Quali sono le possibili cause di secchezza vaginale?

La secchezza vaginale è un sintomo comune sperimentato dalle donne quando attraversano la transizione della menopausa e forse per molti anni dopo. Tuttavia, la secchezza vaginale può verificarsi a qualsiasi età per diversi motivi.

La secchezza vaginale è il risultato di livelli ridotti di estrogeni . L’estrogeno è l’ormone femminile che mantiene il rivestimento della vagina lubrificato, denso ed elastico.

La mancanza di umidità vaginale può non essere un grosso problema per alcuni, ma può avere un grande impatto sulla vita sessuale di una donna causando dolore e disagio durante il rapporto sessuale. Fortunatamente, ci sono diversi trattamenti disponibili per alleviare i sintomi della secchezza vaginale.

Cause di secchezza vaginale

donna con secchezza.jpg

La secchezza vaginale è un sintomo comune della menopausa.

La secchezza vaginale è spesso dovuta a un calo dei livelli di estrogeni. I livelli di estrogeni iniziano a diminuire con l’ avvicinarsi della menopausa .

Le ovaie producono estrogeni che controllano lo sviluppo delle caratteristiche del corpo femminile, come il seno e la forma del corpo. Gli estrogeni svolgono anche un ruolo significativo nel ciclo mestruale e nella gravidanza.

Di solito, gli estrogeni mantengono i tessuti della vagina spessi, idratati e sani. Quando i livelli diminuiscono, le donne notano che il rivestimento delle loro vagine diventa più sottile, più asciutto, meno elastico e di colore dal rosa chiaro al blu. Questi cambiamenti sono noti come atrofia vaginale .

I livelli di estrogeni possono anche diminuire per motivi diversi dalla menopausa, come:

  • parto e allattamento
  • trattamenti per il cancro , tra cui chemioterapia e radiazioni
  • “menopausa chirurgica”, quando le ovaie vengono rimosse chirurgicamente per qualsiasi motivo
  • farmaci anti-estrogeni usati per il carcinoma mammario o l’ endometriosi , come il Lupron o lo Zoladex

Altre cause di secchezza vaginale possono includere:

  • Sindrome di Sjögren . Questo è un disturbo autoimmune complesso che comporta l’ infiammazione delle ghiandole salivari e lacrimali. Anche i tessuti che rivestono la vagina possono infiammarsi, causando secchezza vaginale.
  • Gli antistaminici . Questi farmaci, come la difenidramina, sono usati per i sintomi del raffreddore e delle allergie e lavorano per seccare le secrezioni. Gli effetti collaterali possono includere secchezza vaginale e difficoltà a urinare.
  • Antidepressivi . Alcuni antidepressivi hanno effetti collaterali sessuali, come secchezza vaginale, diminuzione della libido e difficoltà a raggiungere l’orgasmo.

Le donne che fumano attraversano la menopausa prima di altre che non lo fanno e quindi in questo gruppo possono verificarsi secchezza vaginale in età precoce.

Relazione con la menopausa

La secchezza vaginale è correlata alla menopausa a causa del calo dei livelli di estrogeni che si accompagna a quest’ultimo. La ricerca suggerisce che circa il 20 percento delle donne in perimenopausa e postmenopausa cercano un trattamento per la secchezza vaginale. Tuttavia, si ritiene che il numero effettivo di coloro che manifestano i sintomi sia complessivamente più vicino al 40-50% .

L’atrofia vaginale e la secchezza vaginale possono causare dolore e disagio durante il sesso e aumentare la possibilità di infezioni vaginali.

La riduzione dei livelli di estrogeni assottiglia anche il rivestimento del tratto urinario, il che può causare minzione più frequente e infezioni del tratto urinario . Questi sintomi sono diventati noti come sindrome genito-urinaria della menopausa o GSM.

Con il GSM, le donne possono anche notare sanguinamento dopo il sesso o bruciore e prurito vaginali. Questi sintomi possono certamente influenzare il modo in cui una donna ama il sesso e come si sente su se stessa.

Naturalmente, ogni donna che attraversa la menopausa avvertirà i sintomi in modo diverso e questi avranno vari gradi di gravità. Nessuna donna avrà la stessa esperienza.

Sintomi di accompagnamento

donna che non dorme 2.jpg

Sudorazioni notturne e insonnia possono verificarsi durante il periodo perimenopausale.

Altri sintomi comunemente associati all’atrofia vaginale e alla secchezza vaginale comprendono prurito, bruciore e irritazione vaginali. Questi cambiamenti vaginali facilitano il verificarsi di infezioni.

Come accennato, i livelli ridotti di estrogeni durante la perimenopausa riducono la quantità di secrezioni vaginali naturali.

La caduta di livelli di estrogeni può anche provocare un inasprimento dell’apertura vaginale e un restringimento della vagina stessa. Il dolore durante il rapporto è associato a questi cambiamenti ed è noto come dispareunia .

Le donne nel periodo perimenopausale possono anche manifestare alcuni dei seguenti sintomi:

  • vampate di calore
  • sudorazioni notturne
  • insonnia
  • cambiamenti d’umore
  • fatica
  • acne
  • sintomi urinari
  • problemi di memoria

Diagnosi

Qualsiasi cambiamento nella salute vaginale merita una chiamata dal medico, inclusi i seguenti sintomi:

  • ardente
  • pizzicore
  • secchezza
  • dolore nei rapporti sessuali
  • irritazione

Il medico eseguirà probabilmente un esame pelvico e prenderà una storia di salute completa, per quanto riguarda i sintomi vaginali e i cambiamenti mestruali.

Un esame pelvico aiuterà il medico a verificare eventuali cambiamenti nelle pareti vaginali ed escluderà altre cause di disagio, come un’infezione. Possono raccogliere campioni di cellule o perdite vaginali per verificare l’infezione.

Non esiste un singolo test per diagnosticare l’atrofia vaginale e la secchezza vaginale e i medici useranno in genere i sintomi per la diagnosi.

Discutere di tali dettagli personali potrebbe essere imbarazzante e scomodo, ma i medici sono abituati ad avere questo tipo di conversazioni. È importante che le persone cerchino aiuto in modo da poter tenere sotto controllo i sintomi.

Trattamento

Ci sono molte diverse opzioni di trattamento disponibili per la secchezza vaginale. Un medico può prescriverne alcuni e alcuni possono essere ottenuti al banco.

Crema topica agli estrogeni

Un trattamento comune della secchezza vaginale causata da bassi livelli di estrogeni è la terapia estrogenica topica. Ciò significa che i farmaci vengono applicati direttamente sull’area vaginale per alleviare i sintomi.

Questo metodo comporta un assorbimento molto minore di estrogeni rispetto agli estrogeni assunti come pillola. Come tali, questi farmaci sono ritenuti a rischio abbastanza basso.

Esempi di terapie estrogeniche topiche includono:

  • Anello vaginale (Estring) . Questo anello flessibile viene inserito nella vagina dove rilascia continuamente basse quantità di estrogeni nei tessuti. L’anello viene sostituito ogni 3 settimane.
  • Crema vaginale (Estrace, Premarin) . Un applicatore viene spesso utilizzato per applicare la crema nella vagina. La ricerca ha dimostrato che la crema agli estrogeni è un trattamento efficace e ben tollerato per l’atrofia vaginale e la secchezza rispetto a un placebo .
  • Compressa vaginale (Vagifem) . Questo trattamento prevede anche un applicatore per posizionare una compressa nella vagina.

La ricerca che esamina gli effetti a lungo termine degli estrogeni topici è attualmente carente. I metodi qui indicati sono considerati sicuri, tuttavia, soprattutto se confrontati con la tradizionale terapia ormonale sostitutiva .

Le donne con una storia di carcinoma mammario o che possono essere in gravidanza o in allattamento devono parlare con il proprio medico della sicurezza della terapia estrogenica topica. Sono disponibili opzioni di trattamento non ormonali.

Trattamenti da banco

Sono disponibili anche trattamenti da banco che possono aiutare con secchezza vaginale.

I lubrificanti vengono utilizzati al momento del rapporto sessuale per aumentare l’umidità e rendere il sesso meno doloroso. I lubrificanti a base d’acqua sono raccomandati rispetto ai lubrificanti a base di olio, poiché quelli a base di olio possono causare irritazione e rottura del preservativo.

Idratanti vaginali possono essere utilizzati ogni giorno per ogni paio di giorni per aiutare a mantenere l’umidità naturale della vagina. Questi sono disponibili per l’acquisto online .

Rimedi casalinghi

Esistono diversi modi per combattere la secchezza vaginale che comportano semplici cambiamenti nello stile di vita:

Sesso regolare

noci e semi.jpg

Mangiare noci e semi può migliorare le vampate di calore e la secchezza vaginale.

Fare sesso su base regolare può aiutare con secchezza vaginale, da solo o con un partner.

Il flusso di sangue ai tessuti vaginali aumenta quando una donna è eccitata e questo aiuta a stimolare la produzione di umidità.

I preliminari e l’eccitazione adeguati prima del sesso aiuteranno con secchezza vaginale e renderanno il sesso più piacevole.

Prodotti per l’igiene

Molti prodotti per il corpo e prodotti per l’igiene personale contengono fragranze e coloranti che possono irritare o seccare il tessuto vaginale.

La vagina contiene un delicato equilibrio di batteri buoni ed è autopulente. Non è necessario lavare o usare saponi profumati intorno all’area vaginale sensibile.

Alimenti che contengono fitoestrogeni

I fitoestrogeni sono composti che agiscono in modo simile agli estrogeni nel corpo. Si trovano in alimenti a base vegetale, tra cui soia, noci, semi e tofu.

La ricerca suggerisce che i fitoestrogeni sono associati a un modesto miglioramento della secchezza vaginale e delle vampate di calore.

Biancheria intima

La biancheria intima in materiali sintetici può essere appiccicosa, peggiorare l’irritazione vaginale e limitare il movimento dell’aria. Le persone dovrebbero scegliere biancheria intima di cotone, che promuove un buon flusso d’aria e consente alla vagina di “respirare”.

prospettiva

La secchezza vaginale è un sintomo comune tra le donne che attraversano la transizione della menopausa e successivamente. Mentre la secchezza vaginale non è associata a conseguenze significative sulla salute, può essere fonte di disagio.

Il trattamento con crema topica agli estrogeni è un metodo di trattamento a basso rischio. I sintomi lievi possono essere trattati con opzioni da banco, tra cui creme idratanti vaginali e lubrificanti utilizzati durante l’attività sessuale.

Annunci

Il testosterone può migliorare la vita sessuale delle donne dopo la menopausa

Una revisione ad ampio raggio di 36 studi ha scoperto che il testosterone può avere profondi effetti positivi sulla funzione sessuale e sul benessere delle donne in postmenopausa.
donna in menopausa.jpg

Una nuova ricerca esalta i benefici del testosterone per il benessere sessuale delle donne anziane.

Questa recensione, pubblicata su The Lancet Diabetes & Endocrinology , includeva studi controllati randomizzati in cieco sul trattamento con testosterone che duravano da almeno 12 settimane.

In totale, il team di ricerca ha analizzato 46 segnalazioni di 36 studi che avevano incluso collettivamente 8.480 partecipanti.

Gli autori della revisione hanno scoperto che la salute sessuale delle donne in postmenopausa potrebbe trarre grandi benefici dal trattamento con testosterone.

Il testosterone è importante anche per le donne

Le persone di solito pensano al testosterone come un ormone di cui solo i maschi traggono beneficio, ma ha il suo posto e la sua funzione nel corpo femminile.

Aiuta la libido e l’orgasmo delle donne, ad esempio, e ha altre funzioni che contribuiscono alla forza muscolare, all’umore, alla funzione metabolica e alla capacità di pensare, ricordare e ragionare.

La ricerca passata ha anche esplorato questo argomento, ma il dosaggio e le formulazioni sono rivolti agli uomini e non si sa molto sul profilo di sicurezza del testosterone o sugli effetti collaterali nelle donne.

Gli studi esaminati nella presente revisione si sono svolti tra il 1990 e il 2018 e ciascuno ha confrontato il trattamento con testosterone con un placebo o un trattamento ormonale alternativo, come estrogeni , progestinici o entrambi.

Gli autori hanno esaminato il modo in cui i trattamenti hanno influenzato la funzione sessuale, nonché una serie di altri indicatori di salute fisica, tra cui la salute cardiovascolare, cognitiva e muscoloscheletrica. Inoltre, hanno esaminato l’impatto del trattamento con testosterone sull’umore, sulla densità del seno, sui profili lipidici e sull’eccessiva crescita dei capelli.

Molteplici vantaggi

Gli autori hanno notato che ci sono stati consistenti benefici per la funzione sessuale dei partecipanti, che è andato oltre l’aumento del numero di incontri sessuali soddisfacenti.

Hanno anche osservato che i partecipanti avevano aumentato la libido e aumentato l’orgasmo durante il trattamento, oltre a migliorare l’immagine di sé. Inoltre, i partecipanti hanno riportato un minor numero di preoccupazioni sessuali e meno sofferenza legata al sesso.

“Gli effetti benefici per le donne in postmenopausa mostrati nel nostro studio vanno oltre il semplice aumento del numero di volte al mese in cui fanno sesso”, afferma la prof.ssa Susan Davis, della Monash University, a Melbourne, in Australia.

“Alcune donne che hanno incontri sessuali regolari segnalano insoddisfazione per la loro funzione sessuale, quindi aumentare la loro frequenza di un’esperienza sessuale positiva da mai o occasionalmente a una o due volte al mese può migliorare l’immagine di sé e ridurre le preoccupazioni sessuali e può migliorare nel complesso- essere “, spiega

D’altra parte, gli autori della recensione non hanno riscontrato benefici per la cognizione, la densità ossea, la forza muscolare o la composizione corporea. Allo stesso modo non hanno trovato miglioramenti nella depressione o nel benessere psicologico.

Pochi effetti collaterali, ma sono necessari più dati

I ricercatori hanno stabilito che durante il trattamento i partecipanti non avevano manifestato effetti collaterali gravi riguardo all’insulina , al glucosio, alla pressione sanguigna o alla salute del seno. Inoltre, in nove studi, hanno scoperto che le donne che assumevano il trattamento con testosterone non avevano maggiori probabilità di sperimentare un infarto o un ictus .

Tuttavia, la formulazione specifica del trattamento sembrava fare la differenza in alcune aree che avrebbero giustificato alternative.

Ad esempio, il team ha scoperto che i partecipanti che hanno assunto formulazioni orali hanno sperimentato un peggioramento dei profili lipidici, inclusi livelli aumentati di colesterolo lipoproteico a bassa densità e livelli ridotti di colesterolo lipoproteico ad alta densità.

Anche i trigliceridi e i livelli di colesterolo totale erano in ripresa in questi partecipanti.

Mentre questa revisione ha incluso 46 rapporti su 36 studi, la conferma dei risultati richiederà ulteriori informazioni.

Tuttavia, è certamente un’area che merita ulteriore esplorazione e sono necessarie specifiche formulazioni personalizzate per le donne che potrebbero potenzialmente trarne beneficio.

“Quasi un terzo delle donne sperimenta un basso desiderio sessuale durante la mezza età, con afflizione associata, ma non esiste alcuna formulazione o prodotto di testosterone approvati per loro in qualsiasi paese e non ci sono linee guida [su] concordate a livello internazionale per l’uso del testosterone da parte delle donne”, afferma il Prof Davis.

Considerando i benefici che abbiamo riscontrato per la vita sessuale e il benessere personale delle donne, sono urgentemente necessarie nuove linee guida e nuove formulazioni”.

Sei in Menopausa? Regopausa il miglior integratore per contrastare i disturbi.

REGOPAUSA CALORCONTROL NATURFARMA 30 CAPSULE

Integratore alimentare a base di estratti di Soia e Cimicifuga per il benessere della donna, per contrastare e regolarizzare i disturbi della menopausa, vampate di calore e sudorazione notturna.

REGOPAUSA-CALORCONTROL-NATURFARMA-30-CAPSULE.jpg
Contiene la Griffonia che contribuisce al normale tono dell’umore e irritabilità, al fisiologico rilassamento e al benessere mentale. Il prodotto è arricchito con Calcio e Vitamina D che contribuiscono al mantenimento di ossa normali. Aiuta inoltre ad attenuare gli improvvisi e fastidiosi sbalzi di temperatura e la sudorazione dovuti alle vampate di calore giornaliere e notturne.

Senza glutine, senza GMO, vegan approved, vegetarian V-Caps.

Componenti principali:

– Soia: i semi di soia contengono proteine (circa il 36%) e grassi (20%), quest’ultimi costituiti prevalentemente da acidi grassi insaturi i quali rivestono un ruolo fondamentale per il nostro organismo: essi infatti svolgono un’azione di prevenzione contro numerose alterazioni e malattie. Questo legume è inoltre ricco di minerali come il calcio, il fosforo, il potassio, il magnesio e il ferro. Sono presenti inoltre vitamine A, B1, B2, B3, B5, B6 e vitamina C.
È stato dimostrato che la soia abbassa il colesterolo, favorisce la mineralizzazione delle ossa prevenendo l’osteoporosi, aiuta l’apparato digerente in caso di intestino pigro, è un buon antititumorale (in particolare contro tumore al colon, fegato, seno e prostata) e infine, grazie agli Isoflavoni, la soia è un buon rimedio contro i disturbi della menopausa. Questo perchè gli Isoflavoni aiutano a reintegrare parte degli estrogeni, non prodotti più dalle ovaie.

– Cimicifuga: la radice della cimicifuga contiene glicosidi triterpenici (acteina e 27-desossiacteina), alcaloidi, acidi grassi, acido salicilico, tannini, cimicifugina o macrotina (resina), racemosina, flavonoidi, oligoelementi che conferiscono alla pianta proprietà antinfiammatoria, e riequlibrante del sistema ormonale fwmminile, per la capacità della pianta di imitare la serotonina e alleviare così i disturbi neurovegetativi della menopausa e le vampate di calore.
Le ricerche scientifiche hanno infatti dimostrato che l’impiego della cimicifuga sui disturbi legati al periodo della menopausa ha portato miglioramenti nei sintomi neurovegetativi tipo vampate di calore, sudorazioni, mal di testa, vertigini, palpitazioni cardiache, ronzii alle orecchie, nervosismo e irritabilità, disturbi del sonno e stati depressivi.
I fitoestrogeni della cimicifuga infatti sono in grado di legarsi ai recettori per la serotonina posti nell’ipotalamo (un nucleo di cellule nervose situato nella parte bassa del cervello), svolgendo così un’azione simile a quella di questo neurotrasmettitore utile nel trattamento della sindrome menopausale, sindrome premestruale, dismenorrea (mestruazioni dolorose) e oligomenorrea (mestruazioni scarse).

– Griffonia: i semi maturi della Griffonia contengono 5-HTP (5-idrossitriptofano), precursore immediato nella biosintesi del neurotrasmettitore 5-idrossitriptamina comunemente nota come Serotonina o 5-HT, uno dei principali mediatori e regolatori del tono dell’umore, del sonno e della fame.
La serotonina influisce soprattutto sul controllo dell’impulsività, del sonno, dell’appetito, delle funzioni sessuali, dell’aggressività e dell’ideazione suicidaria. Il 5-HTP rappresenta lo stadio intermedio di trasformazione del triptofano in serotonina. La stessa serotonina sintetizzata a livello endogeno, deriva, dal punto di vista biochimico, dall’aminoacido essenziale L-triptofano.
Numerosi studi hanno dimostrato che un aumento dei livelli di serotonina porta ad un innalzamento del tono dell’umore, diminuzione dell’appetito e miglioramento del sonno. Viceversa sintomi depressivi si manifestano, nella maggior parte dei casi a causa di un difetto di serotonina.

Modo d’uso:

Si consiglia l’assunzione di 2 capsule al giorno lontano dai pasti.

Ingredienti:

Calcio carbonato; Soia (Glycine max (L.) Merr.) semi estratto secco tit. al 40% in isoflavoni; agente di rivestimento: idrossipropilmetil cellulosa; magnesio liposomiale (magnesio ossido, amido di riso pregelatinizzato, esteri saccaracidi degli acidi grassi, lecitina di girasole, sciroppo di glucosio, proteine del latte, tricalcio fosfato); Cimicifuga (Cimicifuga racemosa Nutt.) rizoma estratto secco tit. 10% in 5-HTP; agente antiagglomerante: sali di magnesio degli acidi grassi; piridossina cloridrato (vit. B6); colecalciferolo (vit D3).

Tenori medi per dose massima giornaliera:

Soia e.s. 200 mg pari a isoflavoni 80 mg;
Cimicifuga e.s. 150 mg pari a glucosidi triterpenici 3,75 mg;
Magnesio 58 mg
Griffonia e.s. 60 mg pari a 5-HTP 6 mg;
Vitamina B6 1,26 mg;
Vitamina D 5,5 mcg;
Calcio 125 mcg.

Avvertenze:

Non superare la dose massima giornaliera consigliata. Tenere fuori dalla portata dei bambini di età inferiore a 3 anni. Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

REGOPAUSA EFFICACE PER CONTRASTARE I DISTURBI DELLA MENOPAUSA.

Un nuovo farmaco potrebbe ridurre le vampate di calore ‘del 72%’

Una prova di una nuova classe di farmaci trova che può ridurre le vampate di calore della menopausa di quasi tre quarti entro 4 settimane e che questo effetto inizia entro 3 giorni dall’inizio della terapia.
vamp1

Una nuova classe di farmaci potrebbe ridurre alcuni dei sintomi della menopausa.

Il composto sperimentale, che è stato inizialmente sviluppato per trattare la schizofrenia , ha ancora bisogno di sottoporsi a ulteriori studi per valutare pienamente la sua sicurezza ed efficacia nell’alleviare le vampate di calore nelle donne in menopausa.

Tuttavia, i ricercatori sperano che la nuova classe di farmaci offrirà presto un’alternativa efficace per le donne che non dovrebbero o non desiderano sottoporsi a terapia ormonale sostitutiva (HRT).

I risultati dello studio sono stati riportati nel 2017. Ma più recentemente, i ricercatori hanno effettuato una nuova analisi che ha esaminato più dettagliatamente l’andamento temporale degli effetti della droga.

I risultati della nuova analisi, condotta dall’Imperial College di Londra nel Regno Unito, sono pubblicati sulla rivista Menopause .

“Lo sapevamo già”, dice l’autore senior dello studio Waljit Dhillo, professore al Dipartimento di Medicina dell’Imperial College di Londra, “questo composto potrebbe essere un punto di svolta per le donne in menopausa e liberarsi di tre quarti delle loro vampate di calore in 4 settimane.”

“Ma questa nuova analisi”, continua, “conferma che l’effetto benefico si ottiene molto rapidamente – in soli 3 giorni”.

La menopausa, vampate di calore e HRT

La menopausa è un palcoscenico nella vita di una donna in cui i suoi periodi si fermano e il suo livello di ormone estrogeno – che è prodotto dalle ovaie – inizia a diminuire e perde la sua capacità di rimanere incinta naturalmente. Questo di solito si verifica tra i 45 ei 55 anni.

“Vampate di calore” è un termine comune per gli episodi ricorrenti e temporanei di “sintomi vasomotori”, in cui le donne si avvicinano e attraversano la menopausa, arrossendo, sensazioni calde al viso e alla parte superiore del corpo.

Negli Stati Uniti, circa tre quarti delle donne in menopausa riferiscono di avere vampate di calore.

Alcune donne sentiranno vampate di calore come nient’altro che fastidi o imbarazzi, ma per molti altri, gli episodi possono essere molto scomodi, causando l’inzupparsi di sudore.

Le vampate di calore possono anche verificarsi durante la notte, durante il sonno, e quindi causare sudorazioni notturne. In alcuni casi, i sintomi sono abbastanza gravi da incidere sulla qualità della vita.

L’esperienza di ogni donna di vampate calde tende a seguire uno schema che è unico per lei. Tipicamente, la loro frequenza aumenta man mano che si avvicina alla menopausa, quindi raggiunge un picco per circa 2 anni dopo la menopausa e gradualmente diminuisce successivamente.

L’esperienza delle vampate di calore può durare da 6 mesi a 5 anni, anche se in alcuni casi possono durare 10 anni o più.

La terapia ormonale sostitutiva ha contribuito ad alleviare i sintomi della menopausa in molte donne. Tuttavia, poiché si basa sugli estrogeni, non è privo di rischi.

Ad esempio, nel loro articolo, gli autori dello studio affermano che la terapia ormonale sostitutiva non è raccomandata per le donne con una storia di cancro al seno . Altre ricerche hanno anche collegato la HRT al rischio di cancro ovarico .

Grande riduzione delle vampate di calore entro 3 giorni

Il nuovo articolo descrive come un composto sperimentale – denominato MLE4901 – è stato testato in uno studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo. I partecipanti erano 37 donne in menopausa di età 40-62 che stavano avendo almeno sette vampate al giorno.

Il team ha assegnato a caso alle donne un corso di 4 settimane di una dose giornaliera di 80 milligrammi del farmaco o di un placebo .

Dopo le 4 settimane, le donne si sono quindi trasferite, in modo che quelli del farmaco prendessero il placebo e quelli del placebo prendessero il farmaco per altre 4 settimane.

I risultati hanno rivelato che quando assumevano il farmaco sperimentale, le donne hanno sperimentato, in media, meno vampate di calore durante le 4 settimane, rispetto al numero medio riscontrato nelle 4 settimane in cui hanno assunto il placebo.

Ma un risultato di prova altrettanto importante – che è diventato evidente quando i ricercatori hanno effettuato la nuova analisi del tempo – è stato che il composto ha iniziato a mostrare un “effetto significativo” in soli 3 giorni.

Ad esempio, entro il terzo giorno di trattamento con il farmaco, la frequenza delle vampate di calore si è ridotta del 72% “rispetto al basale” e ha mostrato una “riduzione di 51 punti percentuali rispetto al placebo”, osservano gli autori dello studio.

La dimensione di questo effetto “persisteva per tutto il periodo di 4 settimane”, aggiungono, osservando inoltre che il farmaco riduce anche la gravità delle vampate di calore del 38% al giorno 3.

Il nuovo farmaco potrebbe alleviare molti sintomi

Il Prof. Dhillo dice che poiché MLE4901 ha effetti collaterali che hanno un impatto sul fegato, saranno altri farmaci con la stessa azione che saranno testati ulteriormente nelle prove. Un processo è già iniziato negli Stati Uniti

I ricercatori pensano che i composti agiscano inibendo la neurochinina B (NKB), una sostanza nel cervello che studi precedenti su animali ed esseri umani hanno suggerito per scatenare vampate di calore.

La nuova analisi ha anche rilevato che il nuovo farmaco ha alleviato le vampate diurne e quelle notturne.

Inoltre, le donne hanno riferito che il numero di vampate di calore che hanno interrotto il sonno durante la notte è sceso dell’82% e che hanno sperimentato il 77% in meno di compromissione della concentrazione quando si trovava sul farmaco.

Tuttavia, i ricercatori non hanno potuto dire se questi ulteriori miglioramenti fossero il risultato di un minor numero di vampate di calore o di un risultato diretto dell’effetto del composto sul cervello.

Sono fiduciosi, tuttavia, che il farmaco possa migliorare direttamente molti sintomi della menopausa – da vampate di calore a disturbi del sonno e difficoltà di concentrazione e persino aumento di peso – a causa delle molte parti del cervello affette da NKB.

Il prof. Dhillo nota che il processo ha permesso loro di trovare un “nuovo uso terapeutico per il composto – che in precedenza era rimasto sullo scaffale inutilizzato” – e che si aspettano che entro 3 anni, stia facendo “una differenza tangibile la vita di milioni di donne “.

Questa classe di nuovi farmaci può fornire alle donne un’alternativa tanto necessaria alla terapia ormonale sostitutiva.”

Prof. Waljit Dhillo

Perdite di Sangue prima del ciclo? ecco spiegato il motivo. Farmajet news

Le perdite di sangue prima del ciclo sono un fenomeno molto comune che interessa maggiormente le donne che soffrono di cicli irregolari. Possono essere spesso un campanello di allarme per patologie più gravi: cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta

perdite 1

Le perdite di sangue prima del ciclo si verificano, generalmente, dai due ai sette giorni prima dell’inizio delle mestruazioni. Sono in genere di colore rosso scuro, o di sangue marrone e non sono particolarmente abbondanti. Si verificano soprattutto nelle donne che hanno un ciclo irregolare, con le mestruazioni che spesso fanno ritardo e sono dovute ad un abbassamento del livello di progesterone.

Queste perdite spesso si confondono con le perdite da impianto, che sono tipiche nelle donne all’inizio della gravidanza, quando, appunto, ancora non sanno di essere incinte ed aspettano che arrivi il ciclo mestruale. Le perdite da impianto durano qualche giorno in più, perché sono un sintomo dell’avvenuta fecondazione.

 perdite2
Le perdite di sangue prima del ciclo si possono verificare nelle donne in fase di premenopausa

PERDITE DI SANGUE PRIMA DEL CICLO: LE CAUSE

Le cause possono essere svariate, proprio per questo motivo bisogna evitare di allarmarsi immediatamente, anche se una visita ginecologica periodica è sempre raccomandata. Le perdite al di fuori del ciclo mestruale prendono generalmente il nome di spotting, che tradotto dall’inglese significa “macchie o macchiarsi”. Se l’episodio avviene prima del ciclo, prende il nome specifico di spotting premestruale.

Cerchiamo di capire quali sono le cause principali delle perdite di sangue prima del ciclo:

PILLOLA CONTRACCETTIVA

La pillola anticoncezionale, essendo un contraccettivo orale, influisce molto sul ciclo ormonale della donna, pertanto è possibile che a seguito dell’assunzione di queste compresse, compaiano le perdite premestruali, soprattutto se si tratta dei primi mesi di assunzione.

SPIRALE CONTRACCETTIVA

La spirale è un metodo contraccettivo che prevede l’inserimento all’interno dell’utero di uno strumento chiamato, appunto, spirale, che impedisce la fecondazione. A seguito dell’inserimento della spirale è possibile che compaiano delle perdite ematiche prima del ciclo.

STRESS E ABITUDINI ALIMENTARI

Lo stress influisce, inevitabilmente, su tutte le nostre azioni quotidiane e gli effetti si risentono su vari organi, come lo stomaco, ma anche sull’apparato riproduttivo. Le donne che stanno vivendo un momento molto stressante, nelle loro vite, possono andare incontro a sbalzi ormonali che generano dei cambiamenti nel ciclo mestruale, quali possono essere le irregolarità o lo spotting premestruale.

I cambiamenti delle abitudini alimentari influiscono anche sul ciclo mestruale e portano alle perdite di sangue prima del ciclo. Se soffrite di anoressia o di bulimia, questo fastidio è normale, ma compare anche se iniziate improvvisamente una dieta ipocalorica o se, al contrario, iniziate a mangiare più del dovuto. E’ indispensabile, sempre, seguire una corretta alimentazione, con un giusto apporto di calorie e bere almeno due litri di acqua al giorno.

CISTI OVARICHE, FIBROMI, POLIPI, PIAGHETTE AL COLLO DELL’UTERO, TUMORI UTERINI

Se notate che le perdite ematiche prima delle mestruazioni si verificano in maniera ripetuta, senza che ci siano cambiamenti nelle vostre abitudini, significa che il problema è ben più grave. Queste perdite, infatti, possono rappresentare un campanellodi allarme per i sintomi citati, perché indicano che all’interno del vostro utero c’è qualcosa che non va e che va risolto al più presto.

Sia le cisti, che i polipi o i fibromi vengono asportati con interventi sempre meno invasivi, quindi non fatevi prendere dal panico, perché se queste formazioni vengono immediatamente individuate, sarà facile riuscire ad asportarle.

SINDROME DA PRE-MENOPAUSA

Se avete un’età compresa tra i 45 e i 50 anni, le perdite di sangue prima del ciclo possono significare che il vostro corpo si sta preparando per andare incontro alla menopausa.

perdite3
Se le perdite di sangue prima delle mestruazioni si verificano spesso è il caso di chiedere aiuto ad un ginecologo

COSA FARE IN CASO DI PERDITE DI SANGUE PRIMA DEL CICLO

Se le perdite sono di colore scuro, ma avete attraversato un periodo di stress, assumete contraccettivi o siete a dieta, non è il caso di allarmarvi, provate a notare se il disturbo si ripete e in quel caso chiedete consiglio al ginecologo.

Se, invece, apparentemente le vostre abitudini non sono cambiate, ma notate queste perdite ad ogni ciclo, che spesso sono abbondanti e di colore rosso vivo, allora in quel caso è necessario rivolgersi immediatamente al ginecologo, che saprà consigliarvi la cura giusta per voi, effettuando una visita ed un’ecografia.

 Spesso le perdite sono dovute ad un abbassamento del livello di progesterone, pertanto il medico può decidere di prescrivere un integratore ormonale, per ristabilirne il giusto livello nell’organismo.