sessuale è basso.

Il sesso è fortemente legato alla felicità. Stare bene con le proprie preferenze sessuali personali e avere un partner che condivide e valorizza questi sono ingredienti chiave nella ricetta per la soddisfazione sessuale.

I segreti dell’orgasmo Femminile.

Pubblicato da Farmajet Gennaio 2018

Orgasmo vaginale vs clitoride, punto G, vulva e clitoride: gli organi sessuali femminili e il loro coinvolgimento nell’eccitazione e nell’orgasmo sono avvolti nel mistero.
puntog

La polemica circonda l’esistenza del punto G e le vie per raggiungere l’orgasmo.

Nel nostro mondo sempre più digitale, il sesso e l’immagine del corpo femminile sono spesso  travisati . Tuttavia, il sesso rende felici le persone e gioca un ruolo importante nel legame sociale e nella salute mentale e fisica .

Quindi, è tempo di demistificare le idee sbagliate comuni sugli organi sessuali femminili e il loro ruolo nel piacere sessuale.

Brilliamo un riflettore su come funzionano la vagina, la vulva e il clitoride, nonché su ciò che è attualmente noto a proposito dell’elusivo punto G e dell’orgasmo femminile.

Dentro e fuori: la vagina e la vulva

La vagina è il tubo muscolare che collega alla cervice, che è la parte inferiore dell’utero.

Chiamato anche canale del parto, la vagina consente il passaggio di sangue e cellule nelle mestruazioni, l’introduzione di sperma durante il rapporto sessuale e la consegna del bambino e della placenta alla fine della gravidanza.

La vagina ha solo un numero limitato di terminazioni nervose, che si ritiene sia importante per aiutare le donne a far fronte al dolore del parto.

La parte esterna dei genitali femminili è la vulva. Consiste delle grandi labbra, o la piega esterna, le piccole labbra, o la piega interna, l’uretra e il clitoride. La forma e le dimensioni della vulva sono uniche per ogni singola donna.

In uno studio che ha coinvolto 32 donne, il Dr. Haim Krissi – del Dipartimento di ostetricia e ginecologia presso il Centro medico dell’Università Soroka dell’Università Ben-Gurion del Negev in Israele – e il team ha trovato una gamma considerevole di lunghezza e larghezza delle diverse parti della vulva.

Il clitoride: la porta verso l’eccitazione sessuale

puntog1

Mentre molte persone pensano che il clitoride sia un piccolo punto appena sopra l’apertura vaginale, è, in realtà, un complesso molto più grande. La parte più visibile è il glande, che misura in media 16 millimetri. Questa è la parte che la maggior parte delle persone conoscerà.

Il glande è coperto dal prepuzio, che è una pelle formata dalle labbra vaginali. Alcune persone paragonano la prepuzio al prepuzio. Nascosto all’interno dell’osso pubico è il resto del clitoride, e l’intero complesso è simile nella forma al pene, con una lunghezza totale tra 9 e 11 centimetri.

Il clitoride è un organo erettile e si pensa che sia il cuore dell’eccitazione sessuale femminile.

In una recensione del 2015  pubblicata sulla rivista Anatomia clinica , la dott.ssa Rachel N. Pauls – delle Divisioni di Medicina del Pavimento Femminile e Chirurgia Ricostruttiva al TriHealth / Good Samaritan Hospital di Cincinnati, OH – descrive il clitoride come “[…] il centro per la risposta orgasmica. ”

Il clitoride è altamente innervato, con la più densa concentrazione di fibre nervose presenti nel glande. Queste fibre nervose rispondono alla stimolazione causando gonfiore dei tessuti erettili del clitoride.

Come spiega il dott. Pauls , “È importante notare che la stimolazione indiretta del glande è centrale per l’eccitazione sessuale femminile, ma la densa innervazione del glande può portare ad un’estrema sensibilità a seguito di stimolazione diretta.”

Detto questo, il clitoride non è l’unica parte degli organi sessuali femminili che può portare all’eccitazione, secondo alcuni. Il misterioso punto G, che si dice si trovi all’interno della vagina, è stato ugualmente accreditato.

Il punto G esiste?

puntog2

Il cosiddetto spot Gräfenberg, o punto G – che prende il nome dal medico di origine tedesca Ernst Gräfenberg – è un argomento di grande contesa.

Mentre Gräfenberg è stato ampiamente riconosciuto nel trovare il presunto spot garantito per l’eccitazione sessuale, il nome fu infatti coniato dal Dr. Frank Addiego e colleghi in un articolo del 1981 pubblicato sul Journal of Sex Research .

Da allora la caccia a questa struttura sfuggente che prometteva piacere illimitato.

Uno studio  in un International Journal of Obstetrics and Gynecology del Dr. Adam Ostrenski – dell’Istituto di Ginecologia a San Pietroburgo, FL – e colleghi lo descrive come una raccolta di fasci nervosi nella parte frontale, o anteriore, della parete della vagina.

Utilizzando le scansioni MRI, Anastasios Mpotsaris – dall’Ospedale universitario di Colonia in Germania – e colleghi hanno trovato una “entità morfologica distinta” nel 62 percento dei soggetti dello studio nella stessa posizione.

coppia

Questo significa che la ricerca è finita? No; non tutti gli esperti sono d’accordo. Il dott. Vincenzo Puppo, del Centro Italiano Sessuologica di Bologna, afferma in un  articolo della rivista Clinical Anatomy che non esistono prove scientifiche o mediche che supportino l’esistenza del punto G.

Invece, scrive, “Il punto G è diventato al centro di un’attività multimilionaria: l’amplificazione del punto G, chiamata anche aumento del punto G, G-Spotplasty o G-shot, è una procedura di chirurgia estetica per aumentando la dimensione e la sensibilità di ciò che alcuni ritengono essere il punto G […]. ”

Questo sentimento è echeggiato dal Dr. Pauls, che riassume che non ci sono prove scientifiche o anatomiche che supportano l’esistenza del punto G.

Quindi, la giuria sul punto G è ancora fuori. Sia con la stimolazione del punto G o meno, l’orgasmo femminile rimane un argomento misterioso e controverso.

Cosa succede durante l’orgasmo?

Il dibattito sullo scopo e i percorsi che portano alle donne che vivono un orgasmo è probabilmente antico quanto la scienza medica.

Sebbene l’orgasmo maschile abbia un chiaro ruolo da un punto di vista evolutivo, in quanto centrale per la propagazione della specie umana, gli esperti non sono stati in grado di concordare un simile “scopo” per l’orgasmo femminile.

Da un punto di vista fisiologico, il percorso verso l’eccitazione sessuale è semplice.

Il dott. Pauls spiega: “In termini semplicistici, l’eccitazione genitale è caratterizzata da un aumento del flusso sanguigno verso la regione pelvica.Nelle femmine, questo flusso vascolare provoca l’ingorgo e l’erezione del clitoride e l’accompagnamento del gonfiore vulvare e della secrezione vaginale del fluido.”

“Se viene raggiunta una soglia, l’orgasmo può seguire l’eccitazione L’attivazione di [vie nervose] innesca le contrazioni dei muscoli scheletrici del pavimento pelvico che accompagnano la soddisfazione sessuale”, aggiunge.

Quindi, dovremmo considerare gli orgasmi semplicemente come il risultato di un riflesso prodotto dai nostri nervi? Come spesso accade in biologia, le cose sono più complicate. I nostri nervi, naturalmente, trasmettono segnali sensoriali al nostro cervello, dove gli studi hanno dimostrato che il piacere sessuale viene elaborato in modo simile ad altri tipi di piacere.

[…] la mente può essere l’ultimo organo sessuale, che in combinazione con l’ anatomia può aumentare il piacere sessuale.”

Dr. Pauls

L’orgasmo vaginale vs clitorideo

orgasmo donna

L’ultimo centro che provoca il più grande piacere femminile rimane un argomento di discussione. Esistono due teorie in competizione: l’orgasmo vaginale e clitorideo.

Secondo il dott. Puppo, il termine “orgasmo vaginale” è fuorviante. Dice che “la vagina non ha una struttura anatomica che possa causare un orgasmo”. Invece, “l’orgasmo vaginale che alcune donne riferiscono è sempre causato dagli organi erettili circostanti”, spiega.

Il Dott. Puppo sottolinea inoltre: “Gli orgasmi con un dito nella vagina sono possibili in tutte le donne, ma il partner deve anche muovere la mano in un cerchio per stimolare tutti gli organi erettili femminili”.

Dall’altro lato dell’argomento è lo psicologo Prof. Stuart Brody, che sostiene che il rapporto tra la pene e la vagina è la via dell’orgasmo vaginale, che, a suo dire, gioca un ruolo più importante nella soddisfazione sessuale.

In una recensione  pubblicata sulla rivista Socioaffective Neuroscience & Psychology , il Prof. James G. Pfaus – del Dipartimento di Psicologia presso l’Università Concordia di Montreal, in Canada – scrive “è probabile che le donne abbiano un’enorme capacità di sperimentare orgasmi di molti tipi diversi […] l’esperienza soggettiva di esso non è necessariamente la stessa per ogni donna, e può anche essere diversa ogni volta che una donna ne ha uno “.

Il Dr. Pauls sottolinea anche che “[…] la pressione sulla vagina durante l’attività sessuale può causare trazione, vibrazione e stimolazione del clitoride”.

“È quindi problematico nel migliore dei casi definire un ‘orgasmo clitorideo’ come un fenomeno distinto da un ‘orgasmo vaginale'”, aggiunge.

Poiché le singole parti degli organi sessuali femminili si trovano molto vicine l’una all’altra, è difficile identificare un punto particolare come l’ultima via per il piacere.

Una domanda che rimane è se sia o meno necessario avere una definizione di diversi tipi di orgasmi.

Importa davvero?

Il piacere e l’orgasmo sessuale di ogni donna sono unici. Uno studio recente ha mostrato che solo il 6% delle donne afferma di raggiungere l’orgasmo ogni volta che fanno sesso.

Coloro che sono coinvolti nella ricerca del piacere sessuale femminile possono sostenere che una migliore conoscenza delle vie per raggiungere l’orgasmo può aiutare coloro che lottano per raggiungere la soddisfazione che desiderano. Ma l’orgasmo è solo una parte dell’esperienza del sesso.

“Forse è il momento”, dice il Prof. Pfaus, “smettere di trattare l’orgasmo femminile come un’entità sociopolitica con diverse parti che dicono alle donne ciò che possono e non possono sperimentare”.

La soddisfazione sessuale è un concetto unico. Che sia derivato dalla stimolazione del clitoride o da un’altra via, alla fine della giornata, la migliore misura di soddisfazione è il piacere provato da coloro che sono coinvolti.